28MAR2014
dibattiti

Il contributo di Guido Carli alla modernizzazione dell'Italia

CONVEGNO | Roma - 09:42. Durata: 3 ore 31 min

Player
Celebrazione del centenario della nascita di Guido Carli.

Convegno "Il contributo di Guido Carli alla modernizzazione dell'Italia", registrato a Roma venerdì 28 marzo 2014 alle ore 09:42.

L'evento è stato organizzato da Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli.

Sono intervenuti: Massimo Egidi (rettore dell'Università LUISS Guido Carli di Roma), Ignazio Visco (governatore della Banca d'Italia), Federico Carli, Giuliano Amato (giudice della Corte Costituzionale), Piero Barucci (professore), Lamberto Dini, Domenico Siniscalco (presidente di Assogestioni), Vittorio
Grilli (economista), Fabrizio Saccomanni (economista), Pier Carlo Padoan (ministro dell'Economia e delle Finanze), Emma Marcegaglia (presidente dell'Università LUISS Guido Carli di Roma).

Tra gli argomenti discussi: Banca D'italia, Burocrazia, Carli, Crisi, Finanza Pubblica, Fisco, Globalizzazione, Governo, Impresa, Industria, Inflazione, Italia, Lavoro, Mercato, Ministeri, Parlamento, Politica, Produzione, Reddito, Riforme, Sindacato, Spesa Pubblica, Storia, Sviluppo, Tasse, Tecnologia.

La registrazione video di questo convegno ha una durata di 3 ore e 31 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

09:42

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Oggi coerenza la collocazione dell'Italia nell'Europa della moneta unica primo il PIP Licini ineludibili e forme di ulteriore integrazione devo netta
Alla causa dell'Europa l'Italia ha saputo dare con Guido Carli un impulso a un contributo di rigore coraggio il cui sarebbe fatale smarrire la traccia
Saluto perciò con particolare apprezzamento all'iniziativa promossa dall'Università LUISS a lui intitolata e la qualificata platea dei partecipanti e questa significativa mattinata di studi Giorgio Napolitano
Do lettura del messaggio del Presidente Ciampi piuttosto al Rettore innanzitutto un vivo ringraziamento per il cortese invito alla manifestazione promossa dall'UNESCO per ricordare il centenario della nascita di Guido Carli
Per quelli locali ha avuto grande rilevanza nella mia vita professionale non meno significativa è stata l'influenza esercitata sul piano personale
D'altra parte come non ha mancato vi ricordare ogni volta che se ne presentata l'occasione Guido Carli possedeva una personalità magnetica che insieme con la grande autorevolezza coacervo di un personaggio dotato di un enorme fascino
Lo faceva qual era difficile sottrarsi
La pubblicazione dei volumi dedicati all'azione di Carli nei diversi incarichi ricoperti nel corso della lunga vita professionale mi ha consentito di ripercorrere poiché l'erario all'interno del
Per
Non è avvertita l'attualità Monti porno
L'uomo soprattutto alla statura intellettuale e culturale
Ma dominante dunque
Ratifica del tutto quello che ha fatto indotta
Gran commi Gaetano minimamente ritenuti
La figura di cui molti di noi hanno avvertita in questi ultimi conclusi vent'anni la mancanza
Ancora oggi di fronte alla complessità dei problemi nazionali europee e mondiali mi sorprendo chiedermi che cosa ne avrebbe pensato appelli quale sarebbe stata la sua valutazione
Di fronte alle difficoltà che gravano sull'economia risposta italiana
Quando più incerte appaiono le prospettive del futuro si presenta come una sfida insostenibile ripenso a quanto carne metà degli anni Settanta per il pieno di una gravissima crisi economica e sociale veniva considerando
è una stima che contiene anche un aspetto esaltante almeno perché sente la vita come creatività impegno dovere
Con questa disposizione d'animo per riannodare i fili di vicende esistenziali che in un dato tempo si sono strettamente intrecciate avrei partecipato all'audizione di oggi
Detta le sue conseguenze non vedano promessi permessi
Mi rammarico per la forzata assenza nove porre il mio diversamente la salute Robilotta abbia l'IP
Io credo che l'accordo l'appuntamento di oggi sia stato pensato da non è stato pensato sicuramente non come occasione cerimoniale
Come del resto le due si
Già testimoniano ma come un incontro che ci dà modo di riflettere sul ruolo bocciare avuto toccarle nella modernizzazione dell'Italia nel periodo che va dal dopoguerra alla fine degli anni ottanta
E per comprendere le ragioni di successi che anche i fallimenti che caratterizzarono la situazione e trarne se possibile qualche insegnamento per l'oggi e per il domani
La carriera del giovane Carli estremamente veloce è caratterizzata
Molto presto da rilevanti esperienze internazionali
L'avvocato con Marco parlo membri deve centotrentasei sono undici anni dopo nel mille novecentoquarantasette pece parte della delegazione italiana incaricata di trattare l'adesione dell'Italia agli accordi monetari di Bretton Woods
Completato l'iter di adesione Carli fu designato dall'Italia alcove nell'incarico di direttore esecutivo del board
Per bocca del Fondo monetario internazionale aveva trentasei anni
Nel settembre dello stesso anno e a Londra però sembrano aver dove come ricordava nella sua memoria tutti parteciparono timidi ed eviti di Bretton Woods
Io invece feci parte di un gruppo di cospiratori belgi e francesi che si appartavano con l'intenzione di mettere a punto un progetto di
Compensazione multilaterale vale a dire un sistema di pagamenti un po'meno rozzo di quelle che in quei tempi bui limitavano lo sviluppo dei commerci tentano d'Europa
A bis per metterli citare due passi che immettono vini rilievo queste sue caratteristiche della personalità
Mario Monti la visione europea dell'Italia che Carli ebbe tra i primi per la quale condusse battaglie innumerevoli e alla semplice ostinata conseguenza della sua cultura internazionale ed europeo con qualche influenza tedesca
Ricerche tutto regoli della comunità finanziaria catene che internazionale percepivano Guido Carli come uno di loro curiosamente capitato in un Paese che gli assomiglia non poco
Un altro dei cordoni Ciocca Riccardo Illy chiamerò l'episodio da testimone
Washington settembre mille novecentottantanove assemblea del mondo moneta del Fondo monetario internazionale e la rentrée sulla scena mondiale dopo anni di carne come autorità monetarie per l'Italia
Passa alle norme affollata da quattro mila persone
Il due mila relegati di centocinquanta pensano tutti a far presenza soprattutto allorché verrà alcuno di parlare per loro ministro
In amore lavora il Presidente degli Stati Uniti ed anche l'ospite
Appena terminerà la sala si vuota ampiamente sebbene si susseguono al vostro ministri di Paesi importanti
Locatelli Ministro del tesoro di un'Italia in difficoltà finanziarie passava attorno a riempirsi credo tutti ascoltato con attenzione il prestigio del nuovo pubblico nasce da ciò che egli elenco da ciò che fa
Ora non tocca a me ricostruire le tappe della sua straordinaria carriera quindi però osservare come tratto aperta altamente razionale che caratterizzava suoi il suo modo di pensare
La base per comprendere io credo la sostanza delle sue azioni anche i limiti che la caratterizzano
Da lì viene provati credo perché il ruolo delle istituzioni pubbliche o private che siano ed essere caratterizzato da un alto grado di razionalità
E fondato sulla base dei vari Paesi competenze individuali di una stabile organizzazione del Polo scienza necessarie per guidare l'azione
Segni evidenti di questo atteggiamento siano in tutte le aziende situazione in cui opero la Banca d'Italia Confindustria il Tesoro
Come aveva già fatto dalla Banca d'Italia cito un pezzo di Ponso a Vienna
Anche in Confindustria Carlino aveva promosso l'approntamento del centro studi allineando ricerche sui temi congiunturali e strutturali viene indetto tutore dei Governi susseguitesi nel quadriennio della sua Presidenza nelle
Occorrendo la collaborazione fondata sull'analisi razionale dei problemi piuttosto che sulla pressione esercitabile come nobili interessi
Mi tocca le mostro con quella visione deve rimandabile credo del ruolo dello Stato della classe dirigente pubblica della burocrazia oggi così prossimi così
Messa sotto il fuoco di fila molti giornali
Così come la fiducia nella possibilità di aprire l'economia italiana la concorrenza della creazione di tutte quelle istituzione che in uno Stato moderno presiedo l'albo funzionamento di un'economia di mercato
Per il volume baby testimonianze sulla figura e l'opera di Guido Carli Federico Caner che parlerà tra poco osservo
Negli ultimi anni Carli aveva persino di trovare la formula assai riformulare
Riformare i meccanismi economici per rinnovare lo Stato il cui compito doveva tornare ad essere quello di chissà dove regole generali chiare certe chi li compra nel compiere le grandi scelte di indirizzo
Rinunciando a fare male mille mestieri esponendosi al rischio di diventare un centro di scambi di favori qui di passaggio di ricchezza
Non sono una osserva che quella fiducia rapido accenno alla capacità di autoriforma del sistema a un certo punto verso la fine del suo operato venne meno
Invece qualora si volesse tentare una sintesi dotazione economica politica di carne nell'arco degli mezzo secolo il suo impegno professionale e sociale motivo dominante avevo individuato nella ricerca di migliore condizione di benessere per gli italiani
Attraverso l'affermarsi di
Metodo meritocratico le forme basate sulla competizione aperta verso l'estero sia quella corretta da forme di intervento pubblico nell'economia nel sociale o
Nel perseguimento di questo obiettivo Carli passò da una spiccata fiducia nelle possibilità del Paese
Ringrazio se attraverso il suo impegno per liberalizzare integra l'Italia in un contesto occidentale ha un profondo scetticismo dello Spisal proporre accettare vincoli esterni politici ed economici collocati a livello europeo e internazionale
Ora io non sono in grado di valutare se questa
Descrizione dell'atteggiamento all'ultimo carni
Sì ossia completa o troppo pessimista ma quello che interessa che
Questa posizione quel progetto iniziale mantiene oggi una sua piena validità a prescindere dagli enormi rischi che è successo crede allora che potrà dare bensì
In particolare il problema dell'attrazione sistematica di un certo dei funzionari pubblici all'altezza del grande compito del Governo di uno Stato moderno resta un problema centrale per il buon funzionamento dello Stato e di conseguenza anche di un mercato libero
La formazione di nuovi gruppi dirigenti di Cuper Carlin un obiettivo più importante rispetto ad altre donne perseguiti un vero e proprio impegno sociale
Sempre citando precedente un pezzo del precedente testo però discusso
Citando il comportamento delle grandi famiglie del Rinascimento italiano ente assegnavano ai figli compiti di gestione del patrimonio di guida delle armate
O degli altri centri di potere inclusa la Chiesa cattolica cali lamentare tra grande borghesia industriale del Nord disegna asset inviare i propri figli e la pubblica amministrazione
Ora razionalità weberiana e costruzione di una classe dirigente pubblica e privata richiedono dell'istituzione formativa adeguata
Questo fu del questo permette di comprendere l'importanza che cade dal presidente di Confindustria attribuire la costruzione di università in grado di rispondere a queste esigenze dall'impegno costante che li dedico questo atto compito
Per il mille novecentosettantasette alla rifondazione del West Accattoli per prudenza insomma ecco Khamenei ribattezzata Lugli scriveva mestamente danesi studi sociali e che oggi porta il suo nome
Laburista aveva
Carne
Una missione fondamentale la formazione della classe dirigente nel settore pubblico e in quello privato devono essere disegnata in modo da essere economicamente autosufficiente
Le idee chiare erano bacino di attrazione del centro-sud stile di organizzazione tipici del sta anglosassoni costituzione di un corpo di docenti ripartizione abbia al suo livello qualitativo e scientifico
Ora sempre Paolo Savona chiedere al direttore generale di Confindustria dal settantasei ottanta affianca
Perché accanto al presidente Cardia delle imprese del rilancio della LUISS ricorda Carli riteneva che lo scopo della LUISS dovesse essere anche la formazione dei dirigenti dello Stato oltre che dei dirigenti di impresa compito questo che la Bocconi svolgeva già egregiamente anche per il Mezzogiorno
Riteniamo inoltre che dovessero rafforzarsi gli studi di diritto dell'economia dando vita alla Facoltà di giurisprudenza dedicata a questo fine oltre a rilanciare le due Facoltà già esistenti scienza politiche dell'economia e commercio
Il progetto viene realizzato nonostante molte resistenze anche grazie al lavoro svolto dal ricevente che allora era Presidente dei Giovani imprenditori
Cito con la sua frase bisognava convincere poco industria centrale del Progetto perché allora non c'era la consapevolezza che l'università oltre a essere un valore allo strumento di formazione culturale
Potesse essere anche un business profittevole e inoltre bisognava garantire l'autonomia dell'università allo stesso tempo appoggiarne le capacità di integrazione con il mondo dell'industria delle professioni
Con questi obiettivi nell'ottantaquattro carne si rivolge a Carlo Scognamiglio allora semplice professore della LUISS contando sul fatto che la sua formazione era appunto di carattere internazionale e che quindi avrebbe potuto dare un'impronta di questa natura
Scognamiglio gli dissi che sarei stato ben lieto di cogliere l'opportunità di questo genere anche perché condividevo adesso due valenza del Progetto meglio nel Burkina reca
Che sarebbe potuto prefiggere un progetto di questo genere in primo luogo parole sta di alto livello qualitativo per il centro-sud e per gli studenti del centro-sud localizzazioni romano era particolarmente valido adatta per tale progetto
Devo dire che questo progetto sia sostanzialmente realizzato sulla base di alcuni dati oggettivi che sono incontrovertibili
Circa la metà degli studenti della LUISS proviene dalle Regioni meridionali l'altra metà del Lazio è un buon esito delle regioni settentrionali
Quindi l'idea di creare una grande scuola di formazione per il quale delle regioni meridionali che difficilmente si sarebbero potute realizzare una città del nord si è compiuta
L'altra finalità era quella di fare o non è questa di eccellenza c'erano gli ideologismi prevalente degli anni Settanta quindi un progetto culturale e non solo progetto formativo progetto estremamente innovativo
Coniughino aggiunge però sta nel fatto che per questo progetto non vi era larghezza di mezzi finanziari la LUISS non ha avuto un vero e proprio mecenate semplicemente la bocca in custodia l'Associazione Amici per l'USL impedirono insolvenza
Allora i cui elementi da un lato affatto
Scosse ancora presento un corpo docente in parte era stato selezionato con criteri assolutamente diversi da quelli che la questione delle valute sperare onesta moderna
Dall'altro lato il patto tecnico sono notevole ristrettezza di mezzi finanziari questi due elementi facciano venire meno requisito essenziale
Quel lancio di un progetto tanto ambizioso faccia quello che la possibilità di pagare docente Preside mercato
Di questo mercato internazionale rendendo difficile così e un aumento del corpo docente reclutamento degli organi sul
Quest'ultima parte del progetto apicali a parere Scognamiglio dunque non si è ancora pienamente attuata io concordo
La mentre di
Ciani fa poteva sembrare che il prossimo molto lontani dall'attuazione di questo progetto ora ci sono tutti gli elementi per poterlo realizzare
Oggi abbiamo costruito le condizioni finanziarie normative della base scientifica per ampliare l'occultamento in campo internazionale per cercare nel creare una comunità scientifica valida a livello internazionale nello stesso tempo
Con le scuole rispondiamo all'esigenza della formazione della classe dirigente a livello degli standards europei ed internazionali che vicina al mondo delle professioni
Oltre alla già esistente business con l'abbiamo creato infatti la scuola va bene pascolo Piero pian politica l'economia
Ne stiamo per varare alla scuola lo
Che costituisce un forte legame permanente costituiscono
Permanente legame con il mondo delle professioni avanza
Oggi l'Università si deve misurare con il mercato globale per ridare un giorno la formazione degli permettere inserisse nel campo del lavoro a quel livello
E già non lo sanno molto bene tanto che una quota consistente di essi che non trova in Italia le opportunità formative ad altre alla carriera che desidera intraprendere ciak all'estero in Europa negli Stati Uniti quelle competenze che non sono riusciti ad avere in patria
Questo processo di immigrazione accorta rischioso impoverisce il Paese e indica una perdita di competitività dell'industria italiana nel suo complesso noi non possiamo rischiare di Versace adesso
Continuiamo con il grande lavoro fatto in questi anni recenti che sono in grado di operare in senso inverso rispetto a questa tendenza vicino tra le quote crescenti di giovani straniere di essere una parola in sintonia con la visione e con il progetto di carne
Avendo posto tutte le premesse perché anche l'ultimo dei suoi obiettivi venga compiutamente realizzato grazie
La parola nella relazione introduttiva il Governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco
Buongiorno a tutti
Il trentuno maggio del mille novecentosettantuno sostenne l'esame di politica economica alla Sapienza di Roma con Federico Caffé
Di cui
Anche quest'anno ricorre il centenario della nascita
Nel corso dello Stato così coinvolgente per passione civile
Relatore di tale rilevanza dei temi trattati chiasso termine non si poteva non interrogarsi su come contribuire a migliorare le condizioni economiche sociali del nostro Paese
Casemi chiese se sapevo che quel giorno sarà tenuta l'assemblea dalla Banca d'Italia
Alla mia risposta negativa segui l'esame proprio sui temi affrontati dal Governatore Guido Carli le sue considerazioni finali Caserta avevo lungo di gold standard di aggiustamento deve bilancia dei pagamenti a regime dei cambi flessibili
Di cambi fissi e si sofferma sulla fine gli accordi di Bretton Woods quasi fosse un fatto e non invece una previsione ben fondata
Io parecchio tempo rimasi convinto che la fine di quegli accordi avesse avuto luogo prima del maggio del settantuno
Leggo un brano di quelle considerazioni finali
Da anni ormai il nostro istituto rivolge una particolare attenzione hai problemi internazionali specialmente quelli di natura monetaria
Nel convincimento che dalla loro mancata soluzione discendono conseguenze sfavorevoli
Per lo sviluppo della nostra economia se auspicato più volte un coordinamento delle politiche economiche dei diversi Paesi che non avvenga solo sotto la spinta occasionali degli eventi
Ma il voto dei vantaggi una preventiva riflessione
Si è anche indicato nella difettosa conoscenza dei meccanismi economici un elemento che contribuisce al perdurare divisioni atteggiamenti particolaristici
Che ostacolano una tale evoluzioni
All'epoca del nostro incontro dello scorso anno i continuava cambi lo stato dell'economia mondiale già lasciava intravedere la possibilità di contrasti
Tra gli obiettivi di politica interna ripresi che esercitano la predominante influenza sul più generale andamento economico e gli obiettivi pure apertamente dichiarati della collaborazione internazionale
Concluderà ma allora l'esame delle vicende congiunturale negli Stati Uniti affermando che l'accentuarsi delle manifestazioni recessive avrebbe finito con indurre il Governo americano attuare quali politiche espansive
Con la sua conseguenza ultima che l'offerta di dollari avrebbe continuato ad essere abbondante sui mercati internazionali così da suscitare attenzione
Sulla capacità di sopravvivenza di un sistema di rapporti fra monete imperniato sui cambi fissi
Vi invito a notare che in questo breve passo oltre alle apprensione sulla capacità di sopravvivenza del sistema che avevano indotto caffè a tenere una lezione al mio esclusivo vantaggio
Alcune parole preventiva riflessione difettosa conoscenza visioni atteggiamenti particolaristici e se sono rivelatrici dell'azione diplomatica della sua convinzione direi illuministica che
Le armi della logica purché impugnate da persone che aspirano al bene comune possono dar vita ad assetti sociali questo vi sono le aspirazioni di singoli delle nazioni
Il sistema monetario internazionale da giovane questa struttura non hanno ancora il rigidità da troppe incrostazioni di interessi egli abitudini
Probabilmente carmelitani perché esso possa Larino ideale nella quale mettere in campo le risorse del proprio intelligenza riformatrice
Egli si era occupato di questioni internazionali ben prima di approdare alla Banca d'Italia all'interno di tali organismi l'Ufficio italiano dei cambi il Fondo monetario internazionale col primo direttore esecutivo Publitalia l'Unione europea dei pagamenti
La sua tesi di laurea relatore Marco fanno e notificata ai problemi del golden share in stand by
Mi soffermo credo nella cooperazione fra Stati e le sue attività in rappresentanza del Paese nei consessi internazionali
Lo ha collocato i protagonisti del processo di apertura di ricarica verso l'esterno
Contribuirono consolidare il suo prestigio in campo internazionale farlo apparire come l'unico candidato pervenuto succede da Donato Menichella alla guida della Banca centrale
In questo senso vanno molte delle testimonianze raccolte nel libro bello curato da pirico Carli che oggi si presenti
L'interesse per il funzionamento e la riforma del sistema monetario internazionale è rimasta una costante della sua attività di Governatore di ministri
Per affrontare il principale problema che caratterizzano il sistema nei primi anni Sessanta
La scarsità della liquidità internazionale si schierò a favore della creazione di una moneta fiduciaria la cui missione non dipendesse dall'errati che vicende delle bilance dei pagamenti e Stati Uniti ma fosse governata correlativamente in base ai principi nazionali
Direi più autorevole fautori della creazione di diritti speciali di prelievo
La proposta tecnica venne elaborata da Rinaldo Ossola Soncin quale collaboratore in questo campo e Sacco accolta nel sessantotto dal Fondo monetario internazionale
Sempre con Ossola cambia da un importante contributo alla decisione presa nel sessantotto di creare un doppio mercato del loro quello ufficiale che manteneva il prezzo trentacinque dollari l'oncia e quello privato compreso determinato al mercato
Una testimonianza eloquente del prestigio stile di carne in ambito internazionale pena offerto Adaro persone che fondi lettore delle zone finanza internazionale della febbre vicepresidente del supplente del Comitato dei venti
Savona era presente alla riunione del sei diciassette marzo della sessantotto
Prego relatore delle banche centrali aderente al pur del loro
Erano anche presenti immagino ecco Fondo Monetario Sfax già una maggiore l'abilità e basta incolto decretata la fine del pool e si introdusse il sistema duale
Il primo a parlare il Vice fu il Governatore Carli
Nella sua usuale in maniera combinava intensità per evitare chiarezza per il presentano le ragioni e per l'adozione di un sistema di prezzi duale ciò condusse la discussione e infine all'accordo sulle caratteristiche di tale sistema
Pur essendo una decisione che già faceva intravedere la dichiarazione di non
Di contestabilità di incompatibilità del dollaro del quindici agosto del settantuno essa produssero affetto palliativo rispetto alla crisi è stata monetario internazionale
Ne inviandone lo scoppio di tre anni
Quelle vicende furono per Carli naturale occasione per discutere anche dello stato delle relazioni monetaria in Europa nel commentare per dieci anni dopo nel mille novecentottantuno il fatto o dichiarazione di incompatibilità del dollaro Carli rosse
Mi sono domandato spesso se la creazione denota parecchi anni più tardi nel sistema monetario europeo sia servita a spezzare il monopolio monetario Stati Uniti che segue Paolo Bertoluzzo al di là di alcune apparenze la mia risposta è no
Siamo ancora con immensa bovaro nella quale i vari Paesi non hanno che lo debolissima voce in capitolo Lalla comunitarie terribilmente indietro rispetto al calendario mai come oggi sarebbe necessario uno sforzo di fantasia di volontà politica mai come oggi sembra relegato nell'incerte nel biennio lontano futuro
In seguito fu lo stesso dal Ministro del Tesoro compiere questo sforzo di fantasia e di volontà politica negozio al patto di Maastricht nel corso dei primi tra i firmatari nel febbraio del novantadue ma non so con successo in campo d'azione dinamica tendenziale dei parametri e permise a ritardi della moneta unica fin dall'inizio
Questi
Brevi cenni bastano per raggiungere una prima conclusione Carli abbia fiducia nella capacità della ragione umana di risolvere i problemi sedare conflitti e credeva nell'azione di informatici era
Come ho detto un illuminista se è vero che la linea internazionale era la sua prediletta fece sentire so rigoroso in corso innovatore in altri campi
Nel seguito del mio intervento concentra l'attenzione su due di questi la formazione di capitale umano e la modernizzazione strutturale dell'economia italiana
La prima delle molte iniziative formative che Carli avviò in Banca d'Italia nel mille novecentosessanta
Direttore generale non ancora Governatore con un corso di perfezionamento in discipline economiche e statistiche organizzato l'intero servizio studi
Egli aveva compreso l'importanza dei metodi quantitativi con l'indagine economica e per cui l'offerta di persone preparate provenienti da università era minima
Deciso di creare una scuola interna con lezione vessazioni biblioteca dedicata
Noi giovani accademici Bruno Bottiglieri dovrei erano i settori
Per gli allievi che formano la prima classe sei sia consentito ricordare un torneo Fazio che ci ha lasciato una bella testimonianza su quel periodo nel volume che oggi si presenta e Bruno Trizza che segue invece una brillante carriera accademica
Da questa fucina che alimentava nell'ufficio ricerca economiche quantitative uscì nel mille novecentosessantaquattro il primo abbozzo del modello econometrico della banca ancora scisso in due parti mai fare reale lo comunicavano fra loro il meritorio che lo sforzo pionieristico va Guido Rey Antonio Fazio che dopo un anno di corso era divenuto istruttore
Nel sessantasette sempre più poveri Carli nel progetto entro Franco Modigliani il quale
Portò con sé l'esperienza mi dica la l'importanza del modello per la politica economica italiana è stato scritto molto
Darei che ha pubblicato i verbali degli incontri per Modigliani picconi sia la banca dallo stesso Modigliani vorrei citare qui la testimonianza di Carlo Azeglio Ciampi
L'acqua sempre dal volume che oggi si presenta che coglie bene le conseguenze organizzative e culturali Nuovo Progetto
La creazione del modello portando anche l'Italia i benefici della collaborazione tra i diversi settori del servizio studi
Valorizzo al servizio che prima era un po'compartimento stagno
I soffocava di mercato finanziario che invece si occupava di mercato fittizi chi si occupava di economia reale ma non si occupava di bilancio dei pagamenti erano tutti i settori frammentati
Nel corso degli anni Sessanta dice Ciampi io stesso lavorare molto su questo progetto Carli ha costruito un servizio studi da diversi settori interagiscono tra loro come si vede
Questi tre temi formazione organizzazione mezzo di lavoro allo produrrà interdipendenze molto strette
Il che richiede cambiamenti procedono in parallelo cosa difficile in qualsiasi organizzazione in qualsiasi burocrazia
L'entusiasmo l'aggiudicazione di carne informavano resistenze le persone che erano onorata di poter lavorare per loro di far avanzare la sua idea la testimonianza di Mario Sarcinelli molto eloquente in questo senso
Quando la banca di tale pubblico
Sempre nel mille novecentosessanta a pochi mesi dopo l'altra iniziativa il bando della sua prima borsa di studio per un corso destinato alla cito preparazione culturale e professionale nel settore del credito
La cosa costituire una grande novità entomologo quella oggettivo culturale accanto all'altro professionale
In precedenza la banca si era interessata e con lungimiranza di cultura economica un su scala ben diversa
Erano tre all'anno le borse di studio articolate Bonaldo stringata che avevano permesso permettono tuttora insieme con quelle intitolate ammortare Menichella a molti economisti di formarsi all'estero
In questo caso invece sarebbero state decine di potenziare i funzionari a cimentarsi sia pure con piglio molto breve
Con alle questioni economiche del momento sviluppando professionalità ma anche attingendo per il tramite della cultura economica la libertà di pensiero che è essenziale
Per assumere un ruolo attivo rispetto al cambiamento sia esso tecnico scientifico organizzativi
Il secondo elemento di novità
Era che è un ente pubblico come la Banca d'Italia vitale proponesse un percorso di formazione mirato non esclusivamente ai propri bisogni ma anche quelli dell'intero settore del credito
E Carli prevedeva sarebbe stato coinvolto molte nuove iniziative
Quella iniziativa così iniziative così innovativa non avrebbe dovuto stupire se si fosse conosciuto la storia personale di locali
Dopo un breve periodo come assistente universitario di Marco fanno era stato suo maestro Padova eredi rende funzionario dell'Idi nel trentotto e si occupa della pianificazione degli investimenti del gruppo
Divenne anche coordinatore di un progetto di formazione una serie di corsi pensati per dare agli ingegneri dell'industria italiana non solo dei limiti le competenze resa necessaria per diventare dirigenti
Data la forza in Sardegna Germania e l'alleanza militare si tratta alla Germania nel trentanove questa iniziativa comporta una serie di viaggio di
Contatti con le istituzioni di quel Paese
Questa la ragione forse per quelli questa parte della sua vita in seguito non si parlo
Oggi possiamo le cose con più distacco
Conviene studiare attentamente l'opera di un esponente la nostra classe dirigente che in tutti gli incarichi ricoperti si pose il problema e lo risorse almeno in parte di formare tecnici ma anche i dirigenti nel senso vero della parola
Capaci quindi di vedere un cammino eque anche vinta prenderlo con successo
I giovani sempre più numerosi in banca a causa del ricambio generazionale voluto da Carli venivano ricorda Sorcinelli sguinzagliati all'estero con vari incarichi e con l'unica vera missione di conoscere il mondo
Anche nel campo della vigilanza bancaria
Carrera sono dei militanti durevole come ricorda Vincenzo Desario funzionale della vigilanza vennero inviate agli Stati Uniti per osservare come si operava la Federal sarebbe più di portare in Italia e-mail tutti che venivano l'accusa
L'approccio usa qualifica la Banca d'Italia viene da cani applicato anche alla Confindustria dove con Paolo Savona penso all'Ufficio studi signor Soru colui con il contributo ricette volere Mario Draghi come direttore generale proseguendo il lavoro avviato da Mario Sarcinelli Draghi
Da consentono se un gruppo di economisti accrescendo l'autonomia del Tesoro nella gestione del debito pubblico come l'analisi economica
Autonomia anche giustamente dalla Banca d'Italia oggi le cose sono cambiate qualcuno potrà meravigliarsi ma in banca apprezziamo il fatto che nascano centri di ricerca che possono esprimere valutazioni autonome anche concorrenti
Rispetto alle nostre perbene ognuno faccia quel mestiere sul confronto di idee sulla dialettica si pongono le buone decisioni
Provo assente Inzaghi in poche cifre l'impatto
Porcarelli durato un quindicennio sul personale della banca li ha detti avventarono circa mille unità ma poco più di otto mila
Le donne passando sedici per cento circa venticinque per cento sia qui per loro la carriera direttiva prima preclusa anche se ancora molto poche rientrarono
Il passato il personale la rete territoriale impegnata in larga parte incompiute forte contenuto manuale cede dal settanta al sessantadue per cento del totale
Nell'amministrazione centrale e le persone assorbite dall'attività di vigilanza aumentando almeno cento duecentonovanta servizio spunti passo da cento a centosessanta dei
Il contributo alla trasformazione della lunghissima di cui fu Presidente La sette un cocco che non sono morte certo una tra le più articolate iniziative di Carlo Rivolta do parentale di un capitale umano al passo coi tempi
In questo caso era presente non solo per formare tecnici dirigenti ma anche quella di contribuire a creare nel Paese un clima culturale favorevole all'economia fondata su principi liberali
Un centro insegnamento scrissi nessun memoria cinto non inibito di ideologia marxista da qui assordante prevalenza mista pubblica impediva una qualsiasi serena riflessione sui patti economici
Siamo
Parlando ma centonovantatré quando sui questo libro ma chiaramente si riferisce agli anni Settanta un eminente storico liberale Rosario Romeo fu nominato Rettore della termine
Franco Modigliani che base sul giudizio sugli approfonditi colloqui che ebbe con i massimi dirigenti della banca per l'Abruzzo nel modello econometrico osserva che è una grande preoccupazione di cambi abbassi
Forse è quella centrale un'ipotetica stretta monetaria dovuto effetti distributivi non desiderati
Avrebbe favorito responso nel settore pubblico risentiva minore l'andamento dei tassi e concentrato Cervetti di riduzione di investimenti dal reddito sul settore privato
In particolare sulle piccole e medie imprese
Questa conseguenza si poteva più bui e in parte all'ampiezza della quota del PIL agevolato protetto e gli effetti delle restrizioni in parte ad altri disomogeneità e frammentazioni carenza Ytzhak dal sistema monetario finanziario italiano
L'operato di pensatori cose era che la manovra classe saggio di sconto però molto poco utilizza
Credo che si pose fin dall'inizio il compito di semplificare il groviglio norme normativo del caratterizzare il nostro ambiente ed incoraggiare la nascita di nuove categorie di operatori
Fra di essi restare e gestione dei risparmi fine ultimo era di far nascere un vero mercato monetario un vero mercato finanziario i quali avrebbero reso più lineare e la gestione della politica monetaria
Ma il compito la difficile anche per la forte appresa della politica su tutti i meccanismi l'economia egli stesso contribuire a creare vincoli amministrativi anche molto cogenti
Il massimale sul credito
I vincoli portafoglio
Quando sentì che non avevo che non avrebbe potuto raggiungere altrimenti gli scopi che si prefiggeva o che gli erano richiesti dall'autorità politica non di meno la storia di tendenza ideale che da quello di tenere un terreno di gioco
Il più possibile libero ostacoli abilitati
Il primo passo compiuto nel sessantadue
Con la liberalizzazione dei posti interbancari oggi si stenta a crederlo ma fino a quella data le banche non potevano salvo spesso riduzione della Banca d'Italia depositare i propri fondi presso altre banche
L'idea ispiratrice era che risparmi formatosi in una certa zona
Dovesse fecondare le attività locali anche se ovviamente Menichella sapendo benissimo in ogni economia esistono luoghi dove gli investimenti si concentrano e che pertanto sorgono risparmia risparmi si forma altrove
Perciò le autorizzazioni si davano ma con parsimonia
Tale decise invece del protezionismo bancario regionale dovesse finire in seguito vennero compiuti altri passi finalizzate alla creazione di mercato monetario pattuglie istituzione del sessantadue con il comma nel settantacinque delle aste del mondo so
Un'altra innovazione un sistema che ebbe conseguenze importanti sul modo di fare banca d'Italia con nel sessantatré la creazione della Centrale dei rischi
Il motivo principale che aveva bloccato la nascita fino a quel momento nel timore che potesse essere violato il segreto bancario
Per risolvere il problema entro in campo il cento lettone pure la banca sul quale credo di aver investito molte risorse
Utilizzando le nuove tecnologie questo strumento diede la banca alle banche la possibilità di conoscere situazione debitoria complessiva dei propri clienti e di migliorare quindi la propria efficienza allocativa
Il tema della concorrenza internazionale interno al sistema produttivo italiano fu una delle costanti del pensiero dica
La Presidente della Confindustria promosso un documento lo statuto dell'impresa che mirava a disegnare un quadro all'interno del quale l'attività dell'imprenditore possa svolgersi in modo ottimale esso prevedeva la tutela della concorrenza un preciso monitoraggio degli aiuti di Stato
Gli imprenditori non gradire o no e l'ha proposto lasciata cadere
Carli concepiva la concorrenza non solo come stimolo esigenza delle imprese ma soprattutto come strumento per rendere flessibile la società attivo il ricambio delle classi dirigenti
Quando divenne Ministro del Tesoro CUP motivo d'orgoglio il varo della legge antitrust nel novanta
Coerenza in questo fine e anche il ragionamento divenuto famoso sui lacci lacciuoli
Se ne parlò ampiamente durante la sua presenza di Confindustria ma interessante notare a dimostrazione della continuità sistematicità del suo pensiero che io utilizzo per la prima volta dal governatore nelle considerazioni finali del maggio settantatré
Discutendo di fiscalizzazione degli oneri sociali a carico delle imprese disse il provvedimento dischetto sarebbe stato efficace se la sottrazione costata immediata messa una volta dal geometra dell'impresa e non ha questa quella forense non si sono mossi gli oligopoli di potere
Per la sola citarne alla produzione
Ancora una volta passo che la politica economica seguito nel nostro Paese perché riesce a mantenere una condizione generalizzata insofferenza per il sistema produttivo
Promovendo di tempo in tempo interventi misericordioso atti acquistare gratitudine alle arciconfraternite dell'ISPI compiono
Ogni sorta di scrupolo sostiene quando sono invocati provvedimenti destinati alla generalità
Ma gli scrupoli cadono quando loro che ci si propongono menti di fondi di dotazione gli enti
Resta intatta la fruizione Ankika Quirra tra virgolette leggi tiranni tetti tra virgolette sono molti lacciuoli che ad un a o pochi sono utili un ragionamento caro più pregnanza non è svanita col prezzario del tempo
Credo sia il caso andare alla fonte di questa espressione
Si tratta di Tommaso Campanella nel suo fuorisede politici al numero trentasei leggiamo le leggi ottimismo le poche brevis accorgono costume del popolo e al bene comune
E legittima amiche sono molti lacciuoli che ad uno dopo pochi sono utili e non so accordano col costume pubblico purché crescano di nipote o tumori DS
Se vogliamo cogliere la reale portata dal pensiero di Carli dobbiamo concludere che i lacci e lacciuoli non erano solo quelli
Imposti dallo Stato l'impresa ma anche quelli imposti all'impresa da schemi di pensiero obsoleti degli imprenditori
E quelli sociali sistemici che impedivano ai giovani più capaci
Di conquistare il posto dovrebbero militato nella società
Già nel mille novecento quarantadue
Uno scritto che indicava le vie da percorrere nel dopoguerra e giovani Cardi scriveva si dovranno rivedere gli impacci creati dalle leggi cogliendo gli ostacoli alla formazione delle forze nascenti dalle librerie inziative
Non si tratta solo di consentire alle imprese esistenti di sopravvivere
Ma di consentire la nuova classe imprenditrice agli uomini di intelletto di volontà che non non hanno avuto la culla nella casa quindi cuore affermato detenere i capitali per mezzo dei quali porre in atto i propri propositi di innovazione
E poco dopo quarantacinque avrebbe affinato la sua analisi delle forze conservatrici che se questo la forza dello Stato a proprio esclusivo vantaggio che il blocco rinnovamento dicendo
Lo Stato moderno non è la Giunta esecutiva gli interessi della borghesia
Avvolta vuota la Giunta esecutiva
Degli interessi di gruppi più forti che riescono ad impadronirsi
A questo proposito una lato contraddittorio della sua azione fu corso un Governo un sistema bancario nel quale accordi di cartello e politica di cui si vive non favori non la crescita di un inquilino trenta aperta al mercato la competizione
Ciascuno dei governatori dalla Banca d'Italia avuto dalla sua conduzione del novantotto il clima di piccoli generali affrontato l'assillo del suo tempo lasciato un'impronta un istituto Carlin ha operato per il nucleo rinnovamento in profondità ecco ricchezza ride
La banca che il reddito da suo professore Donato Menichella sovrapposta era è probabile ma non ricca di capitale umano antiquata e strumenti di lavoro diffidente verso le forze di mercato dotata
I modelli organizzativi ormai superati Carlo Azeglio Ciampi definisce quella banca chiusa riservata parsimoniosa
Il sito dove Carli consegna approvati solo Ettore generale questo collaboratore in questo quindici anni dopo era nettamente all'avanguardia non sono all'orizzonte italiano in due di queste aree la formazione di occultamento del personale e metodo di lavoro
Aveva compiuto progressi importanti verso il disegno l'azione di politica fuori dal mercato aveva iniziato una proficua riflessone per l'aggiornamento dei modelli organizzativi
C'era questa per ulteriore rivoluzione alla quale assegno implicazioni positive
E della quale non
Faccio qualche riflesso negativo
La banca Soverato un anno per non operavano più nell'ombra invisibili tutori della stabilità del rigore ma spiegavano apertamente proprio operare
Entravano nel dibattito pubblico su una grande varietà di temi costantemente sulle prime pagine dei giornali
Pierluigi Ciocca afferma che il si arriva a dubitare dell'autonomia dei politici dalla Banca d'Italia è piuttosto ed il contrario
Grazie al cambiamento in termini radicali la Banca d'Italia sul grado di trasformare l'apparato monetario finanziario del Paese
Per adeguarlo alle nuove esigenze la politica economica l'Italia potrebbe dare un contributo di rilievo alla riforma del sistema monetario internazionale alla cui progettazione originale non essendo parte del Nazioni Unite era stata del tutto strani
Il prestigio della banca all'interno e all'estero ne uscì grandemente la forza
Dopo carne la
Salva banche continua
Nel mille novecentosettantacinque l'Amministrazione comprendeva ancora ampie zone di attività esecutiva
Continua ad operare imposizione di quasi monopolio nel campo della ricerca finalizzata alla polizia il radar ad apertura internazionale ancora lontano da quello che oggi conosciamo in Europa nel mondo
La compagine del personale vissuto nuove importante trasformazioni il complesso degli addetti alla Banca d'ufficio nei Caraibi e cresciuto toccato un massimo nei primi anni Novanta con un sedici miliardi
Oggi
Dopo lo strumento dell'ufficio da parte della banca venuto nel due mila otto
Essa contatti poco più di sette mila dipendenti il trentatré per cento in meno rispetto a vent'anni fa
Questa riduzione si accompagna al momento delle funzioni della banca dei compiti condivisi nel complesso il loro sistema
Il conseguente risparmio di risorse pubbliche si deve anche un impiego sistematico delle nuove tecnologie e hanno cambiato radicalmente interi comparti di attività
La distribuzione sul territorio si è modificata fortemente a favore del centro meno del quaranta per cento dei pendenti lavora oggi nella rete territoriale perdono sparato trentacinque per cento del personale solo un terzo dei quadri direttivi
Sì lo paga il patrimonio di cultura e di competenze professionali rimane un obiettivo centrale della nostra azione in questo ci dichiariamo lieve seguaci di Lucca
In due la tendenza all'innovazione non era solo curiosità per ciò che di nuovo proponevano l'arte la ricerca scientifica l'industria
E l'evoluzione delle classi sociali per anche e soprattutto l'orientamento sistematico stupire Singh promettenti di trasformazione coltivarle con metodo pianificando il cambiamento
Perché adesso tempi era impegnata in un processo di caccia in gara rispetto hai presi maggiormente industrializzati
Nella seconda metà del secolo scorso a questo processo che ha conseguito rilevanti progressi
Il reddito pro capite dell'Italia rapporto a quello degli Stati Uniti era pari a poco più del venticinque per cento nel mille novecentoquarantasei aumento fino a superare il settanta per cento Renzi degli anni Novanta
Da allora si è ridotto a meno del sessanta per cento
Siamo scivolati indietro abbiamo accumulato ritardi nel cogliere le opportunità offerte dei grandi cambiamenti
La globalizzazione di scambi che la rivoluzione del tecnologie dell'informazione della comunicazione di problemi odierni dell'Italia sono molto simili a quelli che si potevano salvare al Terminal due ma provato cattivi
Lacci e lacciuoli intesi come rigidità legislativa burocratiche corporative imprenditoriale sindacale sono sei
La regola principale dello sviluppo del nostro Paese
E evidente attualità l'analisi di Carli nelle costruzioni finale del settantuno sulle quali si svolse mio Same con Federico Caffè
La nostra economia ha subito una ferita nell'impulso della spesa pubblica forse orientata nelle direzioni più congrue nell'espansione creditizia Orsa attuata con coraggio varranno da soli restituito in vigore
Occorrerà che durante un certo intervallo temporale si realizzino incrementi nella produttività in modi compatibili Conicchio proprio di cassetti che si mira a stabilire nella vita aziendale e nelle condizioni di lavoro
Se ciò non accadrà saremo costretti ad accettare saggi di sviluppo inadeguati
Oggi non manca come non è mancata in passato la consapevolezza delle cose da fare ma i movimenti della politica del corpo sociale sono apparsi impediti illazione risultata largamente insufficiente rispetto al bisogno
Le conseguenze dell'immobilismo sono però diverse da quelle che si manifestavano negli anni settanta
Mentre allora era l'inflazione oggi è il ristagno
I segni di risveglio che vediamo sono incoraggianti
Ma vanno confermati Nesi negli anni futuri
La Costanzo nell'azione riformatrice essenziale solo affrontando risolutamente nodo strutturale che hanno fondato l'economia italiana già prima della recente crisi
E ne hanno aggravato le conseguenze sarà possibile riprendere un sentiero di crescita stabile duratura grazie
Crea la parola verificarli nella presentazione del volume la figura e l'opera di Guido Carli testimonianza
Autorità signore e signori
Desidero innanzitutto ringraziare il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il Presidente Ciampi il Governatore della Banca d'Italia per
Le parole che hanno voluto dedicare a Guido Carli
Desidero ringraziare la LUISS in particolare il Rettore rigidi la presidente Marcegaglia direttore generale lo sotto
Per averci dato il privilegio di celebrare i cento anni della nascita di Guido Carli in questa
Bellissima sede ma alla quale voi aveva particolarmente legato
Nella mia presentazione sarò mi preme per non sottrarre spazio anni autorevoli ospiti che animeranno ora nostra tavola dopo
Guido Carli attraversato cinquant'anni di vita civile italiana ricoprendo imporre alta responsabilità istituzionale
Con autorevolezza e prestigio che Paolo Bassi suo ascoltato collaboratore per quindici anni ogni missione successore mi quindi smaglianti
Guido Carli sta popoli Enrico uomo di riflessione uomo di azione
Banchiere centrale organizzatore energie imprenditoriali senatore opinionista ministro esperto di finanza internazionale
Giurista di formazione Caroli fu economista non accademico che è possibile annoverare tra le imminenti personalità di pratici che hanno illustrato il pensiero economico italiano stringa Beneduce Menichella Mattioli il già ricordato ma
Per non citare onorevoli figure che nello svolgimento delle proprie funzioni istituzionali continua arrendere oggi un servizio dato al Paese
Nella seconda metà del secolo scorso Carli ha prodotto una grande mole di scritti economici saggi articoli recensioni relazioni libri caratterizzati da una spiccata concretezza nelle diagnosi e nelle proposte
Per in corso del direttore scientifico dell'ormai disciolto soluzione Guido Carli Paolo Savona è stato deciso di onorare la memoria dell'economista bresciano
Recuperando il preservando il vasto patrimonio intellettuale che egli ci ha lasciato da cui ancora oggi è possibile proficuamente attingere
Per richiamarmi chiavi di lettura utili per interpretare il presente e per gli orientamenti per orientare un cammino che conduca a sciogliere i nodi che avviluppano l'economia italiana
è nata così l'idea di racchiudere in archivio digitale curato dalla Luiss la raccolta completa dei suoi interventi dalla tesi di laurea il trentasei agli articoli pubblicati postumi
E di pubblicare con Bollati Boringhieri la collana scritti e discorsi di Guido Carli lavorava si compone di sei volumi i primi cinque dopo una selezione degli articoli più significativi di Carli suddivisi per quell'opera professionale
L'ultimo contiene le testimonianze di quarantacinque personalità dell'Italia contemporanea che ricostruiscono attraverso la memoria la figura dell'opera dell'ex governatore
Il lavoro sporco svolto espone con dovizia di dettagli forchetta abbia fa ho tentato di fare l'escluso dalla propria agenda politica e rende possibile ripercorrere i nodi cruciali della storia recente del Paese
Attraverso la parola di un testimone privilegiato della vita economica italiana durante un arco di tempo di cinquant'anni
Dall'adesione agli istituti Bretton Woods a Maastricht
L'impostazione intellettuale di un uomo si ricava da ciò che egli scrive e da ciò che egli fa
La chiave interpretativa per fare una valutazione complessiva della figura dell'opera di nuovo pubblico può essere corroborata da ciò che gli altri pensano vivi
I testimoni diretti della dire di nuovo possono aggiungere dettagli non notti ampliare la veduta dello sguardo
Da queste considerazioni è nata l'idea di chiudere la collana storica con un volume di testimonianze di quarantacinque interpreti la nostra storia contemporanea che attraverso la memoria sono andati alla ricerca di tra intellettuali personali
Delle decisioni degli episodi che maggiormente sono rimasti lo impressi
E se aggiungo delle menti e punti di vista utile a chiarire il quadro entro il quale maturavano reazioni di Guido Carli e dal quale traevano origine le sue considerazioni
Fornisco una chiave interpretativa originale per leggere la sua linea di pensiero e per riflettere criticamente sulla visione sugli obiettivi
Che hanno ispirato spesso alimentando grandi speranze la classe dirigente che ha guidato l'Italia dagli anni la ricostruzione postbellica vino la scelta europea del novantadue sulle contraddizioni sui limiti interni sugli ostacoli esterni che ne hanno frenato l'azione
Sui risultati da essa raggiunti
Il tentativo non è stato quello di fare emergere un quadro edulcorato dell'azione di un uomo ma quello di perseguire la pluralità dei punti di vista
Le opinioni che emergono dalle testimonianze sono validati i giudizi sono talvolta contrastanti peraltro a convergere
Cercherò di ripercorrere adesso Panda ve testimonianza suddividendo che per i vari periodi della vita ritardi a cominciare dalla formazione
Vi è sostanziale adesione intorno alla matrice culturale originaria di Guido Carli che affondano le radici in una scuola libera l'italiana
E che era stata affinata dalla profonda conoscenza dei pensatori giorno liberare il dei rischi ebbene osservare con Einaudi che grossolana tavola che liberalismo sia sinonimo di assenza dello Stato ovvio assoluto lasciar fare il lasciapassare
Il liberalismo ignoriamo accolto da Carli presuppone la scelta di limiti esterni del metodo che gli denomina della cornice
La quale non disegna il quadro non traccia figure fa mali circoscrive e li contiene l'assetto dell'economia
In aule in caso di è un istituto giuridico e non qualcosa che nomini trovano già fa o appunto vorrebbero piegarsi con passiva pochini
Incarni insensibilità tutti morì istituzionale si può
Spingendo la convocare le soluzioni dei singoli problemi sempre in proforma del diritto e all'interno di un ordinamento
Questa è la parola ricorrente nel suo conversare e nel suo scriverei e fino alla fine della sua ultima esperienza pubblica l'introduzione di un ordinamento acconcio a un'economia di mercato con le regole rimase il suo obiettivo prioritario
Intorno ai tre lustri trascorsi al governo della Banca d'Italia nessuno degli intervistati mette in dubbio l'incisiva azione svolta da Carli per modernizzare l'istituto
Che diventi un esempio di efficienza integrità professionalità nell'apparato pubblico italiano collocandosi all'avanguardia anche nel confronto internazionale
Viceversa si può si corpi giorno due linee di interpretazione contrapposte circa l'azione in materia di vigilanza e di conduzione della politica monetaria creditizia
Per quanto attiene alla supervisione bancaria secondo una prima linea interpretativa condivisa unanimemente dagli uomini provenienti dalla Banca d'Italia
Guido Carli rafforzo la funzione di vigilanza dell'Istituto di emissione e inizio a porre il tema della concorrenza bancaria nel dibattito economico già all'inizio degli anni Sessanta
Secondo una sì secondo una linea interpretativa alternativa propugnata da alcuni osservatori esterni la Banca d'Italia non spinse sufficientemente il sistema bancario italiano a perseguire l'efficienza attraverso l'intensificazione della concorrenza
Mi all'interno della propria strategia generale osé in secondo piano gli aspetti relativi alla vigilanza
Questa interpretazione contrasta con la storicamente alta stabilità del sistema creditizio italiano
Salvo casi isolati durante il Governatore avvocati
Prima e dopo UniCredit il sistema bancario italiano per massonico stabile acconcio necessità apposte dall'economia reale su cui non esercito ripercussioni negative e di cui non riduce il potenziale di sviluppo
L'aspetto su cui giudizi divergono maggiormente relativo alla corruzione della politica monetaria secondo una prima lettura dell'azione di Carli e riconosce la politica monetaria
L'assista e non in contrasto con sufficiente il rigore le brecce che si cominciano ad aprire sul fronte della finanza pubblica a causa della sua acquiescenza nei confronti del potere politico
Secondo la vettura alternativa relazione ritardi
Richiamata prima dall'oratore Visco già citato sciocca
Esercita una sorta di egemonia sugli uomini di Governo trattandosi sbrigativamente
E svolgendo un ruolo di salvifica supplenza che riuscì a mantenere vivo il processo di gruppo italiano senza che si manifestassero tassi d'inflazione divertenti verso l'alto nel confronto con gli altri Paesi europei
Cercando il Governatore ha pagato il governatorato Michele in termini di risultati macroeconomici
Con le parole bassi possiamo affermare che fino alla svolta nell'autunno del mille novecentosessantanove i governatori sì equivalgono nei risultati complessivi
Continua a Bari sono seguiti poi a lui di sviluppo più lento la domanda della società sui flussi regolari di risorse espressa attraverso la classe politica e sindacati non ha più trovato una risposta adeguata nell'apparato produttivo
Da ultimo
Sia giunta l'esosità degli sci
Ciò salariale sciocco di finanza pubblica shock petrolifero costituivano spinte destabilizzanti che l'azione della Banca d'Italia non poteva da sola rimuovere alla radice
In ogni caso fino
Al settantadue in termini di stabilità dei prezzi stabilità della produzione
Crescita risultare italiani non si discostano anzi sono migliori prima sessantanove spettacoli della Germania da settantadue l'inflazione comincia a divergere verso lato per come intendo
L'esperienza in Confindustria visto attraversa vista attraverso le lenti delle quarantacinque persone intervistate presento un minore grado di disomogeneità di giudizio il tentativo quello di intraprendere un'organica battaglia culturale
Per un lento ritorno all'economia di mercato e di restituire alle forze moderne del Paese la dignità morale e la capacità di iniziativa politica
Il registro il senso della Presidenza carni sono riassumibili in due parole concorrenza e lotta alle rendite
Il Piano accoglimento del principio dalla concorrenza la coerente accettazione di fare postulati avrebbero consentito alla borghesia produttiva italiana di rivendicare di assumere un ruolo da protagonista nella società
Il dieci lire per creare un consenso politico intorno i principi che presiedevano sistema capitalistico moderno
All'interno di questa strategia si colloca la fondazione della Luiss di cui oggi possiamo con orgoglio rivendicare insuccesso
Durante il quadriennio confindustriale carni continua a manifestare l'attitudine di intellettuale pragmatico
Seguitando muoversi lungo il solco di pensiero che aveva tracciato negli anni della sua formazione di questi esempi percorso per il quindici anni governatorato e che con la designazione la presenza di confine dico che non saprei otto ulteriormente in avanti
Gli anni del Tesoro sono caratterizzati dalla oggettiva difficoltà di governare la spesa corrente sperimentata da molti autorevoli predecessori e successori di Guido Carli
In questa fase in grado di disomogeneità di giudizi sento l'azione del ministro porre a crescere prevalgono le luci sulle ombre
Nonostante il peso delle Tarquinio che avrebbe il coraggio di ingaggiare in ultima impari battaglia contando innanzitutto sulla propria tensione morale e riuscendo a cogliere alcuni risultati di cui aveva sollecitato nel corso dei mostri l'urgenza
Nell'elencazione delle cose fatte è possibile annoverare lo sbarramento a qualunque iniziativa che mira solo ristrutturazione forzosa del debito pubblico
La legge Amato Carli per la riforma del sistema bancario pareggio antitrust la legge istitutiva delle sim la legge sull'insider trading la completa attuazione della liberalizzazione valutaria l'ingresso della Lila nella banda stretta dello SME
Il contributo dell'Italia alla nascita del Trattato sull'Unione europea la riforma di quella parte di burocrazia che era sotto la competenza del Ministero del Tesoro la battaglia culturale a favore delle privatizzazioni che poi
Altri realizzarono
Ma le cose parte metà Carosi curava la riforma del costo del lavoro
Tra le molte cose non fatte Carli indicava la riforma pensionistica la riforma sanitaria e l'avvio operativo delle dismissioni delle aziende partecipate dallo Stato
Il momento storico e i compiti che ricadevano entro il perimetro di attività del Ministro
Credo definire una scala degli obiettivi su cui appuntare l'attenzione
La scelta ricade sul BURL obiettivi intermedi europei privatizzazioni
Questi obiettivi intermedi erano il mezzo per raggiungere il vero scopo del ministro Carli
Creare le condizioni per praticare unitaria anche in tempi normali la politica economica di alto profilo attraverso la quale riuscirà a realizzare i cui risultati davvero prioritarie ineludibili per il Paese
Introduzione l'ordinamento consone economia di mercato con regole e risanamento dalla finanza pubblica
Non uno tanto gli sprechi
E il prospettico alleggerimento del bilancio statale quanto il desiderio di instaurare una costituzione economica finalmente trasparente unitaria
Adeguata alle esigenze di un capitalismo moderno spingere Carli a considerare il cammino delle privatizzazioni come una priorità irrinunciabile
In questo senso le dismissioni di aziende a partecipazione statale erano non solo in euro e non tanto una leva economica e finanziaria per correggere gli squilibri del bilancio pubblico e per ridimensionare lo stock del debito
In realtà esse costituivano lo strumento politico per trascinare il sistema fuori delle secche del dirigismo collusivo della corruzione
Sul versante esterno il ministro informo la sua azione all'idea che la presenza di un vincolo giuridico internazionale fosse imprescindibile per ripristinare una sana finanza pubblica in Italia
Ritenendo pessimistica mente che in assenza di questo obbligo difficilmente la nostra classe politica avrebbe mutato indirizzo
Carli sarà pronuncia queste parole
Annoio onorevoli colleghi
Incombe il dovere di dimostrare che questa legislatura alla capacità di predisporre le condizioni affinché quella che verrà conduca due volumi del Paese
Alla stessa posizione di dignità adesso con questo negli anni Cinquanta sollevandosi da condizioni più gravi di quelle esistenti ai nostri giorni
Incarni comminava unico sempre presente la stretta congiunzione tra stabilità della moneta sviluppo della produzione sviluppo dell'occupazione sviluppo del benessere pescato di tutto
Barrera consapevole che vuole costruire un trattato per le generazioni future basato solo sulla stabilità monetaria non poteva non portare conseguenze economiche politica verbali
E pertanto s'imbatte in sede comunitaria affinché una seconda dimensione il tasso di sviluppo venisse inserita nel Trattato ricordando i partner europei
Che l'Europa aveva conosciuto conseguenze gravi cito Carli credo ecco conosciuto conseguenze gravi quando un grande Paese
Aveva imposto la propria politica in vista dell'unico obiettivo della stabilità monetaria incurante degli effetti sul livello di occupazione
Sul finire degli anni trenta la politica seguita dal cancelliere Breitling suscitò approvazione gli economisti insigni e anche del nostro inaudito
Ma gli metti che seguirono vostri sono alcuni quegli economisti a recarsi fuori dalla Germania per proseguire le documentazioni
Dalla pluralità dei punti di vista analitici e di metodo e dalla ricchezza dei delle interpretazioni anche le più critiche
Emerge un affresco di passione civile scrupolo scientifico di realtà di cittadino su cui poggia il prestigio di un uomo
Che rappresenta non solo per intangibili risultati dotazione un autentico esempio dell'editore servitore dello Stato le quali va preservata la tempra morale che professionale
Questo libro si deve interamente alla disponibilità all'impegno degli autori delle testimonianze al loro desidero esprimere la mia profonda gratitudine
Sarà ora presentato un breve contributo vizio gentilmente concesso dalla RAI estratto da una puntata della trasmissione la storia siamo noi di Giovanni Minoli dedicata alla figura di Guido Carli
Carli era più un tecnico che un politico Carli nasce come tecnico un grande tecnico
Suo maestro di economia e una massima economisti alla sua epoca Marco fanno a Padova e poi chiaramente diventa un po'l'intendimento politico e
La
Dopo aver fatto parte della delegazione italiana il negoziato di pace di Parigi il tre gennaio mille novecentoquarantasette Caligola Washington assieme ad Alcide De Gasperi Donato Menichella dice la leggenda ma parlo della leggenda che Carli inventava le statistiche per convincere il Fund che l'Italia stava andando bene e le
Faceva per il bene del Paese
Io con gioia il giorno del passaggio di consegne
Perché mi
In un piccolo oggetto che mio per
Winter sul passato
E cinico signor Duccio di intrecciati
E con il suo sorriso burbero
Mi chiese di districare
Cioè
Fu considerato un testo è sufficiente per l'assunzione di cui
Tenuto
Governatore debba
La banca comuni
Dentro la tribù
Per la quale dare una suo giudizio su come
Cultura economica venivano affrontata dal Governo ci siamo posti e ci poniamo l'interrogativo
Sì la Banca d'Italia avrebbe potuto
Potrebbe vi
Il finanziamento del disavanzo del settore pubblico
Chiudo
Avrebbe la carenza di un atto di politica monetaria
Nella sostanza
Sarebbe un atto servizio
Letterale del Governatore suscita innescare polemiche sull'autonomia di Bankitalia rispetto al potere politico ma dopo aver predicato
Per anni che uno dei mali dei quali soffre la società italiana tuttavia lentezza con la quale si rinnovano i quadri dirigenti sarebbe stato sorprendente che non avesse applicato me stesso questo principio
Dell'unica strada per entrare in Europa è quella di un forte risanamento dei conti pubblici
Ma lo scontro con il partito della spesa è durissimo e arriva fin dentro le stanze del Ministero
Lui in effetti per portare avanti questa idea di Europa che lo porto alla firma del Trattato di Maastricht dovette fare molte concessioni considerare superbia ma pertanto all'Italia ma strizza superati insieme Guido Carli e a De Michelis un esame difficilissimo fatto
Di rilevanza storiografico se l'Europa fallire a questo appuntamento la prospettiva è quella di un brusco ritorno agli anni Trenta ecco i ritorni elezione dei suoi sarà inevitabile basta un nulla per tornare esattamente lo scenario dell'inizio degli anni trenta
Prima che i tre diventasse Cancelliere o Maastricht venerdì sette febbraio mille novecentonovantadue
Dopo un estenuante trattativa il Ministro degli esteri Gianni De Michelis e quello del Tesoro Guido Carli firmano il voluminosa trattato che istituisce l'Unione europea
Spicciole che il nuovo vincolo esterno rappresentato dall'Unione economica e monetaria sia anche l'ultimo e che gli uomini che si troveranno a ricostruire il rapporto tra Stato e i cittadini della nostra Repubblica sia tenuta scaturire all'interno dell'ordinamento nazionale
Quei principi che fino ad oggi abbiamo deliberato dall'esterno
Ora
Scopriremo un
Quando
Siamo
Testimonianza chiederemo da alla famiglia crearle però il suo ricordo e che rimarrà come il nostro simbolo in questa Aula
Ha inizio la tavola rotonda su i tecnici al governo del Tesoro
Prima dell'euro dopo l'euro presiede Giuliano Amato intervengono Piero Barucci Lamberto Dini Vittorio Grilli Fabrizio Saccomanni Domenico Siniscalco
Seria
Nuova uomo mancava
Male
Dall'America
Dovunque mettiamoci in ordine fare in ordine storico
Mettiamo che rosa
Piero Barucci l'anno poveri seguirebbe Länder tutto in ordine storico
E
Poi e il rinvio a
Domenico
Salgono
Domenico da uno Vittorio Fabrizio e poi sempre recarono la poi la prossima volta ma ciò non sarà l'assegno
Sarà
S'
Azione
Va bene
Qui sta è un'occasione
Che abbiamo pensato di
Caratterizza sub due elementi uno il prima e dopo l'euro
L'altro nuovamente constatato i tecnici alla guida del Tesoro
Prima e dopo avere euro
Le due cose si ricollega no a Guido Carli e l'euro
Guido Carli era uno di quei personaggi che si definiscono tecnici non perché non capiscano niente di politica ma perché non sono stati eletti
E Dessì storicamente dimostrato che diverse persone che sono arrivate al Governo del Paese in quanto tecnici
Hanno dimostrato di possedere una visione politica a volte superiore a quell'ora di diedero il sette persone giunte impervia elettiva
Ma rimane incerto tra i due la differenza
Che uno è ispirato principalmente dalle proprie idee dalla propria visione da come ha sentito la missione politica che vi è stata affidata la lotta rock sente molto di più le cosiddette ragioni del consenso il cosa dico ai miei elettori domenica se faccio questo venerdì
Comune opera questa diversità
Una delle possibili fissare un trazioni abbastanza dilemma dica del rapporto che si viene a determinare all'interno di un Governo
Tra un ministro del Tesoro tecnico e allo Strega in particolare il Presidente del Consiglio politici che e uno finisca per accedere alle ragioni dell'altro o viceversa
In genere l'impressione che hanno avuto in questi anni politici che sono stati al Governo ed essere rimasti alla merce dei tecnici che governavano il Tesoro è possibile essendo Girelli e testimonianze di tecnici che sono stati al Tesoro che ritengono di aver subito fortemente in un vincolo delle ragioni del consenso RIS rispetto a ciò che avrebbero fatto su questa valutazione grazie mille c'è già un tema sul quale interessante sentirlo mica
Revocarla oltre Marchin farò riferimento al prima dopo le euro
è legata all'aspettativa che l'euro rappresentanti asse
Non soltanto un vincolo ma alla fonte il politiche nuove di cui il Paese aveva bisogno e che in ragione dell'euro il Paese avrebbe sentito la necessità di adottare
Guido Carli aveva puntato molto su questo
Tutti sappiamo che ed è stato ricordato stamani il vincolo esterno era un ho degli ingredienti che egli aveva ritenuto da anni che servissero per cambiare l'Italia
E la nascita dell'euro pur nelle condizioni idee idee di governance che trattato di nastri terra Sciarra era visto da lui
Ai fini dello sviluppo europeo come la premessa di una integrazione politica che l'euro avrebbe reso inevitabile
Dal punto di vista interno come un cambiamento di cui si domandava
Lo ricordo a Giorgio Napolitano nel
Perenne passaggio che aprire le testimonianze del volume
Raccontato poc'anzi tra Federico
Se i politici si renderanno conto della vastità usa questa parola cardine della vastità del cambiamento ecco
Devo dire che alcuni di noi che poi anch'io hanno ha avuto la responsabilità del Tesoro
Prima che le euro venisse diventassero da valuto ufficiale dei dei nostri Paesi
Avevano già lavorato nell'aspettativa di quel cambiamento però come banalmente qualunque italiano sa commentatore di cose economiche ha scritto e rischi do mille volte ecco NOE avevamo in caso di difficoltà valvole di sfogo che lei è un ruolo le bettole otto e quindi ciò che prima dell'euro poteva andare in una riduzione del valore della valuta
Dopo le uno doveva andare in riduzione dei costi e basta
Nonché l'efficienza fosse proibita prima e resa obbligatoria dopo ma aveva in caso di insufficienza prima la possibilità che la valvola di sfogo si aprisse
Dopo questo non è accaduto
E molto interessante capire da chi ha avuto il Tesoro prima dell'Euro quanto atto il recepimento
Bisogno di efficienza e di contenimento evidentemente per disavanzo con quanto ha percepito che il sistema contava sulla valvola di sfogo quanto si è capito
Dopo che in questa non c'entra quando tutto ciò
Abbiamo un Buontempo perché abbiamo cominciato in orario io direi che tra i quattordici e i segni di ci minuti e mezzo un tempo ragionevole per ciascuna per i vostri interventi comincerei
Da Piero al punto all'ordine cronologico sì ci salva da ogni altra esigenza opera soverchi come
Mi pare parzialmente pensare già adesso il procuratore per quanto mi riguarda sensi
Per quanto riguarda il prima velenosi B
Capito il dal quello è stato detto stamane che insomma Carli è stato già molto studiato
Ma fra non molto studiato dalla sua le di formazione culturale fino
All'ultimo suo drammatico discorso al ventiquattro luglio novantuno del novantuno novantadue
E in cui compie quattro ore di autopresentazione Carli al Tesoro ricevute cose accelero centrodestra alcuna cimitero
Ma quell'occasione un cane ormai consumato dal
Esogeni fisiche se abbandonato una confessione
Che non corrisponde alla verità
Disse lascio tantissime cose non fatte l'unica cosa che ho fatto per difendere l'autonomia per la Banca centrale
Non era vero questo ma ora in attesa di una
Biografia a tutto tondo solcare né
Che periodo sarà fatta
Se dobbiamo preoccuparci di cose
Più legate
Alloggi
Che il punto su mandato dalla questa bella
Ho reca fatto Federico Caner
Un'opera
Molto diversa punto strutturalmente molto complessa non accademica molto discutibile
Ma certamente viva
Vorrei dire che delle sei volume
Delle opere di carriere alle quali io quali avevo lavorato beh questo è l'opera più nuova quello che fa più riflettere
Quella che ciclica decente letteralmente
Non dovremmo parlare di numeri
Dico qui da questa parte del dire
Nella nostra esperienza come mi disse tecnici al Tesoro
Nel caso in cui nei Governi Amato e Ciampi
Novantadue novantaquattro
Io ricordo condivida commozione nel momento in cui Carli mi consegnò detto le consegna
Nell'occasione un canile consumato dalle sue origini fisiche
Mi apparve come ma assolutamente disposto a dare scarso rilievo
Ai risultati che pure aveva ottenuto come Ministro del Tesoro
Per sottolineare invece quello che non aveva concluso fare
Ma
Mi disse che il fabbisogno pubblico che era stato fissato dalla legge finanziaria ottanta novanta mila miliardi
Sarebbe stato centocinquanta centosessanta mila
Così chiamato c'aveva saputo insieme arriva anche il Senato e non vorrei
Mi disse che era mortificato per non aver fatto le nomine dei vertici di un centinaio di banche ma che non abbia è riunito il Comitato per i crismi di fare le nomine inopportune se anziché essere pericolose ho fatto la stessa cosa io nell'ottantasette poi necessario metterne però
Ma
Questa questione troppo su questo però
Mi disse che era
La visione per lui che per decenni si era occupato di finanza internazionale
Non aver potuto ricorrere ad emissioni sull'estero
Non disse una parola sul tendenziale miglioramento che il Tesoro aveva ottenuto il patto disavanzo pubblico
Ne sulla vicenda controversa che lo vide protagonista insieme già
Soprattutto attraverso finte completo industriale che Franco da Brescia tutte le
A qui devo dire che dovrei parlare di quell'esperienza mano nessun interesse a parlare
Perché fondo persone quel clima a cui ha fatto eco peculato dirvi superbia
E la storia ormai deve giudicare quello che abbiamo fatto
è invece intervenuto Carlei vuol dire tornare alla capacità che di questo modo tessere sempre protagonista
I diversi ruoli che gli ha ricoperto
La grandezza di carriere un tale gratis molto articolata certo magnetico nello sfondo esteriore come ha detto Ciampi
Contraddittorie
Con la tendenza titolarità dell'argomentare della citazione
Egli fu uno soltanto abilmente rapinatore giudicare quello che andava facendo
Ma anche sottilmente anche a parti rovesciate giudizio corrette su quanto non riesce a stare nei colmare
Sulla carenza
Scusa su con la sua caratteristica ricorrendo all'interno non si riesce bene a capire
Il ruolo che assegnata ricorso sul passato campane lentezze
O immagini per le quali in passato alla storia
Il vincolo esterno oppure al quale è stata specificata
In realtà quando egli si attribuì il rogo chimere invitato di compiere un atto sedici oso
Lo fece certamente corrente scoprire
Colpire
Teste teatralmente a accattivante ma per tutelare la Banca centrale
Temo
Che tutti gli uomini che hanno avuto grandi responsabilità e la Banca centrale abbiano avuto contabile dovuta devo scopre operazione questo tipo
Andando all'indietro ritrovato situazioni dello stesso tipo di Bonaldo Stringer
Per quattordici quando la circolare Terna così nella vecchia ai cassieri
Di ritardare il cambio delle monete devono essere loro dicendo guardate
Non glielo da subito che come snodo
Fatelo accomodare sulla sedia vicino possa anche l'anno poi o di quelli che in questo oggi noi non abbiamo le monete loro esulare domani domani l'altro o all'altra ancora
Perché la prima cosa che dovete fare essere parte della difesa suprema delle riserve del Paese
Nel ventuno quando avevo sentito con le banche non hanno ancora un varco centrale come Banca d'Italia
O l'espansione del credito
Stretch conseguire ebbe a dire la cosa potevo fare se io sentivo che in quell'occasione tutti accusato che avrei prodotto una stretta
Economica
A danno del Paese e si potrebbe continuare inoltre ci saranno molti di questi passaggi dei vari governatori
I quali per quanto autorevoli si voglia non possono compiere
Scelte che appartengono ad una valutazione comparata
Parte in quel momento e in quel Paese in cui operano
Personalmente l'idea che anche il presidente della BCE non possa ignorare questi condizionamenti e che privare il timore di essere parte di qualche deriva non desiderata
Ma non mi dica lei mi ha portato alcun tipo un'altra riflessione che qualcuno in guerra non c'entra niente ma è così presente al mio animo che non posso evitare di farla
Turbolenze solo in questo
Non ho sentito la storia
Quasi
è piena
Del tema del debito pubblico
è come una persecuzione continua
Si ricordi qualcuno di voi che a qualche anno sulle spalle volumetto bellissimo gravoso dovrebbe aver luogo proposto non penso
Distende
Sollevo sul debito pubblico d'Italia dalla unificazione politica
In avanti
Ebbene dei vostri mostrava come debito pubblico del Comune osservazioni sostenuta dal nostro Paese in tutta allo Stato
E vero
Che in parte i casi
Che tetti provocati da violentissime fiammate inflazionistiche
Il debito pubblico l'Italia è cresciuto
Concessione alta e bassa con la crescita discreta volo negativa con un rapporto entrate sottrarre spesso tale diverso
Diverso che l'appello cosa che interesse alti o bassi positivo o negativo rispetto all'inflazione
Con saldo primario attivo o passivo
Pure abbiamo avuto nessun tesoro spesso degli accademici
Politici ottenga giusti venisse mediamente di buona competenza rispettata in Italia e all'estero
Qualcuno è coinvolto nelle vicende interne o un partito qualche altro nera invece distante oggi ci sentiamo molto la mancanza di noi Tommaso Padoa Schioppa presa distanza questa parte del nostro discorso
Aperto neanche e per fortuna diverso che sentiamo la mancanza di Carlo Azelio Ciampi Vincenzo Visco deciso Tremonti
Se si farà con loro con tutti questi il Ministro del Tesoro
Se si vengono le interviste memoriale ci hanno lasciati si scopre che ognuno di loro eventuali rilievi dei ricordarci
Quello che fecero in senso positivo stessero molto per trovare il debito pubblico e quello che
Non troppo mi ero permesso di fare del momento utilizzate sono sempre molto convincenti
Tutti possono ricordare gli sforzi fatti per ridurre la spesa pubblica o per riformare la pubblica amministrazione oppure per ridurre i privilegi
Più vistosi
Ma il debito pubblico ha continuato a crescere
Temo di scandalizzare qualcuno
Che se dico che siano solo due brevi fasi durante le quali
Raddrizzamento del bilancio pubblico avvenne con successo
Da qui appunto la precisazione
Tutti questi fatti qui e di cassa specialmente di cassa
L'altra è quella di Luigi Einaudi ma motivo di connessione verso di noi penso vorrebbe
Redigere il caso di Paroli è un caso troppo breve
Per essere costellazioni agitativo ma ricordiamoci che valori muore drammaticamente umore alternando un discorso in cui si opponeva
Per un aumento indiscriminato del salari pubblici
Sia come l'impressione
Una vicenda storica di lungo periodo il debito pubblico d'Italia se sospinta adesso
Da una marea contenibile
Che tra l'altro volge
La volontà di chi la governa
Le buone intenzioni di chi ne compie occasionalmente le scelte quasi che tengono
Cento apparentemente tecniche ma che in realtà dove un poco di tecnico
Anzi nel travaglio politico che si può ricostruire verso le pagine del bel volume esagerando Carli sembra troppo trapelare l'idea
Che un ministro del Tesoro se tanto più efficace quanto più è politicamente Bono impegnato
L'esperienza non quella personale a quello
Tonica mi porterebbe ad avanzare in proposito qualche opinione diversa
Un buon Ministro del Tesoro
In grado di ottenere gli effetti che si
Che si propone di conseguire deve avere una propria forza politica oppure di poter contare sul sostegno di un forte ruolo politico predisposta d'attesa
E in cui sono stato l'uomo fortunato perché ho avuto il più elevato e Carlo Azeglio Ciampi che sono state sempre con me nelle scelte anche drammatiche caduto compiute
E vedere il proprio disegno politico realizzato Ministro del tesoro e davvero sostegno senza condicio del Presidente del Consiglio
Una piena approvazione del suo operato del Consiglio dei Ministri che il luogo di dove è difficilissimo muoversi avere consenso l'approvazione convinto delle Commissioni parlamentari in pieno il consenso dei due rami del Parlamento
Se qualcuno di questi passaggi avviene con un consenso debole
Egli può essere sicuro che al prossimo passaggio che attende confermo
Lavoro che vada dunque questa non perché tutto questo accade e questo accade soltanto l'Italia accade anche in altri Paesi
Alla seconda domanda si può rispondere che il tipo di problema che un ministro solo tecnico-politico che sia deve affrontare in Italia è molto simile a quello che deve affrontare in ogni Paese del mondo
C'è qui davanti a una parte
La risposta alla seconda domanda invece è molto difficile
Vorrei fare le pur ricorrenti spiegazioni che invocano la storia italiana
Il carattere gli italiani la mancanza del senso dello Stato corporativismo che con rassicura ossessione a tutte le ragioni vere a
Tutto discusse troppo di moda
Molte volte quasi senza nessun condizionamento e che certamente non vale invocare in questa sede vorrei anche evitare di studio sui troppo generale
Anzi
Apprese quasi da un un ecumenismo
Peccatore piccoli sposarmi nel nostro escamotage inesorabili questa marea ben dovesse ricercati politici gli industriali opinione mentre chi vota la burocrazia coi sindacati
Anche questo è una storia lunga sono sempre questi personaggi discussi come responsabilmente
Qui pare del tutto normale invece che ognuno di essi presi singolarmente come categoria attenta in quel momento a massimizzare la possibilità di conseguire
Sovietico
Trascurando i soci di lunga data
è vero
Ippolito politico guarda al domani l'uomo di Stato alle prossime generazioni
Ma anche quest'ultimo non ci ha poc'anzi dall'alto deve sopravvivere chiedendosi cosa certezza umane contribuente importante
Senza contare che il politico non sono nelle come tale sopravvivere ma anche interno al paese scontro sociale od anche fratture culturali o sociale che possono mettere
Approva la tenuta mi sembra troppo facile pensare e la spinta nel sud questa marea indomabile marea ed usa la miopia con le cattive ha intenzione di tutela insomma
Onde evitare qualche l'un brusio motivate tu sta
O che qualcuno pensi di reintrodurre la Edison etnica tre corso universitario o canzone a contare sull'uomo nuovo sarei portato a cercare della Regione nel modo in cui la nostra complessione sociale si è andata
Le istituzioni di Governo e di selezione
Della classe dirigente
Ma
Dallo storia eh o susseguirsi di emergenze etichetta contrassegno
Rispetto all'esperienza precedente al
Ho dichiarato ed è contrassegnata da un cinquantennio dopo la fine secondario guerra mondiale probabilmente irripetibile
Lo scambio di valori fondanti avvenga in realtà quando si discusse nel Commissione pone all'Aula costituente nessuno vuole vedere legata a favore di un terzo quell'equilibrio fra potere e responsabilità
Che da sempre ritenuto essere in ogni dove il presidio di una democrazia compiuta efficiente turca
Il fatto che in questo rapporto si è frantumato
E la condizione italiana nella famiglia nell'azienda riunite stando al Governo del Paese
Quindi contrappunti soggetti che hanno grandi responsabilità poco voterei in precedenza notizia tranquillo sciupare Ministro del Tesoro in particolar modo solo tecnica ma
Enormi responsabilità
E l'enorme potere a ma subordinato
Allora possibilità che qualcuno glielo riconosco a può detenute De Stefani potete dei residenti risultati che in altre con De Gasperi potesse organizzazione che Ciampi poter dire
Che impartite avrebbero detto da finanziare sui giornali in gioco a è anche vero che queste farebbe vicepresidente pre è stato avviato va o una prematura ex novo l'avversione
Che
Di governo erano poco più di due mesi tanto da chiedere
Già da settembre tant'è che ha fatto di poter andare ai docenti per non perdere parte allo scempio che si faceva
Del Consiglio dei Ministri che Carlo Azeglio Ciampi perché attenderei ricevono di ritorno dell'Europa per difendere quello che impatta che a mio avviso Canetto con quale e lo votiamo a col passare degli anni la storia valutarlo per ognuno di noi accorciata collocandosi a quel progetto di merito limiti che ci spetta
Lo fanno gli storici però
Con gli strumenti che il segreto del tempo meteorologico nazionale lo fanno sulla base di molto i condizionamenti che appartengono a mode culturale orientamenti politici pregresse di valore in mille modi e con i sondaggi
Dagli storici aggiornate una condizione che non rientra in un orizzonte temporale della gran parte del Presidente so che questo ma
Devono vivere il momento questi pulisce i tecnici che possono essere nell'illusione del loro potere
Nella certezza e della speranza come dicevo invece sonore era anche un economista
E con un politico vero e proprio Francesco Saverio Nitti
Di sicuro la loro azione creerà qualche contento molte sponte quindi sarebbe stato fortemente comportato
Sapere che gli aveva prodotto lo scontento particolarmente diffuso che
Grazie
Ma che tu ricordo che c'è qualcosa che il ministro Barucci avrebbe voluto fare che ragioni che non solo non poter fare
Aperte abbattere il debito pubblico un rapido ed essere opera impossibile Piercarlo prendeva appunti
La privatizzazione del del
Non potremo fare
Non solo di Telecom non potremmo fare alla privatizzazione di Telecom perché
Perché siccome tutto è possibile
Massima fantascienza metterà con tante cose
Allora ci vuole qualche tempo
Lo potevo fare delle assicurazioni era termico questo una nostra relazione iniziale
Questo del nostro va bene all'ordinamento fruire delle consegne da caro lettore resti in Tibet Women operate sei

Esattamente corre se mi permette vorrei dire due parole su quella che è stata la mia conoscenza
Invece quell'incarico risolta
Presidente
A Ciampino
Risultare vincitore della Borsa stringa proprio l'anno prima che
Capienza sia in Banca d'Italia
Nel mille novecentosessanta l'anno prima e successivamente entrare nel Fondo monetario per i quindici anni vi governato
Di governato Governatore Carli io ero nello staff del Fondo monetario internazionale quello che voglio confermare
è già stato già detto
Quella che era la sua autorevolezza sulla scena internazionale è stato menzionato prima qui Cordova anche in quegli anni che io vedevo sporadica mentre nel versante le sue venute da Washington alla sua curiosità
Non solo per le questioni economico col sistema monetario internazionale
Ma anche della situazione politica dagli Stati Uniti io in fondo
Giovane funzionario
Ma non era raro che mi chiede se dico una cosa penso versati sull'azione politica Rugantino dove stiamo andando successivamente io entrai Banca d'Italia nel settantanove e quindi
Carli era già uscito
Divenne Mammano senatore nell'ottantatré insieme all'ottantasette e dall'ottantanove al novantadue è il periodo il suo Ministro del tesoro io ero in direttore generale della Banca d'Italia
In quel periodo ricordo quello che è scritto molto eloquente mente anche nelle testimonianze di questo libro cioè l'amarezza di dove un attore il canone che le sue proposte
Per il risanamento della finanza pubblica in particolare frenare la stesa
E
E io a questo riguardo pensioni e sanità quindi
L'incapacità di fare accogliere le sue proposte per risanamento della finanza pubblica in quegli anni effettivamente sono gli anni direi del declino perché effettivamente
Non era più seguito baffi dalla classe politica che sembra ignorare ancora quanto fosse pericoloso l'aumento dell'aumento del debito del debito pubblico
Questo è anche per evidentemente a crescere attraverso le privatizzazioni vincoli menzionava veloce l'efficienza dell'economia dell'economia italiana
Io divenni ministro sono stato Ministro del Tesoro due volte
Prima nel Governo nel novantaquattro del Governo Berlusconi
E in quel Governo non è che non ci fosse un desiderio o una volontà di cercare
Di ridurre la spesa pubblica e di portare sotto controllo quindi lei questo questo aggregato
Ma l'unica cosa c'è effettivamente quel Governo cerco di fare
Con la finanziaria è era di introdurre elementi di modifica nel sistema pensionistico introducendo
Incentivi e penalizzazione secondo l'età di pensionamento quindi cercare di ritardare il pensionamento
Pertanto realizzando per troppi questo non fu accettato dalle organizzazioni sindacali perché ritenevano
Che la materia pensionistica fosse una materia contrattuale
E quindi il Governo si fermo molte dalle organizzazioni sindacali e devo dire
Che poi il secondo grande senso di responsabilità di affrontare il problema di una riforma complessiva del sistema pensionistico italiano
Il Governo Berlusconi tarde nel dicembre del novantaquattro
Io ebbi la ventura di divenire
Quindi formare il Governo da novantacinque ho finito al novantasei dunque
La difficoltà del Ministro del Tesoro di far passare le proprie proposte con un Presidente del Consiglio
Io
Dissi al Presidente Scalfaro fatto ministro del Tesoro nel mio Governo avrei ritenuto così interni del Tesoro
Sì ma sei sicuro di poter fare entrambe le cose
E lo cc così non litigano con il mio Ministro del Tesoro e in questo caso devo dire che uscito in esattamente dunque
La mia esperienza non è vero che non si può frenare otto non è stato accennato la crescita la crescita del debito pubblico
Il novantacinque e ci fu la stabilizzazione del livello del debito pubblico rispettabile al centoventiquattro per cento
E tutti gli anni successivi continuo di crescere
Insistendo tanto che il Governo Prodi e così via fino a centotre
E poi dopo evidentemente ripreso per ragioni che conosciamo
Negli ultimi anni in particolare
Per la non la mancata crescita del prodotto nazionale
Peggiorerà su penso che oggi ci troviamo dove dove ci troviamo
Quindi quella non sull'anno nella stabilizzazione
Del debito pubblico rispetto al rispetto al PIL mila novecento novantacinque fuori che l'hanno della riforma del sistema pensionistico al quale
Lo stesso Carosi aveva ammirato ecco non era stato capace di poter realizzare questo era stato iniziato prima dal Governo Amato
Però dilatarsi alla partecipazione alla volontà delle organizzazioni sindacali e questi erano conservativi emendamentone Larizza
E
Associ presso la responsabilità di portare avanti terreni per con me
E con il Ministro del tesoro scusate del lavoro che è la notizia nucleo
E altri impostare la grande riforma del novantacinque
E quello fu la riforma degli
Che abolì
La possibilità di andare in pensione nel servizio pubblico dopo diciannove anni e sei mesi
Orrore oggi magari si dimentica qual era questo fatto qui che si andava in pensione a quarant'anni se la nuova trentanove essa non ha trentotto
L'introduzione del del contributivo pro-rata e poi gli altri elementi per costituire o questo qua
Devo dire se non ci fosse stata una
Preso il senso di responsabilità da parte delle organizzazioni sindacali quella riforma non sarebbe stata non sarebbe stata non sarebbe stata pronta
O è stata migliorata Succi
Sicuramente ma mi pare che oggi si parla addirittura
Di applicare il contributivo non più pro-rata come insomma anche da diciamo a tutti i vitalizi a tutte le pensioni le sono state erogate si consigliano erogare oggi in quell'occasione
Mio Governo non ebbi occasione quindi di litigare con il Ministro del Tesoro
Ma le cose che facemmo in quell'ora in quel periodo è stata primo luogo la stabilizzazione della finanza pubblica
Non era facile
Io ricordo
Che nel
Marzo febbraio-marzo del novantacinque dopo due mesi c'era al Governo impostiamo una manovra di correzione della finanza pubblica
Credo che a correggere per un certo numero di miliardi riduzione di spesa è un po'omento di imposte
Mandare in Parlamento la proposta ex furgoni inizio essere attaccata sia dall'estrema destra cioè dall'estrema sinistra
Tetto Libano attraverso emendamenti il significato di questa riforma è quindi eliminando la possibilità di ridurre il disavanzo Nizza avanzo in quell'anno
Ricordo che a marzo dovetti porre la fiducia a un Governo che non avevano una sicura maggioranza in Parlamento
Spaventando quindi coloro belle forse che il
Nel centro del centro sinistra che sostenevano il mio Governo
Ma ero pronta andarmene al mese di marzo se quella non ora non fosse stata approvata fu approvata con cinque voti di scarto
Successivamente la riforma della pensionistica che arriva a luglio novantacinque
Poi la legge per le
Le elezioni regionali che ancora in vigore e la par condicio
Ne passa nelle nelle elezioni sulla
Fra fra partiti grandi e piccoli che ancora molto contestata mi pare dai grandi
Dai grandi
Grata i grandi partiti
Quindi non è vero che il debito pubblico sia stato sempre crescente degrado Governo con la fase discendente
Durante tutti questi anni in particolare nel Governo Prodi insieme all'anno due mila e offre e poi ha ripreso a crescere
Accrescere successivamente
Io non posso dire che vivamente che ci siano stati il perché come anche come Ministro del Tesoro anche perché io venendo da fuori
Come del resto la lista dove non avevo condizionamenti di più della politica io non conoscevo i politici italiani
E quindi era molto difficile che ci fossero delegazioni di partitici avvenissero a parlare
Spesso il giorno una proposta un avanza sono stato devo dire abbastanza libero in quel periodo disordine relazione che il Governo il mio era un Governo di programma fatto quelle cose dovevano andarsene e così fu
Alla fine del novantacinque e arrivammo tenga alle elezioni del novantasei con l'arrivo e quindi nel primo Governo del primo Governo Prodi
Questo è quello che vorrei dire come ricordo come il Ministro del Tesoro con qualche richiamo alla conoscenza di Carli e adesso amarezze dall'ottantanove al novantadue
Va bene
O
Passando dopo le euro
Le la mia sensazione di osservatore e che in questo decennio
Opponente tutta la tematica chi attiene a debito pubblico vincoli
è uno zoo ma al sino al fisco comporta
Ma Lens dando all'assetto di governo interno una mia sensazione di cittadino che
La forza relativa del Tesoro chiave
Sia cresce
Rispetto agli altri e in qualche modo anche rispetto al Presidente del Consiglio
Che che sarebbe testimonianza comunque facile da reperire ciò che gli altri ministeri si parlano dicono che
Vendono il Consiglio dei Ministri pioggia scuote la testa perché capisco
Che subiscono la legge finanziaria poi legge di stabilità
Che addirittura arrivano ad approvare questo atto fondamentale
Belle Consiglio dei ministri divise settembre problema senza neanche sapere esattamente quali ne sono i contenuti
E forse non li sarà interamente neanche il Presidente del Consiglio
La domanda che ci si può opporre
Va bene primo e se questo è il vero che può essere interessante sentire voi che argomento inerente il gas non è vero probabilmente
Secondo nei limiti in cui possa essere stato vero ho percepito come tale se ciò sia dovuto soltanto alla forza cogente per le ragioni
Economico-finanziarie legate molto alla sopravvenienza del membro o anche al fatto
Che questo è diventato il Ministero unico dell'economia perché l'arrivo dell'euro coincide anche io sono una novità
Di cui noi non avevamo evidentemente potuto apprezzare l'esistenza cioè quella della fusione tra finanze tesoro che ha tante ragioni io lo lo so prendo atto il nona vere il controllo delle entrate il dovere di impostare le mie emissioni di titoli senza sapere esattamente i flussi di entrata acqua atto ammontano a quanto possono affrontare al di là di ciò che mi diceva nomi di Ministri delle finanze che in genere mentiva bene perché ti dicevano sempre meno di cui lo che poi avrebbero fatto addirittura di meno di quello che già avevano
Allora però percepisco che mettendo l'insieme si è creato urbana si è creata una massa critica di potere amministrativo che neanche il potere politico che si sbilancia sempre di più il rapporto con gli altri allora questo Fondo tende a credere
Il il rapporto con gli altri assume una particolare delicatezza può darsi che ciascuno di voi lo abbia impostato a suo mondo avendo nella gratitudine ovvero
La eterna ira dei suoi colleghi di Governo Mimmo
Ma innanzitutto vorrei dire che così detto il ministro tecnico cioè il ministro non parlamentare se semplifichiamo all'estremo questa
Questa dizione è una caratteristica del doppio canale
Esatte ho guardato ieri su internet perché mi incuriosiva la cosa che dal mille novecentoquarantasei
A Carlo De ci sono venticinque ministri del Tesoro e uno solo Gustavo Del Vecchio figura come non
Io da un parlamentare e non politico detto e lui e dopo
Agendo così dopo crearli carni figurano alcune delle politiche europee devo prima seguono carri figura ancora politico
Nei ranghi della Democrazia Cristiana tanto quanto semaforo Giuliano esatto senatore tanto quanto Giuliano ovviamente era
Politico nei ranghi del Partito Socialista dal carne in avanti i Ministeri del tesoro e successivamente dell'economia e delle finanze sono tredici
Bene otto Soc decine si rischiano indipendenti su Google vuol dire non parlamentare sostanzialmente
Sono tecnici e cinque i cinque politici sono Tremonti Visco e poi compare tre volte Berlusconi dei brevi interamente faceva quando c'era un cane ed essere quindi non è io e che sono due sostanzialmente i ministri politici da allora
Questa è la prima cosa che va detta poi c'è un'enorme differenza che farebbe ministro tecnico in un governo tecnico come ha fatto Vittorio e invece c'è sarebbe visto che a breve un governo politico
Perché in un governo politico attuali molto più assicurato quel canale di trasmissione tra il principale depositari della sovranità che l'elettore è quello che dici tu mentre invece un governo tecnico
Ministro tecnico in un governo tecnico se lo devo un po'di più l'inventario
Come è stata la mia esperienza qui più stupido non perché scuotevano la testa per il motivo opposto io dal Presidente del Consiglio dell'epoca
Non ho avuto condizionamenti di tipo puntuale fai questo fai quello non far questo non frequente sicuramente c'è una linea politica per esempio sulla riduzione
Delle tasse o una linea politica su altri temi ma la libertà cui ho voluto è stata notevole così come la libertà
Del ministro che mi ha preceduto Giulio Tremonti e questo si sa
Quando io facevo il direttore del Tesoro quindi devo osservavo il processo di formazione delle decisioni
Se questo è vero elfo e qui faccio un salto verso la figura dica lei è fondamentale però che il tecnico non sia troppo specialista
Ossia come quei dottore che guardano le analisi e non si toccano neanche ti manda via con una cura al contrario sia con l'Acquedotto che una volta che ti guarda oculistica avente come paziente capiti
Allora se io torno alla figura del Carmine quel minimo che avevo conosciuto abbiamo visto due o tre volte nella vita poi l'Europa
Ma soprattutto avendo letto questo volume a quello che rendeva unica quella generazione dei personaggi e soggiungo quella caratura dei personaggi perché non era certamente molto
Comune era il fatto di essere delle figure punte tra la sfera del della ricerca economica fatta fare ed altri fatta da se stesso del pensiero insomma la sfera della teoria cerchiamo di capirci
La sfera del ruolo pubblico e della decisione pubblica e la sfera della politica questi erano personaggi che erano parcometro spesso per fare un esempio di chi vi sta
Alla ad avere strano personaggi in grado di connettere queste tre cose nel nel volume soprattutto per la sosta differito l'esperienza politica dei carristi decretarne parla con Andreotti però parla con il Fondo monetario crea l'Ufficio studi non crea rafforza normalmente l'Ufficio studi della Banca d'Italia parla con le stabile sul finanziario riassume in sé
La capacità di far parlare in queste tre cose e probabilmente di coscienza questo senza conoscerlo senza aver riconosciuto all'opera ma sicuramente è in grado di fare la sintesi
Perché quello che molti miei colleghi economisti non hanno capito che scrivono sui giornali
Penso al professor Giavazzi per fare un esempio da Tito Boeri su scala minore non hanno capito e credo che su scala minore cosa meno violento in queste critiche no noi non ne faccio questione anagrafica e subire
Non hanno capito e che non è che il Ministro del Tesoro tecnica un filosofo che aveva subì
Pensa scende a valle dove avete settembre verso Palazzo Chigi detta la riversa a terra ma tanti di un processo è parte di un processo di decisione carbonio compreso bene dobbiamo Carlo parola e so che è consentito un'altra essa è non è che fai come vuoi puoi teneva a meno che tu abbia tutti quegli elementi di consenso che
Ricordava Piero Barucci nolo consesso del proprio peso degli altri Ministeri Commissioni parlamentari
Dei media e così via che effettivamente mi sembra più un teorema chiamati alla realizzazione pratica perché si può
Realizzare i momenti
Molto complessa quindi io credo che
Poi sarà il ministro tecnico se sei un ponte tra culture diverse ma se sei un tecnico puro persona questo terreno rischia di fare qua
Soprattutto non si può anche domandare chi sei
Qual è la tua legittimazione per imporre la Bolivia perché
Io credo abbastanza al processo politico che porta
Dagli elettori al Governo al ristorante precisione del sequestro appello da sole siamo distanti da quel modello e l'all'un po'nel merito tra
Istituzioni
E la gente come si dice in termine moderno è quasi tautologico certo calce allontanamento se uno sta lontano per forza
E difficile che si avvicini faccio una battuta sull'euro se posso neanche due
Altri
Sicuramente avendo avevano mai fatto previsto prima dell'Europa ho partecipato
In via via da fare sono raccolti i governi sono stato consigliere di Piero abbiamo lavorato assieme leggo cosa cambia dopo è un'interfaccia molto maggiore
Con il mondo internazionale sia dal punto di vista delle istituzioni europee con quella di fare ogni giorno in degli esercizi anche molto
Dettagliati
Quasi dentistici per usare una affermando l'ANAS metafora keynesiana sugli economisti da un lato ecco i mercati che sono anche più importante bruciare il carbone per non farti fare sciocchezza
La prima cosa che ho da dire questa l'introduzione dell'euro in Italia e sta
Data oggetto di un dibattito pubblico a differenza di molti altri Paesi per esempio in Germania è stato molto meno costo più basso
Ricordo che non solo perché lo vedo lì gli interventi Cesare Romiti appassionati contro l'idea dell'euro che avrebbe probabilmente imposto sulle imprese un aggiustamento troppo elevato levando quei grandi libertà dei prima e ce ne furono molti anni
Molti io compreso devo dire fu un poi ingenui nel pensare che l'euro avrebbe indotto quel processo di riforme che era necessario allora sembrava che fosse lodevolmente
Io non voglio dire che non avvenga perché l'Italia è cambiata molto e c'è un processo darwiniano di selezione delle imprese molto forte che dovrebbe portare a quell'aumento di produttività di cui parla
Carne che grazie Visco ricorda però e su due orizzonte temporale purtroppo diverso c'è la moneta
Ha messo una borsa immediatamente bloccando quel tipo di aggiustamento e l'aggiustamento sull'economia reale
è molto più lento e faticoso per tutti i caratteri razionale non razionale che conosciamo del resto è anche abbastanza inevitabile
Che la cosa se in questo modo
Quindi io sono di quelli convinti che lei avrebbe sullo Stretto magari non così cercando di attenuare alcune delle rigidità che ha però sicuramente
Bisogna fare tutto il possibile per agevolare quel processo di riforma strutturale che così lento e su questi due Rizzoli temporale
Invece per
Invece per strangolare chiudo rapidissimamente perché mettere tutta questa fretta magari viene
Devo consegnare a Piercarlo entravo dalle dodici e trenta non prima
No per ricordare che incontrato carri nell'ottanta si personali ottantasei quando aveva un pranzo credo che fosse dell'aspra
In cui si parlava di petrolio ero reduce del vino che si stia che prescrivere edizioni dei Giochi sul petrolio queste norme
Campo rapidamente come si può parlare a tavola saremmo stati e non più di venti persone la mattina dopo mi fece chiamare mi chiedono un incarico di insegnamento quella LUISS accorso De Carlo Scognamiglio ciò che fisico e al mio primo insediamento rientrando all'Italia ciò che feci con grande passione ma questo mi colpì dov'è capitato molte altre volte andare a pranzo una persona che aveva quarantadue anni più di me
Raccontarli cosa spiegavo a trent'anni e poi non è che fossi così scartato F offrirmi qui seriamente la mattina dopo
E sono convinto che questo rientra di nuovo nella capacità di fare da ponte tra diversi mondi diversi e cultura persone così averci sarebbe molto meglio
Grazie
Lievemente e ti ringrazio il Ministro
Dell'economia oggi ma già in passato il Ministro del Tesoro
A un peso maggiore anche perché
E da tempo quello che più partecipe del Governo europea quel portico c'erano europeo esiste
La frequenza degli incontri dell'Ecofin
Voi dell'Eurogruppo il peso che le loro decisioni
Ugo valutazioni comuni a sul resto dell'azione di governo sono ovviamente superiori a quello che deriva dal parte e ci pare ad uno dei Consigli dei Ministri settoriali di di altro genere e io la ricordo come a una sensazione quasi settimanale ci lasciavamo al termine di questi incontri però io non lo so come mai voi non lo sentite ma io che sono stato ministro anche politico
E chi glielo dice ora
Ecco l'idea che si doveva andare addiveniamo farà valere questa cosa quale che fosse in un
Punto nel quale questa cosa era
Destinata ad un accoglimento non particolarmente entusiastico insomma
E qui molto spesso era
Le petto sul breve lungo alcuni i ministri finanziari sono ma non solo loro necessariamente sensibili
E qui è la vista corta e la vista lunga di Tommaso Padoa Schioppa insomma che pesano ma già pesavano prima io ricordo l'ho anche
Scritto più volte che
Nel quando Gianni De Michelis che è qui
Era ministro del lavoro del Governo Craxi di cui io ero sottosegretario alla Presidenza che pure specie diverse cose utili per riportare l'inflazione dal dal due cifre a una cifra
Ma come abbiamo constatato noi stessi che nel fumo protagonisti anche per questo finì per fare meno per la spesa pubblica di quello che sarebbe servito
Anche se io ho sempre sostenuto
Per il giusto ricordo che dobbiamo avere di Gianni Goria
Che l'avanzo primario io introdusse Gianni Goria ed allora è diventato lo strumento principale
Realtà per dimensionare o contenere
I rischi di spesa pubblica fatto sta idee che
Gianni vende Alfa Lazio Chigi parlò inizialmente con me e mi disse qui dobbiamo fare qualcosa di serio per le pensioni perché tra dieci anni
E aveva una elaborazione che dimostravano lo sbilancio cui saremmo andati andammo insieme a parlarne dal Presidente del Consiglio che ebbe
Va classica reazione che a un politico politiciens
Il tre dieci anni non è un mio problema
E questa cosa si fermò
Tre anni dopo io ero Ministro del Tesoro e lavoravo con Nino Andreatta Presidente della Commissione Bilancio del Senato e insieme
Elaborammo disperse innovazioni una di queste fu
Che gli emendamenti o i disegni di legge che portassero aumenti dispendi trattamenti pensionistici e dovevano indicare una copertura a anticaccia
Sia pure evidentemente è sfumata perché chiudo navali e i più lei potenti che però ecco a quel punto questa cosa riuscire a passare ma
E era la visione in fondo di un tecnico quale era Beniamino Andreatta però insomma la risposta che noi avremmo ancora dieci al non è un mio problema è una risposta tipicamente legata
Alle prossime elezioni che in genere sono prima di dieci anni
Vittorio
Riprenderò
Sul concetto della breve verso lungo periodo a prima volevo fare tre considerazioni personali aveva
La prima è che io non ho mai avuto a una fortuna di conoscere canali carne lo sfiorato in un paio di occasione allora come altri in questa sala sono stato vincitore della borsa di studio da Banca d'Italia a a Mortara tra il telegramma allora carattere un atto già da nemmeno carne
Quando arrivai al Tesoro con la prima volta la novantatré
Quindi era già
Ministro deruba luce no o mancato l'opportunità di conoscerlo
Ora però mi ricordo che diciamo la verità
Tesoro del novantatré no
Ciò che trasformato nel creare precedenti era ben presente quindi si sta respirando ancora varia lamenta che era stata portata ad Allumiere
E a da pratiche ancora
Era recati qui collaborato
La seconda alla mia esperienza tesoro
Passata piuttosto
E quindi se io guardo a destra no ho collaborato con tutti
Ministri del Tesoro con Fabrizio la collaborazione pertanto lunga la diversa natura e anche con quelli che tiro Colucci ha nominato che non sono oggi qui presente
Quindi l'evoluzione del ruolo del Ministro dell'economia delle finanze per me è stata piuttosto lunga non vissuta solo come
Come Ministro a ma
Vedendo
Come vicino collaboratore di Ministri
Come questa si voleva le difficoltà che venivano vissuta vada il quotidiano farà
L'altra è che io ho avuto anche il vantaggio corso non è il vantaggio ma l'opportunità di vivere proprio transizione
Con una Carlo Azeglio Ciampi a
E quindi ho vissuto con lui pretendo Ugo ma soprattutto l'entrata e
Già e questo è il primo diciamo attacco che vorrei usare
Già da quel momento si capiva da una parte la grande opportunità a dell'euro che giustificava a penso giustissimo desiderio di entrarci diciamo a tutti i costi
L'altra però la grande sfida anche questo poneva ed era chiaro a tutti come anche Domenico ricordava
E questo avrebbe necessitato un cambio e coccarde nella
Nel modello la struttura economica e decisionale del nostro Paese
E tutti a quel momento soprattutto gli economisti
Avevano fatto un passo molto un voto di fiducia nota c'è bisogno di questo grande cambiamento ma siccome così ovvio che ci deve essere succederà
Purtroppo
Questo grande cambiamento non è successo però che non è successo così a tanto quanto avrebbe dovuto succedere altri Paesi l'hanno fatto
Per e altri Paesi hanno dovuto fare molto di meno di quello che l'Italia a avrebbe dovuto fare perché il disegno dell'unione monetaria europea
E e il modo in cui a diciamo le economie sarebbero dovute a funzionare si avvicinava molto di più uno schema nordico no a dita moneta forte mica finanze pubbliche forte rispetto a diciamo così la realtà dell'economia Mitterrand e quindi non solo
Non abbiamo
Avuto la capacità di fare questo cambiamento ma la strada che avremmo dovuto fare ma molto più lunga di quella dei nostri diciamo così alleati e compagni di viaggio al nord delle Alpi
Ecco
Il
In realtà e che anche dal primo momento di ricordo diciamo così il famoso da prestito pro euro il modo in cui
Patteggiamento però dobbiamo farlo è una cosa dura ma vissuta quasi come temporanea no ma
Era quasi c'è l'euro dobbiamo entrarci farà un sacco di fatica
Per un po'no tratteniamo lasciato poi le cose cambieranno quasi da sole no
E quindi anche l'idea prendiamo il prestito ponte lo rinviamo perché una volta che siamo dentro le cose si aggiusteranno no
Ma e quindi anche allora non c'era questa consapevolezza che era molto più difficile di così bisognava proprio aprire una nuova strategia economica fa a trecentosessanta quarantenni
Una strategia economica che era talmente profonda come cambiamento che sicuramente aveva degli impatti
Sociale importante quindi non era soltanto nella macro sfera
Dell'appunto della macroeconomia della giusto dosaggio tra politiche fiscali politica monetaria ma era proprio come incidere in maniera
A pregnante sulla
Struttura sociale del Paese cosa che ovviamente e molto più difficile e quindi questa strategia a non sia in uscita metterlo a fuoco spesso come Giuliano ricordati era
Quali sono le implicazioni di breve periodo no ci si concentrano più come contenere gli effetti di breve periodo piuttosto che direbbe ci saranno gli effetti prevedo come il riprogrammiamo in maniera strategica
La nostra economia
Che è una cosa molto molto complicato
In questo gioco però ha detto giustamente ricordare ma
Com'è che
Per lo meno l'apparenza è stata
A che peso specifico del Ministero dell'economia e delle finanze è sembrato di evitare in questo processo di integrazione europea
Ho una mia interpretazione ampiamente non esaustiva e che paradossalmente questa necessità di nuova strategia nel Ministero dell'economia d'Europa se lo sono già trovata scritta sostanzialmente e non solo se lo sono già provata scritta
Anche qui come è stato ricordato nei documenti se viene continuamente raffinata evoluta no la strategia sostanzialmente fiscale europea e quindi è un continuo disegno fra di regole
Trasparenti poi possiamo anche dire se sono giuste o meno giuste questo c'è una fabbrica Budani un grande dibattito ma chiare trasparenti e soprattutto
Che sono testate quotidianamente dal cosiddetto mercato quindi
Ai
Regole chiare e trasparenti in continua evoluzione con un dibattito continuo europeo conosciute da tutta
Pubblico opinione ormai
Dove c'è
Il mercato insistere supremo tutore che le cose vadano in questa ditta direzione
E di fronte quindi al Ministero dell'economia con una una strategia che abbiamo una strategia chiara con delle regole di ingaggio chiare
Su cui
Sebbene frusta può essere frustrante ma
è a conoscenza di tutti e non ci sono giochini strani che vengono fatte ecco
Questa invece è mancanza di un altrettanto potente e chiara strategia trasferiti in altri settori dell'economia e della politica vengo qui diventa Zotta
Talmente quasi inevitabilmente chiamiamola vincente anche se sono le parole sbaglia
Perché qui c'è
Regole strategie chiare di fronte invece ancora a una mancanza
Di una visione di ampio respiro di come si fanno nuove strategie in altri settori economici
E qui c'è un altro problema perché ecco io cambierei si dovesse farlo io cambierei subito il nome del Ministero dell'economia e delle finanze
Perché rischio
Non
Utili solo finanze come in tutto il mondo no perché questo
Dichiaro che non abbiamo avuto insomma il profilo il processo di
Arrivo del ministero dell'economia delle finanze era
Ministero del Bilancio Ministero del Tesoro il Ministero delle finanze che in realtà solo in Italia per danze solo quello delle case ne abbiamo almeno di turno e quindi si è fatto secondo me un collage nostre
Ma però sarà anche secondo me Muhummad non è un'idea sbagliata no come se quel Ministero
Posta responsabile di tutta gli aspetti dell'economia del nostro Paese no
Mario possa sarò riduttivo ma prima chiara responsabilità del Ministero delle Finanze è la finanza pubblica e quindi
Le entrate
Le uscite
In bilancio Benito
Queste sono
Poiché
A
Penso che siamo tutti coscienti che in questi ultimi vent'anni
A volte il Ministero dell'economia e delle finanze e tesoro asservito qualità supplenza no
Per la mancanza consentono ciò progettualità in altre aree no
Un anno forse andando al di là
Del delle delle sue verrà della responsabilità e creando magari dei decotto ginecologi
Però ecco già quello a me sembra che sia importantissimo ricordare qual è la strategia e il ruolo e la responsabilità del ministero dell'economia e delle finanze come in tutti i Ministeri delle finanze d'Europa e del mondo
è soprattutto la responsabilità dell'equilibrio fiscale del Paese
La
Però questo richiede che intorno a un ministero
Con questa responsabilità ci siano altre entità politiche economiche svolgono a una un ruolo importante decisivo riformatore
Negli altri ambiti
Questo
Porta al successivo aspetto che il rapporto diciamo del Ministro dell'economia e a il resto del Governo e già Presidente del Consiglio
Come giustamente diceva Domenico io l'ho vissuta una maniera un po'chiamiamola così privilegiata perché a
Un ministro tecnico in un governo tecnico ha un compito diverso che un ministro allora perché è chiaro tecnico fino a una governo politico
Poi
Diciamo la mia situazione ancora più privilegiata forse perché c'era una sintonia no
Sia di intenti sia di formazione che di metodologia di analisi no corrermi al Presidente del Consiglio per cui
Diciamo che non ho avuto
A problemi anche in altre situazioni psicosi sono create a di fra potenziale frizioni Capra a Palazzo Chigi e via venti Settembre ma questo non vuol dire che i Consigli dei Ministri hanno siano complesse e difficili no vediamo Paola Severino Nappi fino a qualche anno fa dopo anche testimoniare però mi sembra che dal punto di vista del Ministero dell'economia soprattutto poste euro no
Il livello di spiegazione necessaria
E è
Non dico ridotta ma è facilitata dal fatto che c'è un dibattito europeo e ormai
Giornali analisi sono talmente pregnante da quale che sono le regole del gioco quale che esso noi gli obiettivi necessari quali sono le conseguenza
Mi farò fare certe cose che a livello di Consiglio dei Ministri a mio parere una voce il il la lo sforzo richiesto di convincimento
A
Non era
Diciamo così impossibile
L'Europa ecco tu giustamente hai ricordato Giuliano a corse come io stesso ho sottolineato
Hillary questo peso specifico derivante dal Ministero dell'economia e anche una conseguenza a di questo grande a dibattito il costo continuo rapporto europeo tra Ministeri dell'economia e delle finanze a tutti i livelli
Dire che questo rapporto assolutamente strutturato ben strutturato e cogente perché
Diciamo che tutti i ministri si incontrano con la stessa frequenza in Europa no
Però la mia impressione a è che sia più a c'era più
Rapporti o distretto negoziato no per certi ministeri consiglieri colture eccetera curdi coordinamento ampio
Mentre invece i Ministeri dell'economia hanno un programma di lavoro dettagliato e quindi con decisioni concrete con una
Costruzioni di meccanismi europei devi direi che negli ultimi soprattutto con l'accelerazione perché insomma qui partiamo dalla ma dalla unione monetaria
Banche centrali e ministri dell'economia ma da lì poi
E Ministeri dell'economia e Missere Palmiero ha continuato a costruire l'Europa d'Europa fiscale e monetaria
Cosa che invece negli altri ambiti si vede molto meno no abbiamo indispone abbiamo Europe quanti Twenty ma sono
Cose molto ancora molto più varie che non hanno la stessa cogenza
Che si può acquisire soltanto quando riesce a istituzionalizzare certe cose
E portano poi a delle regole di ingaggio chiare
Cosa che invece successo soltanto ma diciamo per l'economia che a mio parere è a una un grande limite è un grande limite
Perché
Secondo me non ha reso facile a un Paese come il nostro
Già
Questa grande sfida di cambiare la propria struttura economica non ha reso facile costruire
Anche in questi altri campi una delle strategie efficace di respiro europeo
Perché
L'Europa che qui
Io vedo anche la debolezza
Prevista seduta Como europeista convinto dell'Europa che è una Europa ancora simmetrica dove si è costruito molto e molto dettagliatamente continuiamo a costruire nell'ambito diciamo fiscale finanziario e monetario
Ma ancora non riusciamo a costruire a e a far convergere raramente tutto il resto dell'economia della società europea parliamo da sempre
Mercato unico
Mario purtroppo questo mercato unico lo vedo ancora un po'piccolino purtroppo e questo secondo me è a la debolezza più grande perché il mercato unico e molto forte nella moneta anche nelle finanze pubbliche diciamo così e quindi
Potenziando
I ruoli dei governatori delle banche centrali e ministri dell'economia ma è ancora molto debole vasca in tutti gli altri aspetti della dette del mercati
Soprattutto il mercato dei servizi che è un'ameba e però prende quasi l'ottanta per cento dell'economia
Dove la mancanza della mente di una spinta integrare i mercati e quindi una spinta veramente di liberalizzazione del mercato una spinta competitiva e quella che mantiene anche a casa
Non sto nel senso di ciascun singolo Paese farà alta diciamo la resistenza al cambiamento perché
Insomma la mia opinione che
Gran parte dei nostri problemi
Nel cambiare veramente la struttura della nostra economia è
La conservazione abbiamo sentito bellissimi passeggiate Governatore discorso ha ricordato a andando a Carli stesso questa resistenza dei lacci e lacciuoli sempre al preservare no lo status quo la difesa di rendite di posizione
Che agevolata a mio parere
Lo stesso gioco che si fa europeo perché anni soprattutto nel mercato dei servizi questo gioco non solo italiano ma questo tentativo di preservare di segmentare il mercato è qualcosa che diffuso in tutta Europa non devo dirlo della Bolkestein nove morta decurtata da decine
E
Questo
Secondo me è è chiaro che una strategia del Governo stesso quindi lo può avere lo stesso le strategie di medio lungo periodo di successo come alcuni Paesi hanno o no
Però aderire un supporto europeo anche in questo caso della istituzionalizzazione e della pressione forte a livello europeo per farlo secondo me centralismo
Grazie sui
Permettetemi di
Di sottolineare per tutti noi questo tutti ultimi passaggi di Vittorio
Che ricorrendo nell'accordo seguente un po'provocatorio Banci travolto un amico greco
Il quale sosteneva con me tempo addietro che il rischi successivi governi ai quali è stato affidato il risanamento in questi ultimi anni
A no sfinito per massacrare la spesa pubblica
Preferendo questo alle riforme che avrebbero reso più competitiva l'economia greca e quindi più capaci denominatore di crescere
Perché investe degli interessati che
Difendeva l'esistente e in particolare le norme spazio del
Pubblico con tutte le implicazioni di sistemazioni personali varia che testo consente
Erano più forti in fondo della platea bastava innominato dei salariale altri dei pensionati degli assistiti dal sistema sanitario
Allora questo diventa un paradigma per vedere adesso
E quando lui me lo raccontava io mi sono domandato mentre ma non potrebbe in parte essere accaduto anche nella mia Italia questo Esine così e qui e arrivo al provocatorio paradossale innalzando la bandiera della ex ministro del tesoro non va del club
Non potrebbe essere accaduto
Che i Ministeri del tesoro anziché essere incarni in Sicilia hanno finito per essere le vittime di un sistema
Che incapace sì rifornire quelle modifiche strutturali mi comunicarli parlava nel settantuno già quel passaggio delle considerazioni con viene incredibile Ignazio
Con quarant'anni dopo ecco l'Ulivo potremmo stampare oggi e quindi e qui di responsabili
Del debito pubblico né
Hanno inventato tasse che sarebbe stato bene non metterei perché era l'unico modo di avere ente grazie hanno tagliato come hanno potuto
Per limitare il danno ma sono stati poveretti
Degni limitatori del danno
Perché non loro perché non era il loro mestiere ma era ciò che loro vicini vanno alla Puglia in cui ho già detto abbia detto tutto il resto il tutto il resto non non venivano faccio do dovunque ciò che sta scritto in tutti liberi che da vent'anni in Italia non cresce per problemini che sono lì da vent'anni irrisolti
Tugurlan trenta secondi trenta secondi sicuramente qui visto tante tanto vituperati tali linee dunque mi resi responsabile all'epoca mia
E perché era l'unico luogo guidare un'ampia allargata opera
Guarda tutte quante per evitare di entrare nel dibattito con una costituirsi l'altra a finanziare le del due mila e quattro cercare di mettere i notai fuori dalla compravendita di motociclette fu impossibile al Parlamento cori messo immediatamente
Quindi non voglio dire che il Ministro del Tesoro sia carnefice vittima ma sicuramente deve tener conto di un contesto Parlamenti care sociale eccetera che hanno che lo mette Satta mentre l'angolo che dici tu per cui si fa la politica sbagliata perché non si riesce a fare coraggiosi
Beh di Padova tempo con all'atto al Ministero dei grandi avvocati
Siamo bravi nel trasformare l'imputato in vittima lista
Investa abbiamo
Fabrizio tocchi a Udine temporaneamente la sequenza
Grazie quando io sono diventato Ministro
Sono andato con grande
Timidezza sedermi sopra scrivania di Quintino Sella è uscito un un bel libro di Fernando Salsano su appunto la biografia di Quintino Sella
E alla pagina uno proprio nell'introduzione Salsano dice che nei suoi mandato come Ministro delle Finanze
Quintino Sella esplicito cerco di limitare il ricorso all'indebitamento e di pareggiare il bilancio dello Stato
Prima con la costruzione di un sistema fiscale unitario e poi con la diminuzione delle spese improduttive e la lotta all'evasione fiscale
Allora leggendo queste queste parole
Mi sono reso conto della
Gigantesca dimensione del compito che avevo forse un po'frettoloso accettato di svolgerebbe
E
E soprattutto del fatto che pensando all'introduzione diceva Giuliano prima in realtà prima e dopo le euro sembra essere non abbia fatto grossa differenza nei nei più diedi quasi già centocinquanta anni e oltre
Di gestione del dell'economia italiana
Comunque siccome siamo qui per ricordare Guido Carli io volevo anche
Direi che ho avuto invece il modo di conoscerlo molte
Ho molto da vicino
In un episodio che secondo me indicativo indicativo di una delle dei punti centrali della
Positiva la filosofia
Se vogliamo di Guido Carli cioè quella di
Vedere di utilizzare il vincolo esterno per far fare al Paese cose che magari di sua spontanea volontà non avrebbe voluto
E questo episodio è il famoso negoziato del prestito con il Fondo monetario del mille novecentosettantaquattro
Il cui Carli
Governatore della Banca d'Italia si assunse un compito direi molto molto rischioso nel senso che andò a negoziare con il Fondo monetario
La lettera di intenti non essendo ministro facendo Governatore cioè
L'idea era che avrebbe
Nel negoziato un trust che poi avrebbe
Come dire fatto ratificare dal Ministro del Tesoro Ugo La Malfa
E in realtà questo negoziato andò benissimo
Ricordo che che Carli venne a Washington io allora l'assistenza del direttore esecutivo italiano lavorammo molto intensamente per una settimana con lo staff del fondo e c'erano naturalmente Antonio Fazio Paolo Savona
Altre sono Stefano Lo Faso insomma tutto il team del del del servizio studi della Banca d'Italia venne Elia a Washington ha negoziato se non che questo
Documento fu poi presentato al Governo italiano e diciamo per ragioni politiche sarebbe troppo lungo
Ad andare a ricercare in realtà il Governo card e la lettera di intenti in realtà confermata solo dal Governo successivo dopo lunghe e faticose e trattative
Interne fu firmata da da Emilio Colombo la lettera era la stessa sostanzialmente
Ma nel frattempo la crisi del Governo aveva dato un'immagine molto negativa alla alla capacità del Governo di gestire appunto il vincolo esterno
E questo ebbe ebbene naturalmente delle conseguenze per uno diciamo sulla credibilità dell'Italia e poi ci arrivo alla crisi del settantasei e lei alla grande suolo prima grande svalutazione e cose di questo genere quindi Carli in quell'occasione
Secondo me
Preso il contestato il fatto che
Il vincolo esterno non poteva essere una cosa di tipo contrattuale che si negozia volta per volta ma doveva essere in qualche modo istituzionalizzato
E quindi
Diciamo molti anni dopo quando lo rividi che punto negoziava il il il il Trattato di Maastricht
Capi
Debba avremo modo di discuterne di parlarne capì che lui vedeva in questo il in modo per rendere istituzionale una serie di vincoli che quindi sarebbero diventati permanenti
E che avrebbero probabile diciamo si sperava messo in moto quel processo di aggiustamento
Dell'economia italiana che era assolutamente necessarie
Allora il problema di chiederci come mai questo modello in realtà poi non ha funzionato così bene credo sono d'accordo con
Con con quello che diceva Vittorio ma anche
Gli altri oratori insomma c'è stato effettivamente un problema che tolto all'all'economia italiana quelle che io chiamo le due droghe debilitanti della svalutazione per per norma periodica del cambio e nella spesa pubblica
A pioggia
Il sistema non è riuscito a mettere in moto quei meccanismi di aggiustamento strutturale che avrebbero dovuto appunto gestire la transizione dalla dalla fine di queste
In queste due queste due deroghe e mettere in moto
Il processo di di risanamento non solo delle finanze pubbliche ma anche dell'economia italiana insomma qui chiaramente viene viene in mente e
E c'è un
Un pezzo molto bello di Carli alla Confindustria io ricordo che allora
Banca d'Italia in cui tra con molti di coloro che erano molto delusi dal fatto che in carriera andato alla Confindustria dopo essere stato Governatore però ex post
In realtà capì che c'era un disegno in quello cioè lui si era reso conto che doveva come dire portare avanti la missione diciamo della stabilità monetaria nel nel nel settore imprenditoriale e c'è un bellissimo passo che qui Federico Caner mi ricordo di una sua
In una sua relazione alla Confindustria in cui dice
Dice mi si accusa di essere molto freddo sul tema della politica industriale c'è la realtà è che così io non ci credo
Alla politica industriale perché secondo me la politica industriale finisce per essere tradotta in un
Sussidi o benefici io un lacci e lacciuoli di vari altra natura quindi
Diciamo preferiva preferiva lasciare il tutto il tutto alla concorrenza e allora si parlava appunto nel prima di Marcel si parlava
Ma il fatto che la concorrenza doveva essere una concorrenza tra sistemi non soltanto la concorrenza del mercato ma
Concorrenza dei sistemi giuridici amministrativi e che tutto questo avrebbe avrebbe insomma l'entrata in vigore del Trattato di Massenzio avrebbe messo in moto tutto questo
Allora la domanda è perché questa cosa non ha funzionato secondo me non ha funzionato per l'ovvia ragione che c'erano forti resistenze
Probabilmente degli interessi diciamo costituiti delle arciconfraternite come richiamava come richiamarmi locale però la realtà è che inesperti
Anche a livello europeo dopo aver creato l'unione monetaria c'è stata una grossa frenata cioè si è
Si è deciso che
Questo slancio verso una istituzione federale per la
Gestione della politica monetaria forse era andato un po'troppo in là e quindi
Bisognava gestire la cosa in maniera intergovernativa quindi trovando accordi di volta in volta sulle varie cose
Questo a livello europeo a livello
Nazionale italiano devo dire
Forse fino dal giorno in cui fissando la dai revocabile del delle euro con la lire
Cominciarono le
Richieste di rinegoziare cioè non c'abbiamo la fissazione della rinegoziazione Epifania facciamo un impegno e dopo mezzora lo vogliamo riproporre modificare adducendo vari
Vari problemi si disse la parità della lira sbagliata bisogna farla più svalutata bisogna farlo in un altro modo e molti grazie come dire interventi politici vengono svolti in questo senso
Dando secondo me era un cattivo segnale al Paese al all'impresa alle allora all'area
Tra economia cioè abbiamo preso un impegno speravo in realtà stiamo lavorando per attenuarlo per modificarlo quindi diciamo perché fare adesso l'aggiustamento strutturale se domani
Possiamo
Ritornare alle vecchie alle vecchie situazioni oneri e questa tendenza purtroppo è diventata dirompente io insomma
Oggi come oggi che c'è una a livello europeo le elezioni francesi lo hanno dimostrato
C'è un attacco di nuovo all'Euro
E che secondo me va detto molto chiaramente non è un attacco alla moneta unica in quanto tale eh una richiesta di ritorno alle cose che lei euro ci ha impedito di fare cioè vogliamo di nuovo la valutazione del cambio vogliamo di nuovo la spesa pubblica incontrollata senza senza limiti europee naturalmente parliamo di fare investimenti produttivi
Però anche questo bisogna essere chiari Italia è il paese che
Bella
L'utilizzo dei fondi strutturali europei arriva alla fine del periodo occorrono un ammontare di fondi inutilizzati che sono inutilizzati perché mancano i progetti strutturali che devono essere fatti soprattutto a livello regionale va
Anche con un coordinamento di carattere nazionale quindi diciamo
No è chiaro che si può arrivare a quella cosa perversa che diceva che diceva Giulia cioè in realtà Assitalia invece le spese di investimenti perché si vogliono mantenere le spese correnti
Devo dire che allora
Anche lì c'era un bel passo nel le linee nell'articolo diedi di Federico Caner quando ricorda che che Carlo il Ministro del tesoro domanda subito una lettera a tutti i ministri
Ben vi ricordate che dovete tagliare la spesa che vuoi perché
E viene accolto diciamo con una
Lì con atti sediziose per davvero senso che i ministri della stesa cicche si sostanzialmente si rifiutano anche pubblicamente
Di fare una cosa di questo genere e devo dire UE eh e quasi esattamente quello che è successo del Governo eletta quando diciamo abbiamo introdotto i principi della spending review e abbiamo detto varare questo significa queste cose qui e sono cominciati
Privatamente devo dire all'interno del Consiglio dei Ministri ma tutta una serie di distinguo fuori
Io riduco le spese però i risparmi spendo io per cose che Bormio nessuno mettere in discussione di copertura
Quindi questo è
Oggi secondo me un grosso problema ci troviamo di nuovo in una fase in cui si vuole rimettere in discussione naturalmente la risposta che viene
Da uno come me quella che in realtà invece dobbiamo andare avanti nella costruzione europea
Risolvendo quei quei nodi irrisolti che diceva Vittorio cioè
è vero che non ci
Non c'è concorrenza nel settore dei servizi anche nel settore dell'energia ci sono molti connazionali veramente si è fatto molto poco per creare una rete infrastrutturale
Di di appunto di di reti che possano servire nel campo dell'elettricità delle energie e cose di questo genere
Quindi questo questo e senz'altro uno sfogo molto difficile
Vorrei concludere torno sul tema del del
Ministra tecnico-politico e lì ci sono in questo libro due insomma i due interventi importanti su questo punto sono quelli di Tommaso Padoa Schioppa
Di Romano Prodi che sostanzialmente
Chiariscono che oggi tutto sommato appunto il ministro può essere tecnico ma deve avvenire uno un forte endorsement di carattere politico
Io credo che la realtà in cui ci troviamo oggi
Estremamente complessa e non voglio ripetere quello che ha detto vittoriose la gestione della politica economica a livello europeo è una cosa di una estrema complessità però dico che ci vuole un tecnico però bisogna conoscere i Doors
Che in una maniera estremamente approfondita non è possibile andare a livello europeo edile abbisogna spostare l'enfasi data dall'austerità
Allora il lancio dell'economia perché discorso diciamo è ad un livello tecnico di dettaglio estremamente più preciso e quindi bisogna
Operare sulle procedure sugli strumenti sulle decisioni che sono state prese sono interazione con il Parlamento europeo con la Commissione quindi
Diciamo da questo punto di vista il ministro dev'essere un ministro che in grado comunque di padroneggiare di poter discutere in maniera informale
E quindi parliamoci chiaro in inglese con i suoi partners altrimenti se va a leggere una mezza paginetta scritta dai suoi e poi si tace certamente non sarà non sa che è molto l'interesse del Paese
Però
Ecco la politica è un po'un aspetto molto importante perché oggi come oggi e queste l'esperienza che noi di abbiamo vissuto col Governo letta
E
Una situazione in cui
I partiti sono in grado di fare oltre nere al Governo la fiducia
E noi per esempio il Governo letta l'ha ottenuta non so cinque sei volte nel giro di dieci mesi
Però non sono in grado di come dire gestire poi la situazione dal punto di vista parlamentare sulla approvazione dei singoli provvedimenti cioè c'è una situazione in cui
è possibile che su praticamente su ogni provvedimento si creino maggioranze nuove e diverse che gli emendamenti
Che che che sono presentati magari dall'opposizione eccetera ottengano in realtà un grande sostegno ora questo è come dire
Il sale della democrazia quindi per carità va benissimo così però diciamo
Credo che una democrazia efficiente e
è importante che ci sia come dire un uomo dei partiti i quali come dire prendono atto delle
Delle come lei
Idea delle delle delle Commissioni anche del mal di pancia
Che vengono che vengono dalla base e li traducono in un qualche cosa
Di coerente e compatibile con con ecco gli equilibri generali quindi da questo punto di vista
La nostra esperienza è stato che aver mantenuto l'obiettivo del tre per cento di tenere i conti all'interno del tre per cento in questa situazione è stato quasi un miracolo quindi
Che che poi diciamo qualcuno trovi il modo di dire che la la Ragioneria o il Tesoro hanno fatto il boicottaggio e cose di questo
Equo una falsità assoluta in realtà
Diciamo
Le le strutture sono servite a fare sì che
Venisse mantenuto questo equilibrio
A livello di generale e naturalmente con le risorse disponibile quindi alle volte
Mettendo delle tasse sbagliate tagliando delle cose rispose che non dovevano essere tagliato ecco ma questo è il è è il frutto dell'interazione tra tra Governo e Parlamento quindi
Diciamo il il fatto che è chiaro che il tre per cento si poteva mantenere riducendo le tasse molto di più e riducendo le spende molto di più
Qui e poi è subentrata appunto una decisione di carattere politico però che a in un certo senso limitato
Importi più ora realisticamente realizzabili e quindi diciamo questa è una decisione
La quale
Pongo
Sua intenzione di di di entrare
Critica però resta il fatto che
L'obiettivo che non ci siamo dati alla fine è stato è stato rispettato quindi
In sostanza
Oggi
è vero quello che dice Vittorio che il Ministro dell'economia non è responsabile per tutta la nell'economia eccetera eccetera però diciamo
Resta che il Ministro dell'economia e delle finanze riceve ogni giorno delle sollecitazioni e di esperienza che provengono dagli altri ministeri dal Parlamento
E questo è un fatto pure quale
Diciamo la vita la vita quotidiana del ministro ho visto che Piercarlo ha detto che non vuole essere il Ministro del no
Anch'io ho usato privata mentre espressione simile del famoso seminario
ASPI nitore nell'abbazia e tutti i ministri ho detto certamente no no no pareva c'è però la realtà è così che oggi come oggi soprattutto
Uscendo da una crisi economica profonda ogni Ministero il Ministero del lavoro il Ministero della Sanità e verso la pubblica istruzione
Dell'agricoltura dell'ambiente
Produce soltanto richieste di ulteriori spesi quindi diciamo il rispetto poi vincoli europei diventa diventa allora sì un problema di carattere politico e quindi
Diciamo
Il ministro deve essere il tecnico Bruxelles e politico a Roma quindi questo ircocervo non so come si farà a produrre ma insomma
Buona fortuna chiedendosi se stesso
L'ordine
Risse concluderà nostra tavola rotonda per i cultori intende infine il ma è cosa nota
Che ingenti troppo una moglie precedente Rebecca Piercarlo sei rende che ti ascoltano
Il Ministro dell'economia
Carlo Padoa
Grazie
Per questo invito appena sono entrato mi è stato fatto notare che
Evidentemente il Ministero dell'economia e delle finanze non ha molto tendo la molto da fare se viene qui un'ora prima di quando
Deve parlare
Ma dico subito che io sono venuto per imparare perché
Veramente è una mestiere molto difficile questa è una delle cose che mi porta a casa dopo aver ascoltato
I miei predecessori se posso dirlo
Mi sento veramente ultimo in cotanto senno
Io non ho neanche avuto il privilegio
Di interagire con cartelli ma sicuramente
Ne sono stato un avido lettore nelle sue varie comune di espressione dalle relazione del governatore ad altri
Ad altri documenti ad altri messaggi
E
Guardando indietro alla sua opera sicuramente ci sono un'enorme quantità gli spunti che sono attualissimi che è stato già detto
Ne cito tre perché come credo sia chiaro sarà chiaro in quello che dirò
Spero molto rapidamente sono estremamente attuali la prima
La ben nota espressione dei lacci e lacciuoli che è stata evocata direttamente e indirettamente molto spesso che credo che oggi sia la strada estremamente attuale anche più che in passato
Il secondo elemento è il fatto che se non sbaglio fu Carli che tra altri
Ma lui personalmente si stesse molto a dire che il patto di stabilità si che doveva chiamare patto di stabilità e crescita
E terzo elemento che fosse non si applica una frase ma è un concetto che
Tra Spino dei suoi scritti e che
è utile avere più strumenti di politica economica a disposizione
Ed è importante provare a usare gli assieme quindi avere di conseguenza una visione
Della politica economica e cercare di applicare in modo magari non tecnico ma sicuramente politico il vecchio e sano principio dell'assegnazione degli strumenti agli obiettivi
Siccome io non ho molto da dire purtroppo per me sulla mia esperienza con Guido Carli lasciatemi usare la il secondo titolo secondo pezzo del titolo di questa tavola rotonda di cui io mi
Mi sento parte almeno fino adesso non è in questa fila Matisa posti tra poco lì
Se mi volete invitare alla prossima edizione
Parto da una constatazione che è una constatazione che mi porto appresso da qualche mese quindi anche prima di fare questo mestiere nuova inatteso mestiere come fosse colmo di voi sa
E cioè il fatto è molto semplice parliamo di Europa d'Europa guardiamo i numeri nel due mila quattordici accresciuta positiva in tutti o quasi i suoi Paesi membri
E questo è per sé un fatto importante perché l'Europa dei molti dei suoi Paesi membri ha vissuto due anni almeno di recessione profondissima che
Naturalmente è un problema nel momento in cui da osserviamo ma è ancor più un momento
Un elemento grave nel momento in cui facciamo i conti con i costi della recessione
Che vogliono dire danni permanenti molto difficili da recuperare
L'Europa è un video perché può continuare a fare così può con un termine inglese molto noto
Continuare colmato introduco la sopravvivenza con una il tiriamo a campare magari in un contesto di condizioni monetarie che potrebbe diventare
Rischioso
Oppure potrebbe essere
L'inizio di una nuova di un nuovo sentiero di crescita di una
Di un
Sentiero di crescita più sostenuta e sostenibile
Da tecnico come tale mi sento
Almeno fino adesso sostanzialmente mi piacerebbe pensare che
Nei prossimi mesi si possa verificare un break strutturale nel sentiero di crescita europea in senso positivo
Perché cambia il modo in cui il meccanismo di crescita e rigenerazione del lavoro si muove
La differenza fra questi due scenari è ovviamente la politica
E cioè il modo in cui c'è una politica europea che affronta questa questione
E lo deve affrontare lo diceva molto giustamente Fabrizio Saccomanni non intermedi proclami
Ma in termini di decisioni concrete difficilissime nel contesto di decisioni europee ma anche nella dialettica fra decisioni europea decisioni nazionali
Io penso che sia il momento di dire e bisogna cambiare la direzione dell'agenda di politica economica in Europa
Non solo perché suona bene
Ma soprattutto perché mi sembra quasi la conseguenza logica di quello che è successo da quando
La crisi globale è diventata crisi europea possiamo divertirci a mettere una data di inizio molti la mettono quando è scoppiata la crisi greca fosse è cominciata prima
Un modo per a che io uso per analizzare gli anni che abbiamo alle spalle dividere la
è molto facile meccanico farlo dividerà in fasi che è successo alla economia europea la politica economica europea da quando la crisi che è scoppiata
C'è stato d'
Inizialmente un grande sforzo di aggiustamento sul piano per la politica di bilancio una politica fiscale
Questa è stata la prima cosa che i Governi europei hanno deciso di fare
Tra l'altro in un contesto globale perché è stata se vogliamo collocarlo colorate il risultato principale del G venti canadese dove il giudizio di allora fu
C'è stata una grande recessione abbiamo fatto un intervento di sostegno della domanda con tutti gli strumenti a disposizione compresa la politica di bilancio
Adesso ne siamo usciti e quindi rimettiamo allora finanza pubblica in ordine
Era una scelta ragionevole è una scelta ragionevole giudicare ex post era una scelta che forse
Faceva i conti con una analisi della crisi che poi si è rivelata incompleta
Il fatto che ci sia stata compaia intensità una doppia recessione non double detta e qualche volta ho molti ponti
In alcuni casi segnala che allora non si comprese bene che la crisi era qualcosa di più di una caduta della domanda si manifestava con una crisi di caduta della domanda
Ma era più profonda è una crisi finanziaria e la storia ci insegna che queste cose sono più dure da sconfiggere
In ogni caso una fase successiva alla fase di aggiustamento fiscale che nel intanto è continuato e ha prodotto risultati estremamente importanti che bisogna difendere
Non possiamo assolutamente permetterci di buttare al vento disporsi enorme di consolidamento fiscale che sono stati fatti non vorrei essere frainteso
C'è stata cioè però un'altra dimensione che possiamo chiamare per la vita alla crisi di competitività
Che è stata evidente nei Paesi del sud e la zona dell'euro ma è anche evidente sia pure con sfumature diverse nel nostro Paese
E l'aggiustamento a questo problema questa dimensione della crisi è ancora in gran parte incompleto certamente ritengo che sia in gran parte incompleto in Italia
C'è poi stato la presa di coscienza che è una crisi finanziaria richiede un aggiustamento del sistema finanziario mi sembra lapalissiano
E questa è la fase che attualmente
Trova il massimo di investimento politico ignoro in vari modi
Fra conferenze review del sistema bancario alla Sat quale sì per view gli stress-test ma anche ovviamente i progressi verso l'Unione bancaria progressi importanti io tendo a dire è un bicchiere mezzo pieno
Ma che possono essere ulteriormente la forza
Quello che manca e ripeto io sarei molto contento se sì togliesse ogni retorica da questa affermazione un ragionamento serio e non finito e non ideologico sulla crescita
Come si fa a far crescere l'Europa
Che non cresce cresce poco cresce molto poco diciamo da almeno quindici vent'anni e questo vale soprattutto per l'Italia
Quale la politica o le politiche per la crescita che funzionano nel contesto ovvero istituzionale concreto
Dale non li voglio chiamare i vincoli del sistema di obblighi europei che noi stessi ci siamo dati e che abbiamo rinforzato recentemente a livello nazionale
Quindi siamo noi
Qui abbiamo messo in campo e abbiamo accettato abbiamo abbiamo aderito a questi sistemi con questo sistema di vincoli bisogna allora cominciare a ragionare molto più seriamente
Di quanto è stato fatto fino adesso su cosa vuol dire generare crescita
Io non so se
Se sto dicendo una cosa che
Non è in linea con il mestiere di Ministero dell'economia e delle finanze ma io ritengo che il Ministro dell'economia e delle finanze non può
Non considerare il tema della crescita di un Paese come sua responsabilità
Naturalmente lo fa avendo il controllo diretto di alcuni strumenti e dialogando con gli altri titolari del Governo
Ma questo non si può eludere soprattutto
Se il problema della crescita in Italia non è qualcosa che si è manifestato con la crisi è qualcosa che noi sappiamo dura da molto tempo
E quindi va affrontato con questa logica
La logica che evidentemente una logica che per brevità Piano strutturale ma su questo tornerò un trauma
Sono molto d'accordo credo credo che fosse Vittorio Grilli per lo accennasse prima al fatto che dopo le euro
Non solo in Italia si sia persa una grande occasione
E cioè si sia persa l'occasione di continuare
A
Modificare il meccanismo strutturale dell'economia dopo la grande riforma strutturale che costituisce l'adesione alla moneta unica non dimentichiamoci
E l'euro è una gigantesca riforma strutturale perché cambia tutto almeno
Se poco in gran parte i meccanismi di funzionamento e quindi questo è il mio modo di concepire
Una fenomeno strutturale
Ed è una occasione persa
Dai Governi un'occasione persa anche perché è alimentata da un'illusione che i mercati hanno contribuito a
Alimentari
Voi tutti avete in mente io certo usato molto spesso un bellissimo grafico che descrive l'andamento degli spread dei Paesi della zona euro prima dell'euro nei primi anni e al momento bella crisi
Il periodo intermedio è un periodo nel quale è la differenza gli spread sono praticamente zero
è difficile notificati
Che cosa ci ricorda quel periodo che per un periodo per molti anni c'era l'illusione ma non solo nei Governi anche nei mercati
Che ove mai non fosse necessario fare più altro
La crisi finanziaria e il loro sciolto in day degli spread in direzione opposta quindi
Un errore almeno altrettanto grave come quello della
Precedente situazione
Ci hanno
Illuso che fosse
Non fosse necessario fare altro mi ricordo e questo lo ricordo più da studioso che ovviamente da
Membro di un Governo e che una delle teorie che andavano per la maggiore a cui io stesso avevo simpatia era l'idea delle cosiddette aree valutarie endogene cosa vuol dire vuol dire che se tu crei un'area monetaria
Dalla ma sera alla mattina perché introduce non è dalla sera alla mattina processo di
Costruzione ovviamente è stato faticosissima qui questa sala ci sono persone che hanno contribuito in primissima persona
Ma
Se tu introduci una moneta unica in un sistema di più nazioni
Le Nazioni reagiscono male l'economia scricchiola no però prima o poi da sole
In qualche misura si aggiustano a livello di
Sincronia dei cicli a livello di mercati che era il diventano più flessibile altrimenti scompaiono e così via
Questo si è rivelato essere purtroppo un grave errore
Ed è un errore che ha lasciato i suoi Segni in tutti i Paesi
Perché dico questo non perché voglio nascondermi e dire che l'Italia non ha dei problemi ma perché il problema dell'aggiustamento strutturale è un problema che tutti i Paesi membri della zona euro annui compresa la Germania
Nella mia nelle mie funzioni precedenti quando ho visitato
Con quando visitavo la Germania e parlavo con
I membri del Governo dall'Amministrazione di quel Paese Cologno vecchia funzione
Facevo notare che anche un Paese forte o più forte degli altri come la Germania
Avesse dei problemi strutturali e lo ripeto qui non perché voglio nascondere i problemi gravissimi del nostro Paese ma per dire che
In Europa è matura una ragionamento vero e non finto sui problemi della calci
Le questioni strutturali per questioni strutturali vengono ripetutamente richieste essere poste allora alto dell'agenda del Governo ed è sacrosanto
Ho però allora bisogna anche entrare un po'più nel dettaglio di che cosa vuol dire avere una strategia di riforma strutturale che funziona
Questo è un argomento molto complesso anche perché non c'è una ricetta unica anche perché sotto il nome di agenda strutturale vanno cose molto diverse anche perché determinate riforme funzionano diversamente
Se collegate o meno a altre riforme se c'è un pacchetto o meno
E soprattutto funzionano diversamente a seconda di quello che per brevità si chiama livello delle istituzioni
Una medesima legge che viene applicata in modi diversi perché l'Amministrazione funziona diversamente produce risultati diversi
Produce risultati diversi una medesima legge una medesima norma a seconda del modo in cui il sistema
Giudiziario il sistema di giustizia civile amministrativa funziona questo è un caso
Molto morbido del dell'Italia e mi ricordo che visitare
Il Ministero guidato dal Ministro Severino nella mia funzione OCSE e si parlò di questi problemi dell'Italia e sono stati fatti importanti progressi
Bisogna continuare a fare di sono progressi che non si vedono giorno per giorno ma che poi cambiano il modo in cui il sistema funziona
Quindi le istituzioni comprese le istituzioni politiche in senso alto complete compresa la legge elettorale compresa la riforma adesso in discussione al Parlamento l'abolizione di un livello di governo intermedio
E qualcosa che come probabilmente sapete non è una peculiarità italiana anche in altri Paesi
Si sente il bisogno di fare qualcosa in questo senso e perché queste contano perché evidentemente sono il veicolo attraverso il quale un Governo legifera in modo efficace e il Paese assolve in modo efficace
Queste o meno queste regole
Quindi
Quali riforme quale pacchetto di riforme quali condizioni di contorno per cui le riforme de delle IPAB due riforme danno risultati
è un paradosso fattomi notare qualche tempo fa da una
Amico e collega economista
Non italiano ma conosce benissimo l'Italia danni al grosso era il seguente
Se prendiamo gli indicatori di liberalizzazione dei mercati dei prodotti e del lavoro dell'OCSE mi diceva lui sembra che l'Italia sia uguale ad altri Paesi avanzati come mai che non si vedono i risultati
E una delle ragioni su cui abbiamo cominciato a ragionare avevamo avevano cominciato a ragionare all'OCSE ma che credo sia importante
è che mancano indicatori di capacità di implementazione per sapere se la medesima regola funziona in un modo nella
Terzo elemento per valutare l'impatto di una politica di riforme è il quadro macroeconomico è inutile che ce lo nascondiamo
C'è evidenza crescente e ci lisce che gli impatti in termini di occupazione o di investimenti delle imprese varia al variare del ciclo economico
è più basso nel momento in cui l'economia e più ferma comincia a prendere il rigore nel momento in cui l'economia accelera
Quindi nel valutare l'impatto delle riforme e di conseguenza valutare anche la sostenibilità politica e sociale delle riforme la dimensione macroeconomica conta perché dico questo
Perché c'è un problema di diversi profili temporali tra l'andamento macroeconomico all'andamento strutturale
Mi sembra di nuovo fosse Vittorio che citava o fosse no comunque me ne scuso
Un punto è stato detto molto importante lo e qual è l'orizzonte temporale della politica di bilancio non voglio dire del ministro voglio dire della politica
Di solito è un orizzonte temporale relativamente breve mentre l'orizzonte temporale delle misure strutturali relativamente lungo
In condizioni di
Stringenti sa della quadro macroeconomico del quadro di finanza pubblica
Il risultato e quindi anche la sostenibilità di consenso di una di una riforma varia molto perché dico questo non perché di nuovo voglio nascondermi dietro difficoltà che sono chiare a tutti voi
Ma perché ripeto se si vuole fare in Europa un discorso serio sulla crescita e si continua a dire in Europa e io sono totalmente d'accordo
Che la via maestra per la crescita sono le misure strutturali allora bisogna essere anche molto chiari per sapere a quali condizioni le misure e quali misure funzionano e a quali no
Questo va messo nella gente
L'altro elemento questo elemento dall'agenda soprattutto indirizzato secondo me
Al all'Old dimensione nazionale anche se lo scambio
Di idee di esperienze ma anche di analisi degli spillover del l'impatto di politica nazionale sui vicini
Va discusso insieme ci sono poi
Elementi squisitamente europea anch'essi sono stati citati
Che dovrebbero far parte di una strategia europea
Su questo io sarò ancora più
Vecchia maniera o démodé se volete di quanto possa essere sembrato fino adesso io continuo a pensare che il potenziale di crescita del mercato interno sia in gran parte non sta tutta
Lo possiamo chiamare Europa venti venti ai miei tempi in un contesto di collaborazione al Governo qualche anno fa anche insieme a Giuliano Amato
La
Il nome
Di questo tipo di ragionamento era l'agenda di Lisbona allora una cosa che ha raccolto sempre che è una cosa banale
Che allora il dibattito su cosa fare per sostenere l'economia europea era facciamo come negli Stati Uniti introduciamo la cosiddetta new economy nell'economia europea quindi le
Tecnologie dell'informazione
E la cosa che col beneficio del poi
A mi stupiva era
Non si parlava pregnante in Cina
Non si pagava per niente di nuovi mercati emergenti e quindi di
Oggi diremmo di opportunità e sfide come volano di tredici
Queste cose secondo me rimangono importanti fondamentali elementi di una strategia di crescita
Però qui dobbiamo essere di nuovo sei
Senso dobbiamo veramente andare al di là delle
Declamazioni di questo dimensione strutturale per
Guardare alla crescite e dobbiamo
Chiederci
Un po'più seriamente in che modo è possibile far sedere i Ministeri dell'economia con i Ministri degli altri dicasteri allo stesso tavolo non perché è una scelta Monia che sta bene vedere ma perché è utile farlo
E questo solo dico non con una battuta ma perché
Perché ci credo fosse
Come Ministro dell'economia imparano coi a dimenticare quello che ho detto in un'occasione precedente ma io penso che questo sia compito dell'agenda dei Governi deve essere ovviamente compito dell'agenda dei capi dei Governi oltre che dei ministri
Ricordarci questo
Io mi avvio alla conclusione non voglio parlare dell'agenda del Governo perché ci sono state altre occasioni e ci saranno altre occasioni e poi perché il Governo sta lavorando a misure
Concrete che saranno ovviamente tra breve nel dibattito parlamentare nel dibattito del Paese
In questi prime settimane del mio lavoro sono stato colpito o ingenuamente come molte altre cose faccio ingenuamente dalla gigantesca quantità di informazioni vere o presunte che sono messe in circolazione
E per questa ragione io tendo a dire il meno possibile a meno che non abbia qualcosa da dire veramente
E credo che in questa fase del dibattito la politica economica sia opportuno che il Ministro dell'economia dica aspettate un attimo per favore mi chiedete tutti dei numeri i numeri veri darò speriamo che siano quelli buoni
Vorrei concludere dicendo che
Sono stato molto contento di aver lasciato il Ministero un'ora prima di quanto dovesse essere qui perché
Ho imparato molte cose
La prima cosa che mi porta a casa che i problemi non solo nuovi
Sono molti dei problemi sono il lungo termine sono connaturati alla storia del Paese ma questo non vuol dire qui non bisogna cercare di ad aggredirli in modo
Che si ritiene efficace
La seconda cosa che ho imparato e di questo lavoro è molto più difficile di quanto io te messi
Questa è una cosa che mi porta a casa oggi e la terza cosa e ho finito e per rispondere a Fabrizio caro Fabrizio io non sarò solo il Ministro del no ma anche del no
Grazie
Luis citati
Ma
Devo dire che è per me personalmente per la nostra università
è stato davvero un grandissimo onore avere la possibilità di ospitare il proprio qui questo momento di celebrazione in occasione appunto del centenario della nascita di Guido Carli
Parliamo oggi abbiamo parlato a lungo di un uomo straordinario un uomo ovviamente che ha fondato anche la nostra università e alla cui visione alla cui cultura alla cui mission ancora oggi ovviamente noi ci schieriamo
La giornata di oggi è stata e voleva proprio essere anche come ha detto Paolo Peluffo nella prefazione del del libro anche che oggi abbiamo presentato
La trasmissione della memoria da parte di una generazione quindi oggi parlando di Guido Carli della sua esperienza della sua
Straordinaria personalità a me pare anche che abbiamo trasmesso anche ai nostri ragazzi che sono qui proprio la memoria di una generazione di un lavoro straordinario fatto di personalità
Grandissima e che hanno lavorato per
Il progresso e il miglioramento del nostro Paese può essere anche appunto la memoria di un uomo io non ho avuto il piacere l'onore di conoscere ma che
I cui anch'io ho letto molto
Di un uomo che ha come dire avuto uno straordinario prestigio di un uomo anche di passione perché anche questo è uscito oggi meglio ricordi che le molte persone che lo hanno conosciuto che vi sono stati anni
Ci
Di un uomo che è stato davvero un civil servant nel termine nel senso più ampio e più
Straordinario del termine un economista un giurista un uomo anche di straordinaria capacità di reazione politica con questa capacità
Di sintesi di cui parlava prima Domenico Siniscalco che certamente
è stato un grande protagonista di cinquant'anni della nostra storia italiana
è un uomo ma anche su questo tornerò molto brevemente e questo è un valore incredibile che già come ricordava prima Giuliano Amato nel settantuno debba e
Con grande forza e con grande determinazione
Parlava dei problemi di questo Paese parlava
Delle spinte degenerative parlava del problema appunto di una società che si stava frammentando
Di una corporativi zonazione che cresceva di una frammentazione politica che alla fine trova la sua sintesi spesso con un aumento del debito pubblico per non affrontare una parte dei pro e dei suoi problemi quindi un uomo straordinario che ci insegna ancora oggi molto
E credo che appunto ci siano ancora ci sono delle cose molto importanti
Del nostro momento storico
Che possiamo proprio come dire attingere dall'esperienza dalla memoria
Dal prestigio dalla visione e anche perché no dal pragmatismo con cui Guido Carli è stato protagonista nei cinquant'anni della storia del nostro Paese voglio sottolinea va bene
Due aspetti prima poi di parlare come io credo che Guido Carli ci insegna e ci ci dia una strada per affrontare il problema il momento molto delicato i problemi molto delicati che oggi il nostro Paese e l'Europa stanno vivendo
Io credo che ci sia un'analogia importante soprattutto nel periodo degli anni Sessanta nove settantatré
Quando lui affrontò appunto il tema della piena degli accordi di Bretton Woods
Il lo shock petrolifero l'impennata dei ribelli dei salari non è certo questo momento ma insomma in un momento molto complesse solo dove si intravedevano con chiarezza
Le difficoltà di aggiustamento che il nostro Paese aveva rispetto a un momento di apertura
Di apertura dei confini economici già lì appunto come dicevo prima lui evidenziava con chiarezza la fragilità
Del nostro sistema questa sua incapacità ad adeguarsi ai cambiamenti all'apertura internazionale cambiamenti che erano in corso
E elude appunto lavorò per imporre questo vincolo esterno cioè il appunto il Trattato di Maastricht per cercare di fare evolvere in positivo e cercare di far superare al nostro Paese i suoi vincoli e i suoi difetti
Non cerco e io sono d'accordo credo anche con una con Saccomanni quando dice
La sua scelta di passare poi dalla Banca d'Italia la presidenza di Confindustria va visto in un disegno in cui cerco anche di portare nel mondo imprenditoriale questa stessa visione cioè la visione
Di un mondo che doveva cambiare doveva perché se la concorrenza doveva accettare una maggiore trasparenza nei rapporti tra privato e pubblico ha una laurea
Dea
Nel suo statuto d'impresa
Dove appunto ogni impresa doveva dichiarare con chiarezza quali erano i sussidi pubblici quali erano i rapporti col pubblico quindi lui lavoro molto
Anche sulla parte imprenditoriale e cerca proprio di portare avanti questo disegno anche nell'imprenditoria sempre anche però
Evidenziando e sottolineando l'importanza dell'impresa privata nella produzione nella creazione di ricchezza evidenziando anche questa sentimento un po'anti impresa che si andava affermando nel nostro Paese
Evidenziando anche che appunto a una maggiore apertura dei confini economici nel mondo imprenditoriale doveva anche corrispondere una maggiore apertura ai capitali di rischio cioè di un lavoro sempre per questa logica
Non di protezione ma sempre di apertura a trecentosessanta gradi
E ovviamente
è molto chiaro e lo ha sottolineato Mario Draghi nella sua testimonianza e carico di questo ne era molto convinto non c'è dubbio ed è stato sottolineato da molti anche degli interlocutori di oggi che
L'adesione a Mestre l'adesione
All'Europa significava una cambiamento di paradigma
Complessivo del nostro Paese un cambiamento dei fattori di competitività un cambiamento che tutte le strutture economiche sociali e politiche dovevano portare avanti nel nostro Paese e su questo punto viene
Quello che sottolineavo prima l'analogia con quello che Luigi idee cioè la difficoltà
Nel nostro Paese ad adeguarsi a questi cambiamenti anche perché è su questo io sono molto d'accordo con Vittorio Grilli
Un po'perché noi eravamo
Più indietro magari rispetto ad altri Paesi un po'perché il modello europeo che si andava affermando che un modello più scagliato più fatto un tu su misura per i Paesi nordici ecco allora e vengo a qualche breve conclusione finale su che cosa
Ci insegna Guido Carli oggi e che cosa qual è l'evoluzione che noi dobbiamo avere e io sono d'accordo con quello che ha detto prima il ministro Padoa ne dobbiamo fare un ragionamento sull'Europa da una parte e un ragionamento sull'Italia dall'alta
Io credo sono totalmente d'accordo con quello che è stato detto in questi anni in particolare negli anni dallo scoppio della grande crisi
Finanziari all'Europa ha fatto dei passi molto importanti nella costruzione e nell'integrazione delle politiche monetari nel politica fiscale e di consolidamento del debito ed è il deficit è oggi vari strumenti
Che sono lì sono come dire obbligatori
Evidenzia una forte integrazione è un grande vincolo che tutti i Paesi
Che aderiscono all'euro devono portare avanti in termini di deficit in termini di politica fiscale e di consolidamento la mia opinione ma mi pare che è condivisa da tutti quelli che sono qui che hanno parlato prima
E che non dobbiamo tornare indietro da questo il tema non è tornare indietro da questo
Il tema invece è proprio quello che è stato sottolineato che io sento tutti i giorni anche come imprenditore lo vedo anche alla guida degli input dell'incontenibile comprende la Confindustria europea il tema vero che se noi rimaniamo solo con questa gamba
E non completiamo l'altra gamba la gamba della economia reale della competitività in questi giorni in questi mesi in e ora in Europa si parla di industrial contatti politica industriale europea io la intendo
Alla alla Guido Carli lei intendo più come politica di competitività se noi non completiamo questa gamba
La il problema della crescita non arriderle non sarà risolto il rischio un rischio di deflazione e quindi noi dobbiamo costruire fortemente su questo però qui lasciatemi dire una cosa
Molto chiara cioè le cose da fare per tornare alla crescita le cose da fare per costruire questa seconda gamba della economia reale europea che si deve sviluppare che deve essere di fianco
Al fiscal compatte europeo le cose da fare sono chiarissima è stato ricordato prima sono state dette
Anni fa nella strategia di Lisbona sono state ritiri cordate nella politica venti venti da da alcuni anni cioè le cose da fare per sviluppare per fare crescita in Europa sono chiarissime
Sviluppare il mercato unico avere reti energetiche di trasporto i Comuni lavorare sul digitale lavorare sull'innovazione tecnologica cioè sappiamo perfettamente quello che dobbiamo fare
Il problema vero che non c'è una situazione per cui vengono portate avanti in modo chiaro cogente forte questo e politica di competitività al pare invece delle politica di consolidamento fiscale fino a quando rimane questa situazione per cui i Governi sono misurati sul livello del deficit e del debito ma non sono in realtà misurate sulla loro capacità di fare politiche pro crescita poco però competitive
Succeda quello che vediamo già che i Paesi in difficoltà come il nostro come altri per poi essere in linea
Con il fisco racconta cosa fanno aumentano le tasse per abbassare il deficit ma non non fanno sufficientemente le politiche per la competitività che servono i vari Paesi quindi io credo che il tema vero sia questo
Ci deve essere una necessità una volontà politica di dare la stessa importanza alla stessa cogenza di portare avanti politiche di competitività in Europa pari a quelle invece del consolidamento fiscale
Ma ad oggi questo non si vede c'è una resistenza in queste se noi continuiamo a vedere anche a livello di Commissione europea
Singoli commissari che portano avanti politiche
Una magari però competenze o competitività l'altro magari con logiche ambientali completamente controllare la competitività o no dopo c'è energetiche contro la competitività il risultato complessivo che in Europa non c'è una reale politica però competitività e su questo io credo che il semestre
Europeo a guida italiana dovrebbe veramente porsi come obiettivo non tanto quello di ritenere i parametri il tre per cento questi aspetti che secondo me
Hanno poco su possibilità di successo ma dovrebbe invece avere la forte
Capacità
Di imporre una come dire un compatta per l'economia reale una grande attenzione e una grande forza di
Politiche pro crescita che devono essere altrettanto cogenti di quelle della consolidamento fiscale solo in questo modo noi possiamo fare un passo in avanti importante a livello europeo secondo punto e chiudo sull'Italia io credo che come ha detto prima
Vittorio Grilli non c'è dubbio che serve
Un framework europeo per portare avanti le politiche di crescita di miglioramento di competitività
In Italia ma non c'è dubbio che una serie di scelte forti le dobbiamo fare a livello italiani
Io vedo in questo Governo la volontà di portare avanti una politica di riforme dei era
Per esempio la politica e il decreto legge sul contratto a termine da in questa direzione
Attendiamo di capire sul cuneo fiscale se ci saranno scelte chiare il ministro padovana ha parlato di ripresa di un processo di privatizzazione e quindi
A me pare che ci sia la volontà di andare in questa direzione
è molto importante che il Governo metta mano al termine della sposa pubblica non solo nella sua quantità che certamente da ancora ridotta su alcuni
Capitoli ma io credo anche nella sua qualità c'è nella politica di allocazione della spesa pubblica non possiamo continuare a fare la spesa pubblica che va ah magari a creare società di pubblico diviso società imprese pubbliche soprattutto a livello locale sette mila sette mila cinquecento che nel settanta per cento dei casi perdo la fanno concorrenza sleale alle impresa cioè c'è un meccanismo proprio di allo che sale la spesa pubblica che è sbagliato allora su questo io credo che
Il Governo certamente
A deve andare avanti il primato della politica nessuno lo disconosce quindi certamente le scelte spettano
Alla politica al Governo ma io credo che per un'impresa così forte di
Riforme strutturali di cambiamento strutturale che come abbiamo detto non è stato fatto con sufficiente forza nel nostro Paese il Governo ha comunque bisogno di alleanze l'idea che solo il Governo da solo possa fare secondo me è un'idea
Come dire da di vedere io ho preso penso che il Governo abbia bisogno di alleanze nella società nelle rappresentanze dei cittadini in tutti quelli che credono che solo attraverso come dire lo sradicamento di privilegi
Mi situazioni come dire di non chiarezza ma lasciando spazio al mercato alla concorrenza all'impresa privata sana
Si può andare nella giusta direzione a cui io penso che cui serve una forte alleanza dove ognuno al proprio ruolo la politica il suo primato
Gli altri devono ragionare in questa direzione ma solo attraverso una forte alleanza di tutte le forze che sono per la crescita per la competitività
Il Paese ce lo può fare io penso che gli imprenditori europei che oggi rappresento ma certamente imprenditori italiani sono per questo hanno
Certamente vantaggi e credono culturalmente in questo cambiamento forte che si vuole portare avanti importante farlo a farlo con determinazione farlo realmente eseguire
Tutte le scelte che vengono annunciate e in questo modo io penso che nonostante le mille difficoltà che anche oggi sono state come dire ricordate ce ne sono tante e ci sono tante resistenze ma anche una soluzione di questa difficoltà
Lavorando tutti in questa direzione il Paese nonostante le difficoltà può farcela e può riprendere un percorso di crescita che è fondamentale per noi ma è soprattutto fondamentale per i nostri figli e per le future generazioni grazie
Con
Con
Con