25MAR2014
intervista

Intervista a Vincenzo Santangelo sul Disegno di legge Delrio teso a riorganizzare le Province, in discussione alla Camera dei Deputati

INTERVISTA | di Claudio Landi ROMA - 00:00. Durata: 2 min 39 sec

Player
Il Ddl Delrio sulle Città Metropolitane, le Province, le unioni e fusioni di Comuni cambia la struttura degli enti locali, in previsione della riforma del Titolo V della Costituzione, che dovrebbe nuovamente modificare organi e funzioni.

Il Movimento 5 Stelle propone un Disegno di legge costituzionale che preveda l'abolizione delle Province.

"Intervista a Vincenzo Santangelo sul Disegno di legge Delrio teso a riorganizzare le Province, in discussione alla Camera dei Deputati" realizzata da Claudio Landi con Vincenzo Santangelo (presidente del Gruppo al Senato, MoVimento 5 Stelle).

L'intervista
è stata registrata martedì 25 marzo 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Aree Metropolitane, Comuni, Corte Costituzionale, Costi, Costituzione, Delrio, Economia, Enti Locali, Istituzioni, Politica, Provincia, Renzi, Riforme, Spesa Pubblica.

La registrazione audio ha una durata di 2 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale abbiamo sui colori Vincenzo Sant'Angelo Presidente dei senatori Cinquestelle e presidente qual è la vostra opinione su questo provvedimento che tenderebbe in qualche modo a limitare le Province il ruolo delle Province è un provvedimento che tende a prendere in giro ancora gli italiani
Perché non abolisce le Province un provvedimento che nasce
Per questi sono dei contenuti invece qua tutt'altro vengono aumentati il numero di posti che vengono dati vengono aumentata la poltrona
è per questo abbiamo proposto che venga discussa e mi ha detto immediatamente un disegno di legge costituzionale e costituzionale costituì nata perché le Province per Costituzione vanno bolide secondo questa questa via tra l'altro la via che è la Corte Costituzionale ha chiaramente
Indicato come l'unica via percorribile possibile affidi praticabile che secondo voi questa riforma delle Province realtà non punterà minimamente all'abolizione
E le Province livelli intermedi del sistema delle autonomie ma potrebbe da addirittura peggiorare le cose assolutamente sì non facciamoli anche giri di parola non vogliamo di formare le Province e vogliamo assolutamente abolirla
Perché volete abolire
Perché dal punto di vista economico è un costo che la società ma un po'più mantenere
Le stesse cose che quando la Provincia possono essere fatta per esempio da da comuni possono essere con riviste un'organizzazione di tutto il sistema in modo tale da diminuire il numero delle poltrone dare qualche posto e me ne politici
è ridurre realmente costi che l'impatto all'incidenza che hanno sull'economia ha della società italiane perché bisognerebbe distribuire poi le competenze e le Province altri livelli istituzionali che non è una cosa facile
Nulla è semplice però ci troviamo a vivere un momento dal punto di vista economico che è assolutamente insostenibile per cui ecco quando parliamo di riforme e le riforme vanno fatte in maniera seria in maniera saggia
In maniera anche competente voi avete proposto appunto che venisse messa all'ordine del giorno di dicembre deteriore di rango costituzionale perché vi è stato detto di no
Questo lo discuteremo anche tra poco in in Aula è stato fatto un'interpretazione irrazionale a parer nostro
è stato letto il regolamento parlamentare messo in relazione con alla Costituzione qualcosa che non c'è mai vista impatti chiederemo quali sono i precedenti
Di questo caso è il primo passo che che che vena che descritte ci troviamo ad affrontare quindi bene la ringraziamo e un saluto come sempre non si mittente da Radio Radicale