26MAR2014
stampa

I conti pubblici: la proposta di modifica dell'articolo 81 della Costituzione sul pareggio di bilancio

CONFERENZA STAMPA | ROMA - 17:00. Durata: 15 min 45 sec

Player
Registrazione video della conferenza stampa dal titolo "I conti pubblici: la proposta di modifica dell'articolo 81 della Costituzione sul pareggio di bilancio" che si è tenuta a Roma mercoledì 26 marzo 2014 alle ore 17:00.

Con Alfredo D'Attorre (deputato, componente Commissione Affari Costituzionali, Partito Democratico), Stefano Fassina (deputato, componente Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione, Partito Democratico), Danilo Leva (deputato, vice presidente della Giunta per le Autorizzazioni a Procedere, Partito Democratico), Andrea Giorgis (deputato, componente Commissione Affari
Costituzionali, Partito Democratico).

La conferenza stampa è stata organizzata da Partito Democratico.

Sono stati trattati i seguenti argomenti: Bilancio, Costituzione, Debito Pubblico, Economia, Finanza Pubblica, Francia, Investimenti, Lavoro, Occupazione, Partito Democratico, Politica, Riforme, Spesa Pubblica, Ue.

Questa conferenza stampa ha una durata di 15 minuti.

Oltre al formato video è disponibile anche la versione nel solo formato audio.

leggi tutto

riduci

17:00

Organizzatori

Partito Democratico

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Grazie
Di esser qui ringrazio oltre a Stefano Fassina Danilo Leva e Andrea Giorgis che si sono uniti e questa nostra iniziativa purtroppo è rimasto bloccato in Toscana per impegni di carattere familiare
Andrea mance Lulli che era uno degli altri proponenti di questa idea un'idea una proposta che noi offriamo la discussione
Innanzitutto al nostro partito il Partito Democratico ma di tutore forse parlamentari e anche di una più ampia opinione pubblica parte il processo delle riforme noi siamo impegnati a sostenere
Con decisione sia la riforma del bicameralismo sia la riforma del Titolo quinto teniamo queste
Delle riforme dei cambiamenti necessari e urgenti siamo per sostenere naturalmente con le nostre idee lo sforzo riformatore messo in campo
Dal Governo dal premier Renzi
Siamo alla vigilia dell'adozione di provvedimenti economico sociali impegnativi
E tuttavia riteniamo che nel momento in cui comincia una stagione di riforme il vero coraggio sia quello di affrontare il nodo di fondo
Che oggi bloccata una ripresa dell'economia rilancio della società italiana che è costituita
E questo sistema di vincoli europee
La difficoltà a individuare coperture i provvedimenti economici pure annunciato denunciati dai Governi ci dicono
Quanti quanto questi vincoli siano costretti con questa proposta che adesso noi illustreremo noi siamo per andare al cuore del problema reti a lanciare questa discussione anche alle riforme costituzionali
Uscire
Dalla retorica ancora vigente dei compiti a casa in Italia di compiti che abbiamo fatto di molti negli ultimi anni alcuni anche sbagliati forse troppo
Penso alla riforma delle pensioni che ha creato decine di migliaia di soldati penso all'aumento incontrollato della precarietà penso all'abbandono di ogni forma di politica industriale
Allora il problema non è quello di fare genericamente i compiti a casa
Ma di mettere in discussione è una costruzione una governance dell'Euro dentro la quale
Non c'è nessuna possibilità di ripresa per la nostra economia
Noi siamo credo dentro il voto francese cielo testimoniare le elezioni europee
Rischiano di essere la drammatica conferma di questo dentro un meccanismo di trasmissione della crisi democratica dalla periferia al centro dell'eurozona
Grecia Portogallo Spagna Italia Francia la successione abbastanza evidente
Crediamo che nel vivo si debba affrontare questo tema sfidando il populismo anti europeo ma non semplicemente per lisciare me diverso ma
Sfidando nel suo nucleo come dire di di verità che quello che solleva il tema della sovranità democratica e del potere degli Stati nazionali di
Compiere scelte di politica
Economica questo il punto di fondo che credo vada sollevato e che in qualche modo teniamo porre all'attenzione con questo nostro emendamento una proposta emendativa che è stata consigliere consegnata poi lascio la parola a Stefano Fassina
Riformula il comma due
Dell'articolo ottantuno della Costituzione che come ricorderete è stato modificato nel corso del due mila del due mila e dodici è una modifica che a nostro giudizio e pienamente compatibile
Con
Gli accordi internazionali che il Paese ha firmato ricordiamoci che altri Paesi come la Francia non hanno introdotto il vincolo del pareggio di bilancio in
Costituzione
Ed è una modifica che sana una contraddizione palese nostro Paese si sta battendo a livello europeo per introdurre la cosiddetta golden rule
La regola d'Oro che consenta di scomputare le spese per investimenti produttivi o infrastrutturali dal calcolo del deficit
Abbiamo una formulazione di questo comma della Costituzione che di fatto impedisce o rischia di rendere anticostituzionali
Spesse per investimenti quindi la proposta è molto semplice è una sostituzione dell'attuale formulazione del comma due
Una formulazione molto semplice che dice il ricorso all'indebitamento è consentito al fine di finanziare investimenti formulazione che tra l'altro riprende
Pari pari quella che è contenuto nell'articolo centodiciannove della Costituzione riferita agli enti locali è un
Cambiamento semplice dal punto di vista giuridico-costituzionale ma dal nostro punto di vista
Sarebbe un segnale molto importante dal punto di vista politico dal punto di vista culturale dal punto di vista del messe a giudizio fondo che si manda al Paese e che il Paese manda i suoi partner
Europee quindi questo il senso anche la proposta di oggi
Una proposta abbiamo voluto lanciare nel momento in cui concretamente parte la discussione sulle riforme costituzionali
Alfredo a detto sostanzialmente tutto il punto guardate non è quello di avere una rivincita ideologica rispetto a un paradigma
Quello neoliberista che dimostra sul campo risultati pesantemente negativi
Il punto è dare una risposta alle emergenze che sono emergenze economiche e sociali sotto gli occhi di tutti i dati sull'occupazione sulla chiusura delle imprese
Meno
Sottolineato
E per evidenti ragioni da quelli che parlando di economia commentano l'economia e il fatto che risultato negativo l'abbiamo anche in termini di debito pubblico
La linea dell'austerità e della svalutazione del lavoro determina risultati negativi ai fini della riduzione del debito pubblico questo il punto
Noi ci muoviamo dentro il quadro della cultura della stabilità una demo mai abbandonato alla cultura della stabilità segnaliamo Attili che insistono sul rigore
Che il debito pubblico nell'eurozona
Dal due mila otto e oggi aumentato di trenta punti percentuali dal sessantacinque al novantacinque per cento
In Italia dopo le pesantissime manovre dell'ultimo Berlusconi e di mondi il debito pubblico meritato di venti punti percentuali quindi
Oggi
Rigore
E crescita sono alternativi
E italiani che abbiamo alle spalle dovrebbero convincere anche quelli meno
Disponibile a guardare i dati di realtà oggi è decisivo la variabile fondamentale per la ripresa per l'occupazione e ripeto per la riduzione del debito pubblico
è la domanda sostegno alla domanda agli Investimenti
Eliminare
L'inibizione diciamo il vincolo inibizioni è contenuta nel comma due della Costituzione
Ecco condizione per
Rianimare la domanda per fare per dare spazio agli investimenti quindi anche per ridurre
Il debito pubblico come ricordava
L'onorevole D'Attorre
Noi
In una fase difficile siamo anche in Italia siamo andati oltre a quello che c'era richiesto anche a causa
Di appunto di di un'emergenza economica che bussava alle porte
Oggi a Bruxelles e chiediamo di scomputare Iglio investimenti dal calcolo del debito finanche la il cofinanziamento dei fondi strutturali dal calcolo del debito
E sono richieste incompatibili con la nostra Costituzione quindi davvero auspichiamo chiudo che
Tutte le forze politiche tutte del Partito Democratico innanzitutto guardi a questo emendamento come
Un atto utile al al Paese
Al fine di sostenere la ripresa
A al fine di sostenere l'occupazione al fine di sostenere il debito pubblico
Soltanto così noi possiamo spezzare il circolo vizioso la spirale
Tra stagnazione disoccupazione e debito pubblico quindi invitiamo
Davvero a fare una discussione di merito libera dagli dagli schemi che ciascuno ha seguito nel passato siamo di fronte o l'emergenza che dà economica e sociale diventa anche democratica
Molto
Rapidamente ma
Il rigore in questi anni è stato utilizzato per correggere gli errori politici che hanno prodotto gravi distorsioni
Però oggi nella fase in cui siamo non possiamo fermarci assolutamente qui dobbiamo operare senza indugio per il rilancio della crescita per il rilancio dell'occupazione
E inserire questo comma anche poi di fatto sostituisce la il comma due dell'attuale articolo ottantuno della Costituzione
Inserire questo comma hanno
Questa norma che consente lo scomputo del degli Investimenti
Nella Costituzione a un significato forte
Certo questa norma ha un tradimento a norma di rango costituzionale
Rappresenta da un lato un orizzonte chiaro
Messaggio chiaro anche al
All'Europa ma dall'altro consente anche una stima
Un
Non una sorta di stella polare rappresenta una sorta di stella polare per una serie anche di normative che nel corso degli anni
Sono intervenute in materia di enti locali dove c'era una grande confusione inserire questa norma nella Costituzione consente immettere un punto consente di tirare le file in qualche modo
Affinché appunto dall'indice ricorso all'indebitamento sia consentito per finanziare gli investimenti e gli investimenti sono una cosa diversa dall'indebitamento
E
Diventa fondamentale la presenza di questa ma nella Costituzione per questa ragione che innanzitutto una ragione di carattere culturale
Sì solo brevissima sottolineatura
L'emendamento proposto non
Riporta la situazione
A quella che abbiamo sperimentato e conosciuto negli anni del
Dello sforamento dell'equilibrio di bilancio e del consistente
Protrarsi come dire realizzarsi del debito pubblico perché l'emendamento prevede espressamente la possibilità del debito per le sole spese per investimento
Quindi
Potrebbe considerarsi questo emendamento un modo per prendere sul serio le preoccupazioni che come dire indussero alla modifica del due mila dodici ma prendere sul serio in maniera intelligente e cioè
Consentendo a quello che è stato prima ben spiegato di evitare che il rigore produca alla fine paradossalmente un aggravarsi del debito antiche
Un suo progressivo ridursi
Grazie non so se ci sono apre
Ma il veicolo è molto semplice come sapete probabilmente il Governo presenterà un DDL costituzionale in cui ci sarà sia la riforma del bicameralismo ossia la riforma del titolo quinto in questo DDL per ragioni di coordinamento formale è contenuto anche all'articolo ottantuno perché l'articolo ottantuno si faceva riferimento all'autorizzazione delle Camere
Quindi nel DDL costituzionale delle Camere con un coordinamento tra formare viene trasformato in della Camera dei deputati perché non c'è più riferimento al Senato essendoci contenuto
L'articolo ottantuno al DDL costituzionale un semplice emendamento può consentire questa sta modifica quindi esattamente
Nel treno delle riforme cioè con
Nell'ambito dell'iter della riforma costituzionale che si avvia
Sono informati di questo lavoro dobbiamo ovviamente discutere con tutti
Ma credo che
Diciamo questa proposta sia coerente con
L'aggettivo utilizzato dal Presidente del Consiglio qualche giorno fa alla Camera per illustrare il vertice europeo quanto definito anacronistico
Il tetto del tre per cento credo che siamo sulla stessa lunghezza Dunga una
Come sapete una
Sono proposte che facciamo da anni quando ancora non andavano tanto di moda le proponiamo vere adesso è positivo che vi sia una sensibilità e attenzione ai massimi livelli di governo
Solamente se posso aggiungere sia dal la proposta è stata anticipata semplicemente nel suo contenuto sia al Capogruppo sino al coordinatore la Segreteria nazionale io personalmente ritengo che questa strada la strada che noi indichiamo
Si rivelerà in tempi abbastanza rapidi come la via verso la via per poter passare come dire dalla dagli annunci e della comunicazione al terreno poi di decisioni effettivamente praticabile