29MAR2014
stampa

Conferenza stampa con Rita Bernardini sulla situazione delle carceri e dei diritti umani in Abruzzo

CONFERENZA STAMPA | Teramo - 11:41. Durata: 51 min 30 sec

Player
Carcere in Abruzzo: morte per pena o ricovero in ospedale psichiatrico giudiziario, questo il (mal)trattamento riservato dal Tribunale di Sorveglianza dell'Aquila ai carcerati affetti da grave depressione.

Un caso giudiziario emblematico nel carcere di Teramo: negata alla "regina dei rom" di Giulianova (Spinelli Pasqualina, moglie di Achille Di Rocco, capo dei rom di Giulianova) quella soglia di dignità che pur in carcere si richiede debba esser rispettata.

Registrazione video della conferenza stampa dal titolo "Conferenza stampa con Rita Bernardini sulla situazione delle carceri e dei diritti
umani in Abruzzo" che si è tenuta a Teramo sabato 29 marzo 2014 alle 11:41.

Con Vincenzo Di Nanna (membro della giunta, Radicali Italiani), Danilo Montinaro (dirigente medico ospedaliero ASL 2 Chieti), Maurizio Acerbo (consigliere della Regione Abruzzo, Partito della Rifondazione Comunista), Ariberto Grifoni (componente dell'Associazione Radicali Abruzzo, Radicali Italiani), Rita Bernardini (segretario, Radicali Italiani).

La conferenza stampa è stata organizzata da Radicali Italiani.

Sono stati trattati i seguenti argomenti: Abruzzo, Amnistia, Anm, Arresto, Carcere, Cassazione, Corte Costituzionale, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Coscioni, Criminalita', Decessi, Democrazia, Detenzione Domiciliare, Digiuno, Diritti Civili, Diritti Umani, Diritto, Droga, Economia, Edilizia, Emarginazione, Emergenza, Enti Locali, Europa, Garante Detenuti, Giustizia, Indulto, Informazione, Integrazione, Istituzioni, Magistratura, Malattia, Minoranze, Narcotraffico, Nomadi, Nonviolenza, Norvegia, Ospedali, Partiti, Partito Democratico, Partitocrazia, Penale, Politica, Psichiatria, Radicali Italiani, Rai, Regioni, Rifondazione Comunista, Riforme, Sabelli, Salute, Sanita', Servizi Pubblici, Servizi Sociali, Territorio.

La registrazione video della conferenza stampa dura 51 minuti.

Oltre al formato video è disponibile anche la versione nel solo formato audio.

leggi tutto

riduci

11:41

Organizzatori

Radicali Italiani

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Metafora
Io però non
Va bene
No
No francamente molto
Nessuno procede
Questo
Racconta
L'articolo cosa
Sentono ancora articolata
Nei mandati non essendo
Tocca adesso una prima abbandonato
Rispetto alle tre minuti
L'India
Non abbiamo
Partiamo
Lei di
In cui abbiamo
Pretendessero ci scappa
Strano Air France ve ne andate per Grillo
Nella Valle Camonica Servizi
Grazie
Presso l'Inpdap Tiziano
Essere
Privato pronte vediamo dove sta la previsione mafia silente
Dopodiché si scusa ci
E sarebbe vista
E lo so la lista
Avrebbero dovremmo proprio se se l'è vista fuori aspettiamo che entra
Nicolas
Va benissimo
Prefiguri pare con l'acqua
Precoce
Siamo siamo sta attendendo voi sono siamo precipua
Ma
Non c'è il TG tre
Il piano di rientro produrre
Nonostante
Allora
Se l'Europa se lo se lo prende delle prendetele inizio a fare
Non
Sì però siccome io so sfide il caso che intervistati
Quando sarà
Affacciato
A
No
Lei nominato
A manca quasi norme
Aveva
Capisce
Anch'io voglio fa la conferenza stampa e lo fa però iniziamo
E gliene siamo poi allora io
Dice lei tanto Emilia lei sa
Andando
Allora
Allora mi faccio fare sì però il problema
Brandolini
Imitare amministriamo voi allora
Vado posso
Buongiorno a tutti siamo qui oggi a Teramo in conferenza stampa ospiti del caffè grande Italia
Abbiamo invitato ed accettato immediatamente l'invito a distanza di pochi minuti quando gli è pervenuto onorevole Rita Bernardini nuovo segretario di radicali italiani
Abbiamo inoltre la partecipazione del consigliere regionale di Rifondazione Comunista acerba Maurizio Acerbo
La lo psichiatra Daniela Montani Montinaro poi ci sono con noi Ariberto Grifoni Rosa quasi bene
Li abbiamo invitato io ho mandato una un appello disperato devo dire
Rita perché perché siamo
Vivendo un momento in cui veramente si verificano all'interno delle carceri anche dei tribunali
Delle vere proprie atrocità
è l'ultima fase ormai quella dello smantellamento ultimo finale di delle dei dei figli e baluardi rimasti deve di libertà e democrazia
Mi chiedo nell'invito spedito alla stampa
Dover finita quella soglia di dignità umana che secondo la Costituzione secondo la Convenzione europea per i diritti dell'uomo ma
Anche dovrebbe esser secondo i tribunali
Deve essere garantita è assicurata pur all'interno
Di un carcere
Il caso per cui
Di malagiustizia per cui abbiamo
Rivolto l'invito alla stampa e quello di una persona
Pasqualina Spinelli moglie di attività perseguitato Achille Di Rocco quello dello sfratto dalla casa popolare eccetera
Che dopo che per diciassette anni è stata ritenuta
In una condizione salute gravissima
Tale da determinare l'incompatibilità conclamata con il regime penitenziario
Dopo che per l'ultima volta il tribunale a luglio del due mila dodici aveva fatto verificare le condizioni di salute e accertata nuovamente questa condizione di conclamata incompatibilità con regime carcerario
E posto a base della decisione di concessione del beneficio del della detenzione domiciliare la fermata e accertati
Condizione anche
Di
Violazioni
Della dignità umana se la carcerazione fosse stata protratta cioè non c'è solo questo l'aspetto dell'incompatibilità
Ma anche lì il carattere inumano e degradante e della pena se fosse proseguita l'esito destinazioni regime penitenziario
Scompare
Quattro marzo due mila quattordici il senso di umanità
Da parte dello stesso tribunale che prima aveva deciso per diciassette anni consecutivi che quella condizione carceraria con quel
Una persona con quelle caratteristiche
Poi ci potrà meglio illustrare questi aspetti Danilo Montinaro
Accettato l'invito con la sua competenza
Importante
E quindi viene meno anche
La dignità
Uma cosa è successo al tribunale di sorveglianza certo ci sono i rimedi soliti ricorso per Cassazione quello di quelli giurisdizionali soliti altri ricorsi altre istanze
Però e questo quello che sta accadendo che
Devo dire che queste decisioni questa decisione questa scomparsa del senso di di umanità
Al nelle motivazioni dei propri
Che
Su una base dei dei dei provvedimenti i recenti adottati dalla dal tribunale suscitano preoccupazione
Perché perché abbiamo la situazione è quella altre volte denunciata pubblicamente in altre conferenze stampa
Del il della carcerazione che riguarda una particolare tipo di patologia che è quella la depressione quando assume connotati gravi gravissimi
E c'è questa anomalia che non è considerata dalla giurisprudenza del Tribunale una patologia tale da determinare il differimento della pena per motivi di salute
E
Quindi
Domanda una domanda della del di
Da parte del giornalista del centro
Grande ore dovrebbe
Farla al microfono unicamente al registro si Diana abbi pazienza
L'ha studiato uno che cosa bene espiare qual è il tipo di ma e PAI che cosa è cambiato acciaio acqua acclamazioni è tornata in carcere
Allora forse sono stato poco chiaro si deve espiare un
Titolo un cumulo di vecchie pene vecchie condanne tutte per reati minori di scarso rilievo tutti i furti e furtarelli
Il quattro marzo c'è questa decisione da parte del tribunale che qui dopo perché per diciassette anni consecutivi aveva affermato in maniera fermo
Incompatibilità con regime carcerario con tanto di perizie d'ufficio non di parte decide improvvisamente
Di cambiare idea senza
Un ulteriore approfondimento che poteva verso l'esperimento di un'altra perizia ma quello che preoccupa e chiede una motivazione delle decisioni erano dello stesso tribunale scompare il richiamo al senso di domani di umanità
A quella dignità umana che pur deve
Essere rispettata anche per i carcerati e si che l'ultima l'ultimo provvedimento di differimento della pena che datata
Datato luglio due mila dodici
Basava la decisione di scarcerazione quindi come
Va decisione di
Far proseguire la carcerazione sotto forma di detenzione domiciliare su questo su un richiamo a quel principio di rispetto della dignità umana che poi sancito
Dalla Corte dalla Carta costituzionale e dall'articolo tre della Convenzione europea per i diritti dell'uomo
La spina gli altri narrare cinquantotto poi insomma a me poi ve la ricordate perché va sventurata modo gli enti quel dirò qualche lega stato sfrattato dal Sindaco di Giulianova nonostante sia stato assolto da tutte le accuse tre
Processi per spaccio tutte assoluzioni anche la Spinelli Pasqualina assolta da tutte le accuse persino a seguito del della celebrazione di un giudizio di revisione penale as
E quindi e quindi questo
Il contesto torniamo al punto
Morte per pena o ricovero in ospedale psichiatrico giudiziario
Questo il trattamento o il maltrattamento se mi si consente che rischia ma è un rischio concreto e reale chi come nelle condizioni di Spinelli Pasqualina si trova oggi ad espiare una pena
Inner regime carcerario nelle carceri abruzzesi in tutte le carceri abruzzesi perché l'orientamento del Tribunale questo per la patologia quale la depressione
Considerato che sarebbe secondo l'opinione del tribunale una patologia di matrice
Si giudica
Il differimento della pena è previsto dall'articolo centoquarantasette del Codice penale solo per le parlo patologie di tipo fisico sicché
Non esiste differimento della pena tutt'al più
C'è il rischio che poi diventa concreto e ci sono stati casi di ricovero addirittura in un ospedale psichiatrico giudiziario
Vi ricordo di quell'altro poveretto che fu mandato pur malato di
Questo ce lo potrà anche raccontare Danilo Montinaro che lo ha visitato altra persona detenuta nel carcere di Teramo per piccoli reati viene spedito in ospedale psichiatrico giudiziario
Perché per quale patologia la depressione
Si può curare la depressione con il lo con ricovero in mani nel manicomio giudiziario
è possibile a curare una persona June una patologia quale la depressione maggiore all'interno di un carcere
Quale rapporto c'è tra queste patologie e le morti per pena che si verificano e si sono verificate all'interno della Casa Circondariale
è quindi ho rivolto questo invito a tutti i presenti perché venissero a discuterne pubblicamente
Tanto
Vi ringrazio per la presenza io andrei lascerei atterrita le conclusioni se a meno che non ritiene di intervenire
In questo momento e allora darei la parola in questo ordine a Danilo Montinaro che ho più volte tirato per la giacca e poi al con il secondo poi anche le indicazioni che mi vengono allora al consigliere Acerbo ad Ariberto Biffoni
Volete se ci sono domande bisognerebbe avvicinarsi al microfono
Allora buongiorno a tutti ringrazio Vincenzo del dell'invito che è avvolto bene senza essere tirato troppo per la giacca
Io voglio fare una piccola riflessione insieme a voi su quello che
La il carcere che la patologia depressiva e che sono poi per concludo il discorso degli uffici
Io prendo spunto dal discorso che ha fatto dalla rimborsi Cassazione che ha fatto Vincenzo Di nanna
Per sottolineare come da questo ricorso c'è tutto una storia
Un excursus vite di questa persona che tra le varie patologie comincia poi ad avere una patologia depressiva seria parliamo di depressione maggiore che è a rischio tra l'altro il suicidio
E che poi dopo una serie di richieste
Nonostante il
Nonostante il sanitario del carceri dichiara beh e ad alto rischio per il regime detentivo alla fine dichiara e gestibile presso il nostro istituto
Beh la parola gestibile non sono un professore italiano però non significa che e
Tranquillamente curabile in
L'istituto come quello penitenziario
E chiaramente una una forzatura per dire Bezze proprio la dobbiamo prendere la possiamo curare cioè gestire non curare ma gestire
Io sottolineo questo discorso della depressione perché purtroppo nel carcere a vita poi penso che toccherà anche questo drammatico tasto il problema delle depressioni e purtroppo all'ordine del giorno
Pensate io qui porto in caso di un'altra
Sono atti che
Leggendo che quello che scrive il medico del carcere sta tranquillamente in carcere nonostante tra le varie patologia bianche quella psichiatrica con un
Grave disadattamento ambientale abbattimento e temo realizzazione disturbo depressivo posto traumatico da disadattamento in comorbilità con disturbo danze sintomi sono sociali
Sommati Cipa Nico e fobie e nonostante tutto
Resta in carcere
Oppure
Abbiamo colleghi perché il mio discorso investe soprattutto la categoria dei colleghi che spesso
Si avvicinano anche non conoscendo la situazione del carcere quello che può fornire il carcere a fare delle diagnosi e a dare
Spesso I magistrati anche delle
False indicazione qui ciò il caso di un collega che scrive
Questa persona è meritevole di un alto grado di attenzione soprattutto per la scarsa capacità di controllo degli impulsi con auto aggressività anche suicidare
Però alla fine conclude beh se fa un percorso che si corre abilitativo in carcere può rimanere in carcere poi io di chiederò come si può fare un percorso secoli abilitativo in carcere che impone delle regole
è un intervento sulla psiche sul
Sull'io e sul set del detenuto che sicuramente un'istituzione carente come carcere non ci può dare
Sapete tutti che le depressioni sono una
Una brutta bestia io mi permetto di usare questo termine
Perché possono colpire in qualsiasi momento possono far star bene è una persona improvvisamente per un qualcosa che può succedere e purtroppo non ambiente carcerario in un'istituzione questo all'ordine del giorno
Pensate succede in famiglia possiamo pensare che succeda ancor di più nell'istituzione
La persona si abbatte e fa un gesto che non dovrebbe fare purtroppo il concetto di
Curare questi enti questi pazienti depressi con rimedi che
Come ha detto Vincenzo Manna spesso sono
Quelli di mandarli agli occhi G per tenerli sotto controllo per avere una diagnosi più precisa chiaramente è un errore sia dal punto di vista e mi permetto di dire sia terapeutico che anche così sociale civile e morale
Perché purtroppo negli OPG non esiste una cura ma esiste la sedazione esiste la contenzione
E non ci sono anni che lo diciamo
E non siamo solo noi a dirlo sono anche purtroppo Rita le immagini televisive che ci giungono oltre che le notizie e devo dire che per il lavoro che faccio nella mia azienda
Purtroppo conosco benissimo queste sei realtà seria alta che purtroppo per lei ci particolari saranno ultra moltiplicati che avremo quattrocento minimo PG in tutta Italia
Che è soltanto una spesa inutili di denaro quando invece si può fare tranquillamente un discorso più serio più sul territorio permettendo alla persona sofferente
Di rientrare in famiglia purtroppo il troviamo l'ostacolo del famoso concetto
Su questo chiaramente di nanna ragione della pericolosità sociale che dovrebbe essere un concetto rivisto c'è una corrente di pensiero psichiatrico che dice che la pericolosità sociale non è un discorso prettamente
Prettamente sanitario ma guarderebbe invece un altro aspetto che dovrebbe essere eluso dal concetto della perizia
Io voglio soltanto sottolineare qui chiudo per lasciare la parola a persone vecchie entrando nel merito anche alla legislazione penso carceraria
Dicendo una cosa un mio paziente che ha vissuto molti anello PG e poi purtroppo è deceduto mi ha lasciato una frase che io riporto sempre dice dove siamo sagome trasparenti disegnati sui muri di una cella
Lo ha vissuto il carcere ha vissuto l'ospedale psichiatrico giudiziario nell'ospedale psichiatrico giudiziario lo intendeva sì qua siamo pazienti ma abbiamo le sbarre invece di avere
Persone che ci furono nelle celle abbiamo le sbarre e non abbiamo certo la possibilità di
Di essere aiutati a superare questo momento triste della nostra l'esistenza di questo sbaglio che tutti noi possiamo fare
E chiaramente l'indice indica indirizzato verso questo concetto della che la nostra Costituzione dovrebbe dire del rispetto anche
Del della pena ma che invece si tramuta molto in una pena afflittiva che
Viene consumata in mura che nulla hanno di aiuto personale che non ci permettono poi anche noi psichiatri
E siamo all'esterno di recuperare queste persone quando escono dal carcere abbiamo grossi problemi famiglie che non è accettano loro che non riescono a reinserirsi
Ma passi e i detenuti che esche sono entrati sani ed escono anche malati anche questo è da dire ed è una situazione molto deleteria io chiudo ricordando che in Norvegia
I casi sono tutt'altra cosa prendo
Prendo due righe su quello che il carcere di Albenga che mi ARES sono rimasto stupito sapete Cerci sta rinchiuso prediche che ha ucciso tutte quelle persone che c'era quella sua
è stato giudicato malato
Dal punto vista psichiatrico bella c'è un tv a schermo piatto un frigorifero un lettore DVD connessione ad internet
Finestre verticale che permettono una maggiore illuminazione mobili moderni ogni dieci dodici c'è l'ex
Ci sono una cucina
è una sala da pranzo la struttura immersa in trenta ettari di foresta comprende anche una stanza per la musica un percorso per gli occhi né una cassetta Conte una casetta con due stanze da letto
Dove i detenuti possono ospitare i familiari i secondini non hanno pistole e Mangione praticano sport in compagnia dei detenuti
Molti hanno detto sa questi mi sa molto di campi di vacanza per criminale eppure la reiterazione
Del reato in Norvegia e solo il venti per cento qua in Italia con tutte le strutture di difficoltà e le carenze che abbiamo nel carcere ed il settanta per cento quindi non so se questi campi di vacanza
Sono sicuramente più deleteri o meno delle nostre carceri io ti ringrazio e vi ringrazio dell'attenzione
Prende la parola il consigliere Maurizio Acerbo
Io ringrazio l'avvocato Vincenzo dilatando i compagni radicali per l'invito a partecipare a questa conferenza stampa
Perché quella battaglia sia sul carcere che sugli UPG è una battaglia che ci unisce sulla quale purtroppo
Complessa il dottor Montinaro abbia proceduto purtroppo non c'è la dovuta sensibilità dentro le istituzioni
Io vorrei dire soltanto alcune cose la prima rispetto
Alla questione dei mini o PG che
Che veniva segnalata cioè il fatto al di là della
Della proroga rispetto alle decisioni precedentemente assunte il fatto che comunque in Abruzzo ci si stia dirigendo verso una direzione sbagliata nonostante in più occasioni
E sia stato chiaramente manifestato alla Regione sì tutti i limiti
Di un'operazione che va a riprodurre la logica degli UPG sul territorio
Io voglio ricordare che
Da questo punto di vista in Abruzzo c'è una grandissima difficoltà a sviluppare un dibattito pubblico
E politico
Come se la questione
Possa essere facilmente derubricata dall'agenda il nostro sforzo quindi deve continuare a essere invece cercare di porla
All'attenzione e di imporre un'inversione di tendenza tra l'altro l'Abruzzo ha una pessima storia
In materia di Psichiatria oltre che di carcere perché sulla psichiatria ci sono costruiti più grandi affari
Che poi hanno portato diciamo la vicenda nota come sani toponimo anche di ben più lunga data e quindi c'è la necessità ancora in Abruzzo in nel campo della salute mentale
Di a vere una svolta e e invece la scelta dei Minio PG
è una scelta che va in direzione diametralmente opposta
Io sono particolarmente contento di essere questa mattina con l'onorevole Rita Bernardini perché negli anni passati nel mentre conducevo in Consiglio regionale la battaglia per fare approvare la legge di istituzione del garante
Dei detenuti
In ogni occasione in cui è stata Abruzzo l'onorevole Bernardini comunque in tutte le iniziative dei Radicali Italiani è sempre stato ricordato che l'Abruzzo era una delle Regioni
Che non aveva legiferato in proposito quella battaglia l'abbiamo vinta nel senso che a forza di insistere siamo riusciti a fare approvare
La legge ma voglio ricordare a tutti
Che comunque pur avendo strappato la legge non siamo riusciti ad arrivare
Alla nomina del Garante e io spero che nel che la prossima invece
Legislatura regionale essi
Si apra proprio con una decisione
In merito e che sia una decisione di qualità in materia cioè non una scelta
Interna alla lottizzazione partitocratica ma un investimento della politica delle istituzioni rispetto alla questione del carcere su questo vorrei giunge una cosa come diceva giustamente l'avvocato di nanna questo non dobbiamo vedere
La nomina di un garante dei detenuti come sostitutivo del lavoro che devono fare la magistratura il magistrato di sorveglianza
Quello che deve accadere
E che ci sia qualcuno che con costanza svolga un azione di stimolo presso tutti i livelli istituzionali rispetto al pianeta carcere che non può essere accantonato fuori l'agenda tra l'altro ricordo
Che adesso la Regione anche la competenza in materia sanitaria rispetto alla
Alla situazione dentro le carceri quindi questo richiederebbe un salto di qualità culturale di attenzione rispetto a tutta la materia per cui
è una battaglia
Da continuare a portare avanti
Nella nostra regione a livello nazionale e non aggiungo altro perché
L'onorevole Rita Bernardini sta facendo uno sciopero a trenta giorni quindi sull'emergenza carceri avrà lei le parole più giuste da dire in questa occasione
Sì grazie Maurizio mi sono dimenticato di ricordo autorevoli dovevo dirlo perché mi è doveroso tu sei cani candidato alla presidenza della Regione
Se questo non
Quindi adesso riprende voi Ariberto di vuoi prendere do la parola
Per luglio semplicemente per
Giungere un elemento
Importante ed è sostanzialmente
Quello che viene fuori anche nel dibattito internazionale insomma sulla situazione carceraria in Italia e dell'inizio di questa settimana
Il viaggio insomma Strasburgo del dell'attuale Ministro della Giustizia Orlando
E dove però insomma cioè si è messo in evidenza una un aspetto singolare vale a dire
L'aspetto secondo il quale
La politica i dati che vengono forniti sono insomma dei dati che poi non hanno riscontro nella realtà
Il venticinque gennaio scorso come bene ricordare presa dall'inaugurazione degli anni giudiziari
Dell'anno giudiziario è per quanto riguarda l'Abruzzo a L'Aquila il dopo la relazione del Presidente della Corte d'appello il funzionario
Del Ministero di grazia e giustizia che all'Aquila appunto quel giorno era Arioldi
Metteva in evidenza un dato che pare sia rimasto del tutto inevaso da parte del Ministro della giustizia Orlando a Strasburgo lunedì martedì scorso vale a dire
Che
Effettivamente sono quarantasette mila
I posti per ricevere i detenuti in Italia e
Questo funzionario del Ministero apertis verbis a di nuovo
Sottolineato il dato che da questi quaranta e di questi quarantasette mila vanno detratti almeno altri cinque mila boschi
Perché gli istituti i penitenziari sono soggetti normalmente a manutenzioni di di carattere anche straordinario e via dicendo per cui determinate Ali minati settori determinate sezioni dei carceri non possono essere utilizzate
Qui bisogna fermare l'attenzione perché se un Ministro della Repubblica
Peraltro davanti ad un'istituzione importante che ha già sanzionato o lo Stato italiano
Per che cioè un trattamento disse di disumano e degradante nelle carceri a proposito
Del sovraffollamento il ministro che rappresenta lo Stato
Sottolinea
Invece dei dati che non corrispondono alla realtà
Bella situazione che oltremodo grave proprio per e allora praticamente che cosa avviene avviene che è
Il rapporto tra
Lo Stato italiano e le istituzioni comunitarie viene comprata destra
Volto per dati che non sono corrispondenti alla realtà vale a dire la ritorsione e continua a essere molto grave
Sono oltre sessanta mila i detenuti nelle carceri italiane per un una possibilità di accoglienza
Che sicuramente inferiore a quarantasette mila posti diciamo
Quarantatré mila ecco questa e la situazione ora
Questa situazione qui si deve risolvere
Se non si vuole continuare ad operare nel modo in cui si sta facendo ora vale a dire soffocando in maniera
Appunto
Non umana la vita dei detenuti insomma ecco ora questa questione qui
Viene affrontata invece in maniera del tutto fuori
Registro considerati i dati che vengono presentati che non sono corrispondente la realtà
Questo è una una questione importante che pone all'ordine del giorno nella fatto più volte sottolineato
Che della necessità di arrivare a un provvedimento di
Amnistia ed indulto terra riportare la situazione innata con
In una situazione appunto che sia legittima posto che ora illegale illegittima ecco questo spessore
Guido Bernardi grazie ma io ringrazio veramente i miei compagni di Teramo
Fra i quali includo anche il dottor Montinaro perché
Lo devo sputtanare indiretta preso la tessera del partito radicale
Ma l'ho fatta anni
E così come ringrazio la presenza delle consigliere regionale di Rifondazione Comunista perché ringrazio dice ma che vi ringrazia del fra di voi però
Stiamo attenti ad una cosa di che cosa si occupano i radicali di Teramo di questioni che fanno prendere voti
Si occupano di questioni che gli fanno a vere potere
Si occupano di Intra lo Azzi
Nei consigli di amministrazione
Tengono in realtà acceso questo farò
La questione della regina dei rom
Ciani di cose
La etnia rom in Italia
è Lettonia in assoluto più discriminata
Con
Veri e propri atteggiamenti razzisti
Si occupano dei carcerati figuriamoci si occupano di una giustizia che non funziona
Lei giustamente
Mi riferisco alla giornalista del centro ha chiesto ma scusate per quali reati sta dentro
Ebbene in realtà
Secondo la Costituzione italiana possiamo sempre cambiarla ma c'è
Secondo la Costituzione italiana il titolo del reato quando i trattamenti sono inumani e degradanti non devono non deve valere per nessuno
Questo è stato più volte ribadito anche da sentenze della Corte cost della Corte di Cassazione e costituzionale io voglio ricordare
Questa sentenza del due mila e undici quindi anche abbastanza recente
Che poi vi darò anche gli estremi del tre marzo due mila undici numero ottantaquattro novantatre
Che diceva espressamente e si trattava del caso di un trafficante di sostanze stupefacenti che le esigenze di sicurezza del detenuto
Non posso non limitare la salute
Quindi diciamo che nemmeno la sua pericolosità sociale
Può
Farre sopportare alla persona trattamenti inumani e degradanti e quindi la mancanza di dignità di cui parlava Vincenzo dinamica
Quindi occuparsi degli ultimi noi va bene credo che sia stato accennato stiamo facendo una delle solite cose radicali un Satyagraha
Che vuol dire
La forza della verità
E allora se andiamo a vedere proprio questi ultimi giorni
Noi radicali sosteniamo che in Italia non c'è democrazia e che le cose si sono ulteriormente aggravate dopo trent'anni
Di democrazia calpestata di Stato di diritto calpestato ma in questi ultimi giorni che cosa è accaduto è accaduto che per esempio il Ministro della Giustizia Andrea Orlando
è andato sia a Bruxelles che a Strasburgo per rassicurare
E chi ci ha condannato
Chi ci ha condannato con una sentenza pilota guardate che essi infatti fossero stati illimitati ad alcuni casi non avrebbero fatto una sentenza pilota
Hanno fatto una sentenza pilota che ci dava la scadenza del ventotto maggio perché le condizioni di tortura
Di trattamenti inumani e degradanti riguardano la massa la struttura delle carceri italiane quindi è
è qualcosa di strutturale
E e Orlando il ministro Orlando andate in Europa per dire stiamo facendo abbiamo intenzione di fare
E
Satyagraha
La forza della verità allora noi lo chiediamo ufficialmente perché sapete io sono trentesimo giorno di sciopero della fame lo sciopero
Da qui alla
Ventotto maggio potrebbe arrivare al novantesimo giorno
Però la forza della la verità richiede anche obiettivi intermedi io credo che
Il nostro Paese potrebbe trarre grande giovamento
Primo
Se il Ministro della Giustizia e il Governo ci dicessero la verità sui posti effettivamente disponibili in carcere ricordava Riberto Grifoni
Se andate sul sito del Ministero della Giustizia trovate che i posti disponibili sono poco più di quarantotto mila
Dalle notizie che sono usciti uscite dalle unità audizioni che ha fatto Orlando si parla addirittura di cinquanta mila
Il da
Ci dice ufficialmente
Che sono compresi in questi quarantotto mila posti lì sezioni chiuse
Le sezioni inagibili lei sezione che non possono essere aperti e pur essendo magari nuove o ristrutturate perché non c'è il personale per aprirle
Orlando ce li aveva questi dati nella cartellina che ha portato a Bruxelles li ha forniti
Alla Corte ce li può dare anche a noi è possibile farli conoscere al popolo italiano
Perché il dato del sovraffollamento evidentemente non può ottenere conto delle sezioni chiuse
L'altra verità che vogliamo sapere
è quella riguardante i procedimenti penali pendenti
Fonti ufficiali quelli che vengono i dati che vengono riferiti in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario anche quest'anno
è stato così ci hanno detto che i procedimenti penali pendenti sono in aumento del uno virgola otto per cento quindi
Due mila e tredici su duemila e dodici
Tacciono tutti tutti Sempre un dato sembra che ci sia un'indicazione di omertà
E cioè
L'oltre un milione e ottocento mila procedimenti penali
Contro ignoti quindi siamo
Oltre i cinque milioni il dato che non riusciamo ad ottenere i danni lo abbiamo richiesto anche con
Interrogazioni parlamentari
è come composta questa massa
Cioè quanti
Procedimenti penali sono per pene edittali fino a tre anni
Perché sapete che un provvedimento di amnistia si fa in base alla pena edittale massima allora e da chi da quali tipo di reati è compresa questa
Quanti fino a quattro quanti fino a cinque perché solo conoscendo il dato si può
Fare un è provvedimento anche ragionato
Invece che cosa accade in Italia accade una cosa totalmente illegale
Che è quella delle prescrizioni cioè i procedimenti penali che cadono in prescrizione perché dico che è totalmente illegale perché sempre di più
Questa cosa viene decisa dalle Procure della Repubblica che fanno una scelta cioè mentre dovrebbe essere riservata alla politica tra chi è eletto loro sono funzionari dello Stato
Va bene
Che fanno in realtà una scelta politica scelgo no i procedimenti da far morire da far cadere in prescrizione quelli da celebrare
Allora
L'ultima è stata la Procura della Repubblica di Roma ma abbiamo avuto Emilia-Romagna abbiamo avuto addirittura
La direttiva fatta da Giancarlo Caselli e diffusa in tutte le procure ecco questo è illegale
Perché i magistrati che rivendicano tanto la loro autonomia non devono fare scelte
Dini indirizzò
Che poi varia da procura a procura perché una Procura potrebbe decidere
Che un certo tipo di reato è particolarmente
Lieve da da mandarlo che non succede niente se va in prescrizione un'altra procura può fare un tipo diverso di valutazione occorrono evidentemente
E questo poi confligge in un modo eclatante con il principio dell'obbligatorietà dell'azione penale
Che abbiamo solamente Noè in Italia
è un po'da parte della politica un lavarsene le mani perché in principio presuppone
Che occorre perseguire tutti reati il che è impossibile
Quando di Franco è materialmente impossibile
E tant'è vero che quando capita il nostro professore emerito all'Università di Bologna Giuseppe Di Federico che fa diritto costituzionale comparato va all'estero egli dice noi abbiamo il principio dell'obbligatorietà dell'azione penale questi dicono di come fare
Certo che siete molto bravi ma impossibile infatti ci sono le prescrizioni che però ormai
Anche se fatte in un modo così illegale non riescono a stare dietro al sopravvenuto per cui noi abbiamo una situazione
Perché non siamo condannati solamente per la violazione dell'articolo tre ma siamo condannati e in modo seriale da trent'anni
Per la violazione dell'articolo sei della convenzione europea dei diritti dell'uomo perché un altro diritto delle cittadino è che il processo non vada all'infinito
C'è la massima giustizia ritardata giustizia negata idee
Compresa non solo nella nostra Costituzione questo principio ma è compreso anche nella convenzione europea dei diritti dell'uomo
Articolo sei che noi violiamo costantemente sia per il civile zia per il tempo certo Renzi
Chi ha preteso allontanamento della Bonino
Come Ministro degli esteri forse perché temeva che gli avrebbe fatto un po'd'ombra non lo so
Renzi di giustizia
Non ne parla quasi che il che è assurdo
Che qualsiasi riforma di tipo economico possa viaggiare su una infrastruttura ammalata degradata ormai ridotta
Ad una vera e propria debacle come quella della giustizia che non funziona in Italia c'è tutto tutto il Paese dovrebbe marciare su una giustizia che funzioni in realtà non è così
E quindi di qui la nostra lotta ma ricordo anche
Il nostro impegno preciso e le richieste diciamo che questa richiesta mia parte oggi da qui dall'Abruzzo
Dai nostri compagni che non
Si vergognano di esporre ancora questo simbolo amnistia giustizia e libertà
Quel simbolo per il quale noi abbiamo preso lo zero virgola due per cento alle scorse elezioni politiche ma
Abbiamo ritenuto di doverlo fare poi ci sarebbe da trattare tutto il discorso a proposito di illegalità della illegalità dell'informazione a questo proposito dico
Onorevole Acerbo che potremmo fornire anche i dati che riguardano Rifondazione Comunista perché credo
Che sia anch'
Chissà fra le forze più discriminate
Dal servizio pubblico radiotelevisivo rigido che oggi qui non c'è non è un caso
Si parla di carceri si parla di giustizia si parla degli ultimi e a proposito di ultimi siccome nelle carceri
Ci sono anche
Tantissimi tossicodipendenti o comunque di persone che stanno dentro
Per
Spaccio uno spazio perché non necessariamente debba se deve essere spaccio con la legge Fini-Giovanardi si andava addentro e in questo momento noi abbiamo nelle nostre carceri migliaia di persone
Che hanno ricevuto una piscina
Più alta perché irrogata in base ad una legge incostituzionale che è capì subito otto anni
Nella totale incostituzionalità che cosa fa il Governo che cosa fa il Parlamento su questo e poi
Un'altra cosa che a me sta particolarmente a cuore può sembrare una cosa minore voi lo sapete noi siamo per la legalizzazione delle sostanze stupefacenti però
Io sono protagonista di una disobbedienza civile sulla cannabis terapeutica e devo dare atto all'Abruzzo
E credo anche con la collaborazione dell'associazione Luca Coscioni ma per iniziativa e per iniziativa e di Rifondazione Comunista
è stata varata una legge che sicuramente all'avanguardia sulla cannabis terapeutica perché prevede che la Regione possa attrezzarsi anche per la coltivazione
Ora la stessa associazione Coscioni attraverso un comunicato in due giorni fa
Già fatto sapere è che il le tabelle che sono state varate che adesso sono tre
è vero che
E non unificano come si era tenuto all'inizio cioè come il decreto Lorenzina era entrato in Consiglio dei ministri droghe leggere con droghe pesanti però è altrettanto vero
Che
La coltivazione per uso terapeutico è stata esclusa
Allora su questo evidentemente questo deve essere
Assolutamente modificato
Per cui anche su questo credo che ricorre che serva il nostro impegno
Cosa che non rispettiamo a proposito voglio ricordare
I mille quattrocento che sono cittadini per lo più
Familiari detenuti certo ci troviamo anche i militanti radical ma la massa dei mille quattrocento a formata
La detenuti e da familiari dei detenuti che vivono questi drammi
Del di un carcere inumano e degradante
Quindi questa era quello che volevo dirvi sull'al magistrato di sorveglianza
Beh durante il mio mandato di parlamentare come sapete ho visitato molte carceri alta ci darà ma non so quante volte ci siamo stati
Ma
C'era una istituzione che prendevo Sempre di mire ed era il magistrato di sorveglianza perché è vero che solo sotto organico
E certo è vero che gli assistenti sociali e gli educatori in carcere ci mettono tanto per fare
LEA relazioni di sintesi che poi servono al magistrato per applicare le pene alternative o i permessi insomma i benefici dice
Però e anche vero
Che
Sia i magistrati di sorveglianza sia
Tutti i magistrati le procure
Cioè hanno dovuto aspettare
Tutti questi anni hanno dovuto aspettare la condanna così vergognosa dell'Italia
Che gli diceva tortura che gli diceva trattamenti inumani e degradanti pensate che addirittura secondo le nostre leggi il magistrato di sorveglianza come dove i reni
Quello di andare a visitare le celle dei detenuti
C'è scritto non fanno mai
Quando vanno in carcere si fanno chiamare il detenuto giù ASP perché
Perché evidentemente a vedere quelle celle a vedere il trattamento B avrebbero dovuto intervenire
Va bene
E allora hanno aspettato la Corte europea dei diritti dell'uomo io nella in questi anni di attività politica ho conosciuto solamente un magistrato di sorveglianza ce ne saranno altri certo
Ma insomma
Che faceva il suo dovere
Si portava il lavoro a casa il sabato e la domenica ed è il magistrato di sorveglianza di Taranto il dottor Massimo Brandimarte
Che pensate
Per Pasqua o per Natale da
Circa centocinquanta centottanta permessi in un carcere che c'ha quattrocento detenuti
Permessi di undici quindici giorni per andare a perché il detenuto vada a casa con i propri familiari questo vuol dire mantenere i rapporti sociali
Su questo sarebbe il dovere
Di un magistrato di sorveglianza e certo le le carte se le studia legge qual è la questione individuare il percorso che sta facendo e ciascun detenuto e quindi può permettere gli altri
Beh gli altri insomma hanno altro
Da fare altro da pretendere da richiedere perché se non riescono a portare a termine il loro lavoro come prevede la legge
Le strutture le devono pretendere
Però
Il
La messa in opera il far funzionare la legge ormai in Italia è diventato qualcosa di veramente eccezionale
Capite domande
Ritenuto concluso
Allora se avete domande da fare io volevo ricordare una cosa importante che la legge
Sulla
L'uso terapeutico della cannabis parte proprio da un'iniziativa del Consigliere Scerbo
Lui il nel l'ideatore
Se hanno donazione personale insieme all'Associazione così
La le condanne che prende che prende l'Italia dalla Corte europea dipendono a mio giudizio in questo momento in cui la politica è ferma prevalentemente dall'atteggiamento di assoluta divina indifferenza da parte della magistratura che vedrebbe cosa fanno in Belgio quando viene superato il limite della ragionevole durata del processo il giudice
Belga a quel punto non attende di far condannare lo Stato a cui appartiene
Ma
Emette un provvedimento che rimuove la condizione di illegalità
Perché l'articolo sei della Convenzione norma che ha efficacemente è obbligatoria l'applicazione di questa norma non dove non sono obbligatori e questo il meccanismo o lo si potrebbe es applicare anche in Italia
Per quanto riguarda i carcerati con l'applicazione in maniera più ampia dei benefici alternativi per quanto riguarda i processi per in corso per cui non si arriva dopo anni o a decisioni applicando
Provvedimenti tipo provvisorio anticipatori
Del merito laddove ci sono gli strumenti previsti e così un provvedimento di sequestro che va avanti da dieci anni se non c'è stata ancora il processo non c'è stata la condanna bene si costituiscano ebbene proprietari
Lo stesso dicasi per la custodia cautelare vada sei perché questo cioè abbiamo questa situazione paradossale in cui la magistratura francamente se ne infischia
Io ringrazio tutti i presenti un saluto
Ancora grazie
Grazie
Ho letto
Non so
Sono le un dodici e trenta
Quella toglierà
Tra
Fatto bene a dirlo perché
Organizzo separarci poltroncine pensa che ettari la censura io siccome non sono censurato sul piano casa crocifiggere associazione così notizia
Però io vado in giro da dover