27MAR2014
intervista

La Corte Penale Internazionale, i suoi poteri, i crimini contro l'umanità, il Partito Radicale

SERVIZIO | di Aurelio Aversa RADIO - 12:40. Durata: 1 ora 33 min

Player
Pannella 12 set 97 La Valletta Cassese, Conso, Pannella, Nury, Stanzani 30 lug 2008 Bonino 17 lug 2009.

Puntata di "La Corte Penale Internazionale, i suoi poteri, i crimini contro l'umanità, il Partito Radicale" di giovedì 27 marzo 2014 , condotta da Aurelio Aversa .

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Corte Penale Internazionale, Diritti Umani, Giustizia, Partito Radicale, Politica, Storia.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 1 ora e 33 minuti.
12:40

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Con le registrazioni che li ascolterete tra qualche stante le stavolta torneremo a parlare di giustizia penale internazionale di Corte penale internazionale per i crimini contro
L'Umanitaria ascolterete innanzitutto incremento di Marco Pannella pronunciato a la Valletta del dodici settembre novantasette
Durante un convegno organizzato dall'Associazione radicale
Non c'è pace senza giustizia intervento con il quale
Oltre a ricordare l'azione della Partito Radicale
Dal dal passato su questi argomenti
Si ribadiva la necessità della creazione di un organismo di giurisdizione internazionale adottato di adeguati poteri al termine di ascolterete invece alcuni degli interventi che caratterizzavano
Un convegno dal Partito radicale su
Giurisdizione internazionale e caso Tareq Aziz
Numero due del regime di Saddam convegno ad aveva trenta luglio due mila otto con interventi da dal professor Antonio Cassese già Presidente del Tribunale internazionale sull'ex Jugoslavia della professor Giovanni Conso
Di Riccardo muri di Amnesty International di Marco Pannella di Sergio
Stanzani già parlamentare radicale nonché Presidente dal Partito radicale di Non c'è pace senza giustizia adesso scomparsa
In conclusione le ascolterete invece quanto disse Emma Bonino durante un analogo momento di dibattito svoltosi il diciassette luglio di un anno dopo e con il quale
Si sottolineava tra l'altro urgenza
Nella difesa del accorte penale internazionale degli attacchi
Di chi ancora a distanza di anni nutre dubbi sulla validità di questa istituzione dodici settembre mille novecentonovantasette
è nato al progresso
Elena il valore della quota
L'ultimo relatore di questa situazione
Se
Mister Marco Pannella Marco Pannella anzi ne attente al marco trent'anni
Chiudo scusa bisogna cassonetti
Non sempre avanzo concentro soltanto di dire
Era in un paio di anni bene Ida D'Onofrio nell'ambito
Formale
Nell'iter
Arriverà all'interno del
Volti nell'arco pluriennale avviando un piano per molti
Portuale almeno è stato il
Nei confronti la alla fare la raccomandata con grave onere
Quindi domani
Corso d'acqua Manza una sola
Raggruppati e un Partito radicale
Alcune crea
Va da sé poveri sospeso buonsenso nazionalità nei centri come acqua presunto al professor mentre sono l'istituzione
Di una conferenza
Penale internazionale grazie Presidente sono molto grato di
Come vuole lei
Vuole riconoscere sottolineare alla bontà questo momento
Quel che porta a volte il mio nome come quella di una vita commerciale perché ha un nome tramanda ma in realtà è il portato a volte è straordinario
Della convinzione di militanti delle donne e uomini militanti che credono che diritto alla vita sia strettamente connesse condizionato dalla vita del diritto
E che credo hanno e operano di conseguenza che lì dove una ferita al legge viene imposta soprattutto dal potere
Lì un popolo vivrà ferite di sangue ferite effettivamente mortale
Siamo assolutamente convinti ci muoviamo di conseguenza sbagliando o no da donne e uomini di azione
Che lì dove non la giustizia professor resta ma che sta sarà qualcosa che discuteremo per decenni gli uni degli altri ma umilmente laicamente il diritto la legge
Lì dove la legge violata non delibera talmente dal non violento dal socratico per pubblicamente
Creare il processo di superamento della legge grazie al giudizio democratico e civile
Della società e dei cittadini quando è invece violata da chi ha l'unico compito di custodirla non
E di applicarla
Allora noi sappiamo crediamo di sapere che la storia porta morte ma non più un morte metaforica o morte di diritto ma morte sangue
Imbarbarimento
Quella unica legge per noi è alternativa tutte quelle che nelle nostre diversità noi preferiamo
Ed è cioè
La legge della giungla rispetto alla quale qualcuno come me preferisce la barbarie legge del taglione perché la legge della giungla e l'assenza di
Diritto
Vedermela violenza o armonia irresponsabile quindi senza moralità
Della costruzione umana a affidata alla logica delle cose
Sulla quale è inutile stare carrelli vaticini ma molto spesso vede la vittoria della violenza non quella di ciascuna moralità fisiche con attese di vita e di felicità ciò detto
Io credo che non dobbiamo mai soprattutto in queste circostanze
Dimenticare l'umiltà delle crooner Davigo del giorno dopo giorni
Noi siamo qui credo non tanto anzi siamo qui sicuramente per quel che riguarda alcuni di noi credo da Emma Bonino spesso
Per
Che
Si sia nell'anno novantotto quello che tutti insieme vogliamo anzi si domandato aderente siamo dei pazzi estremiste vogliamo avevo sia nel primo trimestre maestre
Se è possibile dal novantotto siamo qui rimboccarci le maniche insieme proprio perché riteniamo
Che sia molto più saggio e prudente
E prudente
Mettere come tassativa per il nostro stare insieme questo obiettivo no del tempo temporale
Nel momento giusto la cosa la più giusta e possibile
Piuttosto che quell'altra concezione della prudenza che porta sempre nelle vite private come merita e collettive ad apprezzare il rinvio lo slittamento il meglio contro quello che
Invece si riesce a costruire eventualmente nel
Immediato secondo un progetto che noi in realtà tutti penso siamo consapevoli che strappare
Questo il nostro obiettivo non è finalmente creare e a realizzare nella storia della cultura nella storia umana nell'antropologia culturale nella storia delle istituzioni immane
La giurisdizione non nel diritto non la dottrina nemmeno la giurisprudenza
Ma qualcosa che abbia la forma e forza di legge
E quindi un momento di giurisdizioni Alitalia noi strappiamo
Come direbbe il sindacalista al termine presumiamo di una lunga e difficile lotta per un contratto
Strappiamo il contratto che vogliamo quello della costituzione della Corte ma poi sappiamo
Che quello che è storicamente importante estere attrezzati
Per lottare per l'applicazione del contratto
Perché quella è una fase ancora più difficile perché esige il proseguire il sì di un rapporto di forze che solo nelle congiunture delle mobilitazioni dei drammi
Davvero si crea mentre chi è dalla parte della conservazione adotto interessa di aspettare che si smorza
I drammi
Temporale tale creatività l'identificazione per poi riassorbire lentamente va bene avremo il principio della Corte ma non li daremo i mezzi
Non gli daremo la forza di legge anche sennò saranno costretti a mollare in qualche misura
La forma della legalità e della giurisdizione
Per ma questo un inizio sempre
Le più grandi con queste solo l'avvio di un dopo le sconfitte
In qualche misura ci rendono tutti liberi nel senso poi dopo una bella sconfitta nazionale e internazionale possiamo andarcene alle Bahamas tanto siamo stati sconfitti mentre le vittorie
E i successi sono una tragedia perché insomma quando hai vinto ma il successo ai danni di destra
Hai tanto da fare da governare da gestire ma vorrei
Terminare
Per non appesantire dire che per voi
Evidentemente anche se in fiale
E parlo così Presidente perciò la ringrazio di avere voluto ricordare qualche altro connotato della nostra storia non parlo qui invece come uomo di parte di partito come persona di parte di partito
Convinto da al da sempre ma di quello che un manifesto appello di centodieci premi Nobel nel mille novecentottantuno
Mille novecentottantuno aveva messo nero su bianco
Essere necessario ed urgente il formarsi di nuovo partiti
Che abbiano al loro centro come priorità
I problemi non più quelli nazionali non quelli delle sopra ma quelli al loro centro come ragione di essere
Quelli del diritto e dei diritti contro lo sterminio per fame nel mondo come lo sterminio per
E credo
Che in effetti quello che manca e l'umiltà di essere partito da parte di chi era
Questi grandi ideali è questo il grande scienza
Che è quella appunto del diritto de iure condendo contro quello purtroppo compito così male così male con un dito cambiando accento che abbiamo dinanzi al
Allora
Io mi auguro
Che aumentino da cento duecento settecento o mille o duemila nel mondo con loro
Che si costituiscano
In partito bottiglie
Impartito che assume le sue responsabilità politica e dalle sue responsabilità politica ed Emma Bonino sottoscritto a tanti altri abbiamo motivo di ritenere in base alla nostra che viviamo in un Paese nel quale
Il peggio la peste può tornare per la seconda volta in questo secolo affermarsi nel mondo
Questa piccola l'Italia agricola marginale
Che donò
La peste fascista
Nel mondo intero
Ne siamo convinti
C'è un'altra perse nasce ed è quella contro il diritto
Della peste di gente operai leggi scritte per vanificare distruggere il diritto come regola effettiva della società
Ora malgrado le riteniamo quindi che l'Italia vada
Al massimo tenuta presente non solo da noi italiani esistere questo fronte
Magari nel mille novecentoventitré o ventiquattro del mondo si fosse reso conto che il fronte italiano
Doveva per magari qualche mese divenire centrale non avremmo avuto tant'altro di quello che abbiamo avuto degli anni Trenta magari fossimo stati a Malta
Dove e come giustamente oggi Rettore ricordava nella crisi già delle Società delle nazioni vera credo fra il ventinove il trenta il professor Colombo qui
Che si Corvara Rita a porsi i problemi per la Società delle nazioni
Di un embrione di giurisdizione e poi nel trentaquattro scoprimmo che era mortale per la Società delle nazioni il fatto che non aveva avuto porta di diritto lo studio del professor Colombo e degli altri che appunto da Malta e degli altri posti
Del mondo erano giunti quindi in queste circostanze
Con tutta l'umiltà
Ma anche tutta la ritenuta azione di un partigiana
Queste cose per le coalizioni escono della priorità noi rinunciamo alla priorità italiana ce lo siamo detti un secondo fa siamo distilla detto forse non potremmo riunirci
Nemmeno momento per quello che succede in Italia
Dovremo occuparci che poi ci sia davvero Montevideo che vada bene dal caso FS attraente
Che si sia
Tra altre cose sempre con l'attenzione configurare troppo perché se no si vuole speculare
Dinanzi al miracolo continua dice Del Basso cercheremo anche ufficialmente di essere accanto a godersi le accuse al momento ma quello che c'è e noi ci auguriamo che il Partito della
Della vita del diritto del diritto alla vita per questa tappa ci vede uniti tutti e magari qualcuno in di più per dare un po'di donare un po'di parole tutti i giorni in tutte le sedi
Perché sia a giugno del novantotto Firenze però
Che
Facciamo questa grande conquista di un contratto mondiale incontrato nella storia
Per il
La vita del diritto e quindi poi
Per il diritto alla vita un po'di tutti noi grazie
Così dunque Marco Pannella la Valletta del dodici settembre novantasette
Il prossimi documento è invece più recente del luglio due mila otto
Quando associazioni radicali non c'è pace senza giustizia e del Partito Radicale organizzano a Roma
Un convegno sul giurisdizione internazionale caso Tareq Aziz vi ascoltiamo ma alcuni degli interventi che caratterizzano quell'incontro
A partire da quanto disse il professor Antonio Cassese
Tre riflessioni
Di carattere piuttosto generali la prima e che
Siamo tutti contenti perché oggi giorno c'è una specie di
Lui
L'origine della giustizia penale internazionale è una cosa positiva ivi vari imputati che sono sotto processo comunque presto saranno processati sono stati già menzionati
E qui fare una postilla quello che ha detto Giuliano Amato il quale giustamente ha parlato di questa nuova svolta nella comunità internazionale che è una svolta poiché si è
Vista dopo la Seconda guerra mondiale quella che lui ha chiamato la giudiziari zia azione del comunità internazionale la presenza sempre più incisiva e dei tribunali internazionali e vorrà dire
La postille questa ma perché come mai a certo punto abbiamo scoperto che esistono i giudici internazionali che possono giudicare e condannare autori di reati gravissimi
Secondo me perché dietro questa esigenza c'è la diffusione della cultura dei diritti umani
Ci si accordi che l'unico modo effettivo reale
Di realizzare i diritti umani e andando alla radice cioè colpendo gli autori del delle più gravi macroscopiche violazioni di diritti umani i crimini internazionali non sono altro che gravissime violazioni dei diritti umani
Che mi di quelli che mi contro umanità genocidio soprattutto sono gravissime violazioni di diritti umani
Per porre termine in qualche modo a queste violazioni bisogna colpire
La persona non lo Stato ma la persona che ha ordinato o a perpetrato quel crimine gravissimo questo suo mail motivo
E rifiorire del della della diffusione dei tribunali internazionali questo alla base c'è il fatto che sentiamo finalmente questo nuovo ethos dalla comunità internazionale che significa
Diritti umani rispettare i diritti umani
Ma io volevo buttare un po'di acqua sul fuoco però
A dire non dimentichiamo i limiti di questi tribunali io credo moltissima questi tribunali ma sono consapevole dei gravi limiti e ne vorrei sottolineare due
Anzitutto sono tribunali che fanno giustizia dei vincitori e lo dicono i critici diversi tribunali ma hanno ragione
E dico quando si è trattato di non dico incriminare ma addirittura investigare le azioni di soldati e dalla NATO ma devo dire che Carla Del Ponte se fatta indietro e ha avuto paura e non c'è mai stata neanche un'indagine preliminare nei confronti di crimini che secondo Belgrado erano stati commessi da militare della NATO quando Carla Del Ponte ha voluto ha detto incautamente come lei fa spesso annunciato che avrebbe indagato
Kagame cioè il Capo dello Stato dei dei tutsi per i crimini che i tutsi hanno commesso i vincitori hanno commesso contro i vinti che ne hanno commessi tanti
E
Subito è stata
Spot è stata e Consiglio di sicurezza l'allontanate ora cerca un procuratore che naturalmente si guarda bene da iniziare queste azioni
Ma la Corte penale internazionale ci delude la Corte penale internazionale potrebbe benissimo anzi dico il procuratore che è un codardo potrebbe benissimo iniziare un'azione penale nei confronti di chi mini commessi
Ne ha barista l'Afghanistan è uno Stato contraente allo Stato contenente sono commessi ogni giorno crimini dai talebani
Crimini gravissimi contro la popolazione ma anche ahimè da
E dare dagli eserciti dal dalla reazione di Stati occidentali tra cui
Gli Stati Uniti d'America l'Inghilterra ereditaria eccetera eccetera vitale per fortuna provvede a punire questi crimini io con altre si profeti puramente
Ecco e in Iraq in Iraq c'è giudice Ezio nei confronti di alcuni Stati
Contraenti l'Inghilterra in particolare che hanno sottoscritto lo Statuto ebbene anche lì questa grande speranza che era la Corte penale internazionale
Ci delude nel senso che il procuratore non ha il coraggio di dire io non voglio fare la giustizia soltanto
Dei
Dei vincitori a favore dei mici tori voglio anche
A favore voglio anche indagare sui crimini che mi ci torri hanno commesso e che io fino a cosa triste ma ora poi Giovanni Conso forse lo dirà e che attualmente la Corte penale internazionale sta incrinando soltanto ribelli cioè sta facendo il gioco dei Governi
C'è un Governo che dice guarda io c'è una guerra interna
Potreste incriminare i ribelli così meno me ne liberi tutti ventotto mi aiuti a liberarmi di questi livelli anche anche beh ma è un tema un ribelle è un ex Presidente da un capo di un gruppo ribelle
Questa è la cosa triste tranne il Darfur che è stato consegnato su un piatto d'argento al procuratore si tratta soltanto di colpire i ribelli
Quindi coloro che i Governi desiderano che la Corte
In crimini e processi secondo limite grave prima la questione giustizia dei vincitori
Il due crimini più diffusi nella comunità internazionale attualmente sono l'aggressione e terrorismo
Che gli Stati le grandi potenze soprattutto e in particolare
Riferimento all'aggressione non vogliono che si parli
Di crimine di aggressione ma credo aggressione esiste è stato è stato fornito sia Norimberga che a Tokyo sono stati processati impiccati
Del del dei degli individui per aver commesso il crimine di aggressione nel quarantasei quarantasette
Oggi questo crimine non è più
No no non non viene riconosciuto come tale non serva parlare e questo è molto grave e il terrorismo ora c'è un piccolo accenno col tribunale speciale per il Libano
Purtroppo se al Tribunale comincerà a operare come pare a gennaio purtroppo
Su cui però soltanto del terrorismo in una certa zona come diceva Giuliano Amato in un certo territorio sia soltanto commesso nel Libano quindi non ha non avrà questa
Un carattere universale potenzialmente universale come invece alla Corte penale internazionale
Questi sono i due
I due i limiti che volevo sottolineare passo alla seconda riflessione
Tutti sappiamo che la giustizia penale internazionale ha un carattere sussidiario cioè perché perché esiste perché i giudici interni che sarebbero il il Giudice ordinario naturale come diceva Giuliano che dovrebbe intervenire ogni volta che un crimine avere come sul suo territorio il giudice interno fa nulla
E inerte è inerte per ragioni di vario tipo soprattutto politiche e quindi
Deve intervenire la giustizia penale internazionale carattere complementare o sussidiario
Però ora abbiamo stando episodio che vorrei sottolineare su cui vorrei richiamare la vostra attenzione
Che upper esempio il tribunale per il Ruanda che un tribunale internazionale che è stato creato proprio perché i giudici interni non erano
Funzionanti nel nel Ruanda il tribunale come vi dicevo prima non interviene nei confronti dei vincitori Kagame e i suoi ai suoi amici allora succede che a questo punto i giudici interni
Riprendono sopravvento e abbiamo di recente pochi giorni fa sono stati
Pubblicati l'atto di accusa di un giudice istruttore di Madrid contro
Il braccio destro di Kagame che ora tra l'altro ahimè e il numero due delle Forze armate
Dell'unione araba in in Darfur e pare che sia un bravissimo militare quindi si è inteso indispensabile comunque ha commesso secondo il giudice istruttore spagnolo crimini gravissimi nei confronti degli hutu
Degli hutu
Quindi è un sul sito e e e e poiché un giudice francese proviene un giudice di Parigi a un giudice istruttore di Parigi
Anche lui hai messo un un
Un ordine di cattura è un atto di accusa nei confronti addirittura del Capo dello Stato Kagame e di di alcuni suoi
Ma di alcuni suoi collaboratori
Quindi abbiamo questo strano EPM fenomeno per cui la giustizia internazionale scatta perché la giustizia interne non funziona però fa cilecca la giustizia penale internazionale e allora
La la palla rimbalza nel triennio presso i tribunali interni quali si attivano però qual è la conseguenza
Due cose vorrei sottolineare anzitutto
Questi tribunali te interni
Si attivano perché perché voglio far valere quel valore universale di cui parlava Giuliano Amato questi valori universali che ieri i tribunali internazionali vogliono incarnare certezza di crimini contro umanità significa un'offesa non soltanto alle singole vittime ma tutta l'umanità
Si attivano per questi valori universali però devono per ragioni interne di meccanismi giudiziari interni devono far ricorso a
A criteri di competenza botto vecchi molto tradizionali della vecchia comunità internazionale presenti di otto e due i casi
Al criterio cosiddetto della personalità passiva cioè sia il giudice spagnolo che quello francese hanno detto noi facciamo questi atti d'accusa perché tra le vittime dei crimini commessi dai leader
Tutsi del del Ruanda ci sono dei cittadini spagnoli o francesi quindi si ritorna a questo bisogna ricorrere a vecchi meccanismi per creare nuove categorie della comunità internazionale secondo limite gravissimo di questo intervento che porteranno a niente perché sia in Francia in Francia dal due mila due
Sia in Spagna da sempre la contumacia non è ammessa per cui questi giudici siccome imputate non verranno mai arrestati dopo aver istruito la causa sia resteranno non si potrà avere il dibattimento e quindi non si potrà avere
La condanna Borrasso la soluzione quindi quindi operano si giustamente mi dice Giuliano perché opero operano perché si sentano di
Voler far valere questi valori universali
Che anche tribunali internazionali nel caso di specie il tribunale per l'Olanda non riescono a ad attuare a questo punto vista la vacanza l'assenza di inerzia del Tribunale internazionale che dovrebbe per sua missione invece
Far valere quei valori universali giudice intendo diceva bene almeno mi agito non potrò mai processare questi signori ma farò
Metto su internet il mio atto di accusa quello di dalla Spagna e di centosessanta pagine
Un mio atto di accusa quindi dettagliatissima o con tutte le prove eccetera eccetera perché la l'opinione pubblica
Mondiale sappia di cosa io accuso un un leader politico dello stato del Ruanda ultima osservazione che volevo fare era sull'Iraq
Prodotto giustizia dei vincitori ora nel caso dell'Iraq abbiamo questa cosa
Sgradevoli sì ma è veramente sconcertante che non solo si alla giustizia dei vincitori perché ovviamente e
Si processa non soltanto i vinti soltanto i miti sono portati davanti al tribunale speciale del dell'Iraq
Ma la giustizia non è neanche amministrata in modo equo almeno a Norimberga erano i vincitori che giudicavano mano giudicato in modo estremamente equo il processo se voi leggete tutti gli atti ventidue volumi
Del dei il procedimento di di Norimberga il processo è stato assolutamente i condotto in modo conforme a tutti i principi fondamentali del rispetto della difesa
In modo e cioè pubblicità possibilità per la pelle gli accusati di difendersi
Avvocati pagati da dagli americani in questo caso a Norimberga avvocati tedeschi paghe pagati dal tribunale ma soprattutto dal tribunale o metano su tutto gli americani quindi
Qualcosa di molto trasparente invece in Iraq abbiamo una giustizia dei vincitori che viene amministrata in modo
Devo dire infame
Ah prestando tutti i diritti della difesa
Senza pubblicità se voi andate a vedere il sito c'è un sito scusi su internet il sito del tribunale ci trovate gli ultimi gli ultimi le ultime notizie pochissimi documenti insignificante risalgono a marzo dell'anno scorso
E tutto mila sette cioè non riesco non danno neanche pubblicità hanno creato un sito e noi non mettiamo non mettono su questo sito neanche gli atti pubblici di questo tribunale si nascondono dietro
Dietro al
Alla loro inefficienza questo è molto triste credo quindi perciò l'azione dei radicali
Estremamente giusto è giusta e giustificate sacrosanta nel ribellarsi contro quello che avviene
Ora in Iraq e nei confronti di un imputato che invece avrebbe diritto al rispetto pieno degli degli sui diritti della difesa e soprattutto all'abolizione della pena di morte grazie
Grazie
Antonio Cassese che concluso suo intervento
Giustamente anche perché ha posto delle questioni
Sulla funzionamento dei tribunali la giustizia penale internazionale ma a ha finito il suo intervento proprio sul tema dell'abolizione della pena di morte allora
Ci sono molte personalità in sala
Che meriterebbero magari la parola però mi farebbe piacere chiedendo anche permesso in qualche modo a ai partecipanti a tavola rotonda
Di fare un'eccezione per un ospite quale teniamo molto perché condividiamo con la loro con l'organizzazione
Questa battaglia appunto sulla l'abolizione e quindi per un saluto e un breve intervento dare la parola volentieri a Riccardo Nouri rappresentante portavoce di Amnesty International sezione italiana
Se vuole venire qui al oppure anche qui con le anagrafi
Tavola rotonda prego
Grazie
Grazie mi scuso anche con molto imbarazzo per essere passa davanti alla
A molti di voi come immaginate a pochi giorni di distanza da dall'apertura di le Olimpiadi di Pechino cioè
Un po'di attività che Amnesty fa stanco da svolgendo ma intanto questo è il luogo in cui sono
State lanciate molte campagne per internazionalizzare
La difesa e la promozione dei diritti umani quindi perno di amnistia un onore essere qui e di questo vi ringrazio molto fine dalla parte cerimoniale di questo brevissimo intervento
Pur con tutti i limiti che ha evidenziato proprio da ultimo il professor Cassese io credo che questo mese di luglio possa essere considerato alla fine un mese di fatti positivi sul piano della giustizia internazionale
Con la richiesta di mandato la richiesta della cattura del presidente sudanese al-Bashir con l'arresto del trasferimento questa notte all'Aja di Radovan una carneficina
E l'unica nota
Probabili dolente che mi sento di di fare credo di trovare l'accordo di di di molti in questa sala e
Questo clima di di grande prudenza di grande
Realpolitik accompagnato che accompagnato queste mosse quando si è detto
E ci sono voluti tre dice tredici anni per arrestare cade anzi c'è tutti gli analisti commentatori non presenti in questa sala naturalmente hanno fatto riferimento
A questioni di opportunità la necessità di non umiliare la Serbia la necessità di ogni ogni volta non era ma il momento buono
E così per al-Bashir è stato sollevato il problema che sarà un precedente anche lì non umilia del Sudan eccetera
Quasi mai nessuno ha parlato di quanto sia umiliante per le vittime di violazioni di diritti umani in Darfur a Srebrenica Sarajevo aspettare anni anni anni magari vedendosi passerà accanto questa persona
Ho la barba lunga conturbante con qualcosa ecco allora l'umiliazione delle vittime qualcosa che forse non dovremmo di cui noi dovremmo prenderci maggiore cura e certo che la giustizia internazionale quando fa acquisti bassi
Apparentemente avanti non può essere lasciata sola altrimenti il rischio il paradosso è che l'arresto e alla richiesta pubblica pubblicizzata molto pubblicizzata dell'arresto di
Di al-Bashir comporti nelle ore immediatamente successive ritiro della già traballante missione ONU Unione africana
Ritiro degli operatori umanitari per cui insomma quando non c'è
Giustizia trionfa l'impunità quando si cerca di fare giustizia c'è il rischio che aumentino le violazioni
Dei diritti umani credo che ci sia la necessità rispetto a a a Karadzic di trovare le modalità insieme per lanciare un'iniziativa che spinga il Consiglio di Sicurezza beta
Ritornare sui suoi passi con le modalità che saranno possibili sul piano dalla procedura per evitare che il tribunale per la ex Jugoslavia chiudendo il due mila dieci
Altrimenti il rischio sarà che su
Uno dei principali imputati di gravissimi violazioni di diritti umani ci sia una giustizia soltanto parziale
Non è ammissibile che venga giudicato soltanto per una serie di reati in modo da fare prima
Non è possibile che sia un processo che poi venga riaffidato tribunali interni perché tutto ciò che è stato che affidato dalla Corte dell'Aja ai tribunali bosniaci tribunali del Kosovo è stato un fallimento
Totale vi immaginate voi le i sovra assegni sopravvissuti distraeva di Nizza che se ne vanno a Belgrado a testimoniare
Tranquillamente davanti a una a un giudice interno e raccontare cosa ha fatto Karadzic semplicemente impossibile quindi questa
Questo tentativo di prolungare il la la durata illimitata e dei lavori della del tribunale penale per la chiusura che produce un imperativo per tutte le organizzazioni
Per i diritti umani quanto ha Tareq Aziz
Sono ci sono pochi altri esempi come l'applicazione della giustizia in Iraq nel periodo possa Saddam Hussein di quanto sarebbe stato necessario internazionale anche internazionalizzare lì il tema
Della giustizia e per le violazioni dei diritti umani per le gravissime violazioni dei diritti umani quello cui stiamo assistendo lo ricordava il professor Cassese
E la giustizia dei vincitori in cui persino uno dei due vincitori pur di non riescono a farsi giustizia per conto loro perché
L'impiccagione di Saddam Hussein e c'è stata per
Questioni che riguardano gli sciiti e non per questioni che riguardavano
I curdi ma insomma
Io spero ammessi spero veramente che con l'impiccagione di Saddam Hussein ha dato il via
Grazie l'iniziativa di Marco Pannella alla re internazionalizzazione del dibattito sulla pena di morte con la rivoluzione straordinaria adottata
Dall'Assemblea generale lo scorso dicembre
Così come quell'episodio ha ridato il via così noi ci auguriamo che la non esecuzione di Tareq Aziz grazie quella protezione internazionale sempre più importante che gli si sta dando grazie
Grazie a tutti noi la sua non esecuzione rinvia ulteriore slancio alla campagna per l'applicazione della moratoria
In cui dobbiamo tenere insieme tutti i pezzi che abbiamo evitare di perdere dei pezzi per strada come è successo la Liberia pochi giorni fa
Con un provvedimento illegale e legittimo
La Presidente Johnson SIR che era una speranza per tutti noi cioè finalmente non un capo guerriero non un personaggio torbido arriva la persona
Da New York presentabile tutto quanto con un atto assolutamente legale ripristinato la pena di morte in Liberia ci siamo persi per strada per distrazione certamente riammessi credo anche di altri questo importante Paese grazie
Ora ringraziandolo molto essere qui
Berengo IVA
Dalla sede della Luceri Lanza la parola a Marco grazie a un'altra prima cosa che tra di fare non solo per ringraziare
Tanto è lo sanno
Coloro che hanno accettato questo invito di Cellino del soprattutto di un certo a zero in sua giustizia del partito
Per questo dibattito
Probabilmente singolare davvero
Ahi noi
Ma singolare molti altri direi così nello stesso tempo attenti ad una lettura quanto più
Anche scientifica della realtà assieme anche una preoccupazione poi di volta al diritto positivo nel suo esercizio non ci sono sempre in questo momento
Ma volevo dire ma
Poi sentiremo vediamo se riesce anche lei a scappare da una occupazione in corso
O in altro modo
Se non ce l'ho fatta sono qui
E forse per un motivo che
Cioè dopo compreso
Riconosciuto non è estraneo questa riflessione
Penso e spero anche in questo dibattito
Perché
Facciamo quello che stiamo facendo
Poteva essere una fissazione
Il semplice fatto
Che come senso di normalità
Venga
Spiegato come giustificazioni non come comprensione
Della mancanza di rispetto patente assoluto
Degli obblighi dei tempi istituzionali
Del parlamento
Vi è normalmente ritenuto si celle è stato vi sono tanti altri problemi e noi su questo era un po'di tempo
Credo a partire dal problema del plenum della Corte Costituzionale del plenum dal cioè al
Camera dei deputati
Abbiamo ritenuto insostenibile
Non
Su un valore in qualche misura quanto meno la riflessione dei chierici perché su questo
Coloro che sono in questo tavolo
Poi abbiamo il Giuliana che allo stesso tempo Chierico
Laico rivolgo
E
Sembra che la cosa non li riguardano la colpa noi siamo semplicemente questo
Il Parlamento
A
Obblighi costituzionali e non solo costituzionalmente rilevanti credo
Vi
Per mettere
A istituzioni di lì enorme importanza
Come la Corte costituzionale di assicurarne il plenum
Eravamo arrivati a un punto in cui c'è uno prendeva il raffreddore prende un raffreddore se ne andrà via Angela
Del numero legale per deliberare
Oggi
Dice per uno solo mai più di un anno il Presidente Repubblica la seconda terza cosa gli ha detto
Purtroppo con la Costituzione materiale dopo ventuno anni dei suoi predecessori
Mi pare la interpretazioni dottrine delle funzioni del Presidente si esprime con messaggi
Che parla sotto la responsabilità dell'esecutivo per molti versi eccetera è andato lì e diventerà una costrizione per impedire
Credo che il povero Costantino Mortati si rivolti sotto ma dopo ventuno anni
Ne abbiamo denunciato questi numeri formule di alto tradimento
Ma il partito comunista non è permesso almeno il dibattito prioritario va da parte dei Presidenti manifestamente stare tutti i giorni da prima pagina politica
E quindi direi che io stesso se fossi
In quel colle
Però monetaria diceva un momento Ventura
Quasi un quarto di secolo
Forse ho il dovere
Non di essere
Colui che reintegrate e quasi rivoluzionario dal cosa la il rispetto dell'applicazione ha vigenza delle leggi dette vigenti
La legge vigente effettiva erano diamo il contributo che possiamo dare
Devo dire che si è dunque il signore era
Che sta lì perché evidenzia però
Perché qui
è possibile che la Corte costituzionale che io notoriamente non a loro
Ormai da tempo
Abbiamo stabilito che una funzione
Direttamente rispondente ma direi e non ad un articolo della Costituzione a con assieme di bene
Che la Costituzione privilegia tutela indica azione voterò
Serra di governo ma di Parlamento
Donde la Commissione bicamerale e quindi il Parlamento che può esercitare questo solo a partire dal momento
In cui questo suo organo del Parlamento in condizione di funzionare altrimenti il Parlamento e cieco sordo pene
E quindi abbiamo detto e siamo già ad avere più una semplice
I Presidenti del Parlamento lo hanno fatto ormai un po'e li ringraziamo sulla nostra iniziativa devono comprendere che il Parlamento non è
Convocato come votificio
Convocato per compiere l'elezione perché da questo dipende la vita
Istituzione importantissima
Non alludo alla RAI ma insomma c'è anche quello
E
Invece
Viene spiegato
Che c'è la difficoltà dell'intesa su
Momento
Speriamo che
A con queste ennesima un po'forti forse non solo
Azione
Che non riesce nemmeno a trasferita a trasmettere il suo contenuto chiuso alcuni cenni che son venuti fuori
Perciò dico che forse
Radio Radicale l'unica onerosità popolare
Ha realizzato in questa generazione organizzare alcuni concetti
Che sono dovrebbero essere anche il suo la media di elementari ma sono
Forse riservati erano riservati una società di classe agli studi diciamo del liceo classico soprattutto dell'università semplicemente questo
E qui
Vorrei fare un richiamo al
L'intervento del professor Cassese
Ma che non è impossibile non è concepibile
Che cosa deve fare il cittadino
Dinanzi al fatto
Che il Parlamento che ha l'obbligo
No
Preciso
Di
Compiere un determinato atto una elezione non lo fa
Faccio un secondo apparentemente dei buoni motivi perché allora legge materiale diventa ignoranza della legge anche nel Volvo anche quasi ogni cittadino e l'insegnamento che gli viene dal quarto potere
Costantemente dopo quattro generazioni questo diventare un po'antropologico non solo per un solamente culturale quindi speriamo
Che si sblocchi
Queste situazioni e nelle prossime ore o quando sarà
Cioè che
Si annunci che il Parlamento non solo è convocato
Ma è convocato per deliberare
Piccola cosa e anche questo rientra anche per la Commissione di vigilanza perché sicurissimamente essendo organo bicamerale
Che
Lo strumento del Parlamento per adempiere locale
Adesso le funzioni di controllo e indirizzo deve evidentemente del federalismo
è un caso in cui
Dei cittadini e di educazione liberale
Non violenta laica
Devo dire sì
Fin dove cioè il diritto dovere
Equivalente a quello che soccorso
Dinanzi al
Degli esseri che sono il pericolo
Puoi ispirare anche coincidere con
Il soccorso nel momento difficile della Repubblica
Il soccorso in qualche momento della legge
Soccorso e può verificarsi dal so che oltre ai grandi prestati mentre da noi anche con la pubblica disobbedienza per onorare quello a cui ci deve essere obbedienti e poi
Arrivare vale per
Tenete d'urgenza solo che l'intervento come dubitato di Cassese credo che un po'tutti
Ci spiazza
Perché
Previo dice
La giustizia aderenti
Rigido
Scusate ad eventi dei vincitori
Certo
Noi stiamo addirittura cercando di difendere il principio perché i principi della giustizia del processo
Se storicamente vediamo noi possiamo fare anche grandi battaglie
Perché si riconosca che l'ONU
Essa stessa per prima
Non fa ormai nulla fax quantità ma non qualità perché Vigliar sia vigente
Quella Marelli dichiarazioni convenzioni a carte e poi tutte quelle bilaterali fra i vari Stati in ossequio delle varie dichiarazioni non fa nulla perché Vidia
Forse vorrei chiedere ai chierici io una piccola precisazione sul campo
Grazie
Siamo attualmente di esportare delle democrazie
Quali
Ma forse non c'è un'altra cosa è questo lo chiedo umilmente ai chierici perché da molti anni mi pare
Non potremmo meglio parlare
Di un diritto naturale
Io settore prendere troppo spesso con la Regione naturalmente
Ma un diritto naturale storicamente acquisito
Diritto naturale qualche ente in base al concetto che natura è storia è storia è matura
Nei tempi o di quell'Italia non
Di un giorno
E in questo caso non è quello di rimuovere gli ostacoli non di intervenire rimuovere gli ostacoli frapposti all'esercizio di questi diritti naturali storicamente e quindi
Allora il problema e intervenire a difesa e della legalità nei singoli Paesi ancora una volta troviamo che gli Stati nazionali
Come aveva previsto
Felicemente il mondo intero politico il manifesto di Ventotene così più due
è lo Stato nazionale crea rivolta e disperazione perché a livello economico a livello delle difese
E a tanti altri livelli di anche quello della cultura lo Stato nazionale assolutamente una velleità
Se e consapevole Delebio i propri limiti B sei consapevole di questo allora diventa consapevolmente l'importante esemplare
Funzione sussidiaria però nell'ambito dell'ispirazione federalista proprio direi kantiana nella primissima cosa che credo sia anche giuridiche allora
Noi possiamo
Dire questa incontro credo che sia me lo auguro molto e che sia anche un servizio in questo senso anche i chierici
In questa realtà italiana
Che Non c'è pace senza giustizia del Partito Radicale possono di nuovo la aiutarli
No a essere parola come maestri senza presunzione per moralizzare capacità possano in qualche misura antico Isanto avere
Una cattedrale nelle strade da chi e diceva che anche il trentotto i guanti ed è questo che io sento come tremendo quando ho sentito Giuliano prima
Ricorda come ci siamo
Non io credo non faticosamente opposizioni
Contrapposte nella
Subito intende sulle rivoluzionaria sul fatto che dovevamo subentro condizionare i nostri aiuti per esempio che fossero anche destinati
Alla ricostruzione delle popolazioni fugge alla ricostruzione delle anagrafe dei Paesi che inferme magari anche i croati la prima cosa che facevano distruggevano
Per togliere il Presidente del Consiglio Giuliano Amato Russu questo altre due cose
Dette l'avvio anche a quell'azione perché nessuno fuori l'impegno di quel Governo di aprire subito
Al nono e il problema della
Pena di morte
Occorre dire che nel frattempo essendo subentrato Berlusconi no
Sotto
Berlusconi mantenne pienissima mente devo dire grazie a Gianni Gianni Letta insomma ma subito questo ma tant'è vero che sulla base di quello che avevo prefigurato
Come Giuliano che lo ha ordinato del previsto fu Emma inviata
Ha
Come dire rappresentare se nel campo se italiana ebbe la fortuna di incontrare quel monstrum di Fulci chiederà e
Senza l'Europa
Nel novantaquattro la cosa era fatta perché
Perdemmo per otto voti e
Evidenti due astensioni di Paesi europei oggi membri della
Unione
E per tredici anni
La vigenza per sedici anni non ce l'abbiamo fatto perché è stato impedito dall'Europa dalla burocrazia del Consiglio fra le conoscete a Brescia di consentire all'associazione al
Assemblea generale di votare abbiamo votato siete trionfato ma adesso ecco l'urgenza
Adesso l'Italia
Deve ma come è possibile che il collega adattare tedesche noia guardate se l'Italia ha preso una posizione proprio il Governo Prodi
E perché lo sciopero della sete su Saddam lo scandalo poiché è noto fuori dalla esecuzione più per come era fatta da norme ma dal medaglie il sei gennaio
Il Governo italiano che era stato perpetrato contro volevo una dichiarazione extra istituzionale notizie firmava ha preso quella posizione oggi noi ci auguriamo
Il caso terre
Giudizi
è
Fondamentale e credo oggi per il discorso sulla moratoria perché ho l'occasione per comprendere per far maturare come necessario la consapevolezza che la popolazione curda
Nella popolazione uscita che avere fatto fuori Saddam è anche perché lì si è mostrata da tempo aperto a Palmi la bocca
Perché era evidente che a questo punto e continua con questo signore curano proprio mentre il signor Ligorio con questo imputato no
Che possiamo fare
E credo che
Devo dire
Grazie
Chiedo scusa
Se
Hai ragione
Già
Dico meno male
Almeno la giustizia diciamo dei vincitori subito almeno questa
Che il dittatore né oggi sette energia scattata una delle condizioni dell'inizio metteva Saddam che aveva già ampiamente accettato l'esilio nello documenteremo da qui
E la documenteremo a livello mondiale perché lo documenteremo
E allora semplicemente quello di potere avevi assicurata chiude l'immunità delle assicurava ma una impunità
Perché la paura ma già da tempo di quelle di sarebbe accaduto su
Quindi
Preoccupiamoci che almeno i vinti
Che già hanno avuto il loro compito regolato dalla storia
Siano giudicati e condannati
Evidentemente
A meno che
Non vediamo tutto e condannati con le regole americane di Norimberga
Ma con questo ecco dove parla di diritto naturale storicamente acquisito da tutti noi quindi scusate sono stato a lungo
Ma io vorrei
Che serve sorgere tutti lo sanno
Giovare riassorbe decisioni ritiro quanto detto risplende dà forma ma davvero
Bene ma è già già ma il problema mio e di rivedervi e che vi si riveda molto più spesso c'è un'urgenza
è anche peggio il
Intanto del sud Schüssel prescelto
Perché c'è un'urgenza di questo
Cellule debba possibile insomma tranne Stefano rodati abbiamo beccato assunse Bastia
Tu subito su questa iniziativa non violenta in corso e si è più che ancora due o tre anni fa cinque quando l'abbiamo fatto oggi è il momento nel quale proprio
La decide il diritti del dover essere
E in causa
Insomma lui l'ha detto a Radio Radicale che rischia di divenire indietro d'oro
Ma badate e che sono dietro
Miei calcoli
Ma non solo nell'ordine oggettiva
Far fuori Radio Radicale
Qualcosa è già si sta tentando
Quanto vale io odio persone adesso consolidi e sono convinto che due generazioni e mezzo almeno degli italiani in gran parte
Suo ceto dirigente non ridente si è formato propellente con gli ascolti notturne le altre cose
Perché ciascuno ha trovato legittimata la propria storia
Lì dentro non vi erano storielle perversi
E dato
Quindi grazie grazie non c'è pace riemergere in questo momento quindi come riemerge questo qui
Sergio Stanzani che essa anche in un'intervista al quarto quinto sesto giorno se è stato denunciato dall'assetto del territorio globale otto tutta basata labile
Siamo già generale della fame no scusa tenendo prima vediamo se arriva e ma o se aveva un altro modo
Io tener presente che ho sentito anche il bell'intervento di Gianni Alemanno e anche il fatto che lui ha sentito dire dovete dichiarare che lui da sempre
è iscritto a nessuno va più chiari
E io avevo il Parlamento europeo
Dall'ottanta come il vicino eravamo tutti l'atto non c'è il gruppo misto ma da allora degli indipendenti
Senza il diritto avevo Pino Romualdi
Pino Romualdi era un sostenitore sfegatato
Di tante altre cose anche nostro ma sicuramente della lotta contro la pena di morte quindi
L'abbiamo sempre detto come direttore del rilascio infondate questa baracca
Perché non si tratta di contrapporre una civiltà contro contro i barbari
Se di civiltà dobbiamo parlare dobbiamo avere la consapevolezza
Di contrapporre semmai una civiltà ad un altro
Ma un'altra non una barbarie
E tenete appunto presente che vi sono grandi poteri storici antropologi per il perseguimento sussistere della tentazione
Romantica poi in fondo diritto tutto
Aggiustare
Uccidendo il male
Anzi uccidendo il gli erranti
Non l'errore
Grazie
Grazie Marco
Grazie ma
Allora pocanzi ho ricordato il ruolo dell'la ruolo di Roma il ruolo della città di Roma la simbolo che rappresenta
Lo Statuto di Roma per la giustizia penale internazionale e quindi con grande piacere do la parola ora a al presidente della conferenza diplomatica che dette vita quello a quel da quello Statuto
E che naturalmente ha fatto a tante altre cose la vita ma che mi piace ricordare soprattutto per questo perché in fondo e per questo che
Oggi qui con noi quindi la parola a Giovanni Conso
Se le cose dette
Qui sono state tanto tempo tutte molto interessanti toccando prospettive profili
Molteplici
Devo dire che ho apprezzato tutto condivido e quindi non vorrei ripetere cose che sono state dette egregiamente
Colgo qualche spunto perché la tematica è grandiosa enorme
Perché già parlare di diritti umani significa elevarsi al di sopra di tutto e battersi per i diritti umani allora faremo una prima considerazione raccolgo anche l'ultimo messaggio davanti di Marco Pannella
Mi fa piacere trovarmi qua e da un po'forse che non ci si trovava
C'è stato un periodo in cui non c'è pace senza Giustizia e questo luogo aveva moltiplicato gli incontri tant'è vero che lo Statuto è nato perché non c'è pace senza giustizia ci ha dato tanto da fare
E poiché state dal ratificate in modo tale da entrare in vigore e poi la Corte è nata
Già nel due mila tre
Allora vorrei fare questa immagine raccogliendo raccogliere il primo passaggio dell'intervento di Cassese
Ci sono state delle fioriture
Dei fiori germogliati
Ed è già un modo per porre il problema in meno in modo meno angoscioso di fiori
La i fiori sono nati da questa zona
Questa giardino dove c'è la zona che ha permesso il far maturare Moltifiori
Il guaio quale
Che non basca che è un fiore nasca il fiorentina poi coltivarlo
I fiori appassiscono di fiori muoiono certe volte anche molto presto quindi essendo signori la cultura deve essere continua
Sì nonno non è un'opera semplice allora qui siamo tornati un po'alla casa madre di questi germogli
Di cui ci siamo compiaciuti anche perché negli ultimi giorni alcune coincidenze hanno fatto sì che il problema
Abbia avuto degli riscontri positivi anche se c'erano i timori grandi di cui si anche detto in
Allora
Vorrei scendere nel concreto
Che cosa fare INPS
Stanza
Certo non è che licitazione insidia trionfale qualche processo sta partendo Vacca vediamo che questi fiori nuovi
Legalità di giustizia stentano a nascere se no continuamente ostacolati che cosa fare perché questi fiori germogli resistano e diventano piante divennero ancora di stabile
La stessa Corte nata come un fiore che poi è cresciuto
Però offre un pochettino così sottocosto mille del vento non è che
Sia veramente radicata stenta andare avanti la RAI credo si può fare
Io credo che abbiamo una grossa occasione
Anzitutto dobbiamo recitare un mea culpa come italiani
Non siamo dopo questi dieci anni ormai questo è anche un modo per celebrarlo
Novantotto al due mila otto dall'Italia non è ancora riuscito a dar vita a una normativa di adeguamento del nostro ordinamento
Allo Statuto
Quando appena era partito subito la legge per ratificare ed era stata promossa e la seconda parte prevedeva anche lo coordinamento centri
Da allora non è che non si sia fatto nulla non si è concretato nulla fiorellini sono stati dispersi sparsi e di pispole disperso
Ogni Governo vedremo questo che è molto attivo
Abbiamo sentito tantissime iniziative forse fin troppe non non uno che abbia parlato benché ci sia questo decennale della esigenza di dar vita
Quindi nello Statuto di Roma il Sindaco di Roma è venuto è onorato questa tematica questo Statuto perché fiero di essere il Sindaco di una città che è la
A cui è legato il nome dello Statuto lo Statuto e di Roma e qui in Italia tutte a Roma in particolare devono essere fiero di questo Fiore che sorto qui a Roma
Eppure
Nessuno parla di questo problema
E di una gravità sconcertante
Perché adesso è in qualche processo comincia all'Aja ad avviarsi potrebbe essere necessario sentire qualche testimone non dico arrestare qualcuno magari ma così LEA lentezza della Procura
Non la vedo così trionfante del muoverci però sentire qualche testimone potrebbe essere noi relativi no non siamo pronti
Ha detto sì ma siccome lo Statuto di Roma dieci anni e non siete stati in grado di adeguarlo come hanno già fatto tanti altri Stati
No non solo ma
I Governi si sono mossi
Sono state istituite varie Commissioni ogni volta adesso questo non ancora in una mia mi auguro che lo facciano
Si è istituita una Commissione un altro un'altra con personaggi autorevoli con riunioni su riunioni e Cicchetti Stiffi in alto definiti nei cassetti
Ma allora stiamo veramente prendendoci in giro
Chi ha veramente sui citando quello che abbiamo creato questo bambino questo fanciullo
Questo è un uomo questa donna che abbiamo tirato su
Noi chiediamo modo di operare mi figurasse nel mondo e poi c'è l'amiamo sì gli Stati Uniti non lo sostengono abbastanza sia il Procuratore non spesso noi che dovremo dare il buon esempio non siamo ingrato assolutamente
Il fatto di voler fare perché ci sono i testi i progetti quindi questa la prima battaglia che dobbiamo mi pare rilancia
Una seconda offerta da un'occasione grande
Lo statuto prevede che dopo sette anni quindi da quando
Stato ratificato era il luglio primo luglio del due mila due il primo luglio del due mila sette
Del due mila nove fa scattare i sette anni
In quel momento
La
Necessità imposta e non è un atto moldavi segretari dovrà le Nazioni Unite convocare l'assemblea degli Stati parti per la revisione dello Statuto l'aggiornamento dei visti
Allora in questi anni abbiamo visto varie défaillance vari inconvenienti varie insufficienze tante direi
Ecco l'occasione importante studiare prepararci per far sì che quell'appuntamento che è previsto per Statuto che non è eludibile
L'Assemblea legislativa che dovrà riunirsi
Per proporre modifiche aggiornamenti adattamenti dello Statuto
E allora qui bisogna forse iniziare un'operazione perché passano previsti investimenti legge legge passato uno e quindi quando essi arrivare il sogno di quella data bisogna aver dei testi pronti delle idee
Perché abbiamo visto che non funziona bene secondo me ci sono interventi anche finanziari
Qualcuno ha parlato più d'uno di Norimberga
Per Norimberga è stato certamente un qualcosa di epico
Però
Prima di tutto era un tribunale creato dopo i fatti quindi viziato in radice di un qualcosa che i fatti nulla a che fare con i diritti umani
Magari era ove necessario farlo ma poi è stato ricordato
Gli Stati Uniti l'hanno finanziato l'hanno sostenuto Lovo levano
Questa cortei gli Stati Uniti continuano ostacolato in tutti i modi
Ecco adesso ci sarà un cambio vedremo una nuova previdenza
Anche se dare tutte le colpe a Bush mi sembra forse troppo semplicistico
Evidentemente dietro sopra a fianco di bugie tutte una serie di forze che hanno interesse peraltro che la pace
Fabbricanti darmi e via dicendo non sarà così facile non basta e cambi il Presidente però forse la politica potrebbe dare un piccolo Tagliente
Favorevole
Anche perché la cosa più stupefacente che stiamo verificando di fronte a quest'altro fiore che è stato l'incarico dato
Dal
Ossia di sicurezza
Al procuratore qui Procuratore Aggiunto muoversi
Dell'accordo interazione
Di aprire un'indagine sui fatti e nel Darfur
E qui più di tutti e ne sa chi l'ha preceduta in questa Commissione
Cioè Cassese alla fine del lavoro hanno presentato
Punto dopo un dossier talmente forte che il Consiglio di sicurezza senza veti perché ce n'era bloccato quindi all'unanimità
Ha dato mandato altro curatore quel procuratore che non si muoveva quasi aveva paura di muoversi
L'ordine limbo di darsi da fare per indagare su questa situazione terribile del Darfur
A un certo momento ha dovuto darsi da fare ha utilizzato gli atti della Commissione affatto ulteriori ricerche e poiché
Ha finalmente messi in orbita
Questa questo questa richiesta di arresto nei confronti del bacino
A Berlino assumete recheranno e noi conosciamo noi
Non
Ci occupiamo dell'accordo per noi non è come noi stessi il guaio è che
Il Consiglio di Sicurezza doveva prendere atto di queste
Assecondamento della invito perentorio per farlo
E sostenerlo invece qualcuno senza defilato cominciare dagli Stati Uniti da darci
Questo non deve più avvenire
Ma come Consiglio di sicurezza da un mandato preciso si fa andava Commissione questa Commissione lavora rischia la pelle cita dentro raggiunge dei risultati su nuove la Procura che era già stato mossa di lama la seconda
Spicca mandata dareste e subito e c'è già chi si dissocia
Avendo il diritto di veto non fatto funzionare prima che era un merito avere una bella speranza
Adesso invece
Sott'acqua almeno
Questi sono fiorite appassiscono sino si inseriscono fortemente
Grazie Partito Radicale Nonviolento grazie Non c'è pace senza giustizia insistere su queste battaglie perché come è stato detto all'inizio sono fondamenta
Grazie
Grazie tante anche per le parole di
Così di compiacimento su un'azione che
Che mai continuiamo condurre le difficoltà non mancano sono state ricordate ma proprio per questo è giusto giusto mobilitarsi e adesso
La conclusione di questa tavola rotonda affidata al Presidente del Partito Radicale non violento e
Di Non c'è pace senza giustizia Sergio stanza mi aiuta l'ora
Il PM
Facilità bene pormi dei limiti tempo brevissimo
Mentre direi che queste
Occasione che abbiamo avuto
è un'occasione che alimenta in maniera
E con una richiesta incredibile
Così soprattutto per me il solo fatto così della presenza del ricorso
Qui con noi che tanto tempo tu lo spot piuttosto lineari mi ha fatto molto piacere
Il richiamo che tu hai fatto perché effettivamente c'è stato un periodo in cui noi abbiamo fatto del grosso lavoro che lo si vuole insieme cose che oggi
E più difficile
Oggi bene però in tempi difficili siamo per
Se pensiamo non ci pace inteso va bene come
Soggetto ugualmente costituente del Partito Radicale transnazionale perché dire che molto
Degli elementi che avevano animato e anonimato versione iniziale di Non c'è pace senza giustizia oggi ci sono trasferiti in quello che è obiettivo più ampio va bene del
Partito Radicale transnazionale
Io
Non posso fare a meno di dire che mentre io ho sentito sentito tutti gli interventi
Dentro alla mia testa mi arzigogolata il fatto del Satyagraha il fatto dalla
Appunto di del del richiamo ad
Tre i casi non tanto in quanto quella cosa specifica ma perché è l'iniziativa si ricollega a un fronte in maniera estremamente più ampio viene subito qui da pensare per esempio
A se è vero come sembra ormai accertato
Che
Bush
A fottuto la pace
Rifiutando
Di accettare
La disponibilità che Saddam Hussein dava di andarsene fuori
E quindi
Con questo diventando complice io mi sono
Forse adopero un
Un linguaggio che può essere un po'troppo rosso niente da dire
Ma si è assunto la responsabilità di migliaia di quelle perché
è una cosa
Folle allora io che sono americano faccio parte come dice Marco
Gli ormeggi mia che nell'inutile legata e vede negli Stati Uniti d'America diciamo uno dei fattori fondamentali dello sviluppo civile e politico vuol vedere del del della sua della Società dell'umanità
Tuttavia ecco qui io spero veramente questo sarà un compito anche per noi di sostenere e appoggiare
Le forze che l'America se questa situazione possedere avranno il coraggio di indi mettere sotto accusa quello che è stato che è tuttora e sarà un ex Presidente Reagan degli Stati Uniti
Questa è la dimensione
Va beh reale che oggi va bene quelle che sono state le nostre iniziative di allora avere ed a questo che diciamo facendo bene subiamo un terreno molto più
Ristretto limitato e circoscritto ma che però è fondamentale è che io
Ma di
O ho fatto richiamo quello che
Potrà interessare domani ideali ieri gli Stati Uniti i cittadini di Stati Uniti oggi mi interessa come cittadini italiano e che è veramente inaccettabile Turati confortato del sottolineato che noi che abbiamo fatto perché abbiamo fatto giovane Berlusconi Benedetti Dio
è stato lui il Presidente delle del Governo e del Consiglio di questo Paese va bene che ha portato all'approvazione nome dello Statuto di Roma come è porco cane accedute ma è possibile e che ancora non siano vere e in grado non siano capaci direbbe sanare quello che ancora le norme
Carenti per nell'attuazione veramente dello Statuto
Cioè che come diceva prima non so che oggi lo stesso che lo ricordava che se un certo punto A B arriva in Italia uno che domani venga perseguito dal mandato beh del tribunale il Governo italiano non ha gli strumenti per arrestarlo
Ma insomma di come sia una cosa a me ecco con questi due riferimenti un po'così grossolani è un po'improvvisati perché evidentemente mia ci sarebbe stato difficile fare un una una conclusione
Va bene di questo
Di questo di questo incontro che io provando veramente come indice di un ritorno e di una ripresa
Di momenti in cui
Non c'è pace senza descritte riuscita essere ed è stata un fanale è un faro bene significativo di tutta l'azione radicale che nel frattempo assunto una dimensione estremamente bio ampia e più significativa
Grazie era il trenta luglio due mila otto è così l'ex Presidente ad era partito radicale di Non c'è pace senza giustizia adesso scomparso Sergio Stanzani nel corso di un momento di dibattito sulla corte
Penale internazionale i suoi poteri
E ne discutiamo adesso quanto disse durante un analogo convegno svolto sì un anno dopo il diciassette
Luglio due mila nove Emma Bonino allora sono alcune parole considerazione di ringraziamento a Non c'è pace per aver organizzato questo
Appuntamento
E alcune considerazioni guardando a questi
San
Io qua non ci sono che ci hanno visti
In impegnati ora non abbiamo avuto diverse fasi dare una prima fase in cui la sola idea della giustizia internazionale o quella che io preferisco chiamare la legalità internazionale
Era un concetto come dire ostico per non dire estraneo ultroneo al
Diplomazia tradizionale e basta andare agli anni agli inizi degli anni Novanta
Era imperioso diciamo
Ex Jugoslavia sostanzialmente eravamo in fognante in una realtà che non sapevamo più da che parte prendere
La l'avevamo anche vista venire per la verità la tragedia jugoslava ballo avevamo dato peso sufficientemente il segnale che pure venivano
E in realtà l'idea di un tribunale ad hoc per la ex Jugoslavia nasce da una
Convegno Siracusa
Con Bassiouni ed alcuni pochi altri
E ricordo che Presidente del corpo di fabbrica storia un po'italiana va visto che siamo qua insomma Presidente del Consiglio all'epoca era Giuliano Amato e ricordo
Che uscendo da da Siracusa proprio della situazione in cui non si sapeva più come quel filo tirare per
Avere una qualche presenza significativa in ex Jugoslavia
Di ritorno da Siracusa andando da Presidente del Consiglio Amato per
Dire che forse
Questa idea che era sempre sembrata ostica alla diplomazia tradizionale più basata sulla realtà politiche quindi più basata
Se volete al concetto di persuasione di trovare una mediazione di
E che peraltro non aveva funzionato perché avesse funzionato vi ci saremmo fermati
Che in realtà vide l'Italia e all'epoca il Primo Ministro Giuliano Amato appassionarsi delle idee
E idea fu portata e poi approvata dal Consiglio di sicurezza all'unanimità
Come primo tentativo di di una Corte speciale ex Jugoslavia
E fu demandato in all'Italia e e alla Francia in realtà lo Statuto o fu ho scritto a quattro mani da Giuseppe Consolo e Robert Baden ter
E quello Statuto che aveva delle enfasi assolutamente innovative nella giurisprudenza diciamo internazionale
Per esempio a faceva proprio un filone culturale molto europeo cioè era già uno Statuto che diceva no alla pena di morte in ogni caso
E ricordo che quando sostenemmo fortemente quell'accezione del no alla pena di morte alcuni colleghi dissero ma non passerà mai perché
Al Consiglio di sicurezza Stati Uniti Cina eccetera
Rischiamo invece rischiamo con la convenzione italiana e la convenzione francese e in realtà lo Statuto fu accertato
Come dire senza troppi troppi ostacoli
Arrivò poi ma tutti eravamo ovviamente convinti che non era con una serie di tribunali ad hoc credo che avremmo risolto il problema e tutti lo vivevamo almeno noi promotori
Come un primo passo per arrivare a una Corte penale internazionale permanente che non fosse cioè espressione di un organo politico perché questo è il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite
Marche fosse una decisione della comunità internazionale a disposizione diciamo universale della
E in realtà il cammino fu lungo perché prima di arrivare alla Corte penale internazionale un secondo tribunale ad hoc fu stabilito fu il tribunale sul Ruanda
Che anche lì sostenemmo per la verità pure nella convenzione nella convenzione che non erano varie tribunale ad hoc che avrebbero affrontato
In modo legalitario al problema ma lo sostenemmo con convinzione proprio come passo
Per dimostrare che non si poteva andare avanti con tribunale ad hoc emergenziali
E ovviamente discrezionali questo sì questo no questo conflitto si quell'altro no ma lo sosterremo con convinzione cercando di usare anche la campagna Excel Ruanda su quel che io chiamo ma insomma
Con me modo per dire
Serve altro
Questo altro finalmente si fa strada nella
Diciamo nel veramente nella diplomazia delle capitale oltre che per l'opinione pubblica
E si arriva quindi abbastanza velocemente alla Conferenza diplomatica ma si arriva anche perché l'Italia fu capofila di quell'esigenza
E cercò in tutti i modi di superare ostacoli politici che si nascondevano dietro ostacoli logistico burocratici
Sempre così
Quindi mentre ci si aggroviglia laddove si fa chi paga chi non paga chi ospita chi con ostilità che in realtà nascondeva degli ostacoli politici veri perché non tutti erano entusiasti di arrivare
Alla Conferenza diplomatica si espresse all'Italia e dissi ospitiamo Licandro una serie di alle venti
E avvenne quindi una conferenza di Madrid molto velocemente perché
Fu nel novantotto e quindi
Molto velocemente
L'Unione europea si trovò quindi in qualche modo è costretta ad essere in prima fila nonché tutti i Paesi lo volessero per essere chiari
Ma anche lì ci riuscimmo in qualche modo a togliere la preminenza di rappresentatività agli Stati membri che c'erano anche
Non è che c'era insomma
Ma si decise che anche la Commissione europea
A avrebbe avuto un suo rappresentante in quanto tale in quanto Commissione europea
E siccome il mio collega averne un Bukhara un periodo di grandi
Occupazione di politica internazionale chiesi di poter rappresentare la Commissione europea
Quindi avevamo sia agli Stati membri che è una posizione comunitaria
E la una Ford la Presidenza ha concluso e una forte presenza negoziale della Farnesina che ci aiutò in realtà smussare tutta una serie di problemi aperti
In ogni caso l'accordo finale fu
Stipulare ottenuto alle quattro della mattina sostanzialmente dall'ultimo giorno utile
E fu ottenuto su una mediazione riguardante
E e questo ci porta all'attualità di oggi una mediazione
Che capitano Amman qualche motorhome settore Vattani se lo ricorderà relativa al ruolo dal Consiglio di sicurezza che si erano
Formati due fronti molto netti un fronte era
In ogni caso il Consiglio di sicurezza a la parola finale quindi se il Consiglio di Sicurezza decide che un caso non si persegue non si persegue
E l'altra posizione diciamo dei nostri amici Jovan tra cuoceva eccetera eccetera che dicevano il Consiglio di sicurezza non c'entra nulla
E mai deve interferire su questa
Io ovviamente dal punto di vista del principi diciamo così euro piuttosto su questa seconda linea di tutta evidenza
Ma mi rendevo anche acconto che
Noi non viviamo in un vuoto che il Consiglio di Sicurezza esistere che ha dei suoi ruoli e delle sue responsabilità e che quindi bisognava trovare un modo se non volevamo far fallire
La Conferenza diplomatica bisognava troppo trovare un modo
Per
Vedere come i due organismi interagiscano tra di loro e la corrente mi preoccupava di più era che sta fosse stabilite ondata di trasparenza di assunzione di responsabilità
Perché non vi nego l'esistenza della politica
Non sono Alice nel paese delle meraviglie e quindi qualcosa quindi alla fine fu negoziato alle quattro dalla mattina l'arte famoso articolo sedici
Quale articolo sedici e trova questa mediazione in cui dice se il Consiglio di Sicurezza ritiene per valutazioni che deve rendere pubblica
Assumendosi una responsabilità
Che un caso
No la raccolta delle prove che continua ad andare avanti barche un caso debba essere sospeso per un anno
Per negoziare accordi di pace o di stabilizzazione insomma il Consiglio di sicurezza può chiedere
Che il caso venga sospeso per un anno motivandone le ragioni
Questo anno e rinnovabile a condizione che il Consiglio di sicurezza di nuovo né motivi le ragioni
E ricordo che avevamo fatto pro nostre alcune osservazioni peraltro fatte dagli amici americani i quali però avevano anche un atteggiamento abbastanza bizzarro nel senso che tutte le volte che facevano delle obiezioni
E noi accettavamo facendo ce ne carico
Ciò nonostante non gli bastava insomma alla fine c'è stato un momento non mi sotto le Vattani se lo ricorderà in cui si è vista ragazzi basta più
Questo non è che possiamo andare avanti che tutte le volte voi fate delle obiezioni anche sensate per esempio
Il la ciambella tre trial per esempio era un'obiezione sensata in qualche modo l'abbiamo
L'abbiamo accolta
Ma ogni volta che si accoglievano obiezioni americane ne usciva immediatamente un'altra e comunque
Mi pareva che il mandato che loro avevano forse un mandato comunque di votare no questo può e alla fine veniva fuori
E la cosa più impressionante fu che alla fine andando in Aula per alla votazione finale gli amici americani chiesero il voto
E rimasero da soli sostanzialmente
Co o meglio rimasero con una serie di amici non proprio presentabili simile insomma nel senso che
Usarono credo con la Corea del Nord la Libia non so più chiaro
Comunque VII e quindi rimasero veramente il e la l'ambasciatore negoziatore Scheffer era veramente in in difficoltà ma comunque questo era l'indicazione che aveva questo giustamente da funzionari non fa
Però
Certamente le mani alzate contrarie non erano uno spettacolo come dire benissimo insomma
Questo lo volevo dire perché mi porta immediatamente all'attualità di oggi che è il caso al-Bashir altri interverranno su su quello che è successo in vita anche sulla campagna di ratifica
Sui nostri ritardi che spero colma Remo
Su altri successi ieri proprio in questi giorni credo sia stata la ratifica da la Repubblica Ceca che sembrano PAC passi minori ma invece sono passi importanti
Nel frattempo Milosevic eccetera eccelso buono non ripercorro questa
Fratello dittatore Tell ore proprio in questi giorni Anna
Ma abbiamo anche avuto delle assoluzioni lo dico questo per chi dice che comunque
Il l'apertura di un processo e sinonimo di condanna non è vero perché per quanto riguarda
Esponenti kosovari sogno hanno avuto tutto
Procedure poi sono stati
Sono stati assolti
Ora non ci troviamo oggi di di fronte a un caso che è un po'la cartina di tornasole cioè che è il caso al-Bashir
E anche lì la politica c'entra perché e chiaro che al-Bashir ha fatto una campagna straordinaria tra i membri dell'Unione africana
Per tra l'altro i Paesi dell'Unione africana sono il continente più numeroso ad aver
Ratificata e fatto proprio la Corte penale internazionale anche ad averlo usata per la verità se guardiamo i casi
In particolare l'Uganda ma il Congo insomma sono Paesi che hanno veramente avuto un aiuto e un appoggio dal dalla Corte penale internazionale
E è in realtà alla prima riunione dedicata a questo del dell'Unione africana
è in realtà ha visto il Sudan piuttosto isolato e ha visto in realtà la stragrande maggioranza degli Stati dell'Unione africana confermare allora appoggia la Corte penale internazionale
Ma non è stata fatta invece una campagna mediatica esattamente opposta
In cui quello che è stato fatto circolare che invece
L'Unione africana vero avrebbe sostenuto la posizione sudanese la posizione di al-Bashir che è esattamente il contrario
Di quello che è successo nella prima riunione la seconda è stata un pochino più tiepida diciamo così perché poi queste campagne politiche contano e e lasciano un segno di tutta evidenza
In ogni caso arrivati ad oggi io credo che la comunità internazionale non voi con lei abbiamo l'obbligo di decidere da che parte stiamo
E per me non ci sono dubbi credo per noi non ci sono dubbi noi stiamo
Diciamo con le vittime del Darfur
Ed è chiaro che il la col Consiglio di sicurezza se lo vuole alla responsabilità di motivare il perché chiede eventualmente il rinvio di un anno
E soprattutto dice esplicitamente cosa si aspetta da quell'anno cioè cosa si aspetta che il Sudan faccia in quell'anno
E lo esplicite in modo molto chiaro in modo che sia monitorabile
Anche da chi accetta diciamo di mano aggrazia questa decisione sia però monitorabile le motivazioni che avendo in mente portassero a chiedere al
E il rinvio di una
Perché credo che sia questo il il punto nodale il punto nodale e che
Seggi asso sia assume questa responsabilità deve stare in base a criteri che anche l'opinione pubblica le vittime innanzitutto
Siano in grado di verificare perché se il problema è aspettiamo un anno per dar modo a Bashir o a chi per esso
Di mettere
In piedi un meccanismo di stabilizzazione di pace legata anche però sulla salvaguardia dei diritti
Eccetera IPSEMA non può essere vago quel penso che la battaglia che noi dobbiamo fare e intanto schierarci eh come dire in modo molto deciso a fianco delle vittime
Niente
Dal loro fianco fare in modo che se la comunità internazionale decidevo decidessero e via di un anno questo venga fatto con criteri
è espliciti comprensibili verificabili monitorate
Personalmente non ritengo o meno dovessi decidere io riterrei che non c'è ma il
Fare ma se altri lo decidono facciano però perlomeno
Il favore di applicare lo Statuto esattamente come è stato previsto esattamente il mark credo che sia questo uno del cartina di tornasole che abbiamo di fronte
Infine
Abbiamo però comunque un'operazione di RAI culturale io oltre che politica da fare cioè quello di continuare ad insistere e a spiegare
Perché la legalità internazionale non è contrapposta come missione dice spesso alla pace o alla stabilità ma è esattamente uno strumento indispensabile perché
Quello che si chiama pance o che alcuni chiamano pace non sia rigor Mortis dei cimiteri
Ma sia appunto un un avvio sostenibile in termini di rispetto dei diritti dei cittadini e delle cittadine e che non sia solamente la mancanza di guerra armata
Non abbiamo molte dittature tra virgolette sono in pace nel senso che non hanno conflitti armati con il vicino certo non è facile per i cittadini che ne so dello Zimbabwe piuttosto che
Dubito che loro lo chiamerebbero pace intrattenuto per cui credo che sia questo un po'il il problema che ci troviamo di fronte un'operazione culturale perché la Corte penale e sotto attacco
Di questo dobbiamo essere consapevoli
E quindi un'operazione che continua a spiegare a dire perché
A un avvio di legalità internazionale è propedeutica a una situazione di pace vivibile per i cittadini
E di pace che è le sia appunto non solamente quello che le diplomazie intendono per stabilizzarsi onero per Realpolitik ma una pace
Che sia appunto un zona diciamo vivibile in termini di diritti e di rispetto e di legalità
Questa è una grande sfida perché oggi la Corte penale internazionale lo dobbiamo sapere sicuramente sotto attacco
Nei suoi lei nella sua esistenza mai sotto attacco il concetto che la legalità sia antitetica alla pace che siamo tornati indietro qualche modo di vent'anni stanno e fare in modo che non ci sia
Come dire questo questo ritorno al passato grazie
Ecco queste parole di Emma Bonino del diciassette luglio due mila nove pronunciate nel corso di un convegno organizzato dall'Associazione americane non c'è pace
Senza giustizia sul ruolo compiti e poteri della Corte penale internazionale crediamo che questo spazio di informazione di riflessione