26MAR2014
intervista

Dal Muro all'Europa senza frontiere: un viaggio da Lubecca a Trieste. Intervista a Matteo Tacconi

INTERVISTA | di Roberto Spagnoli RADIO - 15:40. Durata: 16 min 49 sec

Player
Un viaggio lungo quella che fu la "cortina di ferro", dal nord della Germania all'Adriatico, 25 anni dopo la caduta del muro di Berlino.

E' quello che compiranno dal 29 marzo al 13 aprile un giornalista, Matteo Tacconi, e un fotografo, Ignacio Maria Coccia, per raccontare come sono cambiate le cose lungo quel confine che divise l'Europa, separò gli europei e segnò la linea del fronte della guerra fredda tra il blocco occidentale e quello sovietico; alla ricerca di quello che è oggi, a cavallo di frontiere scomparse e altre che si sono aperte, il senso dell'Europa.
15:40

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Un viaggio lungo la vecchia cortina di ferro dal nord della Germania a Trieste venticinque anni dopo la caduta del muro di Berlino e in questo quarto di secolo molte cose sono cambiate lungo quella frontiera che per decenni taglio in due l'Europa la separò gli europei e fu in pratica in quella che potremmo chiamare la linea del fronte della guerra fredda a realizzare questo viaggio dal ventinove marzo al tredici aprile due persone un giornalista e un fotografo Matteo Tacconi leggasi o Maria Coccia e nei no proprio al telefono con Matteo Tacconi che scrive su diverse testate si occupa da diversi anni di Balcani di Europa centrale diaria posso di etica è il coordinatore di rassegna est un portale che
Particolarmente poi attento alla realtà economica anche di queste aree e tra i suoi che lavori c'è anche proprio un libro intitolato c'era una volta il muro che che racconta un viaggio fatto nell'Europa ex comunista un po'di tempo fa buongiorno Matteo poi loro ricordiamo anche che il tuo compagno di viaggio sarà Inacio Maria Coccia fotografo nato in Spagna ma che vive in Italia lavora per l'Agenzia Grazia Neri e tra i suoi lavori ci sono anche proprio non c'è stato anche l'interesse per queste aree scritto due l'uno sull'Ucraina e uno sul Kosovo ecco la prima domanda è quella più più banale insomma perché perché questo viaggio perché avete deciso di partire
Ma è una di quelle idee che che vengono discusse a un tavolo o davanti a un bicchiere di vino né più né meno insomma e ce l'avevamo in testa da tempo e ad Air solo con gli hanno un po'l'occasione dell'anniversario l'andremo a sviluppare per me e poi si tratta di una sorta di proseguimento nord del del lavoro che feci su su su sull'ex Europa comunista nel senso che quella volta andai a vedere cosa c'era oltre la vecchia Cortina
Adesso si tratta proprio di seguire
Quel tracciato l'idea fondamentalmente è quella di
Capire come vanno un po'le cose oggi in Europa anche attraverso la lente dei confini infatti voi partite non esattamente da spettino da dove
Nanni da dove partiva la cortina di ferro secondo la definizione di Churchill ma a partire da Lubecca
Qui e i questo perché dalla la frase di Churchill al celebre nord affettino a Trieste una cortina di ferro è calata sull'Europa nolo disse nel quarantasei quando
Era chiaro che
Diciamo la guerra fredda stava diventando sempre più calda
E che quindi c'è l'Europa ci stava scoppiando però nel mille novecentoquarantasei e la Germania non si era ancora indicano
E quindi era affettino il punto più più a est del campo diciamo fido filo sovietico
Questo perché appunto la Germania ancora era unita pone quarantanove quando
Nasce la Germania Ovest e nasce parallelamente anche la Germania Est
Succede che questo punto iniziale della cortina no di questa
Linea che tali avendo l'Europa si sposta automaticamente
Vertone S. quindi lungo il confine PAN tedesco e il caso vuole che proprio Lubecca è il punto più più a nord nonché l'unica città dell'ex Germania Ovest perché
Confinava fisicamente con il proprio corpo urbano con la cortina di ferro l'unica grande città continuerà proprio sul gol sul confine con voi seguire tre dunque
Praticamente il tre il tracciato insomma di questa frontiera che che che era non abbiate una frontiera fisica fatta di reticolati di di di torrette di avvistamento di Dini di Fossati di sbarramenti anticarro caselline prego materialmente
Chiedo se è vero materialmente poiché certo non non poco non potremo seguire il palmo a palmo perché
Anziché due settimane ci vorrebbero due anni però cercheremo di scoprire quanti più fazzoletti di terra
Possibile la cosa interessante è che nel corso degli anni le cose sono molto cambiate ovviamente non ci sono più dei fili spinati né reticolati nelle torrette di avvistamento se non quelle che rimangono un po'di come come sovvenire come monito no per come andavano le cose venticinque anni fa
OC utili del fatto che oggi c'è da dal nord dell'Europa fino a Trieste e di fatto una spina dorsale
Ecologica fatta di di di di boschi e foreste
Che è una cosa molto bella no è anche un Moro che
Spero per unire l'Europa no all'ecologia il verde
E tutto questo lo si deve paradossalmente proprio la guerra fredda perché che succedeva con il fatto che cioè lungo la frontiera nessuno costruiva nulla
E non solo un po'la frontiera ma anche a ridosso Toma c'è una zona di di di cuscinetto si Garda dall'una che dall'altra parte di cinque sei chilometri dove dove non c'era assolutamente nulla no
Cioè la frontiera c'ha un respiro più ampio di una semplice linea di demarcazione ecco dicevo che lei
Con il fatto che nessuno possa ritorcersi ha creato una sorta i lividi di micro o di micro habitat naturale di boschi corrette Flora Frau fa una che appunto in questi anni
è diventata ha preso la la la la forma di una vera e propria spina dorsale anche grazie
Ha l'appoggio dell'Unione europea e di altre Grasso di alcune associazioni ambientaliste soprattutto tedeschi che hanno cercato di promuovere proprio questo marchio
Dalla cortina di ferro alla Cortina Verde se questo è un altro aspetto che ci interessa molto nel nostro viaggio infatti voi avete raccolto anche l'interesse per esempio dell'ente
Tedesco internazionale tedesco del turismo e anche di quell'Austria come perché evidentemente c'è si capisce che lì c'è un motore anche economico importante a
Sì noi avevamo abbiamo presentato questo progetto sia all'Ente turistico tedesco che quello a fianco abbiamo
Devo dire con
Con immenso piacere riscosso
Gradimento e loro si sosterranno logisticamente e anche perché credo che
Perché a loro se l'altro abbiano un interesse a sviluppare anche un discorso
Ma più che politico secondo me
Cioè una forma di turismo anche culturale storico non lungo questi tracciati dove si intercettano appunto memoria
Scambio
Storico e culturale riconcilia
Io ogni e poi c'è anche il discorso dei parchi naturali cioè
Che diciamo può calamitare
Nuove forme di turismo
Mo'al di là dei soliti canali che possono essere Berlino e le grandi città tedesche OMPI Anna e non so per l'Autorità non la cosa
Più famosa sono sotto sono le altri probabilmente ecco io credo che ci sia un interesse anche perché poi ricorre il venticinque Nale della della caduta del muro e della fine comunque dei regimi comunisti ai quali
Perso sulla cui cosa l'Austria contribuito grandemente anche se questa è una storia sconosciuta ecco appunto visto che son passati venticinque anni da quel
Però centottantanove da parte loro trattorie punto smettere sin creandosi questa zona che è rimasta appunto al di fuori di altri tipi di sviluppo per tutto quel tempo per per evidenti motivi
Dice e poi sappiamo anche nella in quelle in quei Paesi l'attenzione che c'è anche lo sviluppo di
Energie alternative di fonti energetiche alternative non a caso insomma un altro dei sostegni che avete avuto quella di un grande la grande Società come Morone papà che sia come propri
Di questo di questo sviluppo insomma di di ingegneria energetica sì sì sì loro sono è un'agenda di Ancona anche in breve tempo diventata
Leader ancora in Italia per lavorare alle rinnovabili la cosa più
Degna di nota di questa azienda che oltre a continuare ad assumere ormai siamo circa sessanta dipendenti all'età media di trentaquattro anni
E che ore e ore di investimento in
In conoscenza pro capite al il tema rispetto alla media italiana ma detto questo sì come dicevi anziana che investe il rinnovabili ed è pur vero che lungo questa cortina verde
E un po'già ne ho viste però immagino che durante questi sussidi settimane vetro tante altre pale eoliche ad esempio
E ed altre strutture di di di per le rinnovabili
Ecco vedete Cortina Verde ne approfittiamo anche per dire che il c'è già è già attivo un un sito che su quei documenti avete al vostro viaggio che si che verde core
Tina appunto comma a proposito di business mi veniva in mente che non è non c'è solamente l'atto questa anche per far capire
L'importanza che vedi di di come sono di come sono cambiate le cose in Europa in questi venticinque anni di come però anche qui la memoria di quel Bindi quel momento di quel periodo o magari sia sia import diventi anche come dire una mole ma anche per per costruire un futuro diverso o idea anche di
Di di business diversi mi viene in mente appropriato del muro di Berlino la quella quella muro che ha significato la divisione dell'Europa a sotto attorno al quale ci sono state anche mo'
The tragedie by diventato anche un business attraverso l'omino dei semafori della D.P.R. andrà DDR tesa è diventato un lo
Poco anche questa sua che essi che viene pubblicizzato viene insomma utilizzato per per molti oggetti
A hanno a significare anche una diverso atteggiamento che magari fuori tema se confini sia per la propria storia anche da questo punto di vista regia arrivato un sostegno
Che quarto sostenitore del progetto della l'andante il mamme che come dicevi di fatto
Ha trovato il modo per commercializzare il famoso Mino dei semafori delle di errore dove non c'era il classico semaforo con i tondino rosso arancio
E il verde ma
C'erano dei libri dei pupazzi colorati che che accendeva anzi spegnevano in basse quando si poteva trattare per i pedoni o a quando si poteva
Prema il pedale De Gasperi automobilisti tutto perché aveva uno scopo didattico cercherò di evitare gli incidenti
E quando c'è stata la riunificazione tedesca dopo il crollo del muro nel momento in cui ci può anche l'unificazione nella segnaletica stradale
A Berlino est si protestò perché c'era
Ci prova un certo aspetto nei confronti di di di di questi pupazzi colorati Ian Palma hanno appunto
Dall'IVA un dettaglio nell'acqua
Ha avuto l'idea di di di di iniziare a costruire degli oggetti appunto di del fine prendendo spunto proprio da questi
Omini dei semafori
E ne è nata un'azienda insomma che che che
Che
Stampa questi omini ma anche le signorine decine ma poi gli anta il manca Anna
Su gadget
Oggetti di design borse maglie
E quant'altro pure loro ci hanno dato un un sostegno
Tutto qua ecco l'ultima domanda a questo punto che cosa che cosa pensate di tra che cosa vi aspettate di trovare insomma lungo lungo il percorso di quella che fu la cortina di ferro ma
Io mi auguro di trovare
Sia un po'di indici di storie virtuose mi è capitato in questi anni di di di di incrociarle proprio
Lungo la corrente la cortina ancora
Seguendo la tutta ed è un viaggio di diritti in più di due mila chilometri mi auguro di trovarmi di altre perché
Credo anche che i confini sono normalmente percepiti come
Come delle cose che Dini dono che separano
Che e che che fanno mantenere a debita distanza idee e persone ed in realtà invece
Spesso accade il contrario cioè si sviluppano opportunità Comuni progetti comuni
Ci sono i piccoli commerci di ogni giorno
C'è uno scambio di idee ci sono
Dei dei dei momenti di riconciliazione poi è pur vero che non sempre le cose vanno benissimo però
Ecco secondo me la cortina anche la vecchia cortina di ferro o Cortina Verde che dir si voglia
Presenta anche dei laghi virtuosi appunto
Checché
Che come dire stai un po'affetti la fa riteneva che uno si può fare
Di un confine nord c'è poi a maggior ragione oggi quando si pensa non lo so penso all'Ucraina no servirebbero pena Russia c'è uno Severini Michel nemico alle porte no
E invece in questo caso ecco la storia ha ridisegnato una altra idea di conferire facendogli anche scomparire come nel caso tedesco no qua mi viene in mente proprio del voi fate questo che ha
Praticamente a a due mesi scarsi dalla dalle elezioni europee quando si teme l'avanzata dei
Dei partiti anche europeisti
Se non apertamente xenofobi ed è anche questo un segnale importante insomma perché quella
Quella divisione quella cortina che diviso due appunto l'Europa può invece adesso come si spiega vi tu diventa anche invece è diventato invece o anche un'occasione per di sviluppo economico di di interesse
Storico e culturale naturalistico insomma
Un altro ma anche un altro non è possibile insomma al di là di no no al suo modo anche un viaggio europei costano
Poi immagino che anche queste queste pulsioni populistiche che stanno caratterizzando l'Europa
Abbiano un certo riscontro sui confini no perché lì c'è
Certo
C'è una sensibilità ecco però è anche vero che
Come dicevo prima
L'idea di confine fisiche ribalta spesso
Non so penso ad esempio avviene Bratislava fra due città distanti sessanta chilometri l'una dall'altro che non non non si parlavano
Fino a fino al mille novecentottantanove no cioè quindi a un ha un grado
Di vicinanza geografica molto alto
Non corrispondeva una conoscenza reciproca è adesso si parla di un'unica area metropolitana sono trasporti efficientissimi ci sono dei viennesi che vanno a vivere a Bratislava perché le carte
Costano meno ma ci sono anche bravi islamici che vanno a vivere lei villaggio stralcio oltreconfine perché pure lì le carte costano meno quindi c'è un pendolarismo di frontiera oltre che
Sta nascendo una crossare ampi oppure
Industriale e finanziaria Norcia uno un polo un conglomerato
Ecco insomma
Come dicevo prima è lungo i confini succedono anche delle core più virtuose
Ed è per questo che come vi dicevo
Sì il nostro viaggio oppure europeista forse Falcon consapevoli che
Questa non è la migliore dell'Europa e che vorremmo però si può insomma i l'aveva comunque da dal Manifesto di Ventotene poi alla prima idea di di unione
Delle del del carbone dell'acciaio insomma c'era chi già cinquanta sessanta anni fa aveva capito che comunque c'era una unità possibile insomma dei dei del delle genti dei popoli europei insomma allora Matteo naturalmente non vin vi auguriamo buon viaggio quindi seguiremo con un po'di invidia anche
Se e seguiremo naturalmente il vostro viaggio da Radio radicale da Radio Radicale il punto it e quindi torneremo a sentirci e anche a seguire insomma quello che troverete poi e se quello che troverete lungo il cammino è quello che vi aspettate non sono le novità che
Delle le cose magari le sorprese che potrete
Che potrete raccontarci sopra ce ne saranno sicuramente approvò solamente un piccolissimo inciso questo reportage viene verrà diffuso quotidianamente anche su Huffington posto
Quindi sono il gruppo L'Espresso quindi e poi c'è la moglie di molti media l'Italia e poi c'è il sito verde Cortina punto com allora grazie
Matteo ringrazio Matteo Tacconi buon viaggio te a anche ai fini a se io Inacio Maria Cozza