27MAR2014
intervista

Intervista ad Andrea Olivero sul Disegno di legge Delrio sulla ristrutturazione delle Province e sulla maggioranza che sostiene il Governo Renzi

INTERVISTA | di Claudio Landi ROMA - 00:00. Durata: 3 min 10 sec

Player
"Intervista ad Andrea Olivero sul Disegno di legge Delrio sulla ristrutturazione delle Province e sulla maggioranza che sostiene il Governo Renzi" realizzata da Claudio Landi con Andrea Olivero (vice Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Per l'Italia).

L'intervista è stata registrata giovedì 27 marzo 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Burocrazia, Costi, Costituzione, Destra, Enti Locali, Fiducia, Governo, I Popolari, Istituzioni, Politica, Provincia, Renzi, Riforme, Sinistra, Stato.

La registrazione audio ha una durata di 3
minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Enrica Izzo Iva Radicev
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale abbiamo piccole Andrea Olivero di Popolari per l'Italia è il vice ministro per le politiche agricole senatore ma il suo gruppo parlamentare appunto per l'Italia a qualche mal di pancia in relazione al Governo o almeno a questo provvedimento la riforma delle Province
Beh rispetto allo specifico provvedimento ci sono delle valutazioni critiche in quanto noi ci aspettavamo effettivamente la cancellazione delle Province con annessi costi balzelli che infatti che per i cittadini
In realtà qui si cancella il titolo cioè appunto l'elezione
Diretta dei Presidenti dei Consigli ma purtroppo a parer nostro si fa ancora troppo poco nel cancellare la burocrazia delle nostre Province rimangono tutti gli uffici periferici dello Stato rimangono
Le funzioni gran parte dei costi a questo punto noi avremmo voluto qualcosa in più non stiamo difendendo le Province e anche i mal di pancia di queste ore non derivano da una nostra resistenza al cambiamento mal contato no io una rosa di soddisfazione perché avremmo voluto un cambiamento un po'più radicale voterete comunque la fiducia a tutti i comparti me credo che appunto da parte è tempo pare per l'Italia con la quindi
All'UDC votano la fiducia cioè
Appunto un un indipendente ha interrotto gruppo che come già in occasione
Della prima fiducia si è detto contrario anche voi su questo provvedimento e per specificatamente contrario stiamo cercando di ricucire anche appunto quelle mal di pancia quelle difficoltà di chi
Appunto vale
Dal provvedimento e non la volontà di proseguire l'azione di governo che comunque maggioritario ecco ma
Senatore anche seguendo un po'le cose anche a livello parlamentare sebbene ci sia ancora un po'di confusione di difficoltà Linda compagine di Governo a andare a organizzare i lavori
Io credo che ci sia un tema di fondo che non avevamo preposto al Presidente Renzi rispetto al quale non abbiamo avuto ancora risposte definitive ed è quello della doppia maggioranza se c'è una maggioranza per governare quindi anche fa la fatica di passare provvedimenti che a volte non vanno giù
E una maggioranza per le riforme costituzionalisti nazionali il chiaro che poi rinascono queste difficoltà a ogni giorno a portare avanti il lavoro bisogna al più presto far sì che si arrivi
A quello che è giusto in un vero rapporto di governo cioè che innanzitutto tutte le riforme piccole grandi e tutti gli atti di Governo passino attraverso la maggioranza un accordo di maggioranza e che poi quelle che hanno caratteristica di riforma istituzionale
E che quindi devono vedere anche il coinvolgimento l'opposizione vengano
Proposte anche agli altri con la naturalmente volontà di cercare di allargare la maggioranza e di una doppia frazione insomma che non c'è un accordo di terrò proposto un accordo per l'altra un secondo me non reggeva
No non regge perché crea tensioni continue e da l'idea a noi di essere semplicemente una ruota di scorta che serve per passare far passare quei provvedimenti che sono che
Difficili e che invece diventa inutile quando in si vogliono andare a fare le riforme istituzionali chiarisce richiamando livello viceministro lo ricordiamo per le politiche agricole esponente di Popolari per l'Italia ma l'ascolto da Radio Radicale