31MAR2014
dibattiti

Il Grand Tour del XXI secolo. L'Italia e i suoi Territori

DIBATTITO | Roma - 11:08. Durata: 52 min 49 sec

Player
Presentazione del Rapporto 2014 di italiadecide (Ed.

Il Mulino) alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano.

Registrazione video del dibattito dal titolo "Il Grand Tour del XXI secolo. L'Italia e i suoi Territori", registrato a Roma lunedì 31 marzo 2014 alle ore 11:08.

Dibattito organizzato da Italiadecide.

Sono intervenuti: Laura Boldrini (presidente della Camera dei Deputati, Sinistra Ecologia Libertà), Luciano Violante (professore), Alessandro Palanza (consigliere di Stato), Dario Franceschini (ministro dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo,
Partito Democratico), Euro Beinat (professore).

Tra gli argomenti discussi: Ambiente, Arte, Artigianato, Beni Culturali, Commercio, Concorrenza, Costituzione, Cultura, Digitale, Diritti Umani, Economia, Energia, Enit, Esposizione Universale, Esteri, Globalizzazione, Immigrazione, Impresa, Industria, Infrastrutture, Integrazione, Investimenti, Italia, Libro, Milano, Ministeri, Patrimonio, Pil, Politica, Prezzi, Privato, Qualita', Regioni, Rifiuti, Stato, Storia, Tasse, Territorio, Trasporti, Turismo.

La registrazione video di questo dibatto ha una durata di 52 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

11:08

Organizzatori

Italiadecide

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Allora buongiorno
Buongiorno
A tutela tutti
Sono
Davvero molto contenta molto lieta di ospitare alla Camera
La presentazione del Rapporto due mila
Quattordici di Italia decide dedicata quest'anno al turismo
Ringrazio il Presidente della Repubblica per aver voluto sottolineare con la sua presenza l'importanza di questo appuntamento
Saluto le personalità che prenderanno la parola e tutti tutti quei tutti i numerosi intervenuti
La presentazione del Rapporto annuale d'Italia deciderà ormai una consuetudine per la Camera dei deputati
E non è un caso
Visto lo stretto collegamento che c'è tra l'attività parlamentare
E i contenuti del lavoro dell'associazione che come noto è presieduta dall'allora Presidente onorario Carlo Azeglio Ciampi e dal Presidente Luciano Violante
Italia decide raccoglie personalità di diverso orientamento politico diverso orientamento culturale
Che condividono però alcune idee di fondo su come migliorare concretamente la qualità delle politiche pubbliche
E il rapporto che viene presentato oggi segue il prezioso lavoro fatto negli anni passati su temi diversi quello delle
Infrastrutture strategiche dell'energia e del ciclo dei rifiuti
Si tratta di temi che che meritano un continuo aggiornamento per
Per giungere a decisioni mature nell'interesse di tutti i cittadini
Il titolo ha dato al rapporto al rapporto di quest'anno è sicuramente evocativo i granturco del ventunesimo secolo
L'Italia e i suoi territori è un titolo che richiama una grande tradizione del nostro passato quella tradizione
Per la tradizione che ha portato tante persone da ogni parte del mondo
A considerare il viaggio in Italia non solo una piacevole vacanza ma un momento indispensabile nella formazione culturale nella formazione civile
Ecco credo che soltanto continuando a soddisfare anche oggi anche oggi quel bisogno alto di cultura quel bisogno alto di bellezza
Riusciremo a corrispondere
Alle attese di chi sceglie il nostro Paese come merita
Certo all'epoca del granturco il turismo era possibile sono per una
Una ristretta cerchia di privilegiati oggi non è più così
E il turismo di massa diventato uno dei più importanti settori economici dell'epoca attuale
Ma
La grande tradizione italiana va fatta evolvere rispetto alle sfide della contemporaneità rispetto alle dinamiche della competizione globale ai grandi numeri della società di massa
E allora bisogna che bisogna dire che l'Italia non può accontentarsi
Di un'offerta turistica di nicchia ma deve intercettare i grandi flussi di visitatori che sono attesi in misura crescente nei prossimi decenni
I numeri dello sviluppo turistico nei prossimi anni fanno intravedere grandi possibilità di crescita ma
Lo dico sinceramente fanno anche un po'paura
Perché secondo le stime della Walt solista Organization entro il due mila trenta
Il numero dei turisti internazionale su base annua passerà passerà dagli attuali novecento milioni a uno punto otto miliardi
Cioè una gigantesca una cifra immensa
Quindi
Si tratta veramente di cifre impressionanti che sollevano il problema di come gestire
Come gestire questa massa enorme di persone soprattutto se
Concentrate in pochissimi luoghi non sempre quelli quelli che sono sorti allo stato di attrazione turistica mondiale
Si può alleggerire questa pressione solo ampliando l'offerta turistica
Come ampliandola ammette alternative rispetto a quelle tradizionali
E incentivando la riscoperta di luoghi di città che sono spesso minori solo in apparenza ma che c'erano in realtà tesori di arte di cultura
Non inferiori
A quelli dei centri più conosciuti
E per fortuna da questo punto di vista l'Italia tante risorse ancora da esplorare
Dobbiamo fare uscire alla luce alla luce del sole quelle ricchezze nascoste farle conoscere e ed apprezzare da chi viene in Italia per la prima volta ma anche
Da chi torna in Italia
Una seconda una terza volta
Il rispetto per la nostra storia che ha fondamentale il rispetto per la nostra storia
Va coniugato con un'adeguata apertura ai fenomeni globali e questo penso che Vargas in tutti i settori
Come si possono pregare tra loro queste due esigenze che apparentemente sono contraddittorie no
Ecco lo si può fare afferma il rapporto giustamente
Valorizzando il territorio italiano in tutte le sue componenti
E quindi per raggiungere questo obiettivo il rapporto mette in campo alcune idee tra cui
Quella di sfruttare l'attrazione della vetrina mondiale
Offerta da dall'Expo due mila e quindici per indirizzare i flussi di visitatori anche verso appunto come si diceva
Destinazione alternative disseminate nelle diverse regioni secondo percorsi tematici quindi approfittare di questa occasione
Per rilanciare un turismo in zone nonna abbastanza note ma sicuramente altrettanto belle di quelle invece più conosciute
Penso in conclusione che potremmo imprimere un vero salto di qualità le nostre politiche del turismo
Solo se riusciremo a considerare sempre di più il turista non e non solo come uno straniero di passaggio
Ho una potenziale fonte di guadagno ma come come un cittadino temporaneo è concittadino temporaneo al quale quindi garantire i servizi e diritti paragonabili a quelli di tutti gli altri cittadini
Quindi da questo punto di vista le politiche davvero cruciali per il turismo non sarebbero soltanto quelle specificatamente turistiche tipo ma migliorare le strutture recettive
Ma quelle indirizzate a perseguire alcuni beni comuni che vanno a beneficio di tutti quindi più turismo se incentiviamo alla politica della tutela dei beni comuni della tutela ambientale
Della tutela del territorio la legalità la legalità la qualità dei trasporti
Quindi solo offrendo ai visitatori l'immagine di un Paese civile di un Paese funzionante riusciremo ad affrontare la competizione internazionale
Ed evitare il rischio di vedere ridotte le nostre più belle città a metri parchi tematici
Oggetto di cosa hanno sfruttato mento commerciale intensivo questo è veramente quello che dovremmo evitare
A questa considerazione
In conclusione lasciatemi collegare un'altra che voglio fare in questa sede
Le politiche per il turismo
Andrebbero pensati in modo integrato con altre politiche rivolte all'accoglienza
All'accoglienza degli stranieri che vengono da noi per ragioni di lavoro per ragioni di studio di cura o semplicemente alla ricerca di pace di diritti alla ricerca di sicurezza
Non possiamo senza
Una insopportabile contraddizione offrire servizi di lusso e turisti che affluiscono nel nostro Paese e poi trattare in modo a volte inaccettabile
I migranti che giungono in Italia
Da parti meno fortunati del mondo è spesso in condizioni disperate
Dobbiamo dare l'esempio concreto di una cultura dell'accoglienza che stia integrale una cultura dell'accoglienza
Deve mettere tutto al centro l'accoglienza con un nostro valore a trecentosessanta gradi
E che sappia misurarsi con la sfida della globalizzazione questa accoglienza
Quella sfida che porta con sé come è ovvio anche maggiori opportunità di circolazione delle persone
Perché nell'era globale tutto si muove si muovono i capitali si muovono le merci si muovono le notizie si muovono gli esseri umani e non solo per turismo emigranti oggi sono l'elemento umano l'avanguardia di questa localizzazione
E ci offrono uno stile di vita che
Presto saranno stile di vita molto diffuso per tutti noi loro sono l'avanguardia di quello dello stile di vita che s'presto sarà uno stile di vita per moltissimi di noi
Quindi sono certa che da questo incontro verranno importanti contributi di idee di progetti utili
Anche al nostro lavoro parlamentare e quindi anche per questo vi auguro veramente buon lavoro
San Nicola
Onore
A
Signor Presidente della Repubblica
Signor Presidente della Camera signori ministri signore e signori se l'ambasciatore Certosa che ringrazio per essere qui in questo breve video sono scosse le immagini di poche delle tante persone
Che hanno dato e danno
Finita ad essere italiani
Se ci fosse stato il tempo dà notizia giunta solo ieri sera ci sarebbe stata anche l'immagine di un'altra nobile figura italiano quella diciamo attorno così
Come
Come ha detto il Presidente della Camera questo è il quinto rapporto Italia decide
L'abbiamo calmato gran tour del ventunesimo secolo
Trentottesimo diciannovesimo del conflitto diceva adesso praticamente al resto Croazia europea veniva in Italia a Skopje le radici di una civiltà e qui trovate quante le tracce
Oggi ci sono quasi due miliardi le persone che tendono a muoversi simbolo nel mondo e che si spostano per turismo
A loro
Il viaggio in Italia del ventunesimo secolo può presentare i caratteri essenziali della civiltà europea che cioè della civiltà occidentale
Dalla preistoria penso lo straordinario museo di Lipari
Al barocco
Noi abbiamo una testimonianza continuativa di tutti questi lunghissimi secoli credo che siamo gli unici tabella tutta quanta continuativa tanti Stati erano dei pezzi ne fosse l'abbiamo tutta
Ecco oltre a proporre una politico oltre a proporre una politica di luoghi
Che si ammoderna
E
Capaci di valorizzare poster incompatibile significato per la civiltà umana perciò a Napoli Firenze Venezia Roma
Il rapporto propone una politica di percorsi perché il Tour de France tutto era un percorso mania di Stato tutto a posto
E quindi viaggi che in Italia abbiano un tema unificatore
Mi diceva il sindaco di Rimini l'altra sera che stiamo studiando all'ANCI il percorso di Piero della Francesca
Che mette insieme quindi Umbria Toscana Romagna
Penso a un percorso Della Pietra abbiamo pensato
In Puglia la città preistorica degli anziani Alberobello la Valle d'Itria Locorotondo Cisternino Martina Franca così sorprendere uno splendido centro storico e Matera con i suoi Sassi sono tanti percorsi
Il percorso si snoda attraverso storia cultura Ambiente cucina ospitalità e comprende musei movimento monumenti rappresentazioni teatrali concerti mostre
Il percorso insomma inserisce luoghi in una storia aumentandone il fascino e scoprendo nel significato
Come questo ecco il rapporto propone una politica industriale turismo
Non si tratti di fare di avere l'ennesima priorità ma di mettere in collegamento cose che oggi sono sconnesse trasporti ambiente e territorio cultura ricerca attraverso sinergie tra pubblico e privato
In una recente intervista alla rivista Franceschini faceva riferimento la diversa situazione di Ercolano rispetto Pompei
E con l'arma dei gestita in una fondazione privata d'intesa con col Ministero
Una politica di turismo
Come anche una politica per cultura non può non essere strategica nazionale da questo punto di vista
Credo che sia molto positiva la
La stanza la proposta del Governo riportare lo Stato le scelte strategiche mettere il politica del turismo
La coincidenza tra questa visione nuova e moderna le scuole di quindici può costituire l'avvio di nuova fase per rilancio dell'economia della bellezza della credibilità del nostro Paese
Il turismo infine cubo questa espressione al
Professor Emanuele chiedo scusa e energia pulita
Nel senso che valorizza la materia prima che abbiamo da culture titolo l'ambiente di stili di vita i beni artistici potenziando nel valore senza alcuna discussione
Il turismo in Italia può essere fattore di civilizzazione anche per gli italiani
Anche per i giovani italiani
Perché non solo tra risorse ma costruisce cultura e rispetto di pochi
E con le chiediamo signor Presidente che con le scelte giuste figlio della conoscenza del coraggio ed è la concretezza noi siamo in grado di fare in modo che l'Italia possa tornare ad affascinare il mondo come una volta grazie
Signor Presidente della Repubblica signor Presidente della Camera signor ministro autorità amici
Vorrei innanzitutto mettere in luce il legame che c'è fra questo rapporto di precedenti rapporti Italia decide precedenti rapporti d'Italia decide lo ricordava il Presidente della Camera sono su temi
Astri materiali come le infrastrutture energie rifiuti le reti territoriali
Ecco anche il turismo ENEL si collega questi tempi gli mi sembra che già gli interventi che ci sono stati hanno messo in mostra la complessità che il turismo assume una complessità che cresce
Di fronte alle grandi trasformazioni del mondo contemporaneo rapporto di Italia decide cerca di collegare il turismo all'insieme dei fattori che concorrono adesso e a queste trasformazioni
Le grandi trasformazioni del mondo e parlava il Presidente della Camera porto nel turismo ha scelto di una mobilità che molto più estesa e basta e molteplice di quella che c'è stata in passato
E quindi da
Nella nuova dimensione globale il turismo si trasforma in una forma di competizione fra territori
Che porta veramente il turismo ad essere al centro di una politica
Generale di una politica economica di una politica industriale soprattutto per il Paese come l'Italia
In questa fase i territori competono e competitive hanno sempre di più a tutto campo per attrarre non solo turisti ma anche i Presidenti
Anche intese e anche eventi
Il rapporto vede nell'insieme di questa trasformazione una grande opportunità per l'Italia proprio perché d'Italia a di un territorio tiene
Ricco e prezioso il tantissime componenti ed è sfruttato turisticamente oggi solo in una piccola parte
La condizione è quella di mettere al turismo al centro di una conversione l'economia il territoriale l'economia territoriale eh
La dimensione economica più congeniale all'Italia oggi è in una
Momento di grave crisi
Noi dobbiamo convertire questa economia territoriale che delocalizza ad una economia territoriale che investe sul territorio sulla qualità del territorio e in questo senso i processi di
Trasformazione dell'economia in senso ambientale in senso digitale concorrono a mettere il turismo al centro quindi questo rapporto non vede il turismo con una priorità come un settore
Ma lo vede come può essere in un Paese complesso come l'Italia come una
Politica di carattere generale di investimento e di sviluppo territoriale
Turismo può essere lasciarmi era il collante
Di questa nuova forma di economia nel territorio sul territorio e a queste condizioni il turismo diventa una politica industriale
Una politica che si unisce all'edilizia all'urbanistica all'architettura del recupero della rigenerazione urbana
Del rinnovo facilitato delle strutture alberghiere delle strutture produttive che non sono solo produzione o commercio ma anche visita e accoglienza
Una
Una
Una una fuga all'agricoltura che si fa paesaggio e qualità dei prodotti enogastronomici
Che si unisce al made in Italy all'industria creativa o del commercio creativo fra gli autori del nostro rapporto ne abbiamo un esempio mondiale
Ci vuole una strategia nazionale masserizia nazionale che dia metodo sostegno e parametri di qualità a progetti locali l'investimento sulla qualità e la competitività territoriale
Per questo dal rapporto punta al contemporaneo avvio della programmazione dei fondi europei due mila quattordici due mila venti all'agenda digitale a Expo due mila e quindici
Nella cornice di questi fatti strategici frapposto propone progetti
Ti concreti di investimento sulla qualità e attrattività territoriale
Dati arie non è in occasione di Expo due mila quindici da finanziare con i fondi europei da promuovere sul mercato nazionale e mondiale con l'agenda digitale
Il rapporto giunge a questa conclusione partendo dal saggio di uno storico che ci spiega come l'apporto dell'Italia con il resto del mondo comincia nell'era moderna con il granturco
E svolge un percorso verso il Grand Tour del ventunesimo secolo come parafrasi della competitività
Che si chiede oggi all'Italia nel confronto con altri Paesi in questo confronto convergono i punti di vista di ventitre frase Cicchetti urbanisti economisti giuristi e letterati
Esperti del settore imprenditori
Ne scaturisce una visione generale multidisciplinare intersettoriale
Al loro soprattutto dobbiamo se questa nuova tappa del percorso di Italia decide riesce a dare al Paese quella visione interconnesse integrata
Di sistema di cui
C'è soprattutto bisogno
Grazie tutti voi
Davvero il questo rapporto Italia decide molto utile uno strumento di lavoro approfondito con molti spunti
Per tutti quelli che a vario titolo devono
Lavorare su questa scelta con molti precise
Che saranno meno per la parte di lavoro che mi riguarda oggetto di molta attenzione erano molto utilizzate
E mi mi fa piacere questa occasione e di presentazione manca tenesse presente la Repubblica che ringrazio perché davvero penso che
Sia il momento in cui
Il sistema politico sistema istituzionale
Deve farsi una domanda e cioè se davvero e convinto che le scelte attorno alla valorizzazione della
Della cultura del turismo nel nostro Paese
Siano centrali non solo per il rispetto che dobbiamo
Alla tutela dei nostri beni monumentali della nostra storia ma anche come carta di investimento del sistema Paese per il futuro
La la risata con cui il Presidente Obama quando lo ha colto un Colosseo
Presentandomi condiviso la cultura il turismo continuava a dire che il miglior lavoro che si possa fare perché effettivamente c'è questa distanza mentre dall'estero chiunque sia il Presidente Obama al cittadino populista pensa che
L'Italia è
La cultura il turismo del cuore evidentemente di ogni politica di crescita nel nostro Paese per trascuratezza bipartisan
Il le politiche dell'anno dei beni culturali il turismo sono sempre state relegate in un ruolo accessorio secondaria
Cui ministri sono stati vittime non
Come dice Massimo qualche ha combattuto per ridare centralità come i predecessori al Ministero ma sempre stato vissuto come una cosa insomma
Ecco io penso che questa sia la domanda di fondo che è una domanda che ci accompagna ce per le scelte e dobbiamo fare per il futuro nel mondo globale nel mondo in cui scompaiono le distanze le frontiere
Tutto si mescola aumenta a dismisura il numero di persone si spostano per il turismo per esigenze di vita
è evidente che le singole economie nazionali non potranno più cercare com'è avvenuto nel passato di essere competitive su ogni cosa
E che all'inizio di questo secolo e di questo millennio ogni economia nazionale dovrà capire cos'è che la rende più competitiva più vincente più avanti rispetto agli atti ci sarà chi sceglierà
Avendo le materie prime chi sceglierà finché ce l'ha nascosto dalla mano d'opera chi sceglierà le grandi estensioni territoriali ma che cosa abbiamo cosa che ci può rendere competitivi in questo secolo
Non è arrivata solo questa scelta Mazzi cos'è che l'abbiamo Dini evitabile di di di di attraente di abbiamo esattamente la bellezza alla qualità alla storia all'arte la cultura la fantasia
La capacità di innovazione cioè l'Italia ed è quello su cui noi dobbiamo investire sapendo che la carta della nostra possibilità di svizzere di vincere la competizione globale
Dei prossimi anni e quindi investire qui è una condizione non soltanto il rispetto dovuto che dobbiamo
In termini di tutela di conservazione dei valori tutta nel nostro patrimonio ed è una storia quello che ci hanno consegnato belliche
Sono arrivati prima di noi ma è anche una condizione per vincere la competitività aperte per giocarsi la partita della competitività globale provarla vincere i dati del turismo sapete che abbiamo perso via via posizioni di sommaria dal quinto posto siamo dopo la Spagna
Ma siamo il primo Paese in termini desideri cioè qualsiasi anche i i Paesi che stanno immettendo sul mercato globale
Centinaia di migliaia di turisti come la Cina alla domanda dove desideri andare anzitutto c'è sempre l'Italia e abbiamo invece poi facciamo di tutto per ostacolare il patto
Che arrivino molli accoglienza ospitalità quindi davvero c'è una scelta di fondo che io credo dobbiamo fare che è quella di mettere al centro
E queste scelte come carta del futuro quando io non l'ho detto ma non scherzava compromesso che scherzasse io mi sento davvero alla guida del più importante il Ministero economico del Paese
Perché se sono vere queste cose su questo dobbiamo investire superando anche un po'di tabù superando un po'di resistenze perché non è che la tutela
Sacrosanta
Imposta anche l'articolo nove della Costituzione che non si tratta di applicare un principio costituzionale sia in contrasto con la valorizzazione
Anche l'articolo nove ci sono già seppure in termini diversi questi due principi quindi io penso che su questo noi dobbiamo assolutamente investire molte cose che ci sono nel rapporto vanno in questa direzione la stessi dalle granturco
Ricorda che noi siamo un Paese che ha delle infinite potenzialità di sviluppo dalle città d'arte i borghi al paesaggio
Non soltanto le grandi capitali del turismo su cui si concentrano vece quasi prevalentemente gli arrivi anche da questo punto di vista c'è un ritardo purtroppo è norma del Mezzogiorno con delle potenzialità turistiche enormi
Pensiamo alle grandi città del Mezzogiorno perché Napoli che è stata una delle capitale del turismo mondiale deve essere intere
Gatta pensiamo complessivamente alle città di mare italiani cosa potrebbero diventare in termini di potenzialità pensiamo a tutto il mondo dei dei piccoli centri
Quello che ha che è avvenuto in Toscana
Può venire anche nel resto d'Italia cioè la capacità di valorizzare
Ogni pezzo di storia in circolo Bordoni piccolo museo
Per dire abbiamo davvero delle potenzialità enormi se decidiamo se decidiamo di farla diventare una grande battaglie nazionale da questo punto di vista avere con legge
Portate in un unico ministero la cultura il turismo credo che risponda a questo principio
Sapete che il Dipartimento Turismo ha girato un po'dappertutto negli anni contribuendo indebolirlo Presidenza del Consiglio l'attività produttive un ministero da solo la cultura poi tornato al Presidente del Consiglio abbiamo fatto una scelta
Legislativa visto delle delle spese Governo letta che si sta si è concretizzata naturalmente
Qualche mese dopo
Adesso pensavo da questo punto di vista l'integrazione dei due sistemi e assolutamente fondamentale facendo delle scelte anche di apertura
Il tema dei privati che viene vissuto in una specie di dibattito tarda ideologico come se l'alternativa fosse tra
Il la tutela
Tutti ma non pubblico ho appena ci si avvicina un privato diventa lo sfruttamento di un bene pubblico affini di far profitto non è così
Tra un mese verrà il Ministro della cultura francese io vorrei in quell'occasione diceva lei parlare della legge sul mecenatismo francese che ha dieci anni che ha portato molte risorse che contribuiscono
A a tutelare di mecenatismo gli atti di liberalità ci sono degli esempi anche terminato in Italia
Di cui la stampa ha iniziato a parlare e ci sono una strada sapendo che il privato non potrà mai sostituire nemmeno in termini di risorse il grande impegno finanziario essere da parte dello Stato per tutelare un patrimonio modello che abbiamo noi
Però è un elemento di integrazione
Io penso che una delle cose che dovremmo fare sia prendere alcuni modelli come la Convenzione di Ercolano come la convenzione per un atto di liberalità di un cittadino giapponese sulla piramide a Roma
E
A trasformarlo in una convenzione tipo e appunto sfidare le grandi imprese italiane
Sfidare le grandi presto gli altri non può che essere dato l'alibi
Di nomina
Vuole fare investimenti ma non potete fare adesso dentro questo schema legislativo condiviso e di regole condivise aiutateci a salvare testi grandi oppressi piccole del nostro grande patrimonio culturale
Penso che questo sia una cosa che si può e si deve fare così come mi piacerebbe molto
Anche rispetto al sistema dei comuni italiani con cui ci confronteremo vedere trasferire quella strumenti
Eccellente capacità di marketing di promozione
Che utilizzata anche con professionalità che si sono
In questo caso
Miste pubblico-private sul sistema delle delle grandi mostre che sono una cosa importante
Ma non si capisce perché lo stesso gli stessi mezzi che la stessa capacità di promozione di marketing non si può applicare ad un grande museo o domande vengono mentale
Per cui siccome la mostra costituisce un evento fa grandi numeri di fianco c'è un Geoffrey magari a molto di più che tra piccoli numeri ci intorno ad un esempio della mia città e hanno investito molto sulla cultura e turismo dove c'è un bellissimo museo dedicato budini
Che al gran parte delle opere di Boldini che fa dieci mila visto per un anno il Comune avendo una un periodo vuoto nel palazzo dei Diamanti che pochi metri di distanza avuto l'intelligenza in via di prendere i quali del museo e metterli
Alla sede avanti
In tre mesi siccome è una mostra fatta cento mila visitatori
E poi è tornata in diecimila annuale allora mi piacerebbe che da questo punto di vista avessimo la possibilità di trasferire
Queste capacità di promozione di marketing al patrimonio monumentale storico artistico archeologico oltre che all'evento oltre che all'evento cosa di cui altri Paesi o più necessità perché non hanno quello che abbiamo noi
Abbiamo anche la pendenza di permanente che abbiamo
E concludo
Allora penso che
Molte cose si si possono fare siamo all'inizio di questa esperienza sono tutte utili ma funzioneranno stesso maldicenze saremo al centro come Presidente del Consiglio ha detto di una scelta complessiva di investimenti in questo settore
Sapendo appunto che è la e la carta vincente che possiamo giocarci da questo punto di vista dico soltanto i titoli
Io vorrei
Nelle prossime settimane stiamo lavorando per alcune cose di cui dico soltanto i titoli irrobustire il tessuto imprenditoriale
Favorire l'aggregazione di imprese che
Che occorrono ricettività turistica migliorarne la qualità
Favorire la la la raggiungibilità siamo così la fruibilità del patrimonio artistico c'è un sistema di trasporti inadeguato per cui I in taluni casi ai turisti e si fa tutto per lo Stato sembra che si faccia tutto per ostacolarla
Per raggiungere luoghi di grande di grande l'attrazione turistica sostenere la digitalizzazione qui abbiamo un'arretratezza enorme il turismo sia ormai trasferito tutto on line
Le prenotazioni antifreddo capillarità di ognuno di voi tutte in un sistema completo ma l'ottanta per cento circa del turismo si sviluppò anche il settore più avanzato e noi abbiamo un'arretratezza come sistema Paese in questo campo non parlo del tema generale e di esito digitale
Che una come dire un un freno enorme alla competitività globale investire nell'alta formazione specializzata nel settore della cultura nel settore turismo dobbiamo formare giovani
Dal a prendere le idee positive che ci sono aiutarle aiutare start-up creare imprenditorietà giovanile questi settori che c'è un mare di idee
Che non trovano non trovano sostegno e poi complessivamente riorganizzare il sistema di promozione turistica
è una delle cose che affronteremo io sfolgorante che affronteremo presto
In Consiglio dei Ministri
Il Titolo quinto ha creato dei problemi
Perché non è possibile che a chi di voi che abita si va in una fiera in giro per il mondo
E si trovano gli stenti alcune regioni italiane che non sanno nemmeno l'uno che c'è l'altra poi ce lo stende Lenez cioè la promozione affidata e spesso ci sono molte le Regioni che hanno un Budget di promozione superiore dello Stato
Non può funzionare il Paese si vende come Paese nel mondo e quindi la riforma del titolo dentro la riforma del Titolo quinto è fondamentale riorganizzare le competenze in materia di turismo ma non si può aspettare
Per il compimento del di verifica previsto dall'articolo centotrentotto e quindi dobbiamo
D'accordo con le regioni mandare in quella direzione da questo punto di vista dico soltanto i titoli per qualcosa purtroppo troverete sui giornali
Nei giorni scorsi io ho dato indicazione di anche perché si tratta di rispondere agli obiettivi della spending review dei superare la struttura di probità li abbiamo nominato un amministratore unico con compito di liquidarlo società
Dovremmo ridisegnare completamente le funzioni dell'ENI
Perché lei inizia una struttura costruita per come è fatta con molte sedi all'estero molti funzionari all'estero
Ma capite che non c'è più un turista che va
A Berlino Quattrocchi a farsi organizzare il viaggio nel nel nel nella sede dell'Ente nazionale voglia dall'Italia organizza in viaggio
è un modello che superato da
Da vent'anni quindi dobbiamo riorganizzarlo completamente rafforzarlo portando dentro le Regioni affidare i compiti di promozione all'estero e fare un grande lavoro sulla digitalizzazione
è un articolo che è una cosa preso atto che si può che si può iniziare a fare
Naturalmente tutto questo richiede richiede risorse richiede un miglior capacità di spesa ma richiede anche risorse io penso che
Il lavoro che avete fatto oggi il dibattito di oggi sia un grosso contributo per
Il fare in modo che alla domanda vogliamo che i settori della cultura il turismo siano fondamentali per costruire la crescita del nostro Paese e reggere la sfida della competizione globale che la risposta del sistema politico nel suo insieme sia sì ci crediamo e vogliamo farlo
Lo so bene
Signor Presidente della Repubblica signor Presidente la Camera
Signor ministro signore e signori buongiorno innanzitutto grazie per l'ospitalità e per l'opportunità di discutere con voi
Di un tema di crescente interesse per l'industria del turismo e per le sue politica
Il mio lavoro sia professionale sia accademico è quello di aiutare aziende istituzioni enti a trovare valore opportunità nelle tecnologie emergenti e qui avete già parlato abbondantemente questa mattina in particolare all'interno delle cose il big dai
Dal contesto Rapporto Italia decide chi siamo focalizzate sul tema del ritenta e delle indicazioni per il turismo e per le sue politiche
Il fenomeno di Gaeta è molto ampio risultato di una serie di Trento indipendenti che hanno con risultato complessivo la creazione di un'enorme quantità di dati sul modo in cui sistemi complesse come il turismo si comporta
La digitalizzazione di tutte le attività umane la diffusione dei social media dall'interno delle persone all'interno delle cose degli open detta contribuiscono a rendere i dati digitali una delle poche risorse
Che va gestita con la sua abbondanza non per la sua scarsità
Mi chiedono spesso di raccontare andrebbe così al mittente riutilizzo da un po'di tempo quest'margine qua e l'attesa del nuovo Pontefice nel due mila cinque
E nel due mila tredici
Dipinge bene quello che è successo isolotti a otto anni queste persone
Stanno tutte generando date stanno dicendo la rete che sono in quel posto che hanno interesse per questo evento e questo è successo in pochissimo tempo
L'Economist sì ma una crescita di dati digitali a due cifre per almeno due mila ettari
Pochi fenomeni hanno queste caratteristiche e quando emergono hanno naturalmente impatti radicali dobbiamo fare attenzione a queste cose il periodo due mila undici due mila dodici tra l'altro è considerato un anno di svolta in questo settore quindi un periodo molto vicino
E in questo periodo che si sono sviluppati alcuni degli esempi più significativi dell'evoluzione di limitata e in questo periodo bisogna anche iniziato i grandi investimenti strategici in settori che vanno dalla medicina e trasporti alla prodotti la filiera produttiva
Solo un paio di questi esempi questo
è l'esempio che racconta come la prima macchina chiusa dati in quantità colossale di dati si recita superare un'abilità innata
Degli esseri umani qual è l'interpretazione domanda complessa e ambigua questo no ciò che si chiama i giocatori è molto diffuso negli Stati Uniti e queste due persone sono voi concorrenti storici quelli che hanno vinto moltissimo questo
Programma in questo caso una macchina sfidati scusiamo l'inizio della sfida e ha vinto ma non basta
Questa macchina realtà non sa cosa voglio dire la domanda che viene posta non sa nemmeno quale sia la risposta però è allenata setacciare velocemente tutte le possibilità e una marea di Mattei e trovare la combinazione tra la massima proprietà di essere quella giusta
Ma se anche dimostrato come l'utilizzo strategico dei dati possa fare la differenza durante la campagna elettorale
Alcuni colleghi che hanno partecipato alla campagna di Obama per cui
Ho seguito molto da vicino questa attività è questa la campagna di Obama il due mila dodici fortemente guidata dalla scienza dei dati
Qui vediamo quello che vedevamo noi
Attraverso i media e la grande incertezza
E contrassegnato alla gara fino all'ultimo momento sono i sondaggi che sono stati pubblicati da giugno fino a novembre durante la campagna sopra il cinquanta per cento avrebbe avrebbe vinto Obama sotto avrebbe vinto a Roma
Qui vediamo quello che il data team della Campania vedeva dal suo interno
Loro modello non è basato su un campione di votanti era basato su tutti i diritti al voto modello come si chiama molecolare
Che dalla quasi tutti i dati a disposizione ricostruisce la dinamica completa e ogni giorno veniva aggiornata
Questo team che supportano la campagna a molti relitti sul risultato finale e qui vediamo quante dato vicino per la loro stima iniziale
è naturale allora chiederci come dati e metodi emergenti ma ormai dal valore dimostrato possono rappresentare un vantaggio competitivo per il turismo
Per l'Italia per i suoi attori ci chiediamo se casa abitata possiamo segmentare interpretare il turismo nel dettaglio necessario a stimolare competitiva recita e innovazione sulla scorta di quello che ha imparato negli altri settori
Per quello che noi abbiamo fatto che vi racconto oggi è una sperimentazione
Che in qualche modo ricostruisce l'esperienza complessiva del turismo italiano il turismo straniero scusate in Italia
Nel due mila tredici sulla base di social media dateli pretendere che sociale i dati della telefonia mobile vogliamo capire come rendere visibili comportamenti collettivi che possono guidare politiche investimenti promozione siamo partiti da questi dati
Abbiamo creato premente gli strumenti evidente un modello dell'Italia che un modello simile a quello che ho visitato la campagna americana
E qui chiama questo modello dove sono i turisti dove vanno come arrivano in Italia per la prima volta sono di ritorno diventano promotori detrattori
E l'idea di utilizzare queste informazioni per informare le politiche per capire se stiamo andando una direzione giusta come
Ci poniamo questa domanda la nazionale a livello di singole citati singole destinazioni
Vediamo allora
Nel due mila tredici in pochi secondi tutto Torino lo straniero in Italia
Questo partiamo da maggioritario fino a novembre notiamo l'asso destituzione geografica anche la sua fluttuazione temporale come si concentri in pochi punti chiave che commissiona parte intera dell'Italia che non sia sfiorato dal turismo straniero
Ci siamo poi
Chieste al livello più dettagliato qual è la differenza tra le varie nazioni
Qui vediamo ad esempio quello che succede per i turisti cinesi questi sono i turisti cinesi nell'estate due mila tredici vediamo come questi sono fortemente concentrata in pochissime zone dell'Italia molte più del turismo generale
Non è così incerto per alcuni turisti
Che hanno una lunga storia d'Italia questa la Germania vediamo i turisti tedeschi che chiaramente privilegio nel nord Italia ma vedremo anche dopo come c'è una
Interessante di fusione verso il sud Italia cosa che invece non c'è in altri casi
Quando li mettiamo assieme invece al di là del fatto che le bare della Germania dovrebbe essere molto più alto e ci sono molto più per turisti tedeschi
Vediamo come
Per cinesi e tedeschi poco tutte le altre nazioni ci siano forme d'Italia molto diverso
Quando entriamo qua nel dettaglio della singola città e possiamo farlo su qualsiasi città
Vediamo quello che succede a Milano turisti cinese turisti tedeschi e con poche zone dove si sovrappongono anche a livello locale i singoli turista Simone nazionalità alla loro peculiarità
Naturalmente
Grazie a questi dati ne potremo ricostruire il tutto fino a questa mattina abbia scelto di farlo vedere
Per l'estate del due mila
Tredici
A livello temporale flussi di entrata in Italia rappresentano bene le peculiarità dei singoli segmenti in questo caso i turisti austriaci cinesi e norvegesi
Vediamo la fluttuazione molto rapida dei turisti austriaci sulle settimane entrano ed escono anche la settimana vediamo però i picchi distribuiti in maniera interessante
In punti diversi dell'anno per i turisti delle altre nazionalità c'è una differenza molto sostanziale
Questi invece sono lecita che vi sia tra i vari turisti cinesi tedeschi Di Campli come esempio per questa presentazione e vediamo che tantissimi vengono da noi solo per visitare un solo luogo una sola città
Naturalmente cinesi vista la distanza visto di più i tedeschi di meno ma vediamo anche dove si distribuiscono i tedeschi che bisogna Italia per una citavano al nord con la visione di più vanno nessuno
I cinesi invece si raccolgono attorno a questo centro che Firenze e poi da questo punto si distribuiscono americani
Dai dati è meglio dalla lettura di quello che succede sul territorio mediante nuovi dati emerga migliaia di segmenti turismi diversi di classi turismo che corrispondono diversamente le politiche di promozione e così anche per i singoli luoghi per le singole città
Ma faceva anche notare come Roma ad esempio sia centrale nell'esperienza dei turisti che l'ha visto turisti che vengono a Roma spendo a metà del loro in coro
Per questi Roma sostanzialmente significa l'Italia non è così invece per Venezia che quasi sempre visitata come parte un'esperienza più ampia
Ma se aggiungiamo zone come il Salento come Pompei
Vediamo questa immagine cambia questa l'idea del tempo quanto tempo spendono il loro destinazioni se noi aggiungiamo quello che succede sui social media di come parlino di cosa dicono di queste destinazioni succede questo
Che are come Pompei città come Venezia
Aumento la loro importanza determina molto di più che proporzionalmente quello che il loro peso per l'Italia
Ci sono anche turisti che
In realtà sono un pezzo di un'esperienza più ampio ed estesa dell'Europa lo racconto la venisse cinesi che il modo in cui entrano lasciano l'Italia
Qui vedete che i turisti tedeschi a limitare sostanzialmente a via Terna ma c'è una grande proporzione i turisti cinesi
Che arriva via terra al di là della distanza chiaramente non vengono in Italia vengono in Europa e lo vediamo ancora meglio quando andiamo a confrontare commentano come escono ce ne sono molti di più che entrambi a terra e fruiscono viaria
Per loro il Grand Tour il Grand tour dell'Europa è un gran tour diverso non è un gran tour verità promuovere l'Italia in Cina deve essere promossa assegnare molte altre
E valore dei nuovi dati si amplifica quando per risoluzione geografico temporale rendiamo misurabili fenomeni che ha una valenza operativa immediata
In questa nazione vediamo da dove vengono i turisti che si trovano a Milano oggi realtà logica ripeto se un giorno di giugno dell'anno scorso siamo andati a vedere che c'è un centro a Milano presentate a capire dove sono arrivati
Dalla mappa dovreste vedere che la il centro di Milano naturalmente attrae assorbenti turisti
In questa nazione
Chiaramente prendiamo evidente dinamiche che si possono tradurre valore decisionali ad esempio la promozione mirata di grandi eventi è fondamentale sapere qual è il flusso in entrata le varie città
Qui vediamo quali sono i turisti a Milano oggi
E da dove arriva
Varie organizzazioni in Europa Francia e Spagna in primis stanno esplorando questi modelli per tradurre in vantaggio competitivo lo fanno sulla base della consapevolezza che a livello di comportamento collettivo possiamo in più che interpretare il turista il turismo nelle sue mille
Faccia
Queste sono invece tre esempi di attività molto sperimentale
Andiamo a ma pare due cose dove sono i turisti dove spendono di più evidente che questo ha prodotto una serie di dibattiti però ci permette di capire in quale modo il turismo e dove il turismo riesce a portare attività economica
E a livello sperimentale mentre il resto abbiamo visto fino adesso è molto assodato molto stabilizzato queste son cose molto più sperimentali
Così son più sperimentali le attività che sono legate invece all'analisi del singolo turista fino adesso era tutto legato non possiamo permetterci di fare altrimenti
Ma alcune persone facile lasciare tutta la loro esperienza aperta sui social media questo un turista americano
E qui vediamo dove ha lasciato giudizi positivi in giallo giudizi neutri in deroga possiamo seguire da questo punto emergono anche attività come peggioramento per Google ci permette di mettere in cima
Quelle che sono ricerche migliore socialmente nel mondo fisico ci permette venti ficcare quei turisti che di più di tutti gli altri determinano
In qualche modo l'impatto solita
E questa è l'ultima qui c'è
Ci immaginiamo
Di fare un'attività
Ulteriore ed è quella di andare a prevedere dove saranno i turisti dopo
Lo possiamo fare a vari livelli questi sono i turisti che son visti a Milano andiamo distribuirli su tutta l'Italia per capire come si muoverà
è ovvio che questa anche l'attività sperimentale
Però
Diventa un'attività estremamente importante per definire
Quello che potrà verso il potenziale nel turismo in Italia sono nel complesso solo esempi di
Utilizzi molto più ampi di cui ho presentato una più articoli si parla parte lavoro fatto
Spero vengano almeno in parte il senso dell'opportunità ma anche dell'entusiasmo che proviamo noi immersi in questi dati quotidianamente per la potenzialità che tutto questo può avere
Per il turismo e per i beni culturali
Vorrei ringraziare naturalmente chi aiutato contribuito queste sperimentazioni mi auguro anche che la finestra di opportunità che abbiamo di fronte a noi questi strumenti possono contribuire a rendere il turismo e beni culturali ancora più centrali e strategici e ringrazio per l'ospitalità
Io dico la nostra possa prestazione terminata permettetemi ingrassare Amministrazione della Camera per
Averci consentito questo tipo di lavoro produttori notti Bonci
Resiste con un uso accurato in video
De Carmine spento per il giorno fatto le musiche riassume tutti quanti voi che ci avete dato una parte prezioso dello Stato e lo sta già fatta buon lavoro tutti e buona giornata