28MAR2014
intervista

La "road map" delle riforme istituzionali tra quella del Senato e della legge elettorale. Intervista a Francesco Clementi

INTERVISTA | di Lanfranco Palazzolo RADIO - 11:56. Durata: 17 min

Player
"La "road map" delle riforme istituzionali tra quella del Senato e della legge elettorale. Intervista a Francesco Clementi" realizzata da Lanfranco Palazzolo con Francesco Clementi (docente di Diritto Pubblico Comparato alla Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Perugia).

L'intervista è stata registrata venerdì 28 marzo 2014 alle 11:56.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Berlusconi, Calderoli, Camera, Costituzione, Diritto, Europee 2014, Forza Italia, Governo, Istituzioni, Italia, Legge Elettorale, Letta, Mattarella, Mortati, Parlamento, Partiti,
Partito Democratico, Politica, Provincia, Referendum, Renzi, Riforme, Senato, Stato.

La registrazione audio ha una durata di 17 minuti.

leggi tutto

riduci

11:56

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio radicale ci occupiamo delle riforme costituzionali che la legge elettorale per capire se diciamo il percorso la road mappa del che il Governo Renzi ha immaginato per questo tipo di diritti di riforme e corretto se non all'RAI incontro a
Contraddizioni innanzitutto molti oggi si chiedono quando la legge elettorale
Arriverà
Al Senato e soprattutto se questa riforma ben si attaglia era quella che sarà
Anche la la riforma o l'abolizione del
Delle delle Senato questo cercheremo di capirlo insieme al professor Francesco Clementi docente universitario costituzionalista insegna diritto costituzionale italiano e comparato all'Università di per Cuccia lei ha fatto anche parte della commissione dei saggi e in coda al vostro lavoro voi avevate Espresso diciamo una
Una sorta di di di avvisa che avrebbe poi fatto materialmente le riforme le riforme costituzionali e di prevedere un percorso ben
Demme delineato oggi a che punto siamo e che tipo di dischi intravede
Innanzitutto grazie dunque il quadro è questo io per quanto mi costa da studioso che guarda le leggi le cose non niente di più niente di meno o penso che il Governo abbia fatto a un bene innanzitutto da affrontare con forza anche la riforma costituzionale e dopo aver in qualche modo incardinato nel passaggio tra il Governo mette il Governo Renzi anche la legge elettorale
Il quadro che abbiamo di fronte a un quadro naturalmente quindi di un intero cantiere nel quale anche le proposte e che sembrano più consolidate tali non lo sono faccio un esempio per essere ancora più esplicito il testo su cui ne discutiamo di riforma costituzionale del Senato in realtà il per il il Governo italiano non l'ha mai approvato in Consiglio dei Ministri è un testo che ha messo a disposizione sul suo sito internet
E tutti noi di studio e tutti gli appassionati di cittadini inciso aveva esplicitamente citando accogliere
E i punti di poca funzionalità alle scelte e cooperare peraltro aggiungo che che anche in ragione della abbellita
Di alcuni fondazioni culturali in questa settimana la Camera molti di noi una quarantina di
Di di di studiosi di questioni costituzionalisti di costituzionalisti hanno affrontato direttamente anche con il Ministro le aporie problemi
In tal senso certo è che evidentemente una riforma del genere che tocca il cuore del bicameralismo italiano rendendo finalmente anche il nostro Paese che potenzialmente uguale agli altri fare comma Camera ghetti e occupa dell'indirizzo politico che dalla fiducia e l'alta che cura il controllo le garantire ed è il rispetto della forma di Stato attraverso le sue autonomie per rappresentata appunto allo plastica ma qui dentro una Camera che ci richiama Renato chi lo scritto sul Sole domenica non può non chiamarli Senato delle autonomie nonché di qualche altro nome è una
è una boutade in qualche modo ma dentro questo contesto è chiaro che questo processo non può non avere così come perché avremmo allora appunto come lei correttamente ricorda nel nella la negli atti
Della Commissione elettorale per le riforme un momento anche di confronto più largo non semplicemente tra le stesse forze politiche ma anche con gli italiani a meno dispiaciuto de personalmente che vi Ossia comunque referendum confermativo ma io sono un portati foto dello strumento referendario tanto come diciamo da tanti anni membro l
Delle due Comitati referendari per la riforma elettorale contro il porcellum allora in favore del Mattarellum tanto perché ritengo come la scuola di Mortati invecchio famoso costituzionalista italiano parole di tanti di noi
Il rito agrario aprendo a una funzione molto importante del nostro ordinamento una quota come lo dico come dire a mio beneficio ma a beneficio di tutti che però la Costituzione italiana impedisce
Scelte che non lo prevede omettendo di tipo confermativo dovremmo in qualche modo trovare una formula per dare porta a quello che il centotrentotto cioè allo strumento pericolo per le riforme costituzionali contente ma non impone
E ci dà la possibilità di poter
Nasceva da un referendum laddove la
Seconda votazione fosse ulteriore appunto ai due terzi
Ecco che cosa succederà se verrà approvata
Una una legge elettorale come questa alla Camera il Senato che prevede una riforma elettorale soltanto per la Camera
Dei deputati e non si riuscirà a fare una una riforma costituzionale adeguata del delle del Senato oppure non si otterranno gli i due terzi quali sono gli scenari a cui andiamo incontro
Dunque ci sono tre scenari trascinare da quello di oggi lo scenario di oggi prevede che noi abbiamo già una legge elettorale vigente dalla legge della Corte costituzionale una legge elettorale dico proporzionale con le soglie di sbarramento del vecchio che
C'è un comma contro secondo look quando c'è una reale è lo scenario nel quale noi abbiamo l'approvazione del cosiddetti tali comma che prevede appunto come di correttamente ricordava lei la sua elezione per la Camera dei deputati
E che naturalmente prevederebbe anche
Il rischio era la sua domanda che potessero terzi possano tenere elezioni
Politiche sia per la Camera che per il prato pur avendo una legge elettorale costruita tentata esclusivamente dalla Camera
Su questo mi contento di dire e normalmente in questi casi che arriva a questo stato di emergenza perché tale farebbe
Naturalmente c'è anche qualche soluzione giuridica che tra l'altro al punto si potrebbe porre quindi una bomba ad hoc puntata per equiparare dichiarata la Camera per trovare registrare Prato scusi odio Pradella Came registra il Senato oppure altri strumenti che naturalmente il diritto contente per ovviare all'emergenza ma apre davvero una soluzione emergenziale non auspicabile neanche nei sogni più o negli incubi peggiori
Certo scenario
Lo scenario che io preferisco di più uno scenario nel quale all'approvazione della legge elettorale corrisponde anche la riforma costituzionale ed è lo scenario che vedono abbiamo davvero di fronte cioè la possibilità di poi va bene deve in un tempo abbastanza adeguato almeno un anno e mezzo alla legge elettorale anche un'ottima riforma costituzionale che chiediamo al Senato non elettivo
Ma capace di
Di rappresentare perfettamente le istanze delle autonomie di questo Paese dunque vorrei darle di una grande forza nella fase ascendente della definizione del diritto comunitario in Italia e soprattutto di un Senato anche capaci dico trovare l'attuazione delle politiche pubbliche naturalmente tutti i profili di garanzie di controllo che una camera non politica perché di questo stiamo parlando ma appunto territoriale porto citare sul lato l'attività della Camera o di
L'IRAP per la Camera deputati questo scenario è uno scenario lo è ancora tutto in piedi quindi conferma ecco le volevo chiedere questo che tempi che te che indiciamo che tipo di road mappa sarebbe consigliabile per evitare di patatrac
Tipo quello che al quale stiamo assistendo per per per le Province per coprire per le quali si sta ricorrendo a una strada intermedia quindi lei che cosa pensa che la legge elettorale al Senato dovrebbe arrivare dò
Con la riforma costituzionale del Senato dunque con l'ordine sulle Province realtà con la correttamente comunque insomma diciamo prefigura compatta track
è un fatto abbastanza evidente le Province sono incostituzionale per modificare la Costituzione bisogna che quel processo del centotrentotto l'unico modo per far sì che le Province
E non producano danni nell'ordinamento mentre si cerca di modificarle e da un lato svuotando di poteri e funzioni dall'altro mantenerle sotto commissari e quindi nei fatti questa la soluzione che ad oggi il Parlamento sta portando avanti
I prudente appunto a quello che dicevo prima cioè la riforma del costituzionale
Del bicameralismo che appunto cancella le Province la parola province intera detterà decostituzionalizzare e quindi non più presente nell'ordinamento nella Costituzione mi scusi secondo quanto affermato eccetto qui diciamo ci sono dei vincoli che s'intrecciano più che sulle tecniche naturalmente sulla politica
E quindi sugli interessi della politica dei partiti è chiaro è evidente che alla coalizione di Governo interessa arrivare all'appuntamento delle elezioni europee con una con un argomento politico porta in mano che sia la legge elettorale o che sia la riforma almeno la prima lettura avvio di una del ramo del Parlamento e del Senato credo
è un punto decisivo ora
Io registro che certamente per la riforma costituzionale di tutelare i tempi sono abbastanza stretti perché il altrimenti io mi dimetto occhio e croce tempi rapidi papà ma mi pare ma ecco spiegato il perché il contenuto della riforma che gira appunto sul sito internet del Governo e che il Governo deve sempre alla prossima settimana pressoché
Fortemente conforme a quello che ogni è stato il dato degli ultimi trent'anni dico trent'anni in questo Paese
E da ultimo arato anche recentissimamente nella Commissione di cui
Appunto avevo l'onore di essere fatte credo che il fondo un mese che contentare il senatore al Senato di i poteri per apportare le modifiche ritengo necessarie
Ma al tempo stesso di non dover scoprire nuovi Pradè perché le strade sono quelle
Quindi io penso che una procedura che dia a Porta innanzitutto alla riforma costituzionale del Senato mi sembra una procedura importante da perseguire sulla perimetrare io registra una corona più ampio accertata c'è un lavoro attento anche da parte degli uffici questo mi risulta sia del Ministero dell'interno che naturalmente della Camera e del Senato per rendere
Soprattutto il meccanismo della formazione i voti intrecci meccanismo efficace funzionale ed efficiente penso che siccome è una legge ordinaria non una legge costituzionale dunque avendo una finestra non vincolata nella sua approvazione nella meccanica temporale dalla Costituzione io penso anche la semplice inversione prima penare per la legge elettorale non rende impeto
Nei tempi e nei modi
In zone dove della elezioni europee non renda chissà questo particolarmente gravoso Valsassina ecco dunque mettiamo caso che ci sia una riforma
Una riforma del del Senato no e poi si passi anche alla legge alle leggi e elettorale
Allora guardando l'articolo centotrentotto della Costituzione io non credo che sia difficile trovare su seicentotrenta Parlamento i centoventisei che chiederanno il referendum confermativo volevo sapere come si andrebbe alle elezioni in quel caso
Dunque cioè un semplice argomento lei sa bene che come diciamo alla passaggio altra al momento elettorale e i referendum
Evidentemente c'è un conflitto e notoriamente ne sappiamo che non si può dar luogo a referendum competente di elezioni
Il rigetto chi è che c'è un punto chiave su quale però la sua domanda partiva da un assunto concettuale che io non vedo approvata a larga dall'assunto che chi vota
Io non credo che si torni a votare perché dovrebbe votare proprio quando si è raggiunto l'accordo su sulla riforma costituzionale del Senato e a maggior ragione quando cento contabili
No ma io lo dicevo anche al termine naturale della Legislatura insomma quindi secondo me non c'è quindi se volete ferendo confermativo ci sarà quindi prima delle elezioni
Io parto dall'assunto è questo
Del
Fatta la riforma costituzionale del Senato se c'è il referendum proficue che qualcuno di aderire però non si terrà non ho capito perché per colpa di carattere prendono più da temere quella domanda ma che e tipo la riforma costituzionale nessuno di avere tre non si può andare elezioni fra io parlo concetto molto più semplice immagino che tale Tarpea la riforma costituzionale almeno un anno più o meno un anno un anno e mezzo occhio e croce
Per rispettare ed adeguati dentro un contesto di di civiltà anche perché con l'articolo ottantuno dalla riforma costituzionale abbiamo fatto in tempo inferiore all'anno quindi insomma volendo si può anche fare prima io opinione a maggior ragione si faccia prima ma ciò detto il fatto che ci sia la possibilità di adire al referendum però porta riformarla indebolisce e quindi non ho capito perché lontano dalla porta la riforma dobbiamo strozzare ed impedire che visti a referendum due
Vi è chiaro che il Garante convinto che essendo questo un processo molto difficile molto complesso e dove diciamo nei beni e le incognite e le difficoltà sono molto maggiore di quanto ci si possa aspettare
Io ho più che nel momento in cui questo questo e chiudo gli operai non lo sappiamo premeva forma di occultamento collettiva piuttosto ad una forma di diciamo di meeting blocco decisionale anzi immagino che proprio per le ragioni che diceva lei di referendum abbiamo appunto indichi Gillo finale quindi vedo più dati positivi che dati negativi in tutte
Però proprio dovere un'armatura parlava vada a votare e dunque impedisca referendum ecco allora io la la considerazione la facevo soltanto per due per due ordini
Di di continuo
Nel primo l'atteggiamento di Forza Italia che parla del del voto sarà oltre un anno il quel patto elettorale della riforma elettorale è stato fatto tra diciamo Forza Italia
Il Partito Democratico secondo bisognerà anche verificare l'atteggiamento dei partiti piccoli e del nuovo centrodestra rispetto al varo della
Della della della legge della legge elettorale che
Porta dietro con sé
Molte molte incognite e quindi potrebbe portare anche alla fine della legislatura secondo del risultato che uscirà fuori tanto questo tipo di
Di riforme il ragionamento era quella vettura ho capito il ragionamento che è fuori un ragionamento frutto più che legittimo ma anche più che comprensibile
Allo Stato all'atto dell'oggi però io parto da un'altra opposizione tutto qua crepaccio lascino il comportamento di oggi lo proietta nel tempo perché qui ben conoscendo la velocità
E il dinamismo della politica italiana eletto natante teme che farà un altro Governo e prendete gli emendamenti prima ancora avevamo è un'altra situazione ed è tranne che prima ancora avevamo un Parlamento dallo scenario del Capo dello Stato
Io sono convinto di una cosa che è uno schema così proiettivo Dida così tanto nel tempo fra un anno probabilmente uno schema più fallace che
Che che atto ma non perché ovviamente
Mi permetti critica la temperatura ma perché la volatilità e la velocità della politica e dalla pare che l'analisi punto-punto diremmo dei comportamenti ire degli interessi delle singole e i soggetti politici e tale gap
Vado in mente rischierebbe di essere qua perché mia valutazione così là nel tempo poco conforme saltiamo un altro dato esplicito nel dire ricordavo un patto il patto elettorale se ho capito bene sì d'accordo sia l'accordo è così l'accordo elettorale tra Pd
E poi Italia ora io non applica un accordo elettorale io pratica d'accordo sulla legge esiste la legge io parlavo di quella
Forse mi sono espresso male società
D'accordo sulla legge elettorale non è detto che però preveda per quattro virgola due il voto in tra un anno questo io non ho sentito dire dall'attuale Presidente del Consiglio un accertamento i tempi per dire da da la Berlusconi ma da da Presidente del Consiglio noi ottantuno a porre stimati indetto la politica apparati incapace di formare
Scritta o cercherà di anteporre i suoi interventi
I dubbi interetnico riduttivo soggetti politici al processo di riforma io pare intanto partire per dare al processo di Norma quindi capito personalmente come attitudine vista anche alla luce di questo piccolo perché ho fatto in questa Commissione
Dove tanto il carico di aspettative e avevamo dove però fin da subito al partito diciamo gioco alla al tiro al piccione temi contenta una battuta un po'
Cresce ecco allora l'Italia da questo punto di vista di puntare su due attivamente getterà tutto il tempo certamente per fare la riforma elettorale che la cosa più cascine nel tempo e porto però più difficile dal punto di vista politico ma soprattutto c'è tutto il tempo per fare la riforma costituzionale fatta per bene Luca petalo serenamente insieme mi pare tra l'altro il Governo a questo punto di vista implicita esattamente
Appelli tornante
Lula che all'altra va bene questo poi lo vedremo naturalmente torneremo su questo argomento il bandolo chiedevano
Ma mano che andrà avanti questo percorso intanto io la ringrazio e ringrazio il professor Francesco Clementi costituzionalista e docente di diritto costituzionali che italiane comparato all'Università di Perugia grazie a voi