29MAR2014

Il rovescio del diritto - La pillola

EDITORIALE | Radio - 07:30. Durata: 5 min 50 sec

Player
Trasmissione a cura di Gian Domenico Caiazza.

Argomento della trasmissione: il Disegno di legge sul voto di scambio politico - mafioso.

Puntata di "Il rovescio del diritto - La pillola" di sabato 29 marzo 2014 con gli interventi di Gian Domenico Caiazza (presidente del Comitato Radicale per la Giustizia "Piero Calamandrei").

Tra gli argomenti discussi: Abuso D'ufficio, Corruzione, Criminalita', Diritto, Giustizia, Istituzioni, Lega Nord, Legge, Mafia, Magistratura, Movimento 5 Stelle, Napoli, Palermo, Partiti, Partito Democratico, Politica, Reggio Calabria, Stato, Voto.

La registrazione audio di
questa puntata ha una durata di 5 minuti.

leggi tutto

riduci

07:30

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Il disegno di legge in tema di voto di scambio modificativo del vigente articolo quattrocentosedici ter del Codice penale presenta alcune criticità che meritano attenzione e che certamente non possono essere
Liquidate come invece il primo stia per accadere in nome di preconcetti politici ed ideologici che dovrebbero essere tenuti ben alla larga da decisioni così complessa e delicate
L'attuale articolo quattrocentosedici ter merita certamente di essere modificato giacché limita la illiceità del fatto
Allo scambio tra promessa di voti e denaro cioè ad un corrispettivo che non è certo il solo soprattutto in terre dominate dai radicate una organizzazioni criminali e nemmeno il più importante precluso che un politico possa
Impegnarsi a pagare in cambio di voti
Di qui la risolutiva modifica che aggiunge alla parola denaro la locuzione o altra utilità si tratta di una locuzione ampiamente consolidata nel diritto penale per esempio alle fattispecie di reati qualità corruzione
O la concussione porta proprio a definire punire qualunque tipo di vantaggio non solo pecuniario che ci si proponga di ottenere in modo illecito
Le norme giuridiche d'altro canto sono fatte di parole
Che la scelta nel redigere norme nuove di locuzioni Igea sperimentate intorno alla cui interpretazione ci sia già sviluppata e consolidata negli anni la interpretazione
Giurisprudenziale è una garanzia di chiarezza e dunque di tenuto dalla norma
Per quel partito fondamentale ragione che gli analfabeti o i giustificativi i fanatici che poi la stessa cosa
Liquidano non essendo in grado di comprenderne il valore come pretestuose astruserie da altri CAGRE Buglio suscitano perplessità alcune altre definizioni sommario alcune altre parole che si vorrebbe da alcuni introdurre dal preliminare
Dal testo di quella riforma così era stato introdotto l'avverbio consapevolmente per qualificare soggettivamente la condotta di scambio
In modo che rispondere del reato solo che ottiene consapevolmente i voti una promessa di
Intanto eliminato questo avverbio è Forza Italia e nuovo centrodestra quanto si legge danno fuoco alle polveri
Ma francamente questo avverbio sarebbe destinato solo a creare confusione il reato di cui stiamo parlando esige il dolo dunque la consapevolezza dell'accordo della sua natura illecita
L'avverbio consapevolmente cosa dovrebbe aggiungere al già richiesto Dolo
E qui ancora una volta vale la pena sottolineare che si tratterebbe per di più di una verbo va avverbio poco conosciuto se non addirittura sconosciuto del nostro sistema penale
Anni fa fu introdotto in relazione al reato di abuso di ufficio
L'avverbio intenzionalmente e ancora oggi stiamo impazzendo nella sistematizzazione del dolo intenzionale così creato tra Dolo generico dolo specifico e dopo l'eventuale
Francamente non sentiamola incomprensibile esigenza di aggiungere anche un tautologico Dolo consapevole
Scrissi ma invece l'obiezione circa la introduzione nella fattispecie descrittiva dello scambio anche bella disponibilità soddisfare gli interessi e le esigenze del associazione
Ancora una volta si ricorre ad una locuzione disponibilità ignota al diritto penale vigente per di più mutuata all'evidenza dalla già di per sé controverso elaborazione giurisprudenziale sul cosiddetto concorso esterno
In associazione mafiosa che discetta pericolosamente proprio su queste impalpabile definizione del mettersi a disposizione dell'associazione
Movimento cinque Stelle lega e ciò che più inquiete d'allarme ma l'arma Partito Democratico sembrano non voler sentire ragioni
Tracciando di volontà di sabotaggio della riforma chiunque o si sottolineare la pericolosità e l'assurdità giungo io di una simile locuzione normativa
Speriamo allora che questi inflessibili sacerdoti della legalità abbiano almeno letto le parole che alcuni magistrati di punta dei punti antimafia da Gaetano Paci e Fabrizio vanno Orio
A Stefano Musolino hanno rilasciato a Giovanni Bianconi sul Corriere della Sera giovedì scorso
Virgolette con questa formulazione si finirebbe per incappare nel classico processo alle intenzioni
Andare ad indagare sull'atteggiamento interiore di una persona credo sia scorretto sul piano giuridico è pericoloso per le possibili conseguenze
La disponibilità è un concetto troppo labile che si presta confusioni interpretative creerebbe molte difficoltà sul piano probatorio
Ed ancora una indagine per verificare la disponibilità sarebbe quasi di tipo psicologico alla ricerca di uno stato d'animo
Mi sembra l'ennesimo tentativo della politica di delegare alla magistratura ciò che non sa o non vuol fare assumendosi le proprie responsabilità
Parole chiarissime proveniente niente di meno che dei pure antimafia di Palermo Napoli Reggio Calabria
Le parole nel diritto penale sono pietre e possono diventare proiettili
Non possiamo affidarle I corifei del fanatismo politico e dell'analfabetismo giuridico
Che poi si sa camminano l'uno a fianco dell'altro baldanzosi urlando una parola legalità il cui significato ovviamente egli è del tutto sconosciuto
Buona giornata a tutti