30MAR2014
rubriche

Rassegna stampa vaticana

RUBRICA | di Giuseppe Di Leo RADIO - 07:00. Durata: 31 min 53 sec

Player
Puntata di "Rassegna stampa vaticana" di domenica 30 marzo 2014 condotta da Giuseppe Di Leo .

Tra gli argomenti discussi: Aborto, Anglicani, Archeologia, Bagnasco, Biblioteche, Camorra, Cattolicesimo, Cei, Chiesa, Ciotti, Clandestinita', Contraccezione, Corruzione, Cosa Nostra, Crimea, Criminalita', Cultura, Dc, Decessi, Diritti Civili, Diritti Umani, Diritto, Donna, Economia, Emarginazione, Etica, Europa, Famiglia, Francesco, Galantino, Giovanni Paolo Ii, Giustizia, Globalizzazione, Gran Bretagna, Immigrazione, Integrazione, Israele, Istituzioni, Italia, Lavoro, Libera, Mafia, Matrimonio,
Mercato, Minoranze, Napolitano, Ndrangheta, Obama, Occupazione, Palestina, Partiti, Partito Radicale, Pedofilia, Politica, Poverta', Produzione, Rassegna Stampa, Religione, Sacerdozio, Societa', Solidarieta', Storia, Stragi, Sviluppo, Ucraina, Usa, Vaticano, Violenza.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 31 minuti.

leggi tutto

riduci

07:00

Scheda a cura di

Fabio Arena Iva Radicev
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

La rassegna stampa vaticana
Di Giuseppe Di Leo
Presidente
Diversamente
Buongiorno buongiorno gran parte di questa puntata di oggi sarà impegnata sul fronte internazionali a cominciare dall'attesissimo incontro in Vaticano
Fra Papa Francesco il Presidente degli Stati Uniti d'America Barack Obama il quale Harrier rilasciato un'intervista alla vigilia immediata vigilia del suo arrivo a Roma
Al Corriere della Sera per la firma di Massimo Gaggi Corriere del Sera pubblicato intervista in prima seconda e terza pagina del ventisette di marzo
E i chiede giornalista del Corriere Papa Francesco in bocca un impegno universale contro la povertà lei Presidente identificato la Bat Agli a per ridurre le disuguaglianze estreme nella società come la sfida cruciale della nostra era che tipo di sforzo comune possibile
Fra lei e il Papa risposta di Barack Obama sono profondamente grato a sua Santità per aver manifestato la volontà di ricevermi
Il Santo Padre ha ispirato le genti di tutto il mondo è anche me col suo impegno per la giustizia sociale il suo messaggio diamole di compassione specialmente per le persone
Che fra tutti noi sono più povere vulnerabili
Lui non si limita a proclamare il Vangelo lui lo vive
Siamo stati tutti colpiti e commossi dalla sua umiltà e dei suoi atti di misericordia la sua testimonianza il semplice fatto di andare sempre a cercare il contatto con gli ultimi
Con coloro che vivono nelle condizioni più difficili anche il valore di un richiamo ci ricorda che ognuno di noi ha la responsabilità individuale di vivere in modo corretto virtuoso
Noi sappiamo che vista la sua grande autorità morale
Quando il Papa parla le sue parole hanno un peso enorme questo il motivo per il quale mi sono riferito lui nel mio discorso sulle sperequazioni nella distribuzione del reddito
Per quanto mi riguarda prosegue Barack Obama cercherò di illustrare al Pontefice le iniziative che stiamo prendendo negli Stati Uniti per creare lavoro aumentare i salari e Venditti complessivi in definitiva aiutare
Le famiglie ad andare avanti in giro per il mondo la globalizzazione e lo sviluppo dei commerci hanno contribuito in pochi decenni a portare centinaia di milioni di persone fuori dalla povertà
Ma il Papa ha ragione quando dice che questi progressi non hanno raggiunto un numero sufficiente di esseri umani
Che troppa gente resta indietro e per questo che ho promesso che gli Stati Uniti lavoreranno con loro partner nel mondo
Con lo scopo di sradicare la povertà estrema entro i prossimi vent'anni e sono ansioso di ascoltare i pensieri del Papa su come possiamo vincere la nostra sfida
E se è vero
è la domanda è giornalista se è vero che molte delle battaglie per promuovere il rispetto dei diritti umani e la dignità dell'uomo sono comuni a voi alla Chiesa è anche vero però che in passato ci sono stati disaccordi profondi su diverse questioni
Dalla contraccezione Dalporto risposta di Obama una delle qualità che ammiro di più ma il Santo Padre ha il suo coraggio nel parlare senza peli sulla lingua delle sfide economiche sociali più grandi che ci troviamo ad affrontare nel nostro tempo
Questo non significa che siamo d'accordo su tutte le questioni ma sono convinto che la sua sia una voce che il mondo deve ascoltare
Luigi sfida luci implora di ricordarci della gente soprattutto della povera gente
Da qui vite condizionata proprio dalle decisioni che ne prendiamo atto
Lui ci invita a fermarci a riflettere sulla dignità
Che innate in ogni essere umano e come abbiamo già avuto più volte modo di toccare con mano le sue parole contano con una sola frase gli in grado di focalizzare l'attenzione del pianeta su una questione urgente
Il Papa in grado di spingere le genti del mondo a fermarsi a riflettere e magari a rivedere cerchie per vecchie abitudini cominciare a trattare il reciprocamente con maggiore senso
Della compassione e della dignità
Questa era la parte iniziale non piccola dedicata all'incontro
Con il
Papà e occorre dire che uno dei punti di attrito con
Vescovi e la Chiesa in generale del gli Stati Uniti
Riguarda la politica di immigrazione
Elena Molinari da New York per avvenire ricorda che non vale sin Ardizzone è una cittadina polverosa
Sovvenire ventisei marzo di circa ventimila abitanti che si arrangiano con redditi ben vicini alla soglia della povertà a ridare apparentemente Fermo ma
Nel tempo da più di cent'anni non sembra una destinazione ambita per un immigrato latinoamericano in cerca di fortuna negli States
Ma non vale se divise in due separata da una barriera di metallo alta cinque metri
Da locale sa appunto
Ed è uno dei punti di confine più pericolosi per il traffico di persone di droga negli Stati Uniti
Poco più di un mese fa sotto le case di nodale sia agenti fronti Allieri americani hanno scoperto smantellato un tunnel
Che passava da una parte all'altra del confine sulle colline lati delle città accorrono vicini di sentieri che gli immigrati irregolari percorrono per arrivare agli States
E guidati dal cardinale umane lei otto Vescovi par tiranno danno Galles appunto da questa cittadina celebreranno la messa a lungo la barriera
Che ha ridotto gli ingressi legali scrive Elena Molinari ma spinge disperati nelle zone più impervie qui sono stati trovati oggi flessibile afferrabili in sedici anni
Ma l'intervista anche della stessa Elena Molinari al Presidente la Conferenza episcopale statunitense monsignor Joseph corso
La dice anche lunga sui punti di attrito con l'Amministrazione Obama
E da annullando mantella su riguardo poi agli immigrati certamente risponde Joseph Kulsum questa intervista del ventisette marzo a Elena Molinari di Avvenire certamente su vorrei vedere
Tali cambiamenti nelle politiche americani sull'immigrazione vescovi statunitensi da molti anni chiedono misure sull'immigrazione più giuste umane
Come sappiamo i migranti sono molto cari al cuore del Papa e per questo penso sia probabile che il tema di una riforma del sistema dell'immigrazione statunitense
Possa emergere nel colloquio col papà se così spero che
Il Pontefice sprone il Presidente Obama pensare alle drammatiche conseguenze della separazione forzata delle famiglie
E a fare di tutto per limitare il più possibile il numero
Deportazioni
Ma scrive Mattia afferra avessi
Perché
Differenza
Di quanto possa sembrare il tenore delle domande del giornalista del Corriere della Sera di cui abbiamo testé letto
In realtà motivi di
Di attribuito chi o comunque di differenza di visione nell'incontro ci sono stati con il
Papà il comunicato scrive Mattia ferraresi sul Foglio ventotto marzo il Comitato comunicato diffuso dalla sala stampa vaticana
Dopo l'incontro di cinquanta minuti fa Francesco e Barack Obama non contiene riferimenti i temi su cui il Presidente americano i suoi spin doctor intendevano virare la conversazione
Non compaiono la sperequazione la giustizia sociale non si fa riferimento il poverini è più vulnerabili della società
Parole chiave che Obama aveva affidato appunto al giornalista del Corriere della Sera un'intervista che doveva servire a raccordare i strumenti fra la Casa Bianca e la Santa Sede in tempi riaperte dissonanze su vita famiglia libertà religiosa
Obama si aspettava una scampagnata nelle periferie esistenziali con il leader più amato del mondo
E il suo proposito è stato però frustrato la prova della delusione nella seconda parte della nota vaticana nel contesto delle relazioni bilaterali vi si legge e della collaborazione fra chi se lo Stato ci si è soffermati
Su questioni di speciale rilevanza per la Chiesa nel Paese come l'esercizio dei diritti alla libertà religiosa dà vita all'obiezione di coscienza nonché il tema della riforma migratoria sono temi
Scrive Mattia ferraresi che hanno esserci sa esacerbato le relazioni fra la Conferenza episcopale statunitense la Casa Bianca
E le origini della disputa lacerante intorno alla libertà religiosa sono nate in seno alla riforma sanitaria voluta da Obama e messa in pratica da segretario della sanità la Cattolica Sabelli U.L.S.S.
Che ha introdotto l'obbligo di fornire gratuitamente contraccettivi e farmaci abortivi in tutti i piani assicurativi
Le eccezioni per motivi religiosi valgono soltanto per i luoghi di culto e svaniscono se il culto si esprime in forma in cattive sociali o for profit
I precetti della Chiesa insomma vengono rispettati dallo Stato nella misura in cui la Chiesa accetta di rinchiudersi nella dimensione private liturgica
E di diventare socialmente e politicamente rilevante il principio che ha implicazioni enormemente più ampie ramificate rispetto alla disputa particolare suburbana che
Sarà anche per questa sottile distinzione scrive Ferraresi fra lo specifico casus belli e le conseguenze nel rapporto fra Stato e Chiesa
Regolato dal primo emendamento alla Costituzione che Obama durante la conferenza stampa con Renzi ha detto che non è stato il Papa ma il Segretario di Stato vaticano Pietro parolina a tirare fuori esplicitamente la questione dell'Obama che io
Al netto delle cordialità rituali del ricircolo cuccioli sorvegliate la riforma migratoria
E forse il solo punto della gente che il Presidente americano non dispiace trattare e poi nemmeno
Nemmeno quella visto che a dispetto delle promesse alle minoranze che l'hanno buttato a mani basse Barack Obama con una mano a sempre rimandato il problema con l'altra però respinto oltre confine messicano più clandestini
Di qualsiasi altro Presidente americano su tutto il resto guerra fra la casa bianche vescovi come confermato pur con linguaggio diplomatico che si conviene la circostanza il Presidente della Conferenza episcopale americana monsignor Kurtz con intervistato ad intuire
Che vi ho poco fa riproposto
Mauro Magatti
A
In un'analisi pubblicata dal Corriere del
Della sera diviene di è un segno dei tempi che nel mezzo di una crisi molto severa la principale democrazia occidentale cioè gli Stati Uniti d'America la più importante
Agenzia della religione cristiana cioè la Chiesa cattolica siano riusciti a esprimere due grandi leader come Obama il Francesco Beppe la verità
Penalità
Mettere sullo stesso piano Barack Obama oggi e la leadership di Obama editato Francesco non so se più fare un torto Francesco fare il più utile
Favore a Barak comunque prosegue Magatti entrambi si sono rivelati capaci
Di uno scatto la loro forza sta nell'avere il coraggio di scommettere sul futuro capaci di far rivivere la nostra memoria più utenti Cannone un'ideologia non un generico ideale ma come direbbe Remo un Panikkar uno storico delle religioni
Un mito il mento cui Obama e Francesco prosegue magari
Chi si richiamano a quello della dignità di ogni persona umana e di doveri di reciproco implicazione che da qui ne derivano
La crescita economica e lo sviluppo politico si legittimano e dunque si sostengono solo a condizione di cogliere il senso profondo le esperienze umana
Che ha a che fare con il lungo ma in essa un'adorabile inesorabile percorso di emersione della libertà umana come espressione del riconoscimento del valore di ogni fitta
In un quadro di uguaglianza il reciproco riconoscimento entrambi incardinano vuol dire ad un Occidente appena fatto
Dove la qualità umana delle persone la loro dignità contano fino al punto da permettere di arrivare a livelli più alti
Sul piano interno la convergenza tra Obama e Francesco si determina attorno ai temi della povertà delle disuguaglianze della their redistribuzione dei redditi temi accantonati dalla fine degli anni
Settanta quanto la conclusione del ciclo storico iniziato nel dopoguerra poneva all'ordine del giorno questioni diverse per la verità già con Giovanni Paolo secondo negli anni Ottanta ci fu
Insieme con Marco Pannella e radicali
La grande battaglia contro lo sterminio per fare nel mondo
Quindi siamo già negli anni ottanta comunque prosegue Magatti quarant'anni dopo però tornare a parlare di questi temi indispensabili per creare le condizioni stesse di una nuova stagione G crescita
Massimo Fagioli
Storico del cristianesimo
Insegna stermini Sottani Stati Uniti sue Europa del ventotto marzo scrive Francesco Obama sanno bene che ci sono guerre
Qui non sono mai cessate le cucine wars lanciate dal cattolicissimo americano negli anni Ottanta e specialmente dei vescovi nominati in un trentennio da Giovanni Paolo II da Benedetto sedicesimo la conseguenza è stata la polarizzazione della Chiesa
In due partiti una drammatica reductio del messaggio morale del cattolicesimo del cristianesimo alla questione dell'aborto del matrimonio
Papà Francesco arrivato a scompaginare quelli trincee e lo shock di molti cattolici di gran parte dei vescovi americani ha portato alla superficie la situazione di spaccatura all'interno di quella chiesa di quel Paese
Obama lo sa bene come politico ha tentato di inserirsi in quella spaccatura ci sono però anche differenti evidenti differenze quanto a visioni del mondo tra Barack Obama e papà Francesco
L'America un luogo
Luciani per il pontificato della Chiesa mondo perché collocata all'intersezione due monti fra l'Occidente cristiano del pensiero della fede debole
E il resto del mondo dove si ricomincia credere ferocemente come scritto con efficacia il teologo Pierangelo se quei carri
All'interno del cattolicesimo nel mondo anglofono l'avvento di Papa Francesco coincide contribuisce a disegnare una nuova mappa delle linee di faglia delle auto definizioni e delle definizioni reciproche rispetta
Torno apporto fra Chiesa mondo e politica ma vi sono anche origini comuni e traiettorie differenti Francesco Obama sono spiritualmente due cristiani di bere azionisti in modo diverso figli della tipologia della liberazione
E politicamente eredi del mondo posto Reagan apposta c'ero
Francesco è rimasto più fedele di Obama quelle radici antagonista
E rappresenta un memento a Obama non solo
Dell'importanza per la Chiesa dell'insegnamento morale sull'aborto
Ma anche delle conseguenze della teologia della liberazione specialmente nel senso del rigetto degli eccezionali ISMU americano eccezionali istmo che Obama invece abbracciato e non solo per questioni di competenza politica
Raniero la Valle sul manifesto sul manifesto undici
Sì del di venerdì scrive
Con grande sorpresa ed emozione del Presidente americano Papa Francesco lo ha messo di fronte al problema dell'esclusione dal sistema politico economico di grandi masse di poveri emarginati immigrati e soprattutto di giovani
Che mentre sono sempre più consapevoli delle opportunità che le nuove tecnologie e le nuove ricchezze promettono sono tagliati fuori dalla speranze del futuro
Non a caso prosegue Raniero la Valle Papa Francesco fra i suoi legali ha consegnato al Presidente Obama il suo manifesto pontificale che va sotto il nome di Vangeli gaudium
Perché quello che lì c'è scritto della rivoluzione da apportare a questa economia che uccide
Alla dittatura di un'economia senza volto senza uno scopo veramente umano poteva per la prima volta essere messo a confronto con la funzione politica di uno dei massimi detentori del potere del mondo
Né del resto si è parlato troppo della crisi della Crimea segno che non è da lì che i duetti interlocutori individuano il pericolo maggiore
Sì parlato in bollo invece molto del Medioriente nella Palestina di Strehler della Libia del Libano della Siria dell'America latina
Tutti i luoghi in cui ci sono situazioni di grandi sofferenze e ci sono anche problemi di tutela delle minoranze religiose ed è significativo conclude Raniero la Valle
Che proprio nel programma del viaggio del Papa in Terra Santa presentato un altro giorno sala stampa vaticana
In contemporanea giunco con gelo Gerusalemme il Patriarca
Latino di Gerusalemme tua al
A presentato il programma definitivo le visite a maggio di Papa Francesco ebbene è stato pubblicato
Dei programmi piace ed è significativo scrive per la valle che proprio nel programmare il viaggio del Papa in Terra Santa è stato pubblicato che il primo su un conto
Dopo quello quel reali di Giordania sarà con il Presidente dello Stato di Palestina Betlemme ed essa ed è scritto proprio così statuti Palestina
Un bel pezzo di Caterina Soffici sullo fatto di ieri sabato ventinove marzo dove si mette insieme crolla con fondi con la storia
Tutti a Roma ma per vedere il Papa Francesco scrive regioni sta nel fatto e dopo Parma anche la regina Elisabetta tutti a Roma appassionatamente per vedere papà Francesco
La sovrana d'Inghilterra Rivetta infatti giovedì di prossimo tre aprile accompagnata dal marito il principe Filippo di Edimburgo il carisma del nuovo patto attira i grandi della terra questo è fuori dubbio
Ma mentre la visita di Barack Obama è stata netta dei giornali internazionali come uno spot elettorale del Presidente americano per recuperare i voti dei cattolici quella della sovrana britannica è una visita di tutt'altro tenore
La regina veleggia verso i novant'anni non ha certo bisogno di recuperare consensi ad agganciare la sua figura al carisma papale
Da Buckingham Palace avevano fatto sapere che dal due mila quattordici la regina non avrebbe più viaggiato all'estero Elisabetta I piena di acciacchi eppure il marito che innova Alitalia già compiuti
Però poi invece a sorpresa un portavoce dell'ambasciata di parità riunita presso la Santa Sede a febbraio a affermato che ci sarebbe stata
Invece
Questa visita reale a Roma su invito del Presidente Napolitano e che la sovrana avrebbe accettato questo invito per cogliere l'occasione di incontrare il Papa Francesco
Quindi la coppia reale incontrerà prima Napolitano e Consorte per un pranzo privato al Palazzo del Quirinale per recuperare una visita annullata l'anno scorso all'ultimo motivo per motivi di salute
E poi nel pomeriggio dal Papa anche se non è stato comunicato dove come si tratta di una visita privata e quindi è probabile che Francesco può raccogliere Regina e Consorte nelle sue stanze nome la sede ufficiale vaticana
Da sempre
I rapporti tra Chiesa cattolica e anche di Cana sono stati tesi
E nel dopoguerra soprattutto su questioni come l'ordinazione delle donne ma proprio sotto il regno di Elisabetta seconda c'è stato un Disney disgelo nelle relazioni fra il Regno Unito la Santa Sede che nel mille novecentottantadue
Si sono scambiati per la prima volta gli ambasciatori e da quanto è salita al trono Elisabetta nel mille novecentocinquantatré ha visto succedersi in Vaticano sette pontefici e India conosciuti sei
Quello che non la incontrato direttamente intuibile e il Papa dei trentatré giorni Giovanni Paolo Giovanni Paolo primo
AFAM ha fatto una messa
Validata per cinquecento diciotto politici a San Pietro
Nel giovedì giovedì il giorno in cui ha incontrato Obama solo che Obama l'ha incontrato alle ore dieci e quarantacinque mentre invece hai politici gli ha costretti a fare comunanza taccia alle sette di mattina Rama erano già già nella basilica di San Pietro e Papa Francesco ha pronunciato una
Significativa umiliante
Che è stato pubblicato oltre che da
A venire anche dal fatto Quotidiano
E e dal fatto Quotidiano riprendo alcuni stralci di cui sto umilia Papalia i politici c'erano fra l'altro anche i Presidenti
Dei due rami del Parlamento le letture che la Chiesa oggi ci offre affermato il Papa di fronte a quo più di cinquecento
Parlamentari
Italiani
Possiamo definirle queste letture come un dialogo
Fra i lamenti DG voglio giustificazione degli uomini Dio il signore si lamenta si lamenta di non essere stato ascoltato dunque la storia
è sempre lo stesso ascoltate la mia voce io sarò il vostro Dio e sarei felice
Ma essi non ascoltarono non è prestarono vecchio la mia parola anzi procedettero ostinatamente secondo il loro cuore malvagio e lo stesso è successo con gesso
Gesù guarda il popolo e si commuove perché lo vede come pecore senza pastore così dice il Vangelo
E va dai poveri bagagli ammalati vada tutti dalle vedo vedete Brussa guarirlo che parla due volte loro con una parola tale che provoca ammirazione nel popolo ma questo afferma il popolo parla come uno che autorità
Parla diversamente da questa classe dirigente che si era allontanata dal popolo
Ed era soltanto con l'interesse ed era soltanto con l'interesse nelle sue cose nel suo gruppo nel suo partito nelle sue lotte interne
E il popolo villa
Sì tutti siamo peccatori tutti tutti noi che siamo qui siamo peccatori ma questi erano più che peccatori il cuore di questa gente di questo gruppetto con il tempo si era indurito
Si era indurito tanto che era impossibile ascoltare la voce del Signore ed ha peccatori sono scivolati sono diventati corrotti e tanto difficile che un corrotto riesca a tornare indietro il peccatore sì
Perché il signore misericordioso e ci aspetta tutti mai il corrotto il fissato nelle sue cose e questi erano corrotti e per questo si giustificano perché Gesù con la sua semplicità
Ma con la sua forza di Dio dava luogo fastidio
Un'altra volta problema e la corruzione dei mafiosi
La incontro
Settimana scorsa né chi sa di Gregorio VII con
Il Papa che mano con la mano fondatori di Libera don Ciotti conclude ricordano le vittime della mafia
Camorra della 'ndrangheta e dell'impegno della Chiesa rinnovato c'è un articolo di Barbara Spinelli
Sulla Repubblica del ventisei marzo e fa un'analisi secondo me muovendosi
Su un terreno volto spinato
Spinosissimo
Scrive fra l'altro Barbara Spinelli di un'analisi
In più punti condivisibile anzi condivisa e che l'abbraccio di vittime di mafia la mano tesa a don Ciotti fondatore di libera vissuto per anni margini che la Santa Sede
E finalmente chiamato a parlare accanto al Pontefice e venerdì nella chiesa di San Gregorio VII a Roma il Papa ascoltato assorto
Rimproveri non leggeri
Don Ciotti ha incitato la Chiesa non collaborare mai più con la mafia e a Fausto critica ha ricordato che in passato essa non ha curato un mare di costi enormi risvolti umani e sociali
Ha citato in momenti di luce in particolare Dubini pure do un pino pugliesi colombe pediatra don Cesare i boschi in ammazzati mila centonovantatré rispettivamente novantaquattro novantacinque
E al tempo stesso i silenzi sottovalutazioni eccessi di prudenza l'altra chiesa quella di don Gallo ed un pugno di si dà per i figli a chi era diventata centro
Mettere insieme dove
Lui si è dovuta allo cooperazione secondo me un po'superficiale è una missione crescono circa diversamente i due comunque andiamo avanti scrive ancora
Barbara Spinelli così come c'è stato uno uno Stato malavitoso nello Stato
C'è stata una chiesa de il diritto nella chiesa
Così come c'è stata un'attrattiva stato mafia negli ultimi ore si riparla di trattative Anticoli Brigate Rosse nel rapimento Moro già bisogna vedere
Cioè quanta fuffa ci sa anche in questo
Ci sono stati patti fra Chiesa e mafia
Nel dopoguerra la democrazia cristiana contribuì a legittimare Cosa nostra dominante era la voce per riconciliare dell'arcivescovo di Palermo Ernesto Ruffini detrattore di Danilo Dolci del Gattopardo di Tomasi di Lampedusa
Ammiratore poi di Francisco Franco ecco mettere insieme
Mettere insieme la Democrazia Cristiana
Di siciliana con nessuno Fini secondo me è un'operazione imprudente anche perché la figura di Ernesto Ruffini l'ha conosciuto ci sono delibere anche un passante saputi Rossi
Ma che lui fosse un detrattore di intendo dolci e del Gattopardo di Tomasi di Lampedusa
Non è che significhi che fosse un
Come fiancheggiatore della mafia
E in meno che mai anche e il fatto della sua simpatia per France Cisco France con la realtà è che l'immagine di Ernesto Ruffini prese sarda
Barbara Spinelli una immagine acritica la Spinelli ha sulla base di una letteratura di basso profilo che ha strumentalizzato la figura di Ernesto Ruffini per altri fini perché la visione psicologica di Ruffini e una visione da questo punto di vista sì questo sì
I per tradizionalista ma dire che Ruffini
Cardinali Ruffini nuovi protagonisti delle chissà
Conciliare anch'egli mi hanno immediatamente posto conciliare italiana sia stato
Fiancheggiatore della mafia beh questo
Questo è antistorico
è uscito
Pubblicato il documento il comunicato
Bella Consiglio permanente della conferenza di piccola episcopale non posso soffermarmi
Lo potete trovare sul a venire giù ieri il sabato ventinove marzo
Ma c'è un punto
E
Come scrive Salvatore massa su Avvenire di ieri avvio inedito per la prossima assemblea generale della Conferenza episcopale italiana in programma come ogni anno a maggio ad aprirla infatti sarà Papa Francesco
Che con pronta disponibilità colto l'invito in tal senso rivoltoci dal cardinale
Angelo Bagnasco nelle linee guida poi per i casi di abuso sessuale su minori da parte di chierici monsignor talentino che è stato confermato al quinquennio Segretario bella Celli
Pur ricordando che per l'attuale legislazione penale italiana i vescovi non hanno obbligo giuridico di denuncia ciascuno di essi ha però il dovere morale di favorire la giustizia che persegue i reati
Non è il difensore d'ufficio del sacerdote eventualmente accusato
è un padre per tutti soprattutto il padre di chi ha subito gli abusi il deve agire di conseguenza cioè prendere decisioni concrete di cui allora l'indicazione collabora
Con l'autorità con l'offerta civile
E poi poi segnato anche un intervento alla finte in Siria apostolica di Papa Francesco che ha ricordato come
Nella
Confessione bisogna ricordarsi
Del valore dell'importanza della Misericordia il testo pubblicato ad avvenire di ieri non dimentichiamoci questo la mia se ricorda il cuore del Vangelo e la buona notizia che Dio ci ama chiama sempre l'uomo peccatore con questo Morello attirasse lo invita la conversione
Poi arriva il punto importante il bisogna guardarsi
Dai due estremi opposti quanto essi fa la sconfessione il rigore istmo e il lassismo nessuno dei due fa bene
Perché in realtà non si fanno carico della persona della emittente
Chiudo con una segnalazione perché
Perché è stata presentata l'altro ieri e alla presso la sala stampa della Santa Sede una mostra importante di
Manoscritti si chiama Verbund condomini e che si apriranno
Nel Braccio di Carlo Magno
Io il due aprile resterà fino al ventidue giugno come si spiega
Come spiega il prefetto della Biblioteca apostolica vaticana cessa di Passini sull'Osservatore romano di impegno di tutti in questa mostra ci sono ma non scritti che non escono mai dalle biblioteche in cui sono conservato
Non possono quindi essere concessi per l'esposizione al pubblico sono antichissimi e spesso anche particolarmente fragili di straordinario valore storico e culturale
E dunque
Fondamentali preservati adeguatamente con ogni cura ma in questo caso questa mostra fra le altre cose videoteca vaticana espone in prima assoluta un foglio del papiro bordo me quattordici quindici
Il papiro Bode bere un testimone databile attorno all'anno duecento che conserva
In maniera quasi integralmente
I testi dei Vangeli ditta e di Giovanni quindi lo ricordo dal due aprile fino al ventidue giugno presso il braccio
Quindi Carlomagno la mostra Verbund domini due che fa seguito a un'altra mostra di qualche anno fa intitolato appunto anche Verbund pertanto con questa segnalazione si chiude l'appuntato odierna di rassegna stampa vaticana che può essere riascoltata sul sito di Radio Radicale con tutti l'appuntamento per domenica prossima grazie per l'ascolto e buona giornata
Abbiamo trasmesso
La rassegna stampa vaticana
Dj set edile