31MAR2014
dibattiti

Il pensiero lungo. Franco Basaglia e la Costituzione

DIBATTITO | Roma - 17:00. Durata: 1 ora 18 min

Player
Presentazione del libro di Daniele Piccione (Ed.

Alpha & Beta).

Registrazione audio del dibattito dal titolo "Il pensiero lungo. Franco Basaglia e la Costituzione", registrato a Roma lunedì 31 marzo 2014 alle ore 17:00.

Dibattito organizzato da Senato della Repubblica.

Sono intervenuti: Stefano Folli (giornalista), Sergio Zavoli (senatore, Partito Democratico), Fabrizio Gifuni (attore), Peppe Dell'Acqua (pischiatra), Daniele Piccione (consigliere parlamentare del Senato della Repubblica).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Assistenza, Basaglia, Costituzione, Etica, Italia, Legge 180,
Libro, Malattia, Medicina, Ospedali, Politica, Psichiatria, Riforme, Salute, Sanita', Scienza, Societa', Sociologia, Storia.

La registrazione audio di questo dibatto ha una durata di 1 ora e 18 minuti.

leggi tutto

riduci

17:00

Organizzatori

Senato della Repubblica

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Se per favore
Volete prendere posto
Possiamo cominciare
Per una
L'introduzione del Presidente Zavoli
Dice dell'acqua
Ecco se volete prendere posto
Professore
Prego Sergio
Gentili ospiti
Ringrazio allora all'operazione Antonveneta alla Biblioteca del Senato
In giorni
Difficili
Dovendo fatalmente evocare Minucci
Noi ci auguriamo che molte delle cose straordinarie che questo Senato ha prodotto abbiamo molte ore perdurare
Non nel cinema
Impelaghiamo in questione dalla politica
Che ha una sua giurisdizione rispettabile che non hanno a che vedere con le cose che io sono tenuto a venire
Mi auguro tuttavia che proprio la politica tenga conto
E lo sconcerto che in qualche misura qua e là più o meno ordinatamente più o meno omogeneo con quanto è stato espresso
Nei confronti dei posti si è chiuso altronde hanno anche un'origine antiche un perché credo che da molto tempo non ci sia stato Governo che non abbia in qualche modo ipotizzato promosso millantato
Una qualche revisione del ruolo non sia in atto
Io credo che
La politica stia giocando una grande partita e che non sia si risolvono solo non possa costituire pregiudizio
Per gli interessi estensione le cose che pur
Tuttavia vorremmo tutelare
Ed è stato detto che non hanno un con la nostra rispettoso soprattutto fiduciosa attesa di eventi che corrispondono
Alla aveva ragione ragionevole ecco così pronti insieme tutte e due non siano
Se lo fa diciamo l'ultimo atto che dovevano
Alcune
Proprio dolorose l'introduzione del dibattito
Mi sono trovato in difficoltà da parlare di fatti sento un po'ancora rimediano sociale nasce da una versione diciamo di stagione anche se
Con qualche complicanza
Non ho voluto anche avendo già cominciato ad essere mi chiama compromesso tanto vale che ci avete detto e che vengono cosa mai immaginato di poter consegnare armonico Piccioni perché se leggesse al mio posto
Poi ci siamo ricreduti e quindi dico queste due cose prima che Stefano favori componenti di questa serata
Che ha un valore un po'speciale
Avallone speciale perché sono presenti in questa sala
Persone che hanno dato tanto non avallato implosiva italiana attraverso
La militanza esercitata proprio nelle istituzioni massime
Penso alla famiglia Gifuni che qui rappresentata dal capostipite dalla signora dal signor Fabrizio che è noto per altri talenti straordinari anche sia d'altronde
E potrei fare Tonelli e così via
E appunto tutte le altre persone che qui ci hanno fatto l'onore di essere presenti richiamando sì ad esperienze anche il personale
Ed ha un ruolo non se ne parli forse un anno non si riconoscono ma che noi abbiamo il dovere di segnalare primo fra tutti il dottor Bulgarelli che è stato l'anima delle di questa biblioteca pesanti anni e che ha ceduto il testimone come si usa dire
Al dottoressa già nel
Rosso di uffici che ci proviamo non debba accadere nel spending review perché posso rimanere ancora lungo tra noi per esercitare quanto meno quel tanto di conti unità
Che io mi auguro sia necessario per portare avanti i nuovi proseliti tra tv
La radio i giornali
Annunciato aggiungo che l'equipe diretta dallo psichiatra triestino Franco Basaglia
Aveva posto a Gorizia il primo reparto l'ospedale psichiatrico inaugurando
La comunità terapeutica era un'espressione ancora
Un po'così un po'
Questa maniera I sapori correnti insomma
E quindi suscitano anche una grande curiosità parte il fatto che andava a toccare una questione dolenti sì ma come appunto la condizione del malato di mente
Quindi non vedo il sessantadue sarà l'origine di una delle più contrastante tra le riforme sanitarie del secolo
La legge centottanta della giudicato un atto di riparazione scientifico civile e morale da una parte
Non è un'ideologia invece populista pericolosa una scorciatoia addirittura sociologica e socio sanitaria da un'altra parte
Quel giorno l'ospedale di cui si stavano occupando uomini di scienza e di cultura in ogni parte del mondo lasciando tracce i documenti espliciti
Della considerazione dall'approvazione delle e dalla condivisione diciotto Basaglia e la sua équipe versava
Introducendo nel sistema sanitario italiano
Per aveva creato una una grande una grande aspettativa anche da parte dell'opinione pubblica come dicevo
Quel giorno
Vi ho ascoltato di cose che mettevano in crisi la tradizionale visione del mondo della pazzia
I più innovatore ancora oggi pagano di liberazione
Il più conservatori di scandalo
Scusa se se ne cito
Non cito impianto alcune parole dell'introduzione perché me ne vanto consono e più
Dalle quella parola a folli farne un altro di quei personaggi che qui danno lustro e suscitano memorie anche
Che si combattono tutti nella presenza
Voi non avete davvero lì Giovanni Spadolini
Che non è stato solo un grande del Presidente è stato
Novanta ore del
Repubblica democratica
Che ha maturato una persona milioni siamo a livello
Forme lo dico che senza che si debba adontare per questi che non sono i complimenti che sto per farmi ma tutto nasce da un sentimento di riconoscenza e di apprezzamento è stato di Spadolini
La figura di Como più
Consentaneità persino familiare
Un capo ufficio stampa che entro una volta era il portavoce i suggeritori il Consigliere e tante cose che nascono da un talento poliedrico
Che ha Stefano Folli il quale è stato occuparsene di tante cose importanti
Dicevo scusate se mi cito
è sperabile che prima o poi
Sia possibile sottrarre alla mano sia più subdola misteriosa indicatori afferrabile quel pregiudizio per la paura persino quelle concorre
Che anche qui non ho approssimazione quella lettera vieta
In definitiva per la loro voce che da sempre l'accompagnano generando equivoci dannosi e motivato devastanti un altro mondo così poco angolare e ordinato anzi così non ce l'ho detto sfuggente
Lasciando introduce tante preoccupazioni tante domande e tante incertezze
Non l'avevo calcolato invece delle cose che sono accadute
Altra non solo uno sforzo memorabile veramente contro la volontà di tante persone che si sono messe di traverso
Li dobbiamo riconoscenza voglio dire a quelli sanzionati quegli studiosi acché i medici che prima di persone che hanno tentato varie strade con varie gli esiti
Però guarda edizione dedicata a questo grave problema ma non possiamo che però non c'è un altro giorno che nasce
Una questione nuova che riguarda
La materia di cui ci siano occupando
Questa mattina
Non sempre riconducibili al suo calcolo archetipo umano e clinico e che assume molti sempre diversi ad una realtà nuova finanza doppiezza di ciò che sembra non possedere lo spazio e il tempo in cui consistere
Da qui la lettura intellettuale di quel laboratorio spesso insondabile che il cervello
Essendomi persone il frutto di mille mondi come diceva Franco
Al punto di chiedersi se per paradosso non possa creare un'altra coscienza del mondo non scalzi tutto compresi compresi sei a cominciare dal più infido il pregiudizio
Ciò che conta che occorre salvare e l'idea che un giorno si scopre laddove economie e perché il circuito vale come si dice in corto
Perché fino a quel giorno l'errore dovrà essere una malattia da una condanna
I trasferimenti vivono e muoiono dentro la loro follia azzarda qualcuno come dire lasciamoli in pace
E lo scandalo ancora interessa quel qualcuno di noi
La centottanta si è fatta carico di dare una prospettiva intanto umana alla rassegnazione o all'egoismo Michele legga la malattia mentale in un insondabile quindi il re diminuire realtà anche sociale
Del resto sì ma c'è tutto il diritto di vivere non solo di esistere
E va comunicato all'otto per ciò che potendosi fare per ciò stesso va fatto
Al di là poi varie vasti meriti acquisiti dalle figure che opprime nominato non le cito riferire tutto è sempre è solo
Al dolore
Occorre affidarsi anche a ciò a cui
Più ebbene Centocittà dei saperi anche dei doveri devono condurci
Basando anatomo mi disse non è favorevole non un pc astratti lavoro per i miei contemporanee aggiunse sorridendo
Buon lavoro perché se questo esempio grazie
Grazie Presidente Zavoli libertà commossa introduzione
Ricordiamo che Sergio Zavoli adatto al giornalismo tanto tantissimo
E tra noi
Trasmissioni memorabilia immortali
C'era i giardini di aprire un documentario che
Sì ma allora esattamente nel solco del tema di cui stiamo affrontando stasera la la dignità del malato di mente
E devono per quelle cose su questo ma prima dopo l'introduzione di Zavoli penso che
Permessi di fumi
Siamo felici di avere qui stasera e
Leggere alla prima delle tre letture che spenderanno questo nostro incontro
Prego
L'accusa
La Costituzione italiana entrata in vigore nel mille novecentoquarantotto quindi nel pieno del periodo manico Meale cambia completamente il quadro di riferimento
Eppure la storia della sua affermazione nei confronti della disumana l'istituzione di internamento speciale per i fondelli estremamente lenta e difficile
Del resto a una prima lettura dei lavori preparatori dell'Assemblea costituente
Non sembrerebbe emergere alcuna traccia esplicita
Di consapevolezza circa la condizione degli infermi di mente i loro diritti le organizzazioni dei poteri pubblici cui demandare nella cura e pure
Questa impressione
Cede presto il passo se ci si sofferma con attenzione sui contributi di alcuni padri costituenti i quali a più riprese mostrano di essere consci della delicatezza del tema
Delle sue immense le implicazioni sociali e dell'opportunità che dalla Carta costituzionale giorni NAS ero segni fertili per un futuro certo tutto da delineare
Ma che non poteva essere informato alla continuità con il cinquantennio che aveva preceduto il secondo conflitto mondiale
Infatti dall'esperienza in Costituente provengono norme ricche di spunti utili
Le quali sostennero non poco la svolta anti manicomi alle che raggiunse il suo culmine trent'anni dopo l'entrata in vigore della Costituzione italiana
Con l'approvazione della legge tredici maggio mille novecentosettantotto numero centottanta
Intanto
Pur senza indulgere in enti falsi l'atmosfera generale diffusa di solidarietà e affetto che si disse in Assemblea costituente può essere riassunta dalle commosse parole pronunciate dalla pire
A conclusione dei lavori della prima sottocommissione per la Costituzione quali si deve la redazione compiuta del testo della Carta costituzionale
Realmente dice Lapierre tutti i commissari sono spiacenti di doversi separare
Perché si era venuta formando tra di essi una consuetudine di vita e di comune sentimento che ha costituito in seno alla sottocommissione un vincolo di fraternità umana
Questa già una conquista politica ed è un preannunzio della fraternità che legherà in avvenire tutti gli italiani
Ecco questi i segni di un umanesimo largo e culturalmente variegato che per Vasile i lavori di scrittura della Costituzione
E che contribuì renderla uno dei documenti più avanzati del secolo e ciò sotto vari profili
Frammisto a questi ma non sepolto e anzi visibile si rivelerà il fondamento costituzionale per la tutela della salute mentale
Anche in questa materia dunque esce confermato sin da ora quello che Piero Calamandrei era convinto che la Carta costituzionale potesse essere un documento presso bitte
Cioè che guardasse in avanti
E lontano e poi ancora oltre ed essa doveva assumere le vesti dell'atto di convivenza civile che rappresentasse una polemica contro la realtà
La frase è da intendersi nel senso che la Carta fondamentale
Avrebbe potuto svolgere un ruolo effettivo di avanzamento della società italiana solo a condizione di affermarsi come continuo punto di riferimento
Modello di positività anche lontano e arduo ma sempre capace di sollecitare fenomeni di trasformazione della reale
è sin da allora che prese il via a quell'entro ma implacabile lavorìo contro le istituzioni della violenza e dell'esclusione di cui il manicomio rappresentava un modello
Il guanto di sfida era già lanciato nel mille novecentoquarantasette e si vedrà poi con quanta consapevolezza
Credo che sia stata la scelta migliore entrare nel vivo di questa conversazione di questo incontro con la lettura
Che ha fatto
Fabrizio Gifuni non è di più
Grandi interpreti del nostro cinema e del nostro teatro oggi
Su un punto fondamentale che questo libro di Daniele piccione il pensiero lungo Franco Basaglia e la Costituzione mette in luce con una
Originalità di pensiero e con una
Profondità di scavo che veramente merita di essere segnalato perché
Perché si può dire che senza la costituzione del quarantotto noi non avremmo avuto l'esperimento di Bankitalia non avremmo avuto la legge centottanta non hanno avuto la svolta civile
Che
L'opera di questo scienziato in questo medico di questo umanista ha prodotto nel nostro Paese
Questo è un libro da cui traspare un grande amore per le istituzioni e le istituzioni hanno reso possibile
Questa svolta nel campo medico nel campo psichiatrico
Diceva prima Sergio Zavoli nella sua
Nell'introduzione
La democrazia va animata
Grandi figure dalla nostra storia repubblicana hanno animato la democrazia nei suoi nei suoi passaggi
Ebbene Basaglia è stato un animatore delle istituzioni
Perché ha preso dalla Costituzione esattamente quello che la Costituzione permetteva di prendere
Cioè
Uno strumento
Per affermare la libertà e la dignità delle persone
Diciamo la dignità dell'uomo
Contro gli arbitri del potere in fondo questa è la Costituzione e questa anche l'attualità della Costituzione
è inutile entrare adesso nel
Lungo eterno dibattito
Sulla necessità o meno di aggiornarne alcune parti probabilmente sì sono da aggiornare alcune parti
Però e anche essenziale ricordare qui stasera uniti qui parliamo di questo volume di quest'opera il piccione ricordiamo l'opera di Basaglia
Rischio di
Dobbiamo anche sottolineare il fatto che la Costituzione italiana ha una sua forza morale
Ha dimostrato di averla per lunghi decenni e continua ad averla qualunque correttivo della Costituzione deve rispettarne questa intima forza che diciamo quella spina dorsale del nostro Paese
Ecco perché questo è un libro
Che affronta una tematica difficile estremamente difficile come
La cura della malattia mentale come l'inserimento del disturbato mentale dentro la società nel rispetto pieno della sua dignità di uomo ma è anche un libro che
Dimostra grande rispetto grande amore per le istituzioni come la cornice entro la quale il Paese può svolgete un cammino importante un cammino civile
E d'altra parte
L'opera di Basaglia
Oltre a essere un'opera
Di un grande medico di un grande innovatore e anche un'opera di grande pedagogia civile
Ecco l'intreccio quindi tra
L'opera di Mesagne tra il cammino della legge centottanta
E il costituzionalismo moderna
è bello che
Che Gifuni abbia citato nella sua prima lettura Piero Calamandrei che aveva accolto aveva colto pienamente
Questo aspetto fondamentale della nostra Carta costituzionale ed è esattamente quello che non può essere perduto oggi e parlando di Basaglia parlando dell'umanesimo di Basaglia della sua missione
Della legge centottanta
Noi
Sottolineiamo esattamente questo
Citava prima Sergio Zavoli una sua frase nella nelle che nell'introduzione del libero dove dice che la legge centottanta ha scalzato gli Dei e i più infidi questi temi sono i nostri preconcetti i nostri pregiudizi
è vero
è vero
è stata una grande opera laica da questo punto di vista non laicismo sanno non laicismo
Che
In cui tutto tutti credenti e non credenti ci possiamo riconoscere
E questa credo che sia la cornice entro la quale si svolgerà adesso alla nostra discussione a cui parteciperanno il professor Dell'Acqua illustra eminente psichiatra fresco vincitore un tipo di Premio Nonino
Cioè
E e l'autore
Daniele piccione
Figlio di Renato piccione che ha lavorato con Basaglia che ha condiviso
Tante
Difficoltà successi
Di questa difficile
In questa grande difficile percorso a ostacoli compiuto in anni ormai lontani ma che hanno
Lasciato un seme profondo nel nostro Paese prima però ridare la parola
Vizi di fondi per
La seconda
Delle letture
Allora io ne sono scritti diverso
Attratto dalla dal libro di cui stiamo parlando invece
Il primo pezzo anzi no mi correggono no sono tutto due tratte dai dal dallo stesso libro no contengono una una
Una rosa di bravura ma sono tratti tutte e due queste letture allora
Il punto focale
Che la nuova legge italiana tendo a con
Pirene a spezzare è la logica dell'emarginazione di classe
Consentita dal manicomio ed alla psichiatria senza richiudere la crisi aperta con nuove teorie
Questo Basaglia
Ecco ciò non significa voler affermare che la sofferenza psichica
Però vi origine solo dalla miseria materiale ma che esiste una miseria sociale che ci impedisce di esprimere i nostri stessi bisogni
E che ci costringe a esplorare strade anomale e tortuose che passano attraverso la mediazione della malattia perché ci è impedito di esprimerci in modo immediato
Come si vede lungi dal negare il disturbo mentale Basaglia già riflette su un effetto della legge centottanta
Lo smantellamento del manicomio apre una contraddizione nuova nel ruolo della psichiatria inteso come tecnico che prima avvalorava l'emarginazione e il contenimento dunque la legge costringe a un'apertura di credito
Verso un nuovo modo di affrontare la malattia
Senza più il Codice precedente Fuda fondato sull'internamento e qui
In base agli atti torna ancora una volta il nitido riflesso costituzionale che mostra quanto sia compiuta la sua teoria dei rapporti sociali quando prosegue
è solo in questo incontro diretto senza la mediazione della malattia e della sua interpretazione che può emergere la soggettività di chi soffre di disturbi psichici
Soggettività che può affiorare solo in un rapporto che uscito finalmente dalle categorie oggettiva anti della psichiatria positivista dica il cui risultato più concreto è stato solo il manicomio
Riesca hanno rinchiudere l'esperienza abnorme conservando la legata è strettamente connessa alla storia individuale e sociale
Durante i lavori della Costituente il tema della condizione dell'infermo di mente fa capolino una prima volta in una proposta del giovane Aldo Moro e trovo subito seguito
Nessun trattamento sanitario dice Moro può essere obbligatorio se non per legge non sono ammesse pratiche sanitarie lesive della dignità umana
Questo il testo di un emendamento del costituente democristiano da cui prese forma
Dopo alcune correzioni minori il secondo comma dell'articolo trentadue della Costituzione italiana Moro illustrò le ragioni che lo inducevano ad avanzare la proposta rilevando che
Si tratta di un problema di libertà individuale
Che non può non essere garantito dalla Costituzione quello cioè di affermare che non possono essere imposte obbligatoriamente ai cittadini pratiche sanitarie
Se non vi sia una disposizione legislativa impedendo per conseguenze che disposizioni del genere possano essere prese dalle autorità senza l'intervento della legge
E poi proseguiva
Importante e anche l'altra parte dell'emendamento non soltanto
Ci si riferisce alla legge per determinare che i cittadini non possono essere assoggettati altrimenti a pratiche sanitarie ma
Si pone anche un limite a legislature impedendo pratiche sanitarie lesive della dignità umana
L'esperienza storica recente dimostra l'opportunità che nella Costituzione italiana sia sancito un simile principio
Per questo Aldo Moro dichiarava di insistere perché la proposta fosse accettata salvo apportarvi in seguito eventuali modificazioni formali
è stato ribadito da alcuni studiosi che il dibattito sui trattamenti sanitari obbligatori in Costituente partiva dalle ripudio
Contro le pratiche mediche coattive violente cui si erano abbandonati medici del Terzo Reich questo rilievo è senz'altro esatto ma
Più in generale la cultura Moro Thea
Condivisa da tanti altri componenti dell'Assemblea
Era mossa dal prevalere dell'individuo e delle sue esigenze su quelle vere o presunte della società di cui fa parte
Si spiega così
La formula tutta improntata al negativo che domina il secondo comma dell'articolo trentadue della Costituzione
E che esplicita come per i costituenti il rapporto tra individuo e autorità medica si dovesse risolvere salvo eccezioni puntuali riservate alla legge sempre in favore del primo
è soltanto uno dei tanti corollari che originano dal celebre gli incipit dell'articolo due della Costituzione italiana la Repubblica
Riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità
E richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica economica e sociale
L'articolo due pone al centro dell'intero sistema la persona umana nella sua ineliminabile soggettività e sul quale si tornerà oltre
Tuttavia non si deve cadere nell'errore di credere che quella sui trattamenti obbligatori
Sia una norma di impatto minore o dal potenziale inespresso perché la pregnanza dell'ideologia Moro Thea segna invece un punto inedito e avanzato per le costituzioni contemporanee
Si mostra da subito il contenuto irreversibilmente progressista
Che renderà l'articolo trentadue non solo un baluardo a difesa garantista dei diritti del malato ma una norma che proietta nel futuro della Repubblica i rapporti tra il potere medico
Pur sempre una forma di tecnica di controllo sociale
E la persona
Grazie grazie di funi per questa
Questo è un vanto passaggio caduto leggerci desidero salutare
L'editore Aldo Mazza
Che
L'ANCI per permesso di avere questo interessante testo
Siccome qui stiamo parlando anche del percorso civili questo Paese e di un libro che ha
Un'evidente risvolto istituzionale voglio salutare anche Gaetano Gifuni che è stato protagonista per tanti anni della scena istituzionale italiana e credo che abbia preso contribuito proprio
A
Non tratto in questa strada che è stata percorsa in anni che se non sono stati certo negativi sono stati positivi per lo sviluppo del nostro Paese
Uso dell'acqua prego
Mentre
Io
Cercherò di sottolineare soltanto alcune alcuni punti
Invitare poi la parola ottant'anni mi piace sempre di ascoltare
Bando così anche
Enorme riferire qualcosa di definitivo chiedo di ritirarlo gotico prima di
Di mandare avanti la prima cosa eletti
Non vedo
Qui pubblicamente dire davanti a voi che la scorsa settimana ne abbiamo avuto un momento veramente emozionante a Trieste
Dove è apparso il presidente Zavoli nel senso che
Abbiamo presentato questo libro c'era c'era c'era il Daniele c'erano altre persone c'era un'intera città raccolta al museo
Che aspettava Presidente il Presidente si è manifestata attraverso il lo schermo numeri veramente straordinario è stato un giorno
Veramente
Tenuti
Così non ci sono parole per dirlo un danno per noi per l'accettare per quanti anni erano lì ad aspettare per salutarlo e per tutti noi veramente straordinaria
Un'altra cosa sempre riguarda
Il Presidente e che quando questo un libro è nato questo libro nasce un gran bel lavoro di dottorato che fa Daniele piccione
Io conosco suo papà naturalmente all'unanimità dalla tesi la sua il suo lavoro
E poi ci vediamo dopo sta nascendo una associazione che si chiama articolo trentadue appunto tra
Persone con l'esperienza del disturbo mentale non viene a trovarci a Trieste un bellissimo il pomeriggio
Tiri
E quindi
Diciamo beh allora facciamone un libro di questa cosa stavamo lavorando appunto con mazza per la collana centottanta archivio critico questo adesso siamo arrivati a otto volumi pubblicati edili
E quindi quando è stato
Compilato il chiuso insomma il libro e con questa copertina e il Presidente la ditta ma
Io per la copertina che sia più aggressiva più incisiva più evoluti perché ma per questo lo dico
Questo libro devono leggerlo tutti dovete farla andare nelle scuole è un libro che veramente
Quindi questo lo ricordo poi abbiamo discusso e naturalmente questa immagine che voi avete visto qui del Basaglia giovane
E dunque
Di questa coloro quasi coetaneo insomma una bella Costituzione che stava
Che stava nascendo
Ha avuto ha avuto la meglio ma soprattutto è rimasto
Per noi una sorta di
Mandato quello che Sergio Zavoli ci diceva questo libro devono leggerlo tutti e quindi nel ci stiamo impegnando perché lo legga da tutti e anche voi credo che l'impegno Rete fuori di qui
Da fare in modo che lo legano
Ecco io due cose
Quando io ho letto questo libro dopo
Ho rivisto ripassato ma in maniera estremamente più puntuale più precisa
Più lungo più lucida un periodo di lavoro pratico
Che poteva soltanto ricostruirlo con molte confusioni
Ma quello che è stato nel senso che le cose che si faranno e che non si riescono a riflettere e poi
Non non lo metti in fila tanto bene questo libro è servito molto a questo
Devo dire ma non perché ce qui Fabrizio Gifuni che anche il lavoro che era stato fatto prima
Dal regista Marco Turco e da Luciana costretto un po'a ridere tutto quello che era accaduto e quindi a rimettere in ordine
Con un po'di distanza nella convulsione delle pratiche della quotidianità tutta questa storia che sta acquistando di volta in volta maggiore spessore radici contraddittorietà oggi a Milano
Che cosa miglia mi appariva
Quasi come una scoperta anche se è vero perfettamente consapevole la Costituzione
Scopre un popolo senza diritti nessuno non se n'è accorto fino a quel momento
Dal quaranta otto al settantotto siamo costretti a renderci conto che c'è una larga popolazione non sono tre persone
Fossero anche tre sarebbe un problema ma sono centoventi mila persone negli ospedali psichiatrici con altri
Settecento ottocento mila condannati al cosiddetto ricovero definitivo all'interdizione e così via e tanti altri che ne non arrivano e allora
Questa scoperta questa apertura che comincia a Gorizia negli anni Sessanta
Apre a qualche cosa che
Non avrà una fine e neanche oggi ha una fine
E l'altra scoperta per me è gioia e USA ed debbo dire che
I padri costituenti hanno guardato talmente lontana da travalicare anche il nostro presente
Perché su questo a Costituzione Standa molto che che sguardo lungo insomma neanche ad avere da lei
Dicevo
E dunque il lavoro di Gorizia questo aprire questo mettere tra parentesi la malattia questo aprire intruso di riaprire la porta
A che vedere appunto con una scommessa che non finisce mai c'è quella scoperta di un cittadino con la scoperta di una persona
Con la scoperta di un
Non soggetto singolare e da qui che comincia a tutto
E oggi lo possiamo dire un po'evocando anche
Quanto città in un altro libro nella sua collana naturalmente lo dico perché della nostra parlando se non ho di lei il caschetto
Pier Aldo Rovatti dice citando nel sessantotto alla vecchia un inizio ecco io credo che oggi noi possiamo dire tranquillamente che quello è stato un inizio e non è stato altro che un inizio
Quando le persone dico va beh ma allora cosa successe come si è chiusa questa storia non si è chiusa
è stato un inizio e questo inizio non potrà dire nessuna conclusione dal momento che la questione del diritto dell'esserci delle relazioni dei bisogni così singolari sui quali però non
Si comincia a mettere mano in quel momento non potrà mai avere una risposta esaustiva oggi è per sempre
E dunque quello che
Che io
Leggo che non
Quindi mi rafforza nella lettura di questo
Di questo libro in qualche modo
Durante la certezza ecco dico la certezza che
Interventi come questi riprese
E di discussioni anche di contraddizioni insomma intorno a certi temi persona una strada che noi dobbiamo tenerle sempre viva come diretti a Tezze i luoghi comuni banalità permettetemi di dirlo non superficialità che si sono dette
Intorno a questa apertura dei manicomi al lavoro di Basaglia la centottanta sono stati talmente colossali che io credo proprio non lo meritavamo insomma nel nostro Paese
Delle bestialità di quel genere e tuttavia sono state dette e continuano ancora a a muoversi
E quasi assegnare un decadimento noi di un dibattito se io leggo quello che ha scritto dal miele andando a consultare appunto gli archivi qui di come si parlava mi pare di questi studenti di come si rispettavano
Di come si incerte questioni benché estremamente scottanti e sensibilità facessero tutte le fatiche possibili per trovare un accordo per
Dico forse c'è stata anche o forse
Un decadimento generale noi intorno a queste cose bene
Penso anche che questo
Che questo libro se noi fossimo davvero capace di rimettere un po'un gioco
Tutto questo questo questa sostanza probabilmente potremmo alimentare
Di più quella capacità critica
Che è stata fuori alla base di quegli anni del lavoro di quegli anni cioè non accettare il dato come vera Basaglia entra in quel luogo e dice io qui non posso restare deve andar via non posso essere che complice di questa violenza e da lì
Che comincia a questa questa storia
Vado vado a concludere evidentemente
Basaglia e consapevole
Che
Che
Non non sembra chiudere il manicomio da quando io dico non è che un inizio in un un libro che pure
Severo lunga nelle città alcune cose che
Sia ma la nave che affonda in una discussione che fa basata nell'immediatezza della legge centottanta questa immagini della nave che affrontare dice dalle la grande nave del manicomio sta affondando
Ma dobbiamo stare attenti c'è all'orizzonte non comincino a comparire Navigli di varia dimensione e natura a rioccupare questo questo spazio e allora
E allora tornare utile il libro di di Daniele da un lato io dico sarebbe abbiamo consapevolezza
Però
Adesso non voglio esagerare nel dire che queste libri dov'è la Costituzione ma
è un lavoro veramente rigoroso che fa Daniele poi mi emoziona molto la sua giovane età la passione insomma inutile dire tutto tutto questo
Ma e
Risottolineare
In maniera
Veramente
Come dire profonda ricca
Che quel fa quella famosa legge quel trattamento sanitario obbligatorio è
La interpretazione pratica di quel dettato costituzionale
E scrive e dice di un diritto inalienabili da quel momento
Questo cosa vuol dire tutto bene no
Vuol dire però che noi da quel momento siamo in grado di gestire ciò che prima non potevano vedere
Siamo in grado di vedere quello che chiamiamo le buone pratiche quello che accade in questo filone due fatti che che che è questo concorrono
Siamo in grado di vedere le cattive pratiche le porte chiuse le contenzioni quando in una lettura diceva del mille è oggi forse bisogna ritornare credo che pensasse alle tante porte chiuse
Che si chiudono dietro le spalle delle persone con disturbo mentale a giovani ventenni che non hanno altro bisogno che essere accolti abbracciati ascoltati invece si trovano dentro dei bunker
Credo che si riferisse ancora a delle morti inspiegabili di Psichiatria di persone legati ai letti di contenzione
E quindi ci permette di vedere questo ci permette anche di denunciare tutto questo questo non è che non accadeva prima accadeva ma non non era alla portata della nostra del nostro sguardo
E e qui concludo credo che
Nella riflessione che io faccio oggi a partire dalla mia pratica io trovo questo libro stimolante il perché
Mi mi obbliga non so gli altri gli operatori che lo leggeranno di amministratori politici
Ne occupa io quindi vi occupa devo dire che quello che è importante nella quotidianità dell'esercizio della democrazia
Quando dico esercizio della democrazia la sto sto riferendo ai luoghi del mio mestiere
In poi
Potete riferirlo dove volete ma nei luoghi del mio mestiere
Parlo della Psichiatria parlo di
Centri di salute mentale di diagnosi e cura degli ospedali psichiatrici giudiziari di cui tra un attimo dirò qualcosa bene in questi luoghi
Basta davvero una minima disattenzione un battito di ciglia per annullare negare
Decenni e decenni di lotta per la democrazia
E allora a che vedere con un
Una ripresa io dico delle pratiche che sono state appropriati che
Sono state quello che hanno spinto poi verso queste leggi pratiche quotidiane
Il fare il
Camminare verso anche degli orizzonti che talvolta non
Non si potevano conoscere adeguatamente tuttavia il coraggio di muovere l'ottimismo
Della
Della della buona volontà piuttosto che il pessimismo della ragione basando e lo dice più di un un suo scritto in un suo scritto
E concludo e come se ci invitasse anzi non come si dice in vita aggredire perché nell'esercizio della democrazia noi non possiamo fare altro che individuare dei limiti che dobbiamo porre e che sono invalicabili
Invalicabili alle amministrazioni
Per il due perdonate se uso delle parole che possono sembrare offensivi alle stupidità amministrativa
Al nascondersi dietro al dito delle risorse senza neanche considerare minimamente che cosa nasconde quella cosa lì quando il bisogno che c'è ai limiti soprattutto
Cioè al potere derive delle delle tecniche
Delle tecniche la scienza psichiatrica Balica continuamente questo limite nel senso che
Prepotentemente
Dormiva sull'altro
Il limite invalicabile non fa nulla ma è una nomina le tecniche che sono già di per sé lo invasive deteriori orribili parlo di contenzione di Arezzo sciocco porte chiuse
Che tutte le Camere porte blindate eccetera eccetera ma parlo proprio di questo sguardo che invalidante perplessi e dunque
Ieri
Limiti invalicabili che oggi non possono
Non tener conto ecco qui di nuovo torna alle parole che
Che ha citato fondi che ha detto Zavoli e che ha detto Gifuni che sono
Soprattutto sapere che si ha davanti un cittadino sempre e comunque
Sapete che si ha davanti una persona con la sua dignità deve appunto ripeto basta un batterio dici gli per negarla questa dignità sapere come si ha davanti
Non
Un soggetto un individuo la persona singolare un nome un cognome nella storia e non un malato di mente una diagnosi e e così via io credo che questo ente
Un ultimo punto che qui chiudo bene con la Costituzione questo libro c'è un capitolo dedicato agli OPG edili
Mi permetto di dire pensate che
Cosa straordinaria voi oggi stiamo parlando di chiudere gli OPG
E anche se oggi si prorogherà perché non si potranno chiudere domani primo Aprile
Come si era fatta nella proroga precedente tuttavia ne stiamo discutendo consapevolmente che questo è possibile e probabilmente arriveremo fra un anno fra due
Veramente a realizzare tutto questo
E questo io credo che sia in questo grande alterno che si è aperto con
Comunque un Basaglia Gorizia che è stato nella traccia di una legge centottanta e di tanti altri provvedimenti che sono citati nel libro parlo soprattutto delle attenzioni assolutamente importanti significative
E credo anche
Come dire di svolta che la Corte Costituzionale ha voluto aprire in questo in questo campo ecco
Questo il mio ringraziamento da Daniele per il lavoro che ha fatto che spero come dice Sergio Zavoli che possa essere letto da tutti ma proprio perché
Mentre il costo dell'acqua parlava dei luoghi comuni contro cui si era
Scagliato Basaglia
E che poi lo hanno inseguito con sotto forma di
Critiche anche malevole
Quando ho ripensato agli dèi Scarfizzi cui accennava Zavoli che sono
I nostri pregiudizi nostri preconcetti magistrati aprire le porte che altrimenti rimarrebbero chiuse benvenuti in mente
Forse
è un po'eccessivo dirlo ma meno demente che qui
Danno Convento di Santa Maria sopra Minerva fu
Fu la sede del processo Galileo Galilei anche allora c'erano contanti niente concetti tanti pregiudizi anche tanti luoghi comuni che bisognava scalfire
La parola ancora a Fabrizio Gifuni per l'ultima delle letture grazie
Facciamo questa curiosa
Coincidenza che è stato tante volte ho notato è che questi raddoppio diciamo tra
In qualche modo anche qui la storia
Il contributo di Mauro anche sottotraccia per via indiretta e l'approvazione della legge che viene approvata esattamente cinque giorni dopo
Il ritrovamento del corpo di Mauro e che quasi involontariamente diciamo di strass probabilmente in quel momento
Il lasciapassare la legge il fatto che insomma ho avuto l'incredibile
Avventura di dover interpretare sia Basaglia che Moro sono queste abbastanza superiori favorendo un po'difficile anche una concentrazione in momenti di schizofrenia
Sempre dal libro
Alla prova della redazione della Costituzione era a tutti noto in un certo modo dato per scontato
Che l'internamento manicomi alle coattivo era la risposta tipica dell'ordinamento al manifestarsi del disturbo mentale nelle fasce sociali meno abbienti
Ebbene di questo problema non si fece
Espresso riferimento nei lavori preparatori tuttavia
Durante le sedute della prima sottocommissione per la Costituzione si segnalano i contributi di Togliatti
Di la Pira di Dossetti oltre a quello citato di Aldo Moro quest'ultimo in particolare
Ottenendo la condivisione da parte di Togliatti si sofferma su un aspetto dei casi e modi che giustificano la restrizione della libertà personale dei cittadini
Ciò che costituiva un evidente ricaduta sulla condizione in cui versavano i malati di mente internati in ospedale psichiatrico Moro
Spiegava che proprio in sede di costituzione era necessario proibire quelle ulteriori limitazioni della libertà personale che si concreta vanno nella brutalità fisica contro le persone in stato di detenzione
Chiese dunque di aggiungere la parola detenuti
Alla formula proposta dall'onorevole Togliatti che si riferiva originariamente solo ai soggetti fermati dall'autorità di pubblica sicurezza Mauro puntava introdurre una norma del seguente tenore
E poi netta ogni forma di violenza contro ogni cittadino ha fermato arrestato detenuto
Palmiro Togliatti dal canto suo conveniva sull'opportunità che la Costituzione vietasse premium maltrattamento delle persone in cattività non a caso si leggendo i resoconti dei lavori della sottocommissione che
La sua esperienza
Quella di Togliatti in questo campo crede sia superiore a quella dei colleghi e degli fa presente di essere stato sottoposto a quelle forme di pressione cui fa riferimento l'articolo
Per quanto riguarda la questione di rinviare la legge o specificare in sede costituzionale è d'accordo con l'onorevole Moro
Tutti questi rinvii distruggono l'habeas corpus il quale non verrebbe più ad essere quello che tutti vogliono
Devo ringraziare Fabrizio Gifuni per queste letture
So che Gifuni stasera aveva anche un altro impegno è stato
Da parte sua matto
Di grande cortesia davvero
Voluto partecipare a questo nostro incontro e vorrei anche sottolineare
Sul fatto che a me sembra rarissimo
Fabrizio Gifuni come dicevo non solo è uno dei più grandi interpreti del nostro cinema nostro teatro ma le sue interpretazioni
Rivelano sempre una grande adesione civile
Al personaggio interpretato
Nel caso di Basaglia in caso di Moro nel caso di De Gasperi nel caso di altri grandi personaggi che ha quindi ha dato il volto la voce
Io ho sempre colto questo tratto una grande partecipazione civile culturale
Che la Regione forse neanche per la quale egli stasera e qui a questo nostro colloquio la parola a Piccioni
No
Vi ringrazio innanzitutto per essere qui così numerosi e non mi nascondo un po'di emozione
Che vedo tanti molti amici
Da più parti che la mia vita diciamo
E quindi questo mi rende particolarmente
Contento
Però devo dire i ringraziamenti di e quindi non possono muovere da una sorta di podio qualificato che è quello che si staglia la mia destra
Si staglia proprio letteralmente perché al Presidente Zavoli ovviamente devo tantissime le cose il cui elenco sarebbe infinito però ce n'è una
Particolare voglio ricordare stasera
E cioè che quando io ringraziare la prima volta il presidente Zavoli perché avevo letto l'introduzione al mio libero
Va fatto con la parola
O meglio con alcune frasi impedire fatiche per cui a un certo punto dissi al Presidente
Che la sua la sua introduzione valeva a piede libero
Lumbard o con uno di quei suoi
Diciamo in quelle sue frecciate dagli occhi e mi disse sciocchezze sciocchezze
Questa cosa io l'attendamento per un po'infatti dopo varie peregrinazioni ci siamo trovati a fare la presentazione a Trieste della settimana scorsa
Di cui parlava per quell'acqua
E anche quella volta
Diciamo in preda anche un pochino l'emozione ho combinato lo stesso pasticcio perché la frase l'ho ripetuta
E questa volta non so se con una sorta di straordinario riflesso mnemonico il presidente Zavoli
Mi ha guardato di ruolo ma questa volta attraverso il mezzo elettronico che determinava come lui dice uno scollamento cognitivo tra le due perché in effetti c'era questa intermediazione di Sky
Il presidente Zavoli disse di nuovo come facendosi vicino allo schermo sciocchezze sciocchezze
è questa la ragione per cui il mio
Aliprandi agricoli
Ed è questa la ragione per la quale nonostante della la nuova regola del che campeggia nel montaggi cinematografici non lo faremo anche stasera cioè non dico che la sua introduzione migliore del mio romanzo
Voglio dire
L'ha chiamato romanzo non per caso che ora ci torno
Ma i ringraziamenti Presidente Zavoli anche per l'ospitalità di questa sera devono estendersi moltissimo e direi in modo assolutamente sentito
A Stefano Folli
Perché emiliano ha detto di adesso che secondo me valgono da sole gran parte di quello che io ho cercato di contenere nel piccolo libero tornò e tornare a ciò che resterà sconcerto
Legittimato a dirlo anche
Stefano Folli naturalmente
E ci perché lui ha parlato di due grandi elementi l'attualità della Costituzione era nota preconcetti
Ex ante sulla poi dalla Costituzione che peraltro è il titolo di un grande saggio
Giuro di studiosi che mi è capitato di citare nel libro
Barile Calamandrei la scuola fiorentina attualità della Costituzione
Vale sicuramente anche oggi anzi direi forse a maggior ragione oggi a maggior ragione oggi
E io non voglio entrare nel merito di scelte ovviamente nelle quali non posso neanche vagamente incidere a nessun livello però c'è da dire una cosa sulla lotta ai preconcetti e cioè c'è un preconcetto che secondo me bisogna bisogna provare a battere
E cioè questo preconcetto è quello per cui la Costituzione si divide in due parti distinte una prima parte quella che come noto a tutti tutela i diritti degli individui
La seconda parte quella diciamo che si dedica all'organizzazione dei poteri dello Stato e le garanzie costituzionali
è stato insegnato quando ero giovane dottorando credo la cosa a cui tengo particolarmente che le due parti
In realtà compongono un tutt'uno perché in una garantisce l'altra non è poi così vero che la seconda parte della Costituzione garantisce la prima cioè che l'organizzazione dei poteri dello Stato tutela i diritti
Ma
Più di questo non dico stasera perché sarebbe veramente un fuor d'opera
Per riceverne ringraziamenti
A Fabrizio dal di fuori
In assoluto mi ha rubato la battuta perché è vero che io sono rimasto sempre colpito anche molto prima di questa presentazione e anzi ancor prima di sapere che gli sarebbe venuto stasera dal fatto che lui
Ha incarnato
Ci domandavamo cinematograficamente due personaggi che ricorrono piuttosto spesso nel libro pure Franco Basaglia
E l'altro dall'altro era violentato Moro
E e quindi occorre il tema di ringraziamenti diventava molto concreto perché io questa sera
Nel momento in cui ha citato il famoso intervento dimostri l'articolo trentadue quando in sottocommissione giovane costituente
Dopo pochi mesi in cui aveva sostanzialmente ha seguito i lavori non dico di soppiatto ma comunque svolgendo un ruolo certamente migliore
In modo svolge l'intervento che così bene
Fabrizio Gifuni ha letto
E lo ringrazio molto e sta nel fatto che nell'utilizzare la stessa riflessione che aveva impiegato
Quando impersona all'ordine del
Nel film davvero ha toccato delle corde per me
Straordinariamente intense
Ma chiudo qui ringraziando tutti assicurando che dirò dirà pochissimo sulla sul resto ovviamente
Perché secondo me qui in questa questo piccolo libro che è capitato per avventura di scrivere ingrandimenti stanno a chi attiva voluto direi che Peppe Dell'Acqua Calda Mazza sono quelli che l'hanno voluto di più
Per pendice naturalmente sciocchezze scelto però
Però però però c'è una vera e propria io non posso non ricordare e petto saggia però naturalmente lo abbiamo revocato oggi
Un giorno lui ha citato nella mia famosa trasferta triestino in cui insomma famosa diciamo tra voi famosa
Cioè
Motivo ma fra intendiamo
Grazie e in questa l'intesa si in questa famosa virgolette
Lo dico con la giusta autostima e non con una megalomania dorme appartiene spero
Insomma c'è tutto ma compagna la stazione
Io scelgo la macchina e faccio per andare al treno a un certo punto coperto sa bassa diciamo in quella sorta di blog immaginario composto dalla finestrino abbassato e mi dice
Settimanale
Lo scrivo un libro su questo
Allora io mi giro
Dico ma
Come un libro Peppe ma se è sicuro che serve perquisito dall'altro dunque otto poi mi dice serve serve
Equilibrata finora ha scritto
Ora una somma notevole peso già parecchio tempo però vorrei dire qualcosina sul merito del libro diciamo sul merito del senso il contenuto non delle qualità
Allora lo sappiamo tutti che tra le mirati Delta scegliere ci sarebbe quella di cui uno dovrebbe disporre quando presenta un libro scritto da se stesso
E quindi io cercherò di essere estremamente sintetico però posso dire una cosa che quello che lei mi ha avviato la scrittura di questo libro e il tentativo di riportare alla luce qualche comunanza implicita
Cioè dei piccoli sentieri sotterranei che accomunavano le persone che quando diciamo così intervengono in questo libro più o meno direttamente
E qui invece non ha alcuna stasera perché magari suscita la curiosità
Presso qualcuno che non l'avesse ancora letto dividi dagli un'occhiata
Una prima dell'ANSA che emerge la citata
Stasera Fabrizio Gifuni e quindi la che accomuna due le parole che lui ha letto per gli atti a loro
E l'emirato amorosa sorpresa spettano al fatto che accomunava anche bar
Amalia
E in realtà accomunava anche Berlinguer
Cioè a ciascuno dei quattro per una vicenda per l'altra Aldo Moro tragicamente perché non ne viene fuori
Ma gli altri tre sì ma subiremo anche il sito di forme di internamento
è una pluralità la vicenda di avere spero di aver sperimentato o comunque di avere una sorta di sensibilità particolarmente qualificata per le restrizioni alla libertà personale
Ed è proprio questo che il passaggio dal letto prima Fabrizio che si evince dal tentativo di imporre a questa straordinaria sensibilità moratoria che gli veniva dalla
Dalla da tensioni ma ritengo che il quale il mio è un grande estimatore
Questa sensibilità di mare per cercare di capire che le restrizioni della libertà personale sono manifestazioni del potere assoluto
Ecco quindi una prima consonanza con Marotta non avverte e che è alla base della scrittura dall'articolo trentadue secondo comma che prima Fabrizio ci ha letto conoscete non mi azzardo a tentare di scimmiottare
Ebbene
Questa prima comunanza una comunanza di di diciamo così si allarga molti altri piani e in particolar modo al pensiero di Basaglia al costituzionalismo
Cioè l'idea di sostanza che si riassume in una nota frase per cui il costituzionalismo altrove
Che il tentativo di apporre I dei limiti all'esercizio del potere assoluto virgola qualunque sia il problema in causa
Ecco questa sensibilità particolare cioè l'idea di apporre dei limiti alle manifestazioni del potere più assoluto più coercitivo che diciamo contrapporre da una parte i vincitori dall'altra i vinti cioè chi dispone di un potere schiacciante verso una vittima
Era forse quello che davvero accomunava tutto questo pensiero lungo il pensiero lungo Passariano quello europeo
E certa capacità di creare delle consonanze anche con le culture e sensibilità del tutto diverse quella di Togliatti che abbiamo considerato
Credo che molte altre compresa quella di Berlinguer
E
E aggiungo anche quella poi i socialdemocratici repubblicani
E poi i cosiddetti ripartito il partito liberale e anche dei radicali che ebbero il grande merito di promuovere un referendum abrogativo che nella famosa primavera del mille novecentosettantotto rappresentare una sorta di pistola fumante contro il legislatore
Chiedo dunque come ancora una volta ricordare Fabrizio fu costretto a correre ai ripari e ad approvare in tutta fretta per evitare la celebrazione del referendum anti manicomi aree
All'approvazione di una legge nonostante si fosse ancora lontani dalla grande riforma sul sistema Lazio sanitario nazionale che avrebbe visto la luce soltanto nel dicembre dello stesso anno
Diciamo dunque che questo consonanza di questa consonanze implicite e davvero mi auguro a concludere consonanze implicitamente e questo è l'ultima secondo me la più importante e chiudo da dove avevo iniziato
Che si vedono almeno a mio parere azzardo nel problema del rapporto tra la legge centottanta oggi
E nel problema della validità del valore dell'effettività della prostituzione in questo momento così particolare
La legge centottanta perché l'ha ricordato prima stata difesa con grandi estremo le forze ed è stata difesa sia nel evitare
L'all'insorgenza di nuove istituzioni totali quali manicomi e nel tentativo di abbattere gli ospedali psichiatrici giudiziari
Nella legge centottanta rappresenta a mio parere anche una straordinaria metafora di quello che accade la Costituzione oggi
Cioè
Da un lato la si difende
Però non sempre si si comprende fino a fondo e fino al fino in fondo il valore che in essa appunto portano Andrea ed è stato ampiamente citato oggi
Considerava il valore tre spicciola di guardare lontano ancora una volta di avere uno sguardo lungo di proiettarsi nel futuro
Nella legge centottanta lascerebbe fondamentalmente in un punto che io ho citato varie volte cioè quello dell'abbattimento del legame dell'ingresso del sinallagma diciamo tra pericolosità infermità mentale
Quindi nessuna legge che chiude manicomio ma è quella che a battere il pregiudizio attorno giustamente al preconcetto di cui parlava Stefano Folli all'inizio il preconcetto dall'associazione tra pericolosità e follia
Oggi la Costituzione rappresentante acquisto cioè anche il problema di comprendere che le strade sono in realtà due la sua revisione oppure il tentativo di renderla il più effettiva il più forte possibile
Queste strade spesso vengono accomunate sovrapposte confuse così come fu considerata per tanti prodiani anche sovrapposta confusa la strada da una parte di cercare di attuare la legge centottanta fino in fondo e dall'altra quella di dire che andava superata riscritta modificata
Due strade che in realtà non si incontrano mai sono molto diversa anzi sono una agli antipodi dell'altra
E qui concludo davvero scusandomi se non ha tenuto fede in realtà fino in fondo a quello che ho detto all'inizio e cioè che
Ci presenta il proprio libro dovrebbe avere almeno al modello
Una minima quantità dell'arte di tacere
Chi però
Bruxelles almeno mio giudizio quello che ho avuto il filo rosso finale che davvero nega tutto nel piccolo libro che ha scritto e quindi anche dei contributi che paziente ma in tal modo si aspetta essere al momento tra scrittura dell'articolo trentadue e che per Franco Basaglia sette in qualche modo quasi valorizzando quella consonanza implicita che dicevo prima portare alla luce con grande forza
Ecco è veramente è solo un grande principio quello della centralità della persona
Dell'uomo nel nostro ordinamento
Grande applauso che vuol dire anche apprezzamento per questo per questo lavoro di togliere i piccioni lavoro davvero significativo e credo che possiamo concludere con
Con Sergio Zavoli
Ha introdotto
A te la conclusione
Scherza
Mi pare che
Piccione abbia introdotto
Un dato nuovo nel discorso
Sulla
Malattia mentale
Mi chiamo
Qualcosa che parrebbe estraneo alla materia degli usi e discussione la questione della relazione
Quando mette insieme
Che questi soggetti che
Subiscono perché voi intravedono l'uno nell'altro la possibilità di aggiungere qualche cosa di utile
Per la formazione di un bene comune belli
Tutto sommato descrive un tempo un'epoca una società una cultura una chicca persino
Io sono profondamente colpito dal fatto che questa relazione nasca
La cui qualità è molto diminuito
Non sollevi più nessuna questione se non da parte dei moralisti
Per esempio
Prima di morire io lo ricordo
Io non ho
Colto
Da
Non ricordo più come si chiamava il direttore della Caritas romana direbbero simili
Alla domanda quando il cancro del nostro tempo
E che la discussione è la mancanza
Di contestualizzare di confronto
Di capacità di reagire di dissentire di convenire
Di condividere quindi nessuna insieme tutti i valori che seggono insieme una comunità
Con il senso della parola molto semplice bisognerebbe dirlo a scuola utile mettere in comune non è una cosa
Estranea alla vita di tutti i giorni
Allora dicevo che
Le cose tutti importanti sono già state dette alla fine io ringrazio Stefano ma rimane qualche costo soltanto per le ridondanza
Non vorrei
Ricostruire molto brevemente e sinteticamente dal Comune piccole
Biografi miniature che ho colto dai come posso dire dalle testimonianze che sono state recepite dei nostri invitati
Comincio da dalla fine da piccione
Un autore
Giovane colto
Per alcuni versi detta
Risi Cosimo e naturale l'educazione familiare
La seduta all'oscuro delle ricerche eccetera potevano indurlo
Rami avventurarsi
In un libro così esigente di attenzioni
E persino di critiche perché no
Ma al centro però
Spontaneamente e clamorosamente di un'attenzione che lo descrive come qualcosa di interessante perché
In tempi in cui tutto è votato al criterio del duttile del pratico del conveniente perché questo libro è
Fondamentalmente utile
Ed è utile alla scuola
Io non sono di quelli che se la prendono sempre
Con la scuola
Così facendo degli esercizi economici
Ci sono stati i personaggi avversioni calembour i giochi di parole eccetera
è uno dei quali ha detto
Tutto quello che non ce l'avevo imparato a scuola io credo che la scuola abbia anche molti meriti eccetera
Penso piuttosto nell'ambito di una generazione intera
Qui la squadra dato poco ma la società non ha aggiunto che neanche
Si dirà che
La televisione per esempio
Che si assume così tanto
Delle critiche
Per la fragilità
Dei programmi il gusto dell'effimero
La fantasia votata sempre alla suggestione a tutto ciò che occorre un virus
Il grande successo tutto quello che ho trasformato intervenissimo perché diventasse
Uno spettacolo tutto questo certamente è molto grave ma non
Non possiamo non dirci
Che noi abbiamo la
Televisione
Che si può avere
Asse conto della società che la esprime
Quindi io credo diciamo tutti responsabili tutto quello che ci succede
La politica ad esempio che è stata quindi avanza come esempio violazione insorse in tempi molto difficili per la politica
Don Milani aveva accolto
La verità subito come espressione molto semplice la politica uscirne insieme
Ecco un tipico perché sapevo che non mi pare che Insiel nocivi condivideranno poche cose
E che tutti si tende un pochino
Salvaguardare
Noi proprio dire il vero se volete anche con ideali eccetera
Ecco mi pare che il nostro incontro di oggi ma non si
Numero questo piccolo riassuntino finale
Per grazie alle persone che sono in fase qui con
Finito
Dunque ci hanno detto dell'accusa dall'acqua si riscrive sono senza doverlo dallo storico ritorno ricordo animatore e il tessitore
Per garantire
Buongiorno delle opere di Pacciani senza dall'altra io lo strumento di organico
Propongo dalla conclusione evidenza attizzare alcune cose ma credo che senza i contributi dell'acqua non ci sarebbe stato tutto quello che
Per fortuna c'è stato
Attraverso
La grande idea
Di Basaglia
E controlli
Perché ormai
A straordinarie
Eleganza di questo scricchiolii giovani soggiorni sua scrittura del politico che si occupa in un giornale molto severo
Molto importante è molto molto tossico tanto poche altre volte
Insomma mi pare che si proprio Stato voluttuario come consumo catalizzatori tutto ciò che è poi emerso
Dal nostro incontro di questo accordo
Dicevo nel bilancio sedeva sulla natura di
Incertezze privilegiato crivellato naturalmente dal suo talento
Non certo dal non compromissioni ed alle strizzate d'occhio
Due cose più complesse e cruciali dalla società la politica e quindi dell'economia
Liberamente
Nel nostro Paese
E qui chiudo per uno Statuto che ha tenuto in vita una sarà secondo me in una grande l'Atalanta molto alto
Quindi futuri
Non sono mica è una cosa molto rara ancorché siamo in una cosa molto stupito semplici è un vettore che sa cosa legge
Vorrei conoscere quali ma
Riuscito a nasconderci che sarà anche un grande attore
E quindi abbiamo potuto di questo piano decimo dove strutturale
Una considerazione finale
Sessantuno mila bambini ho chiesto
Apicella che proposito sia per la sua dei bambini pensiamo amicizia rinvenuti nel
La traccia di questo piccolo inserto che si è introdotto nella conversazione distrazione
Certo i bambini
Fanno parte dei
Delle persone che hanno
Hanno fatto avranno
Questa
Questa mattina
Poniamo il problema è un pochino
Non soltanto parlare dal punto di vista
Dei numeri
Le cose che ci commuovono che ci inquieto allorché ci indignano eccetera
Diceva bene una cosa molto bene aveva generando figuriamoci oggi
Quando ho sentito dire che bisogna portare l'immaginazione
Al potere
Si diceva
Si atterraggio normali credetemi impossibile basate si arrabbiano
Per me va benissimo è stata chiusa partecipazione a sessantotto con in un momento sono molto giovani due
Ma sapendo anche cogliere trasposizione concettuali che sta qui all'interno di questo grande movimento che ha fatto correre lo paragona contro per tutta la storia insomma doveva avere un fondamento
Esatto il loro localmente ma serve molta missioni
Non so quale sarà il bilancio che questa generazione di giovani malandata su
Questo muro aggiungiamo verso ed è già peggiorata sotto l'aspetto delle notificazione che ha dovuto subire
Quando sono al bilancio della propria esistenza uno credo che
Non può tradursi soddisfatto di quello che
Devono riservato alla vita elusione hanno ricominciato a vederlo logici per rendere come si è fatto anche
Dei confronti una nostra legge
I Comuni ci circolano narrando ricominciando daccapo in comune con i bambini con la scuola e di IVA anche questa banale esortazione
Di notevole attenzione dico ancora una volta leggere questo libro e a farlo leggere soprattutto ripeto tra i giovani soprattutto scuola raggiungere
Non ci sono i bambini erano destinati ad un vero una sorta di
Il lungo
In qualche modo presenti
Da tutte le osservazioni e da tutti i guasti
Invito tutti ogni quindici minuti disattenzioni degli adulti
Il bambino io vi sono i bambini indumenti etnici dalla guerra dalla procura
Personalmente
E in un programma
C'erano
Vi sono quattro e che ho introdotto
In un documentario di durata non penso che fa parte del sessantuno per la costruzione del sessantesimo la nascita della televisione
Io conto di questi bambini
E come prima operazione di confronto
Lo proprio sventurato del sangue
Ho tolto il colore il color rosso
L'ho ripetuto tutto in bianco o nero
E come struttura non giochi un bambino
Due minuti
Questi giochi astrusi che avevano operato una norma straordinaria
Come voglio dire
Torno a tutti espressiva
Tant'è che a un certo momento sono sicuro che l'operatore
Avvicinato per una zoomata sul più piccolo di questi bambini dunque la bambina si avvicinano docilmente all'obiettivo
Ma comunque un proprio dipendente ascoltato contro l'obiettivo
Non ho colto ovviamente la prima metà sarebbe venuto in mente che non permetto
Perdonatemi veramente Lazard di pensare che
Quel gesto verso l'importo non sono a un obiettivo dal punto di tutti noi grazie
Claus
Penso di parole conclusive e credo che possiamo a chiudere qui il nostro incontro grazie