31MAR2014
intervista

Intervista ad Enza Bruno Bossio sull'emergenza carceri in Italia e sulle riforme costituzionali

INTERVISTA | di Giovanna Reanda ROMA - 00:00. Durata: 10 min 40 sec

Player
"Intervista ad Enza Bruno Bossio sull'emergenza carceri in Italia e sulle riforme costituzionali" realizzata da Giovanna Reanda con Enza Bruno Bossio (deputato, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata lunedì 31 marzo 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Amnistia, Carcere, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Corte Penale Internazionale, Diritti Umani, Giustizia, Governo, Indulto, Legge Elettorale, Letta, Pannella, Parlamento, Partito Democratico, Politica, Preferenza, Regioni, Renzi, Riforme, Riformismo, Senato, Stato,
Torreggiani.

La registrazione audio ha una durata di 10 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Coerenza Bruno boss deputata del Partito Democratico membro della Commissione antimafia parliamo di giustizia
E di giustizia negata
Onorevole perché
Siamo oramai a pochi giorni dalla scadenza del Consiglio d'Europa ci ha dato la famosa sentenza Torregiani
Il Consiglio dovrà pagasse anzi attraverso negativamente sul lavoro che l'Italia ha presentato il processo attraverso una gara visita ispettiva nei giorni scorsi
E Marco Pannella che dice che l'Italia dovrebbe Astir e deferita alla Corte penale internazionale per questa una cosa
Ma io sono assolutamente d'accordo infatti mi sto battendo da tempo almeno da quando sono parlamentare perché le condizioni nelle nostre carceri
Possano migliorare arrivare almeno a un livello di decenza io sono
Colpita dal fatto che l'Italia quando si tratta di procedure di infrazione legate magari anche alla capacità di stare dentro i vincoli
E di bilancio delle percentuali debito PIL siamo tutti quanti e ansiosi lo spread eccetera quando poi
L'inflazione riguarda i diritti i diritti più elementari ad avverte come per esempio
Il minimo che c'è in tutti i Paesi tranne che in Italia oppure nel caso delle carceri la possibilità di poter vivere in maniera dignitosa pagando naturalmente diciamo quello che e si deve tagliare in termini di giustizia ma non sicuramente
Colpendo l'umanità che ci deve essere anche dentro un carcere quindi questa battaglia dei radicali una battaglia che io condivido la sto portando avanti
Anche in Calabria tra l'altro il carcere che abbiamo visitato di Catanzaro in questo momento è anche oggetto di un'ispezione ministeriale
Perché ne avevamo denunciato il fatto un'interrogazione sul carcere iniziano
Le e cattivissime condizioni logistiche sanitarie dove
La presenza anche di topi di umidità dove addirittura un ragazzo che lì
Dicevamo si trova in carcere a dovuto subito diciamo una malattia deformante un'artrosi deformante senza avere nessuna possibilità di cura e l'abbiamo denunciato l'avevamo denunciato anche
Alla Cancellieri adesso mi auguro che se ne occupi il ministro Orlando
Missioni ne è andato a Strasburgo la settimana scorsa secondo lei con tutte anche le diciamo le riforme che sono state
Da una parte incardinate dall'altra anche licenziato Italia entrambi i rami del Parlamento verso tutti questa settimana ci sarà appunto quattrocentosedici ter
La messa alla prova quindi insomma sono fatti sicuramente di grande rilevanza secondo lei si riuscirà
A raggiungere l'obiettivo che la sentenza Torregiani ci impone o alla fine a un provvedimento di clemenza sarà come dire
Un punto di caduta inevitabile
Ma
Io mi auguro di sì insomma anche il Governo letta aveva intrapreso questa strada e stavamo andando e stiamo andando in questa direzione penso
Che di impegno riformista di Renzi zia effettivo io tra l'altro per quanto abbia
Contestato l'Italie comma soprattutto il fatto che la riproposizione del porcellum Torcello ma abolito dalla Corte costituzionale viene invece riproposto all'interno ahimè del Parlamento
E quindi mi auguro che su questo il Senato faccia qualcosa per tornare poi
Nella lettura successiva qui alla Camera per quanto riguarda invece le riforme sia del Senato del Titolo quinto così come altre riforme legate sostanzialmente
Ha una piena attuazione della giustizia che non sia però
Giustizialismo che quinti tuteli le garanzie elementari del cittadino sia nel momento in cui è indagato sia nel momento in cui dovesse essere condannato
Penso che questa spinta deve restare mi auguro diciamo che Renzi la porti avanti però ora sembrerebbe di sì
Quindi è comunque sulla parte delle riforme che riguardano ad esempio il Senato c'era questa questo dibattito che è stato offerto dalla dall'intervista del Presidente Grasso testé breve vere
Si può dire
Offerto un po'una breccia all'interno del suo partito sciatta e sulla scia di questo c'è stato un documento di questi venti senatori insomma
Che succederà secondo lei
Ma io lo dico con chiarezza l'ho detto anche l'altro giorno nella direzione del partito io non sono assolutamente d'accordo perché resti un Senato elettivo anzi io credo che proprio per superare
Il di Camera lirismo
Bisognerebbe andare proprio all'abolizione di questo ramo del Parlamento
Fare diciamo poi del Senato un'Assemblea elettiva un'assemblea di diciamo
Personalità regionali o dei comuni indicate e quindi non elettivamente
Può essere una strada qualcun altro invece propone il Senato delle garanzie ora in questo caso bisogna vedere in entrambi i casi come si conciliano sia con
La Conferenza Stato-Regioni sia con la Corte costituzionale nell'ipotesi del Senato le garanzie
Però sono sicura che bisogna
Bloccare la situazione per cui per prendere una decisione
Bisogna aspettare sei mesi anche un anno perché questo andare avanti e indietro bicameralismo perfetto Carmenta crea su
Ruta mente superato ma d'altra parte in questa su questo sono assolutamente d'accordo correnti lo stiamo dicendo da trent'anni
Anzi questo un po'di meno da quindici anni stiamo dicendo che bisogna andare a un superamento di una delle due Camere oggi siamo arrivati al dunque lo dobbiamo fare è ovvio che facendo questo anche
In questa direzione va il discorso pure dall'abolizione delle Province
Probabilmente avremmo potuto abolire le Regioni dalla parte e la Camera dall'altro invece che le Province e il Senato però
Il ragionamenti e questo non
Bisogna evitare la duplicazione la sovrapposizione delle sedi decisioni perché questo è il modo per bloccare il sistema
Quindi se
Si eliminano alcuni momenti delle sedi decisionali e si rende più le lucido diciamo il momento della decisione
Tra momento ovviamente legislativo nel momento esecutivo perché poi questo nella relazione nell'autonomia di questi due poteri oltre che quello della magistratura sta le fondamenta del sistema democratico
Io credo che non possiamo che fare un bene a testa e non ci si può o diciamo fermarsi per una difesa corporativa anche perché oggi une Senato ma domani non lo è quindi a prescindere se esistono insiste il Senato
Però proprio a proposito di quello che stava dicendo lei cioè la
La differenza sostanziale e il bilancio anche il bilanciamento tra l'esecutivo e legislativo e poi ovviamente la magistratura
Non trova che alcune dichiarazioni che il Presidente era anzi fa
Possiamo lasciare adito ad un dubbio e cioè ha creduto anzidetti il Parlamento come dire superflua diciamo un organo consultivo quasi
Più che
Effettivamente di decisione siamo ancora una Repubblica parlamentare allora certamente questo rischio sei anche perché Lenzi spesso le cose le dice con l'accetta
Però detto questo mi sembra che lui stesso stia cercando di mediare con l'abolizione tout cour del Senato non sta provando vedere nella proposta di legge anche accettando
Suggerimenti come riorganizzare il Senato in maniera tale
Che sia comunque un bilanciamento no consiste ci sia comunque ci sia in bilanciamento quello che lui contezza e io sono d'accordo che debba essere elettivo
E che sostanzialmente debba avere
Per esempio possa esprimere la fiducia cioè possa sostanzialmente esserci questo doppio binario che oggettivamente in questi anni ha danneggiato la democrazia parlamentare
Quindi probabilmente ripeto Renzi le cose le dice un po'con l'accetta però noi il problema di rendere più veloce nella relazione tra questi tre poteri e importanti altrimenti nella palude
Vince e succede esattamente l'opposto cioè noi per anni abbiamo detto che
Cambiavamo la legge elettorale
Noi io non c'ero ma insomma il Parlamento era ogni volta lì lì per cambiare la legge elettorale perché nessuno voleva il porcellum Lhasini il porcellum ce l'ha dovuta abolire la Corte costituzionale
Quindi questa ingerenza della magistratura spesso è avvenuta perché non siamo stati in grado le istituzioni non sono stati in grado di prendere delle decisioni veda pure sulla Fini-Giovanardi esatto esatto bravo cioè
Tutte tutte le cose diciamo
I nodi no rispetto ai quali dovevamo dare una risposta istituzionale non siamo stati in grado di darle la data sostanzialmente alla magistratura
Oggi proviamo fare in modo magari Renzi fa solo il driver ma noi dobbiamo essere all'altezza di questa sfida sole
Mentre non siamo stati secondo me all'altezza della sfida ripeto sulla questione del Litani comma perché io avrei voluto una maggiore
Compattezza e forza del Parlamento che si doveva opporre al fatto che noi continuiamo ad essere il Parlamento denominati in questo caso anche se Renzi le cose le dice in maniera troppo forse semplicistica e da slogan è un compito nostro
Darvi dei contenuti ma dei contenuti coerenti con un modello riformista non con
Con la conservazione ringraziamo anzi fa buono borsa del Partito Democratico