01APR2014
intervista

Anniversario della riforma della Polizia Italiana: intervista ad Ennio Di Francesco

INTERVISTA | di Michele Lembo RADIO - 10:30. Durata: 20 min 44 sec

Player
Il 1° aprile 1981 viene approvata la riforma della Polizia di Stato che portò alla smilitarizzazione dell'istituzione.

"Anniversario della riforma della Polizia Italiana: intervista ad Ennio Di Francesco" realizzata da Michele Lembo con Ennio Di Francesco (già funzionario della Polizia di Stato).

L'intervista è stata registrata martedì 1 aprile 2014 alle 10:30.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Arresto, Criminalita', Democrazia, Droga, Forze Armate, Interni, Istituzioni, Ministeri, Ordine Pubblico, Pannella, Parlamento, Partiti, Politica, Polizia, Riforme,
Sicurezza, Stato, Storia.

La registrazione audio ha una durata di 20 minuti.

leggi tutto

riduci

10:30

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio radicale il primo aprile del mille novecento ottantuno una data da ricordare perché era il giorno in cui viene approvata la riforma e della polizia italiana è una riforma importante che portò a una
Mille smilitarizzazione delle forze di polizia non voglio parlare
Di quella vicenda di delle iniziative radicali che portarono a a quella a quell'approvazione che affiancarono questo processo
E ne vogliamo parlare con Ennio Di Francesco Bongiorno di Francesco buongiorno lei a tutti telespettatori di ascolto la dignità di turisti
E negli Francesco il nome che gli espositori di radio radicale posso ricordare ENI di Francesco il poliziotto che arrestò Marco Pannella nel mille novecentosettantacinque
In occasione di una disobbedienza civile iniziativa di Marco Pannella
In cui appunto si eccessi
Una sigaretta
A all'hashish e mi rifaccio escono il poliziotto che fu incaricato di andare a presenziare questa
Iniziativa radicale contro il proibizionismo questa iniziativa antiproibizionista
E di Francesco ha ricordato quella fase Weller quella che la vicenda in diversi libri di cui è stato autore me vi segnaliamo
Ad esempio il libro dal titolo radicalmente sbirro che contiene peraltro una prefazione di Marco Pannella ed è un libro due voci tra Walter Vecellio e negli anni e di Francesco una specie di intervista che peraltro disponibile in una versione diciamo non definitiva ma comunque soddisfacente sul sito
Www Ennio Di Francesco punto it mentre invece oggi poi
Di Francesco ci parlerà anche del suo nuovo lavoro dal titolo un commissario l'odissea di un funzionario dello Stato perché dopo quella vicenda in realtà
In che Paese le celebri magari niente di Francesco ricordasse brevemente poi le cose per lei non non non non è che sono andate poi per il meglio o mi sbaglio
No anzi se gli ascoltatori potessero vedere si vedrebbero sorridere perché
In effetti mi porto dietro questa sorta di stampigliatura
Piero ormai lì diventata
Quasi leggendaria F il commissario che arrestò Marco Pannella e questo avvenne nel mille novecentosettantacinque in particolare una giornata di luglio
E
E fu uno degli episodi che ha caratterizzato secondo me non soltanto
La mia vita e forse anche un poco fa quella di Marco Pannella per tempo e tra l'altro lo dovete arrestare quindi lui finirà Regina Coeli la diciamo ha caratterizzato il dilemma è la dialettica permanente di tutti i giorni anche adesso
Su
Come debba essere affrontata la problematica nella tematica droga c'è un aspetto di
Libera azionismo di regolamentazione come si usa dire di proibizionismo eccetera qui però
Quindi io venni immediatamente trasferito all'ufficio passaporto venni punito messi somme venne messo sotto inchiesta per quella l'episodio che allora sembrava
Dirompente per un'Amministrazione particolarmente come era quella del Ministero dell'interno conservatrice
Però le mie vicissitudine lei ha citato questo libro che per lo ripeto è una nuova edizione perché
Io tra l'altro non è che sia un uno scrittore di professione
Però è un altro diverse deve essere consegnato Maldini diciamo che
Che mi viene che sorridono ancora da scrivere perché io ritengo per lo dica in questo libro che c'è una sorta di il
Angelo custode in qualche maniera di come le ho passate di cotte e di crude e ho preso tante di quelle
I botte ferite da parte dalla mia amministrazione per cui
Nel momento in cui sto per fare crack
Viene sostanzialmente mi viene
Da scrivere oppure da fare da cominciare a dipingere fare ecco e sono venuti fuori via via una serie di
Di libri chiedo oserei dire dettati
E che raccontare un po'
Queste
Questi episodi di
Cioè l'avventura ecco lei ha usato il termine odissea perché il sottotitolo ordini del libro che è uscito tra l'altro il ventinove gennaio scorso aggiornato fino agli ultimi eventi
E questa
Questo percorso accidentato dice una persona
Che ha scelto di fare il funzionario di polizia
Con una specie di
Idealità promo so mica forse dico cromosomica perché papà era un maresciallo dei Carabinieri morto tra l'altro per
Malattie contratte durante il servizio mia mamma era stato un insegnante elementare per
Quasi quarant'anni insegnante quindi cromosomica mente mi debbono aver lasciato qualche gene di senso del servizio senso della legalità
Per cui
Da volta laureati l'ho fatto ufficiale dei carabinieri per un paio di anni togliendo una soddisfazione grandioso per un figlio cioè le ombre sul mio papà sull'arte scherzo perché è stato uno degli episodi
Il più commoventi che ancora mi porto dietro
Poi da lì sono
Transitato in polizia vincendo un concorso col volutamente poi magari potremmo ritorna feci su questo
E
Ho iniziato a fare il funzionario di polizia quindi in una
In un ambiente che mi faceva confrontare come una realtà che non era quella cattedra anticamente insegnata nell'ambito delle scuole delle Marmo le scuole di polizia ma era la realtà
Palpitante fatta di
Di drammi di sofferenze e di criminalità ma anche di disadattamento di giovani ragazzi e qui veniamo anche per esempio quell'episodio in cui i giovani i ragazzi che nel
Settanta
Io vedevo l'UPI ridicoli di Genova perché ero allora dirigevo nell'ordine
Cortissima
E vedevo infilarsi nel tunnel che la droga non dimenticherò mai una ragazzina che minori quasi nelle braccia era una minorenne con ancora la sua siringa sporca di di droga di rovine di sangue
E su quel periodo in cui entra in contatto con una persona
Grandiosa che poi mi ha fatto anche
Una prefazione poco prima di morire parlo di Donna miseria Gallo
Tagliando e quindi lì comincio a venir fuori sostanzialmente per concludere questa prima parte di domande l'inserimento di un funzionario con un senso di di servizio forse
Diciamo idealistica mente forte dentro un teatro del genere in cui l'Amministrazione di pulizia parlo in linea generale si confrontava
Primo con mezzi che erano mezzi oserei dire tecnologici strutturali del tutto arretrati
Ma soprattutto con una mentalità che era una mentalità di educazione verso
Verso coloro che incappano nella polizia e chi erano
Chi criminali ma erano anche i manifestanti per esempio gli scioperanti davanti all'Italsider ecco con una
Concisione di vedere dall'altra parte il nemico la persona nemica ecco e da lì cominciò sostanzialmente una maturazione
Che
Voi avrebbe dato via via dei frutti
Quindi i miei guai cominciano sin da allora quando nel mille novecento sessantanove settanta in particolare qualche entro il sessantanove in polizia nel settanta settantuno sono AGEA mi comincia a confrontare con
Concetti come
Democrazia
Come concetti di ordine pubblico come considerare i manifestanti che erano davanti
Ed era uno dei periodi che già cominciamo ad elezioni in un quadro drammatici di legalità lei si pone questo questo questo obiettivo mi pare che poi ecco Pacelli
L'elemento
Per il quale voi lei viene in attrito con i suoi superiori il
Famoso telegramma che lei rinvio a Marco Pannella se non sbaglio no e lì lei esprime in maniera estremamente sintetica questi concetti che ci ha spiegato
No quello prevede quello viene sempre dopo perché il telegramma fu dopo l'arresto di Pannella quindici Colosseo nel settantaquattro qua vedo ma sono in questi primi anni in cui questo impatto con questa realtà variegata
Mi fa scoprire queste
A questa arretratezza sia strutturale sia polizie faccio un esempio Angelino aggiravano velocità di settecento mila abitanti agitavano due uniche volanti i poliziotti erano sottoposti addirittura anni
è dei turni di lavoro particolarmente
Inconcepibile immagine
Cinquanta ore di cui trenta trentacinque di notte turni di questo genere con uno sfruttamento vero e proprio perché
Non esisteva una redistribuzione del lavoro straordinario il c'erano delle condizioni
Di orari chi erano impossibile ecco proprio lo sfruttamento elevata a sistema e in più
Comincia essere il periodo in cui cominciano a venir fuori le prime manifestazioni terroristiche quindi nel
Sessantanove comincia uscirà il primo manifesto delle delle Brigate Rosse e c'è il primo poliziotto
Che viene ucciso in uno scontro tra studenti con il movimento studentesco serve lo zio a ed è il suo Antonio Annarumma quindi per la prima volta io vedo poliziotto
Ucciso durante uno scontro con altre persone che dovevano in qualche maniera manifesta scartare per una
Stessa cazzo c'è tanto che doveva essere cambiata ecco tutto questo
Mi porta a maturare insieme ad altri perché sono convinto che poi
La scintilla della maturazione devono democratica non è una scintilla
Di uno individualmente ma
Qualche cosa e una crescita della collettività per cui
Cominciamo a vedere
Che ha altre idee del genere affiorano per esempio in colleghi che si trovano
Siracusa c'è un grande giornalista che voi avete sicuramente conosciuto che comincia a farsi portavoce di queste istanze che Franco Fedele ecco e da lì pagherò incomincia a cercare di costituire
Una certa sensibilizzazione tenendosi in contatto tra di noi ma è il periodo in cui
Ovviamente l'Amministrazione
Vede questi pochi funzionari grazie io ero l'unico funzione che si riuniscono con un'etichetta di
Sovversivi
Più coloro che intendono scardinare
Il sistema di sicurezza e autoritari che sono all'interno dell'opposizione Consigliere costa
Se tempo fino fino al mille al mille novecentottantuno
Quindi ecco diciamo è io vado un po'per grandi temi perché come le ho detto prima di iniziare la registrazione poi mi riserverei con la sua disponibilità di fare
Un approfondimento proprio su questi temi magari invitare altre persone e
è diciamo meglio tantomeno
è doveroso da parte mia e ringraziare la sensibilità
Del direttore sua di tuttora Radio Radicale perché
Questa è una data il primo aprile mille novecentottantuno
Che
E la conclusione di un percorso lungo e sofferto le immagini che prima di arrivare a questa data ovviamente cioè ci sono tutti gli anni Settanta in cui sostanzialmente
I poliziotti
Che
Parlavano e a volte si riunivano ma erano carbonari quindi le riunioni erano riservate e segrete ma eravamo in pochi e venivano regolarmente e questo che debbono sapere
Gli ascoltatori ma soprattutto anche i giovani tutori dell'ordine quelle che oggi vediamo le loro belle divise
Sono i gipponi dalla carabinieri polizia finanzieri eccetera
E
Questi venivano a quelli tempi pieni o no arrestati adesca cioè noi abbiamo avuto
Appuntati e che mi fa piacere ricordare alcuni nomi Ra Ftse Nunziata il capitano Giacobelli che
Venivano arrestati da altri loro colleghi perché avevano osato parlare di democrazia in un momento in cui
Ecco la smilitarizzazione il concetto perché l'elemento per poterli colpire qualità era il Codice di disciplina militare di pace per cui
Tre persone che si riunissero il parco diventavano già persone che
Sembravano
Diventavano persone da perseguire il cappello più o meno lungo le immagini soltanto
Il ricatto che poteva avvenire sui tanti poliziotti
Che
Avevano delle famiglie si erano sposati in chiesa ma poi che siano sposati prima di ventotto anni loro erano considerati in Santo da puniti ma le loro famiglie i loro figli erano considerati dei clandestini sostanzialmente
Ecco era tutto perché era guidato perché era vietato sposarsi prima dei ventotto anni e quindi si diventava succubi
Qualsiasi tenente funzionario che volesse in qualche maniera e chi non
Ricordo lo scempio
Dei
Frangenti sottufficiali utilizzati comincia quindi o per portare
Magari a far pipì
Fra il cardine della moglie del prefetto roba varia
Credo sia stata allora il primo aprile quando riuscimmo e questa è stata la forza di essere riusciti
Questo nucleo di idealisti che via via poi cominciata a diventare
Forte nel senso cominciato a coinvolgere più opinione pubblica giuristi ricordo Bobbio Stefano Rodotà piene che comincio a seguirci con attenzione l'opinione pubblica
E soprattutto e colazioni miracolistica per cui ogni tanto mi capita guardando i segretari generali attuali dei sindacati parlo della Camusso parlo di Epifani parlo di Bonanni ci
Di dire
Da
Ricordate che ci sono state queste cose perché alcuni a quei tempi
Da quella base lì poi è venuto il discorso verso il coinvolgimento sindacale io ricordo una nostra prima riunione con lui ama Storti e Vanni
Che all'inizio rosse si erano in qualche maniera presa partito attitudine verso i poliziotti anche da parte del sindacato non è sempre stata e quindi riuscimmo a coinvolgerli un po'tutti quanti a coinvolgere i partiti
Oggi c'è un firmati su Berlinguer che ma noi riuscimmo a in quell'epoca siamo negli anni settantatré e settantaquattro
A parlare con tutti i partiti
Quindi
Il primo più sensibile fu Berlinguer parlammo con Lombardi del Partito Socialista parlammo persino con Craxi parlammo con un liberale io ricordo un liberale come Aldo Bozzi chi non lo ricordo
Che
Logicamente liberali
Ci vedevano B con lo stereotipo di un
Di un tempo cioè il poliziotto autoritativa quando Aldo Bozzi sentì parlare quel meraviglioso maresciallo era Ftse adesso è morto poverino maresciallo che io ricorderò sempre perché aveva
Le tasche
Piene gonfia di qualche coi all'inizio me lo facevano apparire maldestro trasandato
Quando
Mi commuovo al pensarlo quando invece comincio a tirare fuori dalle tasche sa che cos'erano erano
Fotocopie centinaia di fotocopie della Costituzione italiana che lui non perdeva occasione di dare
E quindi riuscimmo
A incontrare
Tutti i partiti ma incontro con la Ugo La Malfa ma con la DC stesso
Però
Con un raccontare già da parte nostra di una idealità tale che
Feci in maniera tale che
Chi con maggiori o minori resistenza se nella DC
Sicuramente creando una spaccatura interno perché c'erano Fracanzani c'erano
Fontana mila che erano su una linea leggermente diversa degli Andreotti o dei muri
Però riuscimmo in qualche maniera ad incontrarli tutti quanti
E venne fuori un Comitato parlamentare costituito da tutti i partiti dell'arco costituzionale che il lavoro al concetto
Di sicurezza come servizio da dare a tutta la collettività e le istituzioni democratiche di un momento unitario
Che si rappresentano il settantaquattro Natale facemmo una grande manifestazione
Sul tavolo all'intorno di fronte al due mila poliziotti cosa che mise
Spaventò all'Amministrazione duemila poliziotti guardati da altri poliziotti eccetera e che invece erano presenti tutti quanti i partiti
E il Sindaco momento unitario magico che voi andrebbe rivissuto ecco la forza di questo di quel primo aprile mille novecento ottantuno
Che sanziono il carattere civile della Polizia di Stato il coordinamento tra tutte le forze di polizia
E la polizia
Portare un articolo che dice questo non lo leggo e concludiamo questa prima parte se le vuole
La Polizia di Stato esercita le proprie funzioni al servizio delle istituzioni democratiche e dei cittadini sollecitando nella collaborazione
Essa tutela l'esercizio delle libertà e di diritti dei cittadini
Vigila sull'osservanza delle leggi tutela l'ordine e la sicurezza pubblica provvede alla prevenzione e repressione dei reati presta soccorso in caso di calamità infortuni quindi avere rimodulato ponendo al centro
La polizia al servizio delle istituzioni democratiche dei cittadini B io ringrazio davvero molto Ennio di Francesco che e CIA aiutato porta a ricordare
In questo momento della nella vicenda politica istituzionale del nostro Paese recente il la l'approvazione del primo aprile mille novecentottantuno della legge che riforma
Le forze di polizia ENI di Francesco
è autore di diversi libri in particolare segnaliamo l'ultimo uscito dal titolo un Commissario lo di scena di un funzionario dello Stato che è disponibile
In Bin Pinna tutte le librerie con testimonianze tra l'altro di Norberto Boni Bobbio Gino Giugni
Marchio Marco Tullio Giordana ed Giancarlo De Cataldo e anche di don Andrea Gallo e peraltro anche il testo radicalmente sbirro
Che un un colloquio diciamo tra Walter Vecellio mio di Francesco e c'è una prefazione di Marco Pannella
E ringrazio molto Ennio Di Francesco e gli diamo appuntamento ad un prossimo approfondimento che faremo anche a più voci grazie grazie a voi grazie a tutti buona giornata