01APR2014
rubriche

Rassegna stampa estera

RUBRICA | di David Carretta RADIO - 00:00. Durata: 19 min 40 sec

Player
Puntata di "Rassegna stampa estera" di martedì 1 aprile 2014 condotta da David Carretta .

Tra gli argomenti discussi: Al Sisi, Blair, Democrazia, Economia, Egitto, Elezioni, Esteri, Europa, Francia, Geopolitica, Georgia, Hollande, Liberalismo, Medio Oriente, Militare, Moldavia, Obama, Ossezia, Papandreu, Politica, Putin, Rassegna Stampa, Riforme, Russia, Socialismo, Transnistria, Ucraina, Ue, Usa, Valls.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 19 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buongiorno a discutere di Radio Radicale martedì primo aprire questo l'appuntamento con la rassegna dalla stampa internazionale a curanti David Carretta diversi temi e che tenteremo di approfondire questo oggi partiremo dalla Francia dalla disfatta del Partito socialista di von sua volontà
Nelle elezioni municipali di domenica disfatta che ha portato alle dimissioni del del Governo I voi alla nomina di un nuovo
Primo Ministro Manuel valso personaggio particolare per i socialisti francesi
Liberale di Standard transalpini addirittura definito da alcuni
Blairiano che i socialisti francesi è sostanzialmente un'offesa
Ci si può attendere qualcosa di più dava al s'vedremo non ci soffermeremo soprattutto sui
Commenti e i risultati elettorali ed editoriale di oggi di del mondo che chieda Von solo onde di mantenere la direzione passare agli atti senza
Tremare la direzione e quella delle riforme
Economiche annunciate all'inizio dell'anno e il
Consolidamento dei conti pubblici liberazione in un editoriale di ieri dal titolo urgenza
La pensa in tutt'altro modo ci vuole una politico almeno austera secondo il quotidiano progressista vedremo anche le fidiamo giornale conservatore l'ultima chance del Presidente il titolo dell'editoriale di ieri
Diventare Blair per non fare la fine di Papandreu o scrive le fidiamo Papandreu lei il
L'ex premier Greco che era stato cacciato in malomodo quando Atene era sull'orlo
Della bancarotta parleremo anche della crisi tra l'Occidente la Russia la crisi Ucraina ma non solo c'è anche il rischio di una crisi in Moldavia secondo il
Urso i giornali di ieri da cui leggeremo editoriale Putin sta considerando diverse opzioni per un altro furto di territorio questa volta potrebbe essere
La Transnistria un'enclave moldava che da anni serve a Mosca
Per
Influenzare la politica di Cisi NAU così come avviene in Abkhazia Ossezia del sud in Georgia l'ipotesi di un'invasione
Non è esclusa secondo il journal accenneremo anche all'Egitto alla non ce la scorsa settimana del general Sissi che correrà per me
Presidenziali in teoria maggio
Una vittoria scontata in Washington post molto critico nei confronti dell'Amministrazione Obama che sembra
Privilegiare la stabilità alla democrazia in un editoriale dal titolo parole vuote sulla governance democratica
Le vostre dichiarazioni della Casa Bianca sul sostegno della democrazia egiziana
Il post chiede in sostanza la sospensione totale degli aiuti militari al Cairo ma cominciamo per la Francia e dalla disfatta di
Non solo un po'meglio del suo Partito Socialista nelle elezioni
Locali di domenica che ha portato l'onda ieri a nominare un nuovo Primo Ministro Manuel Valls sulla
Cui figura magari ci concentreremo nei prossimi giorni l'abbiamo detto in apertura valsa un personaggio interessante
Per ora la sua storia politica dentro il Partito Socialista
Considerato un blairiano che riso chavisti francesi è un grave insulto
Le mondo oggi pubblica un editoriale dal titolo mantenere la direzione politica e passare agli atti senza tremare qual è la direzione politica che ho l'onda dovrebbe
Mantenere quella delle riforme annunciate all'inizio di quest'anno dopo molte esitazioni scrive le Monde
La sera del primo turno delle elezioni municipali ventitré marzo la sconfessione degli elettori era stata asseverate il Presidente della Repubblica per il suo Partito Socialista
All'indomani del secondo turno la sconfessione totale la sconfitta in realtà è una disfatta senza precedenti o quasi da mezzo secolo a questa parte
Niente ha spinto gli elettori della sinistra in particolare i socialisti a Hrimmo visitarsi ad andare a votare così centocinquantuno comuni sono sfuggiti i di mano al Partito Socialista
Compresi numerosi bastioni ritenuti imperdibili e che costituivano le roccaforti del socialismo municipale comunale
La destra per contro registra una vittoria che va al di là delle sue stesse speranze il suo capo filosofo un suo a Coppet
Sperava in un riequilibrio di forze a favore dell'UE Pedri suoi alleati del centrodestra ma la destra ha fatto molto meglio certo questo ampio successo locale il primo dalla creazione dell'UE impegni
Non risolve i suoi problemi di leadership sempre in sospeso e nemmeno quelli di Progetto progetto appena abbozzato ma dovrebbe aiutare a destra uscire dal marasma in cui è piombata dalla sconfitta
Di Nicolas Sarkozy alle presidenziali del due mila e dodici quanto al fondo nazionale scrive
Le Monde ha confermato il suo radicamento locale conquistato una dozzina di Comuni e fatto eleggere più di un migliaio di consiglieri municipali che saranno preziosi per le elezioni a venire così
Le monde che però non è allarmista sul funzionano anche altri giornali francesi ve lo segnaliamo scrivono in sostanza
Che
Il successo di Marin le penne è innegabile ma alla fine non è così
Così straordinario prosegue nel mondo sono solo Hondt paga dunque in modo brutale ma anche logico il conto di un inizio mandato presidenziale totalmente sbagliato
A causa della mancanza di un progetto chiaro chiaramente spiegato tutto vi ha contribuito alla debolezza del suo dispositivo politico ossia all'Eliseo sia al Governo sia nel partito socialista
L'assenza di risultati sul fronte decisivo dell'occupazione la rivolta fiscale delle classi medie infine
L'assenza di una pedagogia capace di convincere i francesi della pertinenza della direzione economica fissata molto in ritardo
Il verdetto delle municipali obbliga o l'onda reagire se non vuole dare al Paese il sentimento di essere sordo al suo messaggio
Ipotecare gravemente il seguito del suo mandato ma tutto questo avviene
Nelle peggiori condizioni tanto i margini di manovra di o Londra si sono ristretti di cui alla fine di aprile secondo le Monde
Ora onde si è impegnato a mettere in opera al patto di responsabilità per aiutare le imprese a migliorare la loro compito che competitività e si è impegnato concretizzare un programma di riduzione del debito pubblico e di taglio della spesa
Da una cinquantina di miliardi di euro in tre anni ma questo programma e esattamente l'opposto
Non solo di di ciò che vogliono al Fondo nazionale la con l'estrema sinistra ma anche la sinistra del Partito Socialista e Verdi cioè parte significativi della sua stessa maggioranza
O l'onda non deve cedere secondo le Monde a queste Sirene non deve cambiare direzione calendario mettendo in pericolo il poco di credibilità che Di Resta Bruxelles sui mercati finanziari e nel Paese
La sola strada responsabile dopo la sconfitta alle municipali però Londra
E di mettere in opera e poi amplificare le riforme economiche quale che sia la squadra di Governo così
L'avete
Le mondo urgenza invece dal titolo dell'editoriale di liberazione di ieri che dava voce un po'alla sinistra della Partito Socialista gli ecologisti che chiedono un mondo di tornare diciamo una politica più
Tradizionale per il Paese francese
Più rilancio della domanda
E meno riforme dopo la disfatta la debacle scrive libere per Holon del miracolo non c'è stato il secondo turno delle municipali ha confermato il primo della sfiducia degli elettori verso il suo Governo
L'astensione record dimostra che il popolo di sinistra non si è mobilitato malgrado la posta in gioco e la scarsa mobilitazione ha avvantaggiato la destra
L'ondata blu annunciata ha avuto luogo l'UE il per riuscire a conquistare molte grandi città altro nazional
A ottenuto un numero sufficiente di comuni per permettere a Manin le pene di evocare ancora una volta
Il tripartite ISMEA in Francia il Capo dello Stato non ha dunque Scelta deve inviare un messaggio forte al Paese il rimpasto è stato inevitabile c'è una sola certezza
La nuova squadra di Governo ha bisogno di mostrarsi più efficace più concreta nella sua azione
Deliberazione calendario delle prossime settimane determinante o lontano un'altra opzione se non mantenere la sua politica socialdemocratica ma non deve dimenticare il sociale
I negoziati sul patto di responsabilità devono essere ripreso in mano dal Governo per stabilire contropartite chiave in termini di posti di lavoro
E rispondere alle inquietudini della sinistra della sinistra i risparmi per ridurre il deficit sono sì indispensabili ma devono essere accompagnati da spiegazioni sugli obiettivi da realizzare i mezzi impiegati infine
La riforma fiscale un imperativo per alleggerire le imposte che pesano sulle famiglie più sfavoriti e che si sentono nemmeno ascoltate
E a queste condizioni che ho l'onda può sperare di non subire altri tra colline alle scadenze elettorali a venire a cominciare dalle elezioni europee che tradizionalmente favoriscono le estreme così
Libération chiede in sostanza all'onda di fare un po'quello che Renzi
Ha fatto con i dieci miliardi
Hai dieci milioni di italiani in in Italia le Figaro invece l'avete in tutt'altro modo e mette le cose così nel suo editoriale di ieri l'ultima chance del Presidente diventare Blair per non fare la fine di
Papandreu l'ex premier Greco cacciato quando
Quando teme era sull'orlo dalla bancarotta L'Onda Blu c'è stata l'Onda blu è la vittoria dell'UE il tema della
Del centrodestra o della destra moderata
Il primo turno era stato crudele per fare solo un secondo Stato assassino amplificata da un'astensione galoppante la débâcle Rosa e quasi generale ed era prevedibile dalla rivolta fiscale alle mani sporche uso le manifestazioni
Contro il matrimonio gay la collera che nutre da due anni l'impopolarità abissale dell'Esecutivo
Non poteva non esprimersi nelle urne ci voleva la cocciutaggine di quelli che non vogliono vedere né ascoltare nulla per pensare di sfuggire al disastro
Questa volta però è impossibile negare la realtà questa sberla storica che ne annuncia molte altre per esempio alle elezioni europee o alle elezioni regionali
è una terribile requisitoria secondo
Le Figaro contro questo quinquennale Toro mandato presidenziale di onde iniziato nell'illusione
E che a metà corsa è totalmente screditato la sberla sanzione al fallimento di una politica che aspetta con l'Armento è fallito in materia economica con tassi
Di disoccupazione record deficit galoppante imposte deliranti ma che non almeno non ha nemmeno saputo mantenere la promessa
Fondatrice di volontà quella di calmare il Paese riconciliare i francesi dopo la Presidenza sarà così
Il voto sanzione anche il fallimento di un uomo che salvo rare occasioni non ha mai saputo essere all'altezza del suo incarico e che oggi deve reagire rapidamente e con forza se vuole evitare di entrare
In una spirale del rigetto popolare per le fidiamo serve
Una svolta non tipo di svolta che va in direzione opposta a quella
Auspicata da Liberazione
E che scrive il quotidiano conservatore verrebbe vista da numerosi elettori di Holon come un tradimento dei suoi impegni di campagna elettorale c'è una svolta non socialdemocratica come annunciata
A
Gennaio febbraio ma chiaramente e risolutamente liberale una vera politica dell'offerta che sbarazzino impresa e dalle costrizioni assurde
è una vera politica di risparmi di bilancio che si fissino con me obiettivo l'equilibrio dei conti pubblici la riduzione generale delle imposte insomma
Vere riforme strutturali per adattare lo Stato provvidenza alle costrizioni della globalizzazione
O Londra per le Figaro deve fare la rivoluzione del socialismo francese e questa è l'ultima chance del presidente perché se troverà il coraggio di prendere questo cammino difficile e impopolare tre socialisti Holon d'dovrà dare battaglia la sua popolarità non ne beneficerà nell'immediato
Ma non è escluso che a termine questa politica porti dei risultati se questa svolta arriverà in fretta volontà potrebbe restare nella storia come un altro Toni Blair un uomo di sinistra
Che non ha tenuto di rompere i tabù del pensiero socialista e che grazie a questo è stato rieletto più volte
Se non funzionerà dal punto di vista elettorale in caso di sconfitta nel due mila e diciassette o Londra verrà ricordato comunque comunicherà Schroeder un riformatore socialista sconfitto si nelle urne ma con gli onori
Tutto però è meglio dell'ultima ipotesi essere cacciato sotto i fischi come l'ex premier greco socialista Gheorghe Papandreu così
Il figlio in questo editoriale veniamo vediamo alla Russia e alla crisi Ucraina il Wall Street giornali un editoriale ieri evocavo un'altra possibile crisi quella
La Moldavia la prossima Moldavia l'interrogativo puntina sta considerando diversi opzioni per un altro furto di territorio scrive il giornale le truppe russe si stanno rafforzando il confine est dell'Ucraina
Circa cinquanta mila soldati sono stati mobilitati in più ci sono i venticinque mila sulla tv si già presenti in Crimea e a sudovest nella regione secessionista
Che fa parte della Moldoveanu la Transnistria
I mille cinquecento soldati russi del centosettantanove esimo reggimento motorizzato sono stati riforniti in armi e sono arrivati altri ottocento commando
Complessivamente la Russia ammassato cento mila soldati confini dell'Ucraina secondo il Presidente del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale di Kiev
Il cuore industriale dell'est dell'Ucraina e la fetta più golosa dal punto di vista economico per Vladimir Putin ma questo ammassamento di truppe non necessariamente il preludio di invasione questi movimenti potrebbero essere un modo
Per minare il nuovo Governo transitorio a Kiev e cercare di tua influenzare le decisioni politiche
Della nuova
Ucraina post rivoluzione pro europea
Putin probabilmente sta facendo un calcolo e cioè che un'altra incursione non sarebbe indolore il Governo ucraino dopo aver rinunciato senza fare resistenza la Crimea
Ha promesso che si difenderà ad est a differenza della Crimea la popolazione locale ed esisterebbe un'occupazione
Ma per ora se dovesse scegliersi dimora di muoversi Putin avrebbe comunque un buon il vantaggio militare schiacciante
Putin secondo giorno alla potrebbe anche contemplare un altro fronte da aprire a sud e sud Ovest la trasi Istria
Un'appendice in club della Moldavia abitata da mezzo milione di persone in maggioranza di etnia russa
Ha dichiarato la sua indipendenza nel mille novecento novanta dal novantadue sono presenti i peacekeeper russi che
Destabilizza non il Governo moldavo come l'Abkhazia e Ossezia del sud in Georgia la Transnistria diventato un conflitto congelato che
Da Mosca la capacità di fare pressioni contro i Paesi dell'ex blocco sovietico come l'Ucraina la Moldavia vuole avvicinarsi politicamente ed economicamente all'Unione europea
Slobo all'Unione euroasiatica proposte in alternativa da Putin
Lo scorso anno il Presidente russo ha bloccato le importazioni di vino moldavo per fare pressioni contro la firma in accordo dissociazione malgoverno di ci si Nava è andato avanti comunque
I moldavi ora temono che il prezzo da pagare sia un'operazione analoga a quella che Putin ha fatto
In Ucraina c'è un'altra in club pro russe Moldavia che
Il due febbraio votato per l'indipendenza in caso di ingresso nell'Unione europea in entrambi i casi la Russia potrebbe usare la forza per strappare queste
Zone questi territori alla Moldavia gli ucraini poi sono preoccupati
Da un altro scenario la capitale della Transnistria vicino ad Odessa città portuale Ucraina fondata da Caterina la Grande è poco distante dalla Crimea le regioni ucraine sul Mar morto sono piene di Rousseau fuori
Dopo la conquista da Crimea ora Putin potrebbe muoversi per rivendicare il suo che qui il suo corridoio per unire lacrime alla Transnistria di certo a
La forza militare per farlo secondo il giornale
La forza militare deriva anche dalla debolezza
Occidentale Obama ha lanciato appelli Herald escalation alla diplomazia la macchina diplomatica si è rimessa in moto con le discussioni telefoniche venerdì tra Obama e Putin su una possibile soluzione diplomatica
Il Presidente americano però non ha parlato né di nuove sanzioni né di piani di Rafah per rafforzare la NATO né di fornire armi agli ucraini moldavi
Il Presidente russo non è chiaro se stia offrendo concessioni o ultimatum quel che è chiaro e che se Putin dovesse compiere un'altra invasione non rimarrà molto per fermarlo così
Il Wall Street Journal per chiudere invece un accenno all'Egitto Presidente Obama è criticato
Dal Washington post in un editoriale di ieri per il suo quasi silenzio dopo
La candidatura alle presidenziali del generale al Sissi la sua vittoria abbastanza scontata parole vuote sulla democrazia al titolo dell'editoriale scrive tra l'altro il post se l'Amministrazione Obama
Sostiene davvero la governance democratica in Egitto come dice il solo modo ragionevole per farlo è riconoscere pubblicamente che il generale al Sissi non sta rispettando nulla i termini democratici
Questo porterebbe alla sospensione totale degli aiuti militari ed è lo scenario che si
Augura il posta anche perché quegli aiuti verrebbero dirottati verso programmi per fare emergere un vero movimento democratico in Egitto ci fermiamo David Carretta una buona giornata l'ascolto di Radio Radicale a