01APR2014
dibattiti

La storia siamo noi

DIBATTITO | Palermo - 17:35. Durata: 1 ora 31 min

Player
Conversazione con Massimo Bordin, Felice Cavallaro e Paolo Franchi organizzata in occasione dei 90 anni di Emanuele Macaluso.

Registrazione audio del dibattito dal titolo "La storia siamo noi", registrato a Palermo martedì 1 aprile 2014 alle 17:35.

Sono intervenuti: Elio Sanfilippo (presidente di Legacoop Sicilia), Stefania Blandemburgo (attrice), Felice Cavallaro (giornalista), Massimo Bordin (giornalista, già direttore di Radio Radicale), Paolo Franchi (giornalista), Emanuele Macaluso (scrittore e giornalista).

Tra gli argomenti discussi: Andreotti, Ars, Berlinguer, Caldarola,
Castelvetrano, Comunismo, Confindustria, Cultura, D'alema, Democratici Di Sinistra, Democrazia, Dirigenti, Giustizia, Il Manifesto, Industria, Istituzioni, Italia, L'unita', La Margherita, Lavoro, Libro, Macaluso, Mafia, Magistratura, Manifestazioni, Matteotti, Miniere, Partiti, Partito Democratico, Pci, Politica, Polizia, Regioni, Scalfari, Sicilia, Sindacato, Sinistra, Socialismo, Societa', Stato, Storia, Togliatti, Ucciardone, Veltroni, Violenza.

La registrazione audio di questo dibatto ha una durata di 1 ora e 31 minuti.

leggi tutto

riduci

17:35

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Voce
Voce
Voce
Va detto che non eravamo
Registi quindi
Da oggi
No correggendo
Allora
Prima vi darò la parola o la signora Stefania
Bond Burgo che circa
Leggerà alcuni passi volevo ringraziare il Centro Pio la Torre che tra l'altro è stato tra agli organizzatori di questa
Di questa di questa nostra serata
E tramite Mario Azzolini
Spero converrete con me mandare un messaggio di apprezzamento per la redazione in rete e Sicilia per di diciamo uguale competenza la qualità e la professionalità con cui
Hanno fatto questo
Documentario
In ultimo vorrei ringraziare l'assessore Francesco Giambrone anche qui con noi Assessore alla cultura comune di Palermo anche per
Bellissimo contenitore culturale che ci ha messo a disposizione per il compleanno di Emanuele Macaluso che ringraziamo veramente per la sua sensibilità patto d'impegno Sasso leggiamo la nota a tutti per la salvaguardia dei beni culturali a Palermo
E subito dopo la signora Stefania daremo la parola che dice al e agli altri amici Paolo Franchi Bordin per la conversazione prego
Allora io vi leggerò quella sera dei passi da un paio di ripristinano le Macaluso il primo e cinquant'anni il Partito Comunista Italiano in una notte fredda mi desta con tanto sangue in bocca da bagnare il cuscino le lenzuola
Poco dopo con mio padre arrivo un medico che abitava vicino casa è uno molto moltissimo diagnostico subito parola Megna nota non avevo ancora letto la montagna incantata di Thomas Mann
Ma che avrei sentito pronunciare tante volte al giorno rimessi in cui soggiornare nel sanatorio antitubercolare di Baba urrà
Non è questo che la contrada situata più in alto di Caltanissetta do dove era stato da poco costruito come opera del regime un ospedale ben tenuto con ottimi medici e paramedici
Ma era considerato un lazzaretto di manzoniana memoria e passanti che pure transitavano lontano dalle mura di cinta si tappano la bocca il naso
Il sanatorio per me che avevo sedici anni quando entrai fu una grande esperienza umana c'era un mondo a me in parte sconosciuto incontrai persone dolci e dure rassegnate determinate poveri agiati vivaci e depresse
Io speravo di arrivare a trent'anni ma questa mi sembra con la metà lontana e irraggiungibile
E a bada urrà in quell'ambiente in quel clima fra malati terminali o in via di guarigione si verificò il mio primo incontro col Partito Comunista Italiano ma ritorniamo momento indietro
Io frequentavo l'istituto tecnico minerario una scuola rigorosa difficile pesante che non amavo avrei voluto frequentare il ginnasio e liceo ma la mia famiglia non poteva mantenermi agli studi me e gli altri due fratelli
I libri passavano da mio fratello a me poi all'altro come i vestiti rivoltati
La scuola in quegli anni era classista non rimase fino alla riforma della secondaria fatta nei primi anni Sessanta dal centrosinistra
Tre giovani che conoscevo e frequentavo c'era Gino Giannone figlio di un libraio con il quale Conversano di politica e letteratura un giorno nell'ora di visita Gino venne a trovarmi in sanatorio lui non ebbe paura di infettarsi
Fra le altre cose mi disse che era stato chiamato alle armi
E forse per questo alla fine della conversazione a bruciapelo mi rivelò io sono comunista appartengo una cellula clandestina ho parlato di te del tuo orientamento del tuo impegno con il capo cellula e mi lascio delle pubblicazioni clandestine
Il Partito comunista mi disse e l'unica forma organizzata
Io non dissi né sì né no ma l'emozione fu grande ebbi un senso di stordimento e di ansia
Sapevo che dopo pochi giorni da quell'incontro avrei dovuto lasciare il sanatorio ma avvertivo che la mia vita che tutti ritenevano breve sarebbe per molti versi cambiati
Cambiata fu quindi Gino Giannone uno studente un lettore di libri ancora a me sconosciuti
Il primo comunista che incontrai
Ma sapevo che a Caltanissetta città di minatori c'era un gruppo di intellettuali antifascisti tra cui Pompeo Colajanni brillante penalista
è un altro giovane brillante avvocato Giuseppe Alessi figlio di artigiani poveri che era un cattolico che predicava inchiesta arringava con successo in tribunale e con Colaianni parlava ad alta voce e tremava contro il fascismo
Uscire dal degrado in cui erano tenute le grandi masse acquisire una coscienza politica e civica non era in quegli anni facile ho un ricordo nitido della degradazione della violenza che mi riferivano negli anni della fanciullezza
Avevo abitato in una casa senza la luce elettrica i cui balconi si affacciavano sul mercato grande i pianterreni erano occupati dal sul fatali
Il figlio di uno di noi di loro mini Corbella via era mio compagno di giochi di strada il padre come tutti gli son fatali tornavo dalla miniera ogni quindici giorni la sera si ubriacava e picchiava la moglie i figli rossa Maria Migneco
Un altro figlio Luigi il più grande che già lavorava in miniera spesso lo fronteggiata io sentivo sempre voci straziata e strazianti elementi d'estate i picconi ere Bellavia dormiva sul materasso di crine appoggiato sulla strada davanti la porta
E come lui tanti altri
Occuparsi di politica in tempo di crisi
Ha un'intervista Emanuele Macaluso così risponde la domanda era che vuol dire o oggi occuparsi di politica
Belletti rispondo in un modo che ti sembra singolare ero nei pressi di Campo dei Fiori perché abitavo lì vicino incrociai un gruppo di giovani tra cui c'era una ragazza che mi chiamo signor Macaluso signor Macaluso
I ragazzi venivano da tutte le regioni d'Italia io riconobbi lo riconobbi dei dialetti che senti
Medicina che a loro e cominciamo una bella discussione sulla politica sulle ragioni del loro movimento c'erano giovani che non volevano avere nessun rapporto con la politica perché il movimento contestava anche la politica
è un certo punto della discussione uno di questi ragazzi mi dice ma per lei che cos'è la politica
Io facevo politica d'anni approvarli a rispondere in modo diverso recitando una poesia di Nino Marmo toglievo
In questa voi sia parte olio racconto un dialogo tra la madre e la figlia sull'uomo traditori e la ricordo ancora
Mamma che ebbe l'ardire innamorato voi dire uno moka si falla muri e amori Boeing dire a un gran peccato in Abu Jihad di nuovo gestore
Mamma una tanto giusto su dettato cacciati mente
Non l'ha fatto tumore tu Riggio e che si dissesto sporcato
Come dissi capre e mia moglie da muri
Non sto birbante e dodici di cisterne venti tuttavia è quello che sta forti e poi mini già si dota affrontata povera figlia mia Bono fascisti
E lo cori me batte forte forte
E chissà l'amore fiction la rata
Finito di recitare questi versi ragazzi dissi che allora cadeva la stessa cosa perché erano in piazza a protestare a chiedere delle cose per esempio una scuola diversa da quella che era e che aggiungo oggi eh questo lo può fare la politica
Ecco concludevo voi state facendo politica quindi quando mi chiedete che cosa è la politica sappiate che per me la politica e quello che state facendo voi voi fate politica
Dicendo che contestate la politica allora vuol dire che è contestato e una certa politica ma la politica l'organizzazione della società l'articolazione di tutte le questioni che la società pone compresa la scuola comprese le istituzioni
Oggi vediamo movimenti e cittadini che nuovamente contestano la politica e non è un fenomeno nuovo la prima contestazione della politica venne immediatamente dopo la liberazione col movimento promosso dal commediografo onorevole Guglielmo Giannini
Era anche quello un movimento di contestazione della casta
E ancora
La mafia non si traduce in delitto in tutti i momenti a tutti i livelli infatti
è una comunità anche vasta può avvenire governata in modo mafioso è cosciente senza necessità di alcuno spargimento di sangue
Tale è stata la compenetrazione degli interessi tra le componenti del sistema politico mafioso da non consentire qui voci a chi si sforzi di esprimere un'interpretazione obiettiva
La mafia è sempre stata il modo ricorrente con cui prima il Regno d'Italia e poi una Repubblica i cui governanti hanno spesso dimenticato la sua costituzione hanno governato hanno lasciato che fosse governata la Sicilia
Delitti come quello Notarbartolo quello scaglione
Fatte tra questi due esempi le debite differenze
Sono sempre eccezionali anche se interni alla logica di questo sistema così come la catena di feroci omicidi degli anni Sessanta a Palermo corrisponde una linea di frattura è una momentanea crisi interna del sistema stesso
Mentre ci sono le uccisioni dei sindacalisti
E dei capi popolari negli anni quaranta e cinquanta assegnare i tipici momenti di scontro in cui la mafia assolve in pieno la sua funzione di classe al servizio dei ceti dominanti e dei dirigenti politici di essi espressi
Esattamente come nel mille novecentodieci o nel mille novecentoventi
Non si vede infatti che differenza politica sostanziale passi tra la lupara che sbuca dalle siepi
Con l'attentato di Villalba
E le morti decretata e dalle squadre in camicia nera agli ordini degli agrari Miliani nel primo dopoguerra con l'assassinio di Matteotti
Lo Stato anche questo Stato quando ho voluto essere per contingenti motivi forte o assumere in proprio la regia
Che gli è stata utile nei confronti della mafia l'ha saputo essere ha saputo farlo e costantemente in modo ingiusto
Sia che si trattasse delle leggi eccezionali del secolo scorso o dell'azione Mori sia che si trattasse di chiudere usando anche le proprie norme le proprietà o che come a Castelvetrano all'Ucciardone a Viterbo si chiuse la vicenda iniziati sì con i caduti di Portella della Ginestra
Se una classe dirigente nazionale dunque chiude gli occhi
E nell'arco di questo secolo gli attenuti più spesso chiusi che aperti
Sa perché lo fa sacche interessi a seconda
E che cosa si assicura
E infine
Nell'epoca dei rottamatori negli anni in cui i Segretari del PD e di Sella evocano come loro ispiratori Giovanni ventitreesimo il cardinale Martini
Chi pensa alle elezioni di Gramsci Togliatti Nenni Longo lombardi di Vittorio Santi Berlinguer
Sembra che si evolve il Medioevo
Quel passato appartiene invece alla storia della sinistra la quale deve guardare all'oggi al domani con una visione critica del suo passato per meno costruire al suo venire
Oggi si può citare Berlinguer ma solo quello dell'intervista rilasciata Scalfari sulla questione morale
Il fatto che do gli atti sia stato un protagonista maggiore nell'elaborazione della Costituzione e Nenni un padre della Repubblica non si può ricordare
Sembra che il dopoguerra sia stato segnato solo dalla personalità e dall'opera di De Gasperi ruolo senza dubbio essenziale ma non esclusivo come si vuol far credere I giovani in particolare
Ebbene io penso che riandare a un'opera di Togliatti serva non rende non a rendere attuali cose che non lo sono più
Ma capire come nei momenti difficili difficoltà di scelte improcrastinabili occorre coraggio politico per proporle e attuarle
Ma per questo serve un grande partito con una comune base politico-culturale una comune visione della società di quelle in cui viviamo e di quella in cui vorremmo vivere
Togliatti continua criticare il compromesso socialdemocratico i partiti quello incarnato no perché riteneva che avessero smarrito quell'orizzonte
Ma nei fatti con la Costituzione contribuire a scrivere uno dei più nobili documenti del Novecento
Garante di una comunità in cui lavoratori hanno nello Stato democratico una nuova collocazione in un rapporto dialettico con il capitale e più in generale con la proprietà
Nella libertà di tutti
Le riforme indispensabili per costruire una società ancora più giusta fondata sull'uguaglianza nella libertà sono affidate non a minoranze rivoluzionari ma al formarsi di maggioranze e minoranze cioè alla volontà popolare espressa dal Parlamento
Ribadisco
Tutti i movimenti e tutti gli uomini che dettero un contributo sostanziale nel creare le condizioni per fare dell'Italia una Repubblica democratica e dotarla dico sta costituzione debbono essere ricordati come meritano e possono stare nel Pantheon di ogni forza che abbia la carta nel proprio DNA
Tra questi piaccia o meno cioè il Partito Comunista Italiano e c'è Palmiro Togliatti
Un proverbio cinese dice
Chi prende l'acqua da un pozzo
Non dovrebbe dimenticare chi l'ha scavato
Mi hanno dato il microfono e quindi invito al tavolo i miei due due interlocutori che sono due giornalisti di gran fama
Una colonna portante del Corriere della Sera come Paolo fra
Tutti direttore del riformista quando si faceva il Riformista edizione siciliana e
Quell'edizione veniva letta in tutta Italia ne parleremo e Massimo Bordin il direttore di Radio Radicale
Voce Amica del mattino per tanti di noi
Siamo qui per
Così una chiacchierata rapida
Per
Fare gli auguri anche noi a Emanuele Macaluso che ringrazio
Ringrazio per questi suoi novant'anni che ci regala
Ecco Emanuele
Grazie per quello che
C'è insegnato in questi anni
E grazie per
Gli stimoli che sono arrivati in questa full immersion alla quale tanti dovrebbe di noi hanno partecipato cominciando stamane all'Assemblea Regione tale anzi alcuni di voi hanno cominciato forse già ieri sera uno una furia immerso uno nei miei ricordi e nel
Nel riproporre le emozioni degli anni che sono passati perché ieri sera tanti di noi eravamo in un cinema con Walter Veltroni a vedere il fin di bene lingue
Che cominciava caro Emanuele come tu l'hai visto prima dei titoli di testa collo cinque minuti forse otto tremendi
Perché solo una sequela di interviste a dei ragazzi che escono dall'università che solo inseriti nella vita sindacale o del Partito Democratico è quali si fa una sola domanda Chiera Berlinguer
E le risposte sono un leader nordcoreano forse un filosofo un senatore a vita
Ad un mi ricordo lo sapevo non mi viene cosa come ritiene
Pauroso
Però la stessa cosa ci ha raccontato Righini Giuffrida ex segretario generale dell'Assemblea oggi docente di storia università è accaduta Lugli ieri o l'altro ieri
Quando interrompendo una trasmesso una lezione ha detto e ragazzi domani vado all'assemblea perché come loro ricordiamo i novanta anni di
Di Emanuele Macaluso siamo coro Emanuele Macaluso all'Assemblea perché non venite
Macaluso e che manca l'uso
E c'erano fra i suoi studenti anche ha detto qualche componente della direzione provinciale del Partito Democratico
E allora qui fa bene ha fatto bene ieri sera Veltroni a dirlo non è un modo per infierire sui ragazzi
Che non sanno ma
Deve suonare un campanello d'allarme
Nelle nostre conoscenze nel
Perché evidentemente non siamo stati in grado di trasferire una conoscenza una somma di interessi esperienze di storia quelle che abbiamo visto scorrere del con le immagini
Gentilmente offerto da mamma era ed è c'è qualcosa che non va e allora questi novanta anni
Dovrebbero servire a noi che siamo qui potremmo essere molto di più ma forse appunto qualcuno non sa ecco a riflettere ognuno nel proprio ambito perché l'esercizio della memoria può servire
A fare meno errori nel futuro magari
E io così
Parto da introduco Paolo Franchi e Massimo Bordin sulla scia di questo tema della memoria anche perché
Emanuele lo sa negli ultimissimi anni
Sono stato coinvolto non so neanch'io per bene perché è in una sorta di circolo PIL quindi che
A Palermo corno
Dei
Giovanissimi vecchi che si riunivano purtroppo non si riescono più
Ogni
Quindici venti giorni quaranta giorni per un pranzo a casa di Mimì la Cavera il vecchio grande amico di valore Macaluso che è andato via novantacinque anni due anni fa
è voi
Giovanna Terranova che se n'è andata pure
Gerlando bici che è che c'è
Anzi grande Dili Caruso Renata Zanclea che c'è ma l'età media era ottantacinque anni e
E poi qualche inserimento
Perché si arrivava Massimo Bordin con Marianna parto Celli erano subito invitati non so perché appunto ho avuto la fortuna di essere inserite in questa sorta di circolo piccoli finché
Di Coppi quegli abusi richiamandoci al Dixieland perché
Lì che c'è la descrizione di una all'Inghilterra nostalgica perbene pulita e che forse non basta dire quanta approfondita tutto
Dopo io nei flash che a tavola si ritrovavano fra questi vecchi che danno i giovani magari volevano sapere come va che dice
Lombardo Massimo Russo FAS allora c'erano questi personaggi in auge fino a due-tre anni fa è e però noi
Eravamo lì famelici a cercare di scoprire qualcosa del passato delle del del de la terra su cui abbiamo camminato sulla quale continuiamo a camminare
E belli il momento magico era quando si sapeva che arrivava Emanuele Macaluso a Palermo allora Mimì la Cavera organizzava subito il il pranzo con la la pasta fritta
E quelli quelle conversazioni
Ho solo un rammarico per aver preso un
Registra l'aver nascosto un registratore da qualche parte
Quindi sulla sul filo di questa memoria
Che voglio passare la parola
Adesso subito a
Massimo Bordin e che era uno dei commensali ogni tanto di di quella tavola per
Una riflessione su che cosa oggi significa
Stare qui a festeggiare con Emanuele Macaluso i novant'anni
Ma io quella tavola ero commensale del tutto casi Donadel no
Però ecco ecco forse si può si può partire da qui
Intanto
Da un
Come diretta da uno si parla di un problema generazionale in questo Paese sicuramente cioè
Chiaramente
E chiaramente avvertibile Sinesi si incrocia con questioni sociali politiche economiche
Però
Si
Voi via il voi ci avete senz'altro fatto caso
Se è una caratteristica di queste epoche a politiche singola dissipare dieci tocca vedere a
La
Combattività almeno intellettuale ma anche politica
Di ecco di persone come Emanuele Macaluso come il nostro Presidente della Repubblica
Come Rino Formica come
Tanti altri quelli che insomma la stampa un po'faciloneria ma grandi vecchi
Oggi riescano a animare un dibattito politico che altrimenti seri qui o morto o trovano DT così sostanzialmente nel nel suo muoversi basta accendere la televisione per rendersene conto o no
Ecco allora quel quella tavolo quella
Piccola
Convivialità
Di persone che si conoscevano da una vita peraltro
Chievo che aver Felice Cavallaro indicativo anche vedi un aspetto
Che già ha già allora e su una scala che non si può definire locale perché la Sicilia non può essere degradata in realtà locale realtà emblematica per volti per molti versi talvolta anticipatoria
Non sempre in bene anche questo va detto
Era davvero un segno anticipatore di tempi adesso viviamo ancora più pienamente allora dico tutto questo per spiegarmi anche un altro fatto significativo cioè il fatto che
Beh questa assalita e pieno
E incontestabilmente viene così come era sicuramente piena
Questa mattina così come altri
Con altri manifestazioni a Roma e si sono fatti bene dove Emanuele Macaluso è sicuramente questo
Fa
A
Vauro ore della sua età però soprattutto va a onore della sua vita politica
E
Proprio vedere la sequenza di quei telegiornali quello che era quei servizi televisivi che abbiamo visto una scansione dei suoi libri i temi di dibattito
Mostrare una cosa perché tutti quei dibattiti che abbiamo visto quei temi in cui abbiamo visto Emanuele protagonista
Lo vedo uno praticamente
Già
Senza senza il testo nel senso aperti dopo una storia politica così intenso
E tutto ciò non avviene per caso
E voi in Sicilia lo sapete molto meglio di me come è avvenuto
Bene
Questi sono questo compleanno nuovi
Sarà
Sarei il primo di una lunga serie di decennali mostra che
In realtà
Non basta togliere la tessera o le persone non passa emerge diverso
Perché poi in realtà la politica peso e le storie politiche prese e le capacità politiche i PLIS
Che questo
Non sia presente oggi alla riflessione della sinistra in questo Ente
è il problema dei problemi ecco quindi diciamo da questo punto di vista questi festeggiamenti per Macaluso evidenziano questo problema questo problema
Poi molto rapidamente due cose
Perché in realtà al contrario di Paolo Franchi che può vantare unica una sua storia politica assolutamente lineare io non posso vantare una storia politica
Così
Così anzi
Direi che tutto mi sarei aspettato quando avevo vent'anni tranne che di essere definito un corazziere di Giorgio Napolitano ma proprio tutto non questione non era non era nelle previsioni diciamo
Eppure in realtà e Emanuele accolto molto bene questo aspetto di alcune storie politiche
Purtroppo lo accolta avrei preferito lo pugliese in un'altra occasione nipoti
Lo accolto molto bene scrivendo sul foglio un ricordo determinate compagna Maria Anna Berto centri che è venuta a mancare proprio l'anno scorso
E
Emmanuele lì raccontando la storia di Marianna
Spiegava un aspetto di una generazione che poi anche la mia lei a Palermo io a Roma ma
Cambia poco dal punto di vista del discorso che voleva fare Emanuele
In realtà a un certo punto della sua storia politica fatta di ribellione anche approssimativa di rilettura del comunismo
Forse primitiva Ahronoth non saprei dire sicuramente
Sicuramente oggi improponibile per tanti versi
Poi a un certo punto a una cosa resta agganciate anche per il traversie personali non dei singoli magari ma di altri
Al concetto di
Amministrazione della giustizia da parte dello Stato
E allora Lissi crea un'attenzione
Che e poi
Porta un paradosso
Un dei uno di le ultime discussioni avute con Emanuele e recentissima meno veneti sulla videro qualche mese fa
Quello Emanuele mi parlava della sua intenzione di fare un libero sulla
Sinistra della sinistra e gli diciamo però pensando al dibattito interno del Partito Comunista quello che conosceva dal dopoguerra in ossigeno
E quindi evocava Pietro Secchia ai gravo e poi il gruppo de il Manifesto e poi mi dice Alice guardia
Adesso il problema è che aprire quali sono i coltivatori
Di questa tradizione
E aggiungeva secondo me questa tradizione è finita nella giustizialismo e sono questi sono il fatto Quotidiano Travaglio queste
E io dicevo nove ma bene perché ha Rita
Perché da quella storia nasce proprio il contrario è
Che
Perché in realtà il nichel nasce una e
C'è c'è maggiore attenzione
Nella
Richiesta allo Stato di essere attento al rispetto della legalità
E maggiore libertà rigidissimo rispetto ai tradizionali corpi separati poi non sono mica sono la polizia il perché cifre anche i magistrati critici per molti versi
E allora di questa attenzione e
Vive il almeno venne
I rapporto politico con Emanuele perché Emanuele per con grande coraggio
Ha saputo opporre alla sinistra è un interrogativo molto forti e quindi l'ho finito un interrogativo serissimo
Non può essere non può esistere una sinistra che essi affidi solo al concetto di rispetto della legalità perché per quello bastano i carabinieri
La sinistra deve porre il problema sociale
E deve capire che i problemi di legalità non si risolveranno mai almeno quelli grandi diciamo quelli che diventano poi problema politico nazionale e quant'altro senza mettere mano
Ai problemi sociale
Per e questo è quello che la sinistra si è dimenticata completamente Nesi negli ultimi trent'anni con la citazione davvero profonde
Che però
Con l'ottimismo della
Della volontà
Si può pensare che manifestazioni come questi siano piccoli passaggi per potere poi Frigo conquistarsi quella quella quella capacità di analisi che francamente in questi anni e mezzo
Grazie Massimo Bordin
Sono veramente contento che tu abbia introdotto questo tema perché adesso Paolo Franchi può
Approfondirlo ancora meglio secondo me perché qui il tema è proprio questo abbiamo idee però Macaluso
Un intellettuale un uomo politico un po leninista che nel perché riesce attenere però la barra dritta sempre
Evitando di deviare
Da quelli che sono i principi dello stato di diritto del del del
Della convenzione le Commissioni
Personali ideologiche filosofiche come invece a volte
Capita alla sinistra di deviare dove
Il soprattutto sulla spinta di un giornalismo che a volte
Finisce per
Guidare malamente la società e quindi a te giornalista eccetera io dico che pendolare da Caruso in questo essere barra dritta a me ricordando tanto Leonardo Sciascia
Mi estendendo grazie a persone come
Chance avevo o quando scrisse Macaluso che scrive
Che
In quest'albero si può ben inserire
Si può solo per inserire le riflessioni di giurista e retail come
Come professore Fiandaca che qui alla mia destra dai su questo tema della giustizia che vorrei stasera non lo fosse su
Dimenticato che ti passo la parola
Grazie
Va beh tengo
Subito alla
Alla giustizia
Rapidamente prima volevo dire però
Una cosa cioè
La barra dritta ma io credo che il tenerla barra dritta diciamo così che qualcosa diverso dall'essere
TETRA Gorni ottusi compiuti diciamo è di tutto il il contrario deve essere lo è sicuramente
Nel nel caso di il caso di Emanuele
Però significa secondo me temi
Come dire
Mantenere
Un filo e parecchio più che un filo forte di coerenza
Non con
Tutta
La propria storia tutto il proprio
Passato tutta la storia tutto il passato della parte in cui
In cui si è meritato ma insomma degli trovarne
I valori
Di rilevarne di mantenerne insomma di restare fedele ai motivi costitutivi del proprio del proprio
Per la propria parte e del proprio essere entrato dentro questa parte prima
Dicendo una cosa
Giustissima ma che se ci pensate è una cosa assolutamente
Surreale
Non quello che dicevi che il fatto che tu dicevi esce insomma c'è questo problema che la sinistra molto occupandosi
E ci si è dimenticata la questione sociale che non è come dire ho dimenticato l'orologio a casa vedo di
Vedo di regolarmi con il cellulare diciamo no è
è diciamo il proprio
Elemento e sulla parola questione sociale ci metto tutto ma insomma è il proprio elemento costitutivo è è il proprio
Motivo è improprio motivo di stare al mondo se vuoi e la cosa voi ricordate immagino
La scena finale di ladri di biciclette scusate se
Siamo tutti un po'retrò e facciamo quindi citazioni un po'
Un po'datate
Quando
La scena finale è il padrone della bicicletta che
Povero lascia andare dopo la cosa con il con il bambino eccetera eccetera questo che a cercare insomma è quello che si vede sulla faccia di quest'uomo
Non è
A che ora arriva la guardia che si porta via
Il ladro di biciclette ma quello che si vede sulla faccia di quest'uomo
E
Diciamo ma questo è un poveraccio come me che è rimasto senza la bicicletta sta qua col bambino ma ti pare ecco
Guardate che non ne
Una
Una questioncina di poco conto e non vuol dire che non dovremmo sempre avere a cuore che giustizia sia fatta che ladri vadano in galera gli assassini pur
Eh
E una cosa
è una cosa diversa forse un po'populista ormai andò non si sa come definire una cosa ci dice che il populista e ci si mette
E ci si mette una croce sopra io credo che sia
Un elemento costitutivo perché poi dentro ci stanno tutta una serie di altre questioni c'è quella della dignità della dignità del lavoro della dignità del lavoratore della dignità della gente di come la si costruisce
A me delle cose di
Emanuele anche nel suo libro cinquant'anni nel PC e al quale
Ho ho dato diciamo nel mio piccolo una affettuosissima amano però voglio dire la cosa che più mi ha colpito rileggendo l'ho riletto di dire intese
Quello insomma le pagine
Non se ne abbia a male Emanuele ma le pagine sicuramente a me perlomeno mi hanno colpito
Di più perché il giudizio di Macaluso su ignoravo su Amendolara mi interessa però insomma più o meno lo posso anche
Io personalmente immagina ma invece le
Cento adesso non mi ricordo quanti siano pagine iniziali su infanzia poi la giovinezza quella siciliana che ecco e in quelle pagine a quello che mi ha colpito
Quello che mi ha colpito moltissimo
è una cosa che e non oggi la si citava
Qualcuno l'ha citata nella
Discussione della cerimonia che c'è stata alla all'Assemblea all'Assemblea regionale che non è solo
La dignità il salario il contratto le cose di cui
Ha parlato anche giustamente Emanuele contratto portare al contratto delle mondi categorie che
Una cosa inaudita se noi oggi ci
Pensiamo che tra virgolette se mi si consenta non solo una cosa fortissimamente di sinistra almeno
Nel senso in cui io
Interpreto la parola a sinistra e mi sento in qualche modo tutt'ora diciamo un uomo
Un uomo un uomo della sinistra no ma il problema della perdita di dignità della promiscuità della del dell'imbarbarimento per cui quello
Per cui l'ozono Fatano picchiava la molto quello che ci veniva detto anche prima e quindi i rischi il riscatto che
In riscattarsi anche dal
E forse soprattutto
Da questa data questa conti e l'ingiustizia che risiede nell'imbarbarito agli uomini cioè che è una cosa se ci pensiamo è uno degli aspetti
Più sempre diciamo rendere
Il debole l'oppresso
Persia diciamo è la cosa più infame che c'è nella
Nella
Nel in nel nel rapporto brutale diciamo di forze eccetera e quindi anche
La questione della giustizia e di come
Macaluso interpreta la questione della giustizia io
Come Bordin
Insomma anch'io sull'ultima insomma sulla tesi e di Emanuele secondo la quale diciamo il fatto per dirla con una parola quel tipo di
Giustizia lì insomma quello che sapete che non mi sta neanche a definire sia per così dire
Lei vede un ultimo
Della delle più diverse sinistre comuniste
Ho quello insomma a me è una tesi che mi convince è una tesi che mi convince fino a un fino ad un certo punto perché diciamo
Io che sono stato diciamo meno corazziere
Nella mia storia dei romani abbia dipinto prima
Battuta scherzosa
Il il mio amico Bordini insomma ricordo diciamo in certo qual tratto
Autoritario di esercitare giustizia interna se vogliamo per così dire nella storia del partito comunista per come nel mio piccolo
La Opel su tenermi lontano migliora anche molto fortemente patrimonio di una certa qual destra comunista che non è che brilla asse
Il suo esercizio del potere di lasciamo così non è che brilla se per liberalismo garantismo via di questo passo ma questo è un discorso
è un discorso che che ci porterebbe lontano credo però che lei ci sia quand'è
Ora queste cose Emanuele quelle che dice che scrive che pensa sulla giustizia lenta e non parlo di quella della sinistra comunista le pensa
Da un pezzo non è che sono formulazioni recente ma io
Da conversazioni credo che lo abbia poi anche scritto io sono convinto
Che una cosa che li deve poi mi dirà lui se il CDR annuisce
Mi sbaglio nonché una cosa che gli deve aver fatto rizzare
I capelli in testa deve essere stato quando avendo ripreso quel libro su Andreotti la posizione che ride perché non starò sul processo e via dicendo che non sarò neanche
A ricordarli perché a tutti voi è stranota è venuto da te un
Compagno dirigente qualcosa della
Dell'allora federazione romana credo che si chiamasse ancora così oggi si si chiami non lo so e
E dicendo di in sostanza ma come
Noi
C'abbiamo messo una vita diciamo no ce l'abbiamo fatta di dovute abbiamo sputato sangue per far fuori politicamente Andreotti eccetera
No che lo fanno fuori questi sintetizzo brutalmente ma credo che sia credo che sia così e all'occhio la fama quelli vanno fuori questi due fari distinguo Oglio dire invece va avanti così bene così eccetera
Credo che lei
E ci sia qualche cosa perché io
Io che penso da vent'anni poi non so se ma non è d'accordo che in Italia avvenuto con la crisi
Con il venir meno diciamo del vecchia Italia del sistema dei partiti è successa una cosa nuove diverso che è stata l'emozione di un impasto di una roba che Rossoni era che non so come
Culturalmente definirei e di cui
Tattico a costruire un albero genealogico in qualche modo lineare dico questo credo però che ci fosse e non non certo l'Emanuele che si è battuto
Contro culturalmente e intellettualmente mai in quella
Nel cose che ti diceva quel
Quel compagno penso ma ci fosse anche un pezzo importante vero della importante non impositivi prospero
Della della storia
Della storia del
Della sinistra insomma italiana non solo della sinistra ma ci fosse un pezzo un pezzo della
Della sinistra d'altronde poi insomma
è una storia che abbiamo visto all'opera in passato abbiamo visto all'opera
Diciamo abbia visto all'opera nella fase finale della Prima Repubblica e l'abbiamo vista all'opera dopo e via e via discorrendo io poi credo
Sai che culturalmente i prodromi
Di questo tipo di posizioni perché quand'è che
Il garantismo
Insomma a me mi è capitato di essere fermato nel corso di manifestazioni cose eccetera come credo apparecchi e
E insomma i nostri avvocati
Ricordo Berlingeri varia vocali e
Si davano due fondamentali consigli mettiamoci d'accordo non possiamo prendercela insieme due magistrati e con la polizia scegliamo prima con chi ce l'abbiamo perché due
Due assieme non li eleggiamo era gente eminentemente pratica i migliori a mio parere erano quelli che ci spiegavano che non eravamo lì
Ma è ormai cinque potevamo scesi per comprare il latte i peggiori erano quelli che ti dicevano di rivendicare cosa vuoi che sia un blocco stradale di fronte alla violenza dello Stato borghese
Perché vi diventavano anni diciamo
è quindi questa questa qui diciamo era la logica la logica che presiedeva e quindi insomma c'è stato
Quand'è che diventa garantista diventa
Una parolaccia
è un mio dire il vero garantista diventa una parolaccia non i tempi dei Tangentopoli quando anche alcune tradizionali voci garantisca Siremar invece inneggiare
Tra a tutto quello che capitava non con Andreotti non con Berlusconi garantismo è diventato una parolaccia negli anni settanta è diventato una parolaccia nel corso
Nel corso
Del della lotta al terrorismo per spiegarci per cui per una singolare teoria delle scatole cinesi
Via via dal terrorista propriamente detto fino a quello all'avvocato liberale che diceva non torturate quello del piano di sopra diciamo c'era filo che legava tutte queste cose di cui il garantismo era
E lei insomma ci sono ca
Cominciamo lì anche le prime teorizzazione niente cioè che alla difesa delle libertà collettive intese come libertà del sindacato di manifestare delegata cioè viene prima della garanzia dei diritti
Individuali insomma voglio dire ci sono lì una serie di cose diventano esplosive diventano esplosive e con più che esplosive poi diventa ma a mio parere
Corrosive di una
Identitario di una storia non perché uno si dovesse temere
Le rendita
Di un secolo fa ma perché per adeguarla per rinnovarla per cambiarla invece
E invece veniva corrosa ora per quello che riguarda devo dire due cose rapidissime poi l'ha pianto
Io credo tu prima
Hai ricordato mini
Mi mi la Camera mi piace ricordare alla la passione che mi sia ancora
Quando facemmo quel esperimento diciamo palermitano del del Riformista lo volle l'UDC in realtà insomma
E gliene sono gli e ne sono ancora e ve ne sono ancora molto grado e poi io una cosa di cui sono contentissimo proprio felice e di essere stato come immagino vari di voi ma io parlo dalla felicità mia
Testimone di alcune cose assolute cioè i duetti tra
Non quelle i tempi del Milan SISM mo'se la borghesia insomma quelli di visitarla
Sempre no dico i duetti proprio tra Emanuele
Macaluso e e Mimì la Cavera io mi trovo
Ecco che anche un pezzo di storia d'Italia però recitato da due
Da due da due personaggi straordinari anche nello si fotte ad essi anche nel prendersi in giro uno dei più belli e che ho visto io perlomeno a proposito del Milan sisma e che mentre accenna vent'anni dopo
E ma non era ancora di negava l'alleanza che vi si definiva per la nascita di una borghesia produttiva eccetera
Per puro gusto che provocare di animare la serata ministeriale che stavamo sa borghesia produttiva che avrebbe dovuto rappresentare l'uditore nella fattispecie
E di cui parlava Emanuele in realtà all'epoca ma non c'era
Neanche per il calore Emanuele cominciava a citare tutta una serie
Di realtà industriali quelle cinque edifici quella che era di quello che era la zia di quello qualora un cialtrone giorno allora c'era quell'altra mandano Marsilio una ho una un duetto un duetto assolutamente straordinario allora io finisco dicendo una cosa
Conoscendo
Emanuele da tanti anni
Oltre a fare di com'è ovvio i gli auguri
Gli auguri più affettuosi
Decidiamo paradosso cioè Emanuele che però non ha ripreso la tessera PDS poi men che meno del PD qualcuno oggi ha detto che
Passaggio vera
Dal pc al PD insomma no quest'ultima meno
Almeno l'ultimo passaggio
Clamorosamente clamorosamente manca io credo che paradossalmente però
Non il leader politico logicamente ma
L'Osservatore Macaluso il polemista Macaluso lo storico lo storico come un politico giornalista
Affronta
I temi storici in questo senso l'intellettuale Macaluso financo il corsivista financo non è per dire chiarimenti Macaluso in realtà
è brutto dirlo ma come dire ci ha guadagnato dalla fine
Del del partito del del partito del partito comunista italiano perché ha mantenuto il filo con quella storia quello insomma
Di cui ho già detto di cui tutti abbiamo detto
E via discorrendo però insomma ne ha guadagnato io credo moltissimo in anticonformismo e se mi è consentito perfino inumana simpatia grazie
Grazie Paolo
Sono contento che poco fa la Brandeburgo
Grande voce del teatro palermitano abbia
Riproposto quel passo in cui si parla della riscoperta della par signore politica perché in effetti quella di Emanuele Macaluso è sempre stato qualcosa che è riuscita a coniugare questi due termini passione politica
E la politica era qualcosa abbiamo sentito questa dunque questo questo tratto che
Richiama quasi un verso poeti caro che cos'è la politica qualcosa che
Ti fa battere il cuore
Che è incredibile perché oggi
Probabilmente non è così e
Che non sia così in fondo
E parole dall'uso ce lo racconta da qualche anno penso a un libro
Scritto Corno Peppino Caldarola l'ex direttore dell'Unità quando diceva forse Macaluso non ha più un partito in cui credere
E allora io non so se sia così però voglio fargli questa domanda ventre ricordo invece che nella sua vita
C'è il partito c'è stato e ci sono stati quei principi saldi dei quali non si è mai distaccato
E che ha riproposto Fusco dando della politica l'una misura di dialogo che è stata nelle cose che ci siamo detti finora cioè
Negli anni Cinquanta
Il
Capo dei padroni degli industriali
Dichiaro Galan con il capo dei
Del sindacato Macaluso della Camera
Confindustria e sindacato dialogavano al punto che poi diventarono amici ma dialogava Macaluso collo
Il
Leader del partito di maggioranza al ha opposto al Partito Comunista cioè
Pepino Alessi il Primo Presidente della Regione Siciliana e l'ha ricordato il valore Macaluso stamattina l'Assemblea regionale
Guarda un po'quando Alessi compie cento anni e avessi stesso a chiedere
Al suo avversario di tanti anni ma al suo amico Emanuele Macaluso di essere presente
E
Ricordare i cento anni di Alessi allora vivo perché può essere andato a centoquattro anni e per fortuna questa longevità
Dei nostri grandi leggi e qualcosa ci che ci rincuora anzi vorrei invitare
Che voleva Caruso ad essere presente ai nostri novant'anni
Grazie grazie
Grazie anzitutto
Ai compagni gli amici che
Che mi hanno fatto rincontrare tante persone tanti compagni che non vedevo da anni
E che
Rincontra Antolini
Mi mi commuovono anche perché con loro ho passato
O
Anni della mia
Nella mia vita
In
In Sicilia
E oggi sono state
Diciamo così stamattina all'Assemblea regionale oggi
Con queste mie due amici giornalisti e queste tre amici giornalisti
Altre domande altre questione che pure hanno
Attinenza diciamo così con la mia con la mia vicenda
Con la mia vicenda poco proprio politica
E io darò delle risposte fa dando delle risposte
Ricordo anche alcuni fatti ed episodi dalla mia
Della mia vita
A bordo che ne
Diceva Emanuele Macaluso oggi buona ne è una tessera né un partito
è
Quello che
Diceva anche felice
Poc'anzi
è vero
E prevede una sembra una contraddizione garante enorme
Il fatto che io in definitiva
Ho cercato poiché
E ho trovato il partitone quanto c'era addirittura il fascismo
E quindi ho militato in un partito durante gli anni del fascismo ho meditato a Roma nel partito negli anni
Successivo e negli anni del lascerebbe dispone gli anni colgo anche difficili
è invece oggi
Nono né una tessera né un partito quindi io
Debbo dare anche certo una spiegazione di questa mia
Che non è una mia solitudine
E una mia condizione diciamo così una c'è una ragione per cui io non ho più una tessera acquedotto
Io quando
Nel mille novecento ottantanove
Quanto si pose il problema della svolta
Quanto Occhetto proposta referendaria la la svolta la voce
Diciamo così
Diciamo le cose come stanno c'era
Stato il crollo della
Del volo dei di Berlino
Io
Norme
Con altri miei compagni e
Con cui avevo fatto anche delle battaglie nel PC
Con pioggia Napolitano con Gerardo Chiaromonte con Luciano
Con Luciano lama con Paolo bufaline
Ecco aerei che anche con un gruppo di giovani
E allora
E possiamo un problema problema
Noi aderimmo ha svolto
Ma aderimmo con un documento
In cui è ero ha detto adesione motivato aveva svolto la procedura la motivazione
Che abbiamo scritto era il fatto che
Il nuovo Partito
Non vorrei essere un partito
Che
Si identificasse sempre più che entrasse in terra io usai allora nell'alveo del socialismo
Del socialismo europeo e cioè non spero perdere
L'anima socialista
Che era stata poi
In definitiva l'anima del PC
Cadute tutte le scorie diciamo così
E tutte e tre le le diede via Edolo GSM anche non la ideologia Parigi ideologismi che facevano che sono state proprio del Partito comunista
Io ritenevo che noi dovessimo andare alle origini
Alle origini del resto financo Togliatti
Nel suo discorso
A
A Reggio Emilia nel mille novecento eccettuato mi pare materiali e nell'Emilia rossa
E ceto medio lui dice
La nostra terra dieci
Sono nel socialismo italiano
E ricorda
Prampolini
Ricorda quindi uno dei
Dirigenti riformisti dirti di Reggio Emilia
Io poi ho ricordato in una in una conferenza che ho fatto a Reggio Emilia uno dei un parlamentare o un una unico operatore
Un
Un agitatore riformista Togliatti e disse queste sono le nostre o rigide poi le ragioni per cui
Invece
E p.c. aveva diciamo così il rapporto con l'Unione Sovietica le cose che l'olio spiegate diciamo così rapporto ripeterle nell'ultimo libro però fatto sul troviate empirici
Ebbene quindi viene
La la svolta doveva a essere questa
è tuttavia ecco io quei sarà mia opinione invece il
Il PDS il resto
Diciamo così un po'nella
Nelle imprese
Essere e non essere andare dell'Internazionale Socialista del socialismo europeo ma non essere socialista questa era è
All'altro l'ambiguità essere
Essere e non essere
Che a me Berna ci sembra
Provocato diciamo così una difficoltà
Nel male nella stessa mi inserisco io nella mia adesione del Partito Democratico
Adesione che io ho mantenuto
Critica nel PDS
Perché
Ma ho mantenuto criticamente manca un mantenuto
Poi c'è stata con me ricordate a Firenze
Il tentativo fatto da
Da D'Alema che era diventato Segretario del partito
Di
Transitare finalmente nel socialismo
Bene furono mobilitati
Lei la cultura lombardi di cultura
E che avevano una storia nel socialismo basse Luciano Cafagna Giuliano Amato e tanti altri sembrava che
Presidente una svolta si potesse finalmente fare io ha già andai a Firenze
Andare a Firenze osservai l'andamento del dei lavori e Capri
Che non la corsa non era quella è infelice insieme a Paolo Franchi
Un libro che era intitolato da corsa non nasce corsa perché era dall'allarme Occhetto aveva chiamato
La cosa il PD il PDS e che dal PDS da ora doveva nascere appunto un partito socialista io scrisse
Insieme a Paolo franche un libro in cui dicevo da cosa non nasce concorso purtroppo il modo come fu trattata diciamo così poi tutta la vicenda mi confermo
In questa questa mia valutazione
Perché poi il gruppo dirigente diciamo così
Teneva in mano il partito erano i soliti
è
Ci fu poi
Come ho raccontato non voglio rispettarle ben libro che si è visto
Questa della
Del
Che ho fatto con Caldarola
Quanto si trattò quanto Giuliano Amato diventò Presidente del Consiglio
Dopo la crisi che c'era stata dopo proprie dopo da lei ma e fu l'ultimo Presidente del Consiglio
Prima delle
Dell'elezione
è
Il candidato quinte
Alla elezione
E doveva essere il Presidente del Consiglio uscente era appunto Giuliano Amato
E invece Segretario allora Veltroni
Che cosa succede
Succede che anziché Giuliano Amato Segretario il candidato e Stato con Rutelli
Perché
Il socialista non poteva
Non poteva
Perché non avrebbe avuto il consenso di quel partito ed è
E già al loro diciamo così
Era
Ho capito
Di che
Si tratta di ma io vedrebbero
Ricordare che ha ricordato che hanno detto anche questo mio libretto contro con Caldarola che io già prima
Avevo rotto i ponti cordone il partito
Di ecco con D'Alema
Che io ho pubblicato
Una lettera mica atta a D'Alema
Perché quanto scrisse
Gli articoli di cui abbiamo parlato
Su Andreotti
E
Qui a Palermo ci fu l'insurrezione della Federazione del PD
Usando le parole che avevano usato altri nei confronti di Leonardo Sciascia dicendo che io oggettivamente
Davo una mano e dipende legittima vola la Procura e davo una mano alla mafia praticamente io querela ai
La Cannarozzo e altri per un bel ricordo che i poi ritirarono tutti le parole che avevano detto dicendo che io ero stato l'arcangelo San Michele all'antimafia
Ma
Io l'unico che reagì
A questa infami anche Freccero questi dirigente del PD del PIL del del PD dei dei DS e dei modi di Palermo
Furono fu Giorgio Napolitano che scrisse al al Manifesto una lettera
Di certo
Erano un'infamia questo autorizzato
Da parte del dei rilievi del dirigente del partito verità D'Alema era segretario del partito non si disse una parola
E io scrissi su una lunga lettera caro Pupo io finalmente pubblicato questo abbia un libretto i nuovi dicevo ricordavo a
A D'Alema quali erano state e-mail Benji in Sicilia contro la mafia
è il liceo volevo che anch'io gli ho chiesto le ragioni per cui il segretario del partito non aveva sentito qui il dovere
Di intervenire
E di dire come stavano le cose
D'Alema non ha mai risposto alla mia lettera e io
Ho lasciato tutti gli organi dirigenti e anche questo partito perché io non potevo stare
Insieme a persone quali
Non reagiva hanno di fronte
Al
Un'infamia perché di questo si trattava
Una critica che io lei più che legittima che avevo fatto a un processo ha un po'processi questa è stata
Diciamo così di la ragione di
Ma tuttavia
Nonostante questo come ho ricordato io poi ho accompagnato
Con la mia
Polemiche con le mie sembra la
La vicenda
La vicenda politica
Delle
Di
Degli eredi diciamo così e del PC sino a quando hanno fatto il Partito Democratico
è il Partito Democratico anche allora io ho fatto rappresentato anche qui a Palermo un altro pamphlet in cui
Ho detto che il partito che nasceva il Partito Democratico e nasceva già al capolinea
Avevo scritto al capolinea
Perché Scalfari aveva fatto un articolo
Su Repubblica dicendo
Il
I DS sono al capolinea
La Margherita capolinea mettetevi insieme
E io gli dissi ma se voi non esaminate le ragione
Per cui
I DS e la Margherita sono al capolinea resterete al capolinea perché questa è la ragione competente perché sono al capolinea criteri non c'è stata mai un'analisi
Delle ragioni per cui
E questo
è quello che abbiamo in mente diciamo così posto un problema
Era il fatto appunto di un
Di due partiti che si mettevano insieme senza darsi mai un asse politico culturale con un partito deve avere un asse
Politico culturale stavano insieme è il problema spesso è la mia opinione certamente il problema era quella di come andare al Governo
è
Sono state tutte al Governo non c'è dubbio e su questo perché non c'è stato dirigente del vecchio partito comunista che eredi che sono orientati che non sono entrato in tutto il Governo
Però il problema era
Che cosa succedeva
Nella
Periferia
Che cosa è vera diciamoci
Che cosa era diventato qualche perché appunto DS e Margherita messi insieme re potevano restare al capolinea o comunque avevano una vita come quella che
Vediamo
Io guardate faccio un solo esempio perché
Non potrei fare cento diciamo Porcilia
Che cosa è stata la vita diciamo così di questo partiti nella
Nella
Nel territorio come ora si dice e le Province
Il fatto stesso scusate che il Segretario regionale
Del Partito
Democratico in Sicilia
Oggi parlamentare
Luoghi e la moglie o sono stati arrestati
Per
Come sono stati
Truffate gestite alle questione
Che riguardano
La istruzione elementare la risoluzione professionale
La formazione
E quindi
Tradire qualcosa che ha per me è fondamentale non solo un atto di corruzione ma un atto di corruzione
Io non del settore che è quello dei lavoratori che dove avrebbero dovuto riqualificarsi
Ebbene io ritengo che queste cose si sapesse
Che si sapeva benissimo come venivano gestite a queste quattro in cui
E non era solo la Sicilia
E non era solo la Calabria e non era solo la Campania questa Società fasulle che stavano il attorno alla voce abbiamo avuto anche nelle
Nel nord
Queste ragione ebbene io ritengo guardate che non è questo una questione sono la questione morale
Quell'oggetto
Tutte Piancogno giustamente vedendo il film e dei beni di Berlinguer no
La questione
è una questione politica che cosa è un partito
Perché
Il partito che non ha appunto al suo centro la questione sociale
è un partito al quale
è disattento comunque un partito che non riesce nemmeno
Ad affrontare tutte le questione diciamo così che attengono alla modernità io parlo della bioetica di tutti i problemi
Che in Europa sono
Stati risolte a un partito che
Su tutti e tre i temi della
Della giustizia dovere
Guardate a me
L'obbligo che la questione delle carceri
L'abbia dovuto porre
Il Presidente della Repubblica con un messaggio alle Camere il solo messaggio che è stato fatto alle Camere sulle condizione delle carceri
Ma un partito un partito di sinistra
La questione di come vivono le persone e di come vivono anche nelle carceri
Perché riguarda
Il mondo il rispetto dell'uomo rispetto della persona
Rispetto
Anche del carcerato oltre che dal
Del lavoratore io credo che questo sarà
Questo questi segnali sono dei segnali
Molto preoccupante
Molto preoccupante e io veramente spero
Io veramente spero che le cose possano
Possono cambiare dirò fra poco perché e Frau vado verso
Verso la fine perché qui è stato posto
Sia da Bordin vi
Sia da Paolo una questione
Sugli eredi delle
Il del giustizialismo mucchio o scrittori è vero
Perché
Non c'è più ma questo è il senso diverso di quello che ha detto
Paulo abbiano porti io l'ho scelto un'altra cosa
Io ho detto che
Il massimalismo
Nel Partito Comunista si esprimeva sulla questione sociale
E sulle questione politica
Pietro Secchia che cosa propone
Lui riteneva io ho riportato le sue
Dollari
Quanto lui dice
Nel mio libro quanto dice c'erano ventiquattro ore di sciopero
Io in direzione del partito proponevo che se lo facessero quarantotto Togliatti debitore emergevano no perché dopo che fai
Quarantotto e dopo e dopo e quarantotto
Che cosa facciamo dove andiamo in Italia non si può fare
Un'insurrezione non si può portare la questione sociale all'esasperazione senza una soluzione senza dare una soluzione a una vertenza per cui dice c'è lo sciopero
Era uno una forma di massima le misure che troviamo e sei che non voleva
Come qualcuno ha scritto la
La rivoluzione armata no voleva e
Una pressione si diciamo così come sulla questione sulla questione sociale per
Peso bloccare come diceva il sistema
Ed è
Quella che io chiamo la nuova sinistra comunista
Larossa anta eccetera tutte queste
Che poi andare a Nantes manifesto
Questo è bene quei se anche questi hanno posto la questione del potere diciamo così io questo libro anche lì parlo con la loro parole
Perché la Rossanda datori dire tutte queste idee carissimi amici alle compagnie che io ancora voglio bene
Loro che cosa dicevano nel sessantotto c'è stata
La
Non Tata dei due dei giovani e nelle università nelle scuole
Nel sessantanove cessata l'ondata operaia
Quindi ondata dei giovani e degli studenti e l'ondata operaia insieme cioè
Pongono loro diceva il problema del potere che il piccino bolla porre il problema del potere cioè e del potere che cosa io vi ho detto il potere il Governo e la maggioranza
La maggioranza degli italiani perché questa è la l'indicazione
Bene di Togliatti con la Costituzione e le riforme bisogna avere la maggioranza
Come poi
Berlinguer e disse anche con il cosiddetto con
Il famoso
E
Articolo Gregorio prima voce articolo fatte su compromesso storico
Quindi questi allora
Quindi era bene perché sulla questione della giustizia invece
La Rossanda eccetera hanno avuto una posizione giusta
Hanno avuto una posizione giusta
E allora io che cosa ho scritto l'ho scritto che l'estremismo di oggi
Non avendo più una per non ponendo più una questione sociale guardate
Che cosa fanno il fatto tutta questa roba qui
Non avendo più una questione sociale
Non avendo più nemmeno la questione del potere politico
Hanno rovesciato il loro massimalismo nel giustizialismo ritenendo le procure deve avendo la magistratura come
Come
E
E giustizieri è possibile
E soluzione come possibile soluzione della questioni italiane e questo
Ed io lo dico perché il massimalismo non più quindi quello quel massimalismo gli OLO loro lo capivo benissimo
Questo è normale il massimalismo sociale del pessimismo del potere eccetera questo è un altro tipo di bassi malissimo perché non c'è più per l'altro nemmeno c'è il massimalismo più
Sociale
Costanzo del potere e i
Lo sfogo e tutte le certo è anche vero
Che c'era un nucleo nel PC da questo punto di vista ha ragione Paolo
Ilardo che ha ricordato una verità perché quando io scrissi Ilaria gli articoli è il libro sul
Sul processo Andreotti bene uno
Io non lo conoscevo intelligente di Zola del
Del partito avrebbe andar bene a trovare alla rivista cava e ricordo ancora

Si sedette vanta MMS
Io ho avuto una grande stima di te dove per mezzo è stato il direttore dell'Unità terza fatto quella battaglia eccede ceda contro Andreotti
Eccetera è ora e dieci che abbiamo Andreotti finalmente sotto
Sotto
Il giudizio tu scrive che la questione questo articolo
Informatica e che
E finalmente dice ora finalmente l'abbiamo quindi
Era questione giudiziaria
Però guardate guardate
Con essa
Discorso di questo
Operaio era un giovane operaio dirigente del partito romano la stessa logica ho trovato nel libro di Caselli e di
Ingroia
A un certo punto del libro stamattina ne ho accennato a una base a un certo punto del libro
Caselli sapete cosa dice
Dice Macaluso frana criticamente
Macaluso
Ha criticato
La il processo Andreotti
Lulli ha detto e altri comuniste
Che non hanno mai ha detto va usato questa parola non vanno mai
Attaccato Andreotti dal punto di vista politico dal punto di vista morale
Poteva non inserisse usa questa parola potevano inserirsi
Doveva Macaluso inserisse nella questione giudiziaria perché finalmente Andreotti ha avesse la condanna che dove va bene
Io
Ho fatto una lettera a lui ha taciuto e non ha risposto fatto una lettera pubblicata su un foglio perché altre giornate non pubblicano queste cose
E in cui ho detto a
Allora
A Caselli sei un mentitore più attento
Se è un mentitore io posso pubblicare gli ho detto un volume
Delle cose che ho ho scritto e ho detto su
Su Andreotti
Lei la lotta politica che io ho fatto contattarlo
E se avesse e fai siccome fai finta di non leggere il mio libro su sul processo Andreotti c'è una parte di quel dei brogli nella
Un dalla parte finale
Quindi io ho pubblicato che ho detto ventiquattro pagine
Del mio discorso
Che ho fatto al Senato
Sulla questione Sindona e voi e gli ho detto
E non ha risposto più io ho detto voi ed è la Procura di Palermo avete usato contro Andreotti
La relazione
Sull'altro di minoranza sull'affare Sindona ritenendo che quella era
Un documento politico
Su Andreotti e vi siete scordati
Che quella cosa lo scritta io che ero vicepresidente di minoranza della Commissione
Da quando voi avete usato un mio scritto e ora fatica fin da che io
Non ho attaccato Andreotti c'erano ventiquattro pagine
Che si concludevano con loro che vendo le dimissioni di Andreotti
Si conclude il mio discorso al Senato sulla questione Cintola chiedendo le dimissione di
Di Andriotto e gli ho detto quindi Dio
La battaglia politica
Sono Andrea ottenuta un'angoscia utilizzare
Ritenere che non avendo come come è la stessa lo stesso discorso di guerra che non avendo
Avuto un risultato
Nella
Vicenda politica io mi dovevo di inserire usa questa parola doveva inserirsi nella questione giudiziaria per avere
Un rinvio
Ritengo che queste sono
Fatti gravi
Fatti gravi perché sono fatti
Siccome io ho avuto sempre grande rispetto per la magistratura e dobbiamo avere sempre rispetto le critiche non debbano mai superare il rispetto per la magistratura perché era
è una
Delle istituzione fondamentali della Repubblica
Però
Le cose che vanno dette vanno dette vanno dette
Vanno dette con
Con rigore vanno dette con grande
Onestà
Ma vanno
Vanno dette perché qui
Questa
E il ruolo che deve avere
Una
Non una sinistra che devono avere
Come debbono vedere forze d'arma della della democrazia della democrazia italiana io concludo
Ringraziandovi veramente
E sono state qui ricordate la ragazza che ha letto quel cosa abbia mi ha ricordato
Pagina molto Palma umano per della mia vita
Ed è e ricordi di quella lotta dei minatori
Che sono state per me
Io lavoro con l'Order lo dico sembra tutte io sono quello che sono quel poco che sono
Perché
La mia gioventù l'ho passata
In quel sindacato
Lì a Caltanissetta con Liggio fatali e con i contadini dicono in Bureau a Tunisi
Quegli anni intermedi sono stati decisivi perché per
Terre capire che cosa come gira il mondo come i vigili del mondo è come dovrebbe girare montano e come non giri del mondo
Era quella ora perché ne
Il primo intimismo querela io
è stato ricordato questa storia
Scusate accelerato abbattuta
Questa storia delle del piccoli a debellare via che sembrano abitava sotto casa mia epiche avallata la moglie Regione Paolo
La l'emancipazione la lotta per la
L'emancipazione era anche questa perché poi io credo lo ricordo quel piccolo itinere partiva
La notte
Alle quattro a termine che le piogge o non pioggia appieno in sette otto chilometri per arrivare alla Tornabuoni nella
Con l'acetilene che si faceva l'urgenza
Arrivava a piedi e stava quindici giorni e dormiva nei vecchi calcherà oneri vecchi CALC erronei i vecchi forni
Dismessi servivano come come alloggio di questa via che l'abbrutimento veniva veniva da lì
L'abbrutimento di queste logiche e quindi la lotta per l'emancipazione è stata straordinaria per liberare questi uomini io l'altro il corto credo di averlo scritto non mi ricordo se l'ho scritto quel libro
Che c'era un ragazzo si chiamava piazza lo ricorderà un Bobo al Purcieddu già fatta a Roma
Il quale una volta
In una Assemblea di detto fateli
E mordente disse
E ci guarda te
Noi viviamo abbiamo vissuto nel cartellone qui siamo in questa casa dice rapidi eccetera dice
La direzione
Vince ieri si sono fatti le case
Perché c'era stata anatra Borella creda avevano costruito una palazzina per e i tecnici per gli ingegneri eccetera che orbitavano anche di loro per le persone che sapete cosa abbiamo fatto
Nel
Nel bagno
Ci hanno quello che io ho visto solo nei bordelli limpide
Perché non l'aveva visto solo al Board è vero allora
Il biglietto perché non sapeva che esistesse erogati potesse esistere in una casa come dire guardata come sono degenerate invece sono fatte poi si sono fatte financo il bidet
Nella casa in questa
Bene
Questa storia queste storie
Sono terribili per me
Perché sono un ricordo di che cosa da dove siamo partiti
Da voi siamo partiti cosa è stata questa la lotta per
Per dare dignità per dare sicurezza per dare
Forza alla
Alla classe operaia i lavoratori al popolo
Di questa di questa nostra di questa nostra terra io identifico la mia militanza quindi nel partito e del partito il partito per me questo
Mi permetto è popolo io
Scusate l'altro giorno appunto una un mio amico varare Barbara quelli
Affettuoso anche
Essa
Il nonno ARPA in uno di questi partiti comunisti allora due per cento al tre per cento
Attuale Partito Socialista con l'uno per cento io gli ho detto Borra calze
Un partito se c'è da un partito socialista
O un partito comunista
Se non vere col popolo se non anni quindi non sono comprende trentadue di cinque e venti deve avere il popolo per essere partito dei della sinistra
Caserme un partito con l'uno per cento in meno un circolo fate un circolo gli ho detto ma ad un circolo culturale ma un partito deve essere un partito se avessero un partito per essere partito deve avere il popolo
Perché per me questo è stato sempre il segno del partito
è il
E il Partito Democratico cui è nata non ha aderito per le ragioni che ho detto badate
Io sono molto preoccupato e ho detto altre volte
Molto preoccupato perché vedo appunto che
Dopo questo partito ci sono queste frantumi
Sono fra tutto come
Io ritengo che
Una piccola formazione può fare
Una battaglia sul diritti civili come il combriccola formazione come fa il Partito Radicale coniglio o sembra
Riconosciuto come
è stato
Un sale affinché nelle nostre delle
Delle nostre deficienze anche come ha scritto in questo mio libro per
Delle
Della questione dei diritti dei diritti civili
Ma appunto questo poi esce ma un partito in ricerca popolo
è oggi il partito di massa e il Partito
Democratico queste viola lo capisco bene
è la mia preoccupazione e che se questo partito
Non riesce
Ad a vere e anche con una battaglia politica che deve fare all'interno spesso è fuori anche del partito ma con questo intendimento di ricostruire una grande forza una forza che possa
Avere
Un rapporto reale con le
Collega socialismo devo
Democratico con la storia della sinistra italiana perché
Io sono per il socialismo europeo ma con la storia della sinistra
Dalla sinistra italiana io
Spero che questo
Lo capiscano capiscano soprattutto le nuove generazione
Perché non ci sia l'alternativa o questo ospiti 'sta minestra o Tiburtina dalla finestra
E quindi di Roma credo invece nella battaglia politica nella battaglia culturale
Perché in Sicilia anche all'interno di questo partito possa svilupparsi norme del correntismo negativo ma le correnti di battaglie politiche
Di battaglia culturali invece l'una il nord direzione che possa farne
Qualcosa di diverso almeno per quel che mi riguarda di quello che noi abbiamo visto in queste hanno scusate grazie
Grazie per un elenco
Grazie a tutti voi adesso io passo il microfono
A Elio San Filippo perché si prosegue grazie si prosegue giù per brindare festeggiare Emanuele grazie a tutti ci vediamo giù