02APR2014

Dichiarazioni di Mario Monti al termine della conferenza stampa sul disegno di legge costituzionale per l'abolizione del bicameralismo paritario

DICHIARAZIONI | Roma - 12:32. Durata: 6 min 9 sec

Player
Registrazione video di "Dichiarazioni di Mario Monti al termine della conferenza stampa sul disegno di legge costituzionale per l'abolizione del bicameralismo paritario", registrato a Roma mercoledì 2 aprile 2014 alle 12:32.

Sono intervenuti: Mario Monti (senatore a vita, Scelta Civica con Monti per l'Italia).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Camera, Costi, Governo, Italia, Lavoro, Parlamento, Politica, Precari, Regioni, Renzi, Riforme, Senato, Territorio.

La registrazione video ha una durata di 6 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione
audio.

leggi tutto

riduci

12:32

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

All'interno
Di giudiziari proposti Carenzi ma arricchiamo una proposta
è proprio così
Questo è il momento a nostro parere nostro siamo la senatrice Lanzillotta e io non intendiamo anzi a questo stadio
è nostro parere che la velocità impressa dal presidente Renzi a ritmo della politica vada assecondata e sia una cosa molto positiva per l'Italia
E al tempo stesso quando la velocità si esercita su un terreno
Di grande durevole sta nel tempo come quello costituzionale è particolarmente importante non fare errori
Non andare a sbattere non magari corre ma sotto certi aspetti senza accorgersi correre all'indietro e quindi io penso tra l'altro che sia in modo particolare compito di un senatore a vita
Quello di cercare di contribuire Han
Evitare errori ad andare nella direzione giusta quindici ci siamo confermo che ci siamo mossi all'interno questi paletti siamo consapevoli che sono venute critiche anche autorevoli e circostanziate
Acquei paletti di del Presidente Renzi
Noi deliberatamente non abbiamo post o in discussione il merito quei paletti ma abbiamo suggerito quelle che secondo noi
Sono modificazioni
Molto migliorative nell'ambito di quei paletti
La principale
Avere una composizione del Senato che non si riduca a fare del Senato la Camera delle autonomie territoriali
Anche tenendo presente che chiuso
Termini pacati in questi anni non sempre
Il ceto politico delle Regioni adatto prova di eccellere per sobrietà
Efficienza
Senso della cosa pubblica naturalmente non si può fare di ogni erba un fascio ma quindi mettere in mano a quel ceto politico
Una struttura importante come resterebbe comunque il Senato del processo decisionale per l'intero Stato è qualche cosa che secondo me
Va rimedi tatto
E
Inoltre pensiamo che sempre come composizione sia importante avere nel Senato espressioni non solo delle autonomie locali ma anche delle autonomie funzionali e sociali in modo che
Il Senato possa essere una immagine
Dell'Italia profonda nella quale i vari territori dei vari e regioni
Contribuiscono al Paese non solo attraverso i loro consiglieri regionali Presidenti di Regioni o Sindaci ma anche tutta la la ricchezza
Delle professioni delle Università del volontariato e che da queste grandi forze possano essere tratti un certo numero di senatori
Capaci tra l'altro di aiutare il processo politico che sarà principalmente
Radicato nella Camera dei deputati di evitare
Le l'eccessiva attenzione per il cortissimo a termine che ha portato l'Italia a una situazione di così grande difficoltà
Costi della politica devono essere ridotti il costo più grande della politica
Il
Costo per il Paese di decisioni ho sempre rinviate o prese ma in un'ottica elettoralistica illusoria se oggi
C'è una situazione così precaria per una percentuale spaventosa dei giovani italiani
Questo
Purtroppo non è dipeso tanto
Dal costo della politica come oggetto intendiamo ma dal fatto che la politica ha seguito logiche
Prevalentemente
Breve termine elettoralistico effetti non si è pensato anche
Interventi
Noi infatti proponiamo che venga ridotto anche il numero dei deputati
Obiezioni che lei solleva sulla composizione
Matteo Renzi potrebbe dire nella mia proposta ci sono ventuno nominati dal Presidente della Repubblica che sull'espressione della società civile
In questo momento
Vede degli errori del
O
Diciamo troppo poco
Mi sembra
Fare carico eccessivo al Presidente della Repubblica
Quanti essere
L'unico
Individua Tore promotore atti ciò che le forze sociali culturali del Paese hanno da offrire al processo politico attraverso la partecipazione al Senato vedrei bene
Come potrebbe un senatore a vita deve diversamente un ruolo del capo dello Stato in questo ma mi sembra che in una logica democratica di valorizzazione del Senato dal basso
Sia coerente in un'Italia dei territori dare ai rappresentanti dei territori anche il compito di individuare e si
Personalità forze che possano andare a comporre il Senato
Grazie