05APR2014
dibattiti

Liberal PD. Costruire il presente per progettare il futuro - seconda giornata

CONVEGNO | Amelia - 09:56. Durata: 8 ore 43 min

Player
Seminario di primavera promosso dai Liberal PD nei giorni 4, 5 e 6 aprile 2014.

Convegno "Liberal PD. Costruire il presente per progettare il futuro - seconda giornata", registrato a Amelia sabato 5 aprile 2014 alle ore 09:56.

L'evento è stato organizzato da Partito Democratico.

Sono intervenuti: Enzo Bianco (sindaco del Comune di Catania e presidente dei LIberal PD, Partito Democratico), Antonio Duva (presidente dei Liberal PD della Lombardia, Partito Democratico), Nicola Abruzzese (rappresentante dei Liberal PD della Toscana, Partito Democratico), Ernesto Ausilio (rappresentante dei Liberal
PD di Torino, Partito Democratico), Maurizio Catania (rappresentante dei Liberal PD dell'Abruzzo, Partito Democratico), Livio Gigliuto (rappresentante dei Liberal PD della Sicilia, Partito Democratico), Maurizio Scarano (rappresentante dei Liberal PD dell'Emilia Romagna, Partito Democratico), Enrico Scoppola (rappresentante dei Liberal PD del Lazio, Partito Democratico), Ludina Barzini (vice presidente Liberal PD, Partito Democratico), Tiziana Catarci (prorettore per le Infrastrutture e le Tecnologie dell'Università La Sapienza di Roma), Ludina Barzini (vice presidente dei Liberal PD, Partito Democratico), Lorenza Lei (presidente RAI Pubblicità), Marta Boneschi (scrittrice e giornalista), Enzo Bianco (sindaco del Comune di Catania, presidente Liberal Pd, Partito Democratico), David Bogi (segretario dei Liberal PD, Partito Democratico), Massimo Gaudina (capo comunicazione dell'European Research Council presso l'Unione Europea), Ivanhoe Lo Bello (vice presidente per l'Education della Confindustria), Luciano Modica (professore), Ernesto Paolozzi (professore), Paolo Gentiloni Silveri (deputato, Partito Democratico), Giacomo Leonelli (segretario regionale dell'Umbria, Partito Democratico), Renzo Nocetti (rappresentante dei Liberal PD della Lombardia, Partito Democratico), Fabio Paparelli (assessore al Commercio e alla Tutela dei Consumatori della Regione Umbria), Luigi De Sena (vice presidente dei Liberal PD, Partito Democratico), Simone Gambino (presidente della Federazione Nazionale Cricket), Riccardo Maraga (sindaco del Comune di Amelia, Partito Democratico), Claudio Lodici (professore), Pasquale Pistorio (componente del Direttivo della Confindustria), Vittorio Salmoni (coordinatore del Centro studi dell'Area Territorio e Città dell'Istituto Adriano Olivetti di Ancona), Daniele Faraone (componente della Direzione Nazionale, Partito Democratico), Costanze Reuscher (giornalista), Sandro Gozi (deputato, Partito Democratico), Sandro Gozi (deputato), Gianfranco Passalacqua (vice segretario di Amelia, Partito Democratico), Paolo la bombarda (rappresentante dell'Associazione Italia in Movimento), Simone Dragone (componente della Direzione Provinciale di Milano, Partito Democratico), Pier Luigi Petrillo (professore), Manuela Siano (avvocato presso l'Autorità per la Protezione dei Dati Personali), Emilio Nusca (sindaco del Comune di Rocca di Mezzo).

Tra gli argomenti discussi: Amministrazione, Donna, Economia, Etica, Europa, Immigrazione, Impresa, Industria, Integrazione, Internet, Investimenti, Italia, Lavoro, Liberalismo, Pari Opportunita', Partito Democratico, Politica, Pri, Qualita', Spadolini, Stato, Storia, Sviluppo, Territorio, Ue.

La registrazione video di questo convegno ha una durata di 8 ore e 43 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

09:56

Organizzatori

Partito Democratico

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Allora se prendiamo posto iniziamo i nostri lavori con un potere ritardo
Ma comprensibile visto che
Le condizioni meteorologiche fanno pensare più a un seminario di autunno che al seminario di primavera
E naturalmente la l'atmosfera autunnale spinge nuova alcun più lento
Riaccendersi dei motori abbiamo pensato
Con gli amici vicepresidenti e con il Segretario vicesegretario generale di
Inserire nel nostro programma peraltro l'abbiamo fatto anche nel passato insieme alla
Trattazione politica dei temi di attualità e di prospettiva anche il ricordo di alcune personalità passivamente significative della nostra storia
Ed è il nostro pensiero ricordate abbiamo
Parlato nel
Nelle
Nelle stime edizioni precedenti di
Il Ugo La Malfa di Einaudi abbiamo parlato del dell'azionismo del pensiero liberalsocialista
Della tradizione liberale democratica di quell'azionista di quella repubblicana
E oggi vorremmo e nel
E domani ricordare ripeto alcune persone da parte la rete significative della nostra cultura
Sicuramente uno dei personaggi qui importanti della storia politica
Del nostro Paese
Negli ultimi trent'anni è stato Giovanni Spadolini
I giovani Spadolini
Quest'anno ricorre
Il i vent'anni dalla scomparsa
Fu un momento molto più doloroso
Quello della della morte di Spadolini con sofferenze acute anche psicologiche oltre che fisiche
Spadolini uscì fuori da quella vicenda tormentata della
Elezione del Presidente del Senato
La mancata elezione per un voto
E la lezione al suo posto di di Scognamiglio
In un modo particolarmente
Sofferto ci può anche un errore materiale nel senso che furono conteggiate le schede in un primo entro sembrò che Spadolini avesse fosse stato eletto
A parità di voti poi spunto una scheda del riconteggio e furetto scoglio Emilio
Ho ho chiesto e abbiamo chiesto ad Antonio dura
Che è stato parlamentare ed autorevole dirigente del partito repubblicano
è poi impegnato politicamente
Anche con i Liberal PD a Milano di ricordare la figura di Giovanni Spadolini e in particolare immagine credo una figura a tutto tondo no
Come verrebbe naturale dire parlando di di Spadolini sia
L'intellettuale lo storico l'accademico
E naturalmente il pensiero politico che molte volte viene sottovalutato di Spadolini si dice e si parla spesso come di un personaggio
Esterno prestato alla politica ecco la chiave di lettura che io vorrei offrire anche alla tua sollecitazione Antonio
E quella invece di un personaggio politico che ha avuto in Tizio e di politiche di un personaggio che ha avuto in Scozia intuizioni politiche formidabili
Di grande attualità e di grande visione e realtà dietro quell'atmosfera distaccata dalla politica c'era al contrario un politico fine e di primissimo di primissimo piano
Fu Ugo La Malfa a convincerlo all'impegno politico è vorrei
Antonio che tu lo ricordassi oggi
A vent'anni dalla sua scomparsa prego
Sì per i tempi
Grazie Enzo
Vattene
Si è perfetta
Grazie Enzo care amiche
Cari amici io
Ho trovato
Molto importante significativa
Questa scelta che appunto
Cioè
è stata indicata da Enzo
Di inserire in questo nostro seminario di Amelia
A vent'anni dalla morte un ricordo di Giovanni Spadolini
Mi emoziona parlare
In questa circostanza
E sono davvero grato alla Presidenza dei Liberal PD e in particolare Enzo Bianco e a David Bogi di avermelo chiesto
Mi spiace che a questo nostro incontro non possa essere presente come era stato previsto
Cosimo Ceccuti che di Spadolini fu uno strettissimo collaboratore
E a Ceccuti vorrei inviare un
Da qui un cordiale saluto
Spadolini Gomorra ricordava insomma è stato una figura di grande rilievo in diversi campi
è stato uno storico lucido e appassionato del Risorgimento e dell'Italia moderna
è stato un giornalista un grande giornalista
Giunto giovanissimo a venticinque anni alla direzione di un'attestata importante come il Resto del Carlino e poi anni dopo alla guida ancora più importante del Corriere della sera
E poi è stato un prestigioso leader è un uomo di Governo allungo Presidente come tutti ricordiamo del Senato
E l'ingresso di Spadolini
L'ho appena detto
Enzo
Ah bene in politica nel mille novecento settantadue
Quando
Ugo La Malfa
Anche su
Sollecitazione di Indro Montanelli che a Spadolini era
Legato da una rapporto molto cordiale e molto importante chiese appunto
A Spadolini di capeggiare
La lista del Prix per il Senato a Milano per la Lombardia
Ora
Ripercorrere analiticamente
L'opera
L'impegno così intenso così lungo appunto così
Articolato in varie direzioni
Di Giovanni Spadolini
Credo che
Assorbirebbe troppo tempo nell'economia di questo seminario
E richiederebbe forse anche delle spalle più larghe di quelle di cui io posso disporre
E quindi impiegherò
Lo spazio che mi è stato assegnato
Solo per proporre qui qualche riflessione legata all'azione politica di Spadolini al suo grande contributo per il rinnovamento della cultura democratica
Alberto ITO soprattutto
Debito intellettuale che molti di noi ancora legati pure in un contesto
Così diverso come quello attuale ma legati appunto alla passione politica provano nei confronti suoi e della sua opera
E sono convinto del resto che in un incontro dedicato a costruire il presente per progettare il futuro
Vale la pena di soffermarsi anche sulle radici della nostra
Cultura politica e sugli uomini che l'hanno espressa al meglio e appunto come anche Enzo adesso
Prego annunciava
Parlare oggi di Spadolini così come domani avverrà per Antonio Maccanico e per altre figure significative legate alla cultura liberale costituisce appunto
Un elemento
L'importante di completamento di questa incontro del senso del significato di questo incontro
Ma vale la pena di parlarne a me pare nonno per abbandonarci al richiamo spesso ingannevole della nostalgia o per assolvere a una funzione
Puramente celebrativa
E più utile invece
Penso
Soprattutto a vantaggio di quanti
Appartengono a generazioni più giovani cercare di fare emergere dai ricordi quanto oggi può meglio aiutare davanti a i nodi alle sfide
Alle incognite che oggi ci troviamo a fronteggiare
E anche questo un modo credo non banale di dare come Liberal PD un contributo al dibattito del partito
Con l'obiettivo di rendere questo nostro PD sempre più vicino a quell'idea che mi ha generato la nascita e che invece spesso negli anni scorsi è stata un'idea frenata talvolta contrastata
Da certe scelte o peggio ancora da certe non scelte
Ora
Quel tempo e finito almeno così a noi pare e così emergeva anche dal confronto della giornata di ieri
Quel tempo è finito davanti a noi sta un'occasione straordinaria straordinariamente difficile ma affascinante
è stata assunta la piena responsabilità politica tutta politica del governo del Paese
Ora occorre dimostrare che il Partito Democratico può davvero essere il partito di un'altra Italia quell'Italia della modernità del merito e di una giusta sono socialità per troppo tempo soffocate abilità
Dal groviglio degli interessi corporativi dalle chiusure mentali e dal peso del malaffare
A questo scopo è cruciale penso che si consolidi
La svolta impressa con l'ultimo congresso e si dia slancio al PD come una grande forza unitaria vitale aperta in grado perciò di conquistare
Il consenso della parte più attiva e intellettualmente libera della nostra società
Quella più coraggiosamente disposta
A mettersi in gioco per cogliere
Tutte le potenzialità che il nostro tempo pur fra tante incognite
E i rischi offre anche all'Italia e in questo senso
Che ripensare alla figura di Giovanni Spadolini può darci elemento di riflessione feconda
Lo può fare
Soprattutto se portiamo l'attenzione sulle sfide ardue e in certi casi ancora più drammatiche di quelle che
Attraversano il tempo attuale
E che oggi ci stanno davanti sfide che Spadolini fronte John negli ultimi decenni del Novecento
Di questo cercherò riparlare cari amici senza nessuna pretesa di organicità
Mi scuso anzi in anticipo se risulterò schematico ma lo faccio soprattutto per evitare
Di dilungarmi troppo
Il primo riferimento credo opportuno farlo fare riguarda
L'idea di partito
Ha ragione
Bianco quando ha detto
All'immagine
Rituale in un certo senso di Spadolini come
Di una
Ma intellettuale appunto avvolto
In una sorta di torre d'avorio lontano dai problemi pratici sia giusto invece
Fare emergere
L'elemento concreto piani Imola sua azione
Vista la sua presenza
La sua volontà anche
Di dare un contributo in questa direzione non solo ha un'idea politica ma anche alla vita del Paese
Un'idea che appunto si trasferisce anche in una riflessione su ciò che deve essere un partito un partito moderno un partito che voglia servire all'Italia
E questo appunto Spadolini riuscì a dimostrarlo soprattutto quando
Raccogliendo l'eredità di Ugo la Malfa assunse la segreteria del partito del Partito repubblicano nel settembre del mille novecento settantanove
E
Assumendo questo compito Spadolini
Teme soprattutto conto
Si può dire della
Delle indicazioni delle riflessioni
Dei suggerimenti delle proposte che avevano animato l'azione politica dell'ultimo La Malfa quella Malfa che spesso fuori tetto di incomprensioni in quella stagione politica anche di attacchi di polemiche
Qualcuno giunti giunse a parla
Sì appunto c'è un famoso articolo due di Indro Montanelli che di un che c'era in giro un finto La Malfa perché tanto pareva come dire distante La Malfa dalla sua impostazione originaria ma in realtà
Quella non era un finto La Malfa era un la Malfa che aveva
Con la sua capacità di rinnovamento anche intellettuale interpretato il suo tempo quel tempo che lo Spezia quelle scelte e a quelle scelte Spadolini raccogliendo nell'eredità sì leggo
Sì leggo e ne fece il perno della sua iniziativa politica perché
Nel momento in cui Spadolini assume la segreteria del partito
Coglie un punto fondamentale
Quello che è necessario
Mettere
A regime dare forza dare sostanza a uno strumento politico che si è in grado di
Configurare una democrazia realmente riformatrice capace di imprimere un corso nuovo al Paese
E di realizzare un autentico per l'Italia un autentico nel dirlo
L'Italia grazie ai progressi compiuti a partire dalla ricostruzione postbellica aveva già all'epoca alla fine degli anni Settanta conquistato un posto di rilievo fra le società di massa dell'Occidente avanzato
Ma alla fine degli anni Settanta il Paese era anche un Paese assediato dal terrorismo tormentato da un'inflazione dilagante e quindi da tensioni sociali crescenti e pericolose
Dunque c'era un tema di risanamento e dunque per perseguire questo risanamento correva imporre una svolta decisa
Questo per consentire che l'Italia riprende fosse realmente in grado di combattere i suoi squilibri antichi e nuovi a cominciare
Dal rapporto fra nord e sud del Paese
E
Potesse perciò riprendere un cammino il sentiero di crescita quel sentiero che aveva caratterizzato gli anni e felicemente caratterizzato gli anni della ricostruzione postbellica e allora
Se questo è l'obiettivo
Se questo e infine che nell'impegno politico occorre perseguire
Allora
Spadolini si pone appunto il problema della costruzione
Di una forza che si è in grado di andare in questa direzione di dare una spinta effettiva in questa direzione
Una forza che sia in grado di
Esaltare il carattere di non democrazia moderna i valori di tolleranza di libertà e di pluralismo
E per far questo
Spadolini valorizza e riprende un'analisi
Particolarmente innovativa che appunto la malta soprattutto nella elaborazione degli ultimi anni aveva portato in luce quella che è alla base del conflitto sociale ormai non c'è più solo l'antagonismo fra salari e profitti ma pesa
Nell'Italia di quegli anni in modo crescente il contrasto
Fra salari dei lavoratori n.d.t. dei ceti non direttamente produttivi o peggio ancora parassitarie e da qui nasce l'esigenza di una
Svolta netta e forte che colmi un vuoto di proposta
E combatta soprattutto il distacco che cresce che in quegli anni comincia pericolosamente a crescere fra classe politica del Paese e quindi vediamo
Vuoto di proposta questo ricorda appunto l'espressione che
Legata invece
Al dibattito al contrasto
Di questi tempi la dialettica politica di questi tempi proponeva ieri dal dibattito Boggi quando diceva ci troviamo di fronte a un deficit di offerta politica
Vuoto di proposta deficit di offerta come dire sono due temi già in qualche modo si legano sono analoghi
E quindi indicano il fatto
Che
Quella esigenza avvertita da Spadolini oggi è un'esigenza che ancora sulla quale ancora dobbiamo impegnare le nostre energie svolgere un'azione di riflessione un'azione di contrasto
Perché Spadolini pur nel corso co delle radici storiche del Partito Repubblicano della
Sua concezione
Risorgimentale mazziniana
E tuttavia lavora ripeto senza contrastare ma cercando di
Attualizzare
Questa radice ideale originaria che Spadolini appunto coglieva con il suo spessore di storico in tutto il suo valore
Spadolini
Partendo da questo lavora a un progetto più ampio e ambizioso
Un progetto che
Propone organicamente nel congresso di Milano del mille novecento ottantaquattro quando chiede al Congresso una avanza una riposta una richiesta precisa
Collochiamo il Prix dice in un'area non identificabile con i luoghi comuni della topografia col politica
Perché questi luoghi osserva sono fondati su elementi che ormai hanno perso molto significato nella realtà così profondamente mutata della società italiana
Una
Realtà così complessa dice così articolata così variegata né i suoi centri di influenza e i di radiazione ideale
Ecco quindi la nuova prospettiva la prospettiva del partito dalla revoca l'ansia una definizione che Spadolini riprende da un'antica intuizione di Luigi Salvatore
Democrazia senza aggettivi
Un partito perciò nella visione di Spadolini sottratto al ricatto delle etichette
Interprete di un'Italia moderna e civile capace di spezzare le catene i vincoli dei confessionali disguidi opposto segno
Un disegno preciso
Che Giovanni perseguire con tenacia pur fra incomprensioni contrasti e amarezze sino all'estremo della sua battaglia ideale
Ma quel disegno si integra e consolida con oltre con un altro punto fermo
L'urgenza di un rinnovamento profondo delle istituzioni della Repubblica è un tema questo che Spadolini coltivo con decisione
Negli anni di Palazzo Chigi quando dal giugno del mille novecentottantuno al novembre del mille novecentottantadue
Fu alla guida del Governo primo Presidente del Consiglio non democristiano dalla nascita della Repubblica
In quella non lunga
Ma tormentata e intensissima stagione
Spadoni dimostra che le idee chiare il coraggio delle scelte è una volontà reale di cambiamento misurata sugli interessi dei cittadini
Possono
Anche perché rappresenta una forza politica elettoralmente limitata sul piano dei consensi possono scuotere un sistema politico invischiato dell'inconcludenza e viziato da molte zone oscure
In pochi mesi Spadolini fa approvare una norma che pone fuorilegge La Loggia P due
Una mafia di laureati ma sempre mafia la definì ottiene successi Spadolini nella lotta contro il terrorismo uno dei
Punti più dolenti in quella stagione più inquietanti per i cittadini
Dell'Italia di quegli anni
E poi taglia sul versante economico riesce a tagliare sei punti
Dello spaventoso tasso di inflazione un tasso di inflazione che arrivo al ventitré per cento
E che stava perciò logorante o
L'economia del Paese lavorando anche la condizione delle famiglie del Paese
E poi c'è un altro punto che vorrei ricordare
Quello
Delle nomine
Delle scelte che il Governo come sempre capita come capito appunto al Governo di Spadolini deve compiere in molti campi soprattutto allora l'aria di impegno del Governo era ancora più ampia di quanto non sia
Pur significativamente oggi mi riferisco naturalmente ad avvenimenti lontani nel tempo
Ma siccome il tema delle nomine è un tema
Che torna ancora oggi come vediamo dalle pagine dei giornali torna di attualità allora consentite a me
Che
Da più di sessant'anni segue l'impegno della ma
Da battaglia politica
Di dire che aver apportato allora
Personalità competenti e indipendenti come Umberto Colombo e come Romano Prodi
Alla guida rispettivamente dell'ENI e dell'IRI balzerà Spadolini morti e molti punti di credito
è una
Impulso una forte crescita
Nella
Popolarità nel consenso generale dei cittadini anche di quei cittadini che venivano da opinioni politiche lontane e diverse da quelle che impersonava Giovanni
E d'altra parte a questo aumento di credito concorsi anche
Una cosa che
Osservo Indro Montanelli che disse gli italiani hanno molti difetti ma non sono stupidi
E riescono a sentire
L'odore di imboccato che viene dalla camicia di Spadolini e a questo odore di bucato a questo odore di pulizia italiani attribuiscono un valore rilevante e su questo possono
Contribuire a consolidare a dare un costo
Consenso a dare fiducia nei confronti di una persona anche se questa persona appunto esprime una forza politica limitata
Ma torniamo al rinnovamento delle istituzioni
Spadolini anche se era laureato in legge non è
In termini stretti un giurista
Ma per cultura
E per sensibilità capisce bene il suo tempo comprende le attese dei cittadini e valuta quanto questa questione sia stata trascurata dono politica troppo distante e troppo arrogante
Intervenire in questo campo diventerà perciò un punto centrale della sua azione di governo lo fa anzi addirittura ancora prima di formare il Governo quando rivendica con energia
Il rispetto del diritto di proposta dei Ministri che ha
Che spetta
Al Presidente del Consiglio anche nella fase dell'incarico secondo l'articolo novantadue della Costituzione un articolo che peraltro era caduto in sostanziale desuetudine di fronte all'impedenza
Della partitocrazia
E poi ancora
In quest'area appunto di rinnovamento delle istituzioni la istituzione la richiesta di istituzione ottenuta di una sessione di Bilancio
Garanzie effettive al Governo circa i tempi di decisione parlamentare sole proprie iniziative programmatiche cioè una
Visione rivitalizzata e rafforzata dell'articolo settantadue della Costituzione
E poi dare ai provvedimenti del Governo una corsia preferenziale che faccia anche da antidoto alla proliferazione dei decreti legge
Riorganizzare ancora la struttura e riorganizzare in profondità
La struttura
Delli dei ministeri ponendo al centro di questa struttura come elemento motore di questa struttura più un ruolo più marcato della Presidenza del Consiglio che deve essere
Effettivamente il garante dell'unità
E della collegialità dell'azione dell'Esecutivo
Spadolini avverte
Che la condizione istituzionale del Governo in Parlamento e la più debole che si riscontra in tutti i Paesi occidentale
La conclusione che rispetto a quella dei primi enti che sono del mille novecentottantadue Spadolini tirerà due anni più tardi esperienza del Governo conclusa e cruda
Dice siamo in uno Stato in cui il potere di decisione si è sostituito troppo spesso al potere di decisione sostituito troppo spesso il potere di veto come dirà nel mille novecentottantaquattro
Le aggiungerà qualcosa abbiamo ottenuto ma è ancora lungo il cammino perché il diritto di decisione della maggioranza sia effettivo
Sono i limiti che come l'esperienza dimostra intaccano pesantemente l'efficacia del di un'azione di governo
E che
Poi lo porteranno
A
Fare formulare un richiamo particolarmente duro particolarmente deciso dieci anni più tardi
Quando
Nel suo ultimo intervento al Senato quello nel quale Spadolini negherà la fiducia al primo Governo abbia escluso Berlusconi dirà
Come conclusioni di questa esperienza
Dobbiamo rivedere la Costituzione dobbiamo adeguarla alle esigenze di una democrazia funzionante di un danno democrazia dell'alle alternanza ancora tutta da costruire
E la sintesi
Di quella
Richiamo e lapidaria
Parlamento forte vuol dire Governo forte
E questo il cuore
Di un intervento di ogni discorso dai toni alti pervaso da accenti testamentari
Pronunciato
Già saper
In compenso
Di essere Minardo Spadolini da quel male perché come
Diceva all'inizio Enzo
Doveva portarlo meno di tre mesi in modo dopo da quando pronuncio quel discorso a Palazzo Madama portarlo alla fine
Oggi
Trascorsi vent'anni penso che si debba
Ripensando appunto a quel percorso ideale si debba
A mirare
La lucida capacità anticipo anticipatrice che queste
Concezioni che queste intuizioni dimostrano
Di una
Leader di Governo intelligente e coraggioso che appunto
Dando quelle indicazioni o fuori un'ipotesi di soluzione un rimedio a elementi che colpivano che limitavano lo sviluppo della Società italiana e la
Efficacia
Dell'azione di chi è preposto appunto a guidare questa società alle scelte di governo di questa società
Ma nello stesso tempo
Mentre da un lato appunto dobbiamo secondo me
Da queste elementi trarre un giudizio appunto di rafforzata ammirazione per quest'uomo
Dobbiamo anche tornare a denunciare le pigrizie i ritardi le colpe di una classe politica che quei problemi ha lasciato troppo a lungo incancrenire e che ora
è costretta a questa classe politica come abbiamo visto dal dibattito di ieri prospetta una ricerca in corsa disperata sotto la spinta
Dell'indicazione di un nuovo Governo coraggioso che però appunto da questa condizione disperata
E
Costretto a imporre delle sfide nelle quali tutti percepiamo anche gli elementi di rischi di difficoltà
Di
Elementi da approfondire
E quindi il sentimento che suscita
Il ricordo di Spadolini credo che si possa
Soprattutto
Legare
Al carattere nitido incisivo di queste due scelte che ho cercato di queste due indicazioni che ho cercato di ricordare
Quella di un partito per la democrazia senza aggettivi come elemento portante del sistema politico del Paese
E quello della necessità di profonde riforme della struttura istituzionale di questo nostro dello stesso Paese
Ecco perché chi ha creduto nella lezione di Giovanni
Si è sempre sentito nel PD a casa sua questo naturalmente senza
Tacere riserve e dissensi ogni volta che il proprio spirito critico lo spinge in questa
Direzione
E ogni volta che l'autonomia intellettuale
Della quale siamo tutti gelosi ci porti appunto
A
Formulare queste riserve queste scelte alzando se necessario
Anche la voce come bene ha ricordato
Per il
Per il futuro per il passato e proposto per il futuro Enzo Bianco ieri apprendo i lavori di questo nostro incontro concludo
In una Roma soffocata da una grigia spaventosa KD Arafat il cinque agosto
Del mille novecentonovantaquattro vitale ufficiale l'Italia dell'economia della cultura e della politica dava l'ultimo saluto a Giovanni Spadolini
E questo saluto si svolse INEA grande Chiesa romana la chiesa di Santa Maria
Sopra Minerva
Il rito
Quasi concluso
In quella chiesa risono una invocazione dagli accenti disperati
Il Presidente della Repubblica di Oscar Luigi Scalfaro
Che
Appunto con un tono inconsueto
Ma
Particolarmente drammatico
Disse
Giovanni non ci lasciare rimane in colori
Ma per fare l'Italia migliore
E per progettare un futuro degno a ben vedere
Siamo noi che invece non dobbiamo lasciare Spadolini
Dobbiamo penso attingere più largamente al suo patrimonio ideale dagli esempi così attuali
Del suo laicismo sereno del suo rigore morale del suo sforzo costante interpretare appieno interessi generali del Paese
Grazie Antonio di cuore per la passione anche con cui ha ricordato uno dei grandi protagonisti del pensiero politico del nostro Paese io vorrei aggiungere personalmente
Una particolare gratitudine a Giovanni Spadolini
Per una
Esperienza politica nell'innovazione politica che ho trovato di grande
Acutezza
Giovanni Spadolini fu del Governo Moro la Malfa
Il primo ministro della storia repubblicana occuparsi dei beni culturali e fu Lulli che bolle
Fortemente l'istituzione del Ministero dei beni culturali ecco una città come la media faremo
Fare il ministro comporta for portafoglio esattamente ovviamente la presenza potranno diventò ovviamente un ministero era unico un incarico ad personam credo che sia stata sicuramente un'intuizione
Assolutamente necessarie
Anche per questo il paese di deve una autentica gratitudine allora noi articoleremo così i nostri lavori questa mattina adesso
Per circa mezz'ora
Avremo
Alcuni interventi esponenti e dirigenti dei Liberal PD del territorio pensavo di dare la parola a sei amici i sei differenti regioni
Il tempo e deve essere contenuto necessariamente entro i cinque minuti in modo che il complesso degli interventi stia nella mezzora
Alle undici abbiamo la tavola rotonda sul tema
Pari opportunità da percorso etico a risorsa per lo sviluppo subito dopo una brevissima pausa
Cinque minuti per granché se le gambe e continuiamo con ritmo ad alta produttività a discutere di uno dei
Ai temi anch'esso centrale del nostro dibattito investire nel capitale umano per rimettere in moto l'Italia
Finita
Questa tavola rotonda avremo un cocktail che ci viene offerta gentilmente
Dal
Dalla se adesso racconteremo e spiegheremo dove si svolgerà e come si svolgerà riprenderemo i nostri lavori intorno alle quattordici e trenta con il tema delle migrazioni i nuovi italiani i temi legati alla cambiamento della struttura della società italiana
Per poi
Subito dopo discutere della crescita economica delle politiche economiche avremo ancora del pomeriggio altri due panel uno sull'amministrazione due punto zero efficiente e trasparente e responsabile
E
Alla fine della giornata di oggi un bellissimo dibattito che sarà introdotto da Adolfo Battaglia e a quale parteciperà costanza ROI certi
Corrispondente dell'Italia per divelte e Sandro colgo oggi domani mattina poi proseguiamo con gli altri interventi pregherei allora se siete d'accordo dicono Abruzzese
Per la Toscana subito dopo arme sta ausilio Maurizio Catania per l'Abruzzo ivi oggi lutto per la Sicilia Maurizio Scarano per l'Emilia Romagna ed Enrico scopo ora per il Lazio di prepararsi interventi secchi sul tema che volete cinque minuti in modo che alle undici in punto iniziamo la tavola rotonda
Nicola Bono senese
Prego
Sette feci parlare in piedi o seduto come come ti viene meno Foggia pure
C'era scritto
Castelli
Un organo
Mi chiamo Nicola Bruzzese che vengo da Carrara quindi rappresento la Toscana Carrara il
Conosciuta
In tutto il mondo
Soprattutto per il Marmo e per che proprio denominato bianco Carrara e parlando appunto di politica a livello regionale diciamo nel regionale dopo tutto quello che è intercorso prima
Non
Non possiamo non a Lizzano in questa cosa
Il marmo è l'unica vera materia prima che l'Italia a
Possiede
E in questo si differenzia rispetto al rispetto a tutto
Il resto dell'Italia inoltre
è una zona anche turistica quindi queste due polarità dovrebbero
Portare ai
Sul territorio grandi ricchezze è grande UE al fare farsa
Di quel posto un'isola felice
Purtroppo questo non succede non succede perché
Negli ultimi trent'anni abbiamo avuto grazie proprio al marmo uno sviluppo anche di know how efficiente sul sui sistemi di di lavorazione di questo prodotto ma le politiche che si sono susseguite in quelli in quegli anni hanno portato a
Cedere siano auto sia le macchine
A Paesi che ovviamente hanno una forza un costo del del lavoro infinitamente
Minore rispetto al nostro
E quindi ora ci troviamo a depauperare sia di posti di lavoro che di di di prodotti il nostro territorio
Tutto questo
Ci porta a un impoverimento sia del diciamo della nostra club della nostra gente che diciamo del decreto
Del marchio Italia perché potremmo tranquillamente tenere in casa molte più risorse molte più benefici
Io vi voglio fare
Un paio di domande su questa cosa secondo voi tutto questo è
Dovuto a
Amministratori
Incauti o a
Imprenditori poco poco intelligenti oppure più facilmente hanno voluto conservare in poche mani IRI i tutte le ricchezze che potevano produrre
E tutto questo è dovuto è dovuto alla crisi oppure
A una mancata strategia politica e imprenditoriale
E oppure dovuto all'Euro visto che oggi siano andiamo incontro le
Alle elezioni europee
Oppure
Mancano veramente delle
Politiche imprenditoriali intelligenti sia politiche che imprenditori quindi se condono voi c'è
Molto lavoro da fare proprio perché si potrebbe tranquillamente recuperare su risorse già esistenti
Tante tante ricchezze che vengono disperse facilmente ora non voglio tediarvi su sulle cose tecnica assolutamente non è questa la
La sede adatta però queste sono similitudini che esistono nel nostro territorio ma che vengono più o meno riportate in tutto quello che è il sistema Paese
E noi vogliamo affrontare politicamente la situazione facendo delle battaglie sul territorio ora
Rispetto a all'alta politica che abbiamo avuto fino a poco fa e grazie
A questo bellissimo seminario questi sono argomenti magari più più semplice però fanno parte di un
Puzzle di costruzione del del nostro Paese secondo noi
L'altro argomento importante secondo per la nostra situazione territoriale è il turismo ora tutti parlano di turismo quindi tutti sappiamo che
Il turismo sia importante mostra una costa che potrebbero sviluppare molte attività turistiche
Però appunto sia
Il turismo che il marmo non consentono al nostro territorio di emergere o di
Vivere meglio e questa è un problema politico è un problema politico che dovremo affrontare
Oltretutto avendo nella nostra realtà diciamo anche una buona parte di del consenso elettorale quindi le nostre sono la Toscana eccome una delle Regioni rosse quindi
Purtroppo dobbiamo imputare queste carenze a alle passate Amministrazioni dobbiamo cercare di migliorare nelle prossime amministrazioni
E tutto ciò poi lo troviamo anche a livello nazionale perché nelle varie ricerche di mercato che abbiamo compiuto
Ci sono sorte agli occhi delle sono spuntate delle del dei dati che sono veramente
Particolari
Per esempio non so se voi lo sapete ma la la Spagna il PIL della Spagna
Fattura circa venti miliardi di più del PIL italiano per quanto riguarda il patrimonio artistico che è una cosa secondo me inconcepibile cioè come è possibile che l'Italia che possiede il settanta per cento del patrimonio artistico mondiale fatto di venti miliardi meno della Spagna
E la Spagna stessa
è cresciuta da novantacinque a oggi tre volte l'Italia dal punto di vista turistico oggi la Spagna fattura quarantatré miliardi di
Il
Per il turismo l'Italia trentadue
Anche questo è un dato
Che
Lascia abbastanza sconcertati
Se noi riuscissimo a a sommare queste due cose già recupereremo circa quaranta miliardi di euro di di di fatto
A di PIL
Che per lo Stato voglion dire almeno una quindicina e miliardi tra i divari di IRPEF e IRAP e poi ci stiamo domandare dove trovarle coperture per alcune cose quindi
Il mio vuole essere soltanto un messaggio di speranza e
E di fu per il futuro cioè non non lo siamo obbligati
E ingessati tra spending review tasse debito pubblico e quant'altro ci sono nel nostro Paese nelle nostre piccole realtà o grandi realtà delle risorse disponibili
Se ci mettiamo con la testa a lavorare a renderle
Fruttifero e per la gente
Mentre
Se continuiamo con delle politiche più
Conservative o comunque che vanno a privilegiare porti anziché molti sicuramente questo non non riuscirà a emergere
Concludo proprio per non rubare troppo tempo
Dicendo che talmente evidenti professor
Dicendo che noi ci impegneremo hanno sul nostro territorio non solo cercheremo di farlo questo perché lo dobbiamo
Prima di tutto negli stessi alle prossime generazioni perché è giusto giunto il momento secondo me di portarli tale nel terzo millennio non si può più rimanere ancorati al passato
Grazie
Grazie
Mentre viene Ernesto ausilio io lo voglio ringraziare di cuore perché il circolo Liberal PD
Di Torino è uno dei più attivi che abbiamo
Ha promosso una serie di iniziative di grande livello e come spesso capita quando si dà un lavoro serio arrivano anche i risultati
Ernesto ausilio e il gruppo dei Liberal PD hanno assunto posizioni di particolare rilievo delicatezza ed importanza anche nel vidi torinese ebbi nell'ordine invece cose ci vuole raccontare anche la vostra esperienza vi saremmo grati
Grazie grazie mezzo grazie a tutti voi io intanto porgo i saluti
A nome del circolo Liberal PD Torino ringrazio il presidente della dirigenza dei Liberal PD di questo invito di questa
Opportunità
Invece col PD liberale a Torino e un circolo che nasce nel due mila e dodici che inaugurano proprio in occasione
Di di un evento
A a Torino oggi conta più di di cento iscritti ed è una una buona realtà
Nel nel territorio parlerò di questa realtà torinese che sono un consigliere circoscrizionale sono un coordinatore di di di di di di Commissione
E
Cos'è che vorrei dire sul rapporto tra il territorio e Liberal PD io credo che chi
Chi opera in in politica chi chi si batte per
Cercare di dare un contributo al proprio territorio debba avere innanzitutto una conoscenza del territorio e debba sapersi porsi come interlocutore capirne i bisogni ascoltare i cittadini
E riportarli cercando di dare
Dei risultati cercando di dare un un contributo credo che
Le persone oggi vogliamo dei fatti e questi primi mesi di Governo Renzi
Lo lo sta dimostrando quanto il intervento sia cambiato non per usare una frase elettorale ma quando proprio la percezione che ci sia da parte delle persone perché ci sono dei fatti concreti
Questi fatti con concreti dovremmo saperli portare anche noi nei nostri circoli
E cercare di avere un dialogo con le persone perché le persone ce lo chiedono almeno noi a Torino percepiamo molto questa questa esigenza questo questo bisogno di di cambiamento
Lasciatemi dire una cosa credo adesso il il venticinque aprile si si apre il tesseramento del del Partito Democratico
Io credo Presidente che noi Liberal PD ci dovremo impegnare a fondo in questo tesseramento e dovremmo fare percepire quello che è la nostra presenza nel
Nel partito
Te lo dico in quanto tu sai che sono anche segretario di un di un Circolo del del Partito Democratico e quindi so quanto è importante entrare
Dentro determinati contesti
Per portare le esigenze di di tutti noi
Che altro che altro dire sul
Sul partito io penso che come dicevo prima questi primi mesi di di Governo hanno dimostrato
Una volontà nuova una volontà che tutti quanti o di quanti percepiamo barche perché
Ci rendiamo conto che c'è questa opportunità di Renzi o se no cioè sia il baratro tutti quanti lo lo lo capiamo e quindi ecco perché veramente siamo
Se intenda anti rispetto a delle critiche che vengono mosse ingiustamente
Concludo ringraziando ancora una volta la dirigenza per questo assoluto David Bogi fa questo per questo bel dell'appuntamento
Che mi auguro sì si ripeta e e spero come dire di poter continuare in questa utilità per i Liberal PD e per il territorio di Torino grazie
Grazie al testo e buon lavoro
Mentre si avvicina Maurizio Catania volevo ricordare
Che
Siamo collegati via radio in streaming anche con
Anche oggi con Radio Radicale e quindi vorrei rivolgere se siete d'accordo un applauso e un saluto a chiunque
Ci sta ascoltando
Da ogni parte l'Italia e un grazie a Radio radicale perché
Fa un servizio dal punto di vista della qualità dell'informazione assolutamente straordinario
Dando la possibilità di conoscere direttamente e senza mediazioni di opinioni e le voci di chi opera anche nel campo politico prego Maurizio
Innanzitutto buongiorno a tutti mi presento Maurizio Catania saluto Presidente Enzo Bianco David tutti filiere la dirigenza ma liberabili del PD tutti voi
Ringraziandovi per l'ascolto io sono
Il segretario di un circolo di lanciano in provincia di Chieti in Abruzzo
Una cittadina di cuore circa quaranta mila abitanti questo vi dico questo per darvi la dimensione un po'su cui andiamo a operare
L'Abruzzo sono in Abruzzo siamo circa un milione sette un milione ottocento mila abitanti quindi somma poco più di un quartiere di Roma
Abbiamo deciso di fondare di costituire questo circolo
Così non per caso perché veniamo da un percorso un precedente di associazione e via stralcio assai associazionismo o locale
Dove ci siamo dati a lungo da fare però un certo punto ci siamo dati abbiamo dovuto compiere una scelta una scelta fondamentale dire è una scelta quasi di vita
Le ragioni sono quelle di
Di di risvegliare le virtù civiche del cittadino e quindi di risvegliare la coscienza civile del cittadino
Lanciano e ha una tradizione liberaldemocratica antica viene dalla
è stata una cittadina anche nei nella storia
Aumenta e unitaria a dir poco fervente
Per cui ecco insomma enunciate sapevamo che
Agivamo in un contesto di un territorio in un museo
Particolare eversivo
Senza dire
Quello che poi anche in tempi più recenti né con il Partito Repubblicano Vallone quello liberale insomma non sono
I segnali e ne erano tanti e abbiamo avuto anche notevoli riscontri per cui ecco ci siamo subito di non potevamo stare più alla finestra e
Con quello che succedeva perché insomma il paese ha bloccato la democrazia bloccata e che insomma
Ben più volte
è venuto fuori nel corso di questi dibattiti del dibattito di ieri di oggi
E non poteva più o non poteva essere più accettabile perché poi noi pensiamo anche che chi anche non fare niente come spesso succede nei piccoli circoli parlarsi addosso
Non non porta niente anzi si è si diventa comma complici allora diventa un problema di così di incidere
E di determinare gli eventi non non si può più stare alla finestra perché poi nelle analisi siamo tutti bravi arriviamo subito
Insomma ci piace a tutti quanti parlare pensare
Ma accordo bisogna determinare gli eventi e noi abbiamo in inteso determinare gli aventi la nostra piccola città in con questo nella nell'adesione se volete anche facile a perché venendo da esperienze laiche
Di
Libera democratiche già precedenti ci è stato facile aderire al manifesto Liberal PD intraprendere insieme questa strada devo dire che i riscontri ci sono ci sono o perché Julien quando ci si dava come ci siamo dati noi nel come base
Quella di così di propugnare di affermare quello che repubblicane Simo
Devo dire che i cittadini
TT identificano subito Saba e capiscono subito dove si va a della firme si vuole arrivare
Ecco di potere il tema di su cui lavoriamo in questi tre giorni e costruire
Il presente per progettare il futuro esattamente questo
Perché credo ben debba essere fatto nelle selezioni debba essere fatto nelle sezioni del PD
Perché poi il problema è proprio o far passare questi più questo quelle il tema del riformismo oltre
Dovremmo essere riformisti prima di tutto noi stessi nel nostro animo perché troppo spesso siamo convinti rideterminate
Un così determinate azioni determinati concetti elenco difficoltà invece andiamo avanti ecco magari lo è il metodo del dubbio che magari è facile
Così predicare l'uomo è molto facile
Molto meno facile praticarlo e allora riformismo come sentivo ieri riformismo e andare avanti riformismo
Non si ferma mai e questo deve passare cerchiamo di far passare nella sezione del PD che purtroppo si è ancora ancorati alla vecchia politica quindi ben venga Renzi ben venga
Tutto il movimento ben vengano i Liberal PD perché ci danno l'occasione
Per
Per fare un viaggio in ulteriore viaggio nella
Democrazia come si diceva senza aggettivi
Sono arrivato Lulli all'ultima cosa per non parlare di Europa dobbiamo parlare di Europa anche nelle sezioni PIT nelle nostre piccole sezione del PD perché l'Europa si costruisce anche lì
All'Europa l'Europa politica perché spesso si parla dello prova dei contributi che arrivano dei soldi dell'economia no l'Europa deve essere politica e deve
Diventare anche l'Europa deve fare il suo sforzo per andare avanti scusatemi se
Mi sono sforzato dilungato grazie servono e buon lavoro a tutti grazie
Idiozie dottor
Ecco
Per la Sicilia
E poi si prepari Maurizio Scarano
Sì io penso che
Il il merito principale che a questo seminario sostanzialmente quello di
Legare due concetti che stanno vicini che sono uniti
Che sono il concetto di presente il concetto di futuro ma libere legare attraverso la logica progettuale significa che presente e futuro si lega nord perché c'è una prospettiva di crescita
Cioè l'obiettivo è far crescere un territorio attraverso delle azioni presenti che abbiano una un risvolto una
Conseguenza sul futuro
Ora sono però vuole fare un progetto in quel progetto ci vuole mettere
Diciamo una visione di crescita deve anche vedere quali sono i freni
Perché dibattiti convegni incontri esistono da anni da decine di anni eppure la crescita non c'è mai stata in questo Paese soprattutto negli ultimi vent'anni negli ultimi trent'anni diciamo la differenza che c'è tra quante volte diciamo crescita e quanti punti di PIL guadagniamo all'anno testimonia sostanzialmente una difficoltà che alla classe dirigente di questo Paese nella superare i freni
Allora voglio essere molto pratico voglio parlare di pochi freni che riguardano la vita della mia generazione e del mio territorio cioè del sud Italia della Sicilia
Prima di tutto allora uscito in questi giorni è uscito anche pochi minuti fa il tema del turismo ed è bello che ne parliamo
Il tema dell'asse del del turismo però diciamo un siciliano ogni volta che sento parlare col cuore di turismo gli viene l'orticaria
Perché a parlare di turismo sono le stesse persone che poi
In molti casi non nei casi di questi giorni per fortuna faccio riferimento per esempio esponenti di partiti regionali visti
Fanno riferimento al fatto che l'Italia dovrebbe puntare sul turismo e dall'altro lato dicono però il sud Italia e la palla al piede d'Italia
Che una follia in termini
Perché il concetto per cui l'Italia debba puntare sul turismo e contemporaneamente il sud Italia sia un problema ovviamente Sona perché approvata parlare d'Italia senza parlare della Sicilia senza parlare di Napoli senza fare dell'Etna
Del sud-est della Sicilia del suo barocco senza parlare del Salento di che cosa stiamo parlando non stiamo più parlando di nulla l'Italia non è più l'Italia nelle sue caratteristiche che la rendono diversa rispetto agli altri territori rispetto agli altri Paesi cioè nel bello
La parte più bella lo diceva Oscar se
Qualche giorno fa con la sua col suo modo di dire le cose a volte un po'estremo però parlava del sud Italia in una sorta di Sharm El Sheik
Del del territorio in una logica di prospettiva e lo diceva perché sa che il sud Italia e la parte del Paese più bella di cui è più bello parlare all'estero
Per cui
L'idea di parlare di turismo ci sta ma ci sta anche l'idea di capire che
Il sistema il brand Italia funziona solamente se una cosa unità all'interno alla quale ci sono
Valorizzate tutte le sue componenti in questo senso anche il tema della riforma del Titolo quinto è un tema importante per noi perché l'affidamento alle Regioni della promozione del brand
Dei brand territoriale cioè il fatto che possa in un giorno esserci uno Jorge segato un giornale e trova la pubblicità
Con tutto il rispetto della Regione della Regione Molise della Regione Abruzzo della regione Sicilia non serve assolutamente a nulla c'è una follia
è una follia dev'essere centralizzata la promozione del territorio l'Italia è un prodotto che vende in quanto Italia
Le singole componenti dell'Italia sono deboli rispetto agli altri sistemi con cui dobbiamo competere comprendere questo significa comprendere che il tour modenese gestito in un oggi in una logica centralizzata Prodi è centralizzata che poi ovviamente guarda contesti territoriali gli valorizza
Si possono creare dei sistemi d'incontro degli strumenti di promozione
Di un'azione complessiva che partano dalla promozione di una parte
Ora detto questo però non c'è solamente il il turismo il tema della promozione del territorio a limitare lo sviluppo della parte d'Italia di cui sono chiamato a parlare in pochissimi minuti
Faccio due riferimenti un riferimento ci sono delle ragioni che sono in qualche modo endogene cioè sono dei problemi che abbiamo causato noi e quindi noi dobbiamo essere in grado di
Risolvere il tema della burocrazia
A Catania c'era uno strumento eccezionale che lo strumento utile lo sportello unico per l'impresa signora investi a Catania
Quello strumento eccezionale perché per mettere in poche settimane garantendo
Poche settimane minor durata breve permetteva chi voleva investire nella città di farlo certo arrivi in quattro settimane cinque settimane in un paio di mesi al massimo avevi la possibilità garantita
Di aprire lato impresa questo perché perché gli veniva finiva affidato un tutor quindi non doveva parlare con cinquanta soggetti burocratici diversi do a parlare con il suo tutor l'imprenditore che voleva venire a Catania
Questo che penso sia un progetto che anche Enzo voglia di
è intenzione di reinserire nella nostra città ed è uno strumento ovviamente di grande importanza
In ultimo però ci sono anche delle questioni che sono i soldi ce n'è cioè che in qualche modo non dipendono dalla nostra volontà ne parlavo ieri con alcuni amici il tema è
Che è scandaloso francamente che
Un milanese per arrivare a Roma in treno impieghi poche ore tre ore
E qualcosa
E invece per arrivare da Catania a Roma e la distanza in chilometri non è eccessiva ci metta dodici ore
C'è un catanese beh inutile che parliamo del fatto che il sud Italia non ha strumenti i ragazzi del sud Italia non hanno strumenti per crescere un catanese che vuole investire a Roma che vuole
Creare delle relazioni a Roma ci mette dodici ore oppure si prende un aereo
E questo lo lo spread che c'è fra nord e sud e di livello infrastrutturale finché non risolviamo i nostri problemi infrastrutturali problemi del Sud Italia il collegamento tra Catania e Roma finché non ci vogliono cinque quattro ore per andare da Catania a Roma
Un
Genio un'intelligenza un talento catanese
Sarà sempre meno valorizzato di un talento milanese
Sono questi i problemi che dobbiamo provare a risolvere
Qualche mese fa facciamo campagna elettorale proprio Berenson diamo fatto una passeggiata e chiedevamo a delle persone di dirci di lanciarci un segnale positivo cioè di dirci qualcosa su Catania che ci desse una speranza
è passato un milanese indici che stava facendo un giro della città e ha scritto avete loro sotto i piedi
E lì non c'era solo un messaggio positivo
Lì c'era anche il
La
La
Tristezza nel vedere una Regione splendida che però cammina sul loro che ha sotto i piedi senza molte rendersene conto
Allora credo che noi che siamo forza positiva di questo Paese dobbiamo assolutamente chiedere alla classe dirigente di risolvere di superare questi freni
E di permetterci di diventare attraverso costoro tutti noi un po'più ricchi
Grazie video Maurizio Scarano Emilia Romagna poi l'ultimo intervento e iniziamo subito con la tavola rotonda prego Maurizio
Buongiorno io vivo e operano a Ravenna come molti di voi sapranno eviterei però di parlare di problemi specifici del territorio
L'Emilia-Romagna la Regione molto grande da Piacenza a Rimini i problemi sono di molteplice natura
La cosa che viene spontanea chiede porre come problema a me stesso
Innanzitutto
Ma credo che possa essere di interesse generale e cosa deve fare
Un democratico e in particolare è particolarmente utile Liberal PD
Oggi in un territorio come quello emiliano-romagnolo il quale viene
Dal consolidati Sima storia di amministrazione di sinistra
In un'accezione che noi spesso come
Di provenienza liberaldemocratica abbiamo ovviamente contrastato
E quindi
In che cosa si debba qualificante
Il l'operato sia del del liberal PD sia del democratico oggi all'interno di una Regione di questo genere perché perché il problema principale credo uno dei problemi principali
Delle amministrazioni in Italia in genere oggi sono proprio le Regioni
Le Province sono stato un argomento che sono state affrontate
In maniera di cui si sta tuttora discutendo ma certamente non sono l'elemento centrale e questo lo sappiamo tutti passare insidioso lo sanno il tutte le persone che l'elemento centrale di una riforma della pubblica amministrazione
Non è
Il le
Riordino la riorganizzazione o l'abolizione delle Province
Mentre invece l'argomento regionale io credo che questo sia un argomento cui
Il Partito Democratico in particolare Liberal PD possano dare un grandissimo contributo e proprio ripensare il ruolo delle Regioni all'interno
Del problema più complessivo della pubblica amministrazione in Italia
Nella Regione Emilia Romagna ovviamente c'è un problema diverso da quello che può essere in Sicilia o può essere altrove anche se i fili conduttori alla fine sono sempre quelli
Resta però ci sono più ci sta e una cultura da ribaltare
I vari livelli amministrativi e soprattutto quello regionale
Sono stati
Gestiti improntati a realizzare a una cultura di controllo del territorio e delle attività del cittadino
Non quindi a una liberazione delle potenzialità del territorio ma a una liberazione di quelle potenzialità che magari erano
Utili a un certo potere politico
Credo che noi siamo sicuri pianeta completamente diverso quindi
Oggi
Nella Regione Emilia-Romagna parlare di ruolo nostro dentro il Partito Democratico significhi
Un'analisi critica fortemente critica per non dire feroce
Del passato della gestione del passato il ripensamento globale del ruolo della Regione
E come fare sì che i livelli di
Responsabilità perché oggi la pubblica amministrazione si basa sul principio di deresponsabilizzazione
Possano
Trovare invece nel cittadino un interlocutore che che abbia le risposte che cerchi che realizzi
Quello che vuole realizzare io per professione faccio progetti sul territorio non soltanto in Emilia-Romagna anche altrove lavoro per una società di ingegneria gli ostacoli maggiori anche recenti
Vengono dal fatto che imprenditori soprattutto stranieri stiamo parlando di governo Renzi parla di apertura
Ai mercati a agli all'imprenditoria e-mail capitali stranieri in Italia un imprenditore non può venire in Italia e sentirsi dire che non si sa quanto tempo ci vuole realizzare il progetto
Che la cosa minore che non sa cupi se riesce a realizzarlo perché
Si gira e se ne va questa quindi e la Regione in tutto questo ha un ruolo determinante
Il problema e più per i politici e più per i giuristi
Credo però che ripensare affondo radicalmente
Come oggi è concepita la struttura regionale anche le competenze le sovrapposizioni con gli altri livelli l'i Comuni le Province i ministeri
Attenzione alle Province perché fra
Fra
La Regione e il Comune
Un ente intermedio è necessario e necessario per un motivo semplice che quando un progetto o di qualunque tipo io parlo di progetti nel progetto è un termine molto ampio quando un progetto
E complesso sappiamo benissimo tutti quelli che operano sul territorio lo sanno che non ci sono a livello comunale le competenze per saperlo valutare
C'è una fortissima dequalificazione dei dirigenti e nel settore pubblico
E la Regione non è l'interlocutore che ti consente di liberare quell'energia perché troppi un muro qualcuno diceva prima non mi ricordo chi il problema non è tanto
Lì i fondi europei no no i problemi sono di fondi europei
I fondi europei non vengono spesi
Ma non è che non vengono spesi in Molise o non vengono spesi in Calabria non vengono spesi neanche in Emilia Romagna
Vengono spesi soltanto quei fondi che hanno una corsia preferenziale perché ancora si guarda
Alla provenienza del richiedente di quei fondi
Quel progetto da chi ti ha chiesto di attacchi e patrocinato
Ma il colore politico dell'amministrazione e ho finito credo di avere messo
Un ditino su una
Piaga dolente ma rispetto al quale
Se non ci dicessimo realmente le cose come stanno e non affronteremo mai il problema vero del di una riforma del sistema regionale
Grazie
Grazie Maurizio
Adesso grazie Brizio adesso dico Scoppola prego Enrico
E poi subito dopo la tavola rotonda
Mentre Enrico arriva io vorrei sono arrivato ora
Volevo dirvi che
Il Partito Democratico di Amelia
Ci offre questo aperitivo al termine dei lavori della mattinata al Teatro Sociale in via del Teatro per raggiungibile a piedi colgo l'occasione per rivolgere un
Sincero ringraziamento a Federico Lorenzoni il segretario del PD di Amelia che sta organizzando ci sta dando una mano con tanta passione dei contanti entusiasmo grazie il cuore Federico
Per l'accoglienza continui
Avete accolto
Prego
Ma
Anzitutto io mi chiamo del ricorso Coppola sono di Roma
Io ringrazio Gianfranco che mina
Tirato dentro all'ultimo momento in questa testimonianza non so che tipo di testimonianze effettiva
Io posso dare perché molto modestamente non sono un dirigente così si potrebbe dire del PD del Lazio ma ho accolto comunque con piacere questo invito
Mi vengono in mente due riflessioni e che quindi con l'improvvisazione che e determinato da questo essere stato catapultato forse però hanno
Il pregio di una
Minore riflessione maggiore genuinità ieri abbiamo assistito a una giornata un pomeriggio io dico ad Enzo Bianco complimenti perché un un pomeriggio molto intenso molto interessante devo dire
E abbiamo
Sentito tutti noi delle riflessioni sulla riforma del Senato
Lo voglio raccordare il problema del territorio perché chiaro che noi dovremmo capire molto bene
Quale sarà il nuovo Senato delle autonomie un Senato solamente che esce che uscirà dalla riforma perché è chiaro che questo pone anche i partiti sul territorio in una dimensione di natura differente
Vale a dire tanto più sarà forte la connotazione del Senato o del Senato dall'autonomia o come lo vorremmo chiamare
Tanto più saranno forti o comunque ben determinati
Non so se limitati ed estesi i poteri del
Nuovo Senato tanto più il territorio diventerà un interlocutore dell'Autorità delle due Camere o della Camera del Senato
In questo senso in questa natura
Immagino un Partito Democratico che rafforzi ancora di più il suo legame del se col territorio per poter poi attraverso i suoi rappresentanti esso stesso nelle forme che si dividerà portare una testimonianza ho un rapporto più profondo nell'ambito dall'arrivo del Senato delle autonomie
Devo dire ho sentito prima e questa è la prima riflessione che mi viene in mente in questa logica anche il mio amico Maurizio Scarano prima
Fatto delle riflessioni certamente interessanti sul rapporto con il territorio
Mi chiedo e forse anche Gianfranco questo lo comprenderà perché lo dico
Mi chiedo perché ancora continuiamo a dire noi democratici e noi Liberal PD noi liberali e noi repubblicani e non
Qui
Io come ebbi occasione di dire in una ormai non recentissima riunione di Sinistra liberale
Dissi finiamola di chiamarci così chiamiamo ci tutti democratici non vorrei questo tipo di ancora divaricazioni ciascuno ricorda per carità
Si dice e chi non ha memoria non ha un futuro la memoria importante traduciamo la però anche termino logicamente
In una in un qualche cosa che non ci riporti poi continuamente alle famiglie del passato
La seconda riflessione più collegata al territorio che volevo fare
Riferita più che al Lazio che è una regione molto ampia e vasta è molto diversa se voi pensate il nord del Lazio molto più vicino anche con la mentalità la Toscana il sud del Lazio è molto più vicino al Meridione
Quindi voglio dire una regione molto composita
Mi limito a Roma
Proprio la città complessissima è una scelta straordinariamente bella
Ma molto complessa e fatta di anime anche molto individualista
Noi come Partito Democratico penso che dovremmo porci un obiettivo perché diciamocelo chiaramente abbiamo sbagliato nelle ultime elezioni comunali
In nome di un successo
Che probabilmente a molto poco di qualità in nome di una ricerca di consenso che probabilmente a molto poco
Di collegamento con la città e questo violazione delle flessione che facevo precedentemente qualcosa che ci deve preoccupare perché siccome dobbiamo portare come territorio
Un contributo diretto al Senato quello che sarà l'articolazione diversa differente delle nostre Camere dobbiamo pensare a un legame al territorio
Noi abbiamo
In seguito un successo candidando un personaggio del tutto estraneo alla cultura del territorio e questo oggi dispiace dirlo nulla contro la persona
Personalmente l'ho anche votato quindi nulla contro la persona ma si tratta di un problema di raccordo con il territorio allora importante secondo me per un partito di democratici
Che si occupano di territorio
E in cui il territorio sempre più rilevante sarà in futuro verificare che anche la rappresentanza politica di quel territorio sia affidata essi espressione
Di soggetti che con il territorio hanno una stretta connessione
Altrimenti rischiamo l'espressione di molti princìpi e di poche realtà
Si è detto oggi Renzi porta alla realtà e verissimo apporta la realtà porta un modo di affrontare i problemi
In maniera
Molto più puntuale e molto più immediata molto più non vorrei dire frettolosa perché la la fretta non è una cattiva è una cattiva consigliera
Ma molto più radicata nei bisogni della gente questo deve avere un trasferimento anche nelle politiche del territorio per cui
Del territorio ci devono essere persone
Connesse all'Area nella quale opera lo conoscono e che ne costituiscono anche l'audizione grazie
Grazie
Grazie a tutti i partecipanti e pregherei allora
Gli ospiti della
Del
Successiva
Successivo panel di prendere posto sono Ludina
Barzini la nostra vicepresidente dei Liberal PD
Giornalista scrittrice
Poi c'è Marta Boneschi anche essa scrittrice il giornalista
Tiziana Catarci professore per le infrastrutture e le tecnologie all'Università la Sapienza e Lorenza lei Presidente di RAI
Pubblicità prego di prendere il posto guardate questa tavola rotonda è uno dei momenti più importanti della di questo seminario
L'impostazione tradizionale che nel mondo
Da cui
Veniamo e c'è stata solitamente
Sul tema della
Della
Queste delle pari opportunità è una questione essenzialmente di diritti di libertà civili di
Diciamo un approccio di tipo che abbiamo etico giuridico oggi noi vorremmo cercare di imprimere
A questo all'alla ad affrontare questo problema un'altra tipo quello di impostazione e cioè
E cioè la questione diciamo femminile delle pari opportunità come questione essenziale e risorsa per lo sviluppo del Paese
Siamo assolutamente convinti che
La capacità di innovazione di intelligenza di le sensibilità di una cultura
Perché può in imprimere affrontare in un modo moderno questa questione può essere uno dei fattori veri
Della ripresa dello sviluppo del nostro Paese per questa ragione abbiamo chiamato
A partecipare a questa tavola rotonda persone che hanno anche storie professionali diverse intellettuali
Scrittrice e giornalista manager impegnate a dirigere anche aziende di straordinaria importanza relatore l'il mondo accademico se
Siamo d'accordo io seguirei l'ordine alfabetico no alla ditemi come vogliamo andare avanti
Io volevo suggerire preliminari condurre una
Il prelievo perché riconosco benissimo aree ho concordato con loro
Grazie Enzo
Grazie a tutti buongiorno
Ho chiesto di condurlo io perché
Perché
è un'impostazione che ho voluto dare a questa tavola rotonda che è la prima che è la prima
Tavola
Fare subito il microfono
Allora nella prima della tavola rotonda Gasbarra di un problema
A monte di una parte di questo mondo ribasso
Però
Dovevo
Ci siamo sì
Allora
Intorno a questo tavolo ci sono
Oltre alla sottoscritta che la vive in questo mondo della politica e del lavoro da quasi cinquant'anni e devo dire che in questi cinquant'anni
Per fortuna mia ho visto col mondo cambiare da tutti i punti di vista ma anche da quello femminile
E
Battaglie sono state fatte di ogni genere io su questo non voglio tornare ma vorrei dire due parole
Per
Che il cammino di un reale equilibrio di genere
Deve continuare
è necessario accrescere e diffondere la conoscenza sulle potenzialità delle donne rendere noti i vincoli che ancora frenano il loro pieno sviluppo
I limiti l'accesso al mondo del lavoro e alle posizioni di vertice sul tema generale dell'empowerment
Il punto di partenza e quello economico il disequilibrio è un costo e il perseguimento di una parità sostanziale in tutti gli ambiti e a tutti i livelli non è un lusso ma una necessità
Secondo dati OCSE il reddito delle donne contribuisce al benessere familiare riduce la povertà aumenta la massa fiscale e previdenziale e la domanda di beni di servizi le donne
Possono costruire una leva importante per la ripresa del nostro Paese
Sono recenti due notizie interessanti la prima una misurazione Istat sottolinea che il capitale umano delle donne vale meno di quello degli uomini
Duecento trentuno mila nuovo contò quattrocentocinquantatré
Due sono le ragioni il più basso tasso di occupazione femminile dovuto anche al carico di lavoro familiare il secondo è la minore una lottizzazione a parità di competenze delle donne che stanno nel mercato del lavoro
E quando lavorano guadagnano Perù quali mansioni
Molto meno
Anche le pensioni perciò delle donne sono più basse
Ci vogliono due femmine per fare un reddito di un maschio
L'altra notizia e che nel Lazio l'impresa sta diventando donna
Nel due mila e tredici centoquarantacinque mila cinquecentottantuno attività imprenditoriali
Sono guidate da donne da un totale di seicentoventidue in paese un tasso del ventitré virgola quattro per cento di femminilizzazione
E sono in aumento l'Unione nella diversità
Che è un valore da difendere anche in politica dove le donne hanno ottenuto buoni risultati come amministratrici della cosa pubblica
In Parlamento con le leggi che introducono la parità le quote rosa leggi che tutelano i diritti delle donne
Hanno senza dubbio contribuito ad alzare il tetto di veto della piramide del potere che l'anno
Ma non l'hanno rimosso
Stereotipi culturali
Restano ancora molto difficili da vincere
Ma non impossibili stereotipi possono essere all'origine di un fenomeno spesso
Non percepito e pertanto difficile da combattere
La cosiddetta discriminazione implicita non voluta che è però alla base di scelte e a sfavore delle donne questi vanno combattuti sul piano culturale
Sociologico e psicologico per raggiungere un'equità reale
Sia orizzontale pari trattamento delle risorse per pari capacità sia verticale trattamento differenziato in funzione di capacità diverse che prescinde dal tal genere
Intendiamoci molto è stato fatto in questi ultimi anni e non ultima la legge sulle quote rosa
Che alcuni obiettano non amano e che non posso dire che io
Vado matta per video delle quote rosa perché creano un alto piccolo ghetto
Ma se
Per poter accedere ad alcuni posti in ugual misura degli uomini ci vuole una legge che si chiama quota rosa vuol dire che proprio siamo partiti da lontano
E però le quote rosa hanno obbligato un certo numero
Hanno
Portato non obbliga hanno portato un certo numero di presenze femminili nei consigli di amministrazione nelle liste elettorali
E anche altrove e stato indispensabile per rompere qualche stereotipo di troppo
Ma è sul piano culturale e insisto sul piano culturale che bisogna agire
E ciò è competenza della scuola dell'università delle istituzioni preposte alla diffusione della cultura introducendo anche nei libri di testo figure femminili che hanno fatto la storia
Per migliorare l'equilibrio di genere e la consapevolezza che l'evoluzione umana è frutto dell'azione congiunta di donne e uomini
E già iniziata questa trasformazione della figura femminile con l'uso di un linguaggio
Più corretto nella pubblicità e nella rappresentanza che si fa della donna meno velina per favore e più personale
Ora
Noi posseggo in ordine alfabetico perché qui intorno a questo tavolo
Ci sono persone che rappresentano tre donne che rappresento mondi diversi
E vorrei
E questi mondi ti allego dialoga sono fra di loro
Per
Sandro capire e conoscere
Un mondo che molto cambiato e di cui poco si parla perché la rappresentanza degli stereotipi culturali continuano
Ad ad essere un freno a una realtà che tanto eh già cambiata
La dizione lo dice alla persona che da anni auspica questo cambiamento che ha fatto il direttore all'età di ventinove anni nel mille novecentosettantuno quando di donne che dirigevano giornali non femminili non ce ne erano
E che
Io mi considero un apripista
Per le battaglie che abbiamo dovuto fare sul
Territorio del lavoro quotidianamente ora trarre per prima la parola Tiziana
Capaci che oltre che ad essere quello che ha detto denso e anche poi Ettore
Alla Sapienza
Non c'entra
No
Professore
Senta
Professione Dini ingegneria
Insomma presero ingegneria informatica
Settore abbastanza inusuale per una donna fatti ce ne sono poche pochissime quand'è che sarà diventata pressione ordinaria
Erano due
Tutta la Sapienza né in quella del settore disciplinare adesso
Siamo tre
Non è un
Un enorme
Passaggio
E adesso vedremo un po'perché
E poi sa no prorettore alle infrastrutture e tecnologie
Devo dire che
Io sono stata scelta dare l'attuale rettore all'inizio del suo mandato per due motivi una
Era la competenza devo ammettere cioè è
Ha voluto un in
Daniele informatico a occuparsi delle infrastrutture informatiche già questo ha rappresentato un discreto Passavanti alla Sapienza prima se n'erano occupati archi Titti letteraria insomma era considerata una carica che dava potere anzi capisce bene quale ma comunque la data
E e poi perché era una donna quindi nel mio caso sono valse le famose quote rosa nel senso che nell'insieme dei prorettori
Delle rettore privati lui voleva almeno due donne e quindi la dovute e cercare poi la trovate una sana di chi ha un'altra una collega di economia
Allora
Io sono assolutamente d'accordo con quello che diceva Ludina Barzini sul fatto le quote rosa non sono la cosa più bella e ci possa essere ma sono servite e purtroppo servono ancora
Sarebbe bello poter le chiamare quote di genere come in altri Paesi
Il che vorrebbe dire che prima o poi servirebbe un e quel riequilibrio anche al maschile per non avere troppe donne però diciamo noi siamo in Italia ancora parecchio lontani dalla situazione della Danimarca dove esattamente quello che è successa
Io però volevo parlare della
Dell'occupazione che è un tema diciamo molto interessante fra l'altro
Mi piace molto il titolo di questa tavola rotonda che
Concentra proprio fa questo passo in più e si concentra sull'occupazione e sulle possibilità il mondo femminile e anch'io vorrei partire da alcuni Bertè alcuni dati
Allora lo studio Bankitalia
Che apparse di recente diceva che se l'occupazione femminile passasse dal quarantasei uno per cento italiano alla media europea che è il cinquantatré un per cento al si produrrebbe un aumento del PIL del sette per cento
Allo stesso tempo Barroso ha detto Cisano novecento mila posti di lavoro vacanti nel settore dell'ICT in Europa soltanto per il due mila e quindici
Novecento mi alzavo vuoti
E in generale nel mondo c'è questi Salto di Gartner di queste grandi dell'OIV eccetera c'è il quaranta per cento di posti vacanti in ICT
Quindi una quantità enorme
E
In più possiamo dire che sfortunatamente agli ultimi dati dicono che la disoccupazione giovanile in Italia del quarantadue tre per cento un valore
Mostruoso
Allora mettendo insieme in maniera molto semplice queste tre informatica e ogni una diviene di chiedersi va be'ma allora perché le ragazze non cercano lavoro in ai siti
E questo è un bel problema debba il problema perché purtroppo le studentesse in ICT sano poche pochissime e la cosa terribile che sanno in diminuzione
Non solo nel nostro Paese
In generale in Europa
In particolare in Italia
E quindi il problema sul quale come si possano attrarre più donne in questo settore
Ci sono varie iniziative per esempio la compilarli vicepresidente della Commissione europea ha lanciato recentemente un programma che si chiama ICT lei disse
Allora questo Progetto vuole
Mostrare alle ragazze modelli di successo e qui veniamo al primo punto la necessità di a vere e modelli femminili di successa in questo settore considerato così a ostico
Quando io eroi molto più giovane sfortunatamente molto e facevo i miei primi Carla Guidi lavoro
Mi ricordo male scorrerà mai perché una persona che ho fatto un colloquio mi ha detto che non avevo all'aspetto dell'ingegnere
Cosa che all'epoca mi ha colpito però diciamo io l'ho presa come una spinta nel dire bene io conserverò e mi aspetto ma ben Dry che diventerò Stanziola ingegnere ma che farò la mia carriera
Di di successo quindi prendiamolo purtroppo c'è ancora forse qualcuno che la pensa così che bisogna venire
Prefissi cadere ingegnere che quella maschile
Ma
Io penso alle ragazze debbano prendere questo come una spinta a metterci più forza e più volontà nel riuscire
Allora questo problema dei modelli esiste
L'ha speso approcciare il seguito da un progetto che si chiama la nuvola rossa che Microsoft a promuove e sotto l'egida delle Nazioni Unite in tutto il mondo
Ventidue ventitré ventiquattro aprile
Ci sarà danno in Sapienza perché è stata scelta Roma la Sapienza per l'Italia terrà i giorni
Di avvicinamento delle studentesse liceali universitarie anche giovani ragazze che comunque conoscono un po'di computer non necessariamente laureate
A l'informatica in particolare e ci saranno appunto donne che presentano modelli positivi
Ci saranno corsi gratuiti e così via tre giorni intensi per avvicinare le ragazze a questo settore
E
Succede qualcosa addirittura in Giappone Giappone la la società più maschilista che esiste c'è una donna per la prima volta tranelli cifra in genere di Toyota era prima in assoluto
Però purtroppo in Europa solo nove sviluppatori su cento sono donne solo il diciannove per cento dei manager rimessi tisana donne
E che è assurdo perché Cisano Zacco di studi che mostrano come le donne sanno particolarmente portate a quello che il succo dell'ICT che è il problema sa oggi venga
Le donne fanno sempre problem solving nella loro vita tutta la vita e vanno Parigi allora ben venga
Proprio
E
Quello è il succo dell'ICT quindi le donne dovrebbero essere particolarmente portate e questo è il secondo punto cioè cancellare gli stereotipi
Quali saranno gli stereotipi che esistano oltre al diciamo la tipica figura
Del computer Scientist come un hacker un nervo uno di questi brutti dagli occhiali che sta chiuso in una stanza
A programmare non è così non è questo questo è un aspetto veramente marginale
Quello che noi stiamo tentando di fare in Sapienza
Per cercare diciamo di porre un freno a questo crollo di presenze femminili nei settori scientifico tecnologici in particolare dell'informatica
Che già erano poche le ragazze ma adesso sono ancora di meno è quella di avere per esempio il Dipartimento di Informatica quei
In ogni ingegneria ma l'altra laurea vicina che è quella proprio di informatica ha promosso un programma che si chiama merita
Nervi danni non è roba da donne punto interrogativa allora anche a causa
A che calza a Rivalta questo programma essa programmarsi ispira un po'a quello che è stato fatto negli Stati Uniti genetico dei prezzi mantenuto diritti dei neri cita in un secondo Somchai
Aveva strana fitti interrompo un attimo qua e importante di questo programma ettari
Edizione poi su questo vorrei passare parola
Lorenza amici
Lei
Lorenza Lei che tra l'altro ha scritto all'interessantissimo libro che si chiama ecco NET ora provenzale oggi Presidente di RAI pubblicità
Ma è stata per molti anni in RAI è stata anche direttore generale della RAI
E a Lorenzo relazione
Lorenza vorrei rivalsa e non la sostenibile
Ma perché mi hanno fatto arrabbiare
Prima dell'inizio della tavola rotonda dicendo manca una donna ci mettiamo un uomo
E io ho detto è che senza voi io ancora sono sotto choc all'idea che visto che mancano una donna mi mettevano l'uomo nella tavola rotonda vedi che il mio lapsus continua
Allora
Invece
Ho chiesto all'utenza di parlarci un attimo di quelli che sono i linguaggi
Vorrei
Vorrei poi riprende eretto un secondo giro di di di di tavola fra le tre fra i tre interventi
Per
Che ciascuno può e potrà trovare degli spunti nel commenti dell'una o dell'altra per chiudere
Ora
I linguaggi del MIUR della pubblicità
Che riguarda le donne
Ed è la televisione io non
Non so come esprimere Mineo altro che
è stato per vent'anni con un modello terrificante per le donne stesse molti ficcanti
Perché
Vedevamo delle cose che non rappresenta la donna nella vita di tutti i giorni pubblicità
Per vendere dei detersivi con degli stacchi fino all'inguine che non è la casalinga non si veste così quando fa il bucato ora
Lorenza ci
Ci diceva un attimo
Cos'è questo mondo
Dell'immagine e questo linguaggio
Grazie grazie a tutti grazie Enzo Bianco grazie a David oggi ovviamente grazie alle di normative di questo invito io
Soltanto brevemente prima di parlare di linguaggi volevo dire proprio per questo scambio di
Sto lapsus specie in realtà ai direttori generali la RAI ne ha avuti
Diverso il ventiquattro
Di cui primi trent'anni sono stati fatti da due direttori generali e gli altri trenta da ventidue l'unica donna sono stata io
D'acqua lapsus ecco guardate ecco qua
Detto questo oggi parliamo di linguaggi parliamo di
Di come la comunicazione come indisposta rappresentano la donna
Che bene attenti a un lavoro molto importante
Quello di riuscire a rappresentare la donna che non è soltanto bellezza estetica mai bensì contenuto lavoro che è proiezione dentro la Società dentro il tessuto industriale che è sviluppo
Quindi passa parlare di etica e quindi unirla allo sviluppo allo sviluppo del Paese allo sviluppo industriale questa un contesto molto importante perché
Dopo tanto tempo è la prima volta che sento un po'a parlare in termini concreti ma anche in termini politici che permea quelli che dicono la politica fuori dalla RAI mi danno qualche perplessità
Però evidentemente io penso che era politica sana possa dare un sano contributo all'evoluzione anche del mondo della comunicazione
Cosa abbiamo fatto anche cosa stiamo facendo nel lavoro
Di cui mi occupo oggi e quindi di pubblicità
Stiamo cercando di ma anche nella nostra miliardi esse interna
Di proporrei nostri investitori dei modelli nuovi
Tenuto conto che la pubblicità la fanno le industrie ognuno produce per se stesso quindi orientare a un nuovo una nuova idea del concetto di donna dentro la pubblicità non è semplice
Questo non vuol dire che non è in corso perché non è possibile comunque che non si può
Evitare di percorrere comunque questo potenziale di cambio evidentemente culturale nell'impostazione anche della creazione dello sport
E così come raccontavo ieri a Ludina mi sono trovata
Proprio dall'estate scorsa confrontarmi con alcuni investitori anche nel settore dei gelati piuttosto che della moda piuttosto che di altri ambiti
E così nella loro creatività mi parlavano di come passare dall'idea di promuovere uno spettro di gelato con una vaschetta piuttosto che altro genere
Chi mettere attorno al tavolo come rappresentare la famiglia è dove mettere la mamma e e da lire io proposi loro proprio alcuni temi di riflessione
Prima di tutti era intanto dobbiamo dire che non è la mamma soltanto che sceglie la merenda
Dobbiamo dire nelle scuole e questo lo dobbiamo ribadire che la mamma quando va a lavorare non fa un non deve tornare a casa
Ho rimosso e dobbiamo dire tante cose e questo lo dobbiamo dire mentre ci prepariamo e siamo anche dentro al posto di lavoro perché il lavoro
Per chi lavora è come tutti noi cerchiamo di lavorare in un contesto difficile ma sotto di fanno crescere in modo anche più più coerente il più condiviso
Il tema delle quote di genere per me è un tema importante anche se vorrei
Che immediatamente si superasse nella volontà di inserire e dentro i progetti
Proprio con la presenza di delle donne ma non perché è un obbligo ma perché è un'opportunità
Quindi superare arrivare al al al rappresentare quindi la donna dentro gli sport non appunto bella è luminosa sul
Tanto giovane con poche Rubbia ma bensì una donna normale che può essere mamma può essere
E in quell'occasione racconto
In cui l'anno scorso c'era questa grande addenda che vende gelati che doveva rappresentare come per la qualità del prodotto e quindi se c'è
Un'ipotesi di lavoro che poi riuscimmo poco leggermente a modificare e dando quindi è un carattere di alla
Diciamo al gruppo che consumava gelato
Anche nello stesso casting abbiamo scelto persone normali
E tra queste persone normali sono donne formali anche con delle rughe
Con dei brufoli piuttosto che in con tanti sorrisi perché è normalmente si può benissimo immaginare che
Comunicare la soddisfazione non è necessario comunicarla con la cui fatto estetico la positività della comunicazione è rappresentata da
Dalla bellezza ma bensì dalla significato espressivo che ha un volto il muscolo con me come si muovono zigomo piuttosto che come si muove un braccio una mano
è molto delicato perché in quindici secondi avanti in trenta secondi e quando va bene settanta secondi si deve fare una sintesi che e ben più di un saggio perché in questa occasione io sono riuscita a trasferire da quel concetto di quella donna che dovrà rappresentare il gelato invitare tutti a casa cena per mangiarsi
Il e cioccolata invito della diciamo il gelato più conveniente e in una condizione
Di comunità socialmente
Rappresentava tutte le generazioni però dove la la donna era una donna normale semplicemente con le caratteristiche di una mamma e di una donna che lavora
Grazie Lorenza
E
Verrà nella parola Marta Boneschi tornata
Boneschi ha scritto
Alcune biografie
Storiche di di donne e recentemente ha scritto la biografia assolvere vinti ma non verdi della musica ma Verdi l'uomo l'economista
E la persona in tante altre vesti oltre che musicista
Amata avevo chiesto di darci un piccolo spaccato culturale
Del dello stereotipo e della cultura che dovrebbe
In qualche modo cambiare
Per includere anche il ruolo delle donne nella storia
Nella cultura e in tutti
I luoghi dove hanno fatto delle cose che sono escluse dai libri di testo incominciando devo dire dalla
Dalla
Prime classi elementari della scuola a salire
Marta
Grazie
Grazie a tutti perché mi permettete di registrare un record negli ultimi direi dieci anni
Quando ho partecipato a dibattiti sulla questione femminile erano praticamente deserti perché sono talmente noiosi
Irrilevanti ripetitivi piene così pieni di luoghi comuni che oramai non interessano quasi più nessuno qua invece mi pare che si apra si respira un'aria nuova
E questo di questo vi ringrazio anche
Abbiamo bisogno di innovazione come dell'ossigeno sono anche contenta invece dissentire aria vecchia ma vivificante perché io sono convinta e rimpiango i tempi in cui la RAI
Aveva anche una funzione pedagogica e queste che sia persa negli ultimi vent'anni in questo deserto di conformismo e di luoghi comuni e di sconcerto esse
Sono molto contenta di sentire da Lorenza lei che è un'anima pedagogica c'è ancora e lì e vive
Permettetemi di
Di cominciare con due piccoli apologhi
Uno è un dialogo che osta perché in un in un film inglese non italiano in un film inglese c'è un marito
Che dice alla moglie Camara
Potremmo potresti smettere di lavorare eccidi ci adattiamo a vivere solo con il mio stipendio lei lo guarda gli scocca uno uno sguardo terribile gioca a Quito quello che mi proponi e povertà e noia
In questo
Si svolge in Inghilterra
In Italia invece secondo apologo una dottoressa mi racconta che dopo avere salvato una signora ottuagenario ha da un ictus
Questa signora finalmente tornata alla lucidità le racconta della sua vita e dice io sono così felice perché mio figlio ha sposato
Una donna che si occupa di luglio si occupa della casa gioca a carte con le amiche a
Fossero tutte come lei le donne
Risponde la dottoressa cara signora se tutte le donne fossero come sua nuora lei sarebbe già morta
Che cosa mi dice per quei due apologhi mi servono a dire che noi italiani siamo portatori di una cultura su questa materia dei ingegneri della convivenza di uomini e donne nel mondo moderno
Siamo spesso portatori mal sani di una cultura tradizionale che a inceppato
A inceppato lo sviluppo non solo economico ma anche culturale perché l'apporto delle donne come ha illustrato bene Ludina
Prima è
Molto scadente in Italia poi dobbiamo aspettare che sia la carta dirlo per vedere che questo dramma diventa un titolo di prima pagina del Corriere della Sera un'apertura dei Giornali Radio
Lo sapevamo già
Ma perché diventi un problema pubblico il rimbrotto deve venire da una personali da straniera di livello internazionale non potevamo accorgercene noi per questo dico portatori mal sani
Siamo portatori Massaini di una cultura duplice più di due culture potremmo dire in questa materia che sono ben rispecchiate nella Costituzione una la cultura della libertà
E l'altra è la cultura della tutela io segnalo come esempio devo leggerlo perché in presenza di persone così colte e di costituzionalisti non oso citarlo memoria
L'articolo trentasette della Costituzione dice che la donna lavoratrice gli stessi diritti a parità di lavoro le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore
E qui abbiamo già sentito che le retribuzioni italiane degli uomini e delle donne differiscono notevolmente quindi questa è un articolo della Costituzione inascoltato inattuato
Prosegue
Le condizioni di lavoro devono consentire l'adempimento della sua essenziale funzione familiare assicurare la madre al bambino una speciale adeguata protezione questa seconda parte la tutela
Se noi consideriamo che se noi accettiamo che l'essenziale funzione della donna è una funzione familiare
Non possiamo stabilire la parità di condizioni nel lavoro eppure l'articolo primo della Costituzione dice che la Repubblica italiana è fondata sul lavoro ma non dice è fondata sul lavoro maschile
E quindi qui si vede che esistono due culture la nell'articolo due poiché questo è un aneddoto molto noto ma permettetemi di ricordarlo a chi
Chi forse non non lo conosce quando si discute dall'articolo due laddove dice senza distinzione di razza religione eccetera
Lina Merlin fece una battaglia solitaria perché fosse inserito anche senza distinzione di sesso
E di fronte ai colleghi che le diceva allora solita la solita rompiscatole pignola tignose
Lei rispose non si sa mai
Meno male
Che abbiamo anche questa precisazione
Perché altrimenti non non io credo che molti molti progressi civili in Italia sarebbero stati ostacolati nome del fatto che la Costituzione non l'UDC bensì per fortuna lo dice
Allora queste due culture
Secondo me al momento in cui viviamo sono arrivati a un punto che in cui non non possono più non arrivare a un chiarimento
Il chiarimento deve poter consentire di andare avanti usando questi due ospedali tutti e due non non non è necessario che confliggano si può contemperare la cultura della tutela
E quindi le quote rosa per esempio
Che io non vorrei più sentire parlare di quote rosa perché se no poi dopo appunto tardi apposi adoriamo dire che qui non c'è la quota azzurra perché siamo a tre donne non lo so ed è
è ridicolo su era il è ridicolo cerchiamo di evitare il ridicolo e prendiamo sul serio questa questione
Quindi contemperare queste due culture e gli strumenti che queste due culture hanno inventato nel corso del tempo quella della libertà e quella della tutela
No non per non si può anche approfondire insomma ma comunque personaggio e due gli aspetti che vorrei sottolineare uno è quello che riguarda l'educazione e secondo me si attaglia si incastra bene
Nella prima parte del titolo del nostro incontro costruire il presente
Per liberarci
Dei portatori Massaini della cultura tradizionale noi dobbiamo costruire il presente cominciando adesso dall'educazione
L'educazione deve essere
Sempre più indifferenziata tra maschi e femmine io non vorrei più sentire
Ai giardini o all'uscita delle scuole degli asili le mamme i papà che dicono
Fai vedere che sei un ometto oppure che dicono una bambina non comportarti la femminuccia
Questi sono condizionamenti intollerabili che vengono imposti fin dalla dal dalla primissima infanzia l'educazione comincia col primo sorriso del Papa e della mamma al neonato
Che sa quello che sta ricevendo quindi
Occorre essere consapevole che viviamo nel mondo moderno che nel mondo moderno in
Sono duecento anni che la rivoluzione industriale chiede il contributo fattivo delle donne alla società
Il contributo fattivo delle donne significa lavoro e quindi anche gettito fiscale tra le altre cose e significa che questo lavoro crea prosperità ulteriore aggiuntiva per il Paese
Per la società non si può rinunciare non si può rinunciare e occorre cominciare da un'educazione che sia il più possibile paritaria non uguali Tarija
Io ricordo che
Ricordo e ho fatto mio per tutta la vita che Anna Kuliscioff non parlava mai di uguaglianza e non parlava mai di parità ma parlava di equivalenza
L'equivalenza tra gli uomini e le donne significa che automaticamente che le opportunità devono essere pari
Questa è la dovrebbe essere la nostra cultura della libertà e delle opportunità
Abbiamo delle delle possibilità enormi abbiamo delle potenzialità enormi nel campo dell'educazione abbiamo un esercito di insegnanti che molto spesso sono frustrati perché non riescono
A esplicare tutto quello che vorrebbero in termini di pedagogia distruzione ed educazione
Perché sono intralciati dalle famiglie perché sono intrecciati dagli orari di lavoro perché sono intrecciati dalla parte burocratica del loro lavoro che notevole che a volte anche schiacciante
Però
Non è detto che le cose non si possano fare spontaneamente e qui io ho sotto gli occhi un ricordo straordinario
Che nel c'è quando non si riusciva a celebrare il centocinquantenario dell'Unità d'Italia Ludina tu non stai Barbosa eravamo la stessa Commissione recito siccome pertinenti a quel livello lì non succedeva niente
A livello periferico io sono stato sono stata invitata e quindi sono stata spettatrice
Di formidabili celebrazioni fatte con niente fatte senza risorse senza soldi in cui le maestre della scuola elementare erano l'anima di tutto questo
E controlliamo intrepida e contro le amministrazioni leghiste che non volevano celebrazioni hanno mobilitato non sono i bambini ma anche le famiglie
Allora questa educazione hanno fatto poste le quindi Contri convegni letture cose straordinarie
Come
Questo sottolineo che significa che noi abbiamo enormi potenzialità educative non soltanto nel senso della parità tra i generi
Ma nel senso dell'identità che era che ci rafforza l'identità la tradizione la memoria che ci aiutano
A passare la seconda parte che a progettare il futuro grazie ma
Passerei la parola alla professoressa
Per
Il merito d'che è un pozzetto straordinario
Si è rivolto sempre nel campo dell'educazione delle donne
Beh questo Progetto è ispirato un progetto che c'è stata anche cioè corrente rincorsa agli Stati Uniti dove c'è lo stesso problema aumentare il numero di studentesse
Nelle materie ICT
In particolare
E così si fa appunto in questo modo proponendo modelli positivi cambiando o cercando di cambiare gli stereotipi insegnando in maniera diversa
La computer science particolare
Questo è lo Stato e progetta un'erta
Progetto nel tempo Tatò lanciato dalla Corso di laurea informatica
E che ha solo il dieci per cento di studentesse
Che sanno in calo negli ultimi tre anni quindi pochissime in generale a pochi studenti se voi pensate quanto lavoro c'è Fini in queste disciplina è sorprendente che i ragazzi
Non provino almeno a studiarle
Diceva è difficile ma insomma
Si può fare
Sorprendente ci vorrebbe e più incentivazione su queste in ogni caso in particolare per il mette si va ad attrarre più studentesse è rivolto alle ragazze e dei licei
Siamo stati selezionati a Roma
Tutti le i licei le scuole superiori in generale particolare dice lei
E e le ragazze sono state invitate a una settimana di seminario in cui hanno da una parte di chi è l'obiettivo era di cancellare lo stereotipo del Werther
E di far vedere che la computer science può essere divertente socialmente utile
E non conduce solamente a fare il programmatore chiuso in una stanzetta ma fa fare tante altre cose questo è stato fatto sia con
Seminari innovativi che presentando modelli positivi che facendo dei laboratori senso torna in cui le ragazze imparassero gres a sviluppare up piuttosto che annuale
Installare sensori analizzare i dati e così via
E
Questo
Per
Far vedere che
Lei è questo tipo di discipline fornisce
Una conoscenza che di base per il miglioramento della società perché le ragazze studiano sede ragazzi erano studia materia scientifica studiano la biologia grande parte
Perché con la medicina perché fra le altre cose sanno dei tipi di professioni viste come socialmente utili e rilevanti
Soddisfa no evidentemente l'arteria stereotipo femminile in cui la donna deve essere di supporto alla società al mondo alla famiglia e così via se fa il vigeva informatico al sembra che non lo sia invece
Ora parte questa non è vero
L'altra cosa che noi ora mostrare perché bisogna Quaini
Diciamo attrarli è demolendo richieste reale divise una sensibilità dire lombarda resterà tesa sbagliati non serve bisogna fargli vedere che non sono proprio del rilevanti perché si basano su credenze sui miti è come quella una sala dei coccodrilli nelle fogne di Roma false genera uguale
Cioè si Bettega navi
Se secondo me sarà altri appunto agli animali quindi
In ogni caso questo non sappiamo quante affetto darà perché l'abbiamo fatto quest'anno quindi si vedrà stesse riusciamo a far aumentare le immatricolate
In informatica nel prossimo anno
Un'ultima cosa che volevo dire è
Che in questa ottica di creare nuove professioni utilizzando le tecnologie come strumento abilitante stilista pensando di
Rendere le li tipi di percorsi di studio che stanno più frequentemente presi dalle ragazze o comunque che sanno più frequentemente
In genere presi agli studenti tipo le lettere
Allora ne abbiamo tantissimi studenti lettere di cui una parte diventeranno insegni grecista di una parte fantastici giornalisti è una parte andranno nei call center
Ora
In questa
Se gli va bene
Se non valeva effettuazioni negative
Allora una cosa che l'università può fare però è anche cercare di offrire a chi ama studiare questi al commenti perché non tutti nascono con diciamo avrò menziona la matematica o veramente vivono le materie perché non agire con bene paura
Nuovi percorsi per esempio quella del di citarla gli umani chissà
O dell'informatica giuridica o del file verrà architetto al Consiglio FIAT cioè nuovi tipi di professionalità che hanno un ampio mercato e che essa no
Nascono a diciamo dall'applicare tecnologia informatica
A
Tipi di studi più umanistici più diciamo così tradizionali quell'altro questa è quello che stiamo cercando di fare è un Progetto anche questa dell'ANCE venimmo
Nel corso del del prossimo anno sperando di fornire anche più possibilità concrete di occupazione per i nostri laureati
Grazie
Tiziana Catarci
Rilanciare la palla Lorenza lei
Alla quale chiederei
Di approfondire
Sembra aver discusso dei linguaggi come si insegna
L'equivalenza
Ritornando allora da dove siamo lasciati poco fa nella nel primo giro di tavolo
Credo che superare le quote di genere sia
Importante
Se abbiamo detto superiamo concetto di discriminazione quindi andiamo verso il concetto di equivalenza
Equivalenza nei linguaggi io vorrei spendono un attimino perché mi pare che
Quando si parla di comunicazione bisogna guardarla da dietro lo schermo piuttosto sede perché schermo prendiamo quello che è quel modello
Che si chiama televisione ma che in realtà è un progetto più ampio che prende più mezzi di comunicazione
Quello che succede davanti allo schermo quello che invece su succede dietro lo schermo vediamo che dietro lo schermo e realtà
Ci sono tante donne a lavorare
Tante donne tante persone qualificate
Dentro la mia attuale attività ho potuto visitare anche molte fabbriche visitare anche molte realtà industriali
Mentre dentro la attività che facevo prima invia in RAI era emblematico come ad esempio ruolo del problem solving e quindi di ruolo della donna nella soluzione dei problemi e a partire dalle trattative nelle ambito più preciso delle varie direzioni che ho in cui mi sono poi
E nel tempo o potuto guidare ho trovato delle professionalità altissime che esso hanno sostenuto e sostengo tuttora
Ad esempio la messa in onda di alcuni settori compreso anche quelli tecnici
Quindi
In termini di linguaggio
Io
Ribadisco il fatto che bisogna insegnare sin dalla scuola elementare che non lo so in quale materia chiamiamo l'educazione civica più a
Ampia che
La mamma può lavorare che la mamma che lavora non è una mamma IVA che ha delle beh insomma dei rimorsi da scontare ma è una mamma perché ha delle opportunità e anche una qualità di trasmissione del sapere
Ed è a vita comune e la società che evidentemente
Va tenuta sempre in considerazione
L'altro aspetto è quello di
Dell'orientamento universitario che mi interessava molto quello che diceva poco fa la
Tiziano se posso chiamare quasi tre ore brevemente
L'orientamento l'orientamento universitario visitando le fabbriche mi sono accorta che ci sono ad esempio dei ruoli fondamentali che normalmente vengono trascurati nella scelta universitaria mentre troviamo
E lo dicevo sottovoce poco fa con Enzo
Molti iscritti a Scienze delle Comunicazioni
E in tutte le facoltà italiane quindi è molto diffuso questo
Ma questo cosa vuol dire vuol dire che visitando le fabbriche mi sono accorta che ci sono o due punti centrali la scelta dei materiali controllo di qualità
Danno o il vero senso di quello che lei ha la la fabbrica all'industria può apportare in termini di beneficio al Paese di sviluppo
In quegli ambiti poche ma alcune donne ho trovato
Ovviamente parliamo di del settore della biologia della chimica a volte anche le alla o studio dei modelli matematici dell'ingegneria ecco qua che ritorna il discorso di prima
Quindi io penso che bisogna aumentare un poco di più o in tutti noi
E quando i miei colleghi in generale scusate ma uso uno slogan per per per rendere più semplice dico ma
Per invertire ritornare al principio di UPI valenza come possiamo fare
Per
Ritornare oppure per in qualche modo sorge
Proporre un'evoluzione della di quello che è
La semplice applicazione della quota di genere
è quello o ai miei colleghi propongo di quando cominciano a parlare di quindi dico sempre partiamo dalla fine
Perché cerco di Invitalia a fare sintesi
In tutte le attività e soprattutto in quella del linguaggio il dono della sintesi e quindi ripeto anche quello del rappresentare dei concetti è fondamentale
E ho ritrovato nel corso degli anni che nella mia attività
Questo dono sintesi anche perché il problem solving invita sempre di più ad essere sintetici
L'ho ritrovato nel nel equivalenza dei generi cioè ho invitato anche i miei colleghi di genere maschile
Ad applicarsi in questo questo esercizio anziché fare prima tutta l'analisi partiamo dalla fine e poi andiamo all'analisi
Questo è un esercizio che ci è stato molto utile nel tempo ma soprattutto nel settore in cui lavoro oggi dove in ripeto quindici trenta settanta secondi quando va bene
Si deve rappresentare un concetto che va oltre e quindi quello che soltanto il prodotto
Volevo fare Ludina ancora due tre flash sempre nel settore pubblicitario abbiamo visto che il brand viene sempre meno rappresentato
In alcuni ambiti sempre più viene rappresentato che ancora presentati dei concetti
Ad esempio queste state c'è stato una grande campagna che promuoveva il concetto di autostima
Che poi finiva in effetti in un schermata di un Brendan
Ma c'era un pittore che disegnava com'era vedeva le donne poi c'erano le donne che parlavano e dicevano come si vendevano
In realtà il concetto di autostima in quel caso ma era
Disequilibrio atto il pittore vedeva la donna
Più raffinata più a esteticamente Bellanti rispetto a come la donna invece sì vedeva e quindi era sulla Arete poiché se diffuso molto abbondante mentre questo Sturzo sfotte chiamiamolo chiara anche piuttosto lungo in questo caso era un breve chiamiamolo corto
Erano tre minuti che poi sono stati rivisitati usati in vari modi però e come dire ecco io mi sento così e gli altri mi vedono cosa questo è un modo nuovo ma in realtà io Licio anche
Se era difficile lavorarci perché in realtà è un prodotto fatto all'estero e quindi
Sostanzialmente non si poteva intervenire però nel taglio e nella rivisitazione quindi nella versione italiana abbiamo messo in evidenza anche con delle parole dei sottopancia che in realtà
è molto importante che
Nella preconcetto di equivalenza il concetto di autostima sia un legame profondo di tutte le persone e quindi di tutti gli individui ed è per questo che
Sempre parlando ieri col Ludina
Rigo e mi piace parlare della persona al centro dell'individuo al centro della e quindi della donna in questo caso che non si deve sentire
Non all'altezza di ma deve avere maggiore consapevolezza di quello che può avere a disposizione sia come sapere che comunque conoscenza deve avere una stima di sei che ci permette in qualche modo
E permette a tutti noi di valorizzare alla donna e non il Panda piuttosto che
Un altro diciamo
Modo di interpretare e questo opportunità che in realtà è un processo di condivisione di un modo di vedere
Così come avrete visto un'altra pubblicità che un certo punto c'era una certa signora Emma che veniva chiama
A otto non dico i nomi delle società per discrezione
Però poi si capiscono a un certo punto una pubblicità tradotta dal francese ed dove ha alla fine il marito chiamava sempre la moglie e Luca all'ultimo era in bagno me
Manca la carta igienica a quel punto gli passa il tablet la la moglie sotto parola porta
E era con un bel disegno di carta igienica di rotolo di carta igienica di Cecco arrivate rotto no in realtà era appaltabile perché rappresentava allora ci sono tanti modi
E tanti linguaggi il problema è che bisogna avere molto equilibrio nel andare verso un Progetto di equivalenza nella condivisione del del nostro modo di pensare di stare di lavorare
Di essere dentro la società di di
Di mettere al centro la persona con tutte le sue qualità e contro anche la diversità ma che fa completezza scusate se è stato un po'lunga ma ci tenevo
Grazie Lorenza
Molto
Molto interessante intrigante
Questo
Questo rappresentare o cercare di
Tornare rappresentare nella diversità le
Qualche qualità e le
I modi di essere di ciascuna persona la donna è una persona oltre che di sesso femminile
E quindi
Se se se si riesce a cambiare la raffigurazione dell'immagine che si fa della donna
Come l'abbiamo vista per troppi anni e che è stato un modello per le ragazzine e le ragazze di questi anni che si faceva carriera anche politica in quella maniera
Certo
Il mondo cambia davvero due piccoli aneddoti prima di dare la parola per dire come veramente cambiato io ho un figlio maschio quando aveva sei anni è un giorno venne a casa e mi disse senti io voglio scrivere
Favole
Disegnare fumetti
E però mia moglie
Le vende pratico scusa ma
Con
Cosa intendi dice sì io nel retrobottega disegni o scrivo racconto poi lei
Con un banchetto vende le mie fa volle
Ho detto ma
A te che te l'ha detto che funziona così
Non era certo il modello familiare che aveva sotto gli occhi eppure aveva solo sei anni e questo modello culturale che gli era arrivato dai fumetti dalla scuola dalla scuola materna dalle insegnanti da stadio dove
Non era certo a quello che vedeva
Oggi
Questo stesso ragazzo è sposato e a trentaquattro anni
E ieri
Quindi veniva sta Firenze statale estero est all'estero soprattutto ma ieri da Firenze venire a Roma
E io sommata miglia
E mi disse
Domenica mi fermo per far colazione con Teo vederti quando tornerai miglia ma devo essere a casa
Per le sei e mezza perché voglio fare il bagno a mio figlioletto di otto mesi
Allora guardate come il ruolo
Di questo ragazzo di trentaquattro anni che metteva la moglie a vendere i suoi fumetti riassumere i suoi racconti è diventato un ruolo
Tali Teti con all'interno della famiglia dove lui vuole essere a casa in tempo per fare il bagno al bambino di otto mesi
E quindi qualche cosa è cambiato
Ma è cambiato per fortuna in un ruolo
Umano normale perché non vuole che un padre faccia il padre
Ed è normale che la madre vada a lavorare non c'è nulla di strano in tutto ciò eppure il modello era e di nuovo cambiato in un ruolo paritetico familiare e questo è un
Una cosa
Secondo me culturale di nuovo
Come lo era quando aveva sei anni ma è diventato paritetico nel suo ruolo di padre da un uomo adulto
Passa avanti grande alto Passavanti grande siccome
Nel modo di
Essere
Del genere femminile c'è anche una concretezza
Io
Se vi dico che faccio politica nel mille novecentosettantasei vi dico la verità
E ho sempre trovato la una grande difficoltà di comunicazione
Perché c'era una parte della politica che era una grande secondo il mio modo di vedere astrazione rispetto ai bisogni delle agente delle persone di quello che era il mondo fuori il mondo del lavoro
E
Questa politica che non si sentiva quasi mai a patti con il fare
A oggi
Finalmente c'è anche un cambio generazionale
Il presidente del Consiglio è un uomo
Che chiede alla politica di guardare il mondo là fuori e di fare
Finalmente siamo arrivati anche a conciliare
La politica
Con le idee e con il fare cose concrete che riguardano il mondo nel quale viviamo tutti passo la parola a Marta Boneschi per
Conclude
Adesso poi penso concluderà i
Temo intorno
Sento fortissimo intorno a me questo momento decisivo
Mi pare che siamo in molti a capire che questa volta o si fa o adesso o mai più
E questo riguarda non soltanto le grandi riforme istituzionali economiche ma
Quell'area in cui noi italiani non siamo stati mai abbastanza attenti e non abbiamo mai preso troppo sul serio cioè ai cambiamenti della società
Pensate che come è cambiata come si è rovesciata la maternità che era un obbligo per una donna nel giro di cinquant'anni la maternità diventata una scelta pensate che cosa è la famiglia
Che quando io ero alle scuole elementari si diceva la mia famiglia è composta di Babbo mamma e tre figli Wally questo non lo schema degli anni Cinquanta oggi il la famiglia non è più quella lì
La società è cambiata radicalmente e noi non ne abbiamo preso abbastanza sul serio questo problema ma neanche la politica non l'ha preso tanto sul serio
Faccio un esempio di come anche nel mondo della cultura questi fenomeni non sono presi abbastanza sul serio è uscito qualche anno fa un libro importante di una studioso francese che si chiama Elisabeth quaranta che tra l'altro è stato alla moglie del
Del tra Ministro della giustizia che ha abolito la pena di morte in Francia quindi
Stiamo parlando di uno strato della società molto civile molto accorto
Lei ha un'autrice molto seguita in tutta Europa introdotta in in tante lingue ha scritto un libro che si chi si intitola lo con file flanella fammela me che
Affronta il problema della conciliazione tra
La della dei compiti familiari e dei compiti professionali delle donne europee all'inizio del terzo millennio
è un libro molto interessante e molto serio in italiano è stato tradotto da Rizzoli
Con il titolo mamme cattivissime sempre un libro di barzellette traccia una copertina una copertina con colori squillanti
E io non mi ero neanche accorta che fosse stato tradotto in italiano e non l'ho comprato naturalmente perché un libro dal titolo mamme cattivissime non ci dice
Che li si affronta un problema sociale importantissimo che è quello di una conciliazione di questi due compiti femminili
Questo è il modo di non prendere sul serio il problemi seri di credere di poter le sopravanzare ignorando lì invece così non si risolvono
Altro esempio di come le cose non sono state prese sul serio non so se io spero di non sbagliarmi ma per quel che mi risulta la prima legge sugli asili-nido aziendali è la legge di Teresa Noce del mille novecentocinquanta
Mille novecento cinquanta sto parlando di sessantaquattro anni fa vi risulta che noi abbiamo in Italia diffusi asili aziendali
Ecco questo è un modo di non prendere sul serio e problemi vogliamo prendere sul serio allora io
Ho due proposte da fare
Vediamo se perché se sento che intorno a me c'è una certa voglia di fare l'ho sentita qui più e più volte a proposito del la valorizzazione
E il lancio
Del patrimonio artistico culturale italiano che vuol dire turismo
Che vuol dire sviluppo del turismo noi siamo molto indietro basta prendere un treno e non tanto non c'è bisogno di prendere un aereo e fare un viaggio lungo basta premere un trenino andare in Spagna in Svizzera o in Francia ci si accorge subito della differenza lì
Chi il viaggiatore non chiamiamolo neanche turista ma insomma il viaggiatore colto che ha bisogno di di di assimilare qualche cosa viene accolto
Ci sono musei permanenti esposizioni temporanee visite Castelli alle chiese itinerari costruiti pacchetti di sconti
Tutto bene organizzato da noi non c'è niente di tutto questo allora io una volta ne parlo ne ho parlato spesso con
Con colleghe e colleghi insegnanti che sono secondo me di nuovo la chiave di volta di questi progetti noi abbiamo archivi
E tesori nascosti
Che nessuno vede
E che sono potrebbero essere la materia prima il giacimento al quale attingere per appunto esposizioni permanenti percorsi turistici eccetera non si può
Fare non si può fare
Per esempio la utilizzare insegnante in pensione e qui immaginatevi che cosa sono cento euro in più al mese per un insegnante in pensione cento euro e non dico tanto
Insegnante in pensione che
In nome anche di quello che ha detto ieri Piepoli lavorando in gruppo sotto la guida di esperti trascrivono materiale archivistico o se vogliamo fare un altro esempio restauratori giovani restauratori disoccupati e piena Alitalia
Giovani restauratori che sotto lavorano in gruppo sotto la guida di
Persone esperte vuol dire gruppi di persone
Più giovani e meno giovani di provenienza mi di formazione culturale diversa che lavorano insieme valorizzano questo patrimonio il quale viene esposto e
Per favore
Mettiamo fine a questo scandalo che nei musei italiani si entra gratis
Non si deve più entrare gratis se noi vogliamo che nostro giacimento culturale formidabile
Diventi un diventi un una risorse diventi verso se effettivamente sfruttata si paghino i biglietti come si fa in tutto il mondo civile
Perché e questo porta allora porta lavoro porta gettito fiscale di nuovo e soprattutto porta una comunanza
Di esperienze tra uomini e donne in maniera indifferenziata che è l'unica strada per sul futuro civile
Grazie
Grazie grazie di cuore
E questo
Bellissimo interessante panel
Sicuramente nella mattinata di oggi abbiamo concentrato volutamente
Due delle grandi opportunità di rimessa in moto di trasformazione del Paese
Uno dalle espressioni e dalle
Considerazioni che avete ascoltato con tanta passione
La pari opportunità come un'occasione formidabile di innovazione e di cambiamento adesso il secondo padre della mattinata non faremo una pausa per ovvie ragioni
Riguarda all'altro un altro aspetto che secondo noi è centrale dei suggerimenti cadiamo all'agenda politica del Governo investire nel capitale umano nell'intelligenza nella formazione
Dei nostri ragazzi delle nostre ragazze per determinare una vera occasione di cambiamento del Paese la tavola rotonda sarà moderata da David Bogi Segretario generale dei Liberal PD
Prendono parte alla
Tavola rotonda Paolo Gentiloni deputato Liberal naturalmente per
Per sensibilità straordinaria già ministro
Nel
Ivan Lo Bello vicepresidente di Confindustria che ha seguito i nostri lavori sin dall'inizio e lo ringraziamo di cuore
Massimo Gaudina capo della comunicazione
Della io l'opinione del SIR ci Council presso la Commissione europea
Luciano Modica docente di Analisi matematica già Rettore dell'Università di Pisa il sottosegretario all'università e del resto Paolo Ötzi docente di storia della filosofia subito dopo ci sarà
Per la pausa per andare a questo aperitivo offerto dalla
Partito Democratico di Amelia prego Bari
Vito D'Ambrosio
Allora che ormai
Sì io
Che allora
Anticipo che parleremo una volta testa
Dieci tredici minuti per far vedere che insomma le donne
Hanno più spazio rispetto alle
Allora a me spetta il compito di
Oltre che di condurre questo questo panel sul capitale umano sono importanza del capitale umano come politica pubblica
Anche quello di fare una introduzione del quale proverò
A spiegarmi
Perché
Abbiamo scelto di inserire nella in questo seminario un panel che tratti di questo argomento
E quindi un argomento che credo su questo siamo tutti d'accordo che avevamo rilevanza nodale diciamo così nelle società nelle società contemporanee credo che sia opportuno qua fra di noi cercare di capire però quella il senso
Dello portare dell'opportunità politica di un tema come questo
Io credo
Comprava individuare alcune
Alcune linee di opportunità politica di occupa
Relativamente a un tema come questo
Che politiche di formazione del capitale umano mi sembra di poter dire con una certa sicurezza
Che impattino su alcuni
Fattori fondamentali di equilibrio delle società moderne delle società contemporanee impattano naturalmente sulla diffusione del sapere della conoscenza questo vivente impattano però anche su un fattore che
è sempre più importante ormai
E lo è a maggior ragione
Dopo che è esplosa questa terribile crisi economica mi riferisco cioè alla al
Alla mobilità sociale
Formazione del capitale umano impatta direttamente sulla mobilità sociale
Impatta poi secondo me su un altro fattore importante e cioè
Impatta diciamo su
La costruzione delle condizioni
Perché gli individui si presenti tra un appuntamento fondamentale la propria della propria vita la propria esistenza in maniera adeguata c'è questo appuntamento fondamentale l'appuntamento con il mondo del lavoro
Tutti noi riconosciamo l'importanza che il mondo del lavoro le regole che sovrintendono alla disciplina del mondo e lavoro vengano
Vengano come dire integrate riformate ammodernate siamo tutti d'accordo sull'opportunità di intervenire in quel settore
A me sembra però che
è abbastanza allo stesso modo importante che
Si intervenga nel settore contiguo al mondo del lavoro in più strutturando la riforma allo stesso modo organica nel settore che come vi dicevo è contiguo cosa al mondo del lavoro
E cioè il settore che
Tende a far sì che le persone si presentino verso il mondo del lavoro avendo svolto un percorso adeguato diciamo così
Adesso non dico di riformare i due settori in maniera simultanea sicuramente però io penso che vadano riformati in maniera armonica per non creare disallineamenti che poi impattino negativamente sul percorso di vita delle persone sulla stessa efficienza i due settori
Intervenire in maniera giustamente incisiva sul settore della del del mercato del lavoro secondo me
Non può
Ammettere che non ci si occupi anche
Come dire del settore precedente contiguo
Che attiene al percorso formativo delle persone che poi dovranno entrare nel mondo del lavoro importante capire come le persone entrano si muovono all'interno addirittura escono dal mondo le parole ma
Allo stesso modo importante capire quali sono i percorsi di formazione
Vi dicevo all'inizio quali sono i due fattori di opportunità agli elementi di opportunità di occupato in ci pali secondo me è preoccupato di questo tema c'è mobilità sociale e specializzazione dei percorsi formativi nell'ottica dell'entrata nel mondo da voi
è stata la mobilità sociale i dati che Ida ho provato ad ammettere si è un po'i dati i dati che ho trovato sono
Rispettano sapete sono in
A dir poco insomma inquietanti
Circa il trenta per cento dei nati fra settanta e l'ottantaquattro si sono trovati una condizione sociale più bassa dico del nord di quella del loro padre
Meno di un sesto di questi nato in questa classe di età è riuscita a migliorare la proposizione di partenza delle Corti di età più anziane la situazione sostanzialmente invertita invece
I tassi di mobilità ascendente in queste classi più anziane sono di valori doppi rispetto alla casa e che a cui facevo riferimento prima
Le persone che oggi hanno un'età compresa fra i venticinque quarant'anni quindi rappresentano la prima generazione nata nel Novecento con forti difficoltà a migliorare la propria condizione sociale
Sono dati abbastanza emblematici perché perché la mobilità sociale di me che cosa in che cosa consiste un fattore di riequilibrio fondamentale delle condizioni di vita degli inquilini e di degli degli individui
è uno dei fattori più potenti di equità sociale è uno dei fattori più potenti di equità sociale ci tornerò più avanti molto brevemente
Perché è un fattore di riequilibrio delle società contemporanee perché la mobilità sociale impatta direttamente
Sul ceto medio
L'ampiezza la solidità la forza del ceto medio direttamente proporzionale tassi di mobilità sociale
Perché perché il ceto medio
è una non classe non è una casa in senso marziane un'area sociale se volete di transito che è più forte più solida più stabile più ampia nel momento in cui gli indicatori la moda di mobili stato sociale e quindi la mobilità sociale più Florio e più forte
è evidente come le grandi società occidentale hanno da come fattore di stabilizzazione la mobilità sociale un grande forte se stesso sanno ceto medio negli Stati Uniti il dibattito sul ceto medio
è non è mai stato così intenso come in questo ultimo periodo
Ovviamente il ceto medio statunitense come ceto medio gli altri grandi Paesi occidentali Stato investito direttamente dalla crisi economica investito che siccome siamo molto compresso
Questa compressione ad onor del vero anche avvicinato per la prima volta il modello di società statunitense a coloro per lo sono mai stati così vicino modelli di società succede successivamente alla crisi
E la cosa interessante che questo avvicinamento
Anche come dire avvicinato le soluzioni
Le soluzioni allo studio
Sì la scuola conservatrice statunitense che la scuola liberal faccio due nomi bandiera per e per qualificate sia
Francis Fukuyama conservatore sia Paul Krugman sono assolutamente concordi nel sostenere che
Le società occidentali democratiche si debbano
Fondare su un forte stabile sano ceto medio
Al punto che negli Stati Uniti recentemente è venuta fuori anche una teoria economica la prima la primavera il primo vero tentativo di risposta economicamente strutturato
Alle politiche Sapri Saito cioè le politiche neoliberiste le politiche che negli ultimi trent'anni ad onor del vero hanno dominato
Hanno dominato perché perché sono state la soluzione più forte per la creazione di sviluppo economico perequazione della produzione delle risorse peccato peccato che
Questo tipo di soluzione che
Che tipo di dispositivo semplificando aveva
E che per creare una delle precondizioni di creazione dello sviluppo era l'ineguaglianza la diseguaglianza è una precondizione di sviluppo
Ovviamente questo tipo di approccio continuato negli anni poi se distorto e è stato uno dei più grandi fattori di innesco della crisi economica che stiamo vivendo
Negli Stati Uniti vi dicevo è nata o linfa è in fase di elaborazione una Lovatto economica che si chiama mito classe out Economics
Tutta centrata sul tentativo di aumentare i consumi della classe media come fattore di riavvio dello sviluppo economico
è la prima volta che ne Occidente c'è un tentativo di risposta strutturato pervasivo a l'impostazione di politica economica tipico della scuola neoliberista lo dicevo ieri brevemente l'intervento sul riformismo
In Occidente l'unico vero tentativo precedente è stato quello della Terza via blairiana
Ok la quale ha avuto un al
è stato sia se intestato una serie di riforme che hanno cambiato l'ho contribuito a cambiare il Como delle società inglese
E però ha avuto un problema che
La previsione delle risorse tutelato in tutti i giorni le previsioni circa lo sviluppo e la produzione delle risorse è stato un pochino più ottimista di quello che poi la realtà è stata
Detto questo questo negli Stati Uniti è in corso un tentativo di reale di elaborazione di una teoria che possa essere una risposta a quella neoliberista
E uno degli obiettivi centrali Princi intimare la mobilità sociale mi avvio verso la conclusione se noi mi dilungo troppo il secondo fa con il di cui parlavamo era
Secondo fattore di opportunità per parlare del problema del capitano manovre
Siamo in grado nel nostro Paese di specializzare adeguatamente di forma e adeguatamente gli individui affinché possano entrare nel mondo e lavora per un percorso un percorso che siamo
Come dire è un percorso lineare
Ho raccolto altri dati anche questi emblematici dal punto di vista negativo ogni anno l'Associazione Almalaurea con l'associazione che si occupa della condizione occupazionale vendendo dei neolaureati
Stila un rapporto circa appunto con rischi estremi della condizione occupazionale dei laureati
Il rapporto due mila quattordici
Certifica che la disoccupazione fra i neolaureati I in crescita rispetto all'anno precedente
Sia fra i laureati triennali sia quelli magistrati
I triennali passano da il tasso di disoccupazione fraterna ripassa dal ventitre al ventisei punto cinque per cento a quello dei magistrati dal ventuno al ventitré
Perfetto
L'altro indicatore su cui vorrei più che riflettessimo insieme il fatto che le retribuzioni di chi si è laureato
Sono in calo
Dopo la laurea livello di distribuzione carichiamo che su questo tipo di fenomeno impatta la crisi economica ma mi sembra difficile provare a sostenere che non impatti anche lui connotato di base del nostro sistema formativo
Secondario soprattutto terziario quale sistema formativo lo sappiamo tutti è uno dei più ore Poussin idee confronti di qualsiasi soluzione di intervento di riforma è uno dei più è possibile non appena chiunque
Prodi a mettere mano a quel settore
Assistiamo a una come dire ha una reazione di tipo Milena definirlo corporativo
Assolutamente in come dire in grado di disinnescare
Le azioni politica a me sembra di poterlo dire
Ieri non voglio tornarci abbiam parlato del di che cosa vuol che cosa ha un comportamento corporativa un comportamento che tende a far prevalere le ragioni di parte rispetto all'interesse generale
Questa è l'accordo l'atto
Tutti sono di parte nella società hanno un interesse di parte e chi ha una valenza politica chi riesce armonizzare il proprio interesse di parte nell'interesse generale senza averlo soltanto la visione di parte
Va bene questo è un settore completamente le pulsioni voi nei confronti dei tentativi di riforma
Non è siamo stati in grado di produrre est riforme sistematiche che abbiano sostanzialmente cambiato il dato di performances che quello che certificato dei dati che vi dicevo
Questi dati sono dati di performances secondo me che alcuni al tavolo riterranno o secondari ma che molto sintetici però sono dati di performances che esso oggi oggettivamente non possono essere ignorato
Allora io credo che e chiudo il vero tema vorrei che poi i relatori di questo parlasse che cosa si deve fare per provare a intervenire in maniera coerente anche in questo settore vi ripeto settore che ritengo essere contiguo ad altri settori strategici
Come si deve intervenire
Ma io credo che
Per intervenire bisogna
Non entro nel merito non non non e spero che qualcuno dopo di me lo faccia
Una precondizione che mi viene da suggerire che l'approccio storicamente la
Otto che ha connotato una parte del mondo politico tagliano l'approccio di tipo egualitarismo no quello che tenda ha sempre teso a privilegiare il percorso della il
Il dato d'arrivo la condizione di arrivo rispetto alla condizione di per l'eguaglianza delle condizioni di arrivo rispetto alle quali altre condizioni di partenza questo approccio sperabilmente
Diciamo
Speriamo che il PD di riuscirlo a rompere secondariamente una cosa e chiudo
Chiunque eletti e chi è chi è di sinistra
Di centrosinistra
Chi ha a cuore obiettivi di giustizia sociale redistributiva che pagherà connotazione base di chi si dicesse o di sinistra la capacità di redistribuire le risorse prodotto autonomamente dal mercato chiunque occorre obiettive di giustizia distributiva
Non può non può non porsi obiettivi che mi piace chiamarlo di giustizia porre distributiva come quelli che attengono alla parità di condizioni di partenza I criteri di disciplina del del politico di formazione del capitale umano
Grazie alla sua io
Lascerei la parola a Massimo Gaudina del consiglio europeo di ricerca
Professor Massimo
Grazie ancora una volta per l'invito e grazie a Davide per questa introduzione veramente molto molto stimolante io non dava risposte immediate su queste domande cercherò di dare ulteriori
Elementi di contesto
Partendo dall'Europa
Parlando di università e ricerca e poi cercando di avvicinarmi ai ai temi toccati
Devo premettere che sono qui a titolo personale e che tutto quello che dico evidentemente non va attribuito alle istituzioni europee per le quali lavoro
Dunque prima di tutto parlando d'Europa fosse sfuggito I media in questi ultimi mesi ma il settore della ricerca dell'innovazione e l'unico settore che nei prossimi sette anni a livello di Budget l'Unione europea
è sfuggito ai tagli del
Della scure dei ventotto Paesi membri che hanno tagliato per i prossimi sette anni il Budget dell'agricoltura hanno tagliato i fondi strutturali hanno tagliato la cooperazione giudiziaria hanno invece moltiplicato
I fondi a disposizione della ricerca e dell'innovazione
Per fare un esempio all'ultimo programma quadro dell'Unione europea che ha coperto il periodo dal due mila sette alle ore tredici
Hai la cinquantacinque miliardi di euro a disposizione delle università e della ricerca europea il prossimo che appena cominciato avrà ottanta miliardi di euro
E quindi e già un segnale
Molto forte
Al di là di questo programma alla ricerca ci sono anche altri strumenti di fondi strutturali che abbiamo già citato
è vero che diminuiscono in totale nei prossimi sette anni ma la fetta di questi fondi che andranno a beneficio dell'innovazione della ricerca dell'università
La proporzione di questi fondi cresceva rispetto al passato perché l'Unione europea ha deciso che i fondi strutturali dovranno indirizzarsi sempre di meno verso
Le infrastrutture o
I corsi di formazione professionale che abbiamo visto in passato è sempre di più nell'innovazione di punta nella ricerca e nella nel rafforzamento del
Del sistema universitario e di ricerca e sono altri cento miliardi di euro circa per tutti i Paesi
Quindi da una parte i programmi per la ricerca che sono attribuiti su base competitiva bisogna guadagnarsi di questi fondi e c'è una competizione agguerrita fra Paesi e Regioni
E poi ci sono i fondi strutturali che invece non sono distribuiti che invece scusate sono distribuiti su base nazionale e regionale e bisogna
Presentare dei progetti evidentemente adeguati
Qual è il messaggio dell'Europa quindi il primo messaggio è che nonostante la crisi o fosse proprio a causa della crisi economica in cui stiamo vivendo
Investire in ricerca innovazione e ancora più importante bisogna investire ancora di più e non di meno in ricerca perché la ricerca non è un lusso per Paesi Prosperi
Ma è un bisogno primario per ogni società moderna di questo pianeta e questo si investe ancora di più
Il
Il rischio se no tra i tanti e quello di perdere una generazione di talenti che ci sono in Europa una generazione di fenomeni possiamo chiamarla usando una un titolo di una canzone di qualche anno fa
Una generazione che l'Europa sta perdendo perché di fronte alla mancanza di prospettive di opportunità
C'è chi abbandona l'Europa cioè che abbandona la carica della ricerca e in ogni caso è un lusso questo che l'Europa non può più permettersi nei prossimi anni
L'altro messaggio che ne dall'Europa e che
Eccellenza e coesione non sono due obiettivi divergenti ma sono due strumenti compatibili che vanno nella stessa direzione con due strumenti diversi
Ma che possono permettere all'Europa di presentarsi al mondo come una potenza scientifica con le sue punte di eccellenza come le potenze americane o asiatiche
Ma anche con una coesione interna che invece negli altri continenti non non è sempre così sviluppata
L'obiettivo quindi
Per ricollegarmi a un punto toccato da dall'introduzione poco fa e che effettivamente
La
La necessità a livello regionale di investire sul capitale umano e anche quello di specializzarsi sempre di più la specializzazione
Che in Europa chiamano Smart spesso spesa la i j chance specie uso intelligente cosa vuol dire vuol dire che non bisogna avere esperti di tutto dappertutto ma bisogno occorre che Regioni Paesi
Comunità si specializzi ma in quello che sono più attrezzati a fare
E poter competere così alle competizioni europee porterò il caso della di un programma proprio specifico che fa parte di questo programma quadro
E cioè le borse per ricercatori del consiglio europeo delle ricerche
Che è nato poco anche pochi anni fa è molto conosciuto e la comunità scientifica e ancora poco conosciuto al di fuori della comunità scientifica ma è considerato il la Champions League dei ricercatori europei è una competizione annuale che mette in concorrenza tutti i migliori talenti per accaparrarsi delle Borse molto molto sostanziose
Molto ambite molto selettive uno su dieci ce la fa novanta per cento invece no
E è un po'il termometro
Che misura l'indice di Salute e di eccellenza di un sistema di ricerca e di un sistema universitario
In queste competizioni che sono cominciate pochi anni fa come dicevo quattro mila trecento ricercatori hanno già vinto queste borse poco meno del dieci per cento sono italiani
Gli italiani si collocano bene perché
In termini di nazionalità gli italiani sono al quarto posto
Ci sono dei progetti di livello assoluto molti di questi progetti sono anche hanno già dato dei frutti sono pubblicazioni sulle maggiori riviste scientifiche internazionali fatte da ingegnere ricercatori del nel nostro Paese
Poi se si va a vedere invece dove questi ricercatori usano queste borse o vincono queste borse il discorso cambia perché quasi la metà di questi sfruttano questa borsa la usano attraverso una istituzione universitario di ricerca non italiana cioè basata Regno Unito in Francia in Germania quindi c'è un'eccellenza evidente del
Dei talenti dei ricercatori italiani e delle ricercatrici italiane
C'è invece una minore competitività delle università e dei centri di ricerca italiani che sono meno attraenti
Sia per gli italiani sia per i non
Per i non italiani che cosa vediamo da queste selezioni durissime e molto agguerrite vediamo che
Chi riesce ad avere autonomia scientifica
A un momento precoce della carriera che riesce a pubblicare sulle riviste internazionali senza supervisor ma in modo autonomo
Diventa poi colui che va a vincere queste borse europee e qui c'è già un problema che alcuni Paesi avere questa emancipazione rispetto al alti utopia supervisor sempre problematico
C'è un problema di lingue perché se si riesce ad arrivare all'intervista finale di questi bandi c'era una un panel di dieci scienziati che vengono da tutta Europa anche da tutto il mondo
Bisogna convincere questi scienziati che il
Il vostro progetto è uno dei migliori e e vale la pena
è un finanziamento di un milione e mezzo di euro per un singolo ricercatore quindi
Bisogna non soltanto padroneggiare le lingue evidentemente l'inglese in particolare ma bisogna anche saper vendere questo Progetto saperlo presentare saperlo comunicare sapere argomentare e sono cose che in alcuni paesi vengono insegnate all'università
E anche prima dell'università in altri Paesi assolutamente no tranne rare eccezioni
Bisogna avere questi skinheads di imprenditoria saper scrivere un un business planner saper andare a cercare finanziamenti a giù aggiuntivi
Vengono valorizzate le esperienze internazionali e ci sono paesi che purtroppo queste esperienze invece di valorizzarle
Le penalizzano oppure le minimizzano mentre si è visto che andare a studiare con Erasmus per esempio per un anno all'estero
Non è soltanto una vacanza ma quando si vedono poi le statistiche sull'inserimento professionale di queste persone che sono state all'estero
C'è un tasso di tutti su occupazione molto minore c'è una velocità maggiore nel trovare lavoro e c'è soprattutto un livello professionale più alto rispetto a chi ha una laurea senza essersi mai mosso da
Da casa quindi ci sono tutta una serie di competenze che servono per essere competitivi in questa in questa concorrenza internazionale ed europea per cui per avviarsi alla taglia c'era confusione investire capitale umano ed essere attrezzati alle sfide europee da parte di ogni Paese quindi anche da parte dell'Italia significa sicuramente investire in termini finanziari
C'è un obiettivo del tre per cento del PIL tutti conoscono il tre per cento del dei parametri di Maastricht ma c'è un altro tre per cento che dovrebbe essere l'investimento nazionale in ricerca e sviluppo
Mettendo insieme investimenti pubblici investimenti privati
Che quasi nessun Paese ha raggiunto
Poi ci sono paesi che sono più vicina all'uno per cento che non che non altre e quindi è sicuramente un un problema di finanziamenti c'è un aspetto finanziario ma c'è anche un aspetto di programmi di contenuti di metodi come abbiamo detto di scrisse che devono essere sviluppati con esperienza all'estero con con determinati tipi di
Di formazioni
E soprattutto da parte del sistema universitario di qualunque Paese compreso quello italiano bisogna
Accettare il fatto che c'è
Una concorrenza in corso che è cominciata e che sta galoppa andò una concorrenza per accaparrarsi i migliori cervelli migliori talenti
Del proprio Paese o di altri Paesi
Perché se non si offrono opportunità ai migliori talenti evidentemente c'è c'è la mobilità di cui si parlava prima
Ci sono Paesi che fanno a gara per l'acqua Up per accaparrarsi questi ricercatori per offrire degli incentivi offrire posizioni di carriera al di là del progetto europeo che viene vinto
Proprio perché si faccia la candidatura con la loro istituzione piuttosto che con altre
Ci sono paesi che offrono fondi aggiuntivi e poi ci sono paesi che questa concorrenza ancora non l'hanno accettata non l'hanno interiorizzato era e e tutto questo per dire che
Il mercato della ricerca o meglio la concorrenza fra sistema universitario e fra Paesi è un po'come un calcio mercato aperto
Bisogna offrire se si vogliono trattenere o se si vogliono acquistare i migliori talenti che ci sono in giro bisogna offrire una bella squadra attorno
Bisogna fare delle prospettive bisogna afferire evidentemente anche dei dei finanziamenti ma basarsi sul blasone o basarsi solo sulla
Sullo stemma della propria squadra nel nella società moderne non basta più
Voi ce ne sono anche altre cose da dire ma mi fermo qua attraverso
Grazie a un massimo
Solo
Una parola Ivan Lo Bello vicedirettore lei vicepresidente di di Confindustria
Ringrazio molto di essere presidente non si lavori sin da ieri
Prego ben note innanzitutto grazie a Enzo Bianco per l'invito che mi ha che mi ha formulato è stato almeno fino a fino ad oggi un dibattito estremamente interessante che ho ascoltato con con enorme interesse
E quindi vi ringrazio per le per l'invito ma io entro subito nel
Nel seggio nel delle questioni beh innanzitutto è una tavola rotonda che si occupa di questioni veramente importanti
E voglio partire da una valutazione preliminare con una domanda alla quale cercherò poi di dare delle risposte
Possiamo possiamo pensare che rimanga immutato il sistema scolastico di fondi fronte a un travolgente cambiamento sociale economico tecnologico dopo
Possiamo pensare che rimane immutato il sistema di fronte a un da a un rilevante è una rilevante questione diseguaglianze come ha detto così nel suo nel suo intervento può rimanere il sistema scolastico in queste condizioni
Nel momento in cui
Il sistema
Economico sta transitando da un'idea materiale della produzione industriale ha un'idea in cui
La conoscenza rappresenta un valore ulteriore e più forte della della produzione materiale
Allora queste tre domande alle quali voglio non voglio dare una risposta quella risposta
Determinano una questione estremamente importante allora
Parto da due valutazioni risponderò velocemente questa domanda nel corso del mio della mia riflessione però parto da un da un tema centrale beh innanzitutto
La differenza profonda del nostro Paese rispetto a tanti altri Paesi ma penso insomma in questo caso i Paesi europei più vicini a noi con
Con valutazioni abbastanza omogenea rispetto ad altre realtà bene
Uno dei temi centrali di questa di questa questione eh l'assenza di un dibattito pubblico che coinvolga non solo per gli addetti ai lavori del sistema scolastico ma intellettuali e lì e il e la classe dirigente di questo Paese
Purtroppo ancora oggi gran parte del dibattito un dibattito che in qualche modo riguarda prevalentemente gli addetti ai lavori ed è un dibattito che non guarda alle strategie le future un dibattito che guardavo guarda alle patologie e i problemi del sistema scolastico
Questo è un elemento di
E norme ritardo nel nostro nel nostro Paese se guardiamo ai dibattiti pubblici degli altri Paesi europei per non andare
Andare oltre diciamo il nostro continente europeo il dibattito invece un dibattito centrale Antonio D'Alì che riguarda tutto il Paese non solo gli addetti ai lavori
Guardate questo è testimoniato da una vicenda che
Spessori
Che spesso tengo a ricordare
Nei dibattiti che si fanno su questo su questo tema mi permetterete di tornare un po'indietro nel due mila uno
Ricordate che nel due mila uno
E l'anno in cui iniziano i test OCSE-PISA
Il il primo testo OCSE-PISA nel nel due mila uno come
Ne dubito per Luciano lo ricorda lo ricorda ricorda bene lo ricorda bene ha rappresentato diciamo così un tema legato alla valutazione del delle competenze e bene
Di vi racconto brevemente qual è stata in quell'anno nel due mila e uno la risposta hai testo OCSE-PISA del nostro Paese e della Germania vado vado velocemente
Entrambi i paesi in quel in quel primo teste ebbero risultati estremamente deludenti
Deludenti nelle competenze di lettura deludenti nelle competenze matematiche e delle scene
Parere i due Paesi però sostanzialmente uno giudizio fortemente negativo e per e però rispetto al giudizio fortemente negativo differenti radicalmente differenti furono le risposte del Paese rispetto a questo a questo tema
In Italia il dibattito duro sostanzialmente il giornale successivo
E il dibattito di questo del dibattito relativo questi teste fu un dibattito sostanzialmente che sempre con un'idea di cancellare queste idee e cioè che questi teste non potevano mai individuare le magnifiche e progressive sorti del nostro sistema scolastico
Ventiquattro ore e il dibattito si chiuse
In Germania in Germania
Il dibattito invece fu importante forte duraturo nel tempo il Paese ARPA apre un dibattito enorme
Di prima perché i tedeschi riteniamo di avere il miglior sistema scolastico in quegli anni e si trovano di fronte invece a risultati impietosi
Ebbene quel dibattito quel dibattito non solo duro nel tempo ma fu quel dibattito partito di mila tre due mila e due mila dal due mila uno due mila uno a determinare nel due mila e tre
Con la presidenza di con la con col nuovo governo le riforme importanti e del sistema nel sistema tedesco
Ancora oggi ancora oggi fino a tempi recenti somma l'anno scorso ci sono a livello mondiale dibattiti su quello che viene chiamato in Germania il Pisa sciocca
Allora
Ho voluto ho voluto fare questo queste questo esempio per capire
Che il tema della scuola presuppone
Un dibattito e una capacità dico di cogliere l'importanza di questo tema che nel nostro ho perso oggettivamente non c'è stato se non rilegato a pochi personaggi con grande visione cambi scuso sempre di questo ma inascoltati nel nostro il nostro Paese
Allora
Vado avanti vado avanti veramente pur altro l'altro accade
L'altro l'altra questione che voglio dire e il tema del linguaggio vedete
Tutti i rapporti di tutti i rapporti più importante nei grandi nei grandi Paesi europei non europea di difficilmente quando fanno un grande rapporto sulla scuola parlano della scuola c'è un esempio censibili carissimo nel nell'ottantatré
Gli anni settanta sono stati anni complessi per la per il sistema scolastico grandi cambiamenti sociali economici quindi siamo scolastico in quegli anni ebbe diciamo così un
Un un problema molto molto serio gli Stati Uniti rispose da questo con un con dell'ottantatré con un rapporto con un rapporto in quelle il cui titolo era a National fresca c'è una nazione a rischio
Io non ho mai letto un un piano ma eletto nel nostro Paese un rapporto
Che collega il sistema scolastico alle sorti del nostro Paese
Questo è anche un tema culturale di linguaggio che voglio in qualche modo rappresentare perché perché oggettivamente questi sono i temi che in qualche modo del vino una cesura tra noi e altre e altre realtà
Vado velocemente
La questione la questa della scuola a attrae implicazioni importanti dall'altro da da un lato ovviamente la scuola è un fattore è un fattore che garantisce
Recante c'è non solo una buona formazione ma garantisce ovviamente una cultura la cittadinanza garantisce tanti di tanti diritti
è un elemento fondamentale per la tenuta democratica del nostro del nostro Paese allo stesso tempo la scuola anche una funzione importante nel rapporto tra il sistema scolastico e il mondo del lavoro e dell'economia
Le due cose si tengono perché molto spesso nel nostro nel nostro dibattito aveva dolce
Una sorta di
Di contrasto inesistente fra chi ritiene che la cittadinanza sia l'unico strumento con cui poi
Poi in qualche modo garantire un future ragazze c'è chi ritiene occhi chi ha un'idea economicista ce que solo il mondo economico può supporta questo le due cose stanno insieme vanno messe insieme dobbiamo superare questa idea di frattura e di
E e in qualche modo di
Di ritardo rispetto agli altri rispetto ad altri Paesi l'altro tema fondamentale mi accennava il nostro coordinatore sms quegli anzi
La diseguaglianze un elemento è una questione fondamentale nel nostro Paese nel nostro Paese abbiamo da diversi anni un aumento o profondo delle diseguaglianze tra diseguaglianze ed classica di capire perché questa diseguaglianza sono emersi in maniera così forte nel nostro nel nostro nel nostro Paese
Allora ci sono le letture
Legate diciamo così al tema economico alla struttura alla struttura del sistema delle delle imprese delle imprese è rimasto sempre marginale in questo contesto che il tema della scuola perché vedete
Il tema della scuola sotto questo profilo è importante e decisivo vi faccio un breve una breve una breve valutazione su un su un rapporto dalla Fondazione Agnelli che meritoriamente si occupa di scuola prevalentemente prevalentemente di scuola
Con Andrea che ha posto per pregato molti di voi molti di voi conoscono
E che tempo fa tempo fa ha fatto un agile un'agile libro frutto ovviamente di una di una forte attività di ricerca tutte Varese quegli Anza partendo ovviamente dal sistema scolastico vento non universitario perché guardate qui ci sono importantissimi esponente siamo diversi Italia Tremaglia stadio polizia personali e il recettore finale di un percorso Camp simmetriche matura e si consolida nel percorso scolastico
Le diseguaglianze le si voglia in sé sì
Le piante vengono prima del percorso universitario non all'interno del percorso universitario Cesio può dare un grande un grande un grande contributo però bisogna guardare extrascolastico nella sua interezza e nei suoi e né sui processi allora
Vado vado velocemente
Questo rapporto del
Del della Fondazione Agnelli evidenzia evidenzia come nel nostro nel nostro Paese
La diseguaglianza sia il frutto il frutto non risolto non risolto di differenti differenti questioni sociali
E di studio
Questo rapporto cosa sottolinea sottolinea che
I ragazzi che vengono che vengono da famiglie con un basso con un con un basso titolo di studio quindi prevalentemente terza media hanno performances di gran lunga inferiori
A quelle di chi proviene da famiglie con un titolo di studio diploma o di o di laurea o di laurea allora di fronte a questa evidenza di fronte a questa evidenza non c'è dubbio e questo riguarda prevalentemente la scuola media la scuola media è un problema serissimo del nostro Paese
Perché le scuole le scuole elementari in qualche modo hanno performances hanno performance significative la scuola media e il modo e il momento in cui si misurano e si cristallizzano le diseguaglianze
Il rapporto dell'ampio
Fondazione di Faber fa vedere benissimo come della scuola media oggi apre determina un calo sia di chi audita ha agito riconducono un titolo di studio molto basso si anche quelli che hanno
Che hanno genitori con titoli molto alti
A si abbassano si abbassano entrambi e in più rilevante ovviamente il calo di chi a genitori con titoli molto o meno nemmeno rilevanti nelle scuole secondarie superiori seduto lei
La la curva la curva risale per chi a genitori con titolo di studio superiori e rimane impietosa per chi ha genitori continui studio minori
Allora
è evidente che sotto questo profilo di fronte è evidenze legate anche ampio né importante via di analisi sotto questo profilo non ci sia nessuna strategia politica che mette in campo il prevalesse vacanza e lo deve collegare necessariamente al sistema scolastico non solo alle recessione economica o ad altre o ad altre realtà
Noi guardiamo qualcosa che riguarda sì la diseguaglianza ma che non è un fattore strutturale sotto questo profilo allora il tema della scuola è un tema decisivo sotto questo profilo perché
Non solo diciamo così
Per un Paese che abbia maggiore coesione sociale che sia che stia insieme in maniera in maniera condivisa
Lei sa ma anche perché sono ragazzi ragazzi brillanti che pagano il prezzo di condizioni familiari e sociali diverse dalle nostre questo un tema centrale
Norme
Dopo lo lo confiniamo ancora nella lunga e profonda recessione in realtà e così
Guardate peraltro recentemente la McKinsey affatto pro bono un nel lavoro enorme sul sistema scolastico lo ha fatto in tutta in tutta Europa e a livello internazionale
C'è un bellissimo rapporto che riguarda questo verrà mai riguardare anche la vitale però contribuito né come Confindustria
Anche a
Condividere alcuni alcuni percorsi loro stimano in maniera in maniera significativa con una seria analisi molto forte che fatta cento la disoccupazione giovanile nel nostro Paese circa il quaranta per cento dipende da un problema legato al sistema dell'istruzione e non solo al tema al tema al tema economico allora
Su questo su queste questioni non possiamo non mettere in campo politiche che guardano a questo sistema non possiamo considerare il sistema dell'istruzione solo come un elemento legato alla formazione dei nostri ragazzi ha una valenza di gran lunga superiore rispetto a questo elemento mi avvio
A chiudere quali sono le questioni fondamentali che dobbiamo affrontare beh innanzitutto dobbiamo affrontare ad affrontare la necessità
Di
Di cambiare progressivamente nel tempo il sistema scolastico io credo che la
Didattica oggi non possa essere e rimanere identica a quella di venti trenta quaranta cinquant'anni fa
Il mondo di mio nonno di mio padre o mio è un mondo di somme che in qualche modo aveva categorie comuni Navarm eravamo ovviamente più giovani che le contestazioni le altre realtà però nella sostanza
L'idea del mondo era un'idea è un'idea è un'idea comune oggi c'è una frattura cesura radicale rispetto a questo che a questo tema
Se guardiamo obiettive la rivoluzione di fare un baluardo ATO unicamente come rivoluzioni insieme
Ma per gli effetti che ha sul sulle giovani generazioni c'è una mutazione antropologica di fatto evidente spese nel nostro nel nostro Paese che non riusciamo a cogliere di cui non dibattiamo questo l'elemento fondamentale allora
Sotto questo profilo
Pensiamo che sia ancora un modello un modello efficiente idea del rapporto trasmissivo tra professore studente
Meramente recentemente recettore di una competenza o probabilmente dobbiamo allargare questo modello che ha sempre funzionato ha avuto risultati importanti
Guardando aprendo a una condivisione ha una capacità più ampia di analisi critica o dobbiamo quando dobbiamo considerare ex cattedra
Recettore passivo quei sono temi fondamentali peraltro rivoluzione digitale una rivoluzione che in qualche modo condivide tanto me
Quindi sotto questo profilo vede senza avere qualche idea qualche idea preconcetta non c'è dubbio che dobbiamo modificare questo sistema ma vado ma vado avanti dobbiamo in ogni caso
Fare una
Fare una cosa estremamente importante ne abbiamo vissuto in una
In una guerre battaglia tra culture umanistiche cultura scientifica
Devo dire insomma che
I i grandi i grandi alla cultura idealista hanno svolto un ruolo fondamentale su tante faccio tanti settori e su tante analisi culturale sulla scuola hanno sbagliato
Sulla scuola hanno sbagliato perché hanno ritenuto che la cultura umanistica fosse l'unica cultura e formazione necessaria a dare ai ragazzi la capacità di essere cittadini attivi questo è stato un elemento un elemento un elemento che peraltro
Lasciatemelo dire a trovato una stranissima capacità di sintesi fra la cultura idealista che non è una cultura di sinistra tutt'altro
E la cultura e la cultura marxista che negli anni Settanta che negli anni settanta ha determinato una cultura fondamentale forte che ancora oggi rimane in un Paese che è totalmente cambiato rispetto a questi rispetto a questi temi allora
Oggi non si tratta di passare come come pensano tanti dalla cultura scientifica alla cultura umanistica la cultura scientifica si tratta di trovare un mix una capacità di dialogare perché il nostro mondo è un mondo in cui
Vai tra due mesi probabilmente probabilmente non avremo le categorie per capire quello che sta succedendo fra tre mesi quattro mesi un anno abbiamo bisogno lo stesso tempo di un pensiero critico che nasce dalla dalla dalla cultura umanistica ad alta capacità degli strumenti scientifici che possono darci la possibilità di far questo quindi
Smettiamola con l'idea
Della culturale
Scientifica relegata ai margini del sistema mettiamoli assieme perché su questo ne siamo bravi sotto questo profilo chiudo
Chiudo velocemente due temi che il sistema della scuola il tema della scuola
Oggi credo che il Ministero il MIUR debba avere il coraggio di uscire dalla cultura delle emergenze alla cultura strategica
Purtroppo il Ministero
Oggi si confronta con mille emergenze che emergono dal sistema scolastico dell'edilizia scolastica i precari alle tante alle tante realtà e però non ci aspettiamo dal Ministero la capacità di mettere in campo un'idea strategica insieme le emergenze che dovrà affrontare ogni giorno questo è il salto di qualità vero
E la vera riforma mettere in campo strategie e non solo diciamo così la manutenzione ordinaria del del sistema altro tema
E il tema dell'altro della
Della dell'autonomia e della valutazione
Sono due temi centrali noi oggi abbiamo un centralismo un centralismo educativo che non fa bene al nostro che non fa bene al nostro Paese dobbiamo
Rendere reale l'autonomia l'autonomia e che ciò che sta in tutte le leggi si dello Stato ma che non si è mai concretizzato sotto questo profilo e l'unico modo per evitare che l'autonomia vada oltre i suoi scopi e i suoi temi
E la valutazione la valutazione è un elemento fondamentale del nostro Paese devo dire gli insegnanti non devono aver paura della valutazione
La valutazione non è una sanzione
Non è un modo per colpire il corpo dei docenti tutt'altro e il modo per rendere più forte e capace la scuola
E valorizzare ancora di più i professori all'interno del sistema scolastico ne abbiamo un'idea abbiamo paura nei confronti di cambiamento autonomia voluta azione sono una chance enorme per ridare I professore la scuola che sono quelli hanno formato tutti noi che formeranno i nostri ragazzi
Una maggiore dignità sociale
La
Legalità risma o scolastico ha fatto perdere a molti insegnanti a tanti insegnanti e tensioni quel prestigio sociale che avevano nella nostra nella nostra storia educativa
è autonomia pur se ne sono un modo per rimettere in campo la scuola in maniera molto forte ultima questione che riguarda ovviamente il mio ruolo di
Imprenditore
Che si occupa peraltro in Confindustria proprio di education il tema dell'alternanza scuola-lavoro
La Germania
La Germania è un Paese pragmatico che ha fatto tesoro di quella sconfitta nel due mila uno quando
Parlato all'inizio del del Pisa del Pisa shock e bene
La Germania ha fatto dell'alternanza Skoda alternanza scuola lavoro un elemento un elemento fondamentale oggi la disoccupazione giovanile in Germania il sette per cento contro il nostro o quarantadue per cento dalle recenti dalle recenti statistiche
Gran parte di questa vicenda non nasce solo dal
Capacità di crescita economica della Germania che peraltro in questi anni non è che è cresciuto in maniera mirabolante la
La crescita media la Germania lati ma intanto era in recessione fino al due mila e sei pregresse
Perché fece le grandi riforme di Schroeder
Pago un prezzo rilevante o complesso rilevante anche questione è una
Lasciatemelo dire
è un esempio di buona politica per crescere quando fece la riforma del mercato del lavoro dell'istruzione delle altre sapeva di perderla Cardin perdere politicamente e però o ebbe il coraggio di farlo sapendo di
Da noi questo diciamo così negli ultimi trenta quarant'anni non mi ricordo di nessuno statista che abbia pensato insomma di poter perdere le elezioni perché faceva le riforme non per faceva faceva altro ramo
Chiudo sotto questo profilo il loro modello un modello che in qualche modo salvaguardando
I diritti e la buona formazione dei dei ragazzi mette insieme mette insieme mette insieme diciamo così la formazione e il lavoro lo fa a tutti livelli dalla formazione professionale alla formazione tecnica nei ginnasio ma ce ne dice i tedeschi lo fa nell'università tedesca due questioni rapidamente
Loro hanno un sistema duale
E utilizzano in maniera rilevante Luciano Modica partecipata un nostro a un nostro seminario in Confindustria sui temi della Tasco lavoro e dello Stato e l'apprendistato l'apprendistato in Germania non è
Il percorso che avvia i ragazzi al mercato del lavoro dopo la formazione
è un percorso che sta dentro la formazione ed è una radicale una radicale differenza rispetto al nostro modello dove l'apprendistato avviene quando finisce percorso scolastico in
Permane la previsto sta dentro il percorso scolastico e sto determina un cambiamento rilevantissimo sotto questo profilo altra questione e chiudo che riguarda l'Università ovviamente che
Sta avendo
Ecco l'università lasciatemelo dire e il e la struttura che più oggi esposta una radicale forte concorrenza
Il sistema scolastico nella scuola nella scuola primaria e secondaria inferiore secondario superiore riflette inevitabilmente i territori
La l'università e l'unico strumento di formazione che oggi che oggi vede una grande e crescente mobilità dei ragazzi e quindi siamo diversi dagli oggi sta cambiando
Sta cambiando in maniera rilevante perché la spinta che la spinta competitiva rapide come dire in qualche modo obbliga in maniera positiva le università
Ad avere ad avere una capacità di una capacità di cose cosa che non avviene nell'altro sistema scolastico due però sono i temi fondamentali sotto questo profilo
Da un l'altro da un altro le criticità il sud del Mezzogiorno
Il Mezzogiorno rischia e e già i dati sono impietosi virosi di rimanere un sistema universitario assolutamente al suo interno è legato in una in una piccola una piccola realtà del Mezzogiorno ormai
Sono informazione in fortissimo calo gli iscritti discrete c'è una enorme mobilità dal sud al nord al nord del Paese ma questo non si non
Non si può gridare gridare alla alla mobilità sociale bisogna fare qualche cosa
E lì c'è un problema legato a anni e anni di reclutamenti probabilmente insomma
Non
Non non in sintonia con con quello che succedeva che succedeva che succedeva prima è un problema centrale che va che va affrontato che va affrontato ma c'è anche
Ma c'è anche un tema e chiudo perché ho parlato ho parlato tantissimo che è legato al modello del tre più due
Il modello del tre più due non ha funzionato nel nostro Paese e dato che ed ha funzionato benissimo negli altri Paesi per un motivo semplicissimo il triennio
Il triennio serve nella misura in cui è un triennio professionalizzante cioè è un triennio che in qualche modo garantisce l'accesso al mercato del lavoro
E per far questo il segno professionalizzante ha bisogno di un rapporto scuola lavoro
Allora se vogliamo rimettere in campo quel progetto che è rimasto inalterato sono ormai ragazzi che fanno il triennio in larghissima parte continua a fare la la
Continua a fare l'università a livello a livello a livello magistrale
Il tema della professionalizzazione del triennio è l'elemento fondamentale con cui in qualche modo possiamo non solo dare prospettive ragazzi
Ma anche superi are superare quel vincolo che abbiamo siamo il Paese con un numero bassissimo di laureati rispetto agli altri mi fermo qui potrei parlare per tante altre cose perché se no spalti ma è talmente ampio però
Ci tenevo insomma a a fare alcune riflessioni alcune riflessioni che credo non vadano mai ripeto confinati nell'idea del dibattito sulla scuola di per sé
è un dibattito alto politico del Paese e questo è il tema fondamentale grazie
Ringrazio Ivan Lo Bello intervento molto Lucetto
Insomma moltissime stimoli passo la parola al professor Luciano Modica
Sì grazie grazie LiberalPD grazie Enzo Bianco per
Un'altra ancora invito qui ad Amelia sono diventato un un ospite fisso di questi amici e fa sempre piacere poter discutere fuori dalle contingenze dal lavoro di ogni giorno temi importanti
Investire il capitale umano come gettito da nostra tavola rotonda per garantire
Sviluppo al Paese ultima fase del genere
Beh io comincio subito in modo polemico è la classica frase con cui tutti i ministri destra e sinistra uomini o donne iniziano e presentarlo programma al Parlamento fino fino all'ultima si può andare indietro di cinquant'anni ma è sempre la medesima FAS
Ed è sempre la frase che non viene attuata da parte del Governo da parte però a me non è attuata in grandissima misura e questa qui proprio questa qui
Guardate che non sono qui a fare lamentele ora fare un intervento costruttivo che fanno anche dare un contributo
Innovativo senese son capace Bam non sono più a lamentarmi però devo dire che
Il mondo la scuola il mondo e l'università il mondo una cultura diciamo sono un po'stanchi di sentirsi dire che siamo la priorità del Paese ma un po'nulla corrisponde a questa priorità
Dicevo un contributo costruttivo la domanda è questa ma
L'Italia
Investe in conoscete perché in realtà il capitale umano è risultato di un investimento in conoscenza mettiamo in questa con un po'un po'semplice l'Italia il nostro Paese investe in conoscenza
Beh certamente molto meno lo dimostrano tutti i dati che poi volete dappertutto molto meno che gli altri Paesi ma abbiamo una fortissima capacità redditualità di questo investimento perché produciamo ancora oggi un capitale umano una conoscenza
Situata negli uomini nelle donne che e io ottimo livello di ottimo livello
Vi faccio un esempio che certamente
Lo
Da Udine
Può confermare negli ultimi negli atti finanziamenti per la ricerca della dell'OP a esercitarsi l
Il l'Italia diciamo la nazionalità italiana più che l'Italia le persone di nazionalità italiana hanno sono sono situate di gran lunga nei primissimi posti il plico dico temete al secondo posto con un solo posto di differenza
Rispetto alla Gran Bretagna che però ha una situazione un po'particolare
Quindi un successo straordinario forniamo in Italia certamente una classe di ricercatori che compete in tutto Europa senza nessun problema meglio di tante altre situazioni peccato che di questi quarantasei coerenze o tutti da italiani
Ventisei siamo caduti da italiani che già lavorano all'estero che presentano domanda dall'estero e ovviamente ci rimangono i giornali sono strappati capelli perché
E hanno osservato che facciamo fuggire verso l'estero
E che questi ragazzi giovani uomini o donne citato ricercatrici
Non volevano fare Italia mano erano già all'estero hanno già lasciato hanno già abbandonato sono già all'estero sono in Germania in Francia e Spagna in Finlandia dovunque voi vogliate a fare il loro lavoro quello che l'Italia non ha voluto era entità
Questa è la realtà vera dal resto guardate che credo che ognuno di voi se si rivede in una in grammi del classica Diana diciamo con un certo livello culturale con un certo livello di reddito scoprirà che nelle famiglie di questa classe italiana
Il numero dei figlioli che in questo momento lavorano all'estero e strepitoso cioè io mi domando come ancora il suo avvocato questo conto esatto perché si scoprirebbe che c'è una percentuale impressionante a due cifre certamente
Se non anche di più che lavora già all'estero quindi è una strana situazione investiamo certamente poco abbiamo una buona capacità
Di risultato di reddito diciamo ma non lo siamo noi abbiamo questa simpatica
Ad attitudine a regalare all'estero ciò che il capitalismo costruito abbiamo investito abbiamo così dal capitale dopodiché voi siamo andati ma tanto alla fine non
Non ce la facciamo
Dove sta il punto un punto non è stato già detto dal nostro moderatore
Ed è ma non lo dico con tranquillità facendo parte di questa classe naturalmente che nel nostro Paese il tema ora non la dico all'inglese ma non perché deve essere inglese ma perché il tema educazione di quei tre
Il tema educazione si sia education maggiormente ma educazione che vada dal da zero anni aveva tutta la vita se volete
è tra in meno trattati nella opinioni pubblica
Esempi
Il grande i grandi giornali
Le monde
Times per dire i primi due Annunzio un grosso importante interessante anche per me e per tutti gli esperti
Supplementi settimanali dedicati all'educazione motoria education il Times e se non ricordo male anche la Frankfurter ormai ne S.D.A.S. Crystal lo stesso
Lo stesso
Supplemento in Italia voi avete previsto premetto che il Corriere uno Repubblica sull'educazione si regolare settimanale
Devo dare atto alla Scala Confindustria che è l'unico giornale che si occupa come dire continuativamente anche senza supplemento Mambro balordi perdoniamo di education e il Sole ventiquattro Ore
Perché Corriere Repubblica lo dico senza paura si occupano dell'educazione quando hanno scandali da segnalare ben venga fino agli scandali opposte tutto scandali Veneto non senza dubbio ma mai che ci sia un approfondimento
Su questi temi che veda anche il confronto di posizioni un confronto a a
Anche di posizioni non c'è non è chiamata ambizione mi sono spesa domato ma da dove viene da dove viene questo aspetto alla fatemi fare un attimo un passi indietro che forse abbiamo già sentito ma che
Brevissimamente
Il fattore
Che noi siamo un Paese che nella education di larga Scala posso dire non ha mai creduto ma mai nei secoli non mai adesso mai nei secoli
E
Nel senso
La nostra Costituzione del quarantotto
Atteso che ci devono essere otto anni defezione obbligatoria almeno otto anni dovessero Briatore nel quarantotto
Dopo quattordici anni quattordici Santa due finalmente abbiamo attuato questa legge portandolo otto anni l'educazione obbligatoria mi mi permetto di ricordare che nei Paesi europei era otto anni già prima della seconda guerra mondiale compresa l'Albania non perché abbia nulla contro l'Albania per avere un'idea
Noi ci troviamo
Dopodiché
Gli altri Paesi andavano nove dieci undici anni dell'esilio predatoria e nove passare da otto a dieci abbiamo aspettato altri quarantaquattro anni due mila sei legge Fioroni stata attuata no
Siamo nel due mila quattordici o passati altri otto anni e la ma norma e lì non attuata nonché i ragazzi non vadano a scuola non è questo il segno che voglio dirvi
è il segno del disinteresse all'al tema che la nostra opinione generale pubblicare politica purtroppo mostra
Del resto ma
Che cosa ricordiamo tutti una figura tipica della cultura italiana e don Abbondio ma Giuliano che si difende
Dalla data Renzo e dai dai paesani dicendo che la cultura e latinorum lo Sallum amica odiosa degli altri è una idea che
Attraversa veramente da diversamente la nostra cultura e su questa poco per intervenire dicevo interi in investiamo poco posso anche e questa è la parte più costruttiva spero
E investiamo anche male sinceramente
E vi dico anche secondo me il motivo e in questo modo totalmente d'accordo con con IVA né
Lo Bello ieri ero a casa sua in Assolombarda casa sua nove
Catanese un siciliano
A Milano in Assolombarda mentre lui era qua partecipa al dibattito perché partecipavo Liber loro gentile invito a a a un tema che riguarda di qui l'ho accennato cioè il problema della professionalizzazione dei corsi di laurea
Ecco ma i viene viene appuntino mandiamo una strano meccanismo per cui quando pensiamo di investire in capitale umano investiamo solo in alcuni segmenti dell'intero spettro il capitale umano
Riteniamo che si debba investire alcune parti le altre parti vi lasciamo in particolare noi non abbiamo più investito
Nel sentimento
Di
Titolo di studio che si situa tra il diploma cioè i diciott'anni diciannove anni eh la laurea magistrale cioè i ventitré e ventiquattro anni nel mezzo abbiamo deciso che non ci interessava
Secondo una vecchia idea che la laurea o è laureato o non è niente non ci ha abituati abilità questo da da un sistema grammo un solo titolo laddove ci piaceva
L'Italia a inventato in Europa invano non senza tema di smentite a inventato in Europa e si chiama con nome di nostra città processo di Bologna ma nessuno se ne vanta in Italia
Hai inventato il meccanismo per cui i titoli di studio sia
Ma a parte le formulette mediche odio i titoli studiosi tre più due veloci i titoli sui ossia si come dire susseguono con una varietà
Di contenuti DD durate di tipologie di modelli formativi no non la unicità acquisì Abbiati una varietali uniformati
Qui ha ragione nostro moderatore noi siamo ma non solo si dà l'Italia è un pure Punzi va di fronte a questa riforma cioè
A non ha gradito non ha gradito questa riforma in realtà poi non è nemmeno vero così procura dire perché però certamente noi stiamo
Investendo poco poco su quel capitale umano che sono in quel segmento lì ma sapete quale risultato
Che noi stiamo non investendo sul quarantacinque per cento della popolazione degli studenti e si tali non sul dieci venti per cento che naturalmente farà Lerna calerà splendida faranno cose meravigliose non stiamo abbandonando non stiamo interno stiamo curando quel quarantacinque per cento di persone che hanno provato discrezionalità ogni anno ma non ce la fanno
Alla a laurearsi sono sempre molti meno di quelli che capitavano quindici anni fa o vent'anni fa però certamente li abbiamo abbandonati
è
La mia mio suggerimento che come tutti meno che i meccanismi finanziari
L'investimento deve essere sempre diversificato inutile investire solo in un piccolo una piccolissima parte che sia l'eccellenza o che sia il lavoratore che deve andare al torneo che sia non importa dove
Concentrare eccessivamente gli interventi secondo me è un errore economico
Lasciatemi chiudere
Con
Perché rate tre persone tante vittime di me e inevitabilmente egregio e credo che sia giusto così anche interessante per chi ascolta un minimo di di polemica polemica a fin di bene non non per fare
Polemiche affinché affatto inesattezze
E diciamo io vorrei ricordare per
Quali sono i numeri gli affetti della della politica l'istruzione e in particolare il restare che è stata
Regata negli ultimi diciamo se gli anni circa
La lo dico in modo molto semplice maggio due mila otto nuove elezioni politiche un Governo nuovo viene governare il Paese come secondo promessa elettorale decide di eliminare l'ICI la tassa sulle sulle casse
è un
Con il costo in sedi attorno ai dieci miliardi
Di euro pochi sanno che di quei dieci miliardi otto miliardi e mezzo sono stati pagati dal sistema formativo Pérez per l'esattezza un miliardo e mezzo da sistema sicario e sette miliardi dal sistema scolastico perché bisogna saper le cose
Va bene okay abbiamo pianto
Abbiamo sapete l'abbiamo saputo come siamo sopravvissuti perché nessuno racconta queste storie
Perché quel miliardo e mezzo tolto in quell'occasione per tre anni l'abbiamo compensato con un finanziamento straordinario che un ministro non amico recita come era il compianto Tommaso Padoa Schioppa nel luglio due mila sette aveva destinato all'asta
Qui si è tamponato per tre anni la mancanza di quei soldi poi totalmente sia sul pasticcio
Poi li molta lì si è stata lista tolta questa da rimessa Linux alla voce B
Si fa si è scelto di Trieste restituiamo a chi ha dato
Avete visto un euro alternato al Lingotto zero Euro quindi il sistema formativo aiuterete pagato come due volte se voleva una volta ma insomma non ha mai avuti indietro quello che va dato nonostante la tassa è ritornata può è stata capace la propoli entrare in queste
Quindi il
E guardate che gli effetti non è che non ci siano né
Gli effetti è che non portano appunto il dibattito al mente rado che uno non se ne accorge pochi sanno per esempio perché ne abbiamo già dove sanitari nel loro complesso giovani anziani
Sono diminuiti vanno per diminuire del ventinove per cento ventinove per cento cioè vada via una persona su tre
Ed è stata emanata rimpiazzata e alcune classi le prime fasi più anziani molto di più quindi siamo in una fase di come dire di ci stiamo chiudendo rinnovi ci siamo
Esaurendo diciamo il
Ecco
E questo mondo è davvero così abusivo alle riforme
Certo è vero però a abbiamo una un conservatorismo che
Purtroppo è molto diffuso il nostro Paese che alberga V chissà quanto anche tra i miei colleghi lo Stradivari oratorio che oggi sia
è vero c'è un forte conservatorismo
C'è anche a dire però perché
Tutto ciò che si fa che invece non è conservatorismo che sono cose nuove che si fanno successi che si hanno
Tiene rapidissimamente dimenticato se non se non dileggiato è come se nulla fosse cambiato ho già fatto l'esempio da riforma del novantanove
Delle de quella che ha dato la stura al modello europeo è quello al progresso così chiamato il Bologna ma non è solamente quello guardate
A proposito la tarda serata scuola-lavoro di cui parlava come sta la voglio parlava Ivan nel novantacinque vent'anni fa Confindustria la Conferenza dei rettori ENEA
E Unioncamere diedero vita ha un programma prima della riforma tre più due per intenderci in cui si pensava
Corsi triennali fortemente professionalizzante in un programma
A te a spese esclusivamente della Commissione europea questo programma e processo straordinario fu il battistrada
Delle riforme in Italia in altri Paesi d'Europa eppure è stato dimenticato e non più una selezione fatta e mai più utilizzata
Io mi auguro veramente che la
La il settore educazione dell'ATO di conclusero tremila Ivan Lo Bello possa riprende non dico quel programma lì ma quella tipologia diciamo
Di idee chiudo
Con questa osservazione
Diciamo bisogna rendersi conto fra l'altro che ogni intervento nell'in questo campo nonna risultati immediati
Assommo sopita sciocco dove Pisanu è la mia città ma vuol dire far programmi International student Assessment
Ma spesso si fa confusione italiane il Pisa sciocco della Germania
Chi ha dato origine ad un'attività interessantissima in quel Paese però la Germania ora o dobbiamo dire e ancora ben sotto la media europea di Pisa quindi
Dopo tredici anni quattordici anni interventi
Ripeto sacrosanti interessantissimi non è che la da un'azione propriamente cambia perché è ovvio se voi pensate che a tutt'oggi un terzo degli italiani a come massimo titolo la licenza elementare un terzo e capite che lungo il periodo
Il periodi in cui si possono assorbire questi stock diciamo di bassa conoscenze molto lungo
Allora bisogna
Immaginare che ogni intervento ogni investimento ha una redditività molto ricavata nel tempo non si hanno inviati
Risultati occorre cominciare perché ognuno anno che si perde sono anni anni che si perdono
Per il futuro e il secondo punto
E che occorre ecco ci vuole il contributo veramente di tutti quelli che fanno politica intellettuali gente di cultura bisogna ripensare i nostri modelli formativi che non vuol dire
Più scienze o più lettere non vuol dire più liceo classico meno liceo classico
Niente si parla sempre di questo occorre capire che di nel mondo di oggi per come le
Conoscete e che oggi vengono valutate il nostro modello formativo che efficacissimo
Per formare persone di altissimo livello e meno efficace per raggiungere livelli medi di conoscenza di situazioni di conoscenze
Di presenza nei sul mercato del lavoro che sono quelli che sono necessari
Ho fatto parte di un gruppo di consulenti per il Ministero lavoro per un programma il Pisa degli adulti che siano appigli acre tutto il contenzioso il il Pia che abbiamo scoperto e chiudo su questa stazione che
Di spero che vi possa interessare
Abbiamo scoperto che il cattivissimo risultato che l'Italia in Pia che se come sempre ultimi insieme la Spagna voi cc facciamo una una bambina paga perché fa l'ultimo il penultimo
Sempre così il
Il vero nodo sapete dov'è il vero nodo di cattiva do del PRT italiani
E e nel fatto che abbiamo una classe tra diciannove ventinove anni di studenti
Già di ex studenti non lavoratori che hanno maturato un rifiuto violento dei meccanismi diciamo di
Acquisizione e votazione le competenze e quella classe lì
Che ci a bassa abbassa fortissimamente il nostro score come si cinque in gergo bene questo ci deve indicare che noi abbiamo un settore prioritario di intervento prima che tutto finisca così abbiamo un settore che sono coloro che sono disoccupati e che non hanno
Potuto opposto stati capaci di chiudere un corso di studi a a assumendo una propria come dire sicurezza nel mondo della conoscenza e la nostra il nostro maggiore tallone d'Achille grazie
Ringrazio il professor Modica
Adesso do la parola Ernesto Paolo ossia mio amico semi collega
La sua proposta dove io sono docenza a contratto per ordinarie

Grazie Gargano Rio sarò brevissimo perché ci dobbiamo avere conclusioni quindi
Io vorrei
Non per spirito né di polemica e nemmeno però di di pace diciamo così mettere in campo anche qualche dubbio che mi sembra anche necessario perché
Oltretutto appartiene a Liberal PD e quindi
Onoriamo il dubbio deliberare
Come si è detto prima nella tavola rotonda sulle pari opportunità questi sono problemi antichissime
Risalgono agli anni Cinquanta dove la cosa scuola di Chicago un'altra scuola non quella pone per prima la questione del capitale umano per esempio no ci sono stati tentativi c'è un libro di Vittadini su questo addirittura di quantificarlo buona
Con diciamo geometrie e a formule algebriche professore potrebbe
Darmi conforto su questo su come calcolare il capitale umano
Aggiungiamo a questo che tutti gli economisti tutti gli economisti per esempio non sono un economista ma
Hanno sempre sostenuto la tesi che quando si tratta di spiegare perché c'è la crescita economica la crescita economica si spiega solo in funzione della aumento del capitale umano quindi questo darebbe ragione alla nostra tavola prodotto
Il problema viene posto politicamente rosso per lui meglio di me per esempio da Dell'Orco famoso Libro bianco del novantatré dove lui pone i pilastri che sono ancora quelli che non è oggi in qualche modo dalla dobbiamo affrontare
La questione della crescita del capitale umano interno all'Europa ma anche
Il fronteggiare
Ben poteva avere sembra di Prodi deve entrare di Prodi no fronteggiare la globalizzazione la concorrenza dei nuovi Paesi che arrivano tentare di
Di vincere questa conferenza sul capitale umano
E il terzo tema qui ma ne abbiamo ancora parlato dell'inclusione
Cioè la capacità da parte della del dell'Europa dei includere le culture diverse
Libro dei sogni libro vero poi l'Europa
Passato sul piano pratico no da Lisbona due mila
Fino a voi a Copenhagen noi il processo di Copenaghen e che non è un processo era un un processo nel senso di un movimento
E non devo tagliare perché non sarebbe stato interessante però spiegare come l'Europa si è attrezzata su questi è arrivata alla fine ad uno dei concetti sui nomi migliori di tutti quelli provati quello della competenza
Perché la competenza è diverso dalla paura formazione o istruzione e qualcosa di più largo più complesso
Di meno scientificità che non esce eccetera la scienza va bene ma
Negativo quando siete si cerca di portare la scienza dove non deve andare la scienza così come questo vale anche per umanisti
La competenza si può acquisire anche ad esempio al di fuori del sistema scolastico non è necessario
E vecchio mito americano era che una andava letta dell'avanzo asso consolava nelle chiedevano in quale dove si era diplomato a ceffoni bene minime mito anche quello però
I nostri sistemi scolastici pur nella discontinuità dei ministri e nella smania riformista del CONI facendo una riforma di tre quattro giorni sei mesi
Metteremo mai in grado un po'
Un qualunque professore vitello preside dirigente scarso di potersi organizzare perché mentre sta
Saccà avendo l'ultima circolare ci arriva la riforma
In questo narcisismo del riformismo italiano però una continuità c'era una continua c'era in tutti i parcheggi paladini di ministri quello appunto di cercare di certificare le competenze e da Berlinguer in poi attraverso l'attuazione dell'autonomia
Altro concetto in sé per sé ottimo ma che qualche volta hanno voi quando dovevamo tentare di applicarla ci ha fatto ricordare la battuta di lusso verrà il giorno in cui dovremmo ordinare agli uomini di essere liberi
Hanno ci hanno ordinato di essere autonomi tanti minuti ore al giorno risultato il meccanismo all'università da me totalmente ingessato
E già ricordo quando il povero Valitutti dovette firmare a malincuore la legge delle trecentocinquanta ore mio maestro frenesia ci hanno ordinato di essere intelligenti trecentocinquanta ore all'anno
Allora un un liberale deve poter anche ricordare questo permetterà anche un po'di gusto perché il gusto della libertà Natural Patrizia
Saltiamo PAC Confindustria effettivamente sono gli unici che ho scelto ad interessarsene seriamente penso l'ultimo convegno di Bari nodo è intervenuto anche Visco Canu l'intervento molto importante Visco Vincenzo De
Ha tentato niente
Non mi si aggira per carità scusate allora il suo braccio di ferro tengo insomma si è cercato di mettere in campo consiste
Dovrà a questo punto io vorrei porre qualche problema proprio a Presidente di Confindustria per esempio
Milan certo punto ha giustamente messo in dubbio l'alta capacità da una cultura un che propri leggerebbe l'umanissimo rispetto
Però ha citato un dato precedente che ho ricordato dava
Il famoso rapporto Baugruppe o che fa affidato alla causa un po'quello dell'America dell'ottantatré debba quello ricordare lo Burano ricorderete dopo era quello in cui le STU molti studenti americani confondevano baccano musicista combatto Profumo
Non so se batto Profumo esiste ancora
Spero che battersi
Confondevano Napoleone concessa ere
Non distinguevano bene non difendono bene le penisola e del Mediterraneo da quel visto un chilometro per loro era forse più importanti vengono ancora dalla memoria del Vitra se ne fregano dell'Italia la Grecia la Spagna
Ed ecco che la cultura scientifica in America e
Attenzione attenzione dell'attenzione a certi miti che si crea
Allora a proposito di questo che io vorrei
Mettere in campo una tra l'altro voglio ricordare perché per metodi da alcuni sono andata a studiare alcune cose ho scoperto che nella riforma Gentile
Quasi catanese agenti
Insomma
L'obbligo Scola
Per loro però l'obbligo scolastico era posto a quattordici anni
L'obbligo scolastico e formaggio dopodiché voi che non avevano soldi non c'era sentirla le famiglie voleva mandare i figli a lavorare no per guadagnare qualcosa non fu mai attuato ma gente l'aveva messo
I quattordici anni come obbligo scolastica
E De Santis aveva introdotto l'educazione fisica Guanda necessari nelle scuole italiane vent'
Anche questo sfatare un po'il mito di dialisi essa sono un po'penso sono molto meno idealista di quando non si pensi a mera pendenza in Italia
Allora dove voglio arrivare io e porre questo a questa questione alcuni di noi in Italia per esami ammessi con la scuola di Cotroneo Gerbido o Oberdan Gian Franco la sala per
Stiamo anche Gianfranco
La scorrettezza la scuola di Bergamo con Cerruti quindi anche provenienti da da studi molto diverse abbiamo provato anche
Attraverso il rapporto di amicizia personale di mettere un po'in campo le teorie di morendo per esempio no
Per ridar morendo che stanno avendo qualche attuazione pratica in qualche università del Messico e molta popolarità in Sud America o di altissime Brancia per gelosia accademica perché non è professore altrove professori questo è il vero vizio dei professori Italia
Pare non è non è accademico quindi un gran giorno alla sola ci morendo piena non
E invece la prima veramente così mentre invece
Infine e sistema inglese entro e non entra perché sono troppo scia interviste in quella italiana
Ora morendo
Mettendo un problema in campo
Ortega casse socialista liberale negli anni Trenta diceva che se io dovessi individuare uno uno dei problemi seri nonché il nostro mondo occidentale si troverà ad affrontare la barbarie dello specialismo a barbari allo spaccio
Questo concetto ritorna nella complessità dei morenti
Se noi mettiamo delle regole troppo amministrativo sulla ricerca scientifica era il progetto di Galileo Galilei viene bocciato sicuramente dalle dare dall'Europa
Dice poco peraltro liberale non lo dico perché voglio segnare un po'di dubbio fermi amici libera una scoperta scientifica ma si fa solo se
Ardita
Se uno vuole conferma ingenui lo scienziato professore attenziona validissima vogliamo difendere i professori
Che cosa fa fa l'esperimento per confermare la sua teoria e ci riesce sempre
Il problema e di fare la l'esperimento Vernon confermare la generica di fare un'ipotesi nuova e quale università dello finanza
I miei amici e colleghi di logica astratta in matematica americana quando hanno dovuto chiedere i fondi quando ci fu il sistema dei fondi si emenda una ogni quindici giorni una nuova logica perché alloggi la media è una sola oggi ce ne sono se ne possono fare tantissimi fra tale da
E quelle si facevano delle nuove logiche poteva vivifica perché tutto il mondo è paese finanziamenti
E e hanno finanziato decine di persone che va alla fine potevano fare le settimane enigmistica allora ciò perché era questo il il tipo di logica che si mettevano in gamba non quella utente che per vedere allora quale della la questione che dico io
Io credo che invece sia matura la possibilità di mettere in campo una un pensiero della complessità nella pedagogia Italia e se non facciamo questo
Non risolveremo la questione della
Della lezione frontale una grande delle battute come diceva prima molto bene e presidente o tutti le questioni che riceve anche Dusan dal liceo ma noi dobbiamo attrezzarli a un lavoro
Certi ma quale lavoro
Ha detto prima la bella idea la nostra società Camera ogni ogni due ore cambia il tipo di lavoro da fare allora forse li dobbiamo attrezzare ad avere un metodo per poter poi sapere lavorare quando si troveranno di fronte a un'incertezza
Imparare a vivere nell'incertezza che poi imparabile nella libertà
Cioè questo e la nuova dimensione ora Morena mi dilungo solo un po'perché se no sembra che Morena sia astratto lo impone anche delle questioni concrete penso vedete le riforme
Ne dico una che mi sembra molto interessante l'UDC per uscire dalla scolo De Luca tovaglia ma così non lo scolo dell'urto per arrivare ad hoc per esempio la questione delle decine qualcuno ha tentato di Ebla chiamato le della Cina nella anche sperimentato
Cioè
Soprattutto a livello universitario ma anche nelle scuole
Dare un decimo del tempo dei nostri insegnamenti alla consapevolezza del nostro insegnamento per uscire dallo specialista per esempio che cos'è la storia prima di insegnare le guerre che cos'è la chimica pericolosi addetta
Che cos'è la matematica
Si potrebbe fare ci sono tante cose che si pone e quando si fanno io quando facciamo questo esperimento vedovi dissensi appassiono sul serio dopo
Quando si interroga se è possibile fare la storia la storia della filosofia possibile noi dobbiamo interrogarci su questo questo poi chiedere anche il confronto con tutti gli altri colleghi e gli altri amici
Pesano cosa che non si fa proprio nelle università e si dovrebbe fare e un incontro pluridecennale più che interdisciplinare Favalli porle
Ultima cosa che volevo dire
Sei mila un altro dubbio dicevo prima
Quando le cosiddette prove INVALSI
Se oggi un politico ma nelle scuole italiane dice voglio abolire le prove INVALSI eletto immediatamente Presidente del Consiglio in un'ora sarà per la resistenza dei professori
Le prove basse come mai vanno meglio le elementari alle medie fa dicevamo prima
Qualcuno incomincia a dire perché man mano che c'è una crescita della complessità se è una rivincita della scuola il rapporto del bambino e famiglia bambino maestre alle medie famiglia
Professori società scuola Gaucho scuola di ballo
Balle
E e vanno avanti che risultano peggiore centra entrare dalla realtà
O a complessità della realtà non quantificabile facilmente a distruggere il tentativo nostro di quantificare matematicamente nel senso di un'ampia attiva matematica non della grande matematica
La possibilità di euro e la complessità di un giovane perché cresce edema dunque dove fare questa scuola elementare o pomeridiana scambi sia o a Posillipo dove abito io
Non è la stessa ma questo è banale ci sono tanti altri note
Giusto per fare anch'io una
O di riduzioni soverchie tuziorismo e necessario nessuno nega e accanto alla complessità precisi al momento di riduzioni sta il momento ciambella della sistematizzazione delle cose però però pronti a essere ricambiato e se non funziona
Io introdurrei l'elemento della temporalità Fondo è stato il centro del nostro convegno riuscito benissimo ringrazio Enzo Bianco è stato delle cose migliori che si sono fatte e rende gli ultimi tempi
Ha la forza di Renzi e la velocità ma non perché l'ente sia impazzito e voglio essere generoso ma perché capisce che la società ho già risposto bene inserire nelle nostre università forse questa è la riforma delle riforme la temporalità
Basta con questi concorsi oggi saranno annullate tutte queste forse queste sarà una tragedia culturale delle da vedere annullate tutte le prove di idoneità e associate cioè fatto in questi anni in questi mesi è una figuraccia terribile no ma si rischia
Diamogli incarichi attenermi
Fondati su ricerche specifiche un ateneo sa quale di cosa può avere bisogno dall'incarico a dare il preavviso ma se dopo cinque anni e David non l'ha fatto deve avere anche la possibilità di dire batte
Si può fare perfino nelle scuole non dando è dirigenti scolastici come va dice forse la Giannini del potere di Vito di morte sui professori diventerebbe una cosa che le inverare terrificante su un territorio così ampio
Aderire scelgo io a chiamata così i professori e questo no
Ma riuscire ad attrezzare anche in quel campo una forte diversificazione potrebbe essere una un elemento di libertà ma al tempo stesso molto pratico insomma
Io credo che
La forza di
Liberal PD deve essere quella di spingere anche Renzi l'ha capito e perché Renzi sta facendo una cosa fondamentale prima di fare tutte le riforme va a dare coraggio e professori nelle scuole va sul fronte
No
A queste povere persone pagate malissimo insultati da tutti i privati e gli dà una mano una pacca sulle spalle quello già dopo fa lezione
Tornando al capitolo sta facendo bene senza demagogico non demorde permessa facendo benissimo
Perché ritiene due figli a scuola voglio insegnare allora anche noi dobbiamo
Dobbiamo adeguarci a questa rapidità per una scuola della complessità che
Alla libertà radar grazie
Grazie mille maestro adesso possono parola Paolo Gentiloni che ringrazio non solo di essere venuto dall'aver atteso
Per un intervento finale nominare senza neanche sintesi politica di tutti gli stimoli che abbiamo avuto in questo che sintesi politica due tue due parole perché
Siamo in evidente conflitto con con il pranzo
Ma quando
Quando sono stato invitato da Enzo che ringrazio come sempre che ormai è una tradizione
A intervenire a questo non essendo certo un esperto di education di
O distruzione universitaria o di ricerca da questo Pannella
Mi sono venute in mente a parte il indirizzi
Abbiamo riferito permette per me inevitabile due cose la prima
Che
Questo apparecchio che adesso sta sta squillando
Come sapete viene assemblato in una città cinese si chiama Shenzhen che è una megalopoli nata negli ultimi
Dieci quindici anni
E il lavoro di assemblaggio viene fatto in questa megalopoli da quattrocento mila persone quindi una cosa enorme
Questo tuttavia non ha provocato una caduta occupazionale negli Stati Uniti
Perché i lavori collegati a questa roba qui ti progettazione di Desailly né di ricerca di marketing eccetera eccetera eccetera sono molto cresciuti
Secondo esempio che mi ha seconda cosa che mi è venuta la mente la la copertina del
Dell'Economist della settimana scorsa
Curiosamente dedicata curioso che sia la copertina all'ascesa dei loro posti
Più importante settimanale del mondo fa una copertina sull'ascesa dei troppo
E che e naturalmente racconta tante cose ma dietro
Lascia un interrogativo micidiale e cioè
In che misura la sostituzione di lavoro che
Questa tardiva rivincita di di Asimov offre delle robe di cui si parlava cinquant'anni fa
Provocherà
E
Lo fa lasciando un grande punto interrogativo faccio questi due riferimenti per dire che
Nel pannelli interessantissimo che io ho ascoltato
Noi naturalmente stiamo parlando non solo
Della qualità dei nostri sistemi educativi
In fondo stiamo parlando del del nostro futuro o almeno
Del futuro della capacità competitiva del nostro Paese
Del futuro della possibilità di questo Paese dell'Europa in genere di avere un certo ruolo nella
Competizione globale
Perché l'impatto
Di un impoverimento del capitale umano
è un impatto generale
Non è un impatto che riguardi soltanto
La fuga dei cervelli problemi relativi ai l'al sistema di istruzione impatto generale prima
Paolo si ricordava
L'intervento di divi Ignazio Visco
Alla cosa della Confindustria Bari
Dove in sosta un intervento che poi
La televisione regionale hanno ripreso per due righe di cui lui constatava una cosa normalissima e cioè che
Dei posti di lavoro a tempo indeterminato dal punto di vista del capitale umano sono meglio che dei posti di lavoro precari che su queste due righe
è stato archiviato il discorso di di Visco che è molto interessante io confesso me lo sono andato a leggere in vista di questo convegno
è in sostanza fa vedere come
Quello che forse
Il tre il divario più gravoso per noi
Che è la la produttività oraria del lavoro uno nel nostro Paese rispetto ai Paesi comparabili europei
Al ritardo che si è aggravato negli ultimi anni dipende essenzialmente da dice il Governatore della Banca d'Italia
Dal fattore capitale umano
Interessante una cosa di questo genere quindi stiamo parlando di un tema
Diciamo il cui
Sviluppo concerne la
Competitività del nostro Paese è lo stato delle nostre
Della nostra economia
Come si interviene di fronte a questi ritardi perché adesso non ho tempo di di ricordarle ma kitsch avesse voglia si va a rivedere questo intervento di riscossione ci sono molte cose interessanti nella descrizione del nostro ritardo
Come si interviene certamente innanzitutto ma io non non aggiungo perché è stato detto veramente molto bene da Modica dallo bello da tutti
I colleghi che sono intervenuti
L'investimento in education no come come grande priorità
Sarà mantenuta per smentire Modica questa prima questa impegno questa priorità da parte del nuovo Governo
Chi lo sa vedremo io penso che un'intenzione politica ci sia non lo ricordava adesso Paolozza è anche un'intenzione personale del
Del Presidente del Consiglio non non solo una
Una così un ricordo blairiano no ma ha una sua intenzione persona dare importanza questa roba della a questa grande priorità
Sulla quale non aggiungo ma che certamente l'aspetto e il singolo aspetto principale
Tuttavia io
Vorrei
Aggiungere che
Dobbiamo essere credo consapevoli che oltre a questo singolo aspetto principale la possibilità di
Creare incrementare mantenere il capitale umano dipende da un insieme di fattori
Cioè è un po'è un problema di ecosistema favorevole allo sviluppo del capitale umano non è solo un problema di
Diciamo Investimenti nel sistema educativo
Che cosa vuol dire un ecosistema favorevole con una parola si potrebbe dire visto dove ci troviamo una
Società penta
Oppure dire tante cose che qui sono anche state richiamate no al tema della mobilità sociale delle diseguaglianze di cui parlavano Boggi
Che Lo Bello della propensione al cambiamento dell'equivalenza di generi di cui si parlava nella nel panel precedente assolutamente fondamentale quando parliamo di
Di sviluppo del capitale umano
Del ricambio generazionale
Dell'apertura all'esterno della capacità di includere altre culture
E altre esperienze di lavoro del rispetto delle regole voglio dire lo sviluppo del capitale umano
Non è qualcosa che si acquisisce una volta per tutte attraverso
Un miglioramento lo sto dicendo che non sia la priorità sto dicendo che dobbiamo vederla con un'ottica di sistema io credo
E l'insieme delle cose che bisogna cambiare in questo paese che io mi auguro questo Governo e mi pare che qualche segnale positivo ci sia cercherà di cambiare quelle aiutano davvero
Education innanzitutto quelle aiutano davvero a
Cambiare la situazione tenendo conto che il fattore chiave dal punto di vista della competitività
E l'innovazione ovviamente
E che le cose che citavo prima come ecosistema favorevole allo sviluppo del capitale umano coincidono in langa in larga misura con le cose che sono indispensabili
Anche per un ecosistema favorevole all'innovazione
Quali sono i fattori chiave perché sviluppare l'innovazione favorirne
Lo sviluppo ma
Cose interessanti io ho letto di recente in questo libro che
Sopra per la maggiore di di Enrico Moretti chiediamo Rete molti di voi verranno visto che si chiama la la nuova geografia dell'autunno lì mi hanno colpito due cose la prima lui dice
Fa una serie di raffronto i tra le diverse città americane un po'una risposta dieci anni dopo a quella roba di
Di Florida su le classi creative con le quali peraltro lui un pochino
Polemizza ma in realtà sono due lati abbastanza della stessa medaglia dal mio punto di vista comunque lui dice primo lecita compie un laureati
Stati Uniti
Sono
Città in cui ci sono aziende più creative e
Remunerazioni medie più alte
Cioè lui stabilisce una correlazione tra il numero di reale anti laureati e aziende creative remunerative remunerazioni medi più alti
Seconda cosa che dice fondamentale però ancor più
Sostiene delle università
è la concentrazione di imprese innovative
La concentrazione di imprese innovative modifica all'ecosistema delle che dia il delle grandi città per tutto quello che si porta attorno racconta la storia di Seattle e di altre esperienze negli Stati Uniti
Quindi l'impresa innovativa ha un ruolo
Nella
Innovazione generale della società e nell'incremento del capitale umano che è assolutamente straordinario
Quindi quando noi diciamo investire sul capitale umano diciamo certamente investire in education ma diciamo investire in
Trasformazione della nostra Società
E diciamo in particolare che ci sono alcune condizioni di ecosistema che sono indispensabili
Giotto esatta per per usare questa roba quello slogan Renzi hanno
Banda larga
Non è uno slogan Renzi hanno però sincera banda larga difficile di sviluppo del capitale umano
Giustizia civile
Rispetto delle regole
Chiudo
Quindi
Il mio messaggio e
Vorrei che non fosse preso perché io do cerco di darlo alla fine di un pannello in cui giustamente ci si è concentrati sulla priorità education quindi non voglio che qualcuno pensi che
Io dico no ma i fattori di sistema sono più importanti del del settore no io dico che la sfida che abbiamo davanti se pensiamo a ai robot e ai quattrocento mila che assemblano lì gli iPhone a Shenzhen è una sfida certamente che riguarda le l'Education ma che riguarda il sistema
E come siamo combinati noi italiani per chiudere su questa sfida
Ma
A me piace una una
Una cosa che che che mi sono segnato e che dice
Che ha detto un paio d'anni fa signore che si addensa Anderson che sapete è famoso per aver scritto quel libro sulla coda lunga era prima il direttore di Wired lui
In sostanza ha detto che la la prossima rivoluzione sarà guidata da impresa d'Italia piccola soprattutto a media a cavallo tra alta tecnologia e artigianato
Che faranno prodotti e servizi innovativi e personalizzati ora non so se
Le profezie di di Chris Anderson si avverino
O quanto o quanto siano attendibili so però che è abbastanza
Sensato un ragionamento di questo genere e che le piccole e medie imprese di cui parla assomigliano moltissimo a una parte molto importante del nostro Paese
E quindi io credo che c'è motivo per essere allarmati ma anche motivo per essere molto ottimisti sul futuro
Grazie Paolo
Vi ringrazio dell'attenzione fino a un'ora così avanzata e vi ricordo che ci trasferiamo tutti al Teatro sociale
E che i lavori riprenderanno entro le quindici grazie
Ma si sono chiusi con
Diciamo
Due panel tutte e due di straordinario interesse ho visto che abbiamo seguito
Senza staccare un solo minuto di attenzione nonostante fossero gialle le quattordici quando abbiamo completato il pomeriggio si apre
Con un
Panel sul tema una sessione sul tema i nuovi italiani sono già realtà
Andiamo c'è ad affrontare una delle
Vere grandi questioni da cui dipende il futuro del nostro Paese
Credo che
Sia sotto gli occhi di tutti che la società italiana negli ultimi decenni è radicalmente cambiata sino alla agli anni Sessanta
L'Italia era un paese di
Emigrazione
Non solo di Sud del Paese ma intere regioni come il Veneto soltanto per fare un esempio il Friuli
Hanno
Diciamo conosciuto dei del
Fenomeni molto molto accentuati di emigrazione nel corso degli anni Ottanta fine anni Ottanta la tendenza si modifica e a partire dalla fine degli anni Ottanta in modo crescente vitale è diventato un Paese di immigrazione
Una parte
Rilevante dell'immigrazione del nostro Paese non è stata controllata né monitorata né guidata e un'emigrazione che ha visto arrivare sul territorio nazionale
Centinaia di migliaia di persone in un modo sostanzialmente illegale quelli che con espressione
Molto in voga alla fine degli anni Novanta si negava si chiamavano clandestini no e che diciamo all'origine sono stati è stata una modalità di accesso assolutamente
Siamo prevalente nel nostro Paese
Oggi
In tutte le regioni del Paese e naturalmente nelle regioni più ricche in modo più accentuato siamo di fronte a una società che come
Il resto dei dei grandi Paesi europei e che una società composita la
La
La la una parte significativa della popolazione italiana viene da altri Paesi tanto da altri Paesi europei prevalentemente i Paesi dell'est Europa
Quanto da Paesi del Nord Africa dell'Africa subsahariana
E anche naturalmente presenze significative anche di altri continenti continente asiatico presenza di comunità come quella Filippine o cingalese homo goriziana o addirittura di presenza di area sudamericana
Nel o centro americana del nostro nel nostro Paese
Il questo fenomeno nel complesso mentre mi permetto di dire avendo avuto responsabilità di prima persona in questo campo ed essendo stato ministro dell'interno in uno dei periodi di massima emergenza
Quando quando sul nostro Paese si sono abbattute ondate di immigrazione clandestina assolutamente al di fuori di ogni capacità e possibilità di controllo
Diciamo sono convinto che il l'Italia non ha affrontato in modo adeguato il problema e ci sono tutt'oggi tanto avete problemi molto seri
Il problema fondamentale ovviamente e quello della gestione dell'emergenza da una parte e poi il problema di dare un futuro è una prospettiva
A queste
A queste
A questo problema una parte rilevante della capacità
Nel nostro Paese di riprendere un suo percorso di sviluppo sono legate alla capacità di gestire in modo intelligente e di trasformare un problema come al solito si dice con linguaggio un po'abusato in un'opportunità e naturalmente
Sapendo che non è facile sapendo che ci sono scontri e che dietro le tensioni spesso si va con un sì nascondono anche ragioni serie che però va in qualche modo governato in modo più adeguato
Ecco perché abbiamo pensato di dedicare un panel a questo argomento
Prima di entrare però nel merito di questa riflessione io volevo salutare con gratitudine anche con un augurio in bocca al lupo perché in Umbria ci sono molte elezioni importanti
Ed è il turno amministrativo di maggio credo che sia una delle regioni in cui va a votare il maggior numero di comuni
E quindi vorremmo
Ringraziare di cuore Giacomo leone dei livelli del segretario regionale del Pd dell'Umbria perché
Nella fase delicatissima della predisposizione delle liste del varo e della scelta delle donne degli uomini che lei mi daranno ha voluto venire a darci il suo saluto e l'augurio di buon lavoro e gli cedo volentieri la parola prego
Giacomo una te la parola
Il turismo boh
Grazie mille Grazia avorio sono molto contento di essermi con voi di portarvi il mio saluto di portarvi elemento il saluto del partito
Democratico dell'umbra che è già ampiamente rappresentato da qui presente Riccardo Maraga visto che potrà essere il sindaco della vostra città
Cioè la città di Amelia e anche membro della mia segreteria regionale
Credo che però ecco noi a oggi quando ma è stato posto l'attenzione questo programma qualche qualche settimana fa io
Ho dato subito l'adesione perché è vero come diceva giustamente
Enzo Bianco che
Siamo in una fase molto complicata di grande impegno in giro per l'Umbria e su tutti i Comuni in particolare dove dove si vota
Però è anche vero che non dobbiamo mai dimenticare ovviamente la centralità dei contenuti l'agenda politica del Partito democratico credo che dal programma
Di questi di questi tre giorni si evince comunque una
Volontà direi di andare un po'
Ad affrontare quelli che sono i nodi che hanno
Al pettine dell'agenda politica del Partito Democratico peraltro devo dire che
Questo approccio che quello che stiamo un po'notando a livello nazionale da parte del nostro segretario che
Dà comunque l'idea oggi nel ruolo di primo ministro di
Voler affrontare tutte le questioni cruciali e magari anche quelle inevase per tanti anni sta comunque riportando il Partito Democratico ad una centralità dell'agenda politica nel quale si percepisce appunto un'attenzione da parte di tutti
Rispetto a quello che appunto il nostro è il nostro agire politico su questo ovviamente io voglio ringraziare
I liberal del Partito Democratico perché è evidente che danno un grande contributo contenutistico nel quale io peraltro culturalmente come è noto
Mi ci riconosco anche per quelle che
La mia provenienza la mia storia la mia sensibilità politica culturale
E devo dire che
Il contributo contenutistiche programmatico che emerge da questi
Da questa tre giorni ci dà comunque l'idea come dicevo prima di un Partito Democratico che vuole entrare nel merito delle grandi questioni
La questione dei nuovi italiani è una questione che come diceva giustamente Enzo Bianco il Partito Democratico nel corso degli anni non ha avuto forse la capacità di declinare da
Come posso dire problematica
Del di fine Novecento quanto meno problematica della contemporaneità all'opportunità questo è un limite che ne abbiamo avuto
Negli ultimi anni e guardate ma riflettendoci un attimo durante l'interruzione individuo tre almeno tre di questi macro termini
Dove il PD per troppi anni non è riuscito a
Sganciarsi da quello che sono
Valutazioni ideologiche e contrapposte per dare una linea chiara e netta su quella che poi il contenuto riformista l'agenda politica
Un tema per esempio annoso sappiamo bene
è quello dei dei diritti e i diritti civili in particolare tema il quale il Partito Democratico per troppo tempo
è rimasto bloccato anche su una discussione meramente interna piuttosto che magari
Affrontare quello che è oggi un'esigenza della contemporaneità anche alla luce il tema dell'opportunità il tema ovviamente di quello che sta avvenendo negli altri Paesi europei un altro tema forse proprio l'Europa
Cioè l'idea per la quale l'Europa non è soltanto come dice al nostro Segretario nazionale un
Una maestra che di fare una zia anziana che di far fare i compiti
Noi su questo scontiamo un ritardo ovviamente culturale tanto che poi quando vediamo
Che le elezioni europee danno comunque spazio almeno nelle intenzioni a tutti quei soggetti che
Hanno invece un profilo meramente antieuropeista dobbiamo anche fare un'autocritica su quello che
Non abbiamo fatto per declinare negli anni però qua delle dell'opportunità Europa dello sviluppo Noro qua dell'integrazione anziché
Un'Europa veramente del rigore dei conti in ordine e della Banca centrale europea questa è un altro tema sul quale noi abbiamo pagato e paghiamo ancora oggi un dato sia un
Nel non averlo declinato come un qualcosa di positivo e di col posso vedi potenzialmente
Dagli affetti diciamo anche legati a quello che lo sviluppo l'integrazione l'opportunità più per il territorio rispetta quello che invece come dicevo prima semplicemente una a connotato problematico è quello che
Che abbiamo un po'sotto gli occhi di tutti e l'ultimo tema probabilmente proprio questo
è un altro tema il quale come dicevo poc'anzi non abbiamo avuto la forza
Di far percepire che al di là di quelle che sono le problematiche legate alla contemporaneità
C'è però un universo di possibilità di opportunità di sviluppo di crescita legato appunto tutto il tema dei nuovi italiani
Questo è è un limite
Dopodiché non ci siamo resi conto in questi anni che mentre eravamo bloccati da discussioni ideologiche non tanto dentro il Partito Democratico ma
Tra il Partito Democratico e diciamo del centrosinistra e quello che
Stava fuori da noi e quindi la paura di dare accelerazioni per avviene un diciamo la la
L'effettuo che si respirava nei sondaggi negativo nove se non avessimo dato accelerazioni in avanti si diceva però attenzione perché poi
I sondaggi non ci premierà ecco queste sono
Quello oggi nemici Anna ingabbiato per anni
Però ci siamo anche resi conto che mentre noi eravamo preoccupati magari di
Fare scelte decisamente riformiste scelte coraggiose scelte nel quale le quali quelle che era un po'il nostro DNA veniva posto al centro dell'agenda politica
Nazionale poi ci siamo resi conto che
Che il mondo andava avanti e quindi ci siamo resi conto ci siamo trovati la mattina andare a lavorare negli autobus con
Bambini che venivano da tutt'altre etnie e che parlano il dialetto meglio di noi
Perché poi chiaramente quando soprattutto a sinistra
Non si capisce che il riformismo no deve anticipare quello che
La realtà delle cose i costumi
Le dinamiche della nostra società poi ci ha ci accorgiamo che quando la dinamica nostra società
Ci superano se in agenda politica soprattutto
Nella realtà delle cose siamo costretti a rincorrere su questo credo che
Oggi il Partito Democratico è chiamato ad una scelta di coraggio ad una scelta che mette comunque
Un po'nel cassetto quelle che sono state
Le paura del passato
Una scelta che che ripeto parte dato tema dei problemi dei problemi ovviamente di chi vive in Italia di chi nasce in Italia di chi vuole però anche affermarsi d'Italia critici anche tutto un tema che
Noi
Dovremmo approfondire rispetta le opportunità dei nuovi italiani ce l'ha diritti di cittadinanza ma anche opportunità e penso per esempio ovviamente al mondo del lavoro penso a tutte le questioni sociali penso anche la capacità no di fare in qualche modo Rete per uno sviluppo del territorio insomma
Credo che questi sono temi centrali l'agenda politica del Partito Democratico l'Umbria è un territorio
Che da sempre avuto coraggio forse più degli altri
Aree del Paese su questi temi
Quindi ecco io ho
Vi do ovviamente vi porto il saluto del del nostro partito dalla nostra segreteria regionale e spero che da questo dibattito possa emergere comunque
Un profilo programmatico e identitario utile a tutti noi è utile anche ovviamente a quella che può essere
Una connotazione di un'agenda politica che deve avere il coraggio di gettare un po'il cuore oltre l'ostacolo per superare tutte quelle barriere ideologiche ci hanno impedito
Di affrontare il problema come avremmo dovuto e che contestualmente hanno creato anche
Disuguaglianze
E e anche iniquità tra tra i cittadini e le nostre città quindi grazie a tutti per questa possibilità di essere presente qui e in bocca al lupo dei vostri lavori
Grazie
Giacomo grazie di cuore
E io alterne rese siamo d'accordo alcune esperienze vissute
Qui in Umbria per le ragioni che anche Leonelli ricordava poco fa con alcune esperienze anche nazionali e pregherei c'è in sala Renzo non accetti del Circolo pallacorda di Milano
Ma è soprattutto e in questa veste parla se voi quell'area anche
Di il fondatore di
B.O. un board
Un'esperienza di cui vorremmo capire
Qual è il senso e quale diciamo il risultato della vostra esperienza in quest'ambito prego non c'è
Riprendere
Però
Testa Rossa
Sono
Dicevo grazie davvero dell'attenzione
Quando scoperto che
Nella nel programma di oggi qui ad Amelia si parlava di questo argomento che è successo solo qualche giorno fa
Purtroppo ho preso la macchina questa mattina prestissimo e sono venuto
Direttamente perché ritengo che questo sia
Un tema veramente centrale
Lo è in modo così evidente che salto tutte le premesse che sono già state peraltro posti in maniera assolutamente lucida con questo fenomeno noi dobbiamo fare ed è i conti in modo ormai compiuto
E tutti intorno a noi però va inquadrato questo fenomeno e questo fenomeno non può essere inquadrato a partire
Dal fenomeno della migrazione ma deve essere inquadrato correttamente a partire dal fenomeno più ampio del cambiamento di valore
Di peso economico che hanno oggi aree Paesi regioni del mondo
Rispetto a quello che poteva essere vero ho percepito come vero soltanto alcuni anni fa parlo non di tanti anni fa di cinque di dieci anni fa la percezione era diverso
Ora
La differenza è rilevante perché
Noi guardiamo ancora ai migranti e i nuovi italiani come
Soggetti che entrano a Farra
Come dire concorrenza su una risorsa scarsa che è il valore
Diciamo che produciamo nel Paese il valore evidentemente del lavoro principalmente i poiché servizi e di tutta la coda
Di cose che si collegano evidentemente alla produzione
Ora questo punto di vista è francamente un punto di vista completamente scorretto non è scorretto perché non è di sinistra ma essenzialmente è scorretto perché un punto di vista che non è di valore
E forse per questo poi non è di sinistra
Il mio punto di vista personale è che dobbiamo partire per capire di che cosa stiamo parlando da un dato evidentissimo provate ad immaginare quanto costi formare una risorsa italiana
Un ragazzo italiano perché parta e vada a in un Paese supponiamo l'India vedo qualche volto
Supponiamo la Cina supponiamo altri Paesi che oggi rappresentano vere e proprie potenze economiche e riesca a farci in questi Paesi
Business in modo veramente rilevante in modo radicato
Costa un'enormità
Non parliamo più di costi parliamo di tempi quanto tempo occorre per fare questa questa quest'operazione tempi lunghi
Non che non si debba incominciare ma tempi troppo lunghi per le esigenze
Delle nostre aziende soprattutto delle piccole delle medie imprese che hanno bisogno di scappare dalla asfissia abbastanza improvviso percepita abbastanza improvvisamente del mercato domestico
E in tempi molto brevi su una ricerca di ossigeno nella nel mondo che
Che ancora una volta tuttavia nuvole attendeva voglio dirlo in cui la competizione è diventata veramente molto forte molto feroce
Ebbene dia un board nasce questa esperienza nasce esattamente da queste premesse e ne ed è di fatto
La prima agenzia per la valorizzazione del talento multiculturale a scopo di internazionalizzazione di fa agevolazione per l'internazionalizzazione del processo di internazionalizzazione delle nostre imprese
Ecco io penso che
La cosa fondamentale oggi sia capire essenzialmente
Che cosa si può fare per e che cosa si deve fare per
Valorizzare questo talento
Ma noi facciamo cose abbastanza semplici di fatto scusate la prima cosa eh lavorare sulla consapevolezza perché purtroppo non basta a bere lingua conoscenze linguistiche sono un asset fondamentale
E co e competenze culturali per
Essere d'aiuto per una cosa così seria così severa così concreta come aiutare il processo di internazionalizzazione di un'impresa immaginiamoci attraverso Trento produttivi immaginiamoci attraverso operazioni di natura commerciale o quante altre attività voi volete immaginato un percorso molto terrestri molto
Decadono per terra
Allora il primo punto e incominciare a lavorare su gli stessi multiculturali
Perché cambino il punto di vista su di loro su se stessi perché incomincino accogliere che
Per portare valore nel Paese devono fare propriamente riferimento rilievo sulla loro origine
E sulle loro appunto caratteristiche e competenze e specificità
Questo concretamente ancora una volta significa che noi chiediamo
Hai multiculturali ai nostri interlocutori multiculturali
Di essere parte attiva nel processo di individuazione degli interessi italiani delle aziende italiane nei loro luoghi di origine dei loro Paesi di origine
In definitiva nulli consideriamo semplicemente
Fatemi dire targhetta di una ricerca di una selezione
Ma li consideriamo parte attiva del processo di
Match di di come dire protocollo di di di di incollamento vede gli interessi ed è delle dopo i doppi esigenze di chi cerca una cosa di chi cerca
Il suo complemento
L'altro aspetto che facciamo è lavorare con
Evidentemente le impresa e perché a loro volta sviluppino questa diversa consapevolezza grassa consapevolezza che significa che
Al giovane scusate uso un'etnia qualunque
Vietnamita cinese
Che sarebbe interessante fra l'altro in questo in questa logica evidenziare come noi continuiamo a parlare quando pensiamo a questo fenomeno dell'internazionalizzazione delle imprese dei
Dei paesi di maggiori dimensioni tipicamente l'India tipicamente la Cina
Il Brasile la Russia eccetera
Ma oggi probabilmente l'ondata di valore che dobbiamo prepararci ad intercettare
Avviene da Paesi ancora più complesse da un punto di vista culturale ancora più per certi versi distanti
Rispetto al nostro Paese come possono essere i cosiddetti Nesti lei venne insomma no di cui fanno parte Paesi come l'Iran ma di cui fanno parte Paesi come il Vietnam eccetera eccetera
Ebbene
Noi crediamo all'impresa di non rivolgersi a questi soggetti chiedendo loro scusate semplicemente di salire ogni tanto
Nella nella nella diciamo nell'anno nell'ambito Borgo Roma nella stanza dove se sì
Muovere la la diretta la direzione dell'azienda quando c'è una delegazione del loro Paese di origine che va a visitare l'impresa ma chiediamo loro di guardare a queste risorse sviluppando né la le competenze riconoscendone il talento straordinari si tratta in qualche modo di accettare il principio
Che passino davanti nella
Nella fila di chi attende per certi aspetti di di di di essere valorizzato nella nel processo naturale di di di crescita di valore appunto
Della carriera
Ma è un un passare avanti nella fila tanto più importante per noi per questo Paese per generare nuove opportunità perché di lì viene il valore e la possibilità di successo del made in Italy
Concludo
Hashish passando velocemente in rassegna facciamo cose Carucci e come ad esempio delle centouno Progetto mille
Developer manager internazionali vuol dire mille export manager di cui questo Paese a un'esigenza assoluta perché tutte le piccole e medie imprese dovranno appunto cercare
Nuovi spazi sui mercati e bene questo noi stiamo cercando di organizzare anche con apposta sessioni formative
Concludo su un dettaglio a cui tengo molto
Spiegandovi che cos'è questa famosa BIT perché vi non è scritto come l'acronimo la la parola inglese per capirci ma è scritto proprio big come
Babbo si diceva una volta quando andavamo alle elementari
Se quel Bindi stava per persone di Serie B
E io vorrei che questo Bindi significasse da adesso in avanti persone vi culturali perché questo è il fattore che può fare la differenza
Io mi fermo qua perché ogni cosa che si dica in più tende a come dire ad andare nel dettaglio andare sottraggo veramente troppo spazio al panel però ovviamente ci sono poi per qualunque tipo di ulteriore informazione o commento grazie
Grazie adesso torniamo all'esperienza umbra e sentiamo la voce del Assessore regionale
Fabio Paparelli prego Fabio
Faccio Laurino si
Pochi minuti a disposizione l'esperienza per esperienza credo molto più interessante che possa essere messa al servizio o di un ragionamento più ampio che investe l'intero Paese
Altro non abbiamo fatto molto lavoro molto approfondito
Da questo punto di vista che siamo stati la prima Regione italiana ad avere una legislazione in materia
Con la prima legge del mille novecentonovanta
Quindi ormai sono una legge che ancora durare ancora la sua validità che a ventiquattro anni che ancora
A strumenti e criteri concetti positivi con i quali riusciamo a davvero dare un contributo alla creazione
Vedere attraverso l'integrazione spinta ad aver
Contribuire al fenomeno così come viene chiamato oggi dei nuovi italiani voi dovete sapere che in Umbria
In base Ai dadi Istat e fonte del ministero degli interni
Abbiamo avevamo nel due mila tredici novantadue novantatré mila circa immigrati
Con un'incidenza sulla popolazione dieci virgola cinque per cento
Quando questo al due mila tredici al due mila dato di dato ultimo dato aggiornato al due mila tredici
Di essi sessantotto mila quindi di gran lunga superiore alla percentuale della media italiana che il sette virgola quattro europea
Che si supera l'otto l'otto e mezzo per cento sessantotto mila e cinquecento circa sono soggiornanti extra Unione europea
Poiché ci pone al secondo posto tra le Regioni italiane di questo fenomeno dopo l'Emilia Romagna
Di questi novantadue mila settantasette per cento vivono in provincia di Perugia il ventidue per cento circa in provincia di Terni
Le donne solo il cinquantuno per cento tra i motivi del soggiorno il quarantanove per cento del totale del totale rappresenta riguarda il ricongiungimento familiare
O i motivi di lavoro seguono i motivi di studio ed un cinque e mezzo per cento tra cui Ameglio c'è un fenomeno particolare costituito da motivi rifugiati per motivi di asilo politico o di carattere umanitario
Tra le nazionalità più consistente dei soggiornanti non Unione europea ci abbiamo l'Albania il Marocco
Tra gli stranieri invece soggiornanti Unione europea la Romania al primo posto con il venticinque sette per cento
Anche i minori nati in Umbria
Ho arrivati per ricongiungimento familiare costituisco una presenza molto significativa minori residenti ormai hanno raggiunto il venticinque per cento degli stranieri e superano quota ventitré mila
Sui novantadue mila quindi rappresentando oltre un quinto di tutta la popolazione straniera residente in Umbria quindi qui nuovi come dei nuovi italiani e abbiamo già fatte in qualche
In qualche modo
L'Umbria è tra le Regioni italiane con la percentuale più alta di Alighieri immigrati nella scuola primaria e la seconda dopo l'Emilia Romagna avere incidenza degli alunni con cittadinanza non italiana sul totale della popolazione scolastica
Per gli altri ordini di istruzione
Quasi la metà degli studenti umbri sono nati in Italia e sono le cosiddette seconde generazioni
La crescita demografica in Umbria è stata prodotta in questi dal due mila uno in poi quasi esclusivamente grazie al fenomeno o della migrazione
E i motivi rispetto al mercato sul lavoro noi abbiamo un occupato su dieci è straniero quindi rappresenta il dieci virgola due per cento del totale dei lavoratori la presenza di stranieri e minima nelle professioni qualificate solo l'uno e otto per cento
Mentre molto elevata in quelle non qualificare il trentatré per cento
Più del cinquanta per cento delle donne immigrate svolgono due professioni assenti assistenti domiciliari collaboratrici domestiche
Anche gli uomini sono concentrati sulle professioni che dicevo prima muratori camionisti braccianti Facchini ambulante
E la loro retribuzione in genere è del venticinque virgola otto per cento inferiore rispetto a quella media degli degli italiani
Nell'incasso di durante la crisi abbiamo registrato ovviamente una contrazione maggiore per la contrazione di alcuni comparti quali quello dell'edilizia una contraffazione maggiore dell'occupazione per quello che riguarda
Ovviamente di immigrati stranieri
E tuttavia questo ci fa dire che c'è un ruolo insostituibile della componente straniera nel mercato del lavoro che emerge ancora più chiaramente so serviamo la struttura dell'occupazione stessa
Il cinquantasette virgola cinque per cento delle donne occupate nei servizi collettiva la persona sono straniere quindi quasi il sessanta per cento delle donne che lavorano in questo settore il trenta per cento dei negli alberghi nei ristoranti lo stesso vale se analizziamo diciamo
Situazione maschile perché lo che riguarda gli alberghi il turismo e servizi collettivi alla persona
E in generale la presenza straniera su quel quarantasette per cento nelle professioni non qualificato
Il sistema Umbria
Che si è mosso già come dicevo prima con la legge regionale del mille novecentonovanta in questi due decenni
Diciamo ha preso atto di questa struttura di questo fenomeno che è diventato non più fra me revisori è diventato un fenomeno di carattere strutturale
E ha fatto molto leva nelle politiche di integrazione su tre elementi la famiglia la scuola lo sporto sono stati tre veicoli maggiori di
Per la creazione diciamo dalla l'il contributo che ha dato l'Umbria la alla a questa generazione di nuovi di nuovi italiani
Se questo è il quadro è ancora più facile comprendere che la qualità della convivenza diventa già adesso e lo sarà ancora più in futuro da come abbiamo gettato le basi vera viceversa per affrontare
Questa sfida
Perché da questo punto di vista le politiche pubbliche
Locali dell'immigrazione rivestono un aspetto di cruciale importanza per la convivenza multiculturale in quanto svolgo una funzione di sviluppo dei diritti di cittadinanza sociale e dire un governo del fenomeno
Ai fini della sostenibilità sociale dell'immigrazione
Stesse
E non l'abbiamo basata molto su due concetti sull'integrazione dal concetto sulla sul sulla binomio integrazione sociale forte spinta e rispetto della legalità
Ne abbiamo tra le azioni virtuose che lo state messe in campo in Umbria c'era una piccola ma molto significativa e ho fatto una forte diffusione dalla nostra Costituzione italiana in ben dieci lingue
è stata distribuita a tutti i giovani e a tutti immigranti tutti quelli che è stato possibile raggiungere nella nostra regione perché sul binomio
Immigrazione integrazione
Sicurezza e percezione che di esse hanno cittadini passa uno un pezzo diciamo dalle nostre politiche sociali e di migrazione
Sul binomio infatti immigrazione insicurezza si sono costruite soprattutto nei mass media diciamo talune dinamiche che hanno
Contribuito a una
Distorsione del fenomeno e la vera risposta che produce sicurezza è quella di governare i flussi migratori e puntare solo l'integrazione l'abbiamo fatto una serie
I sondaggi lo voglio socio occulto due minuti sono li voglio citare su questo fenomeno della percezione grado immigrazione e la e la sicurezza
Dove il quarantatré per ciò che è molto contraddittorio che dà conto diciamo di questa
Il quarantatré per cento degli intervistati pensa che la presenza di immigrati nella città di residenza porti più vari più svantaggi che vantaggi cioè si parte da questo presupposto
Poi quando si chiede l'immigrazione dei cittadini stranieri e positiva o meno il sessantasette per cento ci dice che non risponde che è positiva perché mi consente
Il confronto fra culture diverse
Quando gli chiediamo
Se gli immigrati giù appena giunti donano troppo pretese troppe pretese il sessanta il sessanta per cento risponde di sì siano ovviamente hanno
Troppo breve
Però se chiediamo che giusto e dopo un po'di anni di immigrato che vive in Italia vi sia concesso il diritto di voto oltre il cinquanta per cento ci risponde positivamente cioè che
Questo questo ci dà conto anche del livello del tasso di integrazione del fenomeno che abbiamo raggiunto dalla nostra Regione perché son convinto che le reti che le risposte sarebbero diversi diciamo da regione a regione
Secondo di quello che sembra e se diciamo gli immigrati questa che
Il luogo comune agli immigrati tolgono lavora gli italiani
Solo il venti venticinque per cento è molto d'accordo abbastanza d'accordo con questa affermazione vedi il settantacinque per cento ritiene che non sia questo e questo quadrato
Ce lo dice c'è una dinamica che cercavo di illustrare prima di carattere strutturale citavo questi ce ne sono molte altre degli ibridi di cose che andrebbero indagate mandato
Diciamo il tempo voi se
Necessario Milazzo diciamo agli atti questo questo lavoro importante che abbiamo fatto
E noi quindi abbiamo
Lavorato questo ora questo è un risultato non è solo me del frutto del piccolo è bello come nel caso di un impegno con la corale di un lungo cammino verso l'integrazione iniziato più di venti anni fa
Attraverso una serie di strumenti di sussidiarietà sociali importanti ma la forte tradizione umbra di governance dei processi migratori si è rivelata una risorsa di grande utilità anche nella difficile congiuntura che stiamo vivendo perché non abbiamo
Avuto fenomeni di carattere sociale di particolare
Di particolare rilevanza che si è lavorato molto sul senso di appartenenza è questo il tema ad una comunità regionale alla coesione tra vecchi e nuovi cittadini rispetta le differenze pari opportunità nella uguaglianza di diritti e di doveri
E questo diciamo è il tema più percepito sono questi gli elementi fondamentali di una corretta strategia di inclusione che è stata su cui si è basato il modello di integrazione di integrazione umbro e per questo in conclusione mi piace ricordare
Alcuni dei progetti tre almeno che a sono andati in questa direzione
Uno il no discrimine show finanziato dal Fondo nove euro integrazione Frey nel quale la Regione Umbria capofila con la Regione Marche altri organismi
Pubblici e privati per prevenire e contrastare le discriminazioni
Uno molto importante sull'alfabetizzazione linguistiche all'educazione civica che ha visto quella piccola cosa tra le altre che dicevano in Umbria abbiamo Centri territoriali permanenti per educazione degli adulti dove insegnava esclusivamente la lingua e l'educazione alla legalità
Con circa sette otto mila studenti che dato molto molto molto rilevante certa io non la mia esperienza se dovessi fare diciamo o una dovessi dire una cosa della quale c'è molto di più da fare
è un'esperienza con la quale mi son venuto a trovare
Personalmente io sono insegna
Di diritto e
Tre anni fa ho deciso prima di intraprendere so dire da assessore regionale a sette mesi quindi nell'ultima fase mia speranza voglio decise di una scuola perché ogni tanto penso che ci faccia bene diciamo ritornare ad avere il contatto con la realtà
Tornando a scuola ho trovato o diciamo questo tipo di fenomeno che credo
Che non sia un fenomeno che vada favorevole a questo tipo di quelle cioè tanti ragazzi ragazzini iscritti migranti iscritti alla prima scuola superiore Pelillo vedendo sbattute lì senza che conoscano una parola italiano che ero costretto a fare qualche vocazione siccome conosco no siccome conosco un po'l'inglese facevo dieci minuti di lezione alla fine
Un quarto d'ora cercavo e fa la traduzione inglese di quello che ha un fa la sintesi di quello che ha auspicato prima
Baracco su questo elemento credo che non abbiamo qualcosa da imparare
Da alcuni Paesi europei del nord Europa nel dove diciamo
Queste ore su su questa cosa se vogliamo davvero creare
Nuovi italiani
Sin dal dal dal da quando muovono i primi passi della scuola media superiore perché ci arrivano ragazzi di quattordici anni sbattuti dentro la classe rischio deve ad un anno di scuola credo che sia più utile
Avere una legislazione che consenta due-tre mesi di full immersion per consentirgli di avere le fondamenta dalla nostra lingua per poter poi diciamo avere un'integrazione vera
E non integrazione solamente a chi ha
L'altro elemento Progetto mi prendo cura di idee finalizzata alla qualificazione dei servizi di cura e assistenza
Alla persona perché anche qui tra le domande che non abbiamo fatto diciamo se avevo detto ma al clandestino dobbiamo assicurare comunque le cure sanitarie
L'ottanta per cento alla popolazione sponde sino cioè non siamo una popolazione un popolo maturo da questo punto da questo punto di vista
Quindi l'ultima questione davvero a quella che riguarda che racchiude un po'diciamo le questioni che ho cercato di dire tema dalla cittadinanza delle seconde generazioni
è evidente che se pensiamo all'alto numero di ricongiungimento e di permessi di lungo periodo che ci darà caratterizza la questione diventa strategica sia il rapporto i giovani immigrati che alle loro famiglie
Integrazione qualcosa di più che avere il lavoro a pagare le tasse del domicilio rispettare il vigile e salutare in maniera educata e la questione della cittadinanza che va affrontata con convinzione per fare
Davvero dell'Italia un Paese inclusivo
Dico questo perché al contrario si continua a mio parere a discutere troppo se l'acquisizione della cittadinanza italiana debba essere una tappa del percorso di integrazione o la scelta che un immigrato conti al termine il processo
Di integrazione stessa trascurando totalmente che per i figli di emigranti nati in Italia questo Paese rappresenta l'unico contesto di vita e l'unico contesto di socializzazione
Questa è la questione e ce lo ricordava uscite voglio citare in conclusione
Non in tema di oggi ce lo ricorda una riflessione di un'importante filosofo quale è stato Tocqueville che diceva esistono amor di patria che ha la sua fonte principalmente in quel sentimento impulsivo disinteressato indefinibile
Che lega il cuore dell'uomo ai luoghi in cui egli è nato
Esiste però un amore diverso di patria più razionale e meno generoso
Che si sviluppa con l'aiuto delle leggi cresce con l'esercizio dei diritti e rivendico una partecipazione attiva alla vita della polis indipendentemente dalla situazione di origine i ciascun individuo io credo che da questa ancora dovremmo trarre oggi insegnamento grazie
Grazie di cuore Fabio
E complimenti per
Anche questo studio questa ricerca che credo che sia utile se ne potessimo avere
L'integrale e ci data l'autorizzazione lo pubblicheremo POIN in un libro che facciamo con
Tutto quello che abbiamo registrato in queste interessantissime occasioni
Molto spesso il problema della immigrazione
è stato affiancato e per molti anni
Quasi esclusivamente o prevalentemente al fenomeno della sicurezza
Vi ricordate il periodo della fine anni Novanta inizio due mila il bombardamento era immigrazione clandestina uguale criminalità
Ora che ci siano dei problemi di criminalità nella immigrazione clandestina e non solo e
Evidente
Se andiamo a guardare la presenza oggi di detenuti nelle carceri ci rendiamo conto che la presenza soprattutto nelle grandi città del nord ma non solo e sicuramente molto alta molto più alta rispetto all'incidenza
Della immigrazione sulla totale della popolazione annuncia dopo alcune ore questo è un aspetto e che molto molto spesso questa affiancamento era un una affiancamento per ragioni politiche no per utilizzare
Soprattutto alla vigilia di ogni elezione la paura degli italiani verso il nuovo e diverso come un momento
Naturalmente di condizionamento politico abbiamo la fortuna di avere
Dei Liberal PD con
La responsabilità di vice Presidente Luigi De Sena
Luigi Casero è stato nella scorsa legislatura vicepresidente della Commissione antimafia senatore del Partito Democratico ma consentitemi di ricordarlo soprattutto perché Luigi è stato
Uno ed è mentalmente perché non si smette mai degli autentici veri grandi servitori dello Stato
Io ho avuto il piacere di conoscerlo mentre ero ministro dell'interno di nominarlo prefetto della Repubblica Luigi è stato vice capo della polizia
E è stato prefetto in una delicata
Realtà come quella calabrese a Reggio Calabria con il coordinamento di tutte le prefetture della Calabria e quindi dall'ultima siamo sentire sul tema della sicurezza sicuramente una interessante riflessione grazie Luigi per essere collocato
Grazie grazie a te Presidente grazie a tutti voi io
Vorrei trattare l'argomento con
Tenete ove i tempi stabiliti
Vorrei fare prima una riflessione poi una provocazione anche quasi con auto provocazione è una proposta
La riflessione le abbiamo nell'ambito del della pubblica sicurezza ho avuto un
Una riforma
Che risale ormai al mille novecentottantuno credo che fosse proprio Spadolini
Il Presidente del Consiglio del
Che però poi questa riforma che il Parlamento però questa riforma ricordo sicuramente strategico e lungimirante ma sono trascorsi trentatré anni
Trentatré anni che non su costruisco soltanto un dato
Coro logico ma sicuramente un dato fondamentale sotto l'aspetto della cultura della sicurezza e qui sicuramente e da considerare anche l'integrazione integrazione che non è mai all'inizio un problema
Un problema di polizia del primo problema di carattere politico e che in tal senso deve essere risolto
E poi trentatré anni di
Evoluzione tecnologica micidiale che sicuramente può contribuire in maniera determinante anche ad un
Revisione della spesa
Noi ci dobbiamo
Dimenticare che
Viviamo momenti particolari sotto questo aspetto ma una revisione della spesa nell'ambito della sicurezza e accettabile solo ed in quanto
Non si abbatte il livello prestazionale del sistema stesso
Quindi
Credo che bisogna sollecitare siccome sicuramente a riprendere i lavori sui tavoli istituzionali per creare una aggiornamento della riforma della pubblica sicurezza risalente al mille novecentottantuno primo aprile dell'ottantuno
Pochi giorni fa abbiamo sicuramente considerati trentatré anni
Da e ieri non è la sede questa per addentrarci nelle Vittek Landini tecnicismi per arrivare ad un aggiornamento della riforma
Io per la verità devo farvi la provocazioni implicito
Qual è la provocazione voi dovete considerare che l'Italia eh il Paese primo assoluto nell'ambito della repressione antimafia
C'è riconosciuto in tutto il mondo
Dunque siamo andati dei conventi europea anche i limiti che si
Di
Collaborazione c'è stato riconosciuto a questa
Questa leadership tenete presente che l'Italia compare i in tutte le altre liste negative sempre come la prima
Nelle liste positive è sempre ultima lo sapete tutti quanti quindi in effetti
C'è questa
Questa questo compiacimento
Che però viene accompagnato da una provocazione
E chi poi ci chiedano
Scusate ma voi state facendo delle operazioni micidiale danni
Da Falcone in pochi quindi parliamo di circa
Di ventidue anni ventidue anni conta avete arrestato
Migliaia e dice di mafiosi avete sequestrato miliardi di capitale
No perché ha Marfisi sta ancora in vita allora un problema sociale
Cioè o culturale
Ezio prego non è piacevole sentirsi dire queste cose tale e quale dei due abbiamo risposto sempre dicendo
Confermando l'ordinaria straordinarietà del
Dell'operazione anti delle operazioni antimafia elitaria
Però abbiamo anche detto che il frutto della repressione non è
Assolutamente accompagnato in maniera adeguata da un fondo da dal fronte della prevenzione generale
Prevenzione generale
Su questo fronte la magistratura non assoluta competenza ammende alcuna responsabilità alle forze di polizia ci hanno responsabilità ma soltanto concorrenziali le vere responsabilità fanno capo alla politica
Alle istituzioni al molto dalla cultura e qua richiamo
Con molta enfasi quello che ha affermato IVA Lobello priva
Al mondo imprenditoriale
E qua richiamo ancora Lo Bello
Al voto che il sindacato
Ma perché tutto questo
Perché in effetti nell'ambito del procedimento legislativo molto spesso rimandiamo ad operare ribadirà sicuramente non coerente con le esigenze della sicurezza
Vi faccio in termini di provocazione alcune alcune ipotesi noi abbiamo
Alcune leggi che io considero criminogene
La legge sugli appalti
Massimo ribasso
è un'istigazione a delinquere per me
L'abbiamo detto in tutte le lingue
Tutti si sicuramente dobbiamo modifica sono anni che sta lì questa legge e non viene modificato il massimo ribasso primi avendo fatto anche gestione proprio spettro come prefetto al Ministero dell'interno
Ecco l'istigazione a delinquere pro
Però non non riusciamo a liberarci
Poi c'è l'ha provocato la provocazione
Perché la politica lo Stato esige dall'imprenditore
Che
Venga denunziato
Il
Il pizzo l'estorsione
Per mia esperienze professionali l'imprenditore che io vi porto ancora presto cinque sei anni da quando ero prefetto di Reggio Calabria
Appena denunziato l'estorsione
Nessuno gli dà più lavoro
Ed è sull'orlo del fallimento
E allora mi sta bene
Che deroghe che avvenga denunziato
L'estorsione a dobbiamo anche mettere in condizione l'imprenditore che vuole effettivamente percorrere
Quella strada
E assicura agli non soltanto la sicurezza personale familiare anche la sicurezza aziendale
E in questo caso il partito sicuramente in sede di riforme dovrebbe augurarsi dovrebbe lavorare in modo tale che a quell'imprenditore
Autenticamente tale autenticamente denunziante
La
L'estorsione venga assicurato un percorso privilegiato nella pit delegare per gli appalti pubblici
Perché altrimenti l'offerta legale è insignificante dinanzi all'offerta illegale
E devo dire che a questo punto difficilmente l'imprenditore
Rinunzia
All'offerta illegale
Quando ha pagato l'estorsione sta tranquillo può lavorare tranquillamente
Parlo pagamento delle soluzione non soltanto
Con
Provviste di danaro ma anche di tanti altri motivi
E questa è la cosa che sicuramente fa parte de la proposta che la terza parte del mio del mio intervento
Abbiamo fatto l'agenzia
Dei beni sequestrati e confiscati avrei preferito fare quella dell'agenzia dei beni definitivamente confiscati
Mettere a regime prima questo sistema
E poi pensare a quelle CEA quelli sequestrati ma voi avete letto sulla stampa abbiano sequestrata venti miliardi di beni
Però nessun così difficile di questi venti miliardi si prende il settanta settantacinque per cento il costo dei procedimenti vedi sequestrato
E allora che il Partito Democratico anche sotto questo aspetto in sede di proposta dovrebbe assumersi la responsabilità di
Di procedere in modo tale che si abbia un'inversione di tendenza
Il settanta settantacinque per cento va compì scade feriti IVA il venti venticinque per cento in più un dato fisiologico avrà ibrida di sequestro
Ma quando poi parliamo di utilizzo dei beni confiscati sappiano Benicio del quarantasei per cento di questo utilizzo è inficiato
Dall'esistenza atti
Ci sono delle ipoteche bancarie
Allora io vi propongo una riflessione provocazione proposto lo stesso tema
La banca di me
Sa più del mio eventuale compressori sa tutto come filo come viveva mia forniamo vice come vivono i miei figli se ciò vizi
Se i miei figli sono drogati
Se faccio uso di cocaina sanno tutto
Molto molto di più del compressore e ma perché ANCI a sto punto
Infatti Zeltweg illecito con ogni la concessione di un'ipotetica sarebbe quanto mai opportuno avere il coraggio di dire da un momento in cui il bene viene confiscato definitivamente decadono ipoteche bancarie
Non so quale sarebbe la reazione
Però bisognerebbe avere il coraggio di operare anche in tal senso
La pubblica amministrazione e la politica
Hanno perso la che le carte Quartu qual è la caratteristica che oggi contraddistinto e la politica la pubblica amministrazione l'autoreferenzialità l'autoritarismo e la carenza assoluta di ascolto
Sappiamo tutti tutta la politica sa tutto non sa perfettamente pendente di luglio
Tutt'al più diete dei cittadini
E incide solo che sul livello di sicurezza
Specialmente in momenti di crisi come questa che stiamo ovviamente subendo danni
E allora bisogna
Certamente fare
Proporre
Che in quest'ambito si faccia una riflessione anche autocritica
Parliamo della burocrazia che esasperante voi non è potete nemmeno avere un'idea
Di cosa si di Filago burocrazie italiana dinanzi ad un imprenditore che vuole aprire un'attività
Dinanzi a un cittadino che deve fare un percorso amministrativo
Sono effettivamente dei danni notevolissimi che si fanno alla convivenza del nostro modello dei nostri cittadini
Tutto questo deve far parte di un patrimonio conoscitivo del Partito Democratico e io mi auguro che questo riformismo accelerato del nostro segretario del nostro
Del nostro Presidente del Consiglio porti effettivamente alcuna accelerazione anche di questa riforma che sicuramente essenziale per i
Per tutto il sistema Paese
In ultimo lasciate qui
Una considerazione finale né viviamo tempi un di crisi terribile alcuni anni
Sotto l'aspetto economico
Ma la cosa importante e qui credo che la proposta vada ancora più sollecitata
Nella
Lingue del futuro nel prossimo futuro fosse non tanto prossimo
Più che prossimo
Che la lingua in
Arrivo e cinese
Per le indicare un periodi di crisi si fa differimento due ideogrammi
Che
Ben vedere non sono contrastanti tra di loro ma sono cointeressenze
Che sono
Due
Il danno e l'opportunità io spero
Chi è constatato il danno possiamo vedere effettivamente l'opportunità di vivere una vita politica molto più proficue con il nostro Presidente col nostro partito cercando di esaminare prima le nostre criticità e poi cercate di affermare per il nostro Paese
La migliore ipotesi di ripresa economica vi ringrazio
Grazie di cuore Luigi e adesso sentiamo l'esperienza
Del la vissuta sul campo
Di Simone Gambino che il Presidente della Federazione italiana del tipiche prego si vuole
Grazie
Allora io
Vengo dalla parte opposta di tutti i relatori che hanno parlato prima e quindi
Vengono dal basso dal campo
Quindi scusate cerco di essere estremamente conciso e soprattutto forse sono un po'brutale ma sono sicuro che mi perdonerete
Se vent'anni fa avessero detto
Che il cricket
Dell'Italia al terzo millennio se ne è stato il massimo però l'integrazione aveste pensato chi lo dicesse l'amato
Perché i criteri lo sport che tipicamente anglosassone sporto con le colonie eppure oggi è il massimo fenomeno integrativo che c'è l'Italia
Su questo poi sono
Privatamente pronto discutere con alti e l'unico fenomeno talmente integrato che non si può proprio differenze fra italiani e stranieri
Vent'anni fa
Un signore che
I meno giovani di voi conoscono molto bene che si chiama Bruno Bottai che il nostro Presidente onorario ex dazio alla Farnesina
Il primo dicembre novantacinque disse questo disse il cricket italiano giocherà un ruolo fondamentale nel processo integrativo
Quando lo disse anche lui
Nonostante fosse diciamo il numero la Farnesina la gente così diciamo rimase un po'perplessa ecco per usare un termine plastico
Quindici anni dopo per precisamente la sera del ventuno agosto due mila nove siamo
Verso la fine della canzone siamo in pieno Governo Berlusconi ancora solido
Questo l'annuncio ancora litigare fra di loro siamo in un periodo in cui sbarcano continuamente clandestini a Lampedusa e era il periodo famoso in cui il giovane Bossio inventato quel gioco di di sparare alla al migrante credo sport videogame che girava che girava su sul
Su internet
Un gruppo di
Ragazzini dalla società dall'aver quindici vince il campione europeo di serie B
Neanche la Coppa del nome o la Coppa del nipote
Torneo sulla rete battendo in finale l'isola di Man quindi proprio
La notizia era sui giornali non va sui giornali stadio faccio
Un comunicato stampa in cui dedico la vittoria Umberto Bossi
Sportivamente zero solo che di quei tredici ragazzini dieci
Erano anzi dodici erano asiatici di cui solo due cittadini italiani e finita la partita prima cosa hanno fatto hanno cantato l'inno di Mameli spontaneamente
Passano cinque giorni e
Del gioco si inserisce
Il jolly Gianfranco Fini
Da voi invitato alla festa dell'Unità non limita chiedo scusa del PD a Genova
Aperta mente si schiera a favore di una riforma dalla legge sulla cittadinanza e qui comincia ad alta il problema perché si comincia a usare anzi a
Male usare il termine ius soli
La legge sulla cittadinanza Gianfranco Fini sono già in tasca
La scritta Andrea Riccardi rappresentano come relatori Andrea salubri deputato Pd fino all'ultima legislatura e Rocco Granata all'epoca deputato il PdL perché ancora era tutto unito di un solo partito
Nel giro al mese il ventitré settembre due mila nove
Siamo tutti in Parlamento una sala Mappamondo a presentare questa legge grande entusiasmo
Tutti convinti che si sta per aprire una nuova grande battaglia civile tipo quella sul divorzio quarant'anni prima
Legge aggiungo io scritta benissimo
E qua equilibrata ragionata
Che da poco spazio alle critiche estremistiche perché c'è sì dalla specie dalla speranza chiunque la spietata no assumono intorno si dalla cittadinanza chi nasce vada richiamo lavoro fisso
Si accorsero i tempi burocratici per la concessione era la rete ma è una legge veramente scritta bene oserei dire al difetto di essere scritta troppo bene
Seguite se mi è concesso
Fatto sta
Che però
Nell'arco di qualche mese il fervore su questo argomento va totalmente a sparire e va sparire a tal punto che quando bradicardia novembre due mila undici diventa lui ministro
E quindi diventano il primo portatore della sua potenzialità legge lui stesso ha scritto
Non ce ne
La legge lo si deve danza e compiutamente il discorso sull'Ansa compiutamente hanno decretato
Undici mesi fa nasce il Governo letta e
L'aver messo una ex extracomunitario scusate il gioco di parole alla ministra integrazione riporta il discorso in auge
Ma sempre e solo a livello teorico
Ossia non si fanno passi avanti sono cinque anni che se ne parla forse anche di più ma non si è fatto un mezzo passo avanti si continua a parlare erroneamente di ius soli che non c'entra niente col discorso
Perché lo ius soli già c'è che l'attuale legge c'è nella misura in cui sì contro i diciott'anni essa ha diritto a riscatto la cittadinanza
Fra l'altro un dato per chi vuole contrasta questo punto che la maggiore acquisito
è un contrasto semplicemente folle chi da parte di chi si oppone perché oramai
Noi sappiamo che si tolgono scorsi Italia mi pare che siano di più di cento mila bambini che nel due mila e trentuno riscatta l'anno la cittadinanza minime pensate questo numero va reso centotrenta mila sei se se ricordo bene
Allora domandiamoci come si va avanti da qua perché l'altro non è che siamo bloccati
Allora io vi dico questo secondo me e mi ricollego a chi prima parlava dei sondaggi e dei timori
Bisogna accontentarsi di fare un passo alla volta
Qual è il grande problema sulla cittadinanza sul bloccare le cittadinanze dei giovani
Perché i giovani sono il futuro questo convegno parla di futuro
I giovani sono italiani
Allora io vi chiedo oltre la nascita
Cosa può identificare il diritto alla cittadinanza
Credo che tutti sono d'accordo con me che la formazione scolastica
E italiano ci si formano le scuole italiane
Uno dei punti su cui si arroccano gli oppositori a qualunque riforma eh come si fa dalla cittadinanza un minorenne
Non aumenta la patria potestà la cui patria potestà detenuto da un extracomunitario ossia circa si creano situazioni in cui
Extra comunitario ha la patria potestà di un cittadino italiano
Io credo che molti di voi non si preoccuperebbe lo di questo punto però chi si oppone ha buon gioco nell'argomento
Allora io faccio una proposta estremamente semplice io dico non andiamo a cercare nuove leggi
Andiamo a emendare con un piccolo emendamento quella del novantadue
Quella novantadue dice chi è nato in Italia a diciotto anni in presenza di Sensi densa continua ha diritto per entro un anno a riscattare la cittadinanza bene a fianco di questo diciamo
C'è in Italia ha frequentato due cicli di studio completi frequentata attenzione non fatto gli esami quindi sia partito con le mentalità fino alla terza media si è partito con la media la maturità
In un arco di tempo una dei diciotto eventuali ha diritto a riscattare la cittadinanza io credo che con questo semplice ritocco non risolviamo il problema cittadinanza ma forse il cinquantun per cento si questa la mia idea grazie
Grazie
Grazie a Gambino
Anche per il forte contenuto
Realistico provocatorio del suo intervento e consentire anche per i tempi che sono stati infatti solo una di parola adesso concludiamo questa tavola rotonda con l'esperienza del sindaco di Amelia Riccardo Maraga adesso sentiamo su questo specifico problema prego Riccardo
Grazie
Grazie ai Liberal PD per aver innanzitutto inserito questo argomento all'interno
Del seminario di primavera perché già denota una sensibilità non scontata visto che su questo tema a mio avviso spesso i partiti politici anche il nostro si fanno troppo prendere dalla preoccupazione elettoralistiche nel senso che c'è un'idea diffusa che questi siano temi che allontanano voti e quindi per questo vengono spesso tenuti debitamente a distanza dal dibattito invece credo che sia importante comunque parlarne
Io voglio partire da una riflessione generale per poi portare l'esempio del nostro Comune per cercare di ragionare su come una Amministrazione comunale può dare il suo contributo sul tema dell'integrazione
E della creazione appunto dei nuovi italiani
Parto dall'idea
Che l'esclusione sistematica di gruppi di persone in una comunità dalla fruizione dei diritti e dal sentirsi appunto appartenenti alla comunità è il primo secondo me elemento per creare una società instabile insicura
Una società in cui ci sono persone che si sentono escluse le estromesse e marginalizzate una società in cui sotto la cenere covano sentimenti disc elegantissimi sentimenti che potrebbero portare a problemi sociali veramente seri
Credo che l'abbiamo visto in in questi giorni anche in Crimea dove comunque in una regione a maggioranza Rousseau forma
L'idea che forse l'evoluzione politica Ucraina non possa garantire gli stessi margini di autonomia raggiunti Ari testato dei sentimenti e delle spinte centrifughe che sembrava invece sopite
Ma in Italia credo che ne abbiamo anche noi molte molte altre storie penso all'esempio del del Sud Tirolo dove
Solo concedendo ampi margini di autonomia quelle popolazioni si è riusciti finalmente a creare gli elementi per una convivenza pacifica
Fin quando quella popolazione si è sentita messa ai margini riconosciuta come diversa erano appunto montate maturate delle spinte di Greganti sfociate anche appunto in una stagione
Io lenta e terroristica quindi questa premessa la dico per dire che un Sindaco
Che anche autorità di sicurezza delle proprie città deve chiedersi quali sono gli strumenti e le politiche da attuare per rendere la propria città più sicura e più armoniosa possibile
E secondo la nostra amministrazione la via da seguire per rendere la nostra città in cui in questi anni la composizione sociale è cambiata
E la percentuale di stranieri è in linea con il dato regionale che forniva l'Assessore Paparelli quindi circa un dieci per cento
Ci pone la necessità di pensare a degli strumenti che magari in passato non erano necessari perché le nostre scuole sono piene di ragazzini immigrati
Perché questi ragazzini qui ci studiano ci crescono ci sono nati e perché questi immigrati lavorano qui pagano le tasse
I comunitari hanno per lo meno la possibilità di godere del diritto di elettorato attivo e passivo per il Comune quindi si sentono in questo senso inseriti in un circuito di rappresentanza democratica ma i non comunitari sono esclusi anche da questa tipologia
Di di legame con la comunità di riferimento
E allora noi abbiamo cercato di mettere in campo una serie di iniziative per far sentire queste persone membri della nostra comunità anche in attesa di quello che veniva detto poc'anzi e cioè che sia colui che detiene il potere legislativo e cioè il Parlamento a modificare
In un senso più inclusivo le regole per l'accesso alla cittadinanza l'abbiamo fatto seguendo alcune direttrici la prima quella che si diceva prima e cioè
L'importanza della lingua italiana
Perché se non c'è un codice di comunicazione condiviso è ben difficile pensare ad una vera integrazione
E quindi grazie ad una sinergia con l'ANCI e la Regione Umbria con i fondi europei del Fondo europeo per l'integrazione abbiamo organizzato nella nostra biblioteca comunale per diverse annualità i corsi di lingua
Per gli immigrati che sono stati devo dire molto molto partecipati
Gratuiti ovviamente e sono stati momento per consentire alla comunità immigrata di socializzare tra di loro e poi di apprendere nozioni linguistiche che aiutano gli immigrati a inserirsi meglio nel nostro contesto cittadino l'altro filone è stato quello di creare la Consulta per l'integrazione
Perché questo proprio per il ragionamento che facevo prima
Questi immigrati non contribuiscono all'elezione del Consiglio Comunale del Sindaco
Quindi non hanno diritto di elettorato attivo e passivo e quindi per questo si possono sentire un certo senso non considerati non ascoltati non hanno una forma di rappresentanza democratica a cui rivolgersi con la Consulta
Si è creato un parlamentino di questi immigrati che hanno risposto con grande entusiasmo devo
Devo dire
Ed è uno strumento che consente allora di fare proposte all'Amministrazione comunale sui temi che vi interessano ma anche a noi quando andiamo ad approvare delle delibere che possono interessare il tema dell'integrazione
A cui siamo loro parere preventivo e quindi cerchiamo di includere lì nel circuito decisionale
A cui non possono partecipare con gli strumenti della democrazia rappresentativa perché non hanno i diritti elettorali
L'altro strumento ancora messo in campo è quello della bottega delle donne tra essi tredici realizzata con fondi che la Regione eroga agli ambiti sociali
è un'idea innovativa devo dire che è stata salutata anche con molto interesse anche fuori regione
E cioè abbiamo creato una bottega artigianale di tessitura in cui lavorano fianco a fianco donne italiane donne immigrate e producono anche
Dei prodotti dei prodotti anche che provengono dall'ATP dalle dalla tradizione sartoriale delle terre di provenienza quindi
Il modo di mettere insieme ecco uno dei canali di comunicazione per integrare la lingua un altro è condividere le esperienze le la Sapienza all'abilità manuale la tradizione artigianale e quindi è stato questo l'obiettivo
E da ultimo e chiudo
Miri collego all'argomento relativo
Alla legge sulla cittadinanza tempo fa l'UNICEF ha lanciato una campagna i sindaci chiedendo loro di riconoscere il diritto
Di essere considerati cittadini onorari dei comuni ai figli degli immigrati nati appunto in Italia
è ovviamente una mossa diciamo politica
La cittadinanza onoraria non da uno status giuridico di cittadino ovviamente però a due obiettivi fondamentalmente il primo è quello di dare un monito al legislatore nazionale di spronare lo ricostituire un pungolo
Perché chi amministra sui territori e capisce che la integrazione l'unica forma per rendere le nostre comunità sicure chiede allo Stato di adeguarsi
Secondo obiettivo è quello comunque di dire a queste persone che pure se la legge non li considera i cittadini noi qui li consideriamo membri della nostra comunità abbiamo fatto una Assemblea in Consiglio comunale hanno abbiamo dato questo titolo
Ad oltre settanta bambini bambini e ragazzi perché non sono tutti
Fu piccolissimi per rispondere alle preoccupazioni che venivano sollevate prima anche noi abbiamo legato il riconoscimento di questa
Di questo Stato se a chi è nato qui ma ha anche diciamo una residenza da diversi anni per evitare che una persona nata per caso ad Amelia poi avesse questo titolo ovviamente vanno creati dei criteri ulteriori a corollario del della conferimento del del titolo
C'è stato molto entusiasmo i ragazzi a cui l'ho data mi fermano in giro mi ringraziano e si sono sentiti veramente in quel momento parte di una comunità
Sono piccoli gesti simbolici che però possono fare molto per creare dei ponti e per evitare che nella nostra società si alzino gli steccati
E chiudo con un appello al Partito Democratico
Noi dobbiamo avere in alcune occasioni la forza del pensiero debole
Anche quando una pensiero può sembrare minoritario o ci può far temere ad un'emorragia di consensi perché sembra che
La pancia delle persone va verso altre direzioni
Penso anche al tema dei diritti civili
Della del testamento biologico su cui anche noi come Comune abbiamo legiferato anche lì più per dare un segnale politico che che peraltro visto che
Poi l'efficacia giuridica di questi provvedimenti lascia il tempo che trova
Però il PD deve avere la forza ogni tanto anche di fare operazioni di tipo culturale a lungo termine che nell'immediato possono sembrare poco utili dal punto di vista elettorale ma che poi danno al partito quello che gli compete cioè l'idea di sognare anche una società diversa e quindi io che chiederei anche al nostro Segretario nazionale di continuare la battaglia
Adesso si banalizza con questi da dello ius soli in l'importante è ridurre i tempi di attesa
Di questi nuovi italiani per arrivare al traguardo della cittadinanza
Poiché si può chiamare ius soli o meno non è questo che conta anche lì come sta facendo su altre riforme con un
Sano pragmatismo cerchiamo di capire qual è la via mediana che possa consentire però a questo provvedimento di essere approvato e poi gli chiederei
Di provare a creare un manuale di buone pratiche
Perché dai Comuni
Che con il tema dell'integrazione devono farci i conti tutti i giorni possono venire degli spunti molto importanti possono venire delle proposte a costo zero
Che però possono fare molto sul terreno dell'integrazione e quindi il coraggio che sta dimostrando su tutto il fronte io Matteo Renzi glielo chiedo anche su il tema dell'integrazione grazie grazie grazie di cuore
Ringrazio tutti i partecipanti
Alla a questo panel e adesso passiamo all'argomento successivo ma prima di passare all'argomento successivo vorrei salutare di cuore
Il nostro vicepresidente nazionale dei Liberal PD Sandro Gozi e il primo incontro a cui Sandro
Partecipa
Dopo la sua nomina a sottosegretario con la delicata delega per gli affari europei voglio ricordare che questo incarico nel precedente Governo era
Aveva il rango di Ministro e tra l'altro in questo momento Sandro sta lavorando direi a uno del dossier più delicati del Governo che è quello della preparazione del semestre di presidenza
Auguri sanno da parte di tutti quanti noi ti pregherei caldamente di vedere di venire qui in presidenza
Vorrei salutare con altrettanta amicizia e con sentimento di ringraziamento per essere con noi l'onorevole Davide faraone
Che assunto la responsabilità
Con Matteo Renzi di membro della segreteria e a cui è stato affidato
Un settore delicatissimo nella vita del Paese e del partito che nato avete quello del welfare beh latore venti di Dematté l la tematica relativa al sociale Davide se poi
Venire qui
E grazie di cuore per essere con noi
Vorrei
Chiamare
Al tavolo gli altri relatori del panel sul tornare a crescere c'è Claudio Lodi ci Claudio logici oggi abbiamo parlato
Di Giovanni Spadolini è stato uno strettissimo collaboratore del nostro Presidente Spadolini ma oggi e professore di scienza della politica alla uniti in una prestigiosa università americana
E
La la Loyola University di Chicago
Claudio accomodati e e con noi come relatore pirene Pasquale Pistorio
Che non ha bisogno di presentazioni è ospite Presidente onorario della Settima crolla Tronics membro del direttivo di Confindustria ed è tra l'altro uno dei nostri più
Diciamo frequentatori dei nostri appuntamenti grazie Pasquale
Io direi di far così se siete d'accordo darei
La parola a Claudio lo dici che impone i problemi e ci dice naturalmente anche in un angolo di visuale non solo nazionale quale il
La strategia verso cui si va
Poiché sentirei una testimonianza di interesse per noi che è quella di
Di Vittorio salmoni che ci racconta esattamente che cosa sta facendo
In una regione interessante come le Marche vorrei poi ascoltare la riflessioni di Pasquale Pistorio desiderasse fare chiudere all'amico faraone se se la cosa
Perfetto allora andiamo avanti così si può fare al tranquillamente di si parla molto meglio anche la posizione
Prego Claudio
Microfono
Delibere vere
Ma
Anche troppo
Grazie Enzo grazie per avermi invitato qui grazie particolare per questo ricordo
Di Giovanni Spadolini pochi saputo che l'avete commemorato stamattina che c'era e qui ho visto anche qui poco fa due ecco l'altro Antonio
Sono vent'anni quindi mi fa molto piacere essendo una persona molto contato nella mia vita con si può facilmente immaginare
Do per scontato che anche se manca
Sia agli atti quello che avrebbe detto tesi Enrico Morando
Perché Luigi si sarebbe occupato nella sua veste di sottosegretario all'economia di una
Questione e è quella della spesa
Quindi do per scontato che
Lei ha già agli atti quello che è necessario fare
Non soltanto in termini di spending review ma
Di qualità della spesa di riqualificazione della spesa pubblica
Io cercherò
Di concentrarmi visto che il tema è
Come si ricomincia
A crescere come si
Si comincia a camminare io proverò a concentrarmi sul l'esatto opposto alla spesa cioè quello del
Del gesto
Luigi De Sena
Poco fa a
Citato Lideo gramma cinese e ci ha ricordato come
Crisi sia spesso associata opportunità
E ovviamente non lo sapevo che lui avrebbe
Citato quelle ideogrammi
E io avevo ritrovato
Mi era tornato alla mente mentre
Mettevo insieme un po'di appunti
Una citazione chi mi conosce bene potrebbe trovare un po'improbabile questa citazione da parte mia però è una citazione bellissima
Soprattutto per quello che sottende
Antonio Gramsci scrisse la crisi consiste precisamente nel fatto che il vecchio sta morendo e nuovo non è ancora tanto nato
Questo significa
Che la crisi e quello che
Essenzialmente separate il vecchio dall'uomo
Questo lo lascerei un attimo sullo sfondo perché ci ritornerò alla fine di questo tentativo di ragionamento che in alcune parti temo non sarà un po'faticoso perché bisogna tenere conto anche dei numeri
Io mi sto riferendo naturalmente al cambiamento che
è stato innescato
Su scala planetaria da fenomeni che sono completamente al di fuori dal controllo di una nazione di uno Stato nazione e che è uno Stato nazione non può risolvere né affrontare
Però proprio perché esistono questi fenomeni globali che sono in atto e proprio perché i rischi che una situazione di crisi come quella che io si è inaugurata diciamo due mila sette due mila otto
Qualcuno la chiama la grande recessione altri la seconda depressione
Questo ha determinato
Una fase di profonda modificazione una modificazione che deve essere poco chiaramente fronteggiare
Dagli Stati che comunque non sono in grado di controllarla né di risolvere le sfide da soli
E per fare questo serve denaro
Non si può pensare
Di risolvere i problemi che questo Paese e la finanza pubblica di questo Paese a di fronte a sé limando continuamente
Io quando penso ai tre ultimi Presidenti del Consiglio Dio Soro anzi certamente
Impolitico ingenuo penso anche e tre ultimi Presidente del Consiglio Treponti lette
E attualmente Matteo Renzi potrebbero tranquillamente fare parte di una stessa squadra
E quando penso a loro penso che ogni volta che si sono confrontati per esempio con le autorità europee monetarie
E politiche a livello europeo si sono ritrovati a fare una cosa che quando io ero ragazzo venne fuori si chiamava cubo di Ruby
Ed era un meccanismo infernale che
Bisognava votare fare in modo che tutte le facce dello stesso colore fossero compattate dalla stessa parte e qui più o meno mi pare che l'esercizio che ogni Presidente del Consiglio ogni Governo
è portato a compiere
è quello appunto di fare una specie di cubo di Rubichi in cui alla fine i conti tornino possibilmente
Li mando possibilmente tagliando possibilmente contenendo ricordo ancora una volta il memento lascio sullo sfondo quello che avrebbe detto Enrico Morando cioè
Do per scontato anche che la finanza pubblica di questo Paese sia somigli un po'a quelli che sono gli acquedotti che soffrono di vetustà obsolescenza per cui il quaranta per cento dalla portata d'acqua si perde perché sono vecchi perché non sono efficienti
Addirittura alcuni derivazioni di questi acquedotti sono talmente efficienti nella loro diseconomia faccio un esempio così ci capiamo tutti senza dover fare troppe spiegazioni
In Italia
Questa è una diramazione che non era nella
Planimetria originale se non sbaglio esiste
Lacci ed esiste la motorizzazione civile è perfetto come
Esempio calzante di due cose che fanno esattamente la stessa cosa e stanno lì proprio per autoalimentarsi a difendere sostanzialmente proprio reddito
Io vi parlerò di fisco
Come dicevo prima
E anche se ci sono delle tecnicalità
Purtroppo
Il fisco è una cosa terribilmente seria dal punto di vista della legittimità di un regime politico
Io penso sempre che le tre grandi rivoluzioni borghesi non a caso sono nate su questioni di natura fiscale
E non è secondario
Io penso che non a caso
Secondo trattato sul Governo dirlo si dice la vita la libertà e la proprietà quindi stiamo toccando delle questioni molto delicate e dico anche che quando un regime politico
Sia una democrazia liberale sia una sistema di altra natura come sono stati i Paesi comunisti e quelli post comunisti sono attualmente alle prese dello scolo gli stessi problemi
Quando un Paese entra in deficit di illegittimità il regime politico VAC in crisi
Ora sulla questione del fisco in questo Paese esistono
Sì alla mente delle difficoltà molto seria
E qui la legittimità
Dei Governi dalla mano pubblica si può misurare per una serie di ragioni che cercherò
Di illustrare o poiché
Non vorrei
Occupare troppo spazio se ci sarà un trascrizione socio io potrò allegare per esempio due cose che sono state pubblicate in questo caso
Negli Stati Uniti una è un articolo Tushi nel due mila cinque proprio interprete anzi sicuramente influito quella
Avranno conosce sentito parlare o avranno letto qualcosa di uno dei due attori che a mio zio che ci sia un grande storico questo fornisce le cose così
Questo Guarna capre che ha scritto
Un libro qui c'è un'intervista che appunto allegherò agli atti
Serna cioè che vuol dire giusto ma non Quartaccio ma non
Secco nel senso di trasversale una tassa trasversale
Vi lascio quindi agli atti per dire che questa è una materia che con un gruppo di amici da un po'di tempo
Ho cercato perché complessa io non sono tra l'altro un economista ho cercato di indagare ma proprio perché attribuisco alla questione fiscale un elemento fondante di una democrazia
E mi ci sono un po'appassionato allora un po'di numeri poi la smetto subito anche se so perché è necessario avere un'idea delle grandezze
I numeri sono aggiornati perché questo è la fonte del Dipartimento delle finanze quindi due mila tredici sono i più freschi che ci sono la settimana scorsa gettito imposte dirette totali nel Paese
Io rotonde rotti duecentotrentadue mila milioni di euro
Di cui l'IRPEF centosessantatré e rotti centosessantatré mila
Il rock
Milioni
C'è in dibattimento quindici mila duecentotrentaquattro milioni IRES trentanove mila milioni e IRAP trentaquattro mila
Milioni di euro totale
Quattrocentoventitré
Mila milioni di Euro in termini di competenza
Prima affermazione che mi sento di fare anche se può sembrare piuttosto ruvida
Ma mi sento di fare in assoluta serenità il sistema fiscale italiano è
Squilibrato
E inefficiente
Squilibrato perché
Grava di fatto solo su alcuni tipi di reddito
E inefficiente perché di fronte a una pressione fiscale fortissima
Incassa molto meno del dovuto qui i pronto non Sorze norme il risultato minimo è chiaro in termini economici siamo nel massimo dell'efficienza è squilibrato perché in sostanza incassa solo le imposte
Che si versano mediante il meccanismo del sostituto di imposta
è inefficiente perché non contrasto all'evasione e non tassata ricchezza di tutti i tipi di reddito
Piccola finestra storica il
Il sistema
Ha visto gli esordi negli anni settanta
è un sistema che sinti conto essenzialmente sulle imposte dirette sul prelievo dei reddito dei lavoratori
Impiegati dipendenti e pensionati perché nasce
In un contesto di economia fordista
In un'economia fordista la maggior parte delle persone sono impiegate sono dipendenti
Ora quello che vi dicevo prima il mondo che cambia la svelta se voi vedete i profili i profili professionali
Di quelli che lavorano in Italia ma anche di quelli che lavorano in Germania o di quelli che lavorano in Svezia o di quelli che lavorano in Correa perché di questo stiamo parlando
Questa economia fordista è impazziti tramonto c'è uno spostamento progressivo e inarrestabile
All'economia del terziario
All'impresa
Economica anche su piccola scala lavoro autonomo
E questo rende inefficace il disegno e accentua gli squilibri
Tutti i tentativi e ce ne sono stati tutti i tentativi che si sono fatti di modificare le dinamiche del sistema sono falliti miseramente
A
Altro piccolo inventario oggi abbiamo l'imposta sul reddito delle persone fisiche
Perché la
Più di un terzo del gettito l'imposta sul reddito delle persone giuridiche
L'imposta sul valore aggiunto l'imposta sulle attività produttive le imposte sostitutive sui redditi da locazione sui rendimenti degli investimenti finanziari le imposte sugli immobili e queste sono solo quelle economicamente più significativa
è già difficile delineare
Un disegno coerente EU un minuti guazzabuglio di questo tipo
Nella slide si concreta come mi ripeto è un sistema ingiusto inefficiente gravoso anti crescita quindi quando si dice ricominciare a crescere teniamo presente che crescere
Con questo zaino sulle spalle è un'impresa
E comunque non è nemmeno e quindi torno al cubo di rubrica
Non è in meno in grado di garantire stabilità sul fronte delle finanze pubbliche
Allora
Bisogna piuttosto partire dal concetto che il fisco di massa non si può governare solo con strumenti informatici
E il controllo automatico da remoto non è più sensato adeguati gli strumenti del fisco basato sull'autodichiarazione so che c'è una proposta
Sospesa nell'aria io vorrei dire questo bene di progetto di stare finire in anticipo il dovuto la cosiddetta dichiarazione precompilato
Però nell'ottica di cui ho cercato di parlare fino a questo momento è già obsoleto
In altri termini va affrontato valutato un elemento di fondo del sistema fiscale il meccanismo del sostituto d'imposta è l'unico che garantisce uno Stato minimo tra reddito imponibile versamento nel dovuto gettito potenziale
è una modalità di prelievo ormai talmente pervasiva ed estesa che alcuni hanno identificato nel metodo fra virgolette
Contabile nel mitico il contenuto proprio del rapporto tra fisco e contribuente traduco in volgare significa che persino un pensionato che ha ottant'anni e che è percettore di un reddito modesto ma ha una casa di proprietà
è obbligato a ricorrere a un professionista per orientarsi nel linguaggio contabile analitico
Come corollario questa impostazione implica che
Ove il meccanismo del sostituto di imposta non funziona le imposte non vengono semplicemente richieste pagati
è molto semplice quando non funziona il sostituto d'imposta non si richiedono e non si pagano le tasse
è possibile
Immaginare di estendere questo strumento la totalità per le imposte
Un'altra domanda è possibile questa una domanda più importante secondo me superare il reddito come indice di capacità contributiva
I due testi che vorrei allegare
Dimostrano perché sono usciti in momenti diversi che negli ultimi vent'anni c'è stata una che
Sì generalizzata non solo in Italia parlo per esempio negli Stati Uniti di quella che loro si chiama tra competenze impronta
Cioè
La tassa l'imposta sul reddito
E la conseguente prevalenza di impegno sistemi d'imposta sostitutiva c'è un fatto che dovrebbe farci pensare un po'è un e questo è un sintomo
Un sistema che
A delle imposte sostitutive cedolare secca sui redditi da capitale affitto immobili
E indotto è un ente è un è una meccanismo è un processo indotto da ecco gesti globalizzazione dei e delocalizzazione però si osservi anche che un sistema che prevede il vero niente come la cedolare secca come
Sui redditi da capitale devo che sugli investimenti volatili o sugli investimenti immobiliari è il sintomo più evidente di una patologia quando c'è una deroga potete stare sicuri che è un sintomo di patologia
E qui entro
In quello che secondo me il cuore della riflessione che in molti stanno facendo e di una eventuale proposta
è una proposta politica io non sono qui a fare di una
Provocazione intellettuale
La spesa deve diventare
L'indice della capacità contributiva di cui all'articolo cinquantatré della Costituzione voglio dire questo c'è un padre nobile questa affermazione si chiama Luigi Einaudi
Elementi innovativi
Il primo obiettivo è fondare
Il prelievo su due capisaldi
Il consumo del patrimonio invece che sul flusso di reddito
Cioè si tratta di superare il concetto di reddito prodotto come criterio di definizione di questa
Capacità contributiva di cui all'articolo cinquantatré
Ovvero non tassare ciò che si produce ma ciò che si spende o che ciò che si è speso investimenti
Se il risparmio non viene utilizzato in alcuna forma naturalmente
è un comportamento solo teoricamente ammissibile
Non è inciso da con prelievo a questo come vedrete non è che non è il caso nemmeno di considerare il consumo in altre parole è l'unico indice di capacità contributiva
Significa introdurre una tassa sul consumo di qualsiasi bene ovvero materiale il materiale perché è cambiata non è che siamo più in epoca di fornirlo
Con un'aliquota aggiuntivo all'IVA prevedere solo in una prima fase una residua aliquota IRPEF quindici per cento non è
Quindici maggio e solo in una fase di transizione
L'imposta di consumo si aggiunge all'IVA
Che rimane concettualmente e teoricamente economicamente un'altra cosa
Perché costruita sull'incremento di valore
Con adeguati meccanismi di rivalsa o detraibilità e poi il secondo aspetto tassare
Patrimoni cosa significa tassare i patrimoni perché so che quando si dice tassare i patrimoni alcuni sono presi da distonia neurovegetative tassare i patrimoni significa ricchezza mobiliare immobiliare imposta locale
Sugli immobili e tassa sui patrimoni finanziari poi ne riparliamo rapidissimamente
Per le imprese questa impostazione significa parliamo delle imprese che sono un bene pubblico io le vedo come un bene pubblico le imprese sono significa abbandonare il concetto di reddito di impresa
Come noto lo sforzo continuo delle imprese è quello di nascondere il fatturato aumentare costi introdurre costi fittizi consentire all'imprenditore di estrarre valore
Dal proprio lavoro nascondendo l'imponibile
In altri termini ogni imprenditore no la maggior parte degli imprenditori fa uno sforzo che si veste da perfetto cretino perché impegnata sulla vita
A spendere molto e guadagnare poco
Almeno così da intendere alcun riscontro Claudio chiedo scusa se
Stop a tutto questo
Naturalmente
Posso solo accennare al secondo obiettivo
Il secondo obiettivo altrimenti il meccanismo non funziona è introdurre un sistema di sostituto d'imposta generalizzato e non udibile attraverso il divieto di pagamento con le monete con le banconote
Ma solo con strumenti elettronici
Il versamento dell'imposta di consumo a carico della banco dell'intermediario finanziario
Attualmente si dice che
Fino a mille euro bene vorrei dirvi che dal punto di vista contabile economico fiscale
Ha valore zero
Quindi
O funzioni o è completamente generalizzato oppure non funziona
Quando dicevo di patrimonio e ricchezza per capirci per garantire il principio di progressività perché la progressività non deve sparire questo
I patrimoni che sono il risultato del predetto meno il consumo quindi sono detenuti dalle classi di reddito più alte
Per questi enti è ipotizzabile un'imposta con un'unica lingua penso cinque per cento non è molto
Sulla richiesta impiegata per l'acquisto di case di barche
I gioielli di titoli di terreni di partecipazione che ne acquisti una persona che gli acquisti una società e la stessa cosa
Come capite il tentativo
Che spiegato così
In pochi minuti e difficile da comprendere il tentativo è quello di spostare l'attenzione il focus dalla reddito al consumo perché attraverso questo se c'è la tracciabilità evidente
Che tutta una serie di problemi che gli sono rimasti irrisolti data venefiche Interlandi un'efficienza totale del sistema fiscale di questo Paese
Non ne vedo come possa cambiare tutto chiudo e ho veramente finito
Quando ho aperto dicendo che le crisi sono quello che separa la
Il passato dal futuro volevo dire che in questo mento sono in corso delle mutazioni
Si sono modificati business model
è prevedibile persino una modificazione sociale
C'è l'affermazione di Paesi emergenti di cui abbiamo sentito parlare prima molti dei quali sono addirittura
Non compaiono nemmeno una stampa perché sapete che il Bangladesh prendendoci crescendo con dei ritmi una volta Bangladesh era considerato una cosa
Praticamente dove si moriva solo di frane c'è un'evoluzione demografica ne hanno parlato prima de bene c'è una transizione energetica già alla fine come prezzo del fossile si passaggio ad altre cose
Questo lo si può affrontare ed io credo che sia necessario affrontarlo e che
I Governi lo debbano fare in Italia non c'è mai stato un partito conservatore
Liberale elettivi se ci fosse stato io non ne avrei fatto parte perché io credo non credo al Governo
Minimo allo Stato minimo Scredo lo Stato leggero e cioè credo che lo Stato abbia da fare delle cose
Compresa quella non secondaria di provare a garantire un minimo di crescita e provare a dare alle persone quello margine di individualità e quel margine di libertà individuale
Cioè si ottiene soltanto avendo istruzione che avendo una vicente sanità avendo servizi che funzionano avendomi infrastrutture che possano compete con quelle del resto del mondo vi chiedo scusa se vi ho annoiato parlato troppo
Grazie
Claudio
Non c'è un problema che ha fatto poc'anzi il tuo intervento brindava sicuramente
Ulteriore debba faccio delle esigenze obiettive quindi ti prego di farci avere integrale
Così lo mettiamo agli atti ma non solo anche con
Fondare ed evidenziamo di farne una circolazione in segreteria del Pd perché sono i tempi quindi abbiamo Federico abbiamo bisogno
E colgo l'occasione di questa tipo di passaggio per dare un saluto al Sindaco di Siracusa Giancarlo Garozzo che qui con noi e al Sindaco di Agrigento Marco Zambuto che sono ripeto qui con noi grazie di essere
Pasquale
Ecco la parola te sulla base della tua esperienza proposta suggerirei sì alla
Alla Premier Matteo Renzi per dare una ulteriore
Accelerazione ha una possibilità di crescita e di ripresa anche qualitativa della nostra economia grazie grazie
Grazie
Mozione
Sì pronto
Presidente
Okay
Grazie al suo evitando ci tenevo a dire che
Ti ringrazio come sembra questo il sesto
Seminario di primavera che
Tu hai organizzato io olio forse ci vorrebbe giustamente io non credo che ci sia il microfono richiede la mia voce è abbastanza forte ma
Però non è il microfono Agnola a c'è il microfono va bene
Vi chiedo scusa quindi dico sono
Ti ringrazio sono un assiduo frequentatore e nei fatti in effetti
Sempre uno stimolo
Molto molto bello che tu dai a tutti noi per problemi partecipando a questo incontro
Il tema per la crescita
Vorrei fare una piccola premessa sulla base della mia esperienza personale
Sulla base di esperienza che ho visto da vicino
Nulla e impossibile
Difficile ma non impossibile
Si può fare
Ovunque in qualunque caso sempre sia che sia un'impresa sì che sia una città sia che sia un Paese
L'ha fatto con la mia ST l'ha fatto la primavera di campagna sotto Enzo Bianco lo può fare l'Italia sotto pensi
Lo possiamo fare quindi vorrei evitare il primo messaggio non ci sono scuse si può fare
E chiamo
Che può essere più difficile se le condizioni al contorno sono veramente complicate e che speriamo che l'istituzione
Svolgono queste condizioni appunto una forma si può fare e non c'è mai una scusa
Detto questo vorrei fare una piccola premessa su qual è il contesto in cui ci muoviamo
Nelle ultime tre decadi perlomeno sono avvenuti in quattro io li chiamo megatrend ma sono quattro grandi cambiamenti della competitività mondiale per le imprese
La prima la globalizzazione
La seconda è l'accelerazione di tutti i processi dovuto al fatto che ci sono tecnologie nuove ci sono milioni di ingegnere ogni anno che arrivano le nell'economia comunque il fattore tempo
La terza e lo spostamento dell'asse dell'economia mondiale verso est verso assieme
E la quarta e la responsabilità sociale non più come un fatto soltanto etico dell'imprenditore o dell'impresa ma come un fatto di competitività questo e il contesto mondiale che ogni impresa deve tener presente se vuole competere
E quindi incomincia con c'era un messaggio alle imprese da da da un uomo che ha fatto dopo cinquantacinque anni di attività professionale e che alla mia tenera età sono ancora direi pianamente attivo
Scherzando si parlava delle quote rosa delle quote azzurre io ho detto che ci vorrebbero anche le quote grigie perché
Io
Non voglio essere escluso da questo processo
Il primo messaggio e alle imprese
Il primo messaggio riprese per dire che
Signori questo è il contesto come si può vincere la competizione globale in fronte di questi quattro parametri che hanno trasformato il mondo delle ultime prego peccati
La prima è la globalizzazione
Ebbene se si vuole completare la mobilizzazione bisogna avere alcuni qualche
Fattori per un Paese sviluppato non propensi anche di sviluppo che
Competere sui costi di lavoro bassissimi e sulla mancanza di diritti
Ma un Paese sviluppato come l'Italia che deve competere non sul fattore costi bassissimi nei sulla mancanza di rito
Il primo punto all'innovazione innovazione innovazione innovazione
Bisogna che l'impresa metta all'innovazione come qui è nata l'impresa innovazione
A trecentosessanta gradi innovazione dei processi produttivi e dei prodotti innovazione dei processi operativi
L'innovazione deve essere un fatto costante degli iter degli atti prese se uno fa Vincenzo non lo fa aperte
La seconda cosa che nella economia globale la dimensione scava importante piccole Berno ma purtroppo non ce la fa se si vuole avere la capacità di competere nel mondo globale bisogna avere l'ordinazione di scala dimensioni di scala che si acquista crescendo
Che si acquista mediante acquisizioni mediante emergere mediante Consorzio mediando quello che si vuole ma bisogna avere la dimensione di scala per poter competere
E poi bisogna vedere la capacità di internazionalizzare l'impresa
Il mercato globale i concorrenti sono globale si va in Cina non solo perché ci sono i costi bassi ma perché c'è un mercato il miliardo e quattrocento milioni di persone e c'è un miliardo e duecento milioni in India e ce ne sono seicento milioni nel sud-est asiatico
Questo è il mercato emergente sono i mercati che crescono quando va male al cinque per cento contro ovvero al dieci per cento non c'è nulla da fare per i prossimi dieci vent'anni poi io penso che il pendolo tornerà dalla nostra parte ma ancora per una
Paioli decade
La crescita il centro e c'è un piano che con la parte quindi bisogna
In terza internazionalizzarsi
Il che non vuol dire delocalizzare tutto ma parte delle cose mantenendo il centro sotto controllo questa e la risposta che l'impresa devo dare alle imprese
E non è parlo
Come un fatto teorico ne parlo come vita vissuta
Il secondo fattore di cui parlavo prima
E poi tornano arrivo velocemente alle ai paesi
E il problema
Dello dimensione tempo
Il fattore tempo l'accelerazione dei processi
Abbiamo le tecnologie moderne un si schiaccia un titolo dell'istanza scompaiono
I si trasmettono infinite quantità di dati ogni limitate quantità di dati in microsecondo ed una parte del punto all'altro anzi in nano secondi abbiamo il nato il fattore tempo il fattore spazio bisogna essere veloci non si può essere lenti l'impresa o ente morta
C'era un certo che non mi ricordo che si chiama
Un manager Galletti chi diceva che
Non è più il grande che mangi piccolo il veloce che mance lento bisogna essere veloci la velocità come fanno le imprese essere veloci
Se devono essere anche garante belli un fattore semplice bisogna organizzare l'impresa
Come la somma di tante micro imprese cioè di vizio divisione organizzarsi in modo che ognuno se ogni settore abbia autonomia sufficiente e si è piccolo per essere veloce ma faccia parte dalla grande consociata invoco vero ordinazione Scala
L'abbiamo fatto non è ancora un fatto che un record ripeto è un fatto di esperienza
Il terzo fattore l'Asia guai a dimenticare l'Asia
L'Asia e il più grande mercato mondiale e continuerà ad esso copre un cornici vent'anni poi io penso che il pendolo tornerà da questa parte
Perché specialmente in Cina si stanno accumulando tensione che rallenteranno speriamo che sia un un rallentamento non
Esclusivo perché sia sposi un pericolo per il mondo ma però il mercato cresce liberi
Abbiamo dentro la Cina dentro la Cina ci sono trecento milioni di persone che hanno un potere d'acquisto come quello
Dell'Europa
Abbiamo tra Cina e India cinquecento milioni di persone che sono contrari c'è un'Europa vengono Cina all'India Ventricelli che c'è un'Europa
Anche ripudio l'Europa e crescono velocemente i sud-est asiatico
Colletta i davanti agli atti un anno Filippine Indonesia s'Malesia sono Paesi che crescerà moltissimo guai a dimenticare l'Asia
Ma non
Come centro di produzione soltanto
Soprattutto come mercato
E qua vai a spostare tutta la produzione lì perché si perde prima la produzione
Stamattina qualcuno ha citato non mi ricordo chi il miracolo della appunto
Che produce tutti sui telefonini censendo con quattrocento mila persone
Il centro e in America non è vero incomincio spostare la produzione può esposte la tecnologia
E poi per tutti
Oggi
Sta avvenendo questo fenomeno
Noi abbiamo trasferito nuovi l'Occidente ha trasferito alla Cina
Gigantesche quantità di risorse intellettuali attraverso la produzione
E l'ultima che volevo citare e proprio responsabilità sociale un fatto per me assolutamente
Facile perché congenito nel mio modo di vedere
Ma che sta diventando un fatto di competitività perché la gente è stanca di avere
Imprese che sono socialmente responsabili e lo vediamo in tutto il mondo anche in Cina c'è una ribellione a imprese guardo soltanto profitto short ormai e che non hanno questo parametro come parametro importante bene le imprese ce la faranno non c'è dubbio l'impresa capace ce la fa se c'è un management capace ce la fa al massimo ce la fa meglio fuori che dentro l'Italia perché se la competizione globale
Tra imprese attenzione signore e signori la competizione globale anche
Tra i vari sistemi macro economici i Paesi
E i sistemi macroeconomici perché tutti competono per attirare cervelli e capitale e avere il proprio sviluppo quindi bisogna tenere presente che cosa devo fare un Paese come l'Italia che un Paese
Grazie a Dio avanzato dove i fattori costi non possono reggere la competitività della Cina dell'India del Vietnam come può un Paese avanzato comunque mantenere la sua competitività tremando cervelli capitali
Ebbene ci sono cinque cose fondamentali che devono essere fatte e poi per star dentro i termini del tempo cioè Andropov rapidamente alle mie piccole raccomandazione
Le cinque cose fondamentali che tutti i Paesi al mondo stanno facendo e che noi non possiamo non fare sono queste prima
Ho un contesto burocratico e normativo che consenta velocità decisionale
Flessibilità di una decisione all'altra certezza del diritto e trasparenza
Laddove manca questo l'impresa se ne va non ci sta non può restare in un Paese dove per prendere una decisione
Devi avere cinque mila permessi ci vogliono due anni
Non puoi stare dove c'è ai settemila legge del lavoro come diceva Ichino e alla fine un inchino imprenditore straniero che viene diciamo dice così non ho perché c'è una legge per mille duecentottanta che diciamo posso
Ah è così no però c'è la legge due mila cinquecentododici e qui c'è un posto cinquanta sorpreso da pazzi me ne vado
Bisogna dire una
Normativa semplice e chiara
E che si dia la certezza del diritto e questo vale soprattutto a livello sindacale sarà una mia fissazione io che sono di sinistra quando sono nato da quando erano respiravo i primi vagiti di sostanza
Tuttavia credo che il sindacato che pool svolto un ruolo grandioso sulla rivoluzione italiana perché ho vissuto in presenza degli anni Sessanta che molti di voi non avete visto e grazie al sindacato abbiamo ottenuto pronti diritti ma alla fine è diventato un difensore del par dei parassiti
E questo è un grande problema
Bisogna che ci sia una normativa che modifiche alle leggi sul lavoro nel senso che permetta licenziare i fannulloni
Di licenziare gli assenteisti e c'è vero il tuo pollai fa io l'ho fatto ho fatto nel mille novecentottanta quando c'erano le Brigate Rosse condusse da capo ma non ci voglio gente che mettono appello sul tavolo per farlo bisogna alla normalità come fanno i nostri concorrenti
Si può fare ma non ci vuole l'errore che lo faccia adesso al normale
Meritocrazia e che il lavoro
E premiato chi non lo forma fuori purtroppo questa cultura sindacale e un grande problema quindi la prima quella norma la seconda però non abbiamo dibattuto ne abbia potuto so oggi un bellissimo Pannella
Il capitale umano
La formazione del capitale umano è fondamentale quinti la normativa prima capitale umano qualsiasi paese che non ha
Un'attenzione alla creazione e capitale umano è morto non comporta alcun Peter
La terza cosa è un
Quadro che chi è
Capacità di sviluppo alla ricerca privata
Perché se non si fa ricerca c'è una relazione diretta anche se differita
Tra
Investimenti in ricerca e produttività
Noi siamo gli ultimi posti del mondo come
Aumenti della produttività perché intestiamo poche ricerca siamo gli ultimi posti anche investimento in ricerca qualcuno ricordava oggi e scusate se non ricordo che che il tre per cento di master che anche il tre per cento del
Dello spessore ricerca l'Italia sotto l'uno veramente
Quindi bisogna
Avvierà un contesto di ricerca la quarta cosa che bisogna fare e le infrastrutture materiali e immateriali un Paese che non abbia un sistema di infrastrutture moderne e ancora una volta
Bisogna che l'Italia si metta al passo a cominciare da quelle cosiddette materiale con la banda larga
Per andare a quelle materiale semplicissimi gli aeroporti strade ferrovie
Autostrada del mare eccetera per un Paese che non ha un sistema di infrastrutture moderno non può competere la quarta la quindi ultimo parametro e la tassazione sulle imprese
La fiscalità sulle imprese è diventato un fattore competitivo a livello mondiale
Non dico che non ci deve essere una buona tassazione ma non deve essere estremamente differente
Imprese italiane del nord Italia vanno in Svizzera dove il costo è ancora molto più alto ma c'è una fiscalità molto più bassa e la flessibilità i fannulloni svizzero licenzia
E la fiscalità e basse possono porre e molto più alto che in Italia quindi non è il costo loro soltanto queste sono le cinque cose contesto burocratico normativo
Capitale umano ricerca infrastruttura fiscalità sulle imprese attenzione io sono
Uno che crede fermamente la più grande conquista del secolo scorso ho fatto l'Europa e cioè lo Stato sociale il cosiddetto welfare guai a perderlo
E quindi in un Paese che vuole la giustizia sociale la fiscalità sui cittadini deve essere
Più alta di quella che in un Paese che non ha questo ma non sulle imprese
Un Paese che volete screen per esempio nei Paesi scandinavi
La fiscalità individuale altissima perché si vuole uno Stato sociale coeso però le imprese devono essere competitive se non se ne vanno detto questo
E teniamo quello che bisogna fare e i pannello che si sono alternate hanno
Toccato parecchi di questi punti e io devo dire che sto assistendo da come dire da
Uomo che ama l'Italia e che sa che si può fare in Italia con molto interesse all'esperimento carenze sta portando avanti
Beh pochissimo che c'è il Governo Renzi
Anche gli altri governi precedenti da Monti ha letta avevano
Provato a fare il cambiamento e non dimentichiamoci che Monte c'ha tolto dal baratro in cui eravamo due messi avevamo leader forte però si sono impantanati nella palude
Questa palude alla fine li ha bloccati Renzo e sta andando comunque armato e speriamo che Dio lo protegga e che possa andare avanti comunque normato per vincere questa favori
E cito soltanto alcune cose che ha fatto sono impressionante
In questi pochi tempi a toccato equità rigore e crescente ricordate trinomio di
Monti
Che poiché c'è molto per il rigore ma poco per la crescita o per l'equità
L'equità è stata la prima i dieci miliardi per dieci milioni di persone di ottantacinque euro in busta paga un grande fatto di equità di responsabilità sociale ricordo spending review
C'è sta partendo e più igiene più si metta
Tanto meglio non è lineare e mirata abbia un sacco di sprechi si sta facendo e la crescita
Sono state fatte tre cose molto importante o perlomeno si devono trovare le risorse saremo convertito in legge ma il messaggio è partito
è stato la garanzia all'assicurazione entro settembre si pagheranno sessantadue miliardi di debiti arretrati della pubblica amministrazione
Una speranza che arriva di liquidità a imprese boccheggiante che stanno morendo che è una cosa incredibile se ci riesce questa è stata promessa
Dieci punti di taglio dell'IRAP
E il decreto Poletti tenta
Un tolto il respiro alla flessibilità sul lavoro di cui tanto questo Paese ha bisogno quindi l'inizio e i ribelli e mi riferisco soltanto gli aspetti economici
Altrettanto importante sono riforme istituzionale
Giustamente
Qualcuno delle degli intervenuti abbiate pazienza non ingombro Rizzo tutto diceva che
Una riforma istituzionale non è soltanto un fatto di democrazia è anche un fatto economico
Se non ci sono un contesto istituzionale dove si può operare se non ce la
Stabilità la governabilità non si può fare nient'altro quindi anche lì sono state fatte la legge di
Del rio sulle Province step almeno a livello di decreto legge è partito il li tale comune è partito l'abolizione del Senato Moro alla riforma del Senato
Moltissimi riforma istituzionale sono state lanciate l'iter sarà lungo ma io mi auguro che vengono concluse dico solo una parola su questa buon ritorno sulla parte economica
E chiaro non sono perfette sarà difficile che siano perfette ma per Dio facciamole
La cosa più importante la governabilità
Facciamo una governabilità che non vogliate che essi
Il caso ci riporta alle elezioni con una
Incertezza da quello che viene fuori e quindi io
Sarei fortissimamente favorevole acché le riforme anche se imperfette
Vengono fatte per garantire la priorità numero uno assoluta che la governabilità e poi avremo tempo di modificarlo in seguito
Per quanto riguarda ancora una volta le cosa da fare a parte qui cinque parametri fondamentali che io ho citato prima che sono state discusse qui
Quali atti pratici io farei in modo da accelerare la ripresa oltre a quelle che
Già sono state fatte e ci sono cinque punti che vorrei raccomandare al Governo Renzi di fare
La prima
Nulla di particolare sono già state fatte la fiscalità di vantaggio per il sottile non si parla più del fenomeno assoluta la disoccupazione giovanile al quarantadue per cento in Italia
Mai al sessanta per cento assoluta in alcune parti da sud a settanta signori questo vuol dire manovalanza per la criminalità o per stabilizzazione della democrazia
Quindi un po'di sessanta fiscalità di vantaggio per il sud come ho fatto già il
Il Governo Prodi e sacrosante non costa niente
Perché la fiscalità di vantaggio presuppone che
Ci siano prima le imprese che abbia un risultati positivi e poi
Risparmi le tasse ci vuol mica tanta intelligenza facciamola è una cosa molto facile secondo
La piattaforma di ricerca e sviluppo io ero vicepresidente di Confindustria nella squadra del Montezemolo quando
Presentai all'allora Governo Prodi e Ministro Bersani la piattaforma di ricerca più avanzata della storia repubblicana
Mai fatta che feci io per conto di Confindustria
Quella piattaforma che non c'è il tempo perché i minuti sono contate descrivere o fu approvata in toto la finanziaria due mila sette ripescata nel Fatah anche quella costa poco e uno slancio incredibile
Terza cosa la green economy
Mi pare che la parola green economy risparmio energetico rinnovabili siano per ora
I grandi assenti da quello che sento fare nei discorsi
Politici di oggi l'Italia a una bolletta energetica di sessanta miliardi di euro all'anno
Abbiamo parlato solo che come diceva pubblica su ogni metro quadro la Sicilia piove un barile di petrolio all'anno trasformiamolo costa niente al sole e per coloro che non lo sanno
Mentre il petrolio sia sovrana si dice cinquanta sessanta settanta quello che diamo ve
E solo e qualche mi di un ciclo di anni ancora c'è ed è sempre gratis
E lo possiamo vedere porca miseria ma perché
Non puntare su una risorsa abbondante gratis che ci può far fare molto quindi la crine monumenti e poi dunque cosa molto importante lo citava prima il professore
Mi ricordava anche Pelù che diceva Romano Prodi professore non
Politico
In una società Cascino messe l'evasione fiscale è impossibile
Perché conduciamo dare la caccia all'evasione fiscale con la tracciabilità
Cosa che un ministro Visco aveva provato a fare mettendolo tracciabilità trecento euro che poi Tremonti aveva eliminato perché la povera vecchietta che come tutti sappiamo tutte le vecchie devono fare la spesa sempre con quattrocento euro ogni mattina e
Se voi pensate non vaste vecchiette purché
Regista vecchietta del passa carte di credito
Ragazzi la
La tracciabilità
Mille euro è una presa per i
Fonderie
Mettiamo la tracciabilità cento euro e recuperiamo una bella parte di quei duecento miliardi di dollari che manca all'appello ogni anno che l'evasione fiscale
Che una piaga tantissimo da pesa quindi raccomandazione numero quattro
Lotta all'evasione fiscale con tutti i mezzi che si stanno facendo ma anche la tracciabilità cento euro che ci vuole
Per poi arrivare piano piano a una società Casciaro essa e infine la riforma del lavoro
Io è un ammiratore di Pietro Ichino che è stato ospite di questo convegno più di una volta ne avevo dal proposta sane semplici da sette mila legge
Dal testo semplificato con pochi capitoli che tutti possono capire sia in italiano che in inglese così anche
Intese possono cioè lo straniero capire e soprattutto meritocrazia e applicare
Il fatto che se qualcuno non lavoro può essere e deve essere licenziato Pubblica Amministrazione o private ecco questi cinque punti
Fiscalità di vantaggio per il Sud piattaforma del ricerca già esistente pronto però lo fuorvia approvarla green economy tracciabilità
Per evitare l'evasione per ridurre l'evasione fiscale
Riforma ragiono lavoro benissimo avviata da promettenti dirlo per la vita
Ma continuiamo per fare un corpus organico e questi cinque punti credo che
Riparto come l'Italia non la ferma nessuno
Grazie
Grazie Pasquale adesso sentiamo una proposto l'intervento un commento di Vittorio salmoni voi facciamo chiudere questo panel a Davide Ferone
Sì Enzo

Sì adesso David anzitutto
Parlarsi
Si sente senza il consenso e David hanno voluto Teo parlasse questo panel e perché si afferma hanno
Volevano che si affrontasse qui esattamente in questo contesto il tema della cultura
Perché Lillo sviluppo culturalmente orientato è una via per crescere
Lo ha detto il nostro nuovo ministro Franceschini
Al momento dell'insediamento che andava a dirigere un dicastero economico
Che appunto a tutti i livelli era inquadrabile all'interno del processo di sviluppo del nostro Paese
E noi qua come Liberal PD non solo supportiamo questa affermazione ma addirittura l'abbiamo anche in in parte anticipata nell'ultimo seminario prima di questo in cui con Marcucci facemmo una riflessione
In questa in questa direzione oggi la il Ministro della cultura francese
Filippetti fa un bilancio della dello stato della
Della cultura
In Europa e nel suo Paese e dice che l'industria culturale l'industria culturale quindi la produzione culturale in Francia e al tre virgola due per cento del PIL
In Italia credo che non raggiungiamo l'uno forse siamo abbondantemente sotto il rapporto Fidel di del due mila sette ci dava dello zero sei
Eppure
La cultura e
Il nuovo motore di sviluppo un'alternativa ai processi tradizionali d'impresa
Io voglio portare qua mi hanno chiesto appunto di portare tre esempi che molto semplici che provengono dai territori perché se in tutto questo periodo abbiamo sofferto terribilmente il morso della crisi tuttavia come
Tutti voi sapranno bene vivendo dislocati nei territori
Sparsi periferici italiani sanno che i territori come anche l'Umbria le Marche da cui provengo io non hanno mai smesso di progettare
E non hanno mai mi smesso di infondere Energia speranza e visione
Allora i tre episodi i tre esempi vengono
Dal dalla campagna marchigiana ma che potrebbe essere quella umbra quella toscana o quella dell'Abruzzo vengono da Torino Città metropolitana
E vengono da una regione le Marche allora prendiamo il caso di Torino non so chi di voi sa bene nel dettaglio certamente il tema lo conoscono tutti
Che cosa è in realtà il l'housing sociale questa nuova politica per
L'edilizia che è stata immessa nel nostro panorama legislativo
E e fattuale da pochi anni l'housing sociale è una proposta di residenza
Di abitazione per la fascia grigia della popolazione italiana cioè quella che non è
Emergenziale cioè che non
Diritto alla casa popolare
Ma che
Con per effetto della crisi non riesce più ad accedere
A ai mutui non riesce più ad accedere al credito finanziario
E tuttavia ha un reddito che gli consentirebbe almeno prima della crisi gli consentiva di poter entrare
Appunto in una proprietà di abitazioni dei soci all'housing è attualmente per l'industria delle costruzioni e la grande speranza alla grande alternativa non soltanto
Per le imprese ma anche per
Tutto l'indotto che che che c'è le professioni e via dicendo
La caratteristica dell'housing sociale e di affiancare alla
Alla all'offerta di abitazioni i servizi relativi quindi proporre un modello nuovo di abitazione
Per dire il la domanda codificata di housing sociale è relativa alle fasce più più deboli della
Più tutelate della nostra società cioè gli anziani
Il
Le cosiddette quote grigio di cui parlava Pistorio per esempio ma che sono assolutamente attivi e sono
Presenti massicciamente presenti nella nostra società sono le coppie giovani sono gli studenti sono gli immigrati
Ecco a ognuna di queste
Fasce di società si propone a accanto alla residenza una
Un un servizio un un ausilio un modello di vita
Torino ha fatto questo esperimento che vi descrivo Porta Palazzo la conoscerete sicuramente la più grande piazza d'Europa un mercato straordinario la più grande presenza etnica e di immigrazione in Italia
Porta Palazzo H per me per molti anni fino alla rinascita di Torino è stato un quartiere degradato il Comune di Torino e la Fondazione San Paolo hanno fatto un programma di
Rinnovamento di di di rigenerazione urbana uno di questi venti appartamenti sono stati costruiti all'interno di questo quartiere allora sono stati realizzati venti appartamenti che sono andati a coppie giovani
Accanto a a questi venti appartamenti che sono andati a canone sociale ovviamente
Il le altre parti del dell'edificio sono state
Date in assegnazione a servizi legati alla appunto al mondo giovanile
Una una parte è stata data a uno scelto emergente del di Torino che era collegato conferimenti
Una parte è stata data a una band che che suonava già Asa che è diventata più importante avvento del del di Torino è un'altra parte guardate un po'è stata data un'agenzia turistica l'agenzia turistica che
Come dire aiuta gli immigrati a viaggiare e a tornare nel Paese di di origine
Questa agenzia turistica ha fatto una operazione straordinaria ha creato un servizio di
Come dire di guida turistica a Torino degli gestita dagli immigrati io sono stato condotto nei luoghi storici di Torino all'interno dalla mole
Antonelliana da un da una persona che non era
Un italiano era un marocchino
Un fenomeno di in di integrazione come questo io non ho mai visto un un un cittadino
Non italiano che spiega meglio di un italiano la città in cui vive
E che trasmette l'amore per quella città in
Ecco questa questo
Contesto questo esempio
Cosa racconta raccontargli accanto a una produzione accanto a un'industria cioè quella dell'abitare
Sì ci si mette del dell'innovazione c'è se ci si integra un valore sociale se si ritorna a pensare in termini fortemente innovativi e sì che ci si mette anche un po'di creatività e un'innovazione
Come dire relativa ai nuovi e alle nuove fonti di produzioni caratteristica del nostro Paese bere sempre il futuro che con le Sposini l'anno avrà sicuramente una grande prospettiva
Si creano dei valori molto molto interessanti perché poi c'è un indotto a tutto questo blocco come dire proposte immesso nella città di Torino l'indotto che cose è che la film Commission di Torino usa questa esperienza come un set cinematografico continuo per quanto riguarda i film che vengono prodotti
Al all'interno del Piemonte ecco questo è il primo esempio grande innovazione come diceva come diceva Pistorio grande grande visione il secondo esempio e viene dalla dalla mia regione
Dove ha investito di più la Regione oltre che naturalmente nei settori
Tradizionali e direi obbligati come per esempio la sanità o o o altro nell'innovazione ma quali innovazione ha istituito il distretto culturale evoluto dodici milioni di euro la la la la stesa settoriale più consistente
Del bilancio ordinario
Della regione sono stati finalizzati a un progetto immateriale alla creazione di reti relazioni alla creazione di filiere alla creazione di innovazione
Cioè a tutta quella visione di cui Pistorio ci ha parlato nelle nelle tante volte che è avvenuto
Che è venuto qua e che ci ha indicato lui per primo probabilmente perché dalla da da Catania questa come dire questa produzione dell'immateriale
Questa produzione sul multimediale questa produzione che dialoga col mondo questa produzione che è connessa col mondo effettivamente da lì
A come dire sia estesa coinvolto tutti quanti il il il distretto culturale evoluto e per progetti
Perché l'azione di progetti immateriali e una derivazione di queste è stata sono stati due conquiste perlomeno una parziale e una veramente realizzata la prima è stata la candidatura
Di Urbino a città capitale della cultura purtroppo non è andata a buon fine vedo il Sindaco di Siracusa anche loro hanno hanno concorso il Sindaco di Siracusa sicuramente testimone di quanto tasso di innovazione di creatività quel percorso
Di candidatura creato per la sua città con i teatri ho sentito il suo assessore a Urban promo quest'inverno parlarne e così come ho sentito tanti altri soggetti
Analoghe i suoi colleghi parlarne e quel processo che è un processo in materiale un processo culturale ha creato sicuramente un indotto vero un'economia all'interno della sua città come all'interno di Urbino
E Fabriano che è stata
La la città meccanica per antonomasia la città dei Merloni la città della produzione industriale concentrate di alto livello che è andata fortemente in crisi Fabriano è diventata capitale
Che cita creativa UNESCO per le l'artigianato artistico e le arti applicate per nella città della carta l'antico sapere della carta diventa
Il fondamento della
Della della nuova prospettiva della nuova visione dal passato al futuro transitando per un presente difficile ma
Il passato aiuta a traghettare
A traghettare il la comunità la collettività verso il futuro questi sono
I gli esempi i progetti come diceva Tobia Zevi ieri
E come diceva Paolo Gentiloni oggi Progetto di innovazione creatività sono i fondamenti che
Dobbiamo in qualche modo tenere conto per poter
Tornare a crescere credo che ci riusciremo grazie grazie al dottore Cutroneo
Adesso chiude questo panel l'intervento di Davide faraone della segreteria nazionale del nostro partito del PD grazie Dario
Grazie a voi
Tanto sarò brevissimo visto Boggi nel panico perché gli altri relatori andavano oltre il tempo di non recuperare io tranquillamente Filas
Io vi ringrazio perché particolarmente permane sempre
Piacevole intervenire ai
Le iniziative che organizzano i Liberal PD mi capita ormai sempre più frequentemente di di farlo vorreste approvare anche la tessera quella originale però l'orario è
Io tra l'altro su questo argomento sul tema della crescita credo che
è proprio il tema su cui stiamo qua tra distinguendo l'azione prima della segreteria del Pd anzi prima le primarie del Pd poi la Segreteria dopo aver vinto quelle primarie
E ora il Governo Nancy perché quello che è accaduto in questi anni e che su quel famoso parametro del tre per cento che ormai è diventato un argomento da da bar parla
Nei bar come si parla del del del diciamo della giornata di campionato delle dei risultati delle squadre la squadra del cuore su quel famoso parametro o ci si è concentrati molto spesso negli anni
Passati concentrandosi quasi esclusivamente sull'aspetto del del deficit est e ci si è concentrato molto poco sull'aspetto del PIL
Noi come e il Governo Renzi stiamo cercando di agire su tutte e due i parametri con la stessa identica intensità senza prima leggerlo e uno perché
Ci si appassiona molto spesso sui temi dei tagli delle della questione che riguarda Cottarelli la spending review che è un tema entusiasmante da venti punti di vista perché in questo Paese gli sprechi sono stati altissimi
E e molta spesa pubblica si è fatta su settori il suo ambito in cui si poteva invece caratterizzare un impegno in di risorse meno ingente mentre sul lato del PIL c'è stata una concentrazione asso assai ridotta anche dai Governi che hanno sono stati caratterizzati da un'azione veramente positiva
Io non credo che ci si può che si possa rimproverare al Governo Montino al Governo letta di non aver agito sull'aspetto che riguardava il lato del del deficit
Credo che si sia agito con poco coraggio su quell'ambito e si sia agito con pochissimo coraggio sull'altro
Parametro che è quello del PIL noi stiamo cercando di fare degli interventi che esse continuano a essere vissuti e a essere commentati
Guardando alla singola tessera del mosaico e non guardando al mosaico per intero si continua a guardare al diritto e non alla luna
A cosa faccio differimento se si continua a guardare alla discussione la riforma del lavoro Poletti sulla vicenda che riguarda le otto proroghe
Questioni si interessanti ma non assolutamente decisive oppure se si continua a guardare agli ottanta euro dell'IRPEF e non si guarda i dieci miliardi
Di maggiori risorse che vengono immesse nel mercato in Italia
Ho se si continua a ragionare sulla Merkel sulla riforma del mercato del lavoro ma non si va a guardare all'assegno universale alla riforma del welfare alla riforma del della cassa integrazione se cioè si continua a commentare
La grande riforme del grande impianto riformatore che stiamo mettendo in campo guardando a piccoli interventi irrisori senza guardare al complesso si fa ragionamento assolutamente no e lo dico alle forze sociali lo dico a coloro che dentro il Partito Democratico sono coloro che resistono di più che normalmente vengono considerati quelli più di sinistra io le considero quelli più di destra perché sono il più conservatore
è lo dico anche alle altre forze politiche che si ritrovano a dover discutere di queste riforme e lo fanno molto spesso con gli occhi rivolti ai sondaggi avete visto un fuori onda qualche di ieri delle reti tolte
Del leader di Forza Italia
Che non è che guardava
Al fatto che in Parlamento si stava facendo riforme elettorali tali comma la riforma del Senato su cui anche loro sono protagonisti perché noi abbiamo sfidato anche lira
Di chi diceva Berlusconi non andremo a vendere lì a discutere delle regole
Noi abbiamo detto no lì non c'era Berlusconi il vuote dell'il condannato tutto quello che volete ma è il leader di una forza politica decisiva in questa democrazia in Italia
E questo a questo leader la legittimazione del dialogo con leader del più grande partito d'Italia che vadano agli elettori non gliela diamo noi
Anche io sono critico sul fatto che Forza Italia si seleziona la classe dirigente non attraverso le primarie ma se ne seleziona casa Berlusconi sul grado di fedeltà ma
Quello è anche un elemento su cui lei gli elettori sono chiamati a giudicare e a decidere per cui se gli elettori continua a premere quel modello o prevede il nostro è un elemento su cui si contano si si si costruisce la democrazia
Forza Italia dovrebbe essere felice
Di essere in questo momento seppur fuori dal Governo del Paese una forza costituente rispetto alle regole nuove
Di questo Paese non dovrebbe stare lì a guardare i sondaggi ma questo abbraccio con mezzi quanto è mortale
Quanto è decisivo rispetto alla forza della mia di forze tale
O in maniera negativa rispetto i sondaggi elezioni europee dovrebbe guardare
Alla a quanto è positivo l'impatto che nel Paese si può a vedere se queste riforme si fanno
Interventi Rillo Movimento cinque Stelle che hanno deciso una volta che non sono più riuscite a occupare lo spazio dell'innovazione che stiamo occupando una colazione al Governo Renzi
Qui occupare pur di non partecipare a questo grande processo riformatore lo spazio e la conservazione
Grillo diventato colui che esalta Zagrebelsky che salta prodotta e le loro affermazioni di conservazione e rispettare il forno istruzione che stiamo mettendo in campo
Ora io credo che invece tutte le forze politiche dovrebbero stare lì a partecipare a questo processo costituente che poi è utile per tutti no non stiamo facendo una riforma che ci consentirà di vincere le elezioni non sapendo una riforma dopodiché chi è più bravo vince
E consentire ma che è più bravo e convincere poter avere la stabilità di governo che è necessaria per poter fare quelle politiche di crescita che stiamo discutendo di cui stiamo discutendo oggi
Perché molto spesso anche le idee che io considero peggiore di Berlusconi o peggiori perché la destra considera il centro si essa non sono non è stato possibile applicarla perché non c'erano all'interno del Parlamento forze politiche stabili maggioranze solide
Leadership legittimate che non hanno potuto poi mettere in campo con l'azione riformista noi dobbiamo creare questa base e chi dice amava gente per a fine mese gliene frega la legge elettorale for destituzione diciamo una sonora fesseria perché quella e la base per poter mettere in campo tutte le azioni di cresce più di forma
Che vogliamo mettere in campo in questo Paese
Su tutto il resto noi stiamo cercando di fare quello che normalmente
Dovremmo mettere in campo e stiamo sfidando conservatori che sul tema del tempo che stiamo dedicando hanno non è possibile che c'è il pensiero unico e chi non la pensa come Renzi è oscurata si sta facendo tutto troppo in fretta
Poiché eccitano un tema metodologico per non trattare il tema di merito
Per cui il
Della questione che si fa troppo in fretta anche questa è una sonora fesseria perché noi stiamo semplicemente capitalizzando anni è anni e anni di discussioni infinite
Su cui si era costruita l'idea mi sembrava anche abbastanza pacifica e diffusa a destra come a sinistra e Senato dovesse diventare una camera diversa
Che il Senato dovesse avere funzione differenti erano nelle nella nella vulgata politica complessiva erano diventati fatti scontati
è diventata invece il tema che ora lo lo stiamo facendo se ho ben capito
Rapidamente
E un argomento su cui costruire
Resistenze ma non ci fermeremo su questo aspetto istituzionale anche a costo di mandare all'aria legislatura perché altrimenti non avrebbe senso questa esperienza
Se noi non la ricicliamo questa legislatura che era inutile la pezza ricordate quello che disse Napolitano quando si è insediato Cluj ha detto che stava all'
I a fare presente a Repubblica soltanto se si facevano le riforme quindi che si manda all'aria se non si fanno le riforme soltanto una legislatura
Si manda all'aria una Progetto di un presidente la Repubblica che ha su quella missione costruito la sua relazione e che si vuole assumere responsabilità non è che fa un torto a Benzi
O al PD o al nuovo PD si fa un torto al Paese
Lo stesso su tutta la questione che riguarda le riforme del dell'uguale fare del mercato del lavoro concentriamoci su tutto quello che stiamo fallendo stiamo cercando di agire sul non dare nessun pretesto a nessun imprenditore per non fare investimenti poi l'imprenditore
Quello che vorrà utilizzare come strumento migliore per investire utilizzerà se lo sceglie noi ma non deve avere una scusa io la burocrazia non funziona
Non ho il contratto agevolato e la possibilità di poter cambiare il lavoratore o di poter licenziare
E non ho il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti anche lì nel DL che abbiamo presentato nel verde la legge delega abbia presentato a
Compagnia che completa il decreto legge presentata Poletti c'è un favorire
E da un punto di vista economico il contratto indeterminata tutte le coscienze crescente non c'è l'obbligo
Per cui io chiedo la possibilità di assumere di farlo con contratti flessibili con queste famose proroghe possiamo penso non sono otto possono essere sei non ci impicchiamo su questo
Ma dopodiché favorisco fiscalmente ipotesi con l'imprenditore possa invece assumere con contratto a tempo determinato atto delle crescenti
Per cui io non non obbligo come spetta Enza certa ossia il Sindacato certa sinistra l'imprenditore al pacchetto completo
Il giovane che vuole lavorare non gliene frega un tubo dal pacchetto completo vuole cominciare a lavorare
Poi io gli costruirò come Stato democratico le tutele che gli consenta non se perde il lavoro di essere formato e riconvertito nel lavoro
Di non avere nel momento in cui perde il lavoro zero euro in tasca quindi stiamo pensando all'assegno universale stiamo pensando a tutta una serie di iniziative che consentano di costruire questa rete protettiva
Ma questo è un compito che facciamo che portiamo a compimento servì formiamo anche questa cassa integrazione che è diventata in alcuni ambiti una
Diciamo ecco uno strumento di economia assistita perché quando la cassa integrazione dura cinque anni dura sei anni non è più un fatto straordinario è un fatto su cui si fonda una economia non va bene non va bene
Per cui rispetta tutto questo anche sul tema partite IVA si sta intervenendo la maternità
Diffusa a tutti e non soltanto perché residenziali siamo ritrovato in questo Paese un paradosso
Di persone che lavoravano mettendo da parte di contributi per la maternità e per la malattia e poi non poteva utilizzare quegli stessi contributi
Per la maternità e per la malattia oggi stiamo costruendo un sistema democratico che consenta a tutti di poter usufruire di questi strumenti di protezione
E non soltanto ai disoccupati miseria che abbiamo costruito in questo Paese agli occupati miseria che abbiamo costruito in questo Paese e poi c'erano quelli di serie B lei vogliamo
Azzerare
La delle serie a ebbi nella anche nella disperazione nel dramma perché questo è quello che è accaduto oggi in Italia
Chiudo dicendo che
Tutto questo sistema riforma istituzionale riforme mercato del lavoro riforma del welfare riforma e abbattimento questi famosi dieci miliardi di tasse non non leggiamo gli ottanta euro in più in busta paga al mese
Guardiamo come dieci miliardi in più immessi nel settore della crescita e del e degli investimenti
Anche questa settorializzazione le avete date lavoratore non alle imprese non è così quando tu vai a crescere la busta paga del del lavoratore con le colline il PEF e gli ottanta euro di fatto è fatto l'intervento anche sull'impresa
E quando poi tu dai i soldi dei debiti della pubblica amministrazione a chi li stai dando se non all'impresa
E quando poi tu interviene sull'IRAP e con quell'abbattimento che incide sulla rendita e non sul lavoro nella tassazione cosa stai facendo se non premiare l'impresa che vuole investire vuole creare occupazione
Per cui l'invito che faccio è di sostenere questo processo riformista in questo Paese stiamo mettendo in campo e di guardarlo con
Un mosaico completa non con le singole tessere perché sulle singole tessere anche io avrei tanto da ridire
Se invece viviamo tutto questo processo riformista comunque una riforma complessiva su questo che questo Paese sta mettendo in campo
E che potrà anche durare fino all'intera legislatura c'è una legge che stiamo viaggiando sul filo si può cadere
E si può restare in piedi fino a completare legislatura se è utile
Se noi riusciremo di cui al due mila diciotto anche con questa maggioranza a norma a fare queste riforme di cui ha parlato avremo compiuto una missione utile per chi verrà dopo di noi e poi ci presenteremo
In un sistema maggioritario
Per
Proporre una continuità di questo processo riformista oppure se falliremo fallire falliremo tutti e non fallirà soltanto Renzi grazie
Grazie grazie di cuore
Hai i relatori a Pasquale Pistorio a Claudio Lodi ci a Vittorio salmoni grazie in particolare a Davide parole mi pare che sia venuto fuori da questo panel un messaggio positivo
A sensazione che il Paese ce la possa fare che sta in gara Nando la marcia giusta
Quello che chiede sia chi vive questa esperienza dall'atto dello studio quindi dall'atto dell'Accademia dal lato dell'impresa anche internazionale voglio ricordare che Pasquale in questo momento ha un incarico di strategica dovrai solo di uno dei più importanti fondi interna
Fondi globali insomma
E quindi e vive dall'est e guarda al nostro Paese c'è un messaggio positivo a condizione che le cose si facciano e quindi un incoraggiamento a Matteo Renzi perché in prima
All'azione di governo quella determinazione quel coraggio che sembrano a detta di tutti caratterizzare i primi passi
Adesso ringrazio ancora i nostri ospiti c'è un piccolo cambio di programma invertiamo ci sarà prima l'intervista
A Sandro Gozi da parte di Costanza eroici acché prego di venire qui e la corrispondente paritarie di diventa
La salutiamo con
Molta simpatia e con
Gratitudine grazie per essere con voi
Stavolta Davide
E subito dopo ci sarà
Gian Franco Passalacqua che
Guiderà
Introdurrà
E presiederà la nostra tavola rotonda il padre sull'amministrazione
Prego la signora
Roger dipendere da un punto trenta dipendenti grazie
Ora se
Intanto
Va
Allora buonasera io sono cantante da voi c'è come come sono stata presente
Enzo Bianco sono giornalista corrispondente di un giornale tedesco
Sono appena tornata dalla Germania dopo una lunga permanenza dei quasi tre settimane sono andata quando c'era anche Matteo Renzi il
Presidente del Consiglio italiano
Di cui noi tedeschi al contrario di fare quello che esporta se si pensa in Italia abbiamo una ottima impressione anche il nostro Governo la cancelliera Merkel
Lui al contrario di quello che si cioè si percepisce sui media italiani non non è avvenuto con il cappello in mano
Ma è stato apprezzato molto e
Ancora non si sa chiaramente che cosa farà che cosa concluderà che cosa concluderà questo Governo
Ma quello che piace molto hanno e tedeschi è sicuramente la velocità con la quale luglio ha agito
è ha messo in piedi questo Governo è questo Governo ha subito cominciato a lavorare quindi piaccia alla Germania il Governo Renzi oggi vogliamo parliamo con Sandro Gozi di
Per l'Europa farò una una intervista
Che poi pubblicherò anche sul sul mio giornale
Sarebbe è e diciamo che ornano in Italia da una permanenza in Germania un po'lunga è abbastanza rinfrescante perché devo dire
In Italia ci si perde spesso nei dettagli nell'ITC tra i partiti tra singoli politici tra correnti e si perde un po'di vista purtroppo l'Europa questo non vuol dire che italiani sono meno
Bravi essere europeisti ma un po'
Diciamo non se ne parla abbastanza direi se non in termini che molto critici Sandro Gozi
Tu sei molto europeista sei anzi un po'comun marziano a Roma per noi giornalisti quando Tizio e
Nella per esempio nei talk-show italiani sei molto convinto sei parli un linguaggio sei molto aperto al dialogo con l'Europa con con i temi ero Penon soltanto
è una visione attua una posizione forte però sei molto aperto anche a vedere tutta l'Europa insieme perché ci sei stata dentro è stato dentro
Chicchi Capannelle a Roma che vuole Sandro Gozi poi parleremo magari del Governo però tua nell'Europa di Sandro Gozi e quale vuole
Beh innanzitutto buona buona parte d'Europa che vuoi per l'Europa che ancora non c'è
Cioè o di un'Europa
Laddove i cittadini se la spetta nonché e che oggi in cui oggi non la trovano
Vuole l'Europa di una politica economica e sociale veramente comune vedete a magari di cui parliamo dopo di fronte a un'Europa che oggi e molte troppo legato unicamente parametri finanziari voi in Europa della politica estera cioè che agisce prima e non dopo le crisi STIR Ucraina
E che prende prima la responsabilità politica di avviare un processo di associazioni con chi ha
Non aspetta i morti nella piazza mai tante e poi cinque mesi dopo avvia un processo di tassazione
Voi in Europa i diritti fondamentali non solo enunciati ma veramente praticabile questa tra l'altro vorrei che fosse
Tanti sarà una delle priorità ne parliamo dopo del semestre se semestre europeo e poi dopo gli ho un'Europa che mantenga la promessa con gli obiettivi che si è data perché
E perfettamente inutile fissare degli obiettivi di cittadinanza europea di politicamente ed immigrazione comune
Di politica a favore delle città se poi l'Europa non si dagli strumenti per fare una vera politica dell'immigrazione comune per fare una vera politica
Di sviluppo delle aree urbane insomma in nuovi obiettivi i nuovi obiettivi dell'Europa questa è l'Europa che si aspetta i cittadini quello che i cittadini non si aspettano
E d'Europa che spieghi spiega agli Umbria e dato che siamo in Umbria e anche in Umbria si produce un ottimo olio come in varie ragioni
Della dell'Italia che spieghi agli umbri come servire o da tavola ecco questa Europa degli eccessi regolamentari e burocratici l'Europa di cui non abbiamo più bisogno
Infatti accennavi ci sono varie opinioni sulle a Roma e ci sono per esempio i giovani in Italia che vedo i molto tuo diritto per i giovani tipo quelli di di studenti no gli studenti universitari
Che sono un popolo per il quale è già realtà questa roba non sono quelli dell'Erasmo stelle del EasyJet che vanno in giro
Facilmente le tutte le capitali europee sono quelli delle per cui per i quali l'ero e la moneta da sempre non conoscono la lira non conoscono il marco non Franco eccetera eccetera poi ci sono quelli appunto che vedono nel nero proprio
Il male dei a Roma
E e si scaraventa hanno in maniera forte i movimenti i partiti e i singoli contro questa roba per proprio per colpa delle ero qual è la figlia del Governo Renzi
Che vuole intraprendere per diciamo farà avvicinare tutti a una soluzione ragionevole
Queste è il problema fondamentale lepre fondamentale che da parte per tanti giovani l'Europa è scontata
Altri invece non se la possono permettere
Cioè è evidente che l'Europa è scontata per tutti quei giovani che possono prendere i voli low cost fanno un week-end a Parigi
Mancano lontano devono chiedere il visto per passare alle frontiere possono andare sulla Rete fare un bel biglietto a sessanta euro e fare un weekend a Parigi
Possono fare il programma Erasmus perché
Perché non solo sono le borse che sono
Ridottissima perché la famiglia può permette di far fare il programma Erasmus quindi diciamo che
Per e i giovani della della della classe media benestanti eccetera c'è un'Europa
Che da grande opportunità e che però danno per scontato nel senso che per loro è scontato tutto questo mentre non lo era neppure per me perché io per andare a Parigi quando io son griglia del programma Erasmus ma quando dell'ottantotto andava a Parigi
Non mi potevo permettere di prendere l'aereo perché non c'erano gli si getta
Costava costava l'equivalente di cinquecento seicento euro un volo all'epoca per andare a Parigi quindi prende il treno Galilei che partiva le dieci di sera da da Firenze si fermava alle undici e quindi alle ventitré e quindici a Bologna
E poi arrivava la chiave di o a Parigi però quindi diciamo che per chi se la può permettere l'Europa è scontata
Perché non se la può permettere è difficile oggi propone dobbiamo sport sforzarsi di proporre l'Europa che sappia rispondere al acqua a quel dramma quel malessere a coreggente perché non li puoi dire
Che l'Europa assicurato la pace perché è scontata per un giovane di vent'anni che nello spazio europeo non ci sia la guerra non li puoi dire l'Europa di fa studiare all'estero ti fa fare il weekend all'estero perché tutti risponde ma io non do i soldi per fare
Per passare week-end a Parigi
E allora e allora però veda un'Europa che non permette di fare investimenti
Per creare occupazione perché separando il tre per cento all'ora qual è la nostra la nostra proposta lo diceva anche prima da ritardare il faraone innanzitutto costruire un'Europa sociale che non esiste
C'è la questione del salario minimo garantito secondo noi è un tema è un tema europeo è un tema europeo perché perché non possiamo costruire l'Europa smontando il modello sociale europeo non possiamo costruire l'Europa ribasso
Non possiamo costruire Europa in cui si fa concorrenza tra poveri in cui i polacchi fanno concorrenza i lavoratori italiani e un domani gli ucraini faranno concorrente lavoratori polacchi
E bisogna costruire anche in Europa che non esista attorno attorno all'Euro e questo è il tema
Che su cui noi poniamo molto il il l'accento cioè il tema di una politica che permette che permetta di fare veramente politiche di crescita che questo vuol dire due cose
Magari a questo e questo è un'altra cosa volevo fare del prego
No erede Venezia semplicemente per staccare
Il tema appena ieri è uscita la notizia che tramite forse vuole mettere mille miliardi sul mercato
Attraverso acquisto di titoli di Stato e ma questa è la politica appunto
Di legata a quella dell'austerità della Merkel del del tre per cento le rappresaglie percento quale il riordino dell'economi del sistema economico ero qui a quale deve essere
Beh
Innanzitutto tra chi sta facendo un lavoro eccellente Draghi alza salvato una volta la la zona euro e sta anche dimostrando che nonostante alcuni limiti dei trattati molto si può fare e molto la Banca centrale europea può fare
Perché con
Il solo l'annuncio
Quello dei quello TM di quegli interventi sul mercato ha fatto fare lo spread e grata liquidità che ha messo a disposizione in anni passati a diciamo veramente Salvatore euro e ci ha comprato tempo
E noi vogliamo adesso finalmente il Governo lenti e questa è la differenza fondamentale del Governo reti ed è per questo secondo me che apprezzato a Parigi che ha portato a Berlino e apprezzato a Londra
Ed è apprezzato Atene
Perché perché noi vogliamo usare quel tempo che tra chi ci ha comprato perché ci ha comprato tempo se compro tempo perché è intervenuto Codera l'equità perché ha fatto abbassare lo spread perché ha reso
Gestibile il nostro debito pubblico che è nata porrà che ci portiamo dietro da trent'anni
In cambio di riforme in cambio di un impegno serio a fare delle riforme tutte quelle riforme strutturali
Il copriamo parlato anche prima istituzionali amministrative del lavoro sono la risposta migliore che l'Italia può dare all'Europa ed è quello che
Si aspettavano ecco perché secondo me
E apprezzato il nostro Presidente del Consiglio il nostro Governo non perché andiamo cappelli in mano perché diciamo che anzi
Se c'è una caratteristica a partire dall'UI arrivare ad arrivare al sottoscritto
A meno io parlo per i limiti i due che ho visto all'opera diciamo il sottoscritto il Presidente del Consiglio diciamo che abbiamo l'imbarco come parliamo anni dei Liberal parliamo degli incontri bilaterali
E maggiorenti come pare al PD come avrei parlato qui parla la Merkel ha parlato a naso a Londra e parla Mandel vasti io l'ho visto mamme vasti e i somali il linguaggio è lo stesso questo però è apprezzato perché è accompagnato da un inizio di riforme finalmente Roma
Date le voglio di dall'Europa e questa è la differenza rispetto a prima prima non c'era l'impressione che ci fosse questa dinamica questo ritmo nelle riforme
Questo il punto fondamentale cosa chiediamo
Innanzitutto noi stiamo utilizzando bene il tempo vedrà che ci ha comprato
Però noi non possiamo essere diabolici non vogliamo che l'Europa sia diabolica perché errare è umano perseverare diabolico è evidente che l'austerità da sola non basta questo magari se fare un articolo stabilisce già istituito bene non è un diciamo diciamo che l'austerità prodotto la crisi economica e sociale
L'austerità la crisi economica sociale è il frutto di una crisi finanziaria che è scoppiata tra oltre Atlantico e che però ci ha trovato hanno Italianieuropei in tre varati perché perché avevamo fatto una casa che andava bene solo col bel tempo o almeno col tempo variabile quando cominciata essi la tempesta ci ha tenuto dentro
Quindi certamente l'austerità non ha prodotto la crisi però se rivelata una risposta parziali
Inefficiente per per alcuni aspetti che oggi socialmente in inaccettabile allora noi diciamo
Dobbiamo avere innanzitutto più margini per fare crescita a livello nazionale
E l'Europa non può l'Unione europea l'Eurogruppo non può essere oggi un ostacolare riforme deve accompagnarle quindi noi ed è questo che vogliamo fare in vista del Consiglio europeo economico di ottobre vogliamo trovare degli accordi partenariati per le riforme né per la crescita come vogliamo chiamarli per cui a fronte di importanti e serie verificate da tutti i Governi dalla Commissione europea seria riforme strutturali nazionali
Se accompagno delle misure di accompagnamento si aggiungono delle misure di accompagnamento incoraggiamento all'europea
Può essere più flessibilità nei tempi di rientro del deficit del debito
Può essere nuovi incentivi della Banca europea di investimenti
Può essere un meccanismo che compensa lo spread nel senso che
Se c'è uno spread che diciamo rende più difficile la gestione del debito il debito ma si sono le riforme che i Governi portano avanti possiamo avere degli interventi diciamo delle iniezioni di liquidità tutto questo dobbiamo dobbiamo valutarli insieme ma è evidente
Che non possiamo mantenere in per tenere il dibattito europeo
Nella gabbia di oli rende la gabbia finlandese la chiamo io
Ce n'era agli atti in cui tutto il dibattito Rho Pero è manovrina zero virgola uno per cento in più in meno se fate la riforma del lavoro dove trovare due miliardi se non la fate dove trovarlo solo questo è è il perché non è nell'interesse
Se d'Italia con torna a crescere
Non è solo qualcosa che interessa gli italiani e qualcosa che interessa tutta la zona euro perché noi siamo la terza economia della zona euro la seconda inclusa malfattori era
Quindi noi vogliamo produrre buone notizie per tutti non chiediamo deroghe non chiediamo eccezioni per l'Italia
Chiediamo alla zona euro di cambiare impostazione
E l'interesse dell'Europa Merkel comunque sarà dura a convincere di tutti questi argomenti e comunque
Sta un poco nascendo anche grazie al vostro Governo un
Un nuovo equilibrio di di diciamo alleanze in Europa tu sei stato appena Parigi Renzi è stato da Hollande tutto ha inviato ieri dichiarato che ti piace molto l'impostazione di Walter nuovo premier francese
Matteo Renzi è stato anche a Londra no è stato anche un buon incontro con Cameron
C'è la possibilità che alla fine finisce tipo quattro a trenta la Merkel Enea Roma attraverso tutte queste nuovi equilibri
Beh appena
Tutte
Dovesse dovessimo fare un Dream Team Italia Francia per la Germania non c'è storia
Però non vogliamo fare un d'intimità lo francese per
Umiliare i termini per la prima però nulla
Anche perché abbiamo visto che poi quando l'auto limiti tedesco il campo da gioco come ho come è stato del giugno due mila dodici poi te l'hanno fatte la fanno pagare
Nelle politiche europee qui non vogliamo ripeterlo
Ne vogliamo fare
Una
Delle alleanze contro
Se non si tratta di fare delle alleanze contro nessuno anzi noi riteniamo che
E nei prossimi mesi impegneremo io ho già cominciato e tutto lo ha fatto il Presidente del Consiglio con la con Berlino mi ha già cominciato con la Finlandia voglio farla con i Paesi Bassi voglio farla con Portogallo che al sud sono già che geograficamente
Lo voglia avviare un dialogo con tutti i Paesi cosiddetti del rigore
Perché ci sembra che ormai i segnali economici indichino che anche dal loro punto di vista nazionale hanno interesse a cominciare a pensare al denominatore cioè alla crescita di questo rapporto anche perché
Io credo che i parametri sia di importanti come dell'indicazione di serietà
Cioè e e importante avervi perché importante perseguire delle politiche di stabilità in e importante non ripetere gli errori del passato il consolidamento fiscale importante
Però non se ci sono le riforme non è che possiamo se Manuel VAS come io sono convinto farà
Perché veramente c'è una grossa sintonia non solo a livello di persone ma a livello di postazione politica tra Matteo richiamando il va secondo me
A un anche lui delle delle proprie anzi mi ha di problemi maggiore livello di maggioranza e si verdi non sosterrà nel Governo eccetera
Però se finalmente in Francia trave gratta mano del VAST si cominciano a fare quelle riforme di cui in Francia si parla da sé da da vent'anni e che non si riescono a fare
Se questo vuol necessità un allungamento di o altro di un altro anno
Rispetta i parametri del deficit vogliamo dire che non devono fare le riforme perché devono rispettare quel parametro oppure vogliamo avere un approccio più politico cioè vogliamo passare ricostruendo la fiducia tra di noi e il modo unico di ricostruire la fiducia e che noi i francesi mostriamo più serietà
Con gli impegni che faccia anzi prendiamo rispetto alle riforme di quanto abbiamo fatto in passato ma questo una volta che si è così ricostruisce la fiducia
Vogliamo passare dall'Europa delle regole
Aprioristiche spesso spesso troppo rigide all'Europa delle politiche vogliamo passare dall'Europa deve regola taglia unica
All'Europa delle politiche tengono conto delle diversità delle specificità nazionali io credo che questo sia interesse anche della Germania e credo che non si è impossibile
Avviare un dialogo con con Angela Merkel su questo posto che ci sia quel dato di fondo di serietà cioè fare le riforme e noi vogliamo fare le riforme perché combina tutto annui
Ma una volta che abbiamo abbiamo a abbiamo questo processo io credo che bisogna leggere tutte le raccomandazioni che vengono rivolte i vari Paesi se io leggo le raccomandazioni che l'ECOFIN la Commissione
Ha rivolto all'Italia io non leggo solo
Quello che interessa a livello la Striscia la riga Azzi dovesse atto siete sopra il vostro impegno rispetto al debito di tot percentuale dello zero virgola cinque o dovete ridurre il deficit dello zero virgola due leggo
è necessario che l'Italia mentre lotta contro l'evasione fiscale
Egli sarebbe l'Italia mentre lotta contro la corruzione occorre un mercato del lavoro efficace in Italia occorre la pubblica amministrazione efficace occorre un sistema fiscale efficace questo alle cose che stiamo facendo mi sembra molti più importante
Rispetto allo zero virgola due del del mitico come sarà finlandese quale molto più brillante come giocatore di calcio di serie B e come commissario europeo
Ecco
Dato e dato che anche la Merkel di caso s'intende manca credo che anche su questo possiamo dare l'intesa
Appena bacchettato uno dei più grandi evasori travestite tra l'altro nell'ambito rendersi
è
Comunque il ci sono anche tedeschi buoni
Prendiamo fisico sul
Martin sul Presidente attuale del
Parlamento europeo è candidato del Partito Socialista Europeo del quale fate parte ufficialmente completamente da poche settimane
è stato abbastanza applaudito qui a Roma come nuovo Candian come candidato del partito per le elezioni europee ed siamo a questo punto
Se anche in sé la me anche
Si apre alle riforme
E se gli equilibri europei si spostano magari a favore dei Paesi che hanno più difficoltà del della Germania dietro l'angolo ci sono i populisti come grande pericolo
Cosa pensate di fare in questa campagna elettorale e per le elezioni europee che sono veramente imminenti
Per vincere questo pericolo la Francia appunto ha dovuto cambiare Governo per
Per reagire
La Francia ha cambiato governo
Per ragioni simili alle per le quali non abbiamo cambiato governo che serviva un Governo che non
Assicurasse i francesi e gli italiani francesi italiani non ho bisogno di essere rassicurati hanno bisogno di vedere se qualcuno che scuote i due Paesi
E Renzi sta scuotendo in maniera positiva l'Italia dove speriamo che valse riesca a scuola scuotere in maniera positiva la Francia la differenza tra euro e tra chi ha preceduto anche nel nostro partito come segretario
Con tutto con tutta la rispetti realtà che abbiamo portato a chi ci ha preceduto e Matteo Renzi era proprio questo che c'è l'impostazione per cui bisognava rassicurare l'Italia italiano italiano ha bisogno di essere rassicurati che voi dovete di cambiamento
E questo e questo accade anche in Francia noi sosteniamo Martin Schulz ma
Credo che si possa essere
Nel nuovo Parlamento europeo la possibilità di avere una un forte mandato a riformare l'Europa l'Europa migliore infatti risulta di poi intende farlo non lo vuole fare martedì sciolto lo vuole fare di però è stata
Non ho capito sorvolo fare Jünger ma certamente abbiamo due sui tre candidati principali perché gli altri diciamo non incideranno e poi spiego anche perché
In realtà tutta l'ondata può pure ma anche europea
Di fatto
Non inciderà nel Parlamento europeo inciderà a livello politico a livello di messaggio politico ma non all'interno del Parlamento europeo
Beh sono due capitali su tre che vogliono chiaramente cambiare l'impostazione della politica era appena voglio procedere verso maggiore integrazione politica vogliono sviluppare una politica di investimenti
Vogliono fare quello che ti arresto già Tommaso patto Mato Padoa-Schioppa diceva agli Stati per riforme strutturali la stabilità dei conti all'Europa le politiche di investimento e di crescita e questo lo vuole fare Martin Schulz lo vuole fare di però state
E e credo che nel nuovo Parlamento si possa essere una grande maggioranza per fare questo il problema sarà se i Governi e a partire dal Governo tedesco perché Martin Sciutteri come candidato e Socialisti democratici più che come è cambiato tedesco
E vorranno prendere atto della scelta delle lezioni perché il rischio è che il venticinque sera se non c'è un candidato che ha una maggioranza nettissima
Al Consiglio europeo i capi d'asta di governo pensiamo di avere le mani libere sarebbe il
Regalo migliore che facciamo a Grillo a Marine le Pen agli obblighi eccetera perché se noi diciamo durante le reti europee che si evince il gruppo politico x
Martin Schulz o Jünger condire rossa strani presente la Commissione e poi quel gruppo vince anche di un solo seggio
E il Consiglio europeo dice bene non siamo qui non c'è un vincitore netto quindi facciamo quello che vogliamo questa rete disastroso per l'Europa e è evidente che dobbiamo dobbiamo dire che ci sono due vie di uscire dallo status quo
C'è la via distruttiva ne parlo unicamente alla pancia che pare unicamente alla rabbia e che non propone nessuna vera alternativa
All'Europa che oggi in parte un piano non ci piace ed era via di Grillo ed è la via di Marina penna
Tra l'altro vive una volta vuole uscire dalle è una vola una volta ci vuole rimanere oggi ha detto che vuole fare due zone euro straordinario apro una parentesi pressioni che stamattina federalisti
Perfetto per l'Italia a fare tutto nero faccia un bel è un del Mediterraneo in cui la Germania siamo noi e così la prossima crisi greca anziché dare presti per cinquanta mila e dobbiamo dare per cinquecento miliardi
Lo voglio dire
Perché poi anche nel nella nel costo con attende l'analisi costi benefici
Ecco diciamo che c'è una proposta che unicamente distruttiva la nostra proposta è di cambiare l'Europa ma di proporre un modello alternativo al nostro potere alterativa molto chiaro
Approfondire la riflessione politica dell'Europa costruire un minimo di Europa sociale avviare una politica di investimenti avviare una politica di Europa i diritti fondamentali però la farà lavorare anche se gli eccessi burocratici
E su un approccio troppo ragionieristico alla questione economica che in questi anni a provocato molti più problemi di quelli che adesso
Allora se l'Italia diventa la Germania per la situazione si può mettere l'italiano assunse anche sui manifesti quattro aperta alla revisione del partito
Comunque il altra altro tema è la presidenza ero qui anche anche quella alle porte come le elezioni
Quale saranno i grandi temi d'Italia è questa del Governo italiano per questa Presidenza
E comunque una un focus screzi sita su un Paese
Si riesce a guardare molto meglio dentro un paese altro membro della dell'Unione quando alla Presidenza perché è chiaro ci sono i due settori sul Paese continuamente sinonimi
Innanzitutto volevo stiamo accelerando il processo di riforma anche perché vogliamo farsi trovare pronti con delle riforme veramente
Approvate al primo luglio e perché vogliamo riformando l'Italia vogliamo riformare anche l'Europa
è
E è impossibile elencare tutto quello che è una una presidenza i tuoi dovrà fare però sono quattro punti Ottone quali vogliamo caratterizzare
La nostra Presidente sono quattro puntigliosamente innovativi anche rispetto al recente passato
Il primo è
E su sfruttare pienamente l'Europa che possiamo costruire mercato unico digitale
Mercato unico digitale qualcosa che può produrre di qui al due mila venti qualcosa come
Duecentosessanta miliardi di DDT aumento di pile è il PIL della Danimarca ce ne possiamo costruire impositivo la produzione di un ventenne quinto nel ventinovesimo Stato membro
Se realizziamo il mercato unico digitale rifaremo i grandi gli ultimi stare vuol dire eliminare gli ostacoli la burocrazia vuol dire fare gli investimenti di infrastrutture materiali materiali per
Per rispettare l'obiettivo che gli europei si erano dati qualche anno fa e che invece finora hanno ragione non hanno ancora raggiunto scusati molto lenti questa è
Uno dei grandi dei grandi obiettivi
Il secondo obiettivo è assolutamente ricollocare il Mediterraneo al centro dalla questione europea perché ahimè strappa neppure per noi di scegliere tra Europa e mediterraneo perché per noi in Europa eh innanzitutto mediterraneo
E questo vuol dire certamente all'interno della questione mi darà questo lo dicevo io ricevo Aldo Moro e credo che avesse ragione all'epoca fosse vera all'epoca come vero oggi
E collocare quindi all'intero del Mediterraneo la revisione della politica con i nostri vicini e la questione dell'asilo dell'immigrazione
La terza questione che si collega a quella signora digitale eh
Una nuova un nuovo governo economico dell'euro che per questo ritorno a quel tema al Consiglio economico di ottobre su quello noi assolutamente vogliamo
Riprendono negoziato su cui c'è stato un chiaro fallimento solo che non è stato detto così nello non lo scorso Consiglio europeo di dicembre
è chiaro che in dicembre il partito diciamo così
Dei della solidarietà e il partito del rigore non ho trovato un accordo le vogliamo riprendere in mano la questione stiamo già lavorando chiederemo alla Ronconi
Inoltre giugno di riprendere
Delle proposte su
Come accompagnare
Come sviluppare un'opinione positivo tra riforme nazionali e flessibilità europea questo dei partenariati per la crescita e quindi diciamo
Costruire un un ago una garanzia economica della zona euro favorevole alla crescita e non che ostacola la crescita
E poi
E poi il tema che io più a cuore che abbiamo io abbiamo inserito in maniera del tutto innovativa rispetto anche i lavori del Presidente Governo che l'Europa i diritti fondamentali perché oggi
Di fronte a quello che sono il cuore dell'Europa perché l'Europa è nata
è nato sulle ceneri di altri inadatti a dire mai più
è nata dopo l'antisemitismo dopo il fascismo dopo il nazismo è nata innanzitutto per tutelare i valori della democrazia della libertà di espressione i diritti fondamentali oggi applica un doppio standard
Perché passa i raggi x di Stati candidati all'adesione
Dal punto di vista del funzionamento e la democrazia del Parlamento dell'autonomia della Corte costituzionale tutto quello che la democrazia poi una volta che uno Stato da candidato diventa membro
Si spegne la radio
Fine delle trasmissioni e diventa no gli Stati membri delle scatole nere all'interno delle quali
Non abbiamo gli strumenti per guardare per guardare se vengono rispettati i diritti e le minoranze
Se viene rispettata dal la libertà di informazione e lo abbiamo visto vada visto anche nell'ultimo caso
Ungheresi o non voglio dire che
Tutto quello che era stato scritto sui giornali dell'Ungheria fosse vero però mi limito a prendere atto che l'Europa non aveva fosse stato vero che c'era una violazione dei diritti dei giudici della Corte costituzionale
Che i giornalisti ungheresi vedesse il loro di le libertà di informazione imbavagliata se tutto quello che abbiamo detto fossato vero l'Europa non arriva nessuno strumento per intervenire
E quindi bisogna costruire un sistema di prevenzione di monitoraggio sul rispetto della legalità e i diritti fondamentali e questo deve essere
Su un piede di parità per tutti deve avere innanzitutto per i vecchi Stati membri
E così siamo arrivati anche un po'alla mia ultima domanda che molto politica invece appunto i
L'unione politica l'abbiamo dimenticata e ce ne siamo accorti poche settimane fa in maniera drammatica con le vicende nell'Ucraina
In Germania per esempio questo fatto proprio perché le armi
E costruita sulle macerie di una tragedia che abbiamo causato noi tedeschi
E diciamo l'aria a Berlino e molto densa in questo momento molto tesa a nome otto c'è molta paura che questa nostra Europa non può reggere
Questo e impatto con un una specie di nuova non guerra fredda mamma si percepisce un poco cosina o che l'Europa
Che era diventato il cuore di due mondi opposti una volta si potrebbe spaccare di nuovo
Quando uno torna in Italia
Avendo subito un po'a questa e questa atmosfera questo tema sembra troppo poco quotidiano
Tra appunto la crisi le riforme anche appunto le discussioni eterni Fatah correnti e partiti del Governo cosa si può fare INEA rompa per aumentare diciamo la
Delle ha il potere della politica della ero populistica di farla diventare di nuovo politicanti vantare quello per con la quale è nata beh il tema delle politica è un tema fondamentale che noi vogliamo tentare almeno
Di riavviare come dibattito oggi è molto difficile abbiamo assistito un paradosso Nobel paradossale da una parte a noi abbiamo Beppe Grillo che
Straparla di uscire dall'euro dall'Unione europea e poiché a qualche centinaia di chilometri di distanza nella piazza mai danze gente che si fa ammazzare
E che vuole fare parte dell'Unione europea questo è
Il paradosso e e come è stato detto l'Europa e qualcosa talmente grande
Che abbiamo realizzato già e che dobbiamo realizzare ma talmente grave talmente importante che la si apprezza di più quando la si guarda te dall'onta
Ecco perché quando voi uscite dal continente europeo e parlate con gli ucraini parlate andate in Cina andate negli Stati Uniti e quello che noi oggi già siamo e viene percepito molto di più
Rispetto a quello che invece viene percepito da noi che siamo dentro questa cosa
Molto grave parliamo solo l'economia parliamo solo di economia siamo imprigionati della Gabbianella gabbia della crisi e tutto viene ai passa attraverso gli occhi della crisi e invece guardando l'Italia del resto d'arresto del mondo Ecuador l'Europa resta il mondo si capisce anche quanto abbiamo realizzato rispetto a quello che noi europea eravamo quando avevamo due guerre civili in trent'anni perché la prima e seconda guerra mondiale sono state due guerre civili
Per noi per le europee quindi è chiaro che occorre
Riavviare il dibattito sull'unione politica occorre riavviare il dibattito a mio modo di vedere
Sull'unione federale però almeno mi accontenterei cosa che è molto difficile
Di riavviare il tema su quale unione politica vogliamo perché non possiamo parlare solo di una banca reale molto importante
Non possiamo parlare solo di unione economica fondamentali anche perché tutto questo senza unione politica è una vera democrazia sovranazionale è diventato assolutamente inaccettabile poi non funziona
Non funziona perché gestire Unione bancario economica con accordi tra dietro le quinte tra Capi di Stato di governo o tra diplomatici euro pratiche non funziona dobbiamo per forza andare verso la direzione di unione politica ora
Credo che almeno un dibattito sul futuro dell'Unione un dibattito sul
Sull'unione politica a fine del semestre abbiano
Sarebbe veramente molto importante io credo che nel nostro e Mestre avremo poco lavoro legislativo ma abbiamo una grande opportunità di orientamento politico
E credo che dovremmo riporre il tema di
Quali unione politica cosa possiamo fare con i trattati che esistono
Quali modifiche dei trattati dobbiamo inserire per avere una vera unione politica democratica guardando innanzitutto a quello che dovrà essere sempre di più il luogo della democrazia e qui della politica e Parlamento europeo
Perché se è vero come è vero che queste saranno le prime elezioni veramente europee perché comunque si dibatte era di Europa
è evidente che il Parlamento europeo dovrebbe essere i luoghi in cui si discutesse avviare un nuovo processo politico nuovo processo di integrazione politico nuovo forse su questo ente è evidente che oggi
Paradossalmente chi parla di unirsi a parlare di revisione dei trattati di rilancio di un processo sono quelli che la voglio fare per smontare l'Unione europea
Tenterò di britannici che si stanno mettendo in un angolo però è evidente anche che non possiamo subire o importare il tema della revisione di trattati solo per il gente interni britanniche dobbiamo riprendere rilanciarlo e su questo certamente sarà difficile mal dobbiamo provarci di convincere i francesi ma su questo
Non ci aspettiamo molto invece della Germania perché
Angela Merkel scioglie Simar Gabriele parlano hanno parlato spesso di unione politica addirittura la cancelliera tedesca ha parlato spesso di non federale
Noi vorremmo cominciare a costruirla vorrei innanzitutto che ci spiegasse che cosa intende lei federale e se quello che noi capiamo quando noi vorrei pronunciarmi temo nelle politiche federale vorremmo cominciare almeno a dibatterne
Nei prossimi mesi
Penso che ci siano tutte le buone
Condizioni per farlo e mi sembra per concludere anche molto bello che in Italia ci sia un Sottosegretario alle politiche europee che ministro no delle delle politiche rape che viene dall'Europa no non al contrario
Un
Un ministro che poi dopo quando va in pensione o magari l'età fa
Grazie agli standard
Voglio ringraziare di cuore
Per questa bellissima intervista
La cui il cui merito va diviso in parti uguali
Tra il nostro fantastico Sandro che ci rappresenta in Europa nel modo che non sarebbe
Possibile maggiore e migliore ma devo dire anche bellissima le domande da parte dello Stato onestà mi consentite riaccendere una sola per fare una
Perché c'è un tema che
Non è stato toccato abbiamo parlato più all'Europa all'interno dell'Europa
Da qualche tempo c'è un
Dialogo aperto molto serio tra Europa Stati Uniti
Per il trattato il nuovo Trattato sostanzialmente la zona di libero scambio
Ora molti di noi vengono dall'esperienza politica e culturale
Liberale repubblicana liberale e hanno in mente che cosa accade in Italia nel mille novecentocinquantuno quando l'Italia fu il primo Paese in Europa ad aprire alla liberalizzazione degli scambi
Molti pensano che questo avrebbe ucciso l'economia debole del nostro Paese e invece fu qualcosa di Fantastico evitare è cresciuta in modo incredibile che cosa ne pensa Sandro dell'idea di chiudere rapidamente questo trattato
E l'Europa che sembra che sia più prudente perché negli Stati Uniti la percezione che ha avuto qualche
Qualche settimana fa con un incontro diretto di chi guida il trattato per la parte americana
E che ci credono abbastanza e che Obama stia spingendo in questa direzione non sarebbe fantastico se durante il semestre di presidenza anche se la presidenza della Commissione avessimo una accelerazione per chiudere un trattato che vede l'Occidente riunirsi e trasformare questa
Parte rilevante dell'economia matura in un'unica zona che le pezzi Sandro io penso che sarebbe straordinario che
Una priorità hai fatto benissimo a farsi la domanda perché è vero che ci siamo abbiamo guardato all'interno e a Este assoluto abbiamo guardato a Ovest
Ma è fondamentale e accelerare negoziate credo che una forte spinta potreste data l'Italia non so se riusciremo addirittura concludere l'accordo politico trattino semestre ma dobbiamo assolutamente provarci
Primo perché si conviene perché questo vuol dire più crescita più opportunità
Aumentare la domanda aumentare la crescita questo vuol dire creare un grande mercato un americano
è evidente che noi dobbiamo anche tutelare alcuni aspetti abbiamo un problema enorme con gli Stati Uniti che riteniamo giusto Italian sounding e detti una Regione come l'Umbria
è un tema fondamentale c'è questa
Queste questa mozzarella con una sola l che viene prodotta nella Casarsa parmesan ecco questo è evidente che su questo dobbiamo essere molto attenti
Nel negoziato però è chiaro che quella grande opportunità e su cui non dobbiamo avere alcun dubbio anche perché anche perché
La costruzione del più grande mercato del mondo e costruito da due grandi realtà che comunque condividono alla fine alcuni valori di fondo
A partire dalla democrazia
è anche un grande contributo all'erogazione della gara rimasti questo mondo
Che non possiamo solamente pensare venga concepite sviluppata a Pechino o a Nuova Delhi con tutto rispetto per Pechino Nuova Delhi ma deve essere organizzata innanzitutto attorno ai nostri valori che sono i valori si fosse valori che anzi due assicurato la pace
Sono i valori che in tempo dica esiti parlavate si diceva i valori dell'occidente
Io non so se si può dire ancora valori dell'occidente però sono quei valore atto nelle quali si può costruire una gara da Sky che a livello mondiale deve essere più equilibrata e più giusta
Quindi assolutamente d'accordo ed è uno degli impegni fondamentali che erano tra quelle grandi tante priorità ma questa è una grande priorità fornire
Lei forse è la
è una entra le tre grandi corredate non se ne
Grazie grazie di cuore a grazie a voi
Grazie Sandro Gozi prego Gianfranco a Passalacqua di assolvere le redini del comando insieme con gli altri
è acceso
Intanto ok erogatori del panel si accomodano
Io chiamerei per una
Per un breve messaggio di saluto
Paola Bombarda che il Presidente della
Associazione Cacciatori movimento che vuole
Che vuole renderci un saluto prego prego prego prego magari riaccomodi direttamente
Con l'occasione saluto
Anche l'icona Terracciano che il
L'anima pulsante del partito dazione Ribera socialista che domani ci darà un fraterno saluto al ristorante d'accesso accavallarsi degli
Diciamo così del dei Pannella del del pomeriggio quindi prego prego
Tre minuti a grazie velocissimo
Io sono tutto perché socio di una associazione
Che si chiama viaggiatori in movimento anche a un logo nel quale compaiono queste questi cinque lemmi liberale democratico giovani
Piccole e medie imprese e resto ubriaca
I primi due lemmi liberale e democratica assomigliano tanto
A a al logo a quanto contenuto nel logo di questo posto dove mi trovo e dopo da questa mattina ho visto dei
Degli interventi veramente
Molto importanti
A
Sono qui per darvi solamente una indicazione
L'associazione della quale faccio parte sta valutando la opportunità e la fattibilità
Di un al referendum abrogativo parzialmente
Della legge del due mila e dodici
Relativa
Alla
Al pareggio di Bilancio e alla sostenibilità del debito legge che come sapete ha influito anche sull'articolo ottantuno della costituzione
Quale l'argomento di base della legge di pregherei di
Dare uno sguardo alle top ten Carducci messo
Per quanto riguarda il livello
Di benessere
Economico pubblicato dalla società inglese sì
E lì a di
A letto ottengo Carlo tris nel due mila e il tredici
Sono immagino di vostra conoscenza quelle per cui previste per il due mila ventotto sono un po'diverse nel due mila tredici la prima io un'altra esperienza
Cioè in una
Ci appannata
Già le mani
In United Kingdom
Fra URSS l'Italia è ottava
Nel due mila
E ventotto la prima sarà è prevista in essere la China secondo United Kingdom
Tra le prime dieci
Di europea e c'è
La Germania numero sei è calata United Kingdom sale a Quinto non ci sta nell'Italia nella Francia né nessun altro
Qual è la risposta a questa previsione la risposta è
L'Unione europea unità politicamente
Moneta unica europea
Cambiamento delle regole del fiscal compatti questo è quello che noi
Proponiamo
E quello che
E quello per cui lottiamo con il tutto referendum al quale stiamo pensando se siete interessati a discutere con noi di saremo grati di discutere i nostri punti di vista mi sembra questa la platea giusta per annunciare questa cosa grazie
Favola Bombarda me
Tocca l'ingrato compito di moderare
Grazie grazie
Di moderare questo Pannella che già dal titolo risulta particolarmente appetibile tenuto conto della dell'orario
Cui siamo pervenuti per cui ci impegniamo a rendere anche materia andiamo ad affrontare quanto più possibile
Interessante per un uditorio che già ha dimostrato in questi giorni di
Apprezzare la qualità e l'approfondimento che ancora una volta liberal PDA
A garantito secondo me al dibattito pubblico di questo Paese non solo al dibattito politico perché dibattito pubblico come ci insegnano i maestri
A che fare con la capacità di incrociare competenze eccellenze decisore decisori pubblici e politici e società civile quello che Liberal PD sostanzialmente come
Enzo Bianco cui va il mio personale ringraziamento e credo di tutti gli amici che sono qua presenti
Questi questi anni a
Dimostrato in questi anni perché io ricordo Enzo Bianco da da dare mi picco di essere ragazzo di ad di essere stato ragazzo almeno
In quegli in quegli anni molti anni fa e ciò nondimeno era uno dei punti di riferimento che ha consentito a molti di noi sentirsi orgogliosi di essere a sinistra e liberali credo che sia un merito che assieme a tanti altri amici gli va riconosciuto come I maestri che stiamo giustamente non commemorando ma ricordando perché ci ricordano come punto come costruire il futuro partendo dal dal passato
I presento io
Gli amici che benevolmente hanno accettato il nostro il nostro invito
E che sono da
Dalla mia estrema destra solo dal punto di vista logistico
Simone Dragone Simone Dragone che
Consulente finanziario a
E membro della direzione provinciale del
Del Partito Democratico di Milano ancorché sardo
Contraddetto come motivo di orgoglio ovviamente data insulare diciamo
Pierluigi Petrillo che professore associato di diritto pubblico comparato
Ma noi siamo che una collega avvocato
Di formazione pubblicistica come chi vi parla e che invece in forza all'Autority parla protezione dei dati personali
E abbiamo poi una
Presenza che riteniamo
Centrale decisiva nel
Dibattito che cercheremo di sviluppare
E che un amministratore che sta sul sul territorio e e che Emilio Mosca che oltre se sindaco di Rocca di Mezzo quindi
Masticano bussiamo di o no sbaglio sempre va bene
Cioè sull'Abruzzo
Però è coordinatore dei Comuni del cratere sismico Abruzzese per cui a una
Esperienza ampia non solo di amministratore che amministrati avvisatore che coordina gli è una attività ulteriore io
Beh proprio anche per
Contingentare i tempi proverò nella
Come nel negli intermezzi degli interventi che secondo me sono la parte più importante di questo
Di questo ultimo appuntamento di dire qualcosa sia come Liberal PD tanto di fronte il Presidente che mi ovviamente può tranquillamente smentire se per caso dovessi andare fuori dal dal siamo libera non per nulla giustamente
Siamo pure siciliani nel caso di specie per cui
Nel senso che
Segue seguo abbondantemente l'indicazione che mi arrivano in questo senso intendevo
E però anche l'altra veste mi riguarda per ragioni professionali visto che
Di pubblica amministrazione di occupò ormai da venticinque anni spesso diciamo sì imposizione conflittuale visto che
Faccio l'avvocato lo faccio nel settore del diritto amministrativo quindi spesso e volentieri di amministrazioni mi danno da lavorare voi per la loro
Devo dire la verità inefficienza per cui
In qualche modo sono in conflitto di interessi visto che il titolo di questo panel
E in qualche modo ispirato ad una
Gruppo si parlava ieri riformismo di riforme a me a noi
Piace definirci riformatori
Una delle riforme centrali secondo noi è quella della pubblica amministrazione che barra ecco dico questo e poi passo la parola a Simone Dragone che intanto così si prepara psicologicamente
Una delle questioni che noi vogliamo porre all'attenzione
Passare da una
Da un atteggiamento che induce sostanza in carica e l'Amministrazione come il nemico ad una ad un codice in cui invece l'Amministrazione vista come il punto di partenza per una vera rivoluzione di tipo moderno di cui questo Paese ha bisogno di un problema non è
Eliminare l'apparato amministrativo e modernizzando e appunto renderlo efficiente e trasparente e responsabile questo è il punto di partenza
Che non può che contraddistingue l'impegno di chi sostanzialmente in politica ritiene di
Portare idee
Ritiene di portare proposte
Sfugge ad ogni populismo senza però rinnegare la sua funzione anche di
Critica assistiti come dire critica
Non voglio usare il termine banale di costruttiva ma critica ragionata alle I vizi che l'Amministrazione italiana come il sistema Italia spesso spesso porta con sé
Ciò chiarito via meramente introduttiva passo la parola Simone Dragone che ci
Lettera con la uno dei temi che secondo me è più secondo noi
è uno dei più centrale interessanti diciamo per chi di questo si occupa ma sostanzialmente per la società italiana
E per la tra virgolette rivoluzione riformatrice
Come piace a me chiamare la fase che si avverta ed è il rapporto tra potere pubblico tra Amministrazione ed economia nelle sue
Diverse articolazioni quindi la parola attesi come paragone ancora grazie
Grazie a tutti e grazie per Gianfranco la parola pomeriggio degli organi cosa ringraziarvi chiaramente per l'invito e per l'opportunità a partire da David Bogi ed Enzo Bianco particolarmente
Ma oggi intervento essenzialmente come diceva Gianfranco si incentra proprio sulla pubblica amministrazione soprattutto gli enti locali come promotori di politiche industriali e motore di sviluppo
Oltre diciamo al mio background professionale appunto come anticipa Gianfranca io sono anche oltre ad essere anch'io con orgoglio commenta un uno dei fondatori del circo alla pallacorda di Milano sono membro della direzione
Del PD di Milano con una delega proprio il credito e alle partecipate
E devo dire che questa riflessione sulla politica industriale degli enti locali specificatamente è ripartita proprio da Milano in questi ultimi mesi
E questo dire grazie ad un cambiamento che si è registrato chiaramente a livello del PD nazionale ma direi anche a livello del PD locale di Milano questo quindi grazie alla nuova segreteria
Che guidata da Pietro Bussolati grazie anche alcuni donne e uomini e le nostre istituzioni restituzione milanesi
A me fa sempre piacere citare con un esempio a questo proposito Pierfrancesco Maran anche nostro assessore alla mobilità tratta e all'energia e all'ambiente
Bene da dove partire oggi ben purtroppo da un'amara considerazione che quella che in questo Paese da direi oltre quindici anni probabilmente alla caduta del primo Governo Prodi
Se abbiamo ancora un fantasma che
Con legge
Che veleggia per meglio dire anche volteggia sull'Italia ovvero l'assenza conclamate in un silenzio assordante di politiche industrali degno di questo nome
E stiamo attenti apro e chiudo una parentesi velocemente il discorso ci porterebbe lontani
Non si può parlare oggi è un ossimoro richiedere invocare politico delle politiche del credito efficienti come taluni fanno visto il momento disperante di credit crunch senza parlare di politica industriale
Ora e sicura e questo è un Paese strano questo lo sappiamo tutti siamo passati dalla pervasiva
Influenza e presenza della classe politica e partitica nelle partecipate pubbliche nel corso della prima Repubblica devo dire con effetti talune talune volte anche positive non nascondiamoci dietro un dito anche a un contesto storico diverso
All'attuale
Spesso totale indifferenza della classe politica nei confronti del partecipate almeno come abbiamo visto purtroppo nel passato anche recente per interessi meramente personali
De facto con una dei lega affidate in bianco al top manager bene io mi auguro e tutti ci auguriamo che
Con l'insediamento del nuovo Governo con il proprio bagaglio di competenze di energia
Finalmente si è aggiunto il momento in cui si imponga una svolta chiare in questa direzione
Ovvero nella direzione di definire da parte di tutta la pubblica amministrazione che potevi soprattutto quelli locali dichiari politiche industriali che sono decisive per le sorti del Paese guardate senza questa accoppiata
Di decisione
Dei poteri appunto politico e di politiche economiche ed industriali da parte delle partecipate che poi vedremo in seguito da questa crisi sarà sempre
Più difficili uscirne
L'ora
Io direi che però come declinare una politica industriale da parte per il dalla politica da questo punto di vista nel nostro Paese
Beh difficile di sicuro in quanto come ricordavano alcuni di sicuro durevoli spicca esprima questo è un Paese che spende frazioni del proprio PIL in ricerca soprattutto applicato un Paese dove grandi gruppi industriali a vocazione internazionale sono
Praticamente sono sempre meno in taluni casi appunto sono assolutamente meno
Un significativo contributo può essere il problema portato dagli enti locali grazie a chiari obiettivi di politica industriale per le proprie partecipate
Che sono spesso erogatrici non dimentichiamocelo di servizi fondamentali per i cittadini
I numeri sono numeri importanti le prime venticinque partecipate pubbliche italiane
Parlo di partecipate locali non sto parlando dei grandi gruppi ENI ENEL eccetera parlo del partecipazione locale le partecipate locali
Hanno un fatturato senza tener conto dell'indotto che arriva quasi quaranta miliardi di euro rappresentano un vero colosso economico nel loro interezza
Talune chiaramente hanno per forma sposi attive talune altre hanno performances chiaramente meno positiva se non altamente negativa
Però in un eh in un mondo dove l'economia urbane ed economie macro urbane assumono sempre un ruolo maggiore
Dove sono il nuovo paradigma lo dello scopo paradigma dello sviluppo dove oggi si parla del secolo urbano per il ventunesimo secolo e il secolo urbano
Gli enti locali grazie alle proprie partecipate possono diventare un volo uno dei volani fondamentale per lo sviluppo del proprio territorio e sviluppo il proprio territorio vuol dire sviluppo del Paese
Sviluppo del Paese ed in quanto il concetto di PIL negli ultimi dieci anni è stato totalmente ribaltato il PIL non è più un aggregato
Una grandezza gregata che poi viene allocata sui territori bensì è la somma della crescita e del prodotto di ciascuno dei singoli territori
A questo tipo però di politica quindi una politica più attiva proattiva come dire si direbbe in inglese
Sì esse stesse sempre obiettato con due principali argomentazioni e queste sono
L'assenza attuale o la scarsa forte scarsità di risorse finanziarie
E fatemi dire e un ossimoro un'attenta è assolutamente contraddittorio si pianifica
Quando mancano le risorse finanziarie soprattutto è troppo facile pianificare quando che so
E siccome il mondo è pieno invaso di una liquidità
La grande liquidità finanziaria che aspetta di essere attratta davanti a progetti e guardo chiaramente anche al titolo del nostro del nostro convegno a progetti che siano attraenti per gli investitori
Quindi questa è una scusa che spesso è stata usata dalla politica devo dire non solo dalla politica ma soprattutto da burocrazie tecnocrazia
La seconda obiezione e quella della famosa indebita ingerenza della politica nelle scelte industriale la scelta di corporate governance
Delle aziende a partecipazione pubblica anche questa fatemi dire una banale scusa e un rifuggire le proprie responsabilità e un riflesso parlo piano dovuto un passato di indebite spesso incompetenti ingerenza
Venendo comunque proprio al tema delle partecipate come
Chiaramente anche accelerando l'intervento
Chissà e non l'azionista anche se azionista pubblico anzi soprattutto se il pubblico ha il dovere invocare e ove necessario imporre una politica industriale una chimera
Chiaramente adeguata pianificazione
Di
Essenzialmente indicare indirizzi di medio lungo periodo dove il management che deve condividere questi obiettivi ab origine
Ha il dovere di implementare questi obiettivi stessi nella misura più efficiente più efficace possibile e su questo obiettivo essere valutato l'azionista pubblico badate
E azionista tre volte
E azionista tre volte in quanto a tratti apprendo veri specifici
Ha un dovere ha il dovere di preservare ove possibile incrementare il valore patrimoniale dei propri asset a beneficio degli azionisti ultime che siamo dei cittadini ha il dovere di garantire
La qualità e la continuità dei servizi naturalmente con un'attenta cautela agli aspetti ancora occupazionali
Gli aspetti sociali purché essi non diventino chiaramente indebito privilegio per dirigenti dipendenti e stakeholders delle società pubbliche
E last but not least a un dovere di assoluta trasparenza anche qualora le società pubbliche siano quotate
E una trasparenza essenzialmente
Nella rendicontazione economico-finanziaria negli obiettivi aziendali e nella scelta controllo e valutazione del management cento e qui sarebbe interessante che troppo lavoro che si sta facendo a Milano proprio sulla selezione
Del management delle del meno agente vi consiglio di amministrazione delle società pubbliche chiaramente municipalizzate e partecipate da Milano
Con criteri molto più stringenti come PD di Milano rispetto a quelli che avevo indicato i suoi tempi Pisapia
Tenendo e andando a chiudere quali sono quindi gli obiettivi che la pubblica amministrazione deve prefiggere a se stessa e alle proprie partecipate
Uno e il presidio di sicuro dei monologhi quei mercati che sono tempo dei monopoli veri e propri naturali
E questo lo si può fare non necessariamente attraverso il controllo azionario ma di sicuro attraverso il combinato disposto di adeguati convenzione contratti di servizio Odorizzi
Nazionali naturalmente ma
Perché non pensare anche specifiche otto reti locali penso esempio al tema del riscaldamento del teleriscaldamento in certe aree
E questo essenzialmente di nuovo per garantire qualità e continuità del servizio ed evitare indebiti extraprofitti parli eventuali azionisti privati
Questo Paese gli extra profitti ne abbiamo già dato l'abbondanza ma
Basta pensare al caso delle infrastrutture nazionali e locali intendo extraprofitti per il privato
Il secondo scopo di sicuro è quello deve essere quello di sviluppare quei mercati ove
Il pubblico abbia delle società partecipate che però mercati che non siano dei monopoli naturali e questo chiaramente promettere la concorrenza con effetti possibili positive sia per la cittadinanza che per l'occupazione
Questo esempio facciamo l'esempio banale tutto le norme mercato dell'efficientamento energetico questo mercato in cui operano tipicamente moltissime aziende le vecchie municipalizzate e che un mercato che stenta a decollare peraltro visto anche
Un interessante decreto approvato dalle dal Governo credo nella giornata di ieri o di attuazione visibili credo sulle fa certamente energetico
Mercato che stenta a decollare perché le stesse aziende pubbliche non fanno partire questo mercato questo resta un dovere della politica favorire la creazione lo sviluppo dei mercati specifici
Il terzo dovere quello di definire finalmente il destino di quelle società pubbliche che operino viceversa i mercati già liberalizzate concorrenziali pensiamo banalmente alla gestione non redistribuzione stiamo attenti
Al mercato di gestione dell'energia del gas
E ripeto in taluni casi del teleriscaldamento
Qui bisogna decidere cosa fare le vendiamo e non c'è nulla di male valorizzandole oppure se lei si tiene bisogna svilupparle già a sviluppare politica industriale
Perché in Italia vi sono aziende e penso anche al settore dei trasporti che sono delle eccellenze non solo italiane ma europee
E questa che si deve sviluppare attraverso politiche di consolidamento e anche di espansione internazionale penso all'Atm che per dire a Milano e al gestisce in maniera meravigliosa
Trasporti di Copenaghen però oltre a quello non è assolutamente andata e al momento non intende andare
Quarto attraverso le risorse reperite dalla cessione eventuale di questi asset
Investimenti nuovi beni comuni quei beni comuni nuovi che come tali sono percepiti dei cittadini quando la politica che guarda oltre
E mi rifaccio ad esempio l'esempio chimico l'esempio tipico e quello che faceva prima Pasquale Pistorio ad esempio delle infrastrutture materiali
Bene concludendo abbiamo bisogno di una politica che torni ad essere centrale di una politica che torni nel suo ruolo di
Regia
Di una politica che dopo aver fatto troppi passi indietro in passato lasciando spazio a burocrazia e perché no grazie che benché
Competenti e perbene sono soffro troppo autoreferenziale per natura
Faccia proprio tantissimi passi avanti in un'ottica di proposta Bindi soluzioni strategie
Per il Paese e soprattutto in campo economico e di politica industriale e la politica deve farlo ripartendo dai livelli di governo più vicini e cittadini
Primo fondere quella nuova Energia
Che è necessaria per lo sviluppo il futuro del Paese altrimenti una mera chimera se per senza il rilancio la funzione strategica nazionale eleggono capire urbane e Matt urbane ringrazio
Grazie grazie Simone
Si tratta di temi spesso invece affronta anzi non affrontati con
La profondità del con la velocità che sta contraddistinguendo in qualche modo questa tre giorni quanto meno come concetto di di riferimento ai saputo fare io passo la parola per Luigi Petrillo
Poi mi riserverò pochi minuti intervento su alcune sollecitazioni che già già Simone mia mi ha fornito quindi la parola Pierluigi
Grazie Gianfranco ma il tema degli questo pannelli induce ad una riflessione
Non soltanto diciamo sull'amministrazione locale ma anche sull'amministrazione nazionale e quindi l'ho avuto il privilegio
Privilegio di maglie
Da dieci anni di assistere in qualche modo
In diversi ministeri gli apparati gli apparati i vertici politici e quindi io
Sviluppato un'esperienza nell'amministrazione pubblica non tanto da docente universitario quanto da consigliere giuridico ora
Sulla base di questa esperienza
Mi sento di dire che noi ci troviamo di fronte a una burocrazia che ha due
Caratteristiche principali una burocrazia senza merito e una burocrazia senza responsabilità
Cosa vuol dire vuol dire che il sistema delle regole Frassica in primo luogo
In particolar modo la più alta burocrazia e dirigenti non vengano valutati sulla base dell'attività che loro sporco a proposito di merito
è vero che esistono delle norme per cui una buona parte dello stipendio del dirigente l'indennità di risultato quasi il quaranta per cento dello stipendio è legato a parametri di risultato al merito
Tuttavia nella prassi quella normativa è stata applicata in maniera tale da
Dare a tutti quanti tendenzialmente in parti uguali l'indennità di risultato per cui alla fine tutti i dirigenti raggiungono il risultato e quindi tutti quanti hanno ottenuto quello che dovevano ottenere l'effetto di questo sistema
è che sostanzialmente non si differenzia tra il burocratiche che compie il proprio dovere burocrate che si limita a fare l'ordinaria amministrazione cito una serie di casi
Qualcuno forse se ne sarà il resoconto andando in giro per il Ministero ci sono ministeri italiani in cui oggi entrando
Bisogna compilare all'ingresso un foglietto di carta in cui voi scrivete dove andate chi andate ad incontrare
Quando andate dal dirigente il dirigente però deve firmare poi all'uscita per uscire dovete riconsegnare
Il foglietto nell'era dei computer di internet dell'Agenda digitale è il foglietto che dimostra la vostra entrata e la vostra uscita accade ad esempio al Ministero dell'istruzione al Ministero dell'ambiente ministeri importanti
Il Budget del Ministero della giustizia in questo due mila e quattordici per le spese postali è di ottanta milioni di euro per le spese postali
Al ministero dell'economia esistono ben tre direzioni che si occupano
Dei siti web del Ministero dell'economia se voi vedete esistono tra i diversi siti web del ministero
Dell'economia ora perché
Cito questi casi perché a mio avviso sono emblematici di inefficienza e di costi per l'amministrazione pubblica ma al tempo stesso posso citare un caso invece virtuoso ad esempio al ministero
Dell'agricoltura nel due mila sette le specie per i cosiddetti consumi intermedi dell'Amministrazione erano di circa trentadue milioni di Euro
Nel due mila quattordici queste spese sono state ridotte non in virtù della spending review ma in virtù della capacità del dirigente in poco meno di dieci milioni di Europ quindi Ina sei anni il dirigente ha a più che dimezzata dimezzato il compendio delle spese per consumi intermedi
Per lui è cambiato qualcosa assolutamente niente
Se fosse stato un dirigente di un settore privato chiaramente sarebbe stato per valorizzato dunque una burocrazia senza merito ma anche una burocrazia senza responsabilità
Perché la responsabilità è una parola che mette paura
Quando un dirigente si deve assumere una responsabilità cioè vuol dire per scegliere tra la strada
E la strada BT soddisfacendo alcuni interessi ma anche andando contro altri in data interessi
Finalmente si deve assumere la responsabilità di questa scelta
Con tutto ciò che ne consegue il rischio che poi verrà un magistrato magari la Corte dei conti a verificare il tuo comportamento il rischio che questo possa indispettire taluni autorità superiori politico non politiche per cui l'effetto quale
L'effetto e restare fermi
Restare fermi perché restando fermi non si indispettisce nessuno in fin dei conti si fanno dare avanti un rivolo del fiume ma il torrente musichiere fermo
Senza responsabilità appunto
Come si risponde a mio avviso rispetto a questi due problematiche cioè l'assenza di merito e l'assenza di responsabilità
Nel dibattito pubblico di questi ultimi mesi la risposta sembra essere quella della riduzione degli stipendi ridurre gli stipendi ai dirigenti sembra essere la panacea del male della Pubblica Amministrazione
A mio avviso invece
Ridurre lo stipendio una falsa polemica
è una caccia alle streghe quasi perché è evidente che ridurre lo stipendio di un burocrate dell'Amministrazione
Produce anzi effetti contrari ridurrà la produttività dei dirigenti bravi tanto di gente che non è bravo continua a fare quello che faceva prima mentre dirigente bravo si sentirà ancora più demotivato rispetto a prima
Aumenterà i rischi di corruzione dei dirigenti perché è chiaro che se interloquisce con
Interessi economicamente molto più forti del suo stipendio è stato dimezzato nel corso degli ultimi anni è evidente che i rischi di corruzione sono più elevati ma soprattutto in un prospettiva di lungo periodo l'Amministrazione pubblica selezionerà i peggiori
Perché perché un dirigente bravo no un dirigente un manager bravo non sceglierà di andare nel pubblico dove a fronte di responsabilità di un certo tipo l'pagano la metà
Un terzo un quarto di quello che viene pagato nel privato per cui nell'amministrazione pubblica andrà il dirigente che non ha trovato altre occupazioni
Per cui a mio avviso la questione sugli stipendi una falsa questione
Ci sono invece altri modi a mio avviso di risolvere la questione
Essenzialmente due ripensare le vie di eccesso di entrata nella burocrazia pubblica e ripensare le vie di uscita nella burocrazia pubblica la prima le vie di accesso
Oggi si entra nell'amministrazione con un concorso pubblico
Vi può partecipare chiunque abbia una laurea anche se si è appena laureato io ho avuto il privilegio di fare lezioni all'ultimo corso-concorso per funzionari del per dirigenti della Pubblica Amministrazione
Nella bellissima Reggia di Caserta e avevo davanti a me
Una metà classe composta da ragazzi giovanissimi neolaureati che non avevano fatto mai alcuna esperienza nella pubblica amministrazione ma
Si erano appena laureati avevano sostenuto il concorso ed avevano vinto essendo molto bravi nella nello studio nella preparazione del concorso
è ovvio che questi dirigenti quando adesso entreranno nella macchina pubblica
Avranno una paura spaventosa di gestire la macchina con poche eccezioni ma soprattutto nessuna esperienza di ma di del della struttura ministeriale
Quindi io verranno fagocitati magari dal funzionario più anziano o dal dirigente più anziano oppure tenderanno a preservare quella che è la linea
Di di chi l'ha preceduto cioè stiamo fermi perché non si sa mai può accadere qualcosa contro di me
Qui invece sarebbe opportuno prevedere un sistema due livelli per cui tu prima di diventare dirigente dell'amministrazione pubblica devi avere quanto meno sviluppato un po'di
Anticorpi all'amministrazione pubblica devi aver dimostrato di aver lavorato qualche giorno vedi dimostrare di conoscere l'Amministrazione
In altri sistemi e
Ad esempio penso a quello francese
Una volta che superi il concorso c'è un periodo di tirocinio a conclusione del quale non è detto che due interi nell'amministrazione pubblica c'è un periodo di prova che può durare anche tre anni
Poi si verificasse Tusek compatibile con l'amministrazione pubblica e poi tenere a casa
Da noi invece il tirocinio che pure c'è non comporta in alcun modo l'allontanamento del dirigente della pubblica amministrazione
Ma poi ripensare le vie di uscita
Perché qual è un altro aspetto
Che il dirigente una volta che vince il concorso vince il concorso a vita per tutta la vita finché non andrà in pensione
Il contratto da dirigente l'assegnazione e temporanea
Tre anni cinque anni
Ma la funzione da dirigente e per tutta la vita cosa vuol dire
Vuol dire che io posso collocare questi vigente per tre anni ad una certa funzione poi dargli un altro incarico di funzione equivalente lo sposto ma sempre dirigente
Resta perfetto qual è le fette che anche un'autorità politica se ritiene di avere a disposizione delle dei dirigenti una burocrazia inefficiente
Al massimo la collocherà da un'altra parte ma non potrà farne a meno perché il dirigente appare più funzionale l'impiegato sostanzialmente i licenziarli le
Albo che commetta un reato in flagranza oppure basta venga condannato almeno in primo grado dopo la legge Severino per reati contro la pubblica amministrazione
Ma sono fattispecie patologiche io vorrei che dice che il dirigente fosse licenziato se non raggiunge gli obiettivi per cui tua in un contratto di tre anni
Finiti i tre anni se tu non è raggiunto gli obiettivi te ne vai a casa faccio un ultimo
Esempio
E poi ho finito
Pompei credo che tutti noi sappiamo la situazione in cui si trovi Pompei
Grazie all'intervento di alcuni Governi sono stati ricalibrati dei fondi europei che si stavano perdendo che le Regioni italiane non erano in grado di spendere
Con grave danno di tutto il Paese sono stati ricalibrato questi fondi e destinati alla salvaguardia di Pompei più di cento milioni di euro andavano spesi in un periodo di tre anni
Dopo un anno e mezzo si è verificato che il Sovrintendente che aveva il compito di spendere quei fondi secondo un ben preciso cronoprogramma definito il negoziato con Bruxelles e che in via eccezionale ci aveva concesso di utilizzare questi fondi ebbene dopo un anno e mezzo il sovrintendente deputato a spendere questi fondi non aveva raggiunto neanche l'un per cento di fondi spesi
Non avviando qua avviando un solo lotto i lavori dei trentacinque che avrebbe dovuto avviare
Il ministro competente ha deciso di rimuovere quel sovrintendente e di assegnarlo ad altro incarico apriti cielo non è possibile ma come la cosa gravissima il sovrintendente adesso ha fatto ricorso e sono assolutamente sicuro che vincerà il ricorso ed errata ricollocato nella sua funzione di sovrintendente di pomeriggio
E questo perché
Perché le norme sono dalla sua parte del
Perché
Perché
Perché le norme sono dalla sua parte
Perché perché lui non poteva essere rimosso per il mancato raggiungimento di quei risultati non poteva semplicemente
E in ogni caso bisognava garantirgli un incarico di pari grado dunque tornerà laddove
Ha dimostrato di non raggiungere i risultati
Allora forse è su questi due assi vie di accesso
E vie di uscita della burocrazia che bisognerebbe iniziare a sviluppare un ragionamento e mi fa piacere che il ministro della funzione pubblica attuale questo Governo l'abbia sviluppato per cercare di riportare un minimo di efficienza nell'amministrazione pubblica grazie
Grazie prima di passare la parola Manuela Siano poi
Ad Emilio Mosca un minuto di qualcuno punteggiatura quello che
Ai hai detto adesso perché se questo è il modello virtuoso in qualche modo il reclutamento e di valorizzazione
Della dirigenza invece l'Italia tutta seggiola dell'apporto delle Sovrintendenze io adesso l'Agenzia delle entrate molto più rischioso evidentemente
Però ci tocca
Ma in questi giorni stiamo assistendo con assolutamente condivisibile al richiamo alla lotta all'evasione ebbene corso un dato che
Pare di particolare interesse
Lo loro lo segnalo alla alla platea poiché siamo ancora in streaming noi Presidente siamo sempre ecco per cui potevo anche evitarla questa cosa però
La la questione Cuesta sostanzialmente dunque i i dirigenti della vicedirigente agenzia l'entrata in Italia sono mille e cento
Bene ottocentocinquanta di questi dirigenti sono soggettiva privi di titolo
Acquisiti alla amministrazione centrale finanziaria
Attraverso un sistema sostanziali di promozioni ad personam il quale oggi al vaglio della Corte costituzionale quanto legittimità perché sia ritenuto bene questo devo dire ma De Gregori due governi fa
Di sanare una situazione che era patente mente incostituzionale perché diceva prima Pierluigi Petrillo che si accede alla dirigenza o per concorso o limitatamente con riferimento al procedure particolarmente eccezionali
Per la soggetti dotati di particolare professore in questo valore è successo una promozione generalizzata disfunzionali evidentemente particolarmente vicini alla ai soggetti che dovevano procedere
Ignorando platealmente i vincoli costituzionali i vincoli di legge la prassi amministrativa ebbene allora io da Liberal PD
Da cittadino da giurista
Pretendo che la lotta all'evasione fiscale sia svolta da soggetti che quanto meno siano legittime nel momento in cui la pongono in essere
E allora se un problema questo Paese ha questo problema e
Il senso di legalità che deve essere soprattutto praticato nel momento in cui si assumono direttamente responsabilità
Di gestione della cosa pubblica cosa che
Con riferimento a questo caso ma ce ne sono purtroppo tanti altri non è avvenuta con questa puntualizzazione che in qualche modo cerca di fare fondante per quanto
Con quanto diceva così siamo decisamente ecco e miriamo
Passerei la parola ma noi siamo vi prego collega
Pregevolissimo anche a
Lo dico dico compiacere collega perché una collega che offre la sua Sapienza fra scienza la pubblica amministrazione e sempre motivo d'orgoglio perché invece rimarrà quest'altra parte della barricate quindi grazie ad un anziano prego
Ma
Ora
Grazie a Gianfranco grazie particolare David
Invito ad essere qui oggi per me la più uno primo seminario e anche il mio primo
Contatto con questa associazione con Liberal PD e devo dire i lavori sono stati sia quelli di ieri pomeriggio di oggi davvero ricchi un livello molto alto
Okay
E sono contenta insomma che verrà partecipate di poter contribuire anche
Come tutti cordate come avvocato che però è stato adottato dalla pubblica amministrazione ormai da dieci anni quindi con una cognizione di causa abbastanza consistente solo gli aspetti sia positivi perché non vorrei demonizzare la macchina pubblica
In tutti i sensi ma anche e questo devo riconoscerlo su tanti aspetti di
Deficit di assoluta mancanza della pubblica amministrazione
Quindi efficienza trasparenza e responsabilità i tre tasselli del palazzo perché effettivamente non
Non ci sono meglio non sono coordinate non si riesce a ricostruire il puzzle perché
Si interviene a mio avviso Sempre in una fase patologica cioè si cerca e si richiama efficienza si sia che si chiama trasparenza e la responsabilità laddove effettivamente non è una c'è a monte una progettazione di politica della cosa pubblica che nel prevedono gli strumenti per passi che la macchina pubblica diventi effettivamente efficiente sin dall'inizio del dell'agire collettivo trasparente responsabile
Partirei dall'efficienza per essere efficiente una pubblica amministrazione deve sfruttare appieno
Tutte le tecnologie del web due punto zero che è un altro punto
Appunto cruciale su cui dibattito di oggi pomeriggio vuole focalizzarsi e per essere
Web due punto zero e moderna un'Amministrazione sicuramente deve partire dalla partecipazione dalla condivisione
Partecipare
Vuol dire sicuramente far conoscere e far conoscere implica gli strumenti per
Per a conoscenza stessa strumenti che
Devono sia essere ricercati da chi interviene faccia amministrazione quindi cittadini impresa ma al tempo stesso non essere forniti dalla
Per amministrazione cosa che spesso non accade o meglio non accade in una misura se vogliamo o di selezione di misure team ad hoc potremmo dire anche
Pensate proprio per facilitare la vita dei dei cittadini c'è sempre e questo a tre livelli qualcosa che manca manca a livello politico quindi
L'attività politica dell'ente ma anche a livello interno le attività dell'ente ma anche a livello di servizio al cittadino
Per quanto riguarda l'attività politica l'apertura verso i cittadini effettivamente
C'è ed è sentita
Penso soprattutto nelle fasi di campagna elettorale laddove
Anche siti istituzionali ma anche i siti deve e politici sono aperti ai contributi di tutti c'è
Un grande gran fermento per avere consensi e quindi di conseguenza
Molti politici cominciano essere coraggiosi e quindi chiederà anche contributi interventi nel definire i propri programmi nella
Definì appropriazione però quasi sempre si ferma in questa fase
Tutto nell'arco del mandato poi c'è un'interazione con il cittadino molto più debole molto più cauta
Salvo alcuni casi come ad esempio nostro Presidente Renzi e tanti altri che
Quote a mente Twitter non lasciano anche degli spazi effettivi di confronto e di e di richiesta di contributi
In realtà il contributo a mio avviso la da essere permanente penso se penso a altri tipi di agevole on line all'inizio quando i contributi di tutti erano pochi e hanno non ancora tanto conosciuta
La qualità non era altamente le voci erano poche la qualità di contenuti narco scarsa
Nel tempo si è visto che più si è aperta al contributo di tutti più ognuno può effettivamente correggere a le voci più lamenta qualità più da un confronto recente mi sembra con Lecce Coppelia
Prima anni case visto che
Si esce quasi in
In una situazione di parità
Questo effettivamente andrebbe consentite tutto l'arco diciamo della del mandato sia procedimento amministrativo ma anche
Di che dall'indirizzo politico tutto il periodo del suo mandato a livello interno la pubblica amministrazione dovrebbe alto utilizzare una un'efficienza c'è una hanno arrivare alle reticenze effettiva anche
Con una partecipazione condivisione direi esogena
Dei procedimenti cercando di
Condividere e comunque avere una
Interazione effettiva anche all'interno tra i Dipartimenti tra le diverse aree del della macchina pubblica che spesso non parlano non dialogano tra loro
A volte succede che quando un dirigente cooptato oppure per concorso come
Ricordava l'amico Petrillo arriva a un livello alto anche a un nuovo effettivamente utile a tutti poi
Cambia settore va in pensione si perde
Si perde tutto proprio perché non si riesce a conservare
La chi diciamo quello che effettivamente
Di buono c'è perché c'è anche di buonora
Non appunto non vorrei demonizzare proprio in questo senso
C'è anche tanto valore e tanto contributo professionale nella pubblica amministrazione spesso messo da parte spesso nemmeno valorizzato proprio perché un po'c'è questo mito da sfatare della
Pubblica amministrazione inefficiente per forza un po'perché effettivamente non ci sono con gli strumenti per modernizzare ma
Cittadini con i cittadini il discorso è quello appunto della partecipazione che deve essere garantita
Con degli strumenti che gli consentano di interagire in ogni momento
Strumenti che
Passano sicuramente per la scusi il superamento della struttura gerarchica tra ci è politica cittadino per cui
Non ci deve essere soltanto una una diciamo richiesta di opinione di consulenza quindi il cittadino tipo consulente opinionista
Laddove si fanno dei sondaggi o comunque si chiede tramite anche consultazioni pubbliche sita la voce al cittadino ma
Dovrebbe essere secondo me
Effettivamente un attore un alleato anche un controllore e dovrebbe riempire di contenuti anche le scelte politica
Della pubblica amministrazione in questo modo sentirebbe almeno sentirebbe meno la distanza e al tempo stesso si potrebbe evincere anche quella diffidenza che c'è effettivamente
Da parte del di chi si deve interagire quindi cittadino all'impresa
Quel tutto questo non c'è la partecipazione in intesa così non non non c'è ancora arranca diciamo a prendere piede sicuramente dipende molto anche
Da un
Un messaggio negativo che viene dato dalla dalla pubblica amministrazione e anche secondo me proprio da certa ritrosia
Dei cittadini stessi a dell'impresa a utilizzare tutti gli strumenti che adesso anche a livello legislativo
Sono codificati in tal senso il Codice d'amministrazione digitale il dilemmi varie delibere della CIVIT e anche la stessa legge dichiarato legislativo centocinquantadue mila nove sulla performances
Prevede che uno effettivamente dei punti in cui si può valutare la performance amministrazione proprio nel rapporto con il cittadino eppure resta il sentimento diciamo diffuso negativo
Un recente studio della CGIA di Mestre
Patto su nonna persone che commentavano dall'esterno ma di persone che attraverso propri strumenti tecnologici anche da quel punto zero
Commentavo ne possa vano il loro in grado di
Soddisfazione del servizio e la pubblica amministrazione ha dimostrato che su questi trecento mila commenti analizzati
La maggior parte era di diffidenza e di sicuramente resistenza a un rapporto con gli strumenti di della Pubblica amministrazione digitale un po'per c'ho paura di perdere quel rapporto anche
Umano con con gli operatori quindi una c'era una deprecabile spersonalizzazione era sentita e al tempo stesso hanno dichiarato di sentire come rapporto vis-à-vis
Diciamo più ricco e sicuramente più di fiducia anche per un problema di privacy soprattutto perché
Paventato paventavano la perdita dei dei propri dati personali o rischi di riservatezza quindi sicuramente questo
Diciamo così questo questo dato allarmante perché
Se ancora abbiamo detto statici dello sportello e che preferiscono apporto vis-à-vis a
La possibilità di condividere in Rete di utilizzare tutti gli strumenti che ancora ci sono e che vanno sicuramente implementati
Dai blog e social alterazione anche immediata tra l'attore pubblico il cittadino
Ci dobbiamo preoccupare
Siamo inefficienti anche diciamo è stato dimostrato recentemente notte sull'osservatorio
Dell'e-government Politecnico di Milano per la pubblica amministrazione italiana effettivamente resta tra le più
Inefficienti d'Europa credo che dietro di noi ci siamo soltanto Grecia e Malta
Sul podio come sempre la Finlandia e questo perché perché sembra burocrazia posta all'impresa in media sette mila euro l'anno i cittadini come dicevo temo no terminano innanzitutto rischia la propria privacy non vedono soluzioni
Adatte ad utilizzare
Tutte le possibilità che sono messe in campo
Quindi la vera sfida promettente a dire del terzo millennio non è tanto quella di portare a conoscenza che
è stato raggiunto ma quella di portare le soluzioni per condividere con diciamo
Fare emergere effettivamente la conoscenza
E non
Avere più consentire più queste resistenze
E questo è possibile con soluzioni personalizzate sicuramente anche contestualizzate quindi soluzioni che possa aiutare le persone più svantaggiate vincerei deficit cognitivi motori di qualsiasi tipo che anche soprattutto il
Divario digitale che effettivamente c'è l'Italia
E quindi in attesa del mercato unico digitale che di cui parlava ad oggi in attesa di vincere anche questa imposta che ci blocca totalmente e di avere la
La banda larga Cometti fetente diritto universale garantito a tutti ma non ancora realizzato bisognerebbe trovare delle soluzioni che possano essere più user friendly da una parte e al tempo stesso
Possano sì essere sentite più vicine che siano meno di da Santa ostacolo
In questo senso andrebbe ripensato un po'tutto quindi come dicevo dalla progettazione per invece pensare ad una i partecipe suo padre Zaina come per la privacy abbiamo visto che quando siano politica in cui si progetta la già la la soluzione per una tutela effettiva dei dati personali
E ha funzionato quindi al tempo stesso se il gli operati decisi a me che pubblici progettava Saro di includere
La partecipazione dei cittadini degli attori economici dall'inizio della
Quindi non è la fase patologica ma dell'inizio del della loro politica sarebbe forse una una soluzione
Lo stesso dicasi per la trasparenza si è parlato tanto di e di trasparenza come soluzione ad ogni male abbiamo inneggiato la trasparenza come principio assoluto da difendere sempre e lo è sicuramente
Probabilmente noi come italiani come diciamo tradizione europea stiamo un po'più lontani dal concetto di total disclosure americano quindi
Si pensi che in America dal Sestini hanno centosessantasei abbiamo il fido hanno il Freedom Information Act che consente e li conosce tutti i dati della macchina pubblica quindi totale accesso e e al tempo stesso totale reperibilità in Rete
A trecentosessanta grati da noi spesso all'agire amministrativo
Soprattutto le pratiche opache per agire amministrativo hanno fatto sì che si la tendenza è stata quella di nascondere più che di far
Emergere far rendere pubblico e questo è stato bloccato però siamo passati all'estremo opposto cioè da una macchina pubblica che era sconosciuta
Adesso con da la sindrome diciamo di Brunetta di
Consentire tutto la conoscenza globale questa
Da sindrome tutto sapere tutto conosce
Ci sono stati di avere un processato un proliferare di interventi legislativi dal decreto amministrazione aperta
Poi passiamo la legge anticorruzione poi col decreto trasparenza che ha riordinato era sembrato un testo unico un po'tutta la materia della pubblici della pubblici
L'azione dei provvedimenti amministrative degli atti e se passate appunto a una trasparenza che voleva inizialmente essere davvero globale
Sul modello della total disclosure americana che effettivamente era preoccupante come autorità per la protezione dati siamo infatti intervenuti
E con un provvedimento
Nel febbraio due mila tredici per porre dei paletti affinché quanto meno fossero carenti garantiti principi fondamentali in materia di protezione dei dati
Previsti dall'articolo undici del codice per la privacy e cioè necessitato finalità e non eccedenza nel trattamento dei dati che vuol dire questo vuol dire che è vero che la pubblica amministrazione
Se sentita aperta se sentita spalancata come usando un termine
Molto caro anche a questo Governo
Può effettivamente se si è sentita più vicina
Però quella trasparenza che va ricercata e quella della dell'Amministrazione non quella delle persone e purtroppo la trasparenza chiamo in causa spessore persone che sono
Coloro che ad esempio sono i beneficiare di
Sovvenzioni di sussidio oppure
Grazie famose consulenza anche la pubblica amministrazione son tutte diciamo attività attività che vanno assolutamente palesate al tempo stesso bisogna essere molto attenti quindi
L'Amministrazione come casa di vetro va bene però vorrei sottolineare che i suoi abitanti devono restare distinti
Di conseguenza dati sensibili dati i per super sensibile come quelle relative alla salute particolari condizioni di disagio socio-economico non dovrebbero
Essere messe
Sempre in ENI ed ENEL in evidenza insomma
Anche perché le pratiche opache e non diciamo corrente dell'agire pubblico non sono quelle
Che vanno verso di loro quasi sempre sono altre quindi si rischia che per andare oltre una trasparenza totale
Si possono manipolare delle informazioni assolutamente scomode
Da questo punto di vista
Sì oca
No che mi Mieli mi fermo qui da questo punto di vista c'è ancora tanto da fare poi magari possiamo in un altro Pannella dedicarci più approfonditamente quindi anche trasparenza la vorrei dalla progettazione e al tempo stesso
Responsabilità responsabilità copra contabili che anche qui delle procedure e un'amministrazione che sicuramente
è accanto con anche l'Amministrazione che
Non ha paura di
Essere scoperte non dissenso e quindi non mi
In ogni momento della dell'agire amministrativo
Per fare questo bisognerebbe passare proprio una serie di riforme che se il tempo stringe direi ne riparleremo
Grazie grazie per la comprensione almeno io peraltro approfitto per ringraziare anch'io Davide con quel mago siamo una coppia di fatto politicamente ovviamente
Mi consenta di ringraziare anche il pasto segretari che hai Franco Minucci che c'era raggiunto e che anche
Per cui e anche grazie all'UE cinese siamo qua
Colgo l'occasione per vista la presenza sia di Sandro Gozi ed Enzo Bianco per ricordare due cose passando vero che me ben consapevole
Lo diceva bene Manuela che se c'è uno degli spread importanti di questo Paese poco quello della ammodernamento e la macchina amministrativa diceva bene ma nella proponeva in alto la Finlandia violi renda comunque tanto per tornare al panel di prima
Ciò detto secondo me almeno a quel punto di vista adesso un po'più finlandesi più fila meno maltese sempre in parte maltese però meno maltesi da quel punto viste più finlandesi
Invece la presenza di Enzo Bianco mi consenta insieme a quella lì di Sandro prima di dare la parola alla alla alla Anuska
Di
Segnalare
Quanto i Liberal PD sono attenti ai temi che introduceva
Simone sul rapporto tra potere pubblico e economia e soprattutto c'è un società partecipate o ricordo che penso alla scorsa legislatura sicuramente
Sandro in questa legislatura e anche nella precedente
Sono stati come di in qualche modo uso un termine non gradevole cani da guardia
Di una sistema di selezione della personale manageriale nominato dal potere pubblico che coniugasse esigenze di competenza con esigenze di trasparenza
In qualche modo questa non è stata quasi raccolta perché una direttiva del ministro all'Economia impone che la selezione di individuazione come sa bene il solito tormento anche spesso e volentieri con questa con questa che si
E una se come chiave di volta ma adesso assisteremo nelle prossime settimane a una partita delicata che quella del nomine nelle società di Stato ci auguriamo e confidiamo che in questa occasione quella direttiva sia rispettata
Dico da da giurista e
Ancor di più in questo caso da avvocato
Che facciamo attenzione che lo faccia attenzione nel modo e le modalità che utilizzerà per nominare perché l'introduzione non voglio essere tecnico di una direttiva significa procedimentalizzare quella nomina
E come Enzo Bianco che avvocato prima dici politico che in queste cose
Le le Lele influisce sul come Sandro Gozi vi ricordo che se la vendita amministrativo
Il
Lo sfuggire alla par condicio nel momento della scelta
Dei manager pubblici sulla base di quella direttiva che il ministro l'economia ha assunto significa esporre ogni nomina adunco
Penso che in quel caso io sono prontissimo a patrocinare di fronte a qualsiasi tribunale amministrativo perché se trasparenza ci interessa sia integrale
Ciò detto passa parola aferesi
No no conflitto anzi
No non è un conflitto a questa è un interesse assolutamente compatibile dire
Io dopo ecco chiedo adesso che siccome ovviamente non siamo messi d'accordo se ritiene sia investe di presente Liberal PD di Sindaco e già di Ministro dell'interno nonché di giurista
Di voler concludere dopo l'intervento del Sindaco noi ovviamente non può che far piacere sapere
Avrà delle contestate dissi solo una
Stamattina
Una battuta ci siamo detti
Si parlava della Livio ci chiudono i bar parlava della utilità dello sportello unico delle imprese che
Costituisce una delle occasioni in cui l'amministrazione effetti ante volano di sviluppo perché semplifica
A che io ho avuto modo di dire di come
Lo prevede la legge e insonnia imporre mi era sfuggita nonostante picchi essere prestarsi ad mente biografo
Dice ma questo fatto io primo che passa di l'accoppiata all'ora i sindaci virtuosi come sicuramente non scatta
Sappiano che
Nelle Maglie diciamo così delle leggi c'è la prassi amministrative c'è la buona prassi amministrativa quando ieri si diceva se nell'emergenza ha un senso la polvere o meglio quando c'è l'emergenza un server tecnico senza la politica allora quando ci sono esigenze dei cittadini il sindaco a quel punto deve sentirsi investito della necessità di modernizzare
Il sistema quello che
Enzo ha fatto a Catania evidentemente prima che Bassanini lo cogliesse come uno stimolo fondamentale per la crescita imprenditoriale per l'efficienza amministrativa e quello che sono
Ci ascolta qualsiasi sindaco di buona volontà dovrebbe
Dovrebbe fare con questo ringrazio così mi dà l'occasione per ringraziare tutti
Coloro i quali
Ovviamente sono qua presenti o ci stanno ascoltando
Do la parola altri Emilio Anuska che rivestiva voi Rocca di Mezzo non è marsicano questo è stato appurato e coordinatore di comunicazione sismico Abruzzese grazie
Dopo questa
Registrazione che non sono marsicano
Si aiuta con la discussione
Tecnico-professionale mi scuso io perché ogniqualvolta si presenta un abruzzese c'è la tendenza attira B messicano dimenticando che ci ha quel mare l'Abruzzo mi pare gettonata scale
Ecco totale assonanza esame Marini una volta si indispettisce ad un convegno in cui sta anche il Presidente presiedevo invitavo a passare il presentato
E io rissa che lupo marsicano vice Lupo si marsicano no e quindi la storia di ho sbagliato un'altra una manovra sbagliata perché al massimo
E come tale del palermitano catanese immagino per cui
Essendo messinese posso permettermi
Posso permettermi una residenza
Per
Ok non molto bene
Io innanzitutto ringrazio
Sindaco bianco e il dottor Boggi che hanno avuto la
La sensibilità di invitarmi a questo anno
Bellissima riunione a questo brevissimo panel di
Di questa questo come portando Bonatti nella mia esperienza di
Non tanto di amministri sindaco di un piccolo comune di montagna per l'altro non sindaco di un tema importante come Catania ma di un piccolo buco ma soprattutto come dicevo come
Comune esperienza nuova che ho fatto come coordinatore dei sindaci di un dunque di un territorio che è stato colpito da una catastrofe
Certe remoto appunto del cinque aprile del due mila e nove proprio oggi questa sera dico certa ricorrenza di cinque anni da quella
Da quelle da quel giorno
E
Dal discorso dalle cose che sono state dette prima
E tre
Aggettivi che vengono utilizzati efficiente efficiente trasparente e responsabile bene questi tre aggettivi non è
Non c'è occasione migliore che misurarli nell'attività tra pubblica amministrazione la gestione di una catastrofe
Celli proprio cicogne si tocca effettivamente la capacità che al sistema della pubblica amministrazione di intervenire a risolvere i problemi
E allora io così io volevo dire altre cose
Invece dalla discussione che c'è stata questa sera
Voglio mettere insieme questo e questo questo connubio diciamo così di queste necessità con
La macchina la pubblica amministrazione del della dei Comuni dei Comuni perché poi
Lasciamo stare le altre cose complicate che non sulle quali peraltro non è neanche competenza poterne discutere mi piace parlare di questa cosa perché la cosa che conosco
Che cosa dico dico che
Il ruolo fondamentale che alla pubblica amministrazione e i Sindaci Magistrini il ruolo che hanno i Sindaci e la gestione di un evento calamitoso quale può essere un terremoto è un fattore essenziale
è essenziale nella capacità dei sindaci è fondamentale una pubblica amministrazione che sia capace di rispondere nel suo apparato immediatamente alle sollecitazioni dei sindaci
Da alcuni mobili questi due elementi essenziali che c'è
Ma
Capacità del Sindaco ed efficienza della della pubblica bisogna rispondere allarmi sollecitazione c'è
La capacità di aggredire il problema diritti arrivare agli obiettivi
E questa e questo fatto
Tant'è vero
Che per esempio nel caso del terremoto dell'Abruzzo il caso tremore dell'Aquila
Alla fase iniziale della della della protezione civile anche qua io
Mi persi raccontare questa cosa che voglio dire oggi a distanza di cinque anni si possa dire allora che cosa fatta posizioni civile subito dopo il terremoto
Cioè tutte le cose sono scritte sui giornali che sono state dette in televisione sono leve
Per un venti trenta per cento l'altro settanta per cento hanno fatto i sindaci
Li hanno fatti e persone che stanno sul territorio
La Protezione Civile arrivata con un cappello con una cosa che stava lì
E se non cessava di sintesi che lavoravano su un territorio con i cittadini che stavano insieme con i cittadini non succedeva nulla
Invece apparsi è passato un messaggio all'Italia chiariva tra Protezione civile che ha fatto tutto nona posizione sui la portano un pacco di soldi che hanno gestito loro
Che hanno imposto i sindaci in alcuni casi e hanno fatto delle cose che spesso oggi
A distanza di ormai cinque anni ma nei prossimi anni
Sinistra si tornerà qui a discutere
Hanno imposto delle scelte che hanno pro che hanno provocato e troveranno ancora maggiori problemi nella gestione del territorio e delle quindi quelle comunità per le scelte che sono state fatte imposte verticistiche senza il contributo e l'ascoltare i Sindaci del del territorio
Questo perché io queste cose qua perché
E poi si univoca un po'soltanto questione per esempio sempre sul
Ecco questo continua a trasparenza la pubblica amministrazione
Perché doveva arrivare il Governo centrale a fare queste cose qui
Perché dovesse da posizioni sia fare queste cose perché c'era nel nell'immaginario collettivo c'era l'idea che i Sindaci
Che ispirato il potere locale fosse un voto fossero fossero non trasparenti ma opachi nella gestione delle risorse pubbliche ovviamente a disposizione quanto di più sbagliato e quanto di più errato
Perché questo perché e questo ve lo dice chi ha fatto il Sindaco io qui c'è un carissimo amico Paolo che il Sindaco di un comune anch'esso colpito dal terremoto IVA transitoria
C'è un'altra ragazza che è venuto a cuocere accompagnato che hanno avuto esperienze come me nella gestione diretta con ruoli diversi nella gestione del terremoto
Non è affatto vero questo perché i sindaci sono controllati da tutti
Oltre che dalla propria coscienza che il primo fattore ma sono contro la delle cittadini tutti i giorni perché in un piccolo Comune come sono quelle colpite dal terremoto il Sindaco esce di casa
Incontra tutti i cittadini in un qualsiasi stanno facendo un po'fuggire non a momenti in cui dicevamo adesso non ci vado no perché cambia strada incontrato cittadino che lo chiamo io dice per cui quest'idea che
Le risorse dovranno devono essere gestite sempre dando un potere centrale eccetera è stata quanto di più nefasto almeno per alcune scelte che sono state fatte per alcune scelte quanto di più nefaste che si potesse far la gestione della né di sul terremoto
Allora che cosa che cosa che è caduto se va via Protezione civile sì esce fuori e qua veniamo all'efficienza tra pubblica amministrazione
Si esce fuori dalla gestione della fase straordinaria dell'emergenza per passare alla fase ordinaria della gestione del terremoto
Questo passaggio dalla dalla fase della gestione della solidarietà alla sessioni ordinaria
è un passaggio cruciale su cui si misura l'efficienza del nostro sistema del nostro sistema italiano per la pubblica amministrazione per poter affrontare i problemi
Nella prima fase
Tutto il sistema normativo che ha funzionato e che ci sarà messa a disposizione di cui al ha disposto principalmente la Protezione civile e non i Sindaci
è stato un sistema che era derogatorio rispetta la norma di carattere generale però la allargandolo ma alla norma che alla norma che avevano una pubblica amministrazione per cui si facevano gli interventi sul territorio senza minimamente seguire il percorso urbanistico il nulla osta in valutazione cui si arriva sugli insediamenti di
Tremila abitanti cinque abitanti passi localizzava l'azienda la stagione gas questa era la straordinarietà le la Protezione civile ha fatto queste case per cui si è gridato tutti quanti bene la Protezione civile funziona
Nel momento in cui sia passata l'ordinario e i sindaci sono tornati responsabili della gestione di queste cose
Perché la legge inviargli attribuite le competenze che è successo
è successo che tutta quella spinta propulsiva che c'è stato all'inizio di cui ha beneficiato a protezione civile nel fare interventi non apponendo non non è stato possibile trasferirla pedissequamente in capo e sindaci
Perché
Vi dico può infatti essere due più due esempi molto su molto semplice il primo i Sindaci per poter fare la ricostruzione si sono affidati ai piani di ricostruzione il piano dell'est di ricostruzione e lo strumento programmatorio all'interno del quale i sindaci mettono tutto tutte le loro scelte
E sono piani condivisi con i cittadini quindi c'è tutto un percorso di condivisione di quelle scelte che fanno i sindaci
Vi dico un'altra cosa per parlare di efficienza e trasparenza pubblica amministrazione i sindaci hanno scelto le università italiane per la redazione di tale ricostruzione
Non ci sono affidate agli uffici ai tecnici negli uffici tecnici su questi servizi dice hanno chiamato nell'università ci hanno chiamato altri istituzioni pubbliche affari della ricostruzione a gestire i fondi pubblici
Questa è stata una delle pagine più importanti che hanno fatto i sindaci del cratere e che in Italia nessuno ne ha parlato perché l'Italia è passato un messaggio diverso perché purtroppo spesso accade che la stampa italiana si ferma a parlare
Dello scandalo chiacchiere che è successo che sono degli scandali
Che sono successe la città dell'Aquila
Poi delle cose che rispetto a quello che Chicchirichì chi c'è stato e che continua a esserci sono veramente mosche
Mosti rispetto al Ajaria
Alla quantità di denaro che arriva da Daniela eccetera però si è parlato solo di quello facendo apparire la ricostruzione del terremoto la città dell'anno decadere con una massa di malfattori incapacità di Cipro quanto di più falso e di più ingiusto così potesse dire di questa cosa qua
E questo ha fatto di cosa ha comportato
Ha comportato che negli incontri che si facevano a Roma la Presidenza del Consiglio per andare a chiedere i soldi quando si arrivava la si sia appellabile altra deve ancora ancora altri soldi
C'è questa è stata
E questa è è come poi la la cattiva informazione produce degli effetti negativi su cose su problemi seri e complessi quali sono quelli di di di di di di di dare la casa cittadine di pensare uno sviluppo in un territorio eccetera eccetera
Purtroppo questo è un male italiano tutto italiano dove non riusciamo a fare del male sopra male
Ma detto questa cosa qua torna della ricostruzione quindi abbiamo fatto questa scelta qua di affidare l'università tenere tutte università d'Italia tutte darmi data da Milano finali a Catania a Palermo sono venuti a lavorare e a approda a dare il loro contributo la ricostruzione del terremoto
Per approvare un piano di costruzione che si esercitano messi quattro mesi per fare l'università per chiudere l'iter burocratici vuole un anno e mezzo
Perché bisogna fare una sua impatto ambientale che bisogna fare accordi di programma con le Province Enzo è così perché bisogna fare accordi con la Regione
Cioè bisogna rimedi bisogna ritornare all'ordinario per gestire un problema straordinario
Passa un anno e mezzo per fare
Registrare una convenzione fatta dal Ministero dell'economia
All'Invitalia che la società che gestisce i folti lo sviluppo per la ricostruzione decadere per fa la richiesta alla Corte dei conti dalla Corte dei conti a Roma
C'è o di cinque mesi fra metri sopra un timbro
E per pochi permette di condizioni d'Italia di venire a parlare con i sindaci
Per poter attivare i bandi per poter spendere risorse messe a disposizione cinque mesi per mettere un timbro
Questa e l'efficienza della pubbliche amministrazioni centrali italiane
Mentre invece
Quindi è bene che vi ho detto queste cose che gli ha detto queste cose per farvi elettrico per ragionare un po'per farvi comprendere di quando poi
I discorsi che si fanno in astratto sulla riforma Bassanini e sul che secondo me Bassanini ha fatto dei grandi danni pure Luna fatti danni perché io
Ne ha fatti danni Bassanini ha fatto in
Io sono d'accordo col dottore
Petrillo
Il dirigente che non funzionavano cacciati
Vanno cacciati
Certo non funzioni
In un Comune dove Rocca di Mezzo che un comune di mille seicento persone
Io ho avuto
Una discussione una una mia segretaria comunale che è durato sette anni ecco volevo diventare direttore generale
Come i facevo il Sindaco dice la al giorno molecola rendermi e pretendeva che non ha senso generale io dissi guarda tutte quanto mi riguarda mi Rapallo Simeto vuol scordare
Sa che significa
Nominare questa ragazza anche brava per carità nomi dalla direttore generale significa dai quasi cento mila euro l'anno c'è una cosa allucinante
Ma sapete quante prendo il dirigente Ufficio da più di un Comune come il mio comune che fa il dirigente con cui lidi litighi perché poi poi
Lo dico dopo perché lui quanti soldi prendono questi qua prende l'ottanta novanta mila euro l'anno
E poiché vandalica mi fai fare la gara d'appalto per costruirlo bilancini perciò in un anno e mezzo
E non ci sono i loculi per poter da
Dare sepoltura all'esame in questione
Gli importa niente rispetto alla invivibili li fanno già in servizio dopo turbato porto narra rappresentanza sindacalmente con molte queste problematiche è saltato nel ricco io parlo di Miccoli colonne
Tante non lo so non ne vanno va alle spese questa è la realtà delle cose puliamo risolve così problema efficiente alla pubblica amministrazione con la banda larga che è stato fa altre cose oppure con la
Con per non parlare poi con l'acqua signorina quando ha parlato
La fine a se stessa cosa Annan Annan altra
Attaccarci
Spazio come voi
Ci vuole buon senso in ogni cosa c'è poco da fare e il buonsenso passa secondo il mio modesto parere attraverso
La capacità di Sindaci i Sindaci caro in situ se un sindaco bravissimo se stazza Presidente dell'ANCI è stato rinominata faccio il ministro se tornato a fare ad un'esperienza originale
Servono i Sindaci bravi per poter riscuotere la macchina amministrativa perché lei la trasparenza in una pubblica amministrazione non la dal dirigente la dà il Sindaco
Con il con il suo modo di operare con il suo modo di fare questo modo di pensare col suo rapporto con i cittadini latta il Sindaco in primis e se il Sindaco è una persona trasparente
Capace intelligente tutti tutti nella dentro al Comune servono riserva del Sindaco se si dà una queste canestri queste caratteristiche nessun dirigente sarà sarà in grado e farà le cose de Paris e quindi la tutto suo ragionamento qua gira intorno secondo me a ruolo fondamentale di sintesi questo che significa che la politica la politica deve tornare ha svolto il ruolo fondamentale
Da cui purtroppo in questi anni si è derogare si è allontanata quando si dice che la pubblicità dei mi salutano alla politica
è un luogo comune anche questo qui lì i cittadini si allontana dalla dalla politica perché gli esempi continuiamo a tale dal livello centrale fino purtroppo qualche volta a livello periferico non so riservi giusti
E queste cose accadono perché la classe politica dirigente cominciando da sindaci molto spesso che vengono nominati che vengono eletti non sono persone all'altezza dei compiti che hanno da fare e questa è la politica dovrebbe tornare
A selezionare attraverso il ruolo di partita selezionava la classe dirigente che dovrebbe
Essere una classe dirigente più attenta che dovesse più capace certamente ma insomma quindi
Di cose
Da fare di cose da dire ce ne sarebbero ancora tanta ecco però ecco volevo dire
Ecco mini finisco qua perché è tardi perché disco di annoiare tutti
Sul discorso delle del terremoto dell'Aquila delle cose che oggi appunto dicevo dicono i cinque anni il ruolo fondamentale hanno svolto i sindaci
L'ho detto prima lo voglio ripetere adesso e purtroppo questo questo dato qui non è un un dato che non è non è uscito fuori non è non è emerso io seguirà con tassi le esperienze di impegni vanno visti i Sindaci per organizzare
Per organizzare la la ricostruzione il modello organizzativo di governance che si sono date voi insomma è stato un lavoro grandissimo è stato alcun lavoro entusiasmante
Perché è stato un lavoro di progettualità è stato un lavoro dove perché effettivamente ogni Sindaco ha dato il meglio di sé per poter dare il meglio di sé o per la revisori per la propria comunità perché guardate
Vi è il passare dei pochi Paesi e vedere gente che stanno che vivono in condizioni precarie che vivono prima sotto il tetto e poi sotto i container podio in prima Bessimo della PAT provvisori
Lontano dal da duecento abitanti va bene non avete scuole che possono rispondere a esigenze dei ragazzi vedere decide di centri di centri i centenari storici completamente abbandonati
Al Enzo ma sono cose che fanno parte i sindaci su queste cose qui diciannove sa o lo faccia mi hanno fatto un grandissimo lavoro
Adesso speriamo che
Che le cose andranno un po'meglio speriamo che arriveranno risorse stamattina io ho solo sentito l'intervista che sarà fatto dalla giornalista al all'onorevole
Sul tre per cento sulle somma anche qua acquisita bunga che maniera vanno un po'vanta che non posso non abbiamo soldi osserverà un po'dal fronte la ricostruzione che ha bisogno di quattrini perché non possiamo sfondare il patto e perché questi soldi qua rientrano
All'interno del meccanismo del tre per cento questa cosa qui non è possibile e queste cose allungheranno sempre di più
E la ricostruzione allungheranno sempre di più la la necessità di comunanza che c'è fra comunità locali i sindaci perché si sindaci non sono in grado di sono i problemi i cittadini non li segue quindi se bisogna fare quest'altro scorso grazie
Grazie di cuore latamente non sarà un intervento soltanto alcuni flash
Siamo rimasti tra
Pochi intimi gli aficionados ma il tema che avete trattato e di straordinario rilievo se dovessi dire
Nelle tre o quattro cose che hanno
La capacità di rendere o meno competitivo il sistema Italia nel mondo globale
Metterei certamente tra queste tre o quattro cose l'efficienza della pubblica amministrazione quella centrale e quella locali
E il messaggio che vorrei dare concludendo e dopo aver ascoltato
Bellissimi interventi anche di questa tavola la rotonda di questa
Di questo parere dovrei dare anche qui un messaggio
Positivo e di speranza
La prima considerazione
Che vorrei
Segnalarvi è questa
Quando ho fatto il Sindaco col mandato diretto del verso il sindaco l'ho fatto molte volte nella mia vita e quindi insomma lo approvate in tutt'
Le salse e ci ritorno sempre sapendo a che cosa vado incontro quindi non avendo nessuna attenuante
Nel mille novecentonovantacinque quando fonda il un pensatoio perché mai gruppo Athena
E chiedendo ad alcuni siciliani che avevano avuto successo di darci una mano
A inventare
Alcune innovazioni per uscire dalla logica dell'emergenza qui un sindaco di un piccolo o di un grande comune e la stessa cosa perché guardate il rapporto diretto che c'è col Sindaco non
Tu l'indomani mattina quando fare una scelta
Lo capisce immediatamente quando deve prendere un caffè al bar
Perché da come ti guarda il barista da come ti prende la mano quello che sta a fianco che tu ti trovi a Rocca di Mezzo o a Milano credimi e la stessa cosa
Poi è scappato da un quartiere all'altro ma un caffè ti capita di prenderla
E quindi fanno sotto e nero
Se hai sbagliato una scelta insomma chiamai
Queste persone
C'erano personaggi di assoluto livello uno di questi era Pasquale Pistorio
Il quale ci raccontò che cosa succedeva Singapore
Dove c'era una uno stabilimento della
Dell'allora SGS Athens
E
Ci disse che una delle ragioni per cui loro avevano scelto di fare uno stabilimento a Singapore era quello che c'era a Singapore uno sportello che sino a quando sottoposte share
In cui sento vuole fare un investimento non ci pensavano loro ci pensava il Governo di Singapore ce lo dirà un tutor e a seconda dell'investimento senior e junior che sedevano tutte le pratiche con la pubblica amministrazione
Emessi perché lo fai a Catania e io che sono pazzo quasi quanto lunghi e se facciamo la Catania
Insomma sapete come è finita non era
Non era previsto dalle leggi non c'era lo sportello unico del mille novecentonovantasei cominciamo a lavorare a questo progetto nel novantasette era già realizzato quando venne Signor Coe in
A Catania che aveva rilevato rilevato
Uno su una un punto vendita della
Della Standa e l'aveva trasformata in Coin palazzo storico in via Etnea vincolato dai Beni culturali
Il signor coi in di Sabena e siamo pronti a fare questo investimento come nel mobile che stava accadendo a pezzi per quanto ci mettete però qui ci mettiamo meno di un mese
Quindi se mai sta scherzando
Ventisette giorni dopo compresa lo dico chi parlava di sovrintendenza ventenne par compreso il parere dalla credenza che non è quella nazionale quella siciliana
Evita la raccomandata
Che cresce insomma c'è a tutti di vedere OMPI bensì quelli poiché
Della della neve insomma dopo ventisette giorni questo signore aveva il
I permessi io parlo porta in giro per il mondo andavo a fare parte del territorio
E Luino era un testimonial che diceva che in Sicilia aveva avuto tutti i permessi meno di quanto era avuti a Mestre e quindi uno dover un punto pure conta qualcosa coi in Mestre capite perfettamente
Lo sportello funzionò benissimo
Per un
Certo numero di
Di debbo dopodiché io non feci nessuna conferenza stampa un anno dopo il suo funzionamento pregai Bassani di venire a inaugurarlo ci abbiamo lavorato la cosa che funzionava già da un anno
è sostanzialmente lui se ne innamorò e lo introdusse nella nella
Ne in nella Bassanini ter perché Bassanini ha prodotto molte cose anche cose devo dire sicuramente di grande livello e di grande attenzione
Adesso
Adesso vorrei dirvi uno licenziare si può
Io ho licenziato due mesi fa una dirigente di un settore delicatissimo il capo del servizio della nettezza urbana raccolta rifiuti e quant'altro in una città come Catania capite benissimo a che cosa si va incontro
O ho fatto uno un'ombra operazione analoga con
Un il Capo dell'Avvocatura hanno fatto ricorso alla magistratura
E l'ho vinto almeno in primo grado quindi naturalmente
Naturalmente
Ciò non è facilissimo me ne rendo conto però intanto posso dire un messaggio che questo si può fare e se tu le colpisci uno nel settore educato vedo qui cento
Perché è nato e da questa cosa ha cominciato a far capire a molti altri che qui si fa sul serio
E naturalmente
Comincia a notare che qualcuno si sta svegliando da letargo in cui si trovava e comincia a capire che con l'Amministrazione comunale a Catania bisogna
Lavorare seriamente
Chiudo dicendo adesso che cosa sto lavorando ed è
Una cosa che vorrei mettere in rete
Perché io dove lunedì mattina sono a Milano
Andando a copiare dal Comune di Milano non mi vergogno di dirlo il Comune di Milano al Comune più efficiente in Italia tra le grandi città per quanto riguarda
La gestione del patrimonio immobiliare
Abbiamo visto ho fatto una attentare ecografia ho visto quali tra le grandi città in ogni campo cioè io ho un settore nel mio comune che si chiama l'erba del vicino
Cioè io cosa faccio cerco di capire quali sono le pratiche migliori innovative in ogni campo de e scelgo il meglio delle ma la copia
Copio vado da data
Ora da Pisapia
Abbiamo già avuto l'incontro con i suoi tecnici
Ho anche ottenuto pensate un finanziamento per copiare c'è un'altra possibilità
Che nel nostro Paese
Se tu fai queste cose i tecnici che devono in lacca Daniele torcere paga il Ministero dello sviluppo economico delle cose l'Italia in realtà se si vuole si possono anche fare incredibile vada Daloui e copia
Ma i la mia sfida questa volta qual è e qui ci sta un poco alcol chi siamo noi con i Liberal guardate io sono convinto che la la prossima riforma che dobbiamo fare e non la sperimentiamo a Catania perché la mia idea è che tutto ciò che non è vietato si può fare
Cioè non è che io devo fare quello che mi dice burocrate quello che la legge mi consente lo può fare no la rivoluzione copernicana liberale esattamente questa
Se ciò non è una cosa non è espressamente vietata si può dire che si può fare
Allora io ho pochi dipendenti vecchi devono rimettere in movimento somma devo fare una rivoluzione dell'Amministrazione cosa voglio fare a catena ho fatto studiare tutte le procedure amministrative del Comune di Catania
E parto dal principio elementare che ciò non è che non è vietato i cittadini lo possono fare perché vuol dire vuol dire che sulla base di attestazioni
Di tecnici che si assume la responsabilità il geometra piuttosto che l'ingegnere o l'architetto attesta che è una cosa è conforme alla legge
Se sbaglia testé faccio paga perché paga anche penalmente oltre che patrimonio mente
Faccio un settore
Efficace ed efficiente di controlli
Veri perché i controlli rendere devono altri destini smontano a pezzi la cattedrale e dicono che stanno facendo un'operazione no diciamo di di
E sarà portano a casa
Quindi i controlli ci devono essere ma io non ho tre mila dipendenti che si mettano a fare lungaggini burocratiche a tormentare i cittadini
Quindi la rivoluzione che stiamo facendo sperimentalmente a Catania vi do un anno di tempo sarà quella di una piccola rivoluzione per cui tutto ciò che non è lecito è consentito i controlli saranno efficace
E questo modo spero di accelerare e di rendere un po'più recente la macchina del mio comune Grazia domani mattina alle nove e mezza tra