03APR2014
intervista

Intervista a Michele Bordo sui fondi strutturali dell'UE e sull'emergenza carceraria

INTERVISTA | di Giovanna Reanda Roma - 00:00. Durata: 13 min 5 sec

Player
"Intervista a Michele Bordo sui fondi strutturali dell'UE e sull'emergenza carceraria" realizzata da Giovanna Reanda con Michele Bordo (deputato, presidente della Commissione Politiche dell'Unione europea della Camera, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata giovedì 3 aprile 2014 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Amnistia, Carcere, Concorrenza, Crisi, Custodia Cautelare, Economia, Emergenza, Giustizia, Indulto, Infrastrutture, Italia, Presidenza Della Repubblica, Regioni, Spesa Pubblica, Sud, Sviluppo, Turismo, Ue.

La registrazione audio
ha una durata di 13 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Il Presidente della Commissione per le politiche dell'Unione europea della Camera Michele Bordo del Partito Democratico salutiamo buongiorno Presidente
Buongiorno
Allora parliamo di fondi di fondi strutturali investimento che l'Europa destinerà Alitalia
Nel periodo due mila quattordici due mila venti sano circa trentadue miliardi di euro
Proprio spiccia
In più poi incendi ci sono le risorse che vengono
Date per il cofinanziamento nazionale
Regionale insomma secondo lei che cosa che ci dovremmo fare c'è già
Cioè
Come lei ha detto nei prossimi anni l'Italia avrà a disposizione trentadue miliardi di euro di fondi europea cui aggiungeremo i fondi per la quota di cofinanziamento nazionale
Regionale
E saranno le risorse che noi avremo a disposizione per
I prossimi anni le uniche risorse che avremo a disposizione
Perché
Purtroppo non ci sono fondi a carico del bilancio pubblico del nostro Paese che nei prossimi anni
E quindi significa che dobbiamo riflettere bene su come utilizzare queste risorse che l'Europa
Ci mette a disposizione ritardo per esempio di fare gli errori che abbiamo fatto con il ciclo due mila sette
Due mila e tredici quando le risorse che avevamo disposizioni purtroppo sono state disperse in mille rivoli
Migliaia degli interventi
Di cui nessuno ricordando
E tra l'altro
Credo che dico non è esatto non sono neanche stati spesi
E infatti
Noi abbiamo avuto un grande di
Negli anni scorsi
Un anno fa avevamo speso circa il quaranta per cento delle risorse nell'ultimo anno siamo migliorati siamo ad un ad una quota di spesa che supera il cinquanta per cento
Il fatto che c'è
Circa il cinquanta per cento di risorse che ne abbiamo avuto a disposizione gli anni scorsi che purtroppo non è stato utilizzato
E questo perché abbiamo in molte realtà
Strutture amministrative
Perché devono preparare i progetti che devono rendicontare la spesa che spesso non sono all'altezza del compito che dovrebbero
Lo scontro ecco e a questo proposito Presidente visto che stiamo
In un momento
Diciamo di fare tante attività riformisti che ha sul piano sia
Costituzionale
Perché anche diciamolo grazie al signor Presidente
Riforma del Titolo quinto della Costituzione ovviamente cambierà porterà impugnerà alle Regioni dei poteri lei crede che questo sia per esempio
Un ambito di di pertinenza perché sono quelle Regioni che decidono come destinare i fondi noto almeno in parte
Noi per ovviare a questi ritardi alcune ad alcune inadempienze abbiamo varato qualche mese fa l'Agenzia nazionale per la coesione territoriale
Che
Un organismo un organo
Perché poco persino sostituirsi alle
Regioni qualora dovesse appunto accertare inadempienze
Ritardi errori
Noi dobbiamo fare uno sforzo perché gli errori degli anni scorsi non vengano pulite
Perché è veramente un peccato avere a disposizione decine di miliardi di euro non poterli spendere considerato che invece il nostro un Paese che ancora necessità
Di
Infrastrutture
E alla necessità di accorciare il ritardo del sud rispetto
Al nord e ha bisogno di ritornare a crescere e per ritornare a crescere noi abbiamo la necessità di non disperdere queste risorse per i prossimi anni ecco perché io ritengo
Che ci sia la necessità di concentrare gran parte di quelle risorse per i prossimi anni
A a sostegno di una politica di rilancio denunzia di breve termine ma che possa produrre effetti a lungo termine ecco perché penso
Ad esempio
Che quelle risorse vadano dedicate realizzare le infrastrutture
Necessarie
Innanzitutto a favore del Meridione
Che soltanto se realizziamo le infrastrutture necessarie nel nostro Paese tornare ad essere competitivo
Con il resto dell'Europa penso che quelle risorse si debbano utilizzare molto
Per sostenere un tipo di formazione professionale che non sia più il tipo di formazione professionale che abbiamo sperimentato negli anni scorsi
Faccio un esempio molto significativa questa ditta a questo a questo riguardo
Negli anni scorsi alcune realtà locali hanno utilizzato le risorse a disposizione per la formazione professionale ad esempio per formare alcune figure professionali forse non c'è bisogno penso a veline o a figure affinché questa gente io penso invece che risorse per la formazione professionale vale dedicate
Molto di più perdo formare figure professionali che ci siano legate ai bisogni del mercato
Avevo non soltanto per spenderli accontentare informatori che non informati
Senta Presidente se a volte l'impressione che non ci sia quasi una comunicazione fra le varie parti
Causa rispetto ad argomenti come questo
Le faccio l'esempio qualche giorno fa
C'è stato il la presentazione del quinto rapporto di Italia decide
Tendeva proprio come tema centrale il turismo
Il turismo che è una fonte insomma
Di crescita di liberarsi
Persone sia dal punto di vista economico che dal punto di vista
Poi di possibilità di anche quindi la realizzazione di infrastrutture poi rimangono
Ecco questo a un certo punto messo Franceschini diceva ecco si ha bisogno di figure professionali come ad esempio
I cuochi o comunque personale che abbia una qualifica per lavorare seppure
Siano adeguati alla ricezione
Di turisti ecco questo può essere un ragionamento che
Ad esempio questa agenzia che ha detto nata da poco cosa fare
Ah sì noi abbiamo bisogno di coordinare meglio le attività nel nell'ambito della formazione e non soltanto
Perché altrimenti il rischio è che continuino lei inefficienze che
Non si riesca realizzare ciò che invece sarebbe importante realizzare grazie a queste
Risorse
E l'Agenzia per la coesione territoriale e natanti del volgere proprio questo
Monitorare continuamente come le risorse vengono spese
E lavorare insieme con le regioni e con la Commissione europea
Le linee di intervento
Necessarie per poter spendere le risorse programmare un tipo di formazione professionale che come lei diceva sia legata ai bisogni del mercato giudice la necessità di avere
Cuochi
Ma c'è anche la necessità in molte regioni specialmente del sud di fonti di formare abbellire il falegname
Idraulica
Che diciamo in chiaro adesso promette e non hanno
Ho pulsazioni otto no nel fare cerchiamo sempre di costruire strutture questo e quindi a Bologna ruba ce lo sa
Formare questo tipo di manodopera posto riformare
Le veline e i parrucchieri che stiamo rischiamo di avere in grande quantità dunque non servono Velardi partire quest'Aula
No io ho espresso molte alcune perplessità sulla bozza di accordo tra il Governo ha presentato tra l'altro fu quella bozza di accordo
Sono stati rimossi numerosi rilievi da parte dalla Commissione europea che è la ragione per la quale
In questi giorni stiamo discutendo della ragione per la quale
Le Commissioni
Politiche europee rilancio
Esprimeranno un parere nei prossimi giorni
E ed i rilievi che io muovo
Sono
Questi alcuni
Pioggia le
Il primo
Penso che sia sbagliato concentrare gran parte delle
Risorse misure anticicliche che producano effetti a medio termine io penso che noi dobbiamo
Pensare
Apprezzare questo paese verso un rilancio che possa durare mentre
Ecco perché ciò avvenga c'è la necessità
Di
Di concentrare gran parte di queste risorse per realizzare infrastrutture
Che mancano a questo Paese
Banda larga
Infrastrutture assoluto reti di Arienzo da però viva ieri noi abbiamo questa necessità perché per esempio non è più tollerabile
Dal sud per andare a nozze viaggi ancora su un unico binario con treni assolutamente fatiscenti
Secondo rafforzare i poteri
Dell'Agenzia per la coesione territoriale l'abbiamo varate fama il fatto non è ancora partita e che avrà i compiti a cui prima facevo riferimento controllo monitoraggio e di sostituirsi anche le Regioni se ci sono ritardi apprezzo
La la formazione professionale
Per quanto ci riguarda è assolutamente fondamentale
Questa bozza di accordo
Realtà
Se ne parla poco
Io penso invece che ci sia bisogno di fare un'analisi accurata degli errori e per le scelte che sono state fatte nel passato
Per non ripetere gli stessi errori hanno accumulare gli stessi
Ritardi puntare su una formazione professionale
Che sia molto legato ai fatti supermercati dove i fabbisogni
Che hanno molte aziende tutti dicono di venire ad investire
Anche nel sud del nostro Paese spesso devono fare i conti con richieste di lavoro fatto
Operai
In genere i cinque che non hanno nessuna specializzazione dobbiamo
Formale
Il nostro
Personale per renderlo competitivo metterlo di più nelle condizioni di trovare
Di trovare un'attuazione
Senta ma
Il comportamento
Della giustizia può sembrare fuori luogo in un ambito come questo ma invece non lo è da una parte perché comunque
Produce punti di PIL i
E dall'altra notizia non è Presidente della Commissione per le politiche
L'Unione europea
Lei sa bene quanto l'Europa sensazione
Sia l'Unione europea
Di Strasburgo c'è stata una delegazione che è avvenuto a fare una visita ispettiva nelle nostre carceri
Ha rilasciato dichiarazioni insomma va beh certo loro era probabilmente sarà stato uno shock sanitaria Poggioreale
In questo momento
Mancano pochi giorni al ventotto di marzo lei crede che
Si riuscirà
Ad evitare le sanzioni senza
Provvedimento di amnistia
Grazie
Ma io non so se saremo nelle condizioni di dare una risposta di questo genere
Vestiario indulto
Non credo che ci siano le condizioni politiche perché questo possa avvenire
In così breve tempo tuttavia
Il tema è all'ordine del giorno non soltanto perché l'ho con il Presidente dalla Repubblica
Anche perché siamo tutti consapevoli per le condizioni nelle quali si trovano le carceri del nostro Paese gli oppure
Quelli che spesso va in giro
Il
Nelle carceri
A rendersi conto direttamente che cosa accade obiettivamente sono consapevole
Che è una situazione di questo genere non può più reggere
Problema è che nel nostro Paese
Si fa troppo ricorso alla custodia cautelare
Non ci sono molto bene alternative
E l'unica cosa a cui si pensa è sempre la pena detentiva è sempre il carcere
Noi dobbiamo
Sperimentare un po'di più
Strumenti alternativi so che in questa direzione
Dal ministro mando stava sta lavorando qualche giorno fa è stato a Bruxelles
Provare a
Individuare anche una strada che possano essere
Realizzarla sarà molto con nel
Assolutamente anche bene inesattezze questi che questo è un tema
Tuttavia
Penso che bisogna fare uno sforzo perché
Non solo si riesca a migliorare il più le condizioni
Nelle nostre carceri ma
Perché la la pena detentiva sia più umana e soprattutto si trovano le condizioni
Perché in carcere non sia l'unica misura a disposizione
Di chi evidentemente commette reati
Grazie grazie all'extracomunitario al Partito Democratico