04APR2014
rubriche

Conversazione settimanale con Rita Bernardini

RUBRICA | di Ada Pagliarulo RADIO - 10:30. Durata: 32 min 23 sec

Player
Il Satyagraha per l'amnistia e la riforma della giustizia e la polemica con il DAP sui dati relativi alle cerceri italiane.

La legalizzazione della cannabis a fine terapeutico.

La detenzione domiciliare.

Le prossime elezioni europee e la mancata partecipazione dei Radicali.

L'appuntamento del Comitato Nazionale di Radicali Italiani per il 11 - 13 aprile.

Puntata di "Conversazione settimanale con Rita Bernardini" di venerdì 4 aprile 2014 , condotta da Ada Pagliarulo che in questa puntata ha ospitato Rita Bernardini (segretaria di Radicali Italiani).

Tra gli argomenti discussi: Amnistia,
Bernardini, Cannabis, Carcere, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Democrazia, Detenzione Domiciliare, Digiuno, Diritti Civili, Diritti Umani, Diritto, Droga, Elezioni, Europee 2014, Giustizia, Immigrazione, Legalizzazione, Liberta' Di Cura, Ministeri, Nonviolenza, Orlando, Politica, Radicali Italiani, Salute, Tortura.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 32 minuti.

leggi tutto

riduci

10:30

Scheda a cura di

Guido Mesiti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Apriamo la nostra programmazione come ogni venerdì con
Rita Bernardini la segretaria
Di radicali italiani che oggi è giunta al suo trentaseiesimo giorno di sciopero della fame e con lei aderiscono questo Satyagraha o ormai oltre circa mille cinquecento
Cittadini Rita buongiorno aggiornate un saluto a tutti gli ascoltatori partire dalla polemica che ti ha visto protagonista con la direzione dei con il dipartimento dell'amministrazione penitenziari via perché chi è riposta lo ricordiamo per gli ascoltatori a beneficio degli ascoltatori un obiettivo intermedio che era quello di sapere la verità sui posti effettivamente disponibili posti
Precisati regolamentari per l'appunto allora chiederei per l'appunto a te di illustrare il tuo punto di vista è perché c'è stata questa
Polemica con il dato
Ma la polemica c'è stata perché in tutte le fedi il Ministro della giustizia ma anche il capo del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria Giovanni Tamburino
Riferivano di una capienza regolamentare di quarantotto quarantanove mila addirittura sono arrivati a cinquanta mila posti
A fronte degli oltre sessanta mila detenuti precedente
E io chiedevo la verità nel senso che voglio sapere perché che i posti sono indisponibili evidentemente che i detenuti non ci possono fare
E siccome la Corte europea dei diritti dell'uomo con la sentenza pilota Torregiani aveva stabilito che
Sotto i tre metri quadrati e non parliamo nemmeno si tratta di e tortura
Sopra i tre metri quadrati dobbiamo vedere tutti gli altri fattori che ci riguardano la fa Luther ha possibilità di avere accesso alle cure
La condizioni di igiene delle celle
E il fatto che chi tengano attività volte alla rieducazione la disponibilità diaria luce
Nella cella entro ma e tante altre cose quindi non era solamente quello
Il parametro scelto dalla Corte
Bene alla fine di questo duello per il quale
Il data anche iscritto in alcune agenzie che riteneva lei niente dichiarazioni diffamatorie e io gli ho chiesto pubblicamente di denunciarmi in questo campo
E alla fine però salta fuori il dato vero che tolte le eccezioni chiuse perché inagibili e i posti non sono quarantotto mila o cinquanta mila ma sono qua poco più di quarantatré mila
E però siccome è un po'di conti li sappiamo fare siamo andati a vedere l'ultimo report che ci dà il Ministero della giustizia nell'accezione statistiche
è quello del trentuno dicembre duemila e tredici quando gli istituti penitenziari erano duecento sei mentre adesso sono duecentocinque perché è stato chiuso quello di Lamezia Terme
Bene che andiamo a vedere qui situazioni tipo la Sardegna
E dove ci sono più posti addirittura dei detenuti circa settecento posti in più che sono inutilizzati perché mancano i detenuti
Se andiamo a vedere la situazione degli occhi dove siamo passati nonostante la riforma più articolata
Nuovamente rinviata ma siamo passati da mille cinquecento detenuti ristretti negli OPG a circa ottocento anche lì dentro gli OPG e ci sono posti inutilizzati
E quindi da quei numeri che di quella capienza che ripeto non è nemmeno regolamentare
Perché non vengono calcolate le sezioni in chiuse e vanno aggiunti anche i posti inutilizzati per cui lei quarantatremila dobbiamo togliere altri duemila e settecento posti
Questo è il conto che ho potuto fare ieri per cui siamo a poco più di quaranta mila per l'esattezza quaranta mila cinquecento vinti
Allora è chiaro che che vengono raccontate queste cifre come noi abbiamo intenzione di fare al Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa che ha il compito di vigilare
Sulle sui provvedimenti che sono stati presi dall'Italia per interrompere la tortura nelle carceri è chiaro che sono molto diverse da quelle che vengono dette pubblicamente non sappiamo
Ed è dalla dei resoconti che ha fatto il Ministro della Giustizia Andrea Orlando sembra che abbia parlato di quarantanove mila posti li ha fatti Lugli a
Quindi non sappiamo se abbia detto la verità
Ora però il questa azione non violenta questore Satyagraha che vede impegnati soprattutto
Detenuti ma prima Fini la dobbiamo dire i parenti dei detenuti nel numero
Di mille cinquecento persone aveva un altro obiettivo che noi i radicali riteniamo fondamentale e che riguarda proprio il funzionamento della giustizia
Ed è questo forse è il punto più importante per il quale chiediamo
Il provvedimento di amnistia e di indulto ed è quello che riguarda un un'altra le altre condanne veramente sono seriali queste e cioè le condanne dell'Italia per l'irragionevole durata dei processi
Sappiamo come abbiamo più volte detto oltre cinque milioni di procedimenti penali pendenti non abbiamo chiesto al Ministero della giustizia al ministro Orlando
Di farci sapere qual è la composizione di questi procedimenti cioè da quali reati sono
Composti e quali sono le Pini edittali margine perché i provvedimenti di amnistia che sono in discussione al Senato e che per il momento
Sono bloccati perché si attende l'audizione del ministro della giustizia parlo dei provvedimenti di Luigi Manconi Luigi Compagna Enrico Buemi e Lucio Barani
E questi naturalmente sono modulati come è stato per
Amministrativi che sono tariffate date in precedenza ricordiamo l'ultima risale a molti anni fa ventitré anni fa
Sono modulate sulla pena edittale massima allora il conto che io chiedo al ministero di fare perché senza conoscenza non c'è possibilità di deliberare in un modo ragionevole
Di quanti procedimenti possono cadere che l'amnistia crea quattro-cinque anni tenuto conto delle esclusioni che vengono
Che il Parlamento può scegliere e di fare
Il Parlamento poi può anche intervenire cioè non operando attraverso i reati ma attraverso le pene edittali dice bene edittali e però e le pene edittali vanno riferiti ai reati per i quali ci sono i procedimenti penali pendenti
è così che viene fatta in genere l'amnistia no
Poi e si può fare la misti anche per determinati reati e quindi io credo che dopo la sentenza della Corte costituzionale
E sulla legge Fini-Giovanardi
Beh anche qui ci può vedere in che modo intervenire perché è sicuramente
Le scrivanie dei magistrati sono ingombre anche da questo tipo Sastre di ricordiamo che la sentenza della Corte costituzionale se annullando la legge Fini-Giovanardi affatto ritornare la situazione precedente cioè la legge Jervolino Vassalli così come modificata
Dalla referendum radicale che prevedeva e quindi si prevede oggi è in atto tutto quel sistema la non punibilità B consumatori
Ecco questo è un po'il quadro illo e gli obiettivi che ci proponiamo
E con questo patti agrari chiaro che stiamo contando anche i giorni che ci separano dal ventotto maggio stragi sono cinquantaquattro
Siamo all'anno esattamente sei fare calcoli molto meglio di me ma mi pare cinquanta no ma FNSI esce perché abbiamo cominciato il nostro Satyagraha a novanta giorni dalla scadenza del ventotto maggio quindi
Se io sto al trentacinquesimo giorno vuol dire che ne mancano cinquantaquattro
A questo proposito voglio dare anche due notti due appuntamenti diciamo che riguardano
Questi questi temi il martedì prossimo otto aprile né sia io che Marco Pannella siamo stati invitati
Al congresso delle tappeti che è il sindacato autonomo della polizia penitenziaria
E quanta iscritti mi pare che sia il più grande sindacato
E interverremo evidentemente volentieri dove si tiene ci tiene ad Abano Terme
Mentre mercoledì nove ritengo questo un altro appuntamento importante siamo stati invitati dalle gruppo ricchi
A un convegno che è così intitolato indulto amnistia Clemenza dall'emergenza carceri ad una nuova dizione della giustizia
E visto ogni promotori credo che si approfondirà molto il tema economico legato alla riforma della giustizia
Quindi lo ritengo particolarmente importante naturalmente sono stati invitati
Tutti i promotori delle proposte di amnistia ed indulto fiato alla Camera che al Senato ma in particolare alla al Senato
E ci sarà il sottosegretario Enrico Costa ci sarò io e poi credo che ci sarà anche il Presidente dell'Associazione nazionale magistrati
Rodolfo Sabelli e sicuramente
Il presidente dell'Unione delle Camere penali Valerio Spigarelli e questo incontro che invece delle gruppo reti dove si tiene Kiki NI una falla a Roma a Roma della Camera dei deputati adesso non non mi ricordano un palese ma insomma e pubblica a Roma
La notizia è a Roma si
Visto che parlarvi della per l'appunto della Jervolino Vassalli dopo la sentenza della Corte costituzionale e quindi la previsione di non punibilità dei consumatori partirei anche proprio dal viceministro tra giustizia costa che a aveva precisato siccome abbiamo letto sui quotidiani sulla stampa per l'appunto che c'era stata la depenalizzazione della clandestinità Assirm ai decreti uguale a uno anche quelle no no no quello della collettività e
E questo abbiamo visto perché si è parlato appunto di questi decreti sulle carceri ieri costa ha spiegato la norma dovrà provvedere una prevedere una sanzione amministrativa ma solo per il primo ingresso quindi rimane punita penalmente la violazione di
Il reingresso con la reclusione da uno a quattro anni esattezza questa guardarmi questo argomento abbiamo parlato anche in una riunione di direzione di radicali italiani che si è tenuta
Fare mercoledì corso e qui è intervenuta anche Emma Bonino cioè il problema dell'immigrazione purtroppo non viene affrontato in Italia come noi
Avevamo proposto tracce una grande necessità lega l'imputazione
Perché naturalmente i clandestini cosiddetti tali presenti sul territorio e sono molti si parla di sette ottocento mila
Persone che non hanno il permesso di soggiorno Azzorre virgola mentale su queste situazioni significa anche e togliere
Manodopera alla criminalità organizzata che si serve del bisogno che anzi è vitale
Però del potersi nutrire dirlo poter nutrire i propri figli si serve proprio di queste persone per
Comunicherei reati a parte lo sfruttamento
Ne che viene fatto naturalmente si preferisce utilizzare per riempire agricoltura e queste persone che ci sono senza documenti
Perché le si paga molto di meno e addirittura le chi può anche non pagare invece lavorano dieci dodici ore al giorno
E ci ricordiamo vecchi vecchie i vecchi episodi vecchi dalla storia di Rosarno in
Insomma e anche
Le violenze che fa costate fatte nei confronti di questi extracomunitari
Ma manovalanza proprio per bisogno
Viene preda proprio in queste fasce completamente emarginate dalla criminalità organizzata per lo spaccio di sostanze stupefacenti
Intubata per
Reati che poi ingolfato la giustizia italiana
E naturalmente invece
Purché con qualche piccolo miglioramento che continua ad andare nella direzione opposta cioè quella di non voler governare un fenomeno Mbeki riviste
è
Purtroppo così avevamo intentato come ricorderai anche di promuovere dei referendum nell'estate scorsa ma non siamo riusciti ARRA con
Ieri le fiction
Invece sull'altro versante dicevamo della depenalizzazione della coltivazione della cannabis hai parlato di un pesce d'aprile vero e proprio anche questo è stato riferito così come dicevamo deteneva una Tajani utile dappertutto
CRA è stata data la notizia che la cannabis era fra la coltivazione della cannabis era stata penalizzata purtroppo non è così magari
Fosse così
Perché come devo dire tempestivamente ha fatto la Duca che è una benemerita associazione di consumatori
è stato subito svelato l'inganno
Questa depenalizzazione che è stata poi trasformata in
è una rapina una funzione amministrativa piuttosto elevata che va fino a cinquanta milioni di euro a cinquanta mila euro
In realtà riguarda solamente di il i laboratori pubblici di ricerca che hanno già ottenuto
L'autorizzazione ministeriale ma che non rispettano le regole che derivano da questa da questa autorizzazione
E quindi non si tratta certamente dei consumatori e poi anche in questo caso deve essere varato il decreto attuativo da parte del Governo
Che dovrà essere emanato entro diciotto mesi si sono un decreto legislativo che
Deve attuare le indicazioni che sono fornite dal Parlamento
Ma questa questa norma per l'appunto diciamo tu hai detto era già consentito comunque agli istituti universitari e laboratori pubblici per la coltivazione del scopi scientifici quali quali poi dovrebbero essere per queste violazioni cioè non osservano le prescrizioni è veramente una misera cosa insomma
è stata depenalizzata queste spettano depenalizzata quei proprio
Tra l'altro
E ci troviamo in un problema anche molto serio perché alcune regioni e in particolare l'Abruzzo e la Puglia sanno emanato leggi che riguardano la coltivazione per uso terapeutico
Che non prevedono che danno che conta è intorno
A istituti che non necessariamente debbano essere pubblici la coltivazione a Fini terapeutici è però
Secondo la normativa nazionale che pure è consentito anzi si dovrebbe dare accesso ai farmaci cannabinoidi in realtà questo non avviene
E e addirittura che pure è consentito per esempio con una ricetta bianca
Cioè fare quelle ricette che fanno noi medici quelle che non hanno diritto
Alla ad ottenere i farmaci gratis e o attraverso il pagamento di un ticket
Chi può ottenere la prescrizione della cannabis terapeutica per esempio il Bedero Cannes
Ma questo siccome in Italia i nostri istitutivi laboratori scientifici devono distruggere la marijuana che producono quest'anno la dobbiamo importare a carissimo prezzo
Dall'Olanda
Per cui un malato con l'abbiamo più volte detto di sclerosi multipla che ha bisogno di due grammi al giorno
è costretto a
Tra
A forniti al mercato clandestino perché gli costerebbe settanta euro al giorno per potersi curare
E quindi evidentemente poiché accade ma certe volte sono gli stessi medici a consigliarlo
Accade che le persone Fini auto coltivino per curarsi la marijuana
Perché comunque riguarda una somministrazione da parte di strutture pubblica dicendo sì tante oppure è possibile la pressione gli oneri medica quello ha perso le strutture pubbliche diciamo che è gratuita ma sono
Poche unità in tutta Italia che possono accedere a queste fasi a questi farmaci
Mentre a Palazzo la ricetta del medico anche di famiglia non necessariamente deve essere un medico specializzato in determinate malattie
Chi può andare presso una farmacia gallerie mica e chiedere il prodotto e il prodotto viene fornito però ripeto al palazzo di cui parlavo prima
Lati chiederà invece un commento immagino che tu abbia visto sentito diciamo l'intervista del ministro Orlando quest'oggi a la Repubblica parlando proprio di queste norme sono state approvate da camera e Senato
Vantava il fatto che appunto si ci potesse affrontare in modo più avanzato il tema della custodia Calderale però parlava di un miglioramento della
Situazione rimandando sicura di andando invece ad una intervista che compariva su o gli altri la rivista gli altri a
Giuseppe Rossodivita vi diceva può darsi che effettivamente ci sia un calo dei detenuti però per l'appunto riponeva il problema della disponibilità di posti nel strutture carcerarie guarda
Qui forse bisognerebbe ricordare perché è vero che c'è stato un calo siamo poco sopra i sessanta mila su questo credo che non ci sono possibilità di dubbi ma non è che imbrogliano possono imbrogliare su www il numero dei detenuti presenti negli istituti penitenziari
Però se siamo arrivati a questo io voglio rivendicare anche l'insistente lotta radicale testi quando siamo entrati in Parlamento delle carceri e della giustizia
E insomma non è e che questo fosse un tema all'ordine del giorno
Ricorderete il Ferragosto in carcere che abbiamo fatto proprio all'inizio della legislatura dove e per la prima volta abbiamo portato dentro gli istituti penitenziari
Deputati e senatori che non ci pensavano nemmeno lontanamente furono centinaia
Quelli che aderirono alla nostra proposta praticamente riuscimmo a coprire
Tutti gli oltre duecento istituti e penitenziari Paci sono state le mozioni che sono state approvate le nostre azioni non violente quelle di Marco Pannella con gli scioperi della fede
E per esempio uno dei provvedimenti che ha portato alla diminuzione
E della popolazione detentiva è stata è stato quello della possibilità di scontare prima erano dodici dodici poiché sono diventati diciotto
Negli ultimi diciotto mesi di
Carcerazione ai domiciliari
Beh lì se andiamo a vedere sono uscite più di dieci mila persone mi pare intorno alle dodici mila
E e questo lo ottenemmo ad altri fanno certo non era
La misura che volevamo noi però è stato un pazzo significativo perché noi volevamo
E che fosse automatica questa possibilità e invece la si è lasciata nelle mani del magistrato di sorveglianza che per esempio a rifiutato
Tantissime istanze che sono state presentate dai detenuti questo lo sappiamo perché poi
Si rivolgevano a noi per lamentarsi di questo
E il ragionamento che era alla base di quel provvedimento era questo fra allora piuttosto che far stare
Per ancora un anno e mezzo persone in quelle condizioni di detenzione stabilito che in carcere e suo crea una Ricci IVA elevatissima
Potendo stare invece alla carcerazione domiciliare alla detenzione domiciliare
E chi da sicuramente nella direzione di una abbattimento e della ricettiva e soprattutto non si sottopongono
Le persone
Ai trattamenti alla tortura i trattamenti inumani e degradanti per i quali siamo stati condannati
Invece queste cifre relative per l'appunto alla recidiva e la ridici la recidiva che scende per coloro che escono dal dal carcere questa settimana abbiamo mandato indiretta
Tutta la Camera insomma gli interventi moltissimo ne prendono atto ma assolutamente anch'anzi no dicono esattamente il contrario
Dopo purtroppo
Già in queste in queste ore si sta celebrando questo incontro mondiale
Sulla libertà di ricerca scientifica è purtroppo i dati scientifici e che sono stati presentati attraverso una ricerca dell'Università di Torino
E che sono chiarissimi da questo punto di vista sull'abbattimento della recidiva
Fra chi sconta all'intera pena in carcere e chi invece Nash fuori perché
Ha avuto accesso ai benefici è impressionante Cipaf all'all'ottanta per cento al trenta per cento quindi questo significa sicuramente maggiore
E di sicurezza mai dimostrato anche dal carcere di Bollate dove
Che è l'unico carcere
Legale e che esiste in Italia cioè dove i detenuti hanno la possibilità di fare un percorso di studio e di lavoro
Ebbene limitassi di recidiva sono pari allo zero perché
Appunto in al detenuto viene di come è previsto dal nostro ordinamento penitenziario
Dire dato un percorso di riabilitazione per cui quando ha finito di scontare la pena sicuramente è una persona
E che è in grado di affrontare e la società senza incorrere di nuovo nei reati che aveva commesso precedentemente
Devo dire anche seguendo i lavori per l'appunto della Camera
Che avrei seguito in in parte anche tu cioè un ascoltatrice eccetera di cane questo non ci dormo la notte insomma un uomo il tacchino dice però insomma la cosa che fa impressione che c'è questa ondata continua di interventi della lega eccetera ma
Diciamo l'impressione che sia che non ci siano molti invece che intervengano per metterci la faccia sono pochi bisogna dire i deputati che sostengono che poi votano questi provvedimenti ma che poi va a Badaloni
Va beh ristrette li votano decisamente
Vi votano a denti stretti e non
Non abbiamo più avuto dei degli interventi chiari forse un pochino dobbiamo dire i rappresentanti di Sella solitamente se ma per il resto pochi del problema
Della democrazia nel nostro Paese perché parliamo di questo anche
Cioè i radicali si trovano nella situazione che per la seconda volta dopo essere stati presenti per trent'anni in Parlamento
Si trovano nelle condizioni di non potersi presentare alle elezioni europei
Naturalmente non è che ci piangiamo addosso per questo la condizione di antidemocrazia da noi è trovata denunciata e e da questo punto di vista esistiamo con il partito radicale non violento transnazionale tra partito lavorando proprio
A ed una serie di ricorsi che presenteremo alle giusti giurisdizioni europee e non solo sulla condizione proprio democratica
E noi diciamo di totale assenza di democrazia e quindi di rispetto della legalità dello stato di diritto da parte delle e il nostro Paese e quindi
L'anno non sarà una preferenza tra virgolette elettorale
Ma sarà una presenza non violenta
E che e ci consentirà di presentare questi ricorsi Enzo Manco non ci arrendiamo ci difendiamo cerchiamo di difendere
E questo Paese dall'anti democrazia che ormai si afferma lo vediamo anche dalle
Riforme istituzionali senza capo né coda che stanno proponendo
Stamattina Giuseppe Rossodivita in quest'intervista diceva che sono circa tre mila i ricorsi di detenuti italiani alla Corte di Strasburgo
Tu parlare di cifre più alte o sbaglio ma io sapevo nanna non perché laterale citava le fonti della Corte stessa a va bene allora sicuramente saranno dati aggiornati io sapevo intorno ai quattro cinque mila ricorsi
è però insomma non a chi cambiarla la situazione anche perché da un certo punto in poi
C'è a questi con la sentenza pilota questi intende questi ricorsi sono fatti e bloccati
E in particolare dal trentuno dicembre di quest'anno sono cambiati tutti i formulari e sono molto più complessi per fare accesso alla Corte locale dei diritti dell'uomo
E e comunque chi ha una condanna definitiva non può accedere indirettamente come possono fare coloro che sono in attesa di giudizio direttamente alla Corte ma deve passare prima
Attraverso il reclamo al magistrato di sorveglianza
E sui nostri siti radicali punto it il radical parti punto org
Abbiamo messo a disposizione di detenuti e non tutti i moduli sia per fare il ricorso al magistrato di sorveglianza questa sorta di reclamo che è stato previsto dalla decreto cancellieri
E chi li ha pr i non inattesi più per coloro che sono in attesa di giudizio di poter presentare direttamente il ricorso con il nuovo formulario che è diverso
So dal precedente c'era che uno fa ricorso con i vecchi formulari quelli che erano in vigore fino al trentuno dicembre del due mila tredici ricorso viene direttamente e non accolto
E nessuna parte quindi ci sono anche questo chi può di ulteriori risvolti diciamo
Che ha da dire io non so quanto tempo abbiamo ancora però ci tenevo stiamo chiedendo a tanta gente no un appuntamento che riguarderà la prossima settimana e cioè
La tenuta delle Comitato nazionale di radicali italiani
Che si terrà qui a Roma presso la sede del partito radicale invito argentina settantasei venerdì sabato e domenica cioè undici dodici e tredici aprile
E e un'altra notizia che forse ha del clamoroso costata invitato a Porta a Porta lunedì prossimo sì abbastanza e si parlerà di cannabis terapeutica
Naturalmente ci sarà la ministra Lorenzin
Qui voglio dare atto al ministro Orlando con il quale
Sappiamo ogni giorno vi è l'altro pure
Ma che è riuscito a sventare il colpo che voleva fare la ministra della la salute
E cioè di mettere di inserire marijuana sia hashish nelle stesse tabelle delle droghe pesanti
Lì è intervenuto devo dire meritoriamente il Ministro della Giustizia e per cui è stata fatta una tabella specifica
Pr la marijuana
Allora porta a porta ci sarà mai la settimana prossima lunedì lunedì lunedì e una che registrerà alle diciotto e trenta
Allora lunedì prossimo a Porta a porta poi il Comitato nazionale di radicali italiani venerdì sabato e domenica cioè undici dodici e tredici aprile ad Abano Terme è un appuntamento martedì otto aprile con Marco Pannella al congresso del Sappe mercoledì nove
Gruppo reti in un convegno su l'indulto l'amnistia eccetera e anche questo si terrà a Roma non del perfetto questi sono gli appuntamenti che seguirà anche Radio Radicale intanto ringrazio Rita Bernardini capire