04APR2014
intervista

Intervista a Massimo Lensi sul DDL sulla riforma delle province

INTERVISTA | di Lanfranco Palazzolo RADIO - 00:00. Durata: 13 min 49 sec

Player
"Intervista a Massimo Lensi sul DDL sulla riforma delle province" realizzata da Lanfranco Palazzolo con Massimo Lensi (consigliere provinciale di Firenze, Misto).

L'intervista è stata registrata venerdì 4 aprile 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Amministrazione, Comuni, Costituzione, Delrio, Elezioni, Enti Locali, Governo, Parlamento, Politica, Provincia, Renzi, Riforme.

La registrazione audio ha una durata di 13 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio radicale siamo in collegamento con Massimo Lenzi consigliere provinciale al a Firenze e membro della direzione di radicali italiani per a parlare della cosiddetta riforma delle delle Province il DDL Delrio che come sapete
Ieri è stato approvato alla Camera dei deputati un provvedimento che ha aperto un fronte
Di polemica fortissimo nelle
Nelle opposizioni che hanno duramente contestato il provvedimento al di là di quello che si è detto le Province in realtà non vengono eliminati ma vengono trasformati acquirenti di ti secondo me quindi non elettivi e in attesa della di della riforma vera quella delle che abolirà davvero le le le Province darà il posto alle cosiddette c'è cigni città metropolitane che amplieranno il loro raggio di azione che il giudizio possiamo dare di questa
Di questa IFO ma
è la riforma intermedia o poi in realtà resterà quella definitiva per accontentare diciamo gli appetiti dei consiglieri comunali e altro
Ma
Intanto diciamo che
Non è una riforma
Chili chi spera
Di vedere sia dal punto di vista del risparmio economico o quello per esempio della
A
Erogazione di servizi più efficienti e che quello che fanno gli enti territoriali ricordiamoci non sono
Specialmente
Province e comuni e sono oggetto della di Comerio non sono oggetti della politica sono enti territoriali che danno
Ed erogano servizi ai cittadini questo è il primo punto che deve essere chiarito perché
Si noti che ricevo percorsi perde
Il punto di arrivo di qualsiasi riforma di questo Paese dal TAR dicevo prima non è una riforma non
Non c'è niente che è stato cambiato tranne l'abolizione dei consigli provinciali eletti direttamente dal popolo
Contano non
E non di poco conto ma assolutamente
Se scaviamo all'interno di questa legge approvata ieri dal Parlamento il famoso
Disegno di legge dodici dodici cosiddetto disegno di legge del rinvio dentro ci vediamo qualcos'altro che
Va nella direzione
Del Governo venti sostanzialmente il Senato e tante altre riforme che sono in tempo e cioè quello di una centralizzazione
Da parte dello Stato
è un abbattimento delle autonomie locali un discorso a parte interessantissimo sarebbe quello sulle materie concorrenti Stato-Regioni poteri sostitutivi
Che è argomento sia del del rio Matera argomento anche della riforma del Senato iscrivano matta dell'autonomia sostanzialmente quello è
All'interno traspare una riforma della governance dell'economia pubblica nel nostro Paese questo è nuova
Pericolosissima membri ecco che cosa succede i consiglieri che adesso sono in carica che fine che fine faranno quando di cadranno chiede chi saranno sostituiti allora nel caso e a mappatura tanto per complicare
La vicenda perché diciamo che ci creano più venti
Vi rispondo grado a seconda che le Province hanno
Punto otto numero di abitanti e compagnia bella indico i Consiglieri così precario alla scadenza naturale decadranno il giorno della il compimento della programmazione faccio l'esempio che la Provincia di Firenze
E dico noi consiglieri provinciali trentini siamo stati proclamati dal prefetto il ventidue giugno ecco quello sarà il nostro ventidue giugno Milano nel due mila nove cinque anni fa e a compimento dei cinque anni noi perdiamo
Quindi fino al ventinove giugno contro il ventidue virgola ventidue dello Jonio a pieno ritmo per così dire
Dal ventinove giugno al primo gennaio due mila quindici perché entriamo da Parri intermedia
è una specie di terra di mezzo dove gli organi della Città Metropolitana provvisori
Il cosiddetto triumvirato il Comitato istitutivo inizieranno i lavori di preparazione della vera e propria città metropolitana parole la Città Metropolitana perché Firenze è una delle dieci città metropolitane
E tra parte effettivamente tutto il lavoro preparatorio per cui lo Statuto elezioni dei del primo organo provvisorio fino arrivare al primo gennaio quando dovrebbe prendere vita la città metropolitana
E che la legge dice che se lo Statuto non prevede differentemente
Il sindaco della città capoluogo se nel nostro caso il sindaco di Firenze sarà il Sindaco il della Città metropolitana il Presidente della della Città Metropolitana che da questo
è un
è una specie di Cartotto dal punto di vista costituzionale perché la città metropolitana
A il
Territorio dell'intera provincia c'è nel nostro caso di quaranta e comuni
Però se non solo il Sindaco di un un Comune nel caso Firenze a governare
La città metropolitana i cittadini che leggeranno il Sindaco non lo so di Scandicci piuttosto che di
Campi Bisenzio non voteranno il Sindaco che poi sarà il reggente della Città metropolitana e già questo hanno
Il problema scusami hanno dunque le città metropolitane sono nove Torino Milano Venezia Genova BOT si sono scusami Torino Milano Venezia Genova Bologna Firenze Napoli Bari se Reggio Calabria
Interviene sulle altre che sono da Roma capitale Roma capitale non solo macro ma non dimentichiamo mai allora
Lei le aree geografiche l'acqua è un nemico da parte si estingue è un'altra operazione all'interno di questa riunione per le aree geografiche che escono fuori da queste a temi troppo grandi aree metropolitane che cosa ne sarà
Grazie
Creme che operare il termine dell'erogazione del servizio ai cittadini e questo non si sa perché
Dovranno dirci nell'impiego leggi la legge inorridire esce perché da qui al compimento di una macchina amministrativa che riprende le proprie attività normalmente ci sono di mezzo
Conferenza Unificata e Stato-Regioni decreti legislativi apparire la Conferenza permanente sulla poca insomma c'è di tutto perché devono definire bene le competenze e le funzioni di questi nuovi enti che sono solamente accennati
Nella legge perché
Cosa vuol dire per esempio che ne so io
Adozione aggiornamento di un piano strategico triennale sul territorio metropolitano come atto di indirizzo dell'etica che l'indirizzo non sono niente sono gli atti amministrativi delle proprie che fanno
I servizi io dico sempre
Mura delle competenze della Provincia e quello delle la difesa del suolo e tutto quello che comporta parla di recesso chi avrà in questo è data dal
Dal ventitré giugno in poi quando il Presidente della Provincia a titolo gratuito
Solo che era il Consiglio provinciale perché questo accadrà è un atto di quelle aberrazioni fino al trentuno dicembre cosa accadrà in termini di erogazione sedici personale che lavora e questo metodo provincia dove viene
Segnalato rispetto alle competenze questo ancora una cosa che non sappiamo sappiamo solo che sono stati aboliti i consiglieri
Eletti direttamente dal popolo ed è grave molto grave questo
Perché la la politica nel non c'è un risparmio alla politica
Anche fatta di direzioni e questo varrebbe ricordare al governo venti direzioni dove il CIPE dilavamento nulla e mette una cosa
Emette una una
Su una una cosa di poco conto ecco certa come in tutta questa il DDL
Ed io presuppone la riforma del Titolo circa quinto della della Costituzione ecco ma se non riescono a fare questa riforma qui
Per cui consapevole è che cosa su un succede
Churchill avrebbe buttate via il bambino con l'acqua sporca in questo momento di recapitare un'operazione che ha bisogno respiro e di una questione
Politica per tutte le forze in campo e con le forze sociali anche
Per arrivare a una definizione giorno Quartetto dell'esempio io mi chiedo sempre ma le Regioni
Le Regioni l'ente Regione cosa fare cosa fa
è una funzione legislativa e guardate che il prossimo atto del governo tempi sarà collocato come dicevo prima sulle materie concorrenti tra Stato e Regione
E quindi si va a un leggere una serie di
Vediamo un po'principi il l'unitarietà delle degli enti amministrativi principi di adeguatezza e sussidiarietà c'è una serie di norme che in questo momento di principi fondamentali che vengono
Che non solo non se ne accorge ma detengono e messi in gioco in maniera diciamo non corretta dura
Una
Allora le riforme sono benvenute le riforme
Ma non tutte le riforme sono benvenute il concetto che è questa è una riforma che
Non porta niente la riforma del Titolo quinto occorrono
Anni prima che si definisca un assetto amministrativo istituzionale non sapere la riforma del Titolo quinto
E poiché perché la riforma del Titolo terzo forma di governo e quant'altro dietro questa storia certo qui si è parlato del risparmio di questa riforma si risparmia o è un nonché del
Non si risparmia niente si risparmiano i gettoni di previdenza che pro saranno
Pioveranno molto di più su altri tipi di attento di erogazione di servizi che i risparmi gettone di tre mila consiglieri provinciali Italia
Magari niente i gettoni sono quaranta euro cinquanta euro come il pericolo come per i consiglieri comunali non è quello il punto non è io e ha fatto e che arrivano anche disposto a farlo gratis dava le lettere dirette all'abolizione di un Consiglio provinciale eletto direttamente dal popolo
è lì il punto
E qui dentro c'è tutto un affidamento di funzioni e competenze che previsto dalla legge a quelle che sono le autonomie funzionali per esempio cosa sono l'autonomia funzionali sono enti pubblici nel nostro Paese a metà strada fra lo Stato e gli enti territoriali
Quali sono alle Camere di commercio alle fondazioni bancarie l'Autorità portuali leggo che è scritta le altre ecco saranno lentamente attraverso
Procedure intermedi Conferenza Unificata
Posso probabilmente essere affidata alcune funzioni a questo pure la creazione di agenzia regionale sul lavoro
O altro si esplica una serie di anche in più si dà poteri anche in più non si fanno ridurre gli enti
Durante il semestre
Ultima domanda mediaticamente qui impressione hai avuto affatto colpo sull'opinione pubblica secondo dei questa questa riforma per quello che ne hanno campi
Potuto capire lettore medio di di di questa di questa
Di questa storia cioè mediaticamente Renzi ha fatto credere di aver fatto una grande riforma secondo oppure no
Sì mediaticamente si perché dietro a questo cioè vedete i giornali oggi applica abolizione delle Province
Queste mediamente quello che sta passando a parlare vero perché le Province rimarranno fino a prima citata riforma del Titolo quinto queste ma
Ma ci sarà e che mai e cosa bisogna vedere quale potrà scapperà fuori dalla riforma del Titolo quinto raramente ci saranno momenti perché quando ora
Sì alla città metropolitane come ente sia controllato saranno affidate ad altri enti pubblici o comunque quelli che ho citato prima altre concezioni nasceranno agenzie regionali
Per lei lavoro piuttosto che per alte di quelle che erano le funzioni e competente però oggi sul giornale leggiamo porzione delle Province embrione vero
Non è vero né dal punto di vista pratico concreto né dal punto di vista della del del del risparmio subito così i costi della politica ecco il punto
E il demagogicamente molto con molta ipocrisia neanche tanto velata chiamare anche a definire un affetto di governance dell'economia pubblica non sapendo in cui
Il cittadino attraverso il consigliere eletto non controlla più niente
Le funzioni di controllo all'interno degli enti sull'opera prioritaria Giunta parla scomparire
Saranno pochissimi agli organi
Uno che potrebbe Insacco punta il Sindaco non vota anche il Presidente della Città metropolitana o della
Convincerebbe ritrovare anche a un tipo di altro di direzione diciamo surrogata subordinata
Capire
Che è in atto una
Una pacificazione
Su quelli che sono i delicati equilibri istituzionali
Fra lo Stato e le autonomie locali che va completamente ad essere distrutto attraverso questo
Disegno di questa legge che è stata approvata dal Parlamento ed è molto molto
Come dire
Alla moda oggi è molto pericolosa rampante perché sembra tutto che sia semplice e lineare e perché ci vuole un colpo di spugna le cose vanno fatte vanno fatte per bene le riforme sono benvenute
E ce n'è bisogno il nostro Paese
Ma non le riforme che tocco no quinta pochi i diritti dei cittadini è questo il punto va bene lei ti ringraziamo credo insomma di aver
Abbiamo spiegato abbastanza bene quel che cosa è accaduto ieri in Parlamento con questa riforma che tra virgolette abolisce le Province io
Litigi vi ringrazio e ringrazio
Massimo Lenzi col quale abbiamo parlato del
Di del del DDL del del Rio delle sue conseguenze
Grande voi è una a torto o a tutti