07APR2014
intervista

Intervista a Filomena Gallo sul divieto di fecondazione eterologa della Legge 40/2004 e sull'ennesimo tentativo di bloccare la ricerca sugli embrioni

INTERVISTA | di Cristiana Pugliese RADIO - 11:50. Durata: 8 min 31 sec

Player
"Intervista a Filomena Gallo sul divieto di fecondazione eterologa della Legge 40/2004 e sull'ennesimo tentativo di bloccare la ricerca sugli embrioni" realizzata da Cristiana Pugliese con Filomena Gallo (segretario dell'Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica).

L'intervista è stata registrata lunedì 7 aprile 2014 alle ore 11:50.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Aborto, Bioetica, Cellule Staminali, Corte Costituzionale, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Costituzione, Diritti Civili, Diritto, Donna, Embrione, Esteri, Fecondazione
Assistita, Medicina, Politica, Ricerca, Salute, Scienza, Sterilita', Tecnologia, Ue.

La registrazione audio ha una durata di 8 minuti.

leggi tutto

riduci

11:50

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Ci occupiamo ancora della legge quaranta domani ci sarà un appuntamento molto importante davanti alla Corte Costituzione alle nove ce lo facciamo spiegare dall'avvocato Filomena Gallo segretaria dell'Associazione Luca Coscioni Filomena benvenuta su Radio Radicale
Quell'orrore e allora dieci anni dall'approvazione della legge quaranta dieci anni di battaglie nei tribunali che che hanno visto protagonista tant'è che se è stata chiamata la donna che ha demolito la legge quaranta ci racconti domani cosa succederà
Domani ritorneranno in Corte Costituzionale nessuno dei divieti che siano anche oggetto di quesito referendario cioè il divieto di utilizzo di Cametti esterni alla coppia
E
Quindi una tecnica definita e caro colloca questo divieto
In realtà non trova fondamento scientifico giuridico perché la stessa legge quaranta che prevede le tutele ma INAIL per in attività tecniche nell'interrogare
Va bene anche perché legislatore del due mila quattro aveva immaginato che
Introducendo un divieto nel nostro ordinamento le persone comunque
Farebbero andrà a canne però per accedere ad una tecnica di fecondazione medicalmente assistita che era stata
Prevista e applicata fino al due mila quattro sul piano scientifico anche in questo caso non ci sono limiti in quanto l'Italia
Fino al due mila e quattro punto dove diciamo applicato la tecnica e dopo il due mila e quattro sono state recepite le normative comunitarie che hanno fatto diventare dei centri di fecondazione assistita istituti dei tessuti
In quanto all'avanguardia
Sotto il profilo tecnologico per quello che è la tracciabilità e la sicurezza sociale collegamenti quindi effettivamente non c'è alcuna motivazione per cui questo divieto
Beh dal persiste nel nostro ordinamento era stato consentito un quesito referendario sappiamo tutti che e il referendum vive l'affluenza del solo dei solo il venticinque per cento degli italiani
Qualcuno non sa che quel venticinque per cento di Saronno alla legge quaranta però non è più un serrato
All'epoca non fu raggiunto il quorum assetto sì
E allora se domani la Corte costituzionale giudica se incostituzionale questo punto che ne rimane della legge quaranta fenomeno
Bene la legge quaranta ne rimane ben poco già adesso perché in questi dieci anni per cui ben ventinove volte
E tribunali si sono primo proprio infatti nel due mila e noleggia la Corte Costituzionale ENEA cancellato una parte
E quindi corna una sentenza di incostituzionalità e le altre volte i tribunali quanto sono intervenuti hanno ripristinato anche le giuste tutele la giusta interpretazione e quindi senso anche nell'applicazione della legge cambiato ed abbiamo visto la condanna e da parte della Corte europea dei diritti dell'uomo nei confronti dell'Italia perché la legge quaranta
Risulta illogica nel momento in cui
Va a violare i diritti fondamentali riconosciuti da una Carta costituzionale ma anche da una Carta fondamentale dei diritti dell'uomo che è stata sottoscritta anche dall'Italia
E infatti a breve avremo anche l'udienza sull'accesso per le coppie fertili portatrici di patologie genetiche
Alla fecondazione medicalmente assistita F inferti ne puoi fare diagnosi pre-impianto se sei fertile
Però questa questa possibilità di indagine diagnostica che vietata
Quando poi
Con indagini succede
Fila a gravidanze lavorata puoi però tramite la villocentesi la mia c'entri l'ecografia se ci sono gravi pro
E per la salute della donna poi ricorrere all'aborto tossiche insomma un sistema incoerente quindi ritorneremo nuovamente in Corte costituzionale anche su questo
Ulteriori divieto
E era prevista terza all'udienza del giorno otto anche
La valutazione della legge quaranta sul divieto di utilizzo degli embrioni per la ricerca ma in realtà
Per il diciotto giugno la Corte europea dei diritti dell'uomo
E ha convocato un'udienza dinanzi alla gara usciamo perché la Camera superiore nella Corte
Proprio su questo divieto da un procedimento dove
La signora Palma di Rillo
Chiede di poter donare embrioni prodotti prima della legge quaranta
Alla ricerca scientifica le Figaro avvocato Paoletti noi siamo intervenuti quel procedimento con un amicus curiae con le amiche come Associazione Luca Coscioni Amica Cicogna c'è alcun minimo lastra Cicogna
E il collega Gianni Baldini e che rappresenta invece la coppia per cui è stato sollevato il dubbio di legittimità costituzionale dinanzi alla Corte costituzionale proprio
Questo divieto ha chiesto un rinvio dell'udienza nuovo con loro visto la particolarità della
Della materia teniamo prima la pronuncia della Corte l'ok che nell'uomo
Senti in ultimo ma naturalmente noi ci risentiremo sicuramente domani e poi giovedì prossimo perché fra pochi giorni c'è un'udienza pubblica al Parlamento europeo
E
C'è questo rientro pubblica esce da un'iniziativa di raccolta firme sull'embrione ognuno di noi chi mira a restringere anche quelli che sono i finanziamenti
Alla ricerca sulla sulle staminali embrionali noi ricordiamo che in Italia e vietato l'utilizzo degli embrioni italiani
E tra i nostri ricercatori vanno all'ente pensavano in donazione terminali e nazionali o le acquistano pone portano in Italia e le utilizzano per la ricerca
E la nostra attività quelle ben conosciuta era gli ascoltatori di Radio Radicale
Già nel due mila quattro con la messa al bando da parte delle opinioni che nella ricerca sulle cellule staminali embrionali Humanitas scopri terapeutici fu firmato da mille cinquecento tra scienziati politici ammalati un appello che Emilia anche le firme di settantasette premi Nobel
Nel due mila sei abbiamo presentato al Parlamento europeo
Un'ulteriore e petizione che raccolse del due mila e cinquecento firme
Con oltre undici e premi Nobel affinché e i finanziamenti dei progetti di ricerca con le staminali embrionali fossero confermati
E di recente anche un'ulteriore petizione a prima firma del professor scosso insomma dobbiamo mantenere alta l'attenzione affinché non vi sia una discriminazione tra i due tipi di ricerca tra staminali embrionali è
E cellule adulte staminali adulte
E il le forze
Scelte in campo in questo momento però dall'altro lato
Che
Vogliono configurare la tutela dell'embrione e con la tutela assoluta che verrebbe a cancellare poi sia la ricerca
Ma anche leggi come le leggi sull'aborto e le leggi sulla fecondazione assistita bene questa scendesse in campo di forte
Citata sicuramente significativa
E il dieci ci sarà l'audizione
Non ci auguriamo che però
E siano confermati gli orientamenti che in questi anni ci sono stati e che hanno garantito il diritto della persona come nella giurisprudenza nazionale e internazionale
Ha più volte precisato ma anche degli atti internazionali quindi tutto in linea
Chi garantisce
Primarie in primo piano il diritto di colui che già persone Bottini diritto dell'embrione allora troveremo chiaramente il modo per riparlarne ancora in in settimana quindi non mi rimane Filomena che ringraziarti ringraziamo Filomena Gallo l'avvocato Gallio segretario dell'Associazione Luca Coscioni grazie perché poi