07APR2014
intervista

Domenico Mennitti, i radicali, la rivoluzione liberale, Pannella, Forza Italia, l'amministrazione della giustizia

SERVIZIO | di Aurelio Aversa RADIO - 12:16. Durata: 1 ora 34 min

Player
Mennitti 5 gen 1999 RR Mennitti, Pannella, D'Elia...

10 ago 2010 Brindisi.

Puntata di "Domenico Mennitti, i radicali, la rivoluzione liberale, Pannella, Forza Italia, l'amministrazione della giustizia" di lunedì 7 aprile 2014 condotta da Aurelio Aversa .

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Brindisi, Carcere, Comuni, Forza Italia, Giustizia, Liberalismo, Msi, Partito Radicale, Politica, Storia.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 1 ora e 34 minuti.
12:16

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Con la registrazione che lei ascolterete tra qualche stante dalla gennaio novantanove dell'agosto due mila dieci questa volta ricorderemo Domenico Mennitti ex Sindaco di Brindisi oltre che figura di primo piano
Da destra nazionale con il Movimento Sociale prima Forza Italia dopo scomparso in queste ore aveva settantacinque anni ed era stato parlamentare ininterrottamente
Dalla settantanove al novantuno onde al MSI dalla novantaquattro fu tra i primi ad aderire a Forza Italia
Del cui comitato anti presidenza è stato membro fino alla novantasei oltre che coordinatore nazionale parlamentare europeo nel novantanove era anche giornalista nel novantasei aveva fondato la rivista
Di cultura
Politiche di azione con la quale decise di aderire ai referendum dei Club Pannella da prima metà degli anni Novanta
E che nel gennaio novantanove
Ospito la prima intervista concessa da Marco Pannella dopo il lungo periodo di silenzio dovuto ad un momento di convalescenza postoperatorio
è la prima registrazione del cinque gennaio novantanove si riferisce proprio
Al contenuto di questa intervista da ascolterete Domenico Mennitti intervistato da Massimo Bordin a parlare
E come era nata questa iniziativa giornalistiche commentare alcuni aspetti delle tematiche affrontate
Com'è la necessità in Italia di una cosiddetta rivoluzione liberale e il ruolo di Forza Italia lo spirito del novantaquattro perduto da tempo e così via condannasse con la registrazione più recente del dieci agosto due mila e dieci le ascolterete invece la sintesi di un incontro che Mennitti in quel momento il Sindaco di Brindisi ebbe con Marco Pannella e dirigenti
Dell'associazione Nessuno tocchi Caino giunti nella sulla città perverso gravare ancora una volta la drammaticità delle condizioni della giustizia delle carceri italiane
E ribadire le proposte radicale sull'argomento nascoste rete interventi anche di Sergio De vieti Elisabetta Zamparutti in quel momento parlamentari radicali Segretario
E tesoriera Nessuno tocchi Caino cinque gennaio mille novecentonovantanove
Radio radicale e nelle librerie nelle edicole ideazione la rivista diretta da Domenico Mennitti che innanzitutto salutiamo perché ci sta
Ci sta ascoltando e adesso sentiremo buonasera microfono e in questa in questo numero di ideazione c'è una lunga intervista Marco Pannella un'intervista al curata da
Gaetano Guerrieri Quagliariello che professore universitario perché
I radicali e anche gli ascoltatori di Radio Radicale ricorderanno
Più giovane per un periodo la sua vita anche militare nel Partito radicale ed essere anche membro della segreteria del partito e i tempi di Geppi PAI di quella
Di quella storia radicale
Oggi Quagliariello e professore universitario ma
Ideazione gli ha affidato l'incarico di un'intervista Pannella che ha una sua caratteristica quella di essere la prima ampia intervista Pannella dopo
La crisi della sua condizione di salute che viene ricordata nell'introduzione
E
In qualche modo questa intervista
è un po'un ritorno alla politica come titolano le agenzie però come se le agenzie di stampa che già oggi ne parlano
Però come sempre con Pannella bisogna stare molto attenti perché in realtà Pannella dice al momento io un obiettivo ma
Questo obiettivo non è detto che sia realizzabile in tempi politici e quindi tornerò se e quando
La mia presenza apparirà utile alla concretizzazione di questo obiettivo ci sono molte cose questa intervista cominciamo a parlarne con il direttore di ideazione innanzitutto partendo da
Dal dall'inizio dal
Perché
Tu hai deciso di intervistare Pannella facendone parte centrale due sono le interviste forti di questo numero di azione quella Pannella e quell'standard sono interviste che occupano più
Spazio nella nel numero nel numero in edicola in libreria d'altro canto
Perché secondo te perché Pannella rientra diciamo nel dibattito politico attraverso i di azione
E ti faccio una piccola premessa abbiamo vissuto tutti i momenti di preoccupazione
Per che Marco Pannella attraverso anche un momento di difficoltà
Ed in quel momento o non la preoccupazione soltanto un elemento di affetto per l'uomo era anche proprio coinvolta al tanto che
Ed attraente una voce importante
Nel dibattito politico e culturale del Paese
Io
Quando feci raggiungere prima con diciamo molta cautela mentre era ancora Merano
E poi all'improvviso un giorno mentre ero in treno per Milano mi son sentito chiamare direttamente da Marco
In effetti aveva molto gradito questa attenzione e che in effetti voleva fare un rientro non
Con una intervista di quelle veloce alle quali sono costretti i quotidiani
Ma occorre una rivista che aveva come noi peraltro volevamo ripercorso un po'il suo cammino e anche stabilito quale poteva essere il suo rientro cioè il rapporto a quegli obiettivi
E quindi
Abbiamo poi atteso che la situazione Kamilia lascia definitivamente oggi come scenari Marco va benissimo ripreso in pieno la sua vigoria fisica e quindi abbiamo realizzato questo incontro
Affidato a Gaetano Quagliariello che come tu hai ricordato è professore universitario docente di Storia moderna ma è anche un uomo che conosce bene la storia da dichiarare per averla vissuta egli stesso
Con grande responsabilità peraltro credo sia stato anche vicesegretario del partito nella fase sì sì tour ricordarvi e quindi voglio dire è una partecipazione fatta come ci diceva c'entra differenza
Neppure il tentativo di ascoltarmi ad ogni costo gli architetti una disamina molto attenta e molto
Matura della vicenda radicale
Ci sono interventi perché abbiamo maturato anche attraverso incontri riversi ho avuto il piacere di avere Marco meglio discutere ma
In senso generale poi Quagliariello analogo accolto diciamo queste
Sue dichiarazioni e c'è un dato che ancora resterà come dire incerto
E Pannella riesce
Io fossili
Al posto dei miei amici
Non le chiederei un intervento per tempi cioè per abitudine nella vita politica ma lo ritirerei alla possibilità di raggiungere un grande obiettivo concreto un Pannella che torno a far politica perché
Fa politica semplicemente per questo non servirebbe a nulla ma io credo che poi in fondo andando avanti nella lettura intervista e gli accordi di un dato che Pannella serve al Paese
Serve anche quando sostiene la tesi che tu non condivisi perché nella verità in una scena che
Come dire calpestata da personaggi
Sempre più modesti un uomo il quale a quel livello intellettuale quell'esperienza di vita credo serva a tutti quanti noi e voglio concludere esprimendo
Una opinione che peraltro espresso più volte anche all'unica in questo modo Pannella non ha una sede parlamentare nella quale poter svolgere il suo ruolo per adesso non è un problema di Pannella questo problema del Parlamento italiano che privo
Di un uomo che può offrire in grande contributo allora al di là delle sue incertezze e quello che noi
In certo senso abbiamo voluto portare con questa intervista e proprio che toglie quella presenta di Pannella in uno scenario che ancora molto incerto che sostanzialmente Sharp ricondotti
All'epoca del mille novecento euro novantadue novantatré che vede sostanzialmente interrotto il cammino il percorso a come lo chiamiamo
Adesso nuove forme istituzionali bene perché non si muoia nel quadro io credo che di Pannella abbiamo tutti bisogno
Sì ecco quest'intervista naturalmente molto ampia ci sono una serie di di spunti ci sono anche cose che Pannella diceva già prima del
Crisi che tu ricordavi in fondo il percorso politico di Pannella
Ha avuto uno snodo importante quando l'organizzazione diciamo così italiana deve chiarirci gli ascoltatori che agiscono sicuramente
Pannella l'ha di fatto sciolta i club
Dicendo B occorre a questo punto costruire qualcosa di nuovo e di diverso ora nell'intervista in realtà mi pare vorrei sentire il tuo pari su questo
Ci sia senza dubbio una
Uno oscillazione non nel senso di indecisione ma di potenzialità da un lato
Pannella ripercorre molto analiticamente la questione di quello che lo chiama il blocco sociale inteso in senso Salvemini hanno da Gaetano Salvemini più che da Gramsci
E dice in realtà oggi la contraddizione fra burocrati e produttori
Ha fra l'altro la bontà di citare un collaboratore di Radio Radicale il professor Demarchi c'è un po'il come dire vessilli fiero di questa
Lettura della situazione
E questa situazione può essere paragonabili dice Pannella alla situazione della Francia prima dell'ottantanove settecentottantanove
D'altro canto però in un altro passaggio ritorna sulla questione del diritto
E
Dice ma in realtà occorre che
Per recuperare il per per essere riformisti bisogna credere
Alla forma del diritto
Alla formale il diritto e la politica è dire che me ne importa quale sarà la riforma di D'Alema se so che non crede nella forma ora
è proprio questo che Pannella rimprovero però a tutta la situazione politica italiana
E da un lato quindi c'è come dire l'attesa prima opzione dall'altro però c'è il senso della irrigidita del ceto politico che stagnante cito di regime
La contraddizione forte
Che la contraddizione forte però riflette una realtà di fronte alla quale ci troviamo cioè nel mille novecento novantaquattro
Noi mettendo insieme la grande speranza di rinnovamento del Paese
E devo dire che fu proprio un momento importantissimo perché
Sulla base di un solo elemento che era stato quello del rinnovamento del sistema del cambiamento del sistema elettorale
Riuscimmo a realizzare elementi politici importanti ci ritrovammo in una
Nuova partecipazione che aveva poco a che vedere sostanzialmente anche con le nostre storie differenti dice
Ci ritrovammo sul piano della richiesta di cambiamento
Quanti venivano da esperienze diverse esaltando con quello che il dato fondamentale di una democrazia maggioritaria scemare emorragia maggioritaria non si esaltano le identità
Si è tolta la capacità del progetto politico nel quale cultura diverse possono confluire
Per realizzare obiettivi comuni e poi è accaduto che sostanzialmente
La politica bloccata in un gioco
I veti incrociati di sostanziale incapacità adoperare ad agire questo sicuramente per la qualità del ceto politico e per la mancanza di una iniziativa
Che ha dato poi la possibilità di uscire fuori dal pantano nel quale ci trovavamo
Oggi
Pannella rivendica questa rivoluzione liberale come unica chiama
E che credo rappresenti un grande vanto di rinnovamento culturale politico che investe l'Italia che investe anche l'Europa perché
Non è vero come in questi giorni si è tentato di sostenere
Che poi lo schema classico è quello di una cultura socialdemocratica
E di una cultura come dire eccentricità popolare e che si fronteggiano la verità e che
La grande contrapposizione alla cultura socialdemocratica e la cultura liberaldemocratici Lecce
La capacità che noi ancora non abbiamo avuto in questo Paese di individuare delle situazioni che io immagino ci avrebbero consentito di svolgere questo lavoro ora
Nella nella riflessione di Pannella che peraltro e tappa molto attenta non aveva già
Sulla sua storia perché la preoccupazione che emerge è quella proprio di scriverne un'altra di pagina più importante è quella che è
Sostanzialmente ancora CIMAC beh in tutto questo c'è la sua sostanziale preoccupazione
Che questo salto verso il futuro noi non solo ma abbiamo compiuto ma che
Pur esistendo le condizioni da incapacità del ceto politico ci renda sostanzialmente impotente io dico che poi insomma questa è la politica cioè la politica e un elemento che va vissuto con amici
Che siano pecche di Rieti di riflessione di concretezza ma anche con la speranza che qualcosa cambierà non è una speranza come dire
Che equivale a alla rete dei trasporti semplice della speranza della politica e la speranza
Delle grandi idee
Che se nello scenario
Perché in questo momento è tutt'altro che edificante abbiamo bisogno di grandi idee ed i grandi protagonisti io credo che
Con
In un'area crede perché come dire non c'era ancora vecchia si
Ha senza dubbio io volevo questo punto anche inserire nella
Conversazione due
Articoli che sono rubricati con quale strategia per l'opposizione uno di Quagliariello e un altro di Marcello Pera vedo solo i titoli
Stasera voglia di lecco ma insomma genitori mi interesso perché quello di quelle aree di Quagliariello se la moderazione non basta è un po'quello che dicevi tu
Non basta essere moderati per contrapporsi alla tra l'impostazione socialdemocratica come la conosciamo in Italia
E l'altro gli impedirà è ancora più chiaro rilanciare lo spirito del novantaquattro ecco è un po'quello che anche nell'articolo Pannella dice sia andato perdendo in fondo
La costruzione di quell'avventura politica che è stata Forza Italia pur fra l'altro sei articoli un esempio chiaro perché hai lasciato un posto di dirigente politico di un partito che comunque sopravviveva ebbene
A alla bufera
Ventisei avventurato in questa
Vicenda politica però poi in realtà all'elaborazione
Della tua riviste rimasta un po'i margini sono andati molto più sondaggi o mi sbaglio
Ma vedi il problema è questo
Io non vorrei neppure molto insistere su questo problema nel novantaquattro no ogni tanto si dice dobbiamo ritrovare lo spirito nel novantaquattro nella verità noi abbiamo trasferito nel novantanove
Cioè quello che ci rende capaci
Di affrontare la situazione che in questo momento arriviamo
Comunque il dato fondamentale che mi pare debba essere ricordato è questo che lei novantaquattro noi norme ricostruimmo il centrodestra che doveva contrapporsi al centrosinistra
Nel novantaquattro noi realizzammo la convergenza di un gruppo di riformatori
Che andava dai partenti come il vecchio mostri come la legge che avevano svolto un ruolo di opposizione
Pieno a Forza Italia che sul fallimento dei vecchi partiti di centro richiamava tuttavia lì elettori di centro sino ai riformatori sto ricorderà e che in lista con Forza Italia fame Pannella che vuole vivere
Da cavaliere solitario non su un'avventura altri esponenti qualificatissime parteciparono furono eletti e poi hanno svolto come sono i ruoli importanti
E qualcuno lo abbiamo pure per sequestrare economico serio qualcuno lo abbiamo anche perso per strada lo dico
Qualcuno prima questo accade aprirà
Qualcheduno
Valga il riferimento per tutti alla Bonino attraverso quella esperienza determinò la sua presenza in Parlamento poi successivamente
Il suo ruolo che ancora oggi svolge come tutti sappiamo con grandissima dignità
Quindi voglio dirti che in quel momento più che creare il centrodestra il centrosinistra
Vecchie immagini scolorite
Che peraltro avevano avuto in questo Paese soprattutto il centrodestra ha una storia abbastanza modesta perché
In effetti non c'era stato mai un centrodestra
Capace di svolgere un ruolo politico finita del centro si metteva d'accordo con la testa quando era bisogna
Di momenti di respiro rispetto all'aggressione di potere della sinistra quindi voglio dire non c'era neppure il riferimento a un momentino rovescia momenti belli e di queste esperienze
Noi avevamo creato invece il gruppo dei riformatori di coloro che volevano cambiare il Paese era il grande elemento innovatore quello cioè che esaurite alcune esperienze politiche
Niente alcune preferenze organizzative i cittadini si ritrovano
Per un'autonoma scelte tutti eravamo come dire un po'nuovi elettiva
Che rispetto a quello che ciascuno rappresentava per la propria storia anche oggi io vedo e lo vedo con una certa preoccupazione
Il ricostituire di vecchi riferimenti eccome cioè
Di fronte a questa situazione ognuno tentato
Tre di rientrare nel proprio guscio dove si sente rassicurato allora i socialisti cercano di ritrovare nella loro carta così vi anche gli altri talora non è questo il problema è di
E mettere un po'tutti gli esperti in questo Paese per diventare ognuno con le scelte che fa
Qualcosa di nuovo che deve poter operare rispetto agli obiettivi futuri e credo che
Punta di rammarico e alcune per questi progetti una cammino
Intrapreso con grande energia con grandi intuizioni anche di carattere politico si siano un po'signor però sito e questo che il rammarico che hanno tutti coloro i quali hanno creduto nomina
Di creare una nuova aggregazione di potete rispetto a quella precedente ma di mettere come dire l'Italia in cammino sulla strada una modernizzazione dovevamo
Come dire fatto il parco prima forme accetti tant'è vero che poi l'operatore di vista si pone sul terreno della come dire della fornitura di ieri che poi
Speriamo vengano recepiti
Beh siamo nato in un momento nel quale
Io in particolare il podio trasmessi agli altri avvertire la necessità di trasformarlo intese elettorali in un progetto politico
Abbiamo tenacemente costi continuato a fare il nostro lavoro nonostante quello che precede svolto
Sul piano diciamo più strettamente politico ma francamente io sono sempre convinto che una rivista di questo tipo ha ragione di esistere
Fino a quando è un metro avanti a tutti i partiti di riferimento il giorno in cui dovesse essere un mese un metro dietro al centrodestra e seguirli sostanzialmente non avrebbe più ragione di ieri
Avete certo questo questo queste che anche verissimo io volevo
Chiederti in conclusione un altro aspetto c'è un aspetto che forse non abbiamo toccato perché lo diamo per scontato per gli ascoltatori di radio radicale però in questa intervista
Pannella vi sistematizzato
Verrebbe da dire per gli ascoltatori di Radio Radicale per i lettori di ideazione ma per altri forse
Non va bene ma insomma per l'ennesima volta recuperarli ma insomma il
Questa sua idea del blocco sociale che è tema poi
Che voi avete affrontato ricordo degli articoli Tremonti sui sette milioni di partite IVA
Gli articoli sulla al fine di luglio dello stato sociale inteso in un certo modo
Documentazione utilissima per questa battaglia di idee aspetto ricordare che ricavammo proprio una riflessione molto approfondita cosiddetto ceto medio certamente certamente esatto mese altamente quel numero mi riferivo dove c'era
Mi pare proprio questo Ilario arrivavano i valori creano esatto
Quindi
Questo blocco sociale oggi riferimento di Pannella che dice ma in realtà questo però sta fuori
Dalla maggioranza è stata e sta fuori dall'opposizione non riesce a trovare
Il un linguaggio comune con la politica
Ecco da questo punto di vista visto che poi
Ci politica bisogna pur parlare di quello che ci succede intorno
Già ci sono le reazioni a quello che le agenzie hanno la hanno anticipato di questa intervista di Pannella dei
Di chi ha degli estensori diciamo così del quesito referendario
Che ritengono
Fondate le critiche di Pannella quando nell'intervista Quagliariello parla di uso strumentale del referendum da parte di alcuni e se la prendono con Di Pietro però dicono anche che in realtà
Il referendum è una soluzione che
In qualche modo garantisce la riforma cosa sulla quale Pannella è che si dice voteremo sì
Non ha affatto certezze invece proprio nel pomeriggio pochi minuti fa le agenzie battevano una la notizia il Capogruppo
Di alla Camera di Forza Italia Pisanu dice ma non ci resta che sperare del referendum schierando un po'forse una sua iniziativa maschera non può Forza Italia nel campo referendario
Il referendum secondo te invece cosa fa risolve i problemi oppure rischia in qualche modo di
Limiti di confusione in più nove ed io non sono dell'avviso questo referendum risolva i problemi credo però che questo referendum Yara come dire una cosa ulteriore spinta dal di fuori
Ad un Parlamento che soltanto in mente bloccato su questo tema cioè perché noi abbiamo un Parlamento il quale proprio nelle condizioni di non portare a compimento nessun tipo di progetto perché
In questo io una divergenza con Pannella perché è vero che la Costituente verrebbe costituita con il proporre la madre quindi riproporrebbe lauro divisione fra le varie forze politiche maledizione soprattutto per un dato
Che nel momento in cui sullo stesso tavolo
Sì gioca la governabilità del Paese attraverso la stabilità della maggioranza e contemporaneamente la riforma
Che non può essere posto sullo stesso piano della gestione ordinaria politica del Governo fino a quando resterà questo intreccio perverso dai non riusciremo
Neppure appare una cattiva riformatrice resteremo sostanzialmente bloccati e per i questa la crisi cioè non è che la prima ricerca attraverso i ponti che crollano imbarazzi che non reggono no Kluivert attraverso
Per
Nella potenza dell'acqua politica perché tutti sanno quello che essi dovete fare eppure
Tuttavia nessuno riesce a far nulla
Quindi questa situazione questa situazione io credo
Che dal referendum non può che avere una ulteriore spinta
Io
Sono contento che a questo punto noi avremmo bisogno di una legge più organica
Però per nessuno è capace di farla e allora il referendum serve perché come tu ben sai in questo Paese non ACAM dato nulla una consultazione politica generale hanno sconvolto cambiati i referendum tutti i referendum che poi sono stati
Capaci interferire anche sulle posizioni politiche dei cittadini italiani quindi che io che non sono entusiasta anche dal punto di vista tecnico
O che il referendum a proporre
Io tuttavia potere sì perché ritengo che unico modo per reagire fuori dal palazzo contro un paradosso che assolutamente incapace di svolge la professione per io ho finito
Noi siamo oggi sostanzialmente come ci trovano nel mille novecentonovanta
Novantatré quando cioè la seconda Commissione bicamerale non riuscì a raggiungere alcun risultato
E anche allora sopra avvenne il referendum oggi siamo di fronte alla terza Commissione che non ha raggiunto alcun risultato e sta avvenendo un referendum poi
Cioè la Corte costituzionale ci consentirà di votare o meno questo è un altro dato però comunque il fatto che ci sia un evento di questo genere io dico che
Mette in moto un meccanismo che non so quali effetti produrrà tuttavia nell'immobilismo generale e un meccanismo che impone una attenzione
Grazie grazie aveva prima non c'è dubbio che dallo stesso Pannella poi nella e qui la la divergenza Conte non c'è perché anche lui nell'intervista dice valida
Vedremo se io vogliono rimanere operano sul sbrigativamente noi rilevano la costa alla alla copertura alla Costituente senza dubbio invece sì c'è una
C'è una netta contrarietà devo dire per alcuni motivi può immotivato diciamo così il tuo consenso
Su un aspetto
C'è però o un altro aspetto che più spesso evidenziati però evidentemente lo ritiene in questo caso non decisivo
Un po'il ritorno alle vecchie appartenenze con un'elezione proporzionale sicuramente mente avremmo due liste socialiste quattro democristiani e quant'altro e poi ma insomma
Io volevo ringraziarti e concluderei con
Un'ultima un'ultima domanda che faccio proprio a a chi dirige una rivista di idee idee che poi in qualche modo
Dovrebbero
Travasare il sì attraverso percorsi diversi
Voi nei mezzi di informazione in più più diffusi
Il i giornali in cui i quotidiani settimanali allargati natura
Vuoi nei
Né i partiti politici nei luoghi di iniziativa politica ecco questo percorso secondo te
Lasciamo stare ideazione come riviste ma insomma l'elaborazione teorica di un della maggioranza come dell'opposizione come passa quali filtri
Trova che cosa si perde per strada e perché
Va RAI debba direttiva in questa fase
Credo una minore non una maggiore attenzione da parte del ceto politico e anche diciamo
Dell'informazione rispetto alla elaborazione culturale
Un tempo le cose andavano un po'diversamente oggi ce un fastidio rispetto alla elaborazione culturale perché come vedi
E tempo in cui non si riesce a svolgere una riflessione cioè e qui
Tutti corriamo a grandissima velocità con il rischio che ogni tanto si verifica che andare fuori strada
E il tempo di una riflessione non lo si trova non c'è neppure le attese certi partiti politici
Non sono più il luogo del dibattito il confronto e essendo venuto meno questa fede altre ma che sono nate ecco io credo che la piccola fortuna delle riviste di questo tipo se ho dovuto anche al fatto che noi siamo una sete modesta ma tuttavia una fede dove c'è il dibattito dove c'è selezione del personale dove
I giovani possono trovare un'occasione di incontro di confronto di approfondimento quindi io credo che sia difficile per noi riuscire poi attraversare sul piano squisitamente politico su quello che sosteniamo in fondo noi siamo in una penale nel quale abbiamo mettiamo a disposizione materiali di costruzione gente che poi
Vada a utilizzare questi materiali in effetti non ne vedo moltissimo però come dire
Siamo in transizione questa questo bisogna intenderlo sia da parte di chi fa politica da parte di tutti far riflessione ed anche i fiori sono sempre difficili talvolta
Che danno la sensazione di un tunnel che non finisce mai
Bisogna essere determinati nella certezza che esprimo politici Sheva fuori grazie suscitarci con si un po'di arricchimento io credo faccia bene a tutti che la speranza che quindi questo lavoro non sia a non c'è dubbio beh inconclusivo dei motivi di fondo il problema dei problemi
Fare in modo che
Un componente del popolo delle partite IVA virilmente riusare l'immagine di Tremonti sappia in qualche modo
Che ce ne sono altri sei novecentonovantanove mila e dispari insieme a tutti
E quello è quello l'aspetto che
L'aspetto generali spesso si perde che invece può avere grande rilievo politico il problema del terzo stato chi dice da me
Grazie Mennitti ingrandimenti verificazione grazie rotta
Questi dunque Domenico Mennitti direttore della rivista ideazione
Il cinque gennaio novantanove a Radio Radicale intervistato da Massimo Bordin la prossima registrazione invece dal dieci agosto due mila dieci quando Mennitti in quel momento Sindaco di Brindisi
Cospicuo nella sua città Palazzo Granafei una conferenza di Nessuno tocchi Caino di Marco Pannella sull'iniziativa radicale sul carcere giustizia priviamo il tutto a partire dal parole che Mennitti vuole pronunciare in quell'occasione
Buongiorno a tutti
Vi ringrazio per questa
Presenza saluto gli ospiti
L'onorevole Marco Pannella
L'onorevole
Elisabetta Zamparotti
Sergio D'Elia anche gli
Deputato il quale il Presidente dell'associazione Nessuno tocchi Caino
L'associazione che sta promuovendo in tutta Italia
Una serie di iniziative rivolta a constatare la condizione
Per le nostre carceri e quindi la condizione di coloro che vivono
Non soltanto come giustamente mi faceva notare qualche giorno fa saggio i detenuti ma anche coloro che operano insieme ai
Detenuti nelle
Quindi un problema sociale compresso importante di grande emergenza al quale
Marco Pannella da sempre tutti coloro che poi si sono susseguiti nella sua organizzazione
Dedicano grande interessa io voglio dire questo che
Come sindaco dalla città sono lieto di ospitare Marco nel Comune
Che io
Vi dico presiedo come Sindaco
E lo faccio perché questo è un Comune aperto a tutti noi viviamo in un clima
Di preoccupazioni politiche
Qui
Ci incontriamo tutti coloro i quali
Hanno qualcosa da dire e qualche
Problema da rappresentare qualche sentimento da comunicare verbali vedo avrete già notato anche dal punto di vista personale sono felicissimo tutti averlo qui a Brindisi
Perché noi abbiamo storie diverse ovviamente ma anche si sono spesso incrociata
Sempre
In una posizione dialettica qualche volta siamo stati insieme qualche volta
Con posizioni divergenti quello che ci lega io credo di poterlo dire e questo sentimento della politica intesa non come guerriglia personale
Che ogni tanto esplode ma come capacità di seguire alcuni indirizzi
Di comunicarli con chiarezza di verificare se le condizioni consentono di potere condurre insieme alcune battaglie ci è capitato ricondurlo insieme
In un momento in cui
Sembrava che la condizione del Paese non fosse più governabile e insieme nel novantaquattro salutammo
L'arrivo di un periodo nuovo poi come sempre accade questo aggettivo
Finisce con subire il logorio
Del raffronto con la verità con la realtà che non è sempre quella che tu sogni e che vorresti realizzare ma io sono
Proprio come dire particolarmente legato a Marco da un rapporto che anche di natura personale
Pure se nasce sostanzialmente dalla politica dai tempi in cui io nel ma si
Luino al partito radicale
Eravamo gli unici a parlarci quando in questo Paese in cui è accaduto di tutto accadde anche che vi erano preclusioni
Convenzioni secondo le quali
Non fosse neppure possibile consente discuta cinismo degli antifascisti nei confronti di tutti
Sei perché poi c'è sempre un antifascismo che riabilita il fascismo questo accade
Per cui voglia dire di averlo a Brindisi rappresenta
Veramente un motivo particolare in una giornata difficile voglio dirlo non c'entra nulla ma anche qui una giornata difficile
Che
Vive momenti difficili
Una persona che possiamo considerare non dicono nulla
Della
In questo Paese
Mi riferisco a Francesco Cossiga con il quale Marco per il suo verso io per il mio
Abbiamo avuto rapporti intensi
Anche lui di polemica talvolta spinta al punto dell'inimicizia ma anche di una capacità di ritrovarsi sui temi essenziali
Hai quali abbiamo dedicato gran parte dall'oscurità io non l'ho invitato ad oggi perché rendesse pubblici i miei anni
Io lo invita ad oggi perché lo avevo già invitato quando fu pubblicato
Il suo libero e volevo che venisse a presentarlo ma quel giorno quando ci mettemmo a parlare non so che cosa accadrà poi non ci è capitato più
Di incontrarci e quindi per me di fatto della presenza qui a Brindisi rappresenta un dato rilevante la politica
Non è stata sempre quella che oggi si rappresenta è stata anche come dire nella contrapposizione una capacità di riconoscere agli altri a quello a quelli che lo meritano che lo meritavano
La capacità intelligenza la forza di rappresentare le proprie idee e a dispetto nasce da questo
Ecco perché bisognerebbe che tutti tenessero a mente che il politica non si sollevano questioni morali si sollevano questioni politiche
Perché non è che
La moralità condiziona la politica e la politica
Che determinasse buona una modalità di comportamento altrimenti voi ci disperdiamo dietro i fatti singoli
E gli spettacoli che ne derivano non sono particolarmente edificante
Detto questo e ringraziando
Oggi per questa presenza ritengo rapidissimamente alla ragione della visita Brezzi peraltro Marco facendo
Una dichiarazione ai colleghi giornalisti della televisione la carta stampata ha già detto tutto perché poi
E fatto così per voi la mente questo è un dato obiettivo
Di una scarsa
Informazione la verità anche quando lo si incontra voi chi getta addosso tolto
Ecco per cui obiettivamente ha già
Detto I colleghi giornalisti quello che immagino dirà oggi adesso con la collaborazione
Dei
Due parlamentari che sono presenti e che svolgeranno oggi una visita presso
Il
Le carceri qui a Brindisi
Debbo dire che l'argomento obiettivamente e di grande rilevanza e uno
Di quei temi sui quali si misura
La
Civiltà di una
Nazione
E purtroppo come veniva già anticipato noi ci troviamo in presenza di un problema che in quarant'anni non ha fatto nessun passo avanti anzi ha fatto registrare
Passi indietro situazioni difficili dolorose certa nelle carceri c'è chi ha sbagliato però il problema è quello
Che
Bisogna garantire un livello di civiltà di vita a chiunque ripeto a coloro che sono le
Perché hanno subito sentenze ma coloro che sono lì per svolgere
Un'opera che soprattutto di rieducazione
Oggi
La delegazione
Svolgerà attraverso la propria presenza una indagine sulla condizione qui a Brindisi delle nostre carceri naturalmente tutto questo fa parte
Di un programma intenso che come sapete i parlamentari
Meridionali
Non solo meridionali comunque da qualche tempo stanno seguendo con molta attenzione e all'altro dandoci appuntamento ad una
Occasione successiva sai ci dice che poi coloro che fanno politica i riconoscimenti sono sempre posto e allora
Più più più si allontana e meglio è però ne possiamo continuare a vivere
Senza riconoscimenti ma ecco riconoscendo fra di noi
Questa capacità
Di battaglia politica e io sono stato particolarmente legato al mondo radicale prima
Quando nel Mazzi abbiamo condotto battaglie difficili successivamente quando poi ci fu quel momento di convergenza
Nel mille novecento novantaquattro dopo quando ho frequentato il Parlamento europeo
E quindi ho avuto una frequentazione intensa con loro e mi piace dire una cosa
Che sento e riferisco nel modo in cui sento come sapete capita a personaggi
Talvolta anche di ritrovarsi fuori dai luoghi ufficiali del santuario della politica io ricordo non farò il nome
Di un Presidente particolarmente astioso come si rivolse ammanco che protestava al Senato per
Una
Ritenuta mancanza di applicazione obiettiva della legge
E proprio tenendo presente questi atteggiamenti sono lieto di essere scevro
Da spiriti che non
Sono opportunità e non ratificano nel sono che non nobili dalla politica io ho sempre pensato a Marco anche quando su alcuni temi
Non abbiamo avuto assolutamente momenti di convergenza che per il Parlamento italiano
Avete fosse un arricchimento
Non averti era un problema per il Parlamento non parte che eventualmente non ci arriva io e te lo dico con grande affetto con grande amicizia ma anche con grande sincerità ci sono uomini
I quali andrebbero imposti in certi luoghi anche quando la volontà popolare talvolta non riesce ad esprimersi in maniera compiuta tu per me se gli uno di quelli
Essenziale alla politica essenziale
Positivo al di là di quello che sostiene un abbraccio
Allora l'onorevole
Grazie davvero Sindaco per questa
Non soltanto per questa accoglienza in questa prestigiosissima sala
Di Palazzo Nervegna
Ma anche per le parole che hai detto per insomma l'affetto che
L'intelligenza anche proprio del cuore con cui
Tu
Ci ai introdotto a questa
Conferenza
Noi siamo qui per sollevare una questione che Marco ritiene essere la prima questione sociale del nostro paese
Non solo quella del carcere che solo un'appendice di questa
Questione ma quella della giustizia
L'
C'era poco fa Arori ripeteva poco fa ai giornalisti in terzo della popolazione italiana si trova nella situazione che sia
Insomma autore il responsabile di un reato o vittima di un reato nella situazione di
Attesa di una giustizia
Che non arriva
Perché sono undici milioni di processi
Pendenti
Metà nel penale metà nel civile se si calcola che le parti in causa in un processo sono due forse più di due fatte di conti e del Consiglio d'Europa nella sua indagine a dire che appunto un terzo la popolazione italiana si trova
Negata la giustizia
Ed è un problema sociale
Che non può essere affrontato con
Processi brevi Marco ciò la sua proposta storica e ragionevole che è quella di
Volta rimettere in moto i tribunali a farli produrre non prescrizioni ce ne sono duecento mila l'anno ma sentenze
E quella di portare a regime un sistema che altri mentre è al collasso e nella proposta di un'amnistia generalizzata anti ma ne parlerà lui io voglio soltanto
Dirvi perché siamo qui perché in questa Regione e alla fine anche perché proprio per l'INPS
Nella classifica nazionale del sovraffollamento la Puglia e al secondo posto alla fine di giugno
I detenuti erano quattromila seicentouno bene duemila in più rispetto alla capienza regolamentare quella cioè per la quale si può ritenere
Come dire
Non trattamento disumano risorse
Fatto di stare in una cella in un carcere
Mai prima nella classifica nazionale se si calcola c'è un altro termine tecnico
Ce ne sono seicento in più rispetto a quella capienza che il Ministero definisce tollerabile
C'è da chiedersi per chi tollerato forse per il Ministero le sue statistiche non certo per i detenuti
E per gli agenti di polizia penitenziaria che io definisco un po'
Semiliberi o semi detenuti
Cioè sono quelli detenuto quando vai inserì nel
Semilibertà esce fuori il giorno per lavorare ci rientra in carcere sia da lì è all'inverso loro vanno il giorno a lavorare ritorno una casa spesso tardi dopo turni massacranti tasse
Ebbene ai primi posti del sovraffollamento ma la Puglia rischia di essere primatista anche su un altro punto
Quello delle morti in carcere dei suicidi in carcere
Sono già quattro dall'inizio dell'anno e siamo a Brindisi forse anche per questo perché alcuni giorni fa un tunisino si è tolto lo la vita
Sembra perché non gli consentivano di vedere i propri figli essendo stata arrestata la madre per cinque bottiglie di whisky rubate non so quante ne comunque aveva già tentato il suicidio un mese prima
E si è impiccato
Io credo che la Puglia non meriti questo triste primato anche perché si poteva evitare
Prima consiliatura al primo mandato di Nichi Vendola siamo nel due mila sei eletto nel due mila cinque due mila sei con una legge ad hoc Vendola istituisce il garante regionale per i diritti
Dei detenuti diciamo brevemente ma delle persone private della libertà
Quella legge prevedeva centottanta giorni entro i quali
Alla legge do scritta dovevamo seguire i fatti cioè i decreti attuativi di quella legge e la nomina del Garante
Sono era luglio del due mila sei sono passati più di quattro anni e questo non è
Avvenute io voglio bene a Vendola però io credo che sia inconcepibile inaccettabile
Che il Presidente Vendola il
Difensore dei diritti umani iscritto anche Nessuno tocchi Caino
Il difensore dei diritti umani e soprattutto degli ultimi
Il promotore della sinistra della libertà accetti che nella propria che la propria Regione sia privata cos'è il garante secondo la nostra impostazione
E garante non solo dei diritti dei detenuti
Ma anche di tutti gli operatori tutta la comunità penitenziale
Noi così lo concepiamo dichiara perché sia riportato tentato di riportare nella legalità è una situazione inaccettabile dilettanti
Perché
I detenuti e gli operatori penitenziari sono vittime della stessa catastrofe umanitaria
Della stessa illegalità
Che vige nel nostro nelle nostre carceri al nostro nel nostro Paese
Quindi questo è quello che noi chiediamo
E nell'attesa che le istituzioni si muovono e soprattutto la prima istituzione in questa Regione
Noi
Come si diciamo spesso dice Marco fai quel che devi accada quel che può
Io ho apprezzato il fatto che in questa città siamo anche qui per questo inaugureremo un circolo di Nessuno tocchi Caino subito dopo questa Conferenza al terminale si sia costituita un'associazione
In breve matti che a mente chiamata famiglie fratelli ristrette è un'associazione radicale
Con le famiglie con gli ex detenuti ce ne sono molte molti qui poi ci sono anche agenti di Polizia penitenziaria comanda il mio comandante stato con lui in carcere comandante Leo
Che io
Insomma un giovane che l'hanno costretto andare in pensione perché ha fatto i quarant'anni ma l'un per lui sarebbe rimasto
E io dico il nell'assenza dell'istituzione spesso il carcere se non precipita proprio nel baratro definitivo e grazie anche ad alcuni operatori penitenziari che hanno supplito alla mancanza
Dell'istituzione del rispetto delle leggi che quell'istituzione insomma
Ci sono altri agenti di Polizia penitenziaria possiamo dieci sono Guardie e ladri qui dentro o ex guardia o ex ladri
Io credo che vada apprezzata questa associazione perché cosa farà per Statuto tenderà a dare senso e significato a quell'articolo ventisette della Costituzione che parla di reinserimento
Dei detenuti mettendoci in proprio nel lavoro prima vita queste persone hanno sbagliato al nuovo sono finite in carcere
Ebbene oggi invece hanno deciso di impegnarsi perché dal carcere possano uscire
Persone diverse da quelle che erano quando sono entrato comunque consentire che siano Renzetti cosa fanno gli imprenditori e mettono a disposizione anche il proprio tempo
Quello che guadagnano oggi con
Perché sia possibile aiutare le famiglie detenuti l'assistenza legale
Alle ai detenuti o possibilità di dire inserimento io credo che vada apprezzato questo percorso che loro stanno
Tentando e alimentando io li ringrazio nessuna associazione
Opererà soprattutto sul carcere di Brindisi ma anche su quello di Lecce nelle carceri salentine per tentare di portare
Po'di attenzione e di umanità laddove
Le istituzioni non sono in grado purtroppo
Di di portare e di
E di garantire sono qui alcuni poi c'è anche l'avvocato Giovanni Battista cervo brevemente poi ci dirà due parole perché cura diciamo l'aspetto legale di questa di questa associazione centra Martelli
Renato De Giorgi che sono gli animatori di questa di questa iniziativa sì forse i giornalisti riconoscono perché in passato hanno fatto quello che fa oggi fanno cose diverse e credo che vadano valutati per quello che sono oggi e non quelli
Per quello che erano in passato
Va bene grazie
La linea
Io sono vostro
Libri vi organizzate voi gli interventi
Adesso prima di passare la parola all'onorevole Elisabetta Zamparutti voglio precisare una cosa
Peraltro è presente la direttrice dell'istituto penitenziario e la ringrazio per questa sua partecipazione voglio dire questo per quanto riguarda
La vicenda di Brindisi senza entrare in particolare qui è presente dirigente delle collaboratrici
Dell'ufficio servizi sociali del Comune che nelle condizioni di fornire tutte le notizie
Che eventualmente dovessero essere necessaria per esprimere una prima valutazione prego
Di sempre
Ma io ritengo estremamente opportuna
Questa iniziativa che
Mira fondamentalmente a ricordare al Presidente Vendola il tempo trascorso dalla scadenza di quei centottanta giorni giorni
Entro i quali avrebbe dovuto provvedere alla a designazione del garante per i detenuti e lo dico
Perché
è in fondo ottemperare ai propri doveri e i propri impegni espressione della capacità di di governo e credo quindi che sia importante ricordarglielo perché rispetto a al problema
A della comunità penitenziaria come noi la definiamo cioè l'insieme dei detenuti ma anche del personale
Penitenziario o avvenire un garante a venire persone che fanno un monitoraggio di quanto sta accadendo in questo mondo che è il primo forse a
Subire l'incapacità di governare le situazioni e i grandi problemi sociali del del nostro paese a a subirne
A subirne gli affetti noi abbiamo sentito da Sergio D'Elia qual è la grave situazione delle carceri pugliesi ma ha il problema appunto un problema
Nazionale che è come radicali costantemente
Poniamo al centro della nostra iniziativa politica ed è per questo che anche nei giorni di nel giorno di Ferragosto quest'anno compiremo una visita ispettiva molto molto ampia sull'intero o Piano
Nazionale visitando le carceri e i luoghi di
Di reclusione
Lo faremo ovviamente insieme ad altri colleghi parlamentari o Consiglieri Regionali insomma persone che possono accedere nelle carceri abbiamo
Ancora alcune decine di istituti penitenziari in cui non ha siamo riusciti
A trovare le persone che possano fare questa visita ma a abbiamo quest'anno ho voluto come dire estendere l'invito a a prestare attenzione al problema delle carceri
Anche alla sei e ai vescovi che sono gli ordinari diocesani preposti a a fare a compiere delle visite nelle carceri e la anche ci siamo rivolti ai magistrati di sorveglianza ai procuratori generali presso le Procure e i tribunali perché anche loro o si rechino in carcere per vedere appunto quale
La situazione in cui versano gli istituti penitenziari su questo fronte di questo appello riporta i magistrati di sorveglianza i procuratori generali
Già ci sono state alcune risposte dal Trentino Alto Adige dal e dal Veneto e e ci auguriamo quindi che l'appello che abbiamo rivolto non solo esponenti più politici ma ripeto anche
A autorità religiose e a a componenti la
Magistratura possano fornirci anche quelle risorse per potere coprire e monitorare la situazione in in tutte
In tutte le carceri
Le carceri d'Italia
Noi li per quanto riguarda la Puglia sono coperte praticamente tutte le carceri quindi ci saranno visite tra il tredici e il quindici agosto in tutti i carceri pugliesi
Con Sergio D'Elia Marco Pannella visiteremo oggi il carcere di Brindisi mentre invece nei giorni di Ferragosto ci recheremo in Basilicata in particolare nel carcere di Matera
Per per
Capire anche in Lucania sul fronte delle delle carceri quale qual è la situazione io vi ringrazio ringrazio davvero per questa massiccia
Partecipazione che ringrazio soprattutto soprattutto il Sindaco
Viale Giovanni Battista cervo
Lo si è ridotta
Allora un ringraziamento l'avvocato non lo ricorda eccesso accantonate paga sia chiaro
Un ringraziamento signor Sindaco alle autorità gentili ospiti è ovviamente un ringraziamento all'onorevole Marco Pannella indiscusso leader del Partito radicale
Anche un ringraziamento all'onorevole Sergio D'Elia che ed è segretario dell'associazione Nessuno tocchi Caino associazione ed è nota per le numerose e meritorie iniziative a favore della salvaguardia di
I riti umani
E che le stesse basti sostenuti
E proprio sotto l'egida dell'associazione Nessuno tocchi Caino sorge il progetto dell'Associazione famiglie fratelli ristretti
Che nasce dall'impegno di un gruppo di uomini che hanno vissuto sul propria pelle i disagi e le problematiche che immette inevitabilmente si trovano nel momento in cui si entra fa parte del circuito penale
E che dopo esserne usciti hanno optato per una scelta di reintegrazione sociale
Nasce anche dalla volontà di uomini sensibili a tali problematiche che affrontano professionalmente nella propria quotidianità e che hanno accettato insieme i primi di fare squadra per vincere questa scommessa
L'associazione farà sentire la propria presenza attraverso l'attenzione hai problemi che verranno segnalati l'ascolto aiuto legale e psicologico e contribuirà
A seguire i fratelli ristrette le loro famiglie del far valere i propri diritti
L'associazione animata dalla volontà di collaborare con le istituzioni ed enti con l'ambizione di rendere effettivo il reinserimento del mondo del lavoro e dell'economia legale di coloro che decidono di partecipare al nostro scommessa
L'Associazione si prefigge tra l'altro di monitorare condizioni di vita dei detenuti in istituti di pena assicurare assistenza di carattere legale e psicologica detenuti e le loro famiglie realizzare i corsi di formazione
Assistere la persona pelle degli interventi sedimento nel campo lavorativo anche con la realizzazione di cooperative altro genere di attività
Commerciali
Promuovere iniziative culturali sociali sportive e di spettacolo mirati al raggiungimento dall'affermazione degli scopi associativi combattere contrastare ogni forma di razzismo verso esseri umani
Promuovere forme di collaborazione con enti associazioni pubblico-privati soggetti singoli volte al raggiungimento degli scopi prefissi
Questi brevemente gli obiettivi che la nostra squadra sì prefigge di raggiungere
Consapevole delle difficoltà che potrà incontrare sul proprio cammino ma ben determinata a vincere questa scommessa
Io ho sentito i ringraziamenti va Valentino Castriota che si è adoperato per la nascita dell'associazione stessa
I ringraziamenti anche a Renato De Giorgi Presidente e Francesco Nardelli vicepresidente Segretario
Per l'impegno profuso i mezzi messi generosamente a disposizione a tal fine grazie quali oggi nasce questa nuova realtà in grado di donare un'alternativa a chi ha voglia di cambiare
Un ringraziamento particolare al Sindaco di Brindisi Domenico Mennitti da sempre sensibile attenta a queste problematiche sociali che ha reso possibile questo incontro
A Sergio D'Elia segretario dell'associazione radicale Nessuno tocchi Caino per il suo prezioso contributo il nostro referente presso l'istituzione parlamentare
Io a Marco Pannella che cito per ultimo proprio per tributari
Il massimo riconoscimento per le tante battaglie sociali parte della storia della nostra Repubblica nelle quali si è speso al di là dell'ideologia e che ne fanno anche per la nostra associazione indiscutibile punto di riferimento
Grazie
Va bene allora concludiamo questo incontro con l'intervento Di Marco
Forse
Sarebbe subito importante
Perché l'espressione ed è nota
Dal Sindaco
Da questo sì con questa storia
Con questa
Amicizie
Shimon venga diceva
Che
Le amicizie dico anche l'amore l'amicizia non è altro che Costanzo e dell'attenzione
Io ricordo
Deputato del Movimento Sociale
Che durante una delle Marra che maratone radicali giorno e notte e giorno e notte ramo Radio Radicale due
Chiaramente le trasmetteva
Ma allora moltissime
Vi ricordo dicevo stavo parlando
Roma inoltre
Avranno avuto quindici venti trenta persone sul rilievo il collega del Movimento Sociale
Che non per la prima volta ero venuto per partecipare al si estende poi anche parlando calde a quella maratona
è un errore
E
Posso anche dire che
Questa
Costanza dell'attenzione
Questo emiciclo in qualche misura quelli venuta anche solo personale ma in famiglia
Il completo
Della parola
E lui ha detto
Marco
Lamenti all'audizione
Si è un problema
Che
è straordinariamente
E qui normalmente si lamenta che
Le cose vanno male
Ci sono attacchi alla democrazia
Questo è il
Non si capisce dove ci sta andando
Quello
è colpa di tutto
Quell'altro io
Vincendo un po'delle elezioni determinando
Un esito elettorale con la Rosa nel pugno
Dicendo anzi si trattava di di
Decidere
A cosa fare ricorso
Sì soprattutto
A
Uno capace davvero ma davvero di tutto
Come nel linguaggio dei Paesi
Chiamiamo il nipote
Siamo qua bene simpatico stai attento atti accorto che le capace davvero capaci
Ma davvero di tutto
Si diceva poi dall'altra parte i buoni Cocea niente
Scegliamo un momento
I buoni casi evidenti e infatti la Rosa nel Pugno in quel caso fu determinante nel senso che l'Unione
Presidente un milione di voti in meno di Silvio Berlusconi
La Rosa nel Pugno imprese novecentocinquanta mila ma quattrocento mila
Come sempre
Ci sono determinanti perché erano vuoti di elettori di destra di centrodestra come in tutti i nostri usare
Dei diritti civili avremmo preferito votare per la Rosa nel Pugno piuttosto che confermare il voto al capaci davvero ovvero di tutti senza farsi spaventare
Eccessivamente devo dire dal buon mai niente ritmo
Che cercavamo invece di mutare
è un po'questa è la situazione
Ma credo che in ogni
C'è un problema premendo linguaggi
Tremendo
La lamentela sulla scarsa legalità scarsa democrazia
No
Noi abbiamo dietro di noi cent'anni
Con una parentesi
Di sei sette anni
Di partitocrazia
E quindi di antidemocratici
Quella del ventennio partitocratico la forma mono partitica no e corporativi stette riconosciamo
E
Subito dopo con la metamorfosi del male
Nell'anno scorso mettiamo la stella già
Un sessantennio
Partitocratico
Antifasciste quell'ATE Bottari
Prevedeva questo
Il ventiquattro maggio
I mutamenti successivo a piazzale Loreto
Abbiamo documentato
E diceva
Naturalmente
Adesso avremo
Riceva dopo le colpe responsabile di un suo vini che ha capovolto diceva esattamente la visione
Del partito della visione fascista
Adesso
Si continua si tornerà
Diciamo al regime
Al partito
Anche i fascisti Bottai il ventiquattro maggio
Dopo l'abbiamo messo sul
Negli USA del nostro
La peste italiana torneremo riprodurlo
Ed è accaduto questo
Soprattutto è accaduto quindi
Che dal mille novecentocinquanta cinquantuno cinquantadue cinquantatré
La Costituzione è stata distrutta
Ma nelle sue parti fondamentali nel silenzio
Degli intellettuali perché gli intellettuali erano i nostri compagni intellettuali di sinistra tranne gli azionisti per la verità
E la Sinistra liberale
E sono stati attenti
Al riproporsi
Della continuità attraverso le metamorfosi la banalità del male
Acquistando il linguaggio dei vincitori
Per riproporre sempre
Sensata
Questo sessantenne o
Che oggi dice partitocratico
Da tempo è fuori completamente compiutamente dal legalità
In Italia e la legalità costi ma dico vorrei parlare in corsi universitari in semplicemente fare degli esempi perché di questo si tratta
Quello che
Della legge scritta e vigente sono parti inessenziali qualche volta formalistica ma non meno
Quello che dice non è quel che è scritto
E quando si fa qualche scrittura se n'è parlato altre volte con
Anche
Francesco Cossiga
Certamente le meno recenti
Per la scrittura del fratello dirò dei fratelli Rocco
Diciamo un termine di tecnica
Giuridica
Quello che avevamo a Rafah
Con
Quando oggi ci dice
Che credo che
Io sento dire onestamente
Oggi
Che il nemico è geloso disattesi
Guardate io compreso come misura dei una prudenza che devo fare
Il fatto
Che
Io a nove anni dieci undici otto sette video con la scuola la Figlio della Lupa
E lei
Io in quel momento
Di massa
Di letizia di felicità alte grida
Proprio
Accadeva per altri motivi a boschi accadeva per altri motivi a Berlino accadeva per altri motivi altro valore
è una forma antropologica
Che si ripropone
A questo punto di vista
Ma quando l'altro giorno ho sentito dove
Da Radio Radicale
Dalla cronaca dirette del Parlamento
Un certo punto un ritmo
Molta
Ho
E
Quella debole per o subito detto Marco stai attento anche tu ancor
Silvio Silvio Silvio ho ricordato come DURC CEDU c'è ma il vero ma lo lo dico per vivere
Marco stati accorto
Apprezza guarda otto
Ma questo però è vero io
Proprio
Facciamolo provano a breve all'Istituto Luce eccetera quello che chiedevamo ragazzi delle in piazza Piazza Venezia ma un pochettino chiusa
No e in tutte le parti da eccetera radio
E c'era
Dolce dolce Silvio Silvio Silvio era questo il ritmo col vuol dire niente vuol dire tutto perché ero esplosioni popolari
Eppure Di Gioia organizzate però quanto strutturalmente organizzato
E quando sento che il sito che non
Non se ne rende conto
Nessuna loro e non lo sa io bambino adesso Parrello so bene vivendo come ho vissuto io so che allora
Sia accusata l'antifascismo di essere disfattista anzi
Si accusava quelle parti del partito che hanno più le liste no più preoccupante appunto vero interni disfattismo morto ieri
Preparandosi a reti unificate
A far leggere la legge anticostituzionale che è quella non c'è dibattito
C'è dibattito
Da tempo con gli oppositori che il regime si scese Tonino
Di Pietro
Come mai Santone
No
è scelto
Perché pesante così
In questo modo non sfugge un voto
Al regime nel suo complesso
Fra
Destra e sinistra
Tuttora è stato lì dentro perché lui toglie qualcosa da sinistra quegli altri tutto qua una cosa
Di una chiarezza
Direi quasi armonica se non fosse il fatto
Che i decreti Cossiga
Periodo disastroso in termini tecnici
Per circa la volta precedente senatori se Marco
Sull'emergenza
Vedrai c'ero più vigili tempo né voglia nemmeno sentir parlare
Credo che venga scritto qualcosa del genere anche del nostro rapporto
Ieri ho parlato con monsignor Paglia
Per il tredici quattordici quindici
Perché credo
Che come grazie dove tutto Giovanni Paolo secondo
Nella lotta contro lo sterminio
Per farne guerre del mondo
Questa iniziativa radicale
Ha trovato
Nella chiesa
Dico pratica
Ma nella chiede un sostegno patente ride
Oggi
Credo che
Si può fare il vigile della legge numero
Quando noi siamo andati per nel settantasei per la prima volta nelle carceri
Lì la legge
Qualche volte parlamentari che andavano
Ma per la verità per esempio
Ai ragazzi terroristi di destra
Né deputati né avvocati di destra
Normale del parco stanno male al Paese fanno male del partito
Due volte
Ci andava mono
Avvocati radicale
Terza posizione
Mica
Mi chiede
Ieri di questo
Per far digerire adesso
La legge dice che gli ecclesiastici
Che
I magistrati
I parlamentari gli eletti posso
Posso
Però per desuetudine
Se il tredici quattordici quindici
Invece accadrà
Che davvero ecclesiastici
Quindi eccetera
Naturalmente delle condizioni di discriminazione
Cioè quelli di altre religioni
Dal decreto
Comunque appunto potranno anche loro
Un mese questa visita
Simbolica questa ispezione simbolica
Beh avevo anche dei magistrati e ce lo auguriamo
Posso dire
Senza marcare l'ospitalità
Che
Da molti decenni inferiore quasi di Crollalanza
Al che gli sono mancati
Mi incontravo comma
Con magistrati
La
Emiliani
Che è un fatto
Che hanno
Rifornito almeno le Corti costituzionali io se mi si consente
La dottrina forse
Di quanto non di parlamentari
Soprattutto di una parte
Di tutti quelli che man mano conoscevo i magistrati operanti
Poi oggi
Sono stati sono
In Parlamento
Centoventotto
Ebbene non lo so io mi limito a prenderne atto
Scrive e dico qui
Mi sa che l'ho detto
Pinuccio Tatarella credo che tutti fanno il rapporto
Serio
E devo
Mi ha onorato
Firmata
Pinuccio Ferrarelle Massimo D'Alema sono state insieme
Andate in prescrizione
Io continuo a dirlo
Perché con
E perché è stato un giochetto
Senatori
L'attuale
Del gruppo di potere della magistratura
Varese
Derubricato
Prescritto
è
Essendo
Cosa vuol dire questo
Non sappiamo chi fosse il primo cioè per
Noi io so chi
Sia Massimo D'Alema
Punto e basta
C'è un sistema
Dobbiamo saperlo vedere crinale allora ciò detto termine appunto in Italia
L'angolazione questa per questo che noi continuiamo a Reggio
Ad una
Attenzione eccessiva
Che dura da quarant'anni
Nei nostri confronti
Quarantanove volte un'autorità garante
Come dire non nota per la sua
Forse imparzialità
L'Autorità garante per quarantanove volte di seguito a
Criticato sentenziato la RAI per il trattamento
Quale nei confronti dei radicali
Imperava coltelli
Più il loro
Giudica e più questa si conferma
Come la legalità vigente
Quindi nessuna lamentela
Ma semplicemente
Rendiamoci conto che noi dobbiamo
Lottare in una situazione che è molto vicina a quella del trentotto
A livello internazionale a livello
Del nostro territorio quando al G quattro di allora
Dalla dieci avverrà i rappresentanti del mondo democratico
Uscirò per il G quattro
A Monaco
Lasciando
Che
Gli altri due igiene Mussolini si
Mussolini apparissero un po'come
Torino e la pace europea
Trentotto
Hannah Arendt sottolineava che
Le comunità
Ebraiche
In Germania sì lo devono dopo ancora onorato di potere convivere con l'illegalità la violenza razzista
Noi stiamo conviventi concludo
Da molti anni
Prima per quel che riguarda lo sterminio per fame e sete nel mondo
Vorrei
è vero che Nichi potesse
Una reale di più su questo
Magari ne erano in futuro
Perché sì e no
Non trovo
Quindi questo abbia avuto abbia dato corso
Come dire
Parola
In più
Il popolo tedesco non ricevevano annuncio
Mo'cominciamo la Shoah
Non ce l'abbiamo
L'abbiamo avuto come ci diceva che l'anno prossimo saranno venti milioni di morti per fame DOCUP
E i tedeschi li condanniamo perché il popolo in effetti qui leggo infatti abbiamo l'annuncio è vero che i giornali e la politica ufficiale poi
Non mettevano in prima pagina che spero annunci pacifici
Abbiamo reagito
Adesso la realtà carceraria e
Da Shoah
Se ma la realtà della giustizia
è tortura oggettivamente non solo al quarantuno bis
Per i ragazzi che però per un mese è un mese di tortura
è un dato oggettivo vogliamo allora da dire io qui
Guarda caso dal par dal luogo della casa editrice di realtà la terza
Nel decennio
Crociate
Anche se poi
Quando si inventò la fandonia ignobile
L'unica rivendicata da un certo antifascismo come
Come possiamo rivendicare
Il Consigliere contro la legge truffa
Salvemini estorsore tutti
Erano per quella legge
E Sallemi mando alla terza
Un suo libro a favore di quella legge truffa tra virgolette la terza media dal pubblico
Stiamo attenti queste la peste italiana
Allora
Niente di peggio
Sì sia vittima BIT Ugliano nelle nostre coscienze
A ritenere innaturale come per i terremoti ed altro
No naturale Lori come orizzonte di morte
Attorno a nuove
In realtà quello diventa
Orizzonte vero
Dove c'è strage di legalità c'è strage di oppure
La democrazia reale oggi
Sta alla democrazia
Come il socialismo reale sarà
Questo il nostro modo di combattere
Allora
Grazie
Grazie
A Brindisi
Grazie alle compagne e compagni di qui
Grazie Presidente
Si facesse
Un tantino più attenzione anche in termini di linguaggio
Noi dobbiamo fare i conti con la realtà
Siamo dinanzi ancora
A un sessantenne quattro generazioni partitocratiche
Come quelle del ventennio sotto forma diversa
Ridendo solare con risultati molto più disastro
Senza confronto
Finiamo le conseguenze
Abbiamo il personale
Il fascicolo fu fatto tragico
Grande perché ci perché
Batte
Quell'idea
Quella strada che era poi quella del Risorgimento
Tutti i punti di
Oggi
La partitocrazia
Sta battendo quello che accade
A Silvio Berlusconi Silvio l'ultimo prodotto dal Versilia lui
Si era candidato Sindaco
Condono di essere quello dell'anti partitocrazia
Del partito liberale di massa le cose lo ricordiamo i primi anni Martino nuovi linguaggi o no la di mistificazione novantaquattro novantacinque
Forse è ancora all'inizio del novantasei era quello
Adesso
Qual è il problema in una crisi di un regime
La velocità della caduta
La forza del solo quella la forza di gravità
è una forte
La forza di verità
Nella caduta
Dopo i decreti Cossiga appunto quante volte con Francesco
Ieri ha detto monsignor
Paglia fedeli
No lo vedi
Siccome è stato
Ma semmai di abbracciano da parte mia
E di lì che non mi faccia lo scherzo di andarsene perché io ciò con lui quella promessa che voglio ve le consenta di mantenere di poterli portare le arance
Tutte le televisioni dappertutto eccetera
Non so ho detto che sia un esercizio
Ora non so quale sia notizia
Spero che monsignor Paglia pure fare
Il messaggio
Spero
Che non si sottragga in questo modo facendovi questo scherzo da prete lo che non apprezzo
Quell'altro
Fa scherzi del problema
L'altra gamba in realtà irrompe lettura
Su queste garanzie sia quelle che vengono da parte del
Processo
Consiglia
Da decenni
Tale
Speriamo
Lui per esempio sul problema delle carceri credo che ci abbia compreso
Forse lo è il dato a comprendere anche un po'
Quanto quella cosa che lui PC e disse
Io c'ho l'omino né nero dentro
Spesso solidale
Scritto nel libro ma lei con chi
Dei controlli GCT negli anni
Dice ma
Sì ma c'è un problema che tutti e due abbiamo l'omino Mulino Bianco
Il guaio di Marco sicché non troppo spesso lo meno bianco
Prevale
Ecco per dire
Cosa
Cosa posso dire
Brussa
L'altro il rischio sottocultura spesa che Capitini e nove
Crediamo
Profondamente
Nella compresenza
Diligenti e di morti
Credo che la scienza e prima o poi
Lì definitiva anche da questo punto di vista
Per venire
Speriamo
Chi
Non ci si
Rassegne convivere con la non democrazia in uno Stato non di diritto
In cui appunto
La peste di che ne
E preannuncia Regione
Qui c'era un topo che arrivava
Morire
Kanza
Qui abbiamo segnali terrorizzato
Quella ci sono anche sedici
Agenti di polizia penitenziaria suicidi degli ultimi otto anni
Di recente c'è il suicidio in un altro dirigente
Abbiamo
Io sono assolutamente sicuro che non può non esserci lì
La tortura
Alcuni direttori delle
I
Agenti
Credo che sia penitenziario sono anche loro sottoposti
La tortura hanno scelto come può succedere alcuni
Religioso
Uno sceglie
Di essere credenti e non certo modo e
E poi si ritrova magari comma vecchie storie Simoni quello soffre più di me delle cose
Beh appunto qualcuno che sceglie di fare
Questo mestiere prestazione questa produzione poi si ritrova
Al dovere di rendere
La tortura o meno
Meno brutto meno problemi
Avendo scelto invece di essere lì
Per garantire assicurare
Il ritorno all'innocenza
Assieme
Alla
Decisione delle leggi modo dei giudizi agenzie
Invece di fare questo è una tragedia di nuovo
E quindi spero che
Adesso intanto
Niki
E a me
Dura
Però insomma schiettezza
In quattro anni
Per non fare quello
Che ormai si sta facendo dappertutto
Trattato da per tutto
Bisogna stare attenti
Perché poi volta per tutti noi
Il rischio
Di Pesciarelli alla moralità
Al
Alla politica fare italica
è un passo
Troppo ardua da compiere
Quindi
Sotto
Auguri all'associazione
Auguri auguri auguri
Perché il giovane il settantuno enne
Consentitemi
Sono davvero felice
Vecchie storie l'ho già detto sono aperte
Ciò secco di dietro
Gli antenati bestie
Abruzzese cruccio tutte
Che venivano Baggio
Per ritornare
Il relatore
Trentennale
Sì ma
Una sola cioè io sono
Moltissimo quando sono nato io cioè
Approcci
Quindi non hanno i soldi
Infungibile tipo ma no non proprio no ci vennero
Prenderlo l'Abruzzo il Molise do per scontato
Che devo riconoscere che Torino sia proprio stirpe devoluzione
Desidero
E devo dire ci avesse in mente Michelon contadino abruzzesi
E non è nipote i procuratori generali
E Anna davanti
Come giudice ora l'emigrazione e poi c'è il
Consiglio Averna
Eccetera però
Già
Quindi
No ma poi il prezzo in Oriente Foggia tutta quanta di Pesaro ben presente
Poi da una parte e non la finiamo Manduria d'altra parte di Maurizio Turco dall'altra da parte vostra qua no no vano
Questa diciamo io credo
Realtà adriatica e appenninica poi in realtà
Lucrare
Il guaio
Invece vediamo in montagna
Insieme al professor
Per creare male
Non vi siano le più lunghe aperti grazie davvero
Era una registrazione del dieci agosto due mila dieci e con questo intervento di Marco Pannella pronunciato a Brindisi quando nel corso di una conferenza stampa la presenza del Sindaco di quella città Domenico Mennitti scomparso in queste ore
Ed è dirigenti dell'associazione Nessuno tocchi Caino illustrava l'ha proposta radicale pro un'amministrazione della giustizia è una situazione carceraria degno di un Paese civile concludiamo qui questo spazio di informazione e di riflessione