30MAR2014
dibattiti

Santa Malavita Organizzata - Presentazione del libro di A. Valle (Ed. San Paolo)

DIBATTITO | Castenedolo - 20:45. Durata: 1 ora 40 min

Player
Presentazione del libro di Annachiara Valle (Edizioni San Paolo) nell'ambito della 9ª edizione di "Castenedolo...

Incontra" appuntamenti per discutere di Politica e di Cultura.

Registrazione video del dibattito dal titolo "Santa Malavita Organizzata - Presentazione del libro di A. Valle (Ed. San Paolo)", registrato a Castenedolo domenica 30 marzo 2014 alle 20:45.

Dibattito organizzato da Associazione Culturale "Aldo Moro" di Castenedolo.

Sono intervenuti: Annachiara Valle (giornalista), Rita Borsellino (parlamentare europeo, Alleanza Progressista dei Socialisti e Democratici), Rosy Bindi
(deputato, Partito Democratico), Antonio Sciortino (sacerdote), Paolo Corsini (senatore, Partito Democratico), Pietro Grasso (presidente del Senato della Repubblica, Partito Democratico).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Associazioni, Benedetto Xvi, Beni Immobili, Borsellino, Calabria, Cattolicesimo, Chiesa, Comuni, Cosa Nostra, Criminalita', Cuffaro, Diana, Falcone, Famiglia Cristiana, Francesco, Giovanni Paolo Ii, Giustizia, Istituzioni, Laicita', Lavoro, Libera, Libro, Livatino, Mafia, Magistratura, Mezzogiorno, Milano, Ndrangheta, Nord, Parlamento, Puglisi, Regioni, Religione, Sacerdozio, Scuola, Sequestro, Sicilia, Societa', Stato, Storia, Stragi, Sud, Sviluppo, Territorio, Vibo Valentia, Violenza.

La registrazione video di questo dibatto ha una durata di 1 ora e 40 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

20:45

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buona sera a tutti e ben ritrovati
Anche a nome del presidente dell'Associazione culturale Aldo Moro
Il Sindaco di Castenedolo Giambattista crolli e di tutti gli associati
Porgo un caloroso saluto a tutti voi qui presenti ai telespettatori di Teletutto che ci seguono indiretta di super TV
E a coloro che ci ascoltano attraverso Radio Radicale
Per la rassegna Castenedolo incontra questa sera siamo lieti e onorati di porgere il più cordiale benvenuto e un caloroso ringraziamento al Presidente del Senato della Repubblica senatore Pietro Grasso
Che con la sua presenza un'ora il Comune di Castenedolo e l'intera comunità bresciana
Ringraziamo la dottoressa Anna Chiara palle
Per il suo
Graditissimo ritorno per l'amicizia e la disponibilità con cui è da sempre vicino all'associazione Aldo Moro
Scrittrice e giornalista di famiglia Cristiana direttore della rivista madre e autrice per edizioni stampa o uno del libero che presentiamo questa sera santa ma la vita organizzata
Salutiamo i gradito ritorno dell'onorevole Carosi Bindi
Presidente della Commissione parlamentare antimafia nuovamente ospita Castenedolo dopo la sua partecipazione
Alla presentazione nell'aprile due mila e dodici del libro di Aldo Cazzullo la mia anima e ovunque tu sia
Salutiamo l'onorevole Rita Borsellino
Europarlamentare del Partito Democratico e infaticabile testimone della lotta alle criminalità organizzate
Salutiamo don Antonio Sciortino
Giornalista e direttore di famiglia Cristiana per la prima volta graditissimo ospite dell'associazione culturale Aldo Moro
Il senatore Paolo Corsini
Già Sindaco di Brescia attualmente senatore del Partito Democratico e vicepresidente della Commissione esteri del Senato della Repubblica
Nel salutare e ringraziare infine il dottore Nicola Arana per tanti anni segretario particolare
Stretto collaboratore del Presidente Aldo Moro per l'affettuosa amicizia e la costante presenza lascio la parola ad Anna Chiara tale buona serata a tutti e grazie
Grazie a questa accoglienza grazie
Voi per essere
Venuti stasera si parlerà di legalità e quindi prima
Di cominciare a parlare proprio del
Del mio libro volevo che è un pensiero andasse da da tutti noi
A Gerardo D'Ambrosio che proprio oggi è scomparsa
La sua una vita dedicata appunto alla alla legalità compatta a combattere la corruzione
E qui oggi abbiamo
Abbiamo
Sentito dalla presentazione abbiamo politici abbiamo giornalisti
Abbiamo magistrati il senatore già Procuratore nazionale antimafia tutte persone che sono impegnate nella lotta per la legalità e contro la corruzione
Siamo parlando di questo libro Santa malavita organizzata io brevemente vi dico solo come è nato è nato dalle
Inchieste fatte proprio per famiglia Cristiana grazie al mio direttore don Antonio Sciortino
Che Cornara sua consueta sensibilità ha subito capito che era il caso di raccontare quella chiesa calabrese che si sta svegliando
Perché dopo gli anni in cui la Chiesa è stata silente se non connivente
Piano piano noi vescovi sacerdoti si sono resi conto
Che con la 'ndrangheta non si può venire a patti e quindi hanno cominciato a a fare i preti Ente quando i preti fanno i preti ce l'hanno dimostrato don Pino Puglisi siete don Peppino Dompé per Diana quando i preti fanno i preti la crimine Annarita organizzata non poche indietreggiare
Io vorrei cominciare questa serata dando la parola Rita Borsellino per averlo intervistata nel due mila e sei
Una intervista sempre per le nostre riviste della periodici San Paolo e le chiedevo proprio dei rapporti fra Chiesa e mafia in Sicilia
E lei mi diceva che forse c'era stata una chiesa che aveva sottovalutato le le cose mi raccontava dell'allora Presidente della Regione che aveva finito la campagna elettorale
In un noto Monastero siciliano con il Priore che di diceva io davanti a lei mi sento piccola piccola lei commentava solo davanti a Dio ci si sente piccoli piccoli
Quella è Presidente di Regione adesso e a Rebibbia dal due mila e undici condannato proprio per aver appoggiato la mafia
A distanza di tanti anni qualcosa è cambiato in Sicilia e in generale nelle regioni meridionali in questo rapporto
Mafie Chiesa
Ma intanto buonasera a tutti
Bellissimo trovarsi entrando in una
Ambientazione così bella e con tante persone entusiaste
Veramente bello grazie a chi porta avanti questa belle queste belle iniziative sì è vero oggi il quel Presidente e della Regione è in in carcere sta quasi per finire di scontare la sua pena ma è pur vero che in quella campagna elettorale fu rieletto
In quel già nel due mila e sei Salvatore Cuffaro nonostante fosse già sotto
Indagine nonostante avesse già un'inchiesta aperta su di lui fu eletto Presidente della
Della Regione Governo ancora per
Un anno e mezzo poi costretto a dimettersi subito dopo
Venne processato e condannato
Ho letto con un grande interesse ma devo dire anche con grande inquietudine questo libro con grande inquietudine perché mi ha fatto toccare con mano una realtà talmente pervasa da
Questo che sembra quasi una una bestemmia richiamare Santa la malavita organizzata e talmente pervasa alla vita della Calabria dalla presenza di questa malavita organizzata che si sente quasi o in
Pretende di
Governare persino le cose di Dio che quell'episodio che riguarda che riguardava Salvatore Cuffaro quasi quasi mi sembra piccolo piccolo davvero
Perché in Sicilia io credo che questo livello non si sia mai raggiunto è vero
La chiesa è stata per moltissimo tempo silente e già essere silente davanti a un fenomeno come la mafia come cosa nostra significa essere complici
Perché la mafia vive proprio di sì le emissioni nel silenzio e se questo silenzio lo porta avanti la Chiesa cattolica che dovrebbe
Condannare se creare
Non sono fatti ma anche pensieri come quelli di
Cosa nostra
Questo è già
Un un un bene dirla questo è già un legittimare della è un già valorizzarla in qualche modo significa fare proprio il suo gioco se poi ci sono episodi molto più concrete possiamo scavare nel passato arrivare ai famosi Frati di Mazzarino per esempio che erano quasi briganti essi stessi ma queste consuetudini di riverenza
Nei confronti dei capimafia non soltanto dei cappi nei confronti dei mafiosi
Perché persino nei quartieri persino nelle nei piccoli centri la Chiesa erario irriverente nei confronti della di Cosa nostra
Ma io credo che i livelli che si sono toccati e che ma questa è la cosa più grave si continuano a toccare
In Calabria forse così profondamente in Sicilia non si sono mai raggiunti
è vero che in Sicilia
C'è stata l'uccisione di
Di Padre Pino Puglisi quindi la Cosa Nostra è arrivata a uccidere un sacerdote e arrivata a e l'IMI dare quello che considerava un ostacolo considerandolo anche quasi un esempio negativo nei confronti di altri ma questo proprio perché la Chiesa siciliana
Avuto sempre questi sprazzi di verità vorrei dire ci sono stati sempre anche in passato e sacerdoti che comunque forse autonomamente
Ci sono ribellati a questo silenzio assenso nei confronti della mafia io ricordo che quando io ero ragazza bambina
A Palermo c'era un cardinale molto potente e peraltro che si chiamava cardinale si chiamava il cardinale Ernesto Ruffini
Ho sentito io ero scardinare il resto Ruffini dire la mafia non esiste ma poteva essere un ricordo Condi sì è un atto forze e quindi sbagliato sono stati resi pubblici non da molto tempo i documenti
Le lettere che con cui Ernesto confine faceva invece questa affermazione rispondendo al Papa Paolo sesto
L'episodio è questo
C'era stata una delle tante stragi di mafia all'ora la mafia né i mafiosi sia ma è vero si ammazzavano tra di loro perché
Cercavano il il predominio
Cercavano una stabilità proprio nello stabilire chi doveva essere il capo la famiglia che doveva
Governare comandare quindi c'erano molti omicidi c'erano stragi vere e proprie
Il la chiesa valdese aveva pubblicato un manifesto che aveva affisso per le strade di Palermo in cui condannava apertamente
La la la l'attività mafiosa l'azione mafiosa e le stragi che insanguinano Palermo il Papa Paolo sesto venuto a conoscenza di questo manifesto di questo documento chiese informazione al cardinale Ruffini dicendo ma che cosa è questa mafia di cui tanto si parla è il cardinale Ruffini e risponde ripeto è una lettera ormai pubblica al cardinale Ruffini e risponde
La mafia è un fenomeno criminale sotto controllo il vero pericolo da combattere e il comunismo
Quindi perché dico questo non è un fatto politico o partitico ma per uno evidenziare la sottovalutazione
Che si faceva allora
Si faceva da tanto tempo e si continuano a fare per tanto tempo del fenomeno mafioso davanti a quello che significava che rappresentava il fenomeno mafioso per una città soprattutto come Palermo perché era
Nella città che si esprimevano in maniera più violenta
Poi il resterà quasi ordinaria amministrazione ciò che accadeva nell'interno e la Sicilia nelle campagne e tutto il resto era il classico
Si ammazzano tra di loro quello che faceva sottovalutare anche alla popolazione il pericolo del fenomeno mafioso che veniva considerato quasi estraneo
Alla popolazione alla cittadinanza normale si ammazzano tra di loro poi però succedevano delle cose talmente eclatanti incitata pre occupare effettivamente anche le autorità in quel caso la la massima autorità religiosa come
Come il Papa
Nei quartieri palermitani però è vero che c'erano tanti sacerdoti che
Approfittavano diciamo così dei favo ho rideva Filosi quante chiese sono state costruite o ristrutturate con i soldi della mafia quanti oratori sono stati aperti grazie i soldi dei mafiosi
Quante donazioni alle chiese essi se si entrava nelle chiese soprattutto di certi bordi certi quartieri
Popolari era facile trovare un banco di legno come quelle che ci sono appunto le chiese con su una targhetta se si leggeva il nome probabilmente era un nome conosciuto del boss del quartiere del boss del due del rione
Era un fatto quasi normale che la Chiesa approfittasse tra virgolette delle donazioni dei mafiosi che avevano soldi lì regalavano alla Chiesa di cui loro peraltro
Dei cui servizi peraltro loro fruivano perché
I mafiosi hanno sempre frequentato la Chiesa le mogli dei mafiosi erano molto devote i figli frequentavano gli oratori
Quindi c'è da questo rapporto quasi di do ut desse tra la mafia e il il popolo e il popolo palermitano il popolo
Siciliano ma è pur vero che
Contemporaneamente ci sono stati sempre sacerdoti che come dici tu hanno fatti preti c'era vanno voluto fare i i preti per quello che significa questo Ministero cioè
Il se se tu sei prete avere mente non poiché condannare le attività mafiose perché sono violente perché sono impropri improntate all'egoismo alla sopraffazione al furto addirittura
All'omicidio e
Chiederanno vorrei dire più disgraziati perché poi erano file quelle che non ricevevano donazione che non ricevevano
E che vivevano comunque non intimidazioni talmente violente da preoccupati piano piano le cose cambiarono perché ma mano che la Chiesa si divise più
Chiaramente
In chi compiti posteggiava apertamente la mafia e chi invece la favoriva altrettanto apertamente perché non ci si nascondeva e non ci si vergognava
Nel due mila sei ripeto
Il riflettore di questo santuario accoglieva a braccia aperte Salvatore Cuffaro che chiudeva la campagna elettorale non c'era non erano cose che si facevano sotto banco
Ma ricordiamoci una cosa
Nel due mila sei c'erano già state le stragi di Capaci e di via D'Amelio che avevano cambiato profondamente la sensibilità della gente
E l'avevano cambiato a livello popolare non era stata una reazione elitaria di alcuni gruppi di alcune persone
Di alcune associazioni era stato una forte reazione popolare che aveva coinvolto tutti persino nei quartieri più popolari persino negli strati
Più semplici diciamo così della popolazione ma c'era stato già anche l'omicidio di Padre Puglisi
Nel due mila sei
C'era stato questo episodio gravissimo in cui per la prima volta la mafia aveva ucciso un sacerdote non sono nuove costeggiato non solo gli aveva fatto degli attentati
Non solo aveva approvato a delegittimarlo perché questa è un'altra arma che viene usato spesso non leggevo anche
Nel tuo libro spesso prima di arrivare all'atto più eclatante si trova a delegittimare la vittima
Si trova a parlare appara buttare fango si usa la macchina del fango appunto si prova a parlare del fatto che che ha delle donne che comunque e una persona e non
Non affidabile e a cui quindi non non non non affidarsi a non affidare neanche la propria religiosità
Quindi è chiaro che la situazione siciliana io parlo di Palermo però più della Sicilia e perché
Perché la Sicilia è divisa in due grandi zone la Sicilia orientale la Sicilia occidentale dove le cose vanno in maniera completamente diversa io parlavo di questa reazione popolare per esempio
Dopo le stragi del novantadue qualcosa che interessa soprattutto se non quasi esclusivamente la Sicilia occidentale Palermo e la sua provincia
Catania risente pochissimo di queste Catania è una città in cui la mafia e stata e vorrei dire continua a essere molto potente s'solamente nella sua
Nella sua provincia quindi sono mi rendo conto che sono due realtà che vivono lo stesso problema
Perché la 'ndrangheta la mafia sono profondamente diverse ma sono un problema molto simile come problema sono molto simile però sono due realtà completamente diverse la mafia la 'ndrangheta è completamente diverso è il popolo calabrese
E il popolo siciliano sicuramente il popolo siciliano forse perché ha subito anche
Delle
Tragedie più grandi diciamo più le stesse
Più eclatanti e più appariscenti ha avuto questa capacità di reazione più forte più e più coinvolgente e quindi su i dati comunque sono arrivati prima in Calabria tutto questo così come la 'ndrangheta peraltro che è molto frazionata e molto familistico già
E quindi una struttura completamente diversa da quella da quella della mafia anche la reazione
E stata frammentata anche la reazione isolata ci sono magari tanti gruppi tanti in realtà tante realtà importanti che nascono crescono si sviluppano ma che non riescono a fare rete
Allora vorrei dire
Che per per chiudere che quello che è successo a Palermo cioè che la reazione in qualche modo affatto sistema e per quello che è riuscita a fare sistema ha funzionato
E continua a funzionare in Calabria la reazione non ha fatto sistema e forse per questo non funziona ancora
Grazie
Volevo ringraziare anche il il Sindaco Giambattista crolli perché credo che a presentare un libro così che riguarda la Calabria ma presentarla in Lombardia sia estremamente
Illuminante lungimirante perché la 'ndrangheta e le mafie come abbiamo visto sono molto estesi anche qui al nord allora che un'Amministrazione comunale
Metta l'attenzione su un tema del genere significa anche in qualche modo porre un presidio civico acché la criminalità organizzata non si infiltra e non inquini
Più di quello che ha già fatto
Volevo chiedere alla Presidente della Commissione antimafia la prima riunione della Commissione è stata Reggio Calabria la seconda a Milano ecco qual è il filo che lega Reggio e Milano e la Chiesa anche qui cosa può fare
Buona sera innanzitutto e grazie ferree
Per questo invito sono contenta di ritornare tra voi sono contenta soprattutto di esserci PR
Presentare questo libro
Davvero bello molto documentato
Che vi consiglio non solo di prendere ma di leggere
Con attenzione
Leggerlo perché attraverso il racconto di singoli episodi di singoli fatti in maniera molto efficace cd scriverà drammaticità
Della Calabria
Che giustamente
Rita Borsellino metteva in evidenza anche
In concorso mettendo a confronto dalla sua Sicilia la sua Palermo
Una situazione davvero davvero drammatica davvero drammatica davvero tragica fine nel libro c'è scritto c'è un passaggio
Sui quali in Calabria si ha l'impressione di
Non trovare un punto di aggancio per poter risollevare la situazione
Ed è così e così per la drammaticità della situazione economico-sociale ma è così soprattutto per questa
Pene trazione
Della 'ndrangheta in ogni settore che appunto come molto bene nella premessa del libro Annachiara dice non
In Calabria è difficile distinguere il bene dal male
Idee ed è vero ed è così
Questa pervasiva pervasività che che che non risparmia nulla che non risparmia nessuno che tra la politica l'economia i rapporti sociali alla Chiesa appunto
Non si fa fatica a pensare quelle agendo libero che le cose che né Chiarla racconta siano vere sono vere
è vero che
Nel
Nel
Nel Santuario della Madonna di polsi si decidevano
Operazioni diritti
Di 'ndrangheta non solo in Calabria ma anche a Milano e nel resto d'Italia
è vero che è un prete dalla Calabria ad Africo viene a metà
A
Già nel lontano
Siamo negli anni ottanta
A tentare di scagionare che poi viene condannato per aver per il rapimento e per l'uccisione del figlio di un noto mobilieri Giorgetti
è vero che viene allontanato un prete che lo criticava
è vero che si nega al battesimo un comunista e non si nega al battesimo figlio di una ndranghetista
Sono tutte cose vere
Che si fa fatica a pensare che oscillano
E che non sono solo il passato sono anche il presente presente che ha fatto anche di una straordinaria reazione
Perché ci sono preti che fanno preti in Sicilia ci sono vescovi che hanno fatto e fanno i vescovi in Sicilia
Ci sono associazioni cooperative
Che rappresenta una possibilità di riscatto di quella terra ma
Anche loro non sono
Non sono impermeabili non sono necessariamente
In contaminanti
No
Ci sono
Cooperative sociali
Che subiscono il giorno dopo giorno intimidazioni e attacchi
E ci sono cooperative sociali che hanno avuto l'interdittiva antimafia per penetrazione di DD ndranghetisti dentro pentole cooperative fondate da preti fondate da vescovi
è davvero una situazione drammatica che non va assolutamente sottovalutato
Ed ha radici storiche molto profonde
Ne noi diciamo
Stato recente il
è recente il ricordo del centocinquantesimo anno dell'Unità d'Italia ma
Dobbiamo farla senza retorica comici invitava il Presidente della Repubblica
E qualche cosa abbiamo sbagliato nell'unire questo Paese soprattutto nei confronti del Mezzogiorno
E ciò che ha unito la Chiesa alla 'ndrangheta è stato
Una sorta di pregiudizio nei confronti dello Stato unitario
Ed è il modo con il quale abbiamo unito questo Paese
Così come ora non non faccio fatica a pensare ad una chiara questa cosa non agisce in maniera esplicita però
Che tuttora il consenso della 'ndrangheta e legato alla mancanza all'assenza dello Stato non i suoi magistrati nei suoi poliziotti insomma carabinieri
E Gatta la mancanza dello Stato che assicura lavoro sviluppo scuola Stati salute
Alle istituzioni diciamo no
Nella sua nella nell'articolazione anche regionale e locale
La politica è pervasa
è pervasa non solo è questo e constatabile dal numero di comuni di sciolti per infiltrazioni ndranghetista che superiore a qualunque parte d'Italia
La Locride a metà dei propri comuni
Scelti per infiltrazione ndranghetista la provincia di Vibo è una situazione drammatica
Cioè
Ma
Tutto questo come dire dentro
Una situazione di di assoluta
Sì la mafia difendendo quando i cittadini non vedono rispettati i propri diritti non possono che ebbe trovarsi all'idea che ci sia qualcuno che ci fa dei favori
A questo e li abituati prima una certa politica con una certa pratica clientelare ma poi questo è stato un terreno di penetrazione
Franchista molto forte e io
Io penso che ci sia qualche prete tuttora
Qualche religioso qualche associazione stato disciolto persino un gruppo di scout a Vibo Valentia per infiltrazioni ndranghetista
Ma io poi credo che ci sia
Che ci sia qualche prete che può dire ma insomma il fondo andrà anche da chi entra anche da questi ragazzi un po'di lavoro di Londra lo Stato non glielo dà
Questo è è
è un non
è una è così
Esagerando è chiaro in questo momento non esagerare neanche nel prete che
Che nel quartiere di di di di di di Bentivoglio
Si allea con la 'ndrangheta che di bruciare il negozio non esagera questo adesso è questo prete ancora parroco
Ancora parroco non è che sia
Ma
C'è ancora
Così come non non non non fa bene degli eroi Einaudi
Di preti e di associazioni che invece hanno avuto la forza di reagire
La forza della 'ndrangheta resta in Calabria anche se la 'ndrangheta in Calabria
Fa una parte piccolissima dei suoi affari
Perché in Calabria di soldi ce ne sono pochi
Un po'in sanità infatti quasi tutte le ASL sono state commissariate
Certo sulla Salerno-Reggio Calabria si sono accese delle luci e importanti fino che si sia fatto un ottimo lavoro
Ma è tutto fermo e allora i soldi si vanno a cercare dove sono
E per fortuna è passato il tempo nel quale incarichi in Lombardia ai prefetti e qualche politico capo di partito e diceva che qui la mafia non c'è
A mafia c'è
La 'ndrangheta in maniera particolare c'è
I lombardi
C'è e fa affari
E fa a fare in due modi
Continuando colla
Con con la violenza con le estorsioni
Con l'usura
Con la droga con il racket
Non è più la stagione dei rapimenti ha cominciato così continua a fare
I soldi qui e altrove
Così
Con il filone come possiamo definire illegale ma mai in modo più
Lo strumento più principale
Più diffuso con il quale
Andrà anche per penetrata in Lombardia come in Piemonte come in Veneto come in Emilia Romagna
Quella di riuscire a
Ma non c'è più l'amica minimi mica c'è più un'azienda mafiosa che si presenta ad un appalto c'ha un'azienda pulita che prende l'appalto per le
Ed è penetrata nell'economia legale e lo ha fatto con sistemi apparentemente legali o quanto meno che noi non siamo capaci anche per un insieme del nostro ordinamento che
Nel quale ancora non ci siamo dotati di strumenti adeguati
Credo che in questo il Presidente Grasso saprà
Intrattenerci
Forte o meno di quanto di quanto dovremmo in una fase come come questa
Ma
La crisi ha rafforzato
I poteri mafiosi perché loro sono gli unici che hanno i soldi è l'unica economia che non non è a stretto di denaro non conosce la stretta creditizia anzi riesce a rimediare alla stretta creditizia
E spesso la legittimazione che al sud e viene soprattutto dall'assenza di lavoro la legittimazione al nord dipende soprattutto dal sistema delle imprese
Le quali sono loro stessi che cercano il denaro mafioso pensando all'inizio di poterlo controllare
E i magistrati quando siamo venuti a Milano ci hanno detto e più come difficile combattere non Bertacche nasce dalla convenienza
Dell'imprenditore
Che va alla ricerca
Del finanziatore ed che deve riciclare il denaro che si è procurato con attività sporche e più difficile combattere quello metà di quanto sia difficile combattere l'omertà
Della che nasce dalla paura che nasce da dalle pratiche illegali
Ecco questo è un dato di fatto che cosa lega Reggio Calabria a Milano questo
Che la 'ndrangheta è capace di legittimarsi in quella terra di mantenere i rapporti primordiali legati alla famiglia rapporti di sangue
Ha il consenso di quella terra e possa stare nella modernità non solo in Lombardia ma in tutto il mondo
E sa penetrare ormai nell'economia legale essa presentarsi coccola faccia della legalità ecco
Che cosa può fare la Chiesa
Lei e e e qui cioè io
Penso che
Sicuramente la comunità ecclesiale in questa terra
Non ha vissuto in un vivere io penso neanche il rischio del negazionismo
Frittella
Insomma
Associazioni come Libera hanno molti molti iscritti in tutta Italia non a caso no
Cioè c'è una
Una consapevolezza una reazione a mio avviso molto forte pensiamo anche a tutto il capitolo dei beni confiscati della loro gestione
Affidata prevalentemente all'impresa sociale
Io credo che
Comunque in Calabria soprattutto nelle terre così difficili
Né tantomeno non possiamo fare né a maestri io lo dico sempre no
Non so se sarei capace di fare il Sindaco Calabria credo che anche un prete possa
Interrogarsi sì
Potrebbe essere in grado di fare il prete in quella terra molti lo hanno fatto venendo da altre parti d'Italia e anche vescovi come ben sappiamo
Però non è la stessa cosa non è non non
Non sono paragonabili situazione siccome noi non possiamo chiedere a nessuno di fare gli errori ma dobbiamo creare le condizioni perché ciascuno faccia il proprio dovere
Io penso però lo dico davvero con
Io ancora soffre un po'quando sento dire da qualche vescovo che
A polsi non non c'è pericolo di infiltrazioni della 'ndrangheta
Non è possibile
E
Siccome c'è stato chi ha detto quest'anno non si fa la processione perché la processione
Una occasione nella quale egli ndranghetisti porta non è stato del Santo ed è una Madonna si fanno si legittimano di fronte al Paese
Se la festa che va dall'uno al tre settembre a polsi è un'occasione nella quale gli ndranghetisti vanno a rigenerarsi davanti alla Madonna
Io capisco che la Chiesa non può chiudere le porte a nessuno
Però
Le parole di Giovanni Paolo secondo le parole di Benedetto quindicesimo i documenti dei vescovi
Le parole del Papa l'altro giorno quando siamo andati con le vittime di mafia no eravamo lì
Cioè il pentimento disperdono e l'accoglienza nella chiesa
Ha come presupposto
La voglia di cambiamento dista la volontà della conversione
Vai non peccare più non è uno scherzo
Quando ti danno una soluzione prima prima ti chiedono se c'è sia i peccato con deliberato consenso e
Volontà
Poiché non ci danno la soluzione più chiedono di non tentare più
Io penso che
La chiesa non può permettersi di abitare nella zona grigia ecco questo lo dico con molta non può permetterselo
E io qualche volta mi chiedo anche se è zona grigia quella nella quale uno è indifferente collabora un po'siccità e dall'altra parte
Perché qui l'alternativa entrambe nel male tra la vita e la morte e tra legalità e illegalità
E tra la giustizia la dignità della persona e i il
E la soppressione della persona umana è ammesso la zona grigia è ammesso convivere
è ammesso pensare che
Ripeto si possa tacere
Io non credo questo vale per tutti
Badate se in questo Paese i poteri criminali mafiosi sono ancora così forti nonostante tutto quello che è stato fatto
Nonostante tutti quelli che sono stati messi in prigione nel bravi magistrati dalle forze dell'ordine ma se sono ancora così forte così penetranti
C'è troppa gente che si gira dall'altra parte
C'è un Paese nel quale c'è una legislazione che riguarda la corruzione l'evasione fiscale il riciclaggio che ancora supportata perché deve sopportare un'altra zona di illegalità che magari mafiosa non è ma che è il presupposto l'anticamera
E comunque ci crea la
La la sopportazione ci si può vivere insieme
Sapete quando si confisca dei beni
Dei mafiosi e non ce n'è uno che non abbia un voto di una banca
E ti domandi ma perché se ci andiamo noi prima di darci fascicolo Asciano come calzini
E questi qua hanno comprato appartamenti mandano avanti attività economiche tutte finanziate dalle banche ma non dalla banchetta della 'ndrangheta che è stata in questi giorni sequestrata
Il Lombardia dalle grandi banche nazionali
Tali loro agenzie e filiali locali
Ma e un notaio quando registra una cosa non si accorge di niente
Un commercialista folta dall'altra parte
Un avvocato non sa distinguere la differenza tra di chi fa il diritto alla difesa che tutti hanno e la complessità
In questi ultimi tre anni sono stati condannati per partecipazione assieme all'associazione mafiosa non dico in via definitiva ma il primo il secondo grande almeno una trentina di avvocati
E cioè la domanda è ma
Dove stiamo
Se ha un potere così forte che ormai penetra ovunque
Forse
Le sentinelle per poterlo respingere devono essere molto di più
E mi e molto più sveglie
No ma la reazione comune quale ma non è mica lo siamo
Ma quindi che esce
Ma io mica ci faccio affari
Ecco se vanno avanti così
Allora io penso che
E lì il libro di Anna Chiara dice con chiarezza
La chiesa
Prima di prima di tutte le altre istituzioni di questo Paese penso alle parole del Papa
Riconvertite
Cambiate in vita pentiti devi
Siccome io credo che Fancello c'è scritto che le prostitute l'ATC precederà nel paradiso chiuso disposta scriverci anche i mafiosi ci procederanno intera dice se si pentono essi converto
Abbiamo una incontrare sulla loro strada una chiesa che fa la Chiesa
Come devono incontrare una politica che fa la politica come devono incontrare le banche che fanno le banche imprenditori che fanno imprenditori professori che fanno i professori i giornalisti che fanno i giornalisti
E a proposito di questo
O il Governo fa un decreto sul quattrocentosedici ter
Che trova il consenso anche dei magistrati
Pongo o per quanto mi riguarda e lo si approva così
Perché andare ad un'altra tornata elettorale soprattutto di amministrative senza aver disciplinato il voto di scambio mafioso significa mandare un altro segnale di disponibilità alla mafia e questo non ce lo possiamo
Ora
Rosy Bindi richiamava le parole del Papa proprio di qualche giorno fa
Ecco dopo le parole di Papa Francesco convertiti ma convertite livello chiedo in ginocchio ci sarà l'inferno se non vi convertite vuol dire che la Chiesa a deciso definitivamente dove stare questo che conseguenze porta con chi ancora è un po'nella zona grigia
Intanto buona sera a tutti
Grazie a una chiara per vi invito a presentare questo libro ma leggendo l'ho ritrovato tanto materiale che avevamo scritto in questi anni e tante figure che avevamo intervistato preti soprattutto sulle nostre riviste
Il rapporto tra chiesa mafia un rapporto che va approfondito perché abbiamo avuto tre passaggi da
Zone grigie zone scorre però io credo che
Oggi bisognerebbe essere riconoscenti a Papa Francesco non sono per rinnovamento che sta facendo e della Chiesa per questa scossa che sta dando alla Chiesa
Ma bisognerebbe esservi riconoscente per quel gesto che ha fatto
L'altro giorno nella chiesa di San Gregorio VII a Roma
Per la giornata della memoria
Dove vantato per ricordare pregare per le vittime della mafia e della malavita organizzata
è una presenza storica
La prima volta di un Papa ad una cerimonia con i familiari delle vittime della mafia
è una presenza che è servita risvegliare le coscienze mai seguito soprattutto a dire con chiarezza da che parte sta la Chiesa cominciamo a dire da che parte sta la Chiesa
Ed è stato anche permettetemelo di dirlo anche un riconoscimento dovuto a don Luigi Ciotti e alla sua azione perché
Don Luigi Ciotti non sempre è stato da incorsi peraltro nella chiesa spesso è uno dei tre preti addestrata ammesso ai margini
Messe margine questa presenza del Papa davvero ha preso la periferia e l'ha riportata al centro la riportata al centro l'opera
Che don Luigi Ciotti a affatto continua a fare anche con l'associazione
Dovunque e comunque
Perché non penso perché proprio a tutti i suoi problemi all'interno quello per l'accoglienza
Lo conosco bene so quanta sofferenza avuto avuto dalla chiesa don Milani diceva un prete deve mettere ma un cristiano del mettere in conto di soffrire per la Chiesa
Ma non mette in conto di dover soffrire Dalla Chiesa e don Ciotti e molta passione ha sofferto non solo per la Chiesa ha sofferto dal Dalla Chiesa
Ma questa presenza
Ci ha richiamato davvero
Una una appresa un cambiamento io credo che ci sia un cambiamento che è avvenuto seriamente nella chiesa
Perché le parole che ha detto Pata Francesco sia pure con un tono pacato
Con un tono così un po'senza senza l'urlo che aveva avuto Giovanni e Giovanni Paolo II nella Valle dei Templi però ha detto delle parole precise dura il vostro potere ex-ante in atto
Per favore ve lo chiedo in ginocchio convertite Vernon fatte più il male
Perché c'è l'inferno
E ci ha fatto rivivere sia pure con quello stile pacato per la quel tono invece
Forse di Giovanni Paolo secondo giorno prima
Della incontro la Valle dei Templi vantato incontrare i genitori del giudice Livatino forse da questo detenuto la forza per cui abbraccio abbandonato il discorso è affetto con le parole un vero e proprio anatema nei confronti della mafia
Dio ha detto una volta non uccidere non può l'uomo qualsiasi uomo qualsiasi umana agglomerazione la mafia non deve non può cambiare calpestare questo diritto Santissimo di Dio
Lo dico e responsabili convertito ieri una volta un giorno verrà il giudizio di Dio
E devo dire che anche
Benedetto sedicesimo sia pure come il suo tono un po'dottorale giovane di Palermo ha detto di non cedere alle suggestioni della mafia che una strada di morte
Parole
E contarne abbastanza mette da parte della Chiesa però non bastano
Non bastano perché non sempre la Chiesa soprattutto negli anni passati ha saputo dire parole e ha saputo dare contarne con altrettanta nettezza
Chiarezza e coraggio io dico anche profezia
Lo stesso don Ciotti e nella vendita di preghiera per la giornata della memoria
Ha messo in evidenza io butto riconoscere
Che di fronte alle persone cui le mafie
Bisogna dire le mafie perché bisogna parlare anche di corruzione bisogna parlare di illegalità hanno tolto la vita e ad altri a cui hanno tolto
La dignità alla libertà alla speranza quello che lui definisce i morti Filippi ecco non sempre la Chiesa ha avuto parole di verità
In passato sono parole di don Ciotti che peso hanno e purtroppo accade ancora oggi
Non sempre la Chiesa ha mostrato attenzione a un problema antico dicono sia norme i risvolti umani e sociali
Ci sono stati i silenzi ci sono stati resistenze ci sono state sottovalutazione eccesso di prudenza parole di circostanza ma per fortuna poi aggiunto
C'è anche tanta luce
Cianca tanta positività
Questa luce questa possibilità io l'ho ritrovata in tante delle figure che vengono descritto e che ritroviamo
Figure di parecchie di religiose anche Soru e che ritroviamo descritte in questo libro utili Anna Chiara
Sacerdote che hanno messo mettono a rischio la propria vita perché vengono fatti oggetto non solo l'ottica l'ultima ma soprattutto di intimidazione di attacchi
Questi prezzi e queste religiose che fanno parte di questa luce di positività hanno un po'risvegliato la coscienza civile la coscienza cristiana della gente dei giovani in particolare
Ma soprattutto hanno denunciato che non ci può non può essere comunque non c'è compatibilità tra il Vangelo e le mafie
Questo bisogna affermarlo con chiarezza e con nettezza
Nel libro si parla della Calabria si parla della 'ndrangheta si parla in modo particolare di figura di religiose ma il discorso andrebbe allargato alle altre Regione andrebbe allargato a tante altre figure di Tretti del del sud
Qualche emerge che bisogna essere
Ancora più netta di nel denunciare e nello stroncare qualsiasi forma di strumentalizzazione della religione
Le mafie ne fanno tante di queste strumentalizzazioni e della fede processione altre
Ogni tanto vediamo le immagini e quanto viene preso qualche
Qualche boss mafioso nei bunker vediamo che nei bunker hanno degli altarini hanno le statue della Madonna hanno destato infine gli hanno pure delle copie della Bibbia hanno copia tenuta del balzello
Beh non non c'è non hanno nulla a che fare con la con la fede non hanno nulla a che fare con la religione
E bisogna anche condannare quella compiacenza quella connivenza che spesso manifesta qualche religioso qualche prete nei confronti di queste da di questa commistione
La Chiesa non solo non non può e non teme tollerabile questa commistione
Ma non teme minimamente dare l'idea che sia possibile accostare il Vangelo alla cultura mafiosa né malavitosa
Così come fa stroncata ogni forma di partecipazione ostentata nelle cerimonie religiose nelle processione
Nelle feste dei Santi Patroni da parte di notti appartenente alla famiglia a famiglie
Della malavita organizzata uomini della camorra uomini della 'ndrangheta che si inginocchiano davanti alle statue della Madonna e dei santi
O nei santuari eccome continuano tranquillamente a delinquere continuano tranquillamente a uccidere ogni giorno
E bisogna dire con altrettanta chiarezza e quinte basta come posizione un pochino ovattate
Che non siamo semplicemente di fronte a una forma un po'distorta di religione no siamo di fronte a una brutale e devastante brutale devastante rifiuto oggettivo
Siamo di fronte a un fraintendimento Zendron reale forte della vera religione
E molti documenti e deve esporre in questi ultimi anni questo viene detto con molta chiarezza
E bisogna dire che
Le mafie sono strutture di peccato e di conseguenza bisogna tagliare qualsiasi fonte qualsiasi legame tra le chiese e le culture mafiose
Non c'è il nulla nel Vangelo a cui i mafiosi possano richiamarsi se non quello che diceva prima la vinte convertirsi e tornare a un'altra vita
Chi semina morte offerente Dio
Non è un uomo d'onore bisogna dire con chiarezza sono uomini del disonore
Non si può essere Gregotti alla Madonna i santi e allo stesso tempo e allo stesso tempo mafiosi
Ma soprattutto io credo che
Bisogna impegnarsi tutti
A costruire
Qualcosa di alternativo non è un problema che si può sconfiggere semplicemente con la repressione
Io credo che bisogna offrire modelli alternativi a questa cultura della rassegnazione alla cultura per la violenza la cultura dell'usura del pizzo del lavoro nero
Occorre partire dalla formazione
Bisogna partire per l'educazione che ciò che maggiormente tengono i mafiosi perché vogliono essere loro educare le nuove generazione in quel Brotto in quella cultura mafiosa
La 'ndrangheta viene detto nel libro la si combatte sui banchi di scuola la si combatte in chiesa
Imparato comportamenti virtuosi ente dentro che si faccia un uso simbolico della religione
E questo è quanto hanno fatto don Pino pugliesi e questo è quanto ha fatto pompetta Diana
Che non sono stati degli errori facevano come si diceva prima facevano i prefetti hanno cercavano di educare i ragazzi soprattutto erano fedeli al Vangelo cervelli al alla Chiesa
E quindi che
Credo che sia importante agire anche sul territorio perché bisogna finirla con questa cultura del favore
E bisogna
Spingere le persone a riappropriarsi dei propri diritti non favori diritti
E quindi occorre costruire speranza com'era lo slogan di un importante convegno che le Caritas avevano fatto in Calabria
Nella postfazione di questo libro monsignor Bregantini pizze ora tocca a noi
La Chiesa per essere vigilante deve contribuire a togliere alle mafie quella considerazione sociale che è tutto per questa radice del male questo cancro sociale chiamiamolo col nome
Oggi
Questo è un richiamo che don Ciotti fa anche politici oggi occorre è necessario uno scatto
Occorrono politiche e sociali occorrono posti di lavoro occorrono intesti mentre sulla scuola occorre soprattutto ridare alle persone ridare speranza e dignità
Occorre una politica che sia davvero un servizio in vista del bene comune grazie
A questa legame nato assunta Pasimeni di Serra
C'è un'omertà per paura al sud sono nata per convenienza no vecchi tagliando dizione
Apparato azienda storico da politico e da cattolico ai partendo proprio
Cioè quella che
Alletta lesiva
Beh innanzitutto questo
è un libro che assume
Nelle intenzioni dell'assuntrice molteplici valenze
Innanzitutto il gesto d'amore di una calabrese per la sua terra
Con qualche
Come dire il sentimento di rimorso
Tu dici Anna Chiara nutrivo più in Calabria quasi il sentimento di una nostalgia del dolore di un ritorno
è un libro che è espressione di un risentimento e di un indignazione civile
E infine un libro che mette in luce
Il valore dell'ispirazione religiosa cristiana
Ecco direi questi tre significati
Oltre naturalmente alla denuncia dei riscontri di vicende che qui sono stati ampiamente richiamati
Tu dicevi sotto il profilo storico direi tre valutazioni la prima
Le modalità della formazione dello Stato nazionali in Italia
E come
Tutti gli storici hanno osservato l'affermazione di un modello come dire spagnolo qui in seconda fila c'è il senatore contorno che
Nel pubblico di Castenedolo conosce perché
è stato presentato un sub di Cimoli pro sul memoriale la Repubblica che
Essendo di origine spagnola in sé non modernista conosce meglio di me questa vicenda
Però non c'è dubbio che anche per quanto riguarda il ruolo della Chiesa
C'è uno studio di Borzonati Checcucci per quanto riguarda il ruolo la Chiesa il giudizio che la Chiesa dai sulle modalità di formazione lo Stato nazionale unitario nel nostro Paese l'appoggio al San sedicesimo
L'atteggiamento Dalla Chiesa reazionaria di fronte alla Costituzione allo Stato nazionale incidono su questa vicenda
E c'è una seconda considerazione
Una terza considerazione
Che mi pare emerga nettamente da questo libro
Nella storia italiana c'è un rapporto fortissimo tra
Lo sviluppo nella vita civile e la crescita della democrazia e l'esperienza di un'autentica vita spirituale e religiosa
La vita spirituale e religiosa non è un fatto che si
Come dire sperimenta nell'interiorità esclusiva dalla coscienza una sporgenza sulla vita pubblica sulle sue modalità di organizzazione
Laddove la vita religiosa di ispirazione cristiana e debole ed è gracile e grazie della democrazia
La storia bresciana credo abbia come dire moltissime confermai insomma da questa da questa valutazione
C'è un ulteriore dimensione del problema che Anna chiaramente in luce ho scoperto leggendo questo libro
Che 'ndrangheta mi ero sempre domandato ma da dove deriva questo termine
Deriva dal greco 'ndrangheta e a nero ragazza ossa l'uomo buono l'uomo buono l'uomo favoloso tradotto testualmente dal greco
E all'origine di questa denominazione c'è l'affermazione di un mito che tuttora dura ed è un mito di legittimazione dei poteri criminali siano essi mafiosi camorristici o ndranghetisti
Del resto Anna Chiara ritorno alla storia spagnola Almiento
Di osso Mastro osso il calcagno sono i tre nobili francese spagnoli che lascia la loro terra per
Per vendicare l'onore
Perduto di una loro congiunta entrino arrivano in Italia è fondato la mafia la 'ndrangheta e la camorra sulla base di quale presupposto
Che queste tre società perché sono società che esercitano peraltro un prete condomini un primato una signoria territoriale in sostanza sono società di protezione
Sono l'antistato che si contrappone allo Stato che non protegge
Quindi
C'è come dire una una prospettazione disse un processo di affermazioni identitaria che tende ad avvalorare questa dimensione
Che tra l'altro si avvale di un ulteriore fattore
Che
Nella società secolarizzata laica potrebbe sembrare come dire secondario
La 'ndrangheta contende alla chiesa lo spazio religioso lo spazio della fede
Non è un caso che è fortissima la dimensione del rito del sacrificio l'andrà anche tale cessante poter Fici alla sua liturgia il battesimo la pungi Tina
Ha diciamo così santista l'evangelista le figure no della gerarchia ndranghetista
E quindi non c'è dubbio che la Chiesa per subisce una sfida un attacco che proviene
Da una cultura release
Lo sa neopagana è paganesimo
E quindi la sottovalutazione o la tolleranza nei confronti di questo fenomeno non incide semplicemente sullo sviluppo di relazioni democratiche e civili
Ma incide sulla stessa credibilità della Chiesa come istituzione di testimonianze di profezia
Di festivo ogni anzi di profezia
C'è un'ulteriore considerazione che viene spontanea e l'altra mattina io ho seguito naturalmente le prese di posizione di Papa Francesco questo gesto straordinario di prendere per mano don Ciotti ho molto apprezzato
Il padre che mi ha preceduto che ha fatto una presentazione tutta positiva di don Ciotti
Ho seguito naturalmente l'intervento del Papa la l'accorata perorazione
Il Papa si allinea una storia di una presenza religiosa di assoluta credibilità Monsignor Domenico Sorrentino monsignor Bregantini don Italo Calabrò che don Milani del sud
Il bresciano Fidelity o numero Giacomo Dole Giacomo Panizza che lavora in Calabria
Sono molto orgoglioso che un bresciano renda questa testimonianza un sacerdote bresciano
L'altra mattina però ho partecipato non all'udienza non è stato un'udienza non c'era nessuna mondanità nell'incontro
Alla messa che il Papa celebrato per i parlamentari
Si potrebbero dire molte cose ma
Il Papa ha detto una cosa straordinaria
Dopo aver teorizzato la differenza tra la dialettica dalla libertà e la dialettica necessità a un certo punto il Papa fa questa riflessione dice
Dal peccato si può fare ritorno si può come dire c'è la possibilità di un riscatto di una redenzione
Non c'è ritorno dalla corruzione non c'è ritorno dalla corruzione
La Commissione a cui papà sta pensando credo e
Non sono un esegeta autorizzato dei discorsi del Papa però la corruzione e qui sta pensando non è soltanto la pratica costruttiva
Ma è diciamo così la corruzione dello spirito
Il fatto che non posso pentiti perché non ho più il discernimento del bene e nel male sono come dire moralmente ed eticamente corretto
E naturalmente non c'è dubbio che la corruzione all'origine dei fenomeni della illegalità
A peraltro una piccola parentesi oggi è un giorno molto triste per questo Paese che diventa più povero perché è morto il procuratore Gerardo D'Ambrosio
Che è stato come dire un grande esponente del principio della pratica della legalità con grande difensore
Propugnatore della legalità
Ora non c'è dubbio che il tema
Investe nettamente la dimensione non soltanto della ditta spirituale e religiosa
è straordinaria per esempio la testimonianza delle quote delle Maria Nista mi ha molto colpito quando tu racconti
Di di di fornire nella Muriana quando racconti di Federico per Morella che vivono un'esperienza di preghiera come impegno civile oltre che religioso
Mi ha molto impressionato il racconto che tu fai una chiara delle tante vite
Di coloro che
Rischiano di essere morti a marzo ammazzati ma che non vogliono essere di morti tipi
Non vogliono essere rimorsi vivi perché rivendicano la l'affermazione la tutela
La promozione della propria dignità
Mi ha molto impressionato tutto questo
Ma c'è un'altra dimensione del problema che la dimensione della politica
Ma non sia ha già detto delle cose straordinarie che io con
Come sempre sottoscrivo perché o una simpatia spiccata per le pulizie virosi anche in relazione alle vicende che riguardano la politica contemplato il mio partito del nostro partito
Ma c'è una dimensione della politica perché
Ma ci ricordiamo che
La 'ndrangheta era entrata nella Giunta regionale lombarda
Non sto facendo della propaganda sto semplicemente raccontando la cronaca di una vicenda nota conosciuta
Allora
Una politica troppa diciamo così gli strumenti della
Di una scelta come dire selettiva e
è in grado di produrre di promuovere una produzione normativa
Carosi prima faceva riferimento al quattrocentosedici e al dibattito che è in corso alla Camera perché al senatore la Loggia
Licenziato appunto il testo quindi con la politica si interroga su questo e saltare diciamo così delle risposte sacro fare dei
Come dire
Meccanismi preventivi non soltanto ex post anche preventivi
Le cose che
Non voglio adesso dilungarmi perché Rosi ha fatto diciamo così un'esposizione estremamente precise estremamente dettagliata per quanto mi riguarda del tutto convincente
E soprattutto se non siamo in grado di presentare il volto di uno Stato credibile
E noi non disporremo degli strumenti per prevenire
E in qualche misura per
Contrattaccare per contrattaccare
Credo che questo oggi è il nucleo fondamentale del problema
Perché e qui concludo
è vero la 'ndrangheta come la mafia la camorra sono illegalità sono malaffare sullo spaccio della droga diciamo così in dimensione macroscopica sono il ciclo del cemento solo la gestione dalla prostituzione tutto questo
Ma che cosa distingue una criminalità diciamo così per usare un'espressione impropria ordinaria da una criminalità mafiosa ndranghetista camorrista che cosa distingue
Non soltanto l'efferatezza del delitto che viene compiuto
Perché
L'efferatezza abbiamo assistito qualche giorno fa
Al massacro di una famiglia bambini di due tre anni non c'è soltanto la gratuità dell'efferatezza ma c'è la compromissione con il potere politico per cui tra anche te mafia e camorra non cercano più
Il rappresentante attraverso il quale gestire la mediazione in sede politica ma entrano direttamente in politica
Questo diciamo così la grande sfida che la democrazia
Deve assumere si vuole la democrazia essere anche non solo regola procedurale dei meccanismi della convivenza ma regola della legalità e la sua affermazione
Pertanto grazie alla il nodo della politica in Calabria in altre regioni molto fanno magistratura e forze dell'ordine ma magistratura forze dell'ordine se fanno molto non possono fare tutto
Quali altri soggetti e particolare la politica cosa deve fare come saltare alleanza
Intanto
E difficile parlare dopo tutti questi interventi che hanno ormai Garato tutto quanto il campo della politica alla Chiesa alla Sicilia tutto quanto
E in Calabria certamente assistiamo a una
Sito intanto io devo ringraziare
Perché pur avendo abbandonato una professione
Appunto di magistrato antimafia ecco mi portate altri parlare di questi temi quindi
Siccome ho lasciato come nostalgica questo mio ruolo
Ecco che vi devo ringraziare innanzitutto per questo allora andiamo
Alla Calabria
Certo sappiamo tutti ma l'ha già detto in maniera mirabile al Presidente Brini Bindi che i magistrati di forze di polizia
Hanno fatto
Tanto continuano a fare eccetera eccetera il problema quale
Che secondo me l'hanno la Calabria e cinquant'anni indietro rispetto alla Sicilia
Perché per una cosa drammatica
Perché in Sicilia ci sono state delle stragi
Che hanno talmente commosso emozionato l'opinione pubblica e hanno costretto attraverso
I sommovimenti di cui parlava Rita Borsellino
A la politica a fare qualcosa la società civile a intervenire a rendersi partecipe in Calabria tutto questo ancora deve avvenire
E triste doverlo ammettere che
Abbiamo bisogno delle stragi e del sangue
Per potere
Spingere
La società e tutte le sue componenti le istituzioni comprese anche la politica a fare qualcosa contro questi fenomeni
Queste e drammatico
E drammatico e quindi dobbiamo dovremmo
Cercare di sensibilizzare al punto che tutto questo viene fatto senza aspettare una strage come di quelle terribili che ci sono state
Ecco questa consapevolezza della importanza di questi fenomeni così mirabilmente descritta anche dal senatore Corsini sulla sua origine
All'origine storica origine storica
Che mi piace ricordare anche in Sicilia ha un collegamento
Tra il mille seicento mille settecento con la dominazione spagnola
Proprio perché in quel periodo le confraternite le Congregazioni per una questione proprio di protezione dall'oppressione spagnola si riuniscono alla Chiesa anch'essa oppressa dalla porta dal
Presenza spagnola e creano quelle
Forme associative di protezione che poi
Già allora sì manifestavano comunque inviti
Pseudo religiose i che ancora oggi si tramandano
E con il coinvolgimento in questi contesti proprio
Della
Criminalità organizzata che si confonde che si autolegittimazione attraverso per il conto per ottenere sempre il consenso della gente si autolegittimazione questi riti religiosi
E allora
Le congregazioni le confraternite
Si racconta che addirittura
Eminenti porporati assistevano i riti di iniziazione quando
Si incomincia a creare questo connubio tra popolo oppresso e Chiesa entrambi che devono cercare insieme protezione
Ma questa protezione poi alla fine continuata messe corrette più recentemente si avevano
Dei
Gliela chiesi aveva la chiesa che naturalmente chiedeva protezione alla mafia per non avere i furti in chiesa
Noi abbiamo esempi di ladruncoli che andavano in chiesa rubare che sono stati esemplarmente uccisi in Caprettari proprio per
Dare un esempio a tutti che in chiesa non si doveva andare rubare
Infatti perché le chiese hanno sempre le porte aperte dicevano proprio perché si sacche in chiesa non è un fatto di rispetto
Così come dovrebbe essere ma è un fatto almeno in quelli in quei contesti di sanzione di punizione
Io ricordo un
Collaboratori giungevano in crisi mi ritornano tutti i ricordi passati di un
Collaboratore di giustizia che ricordavo un fatto che l'accaduto che era accaduto nel suo paese tanto tempo prima
De un
Parroco
Parrocchia di San Gaetano ricordo che
Si è rivolto al mafioso del luogo
Perché erano andati a a chiedervi dei soldi come estorsione
Il mafioso
Circolava di minimizzare la cosa che dicevamo potere un povera gente ma aveva bisogno aveva chiesto un aiuto
Fece una colletta e per raccogliere appunto
Delle monete
Allora c'erano le monete
Però nel raccogliere le monete da dare a al
Parroco per fargli pagare l'estorsione
Quindi consigliando lo di pagare
Aveva assegnato
Aveva fatto segnare
Le monete
Con dei segni particolari in modo da poter identificare gli estortori
E quindi avevo usato questo il parroco per potere poi fare giustizia nel senso che
La regola secondo cui non si doveva andare a toccare la Chiesa doveva essere rispettati
E difatti questa vicenda si conclude in una maniera tragica
Perché attraverso la spendita di quelle Ponente segnate individuano l'estortore del parroco
Ed è un barbiere l'ultimo barbiere rimasto del paesino dove avveniva tutto ciò
Lo devono uccidere devono eseguire la sentenza di morte
E si recano per la sua barberia
Se non che lui stava con un'unica piccolo figlioletto in braccio
E allora i due killer incominciano a fare delle carezze al bambino finché gli chiedono
Me lo fa temere un attimo
Appena io lo tolgono di mano mi spaventa dell'uccidono che hanno fatto giustizia
Attualmente
Questi sono infatti che
Risalgono nel tempo però ancora oggi noi ci chiediamo
Perché
Avveniva questo ci hanno detto tanti collaboratori perché alcuni prima di sparare commettere un omicidio si fanno il segno della croce
Purtroppo questa è una realtà e perché fatto un omicidio entrano in chiesa a chiedere il perdono per poi riuscire a fare un altro omicidio
Ecco quello che
Con cui concordo pienamente che
Che non basta bisogna cambiare vita
Bisogna convertirsi bisogna mostrare non solo
Di meritare un perdono divino ma il merito di meritare il perdono in terra
Facendo collaborando con la giustizia e quindi dando prova in terra che effettivamente si vuole cambiare
Io nella mia lunga carriera ho avuto tante occasioni una volta interrogando uno di questi killer ucciso un centinaio di persone killer
Gli chiesi scusi ma
E dichiara di essere cattolico osservante
Ma come fa
Ad avermi confessato tutti questi omicidi
Signor giudice le giuro non ne ho mai fatto uno per un mio interesse personale
Si era auto assolto sia d'auto ingiustificato come un soldato in guerra cosa da Psichiatria forense
Perché bisogna entrare dentro la mente di queste persone
O una forma di autocertificazione di autolegittimazione che veniva da questa giustificazione
Ma io cioè un soldato devo obbedire ho fatto il giuramento l'ho giurato sulla Madonna
Bruciata mentre giuro di essere fedele
A Cosa nostra o alla 'ndrangheta nel momento in cui dovessi tra villa dove bruciare come questa Santina
Poi
Gli fanno addirittura dire i comandamenti
Abbiamo trovato nel un covo degli ultimi latitanti padre e figlio ovvero certi Lo Piccolo nel due mila sette abbiamo trovato
I dieci comandamenti che venivano letti nel
Nel momento dell'iniziazione
E
L'ultimo era di esercitare le virtù morali
No tanto per dire non non leggo li cito tutti perché ce n'è qualcuno veramente ridicolo cose di questo genere bene e quindi
E questo
L'origine quindi si nasce
Questo connubio con la Chiesa però effettivamente negli anni abbiamo
Scoperto
Come si diceva di un padre
Pavesi Titta che andava
Nel corpo dell'ATI tante pietra ieri che aveva a casa un bell'altare dove celebrava messa nel corpo della chitarra
La giustizia
Lo ha assolto però rimane certamente
Un comportamento che
E criticabile sotto il profilo
Diciamo del dei valori che la Chiesa deve aiutare
A professare e così come in tanti altri casi
Di
Sacerdozio io nel ricordo più di siciliani in piedi altre Regioni però mi viene in mente
Don Stilo ad Africo notissimo bene ed a lui stato latitante Luciano Liggio nel settantaquattro
Daloui si nell'ottantatré
Si reca un capo mandamento di San Giuseppe Jato
Che temeva di essere ucciso quando c'era la guerra di mafia
E che poi venne a costituirsi e poi da lui lo accompagnò è lo scopo è proprio lui alla Caserma dei Carabinieri quindi però era andato approcci a farsi proteggere mise non appena metteva il piede in Italia lo avrebbero ucciso
Ecco
O padre Coppola
Che si è fatto intermediario per il riscuotere i il prezzo del sequestro Cassina
Dico ne abbiamo e di questi casi in cui la Chiesa il
Al
Agiva dico agiva e possiamo ora usare veramente un
Un imperfetto
è un tempo passato proprio perché da alcuni anni cessato una rivoluzione sotto questo aspetto
Finalmente la la Chiesa ha preso posizione
Ricordo all'epoca del cardinale Ruffini quello che ha citato il ritardo beh io ero un ragazzo
Naturalmente ancora non era un elettore ma mi trova in una chiesa in cui il parroco finita l'omelia domenicale
Cioè vi raccomando che domani dovete andare a votare
Che sia un vuoto democratico e cristiani
Ecco
Questa per diciamo fermo sentito io personalmente certamente
E quindi
Chiaramente queste queste cose ormai però sono superate proprio perché
La Chiesa da Pappalardo in poi il cardinale
Dopo l'omicidio Dalla Chiesa dell'ottantadue che si scagliò
Ferocemente contro la politica contro le autorità che erano lì sedute in chiesa
Durante
La cerimonia beh dall'ora in poi
Veramente affatto tanto fino
Alla ipotesi
A fino alla al fatto di giova di
Puppato e poi si che appunto impressionato tutti
Perché arrivare a uccidere un prete perché fa attività pastorale perché sottrae i ragazzi alla mafia beh e
C'era qualcosa a cui
Non si poteva
Nemmeno
Pensare di arrivare od Ombretta e Diana
In Campania stessa stessa situazione
Con la mafia
Ecco quando si
Si va a intaccare quelli che sono i loro canali di comunicazione terra vere continuare avere il consenso e per poter avere proseliti
Reagisce come in questi casi perché una forma di Autority autoritarismo di assolutismo che non ammette dissenso in certi territori bene
Quindi da
Allora
Tanta strada si è fatto quando le pastorali un po'di tutte
Le Diocesi hanno incominciato a dire che non è compatibile col Vangelo
L'attività della mafia
Così come
Non dimentichiamo le processioni che si fermavano davanti casa del mafioso in ossequio prima di proseguire
Proprio perché il mafioso era quello
Che aveva
Dato i contributi per i fuochi d'artificio della festa o perché aveva riparato la Chiesa o perché tutte queste cose qui
Bene adesso si è cambiato serie veramente fatto tanto sotto questo profilo
Sono già stati ricordati Giovanni Paolo II Benedetto Papa Francesco Benedetto sono tutti
Tutte queste
Prese di posizione
Veramente importanti rilevanti che finalmente dando dei segnali chiari e forti
La Chiesa non non può ammettere
La
Violenza mafiosa ma nemmeno quello che la mafia rappresenta come è stato detto il rapporto con la politica
Perché questo distingue la criminalità organizzata anche di altri Paesi di altre nazioni dalla nostra criminalità organizzata
E quello che
Si cerca di
Di spiegare che nostro questo sistema è proprio perché e l'infiltrazione
Nella economia nella politica nel
Contatto con le istituzioni le contatto con la società la mafia riesce anche a dare
Ha dato lavoro purtroppo
Bene adesso concludo
Ricordando
Che anche la mafia
Cercava in un caso come quello di Padre Puglisi sì
Di far passare quell'omicidio come fatto da un semplice il rapinatore
Perché dette incarico a un
A un mafioso che poi
Mi raccontò il fatto
Si chiama Spatuzza idee uno l'ultimo collaboratore che ho potuto contattare
Sì Giovanna Montanaro pubblicato un libro c'è una mia prefazione
Io sono ormai che fatta prefazione posso fazione affatto ma poi postfazione nel libro di Papa Francesco sulla corruzione quindi diciamo che
Non posso che essere in sintonia con luglio quello
Che ha detto l'altro giorno
Bene e si è corruzione inteso in senso materiale che in senso morale ma siamo in sintonia
Quindi stavo dicendo che
Padre Puglisi passa fanno patti cercano di far passare come
L'omicidio di un rapinatore
Non solo questo
Ma la mafia da incarico a questo soldato mafioso di
Prendere un ragazzo che aveva commesso dei furti fra cui anche un furto all'autovettura nuova
Del fratello del capomafia
E quindi dovrà essere punito anche per questo di bruciare il cadavere nell'uovo dov'era stato ucciso Padre Puglisi
Perché doveva
Significare c'è la mafia
Aveva trovato il responsabile il rapinatore e lo aveva punito per acquisire anche un
Un diciamo un'aurea di giustiziere
Poi questo non avviene perché
Erano tante le persone che andavano sul luogo per stavano anche la notte sul luogo dove è stato ucciso per le politiche non si poter realizzare
E il cadavere di quel povero ragazzo che hanno lasciato in una strada laterale
Per dire
Come
La mafia cerca
Anche di accreditarsi sotto il profilo del consenso sociale
Sotto il profilo che lei fa giustizia anche al posto dello Stato
E quindi noi dobbiamo reagire a tutto questo dobbiamo
Essere attenti specialmente imposti come questo che
Dove è difficile
Il riconoscere
La mafia perché
Si nasconde
è sommersa perché
Non si vede la violenza della mafia
Che questo momento più difficile perché
E più pericoloso quando non riesce non riesce a fare emerge ci son voluti anni e anni di indagine per affermare che la 'ndrangheta e dal nord
Io ricordo che ero consulente della Commissione parlamentare antimafia nelle novantuno e il presidente Chiaromonte avevamo fatto una relazione
En su Milano in cui avevamo stigmatizzato questa situazione
E avevamo anche preconizzato che prima o poi ci sarebbe stato una sorta di Tangentopoli cosa che potrebbe
Ma alle volte appunto abbiamo bisogno del tempo della storia per potere avere questi risultati concludo con una
Messaggio bellissimo che Dalla Chiesa
L'inizio del procedimento di beatificazione di diritti di Livatino un magistrato
Quindi il riconoscimento dicono
Probabilmente non si arriverà alla conclusione sono non voglio dire però già il fatto non mettiamo limiti però
Non vogliono mettere le mani avanti però però importante il fatto che la Chiesa
Prende un magistrato ne fa un martire della chiesa inizia un processo di accertamento per la beatificazione con ciò volendo
Attribuire ai magistrati viventi o morti che lottano contro questo fenomeno un valore di martirio per il bene comune grazie
Abbiamo dato quadro
Forse un po'disperante facciamo un secondo giro ma brevissimo al ciascuno
Un segno di tenuti in conto interessi
Di di speranza di qualcosa che sta funzionando che si sta mettendo in moto
Per il ripartiamo da da Paolo Corsini e nel darti la parola ricorda anche prima ricordato D'Ambrosio D'Ambrosio è stato proprio qui nel due mila sette a parlare con Martinazzoli quindi segno che
Qui la la lotta per la legalità radici molto lunga
Ma il messaggio Twitter
Vedo che
Cieco
Quello che ci atta che messaggi Hackett ricca a mi domando quando pensa
Allora
Semplicemente una battuta io sono molto ma chiesto prima col pensavo la cattolico
Questo libro porta infine una preghiera per la Calabria scritti a don Pino stancare
Sono confortato dal fatto che insieme ai tanti uso questo aggettivo senza
Volontà di offendere ma l'aggettivo manzoniano Martinazzoli hanno
Tanti preti i monti
E
Ne cita parecchie Anna Chiara perché i mondi che hanno avuto complicità che hanno negoziato che hanno tollerato sono molto confortato che non ci sono soltanto i don Abbondio della Chiesa per fortuna ci sono molti padre Cristoforo
Non è al parto con una considerazione che può sembrare pessimistica ma la conclusione non lo è e mi riaggancio a quello che diceva il Presidente Grasso a proposito di quel padre first Titta
Padre vestita
Che andava a celebrare messa
Nella casa di un notissimo latitante e che ne
Per a sua difesa
Esaltava la fede di questo ma il fatto che leggeva addirittura Santa Teresa d'Avila e Sant'Agostino è stato assolto per le festività nonostante
Le le le troppe cose che c'erano
A suo carico ed è stato anche R integrato dalla Chiesa il che è ancora più grave perché la magistratura può assolvere magari non aveva le prove sufficienti
Ma la Chiesa credo che le prove sufficienti le avesse e rimettere un uomo di questo genere che fra l'altro era molto
Benvoluto e amato da schiere di di fedeli e che andavano a chiedere i suoi consigli e riportarlo addirittura nella stessa chiesa in un popolare quartiere palermitano dove c'era gente molto semplice l'ignoranza insomma la faceva
Da padrona
Mi consola il fatto che il fatto positivo che dopo quell'episodio non ci sono più le file dietro il confessionale di palle fertilità che è stato abbandonato
Proprio per i suoi fedeli che probabilmente
Hanno saputo giudicarlo meglio di come non abbia fatto sia la magistratura che purtroppo
La Chiesa segno di una maturazione è un altro segno di questo genere a proposito di Cuffaro ancora una volta del Presidente Cuffaro
Mentre si svolgeva il processo che si aspettava la sentenza in una chiesa del centro di un quartiere bene palermitano un sacerdote invitava i fedeli a pregare perché il Presidente potesse essere assolto c'era tanta gente che pregava Colucci
Poco tempo fa è morto il padre di Salvatore Cuffaro mentre
E lui era in carcere lo stesso prete
Durante la Messa invito i fedeli a pregare per il dolore di Salvatore Cuffaro la gente si è ribellata egli ha detto di
Uscire fuori dalla chiesa perché non era degno di stare lì dentro forse esagerato perché si parlava comunque del dolore di un uomo ma si parlasse del dolore di tutti gli uomini e lo capisco ma parlare del dolore
Di quel solo un uomo che tanto dolore ha provocato
Alla Sicilia e alla futuro di tante persone di tanti giovani che sono costretti ad andare via proprio per la gestione infame che ha fatto della Sicilia prima a luglio e poi l'altro Presidente che di esso seguito gli è succeduto
Perché purtroppo la situazione è quella anche questo condannato anche se soltanto in primo grado allora sembra immobilismo sembra si dice allora non è cambiato niente io credo che quella reazione popolare di cui avevo parlato
E che aveva dato un segno della volontà di cambiamento che veniva dal basso si sia proprio manifestata in questi due episodi l'abbandono di padre fertilità e la ribellione nei confronti di quest'altro sacerdoti
Velocemente io credo che figure come don Pino Puglisi Ferron perché Diana hanno riscattato delle pagine vergognose della Chiesa
E che qualcosa sto ha cambiato ed è cambiato nella chiesa lo vedo in quell'altro gesto perché fino a qualche anno fa non avremmo mai potuto immaginare
Un papà che impartisce la benedizione con la stola Gidon Peppe Diana gesto davvero straordinario è questo il segno di speranza
Io credo che si tratta di come queste ce ne sono in giro per l'Italia
Tutti i giorni
Forse in ogni parte d'Italia
E
Sono sempre molto partecipate
Sono organizzate associazioni da parrocchie da centri culturali da partiti politici da università
Ecco io penso che
Il parlarne
Prima in corso
Se ne parla
Se ne parla con con consapevolezza e con elementi di conoscenza
Si cresce insieme si maturano atteggiamenti di
Il reazione
Ecco io io penso che noi ci dovremmo impegnare
Proprio prendendo esempio da tanta tanta
No retti da magistrati idea tratta persone che facendo il loro dovere sono sono diventati matti semplicemente facendo il proprio dovere
A cambiare un po'
Diciamo l'atteggiamento perché noi abbiamo
Ribadiva anche Presidente Grasso
L'abbiamo ottenuto straordinari risultati sul piano repressivo
Straordinari in questo Paese
Esprime ha cambiato
Noi dovremmo impegnarci a ogni
è l'unica mafioso che ha catturato e in prigione che viene giudicato per ogni bene che gli viene sequestrato oggi sono stati sequestrati Ibernia persone incensurate
ARD di mafiosi perché è stato dimostrato che avevano comprato quei beni con i soldi dei parenti
Si stanno facendo dei passi avanti molto molto importante
Ecco a ogni risultato diciamo col col checché che che viene ottenuto grazie anche alla legislazione al senso del dovere di tante persone che fare male mania
Ai mafiosi dovremmo impegnarci tutti a fare crescere nascere
Una una coscienza in più due e tre i dieci ma facciamo come nella Bibbia forme vernici se troverà il Centro Giustizia cinquanta dieci uno solo anche uno solo
Ecco un un cittadino italiano in più
Che consapevole che sa di che cosa si tratta
E che va oltre quella che don Ciotti chiama la legalità sostenibile
No quella che ci possiamo permettere che non ci scomoda fa un oltre quella ecco
Sì se ci prendiamo questo impegno io credo che questa è la speranza
Complessivo al Presidente del Senato Sbai aggiungere
Per completare il quadro volevo ricordare Provenzano che
Tutti i pizzini che scriveva per
Regge Gelli tutta la mafia definiva sempre con un'invocazione al Giro
E che il Signore ci protegga che vieti conservi
E costanti proprio per
Ne aveva
Dato mandati uccidere a fare stragi e però continuava nei pizzini è sempre a usare
E la Bibbia che teneva sempre sulle suo comodino e con cui è stato
Trovato in mano insomma quando è stato catturato
Bene il
Io
Volevo
Poi ricordare che quando
Nel corso
Alla fine del dibattimento del maxi processo do ritirarmi in camera di consiglio
Un mafioso capo
Della mafia Michele Greco detto il Papa e non senza una certa ragione cioè la cupola Di Pietro che si univa la cupola siciliana insomma questo era il concetto
Hanno i giudici a me in particolare sicuro la pace perché la pace dà tranquillità da serenità
Forse lui voleva
Augurarci la pace eterna ma siamo qua a poterne ancora parlare grazie
Grazie buonanotte a