09APR2014
dibattiti

33 false verità sull'Europa

DIBATTITO | Roma - 18:23. Durata: 1 ora 40 min

Player
Presentazione del libro di Lorenzo Bini Smaghi (Ed.

Il Mulino).

Registrazione audio del dibattito dal titolo "33 false verità sull'Europa", registrato a Roma mercoledì 9 aprile 2014 alle 18:23.

Dibattito organizzato da Il Mulino e Istituto Affari Internazionali.

Sono intervenuti: Ettore Greco (direttore dell'Istituto Affari internazionali), Antonio Polito (direttore del Corriere del Mezzogiorno), Gennaro Migliore (deputato, Sinistra Ecologia Libertà), Michele Boldrin (coordinatore nazionale, Fare per Fermare il declino), Sandro Gozi (sottosegretario di Sato alla Presidenza del Consiglio dei
Ministri, Partito Democratico), Sandro Gozi (sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Partito Democratico), Lorenzo Bini Smaghi (presidente di Snam Rete Gas).

Tra gli argomenti discussi: Banca Centrale Europea, Commissione Ue, Crisi, Debito Pubblico, Democrazia, Economia, Elezioni, Euro, Europa, Europee 2014, Finanza, Fisco, Governo, Integrazione, Istituzioni, Italia, Lavoro, Legge Elettorale, Libro, Maastricht, Mercato, Movimento 5 Stelle, Parlamento Europeo, Partiti, Pil, Politica, Preferenza, Renzi, Riforme, Sinistra, Tasse, Ue.

La registrazione audio di questo dibatto ha una durata di 1 ora e 40 minuti.

leggi tutto

riduci

18:23

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Ecco adesso motto credo meglio no a un ritorno di ecco
Bene buonasera a tutti voi molte grazie per accettato il nostro invito per questa riunione io sono Ettore Greco direttore dell'Istituto Affari internazionali
Ho il piacere di aprire questa riunione in cui verrà presentato e discusso il nuovo libro di Lorenzo Bini Smaghi che si intitola trentatré false verità sull'Europa edito da il Mulino
Il volume sarà disponibile nelle librerie
Sin da domani giovedì dieci aprile
Come sapete
Lorenzo Bini Smaghi è stato per diversi anni dal due mila e cinque al due mila e undici il membro del comitato esecutivo
Della Banca centrale europea è stato quindi protagonista e testimone diretto dei tentativi attuati in quegli anni
Dall'istituzione europea per la gestione della crisi economica
Della Banca centrale europea si parla naturalmente molto in questo libro come già
Nel precedente libero di Bini Smaghi che si intitolava
Morire di asserita che è uscito un anno fa sempre per i tipi del Mulino
Qualcuno forse ricorderà che lo presentammo punto circa un anno fa proprio in questa sala
Peraltro mi piace ricordare che oggi Lorenzo Bini Smaghi e signor Capello da noi all'Istituto Affari internazionali oltre che all'università di far parte
Vorrei però innanzitutto ringraziare i politici ed esperte che hanno accettato il nostro invito
Ad intervenire a questa tavola rotonda cominciando da Michele Boldrin economista professore alla Washington University in sé LUISS
E coordinatore nazionale di fare per fermare il declino
Sandro Gozi Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega alle politiche europee
E Gennaro Migliore Capogruppo alla Camera dei deputati di Sinistra ecologia e Libertà e responsabile esteri di Sella
Ringrazio anche naturalmente Antonio Polito
Direttore del Corriere del Mezzogiorno editorialista del dire Corriere della Sera che
Prese di era moderi era il dibattito quest'oggi come peraltro ha già fatto in precedenti occasioni di riunioni organizzate allo Iaia grazie a tutti voi
Come sapete tra poco più di un mese si vota per il Parlamento europeo si tratta senza dubbio di un appuntamento cruciale
Per il futuro del continente per le prospettive di riforma dell'Unione europea e anche per il possibile avvio di nuove politiche che consentano di uscire dall'attuale situazione di crisi
Come istituto noi abbiamo sempre dedicato un'attenzione speciale all'Europa
E segnatamente al ruolo del nostro Paese all'interno dell'Unione Europea e siamo quindi in questo periodo particolarmente impegnati
Nella in iniziative dirette a promuovere il dibattito pubblico sui temi europei in vista di questo appuntamento
Credo che la riunione di oggi sia un'occasione importante precettare luce su alcune questioni
E direi anche quei siti che sono al centro dell'attuale dibattito politico in vista delle elezioni si tratta di questioni che non di rado anzi direi abbastanza spesso
Vengono trattati con una certa faciloneria
Con il ricorso a semplificazioni
E stereotipi
Che aiutano ben poco di Riotta comprendere la portata e la complessità
Delle sfide che abbiamo di fronte a trovare quindi anche risposte efficaci e credibili
Questa tendenza alla semplificazione chiamiamola così è particolarmente pronunciata quando il dibattito cade sulle cause le ricette
Per l'uscita dalla crisi economica sul ruolo delle euro e su quello delle varie istituzioni europee
Chi ha un po'seguito la nostra attività come istituto sa che noi insistiamo in particolare su un punto cioè sulla necessità che qui in Italia come capita altrove non in tutti i Paesi ma in alcuni Paesi dell'Unione
Siri si sviluppi una riflessione ma soprattutto un dibattito pubblico
Più onesto serio equilibrato sulle due dimensioni che dobbiamo considerare
Nell'attuale momento storico dell'Europa come peraltro già in passato e cioè da un lato
Su ciò che può e deve fare l'Unione europea o su ciò che di più possiamo chiedere che faccia in futuro
E dall'altro sulle nostre responsabilità nazionali sui compiti
Che inevitabilmente ricadono su di noi credo che questa problematica diciamo delle rispettive dei rispettivi compiti
è responsabilità dell'Italia dell'Europa e anche quindi dell'intreccio fra le due dimensioni quelle interno è quella europea
Queste intreccio fra le due dimensioni sia un po'il cuore il centro di gravitazione del libro di Bini Smaghi
Che quindi da questo punto di vista molto in sintonia con l'approccio del nostro Istituto
è un libro credo che appunto il grande merito di fare giustizia di una serie di pregiudizi miti e ipotesi abbastanza fantasiose di false verità come come dice il titolo
Che poi si riassumono spesso nel nella favola ossia oggi siamo a dire la narrativa secondo cui
è tutta colpa dell'Europa mentre come appunto scrive Bini Smaghi del libro siamo soprattutto noi spesso su alcune questioni a dover cambiare
Io penso che questa confutazione delle false velleità dell'Europa in questo libro viene svolta con argomentazioni che personalmente ho trovato molto incisive e Conte convincenti ma
Sono anche questo è un valore aggiunto del libro esposte in maniera molto perché piana è comprensibile a tutti quindi anche i non esperti
Di questioni economiche Ida affetti rimane qui in nel nostro Paese la tentazione di usare
Como di capri espiatori a partire naturalmente dall'euro cui dedicata una parte corposa di questo libro
Ed è un modo questo come denuncia appunto Bini Smaghi per non prendere atto dei mali nazionali
In effetti il libro fa anche un'analisi direi disincantata e impietosa non solo di alcune carenze strutturali dell'Italia che sono universalmente riconosciute
Ma anche di aspetti su cui invece si ascoltano valutazioni
Spesso più positive
Come l'andamento della bilancia commerciale e i problemi della competitività della nostra industria
Il rischio naturalmente di questa ricerca di capri espiatori è quella di perseverare negli errori passati
E all'origine di questi errori vorrei aggiungere c'è anche una pretesa che io definirei un poco Ruscio Viana
Che per farsi sentire dai partner e promuovere gli interessi nazionali basta dibattere il pugno o la scarpa sul tavolo a Bruxelles come oggi si ama dire
Trascurando quelli che sono invece i prerequisiti
Di una possibile strategia diplomatica vincente all'interno dell'Unione europea e che direi sono soprattutto tre
La coerenza dei comportamenti la capacità di proposta di fare proposte credibili e realistiche e quella di promuovere attorno a queste proposte delle alleanze
Questo libro ha peraltro anche molte valenze direi che un pamphlet innanzitutto
Perché del pamphlet a un un tratto distintivo commenta e prende posizioni su questioni calde di stretta attualità
Ma insieme anche è un saggio di approfondimento
Perché offre certamente ha offerto a mente non sono un economista un ricco materiale analitico che può aiutare a capire meglio la complessità di alcuni fenomeni e processi economici
Ed infine
A suo modo questo libre anche un vademecum
E infatti è diviso in brevi capitoli che per come sono stati concepiti possono anche essere letti l'uno separatamente dall'altro
Quindi si presta sono punto trentatré capitoli dedicati ciascuno ad una diversa falsa verità e quindi si presta ad essere consultato
Ogni qualvolta abbiamo bisogno per esempio di rinfrescarci dei de su temi come le implicazioni di una possibile uscita dall'euro
Il ruolo della Banca centrale europea rispetto a quella delle altre banche centrali i costi dell'unificazione europea e così via questi sono tutti temi appunto oggi molto discussi
Aggiungerei che sono anche di grande interesse le conclusioni del libro
Che tracciano i lineamenti di una strategia per l'Italia incluso questo importante forse sarà oggetto di dibattito i termini di un possibile accordo o scambio politico con Bruxelles
C'è infine un po'scritto mucche credo susciterà interesse perché ricostruisce gli eventi della fatidica fatidica in particolare per noi italiani estate due mila undici
Il cui di recente hanno scritto per esempio Friedman agli altri quindi c'è un modo anche di confrontare questa ricostruzione con altre che sono apparse di recente
Quindi questo è un libro che si raccomanda per molte ragioni e sono certo che susciterà un dibattito molto vivace partire credo dalle nove di quest'oggi grazie quindi a tutti voi e ora do la parola ad Antonio Polito
Anch'io ringrazio tutti voi siete numerosissimi anche accaldati a causa del numero siccome tendo ad escludere che l'Europa sia così popolare dell'Emilia tratto qui stasera immagino che sia più popolare Bini Smaghi l'autore del libro gli effetti
Più polare l'Europa direi che a Roma sicuramente e quindi
Vi ringrazio davvero di essere di essere qui
Io dirò due cose soltanto due due brevi osservazioni sul libro anche al fine di stimolare la nostra discussione che può riorganizzare così un giro un primo giro di tavolo poi sentiamo qualche intervento dal pubblico è un secondo giro le conclusioni dell'autore
Ma la prima è che va beh io concordo sul fatto che il libro a questa cappa qualità veramente straordinaria di una chiarezza estrema nell'argomentazione dire quasi cristallina
Una roba che può capirlo anche un conduttori talk show diciamo antieuropea antieuropee e
E che ho detto tutto e poi la la diciamo il fatto che copre un vuoto nel dibattito pubblico italiano molto pericoloso
Che è stato riscende sorgere segnalato anche con un articolo intelligente secondo me di Severgnini su querela fiera cioè il fatto che dell'Europa parlo solo quelli che ce l'hanno con l'Europa
E ne parlo con passione con vera passione anche con capacità di di convincimento
Qui di primi risma anche il primo credo che in questa in questa frangente abbastanza delicato il giudizio di opere si assume il compito di parlare in difesa del Progetto europeo seppur con tutti gli aspetti critici che potete immaginare
Laddove anche chi difende l'Europa soprattutto tra i politici
Fischi età non va in giro fischi e tanto fa finta che non ha difendo poi decisiva difendo ma deve cambiare radicalmente senza spiegarci poi che cosa sarebbe questo cambio che viene reclamato e invece li prende di petto la cosa anche perché se lo può permettere perché non dovendo essere letto
Lo può no diciamo può può correre questo rischio
La il cuore del libro e questa argomentazione che
Lite le l'Italia il dibattito nostro politico italiano anche nel pubblico proprie pubblica ha usato l'Europa prima come vincolo esterno cioè per fare le cose che altrimenti non Sava non eravamo in grado di fare
E anche questa è una forma di strumentalizzazione del dibattito dell'Europa nel dibattito interno io ricordo che Mario Monti per esempio quando era Commissario ripeteva spesso
Che succedeva che arrivavano i i Ministri dei vari Governi che li ricevono per favore potete dire che questa cosa non si può fare così dopo usciamo diciamo avete noi avremmo voluto ma
Nei nei confronti nostri elettorati avremmo potuto ha voluto ma l'Europa ce lo impedisce
Da vincolo esterno è diventato alibi esterno perché oggi chiaramente usato abbondantemente come un alibi per giustificare le colpe le manchevolezze delle classi dirigenti nazionali in Italia prima di tutto
Questo provoca delle delle decade il D contorcimenti logici nel dibattito interno veramente sensazionali
Bini Smaghi Messner né ne rileva uno in particolare che anche a me ha sempre colpito molto cioè gli stessi politici italiani che o commentatori italiani che magari chiedono
Meno vincoli esterni di politica di bilancio chiedono contemperamenti anche eurobond cioè la messa in comune
Delle delle del debito del debito il che effettivamente se ci pensate non ha alcun senso perché se tu chiedi a qualcun altro di garantire per il tuo debito d'immaginare che quel qualcun altro si ponga il problema di controllare come fa il tuo debito il come lo usino
Questo è un classico caso di una contraddizione il nostro dibattito interno
L'altro punto su cui far riflettere il libro e questa è la parte secondo me è più attuale interessante anche anche nel nella vicenda attuali italiana al nuovo Governo lezioni e che chiaramente più benessere più rischi capacità di rispondere alla crisi agli sciocchezze dell'economia
Richiederebbero più integrazione su questo non c'è cioè poco dubbio Bini Smaghi rileva ricorda il rapporto dei quattro Presidenti che indicava in questo la diciamo così la via da seguire ma più integrazione
Viste le attuali strutture istituzionali assetti istituzionali Europa richiede più democrazia perché
Più integrazione vuol dire per esempio che alcune norme alcune decisioni sul Bilancio dei singoli Stati vanno presi in una sede che non è essa
La mente quella dove il
Cioè il governo del singolo Stato mi richiede forme di democrazia nuove da questo punto di vista la cosa più originale del libro secondo me questa identificazione dell'Italia
Nel rapporto del rapporto tra l'Italia Europa look più che come un problema dell'Italian come una condizione un limite anche del processo integrazione europea cioè dice dice l'autore
Come possiamo avere più integrazione se non c'è più fedele fiducia reciproca e come possiamo avere più fiducia reciproca se c'è questo grande Paese la terza economia dell'euro
Che e che rischia rischia perché è un debito altissimo rischia perché non riesce a far ripartire la crescita
Cioè in qualche modo l'Italia diventa la soluzione del dilemma italiano diventa la condizione anche per avere quei quel livello di integrazione maggiore
Che tutti riteniamo essere indispensabile quindi in qualche modo in questo cane che si morde la coda re siamo esattamente al centro infine come diceva
Nostro il nostro introduttore la la ricostruzione sta del due mila undici è un fatto che richiede che
Che che ha un interesse
Come posso dire soggettivo oltre che oggettivo perché quindi sbagliare uno dei protagonisti di quelle state e
Devo dire che la sua ricostruzione anche se
Senza enfasi spazza via una serie di
Diciamo di miti che si sono che tuttora vengono usati in campagna elettorale nella campagna europea su questo
Allora noi abbiamo qui questo erano diciamo un po'gli stimoli che volevo darvi laico diciamo l'uso che facciamo l'Europa nel nostro dibattito pubblico e quello che noi dobbiamo fare
Per salvare noi stessi ma in qualche modo anche per salvare il processo di costruzione europea
Io partirei da Gennaro Migliore abbia qui abbiamo una
Una una diciamo così un continuum da sinistra a destra nodale diciamo avallata dalla
Migliore che immagino che per cultura sia più
Che iniziano diciamo più dall'alto dalla domanda e poi abbiamo Boldrin dall'altra parte dal lato dell'offerta immagino
E al centro abbiamo Gozzi che insomma essendo il PD sta insomma si tiene
Se viene un po'cauto mochena idee chiare sta svanisce osta Sbrescia diciamo così come si usa la comincerà migliore
Grazie innanzitutto per l'invito per l'occasione di
Commentare un libro che vorrei dire in premessa io trovo veramente un libro straordinario perché
Come veniva detto da chi mi ha preceduto ha una capacità sintetica che assolutamente un pregio anche quando magari ci sono delle tesi
Che io non trovo pienamente condivisibili e che uno dei pochi tentativi che cerca di contrastare
Questa abbondanza di predicatori da Youtube perché in questo momento spopolano sulla Rete non so se qualcuno di voi
Semmai avventurato in queste elezioni che vengono tenute per ore e ore e che vengono poi diffuse anche in particolare di alcuni blog come quello di Beppe Grillo che
Teorizzano appunto che la natura dei mali della nostra economia del nostro continente in particolare del nostro Paese e di un'ottica di recupero sola lista sia
All'Unione europea e a dimostrazione di questa tesi l'introduzione dell'euro
Io su questo punto sono particolarmente d'accordo con le tesi dell'autore quindi vorrei sottolinearlo
Non solo perché ritengo che sia una posizione fuorviante e anche sostanzialmente mendace quella di chi sostiene queste tesi peraltro argomentando con
Casi isolati senza una sistematizzazione senza avere
Un approccio efficace dal punto di vista scientifico
Ma anche perché da sinistra questo approccio
Tende a sottrarre ad una critica che esiste da sempre la sinistra nasce quando
Viene criticata la disuguaglianza i processi che mettono in conflitto degli interessi contrapposti
Il conflitto che esiste tra il mondo del lavoro e il mondo della finanza è un conflitto per me che
Precede e in qualche modo alimenta anche gli elementi di squilibrio e di disuguaglianza all'interno del nostro sistema dare la colpa all'euro consente di dire
Ad una
Forza politica importante
Nel nostro Paese
E che credo ahimè sarà sempre più importante che un'Europa come quella di Beppe Grillo che è sbagliato per esempio tassare le rendite finanziarie perché questo
Metterebbe in discussione la libertà del mercato e anche i suoi spiriti animali per cui da questo punto di vista io credo che la critica che viene fatta all'Europa e all'euro anche se talvolta
Stazione nelle parti che mi sono più vicine della sinistra sia fondamentalmente una critica arretrata reazionaria e in questo senso io credo che vada contrastato
Proprio per questo va contrastata con un approccio che da quello che per me importante e la promozione di una cultura
Di integrazione europea più federalista nella quale
La democrazia non diventi un bene scarso perché questo è uno dei temi sui quali oggi bisogna secondo me interrogarsi
Siamo in una fase nella quale la democrazia non è più considerata l'approdo oggettivo di qualsiasi percorso evolutivo delle società
Anche in ragione di una competizione che viene da lontano con modelli che sono più efficaci e più efficienti dal punto di vista economico
Non sempre la democrazia viene considerata lo strumento attraverso il quale
Si fa una azione di promozione di quello che
Il benessere delle persone anche della qualità della vita delle persone
La Cina da questo punto di vista è molto importante anche come parametro io penso che l'Europa debba
Recuperare da questo punto di vista la capacità di avere una democrazia competitiva per dirla in una slogan che possa essere in qualche modo rappresentativa anche
Di un modo di uscire dalla crisi
Perché la crisi esiste
Ed è il motivo per il quale sono stati alimentati i populismi all'interno del nostro continente
E se bisogna affrontare questa crisi bisogna uscire da qualsiasi torre d'avorio
E affrontarla con gli strumenti che secondo me la politica in primo luogo anche quella
Innanzitutto di un recupero di una connessione con le persone con i loro bisogni e dall'altro anche di interpretare le decisioni sulla base di analisi critiche che vengono fatte
Qui c'è un punto che dal mio punto di vista
Segnalo come un punto assai importante soprattutto rispetto a quella che
L'evoluzione di un pensiero
Populista che nel nostro Paese peraltro non ha generato neppure quelle rivolte popolari che ci sono state in altri Paesi penso solamente alle ultime manifestazioni che ci sono state in Spagna il ventidue marzo ma nel corso degli anni nei Paesi in particolare del sud Europa dove la crisi è stata più più dura
Noi siamo in un Paese che come diceva Giorgio Agamben
Tutto è diventato intollerabile ma si tollera tutto e quindi diciamo siamo in una condizione nella quale
La politica è diventata una specie di Rumi nazione continua di concetti
Che non vanno mai al punto che non affrontano mai la questione fondamentale di quale debba essere la propria scelta da questo punto di vista il progetto che ha messo in campo Matteo Renzi a indubbiamente dei contenuti interessanti bisognerà vedere
Quale sarà dopo l'annuncio anche la capacità di incidere su quelle che sono delle politiche molto legate allo Stato italiano alla nostra iniziativa che possono contrastare oggettivamente la crisi
Proprio perché sono d'accordo con Bini Smaghi che non esiste una dannazione dell'euro sono anche convinto che però dovrebbero essere adottate dai Paesi in particolare da quelli in crisi in particolare dal nostro
Degli strumenti che possono dare forza a chi l'ha persa nel corso di questi anni
Perché evidentemente non sarà colpa dell'euro che il nostro sistema economico entrato così in crisi ma sicuramente è del tutto evidente ed oggettivo che sono aumentate le disuguaglianze
è diminuito il potere contrattuale e negoziale delle forze del lavoro sono aumentate le soglie e le fasce di povertà si sono allontanate sempre di più persone dalla partecipazione attiva e democratica anche
Nel momento del voto c'è bisogno in questo senso di fare delle politiche coraggiose che a proposito diciamo di una propensione
Keynesiana da parte mia possono prevedere anche degli Investimenti io su questo penso che si debba fare un
Intervento non semplicemente demagogicamente per sbattere i pugni sul tavolo ma per dire
Che affrontare questa crisi senza generare un nuovo sciocca che potrebbe essere non solo quello di sostenere la domanda finanziaria ma anche e soprattutto di sostenere una domanda diretta di creazione di nuovi posti di lavoro
Con un'iniziativa che potrebbe essere quella di svincolare come è stato fatto per i debiti della pubblica amministrazione
Delle risorse importanti del nostro bilancio pubblico da quelli che sono i parametri di equilibrio di bilancio io penso che questa per esempio sarebbe uno shock anche più forte
Del pur positivo sciocchi che verrà dato dal taglio dell'IRPEF con le misure previste dal governo Renzi e che l'idea che non si possa hanno mai toccare i santuari della rendita
E questo credo trovi anche un consenso in molte delle parti che qui
Vengono tracciate dal libro di Bini Smaghi penso che sia un elemento di arretratezza nel nostro sistema economico
Non semplicemente redistributivo ed egualitario per quale motivo la rendita oggi a un privilegio nel nostro Paese pari quasi ad alcuni paradisi fiscali oltre diciamo al tema che ci vorrebbe troppo tempo da per toccarlo come quello della dell'evasione fiscale
Che che non è ovviamente collegato direttamente a questo quale sia il motivo per il quale non si introducono degli strumenti che incentivino la ripresa di investimenti in attività produttive anche da parte del capitale privato
Io penso che questo
Ritornerebbe a dare una competizione maggiore anche al nostro sistema anche per recuperare quel grappa di mancanza di investimenti attivo di Bilancio commerciale che è stato denunciato rispetto agli altri paesi anche in questo libro
Ed è questo il motivo per il quale e concludo io considero
Assolutamente fondamentale il recupero di una discussione politica sull'Europa
Perché la discussione politica sull'Europa è stata all'origine della formazione dell'Unione europea
Un'occasione anche per immaginare un futuro e per restituire fiducia alle nuove generazioni e generazioni che in questo momento invece
Non considerano minimamente lo spazio europeo se non
Per le iniziative individuali di migrazione di diciamo così andarsi a cercare fortuna in altri Paesi europei
Come uno spazio politico agibile in questo c'è un punto sul quale a me piace discutere non è la prima volta che lo faccio
Con Lorenzo Bini Smaghi che ringrazio per l'invito e il fatto che la politica non può essere appiattita tutta nella stessa
Categoria
Il libro di vini sbagli così come il libro precedente sostanzialmente imputa alla politica un atteggiamento
Devi prendere i voti e quindi ti devi
Comportare come un soggetto che interessato solo agli elementi di breve periodo non sono tutte le forze politiche così
Penso che liberare anche da questo cappio ideologico che costringe tutta la politica nello stesso recinto sia assolutamente fondamentale anche per confrontare le soluzioni diverse perché
Se fino ad oggi
La soluzione che è stata portata avanti non è riuscita a fare uscire l'Italia completamente dalla crisi anzi diciamo i parametri come avete visto anche ieri sono state riviste al ribasso
E l'Europa ha perso posizioni nei confronti nel resto del mondo penso che sia non solo legittimo ma doveroso pensare ad alternative credibili che possono puntare però
A risolvere problemi che sono sulla pelle della gente tutti i giorni
B migliore aperto già il il diciamo il vaso di Pandora di che fare oggi in Italia per per rimettere in moto il processo di crescita
Visto nel libro Bini Smaghi dà una risposta molto preciso su questo perché piuttosto che la dispersione dice lui del di risorse in infrastrutture o in taglio dell'IRPEF e qui mi pare di capire che c'è una critica la strada seguita
Finora dal Governo lui preferirei suggerisce diciamo una un'abolizione l'abolizione dell'IRAP o una radicale riduzione dell'IRAP per agire sulla competitività del sistema che è quello che soffre da quando siamo nell'Euro
E
E diciamo pur essendo un un convinto europeista non esclude la possibilità di contrattare sulla base di riforme precise
Chiare che possono rimette in moto la crescita anche il limite del tre per cento siccome qui abbiamo Boldrin
Che è un economista oltre a essere un politico perché adesso lo è anche un un dirigente politico mi piacerebbe sapere la sua opinione anche su questo oltre che sul libro
Preferisco parlare più da economista visto il tema che poi sarà dirigente politico per me c'è Cesop cioè non
Io ho una qualche difficoltà a intervenire perché mi piacciono i dibattiti in cui almeno all'inizio non sia d'accordo discutere come si è d'accordo e noioso e almeno a nella mente e da qui vengo cerchiamo di evitarlo anzi se
Tipi
Mentre si scopre iniziata una conversazione esce da Codice cambiamo argomento a che Naro lo faceva frequentemente con lui era terribile per cambiare argomento di tre minuti
A siccome mi trovo purtroppo dal punto vista il dibattito completamente d'accordo con l'analisi che fa Lorenzo cercherò di dire
Delle cose un po'più controverse a me sembra che il messaggio è vero che c'è sotto il libro
è un po'compare specialmente la chiosa finale prima della premessa serio il problema è tutto italiano e nell'euro l'Europa centro non molto
E che il problema non viene dalla crisi del due mila e sette qui mi permetto un po'di
Outcut al mio autocitazione citare quegli economisti che un qualche sforzo di analisi sono facendo da qualche anno il problema vero
Italiano e che il declino esiste ed esiste da almeno venti lì venti venticinque anni
Le varie cose che capitolo per capitolo punto per punto Bini Smaghi elenca e e mette in evidenza quello vanno
E qui c'è una serie di elefanti o meglio di convitati di pietra nella Salone del dibattito politico italiano che nessuno menzionato incluso questo Governo anzi in particolare questo Governo
A e che sono la vera ragione della crisi allora approvo buttarne lì qualcuno
Per esempio
Avvenire un sistema scolastico universitario della ricerca che degrada sempre di più fa fuggire i migliori non li premia
A nei
Quando prova a fare il professore quando profano gli studenti
E produce fondamentalmente laureati diplomati lauree magistrali e dottorati di ricerca che nella stragrande maggioranza perciò le eccezioni verso
Sarebbe no ma quella prassi va bene
Fa niente no a è un fattore di declino perché perché la crescita della produttività della capacità di creare ricchezza da almeno trent'anni asta parte
Nel mondo occidentale viene dalla capacità di innovare a di creare prodotti nuovi metodi produttivi nuovi e cercare disperatamente di difendere per quanto alta sia la qualità delle nostre scarpe
Che noi continuiamo a farle scarpe forse non è la maniera migliore ma non tanto per essere i primi del mondo perché non è anche quello il problema è la prima del mondo diventerà la Cina per la semplicissima ragione che un miliardo e mezzo di persone alla fine
A miliardi ma di per sé non ci sono tante mondo quando moltiplichi e ovvi della prima ma guardate e assolutamente indifferente in Lussemburgo o in Svizzera anch'esso un pochino sono particolarmente preoccupati
Di essere in basso nella classifica mondiale del PIL sono contenti perché vivono bene hanno il reddito per capitali Toma interessa quelli
Quindi avere un sistema scolastico educativo di ricerca ripeto che diventa sempre più simile al turco il turco sta migliorando fra un po'ci sorpassa basta guardare qualsiasi statistiche vedrete che siamo giusto lì a due passi dalla Turchia fra un po'
La posizione in classifica SIMEL tira
è uno di quegli convitati di pietra che forse sarebbe il caso di cominciare a esaminare seriamente in questo Paese che di finte riforme di scuole e università ne ha avute almeno
A tanti quanti sono i miei anni sono ormai parecchi ma che non ho cambiato nulla per dirne una debutto un'altra ancora più controversa mai continua a stare lì
Tutti a discutere di costo del lavoro del cuneo fiscale eccetera eccetera ma guardate la la causa fondamentale ce ne sono altre ovviamente l'IRAP
Ma la causa fondamentale se uno guarda i conti aggregati il vero a bontà del problema che rende il lavoro il suo costo in Italia non sostenibile rispetto i livelli brutta raggiunta molto semplice
Si chiama sistema pensionistico
L'Italia in corso da anni ormai ma il fatto che sia venuto da anni non lo rende meno grave anzi ogni anno che passa lo rende più grave un furto intergenerazionale dimensioni epocali
Può capire
E questo furgone intergenerazionale non è solo un furto nel senso che fa pagare a chi oggi altra sedici quarantacinque circa
Contributi sociali a fronte dei quali di trattamenti pensionistici che riceveranno fra trenta trentacinque ventotto anni saranno risibili
Ma soprattutto quella parte ingiustizia era io dopo e non riceverò va be'lì è una questione come dire di gusti io a quando l'ingiustizia diventa così palese un po'Marra Abbio però alcuni potrò dire va beh che ha dato ha dato che ha avuto
Facendo proprio un problema di crescita perché siccome lo strumento attraverso cui il furto avviene
Per future
Lo strumento grosso quel furto avviene siano contributi sociali pensioni ci anche tassazione per ripianare i vari deficit INPS
Questo è il fattore vero di aumento del costo appunto montavate banalissimo l'Italia spende ormai riforma o non riforma danni quattordici e mezzo quindici per cento del prodotto interno lordo all'anno in pensione
Il secondo Paese in classifica in Italia che appena introdotto una drastica riforma pensionistica perché assolutamente preoccupato di questo fatto la Spagna spende dieci
La Francia viaggia più o meno gli stessi livelli poi di andare negli Stati Uniti non sono assolutamente magari da qui non è il modello sto proponendo il modello è solo per dare un'idea degli ordini di grandezza di cui stiamo parlando bisogna rendersi conto
Chi sa bene che lo sono molto preoccupati allora sistema pensionistico se mantiene se sarà sostenibile o meno viaggio nel sei un po'meno
Ora
Anche solo prendendo la Spagna come punto di riferimento voi capite che cinque punti di PIL all'anno tutti gli anni
Di extra spesa e quindi di extra tasse perché i contributi sociali non raccontiamoci barzellette a tasse sono per qualsiasi persona che capisca la contabilità nazionale l'economia ed è signori sono ottanta miliardi
Altro che il sei cinque quattro di non crescita ulteriore della spesa che il Governo sul tavolo
Vogliamo provare a discutere di questo brano o continuiamo a consolarci col fatto che nel due mila cinquanta quando saranno morti tutti e andrà repressione quelle che adesso lavorano
E contribuiscono allora il sistema sarà in pareggio perché questi che hanno contribuito riceveranno l'assolutamente l'assoluto nulla in cambio
Questo è
Il convitato di pietra sotto il costo del lavoro italiano
Le metto due se volete vado un po'avanti danni continua a girare come sorpresa finalmente a una particolare simpatia per i sindacati nel senso di gruppi di potere d'ogni tipo siano essi da un lato dall'altopiano mai avuto particolare
Simpatie per Confindustria neanche quando vivevo in Italia a tanti anni fa
Però ogni tanto che Confindustria riesce a dirne una giusta un po'come gli orologi a a che non ho sbagliato io ogni tanto due volte al giorno riescono a beccare l'ora quando se ne uscì un paio d'anno fa a dire togliete ci l'IRAP rinunciamo my money detti contributi
O sussidi vari a me sembrava come dire l'uovo di Colombo
Abbiamo avuto quattordici commissioni sul punto il buon Francesco Giavazzi è andato a fare a ripescare gli studi che poi c'erano come se il problema fosse capire dove gli diamo i contributi
E quanti sono la facciamo uno studio e vai con un altro studio con Fabiano schivarli hanno scritto un ottimo rapporto e per caso è successo qualcosa
Non mi è giunta notizia
Anche lì dipende da come ricalcoli se ci metti dentro quei delle regioni che poi sono diventato il grosso è una venti venticinque miliardi per carità
Non si tratta italiani dalla mattina alla sera che possiamo dire a Trenitalia di questo sono cosciente anch'io i quattro miliardi circa di di di contributi che ricevete all'anno a spariscono dalla mattina alla sera
No assolutamente no però magari spariscono nell'arco di cinque anni a ritmo di novecento milioni all'anno forse questo si potrebbe dire forse cederebbe qualcosa Trenitalia
Stiamo parlando di cifre non indifferente da una maniera rapida di eliminare l'Iran ecco questi sembrano a me
I temi veri sottostanti l'analisi di di Bini Smaghi il quale dice alla fine
Guardate si Europa alcune responsabilità nel senso del disegno dell'Euro la maniera abbiamo funzionato errori nessuno è perfetto sono stati fatti ma siccome il problema vero
Non è di un'Europa tutta in crisi perché non raccontiamoci questa barzelletta che l'Europa complessivamente non cresce non è vero non so se siete stati recentemente in Danimarca e Svezia ma che in Polonia
In altri posti non non sia questa imprigionati alla solita Germania che tutti menziono loro
Ah non sia questa impressione di drammatica crisi declino che sia qui sia in Spagna in Portogallo e ovviamente in Grecia
La situazione abbastanza a macchia di leopardo non è vero che c'è una crisi complessivo europea c'è una crisi del sistema che ci abitano in piedi l'Europa proprio perché alcuni Paesi
Stante le scendono fatti i compiti per casa e altri non li hanno fatti e questo sta creando una tensione
Però se la risoluzione della tensione deve continui se continuare a diventare la richiesta alla mitica Europa di farci trasferimento extra di rilassare il vincolo extra credo che non abbiamo nessuna parte di quei
Andrebbe un po'tolto il mito di questi numeri magici tre per cento sessanta per cento
Qui permette di fare l'economia è uno di quelli e mi viene un po'da ridere credo che ci sono per iscritto che all'inizio degli anni novanta quando partiva l'idea dell'euro diceva buoni
La teoria economica mi suggerisce che mettere il carro davanti ai buoi e che tutti questi dibattiti sui numeri magici di Maastricht non voglio dire niente non c'è nessun fondamento economico al tre per cento Uto nel tre per cento
Nel due virgola nove al tre virgola due Lorenzo lo mette in evidenza sì
I tedeschi sforarlo ma sforano un anno e mezzo a una contropartita molto forte perché nel frattempo stavano facendo i compiti per casa nessuno si strappa i capelli se voi al quattro per cento ma stai facendo davvero i compiti per casa
Se non li fai
Alle ore quattro percepimento problema perché perché ripeto quando facendo tutti gli anni
Che oggi più problema spagnolo da quel lato sommessi quasi peggio di noi sommessi meglio dal privati assumessi peggiori non nel senso che loro si trovano di fronte una situazione in cui obiettivamente un Paese conosco abbastanza bene
Obiettivamente era una situazione fiscale dispensa
A cui Oberti strutturale del sei per cento garantito e gli anni a venire quindi non so
A come riusciranno Risolo e Palese lì
Che fare deficit extra non è la soluzione la Spagna sta facendo del TG giganteschi ormai da sette anni
E non è da lì
Che vengono i miracoli ecco io
Proverei a spostare molto concretamente il dibattito su questo forse perché son d'accordo sul resto quindi
A hanno non mi va di ripetere che Lorenzo Fitto un ottimo libro che bellissimo che è chiarissimo che m'aiuta è tutto vero
Però lui mi conosce sa che non ho una una forte tendenza i complimenti specialmente in pubblico quindi aveva
A lancerei Sasso nello stagno vediamo se seggo Zemin c'è qualcosa da ridire di contrario così la viviamo un po'il dibattito
Tra l'altro uno delle trentatré false verità e che Bini sbagli affrontare uno delle qui delle quote quelle che ma non sorpreso di più e proprio questo fatto del dell'Europa come blocco comune lui
Fa notare anche che non è vero che corrisponda strettamente la crescita chi sta fuori dell'euro perché
C'è un po'di questa chiacchiera che si dice quelli che sono quelle che sono cresciuti di più e la cosa è invece la macchina o parte ci sono alcuni che soffre la euro che sono cresciuti di più altri che sono nell'errore che stupisce di più e viceversa
E a Goggi volevo dire adesso diceva diceva Boldrin
La crisi siamo in deficit non si finanzia esercitano voi arabo il Governo naturalmente una domanda anche sul Governo devo fare vista la sua
Collocazione cruciale in questo momento i rapporti con l'Europa all'inizio è sembrato che fili flirta aste con questa idea di
Diciamo così di far ricrescere il deficit o invece il dessert è escluso questa questa ipotesi ecco ci forma un po'anche del dibattito che c'è stato su queste ed in conseguenza di che strada volete seguire i rapporti con Bruxelles
Certo rispondo anche a questo io
Sono d'accordo
Con la con comparti a conclusione di Boldrin meno con nelle introduzione varie osservazioni durante quindi credo che potremo dare un po'diano arrivano stava come pure per non fare i complimenti in pubblico Lorenzo Bini Smaghi perché le rifaccio perché questo è
è un libro che
è veramente glielo dico proprio a lui
è un
Tipo di servizio pubblico
è un libro di servizio pubblico perché un libro che chiunque dibatte di Europa dovrebbe legge se non altro
Perché spiega in maniera chiara che non siamo dei pazzi scriteriati
Che diciamo ratifichiamo trattati che ci obbligò a fare delle manovre i cinquanta miliardi all'anno solo per questo il libro merita di essere eletto perché è una grande Panzanaro che col fiscal compaia dalle primo gennaio due mila sedici dovremo fare delle manovre cinquanta miliardi allora lo spiega in maniera chiara
Non è un valore assoluto quello della riduzione del debito ma un valore relativo
Deve è il rapporto tra debito e PIL evidente poiché rapporto temi del PD quando il debito al sito trenta per cento è di una certa entità quando poi Val centoventi al centro di maternità
Tanto che conclude ma questo lo fa molto meglio di me in una pagina e mezzo mi che vi invito a leggere vi do anche il paragrafo è il propalato il capitolo ventisei a pagina sito trentuno
Lorenzo con
Con grande semplicità e la semplicità di chi conosce e capisce le cose perché magari quando si parla di queste cose misere prima reggere
Puoi magari
Cercare di capirle e solo quando sia all'impressione di averle capite dibatterne altrimenti anche il dibattito pubblico ne risente e ci dice che si dovesse applicare oggi
Oggi non nel due mila sedici come me si dovrà applicare con la manovra con la regista di vita del due mila undici e la manovra sarebbe di circa tre miliardi contro mi ricordo bene ecco
Tra i tre e cinque miliardi mi sembra già un e vi do questo esempio perché perché in acuto svela una leggenda metropolitana sfata una leggenda metropolitana che si aggira nel microcosmo politico e mediatico romano
Come l'araba fenice cioè riesci magari un dibattito distruggerla poi nel corso del giorno
Ho colti addirittura proprio eh il giornalista che dice come faremo a fare delle manovre i cinquanta miliardi terrorizzando ovviamente gli ascoltatori questa già mi sembra per questo un
Un ottimo contributo e così questo ad esempio per dirvi
A chi non l'ho ancora letto il e il metodo che è stato utilizzato in questo libro un metodo informativo e che insomma affronta anche i nodi i nodi e dibattito credo che sia molto utile certamente
L'arte mia tutti i candidati almeno al Parlamento europeo che siamo d'accordo no con le conclusioni dovrebbero dovrebbero leggero anche per evitare poi di fare delle figurarsi magari poi rimane a verbale di resoconto e Parlamento europeo e non va bene per la influenza
Per l'influenza dell'Italia
Poi si diceva prima
Il problema italiano è solo italiano il problema ovvero
C'è un altro titolo qui trentatré fase evita verità sull'Europa un altro titolo potere poteva essere piove euro ladro nel senso che effettivamente tante mali e tanti problemi che dipende unicamente dall'Italia sono attribuiti all'Euro come quando tutto va male
Si dice piove Governo ladro mai non lo diciamo più piove Governo ladro di ormai l'Italia dice piove euro
Euro ladro però il problema evidentemente a mio modo di vedere un problema italiano è un problema europeo
E parto bomba la pioggia cioè è evidente che
C'è stata una costruzione per tutta una serie di motivi entrato sono spiegati e di proprio di Di Lorenzo
Spiega perché siamo eravamo molto più avanzati sull'Unione monetaria sulla cooperazione monetaria rispetto alla Unione economica e all'unione politica sono dei dati storici
E da quando Nixon annunciò la non convertibilità del dollaro che gli europei coprono in materia monetaria piano Werner per l'alter l'unione monetaria e del nel musical settanta
Quindi è chiaro che siamo arrivati al momento geopolitico determinante cioè il crollo del muro di Berlino
Con dei lavori molto più avanzati e un approfondimento molto più rilevanti in materia monetaria rispetto all'Unione economica e l'unione politica e quindi e questo si riflette in maniera squilibrata di cui abbiamo pagati gli errori dopo si riflette anche nella struttura al massimo
Cioè sono dei dei motivi anche questo o di motivi
Dei motivi storici profondi per per e per spiegare il perché abbiamo fatto qualcosa di federale cioè la moneta unica
E siamo rimasti in qualcosa di poco più che intergovernativo un un semplice coordinamento delle politico nomi che che poi ovviamente ha portato come diceva giustamente Antonio Polito
All'ASP anche questo ha portato a una situazione a macchia di leopardo perché è chiaro che quella convergenza che dovrà esserci De Poli economiche non è venuta
Perché non c'era una naturale fecondità economica o istituzionale dell'Euro o ti dagli strumenti per farlo pure questo non viene così
Da solo
Però è evidente che c'era un problema anche europeo cioè erano costruzione così fatta che andava bene quando c'era il sole o quando era variabile o quando c'era più generica Bruxelles esente perché non c'era il tetto è chiaro che quando non c'è il tetto
E arrivo a tempesta
Un ciclone economico e finanziario che poi diventato economica e sociale che abbiamo importato comunico Agata oltre Atlantico che si è battuto sull'Europa è evidente che con l'Europa si farà trovare impreparata perché non avete detto
Cioè non aveva tutte quelle tutta quella costruzione che era necessaria ed è necessaria
E in parte e anche questo libro spiega è stata costruita attorno attorno alla moneta unica la l'Unione economica all'Unione bancaria e e i i vantaggi e gli svantaggi costi da non nude bancaria
Che abbiamo dovuto sopportare in questi due anni e quelli che eviteremo
Grazie all'accordo che abbiamo raggiunto qualche settimana fa sul meccanismo di soluzione unica sulle bancari eccetera quindi
è evidente che c'era una casa europea cave il tetto
E quindi ovviamente in caso di tempesta se ha battuto poi c'era all'interno di questo condominio c'erano alcuni che abbiamo trattato meglio il loro appartamento
Perché avevo fatto in tempi di sole o in tempi di crediti IVA variabili quelle riforme strutturali si faceva riferimento
Al caso Cereda del due mila e tre primo diciamo rottura
Delle regole del patto di stabilità c'erano altri invece che non le hanno fatte in Italia un vero processo di riforma si è interrotta ma voglio dire attirato nel novantotto o novantanove c'abbiamo siamo entrati nell'euro da avviare questo processo di riforme strutturali importanti anche dal lato diciamo micro rispetto all'ATO macro era alta questo mi è stato fatto e quindi abbiamo perso ma questo cioè non è una novità non emotività abbiamo perso dieci quindici anni rispetto a quelli che sono i nostri partner ma anche i nostri concorrenti perché è evidente che l'Europa è
Unione che rafforzare cooperazione ed è anche però competizione tra i sistemi i sistemi Paese noi abbiamo mancato di fare quelle riforme che ovviamente è più difficile fare dopo che la tempesta passata
Perché fare quelle riforme che potevamo e dovevamo fare all'inizio degli anni due a fine anni Novanta né italiani duemila in condizioni finanziarie economiche molto più vario favorevoli farle adesso ovviamente è molto più
Molto più difficile quindi direi che il problema è italiane problema europeo ed è evidente che dal dall'ATI italiano
Dobbiamo tirarci via la questo di lo slogan del piove euro ladro e dobbiamo farlo e anche su questo civili in aiuto il libro che stiamo presentando
Non guardando
A all'attuale Governo ma guardando a quanto il CGIE invitava a fare luce in Auddino è necessario che gli italiani non crediamo di dover la sa di dover la salvezza a nessun altro fuorché a se stessi ed è questa l'atteggiamento che dobbiamo avere
Quindi certamente dobbiamo rompere col vincolo esterno anche perché il vincolo esterno
Che può è stato utile in alcuni passaggi ripiegate europea oggi è politicamente socialmente del tutto inaccettabile quindi anche se volessimo continuare col vincolo esterno ci sono delle condizioni politiche
Sono e giustamente perché
Nel sesto dopo una mano una maturazione maggiore maturità del dibattito politico sull'Europa e ci sono delle condizioni sociali che ti impediscono di di dire
Ce lo impone ce lo impone l'Europa quindi noi e così comincio a a rispondere la domanda
Che mi è stata posta noi non andiamo certamente io sono appena rientrato a Bruxelles in una delle infine ormai settimanali visite non è che oggi sono ho parlato dei commissari europei che ha incontrato
E gli ho chiesto per favore diteci voi che dobbiamo fare questa cosa così la vendiamo Alitalia
Per noi questo cioè noi abbiamo rotto completamente con questo approccio
Abbiamo avuto cosa però se abbiamo rotto anche però con un atteggiamento
Di sudditanza di debolezza psicologica etc per cui andiamo complesso di Calimero dicevo un altro che ha scritto dei bei libri delle delibere sull'Europa
Abbiamo notato complessa di Calimero non abbiamo il complesso di Calimero anche perché
Anche perché su questo so che appunto Polverino nell'accordo abbiamo avviato un processo
Di riforme e abbiamo indicato nel defunto percorso che facili specifiche sembra
Molto utile nell'interesse degli italiani ma
Pienamente coerente e compatibile con le regole col percorso europeo perché noi destiniamo chiaramente che le regole
Non sono
Interpretate non devono e si deve date unicamente
In maniera estremamente restrittiva la Olli Rehn
Quelle stesse regole possa essere interpretati in maniera più flessibile e che l'interpretazione che la Commissione europea ha dato in questi anni
Delle regole relative al tutt'altro pezzo altri specchi che poi sono semplicemente codificate
Nel fiscal compatta no sono è una delle interpretazioni possibile ce ne sono altre e quelle che e e e le altre sono quelle che vengono spiegate molto in maniera mi sembra meno
Io condivisa molto chiaramente sia il documento di con i finanziari che nel piano nazionale di riforma cioè
Sempre stiamo stiamo indicando innanzitutto la necessità
Di a vere un approccio più flessibile rispetto alle riforme che ripeto facciamo l'interesse l'Italia ma che sono quelle che ci vengono
Raccomandate e vengono discusse per l'Italia o per altri Paesi più indietro nel processo alcune riforme a livello comunitario
Perché
Mio non mi fermo alla dichiarazione
Che non c'è stata per fortuna oggi forse già le prime reazioni alla Commissione opera oggi sul desse sono molto diversi da quelli di qualche tempo fa
Forse perché hanno letto un percorso di riforme che sono quelle che sono nel Kansas nelle raccomandazioni cancri del canto ispessite le comande Jean nelle ultime dell'anno scorso che sono state fatte ritaglio dal Consiglio e come la Commissione europea
Cioè ri abbassare abbassare abbassare il costo del lavoro sia risolvere in maniera radicale e non progressiva radicale il problema del ritardo dei pagamenti dell'impresa da parte la pubblica amministrazione
Riformare riformare la pubblica amministrazione a Veron sistemi istituzionali in grado di decidere perché la democrazia efficiente la democrazia che decide dobbiamo sicuramente dopo l'Italia se poi vogliamo proporla a livello europeo
Che noi siamo trent'anni che discutiamo di riforme costituzionali italiano abbiamo fatto una ne abbiamo fatta Neto non ha funzionato colpa nostra che l'abbia fatto di fretta il Titolo quinto
L'Europa lenta burocratica ed è vero che per certi aspetti è molto lente peraltro molto burocrate in questi vent'anni di riforme costituzionali le fate quattro
Perché sono quattro i trattati che hanno rivisto le istituzioni europee quindi anche da questo punto di vista occorre
Occorre fare fare la nostra parte e noi riteniamo che
Facendo la nostra parte ed è una parte che
Contribuisce a riavviare la crescita economiche Italia porre quelle condizioni per riavviare la crescita
Non sia un problema a vere un rispettare raggiunge l'obiettivo nel due mila e sedi sia l'obiettivo di deficit nel due mila e sedi se non nel due mila quindici perché è coerente con quel percorso che
Ci chiede del resto raccomandato a livello di europea poi c'è un altro aspetto
C'è un altro aspetto
Tutti Grecia Spagna dire in Francia
Se voi leggete prevalente l'evasione puramente noi sbagliamo tutto
Diciamo che ha diamo diamo un esempio quindi sbagliato che viene ripreso a livello europeo perché se voi leggete i discorsi Manuel Valls ieri all'assemblea nazionale guardate l'impostazione che ha dato sia le riforme economiche interne
Sia l'approccio da temere a livello europeo di riforme in cambio di flessibilità B diciamo che non è mai ecco sembra abbastanza ispirato al programma che l'Italia sta portando avanti
Ah della riduzione del costo del lavoro la riforma la pubblica amministrazione dirittura l'abolizione dei Dipartimenti più difficile sicuramente per vasche per noi
E questa per arrivare dove questo per arrivare a dare un senso concreto a quel tentativo che era stato fatto il Consiglio europeo di dicembre
Ed è miseramente fallito perché è stato un accordo sul disaccordo nel senso che in dicembre quando si è parlato di contratto alla resi mentre gli accordi contrattuali con un'impostazione a nostro modo di vedere troppo restrittiva e vorremmo anche cambiare il nome ma se è stato posto il tema come
Quali strumenti a livello europeo potrebbero meglio accompagnare le riforme strutturali nazionali
C'è stato il disaccordo tra
Il partito della disciplina e il partito della solidarietà però ci sembra che adesso le condizioni per almeno ritentare dire aprire questo tema
Sul
Chiatte lavorando su dei partenariati per le riforme la crescita competitività
Che in cambio di riforme strutturali nazionali
Verificate realizzate e diciamo accompagnati da una strada un un controllore un controllo comune
Si possano avere delle misure di accompagnamento del mio europea che possono essere più flessibilità nel nelle modalità dei tempi di rientro
Del del peso del debito possono essere forme di coraggio amento con incentivi della Banca europea di investimenti può essere altro io punterei più sul primo perché noi non chiediamo rissosa nessuno
Lavorando su riforme strutturali in cambio di flessibilità noi non chiediamo un euro in più come non abbiamo mai fatto come italiani al contribuente tedesco
Non abbiamo mai chiesto un euro alla Germania che questa è un'altra cosa che dovremmo
Forse dovresti tradurre fare per non interessa il tuo libro perché anche l'opinione pubblica tedesca ha bisogno di uscire a tante leggende metropolitane ne abbiamo dato durante la crisi non abbiamo chiesto nulla
Però in cambio di questo lavorare sui partenariati e che danno maggiore flessibilità
Quando delle riforme nell'immediato costano ma nel medio nel medio periodo apportano quei vantaggi concreti che vuol dire tornare a crescere non accontentarsi come
Fino a qualche mese fa al sembra dovessimo stappare il Prosecco Franciacorta quando il il
La crescita passava dallo zero cinque lo zero sei anni non mi sono entusiasmato di questo
E vorrei e delle politiche che ci permettono di avere una crescita reale e per me la crescita reale è una crisi e comincia a produrre posti di lavoro perché la zona si ricoveri non è qualcosa che
Mi convince ma sicuramente non convince
Quei milioni di disoccupati giovanotto cinquantenni Italia che non sanno oggi quale prospettiva dare l'ultimo punto
è evidente che facendo le cose seriamente ognuno a casa propria
Si può anche lavorare per ricreare quello e Antonio tu lo dicevi molto bene l'ATO introduzione del grande capitale perduto in Europa la fiducia reciproca
Problema anche i Governi europei il Ministero per i popoli europei non si fidano più tra di loro
E se noi non riusciamo non non facciamo la nostra parte non riusciamo a ritrovare questa fiducia reciproca che manca drammaticamente che c'era
Perché non mette insieme una moneta unica astenuti figli uno dell'altro mattino oggi non c'è più e questo era è la sfida politica di fondo se non ritroviamo quel capitale difeso reciproca sarà molto difficile fare altri passi in avanti
Come dice Bini Smaghi
Come dice Bini Smaghi diciamo buona parte del recupero di quella fiducia reciproca dipende dall'Italia quindi siamo veramente
Abbiamo giochiamo una partita importante non so
Per noi
Io darei la possibilità tre quattro interventi dal pubblico abbiamo un gelato si
Mi raccomando siate brevi circoncisi come non come ha detto il deputato no
Concisi ovviamente
Però così diamo la possibilità a tutti di parlare anche perché sono già diciannove venti e poi a sentire ovviamente Bini Smaghi
Vado
Vado
Ad
Grazie buongiorno buonasera Antonio Borghesi Università di Verona economista aziendale
Deputato per sette anni in Commissione Bilancio
La scorsa legislatura io ho votato convintamente sono riuscito con fatica anche a far votare al partito che rappresentavo cioè Italia dei Valori il fiscal compatta
Il pareggio di Bilancio la legge costituzionale sul pareggio di Bilancio la legge attuativa del pareggio di bilancio che poi non è non si parla di pareggio ma di equilibrio bisogna dirlo pagano e non solo non è un pareggio contabile
E ora io vedo sto osservando in questi mesi che tutti i colleghi di Commissione fuori Commissione compreso in parte anche Sandro Gozi ma quando si deve un po'avvicinato a Renzi
Stanno ora indagando ciò ma in parte no insomma va be'dopo dirai tu stanno stanno lì molti colleghi si a cui in modo preciso stanno rinnegando quello che hanno votato
Io credo che invece sia stata
Qualche cosa di assolutamente necessario
E che essendo ove non vi fosse stato sullo sfondo
Quel pareggio di bilancio che poi non c'entra niente cinquanta miliardi è già stato detto non lo ripeto non è così insomma non c'entra nulla
Ma se ne occupa se è stato sullo sfondo a queste io credo che oggi noi non saremo al due virgola sei per cento ma saremmo venti più magari come la Francia o come altri con quindi delle gravi difficoltà poi da affrontare per il rientro
Io vorrei capire sapere e chiedere a Lorenzo
Bini Smaghi non ho letto il libro ma vorrei chiedergli se su questo punto
è d'accordo con me cioè che quella che quel pareggio di bilancio così tanto oggi vituperato in modo trasversale da molti che l'avevano votato in realtà è un qualcosa che per il nostro Paese assolutamente necessari
Grazie
Io cioè raccolgo un po'di interventi non ha prodotto I c'era De Benedetti che aveva chiesto la parola vero
E lì in fondo
Siate brevi come il l'intervento che ci ha preceduto domande da Sandro Gozi ex lo so che un mio difetto di occuparmi di minuzie ma ci sono state due piccole fra sette nel suo
Il discorso che non ho capito ha parlato di riforma della pubblica amministrazione forse per la somma persa qual è l'avvocato per favore
Ancora Gozzi poi
Chi alza la mano
No si è tutti d'accordo nell'eliminare l'IRAP che è una tassa che paghiamo solo noi e odiosa
E però la sua la la la la copertura non viene mai trovata in un'imposta per esempio su cui possiamo a un livello più basso in Europa che sarebbe l'IPA
L'IVA nel sennò non l'aliquota ordinaria se noi facessimo come l'Austria portassimo l'aliquota minima del dieci nella lì è tutto il resto al venti otterremmo venti mila miliardi
Quando è sufficiente
Per eliminare completamente l'IRAP sapendo che il quaranta per cento riguarda gli enti pubblici e quindi si tratterebbe di una partita di giro
Ecco vorrei una risposta su questo per quale motivo non se ne parla perché tutti i Paesi nordici voglio dire hanno tutti aliquote altissima Danimarca cioè all'aliquota unica addirittura al venticinque noi dalla Svezia ventitré ma insomma non
è questo che volevo dire verrà sa è stata la manovra tedesca l'aumento di tre punti dell'IVA e l'abbassamento dei costi del lavoro una domanda ancora
Per un punto di IVA stava cadendo il Governo letta dall'altra sembrava ricordate
Se io
Ho capito allora come volevo dire questo io sono
L'uomo della strada sono in genere non sono economista farò considerazioni molto molto semplici e in particolare volevo ricollegarmi a quello che ha detto Boldrin che invece è un economista
Tra i pesi che l'Italia si trascina e che impediscono diciamo il decollo verso situazioni migliori io indicherei anche l'aggravante di grande livello di evasione fiscale
Che è enorme
E la illegalità
Se le nostre imprese avessero investito in innovazione ricerca quanto hanno pagato in tangenti
Se ci sono anche aziende di Stato che le hanno fatte probabilmente avrebbero oggi i livelli di competitività molto maggiori
Devo devo dire che nel libro questo è scritto con chiarezza cene allora io non ho letto il libro no no sono contento se io avevo dei condividere due domande lei quando operiamo in prima
Il signore diciamo
Posso dire più giovane meno canuto
è poi il signore più canuto
Sì buonasera sono Alfonso stiano una domanda per Gozzi è per Azzi prego una domanda per Cozzi è Bini Smaghi
Si è detto l'ha detto lei Polito che l'integrazione europea passa anche per più democrazia tenessero Teo passa per più democrazia Pozzi ha detto che le riforme che si stanno attuando
Sono compatibili con l'Europa
Se guardiamo però alle riforme istituzionali cioè in Senato che non è diventa più elettivo l'abolizione delle Province una legge elettorale
Che privati gli elettori della possibile ad esprimere preferenze cosa che invece viene Europa chiedo se questo è compatibile con lo spiccata governance dell'Europa e chiedo a Lorenzo Bini svaniti a Cozzi
Loro cosa pensano intima di governance europea
Grazie nostro intervento è lì
Grazie Giuseppe Zadra
Io faccio una domanda direi ad entrambi e cioè Silva all'onorevole Dozzo diffida Lorenzo Bini Smaghi
Ho frequentato per venti venticinque anni trenta Bruxelles sotto il profilo legislativo
E abbiamo sempre avuto come italiani la sensazione che hai la rappresentanza italiana
Nel Parlamento europeo
Fosse
Come posso dire molto spostata sulle Commissioni di natura politica poco o nulla sulle Commissioni di natura tecnico economica
Dove dominavano invece
I professionisti inglesi tedeschi dice anche francesi
La domanda è
FAS a Lorenzo se ritiene che questo problema della qualificazione però la prima infanzia età abbiamo il Parlamento abbia un peso sulle trentatré false verità
E all'onorevole Gozzi visto che siamo a un mese dalle elezioni europee
Se nella
Composizione delle liste
Che saranno sottoposti agli elettori per il suo partito questa esigenza
è stata considerata e quali criteri di scelta avete adottato per formare le liste su cui si eserciteranno poi le preferenze cioè ha chiesto se candida Tardelli praticamente la domanda è
E
Ancora una domanda accetto e poi chiediamo prego un'altra ma lei è già parlato o no annoso così hanno nomi e vivono confuso perdonate
E gli stimoli sono molti di sintetizzo l'ora una mia osservazione
Giustamente è stato detto il lodo amo essere varati alla gelata finanziare che arrivata diciamo con la Lehman Brother cedere eccetera però che le Regioni italiane
Diciamo così per distrazione o perché non conoscevo la finanza o perché non conoscevo inglese si sono indebitate quei derivati c'è un'inchiesta dalla finanza che
Depositata una stanza del Tesoro
Con le relative tangenti off-shore
Di cui si sa poco non per auto citarne fatto uscire un'inchiesta venti giorni fa su questo ma c'è stato un silenzio
Fragoroso sulla materia e sarebbe interessante capire perché su quel di quest'argomento se ne parla poco anche se Saccomanni in una
Diciamo così un intervento che ha fatto a Roma Tre ha detto che dovremo convivere comprati eccoli swap con la finanza pratica quella speculativa perché oramai ente è innescata del sistema economico finanziario
Nonostante i tentativi che stiamo facendo per tornare all'economia reale almeno questa seduta
Cosa dire
Suo pensiero col zac dicevo condivido Coppolino il fatto della della grande rapporto di fiducia che c'è in Europa certo quando abbiamo il telegiornale scrivi
Apprendiamo che
è stato corretto scoperta la più alta di scabrosa discariche d'Europa in Italia e nessuno se n'è accorto beh certo che qualche problemino già da parte nostra quindi sarebbe anche il caso di farsi impone seme autocritico grazie
Anch'io penso che molto spesso
Grazie
La verità che ci avrebbe un momento Antonio noi in Europa quella è basato sulla fiducia reciproca c'è un'accettazione
Va bene allora se abbiamo concluso che dire di sì io stavolta fare il giro postali Pigozzi avuto molte domande fa ripartire Goggi poi Boldrin migliore poi finalmente sentiamo
Beh cercherò di incorrere ufficio invece di essere di essere rapido anche se le domande che mi avete dato sarebbero da tre da tre dibattiti parto dalla questione della democrazia non lo vedo più quello che la fattura ma guardi
Non c'è un non c'è un allarme da svolta autoritaria in Europa su quello che stiamo facendo ora con la voglio rassicurare
Non c'è perché vorremmo altrimenti ci vorrebbe un'altra rivoluzione francese dato che è stato francese letto da centocinquanta mila eletti locali e non direttamente dai cittadini Stato francese non reggono i Consigli comunali consigli parti mentali
Neppure so le barricate a Berlino
Dove non c'è un Bundesrat eletto direttamente da sessanta milioni in tedeschi
O neppure neppure si sono indignato si Spagna
Per una legge elettorale alle europee che non proporre in Italia ma che un listone nazionali unico bloccato con una lista e dire
Credo cinquantasei credo che non mi ricordo più quanti sono i deputati spagnoli firmati ma sei visto le bloccato unico nazionale in cui gli spagnoli eleggono i loro candidati alle alle europee quindi
E io eviterei di carica durare uno sforzo che stiamo facendo dopo trent'anni di inutili dibattiti io obiettivamente
Vero elementari quando si comincia a parlare di
Superare il bicameralismo perfetto e dato che si parla di Europa io le do la mia esperienza di bicameralismo del tutto imperfetto ATO che perfetto
Abbiamo c'è una legge che ha riformato e che
Spero di poter attuare perché non è stata poi attuata per il sessanta per cento settantacinque ottanta per cento cioè la legge che ha riformato il modo in cui l'Italia partecipa l'Unione europea
Una legge che abbiamo su cui abbiamo lavorato nella passata legislatura di iniziativa parlamentare
E che è stato adottato alla Camera a con mi sembra cinquecentoquaranta sei voti di cui cinquecentoquarantatré favorevoli e tre astenuti
La traduzione è che non c'era nessun problema politico
Di divergenza politica su questa legge
E che poi per tutta una serie di questioni legate al bicameralismo assolutamente imperfetto a rimasta giacere in Senato per un paio di anni
E quindi questa legge entrata in vigore
Alla fine di dicembre due mila dodici questo per me è l'esempio del bicameralismo che va assolutamente abolito perché
Se ne vogliamo ridare
E sfiducia i cittadini nella democrazia bisogna che la democrazia sinché sia capace di decidere
E capace di incidere in modo democratico ma in boh in modo non
In modo rapido
E qui noi stiamo facendo e noi stiamo facendo questo quanto alla questione alla questione democratica europea io credo che
Certamente bisogna passare ed è questo una cosa molto difficile perché non si tratta di riformare stata anche di riformare ma si dà di passare da democrazia formale democrazia reale
Cioè da una democrazia enunciata col voto ogni cinque anni e noi abbiamo le preferenze possiamo esprimere tre ma se io vorrei
Fare un sondaggio abbiamo tempo vedere chi di noi si ricorda la preferenza che ha dato all'ultima lettera europea
Ma
è evidente che alla democrazia a quella democrazia formale non corrisponda ancora democrazia reale e questo è il tema della politica ero per questi tema delle della politica transnazionale e questa è la il una delle ragioni della crisi della politica
Perché tutto diventato transnazionale
L'economia l'ambiente la sicurezza e terrorismo le questioni migratorie centrato utilità o transnazionale tranne la politica che è rimasta chiusa stretta negli angusti confini nazionali finché non riusciamo a uscire da questa gabbia
E a costruire una politica transnazionale attraverso dei veri parti policy europei è evidente che avremo sempre questa questo questo questo s'gap questo distacco questo divario
Tra quello che sembra essere sulla carta siamo l'unica organizzazione non statuale che leggi direttamente un Parlamento europeo e quello che invece la democrazia vissuta
Questo ovviamente fondamentale sulla e finisco di rispondere e credo alla sua amava la domanda che è stata fatta sulla garanzia dell'euro è fondamentale per fare dei passi avanti sulla gara secondo mica e sociale del
Perché
è una nostra ambizione molto difficile non ci illudiamo
Di fare la differenza durante i nostri e Mestre però e è chiaro che il tema della gara non secondo me che sociale sotto un maggiore controllo democratico del Parlamento europeo e dei Parlamenti nazionali
è assolutamente fondamentale ed è quello che manca assieme all'unione politica di quel rapporto i quattro Presidenti cui si parlava prima
Che l'Unione bancaria abbiamo abbiamo fatto fino ad
Entro un passo avanti importante sul tema del controllo democratico di una gara non sfera economica e sociale dell'euro siamo molto indietro bisogna sfruttare pienamente Trattato di Lisbona
Probabilmente bisognerà vedere anche quali modifiche ad hoc dei trattati bisogna fare
Per raggiungere
Per raggiungere questo punto al amico e collega borghesi voglio dire che noi riteniamo assolutamente nulla
Che
Per continuare a risponde alla domanda sul desse
Insomma se noi paghiamo tutti i debiti della pubblica amministrazione come stiamo facendo e come faremo
E come faremo e introducendo anche un nuovo sistema di fatturazione elettronica che evita di ripetere gli errori del passato e sequestro dell'immediato
Fa crescere un po'il debito pubblico rispetto al percorso che avevamo avevamo concordato con l'Europa dato che questa è una delle questioni
Su cui siamo in mora coi nostri imprenditori che chiudono per crediti e siamo anche messi in mora dall'Europa perché ci dice e addirittura oggi ho discusso proprio come sarà italiane di questa questione a Bruxelles
Ci mette in mora sull'attuazione Pia relativa ai pagamenti non abbiamo rinnegato la volontà di mantenere sotto controllo e finanze pubbliche facciamo qualcosa che è giusta dal punto di vista economica mentre mette qui liquidità nel sistema e di anche di grande consenso
Ed anche di grande buonsenso ed è per questo che e nel derby dette il debito pubblico
è previsto un aumento proprio legato legato legato legata a questo quindi non mi sembra
Di di rinnegare mi sembra di interpretare in maniera politica in maniera
Adesso non stupida delle regole che sono delle regole che non devono essere le tavole la legge ma devono essere interpretate endo conto delle situazioni economiche specifiche di usi di ciascun Paese non abbiamo una situazione economica specifica e siamo anche
La terza economia della della zona euro magari sarebbe è bene ricordarlo poi
Io ho detto che abbiamo fatto la riforma la Pia ho detto che uno dei e delle nostre proposte su cui stiamo lavorando e abbiamo già indicato
Delle linee-guida ad esempio
Il rinnovamento
Della funzione pubblica nazionali il ringiovanimento della funzione pubblica nazionale
è uno dei nostri obiettivi stiamo lavorando stiamo lavorando perché perché per fare quello che vorremmo fare occorre guardare le coperture occorre guardare quale impatto può avere sul bilancio del vinse
Che da quando fatto in sé Inpdap insomma diciamo non è
Non è un bilancio florido però l'obiettivo che vogliamo perseguire che fa parte del nostro programma
Mi riformare questo Paese è di ringiovanire la pubblica amministrazione e di riformare anche tutte quei metodi di lavoro a partire dagli obiettivi che vengono affidati
A ciascun dirigente che dovrebbe esservi adesso cosa Slow Ascom ufficio attraverso i quali valutare concretamente il lavoro fatto e magari cercare di fare qualcosa di rivoluzionario Italia introdurre il criterio almeno in parte almeno
In una percentuale del merito
Nella valutazione della vogliamo Istat partendo dai dati che sono noti ma invito ricordarvi che c'è il dieci per cento di funzionari pubblici italiani che sono studi trentacinque anni
E che sono il ventisei per cento del Regno Unito che sono il ventotto in Francia quindi è evidente che
Su questo abbiamo abbiamo un problema sulla questione e concludo sulla questione del
Dell'IRAP non è la scelta l'abbiamo indicata dedicato chiaramente vogliamo agire sulle
Su alcune rendite finanziarie non sui BOT
Aumentandolo l'erede finanziare operazioni da cui erede finanziate dal venti al ventisei per cento stando quindi ancora al di sotto della media europea che al ventisette
E che in una Paese che non è la capitale la Corea del Nord ma si chiama si chiama ronde ce la City a volte arriva al trentatré trentaquattro per cento edili vogliamo trovare risorse per cominciare abbattere
Il dieci per cento dell'IRAP ecco presa delle risposte assolutamente
Anche troppo Boldrini sarà più veloce
Quanti minuti riconosce
Che cosa noi ci fece un gruppo di Fanna che voi ci vorrebbe che
Andasse avanti a lungo no no
Ma guarda visto che ai realtà a con la con la vocazione sono riuscito un po'a
A spostare il dibattito sulle cose da fare Gozi mi permute mi permetterà
A se faccio due appunti a tecnici
Proprio tecnici poi diventano politici su alcune delle cose che ha detto
A la parte sulla democrazia alla capacità di decidere se a me preoccupa questa retorica che gira in Italia perché ho capito
Che da parte dei media c'è una fase testo Londra per questo Governo
Per cui
Non si disturba il timoniere però non prendiamoci in giro
La governabilità
Ossia la capacità del Parlamento in un regime parlamentare di approvare leggi sostenere una maggioranza in maniera decisa e costante si ottiene
Tranquillamente con i premi di maggioranza potrei anche mettermi a discutere se è giustificato le norme premi di maggioranza che ne produciamo ma va bene ve lo passo facciamo finta che va bene
E ed è il numero giusto è la maniera corretta di farlo ce n'è solo delle altre secondo me più rispettosi sia della procedura sia della capacità dei sistemi elettorali di filtrare appropriatamente quella che può essere o non può essere la domanda
Sociale di rappresentatività però i parlamenti nelle democrazie liberali non hanno solo la funzione di approvare e non disturbare il timoniere
Hanno anche la funzione di disturbare il timoniere in maniera legittima democratiche cioè di dare voce
Al disegno sua le differenze di opinioni all'alternativa alla proposta tra
E questo
Non so si sia inventato questa strana legge dalla scienza politica in Italia nulla
Toglie alla possibilità di avere un premio di maggioranza ha detto altrimenti non conosco Paese al mondo
Democratico che abbia al contempo un premio di maggioranza di questa dimensione ma nessuno e delle soglie di sbarramento di queste dimensioni l'unico Paese che io conosco che ha delle soglie di sbarramento simile non se la Turchia
Che il dieci per cento ma non è il premio di maggioranza sì ma il premio di maggioranza allora capiamoci Polito non è
Non solo combinato vuol sì sì la per risolvere il problema regionale Galileo si assumano ma ma come su quello non mi voglio mettere perché andiamo in questioni delicate e te lo passo d'ingresso però vogliamo capirci
Una volta garantita la cosiddetta governabilità che poco poi a che fare con la rapidità di decisione la quale a che fare molto con le procedure parlamentari eccetera eccetera
Una volta garantita la governabilità io credo sarebbe il minimo in un Paese democratico di tradizione liberale suddividere il quarantasette il quarantacinque decidete un po'voi non fa molta differenza
Di seggi disposi invia al Parlamento fra le forze di minoranza in maniera proporzionale in modo tale
Che chi ha qualcosa da dire perché bastano due deputati per dirle cose non è che non c'erano trentatré
Come le tesi che
Che Lorenzo al correttamente distrugge devastante due
E questa è la funzione di voice
Che un Parlamento deve svolge in un Paese democratico non c'è assolutamente nulla che osti
Se voi pensate davvero di poter vendere a un Paese in questo momento un po'Morosini Zagato dall'effetto telefono della disperazione
Che non dare rappresentatività parlamentare e voci a minoranze ridicole a sentirne mi dicono non è mio sentire alcune espressioni
Che mi è capitato di udire la stampa nelle presentazioni dei partiti di Governo di tre quattro milioni di persone allora abbiamo una concezione molto diverso che la democrazia liberale
Ed è inutile dire che non c'è nessuno in Europa Kissin cazzi
Perché nessuno in Europa una combinazione di meccanismi uguale a quelle che questa pseudo riforma istituzionale sta introducendo la quale è anzitutto molto mal pensata mi dispiace non c'è tempo ma se andiamo sull'aspetto tecnico
Davvero mi domando chi l'abbia pensata
Faccio l'economista di professione scienziato politico vuol dire diletto e ti posso garantire che proprio
Nella letteratura 'sta roba fa pena
Non so chi sia la testa d'uovo che se ne pensate
Ma è altamente illiberale
D'accordo e nulla c'entra l'idea che non vogliamo il bicameralismo perfetto perché signori allora per una volta l'ho detto l'altro solo una battuta su Twitter
Io non ho mai avuto particolare passione per l'onorevole anzi una volta onorevole ora disonorevole Silvio Berlusconi
Però per una volta questo vero riuscito a far dire una cosa giusta
Perché allora se questa cosa qui che è una cosa medievale con quindici per cento dei senatori nominati dal Presidente del perché il nuovo imperatore
Che è davvero ma allora aboliamole togliamo di mezzo del tutto
Perché è davvero una presa in giro
Cioè io vi lascio il telefono ma per carità ma non raccontiamoci bugie in pubblico proprio sull'intelligente e di buone letture ok
Davvero non è il caso che questa sia una cosa che serve per la governabilità che rispetta le regole della democrazia e che non è unica nel mondo e queste sono tre fermate dei bus no non serrato appena dimostrato che non serve per la governabilità sì perché la governabilità mi dispiace conservati rifaccio la lezione o allora prova ascoltare per la governabilità Gozzi è sufficiente il premio di maggioranza e avrei bisogno e allora
Vogliono adesso che hai detto
Estromesso ruba volete proletarie proviamo a priori provocate volete eliminare questo tipo atti dove arriviamo leva perché
Le tre azioni materia non ci hai deluso però adesso però passiamo all'altro del rimpatrio che non aveva accolto dove erano le tre lettere le tre cose non vere otterrà concernano ma è legittimo di veniamo alla questione della pubblica amministrazione
Anche qui anche qui anche qui così accentra
Riformare l'Amministrazione con ringiovanire la sono le regole sono gli incentivi sono le procedure che fanno non fanno funzionare laboriosa che il funzionario con l'incentivo sbagliato abbia trent'anni o settantadue fa differenza zero
è proprio nel momento in cui diciamo
Guardate c'è un'altra soluzione se chiamo mobilità
Ogni anno naturalmente senza prepensionamenti
Vanno in pensione decine di migliaia di funzionari pubblici dipendenti poi signori basta introdurre la mobilità ma li spostiamo da Caltanissetta Caserta da Caserta a a vigevano da Roma a Milano sia il coraggio di riformare
Dove ecco allora la soluzione del prepensionamento per ringiovanire mi dispiace e demagogica serve ad assolutamente nulla ed è questo che mi preoccupa
Chiediamo la demagogia pura e le soluzioni vere ai problemi non le vedo arrivare grazie Boldrini adesso abbiamo capito perché la sua vera piena
Tutti fanno di Bordin
Migliore
Noi io cercherò di essere telegrafico anche perché son d'accordo anch'io voglio sentire l'autore sulla legge elettorale mi si permetta solo ove avendo io presentato
Le pregiudiziali di incostituzionalità su quella legge che effettivamente quella è una legge che paga dazio a Berlusconi
E leggendo anche la ricostruzione del due mila e undici continuare ad avere Berlusconi come interprete di una possibile alleanza sulle riforme istituzionali
Trascurando il fatto che la sua natura è profondamente legata Aldo uccidesse ricattatorio anche rispetto alla sua storia personale secondo me è stato l'errore principale di questa fase se vogliamo fare le cose seriamente dobbiamo ripensarla
Peraltro siccome Gozi ha citato Einaudi voglio far notare che con la l'Italie come Einaudi non sarebbe stato neanche letto nel Parlamento italiano
Perché evidentemente quelle minoranze cui faceva riferimento Boldrin talvolta
Vengono anche da forze politiche con numeri bassi invece voglio fare una domanda Lorenzo Bini Smaghi avendo già espresso il mio pensiero prima siccome lui mette giustamente dal mio punto di vista molto su l'accento sulla
Rafforzamento della vigilanza bancaria
Mi chiedo e quindi come uno degli strumenti per incrementare la capacità anche di intervento e di coordinamento delle delle varie economie io mi chiedo
Una cosa molto semplice per quale motivo la stessa
Forza con cui si è imposto a mio giudizio sbagliando
Addirittura in Costituzione il cambiamento dell'articolo ottantuno poi qualcuno mi ha detto
Guarda come l'abbiamo scritto tanto sarà inapplicabile tant'è che non viene mai richiamato l'articolo ottantuno mai
Mai mai non viene richiamato come termine prescrittivo perché effettivamente si fa riferimento al fiscal comparto e non all'articolo ottantuno
In altri Paesi non è stata modificata la Costituzione anche per adottare il fiscal comparti su cui io ho molti dubbi non ho capito perché bisognasse mettere mano alla Costituzione tra l'altro all'unanimità e senza dibattito
Ma io mi chiedo perché questa forza che è stata esercitata sui bilanci pubblici
Non viene esercitata a proposito di vigilanza bancaria per estirpare uno dei grandi mali di questo nostro continente che sono i paradisi fiscali interni Lussemburgo quello che accade
Nel Regno Unito cioè ci sono una serie di disequilibri anche legati a questa capacità diciamo così
Diversamente attrattiva dei vari Paesi e dei loro sistemi bancari che io penso in un sistema più coordinato e più forte politicamente dovrebbero essere
Estirpati questo solo per diciamo rispetto di tutta la platea e una unica brevi domande rispetto alla quale mi farebbe piacere all'opinione
Come potrebbe servire ore volevo dire una cosa per correttezza dal dibattito è stato invitato anche un esponente di Forza Italia in realtà doveva essere tolti
Poi non ha potuto per degli impegni non è stato possibile per Forza Italia di indicare un altro parlamentare non si non non ce l'hanno indicato il
Lo dicevo perché siccome sono
Sono fischiato immagino ritiene a Forza Italia per correttezza era stato invitato anche un parlamentare di Forza Italia
Ah ecco questa questa di qua per dieci minuti così abbiamo
Oggi abbiamo abbiamo vincolo esterno è
Che ci viene posto dall'esito voglio ringraziare
Gennaro Migliore Michele Boldrin e Sandro Gozi che sono dei giovani
E sono saliti in politiche appunto e importante dove politica diciamo
E e volevo cioè la volevo ringraziare i
è importante questo momento dare un messaggio che la politica
Fa sul serio anche quando parla di Europa il rischio che ho scritto questo libro per una serie di motivi ma uno dei rischi più grossi e che le prossime elezioni europee
Si parla tanto ci sarà un Parlamento anti europeo ma all'interno di questo Parlamento la maggior parte un con lui in proporzione di antieuropeista espressa dall'Italia
Cioè l'Italia passa nel giro di venti trenta anni deve essere un Paese che ha partecipato a varie fasi della costruzione europea essere tre più enti europei
E che cosa vuol dire vuol dire che se ne abbiamo molti rappresentanti italiani al Parlamento europeo che solo contro dopodiché italiano conterà nulla
E questo alimenta quel circolo quel circolo vizioso dove non contiamo nulla e dunque l'Europa non fa quello che vorremmo e dunque che ci stiamo a fare questo Europa
E questo è un è un ragionamento
Perverso va molto forte
Che evidentemente nel dibattito italiano attuale
E è pregnante addirittura viene rincorso da molti
Perché quel quell'ambiguità di dire
Vanno e questo ROPPA non ci piace perché ci impone delle voli delle politiche noi vogliamo questo ROPPA che noi
Che non risolve i problemi della gente
Alla fine
Ci si domanda mando appunto questo ROPPA perché ci stiamo a fare
E
Liste se si va avanti in questo ragionamento
La conclusione è che stando fuori dell'Europa noi risolveremmo molti dei problemi che abbiamo tre più facile risolvere i problemi stando fuori che è stato dentro
Naturalmente se uno va indietro nel tempo e pensa agli anni Ottanta agli anni Novanta si rende conto che
E da soli probabilmente in un mondo sempre più globale in cui bisogna lavorare con gli altri basta pensare alle crisi che stiamo
Avendo le nostre frontiere i ma legati alla globalizzazione polemiche genetici cioè tutte nazioni cerco di lavorare insieme agli altri noi saremo il primo Paese che dice usciamo
No dal sistema cooperativo in cui siamo entrati
Naturalmente siccome non ci credo nemmeno quelli che lo propongano
E parimenti sarebbero i primi a cambia idea però
Questo ragionamento molto populistiche appunto di prendersela con il nemico esterno
è un ragionamento che
Che fa appresa sui cittadini
E noi italiani siamo un po'portati da pensare che quando la nostra squadra perde la colpa è dell'arbitro
La colpa è del campo che non era in condizioni buone c'è questa tempo tendenza nostrano Haber la colpa agli altri dunque questo populismo che alimenta
L'avversione nei confronti dell'Europa appresa anche perché il nostro Paese in crisi
Dobbiamo le le
Lelli soluzioni per far fronte a questa crisi sono complesse sono richiedono può riforme profonde corse più profonde di quelle che ancora abbiamo visto
Richiedono tempo impegno politico non è facile farsi rieleggere dopo aver fatto le riforme come abbiamo visto anche all'estero
E dunque è facile andare lezione di la colpa di qualcun altro però poi tutto questo come dicevo ci porta a essere sempre più isolati sempre più da soli a contare di di meno allo portare avanti quegli interessi
Di cui dobbiamo invece
Tener conto perché nostro Paese a ai grandi problemi
Dunque dà la colpa agli altri distoglie l'attenzione delle responsabilità nostre cioè di dire noi dobbiamo affrontare alcuni problemi anche perché è più forte l'Italia come diceva l'introduzione
Antonio Polito che ringrazio
La crisi dell'Europa di prende la crisi dell'Italia in Europa manca un è mancato negli anni un interlocutore forte
Che è in grado di dialogare con la Germania con la Francia con gli altri Paesi io mi ricordo quando stavo fuori c'è ma dove l'Italia non abbiamo bisogno di terra forte con cui prende gli impegni
Non per domani dopodomani ma per i prossimi cinque dieci anni
In base a quali fidarci base in quale non gestire Europa solo con le regole con i trattati
Ma anche con con degli scambi politici la politica fine quote queste scambio politico rigido per esempio cito più tempo perché fu dato più tempo sciogliere per fare le riforme il due mila tre perché gli altri Paesi fidavo di Sade sapeva che lui
Premesso capitale politico
Con scioperi con
Con quale fine luglio fu eletto qua cioè lui alla fine
Andò in tutte le che perdi si datemi più tempo per aggiustare il bilancio perché io sto cambiando il mio Paese e questo cambia ISE questo Paese con un con grosse difficoltà grandi sacrifici
Cinque milioni disoccupati c'era quel tempo questo Paese cambierà e sarà leader dell'Europa e questo è avvenuto
Qual è il leader europeo che oggi fa questo
Accetto nemmeno in Germania e in Francia ci stanno provando in Italia forse si sarà provato ma prima bisogna farle riforme primavera chiedere più tempo
E lo stesso vale anche per
Per la Francia non solo per l'Italia cioè andare a a chiedere aiuto agli atti solidarietà bisogna prima
Per far questo bisogna prima dimostrare che si potesse capaci di prendere un impegno di lungo periodo liberamente di cambiamento del della società e per il
E di quello che che il nostro Paese di quel il nostro Paese ha bisogno perché ritardo in temi di
Di
Diciamo di di riforme rispetto a quello stato fatto in tutti gli altri Paesi
Chiudo perché siamo vicini rispondo alcune domande specifiche la vigilanza bancaria una delle cose che
è stato fatto con l'accordo tra vigilanza bancari finalmente di mette nell'angolino Lussemburgo e Austria sul segreto bancario
L'Inghilterra sta fuori dall'accordo però per la prima volta il Lussemburgo e l'altra che mettevano un veto sullo scambio di informazioni hanno accettato no se non se non vado errato per la prima volta dopo trent'anni
Per questo è perché la l'OPA progredisce piano piano perché perché alcuni temi sono competenze nazionali la tassazione il segreto bancario erano competenze nazionali quando i Paesi accetta di mettere insieme le competenze
Uno quando si fidano dell'altro anche perché dicendo in insieme si rischia di essere messi in minoranza educativa fidarsi che il processo sia democratico e sia
E si è infine conto rispettoso di certi equilibri secondo quando tutti accettiamo e capiamo che un sistema basato sulle competenze nazionali non funziona e quand'è che ci si raccordi conosce la crisi
Perché purtroppo l'Europa fa dei passi avanti con le crisi
E questo è nella democrazia purtroppo
Noi chiediamo sempre l'Europa OPA fare di più risolve questi problemi ma realtà l'Europa non ha gli strumenti spesso noto quasi pari mercato del lavoro quando si parla di
Di giustizia di burocrazia di pubblica amministrazione ha preso tutte competenze nazionali d'Europa coordina cerca di favorire
Un certo armonizzazione meno nessun potere
Il potere lo riceve spesso quando ci si rende conto che le cose lo funzione di quello nazionale è un processo lunghissimo negli Stati Uniti ci hanno messo più di cento trent'anni prima ad avere un sistema di welfare Comuni ne parliamo di eurobond processo arrivati dopo cento trentenni
Di crisi di finanziarie di fallimenti degli Stati
Più che con la
Pazienza la perseveranza
Che questo Europa verrà costruite questo deve essere il dibattito per questo europee che sono perno queste c'ero Pepe la prima volta ci sarà possibilità per i cittadini nominare il capo dell'Esecutivo il capo della Commissione lo crea
Questa è l'obiettivo
E dunque non partecipando oppure votando fare un voto di protesta conto d'Europa si toglie la possibilità
Che questo si realizzi cioè che ci sia qualche d'uno in Europa che abbia la stessa legittimità dei Capi di Stato nazionale
E dove si è in grado di dire alla signora Merkel la signor Renzi e via dicendo io rappresento un voto europeo e dunque
Non solo voi che rappresentate i singoli Stati ma che io come Europa vi dico che ci sono anche degli altri vie per realizzare
L'integrazione fiscale l'integrazione bancari e via dicendo e questa è la politica la contrapposizione tra chi rappresenta
Come gli Stati Uniti il insieme dei cittadini europei e chi rappresenta i singoli Stati finora i singoli Stati l'hanno avuto hanno avuto
La maggiore e hanno difeso a volte prerogative molto banali perché poi in fin dei conti chi è eletto a livello nazionale non vuol cedere il potere in America si diceva che i tacchini non votano per per Natale no perché nessun Pechino AGEA vuole essere messo nella pentola è opportuna la classe politica eletta a livello nazionale forse giustamente la naturalmente vuole tenersi un po'delle proprie prerogative
Però ci vuole per qualcuno eletto a livello europeo che dice questo è venuto nome è venuto il momento di trasferire un po'di potere quello europeo con la dovuta attualmente legittimità democratica
Forse devo chiudo qui per dire che insomma io ho scritto questo libro può appunto come impegno civile diciamo perché sentivo alla deriva di una campagna elettorale alla rincorsa
Dei Grillini per dirla in modo chiaro alla ricorso dell'azione euro che poi appunto Aledoga i limiti sono aggiunti la lega che si stanno aggiungendo altri partiti
E questa è lei il pericolo intrallazzi per la tenuta del di chi invece dell'Europa crede e di chi pensa che
Il cambiamenti si fanno stando in Europa combattendo per le battaglie giuste che sono batteri destra di sinistra sulla con idee
Che devono essere dibattute all'interno del sistema e lo stando fuori se ne usciamo in realtà ridiano potere ha il I locali a chi cerca di controllare i monopoli a chi cerca per che ha per tanti anni può era non avrà sicuramente fatto
Il bene del nostro Paese dunque stando in Europa
Che si cambiano le cose che si fa progredire anche civilmente questo Paese grazie