09APR2014
dibattiti

Il "Progetto Spinelli": origini e futuro dell'Unione

CONVEGNO | Roma - 11:22. Durata: 2 ore 15 min

Player
A trent'anni dall'approvazione da parte del Parlamento europeo del progetto del primo Trattato sull'Unione, noto come "Progetto Spinelli", e nel quadro delle attività promosse dal Comitato celebrativo costituito per iniziativa del "Comitato Italiano del Movimento Europeo" (CIME), il Centro di eccellenza Altiero Spinelli dell'Università Roma Tre ospita una giornata di studio, per rinnovare la memoria di uno degli atti più significativi della vicenda politico-istituzionale legata alle origini dell’idea di Unione e ripensare i contenti di quel suo primo "progetto", in quanto ancora attuali e proiettati sul futuro del processo di integrazione, alla vigilia delle prossime elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo.

leggi tutto

riduci

11:22

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Senza
Direi che possiamo iniziare per protestare nel tempo prescritto
A me gradito compito di introdurre i lavori di questa giornata
Pensato di
Scrivere alcune cose che cercherò di seguire ma
Essenzialmente fondamentalmente si tratta di questo
Che dire in tempi
Difficili in tempi
In cui
Vecchi e nuovi fantasmi si aggirano per l'Europa con sembianze a volte inquietanti
Il riferimento lo potete facilmente trovare
Nell'anno centenario dello scoppio della prima guerra mondiale ma al di là
Di questo
Guerra tra l'altro più di ogni altra direi fratricida tra popoli europei
Ma alle volte con le sembianze non meno preoccupanti
Di
Semplificazioni populiste del tipo euro sì euro no come se bastasse davvero semplicemente tornare le monete nazionali
Per lo dico
A risolvere ma affrontare con qualche maggiore possibilità
Di riuscita problemi come la crescita la disoccupazione l'impoverimento reale di fasce sempre più consistenti di popolazione
E in tempi in cui
è di moda l'antieuropeismo
Un raggiro verismo però
Inversione forse paradossale di chi sostiene che non è
Certo il caso di disfarsi dell'Europa dell'Europa unita ma è invece il caso di avanzare
Sulla strada verso una vera unione politica dell'Europa ecco in questi tempi così difficili così contraddittori così
Così pieni di confusione di incertezza un il trentennale della
Primo Progetto di Trattato sull'Unione che va sotto il nome di progetto Spinelli essendo stato lui il principale ispiratore di questo progetto cade a mio avviso particolarmente propizio
Questo perché quantomeno è l'occasione per
Tornare a pensare per ripensare
I contenuti
Di quella testo ma proprio nel senso della loro attualità della loro possibilità ancora oggi di
Farra nascere considerazioni riflessioni appunto che guardi inoltre guardino avanti e soprattutto
Guardino al futuro
Del progetto di Costituzione europea proprio alla vigilia come voi sapete di questo importante appuntamento del ventidue venticinque maggio da noi il venticinque maggio
Per il rinnovo del Parlamento europeo
E allora
Fatemi dire innanzitutto due parole
Sul
Perché questa iniziativa oltre per
Le poche cose che già ho detto in qualche modo io credo che possa a oggi risultare
Lo spero davvero e nessuno anzi convinto
Particolarmente utile perché vorrebbe essere e mi rivolgo non so quanti dei presenti hanno già partecipato alle precedenti iniziative del centro Spinelli organizzati nei mesi scorsi perché potrebbe essere
Un po'un momento di sintesi di quello che in queste
Occasioni e ne menziono due
La prima si è svolta se non ricordo male il ventisette febbraio
La seconda la possiamo anche mostrare si è svolta il tredici marzo
Ognuna di queste due precedenti iniziative
Aveva
Come dire dentro di sé come messaggio come significato come problema che veniva proposto all'attenzione per essere discusso un binomio
Il cui primo termine è la parola Europa e il secondo termine
In queste occasioni era esplicitato Europa i giovani
Nella primo nel primo incontro Europa e democrazia nel secondo incontro ecco fatemi dire due parole su questi incontri precedenti a questo che vorrebbe esserne
Uno studio un po'in termini di continuità ma spererei anche in termini di sintesi anche per andare alla ricerca del terzo binomio che secondo me sottende questo nostro incontro dei
E allora nel primo incontro intitolato euro per i giovani
Come dissi allora e qui voglio ripetere
A beneficio di questa platea di studenti che sono in parte studenti dei nostri costi universitario ma anche studenti di alcuni licei romani se non ricordo male
L'Avogadro Lazzeri già e il Virgilio
Comunque
A voi in particolare il mio personale e credo di tutti quanti i presenti qui a questo tavolo caloroso benvenuto
E quindi cominciamo dei giovani appunto io questo voglio sottolinearlo Europa i giovani si appare difficile immaginare un futuro per le giovani generazioni
Al di fuori del contesto europeo di politiche comuni per la crescita l'occupazione la ricerca e lo sviluppo sostenibile
Dove siano offerte maggiori opportunità ai giovani appare altrettanto difficile immaginare un futuro dell'Europa senza il sostegno convinto irresponsabile senza la partecipazione attiva dei giovani come forze di rinnovamento
Della politica dell'economia
Della società e della cultura
Sul presupposto beninteso che queste forze sappiano essere capaci di farsi interpreti di un'esigenza di rilancio del progetto europeo senza dare per scontata
Nessuna delle acquisizioni fin qui conseguite
E voglio essere esplicito
Se l'Europa questa Europa è in crisi al punto che per via di scelte improntate
Solo a rigore austerità non sembra in grado di soddisfare per una gran parte della popolazione europea come dicevo in precedenza la promessa di prosperità
La parola e tecnica perché costituisce uno dei due principali obiettivi per cui l'Europa esiste
E adesso passiamo al secondo
Di questi obiettivi ecco se questa Europa in crisi
Sembra non essere in grado di mantenere la promessa della prosperità a proposito di acquisizioni che non vanno date per scontate guai sarebbe se questa stessa Europa non fosse poi in grado di mantenere l'altra promessa
Che individua il primo principali Simo degli obiettivi per cui l'Europa è stata pensata è stata realizzata e sette sia pure a fatica e tra
Difficoltà e contraddizioni continua
In questa sua
Faticoso appunto costruzione e questo obiettivo quale è quello della pace
Ora senza evocare scenari apocalittici
Di quelli che in qualche modo all'inizio parlando di vecchi e nuovi fantasmi pure vengono in mente io direi che in queste ore OPA con la disoccupazione a due cifre
Con questa realtà
Di grave disagio e sociale e direi anche culturale
Ebbene questa Europa si appresta a vedere sempre più realtà di
Protesta realtà di disagio appunto che non foss'altro minano la pace sociale e quindi possono essere foriere di situazioni davvero
Preoccupanti
Rispetto alle quali
Tanti tutti direi ci attendiamo proprio dall'Europa in particolare delle risposte e allora veniamo un po'
Al significato del secondo incontro e che è stato prima ricordato quello dove il binomio sul quale
Sì poneva l'accento era è
Quello tra Europa e democrazia
Con riguardo tanto i processi e metodi decisionali quanto ai poteri alle competenze con un'attenzione quindi sia i rapporti tra le istituzioni europee
Siete apporti tra queste stesse istituzioni le istituzioni nazionali le istituzioni locali le autonomie e più in generale la società civile
Ora la questione al centro di questo binomio era questioni non solo della legittimazione appunto democratica dell'Unione nella sua duplice versione della volontà degli Stati
Cioè dei Governi di volta in volta al potere ma anche nella versione della volontà dei cittadini
Ma è anche e soprattutto la questione del governo dell'Unione
Poiché la democrazia non è solo contenitore ma anche contenuto di scelte politiche vale a dire una democrazia senza politica
è un non senso come qualcuno ha detto è un ossimoro
Vale a dire ulteriormente
Se è vero che nel Trattato di Lisbona c'è scritto testualmente che il funzionamento dell'Unione
Si fonda sulla democrazia partecipati mo'Croazia rappresentativa ebbene è lecito e legittimo
Porsi la seguente domanda
Che deve governare in Europa
I Governi nazionali riuniti nel Consiglio europeo peraltro formalmente escluso dal circuito decisionale dell'Unione
Non avendo alcuna competenza legislativa queste istituzioni oppure un Governo europeo rappresentativo di una maggioranza parlamentare di cittadini dell'Unione
Ecco questa domanda oggi ma non da oggi viene posto e si pone come colui sale per il futuro evidentemente del processo di integrazione e qui veniamo all'incontro odierno
Qual è
è una mia interpretazione
Ma
Facilmente come dire
Facilmente riconoscibile
Qual è
Il binomio che oggi noi portiamo alla vostra attenzione alla nostra attenzione per parlarne tutti insieme e spero anche grazie alle vostre domande per poterne fare un momento di dibattito pubblico
Il binomio di oggi è
Europa e costituzione
Può l'Europa esistere come soggetto politico come per tanti versi già come il tanti versi già esistente infetti senza una propria Costituzione
Può una Costituzione intesa come patto fondamentale tra cittadini di una comunità politica essere credibile
Senza l'indicazione di un soggetto istituzionale democraticamente rappresentativo quindi legittimato e come tale in grado di esercitare poteri e competenze nell'interesse comune dei cittadini dell'Unione
Come ha appena detto
Questo può essere il significato
Facilmente rintracciabile proprio
Sia nello spirito che nella lettera del così detto Progetto Spinelli di Trattato sull'Unione
E a questo proposito allora
Poche altre considerazioni che voglio fare sotto forma più di interrogativi che spero poi possano
Suscitare ricevere qualche ulteriore elemento di riflessione dagli interventi che seguiranno a breve
Punto numero uno
Il Trattato Spinelli
Viene approvato
Nel nel mille novecentottantaquattro dall'allora Parlamento in scadenza
Che
Aveva un primato quel Parlamento perché
Quel Parlamento eletto nel mille novecentosettantanove viene letto come il primo Parlamento europeo eletto appunto a suffragio diretto prima di allora i Parlamenti europei venivano
Eletti no venivano con composti erano composti da rappresentanze dei Parlamenti nazionali quindi c'era una forma di rappresentanza cosiddetta indiretto il primo Parlamento
Eletto democraticamente in questo senso il primo del Parlamento eletto a suffragio diretto appunto il Parlamento del settantanove che chiude la sua carriera per così dire con questo lascito grazie ad Altiero Spinelli
Ora però e vorrei che venisse mostrata quella Manconi diagramma
Che io pure da qualche parte perché lo voglio vedere anch'io
A quel Parlamento
A un altro primato che va sottolineato che
Vede un'alta percentuale di voto di partecipanti al voto il sessantuno per cento la linea le linee blu sono le linee della partecipazione al voto dell'affluenza alle urne
E la linea rossa le linee rosse sono invece le linee dell'astensione allora vedete che
Nel settantanove re noi abbiamo una fotografia che esaltante perché oltre il sessanta per cento di cittadini dell'Unione
E poi
Dirò una cosa più precise questo proposta a proposito delle lezioni che noi andremo a fare adesso della del prossimo appuntamento elettorale appunto
Allora inoltre il sessantuno per cento diciamo dei cittadini va a votare per cui il Parlamento e l'astensione si attesta intorno al trenta per cento
Veniamo ai nostri giorni parliamo del due mila nove vedete che nel frattempo
I le due le due colonne le due colonnine quella blu va progressivamente scendendo costantemente in discesa quella rossa invece costantemente in salita fino a raggiungere
Già nel novantanove una posizione
Che sopra
Ansa la linea blu e fino a toccare nel due del due mila nove cioè la volta scorsa un bel vantaggio
Di circa dieci
Punti
Anzi di più quattordici punti
Quarantatré cinquantasette
è chiaro che
In queste condizioni andare al prossimo appuntamento elettorale
Con l'idea che cresca l'astensione rispetto all'affluenza
Significa minare le fondamenta stessa di quella come dire immagine di democrazia di governo democratico di rappresentanza del popolo europeo per intenderlo in senso lato
Che evidentemente non poche complicare ogni scenario di riferimento ma veniamo appunto alla
Importante novità all'altro importante primato per così dire che
Viene segnato da queste elezioni in che senso questo Parlamento europeo che noi andremo a leggere
A un primato
Il primato consiste in una
Come dire in un aspetto formale che sembra di
Appunto di significato meramente formale ma che racchiude evidentemente proprio nello spirito e insisto nella lettera del progetto Spinelli il suo significato più importante più più più concreto
E cioè questo sarà
Il primo Parlamento eletto
Da cittadini dell'Unione anziché da cittadini degli Stati membri
Portante sottolineare questa come dire questo aspetto formale chi va a votare
In queste elezioni e non sono i cittadini degli Stati membri nominalmente
Sono i cittadini dell'Unione perché questo è scritto nel Trattato cosiddetto di Lisbona cioè nel nuovo Trattato sull'Unione
Allora se questo è
In vista è questa sequenza
Per cui
Cresce l'astensione e decresce l'affluenza noi quale domanda ci possiamo chiede
Io direi questo come e quanto l'innovazione
Appunto detta
E cioè che sono i cittadini dell'Unione in quanto tali
A votare per il nuovo Parlamento europeo il quale sarà il Parlamento nel quale vengono rappresentati questi stessi cittadini in quanto tale
E non in quanto cittadini degli Stati membri come quanto questa innovazione
Può pesare sul futuro dell'Unione alla luce appunto del disegno Spina Giuliano di quella
Che
Lui stessa chiamava la via parlamentare all'Unione
E veniamo allo spunto numero due il Progetto Spinelli ebbe
Come suo effetto
Direi per completare però forse prima di passare perché è utile anche questo facciamo mostriamo Giovanni per favore le altre tre slide che fanno vedere come dire un'interpretazione consentono una sorta di interpretazione
Di quella di quella serie negativa in precedenza mostrata di questa forte come dire disaffezione da parte dei cittadini
Nei confronti in particolare di quella istituzione che proprio più di ogni altra dovrebbe rappresentare nella volontà cioè il Parlamento
Vedete nella
Nella slide sul futuro dell'Unione vero
Dove si mostrano e questi sono dati registrati dall'eurobarometro che come voi sapete quell'ufficio che insiste proprio per
I nome per conto della dell'Unione per registrare
Umori sentimenti opinioni a livello appunto di popolazione europea questi dati vengono in particolare queste i quali io faccio riferimento vengono prodotti ogni anno sono i dati di primavera
Che voi vengono pubblicati all'inizio dell'estate fanno un po'la sintesi annuale dello Stato dell'Unione ora questi dati
Essendo appena iniziata la nostra primavera voi
Leggeremo verso giugno-luglio i dati del due mila quattordici ma avremo nel frattempo le elezioni europee quindi sapremo più direttamente misurare quali sono gli umori comunque questi dati si riferiscono al due mila tredici e ci dicono delle cose dal punto di vista statistico molto significative vedete le due
Linea insomma la linea blu e quella dei degli ottimisti è la linea rossa è quella dei pessimisti queste due linee che partono con una forbice enormi all'inizio
Il i dati iniziali sono nel due mila sette alla fine di questo vino dominatrice quasi si congiunta
Ottimisti e pessimisti
Si equivalgono Point se passiamo all'altra sbagliato vedete che c'è un'altra rilevazione che ci dice
Qual è la percezione presso appunto i cittadini dell'Unione in termini di
Percezione positiva percezione pop negative percezione neutra e allora vedete qui in queste linee che sono quella black-out positiva quella rossa
Negativa ugualmente con una forbice norme all'inizio Beha vanno convergendo anzi si toccano
E ci sono i tramezzato e da un da una linea gialla che quella della percezione neutra la quale
Potrebbe aggiungersi sia quella blu che a quella rossa io temo che si aggiunga di più a quella rossa per cui se si aggiungesse quella russa evidentemente
Renderebbe questa percezione statisticamente molto negativa ma s'finiamo con l'ultima
Che mi permette appunto di riallacciare mi poi alle cose che vi dirò
E vedete che qui si fa una una una un'indagine una rivelazione molto interessante su questo quesito quanto voi pensate che conti la vostra voce in Europa come cittadini
Allora vedete che qui la percentuale di coloro che tengono pensano che la loro voce conti poco o nulla in Europa è al sessantasette per cento e quindi questo ci permette
Di
Riprendere il nostro filo di del discorso che può essere il seguente
Il progetto Spinelli ebbe all'epoca come suo effetto più immediato un ampliamento di orizzonte del processo di integrazione con l'adozione del cosiddetto Atto Unico Europeo del mille novecentottantasei
Ma il suo lascito maggiore di ordine politico culturale e normativo lo si può rintracciare piuttosto nel Trattato del due mila quattro per va Costituzione europea
A conclusione del cosiddetto processo di costituzionalizzazione avviatosi agli inizi del nostro secolo
Con la dichiarazione di Iraq nel due mila uno e l'insegnamento della Convenzione europea da i cui lavori usciva versione di base di quel Trattato cosiddetto costituzionale
Un processo che sarebbe poi naufragato in sede di ratifica del Trattato stesso contro lo scoglio emerso dall'esito negativo dei referendum tenutesi nel due mila cinque in Francia e in Olanda
Oggi torna a riaffacciarsi l'idea di riprendere la via costituzionale all'Unione
Dal problema dal progetto Spinelli additata ma in un contesto dove la prassi costituzionale da vorrei chiamare proprio così che si è formata in Europa
Vede il Consiglio europeo il luogo l'istituzione dove si riuniscono i Governi degli Stati membri come il Centro reale del potere politico dell'Unione
Non a caso nel progetto Spinelli
Queste istituzioni e veniva sei prevista
Quindi non è tanto il problema come qualcuno dice siccome Lisbona istituzionalizzato
Il e il Consiglio europeo da lì sono derivate poi conseguenze negative no il progetto Spinelli già lo prevedeva già lo istituzionale lo istituzionalizza
Però
Lo metteva in fondo all'elenco delle istituzioni europee sconfinando in un ruolo minimale di formulazione di raccomandazioni e di indirizzo di messaggi e altri istituzioni
E allora ciò rende necessario ripensare il rapporto tra istituzioni dell'Unione
Sì che è legittimo domandarsi quali opzioni sono oggi possibili in termini di bilanciamento di poteri e competenze sul piano della effettività di un governo politico dell'Unione
Un Governo capace di scelte fatte nell'interesse comune europeo che quindi non siano solo la risultante dei rapporti di forza tra Governi nazionali
E questo ci porta allo spunto numero tre ho sempre riferita all'interrogativo che esso ricca cui esso rinvia
Se è vero che l'antieuropeismo di cui oggi tanto si parla può essere declinato anche nel senso
Come dicevo all'inizio di una critica forte persino demolitrice di quella maschera burocratico istituzionale per dirla la maniera di Jacques Delors
Che ancora nasconde agli occhi di molti
Di tanti cittadini europei il possibile molto democratico dell'Europa
Se è vero cioè come ha ammonisce più di recente Jurgen Habermas
Che ogni europeista non può
Che essere oggi più che mai il primo e più severo critico di uno stato di cose che sembra destinato a fare del sogno degli Stati Uniti d'Europa una assai modesta unione di Stati senza Europa
Se è vero insomma che il progetto Spinelli può essere preso come modello allora come ora
Di un gesto di rottura e insieme di coraggio che cerca di costruire rinforzando né innanzitutto le fondamenta un edificio ancora pericolante
La domanda è quali azioni e quali responsabilità incombono sulla politica
Sulla società sulla cultura per contribuire ognuno per la sua parte alla realizzazione di un fondamento più solido a base della costruzione comune europea
E allora
Questo credo che
Potrebbe essere
Una delle tracce sulle quali credo gli altri che seguiranno potranno dire intervenire però io
Concludendo
E concludenti concludendo nel nome dica Altiero Spinelli
Voglio dirvi la mia personale convinzione diciamo su su su che cosa oggi questo appello come dire alla politica alla Società alla cultura può e deve significa
Ecco secondo me è una cosa molto semplice inequivocabile che io voglio qui appunto dire
Utilizzando le parole di Spinelli che sono sta già presente quindi vorrei insieme con voi leggere
Evidentemente non basta che un ordinamento cioè la federazione abbia meriti intrinseci
Perché venga realizzato occorre vedere se intorno adesso a suo sostegno permanente ci sia da attendersi che si schieri noi imponenti forze vitali non destinati a dissolversi rapidamente
Tali che per farsi valere sentano di aver bisogno di quell'ordinamento e siano perciò disposte ad agire per mantenerlo in vigore
Sarebbe inutile costruire un edificio che nessuno fosse poi interessato a conservare anche se
Per qualche favorevole congiuntura si tre valsero forse sufficienti per realizzarlo
E allora quale
L'attualità di queste parole
Direi più ancora che dello stesso progetto spine
Il progetto è di trent'anni fa queste parole sono di molti anni precedenti sono parole del mille novecentoquarantatré
E secondo me dicono con forza lucidità
E con
Quella
Passione ideale che
Non può che oggi è essere
La vera chiave di volta di un rilancio del Progetto europeo in termini di
Convinzione in termini di partecipazione in termini anche di responsabilizzazione rispetto
A tante
Scelte che sono davanti a noi a cominciare da questa prima della partecipazione al voto alle prossime elezioni per il nove il Parlamento europeo
Direi che l'attualità di quel messaggio di questo messaggio si può dire davvero con pochissime parole di una semplicità estrema il futuro dell'Unione è nelle mani dei suoi cittadini
E non c'è alternativa a questa verità grazie e
Diamo inizio ai nostri lavori
Origina
La parola
A Pier Virgilio da Astoli nella sua specifica veste di Presidente del Consiglio italiano del movimento europeo
E con il quale abbiamo il piacere di organizzare questo evento
Che e con il quale abbiamo il piacere di continuare su una strada del resto non da oggi ma da
Tanti anni a questa parte intrapreso insieme per poter
Forse con questa chiarezza di obiettivi e cercare
Di fare la nostra parte al meglio delle nostre possibili
Grazie
Grazie
Possono Morgia
Questa iniziativa di oggi si inserisce nel quadro di molte altre iniziative che abbiamo deciso di avviare quest'anno non per celebrare ma insomma per rendere attuale
Pensioni spiega in particolare quello consolidato il progetto di Trattato approvato il quattordici febbraio mille centottantaquattro
E tra l'altro molti di voi che sono qui in quest'Aula Magna
Hanno già partecipato ad altre iniziative di questo genere
E in particolare molti di voi alcuni di voi hanno partecipato a quell'evento che abbiamo organizzato alla Camera dei deputati il quattordici febbraio di quest'anno in particolare quelle vento era rivolto
Non dal mondo della politica magari rivolto soprattutto agli studi
Figura proprio dalle posso Morciano dei licei di Roma non soltanto quelli italiani ma
Che sono qui presenti ma anche i licei francese spagnolo e tedesco e devo dire che quell'evento
Non è come direbbe Spinelli non è caduto dal cielo nel senso che
Quell'evento è stato preparato dalle dai licei in modo maniera molto attenta
Io tra l'altro ho avuto occasione di rincontrare anche lui studenti che hanno partecipato a quell'evento ed insieme in altre scuole de
Di d'Italia e anche non soltanto l'Italia sono da altre iniziative simili che dimostra
L'attenzione dei giovani studenti a queste tematiche
Che noi portiamo avanti anzi devo dire che l'incontro con gli studenti è sempre molto arricchente per noi nel senso che
In una situazione in cui si diffonde pessimismo supporto sono oggetto sul Soglio integrazione ove all'incontro agli studenti delle scuole noi siamo spenti di in questo pessimismo perché anzi constatiamo
Che c'è un entusiasmo che dovremmo
PESC dovremmo sperare di trovare anche nel mondo della politica diciamo soprattutto nel mondo
Della politica italiana il che lo troviamo poco lo troviamo in maniera abbastanza
Relativo pensate che l'Italia un record nel liste che si presenta da Lecce nome e il Paese che ha il più alto numero di liste che hanno nel simbolo No Euro ce ne sono almeno tra i di liste in Italia mentre Spagna per esempio non c'è nessuna
Allora progetto Spinelli intanto
Il progetto Spinelli nasce perché bisogna cercare di rendo l'attuale
Perché lo è attuale nasce in un momento di forte crisi nel processo di integrazione europea
Oggi stesso processo in
Processo interazione è in crisi lo era allora forse lo era meno di quanto lo è oggi però c'era uno stato di forte tensione fare i Governi che erano incapaci come lo sono oggi
Di trovare una soluzione quella crisi
E Spinelli colse l'occasione di quella crisi per dire i Governi per natura sono incapaci dato che ciascuno rappresenta un'apparente interesse nazionale di trovare una soluzione un'uscita dalla crisi Lukoil ricordano dopo
Avere questa capacità e il Parlamento volevo che rappresenta l'insieme dei cittadini che lo hanno eletto e quindi Pirelli colse questa
Quest'occasione pagamento però non era formato da
Da emozionale e anche se
Devo dire che io che non si sente di Spinelli girando nei corridoi del Parlamento della prima legislatura allo le impressioni di incontrare la storia perché c'era
Von Bismarck c'era a o atto sbocco c'era Shimon Vescia Berlinguer c'è la badante Cera Thielemans c'era marce insomma il Parlamento però della prima legislatura
Era formato da dai grandi leader in qualche modo che erano stati eletti nel primo Parlamento però l'unico rivoluzionare su ogni permettendo dividevano in questi termini che che era stato eletto al Parlamento però era Spinelli il quale era interno al Parlamento ve lo aveva detto chiaramente in campagna elettorale poi lo ha ricordato anche nel il giorno in cui porporato il Trattato dice io sono entrato in questo Parlamento per convincere il Parlamento a svolgere un ruolo costituente
Teniamo conto che quando Spinelli non ciò il progetto detto il coccodrillo perché ci incontrammo in un ristorante di Strasburgo
Sino al coccodrillo
C'era un po'in tutta l'opinione pubblica avvertita diciamo degli esperti nei né professori né i giuristi nel mondo della politica l'idea che la crisi della comunità si poteva risolvere utilizzando i trattati esistenti
Dopo quello che dicono in molti oggi ci abbiamo il Trattato di Lisbona
Utilizziamo le potenzialità del Trattato il volto utilizzandolo faremo uscire la comunità dalla crisi e la stessa cosa che si diceva allora dieci giorni trattati
Il problema non è di del sistema istituzionale il problema un problema soltanto di volontà politica
La realtà era ben diverso nel senso non bastava un po'l'applauso tra politica e se poi la volontà politica
Non si poggia sulle gambe di istituzioni che funzionano
In maniera efficace democratica la volontà politica non serva a niente fra l'altro Spinelli diceva io ne che sono contare la politica dei piccoli passi
Lo dice anche i piccoli passi per farsi devono appoggiarsi buone Gandalf nessuno a delle gambe gracile anche i piccoli passi non riesce a farli
E allora Spinelli riuscì a convincere il Parlamento sulla necessità di
Metter mano alla riforma dei trattati
Quando Spinelli lancio a questa iniziativa ci fu un autorevole esponente del Parlamento quello che disse Spinelli è uscito a caccia di farfalle la stazione Spinelli sogna delle cose assunti impossibili
Allora se voi vi andate a vedere ve lo consiglio i ragazzi delle scuole o hanno già fatto di andare via a rileggere il progetto del Parlamento l'ottantaquattro fatto un progetto balere
Diceva Napoleone che le costituzioni di non essere brevi oscure il progetto Spinelli è bello non è oscuro anzi molto chiaro devo dire che è scritto fra l'altro fu poi redatto all'ultimo anche da quattro giorni visti dei di grande livello
Se voi andate a rileggere il progetto spinello percorrete con attenzione
Vi rendete conto che il settanta per cento delle cose che sono scritte nel progetto Pirelli e che allora
Molti giuristi nel Senato anche oggi diciamo così in Europa dicevano ma dice queste cose che voi chiedete sono impossibile da realizzarsi perché non c'è la volontà politica
Se voi logge leggere con attenzione vi rendete conto che la maggior parte degli ovazioni
E sono scritte nel progetto Spinelli H allora venivano considerate come può essere più propria oggi si vedono i trattati oggi sembra una cosa banale dire c'è la cittadinanza europea ci sono i diritti cioè a codici o del Parlamento vero
Cioè il fatto che il Parlamento beh o vota la di questi due della Commissione cioè la ripartizione
Delle competenze fra competenze esclusive competenze condivise competenze di appoggio
Insomma c'è l'idea per esempio nel Trattato che se un Paese violate in maniera da grave est e permanente dei diritti fondamentali
Questo Paese può subire delle tratte sanzioni che possono arrivare fino alla sua esclusione
Dal voto del Consiglio poi naturalmente gli atti il le costituzioni devono essere applicate in particolare
In Europa non c'è stato un suo nessuno lo ha voluto applicare questo articolo all'Ungheria che viola costantemente e giornalmente abbiamo cambiato la Costituzione non Manera che viola i principi fondamentali dell'Unione
E però ecco se voi leggete quel progetto vi rendete conto che quello che si pensava allora e che molti pensano loro quelli appunto che ritenevano che
Il i trattati dovessero essere sfruttati fino in fondo che basta sfruttarle dal TAR camminare la comunità ce ne sono molti ancora oggi che la penso allo stesso modo oggi appunto quel testo mostra come fosse un testo realistico il realismo
Lo stato in quelli che accettavano alla realtà nelle disgustati Spinelli il quale diceva la realtà è così bisogna lavoro darsi da fare per cambiarla
Ed allora il progetto di Trattato molti hanno detto Spinelli è stato sconfitto aspirare non è stato sconfitto
Il progetto di Trattato pezzo per pezzo però la responsabilità dei Governi e con l'hanno fatto in maniera molto graduale
E diciamo così in tempi che avrebbero richiesto moralmente un'accelerazione delle riforme pezzo per pezzo fra l'atto unico il Trattato di Maastricht trattato diamo stradali Trattato di Nizza la Costituzione adesso il Trattato di Lisbona
Pezzo per pezzo il progetto di Spinelli è stato inserito nei trattati e si ritrova oggi per il settanta per cento nel nel Trattato di Lisbona il problema è che siccome nel Trattato ci sta il settanta per cento manca un trenta per cento diciamo
Manca un trenta per cento di cui alcune cose vale la pena di sottolinearle
E due o tre che vi dico la prima è che il progetto Spinelli partiva da un principio secondo il quale bisogna realizzare prima alludere politica e poi avendo realizzato una politica si poteva realizzare meno economica e l'Unione monetaria
Per il concepita l il processo in questo senso dall'unione politica si arriva a voi l'unione monetaria i Governi hanno fatto esattamente il contrario nel Trattato di Maastricht si è detto facciamo prima munita poi
In tempi non previsti e non prevedibili parte faremo poi arriveremo all'unione politica
La realtà è calunnia politica non siamo arrivati anzi io sono convinto lo collo e anche Spinelli che una delle ragioni del la crisi la quale noi ci troviamo e della debolezza dell'euro
è appunto legato al fatto che non è inserita nel quadro di unire politica il che vuol dire Unione democratica all'interno del quale ci vuole un Governo che
Si occupi e abbia la responsabilità degli interessi delle valvole suo insieme e governi perdurano in questo in questa linea
Peraro umano ma perseverare è diabolico il rapporto vanno un po'a voi
Perché molte volte voi ugualmente non conosco perché il Consiglio ha approvato un po'di tempo fa prevede esattamente lo stesso sistema prima si fa l'Unione bancaria
Poi fosse faremo lunedì di bilancio poi faremo leva economiche poi un giorno all'altro faremo un'unione politica trovato Olanda che diciamo è uno come di quei tanti politici che si basa mi scuserete sull'effetto annuncio poi naturalmente e basta annunciare in politica vuol vedere sto le cose vanno darsi
Ci ha detto qualche tempo valuta e politica la realizzeremo in due anni ha detto l'anno voi non ci ha detto come la vuole realizzare qual è il contenuto
E chi deve realizzare la questione politica ma sono dettagli in politica non bisogna mai mi rientrare in questi dettagli così mediocre suppl e chiederci
Qual è il contenuto delle cose che noi proponiamo allora i Governi sono diabolici nel senso che hanno hanno ritengono che avendo fallito
Con il Trattato di Maastricht c'è la crisi di oggi è legata in qualche modo alla debolezze fondamentali
E strutturali del Trattato di Maastricht oggi nella chiesa comunità seguono esattamente la stessa procedura
è evidente che in questo modo non andremo da nessuna parte
E allora perché spine Progetto Stile attuale intanto perché nella storia dell'integrazione europea o meno dell'unificazione del continente e l'unico progetto di origine parlamentare non ce ne sono altri
C'è un professore di storia tedesco che ha scritto un libro duecentosettantacinque il quale ha recensito centottantaquattro progetti riunificazione del continente dal mille trecento al mille novecentosettantacinque
Di questi centottantaquattro progetti sorpasso se fosse salvo qualche ricercatore credo che centottanta ore sono sconosciuti all'opinione pubblica salvo il progetto Spinelli il continuo a mantenere una sua attualità e perché
Perché l'unico progetto che deriva da un compromesso democratico fa le grandi famiglie politiche europee e questo ha mantenuto
La sua vitalità continua a essere vitale questo oggetto questa è la prima ragione la seconda ragione PUT legata a questa logica secondo la quale bisogna realizzare una più forte integrazione politica nei termini che sono stati scritti nel Progetto Stile allora
Per concludere noi siamo a trentasei giorni mi pare
Più o meno dalle alle elezioni europee noi come Movimento per le riteniamo che
Bisogna certo sfruttare le potenzialità del Trattato ci sono molte aree del Trattato grigia che non sono stato ancora sfruttate
Questo dato al mio Binetti governi questo trattato lo hanno anche violato perché nel Trattato ci soggetto bisogna realizzare l'economia sociale di mercato e i Governi hanno ritenuto invece che l'unico cosa da fare fosse le regole l'austerità finanziaria
Ignorando la dimensione sociale allora il trattato per essere sfruttato fino in fondo però detto questo il Trattato non basta
La crisi nella quale noi ci troviamo da quattro cinque anni questo patto mostra che il sistema
Che è stato adottato col Trattato di Lisbona non è adeguato lo dice anche Spinelli nella a metà degli anni ottanta quando c'erano molti che già sfruttiamo il Trattato basta la volontà politica
Allora bisogna parallelamente le due cose ma che sono contro contraddittorie sono complementari
Parallelamente allo sfruttamento del Trattato bisogna
Riaprire il cantiere dell'Unione europea
Come in tutti i cantieri e qui concludo ciò due elementi essenziali nei cantieri il primo elemento che di solito scafoide cantieri sta un cartello cosiddetto vietato l'ingresso ai non addetti ai lavori
Il cantiere dove europea non deve essere un cantiere che esclude le persone
Gli addetti lavori siamo noi siamo anche noi cittadini possono Moccia e danni che lavora sul tema della cittadinanza se c'è un ruolo da parte di cittadini è quello di uno svolge un ruolo all'interno del cantiere diciamo siamo tutti manovali nei cantieri
E il secondo elemento è che quando siamo in un cantiere bisogna chiedersi chi sono i migliori architetti allora è evidente che il modo diabolico comunque i governi tutti di destra o di sinistra hanno gestito le cose dell'Unione ci fa dire che loro sono i peggiori architetti quindi ce ne vogliamo metterci nelle mani di architetti
Che costruisco una casa fragile destina ad accollare
Destinata come dice Spinelli in quella fase che ha letto il polso Moccia destinata a essere inabitabile sostanzialmente ci affidiamo agli architetti dei Governi loro i diplomatici che prendono ordini dai Governi
L'altra possibilità a chi di cercare un alto architetto l'architetto c'è un architetto collettivo che il Parlamento europeo
E quindi la nostra opinione con lo ammetto perché il Parlamento però che non ha sfruttato le sue il suo diritto questa legislatura di utilizzare un articolo del trattato che gli consente contrariamente a quello che avveniva Kospi Nelli di proporre delle modifiche il fado
Che posso Parlamento però si assumerà il compito nell'interesse a nome lecita lega un anno ha letto di pare quello che in modo da detto un riordinamento costituzionale dell'Unione europea
E allora se il Parlamento per resterà apprenda quest'iniziativa
Probabilmente la storia della prossima legislatura inizierà in maniera diversa rispetto a quelle del passato ci sarà non soltanto un effetto annuncio ma al momento in cui il Parlamento permetterà sul tavolo dell'opinione pubblica e dei Parlamenti e di Governi
Un progetto di riforma sostanziale
Devi europea che
Che riappare quel trenta per cento che il progetto Spinelli
Non è riuscito a mettere nei trattati banalmente il cammino dell'Europa riprenderà in maniera diversa rispetto a quella nella quale noi ci troviamo però e qui concludo questo e manca una vostra responsabilità come cittadini dicevo ieri in una conferenza a Pesaro
Che il fatto che per esempio che gli italiani mandino il Parlamento vero
Dei deputati dei candidati primo che il giorno dopo le elezioni si dimettono perché hanno altre cose da fare o se
Fondo che mandino dei candidati che a metà legislatura se ne vanno perché ritengo il più importante la vita politica in Italia
Questo non è soltanto colpa loro ma è colpa dei cittadini che li votano e colpa della stampa che non denuncia questo scandalo e portino al Coppa dei cittadini ci sono stati dei deputati al Parlamento vorrà sono stati eletti con
Del centinaia di migliaia di voti di preferenza però sono stati i cittadini che sono fatti presi in giro prendono in giro li hanno votati lo stesso
E allora
Giro punto il cantiere del cantiere diciamo che noi
E noi come cittadini dobbiamo utilizzare al meglio l'elezione del venticinque maggio primo provando al Parlamento loro dei parlamentari che faccio il mestiere dei deputati e secondo
Per mandare al Parlamento ovvero dei legislatori del futuro come è stato detto i quali si occupi non soltanto di sfruttare il trattato
Le posizioni del tratto il Trattato ma anche di riprendere in mano il cammino il dito indicato da Spinelli il quattordici febbraio del mille novecentottantaquattro di un progetto che attendo ancora di essere pienamente realizzato grazie
Bene grazie a
Vi giro da soli e come avete sentito ha parlato anche sulla base di un'esperienza diretta che lui ha vissuto all'epoca come assistente
Di Altiero Spinelli e quindi e sempre con quell'attenzione agli aspetti come dire di concretezza in queste cose giustamente nascono sempre in momenti storici e in ambienti che hanno delle caratteristiche che possono favorire o al contrario deprimere delle iniziative
E quindi la speranza è che questa volta questo nuovo Parlamento possa trovare delle condizioni più che propizia
E credo che l'urgenza della crisi sia appunto una delle ragioni per le quali il nuovo Parlamento sarà chiamato a svolgere appieno il proprio ruolo
Adesso la parola da programma e alla professor Antonio Padoa Schioppa che ringrazio per essere qui con noi professor Padoa Schioppa
E che ha insegnato è uno storico insegnato e credo continua insegnare oggi è anche merito nell'università di Milano ma è soprattutto
Lo voglio qui ricordare
Una personalità nel campo della come dire riflessione
Mai disgiunta dagli aspetti pratici che si svolge a un livello chi da storico all'UNIRE consentito di grande sguardo di grande visione
Ma mai disgiunta da proposte anche concrete fatte che ogni tanto piacere di leggere e che quindi in qualche modo spero che anche oggi lei voglia proporsi grazie
Grazie anch'io sono lieto di
Poter parlare stamattina a una platea di giovani
Perché
Chi come me giovane non è più da diversi semestri
Pensa che
Ciò che
Ancora deve essere fatto e che anche rischia di non essere fatto più
Sul terreno della costruzione europea è nelle mani della vostra generazione sarà la vostra generazione che
Vedrà o io o farà o non farà ciò che
Può permettere a questa
L'idea grandiosa che non ha precedenti nella storia di unificare
In forma federale degli Stati nazione che hanno
Delle tradizioni comuni ma anche un passato di guerre sanguinose
Che la generazione alla quale io appartengo a conosciuto direttamente
Sì terrestre starà la vostra generazione di
Fare in modo che questo ideale
Si realizzi
Nella parte come è stato ricordato in cui oggi ancora non lo è e siccome si parla di architettura io non sono certo architetto ma
Non ci vuole molto a sapere che un edificio in costruzione
Fino a quando non è completato con il tetto per a rischio e purtroppo in Italia di edifici senza il testo ce ne sono tanti quindi
Certamente noi siamo siamo di fronte a una costruzione grandiosa che è quella dell'Unione europea e che come tale
Se è percepita nella sua
Novità profonda che ripeto non ha precedenti nella storia soprattutto da fuori dall'Europa se e voi e molti di voi lo faranno qualcuno magari lo ha già fatto avrà modo di viaggiare in altri continenti andare in Cina andare in India andare nell'America meridionale in Africa
Si sentirà chiedere con frequenza quasi ossessiva non tanto sì sì prima di tutto si sentirà chiedere qual è la formazione delle squadre di calcio ma diciamo
Questa è la priorità assoluta ma subito dopo
Subito dopo vengono le domande sull'Europa perché tutto il mondo sta osservando questo processo che ormai ha sessanta anni di vita
E che poi sta portando
A un esito che è nello stesso tempo di pace e di benessere
Se non che siccome tutti sapete questi non sono tempi normali per nessuno e neppure
Per l'Europa in modo particolare non per l'Europa perché la crisi
Grave gravissima dell'economia che ormai da da più di sei anni sta colpendo l'Europa
Non è ancora stata superata e per trovare una crisi analoga e e probabilmente meno grave dell'attuale per certi aspetti bisogna andare agli anni Trenta e quindi andare indietro di di di ottant'anni
Questa crisi no non è una parola è una realtà è la realtà è quella che
E noi conosciamo e che anche voi conoscete
Di Paesi intanto di un tasso di disoccupazione a livello europeo che impressionante perché è dell'ordine dell'undici dodici
Per cento mentre negli Stati Uniti che pure sono il Paese dove la crisi è nata
La disoccupazione al sette per cento quadrati che quattro o cinque punti di differenza sono milioni di posti di lavoro percentuali enormi naturalmente la domanda e ma come mai gli Stati Uniti
Hanno superato stanno superando
La crisi e l'Europa no
E la risposta è abbastanza banale perché gli Stati Uniti hanno gli strumenti
Istituzionali le regole
Che consentono a un Governo Governo federale di prendere delle iniziative che si chiamano anticicliche cioè
Di politica economica che combattono gli effetti perversi di una crisi per di più in Europa c'è una politica
Economica che è stata portata avanti dai Governi quegli stessi Governi che ha osservato tra poco fa
Pier Virgilio da Astoli hanno dato
Cattiva pessima prova nel gestire le cose europee una politica che parte da un presupposto
Inoppugnabile e giustificato e cioè che ognuno dei Paesi dell'Unione europea deve a vere nell'ambito della politica economica che rimane
Anche di competenza nazionale perché qui
No non si sta parlando di superare
Di creare un unico Stato europeo che elimina il livello nazionale chi parla di super lo Stato però europeo come di un mostro dice una cosa completamente
Falsa fuori dalla realtà
Nessun nessun fautore dell'Unione europea propone questo gli Stati manterranno devono mantenere una loro
Autonomia ma nell'ambito di una struttura di tipo federale ora è giusto che
E ed è anche necessario
Che ciascuno degli Stati
Come si suol dire adesso faccia ordine in casa propria perché se si indebita oltre misura questo nuoce
Certamente all'Europa perché crea delle distorsioni che poi è difficile risanare ma nuoce anche
Ai cittadini di quel Paese
Perché un Paese e noi naturalmente in Italia siamo in prima linea su questa su questa cattivo comportamento l'avere un debito pubblico pari al centotrenta del prodotto interno lordo anzi superiore
E quindi dover pagare circa ottanta miliardi di euro all'anno di interessi poi dividete ottanta miliardi
Per sessanta milioni e trovate una cifra superiore a mille duecento euro all'anno che ogni cittadino in linea di principio deve pagare di interessi per il proprio debito è chiaro che questi soldi vanno tirati fuori
Perché se no altrimenti non si pagano gli stipendi pubblici d'la macchina non ce la sanità non ci sono le scuole non c'è niente ma questo significa mettere sulle spalle
E di e di chi viene dopo di noi di della generazione successiva un peso
Troppo alto e non poter far svolgere dei compiti di politica economica che invece sarebbero necessari quindi di per sé
Il l'indirizzo di fare ordine in casa e di riportare gradualmente sottolinearvi gradualmente
Il Bilancio
E noi non solo in pareggio ma il debito pubblico livello inferiore a quello attuale è giusto e sacrosanto se non ce l'avesse detto l'Europa cioè ce lo saremmo dovuto dire noi perché è una è una misura Sanna
Sì ma il fatto è che come succede per le verità
Di di critica complesse delle quali un solo elemento viene sottolineato come succede anche dell'interpretazione dei testi biblici e ha lasciato vuol dire a uno storico
Se tu se sia esaspera un elemento ignorando gli altri viene fuori
Il disastro
E qui
Non solo sia esso sottolineato in modo eccessivo questa necessità dell'austerità ma la si è voluta comprimere in termini così stretti di tempo cosa successe una cosa molto semplice
è successo che con questa autorità questa austerità troppo drastica
Ha fatto sì che ci fosse un livello di impoverimento una diminuzione di posti di lavoro una quindi una diminuzione di imposte e siccome l'equilibrio del bilancio fatto di entrate
E di specie voi potete benissimo per far scendere le spese ma sta nel frattempo scendono anche le entrate isolamento non c'è e difatti io la Grecia uno sbilancio dopo aver fatto dei sacrifici inimmaginabili che
Che ha un debito pubblico che è superiore a quello di di prima dell'inizio della crisi
Perché dico questo perché
Dire che di l'obiettivo dell'equilibrio del bilancio è sbagliato non è vero
Però va detto con forza che qui è mancato qualcosa qualcosa di essenziale cioè una serie di politiche e diverso e
Con le quali
Si sarebbe potuto si potrebbe ancora siamo arriveremo troppo tardi
A me perché qui si rischia e quell'esito che si conosce bene in cui il chirurgo esce dalla sala col sorriso sulle labbra dicendo quali l'operazione è riuscita perfettamente
Purtroppo il paziente deceduto ecco bisognerebbe non arrivare a questo
Ecco e detto questo
Est
Può sembrare che
Un obiettivo del genere
Richieda
Semplicemente un alto una linea di diverso da parte dei Governi in realtà
In realtà quello che è mancato
Non solo l'indicazione di certi misure di politica economica di investimenti soprattutto per la crescita per l'occupazione che i singoli Stati non potevano
Fare perché non hanno o risorse di bilancio anche anche per
Per le politiche di risanamento che stanno compiendo per fare questi interventi ma l'Europa come tale non ha un centesimo di debito pubblico ora tra l'avvenire un debito pubblico pari al centotrenta del PIL ed avere zero
Ci sono attualmente toilette c'è tutta una gamma di possibilità che consentirebbe anche al bilancio europeo di rimanere in pareggio pagando una quota modesta di indebitamento per fare degli investimenti
E ma considerato che ci tutta una serie di
Beni pubblici europee e cioè
Di
Investimenti per i quali i privati non metteranno dei soldi perché non avranno un ritorno
Per la tutela dell'ambiente per la valorizzazione del del patrimonio culturale
Ma anche certe politiche dell'Energia per le energie rinnovabili per le quali i in virtù di quel principio di sussidiarietà
Per cui si affida all'Europa ciò che a livello nazionale non può essere fatto con la pari efficacia
L'Europa potrebbe con un tasso di investimenti
Ampio ma non assolutamente realizzabile
Portare al risultato e tra l'altro combattere con questo
La disoccupazione creare alcuni milioni di posti di lavoro e contrastare è questa decadenza e questa mancata crescita
Qui si innesta anche il discorso nello stesso tempo politico e istituzionale perché
è vero è stato già ricordato che tutta una serie di cose si potrebbero fare senza necessità
Di un nuovo trattato cioè senza necessità di modificare le regole
Dell'Unione europea e non non sono cose da poco
Esistono strumento nel Trattato di Lisbona che si chiama cooperazione rafforzata
Che permette a un gruppo di Paesi minimoto di fare delle politiche più avanzate e per la difesa addirittura non c'è neanche un numero minimo
Si potrebbe perché tra l'altro uno dei settori nei quali si potrebbero risparmiare delle somme enormi è la difesa comune noi abbiamo tanti eserciti nazionali inefficienti
E se si mettessero in comune le risorse della difesa spendendo meno avremmo più sicurezza quindi qui il ragionamento è talmente elementare
Che c'è da chiedersi ma
E allora perché non lo si fa
Non lo si fa perché purtroppo la Resistenza
Al cambiamento
La la l'essere legati ha un'apparenza di sovranità nazionale che tale solo in l'apparenza perché in realtà nessun Paese europeo è più davvero sovrano neanche la Germania neanche la Francia
Con la sua forza sud Fratta
è questa resistenza che è
è scritta nelle regole della politica perché queste cose le diceva già Tucidide un potere non viene mai ceduto spontaneamente
Viene ceduto o perché la forza lo costringe de a a farlo o perché e questa forza però non è solo quella delle guerre per fortuna può essere anche quella di un'opinione pubblica che preme
Perché in un regime di sovranità popolare il Teoria la volontà dei più dovrebbe portare
Anche un ha un riflesso nel comportamento del Parlamento che controlla a sua volta il Governo
E difatti non è un caso che delle istituzioni dell'Unione europea lì cinque istituzioni due Consigli europeo dei ministri
Il Parlamento europeo la Commissione e la Corte di giustizia quella che è più avanti
Di queste cinque istituzioni sia pure con timidezza e il Parlamento europeo
Che per esempio sull'Unione bancari anche recentemente a ha avanzato delle obiezioni valide perché è troppo timida era la riforma
Che i Governi avevano proposto e qualche correzione positiva è stata fatta
Purtroppo il Parlamento europeo come tutti gli organi umani
Funziona in base
Alla qualità dei suoi componenti
E funziona anche in virtù di una leadership
Senza la quale
Non ci sarebbe stata neppure l'Europa che c'è se non ci fosse esistito Jean Monnet se non ci fosse stato Altiero Spinelli nella prima legislatura il Parlamento europeo certamente questo progetto
Che effettivamente straordinario se si pensa che è nato nell'ottantaquattro prima della caduta del muro di Berlino private la storia cambia se non ci sarebbe stato oggi purtroppo io di Altieri Spinelli
Nel Parlamento europeo non riesco a vederne pulire inforca Ando gli occhiali
Anche se
Va detto che
Comunque il Parlamento europeo e più avanti se per esempio voi guardate il Progetto preparato da un parlamentare europeo inglese prima che gli inglesi siano tutti anti federalisti
Il federalismo per certi aspetti è nato proprio del pensiero politico inglese
Cioè antico Duff Dufour si scrive il Progetto dal spesse venisse fatto proprio dal PIL dal
Diventasse trattato farebbe fare un passo avanti gigantesco all'Unione europea
Purtroppo il e il parlare d'altro è riuscito a farlo approvare dal gruppo Spinelli non è riuscito a farlo approvare dal Parlamento europeo però è un progetto che è lì e che potrebbe venire ripreso
Dunque
Quello che è in gioco attualmente
E qualcosa di molto di più
Di una crisi che prima o dopo passerà perché
Tutte le crisi passano anche se certo talvolta come ripeto
Lei chi è affetto dalla crisi può anti del fucile ma quello che è a rischio oggi
L'Unione europea
Perché se non ci sarà una risposta adeguata a questa crisi io credo che in futuro io non non preoccupa tanto il tasso
Di di presenza alle elezioni
Ha ragione il professor Morciano ad essere allarmato non dimentichiamo però che gli Stati Uniti vota circa il cinquanta per cento
Dei cittadini e io non escludo questa volta
Il tasso sia superiore proprio perché si può si parla di Europa queste in un certo senso sono su quella del venticinque maggio saranno le prime
Vere elezioni europee
Perché perché per la prima volta i partiti dei grandi gruppi cioè il gruppo dei popolari che sono i conservatori il Gruppo dei Socialisti che sono gli innovatori il gruppo dei liberali che minore macchiette
Che una è un partito europeo in particolare questi tre di gruppi si sono
Per così dire coordinati nel senso che ognuno di loro ha espresso un candidato Presidente alla Commissione e un programma
E non sono programmi uguali perché la linea che che sicché si propone il Partito popolare attraverso il suo
E candidato Presidente Juncker già presidente di a Lussemburgo non è uguale a quello che propone Schulz candidato alla Presidenza la Commissione da parte dei socialisti e non è uguale a quello di farò statale già Primo Ministro belga
Che si candida per i liberali che in realtà
Poiché soli due partiti maggiori socialisti i Popolari quelli che avranno più voti ma se il futuro Parlamento europeo come ha dichiarato di voler fare il Parlamento attuale
Pretenderà che il futuro Presidente della Commissione non dimentichiamo che la Commissione e il Governo
Ancora imperfetto dell'Unione europea
Pretendeva che il futuro Presidente sia
Quello che loro hanno candidate il cui partito ha avuto più voti
Beh questo mette in atto un circuito di democrazia parlamentare che è assolutamente corretto
Si avrebbe quindi il riflesso qui il furto la futura Commissione
Sarebbe presieduta da un individuo e che appartiene a un partito al quale i cittadini europei dei di tutti i Paesi che votano hanno dato una maggioranza relativa questo sarebbe una innovazione importante
E allora appunto bisogna stare attenti a considerare queste prossime elezioni
Non sono solo un sondaggio per sapere se Renzi piaccia o non piace quanto piace no sono anche e soprattutto
Una scelta per l'Europa
è una scelta da fare in un momento nel quale l'Europa è un bivio perché a dalle crisi si esce in due modi verso l'alto cioè andando a superarla com'è stato fatto
Più volte in passato oppure invece rinunciando alla sfida e allora l'orizzonte diventerebbe veramente oscuro ma la strada è aperta e credo che bisogna riflettere
In modo particolare da parte dei giovani a quello che è in gioco
Che è qualcosa che non riguarda solo voi noi e l'Europa riguarda il mondo perché quello che si sta costruendo con l'Unione europea è un fatto di importanza planetaria
è un modello che naturalmente se crolla crollerà anche questo ideale ma ma può non crollare e questo dipenderà in larga misura
Da noi
Ringraziamo il professor Padova per questa sua
Presentazione anche con note giuste importanti non solo
Di prospettive implicate ma
Sì ma con la lucidità anche una vena di ottimismo soprattutto nei riguardi dei giovani sei partito dei giorni settantadue giorni
Come come come scommessa che questa Europa deve saper vincere
Rendere i giovani più partecipi convinti e responsabili è sicuramente uno dei compiti che questa Europa questa nuova Europa in qualche modo che
Come avete sentito emerge da questi interventi di un bisogno di una nuova Europa possa essere soprattutto il bisogno di
Nuove generazioni
Che si impegnino affinché il progetto europeo che ricevono in eredità in questo senso possa diventare
Non il sogno degli altri perché anche questo va detto si dice spesso ed è vero per chi viaggia che l'Europa e vista più
Come come qualcosa di positivo all'esterno fuori dei confini dell'Unione e all'interno dell'Unione invece persiste una situazione di
Appunto di disagio e di disaffezione crescente che non aiuta certo all'interno dell'Unione la crescita di quelle forze importanti perché il progetto possa essere portata a compimento e siccome sono state evocate
In alcuni passaggi le politiche dell'Unione adesso la parola al collega e amico professor Jacques Ziegler dell'Università di previa
Che e in particolare è uno studioso oltre che delle istituzioni delle politiche europea
Da tanti anni ci conosciamo lui e come dire e qui voglio sottolinearlo giacché un esempio di cittadinanza europea perché
Nasce in Francia e insegna in Italia e quindi questo è è come dire una a a una evidenza che vorrei sottolineare
Perché direi in questo la cittadinanza europea più che un simbolo ha bisogno di essere vista percepite praticata come una concreta possibilità e di questo l'esperienza di vita di lavoro di studio
Diceva sempre è un modello e quindi nel ringraziarla ancora vi invito a prendere la parola
Grazie grazie del vostra presenza rinnovo la ringrazio dell'invito
A questo punto davanti a me tre possibilità la prima e ribadire con altre parole quello che è certo che è già stato detto
E farli morire da noi
Perché l'avete già sentito
La seconda di
Dire altre cose Abelli stravolte nella stessa direzione ha colto in un'altra direzione di quello che è stato già già detto e la terza e dire
Ma
Voi non è che avete qualcosa da dire e la mia obiezione preferita è la terza
Non so se la volete percorrere
Io vorrei se fosse possibile iniziare con le vostre domande vedi minaccio
Se non mi fate delle domande io ve ne faccio e quindi c'è qualcuno
Che avrebbe una domanda o un convento
Sul Progetto Spinelli su come vedete appunto il futuro dell'Unione europea
Passo alla minaccia io vi faccio delle domande prima domanda ma non è che ci si sarebbe un euroscettico nell'Aula
Non è una cosa proibita io sarei ben contento di discutere con qualche euroscettico
Neanche un euro scettico nella una e quindi non è una Ola molto rappresentativa e questo è già un po'inquietante
I sondaggi sono sei Folco in Libia
Risposta ha pulito
Allora una seconda domanda se vuole faccio io il gioco dello share Franco faremo
Però vorrei che essa sia e sia piuttosto tra l'Aula e noi la seconda domanda chi tra di voi ad agire già deciso di andare o meno a votare alle elezioni al Parlamento europeo tra
Un mese e mezza chi ha già deciso di andare a votare non dico per chi votare
Alzate la mano e questo già interessante questo corrisponde un po'di più all'immagine dei sondaggi quindi abbiamo soprattutto degli indecisi
E
Faccio
Faccio quindi una terza domanda non faccio la domanda se sapete perché andate a valutare questo
Non è compito mio la terza domanda che vale sia per quelli che
Hanno deciso già di andare a votare
Sia per gli altri ma sapete cosa fa un membro del Parlamento europeo chi è che pensa di saperlo
è solo timidezza che fa sì che si è così pochi alzano emana
Ed è e credo che questo e molto rappresentativo a me colpisce tanto nella campagna attuale ma anche nelle precedenti
Si chiede ma
Per chi vai a votare pari a votare per Renzi per Molon teatrale stimando dei francesi che sono nati altrove non si chiede ma
Sai cosa fa il Parlamento che vari eleggere e questo mi pare una delle sfide l'importantissimo quindi
Visto che non avete per ora ha fatto domande vi invito nondimeno alzare la mano se avete qualche obiezione o
Qualche interrogazione che passo al Piano BG piano vie di dire con tutto il dovuto rispetto che non sono d'accordo su tutto quello che già è stato oggetto
Soprattutto non sono d'accordo se ci penso
Sul fatto che siano i cattivi governi
Anche a me succede dire ma i Governi non hanno fatto però un po'troppo facile
Faccio presente questo
Parliamo del Progetto Spinelli il titolo esatto del progetto di Trattato era
Progetto di Trattato G Unione europea di Unione europea ora io sono un giurista
I giuristi normalmente hanno una ossessione testuale questo alcuni di voi lo sanno
E guardate che
Il trattato oggi si chiama Trattato sull'Unione europea dopodiché c'è uno sul funzionamento e dell'Unione quindi non nessuno non si accede COGE più dico che scatta ma perché questa
Questo cambiamento che e chiaramente
A prima vista totalmente senza significato
Il cambiamento è dovuto al fatto che quando
Nel mille novecentonovantadue
Hamas esce si
Ma riunito il Consiglio europeo per approvare la bozza di trattato che è diventata il Trattato di Maastricht era già stata preceduta da alcuni difetti
Si parla di veti incrociati da diversi Governi
E il Primo Ministro britannica poco già majors che pur non era l'uomo di ferro non era magari traccia aveva retto
Non accetteremo mai un trattato dice Unione perché quello di Altiero Spinelli Pinelli si voleva un trattata trattato di unione quindi che crea Unione
Invece noi britannici siamo disposti a concedere che esiste già un'unione sì perché siamo uniti
E quindi facciamo un Trattato sull'Unione
La cosa importante non è il stante il simbolo e non sono soltanto essere delle parole ma di ricordare questo uno dei problemi e non è il solo perché
Poi ne metterò
In evidenza un altro
Uno dei problemi che non è risolto non è stato risolto facilmente nel passato e che abbiamo oggi
E che c'è
Una diversità di visioni su cosa dovrebbe fare dotte dovrebbe essere l'Unione europea che impedisce
Di andare a
Avanti con facilità dopodiché ritiro se sono a favore o meno di cambiamenti
Bisogna avere questo elemento
I Trattati di Roma sono stati firmati non molto facilmente però senza troppa fatica
Nel marzo del cinquantasette
Che periodo dei dinosauri ovviamente
Però
Sono entrati in vigore il primo gennaio del cinquantotto
E a giugno del cinquantotto la politica ha fatto sì che in Francia c'è stato un cambio di Capo di Governo e diventato Primo ministro Reginaldo gol che era
Molto contrario a tutto quello che era già stato fatto da alcuni anni
In senso dell'integrazione europea
E quindi pur
Non
Impedendo il funzionamento dei Trattati di Roma due gol come tanti aveva detto prima di
Essere eletto ma se io torno al potere
Io farò un rinegoziato dei trattati dopodiché non l'ha fatto
Si è mosso nell'interno dei trattati
Cosa è successo e che del cinquantotto fino al sessantanove c'era in Francia cioè nel Paese che è stato all'origine
Della prima iniziativa quella di cieca nel cinquantuno e poi insieme agli italiani l'origine di altre iniziative dei trattati in questo Paese c'era un Governo
Che
Frenava che diceva ma
Non vogliamo questa comunità che vogliono e gli altri vogliamo qualcosa di diverso
Questo è finito più o meno
Piuttosto meno che più nel sessantanove dopodiché sono entrati i nuovi Stati membri nel settantatré Regno Unito Danimarca Irlanda e il Primo Ministro britannico Battisti
Era molto a favore e sin da molto tempo a non solo l'integrazione del suo Paese le Regno Unito al Comunità europea ma anche a una comunità che fosse rinforzata
Ero a sinistra era il leader del partito conservatore
Solo che
Il partito conservatore europeista a quel momento o che lo sembrava nel settantatré
Sei anni dopo viene consista Torda mai versati Cha che non era per niente a favore dell'Europa non è lei che ha cambiato il partito conservatore e perché il Conserva partito conservatore aveva cambiato sul Europa che
Tra i molti argomenti che lei ha trovato ha trovato quello di per essere le tradita e quindi
Dal settantanove
Ad oggi abbiamo dei Governi britannici che più o meno sono
Contrari a più l'integrazione non dico se sono a favore o meno dico semplicemente che non sono
I Governi che sono cattivi e il fatto semplicemente di avere dei Governi con progetti diversi di Stati diversi che fa sì che e così faticoso mettersi d'accordo
Dopodiché
Io verdi cosa fanno seguono l'opinione pubblica ora non faccio un corso su opinioni pubbliche molto difficile capire se in Gran Bretagna
L'opinione pubblica fa sì che la stampa euroscettica e fa sì che i Governi non hanno la voglia difendere o loro l'Europa o viceversa e la stampa che fa sì che questo è una cosa che non è ancora dimostrata però e una dei problemi che abbiamo oggi
E
A cui dobbiamo pensare
Non è basta mando non basta dire i Governi non vogliono bisogna capire il perché
Governi non vogliono
La l'opinione pubblica questo il secondo punto è non ne aggiungerei molto
Cosa è successo
Dopo
Il
Progetto Spinelli abbiamo avuto il avuto l'Atto Unico Europeo
Questo atto unico europeo è stato firmato senza troppe difficoltà perché c'era diciamo una
Coalizione
Tra Italia Francia Germania e la Presidenza della della Commissione aiutata da alcuni piccoli Stati membri
E anche aiutata da Stati che non erano ancora nella comunità ma centravano poco dopo cioè Spagna e Portogallo
Che sono riusciti a superare le resistenze di magrezza cioè all'epoca
E quindi
Sono stati capaci di
Fare delle riforme con uno scopo che era del tutto contrario e le idee rimanga traccia che essi era prima ho posto a quel sia sia dedizione bene
Andato avanti sono messo d'accordo
è con
Riforme abbastanza importanti cosa succede succede che in Danimarca il Governo si dice ma
Piuttosto che rischiare di non avere l'accordo del Parlamento su
Il
Trattato che firmeremo facciamo un referendum
Per sapere se l'elettorato e a favore della bozza di trattato non ancora finito firmata dopodiché ero fermeremo e questo è successo all'inizio dell'ottantasei
Tutto liscio
Perfetto la democrazia funziona bene sia parlamentare sia diretta
Solo che su base di questo precedente nel novantadue con il Trattato di Maastricht si era molto più ambiziose come è già stato detto riprendeva molto di quello che c'era nel progetto Spinelli
Il Governo danese che pur avendo preso tutte le precauzioni per convincere l'elettorato che
Non c'era niente di grave erano delle cose il Governo da Del Mese ha voluto fare il primo della classe ha detto saremo i primi a ratificare facciamo il referendum il due di giugno del novantadue cosa succede
Con una partecipazione le urne dell'ottanta per cento dei votanti c'è una maggioranza contraria di cinquantaquattro per cento più o meno che sono contrari al nuovo trattato
E quindi ma sono i Governi o sono i popoli di tra virgolette cattivi
Non dico che il Governo il popolo e del negli scacchi soprattutto non è detto che
L'euroscetticismo sia
Di perse una cattiveria
Il problema credo e capire e questo vale per oggi come per ieri se l'euroscetticismo e il risultato dell'ignoranza
E
Era molto tipico quello che è successo che alla Danimarca
Il Governo danese ha tentato di capire perché c'era stato una maggioranza di no
Al che ogni anno letto ma è perché
Dobbiamo perdere la corona danese dobbiamo adottare un'Europa dopo una moneta unica il Governo danesi verità aveva già previsto questo aveva detto noi ci riserviamo la possibilità di non aderire all'Unione economica e monetaria
Quindi era ignoranza
C'era nel Trattato di Maastricht sesso la salvaguardia che la maggioranza del del popolo dette importanti danesi varie voleva anche dicevano i danesi ma
Con questo Trattato di massi sparisce la cittadinanza danese noi il più vecchio Stato sovrano d'Europa prima della lei l'Inghilterra prima della Francia
E invece il Governo danese arriva spinto per che sia data dotata una dichiarazione anche una formazione che dicesse
La cittadinanza europea non sussidio sostituisce la la cittadinanza nazionale eccetera eccetera quindi
Prendo solo questo esempio però se ne potrebbero prendere tanti
Quando l'euroscetticismo e il frutto dell'ignoranza
In un certo senso questo mi rassicura
Perché mi dico ma
Con uno sforzo che non è mai stato fatto al momento giusto se spieghiamo bene
Al momento delle elezioni cosa
Si può fare a livello europeo del dell'Europa a cosa serve portare c'è chi voterà per Tizio perché Lions destra di sinistra
A favore dell'Europa contava però saprà cosa farà
La cosa è qui in quei tanti adesso e che a questo euroscetticismo crescente che credo spiega anche molto dell'astensionismo è questo il paradosso io non voto perché non sono a favore e quindi non sono a favore perché c'è un tasso di di partecipazione basso
Adesso quello che cresce sino a qualche anni
E che c'è anche un euro scetticismo di chi conosce le cose
E qui e l'ultima cosa dirà nel capire che questo ha una difficoltà con cui dobbiamo condividere
Che c'è sempre stata cioè che d'un Paese all'altro e anche in un Paese non c'è la stessa visione del problema
Qui è ovvio che c'è una crisi
Mi dispiace dover sentire che qualche mese fa ero in una riunioni dei professori di diritto pubblico tedeschi
Dove o avuto da discutere con qualche collega e ho detto ci sono certe cose che non potete deve dire in tempo di crisi e un collega pur professore di diritto internazionale pubblico mi diceva ma che in crisi
Non so se se capite cosa vuol dire
Non è cattiveria è una percezione del tutto diversa e quindi è vero e su questo concordo con i colleghi che hanno preceduto ci vorrebbe molto più Corrado show per andare a controcorrente
Non solo in Germania ma anche in Italia anche in Francia anche nel Regno Unito e dire certe cose che non piacciono al suo proprio gli atti elettorato questo e un vero problema
Concludo
Abbiamo molto di quello che c'è nel progetto Spinelli
C'è da verificare cosa nel paese più Spinelli nei trenta per cento che rendere rimangono sarebbe utile o meno e c'è chi ci lavora
C'è da verificare se e fattibile una revisione dei trattati però se non si prova non si saprà
Momento giusto può essere domani dopodomani io credo infatti che qualche riforma dei trattati sarà necessaria però bisogna non aspettare ovviamente questa riforma dei trattati
Invece c'è qualcosa che è una novità emersa agire zero appunto soprattutto con la referente un danese del novantadue
E cioè
La problematica della democrazia se mi diretta
E sappiamo bene esigenze rissa non meglio di noi basta chiederlo a quelli che non hanno votato a favore del
Del del referendum che vuole limitare la libera circolazione deceduti
La democrazia semi diretta è una cosa molto difficile
C'è un piccolo tentativo nel Trattato di Lisbona di inserire un meccanismo di migrazione Simi diretta nel sistema decisionale dell'Unione e la così detta Accili iniziativa cittadina cioè l'iniziativa di cittadine
Che per chiedere alla Commissione di adottare o una proposta di direttiva di regolarmente che nella Aulas sa cose d'iniziativa
Dei cittadini
Molto retto rappresentativa molto rappresentativo perché è uno strumento che esiste che purtroppo
Esiste solo il vero da due anni purtroppo adesso non funziona bene a tal punto che il mediatore europeo nuovamente eletto a giugno omissis o quelli che irlandese
A deciso di propensi iniziativa di fare un'inchiesta per capire perché
Non viene utilizzato sei questo meccanismo
Cosa non funziona quindi c'è molto da fare ma io direi la prima cosa fare e sapere di cosa parliamo sapere cosa fa il Parlamento europeo e quindi a cosa serve votare e se non serve a niente
Meglio rimarremo e rimanere a casa grazie dell'attenzione
Allora grazie anche per questi momenti di sostanza sono stati creati ad arte era quasi convenuta una cosa in modo che si ravviva se l'attenzione
Ovviamente l'invito io lo rivolgo andate a votare non solo non foss'altro per innescare quella come dire quella possibilità di ravvivare anche la vita delle istituzioni europee perché non sia mai come qualcuno auspica spera
E confida che se noi andiamo a votare questa volta per eleggere
Virgolette il nuovo Presidente della Commissione europea anziché solo il Parlamento i rappresentati del Parlamento europeo chissà che quindi non si possa
S'
Generare quella scintilla di conflitto tra queste soggetti che sono stati evocati da un chi è cattivo e il cattivo euro ecco io direi un sottotitolo di questo incontro
Io ho usato quel binomio un po'paludato di europei Costituzione lo rimuovo completamente perché mi piace molto di più suggerimento diceva
Il sottotitolo di questo incontro a proposito di futuro dell'Unione chi è il cattivo in Europa allora io mi faccio quest'altra provocazione pensa bene chi è cattivo in Europa aspettiamo il ventisei di maggio
Perché già il ventisei di maggio hanno detto i Capi di Stato e di Governo certi presunti cattivi che loro fanno delle consultazioni senza che nessuno lo sappia comunque cercano di evitare che si sappia per scegliere chi sarà
Il Presidente della Commissione europea ora avviene che il Trattato di Lisbona precisamente indicate decisamente indica che
E i responsabili dei Governi che formano il Consiglio d'Europa designano
Designano
Il Consiglio europeo scusi scusa designano il Presidente il nome del presidente e lo fanno tenendo conto dei risultati delle elezioni
Ora c'è qualcuno a proposito divisioni che pensa che questa designazione tenuto conto del risultati delle elezioni europee dica
Alcune cose e altre non le dica
E in particolare non dica che siccome nella stessa norma siti si si legge che il Presidente designato dalla Consiglio europeo viene eletto queste l'espressione
USA utilizzata viene eletto dal Parlamento europeo
A quel punto quella designazione
Può essere come previsto rifiutata e il Parlamento può eleggere questa cosa può andare avanti per una seconda volta perché a quel punto se non viene eletto il primo designato se ne può designare un secolo
Però qui il problema è chiesto chi è cattivo
Allora domanda poi ognuno decide è cattivo chi pensa di designare
Uno qualsiasi o una persona diciamo
Donna o un uomo che sia qualsiasi
Facendo sì riferimento ai risultati che si presume potranno essere astensionismo sì o no poco importa
Risultati evidentemente che non consegneranno una larga maggioranza nessuno e quindi invece indicheranno
Delle soluzioni come dire da grande coalizione oramai vanno molto di moda
E quindi Europa non potrà fare eccezione come già non lo fai insistono allo Stato i due grandi schieramenti dei del Partito Popolare Europeo intenso ci ha visti democratici europei che in qualche modo potranno raccogliere si pensa a un certo numero di consensi e senza questa base di maggioranza nessuna pur che evidentemente una coalizione nessuna a nessun risultato si può raggiungere quindi
Che è il cattivo tra chi pensa di arrivare a questa importante passaggio istituzionale chi sarà il nuovo Presidente e come sarà composta questo questa Commissione perché da lì si parte dalla elezione del Presidente per poi arrivare a una composizione Commissione secchi pensa di affermare il metodo di una decisione che si svolge all'interno del consiglio europeo
Quindi attraverso consultazioni negoziazione e fatali compromessi e chi pensa invece che quella nomina debba risultare da che cosa da un voto parlamentare da chi ha la maggioranza in Parlamento
Chi ha la maggioranza in Parlamento e dice io voto per questa persona questa persona
A voi poi la risposta
Adesso invece l'ultimo intervento io mi sono dilungato purtroppo in dieci massimo undici minuti riprende all'amico collega Fabio Masini della facoltà ex di scienze politiche ma oggi anche nella veste
Di
Di di svilisce vice Presidente vice segretario del Consiglio italiane segretario generale del Consiglio e del Regolamento europeo quindi anche in una veste
Come dire di attore e delle cose di cui stiamo parlando perché concluda questa parte della giornata ringrazio
Al collega Moccia per aver organizzato questa cosa per l'invito in realtà ragazzi riconoscono praticamente già tutti conoscono quasi tutte le facce perché mi hanno visto sia nel loro i sei e le scuole superiori
Sia alla Camera quindi cercherò di essere breve riprendo un paio di punti però che
Mi piace rimettere diciamo così in ballo nella discussione uno che ha a che fare
Contesto dal quale nasce il Progetto Spinelli dato a che fare con De Rita intellettuali Spinelli stesso
Molto rapidamente intanto oggi due mila quattordici non dovremo festeggiare soltanto il trentennale del progetto Spinelli ma dovremo festeggiare tra virgolette Sempre il CIP ricordare il centenario alla prima guerra mondiale Pinza però mondiale minori centoquattordici
E anche un altro piccolo fatta bello che alcuni di voi appunto ammoniva sentito ricordare a me il mio novecentocinquantaquattro
Perché è un'altra tappa importante in questa storia del percorso che ci porta a oggi nella storia di integrazione europea
Mio centoquattordici prima guerra mondiale subito dopo la Prima guerra mondiale si cerca fioriscono i progetti per cercare di evitare che ci sia una nuova guerra mondiale un nuovo dramma come quella nuova tragedia come quella
Che è appena conclusa ed è da lì un po'che fioriscono i progetti più maturi
Sull'integrazione europea e che cos'è che quelli più maturi vanno a accogliere l'essenza del problema della pace
Hanno accogliere il fatto
Che l'elemento che più è critico nella generazione di generare conflitti fra Stati e la sovranità assoluta ed esclusiva in capo appunto agli Stati nazionali
Cioè quel vecchio patto ottocentesco se volete anche prima fra il suddito e sovrano per cui il cittadino smette di essere un individuo con tutte le sue libertà varie ma diventa appunto un suddito che scambia con soprano Oppo e con lo Stato nazionale
La sicurezza
Cioè la gestione diciamo così degli affari interni della della giustizia interna
E la sicurezza nei confronti dell'esterno quindi la difesa dal nemico tra virgolette contro due servizi che lui stesso rende paga le tasse e offre la propria disponibilità la coscrizione obbligatoria la propria disponibilità difendere il Paese in caso di guerra
Quindi il cittadino non è un cittadino
è un cittadino soltanto una misura in cui è suddito di un sovrano e a un patto assoluto l'esclusivo nei confronti del del sovrano stesso questo e cosa implica implica che i cittadini
Di due sovrani diversi due Stati sovrani Dio gli Stati sovrani dove si sono automaticamente nemici e questo crea intrinsecamente un problema di conflitto è da lì che nascono negli anni venti trenta quaranta
I progetti appunto più avanzati più maturi l'integrazione europea che cercano di superare il concetto di sovranità assoluta ed esclusiva
Ora sono due i simboli storicamente della
Della sovranità no la moneta e la spada questi sono i due concetti perché con la moneta si finanziano le guerre con la spada si combattono quindi sono individui strumenti appunto la sovranità di tipo ottocentesco
Ebbene per quanto vi possa risultare ancora oggi è strano o oggi strano all'indomani la seconda guerra mondiale non si parte dalla moneta si parte dalla spada ecco perché mille novecentocinquantaquattro che accade nel cinquantaquattro accade che dopo che l'anno precedente era stato in qualche modo concordata la Comunità Europea di Difesa cioè mettere insieme gli eserciti la politica estera e di difesa mettere insieme gli eserciti
Degli Stati europei all'epoca evidentemente erano solo sei
Ecco quel progetto viene improvvisamente accantonato per una sede alcuni storiche se vogliamo anche concomitanze storiche fortuito Scurtu i se more Stalin sembra che si possa fare a meno di avere un'identità forte europea
Quindi cinquantaquattro è il fallimento del tentativo di portare avanti uno degli aspetti atonalità qualora la difesa ed è da lì che inizia invece il lungo percorso che è ben conosciamo
In cui siamo ancora oggi in qualche modo dentro quello del cinquantasette in cui si comincia dall'economia non tanto dalla moneta perché anche se molto farraginoso e difficile si comincia dal mercato dall'unificazione dei mercati
Quindi cinquantasette il mercato unico europeo e poi si arriva ad altre tappe
E però nel frattempo succede qualcos'altro
Le settantuno crolla un modo di essere dell'ordine economico internazionale l'ordine economico e politico internazionale perché viene messo in discussione gli accordi di Bretton Woods quelli che avevano sancito in qualche modo la pace
La diplomazia la fase diplomatica diciamo così all'indomani del secondo conflitto mondiale e che cosa emerge emerge questa stabilità egemonica l'ordine internazionale viene gestito sostanzialmente dagli Stati Uniti certo ancora in un'ottica
Di guerra fredda quindi ancora in ottica di contrapposizione
Ma è una contrapposizione blanda che all'inizio degli anni Ottanta diventa palesemente blanda voi sapete che all'inizio degli anni Ottanta si comincia a capire che
C'è in nuce il crollo del blocco sovietico nel frattempo però negli anni Settanta siccome
è chiaro che l'ordine economico internazionale non può reggersi soprattutto per gli Stati europei sull'egemonia statunitense vengono riprese quelle due due paralleli percorsi di integrazione politica e economica
Anche prima della branda con quello che si riesce a fare in quegli anni in maniera debole ma attraverso due momenti significativi tutte e due del mille novecentosettantanove
Le prime elezioni lo ricordava Moccia prima le prima elezione diretta del Parlamento europeo quindi una rappresentatività democratica diretta dei cittadini in un organo sovranazionale
E l'altra il sistema monetario europeo che non era una moneta unica era un tentativo di ripercorrere di di provare un sentiero di integrazione nel campo della moneta
Ed è in questa logica che va invece letto il Progetto Spinelli all'ottantaquattro mi sento Schiele ottantaquattro il tentativo di dare un'accelerazione
A questo timido processo appena riaperto nel settantanove
Nella consapevolezza che il mondo sta per cambiare e c'è forti bisogno che l'Europa si attrezzi per diventare un soggetto continentale decisionale continentale le sfide che accompagna hanno una storia negli anni successivi ed è quello che stiamo vivendo appunto dall'ottantanove in poi da quando il crollo del muro di Berlino fare reso palese che c'è una guerra diciamo così per la ridefinizione dei poteri alle bello
Internazionale Progetto l'ottantaquattro prevedeva la moneta unica ma non solo prevedeva una
Gestione delle politiche economiche unica orientata quindi la crescita l'occupazione eccetera
Prevedeva la spada cioè prevedeva appunto di mettere insieme
Gli aspetti della politica estera e di difesa e premeva soprattutto il collante politico quello l'ASI legittimità democratica cioè con istituzioni in cui le scelte collettive europea potessero effettivamente essere legittimamente effettuate dai cittadini
Come sappiamo il Progetto fallisce
Fallisce nel senso che
L'atto unico Lussemburgo prende atto diciamo così che non c'è la volontà di portarlo avanti
Ma su questo ci sono da dire almeno due cose intanto
Che quel progetto fallisce ma diventa né i padri costruttori dell'Euro nei padri fondatori dell'euro diventa l'elemento di in qualche modo il benchmark che si direbbe l'inglese cioè il punto di arrivo diventa un punto di riferimento nella Costituzione dell'Unione monetaria il secondo elemento è che appunto
Ora con il fallimento di questo percorso si apre nuovamente l'aspetto dell'economia della moneta è lì che si gioca ulteriormente il tentativo di portare avanti l'integrazione ma guardando appunto a l'elemento finale
Cioè al fatto che l'integrazione monetaria fosse solo un passaggio verso unificazione più completa più politica più in generale di tutto il continente
Perché vi dico questo dico questo perché in realtà la crisi
Nasce proprio dalla disc dal mettere in discussione
Il fatto che dalla moneta i Governi e i Paesi in qualche modo i popoli se vogliamo indipendentemente da chi è il cattivo comunque gli Stati nazionali fossero davvero intenzionati a proseguire quel
Perfetto quello cioè di passare all'Unione demonizzare all'Unione economico monetaria e politica del continente
è questo che determina la crisi così come la determina come veniva ricordato prima il novantadue il no danese perché il Nord danese significa mettere in discussione qui sto collante politico questa volontà politica è infatti arriva la speculazione che aggredisce le monete dell'equo nettamente più deboli mettendo in discussione
Appunto la credibilità del Progetto di ruote andare oltre l'eco di andare verso l'euro e così come avviene in questo caso perché la crisi non visto ora a fare
La relazione sulla crisi
Ma la crisi di oggi è figlia di queste figlia del fatto
Che i mercati e in generale gli operatori economici a livello internazionale percepiscono hanno percepito come non credibile davvero politicamente voluto il fatto di andare oltre l'Unione semplicemente monetaria e andare verso l'unione politica
In sostanza la crisi è aperto la consapevolezza che la moneta non basta per fare un'identità europea commetteva
Il secondo aspetto che volevo raccontare è questo e quindi
Sulla base di tutto questo qual è l'eredità intellettuale dovremmo cercare di cogliere dal prefetto Spinelli e più in generale da Spinelli steso la sua storia personale la sua storia se vogliamo anche letteraria lui è stato anche un
Lo scrittore di
Di pagine estremamente interessanti
Normalmente cioè c'è una letteratura e si è interrogata su questo aspetto del federalismo dispiacerebbe voi tutti sapete che Spinelli questo lo sapete legato a questo concetto a quello di federalismo il federalismo europeo
Di cui magari avete una percezione un po'sfumata un po'non perfettamente corretta comunque c'è una un dibattito diciamo così da un po'di tempo da tanti anni e cerca di capire che natura avesse questa questa
E le dita intellettuale appunto del federalismo di Spinelli è un'ideologia il federalismo ecco io suggerirei in questo di così di dargli una chiave di lettura leggermente diversa
Il federalismo e Spinelli non è una ideologia è una metta ideologia non per usare una parola strana ma vi spiego che cosa voglio dire ledono i tradizionali sono il liberismo no che punta all'affermazione delle libertà individuali
Sono la democrazia che cerca di portare avanti la capacità della partecipazione dei cittadini alla vita attiva la Galles decisioni appunto collettivo
è il socialismo un'altra grande ideologia storica
Socialismo con il suo tentativo di portare avanti le istanze la giustizia sociale ebbene
L'idea di Spinelli
Che è allo stesso tempo liberale socialista democratico fatemelo dire
è quella appunto che tutto questo queste ideologia e questi valori portati avanti dalle droghe tradizionali sono possibili solo
Se si abbandona la cornice dello Stato nazionale assoluto l'esclusivo e si passa invece a un modello di tipo federale in cui ci sia la possibilità di gestire il
I rapporti di potere laddove effettivamente hanno senso che oggi ci rendiamo conto noi siamo un Paese democratico ma noi esprimiamo un oso a un Parlamento e a un Governo che non sono capaci di agire sul livello internazionale perché le sfide non sono più a livello internazionale
Quindi la democrazia a un livello nazionale totalmente inutile se non diventa anche una democrazia sovranazionale in cui le nostre scelte vanno impattare davvero
Sul livello adeguato a gestire le sfide a livello internazionale così come la libertà la libertà non possono essere difeso solo a livello nazionale libertà possono essere difese a vari livelli
E soprattutto devono essere difese anche a livello sovranazionale europeo ma anche globale
E così per la giustizia sociale che ormai ha poco senso pensare
Possa essere gestita a livello semplicemente nazionale dal Budget dal bilancio nazionale
Ed è qui e quindi che sta il valore delle verità intellettuale di Spinelli oggi il suo federalismo che aumenta ideologico che è cioè una precondizione per poter parte poi fare tutte le battaglie ideologiche politiche eccetera
A livello in cui fondamentale efficace che vengano fatte quindi il federalismo costituzionale quindi una Costituzione federale come prerequisito per tutta la battaglia politica
Ed è qui che siamo noi oggi
Noi siamo cioè oggi al punto in cui esiste un
Un problema di fattore tempo no chiamiamolo così c'è l'urgenza di rimettere mano di mettere mano a una nuova Costituzione
In Europa a un nuovo modo di stare insieme Europa di ridare fiato a quel progetto politico prima di tutto e non solo ho esclusivamente monetario più economico
Che era stato concepito attraverso il Prefetto Spinelli e portato avanti anche dai padri fondatori dell'Europa
Quindi strategico evidentemente il mandato costituente al Parlamento europeo noi il mandato nel senso che qualcuno deve dare ma il prossimo Parlamento europeo che si deve finalmente prendere responsabilità visto che ne ha la legittimità democratica eletto da tutti noi
Di prendersi questo compito di cioè riscrivere la Costituzione europea di scrivere il modo in cui noi stiamo insieme
E vengo all'ultimo punto conclusivo cerco deve essere ferita inferta restante o meno i tempi
Una delle cose a me hanno sempre fatto imbestialire quando ero giovane al posto vostro e mi spiace interamente in bocca Antonio ma è così era quando vi venivano a raccontare tanto sarete voi che farete l'Europa ecco
Io spero vivamente che non siano loro a fare l'Europa diciamo così a fare la federazione opera perché temo che sia troppo tardi
Quindi è la nostra invece quelli che stanno di qua dal tavolo ora quindi ognuno di noi con tutte le proprie responsabilità a dover mettere non dico la parola fine a un punto ma ammettere
A costruire quelle a mettere in discussione il quadro giuridico in oggi esistente in modo irreversibile perché voi possiate effettivamente essere appieno finito
Cittadini dell'Europa appunto federale che verrà due cose al volo voi però potete fare qualcosa
Intanto appunto gestire la vostra partecipazione vocati voi dovete esercitare secondo me il vostro ruolo di cittadini attivi e quindi secondo me è giusto che e qui riprendo l'appello che ha fatto prima andiate a votare
Ma c'è un altro modo tra l'altro in cui potersi esprimere il vostro desiderio o meno d'Europa ed è per esempio attraverso iniziative le città europee che veniva prima ricordato ce ne sono alcune in ballo per esempio c'è una sull'acqua come bene collettivo che ha già raggiunto oltre il milione di firme credo quasi due
C'è un'altra sullo sviluppo sostenibile tutta una serie altre cose ma credo che in qualche modo sarebbe informati di queste iniziative anche questo è un modo per essere attivamente
Partecipi della vita democratica non solo appunto del vostro state bello ma di un qualcosa che invece dovrà essere la vostra casa nel futuro grazie
Bene ringraziando tutti perché siamo stati nel tempo previsto le tredici adesso noi vorremmo consentire perché dieci quindici minuti almeno li possiamo tollerare credo spero no da parte
Di tutti quanti se ci sono queste famose tocca tutti che venivano in Ogaden sa alla fine così questo del resto è lo spazio perché
Ogni cosa ha bisogno del suo specifico nome che lo richiama lo è queste lo spazio delle domande
Ci sono domande
Ecco
O
è ce ne sono anche altre ecco o è
Allora allora sì bene allora leader accogliamo siamo d'accordo che raccogliamo ecco
Prego provato
Buongiorno sono a Carlo Tritto del liceo Avogadro
Quello che volevo chiederle e che sento assente la figura di un organo o di una personalità che rappresenti l'Unione europea nei vertici internazionali
Che porti avanti e difende le priorità dell'Unione a nome di tutti gli Stati membri
In modo concreto in uno dei recenti vertici internazionali in materia ambientale ed ecologica a Pechino e marcata una figura che rappresentasse l'Unione europea ma erano presenti
I ventotto rappresentanti degli Stati membri e che non sono stati ammessi alla riunione e di conseguenza non si è potuto assistere adesso di cui si è discusso quale le vostre idee al riguardo
Grazie anch'io sono Giorgio che avrà sempre delle già Avogadro
Diciamo le elezioni europee pure quelle due mila nove si sono svolte su base nazionale questo non può influire negativamente sul sull'idea di elezioni del popolo europeo
In quanto comunque se ci sono vari reazioni in ogni Stato questo non restituisce una fotografia complessiva e
Verosimile dello spaccato politico dei cittadini dell'Unione grazie
Salvo Roma come Rossini sono sue Piacenza e voglio dire all'inizio del della Conferenza è stata fatta e sono stato una slide in cui
Si dà
Do nero gli anni non solo funziona per quello
Nei vari anni
Sì dal mille novecentonovantaquattro mille novecentonovantanove
La differenza di affluenza Casazza novantanove
L'affluenza è crollata
Un TIR le volevo chiedere
Qual è
Il motivo in quei cinque anni che hanno portato
A
A questo diciamo a questa alcuna dimensioni di affluenza al voto e se secondo lei si può parlare di un forte deficit deficit democratico in quei cinque anni
Giorno Federico Castiglioni sempre di Scienze Politiche euro fra la domanda d'euro celtico e volevo chiedervi voi avete parlato tanto di istituzioni europee
Ma secondo voi e riprendendo anche la vostra suggestione su la legittimità nel processo integrazione sono vi sono le istituzioni
Che possono creare il sentire europeo il sentirsi europei oppure il sentisse nucleo che può creare le istituzioni
Perché se ne diamo e le istituzioni non rischiano di essere veramente legittime se non sentite e secondo voi gli Stati nazionali sono nati perché
Frutto di un sentire diffuso o hanno creato un sentire diffuso dopo che sono nati perché vedendo questa esperienza ne possiamo anche replicabile in futuro
Tanto per quanto riguarda la prima domanda e è vero questo episodio del
Del vertice sull'ambiente in cui c'è stato un momento di negoziato ristretto
In cui erano presenti soltanto i rappresentanti dei
Dei dei meri Paesi membri
E qui la sala era
Breve attivamente piccola il primo Paese sono presentati in ventotto
E il il non era Pechino allora Copenaghen e il il
Il pre-CIPE e il primo ministro danese ha detto dice no
Posto che voi non c'è per cui non non partecipare alla riunione non si sono messi d'accordo tra di loro su chi doveva attivare in cui l'Unione europea al vertice di Copenaghen è stato assente dal risultato finale io spero che a Parigi
Più conclusi già un grande vertici simile a quello di come una grande a dicembre il prossimo anno che sia al Cop trentuno
Spero che gli obesi auto a metano talmente furbi dati indicare uno dei ventotto sarebbero bene virtuosi per presentata alla Commissione non ventotto a rappresentare gli interessi devono europea nel suo insieme
Questo mi collega un'altra questione che
Tra pochi anni quando si riunirà il G otto se il G otto si basa sul criterio relativamente a livello diciamo così di prodotto interno lordo
Dei quattro Paesi europei che oggi stanno del G otto che sono la Germania la Francia l'Italia Regno Unito non ce ne sarà più nessuno quindi i Paesi d'Europa sarà assente dal G otto allora se l'Europa vuole contare
Del nella dimensione internazionale o si unisce oppure non conterà più niente
Allora il problema
Per rispondere all'ARPA correggere posso sedersi si governi sono meno cattivi
Il problema e e che ci sono dei settori di dimensione europea entrambe in cui l'Europa deve giocare un ruolo in cui o noi andiamo al di là della situazione attuale
Oppure se noi lasciamo intorno a un tavolo esclusivamente i rappresentanti dei Governi quale ciascuno rappresenta un'apparente interesse nazionale non andrei no nessuna parte è un problema sociologico non giuridico se intorno al tavolo ci sono persone che rappresento soltanto un interesse nazionale
Da questo tavolo non uscirà fuori una una scelta di carattere europeo prevarrà formalmente
La
La l'opinione del più forte ed è anche per questa ragione più in questi anni ha prevalso l'opinione della Merkel non
Quella del dell'interesse o Baggio insieme per quanto riguarda le elezioni io sono convinto come è stato detto prima che queste elezioni non hanno la caratteristica di essere più europee delle altre
Sembra strano dire che lezione o vede volessero bene
Perché il tema europeo
è entrato nella diciamo così della del anche del nelle nelle nostre case dappertutto in tale settore interroga quindi dunque selezione si discuterà molto di Europa
Temo che si discutono a meno di un'OPA in Italia
Perché i nostri partiti lo vediamo sono in tutt'altre faccende affaccendati a
Che nel modo in cui stanno comprando le liste primo Parlamento operano danno un grande segnale John così di uccelli uno dei candidati facciamo seriamente il mestiere dei deputati
Però la scelta dei candidati una vicinanza Commissione inventerà nella dimensione europea questa dimensione che nelle scorse elezioni non c'era io spero che questo
Fa alzare il livello della partecipazione
In qualche modo però mi fermo queste due Masini perché voglio dire
Se scusate
Io oltre a allinearmi a quello che ha detto che il tridente verrà invece sull'ultima delle domande cioè quella del rapporto fra
Le istituzioni e la creazione in qualche modo identità dall'identità collettive
è un po'come la storia del ruolo dell'uomo e della gallina quindi anche su questo ci sono biblioteche intere che hanno discusso se vengano prima le istituzioni che portano identità collettiva o se sia identità collettiva da costruire prima all'istituzione io pongo un problema
Qui non voglio risolve la questione chi venga prima ma vi pongo un problema se ho ragione io su quello che vi ho detto Sieci minuti fa cioè se c'è un problema di fattore tempo non si possono aspettare processi culturali
Occorrono delle istituzioni capaci di agire
Certo c'è poi un problema di sostenerne nel tempo di dagli legittimità di dagli consenso e di quindi anche di creare l'identità ma se effettivamente c'è un problema di urgenza e la capacità di agire a livello sovranazionale i Paesi europei e allora vengono fino all'istituzione
Anch'io molto brevemente
Sulla necessita di una
Di un interlocutore unico
Non ci sono dubbi quanto ha detto da Astoli è inoppugnabile aggiungo anche che
Pur
A livello di istituzioni europee questa unità non c'è
Perché c'è il Presidente dalla Commissione c'è il Presidente del Consiglio europeo c'è il presidente di turno del Consiglio dei Ministri
Ceglie rappresentante sterno per per la per i rapporti internazionali
Almeno un quartetto per i quartetti sono una forma musicale splendida
Soprattutto però se lo spartito è lo stesso perché su ognuno dei quattro
Suona una musica diversa Remo immaginate cosa succede a questo riguardo ricordo che nel
Trattato
Di Lisbona c'è
Non non c'è nessuna norma che impedisca
Di
E leggere come Presidente del Consiglio europeo il Presidente della Commissione
Mentre non ci può essere un cumulo tra
Perduta questa carica e cariche nazionali
Dico questo perché questa è una possibilità che qualche qualche qualcuno ritiene importante io personalmente la ritengo non da scartare perché darebbe
Una unità
Anche all'esterno rispetto al mondo esterno all'Unione europea come tale tra l'altro il Presidente della Commissione dovendo avere per essere eletto i voti del Parlamento europeo a una legittimazione e democratica
Che è superiore a quella delle altre cariche europee e a questo riguardo siccome è stata fatta una domanda sulla legittimazione
Democratica non bisogna mai dimenticare che a livello europeo la legittimazione democratica lo dice e il Trattato di Lisbona lo conferma
A due radici una è quella del Parlamento europeo
Eletto dai cittadini e l'altra quella degli Stati una struttura federale a due legittimazioni quelle del popolo e quella degli stati dire
Il Senato la Camera dei rappresentanti negli Stati Uniti e così in altri Stati federali
Anche l'Europa questa caratteristica sono anche d'accordo sul fatto che l'identità europea per conto mio in parte esiste già quando si dice l'Europa del prima circensi deve essere il demmo s'
Cioè un comune sentire un popolo che si sente unito e poi si farà la politica attenzione che gli Stati moderni non sono nati così nella Francia dell'Inghilterra
Sono nati così prima c'è stato Lost patto frutto di conquiste o di vicende dinastica e poi lentamente
Nei secoli addirittura si è formata l'identità nazionale che per fortuna non è ancora la sua assoluti dal
Perché le identità regionali sono fortissime e sono rimaste fortissima lo stesso si può dire per l'Europa
C'è qualche aspetto della della Società europea per cui i profili i popoli europei sono già uniti
Per esempio nel nel nel considerare
Che la democrazia non si esporta con le armi
Per esempio dello stato sociale per esempio nel pensare che non occorre avere una carta di credito per essere curati ecco questi sono aspetti importanti ce ne sono anche altri
Perché ci fanno dire che un principio di comune sentire l'Europa esiste già e il resto lo dovrà fare
Lo Stato europeo quando e se nascerà
Inizio con l'ultima domanda sul sentimento europeo una delle riuscite
Direi clamorosa e del l'Unione europea è stato il programma Erasmus
Questo non c'era bisogno di un trattato anzi una delle particolarità e che quando è nato il programma Erasmus negli anni ottanta
Il Governo britannico era opposto dicendo non c'è una base nei trattati per fare questo
Meno male grazie all'Atto unico europeo non c'era e le necessità dell'unanimità e quindi sono andati avanti e molti britannici sono ben contenti di andare sul continente e viceversa
E è vero che
La coesione europea negli ultimi anni ha tentato anche di
Espandere il modello del programma Erasmus altri settori del delle società quindi questo
E una prima risposta che non basta per il sentimento europeo capire cosa fanno gli altri quello che manca e un po'più di consapevolezza dei problemi linguistici
Cioè l'idea che non basta parlare l'inglese maccheronico Ovo l'inglese dei Frontex o l'inglese Tritoni dico per avere una lingua comune
Bisogna fare uno sforzo di conoscere almeno due o tre lingue europeo io ho assistito a cose che era molto interessante a Friburgo in dicembre avevamo una riunione con studenti
Spagnoli italiani e tedeschi
Visto che era a Friburgo si è fatto in tedesco non in inglese
E quindi i partecipanti erano scelti tra studenti che avevano qualche interesse per la Germania visto che gli spagnoli e italiani parlavano tedesco
Alcuni dei miei studenti c'erano mi ha detto che dopo è stata una cosa fantastica perché ci siamo resoconti che non tutti i tedeschi sono come il presidente della Bundesbank e pensano che i cosiddetti P.I.C.S. sono pigri che nella nostra generazione c'è molto di più che non pensiamo su non solo le istituzioni che sono l'ultimo
Dei dei nostri essi interessi se non non fa non siamo giuristi
Ma anche sulle politiche sul cosa fare quindi qualcosa fasce ovviamente ci vuole tempo
Però a poco a poco le generazioni che hanno avuto queste esperienze arrivano diciamo a livelli dove possono prendere decisioni
Non è stato non c'è stata una risposta sulla domanda riguardo all'affluenza al voto al cambio dell'affluenza al voto e credo che non c'è una risposta perché purtroppo
A che mi consta non c'è stato uno sforzo qui col critico i miei colleghi politologi
Non c'è stato uno sforzo per analizzare subito dopo perché molto dopo non serve a niente subito dopo le ragioni del calo del porto il paradosso essendo che nel novantanove
E la prima volta che il Parlamento europeo non solo eletto al suffragio universale
Diretto non solo ha un potere di codecisione ma soprattutto ha un potere molto accresciuto
Perché col Trattato di Maastricht non aveva un vero poteri codecisione e quindi qui abbiamo l'ignoranza cioè al momento in cui il Parlamento europeo diventa altro che una Camera discussione
Cala l'affluenza la colpa di chi ma la colpa prima direi vedi no il professore di diritto comunitario all'epoca di noi andare verso quelli che non sono addetti lavori per spiegare questa novità
L'elezione su base nazionale è già stato detto il problema che non è solo in Italia a dire zero anche nel Lussemburgo anche nel Belgio non si parla di Europa si parla di problemi locali
Anzi nel Lussemburgo qual è il vero problema
Questo Young sapete che quand'era primo ministro non è neanche venuto in Aula quando la Camera doveva portare sul voto di sfiducia
E quindi la sfiducia Labruto perché lui era qualcuno in qualche parte per
Raccogliere uno dei tanti premi come trarre europeo e di questo che si parlerà e quindi penso che si lussemburghesi votano
Contro Iunca
Non sarà perché gli un CRA è stato Presidente del lavoro gruppo e perché l'unica ha dimostrato che negli ultimi anni non era così interessato nelle vicende se me lo chiede qui questo è impossibile cambiare
L'altra domanda sul sul lezione base nazionale e una vecchia domanda cioè cambierebbe qualcosa attenere un sistema culle tonale uniforme
Non so
Bisogna sapere che finora non è uniforme cioè anche se sin da dieci anni c'è lezione a proporzionale ovunque mentre prima Gran Bretagna c'era inizio nel sistema maggioritario
Rimangono molte sfumature e quindi anche
Poche in Francia anche qui l'ignoranza
Qualche settimana fa c'era un grande titolo era stata italiana dicendo la Commissione dice che Berlusconi non può prematura coi cioè non ha niente da dire
La cosa è che o qualcuno ha diritto di essere candidato secondo il diritto del suo Paese ognuno ha
E non sarà mica la Commissione a decidere sarà il Parlamento neo eletto ma questo non l'ho letto da nessuna parte quindi sempre questi ignoranza
Finisco con la la perlustrazione agitazione
Le istituzioni adesso le abbiamo si può discutere dicono molti ce ne sono troppi il trenta il Consiglio europeo l'Alto rappresentante dipendente della Commissione il tenente di turno
Ma
Anche in tutti gli Stati parte parlamentare c'è un'print della Repubblica c'è un primo ministro o un parente del Consiglio c'entra nulla con il Ministro degli affari esteri a volte funziona
Molto bene a volte no quindi non credo che sia tanto cui il problema che appunto
Che i meccanismi non funzionano sempre bene perché questo concordo in con tutto quello che è stato detto se lasciamo troppo spazio alla volontà di farsi vedere in quanto io sono il primo ministro
Dell'Italia di Malta
Del della Francia della Germania della Lituania
Si arriva al pasticcio che abbiamo visto mentre se si diceva la cosa logica sarebbe stato o il Presidente della Commissione europea o l'Alto rappresentante sa trattandosi di vedi politiche esterne o sei rendiamo un livello un po'più basso commissario Sassari europea che si occupa di
Di ambiente ma qui non non è uno che sa di cambiare istituzioni impressioni di
Farle funzionare e concludo su questo
è stato detto molto e se verrà stato tende dettero in pochi tempi che la signora Ashton era debole ma vedremo perché una delle cose molto interessanti anche poco notte che non solo abbiamo sin da adesso quasi cinque anni un alto rappresentante ce n'era uno prima
Però abbiamo adesso un servizio estero dell'azione nega il Comune di azione esterna che
è una
Burocrazia per me non è una parolaccia la burocrazia una cosa necessaria senza burocrazia potere punti politiche non funziona una purezza e Croazia
Che è composta anche dalle fasi accettazione esserne quindi e solo da questo sì l'abbiamo solo da due anni e mezzo
E ma chi è il ministri altro degli esteri che porta può fare qualcosa se non ha dietro disse
Un corpo diplomatico che sa come si fanno le cose che presente che può
Anche dare una visione comune quindi su questo ci vuole tempo magari il tempo non ci capiamo però qualcosa qualcosa si farà
Sono
Di Strasburgo
Respinto il
Corso dico
Tutti i giornali italiani cedere unico