08APR2014
intervista

Intervista a Carlo Milani sulla campagna di Radicali Italiani "Sbanchiamoli"

INTERVISTA | di Stefano Imbruglia RADIO - 16:19. Durata: 5 min 23 sec

Player
Carlo Milani - economista del CER - parla della campagna lanciata dai Radicali Italiani "Sbanchiamoli, fuori fuori i partiti dalle banche.

Credito a chi merita" e spiega quali sono i motivi per i quali le Fondazioni bancarie dovrebbero uscire dalle banche.

"Intervista a Carlo Milani sulla campagna di Radicali Italiani "Sbanchiamoli"" realizzata da Stefano Imbruglia con Carlo Milani (economista del CER (Centro Europa Ricerche)).

L'intervista è stata registrata martedì 8 aprile 2014 alle 16:19.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Banche, Credito, Economia, Enti Locali,
Fondazioni, Governo, Impresa, Industria, Politica, Produzione, Radicali Italiani, Societa'.

La registrazione audio ha una durata di 5 minuti.

leggi tutto

riduci

16:19

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale torniamo a occuparci della campagna lanciata dai Radicali Italiani sbanca siamo lì fuori i partiti dalle banche credito a chi merita e ne parliamo con un modo i nostri interlocutori abituali quando parliamo di banche ossia Carlo Milani che è un economista del chair e collaboratore lavo sul punto info benvenuto Milani bentornato
Tratta per l'intero
Allora insomma radicali hanno lanciato questa campagna punto che le ho chiesto ben chiamo gli fuori partite alle banche cioè secondo lei intanto le fondazioni dovrebbero uscire dall'contro le banche e se sì ex novo perché
Se devono necessariamente uscire al controllo delle banche secondo la mia opinione
Perché in questi anni non hanno fatto interesse del sistema bancario stesso ciò è accaduto anche per l'economia areale
E su questo ci sono dei dati molto rilevanti che potevano benissimo la situazione del Fondo monetario internazionale fanno vedere come Leban
E in cui le fondazioni hanno un controllo di maggioranza abbiano leader ritiri capitale più basse
Delle altre tipologie di banche
Se ancor più grave da questa analisi del Fondo monetario fanno vedere che in un anno in uno scenario distratta
Adesso appunto la BCE sta conducendo al due mila diciotto perché perderebbero più di un terzo del loro valore di capitale e le banche controllate dalla convenzione
Abbiamo perso nel patto perché non c'è nemmeno una sovranità una solidità patrimoniale tale da
Renderle robusto appunto al diciotto risorse
Quindi questo praticamente per il consumatore sono per il cliente cosa significa
Il fatto che non avevamo che ripercussione faccia
Ripercussione sono quelle che già abbiamo idea ritenendo in questi mesi saccente
Banche con minore dotazione di capitale hanno meno spazio per poter fare credito appunto poi razionale credo alle famiglie e soprattutto alle imprese
Quindi però ecco noi ci siamo pure già spesso occupate anche con lei delle sofferenze bancarie ecco tra il secondo la sua opinione sempre
Controllo delle banche insomma la proprietà che
I beneficiari le filiere dei crediti insomma perché spesso insomma ci sono i casi di Zaleski Giulini non sono vertice stanno sui giornali ma non solo somma molto importante che hanno dei clienti hanno un cross esposizione le macchine spesso hanno delle difficoltà a rientrare ecco CEE connessione tra la proprietà delle banche quindi delle fondazioni il controllo delle fondazioni e il credito dato solo a chi agli amici ecco
Su questo allora evidentemente però la mia impressione è che che sia così ci sia una qualche in una qualche forma di relazione
Perché soprattutto lo si può dedurre dal Parco comunque le fondazioni abbiano un forte interesse nel sedere nel board delle delle banche
è un caso lampante fu quello di Moussa richiesta Presidente della Fondazione passo a Presidente della Banca
E dal mi porta a Torino ma anche relazioni particolari con determinati grandi prenditori
Quindi l'impressione è quella e e nel fare questa attività secondo azione esauriente vanno anche contro le disposizioni di legge che vorrebbero invece una maggiore
Separatezza così come di non legge spingerebbe ad uscire dal controllo delle banche per non poter meno appunto incontrare anche
Le decisioni sulle politiche creditizie
Quindi già ma praticamente somma secondo lei cosa bisognerebbe l'ultima avanzo cosa bisognerebbe fare perché PIL controllo delle banche dovrebbe che o dovrebbe avere
Per il funzionamento nelle il mercato ecco per non essere più equo però forse vuole con maggiore non potrebbero essere comuni punti
Come ha detto possiamo cose fondi esteri di oppure fondi nazionali di nuovo o pochi che sia le fondazioni con il loro legame anche
Con la politica locale anche con la loro scatta competenti saranno un investimento finanziario importante come quello in una banca non sono quelle adatte a
Fare questo lavoro tant'è la sua forza lo stesso Amato che poi è stato uno degli esempi degli indicatori delle formazioni ha riconosciuto
Sì allocarli con questa loro operato dovevano uscire Marco prove PAC non l'hanno fatto purtroppo appunto come dicevo hanno creato più danni che che benefici
Stefano qui ci sono qualche esempio delle fondazioni che invece sono scelte che dalle dalle banche come la Fondazione Roma
Dicendo in ottima salute quindi da un esempio di governo poteva andare la legge fosse stata rispettata
Va bene allora noi ringraziamo Carlo Milani economista il CERGAS essere stato con noi
Grazie a lei ancora per l'invito