10APR2014
stampa

Presentazione della Relazione annuale sulle attività 2013 dell'Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza

CONFERENZA STAMPA | Roma - 11:17. Durata: 1 ora 15 min

Player
Registrazione video della conferenza stampa dal titolo "Presentazione della Relazione annuale sulle attività 2013 dell'Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza" che si è tenuta a Roma giovedì 10 aprile 2014 alle ore 11:17.

Con Franco Di Mare (giornalista, Rai - Radiotelevisione Italiana), Laura Boldrini (presidente della Camera dei Deputati, Sinistra Ecologia Libertà), Marta Pietrosanti (studentessa), Vincenzo Spadafora (presidente dell'Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza).

La conferenza stampa è stata organizzata da Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza.

Tra
gli argomenti discussi: Associazioni, Cultura, Diritti Umani, Famiglia, Finanza Pubblica, Formazione, Garante Per L'infanzia, Giovani, Governo, Infanzia, Investimenti, Istituzioni, Istruzione, Italia, Minori, Onu, Politica, Poverta', Renzi, Scuola, Societa', Spesa Pubblica, Welfare.

Questa conferenza stampa ha una durata di 1 ora e 15 minuti.

La conferenza stampa è disponibile anche nel solo formato audio.

leggi tutto

riduci

11:17

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Torno
Accomodatevi
Grazie di essere qui di aver accettato il nostro invito

Adesso avremmo perso musicale
Delle
Dei
Dei
Venga
Dei
Distinguendo
Senza
Paolo
A importante
Venti
La
Quando
E spendendo ma
Per
Davvero
Accolta
A
Per
Per
E
E
Fino
Nella
Rilancerà
Intende in
La
La
Pari
Che credo
Dovrebbe
Attiva
Due
Onorevole
Di
Questo
Significa
E
Utili
A rapina
Appena
Veramente
Dalle
Buongiorno
Buongiorno a tutti benvenuti grazie questo splendido inizio che ci ha regalato Luciana Carone con Luciana
è una straordinaria giovanissime pianista soltanto quindici anni ma è già come avete avuto modo di dire ascoltare uno dei
Massimi talenti italiani del pianoforte
Già sostano a sforare il Garante per l'infanzia e l'adolescenza ha voluto qui introducesse lei lavori in maniera un po'irrituale
Ma perché tutto questo significa qualcosa questo metalliche avete sentito da parte a Procopio sottolinea non soltanto lo straordinario talento di Luciana ma anche il fatto che
Luciano è un esempio formidabile di determinazione oltre che di talento e di formidabile capacità di vincere le avversità nei le atrocità volte sono anche
Geopolitiche politiche geografiche Luciana non ha ha avuto la fortuna di nascere in una grande centro ma è nata in un paesino delizioso ma lontano
Alla periferia
Pesino debba sedicenne un paesino a cinquanta chilometri
L'avvenimento
E se è vero che c'è la sua determinazione è anche vero che come diceva Vinicius de Moraes la vita dell'arte dell'incontro e dunque lei oltre alla forza straordinaria che lei ha fornito la sua famiglia i genitori orgoglio sì sì mi sono seduti accanto a lei avuto anche la fortuna di incontrare Tina abuso del Conservatorio di Benevento che ha soltanto otto anni l'ha appresa sotto la sua la protettrice avete visto
Che formidabile allieva è riuscita
A crescere
Poi c'è stato fortunato incontro con il compianto capo della polizia il Prefetto Antonio Manganelli che già sensibilissimo come era un uomo straordinario
Alle ai giovani e all'educazione dei giovani ha voluto che lei si esibisce in un concerto della banda della Polizia di Stato al Teatro San Carlo di Napoli le fece dono di un pianoforte che ancora oggi
Le cui nomine ancora oggi che Genova casa casa di di Luciana
Credo sia già vinto numerosi premi a livello internazionale oggi abbiamo avuto la fortuna di ascoltare ancora grazie usano per adesso
Contenuto a tutti i presenti ovviamente un ringraziamento particolare al Presidente della Camera onorevole Laura
Boldrini che nella sua vita precedente io ho avuto il piacere e l'onore di incontrare in tante circostanze dove gli ultimi non avevano forse lei riusciva a fornire loro una voce credo che
Questa sua espertissimo
La compagna ancora logica e la sua capacità di ascolto delle necessità di tanti oggi dell'ascolto dei giovani che sono stati per lungo tempo anche loro degli esclusi in qualche maniera e che garante
Dico adolescenti e dell'infanzia
Beh certo Spadafora sta tentando in ogni modo di portare alla luce con le loro esigenze
L'Italia ha aspettato ventitré anni prima di nominare il primo garante nazionale dell'infanzia dell'adolescenza da quanto venticinque anni fa l'Assemblea generale delle Nazioni Unite
Approva la convenzione dei diritti dell'infanzia è stata la convenzione tra internazionale sui diritti umani che ha avuto più gratifiche tra tutti i trattati internazionali i diritti umani l'anno firmata tutti in pratica soltanto la Somalia e non l'ha fatto per ragioni che potete immaginare visto che ci sono i bambini soldato
E per una serie
Paradossale di questioni burocratiche gli Stati gli Stati Uniti per celebrare questa giornata del Garante ha voluto accanto a sé tutte le persone che hanno condiviso con lui questo cammino a due anni dalla sua nomina e a metà del suo mandato
E solo una rappresentanza di ragazzi e delle ragazze che ha incontrato infatti qui al tavolo
Del garante con il Garante epicentro Spadafora Preside
Laura Boldrini che ringrazio ancora per averci ospitato in questo luogo così straordinari c'è anche Marta Pietro Santi che ricevo Vivona di Roma
Ma la presenza di numerosi ragazzi e ragazze in sala dimostra quanto attivo sia stato il lavoro del garante in questo hanno tenendo conto che ha cominciato tardi nulla da niente due anni fa
E proprio il proprio
Oggi ha voluto che venisse lanciato il nuovo portale dell'Autorità un portale la quale è possibile trovare tutte le informazioni sul lavoro svolto dall'ufficio del
Garante documentarsi sui diritti dell'infanzia quali sarà possibile inviare segnalazioni in un processo continuo di feedback
Per documentarsi non soltanto sui diritti dell'infanzia ma segnalare anche le storture e cose che
Non vanno
Noi oggi attraverso questo portale abbiamo una opportunità straordinaria di ascoltare i nostri ragazzi
E di
Segnalare anche le cose che non funziona in questo Paese che purtroppo quando sentirete dalla relazione recante non mancano noi oggi inauguriamo in diretta streaming
Questa giornata questo portale
Però vorrei lasciare al Presidente della Camera l'orrore del primo click
Ecco Presidente a lei la parola
Grazie
Buongiorno buongiorno a tutti e a tutti do il benvenuto al garante per l'infanzia e l'adolescenza al dottor Vincenzo Spadafora anch'con lui
Ci conosciamo da dapprima
Proprio pochi giorni dopo la sua nomina andare a visitare la sede che ancora c'erano gli scatoloni
Ecco saluto tutti voi che avete scelto di partecipare a questo incontro e che con particolare calore saluto i ragazzi ragazzi delle scuole ma mi pare di vedere anche
I ragazzi dei del braccialetto arrossito
A vero io ero andata sul SerT mentre stavano girando e e riconosco le facce
Bene la presentazione del rapporto dell'Autorità garante per l'infanzia l'adolescenza un'occasione per fare il punto
Sui tanti temi che riguardano i minori ma
Ma non solo su quello anche l'occasione per riflettere
Sulla condizione generale del nostro Paese perché il modo in cui è trattata l'infanzia penso che sia cartina adesso da sole anche della livello di civiltà di un Paese
L'Autorità garante è stato detto dal Franco di Mare
Venne istituita nel due mila undici con un atto che considero veramente un atto di grande civiltà da parte del Parlamento sia pure in ritardo però ci siamo arrivati
Un atto di civiltà perché ha dato vita ad uno strumento fondamentale
Per una sempre più efficace garanzia di questo parliamo della garanzia dei diritti delle persone diretta minore
Ecco gli interventi a favore dei minori riguardano come sappiamo una molteplicità di aspetti che interessano i profili educativi
L'assistenza
La tutela penale
Il diritto di famiglia per questa importante il ruolo di un'istituzione come il garante
Perché perché dovrebbe ecco questa situazione lì per fare sintesi e offrire quindi io un quadro completo della condizione del minore nel nostro Paese proprio perché
Questa condizione tocca tanti aspetti rilevanti
In anche due anni di attività il Garante ha saputo mettere appunto un patrimonio significativo di analisi anche di proposte che costituiscono l'indispensabile premessa
Per passare ad azioni concrete
Il numero crescente di segnalazioni che giungono all'Autorità
Sono la testimonianza purtroppo di un disagio diffuso della presenza di problemi che rimangono ancora in gran parte sommersi e ai quali è urgente dare una risposta
In Parlamento l'autorità e a come naturale interlocutore
La Commissione parlamentare quindi Camera e Senato per l'infanzia l'adolescenza che è stata ricostituita pochi mesi fa
E che ha già avviato una attività conoscitiva sui temi della povertà del disagio sociale dei minori e anche della prostituzione minorile
A queste istituzioni si aggiungono le autorità di tutela costituite in molte regioni italiani ho appena incontrato alcuni dei garanti delle regioni che sono oggi qui una nostra iniziativa
Ecco sono convinta che sono facendo concorrere gli sforzi di tutte le istituzioni a livello locale e nazionale
Ecco solo così si possa migliorare in concreto le condizioni dei minori nel nostro Paese alcune considerazioni sulla
Sulla relazione che poi verrà illustrata dal dottor Spatafora
La relazione presenta
Le novità di alcune problematiche che interessano oggi la condizione minorile mi riferisco ad esempio alla natura dei conflitti all'interno dei gruppi familiari
Questa è una esperto una novità
Alla crescente presenza nel nostro territorio di minori stranieri non accompagnati specialmente di alcuni gruppi come sappiamo specialmente gli afgani
Che fanno viaggi terribili che a volte durano anche dieci anni viaggi in cui questi ragazzini partono bambini e subiscono durante il loro cammino qualsiasi forma di di abuso
Ecco così come
Viene analizzata nella relazione anche vengono
Presi in considerazione i rischi che sono che provengono da una utilizzazione distorta dei nuovi media
Sono fenomeni che per essere affrontati con efficacia richiedono anche strumenti adeguati un aggiornamento del diritto perché non basta vedete non basta la buona volontà
Dei tanti operatori dei magistrati degli assistenti sociali degli educatori
Queste persone ogni giorno si impegnano per assicurare il benessere fisico e psichico di giovani e giovanissimi in difficoltà ma questo non basta
Lo sviluppo sereno e libero dei ragazzi dei minori e oggi è minacciato
Questo sviluppo è oggi minacciato da fattori che hanno origini diverse
Pesano innanzitutto le dinamiche dell'esclusione sociale che in tempi di crisi si dispiegano in forme particolarmente gravi
Come è nato in Italia gli indici della diseguaglianza sono in peggioramento e con essi anche quelli della povertà
Quindi abbiamo sempre più poveri una classe media in difficoltà e ricchi sempre più ricchi
Ecco l'Atlante dell'infanzia all'infanzia rischio di Save the children che riprende i dati Istat sottolinea come dal due mila sette al due mila dodici sono raddoppiati
Raddoppiati i minori che non possono permettersi molti beni essenziali Daniel senza ali quindi siamo passati
Da cinquecento mila più di un milione
E che solo nel due mila e dodici il loro numero è cresciuto del trenta per cento rispetto all'anno precedente
Quindi le situazioni di disagio sociale sono più pesanti si evince da questo rapporto per le famiglie numerose e per quelle che vivono nell'Italia meridionale
Le risorse destinate a servizi diretti alla prima infanzia
Tra i quali gli diedi gli asili nido sono largamente insufficienti e questo comporta una diminuzione della capacità
Di sostegno pubblico ai nuclei familiari più in difficoltà
E questo veramente qualcosa che lascia riflettere
Proprio quelli più in difficoltà hanno meno sostegno
Purtroppo negli ultimi anni si sono ridotte anche le fonti di finanziamento al mondo dell'associazionismo del volontariato che svolge nel nostro Paese un'opera insostituibile nel sostegno ai minori svantaggiati
Basta basta pensare a i tanti volontari che che prestano il loro lavoro la loro opera nelle case famiglia persino
Un settore che in Italia era tra i primi portava l'Italia primi posti del mondo come Paese d'accoglienza persino nelle adozioni internazionali
Oggi ci sono dei segni di regresso
Quindi questa tendenza non può essere accettata c'è questa tendenza va invertita
Dobbiamo assolutamente fare di più per assicurare a tutti i bambini alle bambine che vivono in Italia una tutela effettiva dei loro diritti fondamentali una vera una vera
Eguaglianza nelle opportunità
Perché oggi dal nel rapporto si evince che chi nasce in famiglie svantaggiate ha meno opportunità quindi non vale più il principio di uguaglianza e l'ascensore sociale si è fermato
Allora bisogna investire sui nostri giovani per spezzare quel ciclo dello svantaggio sociale che rischia di penalizzare proprio le energie che sono indispensabili per il futuro del nostro Paese
E si tratta di un investimento indubbiamente vantaggioso perché all'obiettivo di prevenire fenomeni di devianza giovanile ma anche l'abbandono scolastico che comunque richiederebbero l'intervento pubblico
Un intervento che però arriva spesso quando che il danno è già fatto
Ma oltre all'esclusione l'altra grande questione da affrontare è il rapporto fra
Infanzia adolescenza e le altre tali la vita
E mi spiego
Un rapporto sempre più sbilanciato questo perché sbilanciato questo rapporto tra fasi della vita
Perché
Da un lato assistiamo
Ad una compressione della durata dell'infanzia non i nostri bambini sono sollecitati a diventare sempre più in fretta degli adolescenti commesse
Quella tappa quella fase della vita no dovesse essere bruciata
è una tappa della vita legata al gioco al fantastico che ha un valore essenziale per la crescita dell'individuo e dall'altro l'adolescenza rischia di prolungarsi all'infinito
Dando vita generazione di giovani che
Che pure proiettati verso i bisogni e desideri della degli adulti non riescono
Ad assumere le relative responsabilità mi riferisco anche a quei due milioni di metri
Sapete i giovani tra i quindici e ventinove anni che non stanno lavorando non stanno facendo formazione e non stanno studiando
Ecco e dunque
Un'intera generazione che rischia di perdersi
Questo rischio peraltro drammaticamente evidente quando si osservano quei tristi e odiosi
Episodi di cronaca legati allo sfruttamento della prostituzione minorile
Alla pedopornografia alzando il bullismo ecco sono esempi agghiaccianti di una realtà purtroppo molto diffusa nel nostro Paese come in altri Paesi
Ecco perché occorre garantire la compiutezza la pienezza di ogni fase della vita
Per raggiungere questi obiettivi
In particolare questo obiettivo della compiutezza delle fasi della vita interventi da attuare riguardano una pluralità di azioni in campo educativo ma anche in campo sociale e giuridico
E questo avviene ben evidenziato nella relazione del garante
Credo tuttavia che la prima esigenza sia quella dell'ascolto cioè dobbiamo ascoltare di più i nostri figli dobbiamo parlarci di più dobbiamo dedicare più tempo a loro
Giustamente la Convenzione ONU sui diritti dell'infanzia dell'adolescenza che è stata citata da Franco di Mare
Prevede il diritto dei bambini ad essere ascoltati in tutti i processi decisionali che li riguardano
E il corrispondente dovere per gli adulti di tenerne inadeguata considerazioni le opinioni quindi capito ragazzi bambini avete questo diritto di farvi ascoltare
Invece
Invece secondo un antico pregiudizio non serve ascoltare i bambini perché gli adulti stanno certamente quello che avvenne per loro la stessa parola infanzia
Che rimanda al latino infanzia colui che non ha la parola colui che non ha diritto di parola che non può parlare dunque
Nona diritto ad essere ascoltato ecco credo che dobbiamo invece ridare la parola ai nostri giovani ascoltare quello che hanno da dirci
E costruire una società che tenga più in conto le loro aspettative ma anche le loro opinioni significa veramente lavorare per un Paese che sia più aperto al futuro grazie
Grazie Presidente
Grazie
Non per
Parta Pietro Santi questo tetto citato dal Presidente Laura Boldrini se lo prende Marta e una studentessa
Del liceo Vivona di Roma ha partecipato ad un progetto
Promosso dal Coordinamento PD da il progetto si intitola si chiama partecipare infinito presente che ha coinvolto
Centinaia di bambini di ragazzi che conoscenti nei cinque regioni italiane che sono i Lazio la Liguria Lombardia e Piemonte e il Veneto in una riflessione sui temi centrali della loro infanzia terra dell'infanzia e l'adolescenza che
Appunto come citava giustamente la Presidente
Primi
Consiste innanzitutto della necessità di essere ascoltati ed essere portatori di istanze che hanno bisogno di trovare dall'altra parte interlocutori pronti e attenti e non sempre questo accade Marta poteva poc'anzi
Buongiorno
Buongiorno a tutti e appunto e mi trovo qui in rappresentanza dei dei miei compagni di classe di tutti i bambini e ragazzi che hanno
Con cui ho avuto il piacere di condividere questo questo Progetto ma l'obiettivo mi pongo certamente difficile ambiziosa di rappresentare perlomeno la maggior parte della mia generazione in questa sede così prestigiosa
Il lavoro che ha svolto a Milano proprio in la nell'occasione del Presidente della Pro Giacco partecipa all'infinito pesante è stato avvio incentrato sulla tematica e la partecipazione ovvero come noi giovani come minori de Temps
Possano in qualche modo svolge un ruolo concreto e attivo all'interno de la società e soprattutto come possano instaurare con le istituzioni
Un rapporto di Siena collaborazioni che molto spesso viene a mancare e causando disagio addirittura frustrazioni
Un senso di frustrazione
Il lavoro che ho svolto insieme le compagnie insieme a bambini e ragazzi di diversa età e diversa provenienza non è rimasto isolato alla fallimento milanese ma sia protratto ed è stato semplicemente il punto di partenza di un percorso più ampio
In cui l'ha la nostra voce la voce dei giovani è arrivato ad un divario stante più prestigiose sempre più vasto
Proprio perché
Ci siamo sentiti valorizzati in quanto cittadini in divenire in quanto individui dotati di senso critico in quanto individui disposti a
A mettere a servizio della collettività avrebbe esperienza di vita seppure ancora molto grave e ancora brave e anche le nostre lo stile alle nostre proposte che comunque concretamente esistono
E in tutti i contesti in cui ci siamo trovati contesti istituzionali quindi
Inusuali per per dei giovani riscontro è stato estremamente imbarazzante più perché c'è stato un un sincero stupore per la nostra presenza quello di che mi auguro Eccher
Noi giovani possiamo la mia generazione possa continuare a studi che in questo senso a subire positivamente attraverso intelligenza creatività talento come quello che
Appunto mostrato a Luciana
Proprio perché a
A mio avviso le potenzialità ci sono e quello che manca per per poterle declinare per poterle mettere in pratica è un po'di fiducia da parte delle delle istituzioni e credo che anche questo evento sia un passo significativo in questa in questa direzione
Grazie
Censore Spadafora quarant'anni il primo garante nazionale per l'infanzia e l'adolescenza ereditare come dicevo all'inizio di questo incontro
Il due mila tredici è stato un anno particolarmente intenso per i loro due anni fa si è trovato a operare nel nulla
E l'assenza di tutto oggi invece si guarda intorno e non soltanto perché una una piena di autorità ma soprattutto di ragazzi
Ma se oggi c'è qualche cosa in più i passi avanti sono stati fatti porta tutti quanti il flusso tutti quanti il frutto del lavoro suo e di una formidabile per quanto ristretta
E chi perché lo coadiuva del lavoro
La relazione che sta per presentarli e la sua terza relazione capita in un anno molto difficile per il nostro Paese un anno
Piero dei problemi che sono stati illustrati poc'anzi dalla Presidente volte in cui l'esclusione sociale soprattutto per le aree più indifese del nostro Paese mi riferisco subito al Mezzogiorno d'Italia e per le componenti più
In difesa del nostro Paese che sono quelle dei ministeri creare giovani e dell'infanzia sono purtroppo addirittura raddoppiate secondo i dati presentati alla Presidente Polverini non era per una presa in
Buongiorno a tutti ringraziamento particolare alla Presidente la Camera Laura Boldrini
Al vicepresidente della Camera Luigi Di Maio tanti parlamentari presenti e sono molto contento della loro partecipazione molti di questi parlamentari molte parlamentari presenti sono come si diceva prima membri della Commissione bicamerale infanzia è questo
Fa molto piacere un saluto a tutte le autorità tutti i partecipanti
E in modo particolare alle ragazze e ragazzi che sono presenti anche a tutti coloro che ci seguono da casa
Come diceva Franco Di Mare
è stato un anno quello del due mila tredici molto particolare per noi
Perché abbiamo davvero incrociato storie persone abbiamo dato un volto I numeri
Perché spesso quando si parla infanzia adolescenza anche prima i giornalisti mi chiedevano soprattutto i numeri ma dietro questi numeri ci sono dei volti delle persone delle storie
A volte dei drammi delle drammaticità enormi ma molto spesso come abbiamo sentito già oggi e come vedremo ancora
Ci sono anche tante storie positive tante storie che raccontano invece L'Italia di un Paese che malgrado tutto riesce comunque andare avanti e a fare soprattutto per l'infanzia e adolescenza arriva proprio dovere
Non solo porre un lavoro molto difficile soprattutto perché
Parlare d'infanzia adolescenza significa parlare di una moltiplicità di temi lo ricordava prima la Presidente Boldrini
E ditemi tutti complesse molto spesso legati tra di loro e quindi che vanno
Affrontati nel loro insieme che non possono essere affrontati singolarmente perché ciascuno
Di questi temi è legato ad altri parlare d'infanzia significa parlare di scuola significa parlare di bullismo di migrazione di povertà parlare di famiglia parlare di bambini e adolescenti fuori dalla famiglia e quindi di adozioni e quindi di affidi di comunità di salute
Di discriminazioni di internet insomma
Significa parlare veramente di una molteplicità di temi non facili da affrontare e noi avevamo un obiettivo molto chiaro l'inizio di questo nostro lavoro cioè dare un'identità a questa authority
E dare un'identità perché come si è detto prima non esisteva in un momento storico anche molto difficile del nostro Paese e anche il momento storico
Dove prevale molta antipolitica e quindi anche diciamo una disaffezione nei confronti delle istituzioni molto spesso
E quindi noi avevamo l'ambizione ce l'abbiamo tuttora evidentemente dimostrare che l'Autorità di garanzia per l'infanzia e adolescenza
Potesse davvero essere uno strumento utile del nostro Paese commi così come era stato interpretato dal legislatore
E da tutti quei parlamentari che da oggi la vice Presidente la Commissione infanzia zampa ma tanti parlamentari che sostengo
Due anni fa l'approvazione di una legge una legge che andava con il garante
A
Ridefinire meglio il sistema di garanzia dei diritti dell'infanzia nel nostro Paese
E che diciamo in questi due anni come cercherò di spiegare
Ha cercato di realizzare iniziative che potessero incidere concretamente sua qualità di vita dei bambini degli adolescenti oggi siamo da una parte contenti
Che l'indagine Doxa che presentiamo che trovate nella relazione ci dice che in due anni addirittura il quaranta per cento degli italiani conosce
La nostra il nostro lavoro l'Autorità di garanzia e la stragrande maggioranza di questi ritiene che il nostro lavoro sia utile soprattutto necessario ma allo stesso tempo questo dice anche un'altra cosa che compare in maniera chiara in questa indagine
E cioè che la stragrande maggioranza italiani anche dei bambini e degli adolescenti soprattutto degli adolescenti ritiene che
Occuparsi dell'infanzia sia una priorità perché le condizioni di vita di bambini adolescenti vengono percepite per quello che sono cioè
Condizioni di difficoltà anche dalla stragrande maggioranza dell'opinione pubblica
Nella relazione che da domani sarà disponibile anche su internet trovate tante singole azioni azioni
Che però rispondo come dicevo prima sempre un quadro complessivo di politiche che non abbiamo cercato di mettere in atto oggi impossibile citarle tutte è possibile però a questo ma di tempo e quindi mi scuso sin d'ora ma all'interno della relazione sono tutte riportate citerò solo alcune ma permettetemi ancora prima di citarne alcune
Di di di quello che secondo me è il valore aggiunto del nostro lavoro e lo dico perché più che altro ce lo riconoscono gli altri e quindi spero che sia davvero così e anche perché credo che sia il valore trasversale
E caratteristica comune a tutto il nostro impegno c'è la vera parte centrale del nostro lavoro quale è stata e quale quale sarà anche in futuro quella di fare in modo che dell'infanzia e dell'adolescenza si parli quotidianamente
Che se ne occupino le istituzioni competenti sempre e che l'agenda non venga dettata dai fatti di cronaca dalle mozioni dall'emergenze e c'è da tutte quelle situazioni Doni rispetto alle quali ci si muove ma poi dopo non c'è una reale programmazione di interventi di politica che possano nel lungo periodo andare a risolvere i problemi
Forse paradossale ma nel nostro Paese se non c'è la tragedia sennò scoppia il fatto di cronaca grave
Se non avviene magari una spettacolarizzazione anche mediatica di un evento che porta quindi all'attenzione dei media su un determinato fatto non c'è un'attenzione costante nei confronti dell'infanzia dell'adolescenza
Lo dico con molta tranquillità questo sicuramente dipende anche dal fatto che tutto questo mondo si muove senza avere alle spalle delle lobby
Senza avere alle spalle dei ghisa adesso degli interessi particolari anche di tipo economico che purtroppo rientra molto spesso
Le scelte di chi deve decidere questo è un dato e allora noi sicuramente ci siamo rivolti in questi due anni a tutta la classe dirigente che non è solo la classe dirigente politica
Perché la responsabilità di
Un'attenzione vera nei confronti di questi temi ce l'abbiamo tutti e ce l'hanno anche tutti coloro che come classe dirigente ricoprono ruoli importanti apicali ai vertici delle istituzioni della comunicazione dei media
Di tutte le istituzioni di tutte diciamo i ruoli strategici per il nostro Paese
E allora noi davvero abbiamo lavorato soprattutto per rompere un muro di disinteresse che poi si risolve molto spesso in una retorica facile del bambini futuro dell'umanità di cui però poi nessuno concretamente si occupa ma abbiamo lavorato per conquistare spazi
Per conquistare attenzione per richiedere attenzione costante questione attenzione anche attenta attenzione
Come dire convinta per richiedere questo spazio di riflessione di iniziativa di collaborazione
Guardate basterebbe il nostro Paese
Ragionare su quanto tempo nei luoghi
Dove si decidono le cose quanto tempo si dedica realmente temi dell'infanzia
Basterebbe vedere appunto nelle trasmissioni nei talk show in una nelle Commissioni parlamentari parte quella dell'infanzia
Ne in tutta una serie di luoghi importante lo sapete quanto tempo si dedica a questi temi quanto tempo si dedica diritti che diedero recenti
Se noi misuriamo questo tempo non ci rendiamo conto di quanto questo tema sia da un lato ripeto retoricamente riconosciuto come fondamentale ma nella pratica sia uno dei temi su cui si fa di meno
Malgrado tutto questo per non dare solo
Come dire un panorama difficile o drammatico della situazione del nostro Paese io devo dire che noi abbiamo
Lavorato soprattutto in un'azione
Di sostegno di raccordo con tanti mondi
Che invece appunto malgrado questo fanno l'impossibile per poter lavorare dei diritti dell'infanzia e adolescenza innanzitutto voglio citare il terzo settore tutte le organizzazioni le associazioni
Che dà però a volte svolgono anche un ruolo di supplenza rispetto alle istituzioni e non può continuare ad essere così
Fa onore alle associazioni e le organizzazioni fare sui territori attività che potrebbero dovrebbero essere realizzate dai comuni o da altri enti ma non può essere così
I Comuni le istituzioni a livello locale a livello nazionale devono fare la loro parte e il lavoro delle associazioni del terzo settore
è un lavoro importante ma che deve andarsi a innescare a collaborare con quello delle istituzioni ma non a sostituirsi è anche vero però che i conti
I tagli che ci sono stati reggono rendono impossibile da parte di molti Comuni la possibilità di garantire anche i diritti fondamentali i servizi fondamentali a livello locale qui Presidente Boldi lei questa mattina sono rappresentate oltre trenta
Associazioni organizzazioni dalle sigle più note a tutti a tante invece associazioni organizzazioni magari meno conosciute ma che svolgono un'attività fondamentale tre tanto importante
Abbiamo incrociato anche un mondo importante nella pubblica amministrazione che funziona
Lo devo dire perché spesso appunto si tende solo a denigrare diciamo questa questa realtà noi soprattutto nei confronti di alcuni ministeri chiave col Ministero delle politiche sociali
Del welfare abbiamo trovato persone dirigenti direttori che portano avanti il loro lavoro anche se poi li stabilità politica non ci aiuta perché chiaramente ogni cambio di Governo
A volte purtroppo portato ricominciare daccapo molto spesso non sempre ma ricominciare da capo una serie di azioni
E abbiamo soprattutto incontrato un mondo
Formato dai insegnanti da operatori da educatori da pediatri pedagogisti assistenti sociali
Psicologia avvocati minorili cioè tutte figure fondamentali a volte anche questo te molto criticate ma che invece sono figure fondamentali
E che in molti territori fanno la differenza anche queste figure sono sottoposte a uno sforzo difficile in questo momento storico perché i tagli non consentono di avere dei
Delle attività efficienti come dovremmo avere e soprattutto molto spesso non ci consentono anche di investire in quella formazione di cui il nostro Paese ha bisogno e allora il punto qual è
Il punto è che serve oggettivamente un'inversione di tipo culturale sul tema dei diritti dei bambini degli adolescenti di cui deve farsi carico necessariamente la politica
Questo è l'appello più importante che come garante per l'infanzia davvero mi sento
Di rivolgere anche perché
Questo va fatto con una consapevolezza nuova c'è una consapevolezza che parlare di diritti dei bambini degli adolescenti significa davvero parlare anche di economia e di politiche di sviluppo
Perché questo ormai lo dicono tutti i grandi economisti premi Nobel
Investire oggi sull'infanzia e adolescenza significa avere meno famiglie povere
Significa sicuramente lavorare sul welfare di domani significa avere meno sussidi per i disoccupati un giorno meno spese assistenziali e guardate io credo che non debba più esserci un destro un documento
L'economia e finanza senza che si valuti l'impatto che quelle misure avranno sui bambini essi adolescenti senza in più un documento un testo senza avere più elementi concreti e precisi
Sugli interventi per i bambini e per gli adolescenti
Perché la crisi di oggi è sicuramente un alibi che non possiamo far pagare ai bambini e adolescenti
Attenzione la crisi non è un alibi nel senso che esiste ed è oggettiva tra diciamo la verità la crisi
Esiste da qualche anno sicuramente in maniera così forte ma gli italiani agli investimenti dell'infanzia e adolescenza esistono da sempre esistono ormai da dieci da quindici anni che regolarmente tutti i Governi di qualunque colore politico
Continuano a scagliare soprattutto su questo aspetto che non è un caso se
Grazie non è previsto nelle relazioni dei garanti che ci siano sciocchezze però ma né tanto abbiamo un po'cambiato tutto il cerimoniale grazie anche alla Presidente Boldrini oggi con Luciana con Marta quindi abbiamo un po'stravolto tutto grazie anche dell'applauso
Dicevo questo è quello che poi ci porta ad avere
Ad essere uno dei Paesi con da più bassa percentuale siamo gli ultimi al quarto quartultimo posto
Di PIL rispetto alla spesa cioè che investiamo di più rispetto alla spesa sociale alla famiglia e allora guardate ad uscire dalla crisi l'inversione di tendenza esattamente questo
Non a caso voglio dire altri Paesi dell'Unione europea lo hanno fatto
Cioè altri Paesi nonostante la crisi penso alla Germania ma anche alla Francia hanno deciso di non tagliare in alcune aree perché ritenevano che alcune aree fossero fondamentali per lo sviluppo di quel Paese oggi quei Paesi nonostante la crisi
Hanno sicuramente una reazione hanno avuto una reazione diversa e migliore
Rispetto a quella che ha avuto come quella che abbiamo noi in Italia e poi perché c'è un dato molto forte sul quale noi stiamo anche lavorando studiando per offrire un altro elemento di ragionamento anche al Parlamento
Quanto costa il mancato investimento
Cioè non essere intervenuti in tempo cioè se lo Stato ha tagliato tagliato tagliato prova da una serie di disagi
Il cui costo dopo è addirittura superiore all'investimento che si sarebbe potuto fare all'inizio quindi diventa per lo Stato una perdita davvero enorme sia in termini chiaramente di valori e in termini umani ma anche in termini economici ATC
E allora siamo vicini anche
Alle elezioni europee
E ne vogliamo veramente sperare che si parli anche di un'Europa di diritti di un'Europa di diritti dove si possa davvero anche con il semestre europeo
Tentare di raggiungere gli obiettivi che ci eravamo posti anche a livello italiano nella Strategia due mila venti e voglio citare solo due perché sono veramente quelli che mi preoccupano di più
Perché sono in costante aumento lento ma costante aumento prenotato e quello della povertà
Noi abbiamo due milioni oltre due milioni ormai di bambini di adolescenti che vivono in famiglie povere o poverissima questo vuol dire che davvero sugli otto milioni di italiani che secondo l'Istat vivono
In povertà questo è un dato veramente impressionante e l'altro dato è quello dell'abbandono scolastico
A livello europeo è stata anche come dire spostata in avanti l'asticella per andare
Un po'incontro all'Italia c'era stato posto un obiettivo che neanche questa volta riusciremo a raggiungere cioè quello del quello del quindici per cento sapendo che invece appunto fino all'anno scorso la percentuale italiana del diciotto virgola due per cento
E noi siamo praticamente messi meglio solo di Malta Spagna e Portogallo che non è diciamo esattamente quello che noi ambiremmo a fare come Paese soprattutto perché potete immaginare che cosa voglia dire come conseguenze per il futuro di un Paese
Una percentuale così alta di abbandono scolastico e su questo permettetemi anche di fare un altro richiamo importante
Al Governo
E cioè l'utilizzo dei fondi europei
Noi stiamo monitorando moltissimo questa diciamo questa azione perché purtroppo
Continuano a a essere sprecati milioni milioni anzi insomma cifre ben più alte di euro soprattutto per le regioni del sud soprattutto per quelle Regioni dove quei fondi potrebbero davvero fare la differenza
E tutte le iniziative anche recenti comprese quelle del piano d'azione in questione o altre che sono state comunque in qualche modo avviate ancora non hanno dato i frutti ne speravamo e soprattutto non sono riuscite come dire inserisse nel meccanismo più generale degli interventi dando dei frutti importanti questa l'occasione che noi non possiamo perdere
Perché davvero fino al due mila venti avremo ancora delle opportunità che poi non avremo più
E quindi noi abbiamo ci siamo siamo di fronte veramente alle ultime opportunità per il nostro Paese per fare davvero una differenza
Ma guardate i fondi
E la progressiva diminuzione dei fondi anche a livello nazionale non è soltanto non è la
Questione unica importante
Quello che ne dobbiamo riprendere a fare per le politiche per l'infanzia e adolescenza ed avere una programmazione di lungo periodo la programmazione che abbia anche una visione
E per fare questo c'è bisogno soprattutto che tutte le realtà che si occupa nel nostro Paese infanzia adolescenza si parlino si coordino meglio tra di loro
Non so come voi sapete è un Paese dove ogni anno c'è una celebrazione citare sempre l'occasione appunto per ricordare qualcosa qualche elemento per celebrare io credo che sull'infanzia adolescenza dovremmo cominciare a fare le celebrazioni contrario celebrazione dei giorni delle cose non fatte
Perché guardate scandaloso che siano trascorsi cinquecento giorni
Dalla oggi sono esattamente cinquecento giorni dalla scadenza dell'Osservatorio nazionale per l'infanzia e l'adolescenza cioè i più di un anno e mezzo che noi non riusciamo a riavere la ricostituzione dell'Osservatorio nazionale per l'infanzia e adolescenza e non è spiegabile non è spiegabile perché
Oltretutto è una realtà a costo zero non ha costi questo deve essere molto chiaro ed è soltanto e soprattutto e fondamentalmente
Un luogo di coordinamento un luogo di confronto tra tutte le realtà e l'Osservatorio nazionale per l'infanzia e adolescenza come molti di voi sapete
è l'osservatorio nel quale si deve discutere approvare il piano nazionale per l'infanzia e adolescenza il piano nazionale per l'infanzia adolescenza è stato previsto il nostro Paese con una legge del mille novecentonovantasette dal mille novecentonovantasette
La legge prevedeva che il piano nazionale fosse realizzato ogni due anni dal mille novecentonovantasette noi nel due mila undici abbiamo approvato l'ultimo piano ed era il terzo
Il terzo piano dal mille novecentonovantasette ad oggi e dal due mila undici non è stato mai più rimesso mano al Piano nazionale per l'infanzia l'adolescenza e allora
Oggi cinquecento giorni come dire in cui c'è poco sicuramente da celebrare
Ma che danno anche il segno del disinteresse di cui parlavo prima perché io posso capire i problemi di fondi posso capire un'altra serie di questioni come dire che sono sicuramente anche complessi a volte da spiegare
Ma questi strumenti che chiedono anche le persone che operano quotidianamente dell'infanzia e adolescenza sono strumenti che il Governo tutti i Governi avrebbero dovuto immediatamente mettere nelle disponibilità di coloro che volevano semplicemente operare
Tutte queste raccomandazioni sono se sono spesso state ricordato dal Gruppo dell'accederci dal Gruppo di Coordinamento delle associazioni
Sulla sulla Convenzione internazionale sui diritti dell'infanzia io spero davvero che
Adesso si possa riprendere questo impegno
E confido nel Ministro Poletti perché da quello che apprendiamo dai comunicati della Presidenza del Consiglio
Diciamo un tempo si sarebbe detto adesso è diventato un super ministero così si diceva sì c'era un tempo perché il Ministero del lavoro e delle politiche sociali ha avuto a che le deleghe delle politiche giovanili dell'integrazione della famiglia tutte
In capo appunto al ministro Coletti che mi auguro possa dare il prima possibile le deleghe ai suoi sottosegretari oggi come vedete per la prima volta grande assente il Governo non abbiamo un rappresentante del Governo
Devo dire la verità non sapevamo neanche chi sollecitare perché in qualche modo non sappiamo neanche a chi rivolgerci però di fatto
è la prima volta che non abbiamo un rappresentante del Governo ma noi speriamo che chiaramente quanto prima questo possa essere risolte per fare questo noi abbiamo voluto dare un segnale ancora più avanti
E stamattina ho scritto una lettera al Presidente del Consiglio al Presidente Renzi
Proprio perché devi dimettere tutta quella Energia quella velocità che li sta mettendo nella sua azione di governo
Anche nelle politiche per l'infanzia e per l'adolescenza si faccia il Presidente del Consiglio promotore di un coordinamento presso la Presidenza del Consiglio
Come abbiamo sempre chiesto e da tanti anni di tutte quelle strutture di tutti quei Dipartimenti che si occupano di infanzia adolescenza sia Luigi con la sua forza ha in qualche modo insedia
Parlo almeno ad avviarlo e consenta in questo modo di dare davvero a tutti coloro che operano in questo settore un segnale forte e importante di attenzione del Governo
Che ne vogliamo appunto interpretare come tale nonostante l'assenza di oggi se questo avverrà credo che questo tavolo potrà discutere anche di quelle che sono le priorità
E su queste permettetemi di ricordarne una più di ogni altra noi dobbiamo
Continuare a lavorare insistentemente sui livelli essenziali delle prestazioni concernenti diritti civili e sociali
è previsto dalla nostra Costituzione dalla riforma del Titolo quinto è importante noi su questo abbiamo fatto come la legge d'altra parte ci dava la disponibilità di fare
Un gruppo un tavolo di lavoro in porto importante con un gruppo di associazioni della Castello Batti il Cinque insieme a tanti esperte abbiamo ho elaborato una proposta che chiaramente adesso sottoporremo come base di discussione evidente
Ai parlamentari alla Commissione bicamerale infanzia insomma tutti coloro che poi possono avere un ruolo straordinariamente importante soprattutto su questo tema perché come diceva prima la Presidente Polverini ed è vero nascere in parti diverse del Paese
Comporta davvero grandi differenze all'accesso ai diritti e io che ho in questi due anni voluto veramente girare tanto l'Italia in lungo e largo
O davvero colto le difficoltà l'amarezza e credetemi a volte anche la disperazione
Delle famiglie dei genitori per poter nel non poter dare ai propri figli tutto quello che vorrebbero e questo veramente una cosa che lascia ogni volta senza parole come dicevo prima
Sicuramente li stabilità politica non aiutato ma io confido molto nel nel Parlamento in questo Parlamento e ringrazio ancora una volta i tanti parlamentari presenti soprattutto
Parlamentari della Commissione bicamerale e ricordo anche al Parlamento che noi diamo parlamentari lo sanno bene
Tra le tante proposte tra le tante iniziative
Due proposte due leggi che dobbiamo assolutamente riprendere e sulle quali sarebbe molto bello se in questa legislatura si riuscisse a trovare un punto di arrivo
La prima quella sulla cittadinanza se n'è parlato tante volte è sicuramente uno
Dei temi che non può come dire ritornare in auge soltanto quando poi anche lì ci sono fatti drammatici o altro e soprattutto io direi anche che nel frattempo che si approvi una legge sulla cittadinanza
Bisognerebbe davvero fare in modo di sistematizzare e interagire e integrare gli interventi sui minorenni stranieri non accompagnati
Io sono molto preoccupato e lancio un allarme che però voglio dire anche un allarme abbastanza
Scontato nelle prossime settimane nei prossimi mesi purtroppo perché sarà così
Noi continueremo ad avere sbarchi continueremo ad avere situazioni molto complicate da gestire e ci ritroveremo come l'anno scorso a fare dichiarazioni di rito che non servono assolutamente a nulla
Quasi nessuno degli impegni che erano stati presi
Durante purtroppo la terribile tragedia dello scorso anno a Lampedusa sono stati mantenuti che cosa aspettiamo adesso che si ripeta di nuovo una tragedia come quella dello scorso anno
Per vedere poi soltanto come dire un'attenzione o sfilare gli in modo retorico senza capire che si può da subito con alcune
Cose che noi insieme le associazioni ed organizzazioni tanti che si occupa di immigrati da SEL deciderà Intersos Defence for children sono tantissime le organizzazioni abbiamo messo a punto da tempo un pacchetto di piccoli interventi anche non estremamente costosi
Che possano incidere immediatamente su un'accoglienza diversa del suo sistema di compia quelli Franchetto e quello che riguarda le comunità e alcuni parlamentari presenti hanno fatto tanto anche per
Dare dei fondi necessari ma anche qui bisogna assolutamente coordinarsi
L'altro tema che il Parlamento sa che è ferma ormai da molti anni ma che necessita assolutamente di esservi prestano dalla giustizia minorile
Il tema della giustizia minorile è un tema importantissimo e io spero tra l'altro che la spending review in qualche modo non colpisca il dipartimento per la giustizia minorile
O per lo meno insomma salvaguardi le professionalità e le esperienze che su questo tema ci sono sulla giustizia minorile tante persone hanno hanno lavorato tanto negli anni
Vendola presidente Cavallo la Presidente Matone persone che sanno che è urgente ricredere in qualche modo la giustizia mine
Ride in Italia sia dal punto di vista penale che da un punto di vista civile e noi avevamo proposto dal precedente Governo ma problema che non si fa in tempo a proporla un Governo che cambia
Di fare una Commissione ad hoc
Proprio per confrontarci sulle varie proposte attualmente ferma in Parlamento e poter trovare una sintesi una sintesi che non sia una sintesi di un partito o dell'altro
Bensì a una sintesi che vada davvero a rispondere alle esigenze dei bambini degli adolescenti che sia orientata solo da quello che davvero oggi serve ai bambini agli adolescenti e guardate che questo tema
è uno dei temi
Che può incidere su una questione chiaramente non è solo questo ma su una questione che voglio segnalare perché
E anche la questione che ci viene più segnalata come authority ricordava prima Franco di me riceviamo tantissime segnalazioni e cioè quella dei bambini degli adolescenti fuori famiglia
Quella che molto spesso i media diciamo sintetizzano come figli contesi diciamo però molto più correttamente dire bambina docenti fra la famiglia
Per quelle persone io mi rendo conto che per quei genitori
Il dramma di non avere di non poter stare per motivi vari
Con un proprio figlio con una propria figlia andranno a forza ecco che nessuno di noi può capire perché lo può capire soltanto chi lo vive
E io mi rendo conto che per quei genitori molte volte quando leggo le loro dette delle cose che mi scrivono per loro il garante come dire non ha senso
Nella misura in cui il garante dovrebbe incidere sulle scelte dei magistrati andare dire no si fa così o si fa così non è così evidente
Non è così non si può fare così non è il ruolo del Garante non è questo il sistema di garanzia però
è vero che delle cose nel sistema di garanzia rispetto alla giustizia possono essere migliorate vanno a migliorare
E quindi noi intanto faremo tre cose abbiamo avviato tre cose prima
Lavorare anche con le comunità proprio per rivedere i criteri e avere degli standards per tutte le comunità e quindi con i due coordinamenti principali cene ci accenni chairman stiamo facendo questo lavoro
Ma anche nei prossimi giorni avvieremo un accordo con tutti i procuratori della Repubblica per un monitoraggio che le procure di fatto già devono fare
Sull'attività delle delle comunità e io ho iniziato a visitare a campione alcune comunità lo farò ancora nelle prossime settimane proprio perché
Lì dove possono esserci anche delle difficoltà o dei casi che io mi auguro e credo che siano isolati ci sia si si possa intervenire in ogni modo
Calcolate che noi nel due mila tredici abbiamo ricevuto centonovantatré segnalazioni chiaramente non tutte sono su questo tema
Oggi amo il dieci aprile abbiamo già superato le duecento segnalazioni cioè rispetto all'anno scorso in poco più di tre mesi abbiamo già più delle segnalazioni
Dell'intero anno
E allora credo che questo sia un lavoro importante un lavoro ripeto che che vogliamo fare anche le stesse comunità perché poi diciamo la verità le comunità accolgono come si sa anche tanti bambini adolescenti immigrati ma anche tanti bambini adolescenti spesso vittime di maltrattamenti di violenza
Di abusi c'è stato un lavoro molto interessante molto bello fatto tardi insomma con il CIS mai
Su alcuni comuni a campione che adesso nel due mila quattordici spenderemo
Ha un numero sempre più alto di Comuni proprio perché purtroppo già in questa prima campionatura erano risulta di più di cento mila bambini presi in carico dalle comunità su questo tema specifico adesso vedremo su campi matura più acqua che cosa succede
Concludo
Con
I nostri alleati
Perché diciamo come dicevo prima forse non abbiamo particolari lobi però forse adesso un po'di lobby la stiamo cambiando anche noi nel senso più positivo del termine nostri alleati sono stati tanti in questo anno di lavoro e mi auguro continueranno ad esserlo
Nel prossimo anno in modo particolare però vorrei partire anche qui scusate mi in modo irrituale rispetto alle istituzioni dagli adolescenti
Perché davvero l'incontro con loro e quello che non solo mi gratifica sempre di più ma mi insegna sempre di più
L'incontro con Marta con tutti gli altri ragazzi del liceo Vivona che ringrazio veramente tantissimo ma che rappresenta non solo usciamo di qualità di Roma ma che rappresentano tante scuole tanti ragazzi
Che in tutta Italia
Come dire vivono con grande passione la loro presenza civile alla loro loro attivissimo e non l'abbiamo visto anche nell'indagine abbiamo avuto conferma nell'indagine fatta insieme alla Doxa cioè i ragazzi
Non sono solo quelli per fortuna rappresentati da alcuni episodi mediatici o che ci vogliono raccontare alcune trasmissioni per fortuna la stragrande maggioranza
Dei nostri ragazzi sono anche ragazzi estremamente radicati nei valori della loro famiglia nel rapporto con i loro genitori come dimostra questa indagine
Che abbiamo fatto
Certo sono ragazzi preoccupati sono ragazzi preoccupati per il loro futuro per il loro lavoro perché sentono il peso della crisi all'interno della loro famiglia sentono parlare delle difficoltà sentono di loro genitori non hanno un lavoro che hanno difficoltà economiche e quindi hanno paura del futuro questo sì e questa è la responsabilità più forze più forte che dovrebbe colpirci
Però sono anche ragazzi che si impegna nel volontariato che fanno la loro parte insomma ragazzi che fanno un lavoro secondo me straordinario che noi stiamo cercando di
Valori Lara attraverso questo progetto del Pd idea che le altro gruppo di associazioni coordinate dall'Unicef proprio per favorire con l'ascolto e con la partecipazione che si diceva prima e e noi quest'anno abbiamo proprio dedicato a loro un programma in modo particolare un progetto
Del nostro lavoro che si chiama che che che ha preso un po'le mosse al cinquantesimo anniversario
Del discorso di Martin Luther King lieve Dream
Abbiamo realizzato proprio lo sfotte importante credo Ivan Cotroneo l'autore regista di questo spot ed errate per me quello è stato un segnale importante perché perché molti ci hanno detto Presidente Potì rima come con tutti i problemi che ci sono nostro Paese voi parlate di sogni
Intanto mi problemi seri e concreti di affrontiamo le affrontiamo
Con uguale ancora maggiore determinazione
Ah sì volevamo anche parlare di sogni perché come immaginavamo purtroppo i ragazzi sognano anche molto poco perché adesso quelli che sono i loro diritti sono diventati i loro sogni cioè quello che uno Stato di dovrebbe garantire
Paradossalmente quello che invece adesso non lo sognano di avere nel futuro perché si sento e avvertono questa totale incertezza del futuro e abbiamo incrociato in questo modo tantissimi ragazzi che stanno cercando di realizzare i loro sogni che sono sogni collettivi non sogni personali
E non posso non citare i ragazzi di cabale ragazzi Napoli che stanno facendo un lavoro straordinario per sottrarre sottraggono alle figlia famiglie diciamo difficili dell'area napoletana
Adolescente coinvolgermi attività circensi sfidando la camorra mettendo a rischio anche la propria vita e sono ancora senza una sede perché in non riusciamo ancora insieme alle istituzioni locali a risolvere un problema molto importante per questa per questa realtà e qua abbiamo incontrato ragazzi
Che ci hanno aiutato a trasmettere messaggi positivi
La prima la Presidente ricordava
Tutti i ragazzi di di di di braccialetti Rossi questa è stata veramente una testimonianza di buona fiction che
La cultura in Italia si fa anche soprattutto attraverso la televisione i messaggi che arrivano dalle fiction cioè la dottoressa Andreatta il direttore di RAI fiction che ha dato una sterzata enorme bassa che vedete insomma ve ne accorgete da soli la programmazione televisiva
Delle fiction la RAI e credo che il braccio pettirossi con il racconto positivo che attraverso Carmine Brando Mirko Lorenzo più Luigi Aurora abbiamo avuto della dei ragazzi ospedalizzati ragazzi che vivono in ospedale e del clima che si crea nonostante tutto tra gli adolescenti tre cioè quella forza che prevale sempre su tutto l'amore come di coloro che prevale
Sempre su tutto e credo che sia stata veramente una testimonianza meravigliosi io li ringrazio perché loro sono venuti con me anche in una visita invece l'ospedale reale a dei ragazzi con i quali siamo stati
Diverso tempo a Milano insieme e hanno dato un segnale molto forte soprattutto a questi ragazzi di speranza ma tutti coloro che in qualche modo nel mondo della sanità qui c'è anche il direttore Santobono di Napoli con cui abbiamo fatto dei progetti
Meravigliosi dottoressa Minicucci
Tutti dicono che nel mondo e la sanità vivono veramente con grande difficoltà perché anche l'Italia stanno rendendo molto difficile
L'affermazione dei diritti dei bambini degli adolescenti
Ringrazio in modo particolare anche un altro ragazzo che adesso come dire amato da un pubblico di adolescenti e che in qualche modo anche con la sua presenza qui
Ci testimonia la volontà di aiutarci a raccontare quello che ne facciamo fuori terra quanto aspetterò quanto ha vinto
Come voi sapete il Festival di Sanremo con questa canzone meravigliosa sulla terra dei fuochi ma che racconta la parte buona e la parte meno buona con giorno buono io da campano da Napolitano posso pronunciare bene
E credo davvero che questa sua testimonianza molto forte
E quello che magari spero potremo fare insieme ci permetterà di arrivare a molti ragazzi di ormai ha una
Popolazione di Fanny infinita
Straordinaria e quando ci sono questi modelli positivi questi modelli positivi vanno sempre presi
Il grande riferimento altri due riferimenti e concludo davvero uno a cui sono
Molto legato perché è stata una delle visite veramente più toccanti alla istituto penitenziario di Palermo al Malaspina oggi qui con noi ci son ragazzi detenuti
Del Malaspina
C'è davvero la giornata trascorsa con loro è stata una delle giornate più importante loro oggi sono qui hanno avuto questa autorizzazione li abbiamo invitati sono in mezzo a noi
Ringrazio il direttore del dell'istituto penitenziario la Polizia penitenziaria
Loro fanno tantissimi progetti proprio dimostrazione del fatto che ci ha sempre appunto la possibilità di recuperare i propri spazi di recuperare la propria vita
E il Malaspina di Palermo a volte poi si dice il sud e il sud è uno degli istituti
Tra le migliori buone pratiche di coinvolgimento di partecipazione dei ragazzi aperti al territorio i cittadini di Palermo vanno a visitare mi raccontavano di questo progetto la lisca Bianca
Adesso stanno ristrutturando una barca storica di Palermo che poi verrà utilizzata dalle associazioni insomma io sono molto grato a loro e con loro
Lo dico anche qui lo vorrei dire anche qui al Governo abbia un impegno importante perché noi dobbiamo rivedere l'ordinamento penitenziario minorile
Anche questo è una cosa che attendiamo da molti anni sembrava tutto pronto fino ancora qualche mese fa purtroppo ancora nulla ma voglio rassicurare i ragazzi che sono qui presenti
Che il mio impegno sarà totale fino a quando appunto non avremo questa riforma ci sono tantissime altre persone abbiamo collaborato tantissimo con la Polizia di Stato in grazie prefetto civile vicecapo della polizia
I carabinieri che vedete anche qui presenti perché sono di una scuola di allievi dove noi stiamo andando a fare proprio grazie al Comandante generale che Alitalia ce l'ha consentito l'attività di formazione
Proprio perché un domani saranno anche loro nelle varie stazioni comandi dove si troveranno ad avere a che fare con i ragazzi abbiamo rappresentanti all'inizio del Molise la prassi è stato anche la Bicocca
Presso il Canada con cui stiamo lavorando tantissimo abbiamo un'alleanza forte col mondo dell'arte della cultura dell'imprenditoria
Maestro Balestra Simona Marchini insomma tutte persone davvero straordinarie che ci stanno aiutando a fare tante azioni importanti io ringrazio i garanti regionali
è una rete importante perché i garanti regionali sui territori rappresentano veramente un punto di forza purtroppo non sono ancora presenti in tutte le Regioni e questo per noi un è un problema che stiamo cercando sempre più di insistere
Sulle regioni perché possano davvero
Fare anche dare diciamo dalle regioni dove adesso mancano
Garante regionale ringrazio veramente tutti abbiamo anche l'Umbria e Molise il Trento che sono nuove new entry diciamo della compagine del della Conferenza dei garanti e sono molto contento noi continueremo la nostra azione
Con diciamo molta determinazione sono contento che quando abbiamo incontrato il commissario della spending review Cottarelli
Eravamo un po'
Insomma così già vediamo cosa ci dice però veramente non sapevamo cosa potesse tagliarci perché insomma siamo una struttura di quindici persone e con un Budget di novecento mila euro quindi voglio tutto compreso cioè tutto tutto tutto compreso
è infatti Cottarelli ci ha guardato dopo esser passato dalle varie autorità detto va bene per voi mission impossible per cui alzo la mano questa diciamo parole testuali del commissario e io però devo ringraziare veramente tutto lo staff
Perché lo staff della dell'Autority appunto
è uno staff di persone non solo qualificate e preparate ma lo staff ovvero straordinario perché fa molto di più di tutto quello che gli viene richiesto molto di più è bene quindi grazie ad Alessandra polari che lo guida il nostro vice Prefetto giunto
E grazie veramente ciascuno di loro
Due cose la nostra lobby diciamo in qualche modo vuole trovare un suo punto di grande apertura manifestazione al pubblico
In un evento che non rientreremo spero per i primi di ottobre a Milano
E spero che si possa fare al MOSE adiacente la scienza della tecnologia qui c'è il Presidente Urbani Presidente del museo
E spero veramente che questo evento saranno le giornate internazionali dell'infanzia
Possa essere davvero un momento di grande aggregazione non solo degli addetti ai lavori ma aperto al pubblico cioè noi vogliamo riuscire a mettere in piedi un programma che sia veramente di interesse per la maggior parte delle persone
E possa davvero in qualche modo portare adolescenti da tutta Italia in un grande momento aggregativo forse in quel caso può darsi che avremo anche un'attenzione maggiore
Da parte di quelle istituzioni che non sempre sono molto attente ma a prescindere da questo me lo facciamo
Per continuare a fare bene il nostro lavoro quindi questo appuntamento che oggi lanciamo così un po'sottovoce
Ma di cui sicuramente le prossime settimane sentirete parlare molto sarà un appuntamento davvero importante oggi abbiamo una curato il sito per cui attraverso il sito
Che è un modo diciamo per arrivare con linguaggi diversi a tutti l'anno scorso avevamo scritto
Che che che ci faceva da portavoce oggi abbiamo un meraviglioso sito da questa mattina sarà il modo attraverso cui ricevere notizie ultimo saluto che non ho fatto prima permettetemi una nota di tipo personale a Rosa Russo Iervolino
Perché è una persona a cui sono le grava grande affetto e che ha fatto tanto nelle politiche sociali del nostro Paese
Chiudo come abbiamo aperto con Luciana canonico
Perché Luciana perché Luciana e la dimostrazione che se noi lavoriamo sul talento dei ragazzi degli adolescenti se noi gli portiamo liquidiamo verso la qualità
E se noi adulti abbiamo come dire la forza di fare bene il nostro lavoro come stanno facendo i suoi genitori la somministra
Non ci sono ragazzi adolescenti che non possono vedere alzati i loro diritti e i loro sogni e se quello che ho avuto davvero a tutti i bambini gli adolescenti del nostro Paese grazie
Grazie
Garante
Che
Sì questa
Formidabile relazione
Avrà come dire
Possa anche fare se solo la funzione di essere un sasso nello stagno
E nella stagnazione diciamo così della nostra indifferenza allora vuol dire che oggi è know your uno buono tanto per citare
Oggi un buon gioco per una buona giornata è stata davvero una bella giornata perché c'è sempre un momento come diceva grandi linee dell'infanzia in cui all'improvviso si apre una porta che lascia entrare l'avvenire e anche se
Questi sono tempi difficili il fatto che questi siano i più difficili non deve costituire un alibi come diceva il garante Spadafora perché
Sant'Agostino che prima di essere esattamente Santo vera una grande filosofo nelle sue pistole scrive
Sono tempi difficili solo tempi cattivi dico gli uomini B si comportino bene e i tempi saranno migliori perché i tempi siamo noi grazie a tutti e buona giornata