08APR2014
stampa

Presentazione del libro "Lessico interculturale" di Serena Gianfaldoni (Franco Angeli Editore)

CONFERENZA STAMPA | ROMA - 16:00. Durata: 2 ore 16 min

Player
Registrazione video della conferenza stampa dal titolo "Presentazione del libro "Lessico interculturale" di Serena Gianfaldoni (Franco Angeli Editore)" che si è tenuta a Roma martedì 8 aprile 2014 alle 16:00.

Con Gianni Lattanzio (responsabile dell'Associazione europea "Dialoghi"), Fucsia Fitzgerald Nissoli (deputata, Per l'Italia), Edoardo Patriarca (deputato, Partito Democratico), Hassan Abouyoub (ambasciatore del Regno del Marocco in Italia), Cecilia Obono Ndong (ambasciatrice della Repubblica della Guinea Equatoriale in Italia), Patrizia Magnante (presidente nazionale della Società
Italiana di Sociologia), Valerio Di Porto (comunità ebraica di Pisa), Gioia Di Cristofaro Longo (presidentessa della Libera Università dei Diritti Umani), Flavia Cristaldi (docente di Geografia delle migrazioni presso l'Università "La Sapienza" di Roma), Ahmed Habouss (presidente dell' Osservatorio Studi Internazionali sul Mediterraneo), Chiara Ferrero (presidente dell'Accademia degli Studi Interreligiosi), Samir Al Qaryouti (giornalista di Al Jazeera e di France 24), Adnane Mokrani (docente di studi islamici della Pontificia Università Gregoriana), Giampiero Falletta (componente Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali della Presidenza del Consiglio), Said Talbi (presidente dell' Unità Migranti Italia), Giancarlo Salvoldi (già parlamentare dei Verdi), Carla Mazzucca (già deputata), Serena Gianfaldoni (curatrice del libro).

La conferenza stampa è stata organizzata da Camera dei Deputati.

Tra gli argomenti discussi: Comunicazione, Cultura, Diritti Umani, Immigrazione, Informazione, Integrazione, Islam, Libro, Lingua, Mass Media, Religione, Societa'.

Questa conferenza stampa ha una durata di 2 ore e 16 minuti.

Oltre al formato video è disponibile anche la versione nel solo formato audio.

leggi tutto

riduci

16:00

Organizzatori

Camera dei Deputati

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Prego la regia di iniziare la registrazione anche se non si vede cioè
Buonasera a tutti benvenuti alla presentazione al dialogo sulla sull'intercultura presentazione del libro curato da serena Gian faldoni lessico interculturale
E questa sera abbiamo con noi come vedete
Quattro ospiti di eccezione
Due ambasciatori e due parlamentari nuovo e una donna
Sia ambasciatori e parlamentari
La la
Alla mia reali a sinistra l'onorevole fucsia fissi Herald di soli
Della Commissione esteri eletta nella circoscrizione Nord e Centro America all'ala destra l'onorevole Edoardo Patriarca
Da Commissione affari sociali è stato già portavoce della forma del terzo settore e quindi molto impegnato nel nel tematiche del sociale e dell'intercultura
Alla mia sinistra sull'eccellenza l'ambasciatore Hassan Abu gli hub ambasciatore del Regno del Marocco
Un diplomatico
Diciamo eccellente anche nel settore del del del tematiche culturali e del
Del delle relazioni culturali del dialogo interculturale del dialogo interculturale
Sua Eccellenza prima di essere ambasciatore è stato anche ministro
Allora mia destra sua Eccellenza sì sì lo Bonon Dong e ambasciatrice della Repubblica della Guinea equatoriale in Italia
Grazie poi ci saranno gli interventi dei professori degli esperti voglio sottolineare che Dessì go interculturale e risulta
è il frutto del contributo di quarantaquattro quarantaquattro docenti vero quarantaquattro tra docenti Asperti
Del settore del dialogo tra le culture e operatori del settore quindi un lavoro importante è un lavoro che potrebbe può essere utile anche
Al
All'istituzione di operatori
Della dagli operatori della politica del perché no anche
Della diplomazia
Affinché in questa società sempre più globalizzata multiculturale si possano trovare le strade agguati dell'incontro con l'altro e le città possono e possano essere
Accoglienti e dal volto umano la parola l'onorevole Mussolini
Grazie e buonasera a tutti mi voglio solamente scusare perché devo tornare in Aula quindi faccio un saluto ed è un vero piacere per me essere qui oggi a questo dialogo com'era da ha chiamato il moderatore scusate l'occhio agli occhiali
Sui temi dell'intercultura suggeriti dagli accademici ed esperti che si sono ritrovati a scrivere capitoli diversi su questo libro abilmente coordinati vita serena già faldoni
Uno dei maggiori pregi di questo libro risiede nell'approccio multidisciplinare che permette di cogliere le mille sfaccettature di un fenomeno ricco e complesso
Basta partire dall'analisi dell'indice del libro per capire il respiro e l'ottica che hanno mosso la curatrice a scegliere lemmi ed espressioni da commentare
Non si tratta di una visione univoca e piatta del fenomeno dell'immigrazione perché al contrario si affrontano temi che partono dal concreto dello spazio fisico fino a comprendere aspetti legati alla psicologia delle persone
Alle loro aspirazioni e diritti diritti culturali diritti umani
Sottolineare però anche la negazione dei loro diritti fraintendimenti intolleranza discriminazione razziale e terrorismo
Si coglie la forte attenzione alla persona che sta dietro l'idea di migrante e si sottolinea il il crollo dell'empatia un processo che ci lega all'altro
Moltissimi sono i lemmi che aprono al dialogo alla condivisione alla concertazione
Prima sperando che l'immigrazione non è un solo un freno al sociale che fa costernato politicamente quanto piuttosto l'espressione di una confidenza che può essere seconda sia per la società ospitante che per gli emigrati
Che si spera che lo cemento e possano diventare nuovi cittadini e non esclusivamente ospiti che portano braccia
Così come il nostro Paese deve garantire il riacquisto della cittadinanza a chi pura pendolo terza recandosi all'estero senza alcuna colpa ha dovuto proprio rinunciare alla cittadinanza
Sono convinta che oggi anche da questi viale quindi scaturiranno contributi rilevanti interessanti e utile anche per il nostro lavoro parlamentare
Spero proprio che questo luogo possa diventare la porta di ingresso esperite i valori provengono dalla Società dal popolo civile entrati in accoglienza all'interno delle istituzioni
Grazie grazie onorevoli sole del resto lei si è confrontata vivendo in America con questa realtà anche abbastanza
Più avanti che in Italia questa realtà multiculturale con anche l'esperienza degli italiani che
Sono andati a vivere in America quindi
Lei ha accennato a queste due in realtà l'immigrazione ed emigrazione e per l'Italia poi magari affrontiamo questa cosa su un aspetto più globale ma per l'Italia ha un significato molto importante d'Italia che a queste due braccia questi due ali che possono aiutarla a farla volare alto i nuovi italiani ed italiani
Che sentono l'Italia e nel cuore dall'estero ecco lei faceva riferimento alla dimensione della cittadinanza la cittadinanza una
E una uno strumento anche dell'integrazione per vivere appieno l'inserimento nel contesto di appartenenza
L'onorevole patriarca che attraverso l'associazionismo assemblee vissuto queste queste dinamiche dei tentativi
Con successo con meno successo secondo i contesti di integrazione Traverso battaglie condotte nella società civile lo ringraziamo per il contributo che ci porta
Sì anch'io vi ringrazio come la collega dovremo scappare perché sono in corso decurtazioni ci arrivano gli sms che ci dicono
Pronti a votare
Ma nonostante il tempo breve io approvo del dare qualche offre qualche pensiero molto così davvero col cuore
è il primo pensiero o guardando il libro et guarda leggendo lo al a capitoli perché poi un libro così alla la bellezza di questo libro che è troppo i sempre portare dietro non è che lo deve leggere della prima pagina la seconda all'ultima pagina o popolo con un indice così ricco poi andare anche a pizzicare dove ti interessa
Perché magari quel giorno ha in mente un pensiero e trovi la sollecitazione giuste quindi
Davvero è uno strumento molto bello io non ho letto tutto Porro letto alcune parole alcune pagine e mi sono sembrate davvero molto centrate mi veniva un po'da sorridere Gianni Déco detto ma
Certo è utile per le sue Unter culturale
Ma devo dire anche per il lessico che in uso spesso nella Camera nelle sedute della Camera forse qualche collega parlamentare un po'a volte nervoso un po'agitato sarebbe
Sarebbe forse un po'più attento se leggesse significato di come viene spieghi come vengono spiegate queste parole
Qui come dire quindi un contributo Perrella buon intercultura che la prospettiva che abbiamo davanti a noi
Ma anche per la buona politica perché credo che coloro che in qualche modo vogliono rappresentare
Paesi cittadini abbiano anche il compito di
Capire le parole che dicono e l'anno scorso io non a Lucca festiva del volontariato che verrà nuovamente a riceve Prato e in questi giorni e la stima e la fine di questa settimana come titolo proprio della giornate le giornate era proprio riconquistare le parole
Perché spesso come dite si dice in premessa rasserenare già faldoni spesso delle parole si è perso significato e non è una questione
Come giustamente si dice nel libro semplicemente di
Di di di suoni o di lettura come di tecnica nodi tecnicalità di sapere bene ma proprio perché le parole portano dietro una storia porto non significato opportuno dietro una vita
E loro riconquistare le parole vuol dire anche riconquistare
La vita buona ridire come memento l'anno scorso cosa per la democrazia Recos coprendo il suo significati molo oggi con la sua profondità voleva dire anche riconquistare quella il significato della
Della della democrazia e di questa parola spesso abusata è usata anche male
Ecco di queste parole voglio dire ho finito mi permetto solo di di di citarne solo tre o quattro sono se non la faccio troppo lunga e poi non potrebbero portare
Una era appunto questa la prima che ascolto
Ed è molto bella io ringrazio l'autore Riccardo Mascia perché
Nel suo nelle riscoprire il significato etimologico dice ma
Coltivare con le orecchie
Che sembra quasi una cosa ed a me piace Tex Willer quasi da da
Da della prateria del Nevada
E coltivare colore che dice il fondo che ascoltare qualcosa non soltanto di sé il non è sentire
Ma è qualcosa come dice qui addirittura che nobilita il corpo ascoltare un impegno totale del corpo ascoltare implica un atto di volontà un processo di comprensione di comprensione risate oggi comunque nel nostro Paese questa parola
Sia un po'non praticata tutti dicono che ascoltano ma forse ascolto non soltanto
Così suoni e non c'è questa capacità di entrare in empatia assommano di ascoltare coltivare le orecchie l'altra parola molto bella secondo me che mi ha molto colpito di quelle che ho letto
E anche questa parola dell'ospitalità
C'è questo ricordo di Omero delle
Che dello l'ospitalità come il luogo il segno dell'accoglienza delle persone diverse da tempo che non sono soltanto le persone di altre culture le persone magari
Che incontri che mischiano magari non frequenti più l'ospitalità lo ospitare dati regolette lo straniero
E come punto non come la controparte ma come la persona che ti apre nuovi orizzonti e quindi come dire nella cultura anche religiosa ebraica
E anche la
La persona una persona una benedizione per Central nella tua casa allora pensate oggi a questo tema dell'ospitalità dell'accoglienza
Della capacità del nostro Paese e di
Di non spaventarsi di fronte all'ospitalità all'accoglienza nel piuttosto vederla come una grande sfida una grande utilità per crescere insieme migliorano ancora
Credo davvero che sia proprio la la parola ospitalità io sloggio lo spesso lo dico già gli autori ogni tanto fornite patriarca troverete saccheggiato il libro perché
Quando si fa magari in giro a parlare discutere magari su tutto con i giovani appello per un libro così che dice aspetto un attimo vi dico vi faccio una citazione ecco di rottura magari non la dico così dicono che tutta mia
è davvero vi ringrazio perché per uno strumento che consiglio a tutti da appurare magari nell'aver nella nella borsa ogni tanto quando serve uno la la palla fuori far riscoprire la parola che
Può dare per una un segno diverso anche fuggire quotidiano ascoltare ospitalità sì si parlava anche di sopravvivenza mi ha colpito sotto alcuni usare questa parola la sopravvivenza interessantissimo la lettura che viene dato dall'autore sopravvivenza grazie ancora buon lavoro grazie agli otto
Grazie Edo
Mentre
Vi salutiamo io oggi voglio ringraziare anche permettimi di aggiungere questo perché con lo stile con il quale sempre da sempre io ti conosco dal
Da diversi anni
Con con il quale tu I
I accorto le persone che ti hanno avvicinato anche nella differenza nello stile dell'incontro attraverso l'amicizia civica per questo è uno stile che continui a portare avanti anche nell'ambiente politico e per questo
Veramente essendo ghetti ti posso ringraziare anche a nome degli amici dell'associazionismo ecco
Grazie buon lavoro buon lavoro all'onorevole di soli
Nel nel frattempo
Volevo salutare
Due parlamentari ex parlamentare che sono qui presenti l'onorevole Mazzuca e l'onorevole Savoldi e cedo la parola a sua Eccellenza l'ambasciatore avviluppa
Grazie mille anche io devo
Scappare per andare mi si dice in atto legislativo
Per gestire il problema è di intercultura sulla parola diplomatica è strano altri
Abbiamo alcune problematiche del gestire nel capire il senso del CONI parole del multilateralismo
Allora molto interessante
E voglio ringraziare il mio carissimo amico perle
Questa opportunità fare omaggio
Sentito a
Serena signor giudice faldoni per il lavoro fatto che assolutamente geniale nel senso
Che ci dà un po'queste opportunità e di ricordare che
Siamo innanzitutto prodotto dell'interculturalità
Io sono un puro prodotto dell'interculturalità
Dalla mia lingua materna la lingua della scuola eccetera appartengo a un Paese che multiculturale
E essendo un paese che multiculturale
Nel grande dibattito che è durato quasi un secolo del mille novecentosei prima bozza di Costituzione
C'era questo dibattito sono più identità del Marocco
Dopo
Quasi un secolo i cinque anni
Finalmente abbiamo concluso
Che non è possibile chiudere il discorso su identità
E nel preambolo del così sessione
E messo così
Marocco è un Paese arabo africano analisi
Andando U.L.S.S. eccetera con radici ebrei eccetera
Abbiamo deciso di non Celli e non chiudere questo discorso con una scelta che
Farebbe in modo di creare le differenze e penso che
Nella Costituzione
Questa a tutti
Come dire di
Presidente
Nel futuro dell'umanità globalizzata e per me assolutamente essenziale
La conseguenza immediata
Nel diritto di voto non si può parlare così nel preambolo senza andare
Al straniero il diritto di voto ciò che abbiamo messo la nostra Costituzione
Nelle elezioni locali ovviamente dunque
Abbiamo il compito
Se fossi imperativo
E di promuovere questa visioni del mondo
Perché l'abbiamo dimenticato che la città di tendenza o formalismo nato dopo più o meno il trattato di Westfalia e che prima
Nel secolo illuminato non penso che sia il caso di
Viaggiare con i passaporti al massimo
Massimo Shen quasi documento
L'identità tra virgolette però si vede come
A Parigi o a Roma o a Napoli soprattutto tutti Sardelli del mondo vengono tranquillamente è sempre la loro terra e dunque
Anche la parola immigrazioni emigrazione sono nate da questo momento perché
Ormai
Tutti i Paesi membri delle Nazioni Unite sono
Allo stesso tempo paesi di emigrazione e immigrazione e dunque stiamo affrontando la mobilità piuttosto che l'immigrazione mi piacerebbe che
Con questo lavoro c'è la convinzione condivisa credo ormai non dobbiamo più usare l'accorato immigrati o emigrati va persone di mobilità perché
Perché
Siamo tutti immigrati
Altrimenti commessi può spiegare l'Italia attuale
Tre mila anni fa
Ricordo se la mia conoscesse della storia romana rimane giusta
Longoni imperatore che non erano Roma
Quello che ha fatto il Marocco Romano Caracalla viene da un Paese che sarebbero gestire
Ma
Ha creato un problema nella Roma Venticano
Da lì
Io penso che aiutare a capire il senso
Comunicare comica solo nel senso che assolutamente
Essenziale
Tanti conflitti sono nati del dall'ignoranza l'ignoranza l'incapacità capire il senso più dunque
Questo lavoro meritevole
Dobbiamo prenderla con me
Un riferimento di più per affrontare questa realtà del mondo nostro in particolare del Mediterraneo
Per mancanza di conoscenza l'uno all'altro per l'ignoranza purtroppo condivisa stiamo creando un momento
Che non è idoneo per affrontare visibile umani economiche sicurezza eccetera eccetera dunque grazie per aver fatto questo salto
Nella convivenza direi la convivenza non so se c'è la parola convivenza
Calcetto passetto c'è esperienze dubbio perché appena ricevuta è libero dobbiamo fare in modo di coltivarla e mi dispiace di abbandonare il perché
Devo fare lo stesso lavoro Marini in termini reale in tempo reale e grazie per tutte salute da mia sorella Sicilia che debba condannare che un carissima amica
E che sta a lei dalla Guinea equatoriale così mi dice che anche il multiculturalismo e grazie a tutti e per la pazienza
Crearsi eccellenza le sue parole magari sti voleranno dei professori a crea a un
Elaborare un pensare di dare un nuovo volume sulla sul sul dialogo sull'intercultura in diplomazia magari no perché verrà era lei a presentare quindi lanciava buon lavoro
Grazie
Eccellenza
A lei
Come nasca il resto
Che io con l Italia no no
No profit italiano non nei carri oblare italiano abitare piano piano common dessimo secchi patacche Bentelan ante c'era un sisma grafia può invitare me
Alla presentazione del libro vanno non è lei devo pelli però i Vamos Pollock ebreo
A chi
Lei si qua interculturale
Io credo che
In
Il tema emigrazione che essi credo che dello che si tratta di dentro
In manchino che
Torno se nel mondo tosto Morsillo Migrantes vi era una ore oltre oggi un'altra maniera
Spero
E sempre in mente la forma ella che lo sconforto AMMO squallida mosso a un Paese appieno
Quei desse
Che chiede teste concreti era
Intonse s'
Migranti euro
Sull'ANAS sia un ah sì comode ispettivo
Quando i discenti emigrante una sessi ente
Comunque volentieri nostra idea chi
Però io credo che ente attraverso morde domande
Gli hanno stoccati vivi ha ora mimo messi ancora umana poche io voi cioè se in Italia ha un che si inaugura l'italiano
Vero e a me si andò romana in tal senso
Sì uno meniamo emigrante non mediche enuncio poiché se consente nei Comuni o me comporterà un dramma hanno sentimento ispettiva
Tra un sesso I.P.I.A. est del Pendino del Comune cara qua se comporta don dei era e con molti RFI mente ambiente donde qui e grazie
Voi no credo che esso
Non c'entra il sesto
L'azienda se eccellenza le chiedo di rimanere qui con noi
Magari come si alternano poi gli esperti grazie per per le sue parole credo che tutti abbiamo capito quindi non c'è bisogno di di tradurre niente
Beh Roma Roma è una città che abbraccia che accoglie nella convivialità prima si citavano si cita la parola convivialità nella convivialità delle differenze ma ha una convivialità che per essere
Buona ha bisogno di
Approfondire nel dialogo identità di ciascuno i TIR confrontarla per
Capire meglio l'altro e quindi poterlo accogliere di più qui ci sono
Diversi esperti professori che hanno contribuito al libro Cuore anche qualcuno che non non ha contribuito che possono ora dare un contributo io richiamerei tre alla volta che vengono qui
Abbiamo la la la professoressa magna ante
Ecco la professoressa Di Cristofaro Longo dottor diporto
Per la professoressa magna ante Presidente della Società italiana di sociologia che ha organizzato assieme le altre organizzazioni cessione la
Al Festival nazionale delle culture l'Associazione dialoghi che io rappresento questa questo momento di riflessione
Grazie professoressa del secondo voi a lei la parola
Io sono qui diciamo in duplice veste forse dovrei dire proprio perché
Come già è stato detto sono al Presidente nazionale della Società italiana di sociologia però
Sono anche la persona che dirige la collana di sociologia professionale che la collana in cui è stato inserito il lessico interculturale
Nella collana noi pubblichiamo volevo solo dire due parole su questo c'è per noi una collana molto importanti a cui diamo molta importanza i contributi che inseriamo
Pubblichiamo in genere contributi utili per la professione la reale professione sociologo quindi non non facciamo un discorso troppo di teoria ma un qualcosa che possa sostenere il sociologo professionista
E quindi abbiamo pubblicato vari varie cose fra questi ad esempio anche la mediazione che poi si collega a questo discorso che facciamo oggi
La cosa importante cioè in questo libro che noi abbiamo inserito in questa collana e la cosa strana è che acquista
Come mai qualcuno già ce l'ha domandato come mai un libro in cui sono presenti professionisti docenti universitari
Esperti di settore diciamo così anche lontani per alcuni versi inonda la professione del sociologo e come mai questo interesse né inserirlo della nella collana
Perché il in questo testo questo volume e nello specifico tratta dell'incontro con
Alternarla con l'alterità con con le altre culture
E
Non consideriamo fondamentale
Che
Sì poi si diciamo cioè il fatto di avere l'apporto da tutti cioè un un approccio multidisciplinare perché questo è un tema molto complesso
Quindi un approccio multidisciplinare ha dato sicuramente quella ricchezza che in tanti altri testi manca no perché noi troviamo il sociologo ma troviamo il filosofo troviamo anche altre figure professionali anche rappresentanti religiosi quindi allora questo testo voglio sottolineare quindi è utile per la professione del sociologo
Ma è utile è uno strumento fondamentale anche per tante altre professioni
Quindi un volume che
Poi si è preso in considerazione
Da tante pro tipi di problemi tanti tipi di professionalità diverse quindi questo lo volevo sottolineare perché io diciamo per la collana di Sociologia professionale credo che se questo sia veramente uno dei migliori di volumi che si è stato pubblicato perché
Appunto è complesso complesso nel senso tratta in maniera articolata diciamo il tema che si propone di trattare
E quindi noi come società e della sociologia siamo molto orgogliosi questo fatto e ringraziamo la dottoressa già faldoni che la curatrice che veramente ha fatto un lavoro anche anche certosino coi per mettere insieme perché
E non è semplice no lavorare con tantissimi studiosi esperti da tutti presidi diciamo presi in considerazione
Contattati in tutto il territorio italiano quindi io la ringrazio ufficialmente questo non è la Società italiana di sociologia
Quindi
Quello che la somma risse volevo dire la Società italiana di sociologia comunque cura molto questi temi e anche per questo che sostiene il festival nazionale delle culture di cui abbiamo parlato poco fa
Perché anche il festival nazionali la cultura all'interno del quale nato poi questo progetto
Diciamo ormai a alla quarta edizione comincia ad essere anche quarta quinta ecco
L'interdizione comincia ad essere veramente molto conosciuto ma non solo in Italia anche all'estero perché veramente organizzato molto bene e poi
And è sempre adottata ad approfondire questi temi che ci riguardano molto da vicino
Che poi alla fine dobbiamo dire non è che ci riguarda non solo come studiosi o solo come professionisti
Ci riguardano in tutti i sensi anche come persone perché noi spesso ci troviamo a vivere a vedere che ci sono difficoltà intorno a noi
Io per esempio che sono anche nell'Università di Tor Vergata e che quindi
Tratto questi temi all'interno del di alcuni discorsi che
Diciamo porto avanti con gli studenti infermieri perché sono infermieristica posso dire che già c'è molta difficoltà a far capire agli studenti determinate cose e devo anche dire che
Io noto che
Una buona stragrande maggioranza di studenti hanno difficoltà a Cal comprendere questi termini e a adottare un atteggiamento di ascolto di cui si parlava prima di comprensione
E quindi anche di accettazione allora quello che io volevo mi domando certe volte anche questo siccome l'ambito sanitario io lo considero uno degli ambiti più a rischio per questi discorsi qua
Uno dei degli ambientalisti perché noi abbiamo nell'ambito sanitario
Il paziente che spesso
Proviene da altra cultura quindi assimilato modelli culturali diversi è portatore di valori diversi e quindi che ha delle difficoltà sassi capire spiegare
Tra dall'altro lato e questo lo dico anche perché
Io in realtà di ricerche ne faccio né nel
Mi faccio portare avanti tantissime non su questi argomenti qua la fotografia della situazione italiana è disastrosa perché in realtà dall'altro lato poi ci sono i professionisti che svolgono la loro professione in questo settore
Che non sono per niente preparati fosse questa la cosa più grave che io punterei molto sulla preparazione di questi giovani che deve dovranno andare a svolge la professione
Il tema dell'intercultura dell'incontro fra culture del dialogo con con tutto quello che costa ci ha collegato la capacità dei imparare ad ascoltare no ad accettare le differenze vederle come una cosa positiva non negativa
è importante in tutti i settori ma forse in questo settore è veramente critico perché dice parliamo di un settore dove c'è sofferenza quindi un errore che si fa in questo settore qua è ancora peggiore di un errore che si fa un altro settore
Io poi non voglio Ande troppo oltre perché siamo tanti a dover parlare e volevo dire che
In questo testo è presente anche un mio contributo io ho scritto sul concetto di relativismo culturale
E la cui definizione
Segno all'epoca un momento importante di contrasto a quello che è un atteggiamento discriminatorio detto innocente ricordo io quando spiego il concetto di relativismo su culturale faccio anche altri esempi non parlo solo dei primi antropologi ma parlo anche
Per esempio di dimissionari che all'epoca somma avevano un atteggiamento di questo tipo e poi arrivo ai giorni nostri per dire che
Questo atteggiamento non è mai sopito
Perché in realtà il problema nostro oggi quale è quello che non riusciamo
Spesso a staccarci da questo atteggiamento che etnocentrismo quindi andiamo a giudicare gli altri
E secondo quella Chiti che è la nostra idea del in relazione a tutto in relazione al nostro stile di vita modelli culturali valori perché modelli culturali voi
Ci portano non somma
Alla base ci sono dei valori Antonino crediamo
E quindi è questo impressa una della che delle cose che noi dobbiamo combattere ma soprattutto fa capire per tante persone io mi sono accorta non si rendono neanche conto che
Adottano questo atteggiamento cioè molti non se ne rendono conto vivono come se fosse naturale trovare certi sentimenti
Ecco io vi lascio con questa ultima fase vi ringrazio per l'ascolto
Grazie
Ma io direi di fare questo turnover un altro poi alla fine meglio che appuntate qualche domandavo riflessione magari sono un po'più sintetici il relatori successivi
Dottor riportò dottor diporto della comunità ebraica di Pisa
Sì grazie
Dunque devo dire anch'io il volume ecco orali del benissimo che strato ma questa coralità cessata molto all'esterno del volume per così dire ed è il motivo per cui io sono qui sotto invito non soltanto del dottor Lattanzio ma anche del ovviamente di mio padre che ha collaborato al volume della Comunità ebraica di Pisa che ci teneva tantissimo in contatto la professoressa Burberry l'altro giorno a Pisa tutta contenta perché io fossi presente comunque quindi
Mi fa veramente piacere tra l'altro il volume che ho avuto modo di vederlo effettivamente
Fa comprendere appieno l'importanza che all'uso delle parole e anche la loro duttilità come le parole passano da un'ambita all'anno all'altro mi ha colpito
Il
La voce è dedicata la concertazione che noi siamo molto
In in ambito giuridico io mi occupo anche di linguaggio delle leggi per cui verrà un pochino a questo poi alla fine
E l'ha colpita appunto questo passaggio del termine concerto concertazione dall'ambito musicale a quello politico a quello
Giuridico
E il libro ha un intento educativo che esplicitata anche nella quarta di copertina al buon uso delle parole e in questo senso mi ha colpito molto la voce dedicata al meticciato
Il meticciato che mi ha richiamato alla mente le categorie
Usati dal nazismo per
Gli ebrei e benefici di primo grado gli ebrei ci di secondo grado per una persecuzione sempre più e penetrante sempre più terribile
E mi ha richiamato alla mente anche le altrettanto terribili e forse meno conosciute ma altrettanto terribili norme italiane sui mitici dell'Africa orientale
Che tante conseguenze dall'altro hanno avuto e che continuano ad aprile perfino oggi nei discendenti dei figli dei cosiddetti
E meticci
D'altra parte il PR l'ebraismo lei parlano conseguenze nella Bibbia nella genesi il mondo è creato l'universo creato con la parola di Dio e quindi è chiaro che noi siamo fortemente sensibili alle
Al tema
Tema cui sono sensibile e
Venga l'ultimo punto molto rapidamente e concludo
Anche dal punto di vista dell'uso giuridico poiché si fa delle parole perché l'uso giuridico di le parole da un lato registra ma dall'altro determinano anche gli orientamenti della società e quindi può vi evidentemente conseguenze in un senso
O nell'altro
E penso per se in un più alla opera quando si tratta di questioni particolarmente controverse come si cerchi in qualche modo di edulcorare il linguaggio di edulcorare le espressioni
E quindi mi veniva in mente e la famosa il contrastata legge sull'aborto
Legge del settantotto la centonovantaquattro che non a caso il titolo assolutamente non parla di aborto ma si intitola norme per la tutela sociale della maternità
E sull'interruzione volontaria di gravidanza guardate questa spettacolari passaggio anche delle preposizioni dal PR
Prima di tutto preposto infine positivo norme per la tutela sociale della maternità e poi subito dopo il vero obiettivo della legge per così dire con una preposizione invece neutra per così dire sulla
Interruzione volontaria della gravidanza e la stessa cosa che viene fatta per esempio che la caccia altro argomento
Così molto al limite anche sul versante etico voi allora la legge come si chiama norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma che per il prelievo venatorio e sempre si antepone la protezione
In un caso come nell'altro poi all'aspetto per così dire più distruttivo in questo caso la caccia di pace prelievo venatorio comunque sia il si usa l'espressione
Che cerca di essere almeno un pochino più edulcorata o comunque un gioco e la stessa cosa avviene in tantissimi campi
Dove la Sociologia tra l'altro ha dato sempre il suo apporto basti pensare a tutta l'evoluzione che c'è stata anche nell'uso dei termini per definire le persone handicappate
Che è stata un'passaggio estremamente sofferto oserei dire fino ad arrivare al concetto completamente diverso Diversabilità
Che è un concetto che invece mette in luce
Evidentemente appunto non l'aspetto negativo ma l'aspetto quasi
Positivo della della questione e con questo concluderà soltanto per sottolineare quindi l'importanza dei due linguaggio anche politico mille in in tutti i campi e quindi anche nell'ambito giuridico e quindi nell'ordinamento tutto e quindi sottolineare di lei enfatizzare l'importanza dei il volume che tocca questo è
Di ricavato e attraverso quarantaquattro fautori che devo dire per coordinarci cresce volta veramente una fatica credo che
Incredibile quindi complimenti alla professoressa ferita tra faldoni
Grazie dottor rivolto effettivamente la lei ha introdotto un un elemento molto interessante secondo me
Uso può essere la professoressa vorrà confermare questa mia opinione ma il modo in cui si chiamano le cose si si influisce anche sulla percezione dell'altro comprendere l'altro ed è molto importante andrebbe anche ricordato
In in questo in questo contesto il nacque sto in questo palazzo però anche nel dibattito parlamentare ed importante l'importanza di
Del rispetto nei confronti dei colleghi della per per un dibattito vero rispettoso che sia proteso al futuro del della Società per il bene della società
Da professoressa Gioia Di Cristofaro Longo che è stata finora poco tempo fa ordinaria di
Di Antropologia all'Università la Sapienza è stata direttrice di un
Di un
Settore storia troppo logica del CNR somme potrà potrei corregge se sbaglio e poi ha fondato e dirige la
La presiederla L'Unità e libera di università dei diritti umani pregnante proprio sull'argomento
Grazie direi che proprio
Ci sta bene la Libera Università ed i manicomi rifare i miei complimenti a Serena Jean faldoni che mi ricordo quando la prima volta mi ha chiesto questa
Voce intercultura che devo dire che delle server fatto un gran bel lavoro per mettere insieme intanto la scelta di dare
Una voce a ogni autore già una scelta interessante perché molte volte io che ne ho fatte tante mi vedo meritava l'otto di ricerca più bravi quindi già questa scelta mi sembra precisa
E va nella direzione ecco mi piace sempre un po'di andare all'etimologia all'ex secondo all'ex con parola sotto Bibli Alpi libro delle parole in questo senso mi sembra che questo possa essere considerato
Il libro della parola ed è un
Come dire un auspicio ed un consenso consigli per gli acquisti diceva una volta qualcheduno dalla televisione non faccio nomi
Di dare un rigore semantico parole usate ed abusate noi oggi ci troviamo davanti a un problema di abuso delle parole perché molte di queste parole fanno parte del nostro nei nostri discorsi quotidiani
Però non c'è assolutamente un rigore questo per l'antropologia ne soffre di questo tipo mi ricordo il mio maestro Tullio Tentori che forse qualcuno ha conosciuto
Che diceva ci abbiamo messo
Tanti anni fa rientrare la parola cultura adesso c'abbiamo il problema che qualsiasi cosa quasi qualsiasi argomento si parla si dice cultura cultura del
Del tavolo cultura di
Cioè più di un abuso passare prima
Non c'è la parola e poi c'è un c'è un abuso di questa però è qui nell'in questo
Panorama tra intercultura educazione interculturale e comunicazione interculturale mi piace che ci siano tutti intercultura che più mestiere quella che
Serena mia assegnato
è ci sono c'è proprio anche uno sforzo di andare
Recuperare una distinzione semantica di parole
Quindi diciamo e voglio dire anche in altre cose indovinata la scelta delle parole perché le cliniche libri tra le parole potevano anche essere cioè per esempio razzismo pregiudizi sono poche quelle che ma su un versante
Immediatamente negativo però ci sono perché noi oggi viviamo una pronta una patologia culturale
Nella nostro
Cultura nella nostra società che è quella di dare visibilità e rappresentazione a tutto ciò che va male e vorrei essere molto tranquilli e molto chiara e giusto sapere ed essere informati su questo quindi
Sono
Fondato nei
Anni fa il tribunale otto marzo contro la violenza alle donne quindi mi sento le carte in regola questa intervista però oggi sento e magari alla fine però un minimo accenno
è l'esigenza altrettanto cogente di rappresentare anche ciò che funziona come dovrebbe funzionare nella nostra società altrimenti qui c'abbiamo una disorientamento che
Chi lavora con i giovani lo sa molto meglio di me o come me molto importante
Voglio dire un'altra cosa che oltre al dosaggio la scelta delle parole
Volendo guardando questo indice si potrebbero costruire delle mappe concettuali diciamo
Autonomia ecco non so faccio un esempio che possono poi aiutarci perché tra l'altro una cosa che è interessante io non
Letto proprio tutto il libro però c'è un filo conduttore comune e condiviso quindi in qualche modo
Questa cultura per l'ascolto dell'accoglienza dell'intercultura
Dell'empatia EFA sono tutte parole che sto citando evidentemente esistenti però alla rappresentazione di questa è l'autorevolezza questo tipo di cultura
è ancora un po'da costruire i faccio due esempi se ne facciamo una mappa concettuale con un ascolto comunicazione interculturale cultura
Educazione interculturale empatia intercultura ospitalità solidarietà già delineiamo un modo degli orientamenti culturali
Condivisi per gestire io ringrazio Gianni che prima la citata la convivialità convivialità delle differenze che un termine qui io sono molto elegante
Un'altra mappa concettuale migrazione in cultura azione integrazione marginalità pari opportunità
Relazione strategia intercultura che interculturali cultura azione anche su questo si può costruire un discorso e portare avanti dei Progetto Minucci lavorerei ci lavorerò probabilmente su questo
Una cosa che emerge è che in più ci sembra importante proprio semantica fra il primo per portare avanti una distinzione semantica è quella di distinguere tra multiculturalismo intercultura
Molti culturali è un problema che io sento avverto molto multiculturalismo indica una realtà cioè in una determinata
Realtà appunto di una società esistono più culture che insomma che che ci sono equa e quindi ha un aspetto descrittivo
L'intercultura invece è la gestione orientata del multiculturalismo cioè quando io mi pongo in un atteggiamento interculturale voglio capire come come due gestisco
è la mia proposta alla mia risoluzione di cui mi assumo le proprie responsabilità però che
O che sia abbastanza condivisa è quella di fare anche riferimento i diritti umani che è una delle
Globalizzazioni positive che naturalmente quando son positive buttiamo subito a mare perché uno fa fine tra virgolette
Ecco è diventa
Perché la e diritti umani sono tutto sommato un'elaborazione che soprattutto
Negli ultimi sessant'anni ma la prima elaborazione di diritti umani e di Ciro il Grande del sesto secolo avanti Cristo quindi insomma è un'aspirazione che gli esseri umani hanno porta avanti da tanto tempo
E un'altra carta importante la carta di mandarmi del mille duecento
Venticinque Wilma imperatore del Mali quindi voglio dire insomma questa aspirazione eh
Diciamo molto rappresentata inizialmente bene questa elaborazione è un'elaborazione che frutto dell'incontro tra culture tra regioni eccetera allora
è un punto di arrivo sì ma deve essere un punto di partenza perché se noi non la gestiamo ovviamente
Le cose rimangano parola Statte con il rischio di essere giuridici Zarate se mi passate
Allora prima c'era come viene detto nella
Anche nella parola idea che i diritti umani passavano dalla filosofia eccetera e poi sono arrivati al diritto io dico forse bisogna fare
Ricomprendere diritte fu accezione culturale insieme quindi una rifondazione etica vorrei concludere perché se no parlo troppo con una ricetta diciamo contre sì e tre no
I tre non soprattutto voglio sottolineare no alla neutralità
Ecco se c'è una cosa che io non sopporto e la neutralità che è un alibi per non prendere posizione per essere invece per la parte
Negativa e perché questo poi il discorso se li voglia andare a Firenze non posso prendere l'autostrada per Napoli insomma devo prendere coi vostri possano essere Flori possono essere cadute però la direzione deve essere quella quindi no alla neutralità come
Costruzione di un alibi di disinteresse che invece significa
Ecco tenete presente che per esempio proprio scuola riprendendo il discorso che faceva il dottor Lattanzi Alberto del tenere la
Diciamo la reciprocità dei punti di vista che è molto importante che è sotteso in questo testo
Noi troviamo quella che è Taylor dice l'auto pressione della persona discriminata cioè il ritiro persona che viene discriminata sia utopia prime da sola
Nel senso che si colloca la in quello spazio in quella nicchia che la società
Io faccio nella quale la società lo accetta e questo è gravissimo perché
Praticamente è diventa poi ulteriori impedimento che non è soltanto voluto da chi ti discrimina ma che accettato inconsciamente da chi è discriminatoria perché cerca di sopravvivere ecco per cui la parola
Sopravvivenza va benissimo allora no alla neutralità
No al buonismo ecco il bullismo ventotto anche prima è stato citato
è anche un ulteriore altri alibi a
All'onore a prendere in mano
E no qui scandalizza però anche la parola tolleranza oggi tolleranza oggi no
Nel senso che riconosco perché Rita il valore storico del
Concetto di trincea ingresso del concetto di tolleranza ma oggi che cosa significa che Cecchi tollerati e che tollerato come io preferirei non essere tollerata zero
Di tolleranza non mi piace ma è appunto accoglienza solidarietà eccetera quindi lo sento molto forte proprio nella percezione e insisto sulla percezione che ad oggi questo termine acquisito che praticamente è sinonimo di sopportazione i tollero Attilio
Nessuno di noi vuole essere tollerate interessi sono più facili conoscenza che è il punto primo
Quante volte noi diciamo assembleare
Quelli stranieri sono RIA poi quello concorso ama l'UI a virgola ma lui è tanto bravo questa è un'esperienza su questo dobbiamo assolutamente
Superare quindi comunicazione e condivisione per finire convivialità delle differenze grazie
Grazie professoressa e chiedo
Negli altri tre si abbiamo ancora in cambio
Flavia Cristaldi
A me da boss
E Chiara Ferrero
Ecco grazie
Allora Flavia Cristaldi geografo residente del Corso di laurea in geografia dell'emigrazione geografia insegna geografica limitazioni alla Sapienza di Roma
è stata componente della Commissione del Comitato alla Presidenza del Consiglio sul
Sull'intercultura
Del Governo Governo Montin ministro Riccardi
Il
E professore a mezza borsa del presidente dell'Osservatorio studi internazionali sul mediterraneo
E chiara Ferrero e il presidente dell'Inter religioso Studies accademico cominciamo con la professoressa Cristaldi
Allora buonasera tutte tutti ringrazio in primis per l'invito
Sia per essere qui oggi che per partecipare alla realizzazione di questo bellissimo volume
Che io reputo molto interessante però perché a un'ottica interdisciplinare e io sono una geografia quindi aver avuto la l'opportunità di far sapere e far
Riflettere un lettore anche sulla dimensione spaziale per me è essenziale perché molto spesso ci dimentichiamo di questa dimensione
Parliamo di intercultura ma parliamo anche di intercultura nel territorio
Cioè ricadute ci sono poi nello spazio e nel territorio e allora mi aggancio a quanto ha detto la mia colleghe amica e uso una mappa concettuale seguiamo questo percorso mappa concettuale
Da un punto di vista geografico che parole ci sono dentro questo volume presente io metterei insieme disorientamento confine segregazione spaziale
Disorientamento non l'ha scritta un geografo però io ci trovo moltissimo di geografico
Come si sente un migrante
Ho una persona che parte che si sposta
Che senso ha del luogo degli spazi che attraversa
Sa dove andrà è una scelta il sapere dove vado ma io so come ci arrivo in quei luoghi o sono tra virgolette vittima di un trasferimento
Allora colgo l'occasione per per dire di un lavoro che ne stiamo facendo che ho anche una mia collaboratrice
E lo stiamo portando avanti al CARA di Castelnuovo di Porto abbiamo fatto delle interviste più di duecento interviste a richiedenti asilo
Per sapere con quali modalità loro sono arrivati in Italia se avevano scelto di ha presente Aversa nel deserto così come lo hanno attraversato se
Avevo non rappresenta una bussola
Aveva una carta geografica avevano GPS che come ci avevano per orientarsi erano consapevoli di come era fatto il territorio di quello che avrebbero trovato
Sapevano cosa era cos'è Lampedusa dov'è Lampedusa quant'era lontana e loro il mare che cos'è il mare qualcuno l'ha mai visto il mare
E ovviamente quest'stiamo elaborando i risultati poi pubblicheremo se i risultati sicuramente in una pubblicazione
Propriamente internazionale lo faremo anche un libro vedremo li abbiamo anche chiesto di disegnare la loro ma
Il loro percorso
Son capaci di metterlo su carta e non sono uscite fuori delle cose molto interessanti alla Cecchi chi disegna
Il Mali Niger come cerchietti dice io son passato d'acqua però non lo so dove ero cioè non sono stati attori del loro percorso
E allora delle persone che attraversano i luoghi senza una consapevolezza quando arrivano poi per esempio in Italia che consapevolezza anno del di questo Paese
E come si muoveranno in questo Paese che scelte territoriali fanno e che tipo di territorio loro creeranno con le loro azioni per esempio
E allora mi aggancio a seconda parola che confine loro sono entrati in Italia perché hanno attraversato un confine hanno superato una linea
Ma siamo sicuri che loro devono superare solo quella linea esterna che c'è nel contorno dell'Italia
O devono superare molto spesso altri confini visibili o non visibili che ne creiamo e questi visi questi confini possono essere il muro di Padova
Può essere un un filo spinato può essere non a la barriera del CARA del CIE so sempre dei confini
Dello anche lì
Quanto siamo responsabili noi della costruzione di questi confini e che consapevolezza hanno loro
Nella dita nel vissuto di questi confini stessi per poi arrivare alla terza parola segregazione spaziale
Ma parliamo di convivenza
Condivisione ascolto a ne condividiamo veramente nello stesso spazio o lo spazio lo dividiamo qua ci siamo noi lì ci sono loro
Ecco allora io credo
Che una lettura
Geografica si essenziale
Un l'apporto dei geografi sia molto importante così come ritengo importante formare i nostri studenti a questa lettura infatti insegna geografia delle migrazioni perché è una mia scelta il che non esisteva questa
Questa chiavi di lettura
Ringrazio serena perché spero che questa appunto dimensione geografica parchi i confini della mia disciplina e possa essere di stimolo anche all'interno di altre discipline anche della società civile Pinter per intero grazie
Grazie professoressa penso che questa sia una dimensione che debba essere presente nella
Nella mente di chiunque voglia affrontare l'amministrazione della città e del territorio perché nella società globalizzata non possiamo non tener conto di questo e e poi anche
Degli degli aspetti più prettamente culturale che
Che ne derivano professor bus Presidente Osservatorio studi internazionalmente sul Mediterraneo proprio chiamato in causa
Buonasera quindi
Questa sera pagherò il mondo un po'anch'io del socio antropologo però c'è una cosa che mi preme di più leggendo il libro
Curato già la professoressa Siena Giampà Regioni che grammi arricchita due tre anni che sto lavorando sul linguaggio
Da un tot cioè
L'importanza di linguaggio le parole hanno un peso pesantissimo illazioni umani
Che cosa chiuso facciamo del
Di quello che sta succedendo nell'altra sponda del Mediterraneo quando si parla di mancherebbe quando si parla di arabi quando si parla di deliberi cosa intendiamo
Che per finalità c'è dietro quella parola al livello etimologico agli perversi capissi cane che peso e che mi ficcato diamo
Il linguaggio mi dà l'impressione che signori in linguaggio siamo lontani anni luce
Il Presidente attraverso i media dobbiamo parlare di della sedia quando MO more una
Reporter tedesca con tutto rispetto però mi
E la Libia l'abbiamo dimenticata dice che succeda qualcosa irrigazioni parliamo di via Libia
Come ha detto poco fa l'ambasciatore
Sul le relazioni fra le due sponde non ci siamo più che dobbiamo intanto metterci d'accordo è una tele
Se il linguaggio e il linguaggio fra le due sponde con me prive e al livello linguistico e lei sguardi si incrociano
Intanto e lavoro lessico e fondamentali e io sono d'accordissimo perché
Se le parole hanno un significato la parola non nell'apposita
Fra la parola è la cosa c'è una mediazione c'è il senso
Come si produce il senso si produce con la conoscenza con il confronto usi produce a travolse i luoghi comuni io ho l'impressione ascoltando i mass media che c'è troppa leggerezza
Se io guardo la cultura berbera il corti i concetti vincolati dalla cultura del denaro
Sono i territorio sul cos'è il Paesi in era la cultura araba Farid al magri guadagni non vuol dire solo estraneo ma vuol dire straordinario vuol dire che la curiosità
E lo l'Occidente
Quindi ci sono tutti questi temi l'ultimo lui io non volevo gruppi che mi porta lontano voglio solo limitare a me a a a mettere l'accento sull'importanza intanto di linguaggio mi chiamo così d'accordo sul
Così Paroli che possono diventare delle chiavi di lettura
E facilitare i rapporti fra le due sponde tanto si parla di immigrati si parla con un intento
Che l'immigrato è un problema è vero che ci sono di problemi ma dimentichiamo quelli che sono arrivati negli anni Novanta parecchi di loro sono stati anche portatori di progetti hanno creato degli impegni di questo più dimentichiamo nella
Penso di idee dentro il discorso di linguaggio per per arrivare
Al alla conclusione mi sono a rischio resoconto
Al di là quando si parla di Oriente io ne ho parlato di di a che punto è la primavera araba a primavera o dall'altra parte un vuol dire nulla è una cosa ciclica
All'avvio con l'ABI
Rinardo udire la Baraldi portare l'acqua alla cultura di Duino va via vuol dire erba e quindi dobbiamo metterci d'accordo che significato diamo dare a questa parola invece il protagonista dicono no è una rivolta nostra
è una rivolta orizzontali non è un arbitro che vota perché verticali mandati messaggi tramite la diplomazia tramite la politica perché i sistemi si organizzano siamo della globalizzazione io solo all'articolo valutazione
E venderla di globalizzazione fa vedere delle cose come per esempio i titoli che si ristrutturano tali che la rimonta che è stata in Tunisia
Vi è stata una rivolta all'UDC della licenza dalla risulta civile
La donna che potestà a Tunisi
Per i diritti no per i diritti civili e protesta perché è disoccupata non è una donna Caprotti picchi potestà e l'Arabia Saudita perché non posso non può guidare la la macchina
Il paragone insostenibile non è possibile paragonare i due realtà
Lontani annulli saranno l'una hanno Luigi fra di loro perché perché secondo me e poi chiudo
C'è una realtà che individui Chiampo Minghini mi disturbano
Parliamo di ritardi parliamo di paesi del Golfo perché stiamo attenti a non dare disturbo alla strategia di petrolio
Perché è lì lo vediamo che qui sta primavera araba va avanti ma non va avanti perché ci sono stati versati miliardi per soffocare no quindi parliamo di diritti umani e fondamentali dire come mai
Molti Paesi in via Duomo vuole entrare in Egitto eccetera eccetera come mai la Tunisia e sono fiducioso per quello che sta succedendo in Tunisia in Marocco non vedo tutto nero c'è una ciascuna dove in tutti
E la la demografia deve essere matura ragazzi di ventotto anni hanno progetti
Non quindici luglio Ursi dice anni dieci anni conti fondamentale anche questo questo confronto
Fondamentale tener conto di quello che sta succedendo sia a livello verticale i messaggi che mandano i vari Stati i loro interessi con lobby omologhi e a dirci che il messaggio orizzontali quello che mandato di società i popoli
Fra questi due secondo me il linguaggio diventa fondamentale quando si pronuncia la parola arabo
Italiano o straniero o chi per lui dobbiamo pensarci
Parecchio prima di dire no quello che succede in Tunisia e più o meno la stessa cosa in Egitto no quello che succede in Tunisia succede in Tunisia quello che sta succedendo in Algeria
è un'altra realtà Spinea
Parlare in termini di geografia in termini di cultura in termini di storie di economia io ho vissuto in Italia devo a quel solo questo problema del venticinque anni che sento parlare comunità musulmana sembra che dentro la comunità o se ce la geografia la politica dicono
La comunità musulmana vuol dire nulla
è un discorso di ufficio nei Parlamenti orologi che sono più preparati quindi o la comunità islamica non vuol dire nulla parliamo di singoli Paesi lui del Marocco
Per lui che la Tunisia lo ideologia così seriamente un servizio tecnico mass-media trasmetta
Trasmettano messaggi sbagliati e poi chi ci va di mezzo l'opinione pubblica se vogliamo entrare distribuisco di Roma diritti umani formali la cittadinanza ogni cittadino dice neanche
Preparare i mass media chi fa il giornalismo a trasmettere messaggi perché cioè
STU studi ma RFI riflettuto e non
Una multa per scontato che la la certezza dei costi e poi chiudo qua perché
Non voglio prendere più di tempo lascio volevo solo sottolineare
Il peso delle parole nelle relazioni umane detto soprattutto
In questo particolarissimo momento fra le due spunti di Mitterrand non vedo solo crisi ma vedo anche
La di localizzazione un'altra cosa che può darci
Molti soci stazioni
Grazie professore
E credo che il di argomenti poi saranno ripresi nella successiva tornata nel frattempo
Cedo la parola chiara Fergos S.r.l.
Buonasera grazie intanto serena Gian faldoni per questa opportunità anche di collaborazione molto
Ecco che si protrae negli anni infatti l'Accademia di studi interreligioso di Milano collabora anche al Festival nazionale delle culture
Siamo molto contenti di aver preso parte a questo libro come anche la realtà che ha mediato come della COREIS la Comunità religiosa islamica italiana che apro più approfondito it i temi legati appunto all'Islam
Credo che questo libro rappresenti veramente una un'occasione per tutti
Di con un confronto vero basato su dei contenuti quindi
è l'occasione di evitare gli slogan dal sotto tutti i punti di vista quindi in qualche modo avendo unito esperti di tutti gli ambiti che si interessano ovviamente al dialogo interculturale
La sfida e l'orizzonte si è finalmente ampliato ecco
Per fare un esempio su alcune parole di di uso comune ecco
Che sono legate alla all'Islam ad esempio le parole Sharia e in mamma sono due parole che rievocano subito dei concetti negativi purtroppo e questo è qualche cosa che va affrontato su diversi livelli
Quindi da un lato è vero c'è bisogno anche dell'etimologia delle parole
Ma se noi dovessimo spiegare Sharia attraverso soltanto l'etimologia in arabo che la via verso la fonte d'acqua non si capirebbe il significato come l'abbiamo
Immediatamente la percezione di qualche cosa
Che va
Completamente al di fuori dal nostro da dalla nostra cultura dal nostro
Percezione di che cosa vuol dire la parola Sharia ma nello stesso tempo dobbiamo poi fare lo sforzo di capire come questa parola invece
Si declina ecco
Nella cultura islamica e nelle varie sfaccettature
Al di là dei pregiudizi e delle strumentalizzazioni della parola quindi c'è un un discorso di mediazione su tre livelli quindi riportare il significato originario
Riportarlo al contesto che si accessibile a un mondo non musulmano e ripulirla no di impostazioni che sono state date appunto da pregiudizi ma purtroppo commentati dagli stessi musulmani quindi capite come il discorso sia molto complesso
Per rifarmi anche alle alla citazione dottor diporto sulla
Il senso della parola ecco nella nella lingua sacra delle l'ebraico e anche nell'arabo di questo senso della della creazione che la parola
A ecco questo è qualche cosa che lega appunto l'Islam e l'ebraismo ed è anche la ragione per cui e importante restituire alle parole il loro senso vero ecco credo che questo libro verrà utilizzato anche nel lavoro dell'Accademia Issa
Con le scuole perché molto importante nell'esperienza che stiamo portando avanti su progetti e nelle scuole secondarie superiori
In cui si tramite appunto progetti legati al viaggio alla unendo diversi aspetti della cultura come l'arte la spiritualità
Ci rendiamo conto
Che
Lo sulla difficoltà non è soltanto veicolare di contenuti agli studenti
Ma riuscire ad aiutare gli insegnanti perché possano sostenere i contenuti nuovi che gli studenti devono recepire quindi si tratta di una doppia formazione fatta contemporaneamente che certe volte un lavoro
Notevole perché si vorrebbe magari poter formare prima gli insegnanti perché poi possano recepire ma siamo in una società in cui i tempi si sono molto
Ristretti e quindi bisogna fare di necessità virtù credo che questo libro ossia proprio uno strumento di mediazione importante perché questa formazione avvenga nel migliore dei modi grazie
Grazie grazie anche per aver introdotto il tema della scuola e dell'educazione devo dire che
Nelle nelle società interculturali
Faccio riferimento per esempio nordamericane l'una
La scuola avuto un ruolo importante nel dialogo nell'incontro con le nuove famiglie messicane no i anche i ragazzi sono stati per esempio e credo che lo cominciamo a vedere anche in Italia e qui è importante che ci sia una preparazione adeguata anche dei docenti per poter trasmettere agli studenti al
Giusto lessico interculturale perché la parola una forza creatrice e definisce l'altro è lo condiziona nella
Il bene
Mi raccontavano voglio dire tracciando
Altri ambienti ma un ispettore della Food grande del ministro action diceva guarda che
Gli Stati Uniti e è morto in vacanza più avanti in Italia ma rispetto all'Italia ma credo che questo processo avverrà anche in Italia e esperienza nostra che se ricordo bene qualche anno fa e che
La scuola l'incontro
Tra le famiglie attraverso i bambini a scuola che hanno portato basso quel pasto da far assaggiare dagli altri eccetera quindi ero a conoscenza dell'arte delle tradizioni attraverso la scuola il dialogo tra i ragazzi
è fondamentale quindi la comunicazione la scuola
Il territorio sono per aiuta anche questo a vivere meglio il territorio sono aspetti fondamentali lo vediamo adesso con
I tre
Relatori successivi cioè
Ad un anno Moreni
Giampiero Falletta essa a mio Allocca aiuti Samir Arca aiuti
E corrispondente di France ventiquattro procedure dicevo già da prima facevo segnali sul ruolo dell'informazione o un pranzo ventiquattro e poi collabora con Al Jazeera la BBC quindi
Io chiederei
Subito a dal Cal gli utili di di mentre gli altri due ecco Giampiero Falletta dell'Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali la Presidenza del Consiglio dei Ministri
E mocheni docente alla Pontificia Università Gregoriana ed è presidente del Centro Inter confessionale per la pace
Prego serio
Grazie per l'invito e grazie a Serena e grazie a tutti gli autori di questo spenderle libero che non ho avuto il tempo di leggerlo
Tutto
Ma ho scelto alcuni cogliere tratti del libro guardate molto bene un bellissimo libro che io auguro che verrà anche tradotto in lingua araba Dio nella cultura arabo e islamico ha detto
Io devo dare atto una sola lingua per parlare i due orecchie per sentire per ascoltare per dialogare una cosa essenziale io faccio questo lavoro da tantissimi anni in Italia
Farlo fatto per altri si stampa per giornali adesso per televisione
In modo particolare
Recentemente copro tutte le vicende vaticane
Riedizione dei padri immaginate davanti a cento milioni di ascoltatori telespettatore
Quando il Camerlengo andato ad annunciare il nome del Papa fatte a tradurre le Camerlengo in lingua araba con tutti i suoi con tutti i suoi
Semplificati religiosi
Avete toccato argomenti l'ho trovata perché la cultura la partenza ricca ricchissima nell'antica storia araba di Our
L'ho tradotta danno capita molto pubblico la cavità benissimo che vuol dire questo incarico
Il dialogo è importante io avrei aggiunto perché questo tema sia importanti io lo vivo di persona
Non da oggi ma tutta la mia vita io sono palestinese solo del popolo più profondo della terra da sessantacinque anni
La professor che Cristaldi chiedeva ma noi sappiamo la direzione del profugo doveva dove stanno non lo sa quando viene costretto con le armi
Alla Sharia da casa a vivere immigrato a vivere profugo nella propria terra come loro come vuole sapere
Come vuole seguire la direzione sola chi non vede queste cose qua non li può capire benissimo basta andare
Qualche ripristino oggi per vedere tanti di quei profughi tanti di quegli immigrati un tema molto importante
Che ci richiede a tutti noi discuterlo con molto coraggio per risolvere i problemi
Delle società o spettanti Commissione al di là di problemi di
Integrerà integrazione eccetera e il professore ha parlato anche del significato del linguaggio del tipo di linguaggio la parola è una parola importantissimo tutta la nostra cultura araba
Si fonda proprio sulla parola noi non dobbiamo artisti non abbiamo scultori abbiamo pochi etti e il primo mercato mediatico della storia e Stato arabo solo olocausto dove venivano i poeti
Per scambiare i pugliesi poi e mi
E testi con i soldi risultarne e quindi per cultura infondata
Oggi noi abbiamo una tematica molto importante
Che
Degli immigrati e questa globalizzazione delle sofferenze che noi vediamo non dobbiamo essere tolleranti è vero
Noi dobbiamo essere permessi per il vero ma dobbiamo essere razionale per poter individuare i problemi bene risolverli con la collaborazione di tutti senza esclusione pericolo dove
Che concetti come
Antiterrorismo concetti come diritti umani c'è di libertà vengono talvolta strumentalizzati anche
Nei confronti degli enti aeree poco ringrazia si azione che un giovane lo fa
E questo appare nella mentalità di qualcuno
Come vogliamo non avere effetti negativi e quando vediamo dieci linee centinaia di quotidiani giornali ogni giorno che era la Sharia vuol dire assassinio scan are vuol dire esca non è questo
Non è questo il problema e come viene trasmesso alla gente questo noi
Ne abbiamo colpa come i giornalisti lo dico ai colleghi che non ha avuto mai l'occasione del sapere un'altra lingua perfettamente per poter Inter per esempio uno degli esperti del Medioriente attualmente che vive con i tagli adesso non cito nomi
E sta continuando a tradurre l'organizzazione allo sarà nel modo sbagliato ma in modo sbagliato che con le scandalo se viene a sapere che significa allo sola e come l'ha interpretato voi
Non significa la vittoria
Assolutamente hanno sarà allo Stato la solidarietà con
Tale ditta
Sono professore alla più vicino a me che me credo che mi possono aiutare se ho sbagliato due da interpreta politicamente allora lo strumento
La strumentalizzazione politica è molto pericoloso concludo
Dicendo che vorrei e spero che un giorno aggiungiamo a questo libro altre concetti
Altre concetto indosso linguaggi quell'insofferenza
Sofferenze e ampissima può spiegare tante cose del tutto quello che abbiamo detto occupazione occupazione militare
E terrorismi
Terrorismo ed è stato terrorismi intellettuale
Tutto questo che entra negli atti ematica che noi stiamo affrontando io spero di svilupparlo
E vi ringrazio per avermi ascoltato ringrazio per questo invito e se lo deve dare un contributo nel nel prossimo libro di questa magnifica associazione possa grazie
Grazie a lei bene se Gian Verdone incastrata già solo dovesse egli Esselunga in una prossima fatica
Professor montani
Buonasera a tutti ringrazio per
Questa bella opportunità
Questo libro lo vedo come uno strumento necessario perché lavora nel campo del dialogo dialogo interculturale il dialogo interreligioso
E in questo campo abbiamo bisogno di precisare i concetti i termini
Talvolta l'ambiguità del termine della parola rende il dialogo difficile e talvolta anche problematico
E che lavora anche nel campo della traduzione sa bene come
Quando uno cita il Corano come si può tradurre dunque e oppure concetti difficili concetti nuovi concetti vivi dinamici in cambiamento continuo
Nella storia
Per esempio a Baghdad del decimo secolo
Il dialogo che era possibile
Una certa comprensione reciproca tra cristiani di famiglia seria capo bizantina tra musulmani da diversi scuole tra i beni da diverse scuole
Perché avevano una base culturale concettuale comune
E la filosofia che reca la filosofia greca permetteva il dialogo concettuale
Anche nella polemica più aggressiva e il polemico sa bene per esempio che nella teologia cristiana
La parola essenza si posare per descrivere Dio ma non nella trilogia islamica il
Perciò
E consapevoli delle
Suma Touré
Dei piccoli dettagli del differenze nel linguaggio
Perché
C'è c'era una scuola aperta per tutti troviamo discepoli maestri da diverse religioni
E la base linguistica la barba la base del linguaggio dei concetti era pronta era comune
Questo permetteva il dialogo e la comprensione oggi
Vediamo un mondo detto globalizzato in modo che l'Occidente
La velocità non permette di precisare i concetti di concezione fruibili fluidi sono
E cambiamento continuo non solo tra Lido di sponde del Mediterraneo anche dentro l'Europa stessa per esempio
Quando diciamo laicità
Oppure l'ICT
Dico la stessa cosa
Dunque
Le parole hanno memoria hanno storia hanno radici
E questo libro potrebbe aiutare molto
I traduttori mediatori
Il popolo del dialogo
Per essere coscienti
Di queste sfumature che conta non da non so sulla pure come dettagli ma talvolta
E il dettaglio crea la differenza
E crea
Un contributo significativo
Perciò vedo in questo libro uno strumento educativo pedagogico dialogico
Un libro aperto lo vedo come l'elenco di porci è unico aperto che si possa nel raggiungere altre parole
E far crescere questo Progetto aperto e grazie
Grazie professore perché venga investite lei citava sul proprio sulla laicità volte abbiamo difficoltà di comprensione in Italia perché non tutti intendono la stessa cosa e quindi
Già
E difficile
Nella stessa lingua ecco
Il dottor Falletta dell'ufficio nazionale antidiscriminazione
Grazie porto i saluti del nostro direttore Marco De Giorgi che impegnato gli eventi istituzionali
La giornata a dei Rom e dei Sinti
Che l'ufficio antidiscriminazione razziali
Perché non lo sapesse
è stato istituito da un attraverso una direttiva europea poi recepita contro il nostro ordinamento
E si occupa della tutela di tutti i soggetti discriminati tendenzialmente iniziato
E con un fosso evidentemente su
Le discriminazioni per razza etnia per poi
Diciamo occuparsi anche di altri tipi di discriminazioni che sono poi
Gli effetti del linguaggio ordinario le discriminazioni le maggiori discriminazione avvengono proprio per effetto di un linguaggio un utilizzo improprio offensivo del linguaggio
Le azioni che svolge l'UNAR sono si azioni positive di educazione di sensibilizzazione evidentemente
E anche azioni di monitoraggio e di filtro rispetto a soggetti discriminati
Nel primo verso non sto qui a elencarvi le numerosissime
Iniziative che coinvolgono soprattutto il mondo della scuola il mondo del giornalismo pone di Roma in particolare che ci riguarda più da vicino
Quanto al monitoraggio e al filtro rispetto alle discriminazioni di Cunardo larghissima fetta dipende proprio da un uso distorto del linguaggio d'uso punto discriminatorio del linguaggio
Viene svolta dal nostro conta assente perché appunto riceve segnalazioni innumerevoli segnalazioni quotidiane di abusi di offese di
Discriminazioni appunto
Vorrei appunto indicarvi due settori che più riguardo uno i temi attuali e che secondo me sono quelli e che dove più di più
Di ogni altro settore le parole hanno un peso
E pesante dove sono pietre più pesanti che in altre l'uno è quello della
Comunicazione giornalistica
L'altro è quello della comunicazione sul web
E appunto sono due
Ambiti di cui l'una si occupa con una particolare attenzione a questo punto sono quelli come vi dicevo in cui
La discriminazione tramite linguaggi più forte
Rispetto alla comunicazione giornalistica è stata sottoscritta di recente
Una un protocollo di oncologico
Che è stato appunto promosso oltre che dall'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati anche dal nostro ufficio sottoscritto dall'ordine dei giornalisti e dalla Federazione nazionale della stampa italiana
Ed è un protocollo che
Intende fornire degli strumenti proprio sull'utilizzo del linguaggio da parte dei giornalisti
Quattro sono le priorità di questo protocollo la prima riguarda est appunto in senso stretto il linguaggio indirizzare termini giuridicamente appropriati per chiamare le cose per comunicare
Chi scende che riguardano appunto i soggetti delle discriminati
In secondo luogo i contenuti di quello che si dice evidentemente ci vuole parecchia attenzione a non dare informazioni artatamente spesso distorte o incomplete
Poi c'è un'attenzione anche quando si presenta un problema cercare di
Vi dica le conseguenze di quel problema rispetto
Hai rifugiati ad esempio i migranti che possono avere delle conseguenze
Nel proprio Paese rispetto appunto una comunicazione avvolti in buona fede ma che può mettere in difficoltà queste queste persone interpellare come ultimo punto anche esperti in materia quando si presentano temi così delicati quali
Quelli che
Relatori insomma più informati e saggi di mi hanno detto in precedenza
Il secondo tema è quello della comunicazione sul web che è una comunicazione che
Riguarda
Tutti noi riguarda soprattutto i ragazzi che costituisce sostanzialmente il trenta per cento delle segnalazioni di abusi al nostro ufficio
Che è un tema delicatissimo ma che secondo me non può essere dalle istituzioni e dal diritto trascurato io
Insegno la luce il diritto di internet Croce Amica discriminazione diritto all'informazione esso bene e lo fa gruppi rifiuto i ragazzi tutti i giorni quanto siano carenti gli strumenti
Giuridici su questo tema
Concluderò dicendo perché a mio avviso sono carenti e quale può essere rimedio il mondo del web
Lo accenno soltanto perché abbiamo docente di Sociologia io trovo Lucia perché mi hanno preceduto quindi mi permetterei mai però e il mondo in cui
Ormai si è accertato che si può la Rizzoli gruppi la polarizzazione il gruppo il fenomeno
Ormai diffusissimo quindi questa tendenza estremizzare i concetti era verso un linguaggio fortemente offensivo che spesso appunto per accentuare un concetto utilizza termini
Spropositati rispetto a quel concetto può per averla vinta questo lo vediamo nel sarebbe il bullismo lo vediamo in tantissimi fenomeni degenerativi della Rete
Quindi un intervento giuridico
Oltre che evidentemente i lucrativo di stimolo di sensibilizzazione su questo mondo e necessario appunto l'ufficio se ne occupa in particolare
Si tratta di entrambi i temi che anche in passato hanno somma suscitato delle polemiche evidentemente andare a dire i giornalisti come esprimersi
Insomma non è qualcosa di semplice
Impatto magari può essere ovviamente
Negativo può essere timoroso da parte i giornalisti se non possono offendersi allo stesso modo andare a toccare il popolo dell'UEPE Popolo della Rete come si dice no intaccare la libertà di espressione di manifestazione del pensiero
E lo spunto essendo un giurista credo che
Dice che fa riferimento sempre per risolvere questioni così delicate oltre che al buonsenso all'educazione e rispetto anche al diritto e non lo dico io lo dice la Corte europea dei diritti dell'uomo lo dice la Corte costituzionale
La Corte non regge l'uomo che parla di abuso di diritto indietro con riferimento a libertà di espressione quando si toccano
Con linguaggio temi
In maniera
Inappropriate e quindi vengono vietati vengono sanzionati questi comportamenti allo stesso modo la Corte Costituzionale con un freno alla libertà di espressione unite interno libertà espressione popolare la tutela dei diritti inviolabili della persona
Ecco quindi credo che
Il cammino capisco è molto difficile gli ostacoli sono tanti però noi come istituzioni cerchiamo di fare quotidianamente il nostro lavoro grazie
Grazie a lei è uno spunto per anche un lavoro parlamentare e il resto che
Già data vere allora
Salito Talbi Presidente unità migranti Italia e chiederei agli onorevoli Mazzucca salvo al disse vogliono
Se mi fa piacere dire due paroline
E poi degli interventi
Interventi se
Con anche delle risposte magari di chi pregherei chi vuole intervenire chi vuole intervenire di di dire a chi rivolge una domanda e poi le conclusioni ovviamente di serena Gian faldoni
E se sua Eccellenza permette anche di sua Eccellenza due parole conclusive
Prego sedotto star bene
Ringrazio
Prima di tutto vorrei io porto un'esperienza di un
L'immigrato da quindici anni sul territorio italiano e vorrei iniziare prima di tutto
Dalla mia esperienza è piccola di una durata di quindici anni
Però è una
è un'esperienza a dir
A dir il vero
Che ha di tutto io ho vissuto ha un po'di tutto sono arrivato
E sotto un TIR
Da clandestino oggi sono
Un operaio diciamo del comune di Pisa e presidenti di unità migranti in Italia
Unità migranti in Italia etico in due parole
Unità migranti in Italia
L'importanza del linguaggio
E quello che ci ha fatto pensare che
Sono danni a mettere in piedi una cosa che ci siamo unità migranti comunità per noi l'unità fa forza
E unire
Diverse comunità diversi attivisti di diverse comunità perché i primi tre anni sinceramente io non capivo niente ero disegno disorientato
Poi ho iniziato a fare i primi corsi di di lingua italiana
Dove praticamente vedevo altri ragazzi di altre nazionalità no vicino a me insomma c'era il fine provenienti dalla sia da
Insomma da diversi partiti ricevevo il panico CEE e gli dicevo ma invece è un pregiudizio
Quelle quel pensiero Illy
Ma ha portato diciamo a chiedere a questi altri Agazzi che avevo accanto questo dodici anni fa
Chiamateli come sei arrivato nei racconti
E fu un ragazzo del venga desti purché vi fa sei De io sono arrivato a piedi il mio viaggio durato un anno il tuo a quanto è durato io lo faccio una settimana sotto antiromana niente pentiti male è un anno
Insieme a chiedere a tutti o dell'altra e scusami matte matte matte
E lineamenti mi sono sentito piccolissimo cioè nel senso
Dicevo perché li guardavo c'era quello sguardo che PCI ma questo già cioè chissà che che storia insomma ero curioso se no non lo facevo a sedici anni infilavo sotto un TIR redivivo via non sapendo dove
Dove c'è dove dove andavo perché non sapevo dove
Dove
Tre andavo a finire
Però c'è poi col col passare del tempo io mi considero anche fortunato perché ho trovato chi mi ha dato la mano
Per faresti corsi di di italiano trovato che il mandato la mano permette per alla per lavorare e ho trovato associazioni attivi dove sono riuscito a fare volontariato inizialmente i pesci
Un po'il mediatori culturali insomma con quel poco viaria voterò
Di fronte alla devo esitante gli abbiamo letto tre e cioè che il professor insomma io
Sono i sull'arabo la metà sono anche lì alla cattiveria
Erano altri tempi quanto studiavano loro e Lara povero poi quello che lei abbia un suo cioè subita da generazioni mia tutta un'altra cosa comunque non fatte queste che con il passaggio col passare del tempo frequentando
Sempre di più un po'di tutto il mondo corri usandoli ciascuno di loro
Buongiorno nel due mila dieci ci siamo detti in poi tutti quanti perché non ci mettiamo insieme
E ragioniamo cosa possiamo fare ma lo facciamo però con un linguaggio comprensibile linguaggio semplici in qualche niente formalità perché non c'abbiamo i bisogni della formalità
Vedete i dati ci ha portato a formalità insomma che abbiamo iniziato a ragionare ecco in quel modo lì
E ci siamo detti ci uniamo quindi unità Lolita fa forza con con la forza diciamo della nostra unità abbiamo creato un dialogo costruttivo
è quel dialogo costruttivo ci ha portato a mettere in piedi una piccola associazioni che attualmente noi c'è dieci nazionalità che ci stanno dentro in questo momento
Ci auto che abbiamo una piccola nazione unita vera
Cioè perché veramente di quello che stiamo cercando di fare e oltre uno degli obiettivi nostro è quello di promuovere
Un
Di promuovere un certi valori che sono stati dimenticati
Di perché poi per noi per me personalmente
L'Italia l'Italia ha un grande Paese ANAS un Paese di una grande storia l'Italia io amo l'Italia e perciò ci sto e siccome son passato anche in altri Paesi qui vicino nelle vicinanza
Io lotto e lotterò sempre contro la chiusura
Ecco noi cioè le chiusure delle comunità che vedo soprattutto in francese anche perché ha fatto un sacco di giri facevo tantissimo parenti la giù
E vedevo che mi dicevano tipo sei non andare nel quartiere di Tizio perché è quello dell'algerini e a quello dei marocchini e quello che
Questa cosa qui in Italia e non deve accadere nessuno se si deve permettere e noi CEE
Saremo diciamo molto severi
Su questo
Cioè all'interno delle nostre comunità faremo di tutto
Chi non non venga non vengano chiusura da parte nostra e batteremo col dialogo e i pregiudizi che vengano sollevati sulle migrazioni
Avevo
E capitato diciamo
Cinque sei anni fa
In una presentazione di un libro a Pisa ha un contratto
La professoressa serena diciamo un faldone che mi ha guardato e mi fa io voglio fare il festival ed io mi faccio appello beni decisoria
E da quel momento e li abbiamo iniziato insieme la collaborazione di lunga e che le ringrazio veramente per questa opportunità e spero che ci insegnano altri perché c'è tanto tanto bisogni dialogo
E vi ringrazio
Grazie
Grazie a lei
Le parole che lei
L'immagine che lei ha richiamato
Mi fa venire alla mente
Gli studi di di di fare Cristaldi lo spazio condiviso ecco uno spazio abbiamo
Descritto uno spazio segregato uno stralcio diviso io credo che dobbiamo
Dobbiamo lavorare nel nostro Paese affinché
Vi sia uno spazio condiviso nel dialogo e nella conoscenza dell'altro non
Credo che in questo onorevole Servodio generosa Boldi possa
Darci un contributo più pregnante io mi fermo qui ma sono convinto che
Di fronte di fronte alle sfide che abbiamo la politica anche i tecnici del
Dell'urbanistica dell'architettura debbano essere
Preparati a a costruire spazi condivisi
Buonasera parto proprio da queste parole no e da questa scritta che sta quindi il luogo in cui siamo c'è un concetto fondamentale che mi preme e che è importante che è questo
La politica a la presunzione e l'arroganza
Di pulirla risolvere i problemi ma c'è di peggio
Sono molti legati ad una visione della vita lo cultura politicamente corretta
Che sono convinti gli italiani sono position Testoni son brutti e cattivi razzisti cosa che io non credo io non credo popolo italiano si è così
Credo che il popolo italiano un popolo accogliente
Ma che sono convinti che
Comportamenti atteggiamenti in modi di pensare spingo agio come è stato detto che non sono accettabili li si possa come dire reprimere con la legge
Gli italiani penso lo prese bene facciamo una legge contro questo gli italiani fanno
Allora mettiamo sanzioniamo con la legge più severa con punizioni più pesante
E la cosa più stupida e più inutile che si possa fare per cui io da un po'di tempo ho in mente l'idea che per quanto riguarda l'accoglienza
Bisogna passare dalla politica dell'accoglienza alla pedagogia dell'accoglienza no
E mi sembra che questo libro come dire possa dare un contributo in questo senso ma è un cambiamento forte da fare
Passare alla pedagogia e poi in cui c'è il discorso del linguaggio in cui c'è il discorso del perché certi termini vengono visti in un certo modo ma come come potranno essere capiti i fenomeni dell'Islam da un mondo dei mass media che
In gran parte indifferente all'idea di Dio di fede di religione bel problema hanno uno può pensarla come vuole ma è è una bella
Non solo la politica nonne
La la la via per risolvere questi problemi si può servire naturalmente ma non è la strada maestra ed è inutile se non c'è la pedagogia prima l'altra idea è che
Dobbiamo passare da un atteggiamento ancora qui supponente e presuntuoso della visione del mondo politicamente corretta al vedere la storia con l'occhio di verità
Se non mi hanno male informato il melting pot americano che è stato tanto celebrato
Viene abbandonato quando i soggetti che vivono quelle realtà
Possono abbandonarlo è brutto doloroso
è quello che diceva adesso scusa ricordo il nome salito no
Se vai a Parigi attento che là c'è non i bianchi o i neri noi i bianchi o gli arabi attento che la c'è il gruppo marocchino attento che la c'è il gruppo algerino
Lo vogliamo vogliamo prendere atto di questo o vogliamo costringere perché se noi continuiamo a fingere no non troviamo la strada giusta per uscirne
In questa direzione io faccio alcune affermazioni per cui mi si dice Massa tolti è diventato di testa
Ma cos'è è diventato siccome su un dal nord è diventato leghista allora mi tocca dire una cosa non per mio vanto ma per far capire che cosa sta nel mio pensiero io ho un fratello prete insieme abbiamo
Su un nel nord un appartamento che diamo in cui ospitiamo una famiglia di marocchini no
E li ospitiamo volentieri e quando c'è il Natale non pagano perché è una festa quando c'è Pasqua non pagano quando c'è il Ramadan non pagano cioè non lo paghiamo noi che dice a chi non paga no
Eccetera eccetera alla fine loro vivono dallo voi tranquillamente no lo dico per dire che questo è l'atteggiamento di uno di me e di mio fratello che abbiamo questo atteggiamento ma io non voglio mai più
Come dire
Usare la categoria del politicamente corretto io la verità la voglio quello che riesco a capire perdonate
Quello che riesco a capire dalla verità la voglio guardare in faccia non voglio negare le realtà dolorose le realtà pesanti le realtà
Che come dire
Con cui devo fare i conti perché se non ci faccia i conti che nasconde sotto il tappeto e vado avanti mi illudo
E ritrovo poi nelle mie terre quelli che sanno abbiano ferocemente perché si sentono costretti per
OP legis no per forza della legge
A a agire da pensare
E non è così invece bisogna passare attraverso le contraddizioni le difficoltà le sofferenze
Per arrivare poi ha davvero integrazioni perché siccome la base del popolo italiano è un popolo secondo me poi qualcuno potrà negarlo fondamentalmente accogliente
Ma non lo devi prendere in giro non gli devi dire le bugie non li devi dire che l'integrazione in Europa dall'Olanda allontana a Parigi è fallita
Vogliamo dire che ha funzionato vogliamo dire che alla verità vogliamo dire che la cosa buona o non lo è
Poi ma fingiamo di non vederlo e io non sono razzista quando dico questo io dico la via della ricerca della verità scusate prima ho detto De Rita l'entusiasmo
De della lettura dei fenomeni storici e sociali con l'occhio di verità
è essenziali però arrivarvi assegnandoci il metodo del politicamente corretto come quando si diceva prima qualcuno i diversamente abili un diversamente abile a me la volta letto se qualcuno mi chiamo diversamente abile
Perché allora le gambe però la mano ce l'ho uno schiaffone glielo do a quello no ma ecco vogliamo dire noi
Non dobbiamo scherzare con le cose non per rinunciare non per rifiutare ma per riuscire davvero ad andare al cuore dei problemi e da risolvere mi fermo qui perché sono segni entusiasmo nell'incontro per cose da dire ecco basta così grazie
Grazie
Grazie regole la zucca
Io ringrazio intanto serena Giorgia faldoni perché sto libro che non ho letto ma che adesso andrò subito al tecnici R. per gli stimoli e lei indicazioni che ho ricevuto veramente di grande livello ringrazio che tutti i relatori che hanno parlato prima
Vorrei dire due parole sui giovani e sui diritti
Allora
La grande stagione dei diritti e quella di secoli scorsi poi si sono affinati i diritti siamo arrivati ed al diritti umani ma
Parliamo dei giovani italiani cosa hanno capito del diritto hanno capito il loro diritto i loro diritti
Non ci pensano proprio ai diritti degli altri la gran parte molti ragazzi invece son bravissimi quelli che fanno gli scout ma anche quelli che si impegnano in nel volontariato e sono tanti
Diciamo una metà ha capito un'altra metà non ha capito ha fatto allora cosa facciamo noi dicono il mondo degli adulti per farglielo capire la televisione parla mai dei diritti degli altri no
Parla sempre soltanto del diritto tutte quelle trasmissioni prevedete finti tribunali no con uno contro l'altro per il proprio diritto
Uno per i propri lato peraltro proprio diritto ma il diritto degli altri del rispetto di quello degli altri non ci facciamo carico assolutamente né in televisione età un poco nel tuo EBA che tra l'altro è in mano ai giovani
E allora
E non sempre ai migliori a quelli che proprio trovano nella Rete la possibilità di non agire nessun tipo di controllo e quindi di poter sfogare quella loro
Sbagliata assurda e mostruosa concezione del diritto cioè io
Ho diritto di dire atteso che sei brutta cattiva storta diversa eccetera eccetera etimo metto a fare niente perché sulla rete tu non mi puoi fare niente
Forse bisogna che
Noi tutti dicono voi io non son più deputato da un po'di legislatura e mi dispiace perché minimi metro don le mani del del del del ponte del dover fare no
Però sono presidente del club UNESCO di Roma e quindi attraverso la cultura almeno
Altra verso la cultura cercare di far passare
Questa responsabilità per gli adulti la responsabilità di insegnare veramente cosa significa la parola diritto che non è soltanto a senso unico ma è anzi è soprattutto al verso l'esterno e non verso l'interno
Ma anche per per impellente di cittadini di grandi di far capire loro la responsabilità il duca attiva che c'è a tutti i livelli non soltanto nella scuola
Ma anche in tutti i luoghi dove ognuno esplica la propria attività sia professionale ma soprattutto nel mondo dell'informazione e nel mondo che ha rapporti con con l'altro questo è quello cioè cerchiamo di fare e speriamo di poterlo fare bene
Altri onorevoli grazie per il contributo che continua andare anche per quello che ha dato che ha lasciato il primo qui l'Aula di Montecitorio adesso
Chiedo se aveva già faldoni di venire qui mentre preparano delle riflessioni dopante dottor Cascino mi sembra dottoressa Guerra o sbaglio
Per uno
Prego dottor Ciro sale prove di reato

Dunque io non
Sono estraneo a dare
Questo mondo tecnico molto tecnico del
Ma sono lo ha fatto il dirigente dell'azienda la mia vita ad es mi occupo
Il tempo quasi pieno di politiche sono accorso questo quest'incontro I ringrazio Lattanzio per avermi invitata
Perché il tema lo ritengo essenziale
Una brevissima considerazione di carattere generale poi un invito una preghiera guai voi sì mica
La riflessione di carattere generale e
Il peso che ha
Che hanno le parole
Cioè si è per uno dei modi si parla tanto di crisi lavori di
Una delle morti in una delle ragioni della crisi della politica
E l'uso
Pensi lei parlava di abuso no senza alcun rigore lei diceva semantica
Delle delle parole
Lei ha portato un esempio molto fiamme anche a me molte volte ho citato quello che la tolleranza analogo tolleranza comma una grande un grande valore quando significa sopportare io ti sopporto io titoli
In italiano significa questo aumentare un grande valore idee che esprima un grande allora il rapporto tra
Due persone oltre ai gruppi eccetera tolleranza
Potrei portarvi altri esempi
Ci sono io ho vissuto ora
Ho contribuito vissuto processi per esempio di scomposizioni norme unificazione per cui
Unire unificare vengono sono due verbi in Italia due parole che in Italia e in italiano significa due cose totalmente diverso che si usano come sinonimi
Usa le culture si uniscono
Rimangano
Le organizzazioni si unifica
Edema molto spesso si fa il contrario
In questi processi si è scontrato avuto qualcuno ha scoperto che contaminarsi era una cosa bonis bellissima
Bisognava contaminarsi
Senza di sei contaminazione italiana significa prendersi una malattia per contatto
E sembra diceva Bernato questa delle voi farete no commosso così che non ha portato conseguenze cioè soggetti che si sono uniti e si sono scambiati subito i difetti
No sono uniti per che dovevano scambiarsi le virtù invece si sono scambiati difetti subito
A forza di dire che contaminarsi una cosa buona in
Il gli esempi potrebbero potrebbero continuare
Vengo alla cosa che mi sta molto più a cuore io fra le parole che io ovviamente non no mi scusi offrono lette libere
Male tassare le tante parole che ho ascoltato anche quelli suggeriti come possibili aggiunte
No no non ne ho ascoltato una è che
Secondo me sul tema
Dell'integrazione immigrazione del fenomeno della globalizzazione
è fondamentale
Ed è qui se io da tempo sto pensando la modernità in politica si è aperta all'insegna di tre Tarolli
Che nessuno sono stati urlate duecento anni fa retto
E dall'idea libertà e procedere a una terza
Scene era una terza norme che avrei per riti le monete IPA e gli erano gli anti pattisti ero io rivoluzionari che hanno
Usato tre parole
La cancellazione immediata della terza età
Ha portato a mio avviso
Un due conseguenze gravissime
La prima è che le prime due
Eguaglianza e libertà invece di andare insieme di progredire e si è assentato in conflitto almeno stando adesso io non sono uno storico ma non mi pare che ci siano stati tempi seri
Di pare mettiti forze politiche europee di mettere insieme le tre parole farle crescere armonicamente insieme
Non mi pare forse la prima parte della nostra Costituzione è un un'eccezione è la prima parte dalla Costituzione
Per cui prima conseguenze uguaglianza illibertà invece di progredire insieme se entrare in conflitto il mondo si è spaccata almeno nel secondo dopoguerra in poi si è spaccato
Come sappiamo adesso in crisi prima vent'anni cinque anni fa entrare in crisi un mondo che
Puntava tutto sull'eguaglianza imposta dall'alto dall'altra e verso il bus
E oggi crollata l'altra l'altro muro è crollato riuscendo a lei l'idea del mercato risolve tutti i problemi gli Stati se ecco la ragione siamo di fronte al secondo crollo
La seconda conseguenza della cancellazione della terza parola
Che io faccio quasi fatica a pronunciare perché sembra polemica sembra riservata al campo del sacro del religioso
E
è
è da lì propria ma provengono tutte e tre Maritain c'è scritto un libro sopra che tutte e tre provengono da lire comunque quella soprattutto quella
Soprattutto quella
Senza quella le altre due non hanno non le spieghi perché dovremmo essere uguale sulle in un mondo in cui lasciamo tutto diverso i maschi femmine intelligenti
E su vivi ricchi poveri cimeli gialli Rinieri perché dovremmo essere uguali
Per il quale è il motivo perché dobbiamo dell'eguaglianza e dall'altra parte in un mondo in cui la vita è vista come una grande gara in cui
Quello che conta è vincere l'altro è
Nella migliore delle ipotesi o che va tollerato
Ha sopportato ma è un concorrente ed è la migliore del mondo studio abbia costretto dovrei io rispettare magari per bon ton
La libertà dell'altro ma dovrei anche favorire lato equa
Viene vengono meno scaturito mio invito a votare il mio invito è di ricordarsi di quella terza parola senza la quale
I processi di integrazione
Di
Che fece non si risolverà Bari
Figlia che non si prende atto che ormai esiste soprattutto per effettuare la globalizzazione dello sviluppo
Tecnologico ormai uno mondo unificato dal da questi
Senza sentimento di famiglia umana
Che si apparteniamo tutti ad una stessa famiglia umana i problemi non li chiudo ristretto tempo mai scusate che sa
Fraternità o fratellanza che non sono sinonimi attenzione
Fraterni temi
La fratellanza il vincolo di sangue
La fraternità è un sentimento che assomiglia al a quello che dovrebbe intercorrere
Ed è fra i fratelli di sangue
Con tutto il dramma che c'è dietro perché nel racconto biblico do inizia con due fratelli buona Marsala altrove non è che è uno scherzo la fratellanza Annalena è un buon serbo Remo sebbene questi siano e dottor Franco Torchia girare due-tre volte del falso e credo
Che ci sono le basi per una
Però prossima riflessione quindi
Cui inviteremo anche
Dottor vi porto
Altre avete più il ritiene
Ricorda a breve domanda la dottoressa Guerra
Buonasera io non ho avuto ancora il piacere di leggere il libro però volevo chiederei se tra gli specialisti
Chi hanno collaborato ci sono anche specialisti dell'arte della cultura e della musica perché questo è un linguaggio di parole
Che alla sua tonalità alla sua sensibilità molto importante io sono
Un
Specializzati in archeologia storiella consumarne qui me lo sono chiesto per questo grazie
Grazie bene
Se
Le domande non hanno stimolato un esposto io e qualcuno dei relatori
Potrebbe fare una breve replica rosso se qualcuno vuole fare una breve replica
Prego
Dati da lì dal posto per servigio
Per il testo il libro fondamentali idriche diventi uno strumento non so
Professor Fitoussi si stesse imprese da dei dicevo io ne devo andare in anche in Francia perché importante però è uno strumento a a vari chiavi di interpretazione si può interpretare in vari modi quindi al
E poi lascio la lascio
La professoressa se nella da faldoni di di di diritti ovviamente di di di di fare il suo ragionamento però io volevo solo diritto d'asilo mi sono dimenticato di dire che
Va sicuramente anche a livelli diversi Dario i stimolarlo anche a livello internazionale mi sembra un ottimo lavoro sto leggendo perché
Io per prudenza finché non finisco i miei testi non vi non mi pronuncio a un difetto
Professionale di formazione grazie professore chiudo scusa al piede
L'asilo suoli professoressa Longo non sono molto stimolata dall'intervento del dottor Cascino è vero perché anch'io mi sono chiesta
Questa fraternità e come funzionale io lo risolta vicino al microfono per esempio non risolta con le ultime parole che lui ha detto la famiglia umana qui non è che il problema della fratellanza o della fraternità fraternità insomma lì c'è da discutere
Effettivamente è una bella intenzione ma non funziona nella realtà
Mentre il riferimento alla famiglia umana che è nella
Nel
Nel proprio nella parte introduttiva della Dichiarazione universale dei diritti umani
Proprio dice che tutti sopra come membri della famiglia umana
Noi abbiamo diciamo un vizio una patologia culturale
Lo ripeto per la seconda volta di svilire le parole a furia di ripeterle praticamente membro della famiglia umana sembra una cosa retorica
Invece io credo che siccome questa dichiarazione è stata fatta sulle ceneri della seconda guerra mondiale di cinquantacinque milioni di morti nel nel dopoguerra
Ci hanno pensato bene a dire come membri della famiglia umana membri della famiglia umana io saprei anche la la
La parola però qui è troppo breve il termine che il tempo per cui non la dico però il senza Henze ammende perché nel far parte del merci fare riferimento alla famiglia umana
Noi facciamo riferimento anche alle diversità che convivono nella realtà allora nella famiglia c'è uno bello c'erano brutto cioè intelligente c'è uno che ha portato alla matematica una portato per la musica cioè
Convivono le diversità
Con un orientamento di base fondamentale che è quello che quello che capita uno sei buono è buono per tutti quello che capita uno sette articoli e male per tutti c'è quindi anche una condivisione di destini ecco su queste solo l'inizio
Poi si potrebbe andare avanti a lungo
Grazie grazie grazie professoressa qualche altra considerazione breve molto velocemente
Prego
No voleva dire una breve conferma che aveva detto
Di signor Sannino
No nelle è una domanda che semplicemente quando ha detto che
Si è parlato e di doveva l'immigrato non
Costretto a volte dalle guerre ma si
Si dimentica volte anche il fatto che siano costretti da
Dalla povertà
Vengono
Perché
Io lavoro nella tratta davvero per le ragazze e nigeriane del mese d'Europa perciò molte di queste era
Anzi finiscono qui non per volontà propria o molte avvengono per volontà propria pensando che
Viene a fare un lavoro e poi si ritrova nella schiavitù
E si trova nella tratta degli esseri umani e c'era
Ci tenevo molto a quando lei ha detto questa cosa no che è vera perché chi viene data dai paesi del regista disse ci sono le guerre
Si stanno comunque altre persone che vengono dai paesi
E dove magari ci sono anche risorse ma che loro piena di famiglie assolutamente poveretti
Grazie qualche ora per la costituzione prego
Anzitutto buona sera
E non non so niente del libro si sono invitato dalla signora sentenza dona Sicilia
Sono studente universitario a Genova giurisprudenza ma ora non non parlo nell'ambito giuridico ovviamente volevo dal soltanto un po'dicendo alla locuzione della signora
Nel differimento del diritto ai giovani praticamente
Perché anzitutto
Questo non è una domanda mai ciò che io vorrei
Da che nel libro fosse aggiunto perché abbiamo parlato abbiamo sentiti ovviamente a buon intenditore a buon intenditore poche parole ma abbiamo sentiti chiaramente
Che
E l'uso delle parole può essere pesante una pesante
Ma tutt'altro senso
Di linguaggio e tutt'altro che non abbiamo capito e quello del silenzio
Io volevo sapere se nell'Ivo Rossi e anche del silenzio
Perché perché
Lo dico per una sincera realtà
Perché
Vediamo nell'immigrato antiche o per fortuna sono arrivato nel muro recente c'è il picco dignitosamente
Grazie grazie al mio stato grazie al mio fratello grazie a tutto quanto
Però nell'arrivare quanto
Ad esempio noi è un prestigio arrivare in Italia
Però coloro che possono parlarlo chiaramente son pochi ovviamente questo sarà per mancanza di informazione tutto quanto per non allungare
Ci sono quelli che soffrono in silenzio ci sono quelli
Che
Nell'immigrazione arrivare in Italia hanno perso la vita ci sono quelli che non riescono proprio neanche a rendersi conto della vita proprio di questo
Però per quello che io vorrei che magari
Magari c'è nel libro ma non ho letto però
Anzi mi congratulo con tutta questa buona intenzione che veramente
Una cosa del Maione di maggiore importanza perché è questo urge pur se in questo ambito nostro
E poi nel diritto concludo
Che oltre oltre l'abuso del diritto abbiamo altri due concetti in diritto per quelli che praticano diritto ovviamente visto che siamo qua
Non per
Non per non per criticare né né fare allusioni INEA io voglio qui ricordare che nel diritto si parla anche del buonsenso cioè buona fede che vuol dire correttezza
Allora questa correttezza impone rispetto
Con questo concludo
Grazie
Professore sulle poltrone parecchi scivoli mi sembra corretto prego
Dunque
Io sono molto contenta di essere qua ringrazio Gianni della squisita ospitalità ringrazio tutti i relatori che mi hanno
Preceduto e gli stimoli sono tanti e sono importanti
In questo testo nasce da un lavoro lungo che durato più di tre anni
Circa due anni e mezzo fa tre anni fa ho mandato mail a tutti i professori d'Italia di tutte le discipline che poteva perché io vissi interessavano di
Materie
A confine con argomenti interculturali
E
Mi hanno risposto in centoventi centoventi professori che hanno disponibilità
Collaborare a trovare una una voce da definire su cui riflettere
Poi per motivi di tempo ho dovuto stringere era fine sono solamente questi solamente fino a un certo punto perché sono tanti e sono proprio bravi questi professori hanno dato dei contributi secondo me che hanno lasciato un segno
Io sono molto orgogliosa vero fatto questo testo peccato perché ho avuto l'opportunità di conoscere le persone
Che non si firmano al concetto di cultura
Intesa come cultura accademica che rimane nelle aule
Mi ha particolarmente colpito il contributo della estremista Gioia De Cristofaro Longo perché non esattamente tranne che avrei voluto diventino
C'è un abuso di tanti termini e c'è l'abuso del
Di cosa significa veramente cultura se la cultura rimane un po'ingessata se rimane in ambito accademie con i libri
Se serve solamente per prendere un titolo ma non si fa cultura carne diciamo
Allora sono è fine a se stessa e infatti questo testo vuole andare oltre questa definizione di cultura ho cercato di coinvolgere studiosi di varie discipline
Di
Veramente di tante materie diverse e avrei avevo già contattato per rispondere a dottoressa Guerra anche docenti di materie letterarie però non ce l'hanno fatta con i loro tenti
Però mi hanno promesso per la seconda parte del di questo progetto di dare un contributo
Credo che sia questo uno degli obiettivi raggiunti quello di fare attività di networking e andremo avanti su questo
Ed è necessario che i docenti gli e Sperti coloro che si occupa di tematiche interculturali interreligiosa intera un contatto e facciano qualcosa insieme sappiano anche che esistono studi che magari non conoscono e collaborare insieme
Ovviamente non ha solo finalità accademiche da oltre e può essere uno strumento pere indicare nuove prassi
Perché la cultura ripeto se non indica delle buone prassi gli strumenti
Superamento imposte le
E il fatto di combattere l'abuso di termini è fondamentale la stampa l'informazione in questo secondo me ha un compito che è essenziale che su questo si deve lavorare anche qua doppiamente
E tutto può contribuire a quello che oggi si chiama gestione dei conflitti interculturale e interreligioso sì che al di là dei termini che in realtà significa una cosa molto semplice
Che la vita quotidiana nella semplicità di fatti quotidiani Sempre più entriamo in contatto con persone che vengono da culture diverse
Che aderiscono decreti diverso delle sedi diverse ed è naturale che nascano dei conflitti perché siamo tutti diversi nella voglio semente diversi nella diversità ovviamente nascono in conflitti
Ora
Parole ce ne sono tante ma ce ne sarebbero altre a me piace il nome della sua associazione nome del titolo di oggi dialogo
Che non è solamente relegato
Antelmi a Campo interreligioso perché il dialogo ben dimostra cosa c'è in gioco DIA Logos qui stiamo parlando è qualcosa che ci interpella che c'entra dentro ci attraversa ci lascia un segno
I mi piace molto anche la parola educazione
Dove si parla della necessità proprio di
Tirar fuori di ex Duce di
In qualche modo condurre anche persone che magari in questo momento hanno del di pregiudizi che hanno delle paure e far capire che poi in fondo in fondo
Conciso non queste paure non sono poi così motivate e bella sarebbe anche la parola ristretto
Prestissimo guardare con attenzione di guardare quindi il lavoro da fare dal punto di vista lessicale è grande ed è un lavoro serio perché permette di fermarsi un attimo siamo sempre troppo di fretta
Sì io sono le parole senza pensare più di tanto vece fermarsi anche a capire il contenuto le parole e all'azione che
Secondo me
Veramente utile a dei ci ha raggiunto degli obiettivi concreti e questo va fatto anche nel mondo della scuola sicuramente la formazione essenziale

Dare
Dei bambini delle medie dell'Islam
Però molto interessati quello che manca anche l'istruzione si
Infatti ambo i popoli
Sì e ora evidente che
Stanno cambiando le cose quindi è impossibile fermare un percorso che
Che sta avvenendo perché dovremmo fermarlo quindi la quotidianità ci chiamati in causa tutti i giorni
I sopra la FIFA migliore non solo di politica famiglia che mandano i figli a scuola dove ci sono meta delle classi dei nidi dove ci sono bambini provenienti da altre culture il vicino di casa
Cioè il sto parlando proprio di fatti molto semplici in cui gli inquilini è necessario anche imparano a competenza comunicativa
Perché non è scontato pensare che i nostri sistemi di riferimento siano gli stessi sembra banale ma per il lavoro grosso
Eppure nonostante questo ci sono dei grossi riserve grosse riserve non parlo del diciamo degli apocalittici che in qualche modo richiamavo shock culturale alla alle paura di perdere tutto
Però le paure ci sono
Ora io parto sempre da un presupposto che la paura è un sentimento naturale la paura va vissuta ma saputa vivere bisogna capire cosa c'è dietro la paura
Sì sì mettono dei Pretty se non si fanno parlare le persone che hanno paura non capiamo magari come agire quindi io sono per l'ascoltare tutti sono per ascoltare anche chi ha dei
Diciamo dei pregiudizi ascoltare significa ascoltare significa proprio cercare di capire motivazioni
Perché indietro c'è proprio spesso la paura di perdere qualcosa che è importante la qualità della tradizione
Tradizione anche l'etimologia no tratto trattare consegnare qualcosa che che è stato trasmesso che perché è importante e vincolante fondamentale e il diverso il nuovo
Chi evoca alla paura che tutte della tua identità allora di fronte a questo non facciamo banalità cerchiamo di anche di ai comprendere
Che non bisogna essere cioè non bisogna chiudersi anche noi alla di alla
Alla alla chiusura a chi ha chiuso però
Ecco come del resto è stato
No buonismo assolutamente no no buonismo ipocrisia perché l'ipocrisia sottende che c'è un giudizio nascosto Maccia
No all'ideologismo falsato no alla a quello che potrebbe essere l'atteggiamento sei avuto dialogico un dialogo che sembra che ci sia ma in realtà sopportazione
E a quella che si può chiamare anche retorica del dialogo perché il dialogo può alla fine affatto di incontro
Ecco io vorrei di tutti questi discorsi poiché è ovvio che c'è l'ASP cioè l'educazione il principio di porsi è la prassi c'è l'azione ci sono persone che sono state chiamate per fare per agire
è ovvio che ci sono persone chiamate per formare e secondo me deve essere un lavoro fatto in tanti a me
E su entrambi questi fronti bisogna lavorare profondamente a me piace pensare che può alla fine comunque un processo che nasce molto dal basso le istituzioni possono fare tanto
Però ecco io vanno curate le relazioni interpersonali è un io produco penso che tutti per veramente fare una concreta in diciamo intercultura come si dice
è importante ad un atteggiamento ideale anche infantile in famiglia in senso proprio del bambino l'atteggiamento aperto un atteggiamento giovane di chi
Casca si rialza di chi sbaglia riammettere risvegliato e questo è una cosa che
Sì mi può dire anche l'atteggiamento di umiltà
L'umiltà di chi
Concepisce anche di essere di aver sbagliato che qualcuno ti riprenda
Non è da tutti questo atteggiamento di apertura Delchiappo alla fine apertura o chiusura incontro scontro e anche lì etimologia incontra ex scontra
Alla fine la scelte andare verso o allontanarsi dall'altro
Quindi
Non fermarsi alla cultura è sicuramente una strada andare io oltre la cultura uno concretizzare la cultura ma anche concretizzare la relazione consentendo con delle operazioni semplici anche
Che persone di varie culture religioni si incontrino per poi scoprire
Che siamo uomini mi raccontava un un ragazzo lo studente insomma dice io sono stato a un incontro che fu quella Rini e dice sono rimasto colpito perché parlavo con un marocchino della sua famiglia le parlava della moglie diceva di con gli stessi problemi ecco
Parlare con
Persone di altre culture scopi dell'umanità che c'è dentro la condivisione nella semplicità e e questa capacità di ascolto che significa quindi curiosità curiosità
Fantasia spontaneità anche non essere troppo ingessati sicuramente i ruoli posso necessari io partirei dal basso dall'alto sicuramente posso sapere questo
Movimento una forma di rivoluzione sono né culturale
E però ecco tutto questo parte da un desiderio da volere cambiare bisogna volere l'integrazione queste paure devono in qualche modo essere
Diciamo condotte sono stata adesso a Barletta c'era un convegno dell'UNESCO e si parlava di cultura e pace
E tante persone parlavano di integrazione raccontava vece ma io
Iotti ne risente parliamoci chiaro e delle riserve ottanta e talune
Però ecco il fatto stesso che le occasioni anche piccole
Sono importanti a cui io non voglio trattenervi oltre però penso che uno forse l'ultimo una l'ultima cosa che mi piace ricordare che tutelare il proprio il pluralismo significa anche con
Testualmente tutelare quelli che sono i fondamenti non sto parlando di fondamentalismo sto parlando di avere il rispetto delle identità locali rispetto delle Regioni non si pretende di fare un minestrone qua
Nel senso io penso che
Il fondamento ciò che per me importante non ciò che ci ha creato c'era formato i nostri cortili e non so se accede appartenenza non significa che se eliminiamo andiamo più d'accordo con l'altro quindi la una reale integrazione parte da rispetto dell'altro e più
Si rispetta anche diciamo nel suo complesso questo fondamento se non è il maggiore maggiormente il dialogo funziona un dialogo che porto dare buoni frutti
Grazie serena grazie per il lavoro che c'hai offerto tramite la tua fatica intellettuale attraverso questo questo libro che sarà sicuramente uno strumento prezioso sia
Per l'ambiente politico sia per degli operatori e ti ringraziamo sin d'ora anche per l'azione che vorrei porre
Ad un
A alle cose che sono state dette mettendo in opera un si muovono lavoro mentre ti ringraziamo cedo la parola a sua Eccellenza
Sessismo ed ho anche per di saluto conclusivo
Scomposizione le indicazioni io spero
Tenne venivano appare Apollinaire Larry
Il comprendersi diverso in un momento il settore trasmissive ne spagnola
Ebbene
Grazie e arrivederci al prossimo lavoro di Serena già pronto