09APR2014

Collegamento con David Carretta sul giudizio della Commissione Ue in merito al Documento di Economia e Finanza 2014 (DEF) presentato dal Governo italiano

COLLEGAMENTO | di Sonia Martina Radio - 13:06. Durata: 4 min 49 sec

Player
Registrazione audio di "Collegamento con David Carretta sul giudizio della Commissione Ue in merito al Documento di Economia e Finanza 2014 (DEF) presentato dal Governo italiano", registrato mercoledì 9 aprile 2014 alle 13:06.

Sono intervenuti: David Carretta (corrispondente di Radio Radicale dal Parlamento Europeo).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Amministrazione, Banche, Commissione Ue, Deficit, Economia, Energia, Europa, Finanza Pubblica, Germania, Giornali, Governo, Informazione, Italia, Mercato, Politica, Privatizzazioni, Putin, Referendum, Rehn, Riforme, Russia, Sanzioni,
Secessione, Spesa Pubblica, Ucraina.

La registrazione audio ha una durata di 4 minuti.

leggi tutto

riduci

13:06

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Adesso veniamo alte perché allora innanzitutto c'era una precisazione stamane da Palazzo Chigi fonte di Palazzo Chigi hanno precisato che i testi del desse pubblicati da alcuni media sono bozze precedenti alla versione definitiva e quindi non affidabile il testo definitivo verrà pubblicato sul
Sito del Governo le dichiarazioni poi sono tantissime ma intanto Bruxelles alla Commissione europea ha accolto con favore l'accelerazione della di forma in Italia l'intenzione di procedere spediti con privatizzazioni razionalizzazione della spesa e efficienza della pubblica amministrazione così il portavoce Olli Rehn e allora io dopo passo subito la parola a David Carretta
Se il portavoce del Commissario agli Affari economici e monetari ha dato un giudizio complessivamente positivo del documento unto di economia finanza e del programma nazionale di riforme sono soprattutto le misure in termini di riforma deve essere apprezzate dalla Commissione europea e la decisione del Governo Renzi di non parola aumentare il
Tecnici nominale
Oltre il due sei per cento che era previsto da Bruxelles per quest'anno non utilizzare il margine tra il due sei
E il tre che il limite del Patto di stabilità come
Aveva minacciato di fare Matteo Renzi nelle scorse
Settimane rimangono però alcuni problemi innanzitutto il fatto che il Governo abbia deciso di rinviare
Il pareggio di bilancio in termini strutturali al due mila e sedici secondo i dati che sono stati forniti ieri dal ministro dell'economia e dal Presidente
Del consiglio la Commissione europea poco meno di un anno fa aveva raccomandato io aggiungerei loro zero in termini
I deficit strutturale già nel due mila quattordici a novembre aveva raccomandato all'Italia di adottare misure aggiuntive per un valore dello zero virgola cinque per cento del PIL per ridurre questo deficit
Strutturale e i conti non tornano su questo nemmeno con
Il bluff la Commissione a
A annunciato che analizzerà evidentemente approfonditamente il idee il documento quando
Verrà consegnato qui a Bruxelles e e darà un suo giudizio definitivo
In giugno probabilmente il due di giugno quando invierà le prossime raccomandazioni specifiche per ciascun Paese Italia compreso italiani anche su questo punto la pareggio
I bilanci in termini strutturali
Rischia comunque un richiamo sull'altro fronte di cui poi di parlerete più avanti quello del dell'Ucraina i
Gli ambasciatori della del ventotto Paesi l'unione
Europea in questi ore sono riuniti per affrontare una questione particolarmente sensibile l'ipotesi di passare
Alla fase tre delle sanzioni contro la Russia
Dopo che si terrà questo ulteriore escalation nell'Est dell'Ucraina con l'occupazione di parlarci
Del Governo e la proclamazione di una
Repubblica indipendente di Donetsk che l'annuncio di una referendum parla
Secessione
E eventualmente l'ingresso nella Russia ovviamente di ventotto si preparano in qualche modo al peggio
Si parla di sanzioni economiche e finanziarie importanti anche in settori strategici come
Debba anche i mercati finanziari l'energia resta però un problema di fondo è che i ventotto al grande lavoro tecnico che viene fatto su queste ventotto sono direi dice passare o meno questa
Alle tre in caso di ulteriore escalation alcuni Paesi tra cui Italia la Germania sono molto prudenti temono effetti controproducenti
E
Temono anche rappresaglie da parte di Vladimir Putin una una fonte della Commissione ci diceva alla fine nemmeno i Ministri degli esteri possono decidere passare a questa patatrac saranno
I capi di Stato e di Governo a doverlo
Pare nel caso in cui la situazione
In Ucraina dovesse peggiorare ulteriormente
Per ora è tutto se non ci sono domande io istituire la linea