09APR2014
intervista

Intervista a Francesco Boccia sul Documento di Economia e Finanza 2014 (DEF), approvato dal Consiglio dei Ministri

INTERVISTA | di Giovanna Reanda Roma - 00:00. Durata: 3 min 25 sec

Player
"Intervista a Francesco Boccia sul Documento di Economia e Finanza 2014 (DEF), approvato dal Consiglio dei Ministri" realizzata da Giovanna Reanda con Francesco Boccia (deputato, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata mercoledì 9 aprile 2014 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Banca D'italia, Bilancio, Corte Dei Conti, Debito Pubblico, Economia, Europa, Finanza Pubblica, Governo, Italia, Management, Parlamento, Renzi, Spesa Pubblica, Ue.

La registrazione audio ha una durata di 3 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Non Francesco noi centristi neanche una policy di bilancio a Montecitorio parliamo
Attenzionano
Libro dei sogni
No è una manovra chiaramente redistributiva che va
Ora la prova del Parlamento e importante che non ci siano
Tagli lineari questo lo ribadisco anche in questo momento aspettiamo i dati definitivi e poi se ci dovesse essere
Indebitamento strutturale che aumenta un peggioramento debito pubblico bisognerà chiedere
Al Parlamento di esprimersi però non mi fasce relate sta prima li aver visto la manovra
Comunque confermo la valore distributiva che dà un segno molto importante nello al trasferimento di risorse da chi mi ha di più a chi ne deve
Sta dicendo che servirebbe una manovra correttiva nel caso in cui
Quei dati non possiamo fermati
Bello dice
La legge e le dinamiche parlamentari in rapporto alla Commissione se l'indebitamento strutturale peggiore il debito pubblico mentre ci vorrà
Un passaggio parlamentare una manovra correttiva in questo momento però io mi fermerei a giudizio sulla manovra una manovra chiaramente redistributiva che mette soldi in busta paga li prende da chi ha di più quindi penso che sia
Un buon passaggio sul piano politico superare dinamiche parlamentari bisognerà assumersi alcune responsabilità
Dello assumersele il Parlamento
è anche il Governo io mi auguro lo ribadisco non da vita i tagli lineari perché gran parte la manovra coperta dalla spending review
La seconda era il caso dei mandati
Mi fruibile sulle scritture del diverso evidentemente voi non avete ancora
Per
Verso
Proposta al Governo è stato licenziato ieri al Consiglio dei Ministri arriverà in Parlamento in queste ore quando arriverà
Le Commissioni bilancio congiunte Camera e Senato inizieranno le audizioni a partire dal due di prossimo
Saranno ascoltati tutti da
Bankitalia
A Corte dei Conti passando per le parti sociali
E poi tireremo le somme sto sollevando dubbi dico solo che è una manovra redistributiva che in funzione delle caratteristiche
Connesse all'indebitamento strutturali al debito pubblico dovrà passare attraverso un voto
Parlamentare che ha certe caratteristiche tutti conosco e all'ANAS andrà bene
L'Europa andrà bene se i numeri saranno rispettati io penso
Che saranno rispettati il mio Consiglio comunale
Chiedere in ogni caso l'autorizzazione al Parlamento per eventuali manovre correttive successive perché se anche non si dovesse fare questo passaggio sarà necessaria nei prossimi mesi e quindi
è opportuno affrontare il Parlamento in maniera molto trasparente
Quando si fa una manovra redistributiva se anche ci dovessero essere modifiche sui saldi
Si correggono impronte ci si mette la faccia si dice al Parlamento all'Italia e quindi all'Europa che si stare distribuendo e quindi è necessario modificare i saldi non vedo nulla di
Straordinariamente scandaloso senno la necessità di dire come si fa lo ribadisco l'importante è che non lo si faccia con i tagli lineari tutte le altre strade dal taglio I tetti emerge passando per
La redistribuzione attraverso le rendite finanziarie insomma tutte le
Misure che comunque arriveranno con i decreti legge subito dopo però sarebbe sono benvenuto perché redistribuzione