14APR2014
intervista

Intervista a Nicola Morra sulla riforma del Senato

INTERVISTA | di Claudio Landi ROMA - 00:00. Durata: 3 min 45 sec

Player
"Intervista a Nicola Morra sulla riforma del Senato" realizzata da Claudio Landi con Nicola Morra (senatore, già presidente del gruppo M5S).

L'intervista è stata registrata lunedì 14 aprile 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Affari Costituzionali, Camera, Costituzione, Governo, Mafia, Movimento 5 Stelle, Partito Democratico, Politica, Renzi, Riforme, Senato, Voto.

La registrazione audio ha una durata di 3 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale abbiamo da qui con noi Nicola Marancia presidente dei senatori Cinquestelle senatore Morra domani in Commissione affari costituzionali inizia l'iter della riforma del Senato
Sì e domani ci sarà da divertirsi perché in Aula in contemporanea ma voi
Dovremmo lavorare su quattrocentosedici terrei continuità insomma manifestare in modo piuttosto intensa no no io utilizzerò appunto quello che
Passerà per l'Aula per far capire ai colleghi del PD quanto siano contraddittori pro schizofrenici o se vuole da un punto di vista morale ipocriti fra i cespiti
Allora il quattrocentosedici ter abbiamo laboratori scambio politico mafioso cosa sì esatto è stata oggetto di una votazione qui in Senato il ruolo e il ventotto gennaio passato
Ed è stato approvato con un testo che ha visto converge del PD Movimento cinque Stelle sulle stesse posizioni
In quell'occasione Anna Finocchiaro Giuseppe Lumia
Hanno replicato con molta sagace con molta efficacia alle note critiche e proposte da Nitto Palma e dal senatore Caliendo per Forza Italia sostenendo che comunque
Il testo che veniva approvato era certamente un testo valido e legittimo dopodiché alla Camera
Il testo è stato modificato e adesso tornerà al Senato a seguito della doppia lettura benissimo
Qual è la riflessione che io voglio proporre ai colleghi del PD proprio in funzione al dibattito sulle riforme costituzionali che si sta avviando
Se è un testo è oggetto di revisione così come
Sta avvenendo per il quattrocentosedici ter questo significa che la doppia lettura in qualche modo e utile tanto è che gli stessi amici del PD il utilizzano l'istituto della doppia lettura per errore
Rivedere una posizione già espressa perché chiaramente la ritengono non più soddisfacente
Ora come si fa a conciliare questa posizione
Con quella promossa dal DDL costituzionale avanzato dal Governo per cui si vede Weser radicare il bicameralismo perfetto ma lei dice sì ci fosse un regime di mono cameratismo di fatto sostanziale o comunque di Camera e deputati
Dominante diciamo così con linguaggio molto superficiale e la stesso la sensibile attive sul voto di scambio politico mafioso non ci potrebbero essere
Esatto avremmo già un testo per come è stato approvato il ventotto gennaio dagli stessi senatori del Pd allora la mia domanda molto secca e molto provocatoria
Ai colleghi del PD era
Purtroppo non gliel'ho potuto rivolgere centinaia porla rivolte giovedì perché il Presidente dell'Aula accondiscendendo ad una ricca
Questa permessa dal Regolamento acconsentito acché e molti del movimento iscritti a parlare appunto per
Segnalare questa contraddizione del PD fossero poi di fatto cancellati perché i tempi della discussione generale sono stati ridotti a seguito di una richiesta avanzata da senatori delle altre forze parlamentari
Alla mia domanda secca era questa
Visto che avete cambiato posizione allocate perché c'è stato un incontro con Denis Verdini che va dettato lui la linea oppure perché avete ripensato il tutto ma se avete ripensato il tutto in buona fede
Allora questa estate beneficiando della doppia lettura che però poi rinnegate approvando il DDL costituzionale voluto dal Governo che trasformerà il Senato
In Camera delle autonomie con sé logica si chiama schizofrenia oppure auto contraddizione e morale ipocrisia storico la Morgia Presidente Senatore cito il telefono ascolto da Radio Radicale