15APR2014
intervista

Intervista a Laura Puppato sulla riunione dei parlamentari del Partito Democratico e sulla riforma del Senato

INTERVISTA | di Claudio Landi ROMA - 00:00. Durata: 5 min 24 sec

Player
"Intervista a Laura Puppato sulla riunione dei parlamentari del Partito Democratico e sulla riforma del Senato" realizzata da Claudio Landi con Laura Puppato (senatore, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata martedì 15 aprile 2014 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Camera, Istituzioni, Partito Democratico, Politica, Regioni, Riforme, Senato, Stato, Territorio, Ue.

La registrazione audio ha una durata di 5 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale abbiamo qui con noi Laura Puppato del PD senatrice riformare del Senato e le Partito Democratico unito no perché insomma sembra che ci siano di condivisioni fratture piuttosto seria
No ci sono presentazione dei progetti di legge dei disegni di legge
Con unitaria credo diverso diversa profondamente diversa rispetto a quelle rappresentate però attenti cioè se non lo facciamo la discussione
Molto profonda su un tema come quello che aveva a che fare semplicemente con il sistema istituzionale del Paese
Non so la diciamo invece naturale a ma direi che è proprio occhio e a me fa piacere una cosa invece questa mattina si è una parte molto porta che si sia trovata
Per certi aspetti una disponibilità ad una convergenza per esempio
Sul tema presente anche per il
Di Chiti di come come primo sottoscrittore del documento contro i ventidue
Perché il tema secondo me va affrontata così nel senso che
Sfida delle posizioni di principio delle conservazioni che esistono già dei quella capacità che
Stamattina inno riuscire a pensare per esempio ad un modello diverso rispetto a quello conosciuto non è male direi che ciascuno rappresenta
Il futuro in relazione a un passato che purtroppo in alcuni casi questo diventa un problema però se noi riusciamo
Ed è la scommessa che sul tavolo che
Con Anna Finocchiaro abbiamo detto dovrà essere molto chiara insomma no se noi riusciamo a scommettere sul fatto che questo Paese non solo
è capace di ridurre
La lettura delle istituzioni ma è capace di far diventare questo Senato questa Camera alta
Quello che deve esserci una la rappresentanza di poteri autentici veri che esistono e che sono delegati demandati a tutte a comuni in Regione perché
Perché questi
A diventare
Per certi aspetti pletorico se non addirittura assurdo il fatto che si possa considerare utili a un Senato elettivo in quanto
Ovviamente ciò chi verrebbe rappresentato esattamente
La contemporaneità all'attualità quindi sediamoci alla conferenza stampa Stato-Regione per questo ce lo facciamo il dissero mentre tra Stato Regioni non facciamo proprio il contrario alla Conferenza Stato-Regioni dove il Pater il potere consultivo e dove peraltro
Cioè semplicemente una necessità di coordinamento su alcune materie ma di scarsissimo rilievo e valore no no qui sta parlando di un'altra cosa
Sto parlando di un Senato
Costituito da regioni rappresentanti dei Comuni i quali
Insieme con la Camera basta quindi con la Camera dei deputati
La nave elaborare che cosa le strategie relativamente al tema territoriale regionale le strategie relativamente alla questione europea fondamentale per le Regioni visto che
Larga parte delle contribuzioni arrivano ormai dall'Europa ritardi
Che riguarda l'IVA rispondi persa lasciasse ai fondi europei per gli Investimenti alla tema costituzionale che ha di rilievo per cui deve essere ovviamente condiviso
Insieme con me alle realtà locali il credo che invece
Se noi rappresentiamo l'Italia federale veramente federale con interessi autentici
E con poteri veri
Nella Camera delle Regioni io penso che riusciamo a risolvere la situazione trasformando anche dal punto di vista è stato
Male un Paese statico e centralista in un Paese davvero federalista riforma del Titolo quinto insieme poiché la riforma del procedimento legislativo ma anche su questo è d'accordo
Non ho capito la domanda riforma del Titolo quinto perché il Titolo quinto vengono modificate alcune competenze passate numerose competenze sembra lo star come procedimento legislativo si mettono dei tempi molto stretti per l'approvazione delle leggi no non ci siamo capiti
Il Senato delle autonomie che io sto a cui sto pensando non prevede un ripassaggio delle leggi che devono essere approvate unicamente alla Camera dei deputati ma mi scusi io sono firmatario insieme con altri due colleghi purtroppo sono entrambe
Dell'unico disegno di legge che abbiamo rappresentato nel due mila tredici in cui cancellavano il Senato perché
Perché
Sistematicamente carpetta che noi andiamo a ripetere e a dover approvare questioni approntate altrove che hanno visto modifiche rispetto a quelle che avevamo già portato a noi che ulteriormente vengono modificate
Questo continuo rimando questo continuo rinvio questo continua a dover
Semplicemente a rivedere le cose già prodotte non ha positiva una positiva per niente un approfondimento adeguato e corretto contenti regolari in una sola Camera permette di fare quello che è doveroso
L'altra Camera che la Camera nasce ripeto una Camera strutturata in modo completamente diverso non eletta
In modo diciamo ordinario ma Attinà inviata dal rappresentanti regionali e comunali quindi tutto dell'elezione che c'è stata già nei territori con rappresentanza di quel genere
A il tifi diritto dovere di incidere sulle materie che sono di competenza delle varie realtà quindi quella generale costituzionale quelle elettiva e ripeto quella che ha a che fare con fondi europei e quindi con le leggi
Con indirizza europei e con il tema diciamo molto più prettamente delegato alle competenze regionali lezioni che siamo Laura Puppato del PD pone ascolto da Radio Radicale