16APR2014
intervista

Intervista a Luigi Marino sul Documento di Economia e Finanza (DEF) e sulle relative coperture finanziarie

INTERVISTA | di Claudio Landi ROMA - 00:00. Durata: 4 min 3 sec

Player
"Intervista a Luigi Marino sul Documento di Economia e Finanza (DEF) e sulle relative coperture finanziarie" realizzata da Claudio Landi con Luigi Marino (senatore, Per l'Italia).

L'intervista è stata registrata mercoledì 16 aprile 2014 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Banca D'italia, Bilancio, Costituzione, Credito, Debito Pubblico, Economia, Famiglia, Finanza, Finanza Pubblica, Fisco, Governo, Impresa, Irap, Irpef, Istituzioni, Italia, Mercato, Occupazione, Pil, Produzione, Renzi, Riforme, Spesa Pubblica, Stipendi, Sviluppo, Ue.

La registrazione
audio ha una durata di 4 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale abbiamo qui con noi Luigi Marino dei Popolari senatore e Marino il dette la convince hanno
Infatti gli accomunare rispetto al passato è un documento molto più realistico le stime che sono indicate per Governo sono molto vicine alle stime indicate
Dai principali istituti che cerca di studio europeo oltre che dalla Comunità europea
Quindi possiamo dire che verso sotto questo profilo realistico
Che mette insieme non in parallelo quindi integrare economia riforme strutturali risanamento dei conti pubblici dopodiché vi era poi
O se la questione del e credo che tutte ste dovrà essere varato dal Consiglio dei Ministri e che riguarda l'aspetto dell'IRPEF e nonché gli aspetti dell'IRAP lei che cosa ne pensa ci saranno palle queste benedette copertura
Ma il Governo le ha previste quindi non possiamo fare un processo alle intenzioni le coperture
Sono indicate senza toccare
Gelli Pelillo disavanzo che l'ex rimane al due sei per cento rispetto
Addirittura un allargamento che potrebbe arrivare come si sa al tre per cento
Però noi riteniamo che quelle coperture previste con dalla spending review quattro miliardi e mezzo ecco nell'aumento della tassazione sulle rendite finanziarie almeno per i due interventi relativi
Alla diminuzione del cuneo fiscale sulle famiglie sulle persone e sulle imprese sia possibile realizzarlo nel corso di quest'anno ma Anita momento nella tasse sulle rendite finanziarie questione del miliardo poi sulle banche per varie sulle la TAV sulle plusvalenze per le quote banchi daranno sono convincenti non riesce ad avere un effetto perverso sul credito ma guardi qui bisogna essere molto chiaro anch'io vorrei prettamente documentare perché sostiene che bisogna sostenere la domanda
Aumentare anziché di ottanta di ottocento euro al mese salary cap stipendi vere Papania addirittura sostenere anche una strana Loca cifre per i pensionati d'intesa sono stati toccati da questa
Da questo vantaggio fiscale così come mi piacerebbe abolire dei dirittura linee l'IRAP sulle imprese addirittura
Al cento per cento non solo diminuire il costo del del lavoro
Ecco però bisogna fare i conti con quello che sono quella che la disciplina di bilancio i margini sono piuttosto stretti il Governo ha scelto di sostenere la domanda
Forse più che l'offerta e a questo punto esplicito
Ma io penso sempre che la gente bisogna non solo non dare il pesce ma insegnare a pescare e quindi nel nostro caso bisognerebbe
Sostenere più l'impresa che producono ricchezza che producono occupazione perché il nostro futuro è sempre come è stato in passato si regge sulla capacità dell'apparato produttivo di creare ricchezza e occupazione
Se noi non sosteniamo le imprese ogni volta cerchiamo
Meccanismo l'altro
Di creare ammortizzatori sociali anche in aumento
Voi non ci leviamo prudentemente richiede
Non a brandelli finanziamenti ma comprensione interno ma guardi che il Governo ripeto mette insieme tre cose che sono le riforme costituzionale istituzionale riforme economiche Recoba del mercato del lavoro
E
Questo tenta di palo con mantenendo i saldi mantenendo come si suol dire la disciplina di bilancio credo che uno Stato che vada comunque sostenuto bisogna dare coraggio divagare una prova di fiducia al Governo
Se il Governo riesce in questa operazione può iniziare il volano virtuoso
Di una finanza pubblica che alimenta la crescita la crescita a sua volta diventa la finanza pubblica la finanza pubblica alimentate sostenuta
Far sì che il PIL cresca e quindi il PIL che cresce abbassare il nostro debito chiarissimo ringraziamo Luigi Marino i Popolari per come si apre un saluto da Radio Radicale