17APR2014
intervista

Intervista a Daniele Farina sul Decreto Legge Lorenzin sugli stupefacenti

INTERVISTA | di Giovanna Reanda ROMA - 00:00. Durata: 12 min 4 sec

Player
"Intervista a Daniele Farina sul Decreto Legge Lorenzin sugli stupefacenti" realizzata da Giovanna Reanda con Daniele Farina (deputato, Sinistra Ecologia Libertà).

L'intervista è stata registrata giovedì 17 aprile 2014 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Arresto, Cannabis, Carcere, Corte Costituzionale, Decreti, Droga, Farmacia, Fini, Giovanardi, Giustizia, Iervolino, Legge, Lorenzin, Magistratura, Malattia, Medicina, Ministeri, Penale, Proibizionismo, Regioni, Salute, Sanita', Sanzioni, Serpelloni, Vassalli.

La registrazione audio ha una durata di 12
minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Con Daniele Farina disse al parliamo del decreto-legge Lorenzini nascono richiesto per facenti finito l'iter in Commissione
Giustizia allora intanto
Che gira
Che cosa costa questo decreto
Lorenzin
Partendo da quello che
Insomma certo non ha un grande risultato
Ma è innanzitutto questo decreto
Dovrebbe avere quelle caratteristiche di urgenza diciamo
Che la legge prevede proprio questo di quei provvedimenti francamente non si
Non si è capito in Commissione quali
Perché se il motivo che è stato sventolato al pubblico era quello di doverli tabellare inerisce scarsa
Che la sentenza la Corte costituzionale sulla legge Fini-Giovanardi erano anche se decadute
Beh di questo non l'abbiamo visto tracce in Commissione né in Commissione si è parlato praticamente di una sola sostanza anzi di una sola pianta direi tutti peraltro esatta sfera Piera ed è perfettamente tabellato insomma quindi
In realtà
Decreto dove si nasce con quel tentativo diabolico di reintrodurre la legge Fini-Giovanardi attraverso il giochino apparentemente amministrativo delle tabelle
Tre introducendo le due tabelle la Fini-Giovanardi si rimette alle sfide stesso aspetto penalistico di prima
Questo tentativo non è riuscito
Pur tuttavia è sicuramente un'occasione sprecata spazi sono due decreti in uno tra l'altro perché uno
Un articolo riguarda diciamo le droghe siamo così velocemente e d'altra parte ci sono i farmaci afflato esprime tutt'altra materia
C'era
Insomma insieme non stanno particolarmente impongono dal punto di vista se vogliamo
Del delle materie che tratta
Pur di pertinenza dello stesso parzialmente il pazienza e lo stesso Ministero occasione sprecata perché
Era l'occasione per far salire su questo decreto visto che amministrativo non era
Alcune cose ti ormai senso comune
Che invece l'accordo di maggioranza ha fatto rimanere a terra
Strumenti di nuovo centrodestra raggiunto un accordo
Di lasciare le tabelle così come erano poi ci bocci potestà invece tentato in tutti i modi di riqualificarla
Avete tutto l'accordo su un nuovo comma cinque
Che è diventata diciamo
La pietra dello scandalo si chiamo siccome cinque fatti diretta
Decreto Cancellieri della figlia Chamber lo modifica abbassa il massimo di pena che prima era da uno a sei anni lo bassa cinque
E lo rende fattispecie un tono più attenuante l'articolo settantatré
Questo è un dubbio beneficio insomma rispetto all'eccezione
Nel mentre la Corte costituzionale fa venire giù praticamente la Fini-Giovanardi
E circuiti si ritrova nell'ordinamento un'anomalia che si chiama comma cinque che fatto con criteri e modalità diversi dal resto dalla legislazione qui al comma uno articolo Stato tre attacchi
Volesse vedere
Laccio una distinzione
Tabellare e quindi la cannabis viene trattata in un modo
Qui nel nuovo comma cinque non c'è differenza delle sostanze lì c'è stata una grande battaglia in commissione tra chi tentava di introdurre la differenziazione come era
La legge Russo Jervolino Vassalli che richiedeva in virtù della sentenza della Corte e chi invece diciamo
Ha tentato con successo di mantenere
Una diciamo tabellazione unica
A
Dell'accordo c'è sull'abbassamento di pena di sei mesi è il minimo e di un anno il massimo quindi adesso da sei mesi quattro anni
Con
L'indicazione che c'era già prima che per qualità delle sostanze circa del magistrato ovviamente dovrete propendere per iscriversi sei mesi si è stati riguardano la cannabis Vivaticket più verso i quattro emerso riguarda altre tipologie di sostanza di tabella uno
Un'occasione sprecata alto duole perché sono rimasti giù anche tentativo che abbiamo fatto di eliminazione delle sanzioni amministrative occupa tutte le statue facenti qual meno per quei tabella due
Non si capisce perché abbiamo una legislazione si capisce benissimo non si capisce perché aveva una legislazione che
Se vieni non sei sotto effetto di sostanze per sé soltanto detentore
Le sostanze stupefacenti dire con il passaporto tenevano la patente chiedevano il porto d'armi e quello poco male
Patti levano il il permesso il sonno accennava molto grave
Tanto voglio dire se il problema è la tutela
Bene diciamo problema degli abilitazione del rapporto uomo-macchina la guida l'automobile
C'è un articolo centotrentasette del Codice della strada che è sufficientemente chiaro tutta fabbisogni inerente il di più penalistico fatto da quelle del TAC pensavate molti anni fa
E poi gli atti di recente anche oggi che è più la gridare forte più la gente debba spegnersi da condotte dichiarati a Lecce mi sembra i dati dimostrino che
Questa questa convinzione adottare inefficaci è rimasta giudice una coltivazione per uso personale che aveva provato ad introdurre attraverso due o tre vie diverse
Anche con un numero limitato di piante quindi insomma quelle condotte di cui il codice
Forte credo pressione cartine vengono assimilate quanto meno al consumo personale o totalmente non punibili come dovrebbe essere
E come insomma anche qualche sentenza di Cassazione sembra indicare abbastanza chiaramente insomma
Con la contraddittorietà dei pronunciamenti invece non c'è stato questo coraggio non certo il coraggio di eliminare l'arresto obbligatorio in flagranza
C'è una posizione molto timida che ha corrisposto al ritiro dell'emendamento per quelli che i deputati del PD che convintamente sostenevano a queste vicende di cui stavamo parlando
E con un voto attua scusi se la interrompo ma c'era
Si circa la competenza ben preparato dall'emendamento anzi faceva ad una TAC lasciar andare analoga
Diciamo per la via ordinaria che ancora per fortuna vive che riaffronteremo in Commissione giustizia
Però questo era un decreto si aveva l'occasione di fare qualcosa di buonsenso
Fare diventerà legge dello Stato entro un mese l'iter ordinario chiaramente sottoposte clienti
Ma scusi
Ma perché secondo lei l'amministratore destinazione fatta portavoce portatrice
Di quell'ala poi provvedere veramente
Cattolica Matteotti accrescersi Morsano appunto alla Giovanardi no
Quando fai politicamente insomma tutto questo pessimo andrebbero avercelo
Qua la Camera sicuramente no
Il Senato altri numeri e quindi chiaramente il Governo guarda chiaramente governa guardato alla propria stabilita un equilibrio generale
Anche se probabilmente per far qualcosa almeno anch'anche un decreto anche con queste caratteristiche
C'era lo spazio per farlo insomma questa Europa
Dopodiché
Generali io penso che
Quello che ha retto in questi anni persone come Giovanardi tanti altri collegati di cui abbiamo avuto tra l'altro larga sfilata nelle audizioni
Non è il convincimento cenno nella fede ma è l'interesse
Interessa che peraltro si sta abbastanza di svelando attraverso le vicende che coinvolgono il Capo del Dipartimento per le pulizie antidroghe Serpelloni
Sulla gestione fatto che è stato si dice non riconfermato no
Non riconfermato riavviato all'AAMS numero uno di Verona poveri Veronesi devo dire
E che però sulla di svela io prestata con interrogazione tra senza essere alta tre ma una particolarmente dettagliata sull'utilizzo dei fondi e soprattutto sull'attendibilità dei dati
Che dipartimento
Che certamente saprà sostenuto formali al setaccio astenuto come se fossero fatti scientifici pugnali
Quando appare chiaro anche un profano abbiamo anche fatto seminare le persone che per fare in un solo uno
Che sono le realtà delle tesi pseudo scientifiche con pochissimi atti
Attesi ACCAM ad esempio il cervello
I tassi di THC che essi avrebbero ma eccetto per cento di giorno in giorno
Ad Asti travisare ed ex sessantottini che la la marijuana
Che sfumano oggi i loro figli non sarebbe quella di quarant'anni fa zona Mariani balle che poi non ha nessun riscontro nella percentuale media dei sequestri neanche
Dei picchi riscontrati nel sequestro di polizia balle
Spaziali che sottendono una rete di interessi che alcuni di carattere elettorale altri temo proprio di natura
Sia pure quello insomma per quanto riguarda la cannabis racconterà
Lì più sono stati tentativi regressive non tentativi diciamo propositivi tentativo regressivo lo ha fatto sempre nuovo centrodestra tentando di dividere i cannabinoidi
è un'operazione cioè
Poco comprensibile
Ma dividendo sostanzialmente il tetraidrocannabinolo dal cannabidiolo che sarebbe quello ed è quello forse che ha maggiore direzione scientifica
Diciamo di beneficio per alcune patologie
Dimenticando i cannabinoidi presenti alla Camera e sono una quarantina e questi tetti sono purtroppo ancora poco conosciuti per il proibizionismo il principale limite allo sviluppo e la ricerca tra l'altro tristi alcune malattie gravi sia dal punto di vista delle neuroscienze eccetera
Il tentativo è stato quello sostanzialmente quindi tabellare in tabella uno ISEE pianta maggior contenuto edilizia tetraidrocannabinolo ma non in piccoli Cimino assoluto ma in relazione agli altri cannabinoidi quindi delle
Operazioni la stanza astruse che sono il frutto io spero la coda avvelenata nella gestione del dipartimento
E del Boondocks prosciutti fiori si aggira intorno al dibattimento
Quindi ai malati stiamo direbbero cioè continueranno a dover comprare questi farmaci che costano molto Fraticelli sul l'intervento normativo che punti ad uniformare la materia a livello regionale superiore
Le reti le Regioni che abbiano sono quattro credo in questo momento
Ognuna delle quali diciamo a norma normativo diverso io credo che la strada è positivamente tracciata
Però forse il legislatore anzi certamente il legislatore potrebbe
In qualche modo dare una norma enti Rizzo che
Che definisca con maggiore
Con maggior precisione era coperto e servizio sanitario nazionale certe nazionale e regionale in questo caso
Che
Gli obblighi derivanti a me sembra questa vicenda dei farmaci a pazienti carne brilli cannabinoidi sia un po'come l'obiezione di coscienza
La seconda ovviamente delle Regioni in cui si capita c'è una difficoltà ovunque
In alcune cioè l'impossibilità di fatto pubblici l'impossibilità di leggere faccio il possibile per il fatto
Nella speranza
Hobbes tante aziende possano destinare cure
Costante anche il vetro anche pure la sostanza è questa sostanza naturale
Più interessante a costi notevoli sentire Fréjus dodici euro al grammo
Per un trattamento che prevede se non ricordo male almeno tre grammi al giorno quei soldi parecchi
Chiaramente anche qua
Alcune regioni si avviano a chiedere l'autorizzazione la progettazione tipo la Puglia
Che farà la rivista anche il Veneto chiede diciamo di poter
Di poter di fatto coltivare o attraverso gli studi di Firenze quello militare o attraverso centododici a Verona
Però se noi diciamo che siamo molto indietro poi questa è materia degli affari sociali della Commissione giustizia della Camera quindi vuol dire
E più lì che bisognerebbe rivolgere domande ma il tema cui programmi sia abbastanza chiara a tutti refuso grazie finisce