17APR2014
intervista

Intervista a Sergio Pizzolante sul Decreto Legge lavoro

INTERVISTA | di Giovanna Reanda ROMA - 00:00. Durata: 6 min

Player
"Intervista a Sergio Pizzolante sul Decreto Legge lavoro" realizzata da Giovanna Reanda con Sergio Pizzolante (deputato, Nuovo Centrodestra).

L'intervista è stata registrata giovedì 17 aprile 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Apprendistato, Decreti, Disoccupazione, Formazione, Fornero, Governo, Imprenditori, Lavoro, Legge, Nuovo Centrodestra, Occupazione, Partito Democratico, Politica, Renzi, Riforme.

La registrazione audio ha una durata di 6 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Con Sergio Pizzolante del nuovo centrodestra capogruppo in Commissione lavoro parliamo del decreto legge che appunto domani c'è l'escussione generali in Aula
E quindi poi la prossima settimana andrà andrà al voto intanto
Le sue perplessità perché
Lei fa parte della maggioranza quindi questo decreto legge debba essere espressione anche della del vostro punto di vista intese
Sì noi siamo assolutamente fedeli al testo
Originario
Presentato da
Renzi e Poletti su contratti a termine sulla riforma del contratto a termine senza causale
E sul riforma del contratto di apprendistato che toglie una serie di rigidità toglie la formazione obbligatoria pubblica toglie l'obbligo all'assunzione
Degli apprendisti a prescindere dal
Percorso formativo di apprendistato
Questa cosa che serviva per smontare una cattiva legge per la legge forme prodotto un milione il posto di lavoro in meno
In Commissione lavoro questa notte è stato smontato dal gruppo del PD
Cioè PD che ha
Cambiato la Poletti il PD che si è dimostrato il
Fedele rispetto al
Testo di legge Renzi Poletti che invece noi difendiamo
Chiarito Zac alcolica ha ripristinato ha ripristinato la formazione obbligatorio pubblica la formazione pubblica obbligatoria
Per gli apprendisti ora non è che noi non siamo d'accordo sul fatto che si debba stare la formazione
Passo la mozione si deve fare per
Gli apprendisti d'Europa prevede che ci possono essere ci debbono essere formazione inglese la sicurezza tutto giusto
Però la formazione può essere pubblica
Può essere attivata questa infatti l'azienda perché sono
Perché soltanto tre carrozzoni
Delle regioni
E poi perché si stabilisce che se una Regione in grado di farla spazio non in grado di farla
Non la scheda
C'è quel lavoratore del sud
Della Calabria dove la formazione la Regione non funziona non deve fare la formazione non del caso cento meglio non fare la formazione che sarà sono sei privata certo è una cosa assurda
In più c'è l'obbligo
La assunzione vitelli apprendisti all'ordine del percorso
Di apprendistato c'è l'obbligo dell'assunzione a tempo indeterminato
è chiaro che noi siamo d'accordo che l'auspicio dell'obiettivo è quello che finito il percorso apprendistato possono venga assunto a tempo indeterminato
Ma se io metto preventivamente l'obbligo
L'imprenditore indotto a non prendere l'apprendista perché se lo deve assumere a prescindere dal percorso formativo nuovo assume
Sono quindi tutte norme Silvio ditta pure
Che producono disoccupazione producono disastri
E quindi noi
Come dire ci siamo posti
In un
Aula presenteremo gli emendamenti
Per ripristinare il testo originario poi vediamo
Ma
Lei
Conferenza stampa diceva la composizione del Gruppo Pittini in Commissione lavoro è particolare si il facciamoli c'è un muro ideologico
Diciamo comunista postcomunisti
Basta pensare che
Il ventuno parlamentari del PD
Dei ventuno parlamentare del PPI quattordici sono ex funzionario ANCI generazioni
Centri di ricerca
L'altra
Anche col Presidente Damiano anzi
Il capo del
Diciamo
Gruppo CGIL
Azioni una
Questo e questo è questo un grande problema perché
Significa che Renzi va da una parte
Il una parte del PD va dall'altra parte cella Commissione lavoro invito la Commissione lavoro un muro invalicabile anche per rendersi sembra visto che ho dovuto cedere rispetto
All'azione messa in campo
Dal fittizi
La minoranza del Pd
Alla Camera
In Commissione lavoro e la maggioranza
E si comporta
Come dire come si comportava il vecchio Partito
Democratico
Quindi
C'è una maggioranza variabile nel senso che non c'è la maggioranza parlamentare
Limpidi domina domina sulla base assunti di quella culturali
E non c'è una maggioranza esterno
Hanno una sponda di una parte di Forza Italia
Una sponda ad una parte
Dei Cinque Stelle e
Gli non c'è la maggioranza per niente
E quindi il tasso che adesso arriverà in Aula
Il il testo che adesso arriverà in quest'ottica di natura e quello che loro hanno modificato
In peggio
Adesso in Aula noi presenteremo gli emendamenti per ritornare al testo originale
Poi vediamo cosa succede
Al Senato questa situazione perché oggi c'era anche
Senatore Sacconi sia al Senato come dire gli equilibri sono diverso
O il Presidente o come sono
Senatore se concerto
Equilibri sono diversi però anche qui il PD alla Camera è stato scorretto
Semplifichi dalla Commissione lavoro soprattutto
E cioè allungato molto i tempi di discussione del decreto per arrivare
Gli ultimi giorni utili al Senato impedire al Senato ripeterlo tagliare
Quindi
Riusciamo resi si è trovato di fronte a un muro da parte
Della minoranza del suo partito che nella Commissione lavoro ripeto in maggioranza
Grazie