24APR2014
intervista

Intervista a Cesare Salvi sulla riforma del lavoro varata dal Governo Renzi e sul progetto di revisione delle istituzioni, in particolare di quella del Senato

INTERVISTA | di Claudio Landi ROMA - 00:00. Durata: 5 min 36 sec

Player
"Intervista a Cesare Salvi sulla riforma del lavoro varata dal Governo Renzi e sul progetto di revisione delle istituzioni, in particolare di quella del Senato" realizzata da Claudio Landi con Cesare Salvi (professore).

L'intervista è stata registrata giovedì 24 aprile 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Apprendistato, Berlusconi, Chiti, Costituzione, Elezioni, Enti Locali, Europa, Flessibilita', Formazione, Germania, Governo, Immigrazione, Investimenti, Istituzioni, Italia, Lavoro, Parlamento, Polemiche, Politica, Precari, Presidenza Della
Repubblica, Provincia, Regioni, Renzi, Riforme, Senato, Spagna, Ue.

La registrazione audio ha una durata di 5 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale abbiamo ora qui con noi Cesare Salvi già Ministro del lavoro già relatore in Bicamerale delle riforme istituzionali parliamo innanzitutto proprio di problemi del lavoro qual è la sua opinione sul decreto Politt
Mi pare che e dirsi Shiller attrezzare un impianto nato male
Nel senso che la logica del provvedimento è quella della liberalizzazione del contratto a tempo
E
Scelta io non condivido
Perché non ha dato i frutti attesi nei Paesi dove è stato praticato come in Spagna c'era
Già da un paio d'anni si dice che però in Germania quindi ciò perché sono andati molto avanti quella però è un'altra cosa sicuramente la Germania un'altra cosa
Intanto la Germania un'altra dolce inoltre mini Giobbe c'è un'altra cosa ancora che esce fuori dalla logica del rapporto di lavoro dipendente e che poi bisognerebbe anche dire che applicate non ha i tedeschi ma gli immigrati chiusi sappiano riconosce come saluto mi preme chiarire che la Germania
Attrezzare una fortissima politica di investimenti in molti settori che non ci sto tutti arrestare proprio potere stare la disciplina del lavoro loro hanno contratti più strutturale di dei tedeschi contratti mini Giobbe operino tedeschi diciamo la verità
è inutile girarci intorno lineari ma sono anche giuridicamente siano riservati a queste categorie ma se la realtà è questa chiusa la parentesi
Mentre
Per l'apprendistato hanno proprio sbagliato perché ci sono delle norme europee che richiede un che visse in base alle quali a questo contratto con il suo incentivi eccetera
Si può ricorrere se è prevista la formazione professionale loro la Rodotà con un argomento non privo di senso
Perché c'è dei giovani in realtà se la formazione
Una fanno la fanno bene si presta pasticci ma allora non mi sono rigore all'apprendistato ma da altre figure
Il secondo è al di là delle controversie che sono insorte proprio nato male
Con la volontà di dare un segnale
Mentre avrebbero dovuto fare questo partire subito con questo cioè testo unico di cui si parla
Premura
Ma su
In cui però per ora si parla solo riforme istituzionali e ormai siamo è partito il treno della riforma del Senato tra l'altro riforma del sarà
Arco riforma del Titolo quinto riforma il procedimento legislativo perché invece ci sta anche una di come il procedimento legislativo che lascia un po'spinta mandi la legge ma andiamo avanti che ne pensa
Tutto lascia SCO interna degli le leggi
Un po'meno il Titolo quinto anche se lì c'è da aggiustare perché conosce
Ma a me onestamente sembra lo scarabocchio ragazzino perché come si fa a immaginare un Senato
In concessione a ventuno nominati devo diciassette non c'è un'azione diretta adesso nominati dal presidente la Repubblica per sette anni
Cioè precedere utile appena eletto si sceglie diciassette venti che si era deciso e che voi ricorderanno bene il Presidente della Repubblica successivamente
Poi ci sono questi che però Consiglieri regionali sindaci eccetera
Tutte queste
Tutte queste figure che potrebbe andar bene flessibili venisse che si debba fare una cosa così che non serve a niente ma allora un po'su una legge per
Entrambe pubblica giudici costituzionali partecipare alle lezioni tenute nel delle Regioni sei c'era un pasticcio perché le vere alternative sono due o usciva
Come in Germania dove ci sono i governi regionali caro senatore Salvi gestita come in Germania può non si forma il Titolo quinto riducendo i poteri delle Regioni e le cose lo stanno aziende due cose non stanno insieme anche se anche in Germania messo un po'mano all'eccesso
Oppure sarei come c'era sempre detto si dovesse dare cioè superare i siti generalissimo paritario
Ma prevedendo anche dei meccanismi che facciano funzionare in modo dignitoso il sistema modello Chiti più minuti previsti quello mi sembra fatto bene più o meno revisionare aggiungo una cosa che non si riesce
Capire così abili e il Governo dice di fare qualunque cosa purché non siano letti senatori e perché mai
E ogni volta vengono date motivazioni diverse oggi leggo perché quelle ora il patto del nel severo ma
In una sede parlamentare qualcun altro insieme al collega perché si è resi e Berlusconi hanno raggiunto un accordo allora o non serve il Parlamento non
Nascerà direttamente la Gazzetta Ufficiale o devono spiegare che il Parlamento non selettivo un altro giorno dice che costa meno
Che un altro senso andare non c'è un po'di forte anzi un po'molta retorica anti parlamentarista su questa storia del Parlamento di poteri del Parlamento che insomma nella storia italiana agli inizi del Novecento non con una portata molto bene c'è qualcosa di inquietante era questo da questo punto di vista
Non c'è dubbio e poi devo aggiungere i chiedono è o non è la prima volta che questo Governo che era stato con la Provincia debba avere abolito le Province invece abolito soltanto le elezioni per le Province perché le Province rimangono dare quale come prima solo che il popolo non può votare
Adesso si dice aboliamo al Senato non è vero si aboliscono le elezioni per il Senato
C'è qualcosa di strano che erano ma accanto a un certo dilettantismo giovanili istigare c'è qualcosa di strano che non mi persuade non mi convince quindi io spero che qui in Senato
E non non non non non non seguono questi diktat facciamo una cosa dignitosa come giudice minorile Salce nettamente senatori però fa parte questo
E non si può pensare che arriverò uno e dice lo stato d'accordo con Berlusconi dovevo dare come dico io chiarissimo riversiamo Cesare Salvi già Ministro del lavoro e già delatore sulle riforme costituzionali in Commissione bicamerale e un saluto come sempre da Radio Radicale