25APR2014
rubriche

Critica e militanti

RUBRICA | RADIO - 07:00. Durata: 7 min 21 sec

Player
"La panne.

Una storia ancora possibile" di Friedrich Dürrenmatt (Adelphi).

Puntata di "Critica e militanti" di venerdì 25 aprile 2014 che in questa puntata ha ospitato Matteo Marchesini (critico letterario e scrittore).

Tra gli argomenti discussi: Cultura, Durrenmatt, Letteratura, Libro, Sciascia, Storia.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 7 minuti.
07:00

Scheda a cura di

Guido Mesiti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buongiorno da Radio Radicale qui è matto Marchesini per la rubrica critica militanti
L'editore Adelphi appena ripubblicato la panna un attori ancora possibile un delizioso e sinistro racconto
Del mille novecentocinquantatré di credere che di Torre ma grande scrittore drammaturgo svizzero nato nel mille novecentoventuno è morto nel novanta la sua vita coincide
Quasi del tutto con quella di Leonardo Sciascia e i due scrittori hanno hanno molto in comune come
Come è noto sono
Ossessionati dal dal tema della giustizia
Nel senso più concreto del termine nello stesso tempo non in un in un senso diciamo così metafisico e per esplorare questo tema che servono di
Tecniche letterarie che variano dalla dal giallo alla farfalla saggio Sciascia però deriva soprattutto da una tradizione Facchini ricca
E diciamo così saggistica italo francese di urne matti invece un letterato cresciuto con i modelli di Blair dell'Espressionismo
E è una delle sue vocazioni più più note più importanti è proprio quella teatrale
Sono noti i suoi apologhi sulla politica sul tradimento sul nazismo in una pena che vada libri come Greco cerca greca al giudice del suo boia al al sospetto
Chi a Sciascia che di un re Mattei tendono a volte a pagare una certa immediata efficacia
Artigianale con una certa corri vita che porta un gradino sotto potremmo dire le le oltranza del Novecento le diagnosi ideologico culturali e e le mie scolante di generi e lamentele e l'amica letteratura del
Del Novecento di primo piano
La panna forse una delle maggiori riuscite di di un re ma forse il libro che si potrebbe salvare
Tra tutti i suoi come un perfetto autoritratto
Anche qui c'è un grande peso della teatralità del grottesco del sinistro
Questo racconto che apre con due pagine che affrontano di petto statisticamente il problema di cosa significa raccontare storie nel Novecento della società di massa dove tutte le storie sembrano intercambiabili
Dove romanzo sembra impossibile perché non sia più fiducia tra l'omologa Gia nello molo dia tra diciamo così psicologia individuale vita individuale appunto storia vita collettiva
Esibendo epitaffio sugno staccato dall'universale o su un universale un universalismo senta io e soprattutto un tempo in cui romanzo è fagocitato da giornalismo e cinema
Il Novecento è anche il tempo in cui non sia più fiducia nel progresso e sembra tornare in una forma appunto grottesca quel senso del destino e del fatto che antico e pre-crisi piano
La Pan è una tragedia Parodi che tremenda potremmo dire dopo queste due pagine statistiche con uno una consumata efficacissima ed estrema
Di ore ma va a prendere una storia di fatalità quella di un
Piccolo borghese tipo Alfredo trapasso rappresentate di tessuti ignorante moderatamente a riviste godere e ciò che ha un guasto di macchina nelle campagne svizzere
Finisce a dormire siccome l'albergo del villaggio dell'indo villaggi più vicino al pieno
La casa di un vecchio signore che ospita di solito stranieri di passaggio e scopre che lì ogni sera con altri pensionati un ex giudice un ex procuratore un accordo avvocato è anche un
Ospite ecco boia rifanno di processi celebri al processo di Socrate quello di Cristo da Giovanna d'Arco quadri films
Sono vecchi enormi Congo Lanzi alla grosso con molti congestionati Rossi dal vino
Col formaggio sui vestiti che quando non fanno i grandi processi quando hanno un ospite tentano di trovare nell'ospite una colpa un un crimine
Che lo trovano anche in Alfredo a poco a poco mentre il racconto si fa da un lato più mila re ma di un'ilarità cupa in cui l'agosto Biglia la crapa pure il thrilling fanno tutto uno la colpa che fa scoprono dal freddo essa stessa una colpa tragica una fatalità
Il suo superiore morto di infarto dopo aver saputo che lui andava a letto con sua moglie
E porse sapendo dei problemi di cuore di questo superiore al credo ha giocato a farglielo sapere per provocare viene uno e per fargli le scarpe a poco a poco questo ignorante piccolo borghese
Si sente nobilitato eroici dato dal Derrick dal delitto che riscoprono questi
Anziani uomini invece culti chimiche il raccontano la sua vita con parole Suardi compose era udite e in qualche modo la trasfigura hanno sanno tutto di lui perché appunto i destini che assomigliano tutti
E davanti a loro Alfredo cambia idea capisce che non sono le leggi che sorgono dalla vita reale ma perversa mente la vita che si fa determinare dalle leggi
E il sui giudici io gli dicono subito Sciascia analmente pensiamo al contento che l'Innocenti non esistono anche se non crede di avere un delitto da compensare sicuramente
Qualcosa di criminoso affatto
Hanno lasciato del tutto le convenzioni del loro lavoro e qui imbarchi escono il Progetto attanaglia il processo a tavola e soprattutto è un processo che prevede la pena di morte sempre sempre per gioco e provvede una introspezione psicologica insinuante e rilancia Anna
Per loro scoprire una Frattini ha una fetta perché tenta delitto dicono non è possibile far trionfare la giustizia
In chiusura Jesolo quello che dice l'avvocato difensore improvvisato ad Alfredo
E che credo a Radio Radicale acquisti un significato in più è da patti a dir poco gli dice l'avvocato volere per innocenti davanti al nostro tribunale al contrario
è molto più intelligente incolpati subito di un reato per esempio di un reato particolarmente vantaggioso per i commercianti di frode
Già durante l'interrogatorio coi può risultare che l'imputato esagera che non ha commesso una vera e propria frode mai toccato soltanto alcuni dati a scopo di propaganda come succede spesso in commercio
L'aria dalla colpa l'innocente si difficile ma non impossibile mentre un'impresa addirittura disperata poter conservare la propria innocenza ed il risultato non può essere che disastroso lei vuole perdere dove invece potrebbe averla vinta
Più tardi sarà costretto non a scegliersi una colpa ma lasciasse l'attribuire
Il Consiglio di oggi è la panna una storia ancora possibile di Federfidi ore ma
Edito da Adelphi a risentirci venerdì prossimo