23APR2014
intervista

Intervista a Luis Alberto Orellana sulla riforma del Senato

INTERVISTA | di Claudio Landi ROMA - 00:00. Durata: 3 min 56 sec

Player
"Intervista a Luis Alberto Orellana sulla riforma del Senato" realizzata da Claudio Landi con Luis Alberto Orellana (senatore, Misto).

L'intervista è stata registrata mercoledì 23 aprile 2014 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Costituzione, Governo, Istituzioni, Parlamento, Politica, Renzi, Riforme, Senato.

La registrazione audio ha una durata di 3 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Guido Mesiti Iva Radicev
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale abbiamo qui con Luis Alberto Dell'Anna già a cinque stelle ora membro sulla senatori del Gruppo Misto senatore e ore lana riforma costituzionale del Senato
Il Titolo quinto nel procedimento legislativo qual è la sua opinione intanto non chiamerei riforma costituzionale ma revisione costituzionale per una forma di rispetto alla Costituzione
Che in cui si prevede diciamo una periodica diciamolo tensione con i limiti e con le caratteristiche sappiamo quindi conditi salvaguardia nel trentatré nella speranza diciamo così di evitare manomissione quindi questi
Vedere questo tema questo un tema che è stato posto fortemente da questo Governo di cui ci né se ne sentiva sinceramente relativamente la mancanza o per non dire
Non se ne sentiva fatta la mancanza di doverla modificare e soprattutto in tempi stretti con una imposizione di paletti e poi su un testo a quanto pare l'iniziativa governativa che proprio al contrario di quello che dice la Costituzione godiamoci tout sì la Costituzione all'articolo settanta parla della
Le antiche la reazione attività legislativa è in carico alle Camere e quindi di competenza
Del Parlamento è mentre le complicata in cui l'attività negativa viene data in capo al Governo sono storni intenso ma di eccezione tipo per motivi di urgenza come dei decreti legge quindi
Invece questo caso stiamo andando verso una forzatura governativa sembrerebbe ecco questo sul piano diciamo così del metodo sul piano dei contenuti in particolare la riforma l'estratto leggo cosa rari la revisione della
Gli assetti B del bicameralismo negherebbe
Va beh secondo me l'idea di rivedere il bicameralismo paritario perfetto ed
è un'idea che si può portare avanti
Prego presenterebbe preceduta però da una revisione di una verifica del dei regolamenti parlamentari
In modo da capire nelle con gli attuali regolamenti quali sono state diciamo gli intoppi quali sono i nomi momenti di rallentamento perché lo dice anche molto questo la
La la razionale di fondo di questa di Tele comunque su questo assolutamente si può lavorare
Su quello che non mi trova assolutamente d'accordo e la non eleggibilità dei senatori leghisti ma soprattutto anche queste non in maniera assoluta ma in particolare quando si lega a delle per delle persone che hanno già altri ruolo
Sì importanti quali i sindaci di grosse città quindi capoluoghi di regione piuttosto che Presidenti di Regione il cui mandato già l'impegna fortissimamente
E che
Oltretutto altra idea contenuta nel testo governativo quella di
Non avendo diciamo non percependo nessuna retribuzione credo che questo implichi soprattutto che non si possa dotare di collaboratori parlamentari
Di cui noi qua credo tutti noi parlamentari che apprezziamo per l'aiuto che ci danno in queste in queste vicende di tutti i giorni e la nostra attività Parlamento il non avere questa tipo di supporto io credo che sia un grosso danno ovviamente sindaci e consiglieri regionali venti Regione hanno già i loro collaboratori
Però sono specializzati nell'attività attuale quindi non credo che si adattino
A vedere poi cosa in particolare una revisione
Le leggi di revisione costituzionale che è il primo è il principale motivo per cui il Senato resterebbe questo Senato dell'autonomia ho spiegato dal Governo Renzi resterebbe attivo quindi mi pare di capire una sostanziale convergenza da parte sua anche sul testo Chiti insomma c'è una certa concordanze
Sintonia sì in effetti ieri lo stato in Commissione Affari costituzionali dove ha fatto il mio intervento in discussione generale ho visto ho indicato
Ci sono tantissimi testi proposti in questi
Gallizioli sature dal numero sette inizia il primo se ho proposto qualche modifica Calderoli
Fino appunto quello l'ultimo mille quattrocentoventinove di Governo ha comunque io sottoscrive sottoscritti due quello più a firma Campanella che è un mio collega del gruppo misto anche l'uno e cinque stelle che a cui ho collaborato anche comunque in parte alla stesura e poi anche le
Il disegno di legge Chiti che anche questo verrà abbastanza concorde diciamo come semplice apertura lana nel gruppo misto che a cinque stelle come sempre un saluto verranno se mittente da Radio Radicale