28APR2014
intervista

Intervista a Sandro Gozi in merito alla discussione parlamentare sulla delega al Governo per il recepimento delle direttive e norme europee, e sulla telefonata di Papa Francesco a Marco Pannella

INTERVISTA | di Giovanna Reanda ROMA - 00:00. Durata: 8 min 31 sec

Player
"Intervista a Sandro Gozi in merito alla discussione parlamentare sulla delega al Governo per il recepimento delle direttive e norme europee, e sulla telefonata di Papa Francesco a Marco Pannella" realizzata da Giovanna Reanda con Sandro Gozi (sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata lunedì 28 aprile 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Ambiente, Amministrazione, Amnistia, Bonino, Bordin, Carcere, Consiglio D'europa, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Elezioni, Enti
Locali, Europa, Europee 2014, Francesco, Giustizia, Indulto, Infrazioni, Istituzioni, Italia, Legge, Napolitano, Nonviolenza, Pannella, Parlamento, Politica, Presidenza Della Repubblica, Prodi, Radio Radicale, Regioni, Riforme, Sanzioni, Tasse, Ue.

La registrazione audio ha una durata di 8 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Con il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Sandro Brozzi del Partito democratico che ha la delega alle politiche europee salutiamo sottosegretario buongiorno notturno va ritrovata ad avere il cane
Beh oggi in Aula c'è stata la discussione generale
Sulla delega al Governo per il recepimento delle
Le direttive europee e poi va beh insomma
Gli altri atti dell'Unione Europea legge delegazione insomma fattori tecnici però fondamentali
Lei che impressione appunto
Dagli interventi che ha ascoltato
Questo Parlamento come con come si sta orientando rispetto a quello poiché
è una questione di grande attualità personale l'azione
Prossimo
Beh e chi è intervenuto sono soprattutto membri della Commissione politiche dell'Unione europea della Camera e che hanno già la sensibilità necessaria
La sensibilità giusta per affrontare i temi dei rapporti tra Italia ed Europa è una sensibilità che vorrei vedere in tutta Laura in tutta la Camera e che ancora
Al di là della retorica su viva l'Europa basso l'Europa l'Europa il nostro futuro l'Europa era cause tutti i nostri mari
Purtroppo ancora non c'è
E credo che invece sia molto importante sarebbe molto importante che ci fosse ed è urgente che ci sia perché anche oggi abbiamo parlato di una questione
Di grande rilevanza che in sostanza della l'irregolarità o l'illegalità dell'Italia rispetto all'Europa sono delle leggi oggi che devono fare fronte
A quelli numero elevatissimo di infrazioni che abbiamo centoquattordici e alle quali per una tutta una serie di ragioni
L'Italia continua non riesci non riesce a fare continuano riuscirà a fare a fare fronte dobbiamo lavorare molto di più per sensibilizzare le amministrazioni centrali di settori ministeri le regioni che producono in materia ambientale un numero
Enorme di infrazione anzi
Ed è una cosa scandalosa
Inviterei le Regioni a usare meglio i fondi europei e e attuare meglio le norme invece le Regioni tante non usano i fondi europei e poi fanno pagare contribuì dentro in italiano
Milioni e milioni di euro di sanzioni da infrazione quindi credo che questa sia
Un tema
Da affrontare credo che si affronti da parte con un forte una forte cooperazione tra Governo e Parlamento e già almeno dopo o fare
Dice quattro legge europea all'anno diciamo un pacchetto europeo a semestre si fa anche cercando di evitare al meglio la scadenza del semestre europeo come diciamo impegno politico del tutto il Paese
Non possiamo presentarci d'Europa sempre con questo numero così elevato di trattiamo dobbiamo farlo spostano di Naro per approvare rapidamente questo pacchetto che il partito delle tredici bis e per a adottare un pacchetto leggi europee due mila quattordici molto importante verrà bastare in maniera molto ricco molto sensibile molto significativa
Il numero di infrazioni perché perché
Meno intrattenere abbiamo più abbiamo all'influenza la credibilità per magari cambiare le regole meglio recepiamo le regole che abbiamo dato anche noi
Più forte avremo per
Mettere in discussione le regole esistenti e anche per negoziare con l'influenza le nuove regole nuove politiche
E le nuove politiche europee quindi questo
è un aspetto è un aspetto molto importante poi bisogna attuare e verificare che adottiamo c'è una legge di sistema che nella passata legislatura tutte le forze politiche hanno voluto su cui io
Ho lavorato in prima persona assieme all'onorevole Buttiglione presidente Pescante ma in realtà
A tutti i gruppi politici forse una delle pochissime leggi iniziativa parlamentare adottata
Nella passata legislatura che a è attuata solo in parte è evidente che poi diventa inutile fare grandi rileggi sistema sulla partecipazione di ritagliarmi europea
Se poi vengono attuate su questo il mio impegno e ho cominciato abbiamo cominciato a spingere proprie attuare pienamente quella rigidità degli strumenti per perché l'Italia sia sia più regole e infine c'è un problema culturale
Purtroppo le norme europee che sono a me di grande rilevanza vengono viste vengono inserite dalle varie amministrazioni come tra le varie ed eventuali ed evidente che inserendo e tra le varie ed eventuali si è sempre ben altro più importante e las la la conclusione che siamo il Paese capi infrazioni e il Paese che rischia
Di più in termini sanzioni e su questo ovviamente noi
Vogliamo dare
Un non solo un segnale ma invertire la tendenza sappiamo che è difficilissimo e sappiamo che sono dei Presidenti positivi pensa l'impegno
Del Governo Prodi e dall'allora ministro Bonino arteria noi vogliamo riprendere quel filo che
è era virtuoso e cercare di fare finalmente un salto di qualità anche in questo Sottosegretario infrazioni il suo ammissione rilasciata dollari fai parlarne con lei è e anche come per esempio certi dal mio punto di vista
Il ventotto maggio vicinissima il mese prossimo Marco Pannella nonostante le seconde essenzialmente continua l'iniziativa non violenta
Staccherà e il Presidente La Repubblica sterminato
In maniera pesante a cambiare detto va forse orari parlarne che succede che scusate oltre ad aver ringraziato il Pontefice per questa
Incredibile
Incredibile gesto di telefonare a Marco Pannella
Io credo che sia straordinario quello che è successo e credo che non se n'è parlato abbastanza
E non se n'è parlato nella maniera giusta perché che parla Francesco chiami Pannella
Nel momento
In uno dei momenti più difficili
Grassa battaglia non violenta
è qualcosa che che sorprendente che dovrà sorprendere equità e dove a sorprendere moltissimo anche soprattutto
Coloro che non ascoltano a Radio Radicale o ascoltano le conversazioni tra Pannella porvi la domenica pomeriggio perché chi vi ascolta il sottoscritto lo fa sa benissimo quanto Pannella abbia indicato nel pag impara Francesco come uno dei grandi attori di cambiamento cambiamento del mondo e quindi cambiamento anche l'Italia quanto Marco Pannella abbia indicato come una delle
E poche dal suo punto di vista
Notizie positive che Roma ha prodotto nell'ultimo anno sono venute siano venute Oltretevere e come abbia
E visto prima degli altri quanto possa essere la forte cambiamento IPA pranzi sto però dato che
Queste cose non tutti le sanno credo che la telefonata di Paola Francesco a quando a Marco Pannella
Meritava molta più molta più attenzione e vi avete ci interroga la mia le mie posizioni sui temi su cui Marco Pannella farà battaglia sono notte sono notte alla radio radicale sono in Parlamento
E credo comunque che ci siano dei passi in avanti che questo Governo e questa maggioranza ha fatto rispetto
Agli gli ospiti e alla messa in mora darà converrà con me Corte europea dei diritti umani
Ritengo anche che il ventotto maggio e dopo il ventotto maggio si dovrà
Dopo questa fase diciamo adozione di tutta una serie
Di nuove norme interne
E e bisognerà avviare un un un dialogo una verifica con innanzitutto il Comitato dei Ministri
Del Consiglio d'Europa e al quale dovremmo indicare come vogliamo proseguire
In questo campo di uscita dalla dall'illegalità europea
Non è quindi non c'è spazio per l'amnistia ed indulto tra l'altro ricordiamo che qui alla Camera c'è una proposta di legge sul firmano io la mia posizione è la mia posizione è nota io credo che adesso bisogna
Bisogna proseguire nell'attuazione delle delle norme
Adottate dal Parlamento anche a livello di di spazio nelle carceri ma anche di messa in prova di misure alternative
E bisogna e bisogna
Negoziare dialogare con il Consiglio d'Europa sul prosieguo e il prosieguo ci possono essere tanti altri provvedimenti che possono essere presi
Dopo la scadenza della messa in mora secondo lei Presidente Pistons anzi non ha cambiato idea
Questo dove tutti però a luglio non posso fare d'interprete del Presidente del Consiglio
Grazie piazza Santa Severa grazie