05MAG2014
stampa

Conferenza stampa sull'iniziativa "Sbanchiamoli" -Fuori i partiti dalle banche"

CONFERENZA STAMPA | Arezzo - 11:35. Durata: 42 min 50 sec

Player
Registrazione audio della conferenza stampa dal titolo "Conferenza stampa sull'iniziativa "Sbanchiamoli" -Fuori i partiti dalle banche"" che si è tenuta a Arezzo lunedì 5 maggio 2014 alle ore 11:35.

Con Angelo Rossi (segretario di LiberAperta, Associazione politica liberale e libertaria di Arezzo, Radicali Italiani), Valerio Federico (tesoriere di Radicali Italiani), Alessandro Massari (componente della direzione nazionale di Radicali Italiani), Daniele Farsetti (consigliere comunale di Arezzo, MoVimento 5 Stelle), Roberto Bardelli (consigliere comunale di Arezzo, Forza Italia).

La conferenza
stampa è stata organizzata da Radicali Italiani.

Sono stati trattati i seguenti argomenti: Banche, Credito, Economia, Finanziamento Pubblico, Fondazioni, Partiti, Politica, Radicali Italiani, Riforme.

Questa conferenza stampa ha una durata di 42 minuti.

leggi tutto

riduci

11:35

Organizzatori

Radicali Italiani

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buongiorno a tutti e benvenuti alla questa conferenza stampa per
Sbanca siamo lì
Cosa sbanca chiamo gli è un la proposta di legge che poi viene direttamente dal da quello da qui a fianco Valerio Federico ed radicali italiani
Che prevede di
Separare quello che è il discorso dei partiti da le banche
Nel mezzo ci sono le fondazioni che sono lo strumento diciamo così per
Accede che al potere politico per poter accedere direttamente a al controllo delle banche e quindi questa proposta di legge
è
Principalmente incentrata per la separazione delle fondazioni bancari dalle banche stesse
Ve ne parleranno più approfonditamente i nostri ospiti e che sono per la pre precisioni Valerio Federico tesoriere di radicali italiani Alessandro Massari economista e nella direzione di radicali italiani
E poi l'abbiamo qui con noi i due Consiglieri Comunali di Arezzo Daniele Farsetti del Movimento cinque Stelle e Roberto Bardelli de Forza Italia o P.D.L. insomma
Quello che insomma
Che hanno aderito a questa iniziativa e quindi anche loro offriranno il contributo bene vi lascio con i nostri ospiti non so se vuol parlare Valerio per primo introduci tovaglia
No grazie Miller
Ad Angelo Rossi e ai
Compagni radicali anche i Consiglieri sanno sostenuto che hanno sottoscritto
Fin dall'inizio la nostra proposta la nostra petizione parlamentare che contiene una proposta di legge che chiede la separazione appunto come anticipato
Tra le fondazioni bancarie e le banche quindi l'uscita delle fondazioni bancarie dal capitale azionario dalle partecipazioni proprietarie delle banche italiane
In Italia il processo di privatizzazione che è iniziato venticinque anni fa delle banche italiane non si è mai compiuto
Tanto è vero tanto è vero che
Attualmente le tre principali banche italiane sono tuttora controllate
Dalle fondazioni bancari le fondazioni bancarie sono un
Intere formalmente privato ma sono di fatto in mano pubblica
Perché perché gli enti locali e le Regioni indicano una parte dei membri dei consigli di indirizzo
Delle fondazioni bancarie e a loro volta le fondazioni bancarie nominano i vertici delle banche quindi c'è un rapporto
Indiretto tra la politica gli enti locali e il Governo del banche questo accade in Italia
In un Paese dove fin dal mille novecentonovanta e certamente dal mille novecentonovantotto le leggi invece chiedevano l'uscita
Delle fondazioni bancarie dal capitale delle banche di controllo la cosa non è avvenuta come spesso in questo Paese
Avviene cioè che le leggi non vengono seguite alla loro lettera
Allora
Solo a mo'di esempio
Banche intesa una delle tre principali banche italiane
Venticinque fondazioni controllano hanno detengono il ventotto per cento di ma anche intesa quel ventotto per cento di banche intesa
Delle venticinque fondazioni bancarie è sufficiente per avere la maggioranza assoluta del consiglio di amministrazione di Banca Intesa sei membri su
Dieci
Nel caso di UniCredit altra grande banca italiana sette su diciassette membri del
Consiglio di amministrazione di UniCredit sono in quota fondazioni cioè sono scelti dalle fondazioni bancarie quindi in parte dei politici
Locali
E figuriamoci quello che avviene danni in Montepaschi Siena terza banca del Paese dove
Nove su dodici membri del consiglio di amministrazione erano in quota
MPS e Unicoop Firenze naturalmente adesso vedremo come cambierà la seconda delle ultime cessioni di quote di
MPS il nuovo patto di sindacato che verrà stipulato
Allora questa è la situazione attuale ottantotto fondazioni che hanno un capitale
Di cinquanta miliardi e che distribuiscono
Un miliardo di euro all'anno ai territori di appartenenza di queste fondazioni perché le fondazioni hanno
Due ruoli in realtà ne dovrebbero avere uno essenzialmente quello di aiutare i territori di cui fanno parte la realtà e che oltre a fare questo come di ore vi ho detto controllano le banche quindi amministrano sostanzialmente il capitale
E le iniziative tra cui quella della destinazione del credito
Delle banche quindi il vero problema la base di tutto e il rapporto malato tra la politica e la finanza rapporto distorto dove le scelte
Operative della finanza finiscono per essere scelte politiche ma la politica la finanza hanno obiettivi diverso
La politica a l'obiettivo di regolare
A l'obiettivo di ottenere consenso
La finanza invece l'obiettivo di massimizzare il valore delle banche o delle proprie società piuttosto che di accrescere le le entrate di profitti
Su questi obiettivi spesso vanno in contrasto pensiamo alla destinazione del credito la politica può vere
Per ottenere consenso l'obiettivo di destinare il credito in un certa in una certa direzione la finanza deve avere l'obiettivo di destinare il credito nel modo più efficiente ed efficace
E allora la proposta radicale separare quindi attraverso una attraverso l'intervento legislativo obbligare
E questo dice la nostra proposta entro quattro anni con un margine aggiuntivo di due anni le fondazioni bancarie ad uscire dal capitale azionario delle banche
Quindi a rompere il legame tra fondazioni bancarie banche quindi tra enti locali politica e
Banche in modo tale che finalmente le fondazioni concentrino la loro attenzione sulla loro funzione principale quella di aiutare il territorio non quella come giustamente invece
Il
E giurista Sabino Cassese ha denunciato che la realtà e che le fondazioni bancarie
Utile hanno come principale ruolo quello lui dice
Precisamente di amministrare la partecipazione delle banche più che di erogare di dedicarsi ad erogare a fini sociali i
Le erogazioni appunto sul
Sul territorio
Quattro sono gli obiettivi
Li dico rapidamente di questa proposta radicale uno naturalmente è quella di ridurre quindi ogni potenziale ingerenza politica nella nel governo delle banche e nella destinazione del credito perché la politica a come detto obiettivi diversi dalla
Finanza questo anche perché
Per fare in modo che le scelte
Delle dei vertici delle banche vengono fatti su basi di competenza di capacità e non secondo logiche politiche
Questo non lo affermano solo i radicali cioè il rischio che le fondazioni bancarie abbiano un effetto negativo sulle banche prima di tutto lo dimostra lo scandalo Montepaschi Siena tanto per iniziare
Ma questo lo conferma il Fondo monetario internazionale la Commissione europea Bankitalia sono tutti d'accordo da anni ma non riescono a fare in modo che la legge venga modificata nel denunciare il rischio il rischio della presenza della politica nelle banche attraverso le fondazioni
Bancario e quindi eliminare ogni possibile ingerenza della politica scaltro secondo Obiettivo
Le banche italiane sono sottocapitalizzate questo è un dato di fatto è dimostrato dai numeri bene
Quali sono tra le banche italiane e quelle più sottocapitalizzate sono proprio quelle con la presenza più alta in termini percentuali delle fondazioni bancarie nel loro capitale
C'è uno studio del Fondo monetario internazionale che ci dice che tutte le banche
Affollamento italiane che hanno una presenza di oltre il venti per cento nel loro capitale
Di fondazioni bancarie sono quelle meno capitalizzate tra tutte le tipologie di banche ancor meno delle banche popolari che normalmente soffrano di sottocapitalizzazione
Le banche che non hanno o hanno una presenza minima di fondazioni bancarie in Italia sono quelle
Che hanno una capitalizzazione maggiore e il Fondo monetario internazionale dice anche
Considerando gli scenari che ha disegnato che con qualunque scenario dal più avverso al migliore possibile
Se le fondazioni bancarie continuare se ad essere presenti in questi termini nel capitale delle banche negli anni il gatto tra la capitalizzazione delle banche con le fondazioni e le altre banche aumenterà
Cosa vuol dire che le banche sono poco capitalizzate vuol dire che la nemmeno credito vuol dire che erano meno credito ai mutui molte delle famiglie alle
All'impresa quindi
Il legame come dire che la capitalizzazione il credito è un legame ovviamente scontato che tutti
Conoscono quindi è un dato di fatto che laddove ci sono le fondazioni ci sono meno capitale e quindi c'è meno credito
Nell'ultimo nell'ultimo anno e mezzo in Italia
E il credito che è stato dato alle impresa e diciamo così non finanziare quindi qualunque tipologia di impresa in Italia
è stato inferiore al credito dato alle in prese rispetto alla media europea rispetto ai paesi
Più del del corpi paesi diciamo più avanzati ma anche i paesi Giggs quindi Grecia Irlanda Portogallo e Spagna
Sanno recuperando sono ancora sotto rispetto all'Italia ma stanno recuperando stanno chiudendo il Gatta di destinazione DD capacità di dare credito rispetto a quello italiano quindi abbiamo il trend
Peggiore negli ultimi anni in termini di
Credito e quindi
Fuori le fondazioni dalle banche vuol dire anche
Indirettamente più credito alle famiglie più credito alle
In prese
Terzo e penultimo obiettivo della nostra iniziativa quello di fare il bene delle fondazioni
Cioè le fondazioni uscendo dal capitale azionario delle banche avranno inevitabilmente diversificando i loro investimenti più risorse per il territorio
C'è uno studio
Di Mediobanca che dimostra che se negli ultimi anni diciamo gli ultimi dodici anni le fondazioni invece di investire nelle banche per mantenerne il controllo avessero investito in altra direzione
Avrebbero ad oggi venti miliardi in più di capitale rispetto a quelli che hanno
Quindi l'insistere delle fondazioni bancarie
Nel mantenere
Il controllo delle banche apportato a che le erogazioni sul territorio continuassero a diminuire negli ultimi anni che i dati che vi abbiamo consegnato lo dimostra in modo incontrovertibile
E questi dati dimostrano che le fondazioni toscane le undici fondazioni toscane
Diciamo così al netto di Montepaschi
Che a evidentemente che da sola influenze avrebbe i numeri non solo di tutta Italia ma figuriamoci delle fondazioni toscane quindi al netto del della Fondazione Monte Paschi le altre dieci fondazioni toscane hanno dato sempre meno
Erogazioni negli ultimi anni al territorio proprio per mantenere
Il controllo
Delle banche quindi la nostra proposta
Indirettamente portante ad una maggiore quantità di risorse sul territorio e meno influenza di politica nel
REL nel lavoro delle banche noi diamo altre due proposte oltre a quella centrale
Che è una proposta di legge una è quella
Che parte dal fatto che le erogazioni delle fondazioni bancarie sul territorio sono solo per il tredici per cento fatte attraverso bandi
Cioè per l'ottantasette per cento le fondazioni bancarie distribuiscono sul territorio come vogliono o con loro progetti o su richieste di diciamo attori del sociale fondazioni associazioni culturali eccetera cioè non c'è un passaggio concorrenziale di evidenza pubblica solo per il tredici per cento quindi noi chiediamo alle fondazioni bancarie di aumentare la distribuzione di denaro attraverso gli strumenti più trasparente più equi che sono quelli della
Del bando e un'altra proposta che facciamo poi spiegherò i motivi è quella di chiedere le fondazioni toscane diffondersi tra loro
Perché è del tutto evidente che con i costi che hanno le singole fondazioni toscane piccole
Non c'è uno svantaggio per l'erogazione e quindi per la comunità locali fondendo si potrebbero tagliare i costi razionalizzare i costi ed essere più efficaci e dare quindi più soldi alle comunità di
Riferimento chiudo ultimo obiettivo rispetto della legge
La legge dice che
Le fondazioni bancarie devono diversificare i propri investimenti
Bene le fondazioni bancarie non diversificano i propri investimenti né o qualche esempio prima di tutto un esempio toscano
Sempre al netto dello scandalo Montepaschi Siena l'Ente Cassa di risparmio di Firenze che è la seconda fondazioni in termini di importanza della Toscana investe il sessanta per cento del proprio attivo patrimoniale in una singola banca
La sua banca conferitaria
E questo è un non è diversificazione evidentemente degli Investimenti
Altri esempi né un esempio clamoroso non è toscano la cassa direi la Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo investe quasi l'ottanta per cento delle proprie risorse in una singola banca e oltre il quaranta circa il quaranta per cento
Del loro patrimonio investono in una
Quindi la banca la Fondazione Cariparo Compagnia Sanpaolo Cariverona Banco di Sardegna la Fondazione casse di risparmio di Trieste anche la Fondazione Banca del Monte di Lucca quindi abbiamo una situazione dove la diversificazione
Prevista per legge
Degli investimenti non è rispettata non è rispettata neanche chiudo la perdita dell'azionariato di controllo
Delle banche è previsto per legge ma come vi ho detto le fondazioni bancarie è vero che hanno meno quelle più importanti del cinquanta per cento ma con degli accordi
Fascicolo quindi con altre fondazioni facendo delle liste comuni
In sede di Assemblea con percentuali molto più basse del cinquanta per cento mantengono il controllo delle
Banche quindi questa è
La situazione poi
Se
Avrò il tempo Vito qualche informazione invece nello specifico sulle fondazioni toscane
Questo punto darei la parola al nostro esame una storia
Grazie
Grazie mille a tutti i compagni aretini che hanno voluto organizzare questo convegno e abbiamo scelto a Rizzo perché poi questo pomeriggio ci mi agiremo nella fossa dei leoni cosa vuol dire
Cisco sì grazie assolutamente Siena Arizona una sanzione
E questa è una condizione che deve far riflettere perché in Italia le fondazioni sono ottantotto
Tendenzialmente c'è una distribuzione disomogenea di queste fondazioni e quindi la finalità principale che è quella di fare un welfare sul sussidiare sul territorio a produce delle discriminazioni
Arezzo per esempio ha dei problemi con la banca locale ma certamente non è un problema derivante da il nesso che
Si instaura tra partiti fondazioni ed anche
Stavamo dicendo che quindi già il concetto che alcuni enti prima pubblici poi trasformati sì fintamente in soggetti privati possano aiutare parti di territorio ed altre parti no è sicuramente una sperequazione rispetto alla omogeneità dei servizi che dovrebbero essere
Rilasciati sul territorio
Ma andando poi
Al appunto che più ci interessa che il rispetto dello studio del diritto rispetto alla ragion di Stato
Sostanzialmente in Italia noi abbiamo avuto negli anni Novanta la necessità di modificare una setto che non era relativo solo al alle banche Mara all'intero sistema produttivo
Che sostanzialmente la modello ITO era il modello Beneduce era il modello rinvio al fascismo un'economia mista dove c'erano preponderante partecipazione
Del del pubblico sull'economia e chiaramente chi detiene i cordoni della borsa ha il potere
E quindi la politica si era assicurata il controlli tutte le banche come Rita fascista mala proseguita esattamente come se nulla fosse fosse accaduto
Quando negli anni novanta si è instaurato un processo di
E liberalizzazione di per vegetazione
E Giuliano Amato
Toscano esimio membro della Corte costituzionale
DEF di Fini il sistema bancario italiano come la foresta pietrificata
E inizio tutta quella evoluzione normativa che ha visto nel mille novecentonovanta la legge
Armato Carli ha visto poi la modifica nel novantanove
Con la legge Ciampi e poi ha visto nel due mila due la modifica con la legge Tremonti
In tutti questi vari passaggi le fondazioni si son trovate desse prima titolari unici del pacchetto azionario delle banche quindi all'inizio lo dovevano controllare istituzionalmente le banche e quindi era proprio evidente che erano dei soggetti messi
Al posto dei partiti per fare quelle funzioni
Ciampi nel novantanove decise invece per la dimissione del pacchetto di controllo e infatti la nostra proposta di legge va a incidere al sull'articolo venticinque della legge Ciampi che diceva bisogna dismettere il controllo
Peccato che questo controllo non è stato definito cioè che cosa e controllo le banche tendenzialmente sono Public Company hanno l'azionariato diffuso
E Valerio Federico ha spiegato come con gli intrecci azionari normalmente fanno i privati in questo caso hanno fatto le fondazioni il controllo si può mantenere anche con una piccola percentuale di
Di di possesso azionario
Bene la cosa incredibile che per prassi viene considerato controllo il cinquanta per cento
Cioè per avere il controllo Tusa considerato un soggetto controllante del cinquanta per cento
Vi faccio notare che la legge per la l'OPA cioè quando uno deve far scattare l'acquisto obbligatorio in Italia pone il limite al trenta per cento e quindi già questo è una discrasia
Ma ce ne sono molte altre di di di di di di di norme che sono gelate per esempio quando si decise di imputare alle fondazioni
Queste zio quindi queste ricchezze che da pubbliche diventavano private
Fu deciso anche di istituire un'autorità amministrativa indipendente per il controllo della dell'intero settore no profit nel quale adesso sono considerate le fondazioni guarda caso si sono dimenticati
Quindi che cosa è accaduto che all'interno del Ministero dell'economia hanno creato un dipartimento ad hoc che deve controllare le fondazioni sempre il Ministero dell'economia
Deve controllare lo Statuto quindi ne abbiamo fondazioni sostanzialmente private Cece formalmente private sostanzialmente pubbliche con una serie di violazioni di di legge quindi già il fatto che
Non parlo poi della della della violazione della diversificazione del degli investimenti che è qualche cosa voglio dire se io devo andare investire i miei soldi per garantirmi un futuro sto molto attento su il modo in cui investo
Se invece dose che devo investire soldi della Fondazione che sostanzialmente con soldi pubblici ne sappiamo in Italia con lo state serviti sei investiti soldi pubblici
Probabilmente non si fa il migliore investimento il fatto di concentrare il capitale azionario in un'unica banca conferitaria di riferimento vuol dire che in un periodo di crisi quale quello attuale le banche hanno affondato le fondazioni
è il meccanismo che raccontava Valerio Federico è particolarmente pericoloso
Perché se le fondazioni ricapitalizzare le banche le salvano ma muoiono le fondazioni e soprattutto motivo fondante distribuire sul territorio quegli aiuti come nel mille ottocento vogliono le casse cooperativo facevano
Quel quella s'solidarismo con l'associazionismo spontaneo che facesse sì che
Magari più fortunati aiutassero i più i più poveri
E e quindi a questo punto né ci siamo resi conto che e guardando i bilanci guardando le erogazioni guardando le destinazioni è un fenomeno che inquina il rapporto tra affari e e politica
E quando si gestiscono soldi purtroppo c'è chiaramente la capacità di influenzare politicamente
Le scelte dei dei cittadini che beneficiano di erogazioni io per esempio sostengo in questi giorni di campagna elettorale dove ci sono elezioni europee ed elezioni amministrative entrambe con le preferenze
Vogliamo vedere le fondazioni come possono usare quei soldi magari in funzione di un'indicazione di voto in perfetta legalità e cioè la legge non sempre contiene diritti questo è un caso in cui la legge è un fatto sì che ci siano dei privilegiati e poi ci siano dei territorio delle zone diciamo delle dei dei vasti strati di di di di popolazione che non può usufruire di questi
Di questi vantaggi
Quindi in ogni cordiali italiano a un certo punto avendo visto che la fondazione è una finzione giuridica è fintamente un soggetto privato
E poiché lo Stato interviene pesantemente sulle cose che deve fare perché come hanno detto gli controlla lo Statuto gli decide quali sono i settori in cui deve investire IVA controllare moltissime altre cose ma allora
Lo Stato potrebbe anche chiedere alle fondazioni di lasciare il capitale e metterlo sul mercato collocarlo sul mercato perché la collocazione sul mercato consentirebbe l'arrivo di professionisti della finanza
Che in quanto tali hanno le competenze per fare
Quel tipo di professione sperando di poter avere anche degli utile quindi sopportare meglio
Il rimbalzo della crisi che ha colpito anche l'Italia
Perché questo perché se la crisi finanziaria
C'è stata risparmiata da parte dei banchieri
Come dice la maggior parte degli analisti a causa della scarsa pendenza a rischiare in fenomeni in come dire in strumenti finanziari molto più sofisticati e anche molto più pericolosi
In Italia non c'è stato e per fortuna ma perché
Perché
I politici che nominano i membri della fondazione normalmente utilizzano dei parametri che non sono quelli della
Capacità in materia finanziaria sono altri e quindi non c'è competenza finanziaria
Uno studio della voce ha dimostrato con lo zero tre per cento dei membri delle fondazioni ha competenza in materia
Molto spesso si mettono medici che poi danno le erogazioni negli ospedali
Si mettono preti che poi danno le le erogazioni per salvare la palla bellissima in una chiesa
Baroni universitari e la l'l'Università di Siena è crollata insieme a alla Fondazione Monte insomma insieme la squadra di basket insieme la squadra di calcio del suo pensiero è crollata tutto insieme perché lì sarà concentrata
E quindi noi riteniamo che a questo punto
Poiché la legge non è rispettata poiché la legge è inefficace ponendo sul mercato queste azioni ne potremmo fare intervenire degli investitori istituzionali che sapranno fare buon uso di questi denari non siamo però degli irresponsabili noi sappiamo che quando si in mente sul mercato una grande massa di offerta
Di azioni queste perdono il valore
E quindi abbiamo previsto tutta una serie di i
Tempi come diceva Valerio io primi quattro anni per poter dismettere se ci sono condizioni eccezionali ulteriori due anni e poi eventualmente l'intervento
Di del ministero sempre per verificare quali sono le difficoltà e intervenire eventualmente autoritativamente
In tutto questo sempre Valero anticipato cerchiamo di far promanare anche la virtù la dove può essere possibile quindi noi chiediamo agli amministratori che sono normalmente i membri del Consiglio comunale provinciale e regionale
Di rendere pubblici i i curriculum di coloro i quali si vogliono candidare di far conoscere quali sono le competenze e soprattutto cercare di far sì che questa
Attuale debolezza del sistema bancario delle fondazioni italiana possa essere superato con dei dati comparati presi dagli da da numerosi altri Stati soprattutto gli Stati Uniti facendo sì che
Una Groma nato più importante di di fondazioni possano incidere sui propri risultati in modo migliore perché è evidente che le economie di scala consentono l'abbattimento dei costi del dei dei il degli oneri che sono assolutamente molto molto alti in Italia perché vengono considerati
Dei posti dove poter dare
Un una gratificazione spesso i politici trombati il caso di di Chiamparino è è evidente insomma sindaco di Torino membro della Fondazione pronto grazia la denuncia dei radicali voi sapete si si dovranno rifare anche se con grande ritardo
Sezioni regionali di nuovo pronto a scendere in pista quindi ha fatto semplicemente
Una una piccola sosta nella Fondazione un pit stop per poi
Per poi ripartire
E quindi a questo punto non riteniamo che questa legge sia una legge che contiene privilegio sia oltretutto violata e a questo punto l'ottimo riformarla ri riscriverla far sì che il mercato faccio il proprio lavoro la politica faccia il proprio lavoro i cittadini possano avere
I propri diritti non
Chiedendo cortesie ma potendo vere un giudice a Berlino che gli riconosce quello che gli spetta grazie
Eccezionale Sandro allora niente ora a questo punto darei la parola
Ai due consiglieri che hanno diritto cominciamo da Daniele Farsetti del Movimento cinque Stelle
Sì grazie grazie per avermi invitato e per averci coinvolto in questa iniziativa perché
Mi piace ricordare che noi del Movimento cinque Stelle io sono un portavoce di un gruppo quindi in gruppo gruppo di Arezzo come dire ha deciso di appoggiare questa iniziativa perché va un po'nel solco anche dei valori del Movimento cinque Stelle per che
Elementi di trasparenza di competenza di uscita della pervicacia cita della politica in tutti i gangli economici piuttosto che sociali perché è un altro tema che poi ha delle
Ovviamente i soldi hanno delle ricadute direttamente in ambito sociale eccetera è qualcosa che non professiamo da
Da moltissimo tempo che comunque tutte le sedi in cui ci troviamo ad operare
Sicuramente cerchiamo di di portare di portare avanti
Qui il tema delle fondazioni è ovviamente un tema come dire paradigmatico una forza che nel sistema italiano perché è la volontà
Come dire di aggirare una legge dello Stato italiano di continuare a mantenere privilegi la gestione di
Alcuni importantissime la regola non è che non Ai fini
Della corretta gestione appunto economica di un sistema come quello bancario che ovviamente poiché il volano dell'economia ma affini che hanno altri direzioni a fini amicali spesso e volentieri a fini di generazione del consenso
Chi mi ha preceduto ovviamente ha fatto come di una disamina tecnica che io non mi sento neanche di di poter minimamente avvicinare però in tutti e due gli interventi è apparso evidente sottotraccia magari non
Riportato chiaramente ma invece Beppe Grillo
Lo ha fatto lo ha fatto a poco più di una settimana fa
La partecipando direttamente all'Assemblea della del del Lazio del Monte dei Paschi della dei soci
Azionare Monte dei Paschi parlando esplicitamente nel nostro territorio perché poi ovviamente noi parliamo del nostro territorio di teste rossa intesa come un sistema politico di una certa colorazione
Che
A e vuole mantenere continuare a gestire quel tipo di sistema di potere quel tipo di sistema
Di consenso politico per perpetuare appunto la propria gestione di questi di questi territori questo ovviamente è qualcosa che
Completamente lontano dal Movimento cinque Stelle qualcosa di diametralmente opposto
E anche come atti come piccoli atti amministrative che ne siamo pazzi semplice lo dico anche a nome di Roberto perché insomma su questo su questo siamo confrontati più volte siamo semplici e quant'
Ieri comunali
Di opposizione in un Comune come quello di Arezzo quindi le nostre leve di potere sono veramente a azzerate quando parliamo di fondazioni bancarie come quelle Monte dei Paschi ovviamente siamo delle
Delle delle nullità rispetta un tema così vasto però sicuramente nel nostro piccolo nel Comune di Arezzo per esempio
Abbiamo ha proposto appoggiato sposato un Regolamento che prevedesse la nomina per competenza redditometro cinque Stellato
Proposta che non non potesse essere nominati che aveva già una precedente esperienza politica questa
Era una provocazione perché andava contro alcuni dettami costituzionale addirittura però era proprio per come dire
Porre al centro dell'attenzione che la competenza sia una del prerogative essenziali per gestire la Cosa pubblica perché non può esistere che
Un per quanto stimatissimo
Infine colgo si occupi di finanza questo è è uno degli elementi ore nel caso specifico di un Comune che uno stimatissimo
Rappresentante esponente di partito che ha fatto per lunghi anni militanza all'interno un partito si occupi di trasporto pubblico di inizio
Può farlo nessuno però è ovviamente secondo noi è preferibile che se ne occupi un tecnico perché
A come dire già una scala
Di riferimento su una materia che non deve acquisire mai già concreta pratica attuabile probabilmente anche migliore perché deriva da un percorso formativo che non si improvvisano un giorno in un anno insomma ecco
Questo il la sintesi di quello che vogliamo dire no altamente insomma
Il gruppo chiarezza si sente di appoggiare questa proposta se è possibile la la veicoli era anche le proprie emanazioni
Parlamentare perché a sto punto Movimento cinque Stelle non ha
Una via intermedia non abbiamo rappresentanti almeno in regione Toscana ma passiamo direttamente dall'ambito locale l'ambito parlamentare per cui può essere un tema sul quale confrontarsi è chiaro che poi ognuno la propria visione ognuno ha la propria
Particolarità però alle sensibilità ecco se vogliamo definire con questa parola secondo me sono ha sicuramente sono assolutamente comuni in questo in questo senso Tacchio vi ringrazio no
Lascerei
Lascerei la parola a Roberto Barbieri
Grazie grazie razzetti niente ringrazio per aver scelto aree solo gli amici radicali
E quando ho visto la notizia sulle quotidiano web rese riforma reso ho subito aderito all'iniziativa facendolo presente anche in Consiglio comunale territorio cosa non
In questo caso come tante altre iniziative che i radicali la figura di Angelo Di Paola di tutti gli altri fanno
Aderisco sempre molto volentieri che logicamente fa specie ancora un po'a Daniele a ha fatto presente questa cosa che in questa questa presento questa conferenza stampa delle firme manca
Il partito che colora la Giunta della nostra città come è logico che sia perché il nostro partito il partito che comande città e quindi il PD non difficilmente potrà dire queste cose che si dove si parla veramente di trasparenza si parla di libertà
E io ho sentito prima Daniele che riceva chiamato per Perillo la peste rossa sia effettivamente anche ad Arezzo è così si muove in questi ambiti tutto quello che ruota nella politica cittadina
Quindi questa iniziativa una gran bella cosa spero vivamente a questo punto vada avanti anche in Parlamento perché il perso preside Palamà comporre vent'anni che
Vengono normalmente cassate queste idee
E il Parlamento italiano come
Tante altre dei quindi io mi auguro di cuore che vada in porto questa volta con l'aiuto di tutti
Anche se dubito visto a situazioni fissi sta venendo a creare a livello italiano riesca e l'augurio perché essa facciano l'augurio che quante più persone
Crescono a firmare questo documento e così vi fa forza e portare avanti tutto questo grazie a voi per essere venuti per iniziativa
Allora
Alessandro Pansa arrivo a fare un intervento sono sono una cosa vera perché ma è anche legata lessicali
Hai definito anzi Grillo definito la peste rossa bene noi definiamo situazione italiana la peste italiana perché l'Italia è una serie di casi in cui il diritto o non contiene la legge non concede diritti oppure viene continuamente violato
Ora voi l'avete ricade in rosso sicuramente è una peste che e trasversale tra i partiti
Però esattamente l'Italia un paese che non riconoscibili ti costringe a chiedere le cortesie e il sistema banche fondazioni si basa esattamente su questo meccanismo se noi riuscissimo ad eliminare
Le tante prestiti agli anni che esistono il paradigma
Paradigmatica mentre noi abbiamo trovato nelle banche fondazioni ma per esempio sulla questione giustizia Marco Pannella sta ponendo con forza
Il la sua azione politica perché se non c'è il diritto non c'è la possibilità di una vita associata ed equa questo è il problema fondamentale non l'abbiamo usato come leva in economia le fondazioni
Marco sta usando la giustizia nella sua accezione più ampia
Ma sono contento che persino da un punto di vista lessicale ci si renda conto che ormai gli italiani ammorbata da una situazione di mancanza di democrazia con una falsificazione con una capacità di rendere plasticamente
E falsa e e falsamente efficiente questa nostra Pubblica amministrazione questo nostro Stato Renzi vuole rottamare tutto B vedremo se la Camera soprattutto a Siena e il sistema delle banche fondazioni
Pratiche
Grillo lessicalmente usa molto spesso dei termini propri dei radicali e adesso dall'altra ci fa anche piacere
Ultimo brevissimo intervento che definisce le il foglio che trovate
Sud-nord o facciamo direttamente un po'di domande
Giusto sulle fondazioni toscane così le
Io vivo abbiamo consegnato un un lavoro in dettaglio che dimostra alcune
Tendenze molto chiare delle fondazioni toscane Bri assume due-tre punti più importanti dimostrati da questo lavoro
Le tutte le fondazioni italiane dal due mila sette al due mila e dodici hanno diminuito le erogazioni sul territorio danno sempre meno soldi sul territorio
Nel caso delle
Fondazioni italiane complessivamente tra il due mila sette due mila dodici hanno dato il quaranta per cento in meno i soldi sui territori le fondazioni toscane senza MPS
Perché non abbiamo inserito il dato di MPS perché
Monte Paschi Siena da sola condizionerebbe il dato complessivo
Di tutte le fondazioni toscane quindi non riusciremmo
A dare un dato affidabile e quindi le dieci fondazioni toscane senza Montepaschi Siena tra due mila sette due mila dodici hanno dato il trentuno per cento in meno
Di erogazioni sul territorio
Il trentuno per cento in meno
Salvo il fatto che negli ultimi tre anni dal due mila dieci al due mila dodici hanno invece aumentato gli oneri i costi
Per la struttura dal due mila dieci due mila dodici in due anni i soldi il gli oneri delle fondazioni toscane sono aumentate dell'otto per cento aumento dei costi
Diminuiscono le erogazioni sul territorio
Resta più o meno allo stesso livello il patrimonio il patrimonio delle fondazioni toscane
Leggermente cresciuto in questi anni è aumentato del sette per cento mentre il patrimonio di tutte le fondazioni italiane al netto sempre di Montepaschi è diminuito del quattro per cento
Ma perché
Rimane fermo aumenta leggermente il patrimonio delle fondazioni e negli stessi anni invece le erogazioni sul territorio a beneficio delle comunità diminuiscono
E perché naturalmente le fondazioni toscane hanno la necessità di mantenere il proprio patrimonio a un livello consolidato come dire
Per
Rappresentare una gestione apparentemente efficace peccato che lo fanno a danno delle erogazioni quindi a danno dei soldi sul territorio
C'è un dato molto importante forse il più importante dove noi rapportiamo le erogazioni al patrimonio complessivo
Quindi ai otto come lo sai gestire questo patrimonio
Per
Bene o male per dare i soldi alla al ai al territorio di riferimento bene le fondazioni toscane
Distribuiscono in termini di erogazioni in un anno l'uno virgola trentaquattro per cento del patrimonio complessivo
Mentre
In tutta Italia le fondazioni distribuiscono l'uno virgola settantatré per cento
Del proprio patrimonio nelle erogazioni cioè le fondazioni toscane mantengono il loro patrimonio perché erogano meno perché danno meno soldi sul territorio
E perché questo avviene anche perché le fondazioni toscane al netto sempre di MPS sono piccole
Hanno costi alti
E quindi per mantenere il patrimonio lo stesso livello danno meno soldi ai territori
Quindi apparente lavora in gestione la realtà è che tutto questo avviene ad anno delle comunità locali e perché è ancora perché anche le fondazioni toscane
Nelle quali
In tutte le undici fondazioni lo scale sono toscane sono presenti i politici
Bene le fondazioni toscane vogliono a tutti gli effetti mantenere la loro presenza nelle banche il risultato naturalmente periodi di crisi meno entrate e quindi meno soldi sul
Territorio
E più costi come abbiamo detto chiudo le fondazioni toscane meno come dire virtuose dal punto di vista del rapporto tra i costi
E i soldi dati sul territorio sono naturalmente Montepaschi Siena ma anche
La Fondazione Cassa di Risparmio di Livorno la Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato la Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara
La Fondazione Banca del Monte di Lucca la Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra sono tutte delle fondazioni che hanno un costo eccessivo
Rispetto ai soldi che danno sul
Territorio quindi
Riassumendo delle fondazioni quelle toscane che costano troppo che danno troppo pochi soldi sul territorio tutto questo per mantenere la loro presenza quindi la loro influenza sulle banche
Provate a chiedere mutua finanziamento da questo punto io lascerei le domande del pubblico se ci sono se qualcuno ha qualche domanda

Valerio
Va bene
Allora mandiamo Valerio a fare il video
Inizio scusa
Zanetti
Ma mi chiedevo Cavazzana nell'individuare o in tutto il gruppo consiliare ha aderito all'iniziativa giusto per informazione
Delle
Del sì
Sì ok quindi Bardelli forse i tempi delle del di mia del delle Consiglio comunale devono acqua delle due persone che so che Lippi delle forti tale hanno aderito anche altre persone esterne luce a tanti quindi è una cosa generale che trattano tutti stanno firmando
Diciamo per quanto riguarda questo ci queste normalmente la nostra prassi è appunto un di portavoce di un'espressione più larga qui saggiamente non solo del del gruppo consiliare che ha fatto due persone ma è proprio di una base di attivisti che
Su questo tema mai espresso la propria
Opinione
Un tutti a fare le interviste avevano Valerio quindici
Se non ci sono altri domande io ringrazierei tutti i convenuti in particolar modo i nostri consiglieri che spero che di atti e forza che attraverso i vostri parlamentari di riferimento perché questa
è una proposta di legge che
Ovviamente un parlamentare può influire molte anche molto sulla sulla realizzazione e quindi di prego di portare avanti bene grazie ragazzi