03MAG2014
intervista

Il dibattito sulla pena capitale dopo l'esecuzione in Oklahoma e le misure di clemenza di Obama contro il sovraffollamento delle carceri. Intervista a Luca Celada

INTERVISTA | di Lorenzo Rendi RADIO - 23:08. Durata: 16 min 33 sec

Player
Luca Celada è corrispondente del Manifesto dagli Stati Uniti.

"Il dibattito sulla pena capitale dopo l'esecuzione in Oklahoma e le misure di clemenza di Obama contro il sovraffollamento delle carceri. Intervista a Luca Celada" realizzata da Lorenzo Rendi con Luca Celada (giornalista, corrispondente del Manifesto dagli Stati Uniti d'America).

L'intervista è stata registrata sabato 3 maggio 2014 alle ore 23:08.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Amnistia, Carcere, Criminalita', Democrazia, Diritti Umani, Diritto, Droga, Esteri, Giustizia, Obama, Oklahoma, Pena Di
Morte, Penale, Politica, Riforme, Sicurezza, Societa', Usa.

La registrazione audio ha una durata di 16 minuti.

leggi tutto

riduci

23:08

Scheda a cura di

Guido Mesiti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Dobbiamo
Ha fatto molto discutere quanto avvenuto in Oklahoma nei giorni scorsi quando la esecuzione di un detenuto e non nel carcere si è trasformata in una agonia durata oltre quarantacinque minuti ci fa ricordare intanto che cosa è successo e per
Guerra si trattava dell'esecuzione del Clayton la Rocchetta un uomo condannato per omicidio come detto nel perito intervistato dell'Oklahoma
Ed è stata uno un vero razzio stando ai a quello che hanno detto i testimoni era presente come prevede la legge americana
Ad assistere a all'esecuzione attraverso
Una finestra pare che il detenuto quando gli è stato somministrato
Il veliero che avrebbe dovuto sedarlo poi ucciderlo invece abbia continuato in evidente sofferenza a lamentarsi a muovere la testa a cercare di liberare gli atti legati alla lettiga come da protocollo
Ed è stato appunto comuni in una scena visto Parenzo atroce era evidente le autorità hanno quindi sono accorti hanno tentato
Di interrompere l'esecuzione addirittura di rianimare il detenuto che poi comunque è morto per un collasso cardiaco documentino quarantatré minuti quindi una conoscenza più
Che ha sottolineato la crudeltà spesso
Ignorata nelle esecuzioni nella rilettura
Molto molto pubblica ha fatto molto scalpore questo caso
Senti cento il fatto che si trattava di iniezione letale si trattava di un composto denominato Midazolam il cui corpo ti però sono segreti c'è un problema relativa al boicottaggio da parte delle industrie farmaceutiche europee che non vendono più
Farmaci che possono essere impiegati per le esecuzione le pene capitali negli Stati Uniti e allora che cosa succede in caso che e tipo di nuovo fronte sia presto
Allora come dici tu il paradosso di tutta questa faccenda e i diciamo in quindi più più in generale della pena di morte negli Stati Uniti è che più che un
Un dibattito morale un'obiezione morale
Alla alla piena di per certezza ciò che la ultimamente rallentato e sono circa sedici gli Stati
Che hanno o ha abolito o hanno istituito una moratoria indefinito nei per esecuzioni è stata soprattutto questa storia dei veleni cioè immediato panche tue
L'ATO è in realtà a parte i uno ecco per il fatto di tre
Sostanze
Il primo una
Un sedativo il secondo un paralizzante che paralizza i muscoli compresi quelli del diaframma e in ultimo uno un veleno il cosiddetto pento talché uscite
Il detenuto ora soprattutto questo di una sostanza prodotta i nove al due mila dieci mi sembra sono da uno ultimo
Avviene Ballarò Ospina che era un articolo Fardella e Bot laboratori concede tra l'altro proprio in Italia l'ultimo stabilimento che produceva la sostanza era aggiudicata in Lombardia
A seguito di molte proteste di molte associazioni
Uguale compresa
è insomma comunque molte associazioni contro la la pena di morte questa produzione è stata interrotta e questo ha provocato
Una una penuria tutti di veleno chiamiamola che ha costretto molti Stati a interrompere o tentare di modificare la procedura adesso siccome la pena di morte dipende sta ogni singolo Stato c'è una specie di
Far west ce lo vogliamo chiamare così dove ogni Stato impiega ciò che è meglio riesce c'è chi usa barbiturici altri sono sedativi da veterinari insomma non una situazione spregevole
In cui molti falsi questi farmaci sono efficaci in essere funzionano se provoca sofferenze
La questione chiave qui è qui mentre la Costituzione americana prevede la pena di morte qua ognuno ne richiede anche che non vi sia una sofferenza eccessiva
Il cosiddetto problema Agnus urbane Spezia equivalente alla tortura
E che i veleni non sono
Efficaci
Si può verificare come è stato molto evidente la settimana scorsa in un comma esattamente questo fatto è questo rischia numero o meglio ha il pregio di potere bloccare le esecuzioni come si sta verificando in
Ecco il proprio riguardo all'ultima questione quando Obama dichiara siamo pronti e la revisione della pratica la pena di morte chiederemo al Dipartimento di Giustizia un'attenta analisi quali prerogative al Presidente quali poteri può esercitare
Uno allora lì e due aspetta ecco e la seconda era alla luce di questo punto ci sono presupposti per i ricorsi alle Corti locali e la Corte suprema degli Stati Uniti ancora
Allora ci sono i presupposti per i corsi a volte non vanno a buon fine lo stesso locazione
Avendo fatto esattamente un ricorso in questo senso al punto che il suo avvocato e ha chiesto alle autorità del penitenziario di filmare l'esecuzione proprio perché supponeva l'equipe dei difensori di Locri che il veleno utilizzato verità avrebbe potuto quo provocare
Rutelli sofferenze come poi è stato puntualmente
Purtroppo per lui non ha funzionato ma ci sono assolutamente gli estremi per fare questi ricorsi e molti lo fanno e le rende tutto il sistema è stato rallentato di conseguenza per quanto riguarda Obama essa è stato dato molto risalto al suo annuncio di ieri che avrebbe
Voluto rivedere le pratiche attorno alla pena di morte tutto il mondo le sue prerogative sono prerogative sono limitate perché come dicevo ero una l'azione di dipendenti da ogni singolo Stato però c'è da dire che potrebbe
In effetti all'atto pratico essere un po'una svolta all'interessamento in questi termini da parte del Presidente che ha affidato la pratica al suo ministero della giustizia Eric holder
Che a differenza del precedente che era rimasto piuttosto neutro riguardo alla pena di morte dicendo che era comunque tutti ficcata in alcuni casi estremi tragica uccisione di bambini eccetera e il suo Ministro della giustizia ovvero interpretato apertamente contrario
E ora tema mono i paladini della pena di morte sperano
Chi invece la oppone chi è contrario che questo posso segnalare una svolta
In generale un po'come è stato nel caso dei matrimoni che della liberalizzazione delle droghe ultimamente nell'amnistia concessa proprio da Obama ai detenuti in penitenziari federali per pene minori perché altro che leggere
Che ieri nella leadership l'esempio del Presidente se è questo Cercle deciderà di battere su questo punto possa segnare una generale inversione
E portare all'abolizione della pena morte dei diritti negli Stati Uniti dove ancora il sessanta per cento della popolazione vero la favorisce ma questo è molto meno
Di quelli che la favoriamo solo pochi anni fa
E sette questo ci porta direttamente alla seconda parte nostra chiacchierata di questa sera proprio il tema di cui tutti si è occupato in un articolo molto bello in pieno ed esaustivo pubblicato dalla manifesto il ventisei aprile scorso una fotografia veramente altri settantacinque gradi della situazione carceraria negli Stati Uniti una sistema estremamente complessa o ma in una situazione anche più o meno disperata oggi si può parlare pure fatto
è un complesso penale industriale in qualche modo che le greche girando anche quello che era l'allarme lanciato da AICA Eisenhower sul complesso militare industriale negli Stati Uniti come la situazione oggi e come ci si è arrivati
Ma la situazione appunto questa gli Stati Uniti la maggiore democrazia occidentale a alla dubbio da distinzione e avere la mia maggiore popolazione in percentuale di detenuti al mondo
Quei due milioni e mezzo a circa di cittadini sono in galera
E si è arrivati a cui è stata stiamo parlando più bello dell'un per cento della popolazione totale del paese che una percentuale maggiore della Russia della Cina dell'Iran insomma queste che sono i termini
Ci si è arrivati attraverso un sistema giudiziario che ha avuto negli ultimi tre decenni circa una deriva
Che chiamerei punitiva e giustizialista
In cui le leggi sono state sempre più severe per le ragioni ufficialmente di ordine pubblico ma in realtà politiche dove è stato imperativo per ogni uomo politico per ogni amministrazione
Dimostrare di più realisti del re o meglio più giustizialisti esperire dei precedenti amministratori
E quindi le pene sono state sempre incrementate soprattutto nell'ambito di quella che è stata la cosiddetta warrant Ragusa
La guerra alla droga istituita inizialmente da Richard Nixon e in seguito incrementata da ogni successiva né successiva mine assegnazione
Per cui sia giunto alla al paradosso di piene dividenti trenta quarant'anni per semplice possessione di stupefacente
Questo risultato nel nell'attuale
Situazioni
Quanto costa anche poi al contribuente americano che è molto più sensibile diciamo così I conti che hai temi di violazione dei diritti umani no come analogamente anche per il nostro Paese forse potremmo dire riprendere infatti tendono più a reperire toccata se il portafoglio che la coscienza cosa molto agli americani questo sistema iper affollato
è costata moltissimo non ho sottomano i dati ma insomma
è noto che per esempio in California uno Stato che hanno sui duecento mila detenuti la detenzione
In un minore ad esempio costa sull'ordine dei dieci mila dollari al giorno
Comunque molti ordini di grandezza più che non l'educazione di un giovane
Okay e lo stesso si può dire per la sanità costa molto più tenere
Curare detenuti in prigione che non in libertà quindi
I come tu dicevi e spesso il cambiamento
Viene effettuato perviene economiche finanziarie l'argomento che alla fine può cambiare le cose questo più che quello morale ma insomma molti dicono basta che il cambiamento ci sia e in questo frangente
Il Presidente degli Stati Uniti per la prima volta nel sembra aver messo in moto anche lì lui ha potuto diciamo graziare diverse centinaia forse qualche migliaia di detenuto quelli che il
Dipendono dal sistema
Federale non quelli molti altri migliaia del nell'evidenziare statali però è un inizio ed è una indicazione importante e soprattutto perché e ricovero momento il Ministro della Giustizia
Ha motivato questa inversione di tendenza con
Dati per esempio razziali
Noto che circa un po'più della metà dei detenuti
Come è un po'più della metà dei prigionieri nei bracci della morte sono per esempio afroamericani questo a fronte di una percentuale nazionale
Del dodici per cento circa quindi è evidente che c'è uno sconcertante di riequilibrio in questo senso per la prima volta in un'amministrazione di un Presidente americano e un Ministro della Giustizia americano
Questo dato è stato esplicitamente addotto
Per cambiare le cose ecco mi pare però che infatti che Obama
Prima e poi il serietà e la giustizia holder richiamandosi anche alla legge promulgata nel due mila dieci fare sentenze indirette che riduce proprio quelle sentenze di condanna per i condannati Piera droga in assenza di reati di violenza anche a però riconosciuto che c'è una discriminazione che mal si mantiene insomma ci sono condannati siccome non ha valore retroattivo questa legge ci sarebbe condannati che scontano le pene lunghissimo iter fino a trent'anni come dicevi tu i condannati con la legge quando entrata in vigore nel due mila dieci che spende scontano con cont condanne più brevi di qui dunque la necessità insomma di cercare di deflazionare insomma è possibile che i cittadini possano se dietro con i requisiti nelle garante visti che
Che ha messo nero su bianco dipartimento la giustizia possono fare richiesta ad una petizione nei confronti del Presidente Lula grazie collettiva insomma una Messia di Obama
Sì sì dunque tutti possono farlo come dici tu coloro il peso degli oneri ritenuti che rispondono al all'agli standards specificati
Dal da questa nuova iniziativa né porla possono richiedere il comportamento della pena
Pensi individualmente quindi l'amnistia viene fatta ad ogni individuo non è un'amnistia diciamo collettiva ma vi porto il risultato sarebbe questo anche perché il Ministero darà Giuseppe garantisce che verrà messo a disposizione di tutte e le agevolazioni necessaria per iniziare per seguire la pratica compreso il difensore di ufficio eccetera quindi e questo anche per ovviare un'inversione di tendenza che come tu facevi notare all'esterno è cambiata radicalmente nel senso che non è colorato per esempio un po'nello Stato del Washington dove è legale adesso prevede l'uso di marijuana
Che potrebbe uscire un detenuto che ha ascoltato il dente annidi galera per possesso di marijuana
E giovarsi in un
In una società che ora mi ammette l'uso un paradosso che
Che l'Amministrazione sta cercando di rettificare
Quindi in sostanza e andiamo a conclude mi pare che l'auto a valutazione di fondo alla luce dell'articolo che è scritto per il manifesto e che sì si parla adesso di misure
Di deflazione della popolazione carceraria per ridurre il sovraffollamento ma c'è soprattutto un ripensamento delle strategie da volontà Brahms dalla guerra alla droga e delle misure penali
I dati così punitive così dure e un cambiamento di strategia che forse potrebbe essere seri e ho capito bene anche da come è scritto potrebbe essere la mette la cifra storico-politica della presidenza di Obama così
è assolutamente sì questa potrebbe essere diciamo il il suo principale retaggio ad una serie di iniziative
In cui sembra avere la volontà politica adesso a due anni dalla scadenza del suo secondo termine
Sembra avere dicevo la volontà politica di imbarcarsi di in qualche modo metterci la faccia
Quindi andando ripeto dai diritti e delle unioni gay alla riforma sanitaria la cosiddetta Obama che era a quella dell'immigrazione alla depenalizzazione
E alle carceri adesso sia con la riduzione delle sentenze della convocazione delle pene e e questa forse sarebbe quella più clamorosa perché tradizionalmente un argomento intoccabile che anche sulla pena di morte
Obama ora si muove B somma effettivamente questo pacchetto dire riforme sociali giudiziarie sarebbero il suo lascito
Grazie grazie veramente a lucrare celata corrispondente dagli Stati Uniti del quotidiano il manifesto grazie presente punto che a Radio Radicale
A voi buonasera