05MAG2014
stampa

Presentazione del Rapporto Peer Review 2014 dell'Ocse-Dac sulla cooperazione allo sviluppo dell'Italia

CONFERENZA STAMPA | Roma - 15:00. Durata: 2 ore 34 min

Player
Registrazione video della conferenza stampa dal titolo "Presentazione del Rapporto Peer Review 2014 dell'Ocse-Dac sulla cooperazione allo sviluppo dell'Italia" che si è tenuta a Roma lunedì 5 maggio 2014 alle 15:00.

Con Fabio Cassese (Ministro Plenipotenziario, Vice Direttore DGCS), Marina Sereni (vice presidente della Camera dei Deputati, Partito Democratico), Lapo Pistelli (vice ministro degli Affari Esteri, Partito Democratico), Erik Solheim (presidente dell’Ocse-Dac), Luca De Fraia (direttore della policy di ActionAid), Maria Egizia Petroccione (portavoce del CINI (Coordinamento
Italiano Network Internazionali)), Stefano Mannaso (COBASE), Marco Santori (Consigliere d'Amministrazione del Consorzio cooperativo internazionale Etimos), Gian Battista Parigi (Presidente Centro Internazionale Cooperazione allo Sviluppo presso Università degli studi di Pavia), Guido Quadri, Roberto Pasca Di Magliano (professore ordinario di Economia Politica all'Università "La Sapienza" di Roma), Maurizio Carbone (Professore Jean Monnet, Università di Glasgow), Francesco Petrelli (portavoce di Concord Italia), Tana Anglana (OIM-Organizzazione Internazionale per le Migrazioni).

Sono stati trattati i seguenti argomenti: Albania, Cooperazione, Economia, Esteri, Governo, Italia, Ocse, Politica, Riforme, Sviluppo.

La registrazione video della conferenza stampa dura 2 ore e 34 minuti.

La conferenza stampa è disponibile anche nel solo formato audio.

leggi tutto

riduci

15:00

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Va bene c'era anche l'approvazione concernente allora buongiorno a tutti
Come tutti sapete dall'invito che avete ricevuto oggi abbiamo la presentazione pubblicato il rapporto di Tivoli più dell'OCSE-DAC
Con la partecipazione del Presidente del TAC Eriksson RAI
Venuto appositamente questo evento
La vicepresidente della Camera l'onorevole sereni del viceministro degli esteri dell'onorevole Pistelli
Si tratta di un momento molto importante perché
Il il tutto alla lavoro dell'articolo due è stato condotto
Per circa il sette otto mesi da tra tutti gli attori della cooperazione italiana in particolare il Ministro degli esteri lezioncine della cooperazione
E il team di esaminatori dell'OCSE che ogni quattro anni effetto a questo tipo di valutazione che ha una doppia
Doppio valore diciamo come si dice in ambito OCSE
Sia diciamo una forma di io crescevano cioè una forma di stimolo da parte dei pali quindi che i due Paesi membri in questo caso erano Spezia e Spagna e alcuni funzionari del Segretariato perseverato OCSE
Andiamo in migliorare incrementare l'efficacia la e la diciamo la qualità dell'aiuto allo sviluppo italiano e dall'altro lato è anche una forma di Pio learning cioè una forma di scambio di esperienze e di arricchimento reciproco che porta a cui se valutati dal comitato che dello sviluppo
La possibilità di identificare linee guida per una migliore cooperazione allo sviluppo sulla base appunto dell'esperienza dei principi
Internazionali nel nostro caso la la peer review e si è conclusa a marzo in una riunione che abbiamo avuto a Parigi con la partecipazione del vice Ministro Castelli
Diciamo si è concretizzata in un rapporto finale in questi
Delle principali raccomandazione
Perché Bortolussi ottobre dell'OCSE con
Sette capitoli ed è una una ventina di raccomandazioni
è un racconto ben più consistente che è quello diciamo più tecnico approfondisce
Sette capitoli perché appunto analizzare in maniera molto più dettagliata come funziona la cooperazione italiana nel suo nel suo complesso perché come sapete meglio di noi è composta da tutta una serie di attori
Governativi governativi differenti ministeri settore privato eccetera
Per quanto riguarda gli esiti di questa livelli più ce ne sono Stato è un punto come dicevo una serie di raccomandazioni
Noi come direzione generale della cooperazione siamo abbastanza soddisfatti sono state rivolte una serie di di valutazioni apprezzamenti da sforzi fatti ovviamente in primo luogo a livello politico e poi a cascata diciamo a livello di Amministrazione
C'è ancora molta strada da fare naturalmente c'è da tener conto che la cooperazione italiana si muove sempre nella strettoia ormai da molti anni della necessità di una
Modifica
Normativa che riescano a adatti a dargli consistenza con il mutato scenario internazionale a superare tutta una serie di
Ostacoli che intacca da tempo ha riconosciuto ma per a porte lo sponsor solo attraverso modifiche
Normative
Quindi
è stata un'esperienza molto interessante c'è stato un affido visita RAI in Albania ed una settimana intensa di incontri qui a Roma
Devo dire che è appunto la l'OCSE ha veramente mostrato tutta la sua professionalità in questo esercizio abbiamo
Un rapporto franco molto molto produttivo anche appunto le raccomandazioni finali ci trovano completamente
Pronti a recepirle al punto che volevo solo accennare al fatto che già
Una settima settimana scorsa ci siamo riuniti nella relazione generale per tracciare un primo quadro di una crono programma che possa dare
Già dalle prossime settimane attuazione alle principali
Raccomandazioni oggi sono in corso semplificare alcune
Su cui già ci siamo mossi per impostare il lavoro in primo luogo quello che è un po'la raccomandazione di arrivare all'elaborazione di un documento di visione strategica condivisa da tutti gli attori
Ma che al tempo stesso abbia anche una valenza di un di un documento basato su risultati attesi e quindi
Diciamo che non ha non sia solamente un documento così strategico di identificazione di priorità mafie che indichi voi in che cosa debbano consistere i risultati che è quella la possano rendere compiuta
Per quanto riguarda tutto il discorso sull'efficacia siamo reduci dalla Conferenza di Città del Messico viceministro
C'è l'intenzione di rafforzare il gruppo di lavoro sull'efficacia cercarlo di aprire ancora di più per dare maggiore impatto e anche di indicare nella lista delle iniziative volontarie che colgono Messico
Signor sì fisiche
Si è allegato al nel comunicato finale alcune di esse che possiamo come cooperazione italiana
Proporci comune obiettivi per aumentare l'efficacia e l'impatto della nostra azione
Molto molto importante tutto il discorso sulla gestione dei risultati che in effetti è sempre stato un po'una un vulnus della cooperazione italiana ancora non abituata a impostare un lavoro poco
Gestirci basato sui risultati attesi sugli indicatori
Di di realizzazione abbiamo iniziato Java stiamo scorse ho una un nano intensa lavoro di formazione con una serie di seminari rivolti al personale per
Seminari più questa struttura
Dei risultati ne faremo uno con la Comunità europea che ha da poco approvato sta per
Finalizzare un framework di gestione dei risultati proprio per cercare di condividere con la Commissione europea
Questo approccio lo stesso dicasi sulle valutazioni che noi facciamo abbiamo pari approvato un piano
Di medio periodo sulla sulle valutazioni da fare sulle iniziative anche in tal caso stavamo pensando appunto darlo aveva seguito agli raccomandazioni del tattica del rinvio
Si potesse
Istituire un altro organismo interno un comitato che
Proprio riesca ad un solo anno indirizzare la
Decisioni sulla sul piano di votazioni ma anche a vedere come far sì che tutte le elezioni che sono
Elementi emergono dalle valutazioni di singole iniziative possono tradursi aggiungersi in
In proprio dei comportamenti
Diciamo nuovi quindi in la la valutazione che si fa a cui realtà nella nella
Nel fatto che gli operatori coi
Diciamo utilizzerò costrizioni non ripetano eventualmente alcune così comportamenti che hanno portato problematiche ed infine la accetta finalizzare abbiamo finalizzato le linee guida il cui grafica rifiuta ampio credito centrale finalizzare le strategie regionali o subregionali che stiamo stiamo per affrontare che speriamo di portare
Al comitato direzionale per l'approvazione entro sicuramente entro l'estate sul serio sulla Corno d'Africa o comunque Africa orientale poi sul Mediterraneo
E ed infine anche sul tema trasparenza per tutto l'intenzione di
Presentare al più presto la piattaforma Iovene it che sarebbe una piattaforma
Diciamo integrativa con cui si vota
Comunicare in maniera molto più efficace tutto quello che facciamo nelle sue varie fasi
In piena trasparenza
Diciamo con
La possibilità parlato di comunicare dall'altro di consentire anche
Diciamo la cosiddetta
Contabili vicenda renderci responsabili tutti quanti verso il pubblico più ampio
Di quello che facciamo questo per dire che abbiamo già messo in moto un meccanismo in seguito in base ad un cronoprogramma naturalmente sia qui ma
Osservazioni del re Giorgio sia
Sia fuori nell'ambito del tavolo interistituzionale tutti tutti i suggerimenti per agire ovviamente questa questa massa di rinfocolato come si dice saranno benvenuti cominciamo a lavorarci dalla prossima assolvono detto questo come breve introduzione io dire appunto passo passo passo la parola allora vicepresidente sereni
E così potrà darci un po'la sua valutazione sulla cooperazione italiana il suo futuro
Certamente
Grazie
Grazie io porterò
Poco più di un saluto perché vorrei un po'ascoltare devo dire oggi una giornata piuttosto intensa e quindi abbiamo molti appuntamenti che un po'si accavallano
Preferisco parlare di meno e ascoltare un po'almeno a sentire l'introduzione dell'intervento del viceministro Pistelli io intanto voglio ringraziare
Ministero la cooperazione italiana allo sviluppo per aver scelto il Parlamento questa bella sala del Parlamento per la presentazione di questo apporto
Ho letto la sintesi di questo rapporto trovando molto interessanti le conclusioni la le raccomandazioni e le conclusioni di questo rapporto e mi mi sento di dire che queste raccomandazioni che questa analisi
Della cooperazione italiana su questo questa idea di della cooperazione italiana che emerge dal
Dal rapporto confermo a noi le ragioni della nuova legge della riforma di cui immagino parlerà poi
Il vice ministro Pistelli che finalmente all'attenzione del Parlamento dopo ventisette anni dopo ventisette anni qualcuno di voi non era forsennato
Stiamo parlando di una nuova legge più di una rivisitazione della legge vigente e stiamo parlando veramente di una nuova legge io credo dobbiamo ringraziare tutti sicuramente gli addetti ai lavori ma tutti noi
Che
Abbiamo a cuore la qualità i la quantità della nostra cooperazione allo sviluppo dobbiamo ringraziare il viceministro Pistelli per la tenacia il lavoro che ha fatto a
E che ha prodotto un testo largamente condiviso io ho fatto
Tante di quelle discussioni con alcuni di voi anche qui dentro e so che è molto difficile trovare un punto in comune che possa riunire tutti gli attori che possa comprende il punto di vista di tutti gli attori
Che sono oggi impegnati nella cooperazione allo sviluppo si attori istituzionali gli attori privati non profit privati in senso stretto credo che il lavoro fatto dal Governo e dal viceministro Pistelli sia un lavoro molto importante
E ho trovato una coerenza ecco tra quell'analisi che la peer review ci consegna della cooperazione italiana e diciamo
Delle le raccomandazioni che ci affida
E l'impianto della nuova legge l'impianto della nuova legge che oggi come sapete all'attenzione del Senato
Che mi posso solo impegnare in quanto io siedo in quest'altro ramo del Parlamento a sollecitare non appena il Senato avrà esaminato e licenziato
Il testo io credo che sia interessi di tutti di tutti quelli che sono qui ma più in generale di tutti davvero di fronte al mondo complicato di oggi di fronte al ruolo anche che l'Italia a suo malgrado o sopperisce il TAR in alcune aree strategiche del mondo
Sia un dovere di tutti falsi e questo a legge questa nuova legge veda rapidamente la luce un'ultima considerazione che faccio tra le raccomandazioni c'è
Come ha già detto il dottor Cassese prima di me una insistente attenzione ai risultati no e alla capacità di comunicare risultanti come strumento per ottenere
Un diverso dibattito pubblico quindi un diverso discorso pubblico sui temi della cooperazione allo sviluppo e una diversa sensibilità del Parlamento dei Parlamenti perché poi
Sia in termini di risorse sia in termini di scelte diciamo di allocazione e di strategie di cooperazione allo sviluppo dai Parlamenti bisogna passare ed è importante che i Parlamenti ascoltino e se puntano una consapevolezza non solo degli attori diretti della cooperazione allo sviluppo ma di un'opinione pubblica più larga e quindi una cultura dei risultati una cultura attenta all'efficacia e all'efficienza
Della spesa attenta ai risultati è uno strumento potentissimo per poter poi comunicare all'esterno anche in una diciamo platea molto più bassa degli addetti ai lavori e degli e delle persone più competenti
Una certa idea della politica estera italiana una certa idea della cooperazione italiana allo sviluppo e quindi anche una forte idea della sua importanza mi limito a queste parole per dire mi pare
Questa di oggi un'occasione molto interessante tutti noi
Per diciamo approfondire i temi specifici che la peer review ci consegna e anche con temporalmente per rafforzare i nuovi
L'impegno a far sì che la nuova legge sia presto legge dello Stato sia presto quindi approvata al Senato e poi alla Camera e divenne
Presso operativa grazie a tutti buon lavoro
Grazie onorevole Sereni passo la parola al vice Ministro Castelli
Io sto seduto allora c'ho la certezza e
Allora
Benvenuti a tutti grazie di avere accettato il nostro invito fate innanzitutto ringraziare ricche di essere qui a Roma
Devo dire che l'asta nasce non sbaglio quindi un bello sto povera Romani sa bene abbiamo apposta fatto piovere per tutto il fine settimana perché potesse avere
Una buona giornata di sole oggi almeno fino a quando si tratterrà perché nella frivoli cotta non ce la fa
Un ringraziamento all'ottimo Ministro Cassese via
Ha dato devo dire una bella panoramica del lavoro che ha
Diciamo partorito questa peer review quadriennale con l'evento finale di Parigi del di di fine marzo e grazie a Marina la mia amicizia come dire
Emersa delle parole molto calorose per quello che stiamo facendo gli italiani non hanno in generale un buon rapporto con gli esami
Perché
Veniamo da anni in cui ogni volta che qualche virgolette autorità esterna al Paese
Ci dava dei giudizi insomma noi l'avevamo come l'alunno che non ha fatto eco perché per case viene adesso appunto in punizione le farà Magna girato verso il muro
Anche da noi negli anni della della del negli ultimi anni abbiamo ascoltato più volte a livello mediatico e nella polemica politica
La la la battuta finirà come la Grecia se fai così finirà come la Grecia ecco ci sono stati anni in cui la crisi della cooperazione avrebbe potuto fare dire si può fare così finirà come l'Italia
Dove filiere come l'Italia voleva dire avere un calo drastico di risorse un calo drastico di attenzione
Una legge non più adeguate i tempi e una battaglia disperata di tutti gli operatori politici delle ONG e degli altri degli altri attori del sistema perché
Cercare di guardare spazio visibilità a far capire il senso la finalità e il ruolo la propria missione
Quando abbiamo iniziato questo questa questa peer review soprattutto dopo la visita ricevuta a Roma ma per me è stato evidentissimo dopo la la discussione finale a a Parisi
Quando ci siamo rincontrati colleghi forse adesso ci ci messaggiava che su Twitter esserne suonava al di là
Di ogni immaginazione io ho immaginato questo questa può essere un'occasione in cui riusciamo dal gioco dal venti anima
Cioè uno in un'analisi esterna diventa l'occasione per
Puntare il dito e far vedere cos'è che non abbiamo fatto emessi possiamo recuperare autenticamente lo spirito che Fabio menzionava prima
La peer review è proprio una revisione fra paria fra pari ci si danno buoni consigli
Si impara si guardano le buone pratiche si guarda a chi ha già sperimentato qualche cosa che risultati ha ottenuto si trasmettono anche delle esperienze perché l'Italia ha una bella storia devo pensare spalle fa bene
Là dove agisce quindi può raccontare e con l'esperienza degli altri
E quindi l'azione più può diventare un sistema specchio
Nel quale noi impariamo qualche cosa abbiamo sicuramente uno stimolo esterno per migliorare
E aggiungo partecipiamo in modo più virtuoso a un circuito internazionale
Del quale non c'è bisogno di reinventare ruota c'è bisogno semplicemente di di avere occhi aperti orecchie spalancate e di capire che cosa ne possiamo fare
L'avere più a è un esercizio si ci diceva prima periodico quattro anni
Quattro anni in Italia sono un tempo politicamente lunghissimo sono nell'arco di
Due anni dopo abbiamo tre Governi quattro anni sono un tempo lunghissimo ma sono stati un tempo lunghissimo anche con riferimento alla cooperazione
Che infatti nell'arco degli ultimi quattro anni avvisto poter finalmente il commento capite più basso di maggiore disattenzione
E invece l'inversione del ciclo un'inversione devo dire continua nell'avvicendarsi dei tre Governi prima motivo riletta voi oggi Renzi
E positivamente il Presidente dell'Ossezia rilevato o una inversione visibile esplicita anche del tema delle risorse
Si dirà è facile fare bene quando si parte da così bassi accerto il punto
Però io dico anche se voi andate a vedere in questa impressione quanti sono i capitoli della spesa pubblica
Che sono stati tutti indifferentemente oggetto di spendere di più e di tagli molto severi in quegli ultimi due anni c'è stata questa invece tendenza basso ma spesso se no veramente molto pochi molto forti
E molto pochi perché si è cominciato a capire grazie a voi e devo dire grazie al lavoro che fate
Che il senso della cooperazione non è quello convenzionale è sbagliato
Di un obolo domenicale che nei momenti di vacche grasse diamo come direbbe sedici tutti più buoni col mondo
Ma è un vero e proprio investimento che la comunità internazionale fa sulle proprie crisi sulle proprie ferite sullo sviluppo umano è un investimento di pace di sicurezza è un investimento e relazioni positive
Ecco se si riesce a far capire questo cambia anche il modo con il quale il Parlamento
Decide come dire andando a tutte le sue decisioni in materia di risorse da attribuire appunto alla cooperazione
In questi quattro anni ripeto abbiamo toccato forse il punto più difficile all'inizio del quadriennio poi già l'esame diciamo di medio termine rilevato che qualcosa comincia a muoversi e devo dire che la l'analisi che
L'OCSE darci affatto
Testimonia come a partire dal Governo molti col ministro Riccardi diciamo l'input l'accelerazione è stata molto forte in Italia Eric noi abbiamo una attenzione
Comprensibile ma molto molto stretta sulle due questioni non citato risorse legge risorse legge
Le risorse che ha una lotta per la vita anno per anno e la lotta per la vita per le ONG per quella parte di loro lavoro che si interfaccia con il Ministero degli esteri
Ma è una lotta per la vita devo dire anche per il Ministero degli esteri nel garantire gli impegni che assume a livello internazionale con i Paesi partner
E non è sempre facile assumere impegni con riserve e parchi pagina e poi spiegarli magari a metà anno che a causa da spendere più quell'impegno non può andare in porto quindi è una battaglia per la vita per tutti
Ed è un lungo dibattito quello sulla legge altri tentativi consistenti nell'arco degli ultimi quindici anni che non hanno mai varcato
Diciamo l'esame della prima Camera delle due che compongono il nostro sistema parlamentare quindi una storia che grandi frustrazioni alle spalle
Però devo dire e questo il tema su cui io non parlerò parlerà Eric mi aspetto che ci sia anche una parte interessante dibattito che l'analisi dell'OCSE va molto oltre il tema tipicamente italiano risorse legge legge risorse
E fa invece riferimento a quelle norme corpus di raccomandazioni diciamo così smonta il motore
Svolta il motore e nell'attenzione alla unitarietà alla visione al rapporto fra gli attori all'efficacia degli interventi ai sistemi di valutazione
Mette in evidenza una serie di altri aspetti che in genere il nostro dibattito almeno quello quel poco che si fa sfuggono completamente
Per la sua teme soltanto quanti soldi con che regole poche regole quanti soldi invece chi lavora nel campo sa benissimo quanto è importante tutto questo corpo di raccomandazioni buone pratiche linee-guida di indirizzi che danno effettivamente il valore e di efficacia al vostro il nostro lavoro
Il mio suggerimento lo dico subito se no me ne dimentico che invece di avere gli interventi e le conclusioni perché non c'entra a concludere
Noi dopo le dopo la illustrazione da parte del Presidente lo sa DARC abbiamo comunque nei molto libero per cui domande che potrei fare a lui soprattutto magari anche a noi se ci avete voglia
In un tempo botto un tempo in un tempo conveniente quando un certo punto la cosa finisce finisce non faremo una cosa la Castro dicevamo prima di sei ore è una cosa un po'più contenuta
Invece un paio di
Un paio ultime quattro votazioni non sull'OCSE-DAC ma su altro la legge siamo da un paio di settimane fermi alzato in attesa dei pareri della Commissione bilancio
Accetto abbiamo due ponti lunghi venticinque aprile primo maggio ma il senatore funivia già condensato alcuni elementi principali del dibattito una serie di emendamenti del relatore
Che quindi semplificano molto la discussione su più che degli oltre trecento emendamenti presentati
Io continua negative vorrei uscito dal Senato entro maggio però capisco siamo già al cinque maggio però i tempi della discussione in Aula al Senato non sono tempi lunghi a causa di quei regolamenti per cui se prendiamo l'avvio è possibile effettivamente
Rispettare un poco più o poco meno a quella scadenza
Dico al al prendo atto con enorme piacere le parole Marina ci ha detto sulla Camera peraltro l'ammodernamento di cui faccio parte anch'io
Perché sono convinto che se il Governo ha un orizzonte l'ho già detto tante volte se il Governo l'orizzonte durata
Più lungo di quello precedente
Il nostro impegno non deve essere soltanto quello di fare la legge ma di metterla in opera mentre l'opera vuol dire fare tutto ciò che c'è avvale della legge l'implementazione della legge cioè consegnare a chi verrà dopo alla fine di questo mandato fatemi dire un'espressione un po'abusata una cooperazione due punto zero cioè riportarla un po'del tempo che vediamo
La seconda considerazione ti voglio fare
Una delle prime principali raccomandazioni del dell'OCSE-DAC è quella di dotarci e appunto ci diceva Fabio abbiamo già cominciato di un documento di visione complessiva
In fondo diciamo anche della riforma
La cooperazione parte integrante della politica estera dunque di una visione di come l'Italia vede il mondo e di come noi stiamo nel mondo e di come possiamo contribuire assieme ad altri a realizzare il mondo vedo ingiusto
Troppo spesso
Troppo spesso degli ultimi anni prima ancora di avere questa responsabilità al Governo
Io ho avuto la percezione nel dibattito sulla cooperazione umbra riflesso di una parte degli attori
Fosse davanti a un cambiamento di sapere chi perdeva qualcosa chi guadagnava qualcosa come se fosse un gioco a somma zero
Quello che gli attori della cooperazione se uno guadagna qualche spazio delle qualcun altro ha perso
Non è così
Dobbiamo metterci dentro video quinquennali non è un'altra espressione abusata in cui il Ministero Indini isterie coinvolti perché sono più di uno
Le università le autonomie locali le Regioni le ONG cioè il sistema Italia
Vive la la riforma come occasione Guido Guidi in cui ciascuno cambiando anche il proprio modo di lavorare guadagna qualche cosa
Nel gioco a somma zero è notorio che sapete tutti anche chi pensa di vincere perché il sistema nel suo complesso e non avanza
Quindi il mio appello anche in questa fase in cui discutiamo gli emendamenti i ruoli le responsabilità dei singoli attori etti provare a mettersi in questo stato d'animo win-win
Terza cosa spesso con merito diceva Fabio veniamo da c'è anche semmai datata Messico siti
Sicuramente io sono l'ultimo arrivato e quindi la maggior parte di voi in realtà è ben consapevole di quanto sto per dire
Messi così che è stata una grande fiera della cooperazione
Duemila persone corridori norme cerchio congressi a dilungato anche lì per tre giorni e
Voglio dire quindi deve essere urna uno stigma
Sono io ve la faccio più aveva in mente
E dal punto di vista dell'avanzamento verso la l'agenda post due mila quindici quello voglio dire con molta franchezza non è stato un gran successo anzi
Non lo è stato perché il documento non è un documento di particolare significato
E aggiungo che una parte di quegli attori emergenti di quella natura divergenti che non sono dentro la piattaforma OCSE-DAC e che invece si sperava la global partnership di avere a bordo B esatta non avrei fatto esattamente
Quella parte titolo non è venuto oggi è venuto per dire che non si riconosceva in quell'esercizio
Ma essendo per me la prima esperienza di quel livello in un contesto nel quale oltre alle stesse di plenarie
Vi erano distende delle singole realtà che
Lavorano nel campo dell'accountability della trasparenza dei dati anziché di quello che volete voi
Sei focus session in contemporanea la mattina presto dato di grande una sera
Con numeri più raccolti
L'esperienza che ho ricavato veramente un albero diversi evenienza ascoltando non soltanto le cose che ho detto io là dove ho partecipato che trascurabile
è la ricchezza e la pluralità del modo che c'è fuori da noi
Cioè per me è stato straordinario vedere andando fuori confine vale per la politica ma io aggiungo che vale secondo me anche per altri attori del sistema
Di vedere un meccanismo molto efficace delle volpi indoor in cui dell'esperienza di una vita si passa dalla finanza alle ONG
Dalle undici a un governo da un Governo si ritorna della poca sì e questo scambio questa contaminazione di esperienze
Fa sì che nell'ascolto reciproco ciascuno veramente ogni volta qualcosa da raccontare di nuovo è un mondo che e incredibilmente cambiato da questo punto di vista
Questo lo dico anche con riferimento a un tema una vexata quaestio non so come si deduce l'inglese vexata quaestio
Che riguarda anche la legge l'Agenzia
Le agenzie che ho visto io lavoro o i direttori di agenzia che ho ascoltato parlare al Mexico City l'agenzia non esiste uno strumento salvifico
Ma la storia di coloro che ho ascoltato parlare nelle agenzie che erano lì presente che raccontavano le esperienze mi hanno molto colpito
Do l'emersione o per diciamo così per non fare torto a nessuno ma in nessuna di quelle
Avevamo davanti carriere ISO morsi chiede si fa anche il in un modo e si va in pensione allo stesso modo era tanta gente che veniva da un'esperienza e si apprestava dopo anni anni a farne un'altra
Ripeto dalla finanza all'Udinese dal dalle sedi sì o di aziende private passando invece per grandi fondazioni filantropiche ed è proprio questa ricchezza degli scambi
Questo non i soccorsi ISMU delle carriere che permette sistemi di esteri di essere secondi di scambiarsi esperienze
Ecco vorrei che questo ce lo avessimo ben chiaro c'è perché questo è lo spirito col quale io vorrei che noi veramente nei
Si può mano allo strumento nel suo complesso allo strumento nel suo complesso che riguarda il Ministero degli Esteri riguarda il Ministero delle norme e delle finanze riguarda il Ministero dell'ambiente riguarda la Conferenza Stato-Regioni
Riguarda gli enti locali riguarda le leggi piccole quelle grandi quelle locali e quelle internazionali se veramente siamo capaci di prendere questo tempo che abbiamo davanti con questo secondo me approccio win-win
Le raccomandazioni che l'OCSE ci ha dato in questa fase rappresentano UFO Folfox utile non soltanto nei prossimi mesi ma per orientare proprio il lavoro dei prossimi anni infine l'ultima cosa
Ma anche l'economia che ha visto la decisione è stata più o meno formalizzata stamani
Per normalizzata no stata politicamente presa stamani voi sapete che durante il semestre di presidenza
Noi avremo una conclusione diciamo più formale nel Consiglio di dicembre ma avremo anche un Consiglio informale a luglio in una fase Consiglio sviluppo informale a luglio una fase abbastanza delicata
Un mese prima delle conclusioni dell'Opel working group due mesi prima del
Dibattito alle Nazioni Unite ecco la cosa ancora qua una qualche forma di nepotismo ma
In un certo nulla perché mi sono trasferito si farà a Firenze il Consiglio sviluppo si farà a Firenze
Ma si farà a Firenze per due ragioni uno perché io spero che
Questo permetta di questo è un po'd'intesa che abbiamo di un po'vestire la città con i fan della cooperazione
Questo vuol dire caratterizzare in quei giorni con una serie di eventi anche pop che ci saranno all'ATER di quei giorni per darli un marchio cooperazione
Ci sarà un concerto sold out allo stato mi dica pure ci saranno le finali della Consip pallavolo trasmesse una settimana sulla RAI
Tutto caso mi permetto di fare col messaggio qualsiasi esso sia femminile cioè di uscire dalla stanza del toto ministri dello sviluppo
Ma di avere qualcosa che parla fuori ma soprattutto al di là degli eventi pop faremo anche organizzeremo diciamo vetture
Dove il il Consiglio sviluppo si aprirà alla società civile su una serie di temi
Realmente sarà la la la la partnership paventare partecipe sarà il tema ci sono alcuni degli americani
Legati magari al nesso sviluppo migrazioni c'è però qualcosa che metta in contatto vivo la politica rappresentata a livello dei ministri con
Il sistema con la società civile quindi ve lo dico fin da adesso perché l'esercizio creativo è più o meno appena cominciato però importante che si sia sbloccata questa decisione che approfitteremo di questa occasione prego
Trasformare anche il Consiglio sviluppo di luglio in un altro momento
Di aumento dalla consapevolezza diciamo complessivo all'opinione pubblica
Queste sono le cose che volevo dire Fini ringrazio veramente F questo lungo viaggio che l'avvocato Dalla dall'Asia centrale a Roma prima di ritornare diciamo a casa sua
Gli do la parola in evidentemente invito tutti voi dopo a interagire nel modo più libero spontaneo possibile colui colori
Per vedere come utilizzare diciamo così questo ottimo strumento da peer review in un momento di miglioramento ulteriore del nostro sistema
Grazie grazie anche di essere intervenuti oggi pomeriggio nonostante siamo lunedì onorario abbastanza infausto
Difensore straniere splitting se non vi dispiace vorrei rivolgermi a voi da qui e mi scuso per il fatto di non poter
Parlare la vostra splendida lingua devo a esprimermi nel mio inglese con accento norvegese o forse dovrei dire il mio norvegese che cerca di assomigliare all'inglese cercherò di parlare lentamente
Durante il fine settimana imprime maggio normalmente
Vado in giro a fare discorsi del primo maggio questo
Primo Maggio invece l'ho trascorso diversamente con mio figlio sono andato a
Parigi per visitare la mostra dedicata a uno dei più grandi
Statistici grandi Imperatore Augusto
Uno dei
Più straordinari leader della nostra realtà europea
Mi spiace non era dedicata a te Lapo questa
A mostra ecco questo mostro dimostra quanto si possa fare con la volontà politica che è una materia prima straordinaria l'Imperatore Augusto aveva una volontà politica
Incredibile ed è per questo che è riuscito a mettere in piedi quello che è riconosciuto essere uno dei migliori sistemi di governo non solo dello impero romano ma di tutta la storia
A della nostra civiltà quindi mi auguro che l'Italia potrà non dico a
Fare quanto ha fatto Augusto ma forse potrà trovare la volontà politica che occorre in questo momento stiamo
A veramente definendo il futuro della nostra a società umana per quanto riguarda gli obiettivi posto al due mila quindici gli obiettivi
Ah del millennio ci vuole un'attenta leadership non soltanto da parte dell'America o dalla Cina ci vuole anche da parte dell'Italia un impegno ancora superiore a quello che di cui attualmente
Ad approva dobbiamo essere certi che l'atto venga a rieletto nonché dell'OCSE voglia intervenire della politica
Italiana però presenta e al ricambio che ha caratterizzato il mondo politico non è unico per l'Italia le sappiamo che
C'è una rotazione addirittura ogni due anni mentre invece
Ci vuole una certa stabilita per poter riuscire a raggiungere gli obiettivi siete partiti molto bene avete stabilito degli obiettivi quindi rimane in carica per tutto il tempo necessario per cortesia
Affinché si possano realizzare gli obiettivi che sono stati identificati e definiti vorrei adesso darvi qualche indicazione su quelle che sono a principali caratteristiche
Della nostro lavoro per poi parlare dell'Italia come sapete qual è la causa di morte
Numero uno nel due mila quattordici per i giovani
Tra i quindici e trenta anni qual è la principale causa di morte la malaria Leitz
Nessuno
A forse l'avrà indovinato incidenti stradali ecco gli incidenti stradali sono la prima causa di morte per i giovani quindi dovremmo cercare di
Ridurre
Questa enorme numero di morti ma
Questa indica che a volte
E il progresso che porta aumentare a il numero di vittime e non è in fondo siamo la generazione più fortunata che dire nell'epoca più fortunata in media siamo più alti
Molto più grassi forse però
Siamo molto meglio istruiti e viviamo vite molto molto più lunga rispetto alle generazioni precedente tempi del dottor Augusto
A si moriva intorno ai trent'anni
E sappiamo che questo è rimasto più o meno invariato a fino a tempi di Mussolini più o meno adesso all'aspettativa di vita ed i settant'anni il che vuol dire che noi
Avviliamo
Vent'anni più rispetta i nostri geni genitori ecco questo naturalmente è molto importante però sappiamo che ci sono delle donne che nella la Repubblica Centrafricana che perdono i loro figli
Per la guerra quindi non è una consolazione per loro dire che stiamo meglio oggi
Farò la mia o parola a di lampo ma è così
Cioè stiamo facendo enormi progressi vorrei farvi qualche altra no esempio
Uno dei Paesi più poveri l'Etiopia a ridotto
Numero di morti sotto i cinque anni a prima erano due duecento bambini sotto i cinque anni di età che morivano adesso si è ridotto notevolmente la mortalità infantile viene mamma
è una nazione
Che
Star dirittura dando risultati migliori rispetto
Alla mia patria alla norma è già
Per quanto riguarda l'istruzione la Corea del Sud uno dei Paesi più poveri negli anni Cinquanta adesso è più ricca dell'Italia se misuriamo
I dati pro capite del Fondo monetario internazionale quindi il mondo sta trasformandosi radicalmente
Per il meglio ma ci sono naturalmente molte sfide da affrontare aumenta la disuguaglianza non sono stati risolti i problemi
Dell'ambiente la crisi crescita cioè ma ci sono
Al tanto impegno ad affrontare non solo quelle ambientali ma dobbiamo certamente essere grati del progresso che è stato raggiunto fare danni
Qualche motivo per spiegare perché secondo me c'è stato un progresso nella lotta contro la povertà partire dagli anni Novanta
La povertà assoluta
è calata dell'un per cento ogni anno nel mondo
Più che dimezzata
Dagli anni Novanta
Perché sono tre motivi essenzialmente innanzitutto
Il
Politici stanno assumendo decisioni milioni rispetto al passato
Linea di massima dei politici adesso
Rispettano quanto veniva detto data in shopping grande leader cinesi che dice non fa niente se il gatto il bianco o nero
Finché prende topi va bene qualunque colore essenzialmente
Ormai tutti i leaders
Così ematici eccome pensiamo
Quindi abbiamo eliminato alcune
Ed ero GNL marxismoleninismo che non funzionava credeva nella potere dello Stato e le nazioni che hanno entrate o questo cammino
Poi abbiano rinunciato pari vi è un'altra ideologia M l
Market liberalizza mi liberalismo di mercato
Il libero pensiero
Liberismo di mercato
Pensando che così si sarebbero risolti tutti i problemi invece tutti i Paesi che hanno successo hanno
Un sistema che si vada si sul mercato ma anche
Su delle strutture governative che a permettere un mercato di funzionare bene e ovviamente al centro viene
La realtà Politi assicurare che sia assumono le decisioni politiche giuste è fondamentale per l'insuccesso prendiamo un esempio
Per cercare di analizzare il significato dello sviluppo credo che
Luogo migliore per capire il senso dello sviluppo è panni leggiamo ovverossia al confine tra nord e sud la Corea del Nord Corea del Sud al nord cosa troviamo
Bambini a con problemi di crescita povertà fame
Società agricola dove sia usa ancora la forza a delle tracce al sud di questo confine troviamo democrazia enorme progresso marchi famosi in tutto il mondo come Samsung
E
Addirittura
Ad Hong abissale della che ormai a ma ha raggiunto più di due miliardi di persone che
L'hanno scaricato
Da YouTube qual è la differenza tra nord e sud la religione no sempre quella la storia sempre quella
La gente sempre quella la lingua la stessa c'è un'unica differenza tra la Corea del Nord alla Corea del Sud la Corea del Sud essenzialmente
Ha preso le decisioni politiche giuste il la Corea del Nord ha invece ha sbagliato nelle decisioni politiche e questo a
Creato un miracolo nella Corea del Sud
Cento volte in più di proventi dall'esportazione pro capite rispetto alla Corea del Nord queste sottolinea l'importanza della politica dell'importanza di prendere decisioni giuste
A livello politico in secondo luogo abbiamo la forza del mercato nel settore privato nessun'altra nazione può avere successo senza un forte settore privato è impossibile
Che lo Stato possa fare tutto ogni Paese ogni nazione ha bisogno di più investimenti privati
E investimenti privati migliori possiamo trovare delle è impresa è certo che non applicano restando aggiusti ovunque che
Estraggono tutte le risorse di un Paese distruggendo negli ambienti a Trani e di massima
Queste forme di investimento rappresentano una forza significativa per lo sviluppo
Terzo punto migliori decisioni politiche
A forza e quindi del
Al settore privato e poi l'assistenza allo sviluppo gli aiuti allo sviluppo che aumentano diversamente da quanto si potrebbe credere molti politici addirittura anche attivisti
Non un restante dei media in tutto il mondo ci dicono che quando c'è una crisi a un calo dell'assist nell'aiuto pubblico allo sviluppo questo non è accaduto
L'altr'anno abbiamo raggiunto il livello più elevato di ai aiuti aiuto pubblico allo sviluppo alla rispetto alla al passato centotrentaquattro virgola cinque miliardi di dollari USA che è un record ovviamente questi sotto aiuto allo sviluppo deve aumentare ma
Non sta diminuendo al contrario e vorrei riassumere alcuni dei successi che abbiamo rivisto
In questi ultimi tempi il Governo conservatore britannico in un'epoca di grande asserita ha aumentato la spesa per l'aiuto pubblico allo sviluppo a zero virgola settantadue primo Paese del G ventotto ad G venti scusate a raggiungere l'obiettivo a dello zero sette e questo è un importante obiettivo e ce l'ha fatto un governo conservatore
Perché è accaduto questo perché il Primo Ministro Cameron CR
Veda in questa impegna deciso di usare la propria volontà politica altro esempio forse più sorprendente la Turchia la Turchia
E al di sopra della media dei Paesi ricchi per quanto riguarda la spesa per la cooperazione allo sviluppo alla Turchia è un Paese a medio alto reddito ma ciò nonostante Sutera altri paesi anche l'Italia per quanto riguarda la spesa per lo sviluppo questo grazie alla volontà politica della prenderei ardo carne e altri
Ma questo naturalmente nelle a beneficio della economia dell'immagine del Paese capacità nel Paese di avere un peso in altre parti del mondo come in Africa certamente c'è tutto questo però
Detto questo è l'aumento per a la PS della Turchia è stato
Maggiore di tutti i Paesi OCSE al vero al di sopra della media e poi Emirati Arabi Uniti
Numero uno per quanto riguarda la spesa nel pro capite l'aiuto allo sviluppo uno virgola venticinque per cento l'anno scorso questi sono esempi straordinari che dimostrano ancora una volta
Che quello che conta è la volontà politica quando c'è questa volontà si possono raggiungere questi risultati
Adesso stiamo riformando il sistema di correlazione allo sviluppo avremo certamente bisogno delle nostre idee e dei nostri studenti vogliamo aumentare sì la spesa ma vogliamo anche trasformarla riformarla per capire come l'aiuto allo sviluppo passa
Mobilitare anche le risorse del settore privato usare per esempio all'APS come sistema di assistenza del
Dando anche
Allora spazio a altre possibilità come per esempio intervento sulla fisco abbiamo un programma che si chiama Charles De Paola lancio un'altra faccia questa chiusura d'urgenza dei programmi fiscale che hanno lo scopo
Di assicurare per esempio che
Alle dei Paesi in via di sviluppo possano ricorre le proprie risorse per finanziare sviluppo per finanziare gli i sistemi di istruzione questo si può raggiungere con un miglior sistema fiscale per evitare anche la fuga di capitali e quindi gli aiuti fanno parte di questa storia ma certamente c'è bisogno di aprire anche altri altre contributi aumentino
L'Italia
Vi sono tantissimi raccomandazioni da
A ricordare in questo al rapporto lo potete trovare sulla Rete potete decidere voi quello che è utile quello che non è non è certamente
Una diktat sono solo delle raccomandazioni quando ero ministro I norme già avuto delle raccomandazioni dall'OCSE non tutti
Per cui sono state da me accurate questi sono dei suggerimenti da partner per aiutare l'Italia quindi a fare sempre meglio ma posso riassumere i messaggi come segue
Dopodiché
Vedremo appunto l'implicazione innanzitutto l'Italia nell'aumentare il volume
Perché se non aumenta l'uomo e di cooperazione impossibile avere un impatto significativo sete riusciti a risalire la china però dovete
Continuare lungo questa strada di aumento ma perché se la Turchia spende molto di più dell'Italia è chiaro che
Come l'influenza della Turchia sarà maggiore non c'è un rapporto di uno uno tra soldi influenza cioè un significato in questo rapporto se volete adesso l'importante è partire insigniti ottimo autonomi dovete spendere di più quindi
Invitiamo spendere di più questo è il primo messaggio che abbiamo per voi in secondo luogo dobbiamo
Ricordare che esistono fosse delle leggi un po'obsolete
Leggi non flessibili che sono state
Passate
In epoca ormai lontana quindi questo va riconsiderato per avere una strategia chiara una strategia hanno un po'
Dipendere da un'unica persona deve esserci un consenso con tra il Governo e Parlamento società civile e tutti i grandi ambasciatori italiani negli altri che operano nel ministero degli affari esteri per sviluppare una strategia in grado di raggiungere gli obiettivi una strategia che dovrà essere ovviamente riesaminata riformata ma
è comunque una strada da intraprendere per grandi presenti a questo ci può anche portare a un'altra considerazione come per esempio l'Italia potrebbe fare di più per i cosiddetti Stati fragili voi
Avete
Tanti
Franchi Stati fragili lungo i nostri confini lo vediamo nel nord Africa il Corno d'Africa
Altre parti del mondo non lontani lo vediamo nel flusso di ai rifugiati e quindi forse si potrebbe cercare di capire come l'Italia possa essere più
Efficace nella
Promuovere la parcella ridurre la
L'entità delle crisi come in casa la Somalia e queste utile non solo per queste elezioni ma anche pendolari italiani impossibile immaginare tracce
Solo a livello
Nazionale ci vuole una pace veramente
In viale per poter ridurre la minaccia del terrorismo ridurre i flussi dei
Rifugiati queste pur importante anche per contrastare l'IVA cambiamento climatico
Quindi
Questo è un primo livello
Poi dovremmo anche incoraggiare delle strategie chiare e in terzo luogo esaminare le istituzioni non c'è un unico Standard ovviamente però è importante stabilire non so un'agenzia per l'aiuto allo sviluppo oppure un contesto molto più chiaro nell'ambito del Ministero degli affari esteri ci sono tante strade che possono essere
Intraprese per la raggiunge e maggiore chiarezza tra tutti gli attori che siamo pari di cooperazione e questa è la terza raccomandazione che emerge dal nostro rapporto e da ultimo
Noi siamo una generazione più sfortunata nella storia umana siamo la prima generazione poter veramente raggiungere questi obiettivi se Imperatore Augusto
Avesse deciso di sradicare la povertà nell'impero romano non avrebbe
Ha avuto altre risorse a disposizione per farla
E non avrebbe potuto sviluppare una politica in grado di raggiungere questo obiettivo e quindi all'epoca non sempre si pensava neanche le siamo la prima generazione ad avere tutte le risorse necessarie per sconfiggere la povertà definitivamente sappiamo come farlo perché l'abbiamo visto in Corea in Vietnam in Cina
In America latina essenzialmente nel due mila e trenta in America latina non ci saranno più case di povertà estrema alle stesse in Paese come l'Indonesia
Si può fare certamente si pone anche
Riprodurre tutto questa Ina in Africa e nel
Sud asiatico che sono le aree incorre in cui c'è povertà abbiamo le risorse
E che dobbiamo trovare quindi la volontà politica durano le difficili per mobilitare le risorse e questo deve essere fatto da tutte le nazioni in tutte le parti del mondo ed incoraggiò fare di più
Ed è tutto quello che volevo dirle grazie
Grazie grazie anche una panoramica che offre molti spunti perché oltre a preliminare tutte le tendenze dello sviluppo globale
Effettivamente con questo leitmotiv for che però riporta la volontà politica
Diciamo il la base per qualsiasi cambiamento qualcosa se miglioramento dove c'è una forte leadership politica cascata in molti esempi di Paesi DAC sono arrivati rapidi dire evidenti
Cambiamenti naturalmente col supporto il sostegno
Della società civile e quindi il circolo virtuoso smettere in questo modo il moto
Direi che appunto con questo introduzioni possiamo partire con una
Con una tornata di domande a cui rispondiamo
Rispondo immediatamente per non
Però non avete per non avere poi un accumulo che per non permette la risposta ripartire con un paio di due o tre
Ognuno si qualificarsi si qualifica per
Se stesso diciamo cerchiamo di dare risposte
Allora io partirei dall'emisfero
Diciamo di sinistra o di destra sulla seconda di dove si veda partiamo con
C'era
C'era
Però
Ma nel prossimo qualificare con me è un dirigente d'azienda che però ha lavorato cinque anni e la cooperazione italiana come esperto comandato da altra amministrazione pubblica
Da cinque anni sono vicepresidente di un piccolo ente travagliato ente europeo che si occupi di assistenza alle imprese
Sono stato Vicepresidente vari incarichi ancora in Confindustria Saftica mediterraneo che ovviamente si occupa parecchio di aiuto
Che a titolo personale
Perché me autorizzato posso parlare anche a nome del vice Presidente dell'ANCI del dottor l'ingegnere della anche vicepresidente il Comitato lavori esterni
Innanzitutto ringrazio dal tre il Presidente dell'OCSE-DAC per le parole di incoraggiamento che ci ha detto
Al palo se posso aggiungere con due cifre sono
La multinazionale
Gli obiettivi del Millennium development goal il principale la ridurla dimezzare la povertà rispetto
Al mille novecentonovanta
Mentre il due mila quindici è stato raggiunto l'anno scorso con largo anticipo per la prima volta al mondo ma solo il diciassette per cento la popolazione mondiale
Interpretasse
In tempo Malthus addirittura diceva che era in coma gli economisti classici dicevano che era assolutamente impossibile eliminare
La povertà per larga parte da le danze popolazione vorrei iniziare però l'esposizione con un piccolo atto di patriottismo
Dagli ultimi italiani saranno modesti ma affermo che sono i più generosi al mondo
E mi ero dimostro con alcune cifre non è la cifra del due mila quattordici a quelle due mila tredici
Nel mille due mila tredici aiuti pubblici italiani sono stati mille ottocento novantacinque virgola quattro milioni di euro
Di questi solo il tredici virgola quattro per cento di duecentocinquantaquattro virgola quattro milioni di euro sono gestiti direttamente dall'Italia
Il settantuno per cento
Dall'Unione europea e la mia esperienza quinquennale a Bruxelles
Mi rende molto perplesso sull'efficienza aiuti europei scusate l'ottanta per cento dei fondi del trend vanno queste cose ce lo devo dire in maniera costruttiva non distruttiva sono estremamente figlio europeo però dobbiamo riconoscere anche i difetti
L'ottanta per cento il fondo F vanno aiuta il bilancino ora la mia cui poco lavorato alla cooperazione italiana all'estero solo che la forma di aiuto più incontrollabile e serve soprattutto a pagare gli stipendi
Ora non so se di funzionari pubblici e non so se è questo il miglior modo
Di promuovere lo sviluppo del disarmo olio direbbe dette e Italia l'aiuto che uccide secondo la tradizione italiana
Questo significa che il la legge l'aiuto italiano perde assolutamente di visibilità internazionale
è irrilevante va concentrato come presto così nulla è una raccomandazione del malloppo
Della lite stenta dal PRG
E se effettivamente non
Non no crea problemi a tutti
I compie comprese le energie eccetera per ripetere in maniera molto meno legante di quello che ha detto il medici ministro cristalli non c'è trippa per nessuno per gatti per nessuno
Questo però ci porta
Anche a un'altra raccomandazione
Che non non lo dico perché vengo dal settore privato mi sono occupato di impresa duecentocinquantaquattro milioni
Di Euro sono oltre il tre per dieci mila delle esportazioni italiane quindi sono Pino spedirla l'inglese ma il la raccomandazione del
Dello stesso peer review dell'OCSE dice che nord gli aiuti pubblici allo sviluppo dovrà essere anche un catalizzatore degli aiuti al settore privato in vista di uno sviluppo guidato
E coordinato con il settore privato come del resto ci ieri ci ha appena detto lo stesso ora purtroppo ma devo dire
Che l'impianto
Delle del decreto che il decreto legge del disegno di legge
Promosso dal Governo non assolutamente in questo senso
Il
Non il tenga anche presente aggiungo una piccola inciso che come ha detto che Segretario di Stato Clinton americano al potranno
Gli aiuti pubblici alle imprese non solo il tredici per cento degli dei suoi trasferimenti dipendenti fondi ai Paesi in via di sviluppo
Le rimesse migranti sono quattro volte tanto gli investimenti dette sono sei volte tanto
Ora il disegno di legge all'articolo articolo ventuno secondo comma
Non da dignità alle imprese di atto di soggetti di sviluppo mentre dapprima nel primo comma tutta una serie di attori
Nel secondo comma glielo riconosce solo a condizioni rispetto vorrei leggerlo per sbagliarmi
Anche perché mi ricorda quando ero ragazzo da sessantotto a questa problematica
La condizione
Che operiamo per la produzione la pace e della giustizia nel quadro di relazioni solidali paritarie con gli altri popoli questo solo per l'impresa non per nessun altro
E comunque quando lavorava la cooperazione
Non lo era nel gruppo di esperti dei palmo che ha scritto la legge attuale che sicuramente superata
Io ho scritto l'articolo sette che è l'unico accenno al settore privato che contiene la legge attuale schei stata scritta molto prima una caduta del muro di Berlino ora il disegno di legge riprende pari
Bari quell'articolo sette
Con i citati non vorrei tediare tutti connessi nell'esame ma sono disposto a parlarne molto volentieri nel nella sostanza in qualsiasi altra cosa circostanza
L'altra l'altra raccomandazione mi sono letta mi sono letto tutto nel suo letto tutto il malloppo scusa etiche demandare di andare insieme direi di andare verso una visione condivisa
Discuteva il lo sbilanciamento tra multilaterale e bilaterale intuito anca divisione Palmieri
Il primo impianto non va in questo senso
Crea un'agenzia mantiene una cooperazione
Crea un'ulteriore complicazione di delle linee di comando senza risolvere il problema di base
Anche lì nei dati discutere discutere di più disegni di legge che sono stati già in fase è stato proposto un fondo unico rafforzamento del Cis eccetera questa mi spiace dirlo io non lo vedo nel disegno di legge grazie mi scusate la lunghezza
Soltanto
Grazie grazie siccome abbiamo molti molte richieste quindi appunto invito tutti poi essere piuttosto sintetici
Passo la parola alla Luca De Fraia cerco di andare un po'random ma tanto daremo spazio tutti perché ognuno sia abbastanza breve dopo due o tre interventi diamo delle risposte così
Signora sei sento
Buonasera a tutti sono De Fraia di ascendenza organizzazione non governativa
Mi permetto di riprendere uno dei temi che hanno messo sul piatto loro
Sei
Credo proprio
Ecco qua
Ovvero il tema della riforma con effetto dalla chiamata la riforma della operazione anche se in realtà credo che il processo precisamente riferimento alla riforma dei sistemi di monitoraggio di reporting lo direi
E possibilmente anche di qualcosa di più
Approfitto di questa sede e quindi
Per
Condividere con la platea ma settore già conosce questi argomenti
La questione che a ovviamente questo riforma molto delicata perché informerà totalmente i processi
Di aiuto e di cooperazione sviluppo per i prossimi almeno quindici anni o vent'anni o di più
è importante per questo secondo punto che rivolgo precisamente più che altro ai nostri amici italiani dice ministro Pistelli al vicedirettore Cassese che quindi vista l'importanza politica di questo passaggio
Cioè stiamo parlando di un processo di riforma di che cos'è l'aiuto pubblico allo sviluppo che sta avvenendo in sede DAC
Che questa discussione per la parte italiana sia condivisa come stiamo facendo oggi ma anche probabilmente di dei momenti di approfondimento anche sul piano tecnico
è il terzo punto è la proposta che viene da molto le invasioni Società civile ovvero
Che qualsiasi riforma se vogliamo fare
Ci sono ovviamente gli aspetti tecnici di cui
Prova a fare sintesi sia una riforma che comunque prende in considerazione influssi che effettivamente vanno dal presi donatori paesi visite
Ovvero i veri dispersi benissimo
Mentre una discussione la discussione oggi in sé dei dati e soprattutto su aspetti diversi e fra questi aspetti soprattutto quello che in gergo si chiama
A Vagit sui force dei donatori cioè c'è una quindi una probabilmente un sostanziale cambiamento modifica all'interno dei processi tre punti
Noi come società civile e pensiamo che quando si parla di aiuti si debba soprattutto guardare a quello che effettivamente un Paese donatore i Paesi donatori come il nostro trasferiscono I Pugliesi visibile
Capiamo che c'è la necessità anche di catturare qualcosa di diverso ma però alla fine dobbiamo sempre chiederci ma quante risorse vere alla fine dell'anno mettiamo a disposizione i Paesi donatori ne approfittavo un po'di questa sede
Per mettere un po'questo punto sul piatto
Che attendo anche eventualmente feedback su questo grazie
Per un terzo intervento da qui
Egiziana pancia
Sì buongiorno sono Maria egizia tettuccio ne sono la portavoce del cinico ordinamento italiano delle ONG internazionali presenti in Italia
E volevo riprendere le parole del Presidente solenne
Per dirle che condivido totalmente danni condividiamo totalmente la sua analisi sulla materia prima fondamentale quella della political UIL
Sono anni che sosteniamo che senza la politica lui il non si può naturalmente
Ottenere nessun risultato e che anche in situazioni di scarsità di risorse o di diciamo precarietà della situazione internazionale con la volontà politica la cooperazione cresce
Però tuttavia l'Italia come il Presidente sicuramente essa non è un Paese normale
E quindi non basta la politica lui
Perché quando noi ci rivolgiamo ai nostri politici noi società civile ci sentiamo sempre rispondere sì io sono assolutamente convinto della necessità di fare cooperazione però gli elettori non lo sono
Quindi è necessario fare un ulteriore passo indietro prima della politica Louilt
Ed è una del resto ed è una delle tre raccomandazioni fondamentali che non sono state
Riconosciute come implementate dalla Commissione dell'OCSE-DAC e che non lo è stato non lo erano neanche nel due mila nove e neanche nel due mila quattro
Che è un serio e finanziato piano per
Far crescere la cultura della cooperazione rese in wellness
Questo è un punto fondamentale se non investiamo sì non si investe su questo
La political UIL italiana non ci sarà mai perché come ricordava il viceministro Pistelli quando in tre anni in due anni abbiamo tre Governi è chiaro che i nostri politici sono molto attenti a quello che
Diciamo tocca la sensibilità dell'elettorato quindi prima di tutto bisogna
Sensibilizzare i cittadini quindi fare un serio piano di investimenti per far crescere la cultura la consapevolezza dell'importanza della cooperazione nella cittadinanza questo è il primo passo
E a questo proposito volevo cogliere l'occasione per rinnovare l'invito che abbiamo già fatto
A so che è previsto nella nella testo di riforma di legge che il Parlamento però anche in attesa che questo testo sia finalmente ha trovato si può procedere
Con il fare di nuovo un forum sulla cooperazione l'occasione potrebbe essere essere in forma ridotta questa di luglio di
Diffidenze volendo in qualche modo
Tenere alta l'attenzione perché come avete detto voi stessi prima
Il rilancio della cooperazione si può dire che sia partito proprio dal Forum della cooperazione del due mila dodici siamo nel due mila quattordici sarebbe ora di
Rifare il punto su questo grazie
Se grazie alle gestioni abbiamo tre domande diciamo mi fermerei un attimo qui una su tanti temi no molto sul settore privato e quindi è un'altra sul flussi di finanziamento allo sviluppo la loro misurazione
La definizione di o direi che quest'ultima sull'educazione allo sviluppo
Il mobilizzazione delle risorse intellettuali di un Paese verso lo sviluppo lascio a voi le risposte
In primo luogo al Presidente del dato
Su questi tre temi
Mi pare social
Sono sicuramente d'accordo con tutti e tre intervenuti cominciando con chi ha parlato del dal settore privato ha citato anche altre cose però per quanto riguarda il settore privato non cerchiamo di lavorare
Un nuovo concetto per la cooperazione
Che si sostituisca alla cooperazione ufficiale Emma in questo concetto ci saranno molti più strumenti passarci sul mercato di vario tipo
Dove la finanza pubblica viene utilizzata per stimolare
Più investimenti nei Paesi più poveri del mondo che si possa avere successo in questo difficile dire però stiamo lavorando molto per
Utilizzare questo nuovo concetto
Abbiamo un
Accordo ampio con l'Italia ed altri Paesi su questo poi per quanto riguarda l'importanza di esaminare con le risorse vengono effettivamente vada
Trasferite a questi Paesi
Riceventi sicuramente ci sono dei fondi che rimangono nel mondo industrializzato vogliamo ridurre questo
Non è una cosa illegittima provvediamo vedere quante risorse veramente aggiungono i Paesi meno sviluppati
E la cooperazione aumentata nell'insieme però infatti pur spiacevole che i Paesi meno sviluppati
Ricevono meno forse perché la maggior parte dei pesi danno dei che dei crediti e qui faccio e chiaramente dare
Un credito alla Cina al Brasile che non Paesi più poveri quindi dobbiamo fare di più presi cura cioè che i fondi vengono veramente convogliati verso i Paesi meno avanzati infine quello che ha detto lei
Che è sicuramente giusto la volontà politica a due sia in due dedizione volti leader politici fanno quello in cui credono che siano ministri presidenti qual è qualunque sia il loro ruolo e difficile evitare
La diagnosi che
La ragione per cui il Regno Unito la legge non solo lo zero virgola sette che vede il Kamaran Primo Ministro ci crede
Ha convinto l'elettorato forse non tutti sono d'accordo
Lo stesso per quanto riguarda il presente otto anni in Turchia ci crede ed è per questo che ha spinto questo programma Marco e lo che ha detto lei è chiari chiaramente anche la volontà politica può derivare
Dal basso la cosa la ed è stato il più forte quando si hanno entrambi questi processi
Dividere che credono veramente prestazione poiché la spinta da parte della base credo che bisogna cercare tutti presentare due argomenti per cui l'Italia deve fare di più uno questi argomenti viene espresso praticamente ogni giorno dal Papa fa un lavoro splendido e convincere la gente che bisogna
Esprime solidarietà con i poveri questo è un messaggio cristiano ma vale per tutte le Regioni mondiali Gesù ha detto fate quello che fogli antiche
Fornite che facciano da altri atenei credo che tutti gli italiani quasi tutti idealismo
Rispondo positivamente questo messaggio come altre la secondo cosa che fa fare di più per sulla cooperazione è una forma illuminata di politica estera
Se l'Italia vuole
Avere una voce nel mondo se vuole difendere
Gli interessi sia italiani se vogliono dare una prospettiva di crescita a lunga per
E il proprio Paese per i propri che ha figli
Mia figlia promettemmo ridarmi al due mila cento e se si vuole difendere si vuole difendere i propri figli bisogna però preparazione milione per quanto guarda la pace l'ambiente meno me lungo profughi
Meno meno produzione di interroga
E la maggior parte al produzione della del degli stupefacenti in Paesi come Afghanistan Paese si chiama falliti meno terrorismo ma il terrorismo non origina dell'Italia ma terrorismo che andava sommaria dal sud Sudan dall'Afghanistan dalla BCE forse
Ci sono molte nazioni più povere dove si vede l'azione del terrorismo quindi se volete creare una vita migliore per l'Italia ne bisogna avere una prospettiva globale quindi questo è un documento così importante la solidarietà e la
Politiche estratti uguale efficace
Aspre di colui il della
Del rapporto con gli elettori
Io ho sempre detto che
Una e lo continua a ripetere una narrativa alla base di ogni legittimazione politica fondamentale il Parlamento adotta
Decisioni in un senso o nell'altro a seconda della narrativa che le sostiene la narrativa e la prima e il perché la prima brindisina della volontà politica
Devo dire che anche da questo punto di vista nel nostro Paese ha molta strada da fare
Lo faccio perché ho in ho intravisto quell'a qualche ex collega ammalo lo dico con una qualche amarezza del passaggio dalla scorsa legislatura a questa legislatura
Non so la percentuale esatta ma la stragrande maggioranza dei membri della Commissione esteri della Camera sono stati sterminati politicamente da tutte le forze politiche
E quelli che sono sopravvissuti carico il sottoscritto il ministro bolerini eccetera lo dico in modo molto onesto perché non potrei dire bugie su quelli che non hanno fatto le primarie
Nel senso che il proprio partito ha detto Betto sei stato sei mesi l'anno fuori ti proteggo
Ma questo per dire che
Fare politica estera cioè essere molto proiettati fuori dall'orto di casa non aiuta in generale
Dico salvo qualche eccezione a fare carriera questo nuovo messaggio e chiaramente non può messaggio perché non fa crescere
Anche per il futuro io socio la metà ma non fa crescere per il futuro una generazione che spontaneamente guardi fuori dall'orizzonte di casa
Evidentemente è più facile protegge che appunto proprio dicendo e il meccanismo diventa un meccanismo vizioso invece che detto oso secondo tema multilaterale e multilaterale chiamiamolo bilaterale
Beh io vorrei essere molto chiaro su questo
Ad oggi
Col
Tutti gli espedienti detti lavori vivendo in una semplificazione ma il messaggio deve essere semplificato il fatto che una parte dei nostri contributi al sistema cooperazione fossero legati al multilaterale
Fino ad oggi ha impedito il sostanziale saccheggio per molti di quei contributi io penso al nostro
Versamento periodo europea di fatto
è legato alla dimensione del Paese alla sua ricchezza alla sua popolazione nell'abbiamo percepito come un compito per casa non possiamo tagliare il capitale a quella banca di sviluppo non possiamo tagliare il contributo al fondo europeo ma quando dipende da noi
Sulla fatti bilaterale Borda marcette
Io sono molto ammirato ma prendo il caso più eclatante degli inglesi perché gli inglesi avranno sicuramente un PIL maggiore nobile del nostro
Avranno sicuramente una popolazione di qualche milione sopra la nostra ma per arrivare dai nostri tre miliardi ai loro diciotto miliardi
La gran parte di questa differenza non è aumento dei contributi obbligatori
Aumento dei contributi che spontaneamente l'Inghilterra mettete le grandi campagne globali e quando noi dovremmo fare la differenza nella nostra
Non quei più fluido
Peppers per salire nella nella nel nella scala dello zero virgola
Noi dobbiamo giocare sulla parte non virgolette obbligatoria ma su quella volontaria mano a mano che saremo capaci di dotare
Io dico il Ministero degli Esteri per semplificare ci siamo capiti
Il Ministero degli esteri delle risorse che sono state via via saccheggiate nel corso di questi ultimi anni perché non
Appunto obbligatorie ma volontarie misureremo lì la volontà politica del Parlamento
Perché nessuno si può fare lo sconto sul contributo alla cooperazione europea ma sulla parte bilaterale volontaria sì e lì misureremo la differenza
Per quanto riguarda il tema invece del rapporto diciamo profitti non neanche il privato più che
Privato e
Dove le aziende stanno dentro la legge è chiaro questo è uno dei era un refuso è uno dei punti non nel budello non uno dei punti più caldi ma un punto caldo io dico semplicemente questo
Proprio balle polizza primo
Sempre disponibile a vedere cosa uno può o migliorare nel testo ma insomma c'è un ruolo evidentemente in commissione in questa direzione
Due
Io credo che negli ultimi dieci anni o quindici anni uno dei punti di dibattito in cui maggiori maggiore strada è stata fatta nella reciproca comprensione
Fra no profit e profit o no profit e profit quando si comporta secondo le regole accettare in sede internazionale esattamente questo punto quindi non ritirerei su le barricate oggi
Trovo due ormai che in una legge di cooperazione il profitto rilevi nella misura in cui in quel momento agisce secondo alcuni principi
Perché altrimenti noi mescoliamo la legge sulla cooperazione con la legge su non so la promozione del del della diplomazia economica
E lo sviluppo commerciale del paese e invece gli strumenti secondo me devono rimanere distinti
I poiché è chiaro che concettualmente questo ormai è un dato che via via acquisito anche delle nostre linee guida
Esiste una modulazione di colori che parte dall'emergenza va a lei ed nei Paesi più fragili
Si muove via via verso queste aree grigie in cui dalle idee puoi promuovere quando il Paese si grado un trade
Fino a strumenti che in vedono un Paese che ormai si sta mettendo in piedi da solo e dove il sistema va soltanto appena appena aiutato per passare all'investimento spontaneo
Però non immaginerei mai chiedo una riforma della legge sono capaci di coprire da un estremo a quell'opposto so che c'è un punto nel quale una riforma della cooperazione si ferma
E pur in una visione unitaria passa la mano a chi si occupa di pura promozione del business in un ambiente favorevole eccetera eccetera su questo io credo che dobbiamo essere abbastanza netti e parla uno che
Ha assistito in tutte le occasioni internazionali a una chiamata continua
Dell'ex sud del mondo a una
Appello ad aver Investimenti risorse trail Panici quindi condivido questo approccio ma so che questa legge deve trovare un certo punto un confine così come dico e lo abbiamo detto in tante altre circostanze
Che se esiste ad esempio un nesso formidabile l'Italia lo sa bene fra dinamiche dello sviluppo dinamiche delle migrazioni non sarà la legge sulla cooperazione internazionale a fare la legge sulla cittadinanza sulle migrazioni cioè dove trovare un confine
In ciò di cui ci occupiamo in questa legge altri colleghi faranno la parte mancante del quadro
Ricominciamo
Vi rivolgete a questa parte quindi c'era una persona degli poi dopo Nino Sergi
Simmons giorno sono Stefano ma naso della compagine che ha una
Un organizzazione non governativa accreditata tegole dello status consultati lo speciale presso il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite
Ed è mezzo gruppo con alla Commissione dello sviluppo sostenibile nel settore scientifico int non lo cito communities volevo precisare un paio di cose la nostra organizzazione è stata sentita
Recentemente in Commissione esteri in merito al disegno di legge della cooperazione penso che
Da
Dalla legge quali nascerà il Big Bang della cooperazione futura
Quindi con una buona legge naturalmente tutte le premesse possono essere realizzate due punti
Lei ministro ha parlato del organizzazioni internazionali
Volevo sapere appunto noi abbiamo chiesto Commissione esse
Siccome è fuori dal meccanismo delle vanità se il mondo di ecco so che è che noi riteniamo molto delle è in giro cioè delle non governa mentre loro ne risentirà
Che può avere che molto variegato che comunque ha degli aspetti particolarmente importanti non rientra ancora nel meccanismo dell'idoneità previsto dalla legge ti privato centra de plano mentre
Chi lavora a livello internazionale svolgendo dei progetti di cooperazione internazionale con altri Paesi
Praticamente non esiste a livello di riconoscimento nella legislazione italiana
Secondo giustamente il Presidente del DAC ha detto che il privato è riconosciuto in altre in altre leggi sulla cooperazione noi siamo d'accordo su questo punto ma noi riteniamo soprattutto che
Vi debbano essere dei criteri imprenditoriali per cui ciò che
I finanziamenti della cooperazione che si lavoriamo sulle risorse scarse
Bisognerebbe era ragionare con la logica di una futura agenzia anti prepara di una futura Agenzia per la cooperazione concepita quasi come un incubatore di impresa cioè la logica imprenditoriale deve entrare all'interno del mondo della cooperazione in maniera tale che
I progetti di cooperazione con risorse scarse abbiano una ricaduta sui soggetti
Con cui la cooperazione deve essere svolta moltiplica IVA il più possibile moltiplicativo in questo caso i temi
Di cui l'Italia potrebbe essere promotrice peraltro sono i temi della prossima Expo sono l'alimentazione
La proprietà intellettuale delle risorse alimentari biologiche
E
Progetti legati ad un'economia
Trainata dalle ore dalle risorse su cui su questo aspetto la cooperazione italiana come asse di politica estera potrebbe avvenire sicuramente una sua peculiarità che altri Paesi non hanno
Paesi di natura anglosassone anche il principio della charities noi potremmo avere con la nostra biodiversità e con la nostra
Capacità di collocare il cibo la nutrizione la lotta alla povertà con delle partnership serie sui soggetti
Su cui leggi della cooperazione far diventare il lasse privato le organizzazioni internazionali in modo la cooperazione italiana veramente qualcosa di
L'importante fino adesso diciamo che nel dibattito magari questo piccolo questo piccolo lato non si è visto che noi riteniamo di poter dare un contributo
In tal senso abbiamo cercato di dare alla Commissione esteri naturalmente lo vogliamo dare noi anche allora al Ministero con un maggiore approfondimento grazie
Grazie
E io devo
Pur
Ringraziare la prima rete perché ho scoperto delle cose che anche gli addetti della I latte anche per gli addetti ai lavori erano sconosciute certe linee guida che la cooperazione si è data allora questo cosa mi fa dire che
Occorre davvero che sviluppiamo molto di più presto queste modalità di consultazione e di di di di confronto cioè ci sono c'è un capitale ed esperienze in molti dei soggetti
Anche qui rappresentati che può essere molto molto utile alla cooperazione italiana
Spesso ci troviamo ma devo dire favorevolmente impressionato ritrovarmi cose di cui non avevo mai sentito parlare pene allora probabilmente
Potrebbero essere ancora più efficaci le cose che la cooperazione certe linee guida parlo di quello ma c'è anche sono e altri altra le cose
Se davvero stabiliamo questo rapporto che devo dire già ripreso già iniziato già esiste però va rafforzato anche perché la Tia review lo sottolinea varie volte la la la
Evidenzia la ricchezza della il contesto favorevole che c'è in Italia perché molti sono i soggetti che si occupi di cooperazione ma evidenzia anche la necessità di questo confronto istituzionalizzando allo
E devo dire poi la nuova legge fossero anche lui in questo in questo senso secondo al secondo punto
Volontà politica ma la volontà politica c'è se la politica dei non interessa
Perciò quando le parole ibrido tra due le parole della viceministro Lapo Pistelli quando dice è un investimento
Ecco bisognerebbe davvero Mammano riuscire a esplicitare cos'è questo investimento dove l'interesse italiano la Gran Bretagna sicuramente archiviare o quale l'interesse suo per stabilire che da dodici miliardi di di euro
Alla cooperazione
Allora qual è l'interesse italiano interesse italiano sono tanti adesso non è qui il caso però davvero val la pena di rispettarla questa cosa di di di di di
Perché se la politica vede l'interesse allora probabilmente di fondi ci saranno
Anche perché io vorrei costi sempre lo ripeto che forse val la pena di ripeterlo tutti l'Africa nel due mila cinquantatré cambieranno magari dati ma saranno comunque altissimi comunque
Arriverà da un miliardo a due miliardi e mezzo di persone
E ci sarà la necessità di ottocento non ottocento mila ottocento milioni di posti di lavoro
Allora
Non è che sarà un
Non non è che dovremmo meravigliarci o altri partiti che ci saranno del due mila e cinquanta similari Aranno perché qualche africano qualche
Decine di migliaia africani verranno in Italia c'erano c'erano della parte non c'ero dall'altra vengono verso l'Europa ottocento mi allora pieni mi collego anche al tema della settore privato
Per creare posti di lavoro in Africa e settore privato è necessario
è necessario perciò nella nuova legge dall'apertura che la nuova legge della vere però questa aprirsi però appunto
I fondi della cooperazione l'ha detto se non si
Non so più se viceministro o il Presidente della
Bertacca
Devono essere i rischi molo all'investimento privato non devono sostituire capitale privato perché se no qui non ci siamo più siamo ancora la vecchia operazione degli anni ottanta in cui l'impresa non spettato che ci fosse l'iter gli episodi pubblici per investire
E hanno perso tutto perso tutto non non non ci siamo in Africa proprio perché l'impresa sbagliato in quel periodo
Allora che la cooperazione sia di stimolo sì perché occorre creare posti lavori occorre il settore privato però si era se la relata peraltro non può sostituire il capitale che l'impresa deve metterci questo comunque deve essere chiaro l'ultima cosa
Il Presidente del DAC ha detto istituzioni scegliete voi agenzia nuovo ministro eccetera purché
Se ci sia chiarezza
Ecco
Forse nella legge uno sforzo maggiore per una chiarezza se l'Agenzia deve gestire dei gestire al cento per cento
Non
Settantacinque Perosin ma come sistema italiano la chiarezza la chiarezza dei ruoli delle funzioni della responsabilità no in Italia mai nessuna responsabile allora la chiarezza dice
Tu hai questo compito Tolo gestisce Tonet rispondi finalmente se queste
La linea che la legge sto seguendo ben venga grazie
Allora
Spot ma Santori di ente possa
Simona impresa sociale che ha utilizzato l'articolo sette ha recentemente per
Cercare di promuovere storicamente da ventiquattro anni facciamo finalizzata allo sviluppo una domanda precisa che vorrei fare
A
Al Presidente del TAC
è questa
Secondo lei come vede l'evoluzione della finanza dello sviluppo all'interno delle politiche di cooperazione dei vari Paesi e come il settore privato finanziario
Può affiancarsi a degli investimenti pubblici per promuovere un certo tipo di cooperazione
Noi
In questo ma in questo in questo che abbiamo cercato anche di essere potestà di volo alla cooperazione allo sviluppo con cercando di promuovere con l'articolo sette alcune
Alcuni incipit di innovazione
E esatto no anche da parte vostra e questo per noi facendo
Questo credo che vorremo stimolare un attimo anche una politica visione politica in questo senso che possa promuovere di un prestito ulteriori investimenti pubblici tratte in tal senso grazie
Allora pernacchie uno barra lei settanta cerchiamo di prendere tutte le prego
Dopo prima
Allora Giambattista Parigi Presidente sempre cooperazione allo sviluppo dell'Università di Pavia e membro del gruppo coordinamento università per lo sviluppo
Una domanda precisa al Presidente sono Fahim mi scuso non ancora le tutto il malloppo che andrò a cercarmi ho letto riassunto non otto
Astenuti
E quale
Nell'ambito di Pirri vivo e così via DD confronto Delli verso iniziative qual è la posizione
In ambito OCSE
Delle università nei confronti dello sviluppo prima domanda seconda a livello della rifiuti in Italia quali sono stati gli errori più grossi che l'Università ha fatto
Nel comportarsi nell'entrare nell'arena della cooperazione allo sviluppo un'ultima osservazione che mi è suggerita gliela lascio come eredità per dell'Italia mi è stato suggerito dal primo relatore del primo
Questione ante che parlo di non c'è più trippa per gatti
L'iniziativa la la frase nacque qui a Roma nel mille ottocentosettantuno subito dopo l'acquisizione di Roma da parte dei sabaudi allo Stato pontificio cominciarono subito come al solito con la spending review
Il Sindaco di allora Nathan esami no il bilancio della capitale e trovo la voce frattaglie per Fellini del Colosseo
Venivano fornite acquistati
Se vuole
Acquistato acquistato dal Comune frattaglie per Fellini al Colosseo lui disse ma se noi compriamo noi le frattaglie questi topi mica li mangiano più
Quindi in
Il non esserci più trippa per gatti in realtà servire a migliorare il servizio dei dati del Colosseo così affamati Mangiarotti più i topi
Per cui tutto sommato come diceva la Dame visa Morientes Dead
Forse sì riusciamo usare meglio i fondi da trippa che viene messa ciò non vuol dire peraltro che noi non continueremo chiedere fondi al Ministero perché l'università notoriamente sono ormai
Alla frutta visto che siamo in tema di cibo grazie
Grazie vere
Qualche risposta diciamo a queste questa domanda
Viale se gli USA si una serie di
Questioni molto ampie sì e dobbiamo essere più
Abbiamo innovare di più sicuramente
Dobbiamo Dario premio chimica danno fanno le innovazioni migliori fra
La cooperazione non dei piccoli progetti mantelle idee innovatrici che possano essere
A
Aumentate di scala e chiaramente e il settore pubblico e settore privato devono imparare l'uno dall'altro e la tendenza è che within me richiesti siedano separatamente alcune persone cominciano
Nel settore privato e non so se
Vada e questo per Italia ma ci sono molte persone che cominciano
Si decide venticinque anni se si decide se le vuole nel settore privato e pubblico
E poi si rimane in questo settore per a tutta la vita delle persone il settore pubblico dicono che quelli avete il settore privato sono un pericolo per la società
E quelle del settore privato dicono che la burocrazia per es nel settore pubblico rende la vita complicata
Per tutti quindi ci vuole più collaborazione tra i due settori
La Svezia è una nazione due virgola due avuto molto successo nell'affare collaborare il settore privato storie pubblico la creazione dell'occupazione in Africa è sicuramente è un compito
Enorme
Ma
La popolazione globale non aumenta nella maggior parte del del mondo
Ma c'è stato o è stato un successo enorme la maggior parte dei Paesi l'ottanta per cento
Dei Paesi non dei tempi vive in Paesi gioventù filiera per famiglie la regola
Il Bangladesh da ridotto il tasso di fertilità da quattro virgola cinque e due in una sola generazione
Quindi in media le donne del Bangladesh a hanno due figli questa è la media italiana siamo sotto quel livello ma l'Africa costituisce l'eccezione in alcune parti del traffico occidentale abbiamo se ancora sette otto
Figli per ogni donna come in Nigeria in Mali per dare qualche esempio questo chiaramente spingerà
Un aumento della popolazione africana se non sei che ha creano altri sei posti di lavoro non c'è bisogno
Dei a ad essere un esperto economico per dire che questo crea un po'la soppressione per l'Africa per l'Europa per l'Italia
Quindi bisogna creare più lavori questi lavori dovranno essere nel settore dell'agricoltura e della
Industria manifatturiera ad altri settori attualmente non c'è praticamente industria manifatturiera in Africa praticamente tutta la
Produzione industriale manifatturiera sia nell'azione da parte di ricca del mondo così deve cambiare
Gli africani devono cominciare anche a produrre nell'industria manifatturiera le università sicuramente c'è un ruolo per le università in Europa a in e altrove marce un ruolo ancora maggiore nel mondo
E in via di sviluppo imminenti Berluti colza si sono rivolti alla istruzione di base credo che questo sia una cosa giusta però spesso
Si dimetterà si dimenticano che all'istruzione senza istruzione superiore buona non ci può essere istruzione di base
Perché nelle scuole c'è un solo fattore
Principale importante insegnanti alle scuole dipendono dall'insegnante vi ricorderete questo dalla vostra esperienza se c'era un buon
Insegnante per un determinato soggetto
Impara avete imparato molto un insegnante scadente avete imparato poco gli insegnanti sono il fattore determinante delle scuole e le nazioni che hanno avuto successo nell'istruzione hanno investito nella corpo insegnante
Fare un senza buone università senza
Buoni sia licei buoni collegi per la formazione
Degli insegnanti non ci si può essere una buona istruzione di base quindi si tratta di un sistema dove c'è una grande
Integrazione quindi c'è bisogno di costruire un progresso a livello degli insegnanti per darvi una sola cifra per spiegare questo
E il dieci per cento
Del
Delle persone dello strato più popolo dei Shanghai adesso agli stessi risultati del venti per cento dalle famiglie più ricche
In Inghilterra o e negli Stati Uniti quindi se si viene dalla famiglia di un professore di Harvard negli Stati Uniti a scuola
Sia nei risultati che sono equivalenti a quelli dei figli e delle opere operaia in Cina perché perché i cinesi hanno investito a livello massiccia nel fornire una migliore istruzione fornite
Migliori chiara insegnanti addensavano tenga anche di mamma risultati migliori per i quindicenni rispetto la Norvegia unitarie perché vietnamiti hanno capito l'importanza di questo forse non è una risposta completa la sua domanda però lei università
L'istruzione superiore anche essenziale prevedere l'istruzione di basse
Sempre
Professore uno anzi tre una un'auto di servizio finale
Colgo il punto di Nino Sergi ha infatti accolto alcuna guardi ad un applauso l'unico della platea
Per dire che chiarissimamente nella discussione parlamentare cercheremo di definire meglio se il tasso di partenza non è chiaro il chi fa che cosa
In modo tale che la catena delle responsabilità e gli ambiti operativi siano assolutamente ben definiti da un punto che
C'è presente le mediazioni anche prima che
Il DDL uscisse sono state non sempre facili il Parlamento è qui per quello quindi cercheremo di di dire di avere un testo che esce più semplice e non più complicato di quello che sembra centrato
Questo sì i miei colleghi si comportano bene il secondo punto con riferimento alla finanze non diceva la finanza innovativa mettiamola così anzi questo è un paio di commenti il primo
Beh si lavora col privato
Mi viene da da ritornare su un tema che è stato sollevato precedentemente con la finanza innovativa molti livelli una delle cose che condivido con voi altri erano presenti a Mexico City ma che mi ha molto colpito
Perché Ina da dal momento che in alcuni Paesi la sensibilità del mercato dei consumatori sui temi dell'agenda globale è molto cresciuta
Molti gruppi multinazionali non dico dove italiani perché l'Italia non lo sta facendo di condono italiani perché conosco quelle esperienze
Si stanno dotando di proprie strategie pluriennali quinquennali decennali ad esempio quelli che lavorano nella Clifford
Per garantire al consumatore finale che l'accesso alle risorse le materie prime il modo con cui quelle risorse sono virgolette utilizzato sfruttata nei Paesi di origine
La supply chain eccetera sia coerente con i principi gli scandali internazionali per cui anche se
Nella loro attività approfitta seguono una serie di principi e dieci anni fa non avendolo seguito questo modo in cui l'agenda
Del del millennio virgolette contamina appositamente un modo di fare del settore privato non si tratta di di finanza che niente nessuno e spontaneamente un processo di adeguamento a una nuova agenda internazionale
La seconda noi abbiamo ascoltato anche a me si consente una serie di di di di esperienze di di di
Dite alcune già testate
Voi sapete bene partecipiamo questa neanche un anno importante Arcadi all'alleanza
Sulla Bassanini miniserie Jean
Sapete che tutta questa cosa nasce da un'idea molto originale di un fino a di un di un giovane finanziarie non non da un nuovo amici di uno che pensa come combinare meccanismi inventa il bond lo rende compatibile sul mercato
Accosta it leggi governativi agli investimenti delle aziende farmaceutiche permette risultati misurabili ne abbiamo bisogno come il pane e dite
Che ci permettano di fare incontrare mercato e principi fatemi dire obiettivi globali e mercato da ultimo voglio dire che anche se questo non è in questo momento ha contemplato nel testo il DDL e né meno degli emendamenti ancora presentati in Commissione
Insomma c'è una riflessione in corso diciamo così su come completare
L'architettura del del del del del nuovo sistema sostanzialmente avendo in mente un modello io dico che io Davigo così capite cioè di come dotare l'intera architettura anche di un braccio finanziario per lo sviluppo
Perché alla fine della fiera guardando
Questo impianto questa almeno per me è il buco vero che io ho trovato ce ne manca uno strumento che permetta di collegare ovviamente su
Fatemi dire subordinato a una politica non è un po'una leva impazzita per conto proprio ma uno strumento che permetta di combinare
Siamo la leva finanziaria diciamo così della cooperazione che permette di fare anche da canale da tramite per fare il matching dei fondi quelli che mette
La parte pubblica e quelli che la parte privata può concorrere ad attribuire
Però diciamo è allo studio una formulazione che permetta in sede emendativa di far rientrare questo nel
Nel disegno finale la nota di servizio
Io vorrei evitare l'effetto ciascuno un impegno con la fiducia che la mostra già luce in quattro quindi la mia proposta è cinque tenta
Ma in modo tale che cinque trenta volte abbiamo ancora maggiore discussione proposta siamo tutti insieme
Sono questo lento spagnoli o non è proprio un bellissimo viso l'Acquedotto Pistelli posso quello che assolvono alla prima
Grazie sì al volo al volo sinteticamente
No io l'avevo chiesta molto prima se mi posso permettere allora solo perché manca una fetta importante
Io capisco che l'Italia debba guardare si obbligata guardare all'Africa Mediterraneo però visto che abbiamo un buon relatore europeo con grande esperienza dell'Asia non possiamo non guardare alla Cina
Un po'perché la Cina noi siamo una no profit del nostro mille volte da quindici anni lavora in Cina quale medicina
Accreditata dal loro China Scola Chicane sempre la formazione accreditata loro mosto che il loro ministero la scienza e tecnologia
Perché la Cina perché l'Italia e l'Europa non possono dimenticarsi la Cina intanto perché la Cina l'ha chiesto varie volte Vania nutre ha detto che la sanità
è uno io mi occupo di socio sanitario e uno degli argomenti cruciali della collaborazione che la Cina chiede
è stata anche a livello della Commissione per l'innovazione europea ho avuto l'onore di essere invitato da samaritano e Van grandi il loro ministero delle loro ministro prassi FAS Ministero non sareste Technology
Ha chiesto un aiuto dove nell'agroalimentare nel socio sanitario nel welfare
è certo però che la cooperazione è quella che diceva il dottor Rimassa serbi cioè non può non integrare un certo punto della storia il privato commerciale
Ma perché noi diamo in Cina e l'esempio più lampante ci sono zone povere in cui abbiamo comperato quasi gratuitamente l'Italia ha dato molto in cooperazione alla mongoli interne alla Cina la vaccinazione
Contro il papilloma virus per la prevenzione del cancro della cervice uterina sono stati sei milioni di euro cioè sono soldi veri
Passati però sono stati dati ma oggi la cooperazione come lei ci ha detto e come ha detto il dottor solare non può non essere attuata da un privato commerciale per le zone ricche e noi possiamo offrire anche gratuitamente zone povere il SIC One indicare un suo dove volete insincera l'India ma non posso regalarli né Bay in giallo su in quelle province ricche in cui il prodotto sanitarie richiesto
Poi perché il prodotto poi ai nostri ambasciatori per collegarsi a quello che diceva lei immagino globale del Paese viene chiesto in fondo di promuovere gli investimenti
Delle industrie italiane in Cina ma anche gli investimenti delle aziende cinesi in Italia in Cina per il nostro socio sanitario che non è solo nuovo e cura degli anziani reduci non problema emergente e chiudo
Quindi per dire che questo è un aspetto vitale della nostra cooperazione agganciare l'industria biomedicali al nostro fianco un privato commerciale kermesse degli oratori interesse del soggetto politico perché laddove c'è cooperazione buona
Progetti buoni per un privato sociale che vuole investire vuole anche giustamente guadagnarci allora troveremo quel politico a cui ho avuto
Guarda caso è andata molto bene l'avviso dall'H Rossano scorsa sa molto bene la vigenza non alto gennaio quest'anno andrà bene quella di Renzi dieci undici giugno proprio perché le due cose vanno insieme grazie scusate
Grazie io inviterei veramente essere telegrafici sono qualcuno rimane fuori riparto dal signore qui e poi riprendiamo questo lato perché mi serve da cui sono meno richieste prima chiudiamo questo emisfero centralina Copagri Guido e sottomano
Prego
Sì estorsivo bionda multinazionale tedesca
Quindi lavoro in un ambito in ambito anglosassone un po'diverso dal
Dalla mia nazionalità
Noi abbiamo destinato oramai da cinque anni dieci per cento del nostro profit per progetti sostenibili in Paesi come il Perù come il Ghana come il Mozambico come la Mongolia il Kazakistan
E
Cosa strana dopo aver bussato per una cooperazione politica Repubblica questi Paesi abbiamo fatto noi da un punto di vista di multinazionale private a questi investimenti
Dove in Perù abbiamo raggruppato cinque mila piccoli agricoltori per sviluppare nell'altro sostenibile incanala scuole ecosostenibili
Tutte mirate a determinati progetti il test determinate virate di crescere
No e
In Mongolia come diceva il signore prima nella sanità che certo sono stati gli enti pubblici che si sono accorti di voi
Esterno e che adesso desiderano un dal cooperazione era semplicemente per dire come giustamente diceva il vicepresidente
Pistelli
Un mondo forse da guardare io sono l'unico italiano Presidente in questa multinazionale tedesca e fortunatamente posso
Uno danni di avere dei partner italiani estremamente qualificati questo permesso questi par italiani di operare in primis
Quindi anche con un profitto finalmente perché non siano non profit operato di questi Paesi con questi progetti all'avanguardia ecco questo era solo il mio testimone
Per gli azionisti una buongiorno a Cristina sarebbe da Ca'Foscari di Venezia
E noi siamo qui oggi per ascoltare la gli sviluppi sulla relazione asse però a
Fondamentalmente per avere da voi e mi riferisco miniera sparso tralicci e agli amici
Ministra Pistelli
Dal presidente essa al fine qualche iniziò su come utilizzare nostra piccola Banzer
Che Ca'Foscari predicare la cooperazione allo sviluppo quindi aree geografiche questi ma che non sia una questione
Un po'politica definire ma anche azioni o cosa che ci patente consigliare come Università
Grazie
Io non mi scuso per questa bella domanda che vorrei fare approfittando al dottore Eritrea questo lei
Che ha una visione insomma così larga lo ringrazio per quello che ha detto
Volevo
Direttive rapporto eccetera aiuto allo sviluppo e cooperazione tra io do allo sviluppo ed etica
Perché mi accorgo che ci sono dei Paesi che vengono più aiutati se hanno il PdL che migliore
Ma se poi questo primo migliore confrontando
Argomentando ribellione armate nei paesi vicini eccetera un insulto perché non interessa allora che rapporto c'è tra entità e aiuto allo sviluppo grazie
Allora sono Roberto Pasca Sapienza Fondazione Sapienza in passato mi sono occupato moltissimo di cooperazione sia al Ministero e sviluppo economico lo stesso Ministero degli esteri
Innanzitutto una questione
Secondo il
Mio modesto parere l'esperienza che abbiamo avuto in questi anni alla Sapienza
La coscienza c'è viceministro perché piste qualsiasi iniziativa che ne facciamo a livello formativo o a livello di relazioni in tema di cooperazione e super affollata
Ne abbiamo uno dei
Pochi corsi di cooperazioni ettari in e sviluppo che va
Moltissimo quando si fanno iniziative una di queste avuto anche un
Interfaccia con lei ora stiamo proseguendo per svilupparla diciamo non c'è problema di coinvolgere il personale
Forse ecco
Ci vuole il politically UIL che lei
Ha molto ben interpretato la molto bene indirizzato
La domanda la domanda un incrocio tra quello che ha detto il Presidente
Del dati sulla ruolo del mercato e aggiungerei del capitale umano per promuovere lo sviluppo e la riduzione povertà e quello che ha detto il viceministro Pistelli sulle buone pratiche
Unendo queste due cose insieme e andando oltre gli interventi precedenti
Vorrei domandare se nel disegno di legge gli effetti presentato ci sia la possibilità di aprire anche all'individuazione e un po'le già ha risposto ma forse qualche dettaglio ci vuole ancora
Sugli strumenti per favorire lì l'ingresso del settore privato dei Paesi in via di sviluppo nel faccio un esempio oltre
A la questione del microcredito che sicuramente è uno strumento per favorire il capitale umano oramai è indiscusso dove si diffonde il microcredito si coinvolgono le popolazioni siano maggiori opportunità di sviluppo ma ci sono altri strumenti
Che grosse
Centrali anche private utilizzano per recuperare risorse per favorire lo sviluppo ad esempio il counter trade nessuno ne ha parlato
In passato si era fatta uno un tentativo di operazioni di questo genere
Queste altre cose si potrebbero considerare quindi mi domandavo se nella messa a punto degli emendamenti una più specifica per apertura agli strumenti per far diventare lo Stato la Direzione alla Cooperazione il vero facilitatore come anche ha detto il vicedirettore Cassese dello sviluppo e della il ruolo delle imprese
Nel Terzo Mondo e far diventare effettivamente questo incubatore occupatore non è la parola giusta ma facilitatore anche
Amministrativo con tecniche amministrative perché non ci stanno non ci sono più la possibilità di trovare nuovi soldi grazie

Sì buonasera sono Maurizio carbone sono professori interessante davanti alla diversità un classico a paradossalmente sono stato sono stato sentito dal Parlamento scozzese come in una delle audizioni è ma va detto un italiano che parla
Che dà consigli a noi di di cooperazione allo sviluppo netto oh mamma mia questo è e lo hanno detto in
In italiano
A forse non è non devo fare una domanda lei viceministro perché forse non non appartiene a quel campo
Però se le parole sono importanti nella sua discussione sentivo parlare di fu di politica di cooperazione allo sviluppo
Come legata alla
Politica estera
Poi mi sentivo parlare di o Frison Space Aid
E poi sentivo parlare di il Corsano sviluppo come investimento
A me questi sono sono tutti
Magari stiamo riscrivendo la sinistra però sono questi sono tutti i termini di destra cosa significa essere di sinistra
Adesso in
In Italia vedove fanno facce perplesse megawatt ma
Amache magari si consulta con solai Melli dammi se sono a Emilio Kediri Emma OLAF stoccate o la sto che sbuca maybe
Esame indichi sono fuori la mensa vattene vere forzando possa il testo che non so che può essere desta però l'altra cosa viste solare che nasca questi Andris
A gli USA e dire
Lei ha parlato del Regno Unito io lavoro nel Regno Unito come appena detto viene secondo me è una differenza
Tra l'AGEA inusitata e l'altro l'Islam
è possibile citare deve stiamo quanto si vuole ma c'è un chiaro legame tra
L'aiuto
E
L'interesse nazionale
L'idea
Che gli aiuti
Basati sulle risorse
Siano
Un modo per
Indebolire il coordinamento
E forse un rischio cioè
Io ho viaggiato
In lungo e largo per l'Africa ho visto che molti
Dona Paesi donatori voglio semplicemente il riconoscimento del loro Paese qualche modo
E quindi nella
Vostra relazione forse non l'ho letta abbastanza perfettamente ma non ho visto niente per quanto riguarda
Gli aiuti non vincolati
Ora nel Regno Unito che lei ha citato il Paese che prevede appunto questa possibilità di aiuti non vincolati Regno Unito entro esempio di questa linea d'azione ma io ho parlato con alcuni dei suoi funzionari
E so che ci sono stati moltissimi
Progressi fatti per quanto riguarda
Questo tipo di aiuto
Vi è un aspetto che non è forse abbastanza pubblicizzato di cui si parla nel DAP crediamo che il numero di contratti che sono
Assegnati a impresa dei Paesi donatori
è
Quasi pari al cento per cento nel Regno Unito questa era pari al cento per cento quindi questo un po'curioso non trova
Lei come da Cal prende una visione minimalista su la questione degli aiuti e cioè il contratto viene attribuito a chi offre il prezzo migliore escono voci se ci sono dei dei ritorni
Per quanto riguarda questo meccanismo per cui gli aiuti dovrebbero essere svincolati o meno secondo lei noi l'abbiamo risolta vitale a questo problema
Sì rassicura il viceministro che ritorno alle raccomandazioni dati Eurispes domanda precedente sono Francesco Metelli portavoce di concordi Italia che è la piattaforma dell'ONG che fa parte della Confederazione di concordo delle ONG europee
Dalle raccomandazioni DARC delle cose da fare tra semestre alla riforma della legge diciamo in corso e hanno europea dello sviluppo ovviamente
La prima di queste già è stata menzionata è aggiornare
Fare un esercizio non ristretto sulla visione condivisa cioè una raccomandazione darci una visione
Questa è l'occasione affinché questa visione sia condiviso tra gli stakeholder credo che serva come background della legge
è possibile farlo di Rizzo andò semestre e poi due mila e quindici anni europea dello sviluppo è uno è un lavoro e un training come dire utile
Secondo che deriva dalla visione condivisa è stato già menzionato noi abbiamo bisogno di una strategia di comunicazione e della politica lo villa che non è comunicazione dell'ARDIS quello che fa la cooperazione
Ma è comunicazione del conto acquisizione del consenso perché la public quando serve avere il consenso del cittadino contribuente quindi come dire il consenso poi del cittadino contribuente elettore
Credo che l'Italia abbia bisogno di un piano strategico di public governance fatto cedo chiede per certi versi anche l'Europa
Terzo elemento più importante io credo che sono anche altri due possibili esercizi utilizzando il semestre dell'Italia una missione perché è vero che abbiamo molto multilaterale io non considero if
Le risorse per l'Europa ormai più multilaterale ma è un bilaterale di fatto anche questo lo abbiamo già detto è così beh noi abbiamo una missione a partire dal semestre in poi
Fare entrare nell'agenda delle politiche europee il tema Euro Mediterraneo
Questa è non un'emergenza legata al tema dei migranti è un'emergenza politica delle prospettive del senso dissi
Che tutte le politiche europee si debbono aree partendo anche dall'occasione del semestre
Credo che sia una questione importante che è un obiettivo politico una priorità di però nella nell'agenda politica italiana credo e non solo italiana perché
Qui c'è un punto da ultimo la coerenza delle politiche per lo sviluppo
Credo che sia necessario anche questa è una raccomandazione del DAC
Provare a fare un sistema di implementazione anche con la nostra collaborazione cominciando a creare un sistema di indicatori e cominciando a fare il monitoraggio o tematico o di un Paese
è uno degli obiettivi che ci siamo dati come ONG di concorde non solo per il semestre il tema della coerenza dei beni dello sviluppo deve essere esercitato a partire dalle raccomandazioni dell'OCSE-DAC
Anzi ha varato io prenderei altri due interventi solamente perché appunto poi lasciare le conclusioni al viceministro al presenze del DAC c'era lui in prima fila da da un bel po'di tempo poi lei in fondo
Poi faccio efficace
Diciamo
Ci sono meno bravi o se ci sono insomma professore e solidale
Sono associate trovata scarichi messa di Padova
Oggi le domande che devo fare da prima riguarda la visione strategica
Sottopose qual è la visione strategica che molto importanti importante per una iniziativa come quella però fare aveva una visione strategica significa anche avere un piano di azione a medio e lungo termine
Se io ho una visione strategica significa ti faccio una firma
Una per le città sono stati
Allora quello che io vorrei chiedere di sapere se
Il Ministero sta pensando aumenta in piedi a questo punto un piano di azione sul medio e lungo termine che dovrebbe essere anzi un piano di azione di sviluppo sostenibile della cooperazione
Che a questo punto diventa uno strumento di pianificazione quindi divisi vengono Ivano però lo strumento rimane ok e diventa uno strumento operativo e di orientamento
La seconda domanda che io farò riguarda le università
Allora l'acquisizione per me è questa capire se
La cooperazione poi se uno strumento di internazionalizzazione dell'università io vi do un esempio che io sto facendo
Allora ho messo insieme Ca'Foscari
Padova e unito usano
In quattro anni abbiamo in Camerun ci riesci corsi universitari dieci abbiamo duemila studenti
Due mila e l'unica esperienza in Africa delle università europee in crisi eroghiamo cosa due diplomi
Tutti un diploma italiano non ritorna camerunese
E cosa facciamo parliamo di ingegneria civile parliamo di Ingegneria Ambientale parliamo parliamo di energia solare parliamo di cui il fanatismo parliamo di acqua parliamo di cooperazione cose concrete
E ci sono in questo momento circa settanta docenti
Che hanno girato
Presso
Il Camerun andare a fare lezione
Allora quello che vuole dire quale è
Che chiaramente questa esperienza che non stiamo facendo che ha un'esperienza pilota naturalmente senza un vero sostegno secondo me ha un vantaggio perché ci consente anche
Di affrontare tematiche essenziale qui la domanda che io fra il Ministro al viceministro naturalmente di uscire a capire esattamente come le università italiane
Possono nell'ambito della cooperazione poche essere schieramenti uccide all'Africa che significa
La formazione in loco deducente università che significa
Mette in piedi corsi ad hoc orientato allo sviluppo perché significa un suo momento anche azionari facilitare gli studenti italiani
Andare verso i Paesi africani nell'esperienza di di degli scambi
Il terzo punto la stessa domanda
Che con la nuova legge su questo devo dire qualcosa consentitemi sì allora il primo il rapporto io ci tengo moltissimo tra migrazione recupera sono sul Po
Perché noi comunque non siamo dei mediatori per la cooperazione nessuno ci può sostituire
E quindi allora io io chiederei si parla di panico aperto sono molti italiani che sono immigrati e che possono di occorrono importantissimo in questo campo e l'altro punto è il cosviluppo
Cioè il contributo che i migranti e indipendentemente dal Governo italiano possono portare e questo non può stare fuori da una legge sulla cooperazione anzi bisogna incoraggiare gli immigrati
E spingerli a fare il cui sviluppo quindi io ritengo anche questo aspetto importantissimo grazie
Grazie sarò brevissimo anche perché l'intervento che mi ha preceduto già detto molto sono talebana dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni responsabile per i programmi di migrazione e sviluppo
Si è fatto molto accenno alla storia stasera e vorrei ricordare appunto che le migrazioni sono fra le più antiche strategie di lotta alla povertà e per quanto riguarda invece la modernità su un elemento fondante
Per cui volevo conoscere da parte del direttore da cose qual è la posizione esatta di quella che viene raccomandata a livello internazionale
Come strategia di mainstreaming ma in precedenti atti parlamentari senza
Noi crediamo sia estremamente funzionale per tre motivi fondamentali innanzitutto per il raggiungimento di quella che il viceministro
Definito cooperazione due punto zero risposta alla modernità da una parte anche massimizzazione delle risorse dei migranti
Non solo economiche si è parlato delle rimesse ma anche intellettuali professionali e sociali
Dopodiché anche review richiama l'attenzione sull'importanza ad armonizzare la cooperazione italiana quelle che sono le strategie globali
Per cui agenda post due mila e quindici e sappiamo benissimo che la scorsa settimana ad H si è parlato proprio nell'export meeting dell'importanza del Ministro mi manchi precedente Titan poliziesco
E di quanto lo faccio già la cooperazione europea in questo senso e quattro facciamo già tutte quante le cooperazioni dei precisi dei singoli le cooperazioni nazionali dei singoli Paesi europei
So che nella legge per la cooperazione c'è un accenno all'importanza dei migranti come agenti di sviluppo si dovrebbe fare un passaggio a strategie usare questo tipo di intervento quindi non soltanto singoli progetti o singoli attori
Dopodiché mi rendo perfettamente conto del fatto che non si può rispondere alla sfida migratoria
Però già inserendo questo tipo di strategia nella cooperazione italiana si raggiunge anche un e nebbie in gamba nel per fare in modo che ci sia un processo di pacificazione anche a casa nostra rispetto al tema della migrazione grazie
Grazie allora le risposte direi anche le conclusioni quindi lascerei la parola prima prima stato dapprima al vice Ministro Castelli e poi alla Presidenza del DAC per chiudere la riunione
Grazie scusate tutti quelli che non sono riusciti a intervenire
Ma è finalmente le domande erano tantissime Abril brevemente anch'io lascerò tutte le parti di competenza di eritrei giustamente dico soltanto alcune cose in questo stato chiamato in causa
Molto brevemente la prima
Una raccomandazione che ho fatto tante altre volte ho al tavolo interistituzionale o anche in sede di Commissione esteri al Senato
Doc sovrastimate il ruolo della norma primaria della legge
Noi vorremmo mettere in legge tutto come italiani ci lamentiamo sempre le leggi sono
Troppo dettagliate e raccontano anche ciò che cadeva fra un mese ma vorremmo che tutto fosse codificato per legge
Esiste la norma primaria esistono le norme implementazione poche poche poche strutture l'Agenzia convenzione col Ministero poi esiste quel corpus di strumenti che ho richiamato introduzione
Piani Paese viali regionali meccanismi di efficientizzazione c'è eccetera che fanno parte del lavoro quotidiano ma che non necessariamente e legge
Pensate a cosa ci vuole perché a me la legge e pensate per quale cavolo di ragioni o deve scrivere in legge una roba che poi magari richiede trent'anni per essere cambiata quindi
Non sovraccarichi hanno effetto albero di Natale una norma che deve essere leggibile sobria destinata a durare quanto serve
E soprattutto deve dare il motore poi la guida l'avete il pilota
L'importante che funzioni dei freni e che va del motore poi il pilota è la politica il sistema che decide quali sono le priorità e quelle cambiano di anno in anno questo veramente molto importante dicono e non trovate in legge ma che ce lo siamo dimenticati
è che poi viene gestito nel giorno per giorno dei Governi delle ONG ridete e degli attori di cooperazione primo secondo
Ho capito l'appello sulla Cina e prendo l'appello cinese per una considerazione il giorno in cui l'Italia fosse o tornerà ai diciotto miliardi
Inglesi io sarò se Sassaro chi ci sarà il mio posto sarà felice di poter cooperare con risorse significative in cinquanta Paesi
Fino a quando noi gestiremo sulla nostra parte e poco più di duecentocinquanta milioni io trovo esercizio di buonsenso di ragionevolezza
Essa è passata in pochi anni da trenta quattro A ventiquattro A venti Paesi
E se dipende dall'anno prossimo a ridurli ancora come carismi dire vicino al gruppi e di priorità effettive capisco che ciascuno ha dei legami delle storie e delle eredità ma se non vogliamo fare il piccolo bancomat di qualche mancia
Abbiamo bisogno di concentrare gli aiuti in modo tale che siano non dico visibili efficaci
E aggiungo pure che in ogni Paese soprattutto in quelli più fragili
Che hanno bisogno di tutto non è che l'Italia può fare tutto per cui se la funzione che questi il capacity building e la sanità
Sono settori signor presidente potrei prenderne altri ma settori dove siamo più bravi faremo quello non con non tocca a noi fare tutto in tutti i Paesi
Questo ci tengo molto perché poi
L'altra faccia da dispersione degli aiuti che giustamente la peer review segnala
Frammentazione degli attori ma frammentazione anche degli interventi quindi c'è bisogno che noi facciamo questa operazione
E dare una visione è guardate il problema dell'Italia e Asia lo voglio dire scherzando non so quanto si può tradurre non è la favola visione è la parola una visione
Cerchiamo di capirci perché come fare la formazione un'azione di calcio
Il Piano doveva fare la formazione ma la mia formazione cioè quella che io vorrei che fosse la formazione azione di calcio
Allora la visione ci sarà il tema farne una sola e per fare una sola abbiamo bisogno che i singoli attori convergano in uno sforzo di ascolto reciproco
Dove qualcuno rinuncerà a qualcosa in nome di una visione condivisa come in una legge ciascuno rinuncia un pezzo del suo punto di vista in vista di un compromesso possibile
E aggiungo di più
Aggiungo di più
Fare la visione ho una visione italiana non può essere un esercizio autistico che prescinde dalla visione che il mondo sta facendo su se stesso
Perché l'esercizio per noi facciamo non viene in vitro il laboratorio avviene invece l'Europa di cui facciamo parte
O altri forme di raggruppamento che voi potete immaginare
Condividere col G settantasette voi donatori emergenti e bla bla bla uno una grammatica comune da qui a un anno allora io spero che lo stesso egizio si allinei
Converga all'esercizio per riguarda anche qualcuno più grande di noi è diverso da noi
Perché facci la nostra visione regionali alla nostra politica è oggi privo di senso
Per cui il mondo a tante esigenze glielo possiamo coprirle tutte l'importante è che le copriamo in modo concentrato coerente con la nostra posizione geografica e geopolitica e in modo armonico con ciò che si fa in Europa e nel resto del mondo punto
L'idea che siamo tutti i primi violini mi pare una
Io preferisco la casa suoni bene piuttosto una competizione per cui ciascuno vuole fare il primo violino non non non mi piace nei politica vi immaginate della cooperazione
Io non so se quello che facciamo e di sinistra vorrei farlo dico lo vuole fare qualcosa di sensato vedi moderno diciamo così
Trovo che che quello che citavo prima in realtà è il sottotitolo
Del del documento guida del del di governo olandese della mia amica Lilian plume nuova coordinatrice
All'interno alla consigliera Della globale nel cicche ha un titolo molto che in e a un sottotitolo che eritrei investment ma per rendere
In modo immaginifico lo spettro degli strumenti che poi utilizzare dai Paesi più fragili
In cui manca fra l'altro di noi operiamo ai Paesi che sono già ripeto quasi in piedi io son tornato due giorni fa dal Mozambico
E in Mozambico è un perfetto il classico esempio di Paese che ha già in certe parti certi settori le condizioni lo per stare in piedi percorrere
Ma al tempo stesso centottantasei mo posto duecentottantasette l'indice di sviluppo umano e quindi ancora delle enormi enormi sacche di ineguaglianza di arretratezza e noi siamo con i nostri strumenti
Per un verso o magari con il credito d'aiuto e c'era fare cose
Di un qualche impatto dello sviluppo economico e abbiamo alcuni di voi non dico molti alcuni di voi che hanno le leggi perse accapo delicato a bere eccetera e nelle province più complicate affari sanità fare educazione
Occuparsi di bisogni verifica
Penultima questione hanno assunto sul sette per rispondere invece ha pagato la battuta sul sulla sinistra il nostro aiuto è già oggi ANCAI per oltre l'ottanta per cento
Io so che l'obiettivo è raggiungere come dire una una cifra piena tonda però posso permette neanche di fare una battuta dopo avere tanto elogiato il sistema inglese per la generosità e per
Va beh dai di
Adesso detto don lo scozzese adottivo in casi e va bene va bene c'è la mia battuta è questa qui la mia vado da adesso è questa qui poi riconoscere o le royalty c'è una questione che tutti voi conoscete che si chiama uso delle risorse locali
Perché sia devo fare un una buona come dire battaglia sull'aiuto ANT ai danni poi riempire il Paese recipienti consulenti inglesi
Certo alla fine come dire lo di lodo tirò fuori dalla finestra recupero dalla porta se si chiama uso delle risorse ricavi è una sfida molto più impegnativa molto più complicata che va oltre il rapporto fra chicca siamo capiti
E
Io come ho detto per divertirmi Alberto medio-grande
Infine pessima penultimo punto io ringrazio forum piani di comunicazione ombra luglio piano di comunicazione ora cerchiamo di capirci
Noi stiamo nel mezzo della riparazione di una nave mentre stiamo navigando cioè io ad Oria lei fare il ruolo che io se avessi una legge alle spalle
La cassetta degli arnesi rinnovata
Il Budget pluriennali in sicurezza ragazzi
Ci si s'inserisce facciamo calcolare
Occupati facciamo piani Paese dei piani regionali monitoraggi efficacia valutazione ex ante ex post ma noi stiamo
Gestendo una cooperazione a regole vigenti
La stiamo cambiando in questo contesto politico stiamo combattendo per le Risorse li stiamo ascoltando gli amici dell'OCSE-DAC che ci danno raccomandazioni cioè è un lavoro che facciamo in contemporanea a trecentosessanta gradi quindi mi capirete se
Nelle arco nell'arco delle ore disponibili intanto mettiamo in sicurezza il Budget quando ci riesce la riforma quando ci riesce nel frattempo
Lavoriamo sulle altre cose non chiedeteci vedere troppo ad impossibilia nemo tenetur producete anche questo in inglese si ci dei bravissimi Errol utilizzato dal gergo siamo alla frutta trippa per gatti io non so come si traduce in inglese ma va bene
L'ultima battuta sull'università
Allora
Università innanzitutto invito le università soprattutto quelle che sono
Come dire più più nuove alla materia occupati arrivati più recentemente
Date un'occhiata alle linee guida triennali che abbiamo appena appena partito perché lì ci sono un po'di indicazioni sia di aree di modi di intervenire di settori prioritari
è evidente però che se la devo dire in acceso noi abbiamo l'università
Nell'esperienza che ci sono che va raccontata è uno strumento di formazione della misura in cui l'unicità trovo una partnership con altre Università
E lavora sui corsi sul sulla cooperazione in forma un pezzo del sistema di
Di di di di istruzione superiore del del Paese insipiente
Segnalo che noi abbiamo università non le voglio menzionare singolarmente in Italia che invece non hanno un generico approccio alla formazione mandano semplicemente a secondo delle Facoltà di cui si parla
Propri docenti e voi professori a farsi dei programmi autofinanziati in come dire si va a operare negli ospedali si va a formare infermieri si fa a dare consulenze sul
Sul sul sul sul sistema agricolo cioè assecondare l'università c'è già qualcuno che parte con un po'progetto molto più mirato non sul sistema di saperi ma già parte con un obiettivo io aggiungo che a noi interessa
Dotte lo cercheremo di fare post legge mancano le linee guida via di evoluzione di coinvolgere a bordo le università per quanto mi riguarda su due cose
Le università non tutte chiaramente a seconda degli indirizzi sono un pezzo della analisi dei Paesi in cui intendiamo intervenire
E sono un pezzo possono essere un pezzo importante della valutazione a valle dell'impatto dei progetti anche in questo caso lo dico con franchezza non hanno l'esclusiva
A Londra ci sono altri italiani che lavorano in una importante o dice che si occupa soltanto di valutazioni d'impatto dei progetti sei su diciotto sono italiani non avevano lavoro qui ma lavorava a Londra e lavorano varie agenzie europee
Però mi interessa che le università siano anche in questa versione analisi pre
E valutazione d'impatto dei progetti ex post e poi ciascuno secondo i propri saperi può dare come dire singoli contributi però invito a leggere appunto anche linee guida e possono essere utili
Ma insomma io mi fermo qui perché ho detto già troppe cose sono molto vi ringrazio moltissimo e che non riprenderò la parola della presenza oggi a me pare almeno per quanto mi riguarda il va pesato molto ricco molto molto interessante
E non è
Il dibattito finale è un pezzo del dibattito lo dico a Nino Sergi ogni volta chiede di più e più strutturato è ancora meglio
Facciamo del nostro meglio o meno per
Perché tenterà accontentarti e esso e ringrazio moltissimo fatemi ringraziare la la la il Ministero la DGCS
Per il lavoro fatemi ringraziare il mio insostituibile già non attuati
E tutti i colori sono adoperati per la
L'esito della di questa fiancata
Io sono molto contento di dare a Eric la parola per le sue conclusioni su queste domande che gli sono state fatte lasciando appunto legittimamente al protagonista della peer review l'ultima parola
Grazie
Bene molte grazie l'acqua per me
è stato un discussine ricchissima questo vuol dire
Oltre alle parole chi cosa ad offrire l'Italia al mondo tantissimi interventi interessanti ed è questo che ci serve vogliamo che cofinanziate che stiate più attivi sia dal
Da parte dello Stato e dalla parte dell'ANAS società civile credo che questa discussione abbia
Illustrato queste grandi potenzialità di auguro
Tutto il meglio nella creazione di una nuova strategia di combattere tutte le battaglie che dovranno essere combattute per
Arruga registra una maggiore efficacia qualche commento lei adesso levato la questione della Cina
E l'inizio di un sistema di welfare dei sistema sanitario cinese questione delle questione globale più importanti per quasi tutti queste nazioni Tel
Asia orientale passano dalla creazione di un sistema economico ad un sistema
Di welfare più più largo
E quello che
Quello che va e che di cui non hanno bisogno ma sono i soldi
La Cina molti più soldi del dell'Italia e quello dei Colli quello bisogna quello che ha detto lei di avere queste esperienze dei partner con cui discutere
Quali sono le esperienze italiane con il vostro sistema del Welfare cosa succede e cosa non funziona e credo che i cinesi sono molto interessanti a questo tipo di discussione la Cina e la cena
Vedere questa c'era anche un ruolo da parte dell'Università per
Mettersi in rapporto con tutti
I centri di ricerca i finché sta anche in Cina che stanno formando
La politica cinese in questo campo questo anche vale per il Vietnam Indonesia Thailandia in molti Paesi asiatici e poi la signora credo dell'università
Ca'Foscari credo
Lei ha
Sollevato una questione molto importante se la stessa cosa Perrone ha istituzione piccola una grande tutti hanno risorse limitate anche per gli Stati Uniti sono dei limiti mi si può fare tutto
E credo che il prima risposta alla sua domanda di guardare
Dove siete bravi voi doveva dette una conoscenza specifica che non si ripete altrove
Facendo questo potrete essere molto più utile alle persone ci sono delle nazioni molto povere dove semplicemente inviare un insegnante o fornire dei soldi
è essenziale però nella stragrande maggioranza dei poveri nel mondo
Vivono in stati molto meglio organizzati dove lo scambio di l'idea di conoscenze di tecnologia può essere molto molto prezioso quindi
Cercate quali sono i vostri punti di forza
L'Islanda del paese più piccolo nel nostro corpo l'Islanda ci ha detto cosa possiamo formare io ho detto se voi fate l'istruzione generale o la l'assistenza sanitaria
Generalizzata non potrete fare molto guardate dove avete se dei leader le l'Islanda nel leader nella pesca nella una buona legislazione sul pesca
E anche un leader per quanto riguarda l'energia geotermica con gli ho detto gli islandesi cercato di vedere come
La tecnologia vostre conoscenze in questi campi possono essere trasferite questo
Essa sarà un aiuto molto maggiore che non diffondere su ogni questione il vostra assistenza credo che questo corrisponde un po'quello che le tutele
Riguarda la sua non possiamo evitare che tornato rivolta odierno porre la bandiera su quello che fanno bisogna anche far vedere al pubblico italiano che i soldi pagati dai contribuenti viene utilizzato bene
L'unica istituzione che veramente può continuare ER donatori lo Stato
I donatori non riescono a coordinarsi da solo quindi c'è bisogno di mettere qualche bandiera per far vedere quello che si fa e il governo dell'Etiopia il soggetto che deve coordinare quello che succede nel ti o piazza
Ritorno esempio ottimo di questo
Qua il prima Primo Ministro teller delle sane tenuta al mio paese
E ha detto è già stata grande incontro del dal settore privato in Norvegia abbiamo detto venite l'Etiopia hanno bisogno di conoscenza di esperienze chiaramente investimenti
Però sappiate anche che noi abbiamo una strategia di sviluppo per l'Etiopia vogliamo che vi conforme atte a questa strategia sempre detti conformarsi a questa strategia andate altrove
Sono tante altre nazioni dove potete spendere i vostri soldi quindi questo della leadership che ci serve e il fatto di collocare le bandiere
Può essere utilizzato bene se i Governi agiscono in con questa chiarezza io non ho nessun problema
Col fatto che deve Carmelo andrete alla cooperazione come un modo di proiettare la presenza inglese euro rafforzare la posizione del Regno Unito anzi vorrei che l'Italia ne fa facesse in più
Di questo vedere come si può utilizzare l'oncologo cooperazione come moto tira presentare l'interesse
Agli interessi dell'Italia in questo modo
Ammonterebbe e nella alla vostra attività se si fa solo come solidarietà chiara la l'attività
Si chiama ridurli Duce del forte e qui credo che
La solidarietà della sinistra si combina con gli interessi dello Stato se c'è un impulso dalla sinistra che il
Rimane per me quello dichiara andare ad aiutare delle persone che si vedono soffrire e questo a che fare con la cooperazione anche cooperazione per lo sviluppo dove ci sono
Ed è campo dove sia da destra che da sinistra sì ci si può combinare
Partendo da diversi ideale VAS sinistra porta allo Stato il
Destra porta l'importanza dai mercati dai credo che possono combinarsi queste visioni ma se c'è un istinto di sinistra io credo che e questo si Siderno le persone che soffrono ICEF aiutarle
Per il fatto di non avere del la
Per avere l'assistenza Untitled censimento e proviamo questo per il Regno Unito praticamente
Tutto
Anzi Fighter se questo si fa con dei buoni sistemi non ho problemi non c'è bisogno anche
E i giapponesi vada montarla ci hanno notevole quando vogliono promuovere
Ma l'assistenza giapponese le macchine Toyota sono altrettanto buone della c'erano molte sopra foss'anche altrettanto buone delle FIAT
Quinti
Si deve un buon sistema di procurement ma
Abbiamo
Sono stati sia abbiamo successo nell'anta informale ma forse non con tutte le implicazioni per prima implicazioni pratiche credo per quanto riguarda la migrazione ci sono delle grossi problemi con la migrazione ma anche norme i benefici se si guardano i Paesi che hanno avuto più successo
Su utilizza Mathias prova di astro cinese la diaspora più grandi del mondo trenta quaranta milioni di persone sono hanno importanza chiave nel trasferimento di tecnologie tra Cina e il resto del mondo
E non so lei forse del Camerun mi sembra vedere questi collegamenti tra il Camerun
L'Italia
Convogliando convogliati mediante la diaspora persone che hanno un piede entrambi i Paesi costituisce una grande opportunità per il futuro poi infine
Grande una grande questione che lei ha sollevato sulle questioni etiche nella con la quale cooperazione allo sviluppo ma c'è un aspetto grande ed è una cosa grande ma l'aspetto più importante per me la corruzione
Questa è la cosa più importante per la difesa della comune del cooperazione allo sviluppo e l'Europa quando ero ministro in Norvegia il problema che avevano le persone ma di mi dicevano Eric fra fai bene andare in Africa e cercare di fare bene le cose
Però come fai a sapere che
E i soldi che spendiamo non finiscono in tasca qualche dirti trattore corrotto
E sicuramente se essi
Dà un contributo personale a una cominci ce lo stesso problema
Questa è una cosa che deve essere affrontata direttamente e non si può evitare questa questione la questione molto grande la risposta che dobbiamo fare del tutto per assicurarci che
Tutta l'asse tutelato
La cooperazione allo sviluppo abbia una tolleranza zero per la corruzione la corruzione
è un furto voto comporta il fatto di rubare dei soldi da chi dovrebbero ricevere questi soldi non si può eliminare al cento per cento però quello se questo deve essere l'obiettivo
E se si vede la corruzione deve essere
A bloccata terminata una questione di polizia non si può accettare una si può guardare dall'altra parte la corruzione e l'ostacolo principale per e lo sviluppo poi possiamo fare molto per aiutare quei Paesi che vogliono
Combattere la color corruzione e ci sono molti leader nei Paesi in via di sviluppo che vogliono a combattere la corruzione avere dei sistemica fiscale mi migliori
La Maggi ma c'è tanta corruzione permessi si trattano i settori estrattivi come dove si possono fare degli enormi profitti
E bisogna avere un sistema cerca di riformare il sistema fiscale migliore per combattere questa corruzione
Poi quanto la i fondi vengono rubati nel agli Stati africani certamente non vengano reinvestiti
In Africa ma in Europa anche svizzeri inglesi e italiane anche o finisce nei paradisi fiscali nel mondo sviluppata allora noi dobbiamo anche agire per bloccare questa corruzione perché
è una delle maggiori patologie che deve essere contrastata ogni giorno
Vi voglio dare un esempio
Lo Stato africano della linea quattro Riale ha un PIL pro capite che notevolmente più alto del Polonia in Polonia
Lattes dei vita ed aspettative di vita di ventisei anni di più che nella quinta equine materiale perché perché questa PIL
Più elevato in cui né questo reale non è di aiuto alla maggior parte dall'approvazione
Il figlio del Presidente della Guinea equatoriale ha una casa ci enorme nella zona più voti Motta
Di a Parigi il costo di queste case secondo la BBC e cento milioni tipica dollari chiama statunitensi
Le autorità francesi adesso stanno indagando alla questione quindi bisogna
A aggredire la questione sia della fonte sia la fonte sia in altri Paesi Roma Parigi altrove a Londra
Poi infine grazie presso la situazione poi infine credo che questa all'incontro questo incontro suscita modo di essere ottimisti state riformando la legge
Scaldiglie aumentare lo sforzo italiano con l'aiuto di università e di altre organizzazione
Il business attività economica essenziale dobbiamo cercare di trovare
Altri modi clinica
Utilizzare i fondi disponibili terra
La cooperazione allo sviluppo quando
Il settore del come unico con investire in ambienti difficili ci deve essere qualche forma di aiuto
In modo che lo possa fare quindi grazie dei vostri contributi potete contattarmi con almeno con Twitter se circa avete delle ideologie delle domande che riguardano come collaborare insieme grazie
Grazie grazie alla Presidente ad accadere che grazie al vice ministro grazie a tutti scuso nessuno ancora o che non è potuto intervenire avremo molte altre occasioni per parlare arrivederci