05MAG2014
rubriche

Speciale Giustizia

RUBRICA | di Lorena D'Urso RADIO - 21:03. Durata: 2 ore 1 min

Player
Sintesi dei lavori del Plenum del Csm del 29 Aprile 2014.

Puntata di "Speciale Giustizia" di lunedì 5 maggio 2014 , condotta da Lorena D'Urso .

Tra gli argomenti discussi: Boccassini, Bruti Liberati, Csm, Giustizia, Greco, Istituzioni, Magistratura, Milano, Pomarici, Robledo.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 2 ore e 1 minuto.
21:03

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buonasera a tutti benvenuti all'ascolto dello speciale giustizia da Lorena Durso questa sera lo scusate giustizia dedicato come ogni lunedì sera all'attività della Consiglio Superiore della Magistratura
Allora innanzitutto il punto sullo scontro in atto alla alla Procura di Milano tra Edmondo Bruti Liberati Procuratore Capo è il suo aggiunto la procuratore
Alfredo Robledo i nomi più noti sono quelli di Ilda Boccassini Francesco Greco è
Ferdinando Pomarici ma anche altri due pm dovranno sfilare a breve davanti alla CSM
Per chiarire tutti gli aspetti appunto dello scontro che si è aperto alla Procura di Milano con la presentazione dell'esposto a Palazzo dei Marescialli
Con il quale l'aggiunto Alfredo Robledo ha accusato il capo dell'ufficio Edmondo Bruti Liberati di irregolarità nell'assegnazione dei fascicoli
Si tratta di Nunzia Gatto raggiunto che coordina dell'ufficio esecuzione la Procura di Milano
è Filippo spie sia il PM della Procura nazionale antimafia che aveva mosso rilievi alla DDA di Milano guidata da Ilda Boccassini
Le nuove audizioni hanno spaccato i consiglieri è diviso le due commissioni incaricate di affrontare il caso la prima
E la settimana Commissioni che hanno fatto scelte diverse tant'è che ascolteranno insieme soltanto Pomarici e Greco il tredici maggio
Al loro interno si sono potremmo dire spaccate separando i Consiglieri Sinistra che avrebbero voluto chiudere gli a caso subito sulla base del lavoro già compiuto
Mentre invece i laici di centrodestra i togati delle correnti più moderati
Erano intenzionati ad allargare il più possibile il raggio dazione questo da
La misura il segno che difficilmente
La vicenda potrà essere chiusa prima della scadenza del mandato della CSM in carica che finisce il suo mandato da trentuno luglio prossimo i cui componenti appunto
Dovranno essere rinnovati la prima Commissione che deve decidere se ci sono gli estremi per un trasferimento d'ufficio per incompatibilità ambientale e funzionale ascolterà soltanto Greco e Pomarici
Al primo secondo la denuncia di Robledo sarebbero stati assegnati da Bruti Liberati procedimenti sul Sanna
Raffaele sulla SEA che invece sarebbero spettate i al suo Dipartimento competente sui reati
Contro la pubblica amministrazione
Il secondo è stato convocato perché in una riunione alla Procura di Milano avrebbe contestato la scelta del procuratore di avocare il fascicolo
Sul direttore del giornale Alessandro Sallustri condannato opera diffamazione per chiedere per lui la detenzione
Domiciliare su questa stessa discenda annunziava Gatto sarà invece sentita il dodici maggio dalla settima Commissione il cui compito è verificare se Bruti Liberati ha violato i criteri organizzativi
Dell'ufficio una circostanza che si è verificata potrebbe pensare quando a luglio l'incarico del procuratore capo dovrà essere rinnovato
E lo stesso giorno sarà sentita anche Ilda Boccassini a cui Robledo contesta soprattutto l'assegnazione del procedimento rubi a cui presumibilmente la Commissione
Chiederà acconto pure dei contrasti con la Procura nazionale antimafia anche
Alla luce di quanto emergerà dall'audizione di Filippo Spiezio a in programma il sei maggio prossimo quindi domani pomeriggio
E intanto in attesa appunto delle audizioni di Bari PM di Milano dal CSM
Sono filtrati dettagli su quelle del quindici aprile del procuratore
Bruti Liberati dell'aggiunto Robledo questi avrebbe citato il PM Pomarici
Per sostenere che l'assegnazione del caso Ruby a Ilda Boccassini fu una grave violazione delle regole brutti a ha spiegato i criteri di assegnazione
Raccontato che l'iscrizione di Berlusconi registro degli indagati fu fatta da luglio a mano e depositata in cassaforte per evitare fughe di notizia ma insomma
Emersa con con chiarezza alla alla contrapposizione tra i due
Magistrati e vedremo appunto dopo le prossime audizioni gli gli sviluppi del caso intanto noi questa sera vogliamo fare di ascoltare una sintesi dei lavori del plenum
Del ventinove aprile scorso perché innanzitutto c'è stata una polemica appunto al al CSM
Sulla lettera inviata a qualche giorno fa dalla Procuratore Generale della Cassazione Gianfranco Ciani alla Corriere della Sera in cui sottolineava il peso delle correnti della magistratura nella nomina dei capi di procure
E tribunali non sempre le decisioni del CSM sono scevre soprattutto
Nella la scelta dei dirigenti degli uffici da logiche di appartenenza aveva scritto Ciani
E ciò oltre a provocare ritardi nelle nomine nuoce agli stessi prescelti che non riescono
A togliersi il marchio di origine pur essendo nella quasi totalità dei casi migliori aspiranti
Al apposto così Ciani a sollevare la questione in apertura del plenum lo sentirete è stata la togata di unità per la costruzione Giovanna Di Rosa che ha sottolineato
La gravità di quelle affermazioni anche per l'autorevolezza della figura istituzionale del procuratore generale
Della Cassazione che del CSM lo ricordiamo è componente di diritto il governo autonomo della magistratura
Va difeso in tutti i tempi modi ha detto Giovanna Di Rosa
Che ha perciò chiesto la costituzione di una sottocommissione che tra l'altro individui i criteri per rendere e decisioni in tema di nomina e sempre più trasparenti e consenta se ci sono stati errori di rettificati
Parole che non sono piaciute Cacciani è la prima volta ha detto che in quest'Aula viene censurata la manifestazione di un pensiero resa all'esterno da un componente del CSM quanto al merito e le critiche
Se si vuole difendere la il CSM ha evidenziato
Il Procuratore Generale la Cassazione
Bisogna vedere anche quello che non va al suo interno al meglio
Farlo parlarne all'esterno altrimenti subiremo interventi dall'alto forti e radicali sulla nostra carriera e sulla nostra funzione che a grosso rischio un'analisi
Legittima ma non condivisibile per il presidente della Commissione sugli incarichi direttivi
Roberto rosso togato di viaria che ha difeso o le scelte chiedo scusa di vita per la Costituzione che ha difeso le scelte compiute nel rispetto delle regole
Con il Procuratore generale si sono invece schierati in lo sentirete
I laici di centrodestra è inquietante ha detto per il gruppo Nicolò Zanon è inquietante pensare di chiudere all'interno del CSM questa discussione
Tra poco dunque sentiremmo la il dibattito su questa polemica che si è aperta Palazzo dei Marescialli sulla lettera inviata appunto qualche giorno fa dalla Procuratore Generale la Cassazione
Al Corriere della sera in cui sottolineava il peso delle correnti della magistratura subito dopo invece sentiremo il dibattito che si è tenuto sempre in plenum il
Ventinove aprile scorso sul parere
Della sesta Commissione di Palazzo dei Marescialli sui disegni di legge in una materia di incandidabilità dei magistrati in occasione
Delle elezioni il dibattito sulla appare della sesta Commissione presieduta dal laico di centrodestra
Bartolomeo romano si è aperto con le due relazioni portate in plenum due proposte contrapposte una del professor giostra laico
Di centrosinistra del PD e l'altra dello stesso Presidente della stessa Commissione il professor Bartolomeo romano
L'auspicio era quello di un parere unitario che non è stato possibile raggiungere e quindi il parere come capita piuttosto spesso a Palazzo dei marescialli
è tornato in Commissione ricordiamo che
Il disegno di legge il cui faceva riferimento appunto questo parere
è stato approvato l'undici marzo scorso alla Senato proposto da Francesco Nitto Palma di Forza Italia che il Presidente la Commissione giustizia del Senato
Al disegno di legge che regola l'attività politica dei magistrati ponendo limiti a candidabilità eleggibilità e ricollocamento delle toghe il provvedimento
Prevede il divieto per i magistrati eletti o che abbiano assunto incarichi di governo di candidarsi assumere la carica di Assessore all'interno dei territori appartenenti alle
Circoscrizioni elettorali in cui hanno prestato servizio nei cinque anni precedenti alla nomina
Un secondo l'articolo del disegno di legge stabilisce che i magistrati debbano trovarsi in una stato di
Aspettativa nel momento in cui accettano le cariche di il Governo
Per Felice Casson del PD che ha aveva definito il testo unificato ed equilibrato il provvedimento si poneva
L'obiettivo di risolvere i problemi che si possono creare nei casi di i magistrati passati alla politica
Il senatore Tito Di Maggio di Gallei invece per il senatore titolo di maggio invece
Questo disegno di legge tipicamente gattopardesca Coco
Sosteneva a che ancora una volta il potere politico si inginocchia davanti al potere giudiziario
Dunque questo disegno di legge in materia di incandidabilità dei magistrati è stato approvato soltanto
Al al Senato adesso è all'esame del della Camera appunto però il CSM
Non è stato in grado di dare un parere perché appunto la pratica è tornata in sesta Commissione
Ma dunque come dicevamo ascoltiamo adesso il dibattito in plenum sulla lettera del procuratore generale
Al Corriere della Sera sentirete anche che espropri in apertura di di seduta
Alcuni interventi sulla nomina del nuovo Segretario generale del CSM uno degli incarichi chiave di Palazzo dei Marescialli
E a questo proposito c'è da ricordare che sono in tutto cinque i concorrenti che sono stati convocati per essere ascoltati dalla Comitato di Presidenza
Che l'organo di vertice della CSM guidato dal vice Presidente Michele Vietti che appunto dovrà scegliere
Un unico un nome da proporre alla plenum
Tra i candidati ci sono due donne Paola Pira ciniche ora segretario generale della scuola
Della magistratura e Grazia Miccoli agli Consigliere alla Corte di Cassazione per il posto lasciato libero da Carlo Visconti che a marzo è stato nominato Segretario generale
Della Corte costituzionale sono scesi in pista anche il procuratore di Trento Giuseppe armato che peraltro non possiamo dire perché santo
Già affermato da alcuni organi di stampa appare sia dato come favorito appunto
Per la nomina di segretario generale di Palazzo dei Marescialli
Poi anche il presidente aggiunto della Sezione G.I.P. della Tribunale di Bologna Bruno Giangiacomo e l'attuale dice segretario generale del CSM Marco Dall'olio
Il ruolo di Segretario generale che cruciale non solo perché lavora fianco a fianco con il Comitato di Presidenza e gestisce
I rapporti con le segreterie generali delle altre istituzioni a cominciare dalla Quirinale ma anche perché dura in carica sei anni più bella mandato dei Consiglieri che di quattro
Dicevamo negli ultimi anni il il questo ruolo è stato anche ricoperto da Donatella Ferranti ora Presidente della Commissione giustizia della Camera e all'epoca vicina a magistratura democratica di MD
E l'attuale vice segretario generale Dalloglio che è anche uno dei candidati appunto in corsa per la successione
Di Visconti a meno che non venisse scelto proprio lui e dunque si liberasse
Il suo posto il nuovo segretario dovrebbe essere ancora espressione di Unicost la corrente a cui peraltro farebbero capo la maggior parte dei candidati
è anche l'attuale procuratore capo di Trento Giuseppe Amato che il figlio di Nicolò Amato
è di unità per la costituzione appunto è uno dei dei candidati
Favoriti così almeno sembrerebbe dalle indiscrezioni che circolano a a Palazzo dei Marescialli
Ma insomma iniziamo ad ascoltare questo dibattito che si è tenuto il ventinove aprile scorso alla Consiglio Superiore della Magistratura sulla la lettera della Procura di
è generale Gianfranco Ciani alla Corriere della Sera
La seduta è aperta
Presenza nonché sull'ordine dei lavori Presidente essi pensavo anch'io sull'ordine dei lavori agone prendete posto Cossiga Zano
Grazie Presidente le volevo
Chiedere a proposito della
Una scelta SISS del procedimento che conduce poi la scelta del Segretario generale
Lei in altra occasione in plenum aveva preannunciato l'invio di profili
E le volevo chiedere quando questi profili
Si saranno consegnati la prima con la seconda cosa che le volevo chiedere anche a nome
Gli altri colleghi come Presidente Marini il collega Palumbo il collega Romano e il collega Albertoni
Se e quando noi saremmo
Ascolti ascolta e se saremo
Ascoltati su questo specifico aspetto che finora non allora non se ne va non si è data la sulla prima domanda per la verità e dovrei rispondere che davo per scontato che fossero stati distribuiti
E quindi temo che il ritardo sia addebitabile soltanto alle difficoltà momentanee in cui versa un po'la Segreteria Generale
Per diciamo la blue il fatto che i costi che Visconti ha preso possesso del suo nuovo ufficio la settimana scorsa così che Dalloglio se anche infortunato questa mattina anzi in questo questo
Lo dico anche per spiegare che insomma c'è qualche la Segreteria generale un po'in affanno comunque la ringrazio della sollecitazione provvederemo rapidissimamente
è quanto alla come dire sentirla e sentirvi
Come lei sa io tengo nella massima considerazione le vostre opinioni e quindi le consideravo già acquisite però se vogliamo fare una formale
Audizione la possiamo fare molto volentieri io direi
Magari anche domani
Quindi direi doma
Io per esempio il presidente Vari lo lo
Know how disco quasi quotidianamente però molto le loro e ci riferiamo al presidio al Presidente e Bari va bene però va comunque la facciamo sì però
Che
Io
Diciamo lo ringrazio di questa sua continua sollecitudine ascoltando eccetera però
E forse se
Ci fosse un'audizione
Collettiva quelle
Qui suggerimenti che son sicuro ed io non sono in condizione di grave potrebbero provenire dagli altri colleghi quindi
E e
Questa rappresentanza improprie che
Io per carità
Faccio di cui faccio ammenda se devo fare ammenda ecco forse dal punto di vista operativo non è del tutto o rituale ma a parte a parte questo
Io
So che successi ha scontato il Governo ecco
O vorrei completare io ero ma non ce l'avevo con lei vorrei esporre già offrono intravedevo silenzio consigliere Manni Fabbri nominale grazie sono stati ascoltati i vari gruppi
E e allora io pensavo che siccome non sono io soltanto avessero ascoltato ogni giorno
Ma sono anche altri autorevoli colleghi magari non laici appalto stop questo brutto nome ma magistrati togati possiamo
Mamma laici pensiamo dal arrivai cioè dovremmo essere tutti e la legge
E allora incoerenza ma la par condicio non funziona più perché io
Ma io la ringrazio dalla sua sollecito della ma e allora usata non solo nei miei confronti ma anche nei confronti
Gli altri o di altre
è e che però soltanto ascoltati in gruppo o no non ecco io quindi se
Posso permettermi aggiungo verso
Richieste dell'amico saranno anche l'Armenia
Per su quello che può valere perché se avete già poi deciso è ovvio che
Diventa un rituale che forse
Qui quello che possiamo fare a meno possiamo essere
Infatti dopo aver letto i profili allora chiedo scusa il Consigliere Zanon nel frattempo pura distanza ho fatto una verifica con la Segreteria il vice Segretario generale
Mi dice che in realtà sono stati distribuiti sia i curriculum che le schede il diciotto aprile via mail
No diciotto aprile via mail ovviamente non
Non sono stati fatti i profili su dati distribuiti i curricula e le schede de di ciascun candidato
E l'autorelazione questi sono stati eseguiti diciotto aprile via mail quindi
Direi noi essendo quattro righe cinque i candidati era inutile
Diciamo caricarsi della responsabilità di fare un profilo che poi in qualche modo avrebbe potuto anche comportare già una sorta di di implicita indicazione di valutazione
Quindi i il documento però che consente di valutare i candidati cioè l'autorelazione la Scheda e
Quindi ed avviso il lavoro io mi riferivo però non hai alle alle alle schede alle domande che conoscevo già ma al
Riferimento che lei Vicepresidente aveva fatto dei profili no allora perché io lavoro inteso come un un qualcosa in più e dire no niente
Allora ecco ho comunicato la sua disavventura
Come come si vede e se non
Non non avevo mentito
Allora
E forse abbiamo in cori in Consiglio rispondendo a una sollecitazione del Consigliere Racanelli impropri che sollecitava i profili impropriamente come dire risposto positivamente
Fusco dando per scontato che di profili si parlasse poi il Comitato ha ritenuto che
Fosse sufficiente distribuire l'autorelazione e la domanda in modo che
Ci fossero gli elementi sufficienti per per con la valutazione quindi più di questo non riteniamo di fare perché
Anzi ci caricheremo in qualche modo poi di un po'una responsabilità di introdurre anche una una sorta di selezione nelle informazioni ciascuno le a tutti a disposizione
Consigliere Dall'olio
Diciotto aprile via mail sui piani di rientro
Consigliera Pileri nelle vacanza interrotto le comunicazioni col Consiglio evidentemente
Va be comunque controlliamo eventualmente consigliere Dall'Oglio rimandiamola presidente posso ho chiesto no chiedo scusa Consigliere Di Rosa
Grazie Presidente intervengo in relazione alle dichiarazioni rese dal Procuratore Generale della Corte di Cassazione al Corriere della Sera
In data ventiquattro aprile due mila quattordici le ho lette durante questa pausa credo che sia il contenuto sia noto a tutti
Sono pronta a leggerle dove a qualcuno per qualcuno fosse necessario
Sono parole che mi hanno colpito molto allo stesso modo mi hanno colpito molto le dichiarazioni del ministro Orlando
Che a loro volta richiamano le parole del vice Presidente Vietti
Che si muovono nel senso di auspicare la prossima riforma del Consiglio superiore della magistratura e del suo sistema elettorale
Per rompere degenerazioni correntizie che legano i magistrati eletti e i magistrati elettori al punto tale da vincolare in ragione dell'appartenenza
Le scelte degli aspiranti agli uffici direttivi e semidirettivi e probabilmente il resto dell'attività consiliare
La gravità di queste affermazioni è resa ancora più forte dall'autorevolezza delle figure istituzionali da cui provengono e questo mi induce a sollecitare la ricerca di strumenti metodologici e correttivi
Perché credo che il governo autonomo della magistratura vada difeso in tutti i tempi e in tutti i modi e vengo ai tempi
La nostra prossima scadenza potrebbe indurci a pensare che non ne vale la pena ma io credo invece che sia nostro dovere fare tutto il possibile
Sino all'ultimo giorno per rendere onore al posto che occupiamo rettificando gli errori che ci sono stati
Sei in quanto ci sono stati e attuando il meglio che ci è possibile fare se anche mancassero non due mesi ma due minuti sarebbe nostro dovere tentare in quei due minuti di fare il meglio che possiamo fare
Per il governo autonomo che cioè abbiamo e stiamo praticando
Quanto ai modi mi è venuta in mente questa questa soluzione perché ci ho pensato a lungo e mi sono tormentata moltissimo sulla su queste vicende
Chiedo che si è aperta una pratica diretta la costituzione di un gruppo di studio di una sottocommissione anche all'interno della quinta Commissione
Che riepiloga i le prassi interpretative finora adottate distinguendo ove possibile decisioni omogenee da decisioni non omogenee verificando la rispondenza
Alle esigenze delle circolari e vigenti ed esaminando i problemi posti dal contenzioso amministrativo
Questo gruppo di studio potrebbe occuparsi in tempi rapidissimi anche dei possibili criteri per rendere le decisioni sempre più trasparenti
Attraverso un progetto che tenga conto delle diverse abilità del magistrato che oggettivizza io che studi l'oggettivizza abilità il più possibile di tutto questo
Non possiamo gestire la quotidianità degli affari come abbiamo fatto in questi giorni a dalla ripresa dei nostri lavori noi abbiamo ripreso lunedì come se nulla fosse stato questa è la prima occasione nella quale ci incontriamo tutti insieme
Ma personalmente mi sono fatta carico anche in quinta Commissione
Di rappresentare immediatamente tutto questo perché a mio avviso la gestione della quotidianità presuppone comunque una AG un accertamento
Sulla metodologia con la quale quella o gestione viene prêt praticata
E il ribadire
La la legittimazione a praticare quella quotidianità perché effettivamente il Procuratore generale fa riferimento
A spazi importanti a prove di alto significato offerte a presidio di principi fondamentali dell'ordinamento e abbiamo pratiche impronti importantissime in questo momento
Per da esaminare da valutare pratiche sulle quali dobbiamo ragionare con la legittimazione con il prestigio necessario
Voglio aggiungere che non possiamo gestire la nostra quotidianità sì Presidente grazie sto per finire
Senza prendere contezza di questo problema che colpisce tutta la magistratura ignorare la criticità delle fonti di conoscenza che colmata dai tantissimi magistrati amministrati che praticano l'approccio della sollecitazione
Ai Consiglieri amministrando di
Anche questa è una cosa da dire l'appartenenza correntizia di per sé non è un male ma è un valore un patrimonio di idee
Ed è difficile trovare un bilanciamento per un potere descritto come assoluto e soprattutto percepito come tale erroneamente
Mentre oggi tutti dicono comunque ci si affretta a dire che l'etica e perduta io credo che questo rimedio debba essere proposto e mi auguro che i distinguo che l'abilità dialettica
E generalmente in grado di trovare non conducano ad un'inerzia a mio avviso intollerabile depositò la richiesta di apertura praticate si ente Vietti che ha per oggetto quello di cui ho anticipato prima e cioè la richiesta di costituzione della Commissione nei termini che ho detto cosa
Presidente era sul tema del
Ma
Ah va bene la questione se lo ritroviamo esaltano controllano e si
Volevo
Versati ed sei queste audizioni ci saranno e si quali saranno le formalità di queste audizioni
Ma io non sono così va bene ma fate anche noi parliamo frequentemente ma
Io vorrei argomentare le mie ma
Io dal
Puoi dire non è non è una discorsetto informa anch'anche
Va beh che come non credo
Non credo che a
Che abbia mai parlato del tema del Segretario generale mi pare
Bene mai parlato
Non so con gli altri quindi va bene
Va bene allora con quanto la sulla seconda parte farò ammenda sulla prima il consigliere Dalloglio mi dice che la trasmissione e dell'undici aprile
Si trasmette copia delle leggo nonché copia dell'autorelazione
Chiedo scusa ma lei allora ha parlato dopo dei pur dopo l'undici appaiono profili no no no no ti no no no alle domande
No se voterà l'orchestra Sierra Novelli permetta
Non ho parlato dopo perché dopo essere stato sollecitato in plenum considerati carrelli ho portato questo argomento in Comitato di Presidenza abbiamo dato mandato al Segretario generale
Di trasmettere quello che avevamo cioè sostanzialmente l'autorelazione
Ma io sono certo che lei dall'autorelazione saprà trarre tutti gli argomenti utili alla migliore valutazione
Sono certo che dal profilo istituzionale della nostra audizione l'anche lei saprà trarre Leonati sussidiato dava loro dubbio va bene Consigliere Virga
Presidente io intervengo premente su entrambe le questioni la seconda sollecitato dall'intervento del
Consigliere e Di Rosa allora sulla prima io invece
Chiedevo dicono ente quale sarà la procedura forte ritardo e verrà start-up
Il Segretario la della l'indicazione del Segretario generale
E
Per e comprendere se e si arriverà con un
Uno o più nominativi in in plenum e come si svolgerà
Poi desidero sapere se questa procedura avrà una
In pista
L'accelerata
E un po'come
Ci sono state delle delle delle accelerazioni improvvise ed in altre pratiche che credo di qui a poco saranno all'attenzione delle Consiglio
Poi per quanto riguarda l'affermazione la l'intervento del Consigliere Di Rosa io mi limito soltanto a dire in questa sede che
Non è certamente questo il momento è il luogo in cui affrontare il e al problema del e correntismo
E
Però
E parlo a titolo ovviamente al personale io condivido in pieno le quanto scritto dal Procuratore generale in quella
In quell'in quell'articolo che è stato pubblicato sul Corriere della sera
E penso che faremmo male tutti quanti noi a tentare di nasconderci proprio in questo momento delicato della vita istituzionale
Delle Consiglio della magistratura faremmo un grave errore strategico anche nel tentare di nasconderci dietro un dito che in questo momento più trasparente di come
Non potrebbe essere
E quindi
Faremmo un cattivo servigio a noi stessi e all'intera magistratura se sottovalutassimo questo
Quel problema che è stato sollevato a mio modo
Ma vi vedere assolutamente punto in modo assolutamente puntuale dal procuratore dal Procuratore generale certo
Gli errori sono sempre dietro l'angolo e anche il Consiglio ogni tanto o più volte a commettere degli errori
Però diciamo affrontarli in modo in modo serio in modo in modo corretto sarebbe sarebbe sarebbe un bene per per l'istituzione
Per quanto riguarda l'apertura della pratica per vedere se ci sono delle prassi eccetera
Io mi limito soltanto a sottolineare che quella pratica Consigliere Di Rosa già pendenti in Prima Commissione in quinta Commissione
Perché esiste una pratica di raccolta della giurisprudenza amministrativa e basta leggere tutte le sentenze dei che io penso che sia stata implementata nel corso di questi anni basterebbe leggere tutte le sentenze del giudice amministrativo
Per comprendere come talvolta l'anzianità e viene considerata talaltra no come talvolta la presenza e l'avere lavorato in un certo luogo viene considerata detta l'altra volta non viene considerato
Come talvolta la proprietà di esperienza sono valutati in senso positivo anche come altre volte invece l'unica esperienza viene valutata ancor e in modo migliore quindi basterebbe
Perdere un po'di tempo e leggere cosa già ci scrive il giudice amministrativo ma le fattispecie sono innumerevoli consigliere in rosa ma per e quanto meno avere un'idea generale di come avverte co.co.co.
Come come come sono le questioni della vita grazie grazie a lei allora ovviamente come lei sa la proposta tra che la nomina del Segretario generale è una proposta del Comitato di Presidenza quindi io adesso rispondo
Interpretando anche
Le quello che farà faranno il Primo Presidente Procuratore generale ma ce ne siamo già parlati ampiamente quindi io credo che
Esaurite
Nel corso di Guberti un paio di giorni o al massimo impegno della settimana prossima visto che questo una settimana incompleta
E consultazioni poi il Comitato provvederà a fare la sua proposta se questa sarà una proposta singola o doppia francamente non glielo so dire perché ovviamente questo
Attiene alla decisione finale che non posso né voglio
Anticipare
Ho anche tripla perché no anche quadro però qui in tutta e in modo che sono ci più di cinque non possiamo per i candidati sono cinque
E e quindi chiamo abbiamo un limite massimo rigore di cinque
Dopodiché io credo che il la pratica a questo punto avrà dei tempi assolutamente normali fisiologici quindi non subirà nei accelerazioni né decelerazioni e quindi credo che certamente noi entro il mese di maggio
Avremo il segretario dovrà mi auguro poi ovviamente tocca il plenum votarlo e quindi Comitato più che fa la proposta non può fare
Va bene consigliere sempre un pronto il reale
Che deve fare
Grazie presidente volevo brevissimamente
Per rispondere a talune considerazioni svolte dalla
Consigliera Di Rosa innanzitutto
Credo che è stato sono state pubblicate quello che è stato pubblicato
Dalla Corriere della Sera non sono mie dichiarazioni
Sfido chiunque a trovare
Negli ormai quasi quarantanove anni di carriera giudiziaria svolta sempre negli uffici giudiziari una mia dichiarazione ai giornali lo sanno bene anche
Amiche giornaliste che sono in questa che seguire i lavori del Consiglio non rilascio mai dichiarazioni alla stampa
Punto primo
Si tratta di una lettera di di risposta praticamente disposto di una lettera che ho scritto in relazione ad un fondo apparso
Il domenica venti aprile
Sul Corriere della Sera a firma del professor Angelo Panebianco in cui tra l'altro sì parlava delle Consiglio sempre parlandosi del Consiglio della magistratura si faceva riferimento ad uno
Potere incontrollato testualmente nell'articolo di viale Asia
L'ora lì premeva replicare a questa affermazione delle poteri incontrollati
E ho cercato di dimostrare che
Il
I controlli che esistono dei controlli giudizi giurisdizionali ovviamente ma esistono anche una serie di controlli dell'attività che svolge il Consiglio Superiore della Magistratura
Noi in quest'Aula risuonato frequente il
Il lamento diciamo avverso certi provvedimenti del
Del giudice amministrativo soprattutto in tema di nomine dei dirigenti degli uffici
Questa è la dimostrazione ho fatto rilevare che
Questo controllo sì così come c'è un controllo
Della attività dei magistrati sotto il profilo
Quello che di cui io mi occupo maggiormente sotto il profilo disciplinare
Riferendo anche taluni dati
Ora
Un'altra due brevi considerazioni credo almeno a quel che io ricordi
Che sia la prima volta che in quest'aula viene censurata una manifestazione del pensiero resa all'esterno da un
Un componente della
Il Consiglio
Di solito di solito noi e di diciamo sempre anche
Direi
è stato detto anche recentemente addirittura in una sentenza della Sezione disciplinare che
Le manifestazioni del pensiero non sono
Non sono censurabili viene manifestato viene censurato una mia manifestazione del pensiero a difesa del Consiglio
Così io ho inteso il
L'intervento della consigliera Di Rosa
E che sia divisa del Consiglio lo rivendico fermamente ma se si può difendere veramente il Consiglio io credo che bisogna essere obiettivi e io cerco da
Da magistrato con
La una la formazione veramente giurisdizionale del giudice di essere obiettive quindi vedere anche ciò
Che non va
Al nostro interno
Ci sono delle cose che indubbiamente noi tutti sappiamo che
Non vanno allora queste cose è meglio dircele e dirle soprattutto all'esterno perché altrimenti ci verranno imposte
Ciclicamente le dovremo subire dall'altro se noi riusciremo
A
Effettuare un controllo disciplinare un controllo sulla professionalità dei nostri colleghi serio non ne punitivo ma serio
Probabilmente riusciremo ad evitare che vi siano gli interventi forti radicali sul
Sulla nostra carriera sul sulla funzione del magistrato nel nostro Paese che atta a mio avviso a grosso rischio
E
Molto spesso
Si portano ad esempio i casi che possono essere considerati isolati ma
Fuori molto non lo sono di
Come dire ciò per dire una parola un po'forte di
Io prevalenza dell'appartenenza sulla vera professionalità per
In talune situazioni e questi noi dobbiamo riconoscerlo e dobbiamo
Evitare che accada perché soltanto così potremo veramente difendere la magistratura
E io lo farò fino
Al termine del mie funzioni che scadranno tra poco meno di dieci mila dodici febbraio del don e quindici cercherò di farlo in tutte Tiziano tutte le occasioni che mi si daranno anche contraddicendo come qualche tempo prima esattamente un mese prima
Avevo contrastato talune affermazioni di un altro illustre
Fondista del Corriere della Sera un costituzionalista Michele Ainis
Anche lì sempre per difendere la magistratura ma ripeto la difesa si può fare soltanto se ci si si prende sia
Consapevolezza e si riconoscano anche i profili negativi certe certe condotte della magistratura e degli organi che
La rappresento perché sono anche degli organi di autotutela della magistratura in
Funzione di una miglioramento del funzionamento dimissioni
Grazie Presidente però grazie a lei consigliere Rossi
Però scusate adesso io come è noto sono molto tollerante sulle di
Sugli interventi sull'ordine dei lavori però non possiamo adesso dedicare questo plenum a un tema che non è all'ordine del giorno
E il procuratore generale ovviamente aveva titolo a risponda che essendo stato direttamente interpellato però vi prego cerchiamo di contenere i termini di questa discussione perché se no
Parliamo d'altro e abbiamo un ordine del giorno dal smaltire molto cospicuo consigliere Rossi
Sì non intervengo diciamo sulla questione rigenerare perché ovviamente come giustamente è stato detto sono delle opinioni mi permetto di non condividerle di ritenere
L'analisi che è stata fatta legittimamente dal Procuratore generale sul Corriere della Sera
Un po'semplificato Oria di un fenomeno che è molto complesso su cui una riflessione va fatta in cui però le ragioni sono molto complesse a cui bisogna dare risposte complesse
E in questo ovviamente l'esprimere il proprio pensiero però in quel caso onestamente non mi è sembrato almeno sotto quel profilo una vera e propria difesa dell'intero Consiglio
Mi permetto però di intervenire su un altro profilo nell'articolo veniva indicato una questione di tempi
Diciamo in relazione alle varie pratiche della quinta Commissione ovviamente era un discorso molto generale e generico
Però vorrei rassicurare il Procuratore generale tutti quanti
Che sul punto il diciamo l'attività della quinta Commissione
è stata improntata a diciamo a regole generali precise ove vi siano
Dei dubbi
Specifici siamo poi sono pronto come Presidente sotto le responsabilità e dare risposta ovviamente di fronte a una
Discorso generico e generale non si può che negare rispetto a questa affermazione va be
Consigliere Pepe
Presidente non intervengo nel merito ma come componente della Quinta Commissione
Eccolo avventurava sventura la fortuna di essere componente la Quinta Commissione fatemi diciamo CE trenta secondi questo
Io non credo affatto che la consigliera Di Rosa abbia voluto censurare l'intervento del procuratore generale
Io non mi nascondo dietro un dito
Qua nessuno vuole essere diciamo n.i. suggestivo ipocrita e non dire che ci sono delle dei problemi nella scelta dei direttivi e semidirettivi
è evidente che in questi anni abbiamo cercato di lavorare al Consiglio che in un modo fino all'altro per cercare di trovare do su delle soluzioni ad esempio quattro mesi fa facemmo quella
No quel dibattito molto importante in sede plenaria sull'eliminazione delle fasce sull'individuazione di criteri oggettivi per oggettivizzare appunto lo spiccato rilievo che è stato eliminato quindi ognuno ha combattuto delle battaglie però all'interno del Consiglio
Io quello che non condivido
Nel metodo
La parte di chi
Fa parte del Consiglio superiore e quindi c'è una responsabilità istituzionale e di
Affermare queste cose all'esterno mentre invece vedo che il compito fondamentale di chi lavora qui al Consiglio non parlare ai giornali ma cercare qui all'interno del Consiglio
Di modificare le cose nei limiti e le prove competenze e nel limite delle delle parole del delle proprie però prerogative
Ieri ho condiviso in Commissione l'intervento della consigliera Di Rosa nella parte in cui non si è soltanto limitata a nascondersi dietro un dito
Ma ha cercato di dare delle indicazioni per un futuro
Se degli errori sono stati fatti da parte di chi a
Diciamo ha eliminato delle regole che era una regola più gentile chi a ritenuto di dover fare queste scelte e oggi viene qui in Consiglio e chiede di fare dell'ulteriori valutazioni e chiede all'interno del Consiglio e non sui giornali
Di modificare le regole per cercare di adattarle a criteri più oggettivi a parametri più comprensibili e più valutabili da parte dei magistrati amministrati da parte anche dell'opinione pubblica credo che faccia un buon servizio
Avevo detto ieri in Commissione e lo ribadisco pubblicamente qui in plenum che credo che questa sia una battaglia che non debba essere fatta individualmente
La quinta Commissione tutta quanta insieme deve discutere in modo laico affrontando il problema di petto per cercare di trovare anche negli ultimi tre mesi delle soluzioni terra rimediare ad eventuali errori
E risolve i problemi anche nella prospettiva del prossimo Consiglio che sia un Consiglio che tenga conto delle nostre diciamo delle nostre indicazioni a fine consiliatura
Per poterlo fare meglio al limite del proprio lavoro darà tutto questo deve essere fatto all'interno del Consiglio senza suggestioni esterne perché dobbiamo lavorare tutti quanti passivi su cessare solo Pepe va detto trenta secondi ha fatto tre minuti e mezzo
Consigliere Sciacca
Sì io intervengo perché
Ripeto pubblicamente quello che ho avuto modo di dire al Procuratore generale se visto che se perché il dibattito su questo su questa discussione ma mi
Dopo l'articolo ho espresso la mia condivisione al Procuratore generale dell'intervento
In quanto ritengo che sul versante esterno ciascuno di noi
Con Tucconi tempi che abbiamo con le capacità che ciascuno di noi ha il dovere di intervenire nel dibattito pubblico tanto più quando su
I mass media e mass media anche di rilievo nazionale vengono propalate una serie di inesattezze di generalizzazioni o di slogan che fanno male alla magistratura soprattutto se date in pasto ai non addetti ai lavori
Quindi da questo punto di vista invece io personalmente ho condiviso questo tipo di
Questo tipo di intervento che rispondeva ad uno dei più noti editorialisti del Corriere della Sera
E che normalmente diciamo non sempre ma diciamo in modo abbastanza ricorrente si caratterizza per tutta una serie di articoli molto molto pesanti e spesso se non sistematicamente ingenerosi nei confronti della magistratura italiana
L'intervento della consigliere Di Rosa in questo spero veramente di non essere tacciato di cerchiobottismo perché non credo che ho espresso direttamente alle diretti interessato la condivisione di questo intervento pubblico perché è inutile che pensiamo che
Lavorando solo dentro il Consiglio e sottraendo c'è il dibattito pubblico risolviamo i problemi bisogna operare su tutti e due i fronti al contempo io non credo che l'intervento del Consigliere Di Rosa almeno io lo leggo così debba essere
Letto e valorizzati in termini di censura un componente del Consiglio o meglio ad uno ad un illustre componente del Consiglio
Perché c'è invece un dato fondamentale che poi si congiunge esattamente con quello che ha detto il Procuratore generale determinate riforme se non sono autoriforma diventano riforma imposta dall'esterno
Quando il tanto vituperato articolo trentasette dopo quello una battaglia in plenum che tutti ricordiamo è stato presentato i dirigenti degli uffici i quali erano molto infastiditi dall'articolo trentasette dal programma di gestione in modo brutale ho detto
E molto meglio che insieme al Consiglio stabilite come gestire e programmare lo smaltimento dell'arretrato
Piuttosto che era in un decreto legge un qualche provvedimento legislativo di chi non conosce gli uffici e vi impongo una serie di obblighi che saranno peggiori di quelli che vi chiede il Consiglio
Autorizzo orma piuttosto che riforma dall'esterno che esattamente la logica alla quale si è ispirato implodere generale
Ma l'intervento nella consiglieri rossa
Sotto questo profilo è pienamente condivisibile guarda secondo me non voglio interpolate né interpretare quello che lei ha detto guarda all'interno perché all'interno invece è vero Consigliere Virga che esista una pratica aperta in quinta Commissione
Sulle sulle pratiche di Quinta sugli atteggiamenti della giurisprudenza amministrativa e via dicendo quello che ha chiesto il Consigliere Di Rosa è qualcosa di ben più articolati impegnative più ampio
E questa consiliatura per mille motivi non è ora di dal momento di fare
O atti di fusti di azione di autoconsiderazione non ha fatto e cioè quello di rendere
Più controllabile verificabile il percorso decisionale amministrativo dell'attività della quinta Commissione del plenum
Perché ancora non esiste alcuna graduatoria dei criteri attraverso i quali
Si stabilisce l'attribuzione di un posto direttivo o semidirettivo
Non sono stati elaborati ovvero non sono stati individuati ed elaborati degli standards sulla base dei quali operare poi una selezione meno discrezionale o ovvero non arbitraria ma solamente discrezionale
Quindi da questo punto di vista comunque
Non credo voglio dire che si riuscirà in questo timido messi a fare nulla di
Particolarmente significativo ma
Un gesso pure ultimo di riflessione da parte di questo Consiglio prima che arrivano i nuovi consiglieri sarebbe sicuramente una buona consegnato per il futuro
No consigliere Nappi
Grazie Presidente questo
Questa con cui giustamente lei ha ricordato che questo
Occasione non è quella appropriata per un discorso del genere però io vorrei ricordarle che già qualche mese fa avevo chiesto che si applicasse l'articolo ventotto bis e che si tenesse una sessione sullo stato dei lavori del Consiglio questo mio questa mia solleciti sollecitazione è rimasta
Nel vuoto come spesso accade
E
Mentre invece sarebbe opportuno ed io
Io non ho interpretato l'intervento dalla del Consigliere della consigliera Di Rosa come una censura al
Procuratore Generale anzi da considerare Di Rosa ha mostrato
Una disponibilità a a ad all'auto all'autocritica
Che non ho visto non ho avvertito in altri interventi
E e comunque io su le chiedo ancora una volta di
Fissare la sessione perché questo questi temi che sono temi molto seri
E quindi perché attengono alla difesa dell'autogoverno
Alla difesa dalla godo guerra di cui c'è bisogno verrebbero essere affrontati con l'occhio la necessaria la necessaria cautela necessario approfondimento cosa che non è possibile fare in questa sede
Comunque io esprimo la mia solidarietà e sottoscrivo quello che
Ha se ha scritto il Procuratore generale tra al Corriere della Sera
Io no non scrive non sono abituato a scrivere lettere ai giornali ma mi sembra singolare che che io oggi si dica che discordie lepri problemi del Consiglio vadano risolti
Nel nel chiuso essenza confronto esterna senza confronti esterni non risolveremo alcun problema
Consigliere Nappi io ovviamente non ho dimenticato la sua sollecitazione a fissare una seduta sullo Stato o delle attività del Consiglio e quindi
Non non faccia la vittima perché io non è vero che lascio cadere le sue sollecitazioni
Appunto
Però
Però come le ho detto già una volta e non posso che ribadire dato che l'articolo ventotto bis prevede che l'ordine del giorno di quella sessione di lavori
Contempli come primo argomento l'esame dell'attività delle commissioni anche sulla base di specifiche relazioni
Il Comitato ha chiesto a suo tempo i Presidenti delle Commissioni
Quelle vecchie e quelle nuove di inviare una relazione che potesse rappresentare la base di questa discussione non è pervenuta da nel sulla Commissione né sulla relazione no
Ma non so dove lavandaia comunque beh
Consigliere Romano bene allora forse prendiamo atto che la relazione della Sesta e i diciamo è in itinere arriverà tutte le altre non sono arrivate comunque se siamo d'accordo
In Comitato fissa comunque questa sessione sullo Stato dell'attività del Consiglio la fissiamo entro fine maggio
E e dopodiché la facciamo al limite i vincoli ville comitato indicherà un ordine del giorno e poi di carattere generale all'interno del quale si avvierà la discussione
Approfitto per comunicare che mi è stato anticipato dal capo di gabinetto che il ministro che peraltro io vedevo domani
Intende fare visita istituzionale al Consiglio e quindi credo che nel mese di maggio intorno alla metà avremo anche questo appuntamento
Consigliere Romano la prego
Intanto sono ben contento così conosciamo il quinto sesto Ministro della Giustizia nel corso del nostro breve quadriennio
Per quanto riguarda la
La relazione della Commissione io l'ho mandato un mese fa non vorrei che lei avesse l'ARSIAL avevamo giacché ha rinfacciato a qualche consigliere un mese fa
No no non la pensa il condono un mese fa
Ai secondario come così come ci avevano chiesto abbiamo risposto no
Così come l'avevamo richiede l'avevamo già mandata quando ero Presidente dell'Ottava comunque volevo allora interlocutore Clarizza bisogna andare al Comitato su chi già scritto abbiamo scritto abbiamo risposto
Per quanto riguarda la la lettera del Procuratore generale io paradossalmente dovrei fare diciamo
Delle lamentele su
Sulla eccessiva che privatizza nella lettera del
Del procuratore generale
Perché vere io partecipato per due anni e i lavori di quinta coi lavori terza ai lavori di Ottava credo di avere girato tutte le Commissioni tranne la prima
E devo dire che ho avvertito questa lentezza nei lavori del Consiglio in modo talvolta insopportabile
Con
Il tentativo a volte di chiudere per disperazione rispetto ai tempi che si allungavano gli argomenti che si sovrappone mormora l'uno sull'altro come siamo alle costruzioni dei bambini e posso testimoniare che il Procuratore generale
Più di altri non partecipando alle Commissioni è venuto in più di una Commissione a sollecitarci
La rapidità per la conclusione di lavori che noi stavamo facendo quindi
Devo dire che
La sua richiesta è perfettamente coerente a quello che ha fatto nel suo mandato di membro di diritto
Consigliere Zanon
Presidente brevissimo debbo dire io non ho
Non riesco a valutare bene il l'intervento del Consigliere Di Rosa quindi non mi riferivo specificamente alla diciamo al suo intervento però ho trovato vagamente inquietante
Il taglio di questo dibattito una sorta di
Cercare di mettere le mutande a una libera espressione di pensiero fatta con cognizione di causa e con argomenti del tutto condivisibili non ha bisogno di essere difeso da nessuno il Procuratore generale tanto meno dal sottoscritto
Devo anche dire che il l'editorialista del Corriere della Sera risposto riconoscendo
Che la prima una delle prime volte che si era instaurato un dibattito sui temi della giustizia di grande correttezza e di grande sincerità reciproca quindi francamente trovo
Inquietante questo tentativo di chiudere all'interno del Consiglio
Questa discussione che invece come è stato detto anche dal Consigliere Nappi giustamente si è arricchisce di apporti esterni lo dico anche
A nome dei miei degli altri due colleghi che non
Sono intervenuti Presidente Marini consigliere Palumbo e mi fermo qui perché siamo già ovvero di aggiungere altro Presidente se davvero ci sarà una sessione ad hoc va bene Bacega Fuzio
Però la discussione presso l'intervento della consigliera Di Rosa ma
Voglio appropriare del
Unica figure che viene riconosciuto e quello di fare la vittima e quindi o
Sottrarli ribadisco a lei e che probabilmente adesso anche su sollecitazione del Consigliere Nappi
Bisognerebbe fare questa sessione
A mio parere e completamente inutile farla alla fine del quarto anno e quindi voglio soltanto ribadire che la seconda Commissione si è interessata dalla funzionalità nei lavori del Consiglio
Questo Consiglio probabilmente è stato distratto
E tant'è vero che lei come giustamente ha detto apre era stato richiesto i Presidenti di Commissione
Spiace
Ancora una volta richiamare poi mi si dice ma no io lo sforzo che la Seconda Commissione ha fatto non solo il Presidente la seconda Commissione
Portare all'attenzione del Consiglio i problemi della funzionalità e le responsabilità consigliera domande i Presidenti di Commissione
No sono state scritte nelle proposte della seconda Commissione solo che non sono mai arrivate qui quindi io a questo punto
Anziché avvalermi dello scudo del Consigliere Nappi che chiede la proposte l'estrazione continuo a ritenere che sono l'unica vittima perché
Ma non sul
Donna non ha un appassionato di vittimismo
E credo che sia opportuno invece e qui mi riallaccio probabilmente ad un'altra proposta che questa volta era stata fatta dalla sesta Commissione sia l'intervento in occasione della presenza del ministro di Grazia e Giustizia possa essere invece elargizione
Dichiara che la seduta è stata si eccetera
Ne abbiamo Avesani perché a Trieste Royal lui ha bisogno della grazie
Sia sia una sessione che poiché essi cala
Alla scadenza di questo Consiglio quaranta giorni dalla scadenza di questo Consiglio sia l'occasione per
Ribadire
Quello colloquio con l'agenda di lavoro che per quanto noi non possiamo più fare perché credo quaranta Giorgio voglio non stiamo più
E che quindi in quella occasione sia eventualmente la occasione nella quale il Consiglio possa unanimemente
Presentare quelle che possono essere le indicazioni per i il ministro
Perché credo che in sessanta giorni
Non ci sarà il tempo per esprimere un parere sulle eventuali proposte del ministro e quindi sarebbe utile preparare l'anticipo come la pensiamo di fare grandi strapparlo puzzo spero che lei comunque come vittima sia affetta dalla sindrome di Stoccolma e quindi si è anche un po'
Innamorata del suo vittimizzazione
Pare sesta Commissione parere sui derivati caricando l'abilità dei magistrati in occasione delle elezioni consigliere cassarlo riferisce lei chi riferisce io
Consigliere Giostra
Anche se
Parlo anche a nome del consigliere Cassano del Consigliere Carfì della consigliera Grosso sperando di interpretare bene anche il loro pensiero ancorché su questa materia
Le sfumature sono fatalmente tante cosa succede
Presidente posso un attimo intervenire
Che che lavora a proposito di questa frase
Perché
Se posso va be
Dica
Sì grazie Presidente e
Credo anche di interpretare un po'il pensiero di qualche altro collega con quale siamo confrontati e io credo che questa sia una
Proposta di particolare e rilievo
Perché tocca un un un punto estremamente delicato
Dove probabilmente anche la ratio che sta alla base del disegno di legge tesi una ratio
Particolare sulla quale dovremo
Probabilmente se la discussione andrà avanti ci soffermeremo il
Oggi sono all'attenzione del del plenum due proposte contrapposte
Che
Ciò per una lettura probabilmente veloce disattenta dovuto al fatto che appunto ho avuto la disponibilità del del l'ordine del giorno soltanto ieri il pomeriggio e quegli impegni sono delle
Diciamo due delibere
Abbastanza abbastanza diciamo lunga
E giovedì
Non ho ben compreso con precisione nella
La la differenza fra una le altre se non nel fatto che in una c'è una conclusione che manca nell'altra e poi ci sono sicuramente delle
Delle differenziazioni
All'interno del contenuto di queste delibere che
Sono minime in alcuni in alcuni punti in altre non le ho ben comprese ma a parte questo diciamo difficoltà soggettiva e mi chiedevo se di fronte a un tema
Talmente rilevante quale quello che stiamo trattando
Non fosse opportuno cercare anche con l'ausilio di una discussione magari preliminare del Consiglio
E
Arrivare ad una delibera unica che venga poi e inviata al legislatore come il pensiero unico diciamo del Consiglio rispetto
E
Unitario scusate un pensiero unitario del Consiglio
Sul Aldo
Dopo grande riflessione però unico
è un pensiero unitario del Consiglio su una tematica così importante come quella che stiamo
Per per affrontare sarebbe anche come dire un buon segnale un bel segnale
Risposta all'esterno
Su come e il consiglio unitariamente pensa
Debba essere
E trattato alcune una materia così delicata non e sulla possibile suggerimento unitario che possa essere dato alle legislatore
Diciamo questo era va bene a richieste però scusate questo eventualmente lo verifichiamo all'esito della discussione cioè appunto è difficile adesso fare una questione
E preliminare su cui è un auspicio che ovviamente io condivido
Sì sì sì potrebbero se è possibile convocare del leggero possibile trovare una convergenza anche perché è vero quello che dice il Consigliere Virga le due proposte sono molto simili
No nella c'è un passaggio che esprime una una riserva
E quella mi pare sostanzialmente la differenze si riuscisse o Antonio attenuare quella riserva probabilmente le due proposte sarebbero
Sostanzialmente sovrapponibili comunque prego Consigliere Giorgio
Sì grazie
Dunque il parere che siamo già chiamati ad esprimere sui disegni di legge in materia di candidabilità eleggibilità ricollocamento dei magistrati in occasioni di elezioni politiche e amministrative
Disegno di legge che disegni di legge che sono confluiti in un unico testo approvato dal Senato quindi da un ramo del parlamento di recente quindi al latte passerà all'attenzione della Camera
Allora sostanzialmente parere
Apprezza positivamente il meritorio intento di questo disegno di legge unitario di fissare in una disciplina organica finalmente organica
è anche chiaro una certa coerenza quella che era invece la normativa
Frammentarie talvolta
Contraddittoria se non indifendibile che riguardava questa tematica e sulla quale c'è sembra richiamato più volte all'attenzione del legislatore quanto all'indifendibili ca mi riferisco in particolare alla possibilità
Tutt'oggi
Prevista che un magistrato svolga contemporaneamente le funzioni giurisdizionali e quelle politico-amministrative nel territorio purché cambi il territorio di incidenza delle rispettive attività
Quindi in sintesi il parere esprime per per intenderci adesso a spanne cercano di essere un po'più analitico nel prosieguo una condivisione di massima di questo approccio legislativo
Rileva taluni eccessi che senza tutelare l'immagine di imparzialità e di autonomia del magistrato ne penalizzano il diritto a partecipare alla vita politica e per contro
Suggerisce al legislatore anche di intervenire ulteriormente nella direzione di tutela
Dell'imparzialità e della professionalità del magistrato per ritornata un'esperienza politica nei sensi che poi dirò
Per comodità perché la materia abbastanza affastellata e e ci siamo districarsi affatica nelle varie disposizioni
Vorrei dividere la tematica in tre livelli quali sono le provvidenze previste meccanismi
Per la candidabilità del magistrato cioè prima che assuma un incarico di tipo politico legislativo durante e dopo l'espletamento di questo incarico
Prima di assumere l'incarico ci sono sono state previste delle
Condizioni di ineleggibilità collega ratione loci cioè si dice il magistrato non può
Candidarsi nella circoscrizione in tutto o in parte sottoposta alla sua giurisdizione
Negli ultimi cinque anni è lo stesso periodo che ha previsto poi per il ritorno dopo aver espletato il mandato cioè per cinque anni non può tornare
Sono limiti funzionali e territoriali che possono avere
Una loro giustificazione
Meno condivisibile l'altra condizione che è stata poche pone il legislatore cioè che il magistrato si deve collocare in aspettativa sei mesi prima di accettare la candidatura
Questo non già perché non si individui la ratio che può avere spinto la motivazione che porta ad avere spinto il legislatore a prevedere questo periodo no
Di di intervallo tra l'attività giurisdizionale questa potenziale attività
Politica ma perché questi sei mesi veramente penalizzo sono un ostacolo quasi insormontabile per il magistrato che voglia candidarsi perché sappiamo che
Le candidature vengono decise a un mese
Circa
Dalla dalla ma celebrazione delle elezioni e quindi praticamente si costringerebbe il magistrato spesso un vuoto a mettersi in aspettativa molto tempo prima
Il requisito questo che diventa ancor più ingiustificatamente draconiano se si tiene presente che è un illecito di bit disciplinare previsto perché accetta una candidatura o assume un incarico in violazione
Per inquisiti di legge uno dei quali è quello che ho appena ricordato
Durante l'espletamento del mandato adesso parliamo parlamentare sia nazionale che europeo il disegno di legge non prevede alcuna
Disciplina normativa ad hoc noi ci siamo permessi di segnalare l'opportunità
Che
Il legislatore si faccia carico di superare quella che è sembrata molto i nuovi una
Inaccettabile situazione cioè
Del
Politico del parlamentare che viene sottoposto alle cose magistrati è sottoposta alle valutazioni di professionalità che è una cosa
Che è sembrata si abbastanza ridicola perché applichiamo i parametri molto rigorosi previsti per il magistrato dell'imparzialità indipendenza professionalità diligenza e c'era e poi dobbiamo affidarci all'autorelazione e
Alla
Parere del Presidente della della Camera di appartenenza quindi un invito ma su questo pur non è su questo punto che
C'è il dissenso del Consigliere Romano quindi
L'imputato oltre
Dopo invece la candidatura che cosa succede si distingue anche qui due piani quando il magistrato si candida e non viene eletto quando si candida e viene letto quando si candida e non viene eletto
Si prevede e sono
Come dire cautele
In qualche misura anche condivisibili
Che non ritorni a esercitare la funzione dell'ambito territoriale non già dovrà esercitata ma dove si è candidato per evitare
Intuibili possibili interamente in sacrale
Le relazioni
Che ha dovuto
Fisiologicamente intrattenere in vista della sua candidatura e quelle che invece
Sarà
Chiamato poiché ad avere come magistrato
Che eserciti solo funzioni giudicanti per collegiali giudicanti per cinque anni e questo a molti è sembrato eccessivo
Per eccesso è per difetto perché sono molte funzioni giudicanti monocratiche che possono bene essere esercitate senza ledere queste immagine di imparzialità e che non assume incarichi direttivi o semi direttivi anche qui per cinque anni
Questo viene detto in un passaggio
Che attiene anche all'emendamento che ho proposto è ritenuto forse eccessiva quantitativamente i cinque anni perché è parametrato al magistrato che ritorna dopo l'espletamento del mandato ora il magistrato che si ha soltanto candidato
Basta prevedere una soluzione di continuità per cui non può subito ovvero un incarico direttivo semidirettivo per il resto riterrei e credo anche i colleghi ritengono
Che sia eccessiva questa sorta di decontaminazione per cinque anni e ho incarico primo già Anna
Candide ricordo a pezzi
Ricollocamento magistrati eletti
Non per non tediare sono tutte le Quinzi
Ho apprezzato molto la classe se vuole Presidente no ho avuto sono
O una voce dal Sen fuggita rese ovvero d'altra parte il peso desiderio di legge lo darei per conosciuto allora io qua senso se
Guardi Presidente diciamo quello che diciamo a voi ma però
E

Siamo interessati a nostro parere
Voglio
Se ci sono loro che sta facendo in Sardegna io l'ho rilevato il Consigliere Virga veniva incontro anche
A un'esigenza che mai è stata rappresentata di conoscere anche i contenuti prima che il commento sui contenuti perché non tutti hanno avuto il tempo la pazienza vista la complessità della materia però se lei ritiene
Non ritiene
Va bene anch'allora
No essendo un ordinarie nulla giunto è stato distribuito nei cinque giorni precedenti al Consiglio quindi giovedì
Poi mi rendo conto che la logistica dei movimenti dei consiglieri questa settimana è stata un può particolare però come dire questo non è che possiamo fare se negare che
Era era resi più che altro l'esigenza di arrivare ad un testo unitario
Allora dicevo ripeto per non tediare
Chi ascolta per i i magistrati che si ricollocarlo dopo l'espletamento del mandato valgono tutte queste limitazioni che abbiamo detto per i non eletti cioè non ritorno nell'ambito territoriale solo funzioni giudicanti collegiali
E non incarichi direttivi e semidirettivi e in più
Non si può queste di difficile
Intelligenza questo tipo di prescrizione tornare a svolgere le funzioni laddove le si svolgeva prima dell'incarico
Assunto l'incarico politico assunto
Di interessante in questa fase c'è la possibilità che viene prevista che il magistrato o vada in pensione e va bene oppure invece di rientrare nelle funzioni giurisdizionali venga collocato nei ruoli del ministero della giustizia
Ora
Nell'avvocatura generale
Che è un modo per come dire attenuare l'impatto con una ripresa dell'attività giurisdizionale subito dopo o quella politica espletata a questo riguardo mi permetto di richiamare l'attenzione
Paziente vi chiosco oltre nella proposta a viene suggerito
Al legislatore un'ulteriore preclusione per il magistrato
Per mozione che non è condivisa dalla consigliere Romano è una delle due ragioni che io sappia mi correggano i di colleghi carente
Che ha indotto il consigliere Romano a dissentire lo dico perché la la l'auspicio condivisibilissima e così ripiegate presidente Vietti di una
Di una mozione ormai di un parere unitario passa attraverso questi dissensi che vedremo se ci sono
Se possibile superare qual è questa indicazioni che nella proposta c'è che nella proposta di no
Di di di sollecitare il legislatore a prevedere nella sua discrezionalità un termine
Superato il quale il magistrato non può tornare a svolge funzioni giurisdizionale senza essere penalizzato affini di carriera ovviamente ed economici ma abbiamo ritenuto che dopo quindici venti anni comunque un
Magistrato politico abbia perso
Comunque abbia compromesso il suo bagaglio tecnico l'habitus mentale e l'immagine di imparzialità che sono necessari per ius dicere
C'è e e termino un'ultima
A mio avviso credo anche dei dei di coloro che hanno sostenuto la proposta discutibilissimo invece
Previsione di un'astensione obbligatoria oggi e di una risulti ricusabilità del magistrato che tornato a fare a svolge funzioni giurisdizionali debba giudicare una parte sia il magistrato civile che penale una parte carestie che ha svolto attività politica negli ultimi di cinque anni cioè come se ci fosse un sospetto implicito di possibili condizionamenti
Ma abbiamo rilevato come ha rilevato il parere dell'Ufficio studi che questo si presta qualche strumentalizzazione perché la parte potrebbe non rivelare fino a quando
L'esito della lite non lo vede compromesso il dato e quindi il magistrato può essere costretto ad astenersi quando questo venisse
Poi evidenziato
Questi contenuti per sintesi che che televendite alle Presidente per estrema sintesi ma credo che qui i letti contenuti salienti l'altra e mi correggerà il Consigliere Romano se sono impreciso ma credo di ricordare bene l'altra ragione
Che aveva indotto il Consigliere Romano a prendere le distanze da un parere che
Per l'ottanta novanta per cento abbiamo condiviso quando ne abbiamo parlato in Commissione
E che tutti i presenti consigliera ma il Presidente poi della Commissione non condivide e questo lo potete apprezzare tutti scorrendo velocemente l'ultimo paragrafo dedicato alle conclusioni
L'ultimo paradosso di questo parere paragrafo che sostanzialmente dice è un po'si pre
L'apprezzamento è ampiamente positivo quanto è intendimento e quanto ha
E avvertita esigenza di organica rivisitazione della materia suscita qualche perplessità quando
I in qualche misura si penalizza il magistrato e qui credo ci sia un emendamento che forse mi permette meglio a fuoco lo stesso concetto peraltro del Consigliere Nappi
Si penalizza il magistrato in termini di appunto agibilità come si usa dire oggi della della suo diritto di partecipazione alla vita politica
Senza che queste penalizzazioni abbiano un riscontro in termini di tutela del dell'imparzialità e dell'autonomia del magistrato sembrano quindi
Quasi sanzioni tra virgolette gratuiti o comunque
Inopportunamente ingiustificatamente dissuasive rispetto al magistrato
Questo credo in estrema sintesi la posizione ma i colleghi che l'hanno
A votata possono integrare criticare prenderne distanza se
Tradito i contenuti di questa proposta
Committente Cossiga Comano proposta bit
Sì io ho il dovere di informare il Consiglio mortale da
Poter valutare
In modo
Completo
Ciò che è avvenuto
Di come si è formato questo parere e di come si è arrivati ha una doppia proposto
Nello spirito
Che ho cercato di avere sempre al Preside la sesta Commissione che è quello di tentare di trovare punti di equilibrio e di convergenza piuttosto che punti di divergenze di contrasto
Sul pare avere
In parola che fra l'altro come vedete affidato a parecchi Consiglieri perché nasce da
Un'attribuzione automatica della pratica eh
Al abbiamo a lungo discusso in Commissione
E
Siamo arrivati a un punto di equilibrio che era generalmente condiviso nel senso che non era totalmente fatto proprio da ciascuno di noi
Ma
Come sempre si fa quando la volontà convergere su un testo Russo che deve comportare
Il volto di più soggetti tutti noi avevamo rinunciato a qualche passaggio in modo da portare qui un testo che avesse quella
Lettura unitaria
Che potesse
Far venire meno un sospetto che come purtroppo tante volte è capitato in quest'Aula
La posizione che si rappresentava non era la posizione dal Consiglio superiore nella sua complessa a formazione di cui io sono un per un terzo il rappresentante
Ma
Finisse per essere ancora una volta la posizione di una
Magistratura che si chiudeva a riccio e che volesse cooperativa mente
Rappresentare il proprio status come intoccabile immodificabile
Quindi
In modo transattivo ciascuno di noi ha fatto un passo verso una proposta reciprocamente accettabile
Il mio tentativo era quello di mantenere il parere su un piano eminentemente tecnico che
Prevalentemente tutelassero l'immagine la funzione della magistratura
In base a quel noto detto che si traduce anche in norme deontologiche espresse che i magistrati devono
Essere ma devono anche apparire imparziali
Nell'ultima riunione invece sono stati presentati una serie di passaggi ulteriori che spostava era a mio modo di vedere l'attenzione del testo originario
Ad una visione
Magistrato cioè in pratica in cui sembrava che tutta l'attenzione fosse
Per la perdita di chance che il magistrato avesse nel fare politica
Questo è stato riportato nel testo in una serie di passaggi
Qui poi si è tentato di porre rimedio bilanciando con un'affermazione secondo me è sbilanciata per eccesso in senso contrario quella riportata a pagina Trento in basso della proposta che ha illustrato
Il
Consigliere Giostra
Dove si dice infine andrebbe presa in considerazione la
Opportunità che il magistrato che va fuori ruolo dopo un certo lasso di tempo non si sa bene quale
Non possa più rientrare a fare il magistrato
E queste diciamo per bilanciamento un meccanismo che talvolta
Che va oltre a ciò che
A mio modo di vedere è possibile
Perché è ad esempio
Richiederebbe
Forse è un passaggio di modifica a livello costituzionale perché essa ove ci fosse un mandato parlamentare è il magistrato fosse eletto al Parlamento
Non si vede come egli si possa impedire a legislazione costituzionale attuale un rientro sia pure in un luogo diverso dove si è candidato
Sia pure in funzioni che possono essere indicate in modo o soprattutto
Ma che gli si possa negare il diritto a risvolti ore quel lavoro per il quale aveva vinto un concorso
Qualche anno prima
E diciamo il compendio di questo tentativo di cerchiobottista rimettere
Davanti un una valutazione che è
Salvaguardasse un magistrato ma allo stesso tempo ne limitasse le il rientro in ruolo eh in quelle conclusioni
Che io diciamo in Commissione ha detto siccome dico sempre le stesse cose davanti dietro lo sopra sotto la persona e la ripeto qua
Quelle conclusioni che io ove fossero state contenute in una tesi di uno studente avrei tranquillamente tagliato perché non apportano nessuna innovazione rispetto al testo
Precedente ma dovendo riassumere finiscono per esasperare né certi punti
Per esempio a me sembra sopra le righe la locuzione inviti dalla filosofia di fondo che anima il disegno di legge sembra insomma
Quasi da libro Cuore
E di contro
Mi sembra inopportuno dire che il disegno di legge
Limita comprime eccessivamente lo spazio di partecipazione dei magistrati alla vita politica amministrativa
Proprio quando avremo il testo del consigliere Giostra si fa quella Giunta che per me è stata una sorpresa perché non c'era nel testo precedentemente votato unanimemente in Commissione
Allora io ho chiesto in Commissione nell'ultima seduta di ritornare al testo precedente cioè quello che non avendo fondamentalmente le conclusioni
E non avendo quel passaggio a mio modo di vedere
Non possibile nel quadro costituzionale complessivo
Consentisse una votazione unanime
Si è voluta fare una una prova di forza si è voluto dire no o costi o nulla
A quel punto tra l'altro non era presente la consigliera Di Rosa che era in missione internazionale quindi sano
Con l'ultima testo al figlio della sua votazione consapevole in quanto non c'era
In
Il
Questa forzatura apportato a una rilettura a mia volta del testo originario
Perché a quel punto libera dalla necessità di arrivare a un terzo transattivo io o accentuato il punto di dissenso che avrei eliminato in una tesi che posso è stata esclusivamente quella mia
Sono ben consapevole del fatto che è assolutamente inopportuno arrivare con due proposte e in questo senso io ho invitato i colleghi della Commissione che diciamo presiedo a
Ragionare un insieme e quanto meno a tornare al testo precedentemente approvato da tutti
Non lo si è voluto fare si è voluto spingere oltre secondo me irragionevole
E allora diciamo si tenta anche di porre rimedio con taluni emendamenti che cercano di edulcorare il il testo giostra
Io dico che sono assolutamente disponibile a un rientro in Commissione nel quale si faccia un testo condiviso
Sono assolutamente disponibile perché
Reputo che sia una
Arricchimento della democrazia quello di
Potere consentire una partecipazione dei magistrati
Che questo però non vada guardato dal buco della serratura della posizione dovrei singoli magistrati ma vada guardato nell'interesse superiore
Del nostro Paese e quindi
Che questo vada riportato in un alveo tecnico nel quale tutti ci possiamo riconoscere se così fosse questa non sarebbe questo non sarebbe il parere
Fondamentalmente dei magistrati con il Consiglio Superiore della Magistratura
Ma sarebbe il parere del Consiglio Superiore della Magistratura in cui
Un terzo
è composto da membri laici o diversamente togati come ha detto un mio predecessore
E quindi rappresenterebbe forse è meglio quell'interesse superiore
Che dal mio punto di vista solo una parte della componente sia essa quella che io rappresento sia quella dei magistrati finisce per non poter rappresentare in toto quindi dal mio punto di vista sono disponibile
Ad un rientro in Commissione con lettura che porti a un testo condiviso come era stato fino all'ultima seduta che poi inopinatamente ha preso la via buona prova di forza se prova di forza deve essere preferisco essere in minoranza
Consigliere Marini
Io tempo qui un po'con un po'fuori dal coro
Perché non mi riconosco nere nella proposta né in quell'ambito
Perché io ritengo ritengo che
Il mare politica e magistratura ma questo lo dico e qui chiudo il mio discorso sì o no due mondi che debbono devono essere separate
Questo discorso nove anni cinque anni quindici anni vent'anni eccetera mi lascia
Assolutamente perplesso quando leggo per presso dico negativo quanto dico negativo dico negativo senza possibilità
Di
Riflettere ulteriormente
La
Immagine di imparzialità del magistrato nel momento in cui decide di fare politica
Cioè di candidarsi cioè di essere parte e viene concesso stesse appannata
Non
Ed era un quaranta nonno
Per un anno sei mesi quattro e quattro giorni bensì cinque ore viene approvata definitivamente se io decido di candidarmi con una parte politica parte eh va beh lo so ma elettrica non gliene frega
Non hanno caro amico
Restano stanno decidendo di altre cose parrocchia comaschi e apre se quindi
Io qualunque sia la posta sulla proposta che sulla proposta Bindi manifesto il mio più convinto dissenso il magistrato nel momento in cui lasciava trova
Di magistrato per indossare la veste del politico non deve più volendo usare va bene la toga di magistrato questa è la mia posizione un po'farmene
Do conto che è una posizione non dico minoritaria ma addirittura
Forse sarà unica perché oggi spesso la
La toga dal magistrato
Serve un può servire questo lo dico con amarezza
Perché i magistrati che io ho conosciuto che conosco e che stimo eccetera sono lontani mille miglia dalla polizia
Quindi io queste proposte qui non amico giostra mi perdonerà e e
Non riesco ad entrare proprio nel mandava
Io avrei preferito che
In queste proposte questi suggerimenti si dicesse al legislatore di stabilire
Come fanno gli Stati ebraici SIS per essere chiari siccome parliamo sempre
Di laicismo eccetera che significa anche essere chiari che
Magistratura è una cosa politica è un mondo diverso
Questo è il principio che secondo me va affermato capisco che
Questo può far sorridere
Ma comunque
è una mia personale posizione quindi io voterò contro c'è una proposta
Ha proposto
Si alza la mano
Ma qui sono tante cose
Da dire
Però il tempo è limitato quindi
La sintesi non fa non rende un buon servizio bisogna tagliare gli argomenti con l'accetta e non è bello su un tema così delicato
Io non posso bordure in
Dini preliminarmente che c'è il solito problema questo non è un disegno di legge del Governo ma è una libera espressione e va beh ma è così a chi ci rivolgiamo colleghi ci rivolgiamo al ministro ma il ministro non ha nessuna partente
Questa è una libera attività del Parlamento tra l'altro è stato approvato da un ramo del Parlamento questo disegno di legge
E tra le aree perché non lo so che destino avrà nell'altro ramo tra l'altro
Si tratta di una disegno di legge importante in cui la discrezionalità legislativa è stata esercitata con una certa misura frutto di mediazioni tra diverse forze politiche
Io credo che qui abbia ragione quello il il Consigliere Romano nel dire attenzione a non fare questo solito esercizio
Di partigianeria corporativa nel far valere le esigenze ma ci sto creato centri che trascurando la valutazione complessiva il bilanciamento dei valori che il legislatore ha faticosamente fatto
Tra l'altro intervenendo a colmare lacune che lo stesso Consiglio Superiore a evidenziato fin dal due mila otto in alcune sue risoluzioni lo stesso CSM ha più volte
Ha chiesto che il legislatore intervenisse proprio evidenziandone lacune
Che vi erano in alcuni settori specifici come quello dello svolgimento di incarichi di assessore regionale comunale provinciale o di sindaco da parte dei magistrati c'è una famosa delibera del due mila otto che lo dice in modo molto chiaro
E dopodiché il legislatore interviene finalmente trova una sintesi sia programma solo del Parlamento
Su tutti questi argomenti sai che c'è
Noi qui si fa tutta una serie di obiezioni la proposta è ricchissima di obiezioni alla discrezionalità legislativa
Tra l'altro cioè
Una certa
Se mi consentite il termine Pet organizzata perché
C'è tutta una parte in cui si ricordano le scelte
Della della normativa conciliare anche così le le le osservazioni e pareri consigliari
Ma va bene questo ormai fa parte del passato era stato un esercizio
Come dire di discrezionalità normativa del Consiglio in assenza Ina Ina senza l'intervento legislativo qui invece c'è un intervento legislativo e allora il Consiglio dovrebbe prenderne atto secondo me
Ma poi appunto tutti i passaggi io adesso non so se ho il tempo di elencarli tutti ma per esempio c'è la critica sull'ampiezza del territorio rilevante ai fini
Mi del divieto di candidatura c'è una critica alla scelta discrezionale del legislatore fatta
In questa in questa materia c'è una critica
Alla necessità che il legislatore pone di essere per il magistrato in aspettativa da almeno sei mesi prima dell'accettazione alla candidatura ma era già così nella legislazione passata
Nella legislazione più risalenti era già così e ci mancherebbe altro che non fosse così
E si dice è una è un ostacolo formidabile all'effettiva candidatura ma no è una norma è una norma di puro buonsenso
Si discute si si condanna questo nuovo illecito disciplinare una draconiana penalizzazione
Nell'accettazione alla candidatura cariche delle elettivi in violazione di legge viene trasformato illecito disciplinare una draconiana penalizzato penalizzazione
Poi io voglio dire la
Necessità di intervenire cioè il fatto che il legislatore non sarebbe intervenuto in materia di valutazione di professionalità dei magistrati
Che abbracciano la carriera politico-amministrativa questo è un po'paradossale scusate ma un Consiglio che ha grande capacità di intervento nelle pieghe della normativa primaria
E anche laddove la normativa primaria non c'è interviene normativamente non ha mai fatto nulla di sua spontanea volontà per dire che forse quella valutazione di professionalità andrebbe fatta secondo altri criteri andrebbe forno andrebbe fatta affatto
Siamo noi i laici che qualche volta raramente e quando ce lo ricordiamo interveniamo in Commissioni quando stavamo in quarta alcuni di noi dicevano ma questo ha fatto il parlamentare che valutazione professionalità sinistra glieli diamo
E qui il Consiglio non ha mai detto nulla le sue paradossale che in un disegno di legge che si occupa d'altro simpatia legislatura di non aver detto nulla sulle valutazioni di professionalità è noto a ciascuno il suo nuovo
Il ricollocamento beh il ricollocamento anche qui cioè c'è tutta una serie di critiche il divieto per cinque anni di ricoprire incarichi direttivi o semidirettivi
E c'è tutta una serie di critiche diciamo alla razionalità e ragionevolezza di questo di questo divieto è una scelta
Discrezionale legislatore che ha dalla sua una serie infinita di motivi perché io devo nominare un direttivo o semidirettivo uno che ha fatto politica in un partito che ha ricoperto determinate cariche così visibili di esposizione così visibile
Ancora
Tra l'altro qui a pagina centotrentaquattro e centotrentacinque i giudizi sono pesantissimi
E infine e questa nuova a causa di astensione o di ricusazione e qui naturalmente quindi riconosco che ci possono essere delle
Delle ragioni però attenzione anche in questo caso si tratta di una reazione del legislatore
Ha una giurisprudenza che non è copiosa ma è ferma nel caso in cui si è esercitata
E cioè nel caso in cui pronunce che riguarda l'orientamento politico del magistrato come eventuale causa di carenza di imparzialità e eventuale applicabilità delle regole in tema di astensione e ricusazione
Trentasei e trentasette Codice procedura Penale cinquantuno il Codice di procedura civile
La domanda il motivo queste norme comprendono anche il motivo politico nuovo cioè il giudice vicino a un partito movimento che ha militato in quel partito un movimento e che si trova
Ad aver militato in un partito che per avventura oppure diverso da quello in cui
Militare una parte del processo debba astenersi o può essere ricusato la giurisprudenza sempre risposto di nuovo in modo radicale
Perché perché ha tutta una serie di motivi cioè dice l'interesse del procedimento che causa di astensione non può
Essere interpretato in modo così lato fino a ricomprendere l'interesse di natura politica
Il motivo politico è solo interesse indiretto alla causa mentre l'interesse del procedimento che è vera causa di astensione è sempre qualificato come un interesse diretto e concreto c'è una giurisprudenza ferrea sotto questo profilo anche se i casi per fortuna
In cui la giurisprudenza sicuro citata non sono molti
Va bene va bene così ci sarebbe per la verità da dire che esiste anche
Questo
L'interesse della parte ad avere un giudice scappare non solo del tutto imparziale che in qualche modo andrebbe tutelato il legislatore di fronte a questa giurisprudenza ha ritenuto di intervenire in questo modo che riconosco
Forse a pecca di un eccesso di di
Come dire se il criterio quella dell'uso proporzionato degli strumenti qui c'è una sproporzione allo strumento però è una legittimare azione legislativa
Di fronte alla giurisprudenza che tutela sempre invece
La magistratura e rifiuta respinge sempre le istanze di ricusazione uno rende quindi voglio dire anche che anche da questo punto di vista non comprendo perché si debba assumere questo atteggiamento così negativo quindi devo dire
Di fronte a tutto questo la richiesta del Consigliere Virga di un ripensamento di un rientro in Commissione secondo me è la soluzione migliore
Per il momento perché solo se
Su alcune cose
Varrebbe la pena pensarci ancora un po'di più per evitare questo rischio pronto di un parere che
Altrimenti in qualche modo si presenta come fortemente corporativa difesa di tutte le istanze della magistratura
Consigliere Fuzio
Una premessa in risposta alle
Alla premessa del Consigliere Zanoni
Ne abbiamo discusso tante volte e sono d'accordo sulla impostazione generale peraltro la regicidio tira ha previsto questa posizione particolare del Ministro della Giustizia che così com'è l'unico Ministro previsti in Costituzione
E il l'interfaccia per così dire del rapporto tra Consiglio e eventualmente il legislatore quindi sarà il ministro che poi valuterà se farne uso fondi
Ma nella sostanza al di là di queste è che sicuramente si può anche condividere le considerazioni che ha fatto il Presidente non solo che
Non vedo perché non consentire un confronto in questo caso con chi
Può offrire l'esperienza sul campo che il Consiglio ha avuto nell'affrontare tanti temi che hanno provocato tante discussioni tante polemiche all'esterno non dobbiamo dimenticarci
Che noi abbiamo avuto qui rane l'obbligo perché non si poteva negare l'aspettativa al consigliere Ingroia poco alcun altro
è questo ha creato polemiche allora che il Parlamento o il Governo
Si avvalga se vuole dell'esperienza che il Consiglio può dare post non la vedo una cosa così diciamo scandaloso ma anzi è una forma di confronto costruttivo secondo punto
Credo che nella delibera e quindi probabilmente anche nell'ufficio studi nel momento in cui l'ha fatto la ricognizione normativa dell'esistente ha dimenticato di richiamare l'articolo sedici dell'ordinamento giudiziario
Vecchio ordinamento fascista
Che prevede i magistrati sotto la rubrica incompatibilità di funzioni
Che i magistrati non possono assumere pubblici o privati in piedi un uffici ad eccezione di quelli di senatore e di deputati quindi credo che sia opportuno inserire articolo sedici e tuttora vigente ed è il riferimento primario quale
Il Consiglio e
Il legislatore poi affatto perché perché è inutile che ripercorre condivide in pieno la ricostruzione del articolo cinquantatré
Anche alla luce
Del sentenze se Sezioni unite sul
Caso Tavanti
Nel merito
E qui condivido alcune considerazioni fatte però vorrei che non mi distoglie veste il relatore va bene niente
A questo punto chiudo
Ornella delibera probabilmente poiché si tocca in determinati casi
Il ruolo del pubblico ministero e noi stessi ci siamo interessati in un altro caso della particolarità dell'ufficio requirente al punto che in via interpretativa violando
La legge proprio perché abbiamo detto che le
Queste si applicano in maniera
Rigorosissima abbiamo esteso la disciplina del G.I.P. del giudicante allo requirente allora io chiedo professore Giostra che eventualmente se produzione se li vede si vada a
Porrei maggiormente in evidenza io l'ho letto ovviamente comodo per il ruolo del pubblico ministero che credo che già nel disegno di legge viene trattato in maniera un po'diverso allora che venga rafforzato questo aspetto si cita anche
è sotto questo punto di vista io credo che
Equiparare tout court
Anche se ha competenza nazionale la Procura nazionale antimafia
Alla Corte di Cassazione alla procura generale la Cassazione a mio modo di vedere
è una cosa che noi potremmo dire non va bene non va bene perché abbiamo già detto così e quando scendi la strada di fare il politico B intendiamoci bene l'attività depuratore nazionale antimafia essi a livello nazionale
Ma credo che nel momento in cui uno lascia la Procura nazionale antimafia e passa la politica a maggior ragione non può pensare di rientrare a fare già non dovrebbe a mio modo di vedere candidarsi
Ma se ha chiesto e lo vediamo il CNEL contrasto di andare alla Procura strana sappia bene che quella scelta quanto meno può pregiudicare l'esercizio del diritto di elettorato passivo
In questo senso condivido anche se Marin dice io non farei nulla il lì l'indicazione
Del l'eventuale limite temporale cioè non possiamo consentire sa io ho avuto qui l'esperienza del mille novecentonovantatré quando stavo qui in seconda Commissione abbiamo posto in quiescenza
Le l'allora Presidente della Repubblica Scalfaro che dopo sei mesi noi abbiamo posto e il mille novecentonove dopo quarantotto a
Ora capisco tutto quello che si vuole però io condivido quel passo della Lazio l'ultima notazione perché ce ne sono altri ma lo faccio in termini diciamo eventualmente di contributo poi vedrà la Commissione relatore cosa fa
C'è anche il passaggio a pagina diciannove nella quale si fa riferimento agli illeciti disciplinari
Allora poiché questo tema si lega molto al problema dell'aspettativa quello che diceva Zanon del fatto che uno non sa
E già quello che non si preveda per lo scioglimento anticipato che cosa deve succedere perché i senesi ovviamente saltano
Io credo che una indicazione
Di un'esigenza di coordinamento di queste norme e di non seguire quello che si è fatto con il Codice penale abbiamo un codice disciplina se si devono inserire delle norme
Di carattere disciplinare si vadano a inserire nella decreto legislativo centonove del due mila e sei
L'ultima rilievo ma non ho avuto tempo di leggere la norma l'articolo due pagina sempre diciannove
Impedisce al magistrato che non sia collocato in aspettativa all'atto dell'accettazione di assumere la carica del Presidente del Consiglio vice Presidente ministro pesce venisse Sottosegretario di Stato io non riesco a capire
Il magistrato partecipi o meno a elezioni politiche a Loreggia in aspettativa ma se fosse nominato premier Riccardo Fuzio la mia aspirazione perché forse anche il presidente Vietti sarebbe geloso di me
è dito ma come faccio io a mette in aspettativa per chiede non lo so mi sembra una norma io non l'ha letto la norma ma queste tre righe mi lascia un po'perplesso su come possa un maggiore entrata
Sì Consigliere Corder grazie Presidente
La memoria può a mia memoria può fallire ma io credo che il Consiglio quanto meno la nostra consigliatura non abbia mai consegnato al Ministro due pareri
Tra l'altro io sono almeno personalmente sostenitore del fatto che il Consiglio debba esprimere i propri pareri su leggi che o progetti di legge proposta di legge che abbiano a che fare con la giustizia a prescindere da lì dalla richiesta
Dico che comunque è che è paradossale che il Consiglio senza una richiesta di al non uno ma due pareri
E quindi mi pare una cosa paradossale ed è per questo che occorre a tutti i costi diciamo trovare una soluzione mediana ma una soluzione mediana che parte da un presupposto almeno questo
è il mio pensiero
L'opinione pubblica è letteralmente scandalizzata ha un grande impatto nell'opinione pubblica un'opinione pubblica che comprende anche moltissimi magistrati
All'idea che non si metta mano a una a regole draconiane sulla questione dei magistrati in politica quindi
E tutte le io da quello che ho compreso dalle due relazioni dei testi è evidente che qui la differenza sostanziale va bene può essere sull'esistenza o meno delle conclusioni ma è sul tono delle critiche
Il tono delle critiche nella diciamo nella proposta ha forse
è eccessivo e tali da poter pensare di poter far ritenere che questa scelta e queste scelte talvolta draconiane non siano necessarie io credo che siano invece necessarie si potrà discuterne di alcune ad esempio quella della io ricusazione dell'astensione quella sì forse valicare il limite ma alcune altre sono invece assolutamente necessarie
Io credo che una maggiore una maggiore riflessione su alcuni punti specifici in cui vengono fatte critiche in cui alcune o si rinunci ossia
Non si non si arrivi a dire che sono scelte
Da da da da plaudire ma almeno si attengono le critiche perché il la linea la linea guida sia quella di una scelta draconiana chiara per cui farei in per il magistrato fare politica
Comporti maggiori difficoltà rispetto a un cittadino comune ubi comoda IBI incompleta da questo punto di vista quindi io credo che un tentativo di assimilare le due
Le due proposte sia assolutamente necessarie quindi sono concordi se concordo in un ritorno in Commissione
Consigliere Nappi
Ma io
Grazie Presidente io vorrei innanzitutto dire che
Altro al consigliere Zanon che
Troverei
Paradossale che il Consiglio non si esprimesse su una questione che ha un tale rilievo per lo status professionale del magistrato cioè a me sembra
Del tutto ovvio e es e che e che il Consiglio esprima un parere
Non significa che interferisca ma non è vero che esso due pareri questo è un artificio retorico del Consigliere Corder perché il parere sarebbe quello che viene votato non sarebbero due pareri comunque lasciamo stare questo ma
Mi sembra mi sembra francamente può singolare che si dica che il Consiglio non debba esprimersi su una materia come questa poi il Consigliere Zanon ha fatto dei rilievi stilistici io
Per alcuni alcuni
Posso anche condividere Lima come addiceva il consigliere Presidente romano
Avevamo cercato tutti di rinunciare a all'esasperazione della propria prospettiva per arrivare a una a una proposta unitaria
E io ci ho provato a a farla arriva aria ad arrivare ad una proposta unitaria
Il problema è diventato indissolubile nel momento in cui
Il punto che determinava l'hanno un unitarietà della proposta era la presenza o meno di una conclusione
A me francamente il fatto che un parere può debba con cui non debba avere una conclusione
Mi sembra forse nelle tesi del degli studenti del professor Romano non ci sono delle conclusioni ma io in genere sono sono abituato che a vedere che deve le argomentazioni
Arrivano a una conclusione a una conclusione sintetica
Proprio provato assessore ho provato anche a proporre
Una conclusione più sintetica e sostitutiva di quella che
Non era gradita al al Presidente Romano
Una conclusione che che poi in qualche misura ho tradotto nell'emendamento che credo sarà sarà fatto proprio dal
Dal
Relatore
Giostra io
Io sono d'
Compete abbia sensibilità a personale sarei favorevole anche a una norma una legislazione che dicesse
Che il killer magistrato una volta candidati ha esercitato il mandato parlamentare non può tornare a fare il il magistrato
La troverei molto più coerente che non
Delle norme come queste
Che dicono che il magistrato che ha fatto il parlamentare non puoi avere incarichi direttivi o le pene per cinque anni a prescindere dalla da qualsiasi valutazione delle sue capacità ma che
Questo risponde a una logica analogica faziosa di questo Paese
No ma alla logica dei bianchi e dei nidi dei dei guelfi e ghibellini cioè che non ha no in cui negli altri Paesi magistrati vengono eletti il raggio di un programma politico
Di politica giudiziaria che senso ha dire che quello che mai io diciamo che non può rientrare che deve andare a fare il funzionario amministrativo tra nord diciamo che non deve che non può avere un in carico direttivo è questo che io non approvo in questo esplode lo dico i con la prudenza e e la il garbo e la e lo stile che ciascuno ha qui c'è un ostile
Del del relatore giostraio forse la predetti in termini meno aulici perché non sono ai livelli forbici del professor Giostra ma questa è una questione opzionale insomma però il problema e di impostazione come pure troppo francamente inaccettabili l'idea che ci si debba essere la ricusazione perché
E qualcuno acché il perché parte è stato nei cinque anni precedenti è impegnato in politica ma questa è un'ma è una è una logica è una logica medioevale questa qui
è una logica tribale non è posto inaccettabile questa diciamo che non può tornare a fare il magistrato ma ma ma dire che lo
Posso fare il direttivo e che non è che debba essere ricusato dati a Mila Schön all'Italia un fascista opposto
è una è una cosa è una logica un po'meschina francamente io questo glielo voglio dire al Parlamento io la voglio dire io voglio dire per lei sarebbe meglio che mi si dice dicesse che non si può togliere fare nomi invece queste cosette che servono a salvaguardare formalmente la la la norma costituzionale ma nella realtà politica spostano i i costumi peggiori di questo Paese perché anche i giudici costituzionali sono nominati in ragione dal sono nominati dal Parlamento
E do che dobbiamo dire che i giudici costituzionali come purtroppo si è detto sono faziosi perché sono comunisti o sono fascisti
Ma siamo a scherzare
In nessun Paese del mondo cioè ci si alzi gli esclude che il che un magistrato ad un giudice possa avere una sua cultura politica queste ed è un passato di cui dovremmo liberarci
Pensare che prima giudice non debba avere una sua cultura politica la può avere una cultura politica e questo non significa che non sia imparziale non lo si non significa affatto che che si che non è che non è imparziale e qui questa queste scelte io non le condivido
Non le condivido prese non sono un seguace di Mortara però almeno almeno si dica che se no o si dice che non può rientrare oppure
Non ha non ricorriamo a questi escamotage inaccettabili
Allora scusate perché mi pare di aver colto negli interventi del due due aspetti un po'contraddittori cioè da un lato la l'aspirazione anche che noi nutrita da qualche
Aspettativa positiva di poter convergere su un'unica formula dall'altra però la rivendicazione di aver già tentato in Commissione ripetutamente di addivenire a questa soluzione senza esserci riusciti
Allora vorrei capire dai due relatori prevale Lula o l'altra di queste diversi orientamenti perché se e ed i due relatori dicono che c'è lo spazio per arrivare ad una un unico testo e la rimandiamo in Commissione ma se invece si dice che questo tentativo è stato già esperito e non ha portato a risultati forse
Tanto varrebbe rinviava la settimana prossima al limite a dare questa settimana il termine per vedersi trova un tesoro so consigliere Giostra che facciamo
Presidente però mi faccia la replica mi risponda su questo no però quello che dico adesso serve per valutare l'opportunità del ritorno in Commissione perché
Se dobbiamo stravolgere
La realtà non credo che tutti abbiano avuto la possibilità di leggere e quindi posso capire
Però
I colleghi debbono sapere ed è adesso però son due no
Facciamo di Baccelli anche i nomi non ha letto allora io avevo capito in particolare il consigliere Zanon deve sapere
Che
Il testo con tutte le parole che sono riportate nel testo di critica e di apprezzamento era stato condiviso dal dal consigliere Romano
Il quale non ha condiviso no quello che inopinatamente è stato aggiunto così
Come una
Prova di forza come è stato detto c'è stato un suggerimento del consigliere Cassano di introdurre delle conclusioni scusa poi dopo l'alibi se tale impressione perché così capiamo se ci sono margini B e
A proposito dopo a proposito di proposta
Ma Magistro centri magistrato Centrica
E mi sembra veramente il colmo cioè una delle ragioni per cui il Consigliere Romano si è dissociata che noi volevamo invero ritorno del magistrato ad esercitare le funzioni e ci si dice che la proposta è corporativa ma allora
Poi io anch'io son d'accordo a rinviare ma per leggere
Per leggere perché l'unica cosa che è stata cambiata sono
A meno che non
Nel frattempo il Consigliere Romano non ha avuto un ripensamento più profondo dice io cambierò dei non sono d'accordo sulle conclusioni legittimissimo lo dice non abbiamo bisogno del messaggino politico e questo questa è una critica che accetto
Ma non posso sentirmi dire che questa è una proposta corporativa e l'altra no quand'eri identità almeno il passaggio sulla non ritorno sui non ritorno del del magistrato si realizzi comparativamente le quindi
Allora se questo si riconosce e si vuole insieme intraprendere un cammino per cercare un una proposta comune bene ma se si continua a ritenere perché ognuno deve sbandierare sua bandierina che questa è la proposta
Provarci strati e l'altra invece e l'apertura a questo non ci sto perché non stanno così le cose e
Mi appello all'onestà intellettuale del Presidente romano perché mi riconosca che questa esattamente la versione che era passato in Commissione
Più le conclusioni e il non ritorno dei magistrati
Era così c'era Romano meno
E allora forse non mi sono cito a comprendere
Comprensibile io ho detto che
Quel testo era un testo che
Io avevo accettato non condividendolo in toto ma volevo votato
Nello spirito che avrei voluto che fosse una proposta unitaria nella quale ciascuno di noi rinunciava qualche propria espressione di convincimento
Proprio perché mi sembrava più importante per la stessa magistratura ma sopra la magistratura ritengo ci sia siamo alla democrazia che tutti ci e vede protagonisti
Arrivare con un testo unitario quindi
Quando io
O nell'ultima seduta mi si è ma si sono aggiunte delle cose io ho chiesto la cortesia di ritornare al testo che avevamo condiviso tutti
E mi si è risposto di no io a quel punto ho detto sarà costretto a presentare una proposta alternativa dotandola io solo ovviamente lor riscritta
Eliminando tutti quei passaggi che è il Consigliere Zanon pocanzi richiamava
è evidente che essendo io ed il suo a votare in Commissione per la proposta ho dovuto modificarla ciò non significa che io non sia lo ribadisco ancora una volta nel superiore interesse
Di che tutti noi dovremmo rappresentare
Prego quota però a parte disponibile a ritornare su un testo che
Sia
Condiviso dalla zona di per la Commissione sperabilmente dal l'intero plenum quindi la mia disponibilità c'era allora c'era nuovamente o da bene così e la giostra
Va bene servizi allora se questo sì la rinviamo a quella la rinviamo in Commissione con un impegno però dei relatori e del Presidente della Commissione di riportarla al plenum se no la prossima settimana quella dopo
Va bene
Che il
Norme i tempi del Consiglio va bene ci sono obiezioni
No
Va bene
Ecco questa è una sintesi del dibattito che si è tenuto in plenum del Consiglio Superiore della Magistratura e la ventinove aprile scorso sulla parere della sesta Commissione
Sui DDL in materia di incandidabilità dei magistrati in occasione delle elezioni
Che però come avete sentito come capita spesso alla CSM è stato rinviato in Commissione
Dapprima invece abbiamo ascoltato la polemica alla CSM sempre in plenum o sulla lettera inviata qualche giorno fa dalla Procuratore generale
Della Cassazione Gianfranco Ciani al Corriere della sera in cui sottolineava
Il peso delle correnti della magistratura e termina così anche per questa sera lo speciale giustizia a tutti grazie per l'attenzione da Lorena Dusso non buon ascolto i successivi programmi di Radio Radicale