06MAG2014
rubriche

Rassegna stampa estera

RUBRICA | di David Carretta RADIO - 07:10. Durata: 19 min 57 sec

Player
Puntata di "Rassegna stampa estera" di martedì 6 maggio 2014 condotta da David Carretta .

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Balcani, Cina, Crimea, Economia, Esteri, Europa, Europee 2014, Geopolitica, Guerra, Merkel, Obama, Odessa, Politica, Putin, Rassegna Stampa, Russia, Sanzioni, Serbia, Siria, Ucraina, Ue, Violenza.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 19 minuti.
07:10

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buongiorno riscontrato di di Radio Radicale martedì sei maggio questo l'appuntamento con la rassegna dalla stampa internazionale a cura di David Carretta diversi temi di cui ci occuperemo quest'oggi il partiremo però ancora una volta dalla crisi
In Ucraina questo è stato un altro fine settimane di tensione violenza
Decine di morti nella città di Odessa negli scontri che hanno opposto sole forze pro russe ai manifestanti pro chi è leggeremo l'editoriale di oggi
Il mondo secondo cui il teste chiave della volontà di Vladimir Putin di calmare
Le acque sono le elezioni del venticinque maggio e poi un commento dal Wall Street Journal
Secondo il quale l'Ucraina ha bisogno di aiuti militari americani Obama offre scatolette di carne mentre Putin manda
Le forze speciali leggeremo anche l'editoriale di ieri dell'Independent
Le sanzioni e la denuncia di Putin non sono un sostituto di una politica proattiva in Ucraina e infine il Times secondo il quale Putin perso il filo della sua trama
L'Ucraina sembra dirigersi verso la guerra civile la Russia deve fermare la sua campagna di sovversione coercizione accettare l'esito delle
Elezioni democratiche la crisi Ucraina rilanciato il dibattito sulla politica estera in ritirata del Presidente americano Barack Obama ieri il Financial Times pubblicava un commento di Edward virus
L'incertezza non la Cina sta sostituendo la potenza degli Stati Uniti nel mondo
Chiederemo proprio con il ferro son Times ma su un altro tema alle elezioni europee del venticinque maggio con il pezzo del lunedì vuol farlo il cow columnist del quotidiano
Della siti che ritiene che questo voto non cambierà il vero equilibrio di potere in Europa ma cominciamo
Per l'Ucraina e dall'editoriale di oggi di le mondo dal titolo il teste delle elezioni del venticinque maggio scrive il quotidiano francese se impossessandosi della Crimea in marzo Bladimir Putin
Anche voluto destabilizzare lo Stato ucraino c'è riuscito
Se il presidente Russo non non voleva davvero ha giocato con il fuoco il risultato e lo stesso la rivolta nell'Est nel sud-est dell'Ucraina piomba questo Paese nel caos
In entrambi i casi la responsabilità russe schiacciante come uscirne
Sempre più indebolito il Governo provvisorio di chi è ben capace di fermare la spirale di violenza nella parte orientale del Paese
Tutte esplicita di queste regioni ora sono toccate dalla violenza politica anche se con gradi diversi l'aderenza oppone produssi pesantemente armati a ciò che resta dell'autorità centrale cioè poca cosa
Nel mezzo c'è una popolazione molto più divisa di quella della Crimea
A proposito dei sentimenti nei confronti della Russia l'esercito ucraino ha preso posizione attorno a uno dei Bastioni pro lussi la città di slogan ska ma non può entrarvi a meno di non rischiare un bagno di sangue gli scontri si sono estesi al sud e alla città portuali a di Odessa venerdì trentaquattro manifestanti produssi sono morti in un incendio provocato dai loro avversari
Infine nel don bassi partigiani de la Repubblica autoproclamata di Donetsk vogliono organizzare un referendum sulla loro autonomia l'undici mangio i promossi ricorda le monde sono stati incitati da Mosca a doppio titolo
Innanzitutto dal precedente della Crimea e poi dalle parole di Putin a metà marzo quando il presidente Russo aveva promesso di impegnare il suo esercito ovunque
Il russo o fuori sono minacciati
Finora Putin ha scelto di non spingere oltre la sua avventura Ucraina
Ma se vuole davvero provare la sua buona volontà il Presidente russo a una buona occasione per farlo anche in questo clima e di violenza politica e di divisione tra Est e Ovest del Paese
La prima misura di stabilizzazione di permettere lo svolgimento regolare delle elezioni presidenziali del venticinque maggio questo voto
è stato deciso dal Parlamento all'unanimità ricorda le monde comporterebbe la legittimità del potere di Kiev testimonierebbe della volontà di Mosca di giocare la carta
Dell'appeasement del rispetto della sovranità del suo vicino permetterebbe un dialogo tra un potere rilegittimarsi tuo e la ribellione dell'est con l'avvio di riforme costituzionali il problema tre il quotidiano francese che il Cremlino
Ha già qualificato come assurdo lo svolgimento delle lezioni nel causa attuale
Si potrebbe prendere più seriamente questa argomentazione se la Russia non difendesse il
Principio di un'elezione presidenziale in giugno in Siria
La cancellate Desk Angela Merkel Presidente americano Barack Obama brandiscono la minaccia di sanzioni nel caso in cui le elezioni non dovessero tenersi
Hanno fatto del venticinque maggio un teste della buona volontà di Mosca e non hanno torto concludere
Le Monde per il Wall Street Journal Europe invece
Gli americani dovrebbero fare molto di più per aiutare il Governo provvisorio ucraino l'Ucraina ha bisogno degli aiuti militari statunitensi il titolo dell'editoriale di ieri
Obama offre scatolette di carne mentre Putin manda le forze speciali scrive il giornale la battaglia per l'Ucraina sta entrando in una fase
Nuova e pericolosa nel momento in cui il Governo di chi è vasta finalmente tentando di riprendere
Il controllo delle cita dell'est del Paese in mano I delinquenti locali alle forze speciali russe e troppo questo l'interrogativo chiedere che gli Stati Uniti offrano all'esercito ucraino i mezzi per aiutare l'Ucraina conservare il suo territorio la campagna di Putin per destabilizzare fare a pezzi su vicino è sempre più intensa
Nel momento in cui si sta avvicinando la scadenza delle presidenziali del venticinque maggio l'uomo forte Russo vuole bloccare questo voto o fare quel che basta per rendere
Il prossimo presidente ucraino non legittimo i suoi combattenti sponsorizzati dalla Russia si sono spostati dalle piccole città dell'Est dell'Ucraina verso centri regionali come Donetsk che e Lou anziché
Eppure gli ucraini dell'est non sembrano avere tanta fretta di unirsi alla Russia come accaduto con la Crimea
Anche se scettici nei confronti delle nuove autorità di Kiev gli abitanti dell'est si oppongono a un intervento russo sul loro territorio l'Ucraina a disperatamente bisogno dell'aiuto militare occidentale ma finora gli Stati Uniti hanno
Rifiutato di dare un contributo serio la scorsa settimana in Asia Obama a retoricamente chiesto se c'è davvero qualcuno che pensa che mandando qualche arma in più in Ucraina si possa fermare l'esercito russo beh forse scrive al giorno
Se deciderà di inviare i suoi carri armati ovvio che Putin schiaccia era l'Ucraina ma il Presidente russo sa anche che il costo politico di un'invasione sarebbe alto ed ecco perché preferisce la destabilizzazione con le sue forze se speciali
Armeni difensive ma letali alzerebbero i costi e i rischi di un intervento Russo
Il problema tra il gelato e che
Obama è così preoccupato di irritare Putin che finora rifiutato di inviare perfino dei binocoli notturni offerti invece trecento mila pasti precotti
Gli ucraini stanno dando battaglia per liberarsi dal dominio russo e costruire una democrazia europea meritano di più di qualche scatoletta di Carmen americana così
Tra l'altro il Cernavoda le indipendenti ed invece
Pubblicavano editoriale un po'più politico evocando lo spettro dell'ex Jugoslavia mentre l'agonia dell'Ucraina si intensifica si deve resistere alla tentazione di lasciar perdere un conflitto
Che sembra anzi insolubile scrive questo quotidiano britannico
Per quanto sia difficile ammette voi combattimenti in Ucraina sembrano aver superato il punto di non ritorno dopo la morte scioccante di più di trenta persone ad Odessa in un incendio
E un numero imprecisato di morti in altre zone di conflitto nell'est del Paese non è più un'iperbole parlare di guerra la frontiera orientale dell'Europa
Questa la nuova realtà la strategia Ucraina dell'Occidente fondata sulla pressione moderata per portare il Paese nell'orbita dell'Unione europea nella speranza che Mosca
Non se ne accorga giace in rovina l'Ucraina è divisa tra est e Ovest le frontiere
Sono sempre più vaghe troppo sangue è stato versato per pensare che le armi
Tornino a tacere rapidamente qualunque cosa accada nell'offensiva che l'esercito ucraino sta conducendo
Domenica spiegare indipendente vedremo un altro referendum in stile Crimea nell'est del Paese
Che i separatisti pro russi vinceranno a mani basse già controllano gran parte delle leve del potere in queste regioni anche se l'esercito ucraino ricca Turra su una serie di città entro domenica
è improbabile che sia davvero in grado di riconquistare un'intera regione in cui la popolazione e a stragrande maggioranza ostile fra chi R la questione dunque non esserci preferendo un ci sarà ma cosa cadrò accadrà dopo
Sì separatisti si limiteranno instaurare una Regione autonomo oppure se andranno oltre per proclamare
Un'unione con la Russia dopo la carneficina ad Odessa
La tua sfera nel campo separatista si è radicalizzare atta al punto da puntare tutto sull'Unione con la Russia questo spingerà Stati Uniti Europa imporre nuove sanzioni più dure contro Mosca
Che non si limiteranno a danneggiare la Russia ma metteranno a rischio anche l'unità interna all'Unione europea visto che diversi Stati membri vi si oppongono
Mentre le alternative strategiche scompaiono una ad una le speranze di pace recidono i responsabili politici a Washington e nelle capitali europee
Sono tentati di lavarsene le mani dando la colpa di tutto il Cremlino abbandonando a sé questo conflitto indipendente lo ricorda che c'è un precedente quello tra Jugoslavia
Negli anni novanta quando gli americani gli europei inizialmente e giustamente accusarono la Serbia di alimentare il conflitto salvo non fare nulla per fermare questo conflitto fino al mille novecentonovantacinque sarebbe catastrofico se fosse consentita una sequenza simile
In Ucraina le sanzioni possono dare ad americani europei
Il lusso di pensare che stanno facendo qualcosa ma immaginare che possono fermare il conflitto in Ucraina ridicolo per l'Independent gli occidentali devono abbandonare la confortevole ma futile nozione secondo cui tutto è colpa del Cremlino
E aprire qualche forma di comunicazione diretta con la gente che ha preso le armi nell'est e l'Ucraina inoltre non sono stati fatti abbastanza sforzi per scoprire quali siano i reali piani della Russia
Forse il Presidente Putin e troppo rabbioso per pensare agli interessi di lungo periodo della Russia
Ma è tragico che i nostri leader appaiano riluttanti a esplorare la possibilità di un terreno d'intesa comune con la Russia sul futuro dell'Ucraina così
L'indipendente in questo ma
Editoriale il Times invece molto più duro nei confronti
I gradini Putin in un editoriale dal titolo Putin perde il filo della sua trama l'Ucraina sembra dirigersi verso la verrà civile la Russia deve fermare la sua campagna di sovversione coercizione accettare l'esito delle elezioni democratiche
Scrive il quotidiano conservatore di Londra
Il contagio della violenza dall'est dell'Ucraina alla città di Odessa suggerisce che il Paese si sta indirizzando verso una caotica guerra civile l'orribile morte di quarantadue persone nella città portuale
Dovrebbe suonare come un allarme in tutta Europa cambiando una frontiera europea con la forza Putin ha liberato il genio del male riscontri ad Odessa venerdì
Dimostrano che il Presidente russo non ha più il controllo degli eventi sul terreno la missione della Crimea ha spinto i separatisti a credere
Che atti di guerra possono portarli più vicini al potere si tratta di un'illusione pericolosa
E tocca leader russo riportarli con i piedi per
Terra l'alternativa
Rischia di essere tanto sanguinaria quanto le guerre nei Balcani degli anni Novanta secondo il Times Putin ha perso il filo della trama che aveva tessuto in Ucraina
E ora deve tornare alla ragionevolezza nel due mila otto in Georgia aveva dimostrato di potersi contenere
Accontentandosi di obiettivi limitati all'epoca si era fermato alle in club dell'Abkhazia dell'Ossezia del sud senza attaccare Tbilisi
Luca in una sfida più complessa della Georgia l'Occidente deve fare pressione su di lui affinché
Ponga fine alla sua campagna di destabilizzazione e riconosca la legittimità delle elezioni del venticinque maggio la speranza e che Putin sia giunto a questa conclusione
Già da solo non tanto per il timore di sanzioni ma perché un nuovo Governo indebolito a Kiev costretto ad ascoltare Mosca già un buon risultato almeno tanto quanto
Avere un leader pupazzo corrotto come Viktor Yanukovich share l'Occidente prosegue il Times può aiutare puntino a fare marcia indietro senza perdere la faccia
Assicurandolo per esempio sul fatto che gli ucraini produssi non saranno perseguiti dopo le elezioni
Ma l'Occidente e in particolare l'Unione europea devono essere fermi su questioni essenziali quali non può esserci una partizione dell'Ucraina
Non può esserci alcuna sovversione della sua sovranità non può esserci alcuna invasione l'Ucraina
Deve essere libera di scegliere il suo futuro così
Il quotidiano conservatore britannico ti dunque esprime un'opinione ben diverso da quello dell'indipendenza che invece
Suggerisce un terreno di intesa comune tra l'occidente e Russia sul futuro dell'Ucraina una sorta
Di di di trattativa in qualche modo alle spalle degli ucraini l'Ucraina ha rilanciato non solo l'Ucraina ma insomma questa crisi ha rilanciato il dibattito sulla politica estera di Barack Obama
Ieri ve lo segnaliamo sul conosciuta in cera un lungo commento di Edward ius interessante l'incertezza e non la Cina sta sostituendo la potenza americana nel mondo
L'America si sta comportando cum leggemmo né in declino che non vuole condividere il potere con nessuno ma è anche
Incapace di imporre i suoi desideri di risolvere le le crisi con i fra ciò Times e vogliamo chiudere ma parlando di elezioni europee il venticinque
Maggio prossimo prima di leggere un commento di Paul fa comunicavo uscito ieri disegniamo però anche Libération chi ieri pubblicava un un sondaggio sui sentimenti dei francesi nei confronti dell'Europa risultati non sono poi così male al punto che è in un editoriale libri
Scrive che forse l'avanzata degli euroscettici non sarà poi così straordinaria ma vediamo un cow il voto del venticinque maggio non cambierà al vero equilibrio di potere in Europa
Comincia così
Il commento la differenza tra il Parlamento europeo quelli che prendono le decisioni vere è molto chiara i cittadini queste parole del Presidente del Consiglio europeo Herman ma pompo in un'intervista la Süddeutsche Zeitung
Sono al contempo irritanti e vere e vanno dritta la questione centrale delle prossime elezioni europee
Dove sta il vero potere in Europa nel Parlamento oppure come in passato come dice Van Rompuy nel Consiglio europeo composto dai capi di Stato e di Governo
La più grande ironia dell'Unione europea e che con ogni nuovo trattato i poteri formali del Parlamento sono aumentati ma in realtà e il Consiglio che sta diventando sempre più forte la Commissione ha perso potere prestigio
E questo spostamento degli equilibri di potere solleva tre e interrogativi perché è accaduto conta davvero è un'evoluzione reversibile
Sul perché la risposta formale un colpo di sfortuna la crisi della zona euro è stata l'evento dominante degli ultimi cinque anni
I trattati non prevedono alcun potere per le istituzioni europee per rispondere in modo consistente a questa crisi e così il Consiglio europeo ha riempito il vuoto per difetto ma
Si tratta di una spiegazione formale fuorviante
Il vero potere non è il potere formale in passato infatti era
La Commissione che si era rafforzata guidando i grandi dibattiti degli anni Ottanta e Novanta sul mercato interno ed Euro
Quel potere non era iscritto nei trattati la Commissione lo fece basta fornendo la leadership politica quando nessun altro lo faceva
Quanto alla
Seconda domanda secondo interrogativo monca origine che questo accentramento di potere nelle mani del consiglio europeo conti davvero
Perché perché pur avendo dimostrato una certa flessibilità durante la crisi il Consiglio europeo non ha fatto quanto necessarie di qui la rivolta
Euroscettica perché il agli elettori non importa nulla dei dettagli interistituzionali stanno protestando contro pessime politiche che hanno portato austerità disoccupazione pochi investimenti
Questo spostamento di potere reversibile monca o ritiene
Fondamentalmente di no e il paradosso almeno formalmente è che il Parlamento sta diventando sempre più importante con il trattato di Lisbona al punto che i partiti hanno presentato i loro candidati alla presidenza della Commissione
Ma alla fine secondo me un cavo
Nessuno di quei candidati diventerà davvero davvero Presidente dell'esecutivo comunitario
L'aspettativa e che il potere ultimo rimanga saldamente nelle mani del Consiglio a causa delle dinamiche politiche interne all'Unione europea e così di colpo queste elezioni diventano tutto tranne che importanti
Così Wolfango Incao noi ci fermiamo vi ricordiamo che però potete
Scriverci commentare
Questa rubrica uno semplicemente dirci che ci ascoltate a questo indirizzo e-mail io ascolto chiocciola Radio Radicale punto it da David Carretta una buona giornata all'ascolto di Radio Radicale