08MAG2014
dibattiti

Perché altre proposte sul Senato e sulla legge elettorale non possono essere meglio di quelle del Governo?

DIBATTITO | Roma - 16:13. Durata: 2 ore 54 min

Player
Registrazione audio del dibattito dal titolo "Perché altre proposte sul Senato e sulla legge elettorale non possono essere meglio di quelle del Governo?", registrato a Roma giovedì 8 maggio 2014 alle ore 16:13.

Dibattito organizzato da Associazione per il Rinnovamento della Sinistra.

Sono intervenuti: Alfiero Grandi (presidente dell'Associazione per il Rinnovamento della Sinistra), Gianni Ferrara (docente di Diritto costituzionale all'Università La Sapienza di Roma), Gerardo Bianco (presidente dell'Associazione Ex Parlamentari della Repubblica), Vannino Chiti (senatore, Partito Democratico),
Sergio Caserta (consulente aziendale), Erica D'Adda (senatore, Partito Democratico), Mauro Bulgarelli (membro dell'Associazione per il Rinnovamento della Sinistra), Stefano Fassina (deputato, Partito Democratico), Paolo Ferrero (segretario nazionale, Partito della Rifondazione Comunista), Loredana De Petris (senatore, Sinistra Ecologia Libertà), Raniero La Valle (giornalista e scrittore), Domenico Gallo (consigliere della Corte Suprema di Cassazione), Massimo Villone (professore), Maria Grazia Gatti (senatore, Partito Democratico), Valentino Parlato (giornalista), Pierluigi Sorti, Aldo Tortorella (presidente onorario dell'Associazione per il Rinnovamento della Sinistra).

Tra gli argomenti discussi: Berlusconi, Costituzione, Democrazia, Economia, Fisco, Governo, Istituzioni, Legge Elettorale, Parlamento, Partito Democratico, Politica, Regioni, Renzi, Riforme, Senato, Societa'.

La registrazione audio di questo dibatto ha una durata di 2 ore e 54 minuti.

leggi tutto

riduci

16:13

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

E ci saranno arrivi successivi però i tempi sono un po'stretti le presenze nel dibattito sono molte
Quindi dobbiamo cercare di evitare di farci cacciare dai commessi della Camera invece lasciare in buon ordine in modo regolare la sala
Come sapete l'iniziativa è stata promossa da diverse associazioni che hanno attorno alla questione della Costituzione un'attenzione particolare qualcuno addirittura da molto tempo che è stato contando la questione
E l'obiettivo oggi e di fare una un esame di come stanno evolvendo le cose
Di fronte alla rimessa in moto dell'Obiettivo non solo di riforma elettorale ma devi forma del Senato del Titolo quinto
Proposte che noi diciamo in termini anche un po'provocatoria abbiamo
Qualificato come proposte che non sono le migliori sulla campo ce ne sono altre che potrebbero essere migliore
E ci sembra sbagliato che non se ne tenga conto e non si cerchi di a vere un dialogo con altre posizione
Il Governo in questi giorni ha forzato la mano per cercare di avere
Il proprio testo il testo che il Governo ha formulato sulla questione in particolare il Senato il Titolo quinto
Come base per la discussione in Commissione e poi in Aula
Il risultato ottenuto mi sembra un risultato francamente molto pasticciato e politicamente anche un tantino pericoloso pasticciato
Perché accanto alla testo del Governo come base per la discussione parlamentare sulla riforma del Senato del Titolo quinto c'è un ordine del giorno
Che è stato approvato primarie che oggi Calderoli come avete visto dalle affermazione ritiene addirittura elimini il testo del Governo sarà un po'forte naturalmente non dico che sia esattamente così lui abbia ragione dico però che
Prefigura che ci sono almeno due verità per lo meno due che escono da quella riunione
Ma poi la cosa francamente che lascia
Veramente un po'stupiti riguarda il ruolo che assume nella decollo di una riforma costituzionale
Il ruolo di una condannato senza diritti politici
La telefonata al quale diventa il modo per sbloccare i lavori ed evidentemente facendo pesare il fatto che se non vota a favore non passa
Se invece vota a favore passa e attribuendo di conseguenza Berlusconi un ruolo che va al di là di quello che mi sembra accettabile
Scalfari ha detto che la condanna
Materiale
Che deriva dalla appunto dalla
Fine del processo di Berlusconi per il reato di frode fiscale è una cosa che
Provoca vergogna
Se dovesse venire fuori che diventa il padre della Patria e della riforma costituzionale io non so che termine se posso usare credo che vergogna sia
Il punto di partenza per definire i sentimenti che si possono provare in quel momento
La Costituzione è una cosa molto seria
Cui tutti dovremmo essere attenti affezionati che andrebbe affrontata con molta attenzione
In un dialogo che evita una discussione fondata sul io ho ragione gli altri hanno torto sulla coppia amico nemico
La Costituzione non si può affrontare così ci sono altre posizioni in campo queste posizioni in campo noi
Vogliamo valorizzarle l'iniziativa di oggi anche per valorizzare il contributo che hanno dato Chiti ed altri senatori con
Una loro coraggiosa proposta io non dico che bisogna sposare la proposta
In toto può benissimo essere una proposta anche se discutibile emendabile si può discutere di tutto però la cosa che non è accettabile che c'è un'unica verità e tutti quelli che sono queste
Presunta unica verità sono fuori dal seminato non è esattamente così
Voglio ricordare che qualche giorno fa c'è stata una notizia che è passata secondo me ha torto sotto silenzio
Il Senato americano ha bocciato una proposta Obama proposta che peraltro io personalmente condivido quello della scala mobile per
I contratti precari e dei lavoratori americani dei giovani in particolare
Mi pare che avesse ragione il Presidente il Senato americano a maggioranza democratica ha detto no al suo Presidente
In una dialettica politica istituzionale la democrazia vuole che un Presidente proponga ad esempio in quel caso il Senato disponga che non se ne fa niente
E che di conseguenza la discussione vada avanti in questo modo non mi pare che Obama abbia chiesto di eliminare il Senato
Anche perché temo che la partita prenderebbe una piega diversa
E mi pare soprattutto che bisogna cercare di capire perché Senato degli Stati Uniti democratico a maggioranza respinge la proposta peraltro secondo me condivisibile del presidente americano lo fa perché sono eletti
Perché hanno un mandato dei cittadini non rispondono del loro mandato al Presidente che non li nomina come ad esempio da legge elettorale proposta
Anche attualmente ma è semplicemente un Senato che ha una sua elettività un suo mandato ne risponde i cittadini che lo votano che di conseguenza il potere
E vorrei dire anche il coraggio di resistere perfino al Presidente degli Stati Uniti
C'è un'altra cosa che
Non ho visto valutata con la stessa forza con cui meriterebbe di essere valutata
Proprio in questi giorni
Il Senato di cui si parla in questi giorni nei termini che sappiamo
A il mandato di fatto di modificare la legge elettorale che è arrivata dalla casa perché dalla Camera elevato una legge elettorale che ormai credo non piaccia nemmeno i protagonisti che l'anno
Formulata è una legge elettorale che contiene un premio di maggioranza eccessivo
Assolutamente inaccettabile delle soglie di sbarramento che sono altissime e rischiano di creare un problema irrisolvibile di rappresentanza generale
Delle forze
Anni fa usava dire che bisognava includere si discuteva perfino se includere
Diciamo filoni che provenivano
Da chi era contro la Costituzione la Resistenza per cercare di costituzionalizzare la destra oggi invece si ha ragione il termine esattamente opposti anziché portare dentro si tende ad escludere a lasciare fuori a rendere
L'esame di ammissione da ruolo di forza politica parlamentare un esame d'ammissione altissimo molto difficile e questo mi sembra francamente
Una cosa discutibile una legge elettorale della Camera che presi cura in sostanza una maggioranza conquistata anche per una differenza di pochi voti che a quel punto ha il potere di cambiare la Costituzione di eleggere presidente la Repubblica di eleggere buona parte dei giudici costituzionali
E diventa un un asso pigliatutto
E questo francamente è una cosa che non è accettabile quella legge elettorale vista in controluce con la sostanziale abolizione dell'autonomia del Senato
Diventa una legge elettorale veramente terribile perché in qualche modo il gioco delle due Camere è un modo per mantenere aperta una dialettica democratica e come ho ricordato
Il fatto che il Senato oggi abbia il compito
Magari per caso però c'è la
Di modificare la legge elettorale della Camera che sicuramente non è il testo che alla fine verrà approvata in via definitiva e comunque io auspico non sia approvato ma venga modificato
In particolare su un punto deve essere modificato che i deputati eletti non possono essere nominati di nuovo dai segretari dei partiti
Tanto più se i segretari dei partiti sono anche Presidente del Consiglio perché il gioco diventa veramente un gioco di natura troppo stretta adesso non voglio arrivare a dire autoritaria ma insomma la tentazione c'è
Perché nel momento in cui il Presidente dei Consiglio segretario del partito nomini parlamentari si trova qua attraverso i premi di maggioranza un Parlamento consenziente
Dall'inizio
Si può aprire una condizione effettivamente molto difficile
E allora per dire che i sistemi possono essere diverse
Quello americano quello di altri Paesi quello del nostro Paese attuale però la cosa che resta è che per avere una propria autonomia bisogna essere letti bisogna avere un rapporto con gli elettori altrimenti questa questione diventa
Complicata
C'è ad esempio nella proposta di legge che a questo punto il testo base anche per i lavori del Senato un'affermazione che abbastanza curiosa
I senatori e i deputati i deputati non hanno il vincolo di mandato come del resto è oggi cosa assolutamente giusta su cui Grillo sbaglia perché la libertà
E l'autonomia del singolo parlamentare è una cosa molto importante l'idea di avere
In Parlamento degli scolaretti che hanno gli un l'unico compito di alzare la mano quando il capoclasse decide di prima fare non modo o nell'altro
Almeno per alcune materie non dico tutti quotidianamente ma per alcune materie una scelta assolutamente sbagliata B in questo caso le il problema del mandato per ciò che riguarda i senatori diventa effettivamente una stranezza
Perché l'autonomia di mandato c'è se tu sei eletto da qualcuno se qualcuno ti ha dato il mandato
Ma se il Senato della Repubblica così come viene consegnato diventa una sorta di dopolavoro non cito Mineo ho sentito Mineo oggi per televisione riassumere in un modo che io trovo molto convincente
Per cui i sindaci e quando non c'hanno niente da fare i Presidenti delle Regioni delegati delle Regioni quando non hanno nulla da fare
Eccetera eccetera si riuniscono e danno vita a questa Assemblea del Senato è evidente che l'assemblea così non può avere molti poteri perché a poco tempo
Non alla struttura per poter esaminare perché chiunque conosca anche da lontane lavoro parlamentare sa che chi lo fa seriamente ci deve stare e ci deve stare con molto impegno quindi non si può affrontare in questa maniera
E la Senato non può avere queste caratteristiche deve avere caratteristiche che possono essere affrontate in tutt'altro modo il pregio del disegno di legge di Chiti ed altri e che ha dimostrato
Che ad esempio è inconsistente l'affermazione che c'è un problema di costi perché si può affrontare il complesso
Dei parlamentari eletti ridurre il complesso dei parlamentari eletti e ricavare lo spazio anche per un bicameralismo in cui qualcuno dalla fiducia e qualcun altro non dalla fiducia ma quando si tratta di scelte fondamentali Presidente a Repubblica
Corte costituzionale legge elettorale diritti
Vannino ed altri hanno lavorato molto bene su
La parte che riguarda i compiti e infatti sui compiti mi pare qualche apertura c'è poi verso sera si tratterà di vedere qual è il risultato finale di questa apertura però il problema è un problema molto ma molto serio
Quindi un Senato che di fatto diventa un dopolavoro che si fa nel tempo libero che non ha in pratica potere allora si abbia il coraggio di dire che viene eliminato
Ma se viene eliminato allora bisogna guardare meglio la Camera perché la Camera non può essere letta con quel sistema perché i sistemi si tengono lungo in un equilibrio tra di loro insieme la legge elettorale non a caso
Di legge elettorale proporzionale ad esempio si era parlato di lettura come inserimento costituzionale poi non è stato fatto
Resta il fatto che oggi abbiamo una Costituzione immaginata con un solo un sistema sostanzialmente proporzionale che alla fine però chi vince si becca tutte le prerogative di un sistema maggioritario e questa è una cosa che non funziona perché mancano i contrappesi
Mancano ad esempio quello che è avvenuto negli Stati Uniti dove il Presidente propone ma poi il Senato dispone anche se appartiene allo stesso partito
Quindi la proposta di modifica del Senato così non convince rischia di
Essere uno dei tasselli che sta su un percorso che non magari non
Punta parlare apertamente di presidenzialismo ma sicuramente va in una direzione molto simile
Perché alla fine l'assetto che viene fuori e somiglia più un Consiglio comunale c'è un Sindaco e come è noto il Presidente del Consiglio comunale non è esattamente sovraordinato al Sindaco
C'è un Consiglio comunale che però ha una funzione che non è esattamente una funzione importante perché oltre la legge di bilancio sul resto i poteri del Sindaco della Giunta sono enorme
E un sistema così
Mette in campo mette in salvaguardia e la governabilità
Cosa si intende per governarli vita
Governabilità si intende fare presto cioè il problema è avere l'orologio al polso e fare in modo che in cinque minuti decidi tutte le cose anche le stupidaggini
Ma allora questo vorrebbe dire che non c'è lo spazio per le modifiche perché le decisione molte volte non sono esattamente le migliori di quelle che ci si aspetta quelli che sarebbe necessario prendere in realtà
Accanto alla questione della velocità c'è la questione dei contenuti e degli obiettivi che si vogliono realizzare
La politica è fatta di obiettivi non solo di velocità e di rapidità c'è il problema della governabilità ma c'è anche il problema di ascoltare dissentire di discutere di interloquire con i soggetti ecco perché
A parere personalissimo c'è anche un versante che riguarda la discussione con il Congresso appena concluso della CGIL
Nel quale è apparso chiaro che qualcuno alla concessione che parla direttamente i lavoratori saltando il rapporto con le loro rappresentanze addirittura ne parlo nello stesso modo con gli imprenditori
Questi dea
Del solo al comma
Andò che e decide tutto e che parla contro il largo popolo da tutti con tutti i beni alla fine
Esagerato chiamarlo populismo
Però è che non ci sono tanti i termini per definire una sistema di questo tipo perché alla fine c'è un gruppo molto ristretto che decide si fa dare il mandato da quelli che hanno
L'elezione per poterlo fare saltando tutti le i corpi intermedi le rappresentanze la difficile dialettica di una democrazia finisce con il parlare direttamente con i cittadini
Se non è esattamente populismo però ci assomiglia molto ci sono molti modi di fare populismo
Questo rischia di essere uno dei modi e questo credo che non sia una questione francamente positiva
Voglio anche dire da ultimo anzi und ultime cose uno
Considero sgradevole dire a in particolare i senatori che sono come i tacchini di Natale che si ribellano ad entrare nel forno
Sarei un po'più normale nella discussione politica avranno opinioni diverse
E se un'opinione diversa in democrazia in genere al diritto di dirlo lo si ascolta e magari si decide diversamente non c'è bisogno di essere sprezzanti e liquidatorie
Così come non c'è bisogno di essere stressanti e le liquidatori nei confronti della questione dei costi
Perché non solo Chiti ha dimostrato che ci sono altre soluzioni possibili può e non ha fatto altro che
Prendono la vecchia regola dalla matematica invertendo l'ordine degli addendi il risultato finale non cambia quindi da questo punto di vista
è una cosa da scuola elementare non è che sia una cosa complicatissima
Ma
La questione dei costi deve essere anche vista in rapporto con i risultati che si vogliono ottenere e nei risultati che si vogliono tenere naturalmente c'è il paragone con altri sistemi parlamentare
E le paragone con altri sistemi parlamentare la questione non è solo quella di abbassare le retribuzione i trattamenti
Prato qualcuno dovrebbe anche spiegare un po'meglio esattamente qual è la sua retribuzione perché ho sentito fare delle cifre televisive
A me sinceramente non risulta che sia stata abolita la legge del novantanove quindi il trattamento del Presidente del Consiglio non è quello che viene detto in televisione
Perché il trattamento del Presidente del Consiglio ha una base che il parlamentare più
Quindi non può essere che alla metà del parlamentare sempre per le ragioni di matematica fondamentale
Il problema dei costi esiste perché oggi nero non è in rapporto all'opinione pubblica in rapporto alle persone bisogna anche dare conto che in una fase di sacrifici tutti devono fare sacrifici
Ma allora bisogna affrontare seriamente il problema della degli strumenti che consentono ai parlamentari di lavorare
Perché fare una legge perché ha avuto qualche esperienza in questa materia e soprattutto in alcune materie non è cosa semplice
Occorrono delle strutture che ti aiutano occorrono delle competenze ci sono per fortuna tantissime competenze gratuite intelligenze meravigliose che danno il loro contributo gratis
Però non è che la poi sempre a risolvere in questo modo
Qualche volta devi anche potersi avvalere
E voi capite che se i gruppi parlamentari e sono come dire
Tendenzialmente delle caserme cioè hanno una disciplina ferrea per cui quello che viene detto deve essere fatto quello che c'è un'opinione leggermente diverso o che vuole indagare lateralmente come fare
Deve avere una strumentazione
è questo proprio per
Il non vincolo di mandato è questione che riguarda i singoli parlamentari allora affrontiamo il problema ma affrontiamolo bene affrontiamolo con tranquillità
E affrontiamolo con un Parlamento che alla fine della vere nel ruolo della Camera nel ruolo del Senato
La capacità di dare la fiducia ma anche di controllare di bilanciare e al limite di criticare le azioni del Governo e perfino di cambiarlo
Perché il Parlamento deve avere la facoltà di cambiare ciò che il Governo dice questa è una questione fondamentale
Con la quale chi ha fatto esperienze da un lato e dall'altro sa benissimo ci si deve misurare e fa soltanto bene all'allenamento mentale perché vuole dire che a quel punto deve tenere conto anche di punti di vista diverse di cui non avete tenuto conto esattamente all'inizio
Per cui superamento di Camera Lisma perfetto non ha come conseguenza unica il testo del Governo ci sono altre possibilità Chiti ed altre hanno il merito di averlo dimostrato con un'iniziativa concreta
Così come la legge elettorale proposta non è l'unica legge elettorale possibile anzi io spero proprio che non sia la legge elettorale che verrà data per la Camera
Così come per quanto riguarda anche il Titolo quinto io voglio dire c'è una sottovalutazione
Può darsi che io sono poche informato
Però un conto è togliere le sovrapposizioni tra Stato e Regione Enia sette legislazione concorrente non si è rivelato una scelta molto felice però attenzione
Noi avremmo oggi il nucleare in Italia se non avessimo avuto le Regioni a legislazione concorrente sul tema dell'energia
E se permettete anche come uno dei promotori di quel referendum vittorioso vorrei sapere se ho domani le stesse garanzie che avevo ieri quando si è presentato una scelta di quel tipo
Perché guardo con qualche sospetto un Governo che accentra decide tutto c'è un Parlamento che li dal VIA e guarda caso tra questi temi c'è anche la questione dell'energia o magari dell'acqua
Attenzione perché qui andiamo a sbattere violentemente contro sentimenti profondi e sedimentati nell'opinione pubblica che si sono manifestati anche attraverso referendum
Allora io non dico di avere ragione posso avere torto lo metto nel conto lo dico prima che qualcuno mi dica hai torto benissimo
Dico solo che la Costituzione è una cosa troppo seria troppo importante che deve durare nel tempo per essere affrontata con l'approssimazione
E per certi versi è anche l'inaccettabilità con cui se ne parla oggi affrontiamola con serietà io spero che il rinvio a dopo l'elezione europea e consenta di avere una discussione
Più serena se discussione più serena non ci sarà io dico subito che non mi faccio ricattare dal se no me ne vado
Pazienza vuol dire che se si farà un'altra scelta
La parola Gianni Ferrara
Io non posso dimenticare
Di essere un giurista
Ed essendo dalle credo che non possa
Fare a meno di porre una questione pregiudiziale che di fondo
Non posso non porre una questione pregiudiziale che è di fondo
Perché riguarda chi
Che
Chi stava incaricando
Di modificare la Costituzione
Non posso dimenticarlo perché in effetti credo che
Si debba dare un qualche credito anzi una qualche fiducia anzi un'obbedienza
Alle massime
Giurisdizione di questo Paese la Corte scusi professor costituzionale per Cassazione
Ecco perché io pongo il problema della legittimità
Del Senato della Repubblica e della Camera deputati
Che secondo me un problema
Per quale non si parla più
Perché cioè
Una
Una
Tacita
Ma esplicita
Convenzione ormai de il Giornale di Hamas di tutti i media di non dire le cose sgradite alla Presidente del Consiglio
Tante buche prese nel Consiglio e alleato
Alleato del
Padrone
Del padrone dei mezzi di comunicazione di massa io porto invece la questione di questo tipo
La Corte costituzionale ha detto che
La legge elettorale
Calcio Sica ma Portello eh
Una veloce la quale
Per molti aspetti Elia indica lei indica di tutti eh costituzionalmente illegittimo
Lo ha sentenziato
La sentenza è stata pubblicata nel gennaio dello scorso anno e la sentenza
Deve essere deve essere rispettata quindi ogni problema ricevono in tema di riforma costituzionale deve affrontare quello dell'efficacia della sentenza
L'efficacia e la sentenza che è già stata valutata dalla Corte costituzionale dice che non può
Può certamente per ragioni che attengono alla ragion di Stato
Fare in modo che la declaratoria di illegittimità
Possa
Essere
Possa essere fatta valere nei confronti delle attività legislativa di tutto quanto è accaduto nelle tre
Legislature in cui la legge elettorale è stata guardate porcellum
Escludere cioè che vi siano costate conseguente co debbano esserci conseguenze Villetti di delegittimazione di tutto quando è stato traduco Dupont è accaduto nei
Negli ultimi sei anni oltre sette anni ma dice però
Dice però
Che bella per l'avvenire non può non dire che per quell'avvenire
Che per l'avvenire questa
Declaratoria debba avere efficacia l'avvenire la vedeva e dalla
Giorno della pubblicazione della sentenza
Giorno debbo pressione su un terzo teniamo abbia continuato dato
Che la Cassazione cioè
Il giudice remittente alla Corte costituzionale della questione relativa alla legittimità costituzionale della legge per detta norma sportello ma
La Cassazione hanno
Detto qualche settimana fa in modo netto
Senza
Senza esitazione che
Che la salvezza degli effetti dei porcellum prodotti per il passato non attenua ma incostituzionalità che è stata accertata e dichiarata dalla Corte senza altre limitazioni
Del resto non risultanti dal dispositivo della sentenza
Abbiamo cioè le massime
Le massime autorità giurisdizionali che dichiarano passa illegittimità della composizione della Camera dal Senato
In un Paese civile uno scrittore lo ripeto
A seguito dello quella sentenza della Corte costituzionale si sarebbe provveduto ora quello che era del tutto ovvio
è del tutto è del tutto legittimo
Sarebbe dovuto provvedere allo scioglimento della Camera del Senato
Per far sì che la legislazione potesse avere
Nel futuro una mettiti Mita fondata sulla Costituzione
Non è stato fatto
Io non entro traggo conseguenze molto molto
Gravi e tristi grave e triste
La Costituzione della Repubblica avevamo
Aveva previsto
Che ci possono due
Organi
Due organi
Che avrebbero dovuto garantire la costituzionalità la regina costituzionale un organo la Corte
La Corte dico la Corte costituzionale un altro organo
Garante politico che avrebbe dovuto impedire nel farsi dell'ordinamento nel percorso cioè della dinamica
Costituzionale avrei voluto impedire
Illegittimità
E
Incoerenze rispetto alla Costituzione quell'altro organo
Era indicato è stato indicato nel Presidente La Repubblica
Quest'altro organo di fronte alla sentenza la Corte costituzionale non ha provveduto da sciogliere le Camere
Con le conseguenze che a mio parere ricadono poi sulla senso verrà legalità
Di questo Paese se le sentenze non vengono applicate se le tendenze non
Possono avere efficacia non hanno efficacia
Ebbene se evidentemente siamo di fronte
Non ha l'anarchica uno a Roma a uno
Anomia
Che la dice lunga sullo stato alla civiltà un
Di questo Paese
E non è possibile pensare che una classe dirigente
Non applichi le sentenze prebenda poiché la pretendente siano osservate ed eseguite nel numero del dei cittadini quadrati che in realtà siamo di fronte a una Brahms entrambe normali
Quello che attiene
Alla legittimità dell'ordinamento quello che attiene al fondo Hammarberg di nome
Quello che attiene alla
Possibilità di rapporti giuridici che siano improntati alla legittimità
Dico questo naturalmente perché
Non posso non dirlo
E mi pare che sia difficilmente contestabile
Mi pare difficilmente con le sta bene che siamo di fronte una fase della vita euro della Repubblica nella quale fase armi della Repubblica che c'è soltanto uno dei due organi
Della garanzia costituzionale che ha svolto il suo compito
Che fare
Che fare
Io noto sia possibile
Per come si dice dal male
Possono prodursi il bene
Non lo so se è possibile non ti ho mai creduto
Ma non è escluso che
Si possa pensare a una sorta di ridetto intimazione del Parlamento POR dichiarato
Incostituzionale
Una rilegittimazione derivante da quello che Parlamento boh produrre
Può produrre
Di fronte cioè all'inerzia
A Venezia che mantiene accenda dello Stato
Un organo dall'importanza Parlamento deve stimato di fronte a questo si può darsi benissimo che ci sia la possibilità che questo organo Borrelli delegittimato
Posso produrre
Una degenerazione che lo riscatti
è quello che mi resta da fare
E mi ha detto ad auspicare
Ma questa rilegittimazione
Imbriglia impone sicuramente
La le affermazioni di un principio di fondo
E il principio
Del costituzionalismo
Questa
E invenzione dell'illuminismo
Che ha caratterizzato e a Roma prodotto la civiltà occidentale e non solo occidentale
Ebbene
Questo principio
è il principio per cui
Il potere non si accentra non deve essere accentrato il potere deve essere dei vizi o delle maestre
Diffuso
Il potere cioè deve
Trovare il modo attraverso il quale non diventi arbitrio
Non diventi quello che è stato il potere ogni qual volta pensata compressa la libera manifestazione della vitalità delle ACER umane
Significa che
Nella
Fase così drammatica che stiamo vivendo si possa
In realtà uscì nel modo meno drammatico nel modo meno illegittimo
E si possa far sì che
Si producono se abbiamo di fronte adesso la questione del Senato
Io sono
Santo sembra buono come le ho viste
Nel mille novecento ottantacinque
Presentare alla Camera deputate
Una proposta
Vedi box di revisione costituzionale revisione costituzionale tendente
Ad instaurare imitare molo cameratismo
Sono rimasto molo come è riuscito
Ma naturalmente il molo cameratismo al quale pensava il tutt'altro lordi quello possibile per la situazione attuale
Il monopolio Ministro allora si sposava chiaramente al sistema proporzionale
Di elezione della Camera del Senato esisteva procedurale quello che produce all'interno stesso
Dell'organo
Che gli era comporsi produce gli anticorpi
Quella di corte che storicamente poi determinarono anche
Il fallimento
Nella legge truffa
Io rimpiango rispetto a quello che è successo con altre leggi
Quella
Quella vicenda sostanze indicare che
La proporzionale
è garantista
Proporzionale impedisce il concentramento del potere
La proporzionale eh nella linea del costituzionalismo
Le cose stanno né in volo apposto io penso allora che bisogna trovare anche strumenti altri strumenti cioè la proposta Chiti
Io ore qua o qualche riserva alcuna riserva lo spingono l'avrà proposto Chiti è perfettamente in linea costituzionali
Il quale consulteremo ovviamente non può ammettere non può ammettere
Che vi sia una legge elettorale
Che
Come si è visto
Svolge la funzione di mettere d'accordo ogni dal signore che fa il Presidente del Consiglio è un altro
è un pregiudicato
Che il leader di un altro partito ma che adesso visto che questo pregiudicato si accorge di non essere più leader di un secondo partito dice che quella legge elettorale non va bene siamo veramente a questo punto di degradazione
Della politica di questo Paese
E c'è qualche responsabile
Intanto il Presidente del Consiglio
Intanto il Presidente del Consiglio
Che usa l'istituzione o penso che ci lozione siano lo strumento della sua smania di potere ed emerge manomesso
Non risolto
E non voglio insistere
C'è una constatazione che è molto
Personalmente
Mi costa
Di fronte a questo fatto allora
Bisogna far sì che chi sia una possibilità
Interna all'apparato statale interna al rapporto parlamento e Governo in terra
Alla
Vicenda politica quotidiana
E questa
Ipotesi questa possibilità è soltanto da da un Senato che sia un cenato
Guardate che in realtà si parla della
Per la soluzione del riscatto del problema del bicameralismo ma Germania e un altro Paese c'è un'altra storia
I lender sono in realtà agli eredi dei feudi che erano diretti dai principi vescovi e dei grandi elettori
La Germania è stata federale sempre perché erede del Sacro Romano Impero insomma un'altra storia un'altra storia rispetto a quella
Per tosto modesta
Del regionalismo italiano
Piuttosto modesta
E a questo proposito in parte una considerazione mi viene spontanea
Noi già abbiamo di fronte a noi una classe politica regionale
Che a me non pare
Che possa essere indicata come esemplare di rigore morale e politico proprio no
Questo Paese ha la possibilità di avere una
Di modificare questa classe politica regionale questo personale politico ce la fa questo Paese
Ad avere una rappresentanza
Adotta è responsabile sia accendo che alla periferia ho qualche dubbio ho qualche dubbio
è certamente penso che in realtà un Senato formata come non si vuole da parte dei
Da parte dei di Renzi
Sia francamente una corbelleria sopracciglia
Una qualche cosa
Che depotenzia tu depotenzia qualsiasi controllo possibile depotenzia la stessa idea
Di assemblea parlamentare
Dico queste cose
Con
Estremo rammarico
Vedo Giove
Che questa Repubblica
Quello che questa Costituzione
Che io
Ho amato incendiato
Per cinquant'anni
La vedo
Travanut lavorino travolta dalla improvvisazione
Dall'ambizione
Dall'attenta azione dell'autoritarismo
Penso
Che ciascuno di noi abbia il dovere e quindi di resistere
E di provare a far sì che
Questo Paese
Sì vi dessi
E riacquisti da De Mita che aveva acquisito
Per la stagione più alta della mia storia
La stagione della Resistenza e della guerra di liberazione
Grazie a Ferrara
Chiti farà una proposta che io sarei per accogliere perché
Gerardo Bianco deve andare con altre iniziative ha tra l'altro è una iniziativa su
Enrico Berlinguer e quindi dobbiamo assolutamente consentirlo egli ci chiede il posto per l'intervento quindi facciamo l'intervento di bianco prima della
Di chi
Va innanzitutto io ringrazio
Collega grandi per avermi invitato
La secondo occasione in cui pur da incompetente io parlo di questo argomento perché
La settimana scorsa siamo stati invitati come associazione
Ex parlamentari alla Commissione Affari costituzionali presieduta la Finocchiaro per esporre il nostro punto di vista come ho detto
In quell'occasione
Il problema
Della differenziazione fra la Camera e Senato della superamento della cosiddetto bicameralismo paritario indubbiamente esiste
è un problema che si trascina nel tempo perché le prime volte che questo problema si è posto
Se posso pensate negli anni Settanta cinque io qui mi permetterò di dare a chi ti la proposta di legge che il venticinque novembre mille novecentosettantacinque per scrupolo esentata su problema del bicameralismo sono il superamento bicameralismo perfetto
Nel mille novecentottanta il Presidente del Senato Fanfani fece un incontro molto importante con il Presidente
Della Camera dei Lord anche quello è un documento che andrebbe riletto perché chiarisce storicamente cosa significa il bicameralismo e il ruolo peraltro
Molto importante e rilevante alla Camera dei Lord
Non a caso il presidente rivendicava che è la suprema istanza sono saggi i britannici gli inglesi era Superman istanza di carattere giudiziario che esiste perché e la Camera dei Lord che decide poi su questi aspetti
Io o mi ritrovo molto nella relazione introduttiva di Alfiero Grandi
Come dire sorvolo sole sottili osservazione di carattere preliminare che ha fatto grazie da di Ferrara che sono peraltro più che giuste
Ma vorrei dire che dal punto di vista sostanziale solo rapido
Noi ci siamo avviando ad una questione così delicata come il discorso dell'assetto costituzionale in una situazione di totale anomalia recito ramo nella più totale anomalia
Io vorrei ricordare a quelli che come Gianni altre lo sanno quando fu fatta alla Costituente l'allora Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi ed è venuto due volte
Nel dibattito alla Costituente una volta intervenuto sulla questione dedicata all'epoca era ancora aperta la questione è stato chiesto e quindi si trattava di un problema di carattere internazionale il famoso articolo sette dalla Costituzione peraltro oltre però i chiarimenti
La idea che dominò
Quanto costa la scritta Carta costituzionale che erano le forze politiche era forse culturale
Che si confrontavano riciclato di fronte alla anomalia di un Governo che proporrà la proposta di legge e di un Governo che dice
A quello che dovrebbe essere in qualche maniera il controllore del Governo come deve essere composto già questa è un'anomalia Serroni concettuale non sono un giurista
Ma insomma ho avuto dopo quarant'anni di vita politiche qualche come dire infarinatura impostazione istituzionale mi pare che ci troviamo di fronte ad una
Bene grave anomalia
Diceva prima grande è un
La Camera delle autonomie cosiddette autonomie perché
Non saprei definirla tale non ha niente a che vedevo Bundesrat non n la Camera francese al Senato neppure il Bundesrat perché altra impostazione un altro conto essercene
Ma è un po'
Un bis o di
Articoli
Ah sì ad assembrati
E vorrei usare più una espressione che ha usato in un bell'articolo villone che è un assemblaggio di
Paradossi da una parte e di aporia dall'altra aporia c'è Piero di contraddizione
Cioè c'è basti pensare a uno solo degli articoli articolo vero ruolo spalla vento è formato dalla Camera dei deputati e dalla Camera autonomia articolo vedo a rappresentare la relazione
Sono soltanto i deputati questo può essere anche però poi alla fine questi presente solo partecipe adesso il Presidente La Repubblica mi sapete dire
Dove sta la logica ma poi un'altra cosa è vero tutti e due i componenti della Camera e Senato esaltando per dire io le ho contate trentadue di aporie
Ho detto trentadue aporie villone ne ha messi in luce qualcuno le dico un'altra elementare
Solo senza copertura solo senza copertura di carattere diciamo
Legata appunto alle pulita parlamentare però gli uni e gli altri sono senza vin
Lo dico ha dato mi sapete dire vengono rappresentati e rappresentanti delle Regioni dei Sindaci e sono senza vincolo di Mazara che significa siamo al pur frasi svoltisi e tutta la impostazione concepita così
Io
Mi permetto di dire a chi si che ha presentato non lo si regge più come dire
Potabile ecco che era in possesso e la stessa che ha sbagliato e non si può procedere in questo modo
Addetto Alfieri hanno pochi Potì ieri io credo che hanno tanti potevi da bloccare qualsiasi cambiamento R nove ed altro AGEA a avremo quella che
Gian Battista vico già Vavalà eterogenesi dei fini c'è l'attuale
Venissero vuole attuale versione del Consiglio con la cerare cambiare il mondo eccetera eccetera il mondo lo si cambia
Con la bacchetta del Governo il mondo si cambia
Innanzitutto cambiato le coscienze che la vera grande questione di fronte alla quale ci troviamo di fronte a un vero ovvero un perché lo dicevo oggi per quarantacinque
Era distrutto materialmente il paese ma R integrale conoscenza oggi forse abbiamo ancora parecchio come dire costruzione materiale sito stanno occulti su tutte le coscienze questo
è uno dei problemi più e quindi la dovrebbe cominciare vero cambiamento
Ma
Che cosa succede
Nel momento in cui si crea una cada deputati che peraltro mezzo partecipò mezzo non partecipa non ratifica i trattati internazionali però poi puoi chiamare intervenire rimesso all'esercito decente conserva però il potere di andare alla Corte costituzionale
Sapete cosa significa una Camera che non può approvare le leggi e che naturalmente essendo la Camera delle autonomie dove qualsiasi legge nazionale sarà contrastata andarlo a corte costituzionale
E sarà imbroglio altro che
Il contenzioso che c'è mi dirà eterogenesi dei fini invece di accelerare si paralizza io penso che
Il bicameralismo e chiudo
Perfetto andrebbe superato con un modello che fu concepito in quegli anni da un costituzionalista di classe che Sorgenia astrale si lavava leopoldo Elia che era praticamente il bicameralismo cosiddetto procedurali
Cioè una camera approvare la legge
L'altra Camera se ritiene di doverla esaminare la richiama con maggioranze qualificate si specializza loro all'altra Camera per settori eccetera eccetera però si determina una elezione
Problema della riduzione dei costi elementare
Elementare
Si riducono i da parlamentare dell'un'altra parte mezza la parte mezza all'altra mi permetto di dire che questo la funzionalità alla Camera perché altre far funzionare lo sappiamo bene
Per uno che è stato come quarant'anni alla Camera dei deputati euro per fortuna
Iter probatori sono arrivati dopo quindi però a questo punto però io mi sono Autoroutes Avato quadro condiviso più certe scelte certi emendamenti pratico chi è che non sa che operare colon Commissione inno diesel saldato il dito randa membri operare un'assemblea dove ci sono trentacinque trecentoquindici o quattrocento membri
Lo sia
Più partecipi più logico più rapido che do all'operare cose cento parlamentare
E poi
Lascio stare
Proprie tutto partito male pensate legge elettorale prima di riformare il Senato l'ha detto bene
Alfiero cose assurde adesso il paradosso è che se viene cambiato il Senato lo sa come riceverà per forse rivedere la legge elettorale che è una legge elettorale
Obiettivamente indecente ultima cosa mi sapete dire un attimo ci si può affrontare una riforma del bicameralismo colla idea che dopo forse può venire il presidenzialismo
Che è uno sconvolgimento di tutta l'assetto costituzionale io penso che di fronte a questi problemi
Certo
C'è bisogno di aria nuova del Paese preda questi problemi la coscienza di ciascuno di noi non può che opporsi alla manomissione nell'assetto costituzionale del Paese
Qui non ci sono governi che attengano c'è solo la conoscenza di dire no perché se si non si dicevano si perde pure la libertà
Grazie Gerardo Bianco la parola Vannino Chiti
Mentre Vannino Chiti prende la parola volevo dire che dopo di noi è parso la Presidenza Sergio Caserta che avrà un compito molto ingrato che rappresenta uno dei promotori
Ed è quello di fare rispettare i tempi del dibattito perché altrimenti non ce la facciamo quindi otto dieci minuti ma dieci proprio finiti
Quindi passerò la parola l'UE la parola Chiti
Sì grazie grazie ringraziare fiero le associazioni hanno promosso questo incontro per queste occasioni che ci danno
Di di di un dibattito un po'più sereno un po'più libero
Ma anche premesso voglio dire non sono un giurista quindi su
Sulla prima considerazione che faceva Ferrara in modo da un altro punto di vista
La la la l'assunzione di quella decisione è stata fatta promessa e con una continuità possibile legislativa non solo per il passato ma anche per il futuro questa è l'impostazione e comunque attenzione perché
Questo Parlamento dovrebbe in ogni caso di vedere la legge elettorale
Se si andasse a votare con la legge elettorale consegnataci dalla Consulta non c'è semplicemente lo sbarramento del quattro per cento per la Camera deputati che potrebbe essere un qualche cosa di di normale
C'è uno sbarramento dell'otto per cento su base regionale per il Senato
Quando eravamo al Governo io svolgevo questo ruolo non so se Telecapri severo fece un calcolo feci fare un calcolo dagli uffici di che cosa voleva dire lo sbarramento dell'otto per cento su base regionale in poche Regioni e l'otto per cento
Scivola nelle regioni più grandi all'undici dodici in alcune regioni arriva il diciannove per cento
Quindi
A avrebbe un effetto che è un effetto diciamo che dovremmo proporci di modificare è vero che la legge elettorale
Non è una legge di procedura costituzionale però è fortemente integrato a un Parlamento che poi modificare quello
Io penso allora invece che questo punto vada assunto così perché il problema che
Poneva afferrare al di là delle risposte a quelli che bisogna
Comunque averlo presente io penso che qualsiasi riforma costituzionale venga fatta sia obbligatorio referendum dei cittadini quale che sia la maggioranza con cui viene approvata in seconda lettura questo è un punto
Decisivo che dobbiamo acquisire perché altrimenti questa questione si può si può si può effettivamente porre e poche sale dopodiché la citazione d'essai comunque
Uno sforzo perché si è fatta si è fatto molto positivo
E
La l'altra questione che volevo dire in premessa è una cosa che ora richiamava
Gerardo Bianco beh qui bisogna avere una visione d'insieme che sono rimasto terrorizzato perché si ragiona dal punto di vista di come si supera il bicameralismo perfetto commessi riorganizza il Titolo quinto
E come viene impostato le leggi elettorali compete per la Camera e per il Senato se ci sono per entrambe o si ragiona
E e quindi si ragiona con idea che c'è un Governo di tipo parlamentare poi si può discutere se si legge solo il primo ministro se c'è la sfiducia costruttiva ma è governo parlamentare oppure e si vuol fare
E il presidenzialismo perché cambia perché non può dire poi non ciò pregiudiziali perché se se si imposta insomma la riforma costituzionale si può fare
Avendo se si ha una visione d'insieme e poi ci possono essere fasi diverse ma non è che si può fare come si cambia il Parlamento e poi domani ci si trova alle questioni che riguardano
Che riguardano il presidenzialismo od altro
In Parlamento in questo momento successo rammento il bicameralismo perfetto ci sarebbe una grande convergenza si rischia
Leggerlo ridando ci sono altri colleghi
Ricada da Grazia Gatti che lo possano confermare cioè in questo momento per superare il bicameralismo d'altra parte dal mille novecentosettantacinque poi forse
Il problema che ci troviamo questo giustifica un parte
Diciamo noi non la fuoriuscita negativa ma giustifica il fatto che ci possano essere incursioni che poi fanno del male se le riforme a un a un certo punto non si riescono a fare poi finisce che
Vengono stravolte da spinte da una Costituzione materiale che poi
S'impoverisce e snatura la Costituzione la Costituzione che è scritta ci sarebbe una larghissima convergenza
Per dire che la Camera deputati è unica vere un rapporto fiduciario con il Governo
E su questa base che ha l'ultima parola su una gran parte su una gran parte delle leggi questi sono dei punti che potremmo considerare acquisiti credo che se venissero messe votazioni faremmo una riforma che ha una larghissima convergenza
Il problema è appunto
Come si supera non si ma come si supera il bicameralismo perfetto e come si tiene insieme in uno sguardo complessivo
Quello che si chiami tali come la legge elettorale appunto per la Camera alla revisione del Titolo quinto il ruolo futuro di di di Senato e Camera oggi secondo me non ci siamo io l'ho detto anche nella Commissione quindi non
Non dico cose diverse
L'Italia con una legge iter maggioritaria
Si potrebbe dire quali sono i punti di inserimento che che che sono che sono stati introdotti perché mi ricordo dell'esperienza Toscana le tre soglie sono le tre soglie per l'accesso quattro e cinque
Otto per
No dieci per cento otto per cento otto per cento se non si è incorsi in coalizione otto per cento ho detto prima per il Senato vale anche per
E dodici per cento complessivamente per la coalizione ma l'otto per cento è ancora più dure è grave anche il dodici membri perché certo tu tu
Tu costringe chi vuole fare una coalizione per conto suo a stare in quella può arrivare al dodici per cento ma anche l'otto per cento cioè sette o Rizzato per tutta una vita
Che costringeva a stare in una coalizione controvoglia porta poi delle conseguenze sul Governo che si fa esattamente quello e quindi c'è un problema serio cioè sì
Si vuole che
Forse che si presentano in modo nuovo o forze politiche che hanno un consenso siano anti istituzionali questo cambia un percorso della storia italiana non della storia del dopoguerra comunque si siano chiamati
Le forze democratiche dall'Unità d'Italia in poi hanno avuto vari nomi
Ma un orientamento che è stato comune sempre quello che la fragilità della situazione italiana doveva essere risolta allargando le basi della democrazia ora invece si ritiene che le basi della democrazia in questa tempo
Debbono essere ristrette quindi questa è la questione
Io non sono proprio convinto della scelta che abbiamo fatto di separare Senato Eataly Cometa non sono convinto poi
Si può separare le fasi in cui si discute inaugura queste chiaro ma io penso che alla ripresa dopo le elezioni noi bisogna impostare
In nelle camere anche né nei gruppi politici la questione di come si vuol cambiare la legge elettorale della Camera perché secondo come la legge elettorale della Camera così discuta anche di quello
Che dovrà essere che dovrà essere il Senato
La seconda aspetto l'italico ma non sapete nei collegi né preferenze io sono per il collegio uninominale ma se mi si danno tre quattro candidati allora ci sia la preferenza perché questo è un punto ripeto la mia preferenza il collegio uninominale ma
E il terzo aspetto è che col trentasette per cento raggiunto anche con chi non entra in Parlamento
Sia un premio di maggioranza questo sia un premio di maggioranza e porta la maggioranza assoluta dei seggi da questo punto di vista
Chi chi l'ha detto sulla detto si sensata
Quella che non abbiamo letto come legge truffa che quando scattava cinquanta più uno cioè per le maggioranza e davvero qualche cosa che si può che si può rimpiangere il sul sul
Sul Titolo quinto condivido le considerazioni che faceva fare
Si può discutere attualmente se le grandi infrastrutture dell'Energia della comunicazione le grandi infrastrutture sono riportate alla competenza dello Stato centrale e questo è un discorso era
Acquisito stessi riporta alla competenza dello Stato centrale esclusiva esclusiva
Il lavoro e la sicurezza sul lavoro la sicurezza sul lavoro
Se si riporta la competenza esclusiva il territorio e quindi anche l'urbanistica
Se si riporta alla competenza esclusiva ore concorrente l'ordinamento delle autonomie locali B DD di che cosa si parla c'è questo diventa un regionalismo povero l'esperienza cioè il giorno non non va verso euro
è un rischio va beh
No va beh lo so che attuare queste sentenze centralistiche comunque è un regionalismo che si impoverisce dopodiché non si può impoverire regionalismo da un lato e dall'altro appunto fare del Senato
Una una campi una Camera che si riunisce ogni tanto però che a
Poteri sulla Costituzione almeno quelli sul resto aveva solo nel nella proposta del Governo ci sono soltanto pareri
E quindi il resto diciamo una sorta di Conferenza Stato regioni città che è costituzionalizzato a pareri co con una Camera eletta co con una legge iper maggioritario
Io penso appunto come questo che dobbiamo dobbiamo vedere un è stato detto più volte è vero
Nel mille novecentonovantasei nella proposta dell'Ulivo
C'era il Bundesrat italiano
Ma il Bundesrat italiana perché era la fase in cui si pensava di andare verso un federalismo cooperativo e solidale c'è stato poi il Titolo quinto nel mille novecentonovantanove allora comunque mi ricordo bene perché la sostenute in e io la sosterrei ancora se ci fosse ma manca quello che tu dicevi
Cioè per avere un Bundesrat italiano cioè per avere una seconda Camera in cui ci sono esclusivamente governi esclusivamente governi regionali e con un voto unitario cioè non scatta un meccanismo
Di di di di configurazione politico partitica più
E quello non si può fare dietro le quinte allora devo avere un altro fondamento
è bisogna che esista delle Regioni che hanno delle competenze più forti e non vedo neanche oggi le neppure le condizioni politiche e anche un'ora riorganizzazioni diversa delle idee deve delle Regioni e le due cose
Se vi ricordate dibatto della Fondazione Agnelli dei primi anni Novanta delle dell'altro secolo e competenze non ci sono state e
Quindi non esiste in realtà una possibili cioè esiste ma si fa un'altra cosa una possibilità di fare un Bundesrat italiano
Il Governo è intervenuto con un suo disegno di legge non era obbligatorio non è illegittima e legittimo Governo può fare una proposta di legge di riforma costituzionale il problema è che come dicevi tu Gerardo che una volta che scrissi scrissi fa una proposta
Su questa bisogna misurarsi non dicendo ci sono dei pilastri invalicabili il giorno l'ora allora ancora no ma insomma in cui si deve si deve approvare perché altrimenti si forza una situazione
E si determina uno squilibrio che non serve a nessuno non serve alle riforme
E non serve al Governo perché non è parte di un programma di governo la Costituzione ha un ruolo fondamentale dei cittadini vede del Parlamento e popolo come l'ultima parola dei cittadini perché allora terminato
Perché abbiamo presentato un disegno di legge diciamo diverso ben prima di tutto l'abbiamo presentato perché
Se
Il Senato rimanesse come oggi come oggi nella proposta cioè un pareri fisso
Dai che non ha senso ovvero l'elezione diretta cioè si dice io questo è stato uno degli elementi che che che per quanto mi riguarda mi ha spinto perché ha un senso né lezioni di cittadini
Se il Senato ha qualche competenza che il perché la giustifichi se no appunto forse meglio il mo'qua devono camerali ISMU con tutti i rischi e sappiamo non solo per il monogramma realismo ma è inutile discutere sette sette riunirsi una volta ogni tanto
Esprimere dei pareri che volete che si è letto cittadina presa in giro della democrazia
Seconda considerazione immaginate che cosa sarebbe successo oggi già ci saranno molti io non credo che sulla Costituzione si possa decidere soltanto a colpi di emendamento non sapendo quell'emendamenti a quale visione si riferiscono
Oggi si può presentare gli emendamenti perché chiara quale no una nostra visione nostra impostazione se questa visione non c'è o o se non passa il discorso delle competenze non avrebbe senso io penso allora
Io penso che
Come ho detto la Camera deve avere un'esclusività del rapporto fiduciario con il Governo e l'ultima parola su una gran parte delle leggi penso anche
Che debba avere una legge elettorale che ha un'impronta maggioritaria ma insomma
La in modo serio ecco non non forzando oltre oltre oltre un certo limite già il fatto di mettere sbarramento e premio di maggioranza è una somma se poi si forse addirittura in entrambe le direzioni la somma diventa
Diventa più più complicata annui
Dobbiamo avere presente anche quello che sarà l'ultima considerazione che faccio che che è in gioco oggi rispetta la democrazia secondo me si sta un po'sottovalutando almeno nel nostro nel nostro Paese
Penso che il bicameralismo debba rimanere paritarie così si debba chiamare
Sulla Costituzione
Sulle leggi elettorali il referendum sugli ordinamenti dell'Unione europea che non sono le politiche o penso agli ordinamenti se se si costruisce se si rafforzano i trattati dell'Unione europea si indebolisca cioè
Anche il Bundesrat tedesco si pronuncia anzi
Ne fa una una
Missioni di fondo sul diritti civili e politici fondamentali
Ma davvero in questo Paese dove in questi anni si è rischiato che ha un forzato bipolarismo politico si accompagnasse un bipolarismo etico si vuole che sulle libertà religiose sulle leggi che si dicono di di bioetica non le coppie di fatto quelle di di bioetica
Sui diritti delle minoranze sui problemi di integrazione degli immigrati ci sia una sola Camera eletta sistema maggioritario che si pronuncia
Se questo scene
Allora un senso che il il Senato venga eletto direttamente dai cittadini con una legge proporzionale e con le preferenze se non c'è un Collegio unico perché il Senato non dovendo e e non solo ma che il Collegio estero che ormai c'è
Esclusivamente ci sia per il Senato secondo me cioè per una Camera che ha questi compiti e che non esprime direttamente un rapporto fiduciario
Con il Governo faccio presente poi concludo
E poi se si guarda quello che avviene
Nel resto dell'Europa delle grandi democrazie europee
è il bicameralismo perfetto non c'è da nessuna parte ma
Anche la Camera dei Lord ha dei poteri se anche se non elettiva per ereditò per nomina può bloccare per un anno le leggi del dei comuni per un anno non per un giorno
La Spagna che ci hanno descritto fino a ieri fino a ieri vendermi veniva rappresentata la Spagna e penso che per molti aspetti sia come un modello di democrazia che funziona una legge elettorale fortemente maggioritaria benissimo
Il Senato viene eletto direttamente dai cittadini per una gran parte quattro quinti una parte
Dalle dalle comunità autonoma ma al Senato spagnolo sugli ordinamenti degli enti locali delle autonomie locali non solo a potere paritario
Di bicameralismo paritario ma sia alla Camera che il Senato devono approvare la stessa legge con una maggioranza assoluta e sulle modifiche alla Costituzione Camera e Senato né Spagna devono approvare lo stesso testo con i due terzi
Obbligatori noi non non se ne
E allora se funziona quel modello
Forse si può riflettere e riflettere ecco riflettere vuol dire non avere le verità rivelate in tasca in questo in queste in queste materie ma neanche stare agli slogan per cui
Il discrimine tra progressismo e conservazione è diventata l'innovazione da questo punto di vista la Thatcher è diventato e no proprio improvvisamente progressista
Perché ci sarà una strada di innovazione
Che è giusta e chi e progressista una strada di innovazione che è giusta perché peschi è schierato un altro modo credo che che ci sia quindi ritorniamo un po'al merito invece di stare sulle paludi sulle conservazioni
E sul resto vediamo vediamo il merito il merito dei dei dei provvedimenti l'ultima considerazione proprio ultima che voglio fare
E quella diciamo insomma la democrazia nel nostro tempo essi data
è vero che non è più
Come nel ventesimo secolo non ci sono più totalitarismi di destra di sinistra che la sfida ormai Fidanza ugualmente sfida Franco in questo tempo basta guardare all'Europa quello che succede in Paesi dell'Unione europea
Non c'è un populismo semplice perché populismo a volte anche segnale che ti dice che la politica deve stabilire un rapporto c'è un populismo reazionario queste diverso no un populismo reazionario che mette in discussione la democrazia
C'è un bisogno di partecipazione diretta dei cittadini
C'è
Il fenomeno che è determinato dalla Rete che comunque è condizione alla nostra la nostra vita ancora di più quelle delle giovani generazioni e secondo me è una scommessa una sede qui se la democrazia rappresentativa che è quella che noi sentiamo come valida
Riesce avere un futuro nel senso che riesce
A trovare a fare dei momenti di partecipazione diretta compresi quelli che avvengono attraverso la rete dei momenti complementari e non dei dei momenti di antagonismo allora
C'è certo anche il modello francese faccia il suo discorso per dire il modello francese che certamente molto migliore il sistema elezioni francesi quello che viene proposto nel testo del Governo a questo punto di vista volesse Francesco è molto migliore
Ma voi pensate che oggi perché non siamo nel mille novecentocinquantotto
Pensate che se si elegge se un senatori che hanno queste competenze che prima dicevo e in una regione faccio l'esempio della mia regione perché la conosco meglio se in Toscana faccio votare
Tre quattro mila cinque mila persone che hanno un incarico nelle istituzioni anziché il diritto di voto che hanno tre milioni e duecento mila persone pensate che questo sia proprio tanto facile farlo capire oggi ai cittadini
E e domani quando sulla Costituzione quando sulle leggi elettorali quando sui rapporti con l'Unione Europea ci sta si tratterà di prendere una posizione quel senatore di domani
Nuovo bravo valido in tutte le Regioni
Quando sarà contestato con una proposta alternativa o con una proposta positiva
Da persone che sulla rete partecipano in trenta mila
I suoi i suoi cinque mila dai dati delle azioni lì ne fanno uno legittimato Peppe stare in campo o si si crea domani una frattura per quanto riguarda il ruolo della democrazia rappresentativa nella società in cui noi crediamo che questo non è quella
Dietro Dio di ieri l'altro dall'innovazione forse
Si deve si deve misurare che su questo io penso invece
Che noi dovremmo cogliere questa occasione per cambiare referendum
E cioè
Perché di questo appunto dicevo la complementarietà quindi da un lato proposte anche in queste settimane
Tante volte aumentare la soglia per richiederlo quell'abrogativo
Ma contemporaneamente farlo essere valido sul cinquantuno per cento di quelli che hanno partecipato alle ultime elezioni proposte che avete perché è comunque uno strumento di partecipazione che la democrazia rappresentativa del dare
E secondo me introdurre per legge i casi in cui si può fare un referendum propositivo e ammettere referendum propositive costruirlo
Perché mi pare che questa sia la via se vogliamo fare una riforma che tenga insieme rinnovamento delle istituzioni della democrazia rappresentativa e il nuovo rapporto concittadini che credo debba essere
Il nostro riferimento fondamentale
Grazie
Grazie a Vannino Chiti
Faissola Presidenza gagliarda volevo dire solo che tra i poteri del Senato bisognerebbe togliere a Giovanardi
Il ruolo di relatore sulla legge sulla droga
Bene grazie fiero mi si chiede di essere un po'intransigente la materia è complessa ma è stata mezza molta carne a cuocere segnalo con piacere che non compare tra le associazione promotrice mai aderito
Agire politicamente che è la rappresentanza dei cattolici democratici l'associazione prestigiosa
Che fa ci fa PC che sia con noi procederemo in ordine pressoché alfabetico cercando di essere anche insomma sintetici la parola alla senatrice ricada da
Da

Il microfono grazie dell'invito soprattutto grazie per questa discussione perché particolarmente interessante io formato il disegno di legge di Vannino Chiti che continua a sostenere
Molto fortemente
Avete detto tutti cose estremamente interessante avete toccato i temi che riguardano non soltanto le proposte che sono in campo ma anche i contenuti andando a fondo di alcuni aspetti c'è un elemento che mi vorrei rimarcare rispetto a
Quanto è accaduto al momento che stiamo vivendo ora noi sicuramente siamo consapevoli
Che è un momento in cui il questo Paese ha bisogno di riforme ha bisogno anche di riforme costituzionali e istituzionali e del modello di
Come dire di Governo del Paese quindi da da parte nostra non c'è assolutamente rispetto a questo punto nessuna contrapposizione
Però c'è un dato che vorrei mettere in luce il problema della comunicazione
C'è la comunicazione è diventata un altro degli dei pilastri possiamo dire così degli attori in gioco
E la comunicazione rispetto a questo tema non è quella di rendere consapevoli i cittadini di quanto sta succedendo quindi delle delle varie proposte che sono in campo
E e quindi di renderli edotti ed informare la comunicazione è un attore che sta giocando con l'altro ruolo
Perché se voi avete visto come costo disegno di legge che a prima firma del senatore Chiti è stato presentato come vengono sono stati presentati anche le persone che l'hanno sostenuto convintamente anche mettendoci
La propria faccia proprio per dire guarda sono qui voglio discutere voglio parlare perché penso di poter magari
Contribuire nel ruolo che ho poc'anzi devo contribuire per il lavoro che occupo a discutere delle riforme del mio paese bene quello che ne è uscito è tutt'altra cosa c'è stata anche
Sono stati usati termini diciamo abbastanza offensivi nei confronti di chi in qualche modo si mette in mezzo
A un percorso che dovrebbe essere in qualche modo lineare e questo io credo che sia una cosa molto importante ed è molto importante che voi oggi siete qui perché per quello che posso posso dire per come la vivo
Tranne qualche tra voi alcune associazioni che si muovono ma c'è stato anche un po'un silenzio assordante in giro
Ha fatto molto rumore secondo il mio punto di vista questo silenzio perché
Se qualcosa non interveniva qualche sassolino non si metteva nel meccanismo c'era nessuno ne parla cioè icone i Comuni i Comuni taceva
Alle Regioni gli si è tolto praticamente mi si toglieva ogni si vorrebbe togliere
Rivedendo il Titolo quinto e mettendoli poi nel Senato insomma rimette Sinisi metterli in una sorta appunto i dopolavoro di di di luogo dove stanno giocare una volta al mese una volta anche ogni due mesi
Come è stato detto e però non dicono nulla
E non entro nel merito specifico di queste delle delle competenze se sia bene o o male arte accentra nel comune altre sono state accentrate fin troppe
E se quelle poiché invece vanno a scavalco come devono essere trattata non dicono nulla ecco questo è una delle cose che a mio avviso è particolarmente
è importante da tenere presente perché alcol falsa impatto un po'la la la la possibilità di giocare una
Secondo delle regole una partita che deve essere importante
I parlamentari ma che adesso è importante anche anche per i cittadini
L'altra questione fondamentale è che obiettivamente guardate io penso che siamo in un momento molto particolare
Poi magari dire un momento in cui la democrazia del Paese può anche essere a rischio sembra di essere un po'retorici far sempre quelli che voi adesso fare trombone ecco però a me pare che in effetti questa cosa ci sia però
Io sono convinto di una cosa guardate se davvero dovesse succedere e non ci credo non voglio credere che non so che si arrivi a quello che una riforma come è stata presentata dovesse passare
Io sono convinta l'ho detto anche nella dibattito in Commissione che a quel punto ad un certo punto i cittadini italiani si può fare però perché guardate che trovarsi con una legge elettorale
E non serissimo verrebbero con una sorta di e disgusto a mio avviso che tracci minerebbe potrebbe essere molto pericoloso
Perché trovarsi con una legge elettorale che ti dà di nuovo dei nominati dalle segreterie dei partiti comunisti e un po'più ristretto la sua posseggo quella roba lì non è una parte poi quelli sono nominati buoni non sono nominati cattive ma alle nove fa le sue valutazioni
Con la legge di nominati con un con la una camera del dei deputati che ha tutte quelle caratteristiche che abbiamo visto quindi
Quindi un listino di nominati un Senato che sostanzialmente privo di qualunque potere
E nel contempo con delle delle Regioni quindi con delle autonomie territoriali che perdono quei poteri
Su quella forza che in qualche modo vivo arrivano e che è vero che in qualche momento è stata anche molto utile
Magari giocando sul fatto che contingente che obiettivamente le Regioni hanno perso anche un po'di credibilità perché sono state una serie di scandali di o di cui ho o di altre situazioni che contingentemente non li metto non non le mette in una luce favorevole
Ma quando il cittadino si renderà conto di questo allora io credo che
A quel punto
Il rischio è di avere una reazione che sarebbe davvero una relazione pericolosa ecco perché è indispensabile intervenire i fatti e far capire a chi ha posto in campo questo genere di
Riforma del Senato quant'è quella una mi ha colpito una rassegna stampa che mi è arrivata oggi
E lo dico con con grande serenità lo dico Presidente del Consiglio c'è la riforma del Senato quello che mi importa portare a casa la riforma del Senato
Ma meglio fare la riforma del Senato c'è una ragione Pasqua particolare c'è stato uno ce l'ha ordinato il medico o abbiamo bisogno del de di riforme
Delle istituzioni Delli Carri bicameralismo così come
Perché dobbiamo far funzionare meglio lo Stato perché è stata veramente passando Dino anche questo messaggi CeBIT dobbiamo fare la riforma sarà
Come se quello sia il lì si sia in qualche modo
I incardinato il male di tutti di tutti i possibili malanni di questo Paese guardate che è un messaggio che
è veramente dannoso perché tra nord e il partito oltre tutto questo lo sappiamo
Con una motivazione
Che
Da un punto di vista penso di chi come voi tratta la Costituzione irrompono oggi qua tematico abbiamo persone di grande levatura
Che è partita con una motivazione che a mio avviso una riforma e dell'istituzione del Paese non può nemmeno permettersi di dire cioè e partite sulla questione dei costi
Badate non perché io non voglio una revisione di tutto questo che altra cosa ovvio che è necessaria ma io non parto dicendo faccio una regola non aveva riforma costituzionale che è la più importante da quarantotto ad oggi e perché così risparmio qualcosa
Qualcuno mi deve dire perché non va bene disegno di legge Chiti che risparmiamo un po'di più perché io ho provato chiedo lordi temi perché non va bene un disegno di legge ti dice guarda che risparmi anche di più tra le altre cose magari mette a posto alcune alcune questioni se andiamo a discutere
Però si è partito da provare i costi che cosa vuol dire che sia in qualche modo solleticato
In un momento di difficoltà di grande difficoltà sociale perché la questione del lavoro la conosciamo tutti senso litigata quell'attenzione che c'è nel Paese
In qualche modo per ingraziarsi alla e portarla verso una determinata posizione ora questo è un elemento che io trovo veramente
Non solo sbagliato ma perché va beh documento uguagliato che vado io termino subito Querzè trovo veramente pericoloso se noi torniamo a discutere nel merito e sui contenuti saremo in grado
Anche poi su tutti i temi e concreti del lavoro quando saremo in grado in qualche modo di e depotenziare e di riprendere il rapporto con i cittadini
E quindi depotenziare quell'attenzione che oggi c'è
Ma questa modalità di rapportarsi attraverso anche la comunicazione ai nostri cittadini rischia davvero
Abbiamo parlato di populismo abbiamo parlato di
Democrazia a rischio io direi che in qualche modo per la storia politica e sociale del nostro Paese c'è bisogno di avere molta attenzione perché rischiamo
Discussione aree verso una china di cui non è facile prevedere quali saranno le conclusioni quindi non voglio nemmeno usare Grandi Terme
E per questo che su questo sud temi di contenuti e i temi di merito della Costituzione io credo che nessuno ci può chiedere come parlamentari
Ci può chiedere di non dire la nostra magari sbagliando ma non si può non ci possono chiedere di non confrontarci non ci possono chiedere di
In qualche modo
A vere delle come possiamo dire
Una riforma una proposta di riforma che ha detto agli a lei non dei paletti a i pilastri centrali che sono intoccabili
Anni dal mio punto di vista di meno parlamentare sono alla prima legislatura quindi sono l'ultimo l'ultimo arrivato dal mio punto di vista questo non è accettabile e non intendo accertato
Molte grazie molto chiara
Mauro Bulgarelli
Ma intanto volevo ringraziarvi per tutte le associazioni io faccio parte di ANAS che hanno organizzato
Questo appoggio diretto anche a quella che è la legge Chiti e a tutti coloro naturalmente stanno firmata adesso per semplificare la chiamiamo legge Chiti poi è evidente che
Il ringraziamento va esteso a tutti anche perché
E mi pare che
Tra le righe si riesca a leggere anche qui come sotto testo
C'è un problema un problema reale almeno dal mio punto di vista è che una discussione su quella che è la riforma del Senato non può essere lasciata solo più unicamente in ambito parlamentare
Perché riguarda riguarda la democrazia
Riguarda la Costituzione cioè riguarda tutto ciò che è nato in questo Paese grazie alla liberazione grazie a quello che noi conosciamo quando i nostri padri costituzionalisti hanno varato la Costituzione
Hanno pensato a una sorta di organismo onnicomprensivo una sorta di organismo vivente no completo largo vasto che doveva tenere conto a trecentosessanta gradi di quella che è la vita e di tutti gli aspetti che fanno la vita dei cittadini
Lavoro alla cultura alla salute a quant'altro e oggi invece la tendenza e io credo
Che sotto sotto vi sia poi chiaramente un'operazione che non è uno solo un'operazione di rimessa tra virgolette apposto della Costituzione oggi la tendenza è quella di fare a brandelli strappare da questo corpo
Pezzetti per adattare il proprio schema ha dietro una grande illusione no tutto ciò
Che abbiamo già visto che è stata uno dei grandi problemi la sinistra nel nostro Paese che quella che ogni volta che noi governiamo pensiamo che governeremo per tutta la vita no
In modo che tutto ciò che andiamo a formare a modellare in quel momento
Serva più annui senza poi tenere conto che in realtà la storia ci ha sempre dimostrato
Che il giorno dopo accadeva quello che nessuno in quel momento pensare anche che a governare a beneficiare di tutte quelle che potevano essere proposte comunque antidemocratiche
Non era la sinistra ma era qualchedun altro quello che rimaneva dalla sinistra
Comunque preferisco leggere le cose che ho scritto anche perché se no il divagare diventa
Dicevo infatti la discussione sul progetto governativo di riforma il Senato non possa essere confinato nel solo ambito parlamentare ne possa riguardare semplicemente l'impianto istituzionale che pure ne uscirebbe
Fortemente segnato dalla sua prima approvazione ma meriti di essere affrontato su un piano più generale che è quello della democrazia
Commentatori di diverso orientamento
Hanno bollato come sovversivo il Progetto di Renzi l'Esecutivo infatti non è titolare nel nostro ordinamento di tutti i poteri
Ma solo e assieme ad altri organi dell'indirizzo politico del suo programma di governo
Diversi costituzionalisti inoltre hanno rimarcato il fatto che un'alterazione così profonda dell'assetto istituzionale a partire da sostanziale smantellamento della divisione dei poteri non può essere giustificato appellandosi all'articolo centotrentotto della Costituzione
Che permetterebbe soltanto una revisione del dettato costituzionale e non un suo stravolgimento
Se ciò accadesse l'introduzione del mono Carmela realismo diventerebbe di fatto con inaccettabile scorciatoia per semplificare in senso fortemente autoritario il sistema politico
Di questo Paese
Di certo la rottura del rapporto fiduciario fra Governo e camere
Andrebbe in quest'ultima direzione non spetta all'Esecutivo insomma la materia costituzionale che invece appannaggio del Parlamento cui compete il potere di revisione del resto il principio della divisione dei poteri si fonda proprio sulla preoccupazione
Che una maggioranza politica di Governo possa alterare le regole comuni ma qui la faccenda si complica ulteriormente
Pompa lamento esplicitamente delegittimato io sono d'accordo con Ferrara a questo punto di vista dalla recente sentenza della Corte costituzionale avere i requisiti per mettere mano alla Carta
Certamente ne ancora tecnicamente la facoltà ma a patto di aprire una stagione di riforme istituzionale complessiva
Con tempi di discussione adeguati e modalità improntate al recepimento di ipotesi alternative invece Governo Renzi ha scelto la strada la prova di forza
Cavalcando la propaganda populista sulla riduzione dei costi della politica e diffuso risentimento contro la cosiddetta casta
Ha trasformato l'approvazione delle riforme del Senato in conditio sine qua non per la stessa sopravvivenza dell'Esecutivo ma io sono convinto che questo lo farà su ogni questione
Perché in quel momento avendo nelle mani completamente la comunicazione verso il Paese esista una sola comunicazione e quella eterodiretto decollare anziana a questo punto di vista quindi qualsiasi cosa diventa determinante
Per la governabilità per il proseguo eccetera eccetera eccetera cura tocca questo dopodomani sarà qualcos'altro sicuramente
Sostenendo
Che solo così
E la tanto agognata governabilità potrà essere assicurata ora questa scelta senza entrare nel merito e nel merito di scenari che Potì schiudere primo dei quali è indubbiamente un rafforzamento in senso
Presidenzialista dei poteri dell'Esecutivo è autorizzato in sé perché modifica il ruolo delle opposizioni in virtù delle modalità sostanzialmente le Kate ricattatori con le quali viene imposta
Per questi motivi l'approvazione o meno della riforma del Senato
Rimando una questione più generale di democrazia che non riguarda
Certo solo il nostro Paese ma l'Europa intera proprio l'Europa del resto è uno degli scenari
Che viene sistematicamente invocato Terenzi va presa una modalità degli ultimi dieci anni uno ce lo dice l'Europa poi si va a vedere che resta all'Europa forse intendeva dire altre cose tutto sommato
Vic cosa dice reinserire sedici sono facciamo subito le riforme minacce Presidente del Consiglio perderemo credibilità agli occhi della UE e pre-CIPE terremo fra i Paesi destinati a subire passivamente le politiche comunitarie invece che guida
Questo rimando all'Europa oltre che su una retorica e fuorviante
Se c'è un'Europa che preme per le riforme quella mio per liberista ostaggio delle banche del potere finanziario internazionale quella stessa Europa che ha imposto il Governo Monti non dimentichiamoci in Italia e quello di Samaras in Grecia a questo proposito
è opportuno citare un documento riservato di GP Morgan datato ventotto maggio due mila tredici il titolo è la traduzione l'euro e l'area da aggiustare in un quadro
Più o meno questo il senso della cui esistenza io ho preso recentemente tra l'altro leggendo un commento di Salvatore Settis l'estensore del documento cioè AGP Morgan spiegano con agghiacciante sicumera che all'origine della crisi
Che non vi sarebbero tanti problemi di natura economica quanto il fatto che i sistemi politici dei Paesi del sud cioè il nostro anche
Sono sorti sulle ceneri delle dittature e furono influenzati da quelle esperienze proprio evidente sarebbero proprio le loro costituzioni che mostrano una spiccata impronta socialista
Riflettendo la forza politica i partiti di sinistra hanno guadagnato dopo la caduta del fascismo questi Paesi oggi sarebbero inadeguati ad affrontare la crisi
Perché hanno esecutivi deboli nei confronti dei Parlamenti governi centrali deboli nei confronti delle Regioni
Tutele costituzionali dei diritti dei lavoratori tecniche di costruzione del consenso fondate su clientelismo il diritto di protestare se cambiamenti sono
Sgraditi la crisi continua il documento
Ha illustrato a quali conseguenze portino queste caratteristiche
I paesi della periferia hanno ottenuto successi solo parziali
Nel seguire percorsi di riforme economiche fiscali
E abbiamo visto esecutivi limitati nella loro azione dalla Costituzione leggi Portogallo queste scritto su quel documento dalle autorità locali cioè la Spagna dalla crescita di partiti populisti i
Taglia e Grecia
Quindi si parla di noi e si parla che di quello che si sta
Facendo in questo momento all'interno del Parlamento italiano penalisti IGP ma ogni anno sale
Infine contestano l'idea di uno Stato dove i poteri legislativi esecutivo giudiziario appartengono organi diversi
Concludendo che il teste chiave per il prossimo anno sarà in Italia dove il nuovo Governo all'opportunità di impegnarsi e significative riforme politiche
Questo malcelato interesse capitale finanziario internazionale per le vicende di casa nostra forza a mio avviso la necessità di contrastare il programma di riforma del governo Renzi
Che motivando uno dei fondamentali dispositivi di garantire garanzia istituzionale cioè il bicameralismo dagli o sono un convinto bicamerali Istat nella mia esperienza parlamentare che saldi forse se ne ricorderà
Diverse volte ci siamo trovati in Commissione giustizia al Senato a rimandare indietro leggi che di fatto erano già passata alla Camera stabilmente successo anche il percorso inverso
Questo per dire che troppe volte ci sono dei problemi a volte piccoli ma a volte anche di grande sostanza
Tralascio tutta la parte della bontà della legge Chiti a cui va naturalmente il nostro plauso perché comunque
Si sta discutendo di qualcosa
Per chiudere perché tutte le proposte
Mi sembrano proposta di buonsenso e pertanto condivisibili a parte di avere ben chiaro il quadro complessivo in cui ci si muove ci troviamo di fronte a un'ennesima torsione della crisi della rappresentanza che si cerca ancora una volta di risolvere in senso autoritario
Sia la riforma del Senato che quelle elettorali
Che permetterebbe sappiamo tutti con il trentasette per cento eccetera vanno in tale direzione rafforzando oltre misura il ruolo dell'Esecutivo e quello della maggioranza
Se allora la riforma del Senato sponsorizzata da Chiti e meritevole di attenzione
Non fosse per il fatto che cerca anche di ancorare il tema delle riforme a rispetto dell'architettura istituzionale e della democrazia rappresentativa dicesse essa andrebbe inserita
è una strategia di rilancio complessiva dei diritti capace di ricucire il filo fra politica e società civile e tra Costituzione formale costituzione materiale
Quest'ultimo oggi espressione di un Paese dove dieci più ricchi hanno un reddito pari a quello di mezzo milione
Di famiglia operaia e la disoccupazione giovanile Giunta tassi del secondo dopoguerra la politica e soprattutto la sinistra
Può riacquistare credibilità solo abbiamo un processo di redistribuzione della ricchezza ancorando i diritti civili a quelli sociali creando nuovi luoghi di partecipazione democratica poi una domanda che io farei a tutti i parlamentari che sono presenti
Magari ci dicessero anche quante iniziative hanno partecipato su questo tema perché secondo me il silenzio assordante che c'è fuori fuori non c'è politica in questo momento
Tutto quanto è polarizzato tra Renzi e Grillo e che Dio ci aiuti da questo punto di vista lo dico da un punto di vista molto laico
Grazie
Stefano Fassina
Ringrazio anch'io con le associazioni che hanno organizzato questo incontro ringrazio Alfiero Grandi per il lavoro che sta facendo su questi temi su altri temi e molto molto rilevante
Ovviamente le mie sono osservazioni
Sostanzialmente di carattere politico non essendo un esperto
Della materia però
Ritengo sia giusto diciamo dare il rilievo che a questa discussione che non è una discussione per addetti ai lavori e non è neanche la discussione dei riservate senatori perché o questo fatto che viene chiamata riforma del Senato sembra appunto che si che riguardi in modo corporativo alcuni che rischiano di perdere il posto e che in inevitabilmente ci mettono
I traverso mentre siamo affrontando un pezzo importante dell'assetto costituzionale allora la prima osservazione insomma la prima sottolineatura politica che voglio fare che credo
Che tanti condividono
Vannino Chiti per primo
è che ne abbiamo bisogno di aggiornare la Costituzione
E che abbiamo bisogno
Di far arrivare in porto le riforme
Badate questo non è un
Una concessione al nemico abbiamo bisogni del giornale Costituzione abbiamo bisogno e questa volta che le riforme vadano in porto perché
Perché i problemi ci sono e rischiano di a vere risposte molto
Molto preoccupanti non è vero
Che non c'è la politica la fuori la politica cella fuori purtroppo non ci piace il tipo di discussione
Che che si fa ma alla fuori c'è euro un tipo di politica che ha una visione
Della rappresentanza
Molto
Molto preoccupante per quanto mi riguarda quindi la prima affermazione politica ancora appunto Vannino appena entrato
è che ne dobbiamo fare arrivare in porto le riforme ed è inaccettabile che chi
Su temi così rilevanti intende discutere venga etichettato come sabotatore che sta inaccettabile e credo che se ci fosse stato da parte
Del Governo un atteggiamento diverso rispetto a
Problemi seri che sono stati posti problemi seri
Probabilmente avremmo evitato qua scherza scoglio avremo evitato di lasciare spazio a chi
Dall'altra parte intende fare operazioni che che non hanno nulla a che vedere col merito
E
A me pare importante riprendere un punto che sottolineava Chiti nella sua introduzione nel suo intervento e cioè la visione di insieme
Perché altrimenti e non riusciamo a fare un discorso sensato la visione di insieme riguarda appunto Senato Titolo quinto legge elettorale
Sulla quale poi farò un breve passaggio ma riguarda anche le forme partito
Credo che non sia irrilevante ad esempio quello che è avvenuto sul finanziamento pubblico dei partiti
Credo che non sia rilevante non sia irrilevante il rischio di trovarsi di fronte a un panorama di partiti personali
Credo che
Uno scenario in cui siamo punto non si a finanziamento pubblico per i partiti
In cui il segretario del partito viene eletto con delle primarie aperte a tutti
Le liste poi sono bloccate quindi quel segretario lette con le primarie letta tutti nomina anche i parlamentari e quindi al è l'unico che ha una fonte di legittimazione
Larga mentre gli altri hanno una fonte di legittimazione indiretta che derivano dall'unico capo
Legittimazione larga credo che sia un problema come credo che in questa Vicenzi M. vada anche posta la
La valutazione il valore che si dalle rappresentanze economiche e sociali nella
Nel funzionamento della democrazia che non sono una benevola
Concessione che si fa a qualcuno ma sono un pezzo fondamentale del funzionamento di una democrazia di qualità i corpi intermedi sono una componente fondamentale e allora degna di questo
Organismo democratico allora io credo che dobbiamo prestare alla legge elettorale altrettanta attenzione
Rispetto a quello che pensiamo al Senato
E credo che dobbiamo evitare di considerare perse la legge elettorale quindi cercare di evitare evitare come dire cambiamenti al Senato perché
Non riusciamo a tornare indietro sulla legge elettorale io credo invece che
Ci dovrebbe essere proprio
Una un accordo che in qualche modo tenga dentro anche la legge elettorale
E nel momento in cui viene letta niente né dentro i punti più delicati da leggi elettorali che sono quelli che prima ricordava Chiti quindi non torno per
Ragioni di tempo le soglie d'accesso l'otto per cento e quattro e mezzo per cento la soglia per accedere al secondo turno le liste le liste bloccate
Se non riusciamo ad a vere una disponibilità e trovarne la maggioranza un accordo su questi punti credo che sia più meno complicato arrivare anche a
Trovare una quadra sul
Sul del sulla riforma del Senato
La quale
Evidentemente credo che da questo punto visto che è stato molto positivo tenere insieme e riforma del Senato il Titolo quinto perché hanno degli aspetti
è evidente che le molte più vengono ricentralizzare del lo dico questo modo un po'brutale
Funzioni più rilevante che ci siano nella nel Senato una presenza dell'autonomie territoriali perché su quelle leggi quelle su cui su quelle leggi poi si possa esprimere ritengo che
Nella nelle proposte che hanno fatto Chiti gli atti i senatori del Partito Democratico che hanno fermato il il disegno di legge
Ci sono punti importanti per quanto riguarda le garanzie quindi non e non ci ritorno
Ritengo che
Non sia necessariamente un ossimoro nulla una
Significativa rappresentanza delle autonomie territoriali e funzioni di garanzia importanti nel Senato si può trovare
Un punto
Di equilibrio credo anch'io che sarebbe importante a vivere la referendum confermativo della della revisione costituzionale anche qualora non ve ne fosse bisogno
E infine ritengo sia importante
Dare alle leggi di iniziativa popolare una la possibilità di una effettiva discussione di una
Attenzione effettiva nell'agenda
Nell'agenda del del Parlamento
Chiudo appunto tornando su un sul sul punto che facevo all'inizio credo che noi dobbiamo
Fare di tutto affinché con le necessarie correzioni delle correzioni sono a mio avviso assolutamente necessarie
Si possa far fare dei passi avanti e arrivare a a dare una risposta perché guardate
Che la nostra maggiore elemento di debolezza in questa fase anche di coloro che hanno a mio avviso fondatamente non solo il diritto ma il dovere di avanzare rilievi critici
è la il fine di fallimenti che abbiamo che abbiamo alle spalle
Questa è un'arma formidabile da parte di chi
Ne dice che poi non si deve discutere perché abbiamo discusso per trent'anni e dobbiamo evitare
Dobbiamo evitare appunto un ennesimo gira a vuoto perché i problemi sono largamente largamente sentiti e le scorciatoie nella soluzione poi passano nel momento in cui quelle soluzioni
Continuano a ritardare nel loro
Arrivo quindi massima determinazione do anche un ringraziamento pubblico in privato glielo fatto do anche ringraziamento pubblico
Ai senatori che hanno che hanno posto in modo chiaro problemi i problemi che andavano a mio avviso posti
E credo che
Queste settimane che ci separano al ventitré quando scadrà il termine per la presentazione degli emendamenti debbono servire
Trovare un consenso largo su alcuni emendamenti di fondo che
Rimettono sui binari giusti le proposte di riforma in modo da poter poi andrà avanti
Grazie a Stefano Fassina anche per la sinteticità la parola a Paolo Ferrero qua abbiamo la valle Gallo villone cerchiamo tutti di essere
Sintetici grazie
Presidente
Voglio anch'io inizierei con i ringraziamenti Sacchi organizzato questo utile dibattito se mi è concesso vorrei ringraziare molto Vannino Chiti
Perché penso che questa è una voi
Sapete tutti diciamo abbiamo alcune differenze politiche
Ma questa è una fase in cui la capacità di tenuta morale prima ancora che politica a mio parere decisiva per i destini della democrazia
Lo penso per una ragione molto semplice il ragionamento che che Vannino ci ha proposto che ci ha proposto Alfiero è un ragionamento
Ovviamente
Ferrara diciamo ragionamento di tenuta costituzionale su cui si può discutere sulle varianti
Io penso che noi siamo davanti a una discussione che nulla a che vedere col quadro
Del della nostra discussione io penso che siamo in una sorta di Weimar
Al rallentatore
O
Si spera al rallentatore
In cui ci sono due punti che vanno convergenza uno è quello che veniva citato diciamo delle grandi banche d'affari della grande finanza che cerca di demolire la democrazia che un drammatico costo dal loro punto di vista
Producendo
Una una cosa molto semplice che la sterilizzazione della possibilità dei popoli genericamente intesi di intervenire e di incidere sui livelli del Governo il problema è creare un finto che renda
Autonomi Governi e i livelli di governo darsi uno analizzasse che cosa sarà il titola
Che vogliono fare il Transatlantico perdendo investimenti partnership che che la vera punto di approdo si accorge che il livello del Governo non ci ha più nulla a che vedere come dire e l'altra che cos'è che secondo me
Con le politiche il neo liberiste negli ultimi trent'anni fa è successo una cosa molto semplice
Che la gente vedendo che il Governo la politica interveniva unicamente per peggiorare le condizioni di vita proprie ha iniziato a pensare che la politica da un lato non servisse a nulla
Anzi forse dannosa secondo che non tutti uguali perché sui sui nodi di fondo
Non cambiava la vita alla gente che governa si centrosinistra o centrodestra sui sui nodi della precarietà dei salari io penso che la cosa che assistiamo oggi quindi c'è una messa in discussione è la democrazia dall'alto
E dal basso della gente che non percepisce più il tessuto democratico come una risorsa per migliorare la propria esistenza io penso che le proposte che sta avanzando il Presidente del Consiglio sono il punto di congiunzione tra queste due dinamiche
Per cui la modifica della Costituzione lo stravolgimento che sta avvenendo indubbiamente risponde a una domanda di rendere
Come dire più impermeabile
Al
Al popolo le cose penso alla legge elettorale alla Camera diciamo che è un caso da manuale ma nello stesso tempo usa come motivazione fondamentale la riduzione dei costi
Cioè un argomento
Diciamo perché occhieggia a quella crisi della politica dal basso da questo punto di vista io penso
Perché Renzi sia in assoluto
Il pericolo più grande che la democrazia oggi in questo Paese
E che riuscì e che
Aggiungo un con elemento
E che
Nel
Il il modo in cui Lugli esercita il proprio potere anche al di sopra dei poteri effettivi del Presidente del Consiglio secondo me ha a che vedere
Da un passaggio in cui
Da ragionamenti diciamo che gli assegni anni
Di procedura di di regole avanti si è passati a ragionamenti di tipo Schmitt gli anni in cui il problema è chi è il sovrano
Per questo io considero che il fatto che Renzi venga sconfitto
Su questo passaggio cioè che lui non sia in grado di dimostrare di essere il sovrano sia un punto decisivo
Per la possibilità di fare una discussione che si è una discussione
Ragionata su come ridurre il numero dei parlamentari superare il bicameralismo perfetto introdurre elementi che vanno in conto a una domanda che c'è penso ai referendum propositivi per dire tema che a sinistra
Abbiamo sempre guardato io penso che oggi invece sarebbe un tema nei limiti costituzionale assolutamente Davanzali così di questo tipo
Quindi
Io pongo diciamo avendo molte differenze politiche diciamo non cito adesso le cose che dicevo Fassina su cui le differenze politiche su un po'sul più alte
Penso che questa battaglia una battaglia fondamentale
E che è una battaglia che ci serve per avere il tempo per prendere tempo uno per impedire che il sovrano si manifesti nella sua sovranità assoluta
Perché altrimenti il passaggio successivo al presidenzialismo brutale non chiede nemmeno una discussione nel Paese
Diventa la recepimento della prassi già applicata e già abbiamo avuto un po'io adesso non uno sono sono totalmente d'accordo con le cose che diceva Ferrara
Su su sui problemi che abbiamo aggiungerei che quando un Presidente della Repubblica lega il fatto di
Della vita di un Governo dicendo che ne trarrà le conclusioni e le conseguenze davanti al popolo se quell'esperienza non andasse avanti siamo già
Completamente fuori da un quadro
Diciamo parlamentare quindi qui il presidenzialismo e già ne i fatti avanzatissimo io penso che noi abbiamo
La necessità di prendere tempo per poter avanzare argomentazioni
Secondo me una sera delle cose che poneva
Vannino ripeto vanno nella direzione giusta compreso il fatto che io penso che bisogna giocare in parte sul terreno che ci è posto e cioè la discussione sul costo
Io penso che va va va Vavalà parole sciatto diciannove va rovesciato lo schema per per avere un'efficacia in questo senso l'efficacia delle riforme
Se contro in un'efficacia di che che dobbiam povera pur a portare a casa ma appunto impedendo che il sovrano sfondi perché se il sovrano sfonda e già scritto
La storia e finisco se ho ancora un minuto con
O perfetto co però senza esagerare con due battute con due nodi sottolineerei questo
La legge sulla Camera dei deputati peggiore della legge Acerbo fatta da Mussolini dopo la marcia su Roma
Io ho detto questo vorrei che fosse chiaro
Matteotti è stato ucciso dopo aver parlato alla Camera dei deputati denunciando i brogli ma Matteotti è stato eletto da una lista che aveva preso il cinque per cento dei voti
Nel ventiquattro Gramsci fu eletto in quella stessa tornata da un partito che prese il tre virgola nove
I repubblicani partito erano dentro con quote dal due mezze quanta al più grandi se non ricordo male erano i Popolari col nove per cento ma gli altri stavano tutti lì
Noi abbiamo parlato di quella legge la lista del PIL la legge del listone ma
Ma lì c'era solo il premio di maggioranza scandaloso ma c'era solo questo qui
C'è le due cose il premio di maggioranza e l'abolizione delle minoranze e la trasformazione del Parlamento in quello che sono i campionati
Di calcio americano o di basket degli Stati Uniti dove non esiste la retrocessione
Esistono le squadre di professionisti che essendo che costano non possono permettersi la retrocessione quindi perdere gli sponsor
Esiste il fatto che se tu entra nel giro e sono due o tre squadre Berlusconi giustamente dice devono essere due non possono essere altre perché qua si rischia
Sono due o tre squadre che a quel punto hanno accesso
Ai mass media
Perché è evidente che se stai fuori di lì
E ai finanziamenti perché è evidente che l'Ilva paga chi sta in Parlamento non paga chi sta fuori
Chiaro allora quello lì è un meccanismo che trasforma la democrazia in un'altra cosa in cui non c'entra più niente quei meccanismi di partecipazione io credo che noi dobbiamo averlo chiaro perché
Il il meccanismo di assuefazione
Che c'è nel corpo sociale deprivato da ogni cosa e tale che non ci rendiamo nemmeno più conto nella discussione politica dell'enormità delle cose che vengono proposte
E nella storia del Paese e finisco con questo fine ho finito
Il tentativo di demolizione dei corpi sociali intermedi
E chiaro qual è il modello di governo a cui si allude
Perché nell'Ottocento
Tu potevi avere un'idea liberale basata sugli individui ma nell'Ottocento la società era di una densità enorme rispetto alla liquidità della società oggi
Oggi se tu non ai corpi sociali intermedi non c'è il libero individuo c'è l'individuo ma non più manipolato dai mass media che sono guarda caso in mano gli stessi che pagheranno in Parlamento adesso diciamocela chiara
Io penso che il meccanismo è devastante allora in questo senso credo che la Resistenza
Di chi anche lì non condivido molto le cose che pensa la Camusso in generale ma e c'è un punto di di tenuta le cose che vengono dette da Vannino ed altri ripeto al di là delle differenze politiche c'è un punto di tenuta
Io penso che noi dobbiamo valorizzare questi punti di tenuta e avanzare alcuni elementi di proposta che sul terreno demagogico che viene posto siano in grado di controbattere non so se ce la facciamo però penso che l'unica cosa che dobbiamo fare
Grazie
Per alzata e in ordine tendenzialmente alfabetico alla dottore dalla De Petris poi passiamo agli altri
Tale attenere il fronte diceva adesso Paolo insomma
Abbiamo
Insomma abbiamo provato in questi giorni e in queste ore a organizzare diciamo un minimo di
Scusate la parola di resistenza all'interno della Commissione affari costituzionali di resistenza
E quando si fa si organizza un fronte si organizza si tenta di organizzare un fronte ampio di entrare nelle contraddizioni di
Di di provare anche a costruire l'ordine del giorno con voti spuri perché
Bisogna provare a cercare di
Fermare per
Per tentare di far ragionare perché questa è la questione che noi ci troviamo oggi di fronte
Perché
Noi in in Senato devo dire a il dibattito in Commissione affari costituzionali
Ha visto
Tantissimi interventi sono stati circa una settantina di interventi al di là diciamo della più o meno eccelsa qualità però una la sostanza era che comunque diciamolo
L'ottanta per cento di quegli interventi erano assolutamente contrario al disegno di legge rigore
Molti molti e io qui lo voglio ribadire perché è stato detto nell'introduzione prima di Ferrara quella di di Alfiero non l'ho sentita ma insomma qui
Sulla innanzitutto sul fatto che ci troviamo di fronte ad un
D'iniziativa governativa che certo
Certo è legittima però nonché dico che è legittima ma dal punto di vista come diceva Chiti dal punto di vista del fatto della revisione
Dell'una proposta di di legge costituzionale di revisione costituzionale così ampia è veramente non sopportabili non sopportabile perché però aggravata da un meccanismo di fiducia
Voi dovevate assistere a quello che è accaduto dopo l'approvazione dell'ordine del giorno che era palesemente in contrasto al meno sub tre punti qualificanti con l'ordine del giorno della Finocchiaro e quindi con il testo base
Quello che non è potuto accadere
Cioè siamo non quando io dico viene posto come una questione di fiducia viene posto una questione di fiducia di ricatti
Qualcuno parlava prima il sovrano però questo è stata la modalità con cui
Fino ad oggi diciamo si sta procedendo verso
La riforma
Costituzionale
Questo lo dico perché è di per sé tutto questo molto grave
Che la riforma
Poi possiamo poi dopo rientrano ancora di più nel merito ma sta diventando l'elemento un altro elemento strumento dalla campagna elettorale perché li doveva esser comunque fatto un voto dovrà essere comunque il voto
Sul testo base perché doveva essere offerto lo scalpo per le televisioni per dire intanto
Il questo questo risultato l'ho raggiunto e ed è tutto così questa è una cosa che non non poggia
Come dire purtroppo c'è poca attenzione io vi ringrazio anch'io per questo dibattito abbiamo
Pochissimi ce ne sono cioè pochissimo attenzione a quello che sta accadendo da questo punto di vista eh e molto molto grave in in epoca di populismi demagogie
Di di tutto tutto Vietti esistono si alza sempre di più e quindi ognuno ha spara a anche più grossa con un livello di degrado però me lo dovete far dire
Perché il problema che noi abbiamo
Un parti pochissimi esempi
Che hanno firmato il disegno di legge Chidi anch'io non riordino presentato uno ci siamo scambiati un po'le firme poi
Dopo ne parlerò ma il livello alcune senatori livello però all'interno del anche diciamo di capacità minima di resistenza del partito
Di maggioranza relativa del Partito Democratico è minima
è minima
Questo è il dato a mio avviso drammatico perché massimo lo ricorderà noi abbiamo fatto c'è ci sono altri
Senatori facemmo una durissima opposizione al
Alla riforma costituzionale che poi diciamo il popolo ha bocciato di
Di Berlusconi
E e quindi ci fu una resistenza ma guardate aveva era molto più razionale
Perché da meno P&L ditta astici neanche è così non abbiamo avere il coraggio di dirlo aveva comunque un suo disegno aveva aveva un contesto non ci fu la sfacciataggine di porre la questione di fiducia da parte
Di di Berlusconi
è e ora invece noi ci troviamo in questa situazione
Con undici una una proposta che è estremamente pasticciata estremamente pasticciata e per compiacere il sovrano
Si aggiungono delle si dicono delle corbelleria incredibili siamo arrivati al punto prima della votazione dell'ordine del giorno
Che un senatore non voglio fare nomi perché sembra che poi veramente poi dopo è brutto
Però uno basta e si legge si è reso conto che addirittura è venuto a tentare di proporre che insegna credo anche diritto costituzionale quindi io comincio a sentirmi diciamo abbastanza male
Magari io ho detto a mio figlio che all'esame infatti il ventisette maggio non perché mi chiedeva materiali perché Rita che ti boccia metti Caccia non ti fanno più andare diciamo a fare un esame dopo se ci di quelli e in cui hanno proposto addirittura
Che il Sindaco può dare può fare anche un assessore nella sua Giunta al Senato così è quello che ci va poi gli al
Al Senato quando c'ero simboli e vari problemi di quante volte si riunisce siamo arrivati addirittura
A questo punto che non so più come spiegarmi quindi io credo che noi
E la cosa grave e che sfugge di in questo Renzi Ari poco ha riposto la questione che le sue deleghe riforme devono essere lette complessivamente e quindi anche noi
No sin questo lo dobbiamo prendere in parola le dobbiamo leggere complessivamente perché
Non ripeto quello che si dice sull'italico però vi dico solo lo scenario è molto chiaro comunque un partito che prende il venticinque per cento per cento il venticinque basta perché si prende in coalizione altre
Due forze che però non superano il quattro e mezzo e quindi col venticinque prende tutto prende tutto gli alla Camera e al Senato
Io
Cioè ma voi vi rendete conto con la proposta di elezione che viene fatta di quel tipo
Il Senato la spartizione tra i primi due partiti perché questo questo accadrà questo accadrà e l'irrazionalità di tutto questo
Cioè si fa un Senato delle autonomia nel momento in cui si
Di modifiche al Titolo quinto con un disegno opposto a quello dubbi anche quell'ubriaco perché ubriaco sull'onda demagogica che bisognava
Prendere qualche voto strapparla la lega e quindi federalismo il titolo quinte adesso invece il disegno
Neo centrista mento sita al disegno neocentrista si offre un un salottino al al Senato
Per io ho detto forse pervenire per i saldi dice incidente soglia a febbraio a gennaio al Luglio ma almeno a luglio che però conserva
Dei poteri importanti che sono quelli della legge di revisione costituzionale dell'elezione del Presidente della Repubblica prossimo gli si prende tutto non abbiamo diciamo perché dobbiamo pure risparmiarci quella dei ventuno senatori
No pure
Cioè ebbe ben l'insieme è veramente io creda solamente pericoloso
Noi dobbiamo abbiamo
L'ordine del giorno è passato si è voluta fare una forzatura che era anche una procedura procedurale e noi su questo continueremo a fare la nostra battaglia
Richiamando grasse chiedendo anche alla Giunta del Regolamento di intervenire perché se siamo in fase tra l'altro di revisione costituzionale di procedure sono
Sostanze sono fondamentali perché quell'ordine del giorno realtà precludeva la possibilità di passare anche alla votazione
Del testo base perché la Finocchiaro lo aveva inserito il testo base anche del suo del dire al giorno e lei stessa si è detta da sola a verbale che era precluso ormai il suo ordine del giorno e per questo
L'aveva ritirato quindi noi dovremo continuare a fare tutte le nostre iniziative però rimettere in campo una
Noi
Dare le risposte cittadini oggi c'è molti l'hanno detto io lo voglio dire ma su questo ce la dobbiamo assumere anche un'iniziativa forte
Davanti al bisogno che c'è la richiesta che c'è di più democrazia di più partecipazione se tutto non deve essere solo definire nella demagogie nel populismo noi le proposte che riguarda me che rafforzano tutti gli strumenti
Della democrazia diretta il referendum referendum propositivo e dobbiamo mettere in campo noi abbiamo presentato un disegno di legge anche sul
La stanza simile a quello di di Vannino sempre sul sul Senato perché
Siamo d'accordo la fiducia alla Camera riduzione dei parlamentari dei parlamentari quattrocentocinquanta
Alla Camera centocinquanta al Senato un Senato che ha fortissimi poteri di garanzia e controllo e di inchiesta e che quindi non può che avere la sua legittimazione
Popolare che è questo un l'elemento in questo io non sono mai stato una monocamerale vista sono sempre stata diciamo abbastanza come Mauro USA
Bicamerale ma a maggior ragione oggi oggi dove abbiamo la necessità dirittura invece di una specializzazione del Senato che stia davvero perché ce ne proprio bisogno
Di
Garanzie di controllo perché sono saltati in questo momento tutti quanti gli elementi purtroppo fino ad oggi di garanzia e di controllo e di garanzia costituzionale grazie grazie la parola Raniero la Valle
Poi
Anche Valentino Parlato ha chiesto di parlare però dobbiamo stringere cari amici perché se no non stiamo nei tempi abbiamo molti interventi
C'è anche la senatrice Gatti dopo prima Mimmo Domenico Gallo carissimo Carlo
Raniero la Valle
Anch'io ringrazio
Devo dire che passi sto a questo dibattito con molta sofferenza credo che Ferrero abbia detto delle cose molto giuste
Però sul Senato io vorrei dire solo due cose
La prima e vorrei richiamare il monito che qualche giorno fa faceva Mario Dogliani costituzionalista parlando a un incontro promosso dal Centro per la riforma dello Stato
E lui li facevo un monito al Partito Democratico perché dopo aver consegnato il partito
E il Governo a Renzi in una riunione della direzione di poche ore senza dibattito non abbandonasse ora senza combattere la battaglia per il Senato
Che quindi questa sia una battaglia che veramente si combatta
Al Senato e nel partito
In secondo luogo vorrei dire come altri che insomma in una democrazia ben fondate seria non ci sono pregiudiziali di principio contro il Monica o il mono come cameratismo
E nella Costituente ci fu una posizione monocamerale lista
E anche Ingrao come si legge nel libro uscito oggi
Dopo l'esperienza di Presidente della Camera si pronunciò per un'opzione monocamerale
Io stesso ho scritto in questi giorni che piuttosto che un Senato di notabili locali come si sta profilando
Magari con senatori di nomina regge occhi rime a Lipsia come era quello a cui fui invitato a partecipare il principe di Salina
Dal delegato il piemontese perché tutto cambiasse ma tutto restasse come prima piuttosto che un Senato di questo tipo allora io a dire preferirei
Un
Che si offrisse Palazzo Madama per restituirvi Usama un Senato dei popoli che l'Italia offre di ospitare offre apprendo sì al mondo
Però io credo che qui ci sia di mezzo ben più che il Senato
C'è di mezzo la qualità della democrazia
Perché nella cultura degli attuali riformatori lì non c'è come è stato detto del resto un coerente disegno costituzionale ma c'è nella scia del processo alla politica l'idea di buttare a mare una zavorra
E di cominciare con abrogare mezzo Parlamento
Ma soprattutto mi pare che in questi giorni si stia consumando una tragedia
Politica
Che la fine del Partito Democratico
Come già a finire non la democrazia Cristiana il Partito comunista
Già ora nelle maratone televisive nei giornali nel dibattito politico il Partito Democratico gli esponenti democratici non ci sono più
C'è solo il Renzis fermo e ci sono i Renzi anni
E la questione si pone sul lato dei contenuti e sull'atto dello stile ambedue questioni estremamente importanti
Sull'atto di contenuti quello che appare è una destra finalmente pervenuta al potere
è un evento che giunge in Italia con un ritardo di vent'anni perché Berlusconi ha occupato il potere
Ma non è stato in misura di esercitarlo impedendo nello stesso tempo a chiunque altro compresa la destra di esercitare
La chiave di questo paradosso del potere dell'impotenza di Berlusconi sa nella frase che più di ogni altra nel ventennio colpì il centrodestra e provocò l'indignazione di seguaci di Berlusconi
Voi non siete presentabili adesso invece
C'è una classe politica presentabile
Oggi questo impedimento è caduto la destra poco per tornare e questo spiega il tripudio della Repubblica di tutto il sistema dei media
Inoltre la questione dei contenuti
L'Italie comma il job Saxa gli ottanta euro che nella loro incessante ripetizione propagandistiche assomigliano I treni in orario di Mussolini
C'è una questione di cultura politica e di stile
L'attuale certo politico al potere si presenta e pretende il consenso in modo sguaiato
La pretesa di essere in primis finalmente a mettere a posto le cose la tabula rasa di funzioni culturali sindacali e sociali esercitate da diversi soggetti storici per anni
L'idea di un carisma frutto non di un severo il tirocinio di apprendimento alla scuola della politica e della vita ma di una predestinazione al comando sono devastanti
E cambiano sin d'Italia sì la cambiano l'Italia ma la cambiano in modo
Da renderla irriconoscibile nei suoi costumi relazionali e civili
La bonifica degli eccessi polemici e in Sorrenti del vecchio centro destra populista che doveva essere una delle opere più meritorie dei suoi successori
I suoi successori al potere non c'è stata
La democrazia in Italia ha avuto i suoi momenti di durezza lo sappiamo tutti di sconto di lotta perfino normata
Ma i grandi partiti che hanno interpretato i primi decenni della storia della Repubblica
Hanno esercitato lasciatemi dire una mitezza una pratica della ragione un rispetto e non disprezzo per gli oppositori e per ogni altra componente della società politica
Cose che hanno educato intere generazioni ad abiti di democrazia e di tolleranza
Oggi la politica dei nuovi protagonisti essenza mitezza non si senta in obbligo con la ragione non nutre rispetto per avversari ed amici
Per interlocutorietà analisti per sindacalisti professori
Ma questo vuol dire vuol dire una cosa molto grave
Vuol dire che intere fasce popolari e di opinione eredi di altri distinti e di altre culture politiche su cui si contrapponevano i loro avversari politici
Sono oggi disorientati nel vedere
Le loro tavole di valori oggi disertate contraddette dai propri referenti politici
E il passo successivo è di riconoscersi senza rappresentanza essenza partito
Perciò io credo che la fine del Partito Democratico per una tragedia democratica
Perciò o si riesce a impedire che questo vuoto si produca o si deve altrimenti riempire il vuoto
Grazie
Da meditare Domenico Gallo
O si prepari Massimo villone
Grazie
Grazie prometto di mantenermi nei cinque minuti
Devo partire da una polemica con il mio maestro Gianni Ferrara perché
La teoria della sistema del mono cameratismo è stata sconfitta dei fatti cioè i fatti hanno dimostrato che quando i costituenti hanno
Predisposto un sistema parlamentare articolato sul bicameralismo
Guardavano lontano riguardavano e hanno avuto ragione perché noi adesso andiamo a cambiare il sistema bicamerale quando l'esperienza storica ci ha dimostrato di questi ultimi venti anni e soprattutto gli ultimi dieci anni
Ci ha dimostrato che ha svolto una funzione di garanzia fortissima
Quasi simile a quella della Corte costituzionale quasi simile a quella dei Presidenti della Repubblica prima dell'attuale
Prima dell'attuale e faccio solo degli esempi cioè e noi ci troviamo una situazione in cui l'Italia nel la la Francia la Germania
Abbiamo avuto una malattia dello spirito pubblico non c'è grande apprezzamento per le istituzioni per
Per la democrazia lo dico non c'è patriottismo costituzionale mantovano e abbiamo visto un Ministro della difesa che andava le celebrazioni della Resistenza dell'otto settembre la roba e celebrare i repubblichini
Abbiamo avuto
Diciamo così una classe politica al Governo che contestava non solo la seconda parte della Costituzione e c'è un al discorso di Berlusconi portato fra virgolette che dice l'unico Presidente del Consiglio
Che funzionava era Mussolini perché lui si che aveva dei poteri quindi noi dobbiamo cambiare l'architettura della
Istituzione perché dobbiamo creare ricreare il modello Mussolini se vogliamo essere vogliamo avere una democrazia che verrà bere del futuro ecco questo e quindi abbiamo avuto diciamo così un attacco fortissimo
All'ordinamento alle istituzioni e valori della Costituzione e se questo attacco si è fermato non è riuscito a produrre fino in fondo i suoi risultati perché solo scattata delle garanzie
Quando la è stata approvata la riforma dell'ordinamento che distruggevano Agostini l'ordinamento della democratica o nel due mila cinque è scattata la garanzia del referendum
Che che siamo riusciti a vincere perché c'erano altre garanzie nella nella libertà di di riunirsi eccetera
Quando
In noi nella sedicesima legislatura abbiamo avuto un Parlamento
Che ci ha fatto vedere forme di caduta negli abusi terribili nell'abuso terribile basta pensare
A quella conflitto di attribuzione con la magistratura in cui entrambi le Camere hanno sostenuto che Ruby rubacuori nella nipote di Mubarak è un atto del Parlamento quindi vedete c'è questa tendenza
A agli abusi da parte di chi esercita il potere politico ma anche i poteri avere i poteri burocratici quando quelli là del se approvato applaudono i poliziotti che hanno ucciso
Aldrovandi
In fondo cosa fanno di diverso da quello che fa Berlusconi quando rivendica l'impunità
E contesta i giudici e tutte queste cose qui
è lo stesso e la stessa malattia dello spirito pubblico che si manifesta e allora devo dire che l'esperienza ci ha dimostrato che il bicameralismo
Sui diritti fondamentali ha svolto un ruolo importantissimo ecco io voglio solo ricordare che nella sedicesima legislatura è stata votata una disposizione
Che di fronte alla quale si vergognano le leggi razziali che avrebbe previsto un ramo del Parlamento ha votato una disposizione che avrebbe previsto l'espulsione di circa ventimila fanciulli dalle scuole italiane
è stato poi sarebbe diventato legge se non ci fosse stato il bicameralismo è stato votato una legge sul cosiddetto processo breve
Che praticamente consegnava lo sta nelle mani della mafia cioè prevedeva che un certo punto scaduto il termine tutti mani mafiosi uscissero insomma
è stata votare poi sarà c'è sta sono state votate delle leggi sulle intercettazioni che disarma un la pulizia della possibilità di fare le indagini
E quindi c'è un un'esperienza di abusi fortissima e questa esperienza di abuso è stata contrastata
Bene o male da tutta una serie di garanzie che si sono sostenuti a vicenda una di queste garanzie il
Il bicameralismo che ovviamente non può essere perfetto ma deve essere deve essere visto il ruolo del Senato come ruolo di garanzia
Ora devo dire che come giuristi democratici che abbiamo fatto una
Un esercizio letterario abbiamo elaborato una proposta di revisione della
Del bicameralismo perfetto
E autonomamente da chi tipo e l'abbiamo messa sul sito dobbiamo andare anche alcuni parlamentari e messo sul sito dei giuristi democratici
Che si muove lungo le stesse direttive cioè il problema è quello di semplificare il quadro politico attribuendo soltanto alla Camera dei deputati il rapporto di fiducia
E dare un un senso all'esistenza del Senato come Camera delle garanzie
Quindi attribuendo al Senato la il concorso legislativo nelle leggi che riguardano i diritti fondamentali e quelle leggi che esso sono diciamo sì richiamate dalla Costituzione laddove richiama delle riserve di leggi
Per ciò che riguarda l'attuazione la disciplina dei diritti e delle libertà e quindi
è ottima l'intenzione del disegno di legge Chiti voglio dire che autonomamente voglio ci si si ci mi mi sembra che questa una scelta che va assolutamente
Portato sostenuta ma
Però il disegno di legge dite a una un handicap
Non si può prevedere uno in Senato letto a base regionale prevedendo una un'Assemblea composta da cento persone
Da cento rappresentanti perché perché siccome le Regioni sono venti vuol dire che creare una soglia di sbarramento minimo minimo minimo del venti per cento
E allora se il Senato in serata di garanzia deve essere un luogo di pluralismo deve essere un luogo di rappresentanza reale della della Società delle tensioni delle tensioni che percorrono la società politica quindi se vai
Si devono ridurre i deputati non i senatori e qui penso che su quel questo è un tema che consegno alla vostra riflessione grazie
Che per la sinteticità Massimo Vellone poi si prepari la senatrice Gatti e poi c'è stato e saldi se vuole a deve andar via Shakespeare Massimo villone pensavo non per protesta spero
Fosse
Fra nota
Paese è stato se è stato comanda
Abbiamo
Dobbiamo fare ma
Ma
Mi spiace che sedeva cioè se sono perché sono tra l'altro per citarlo avendo il teorico primario stradali
Vorrei anzitutto ringraziare
Vannino Chiti perché
Sta facendo un atto di coraggio
Loredana citava prima la grande battaglia che facemmo contro il disegno di legge Atto Senato due mila cinquecentoquarantaquattro glorioso atto sanato però quella rete Loredana la battaglia di opposizione conto a maggioranza
Invece senza soldi che appena andato via affatto come pochi altri una battaglia di trincea dentro la maggioranza che è cosa ben diverso ben più sanguinoso e ben più difficile
Per questo quanto congratulare con lui perché e la cosa più difficile che si possa fare nell'esperienza parlamentare io non so quanto resisterà ti auguro di sinistra lungo soprattutto i sopravvivere in buona salute
Ma certamente lui si trova nella condizione oggettivamente più dura che si possa affrontare nell'esperienza di un parlamentare
E va ringraziato per quello che sta facendo perché se non ci fosse la sua iniziativa alle condizioni sarebbe sicuramente comunque sarebbero diverso comunque
Allora venendo alla Cosa Nostra io credo che
Noi dobbiamo avere sembra non come dire definire le parole d'ordine con cui affrontiamo la prossima settimana qualcuno ha detto l'abbiamo capire cosa andiamo a dire perché
C'è una scadenza e non è un dibattito accademico si qua ci sono molte
Che fanno parte del club adeguarlo CONI dei gufi forse domani saremo in Iraq e non so nulla troveranno altra categoria dello spirito definisce ma il punto è che una scadenza eccetera
E allora da ora dall'ora che facciamo io credo che alcune parole bisogna aver chiaro
E bisogna anche avere il coraggio di usando pensando all'autoritarismo questa cosa che interessa Renzi ha detto l'altro giorno non c'è autoritarismo nel cambiare la Costituzione
Bene dipendere ci può essere ci può essere
E in questo caso io credo che ci sia perché vedete qui non è solo la riforma la Costituzione è stato detto ma questo è uno dei passaggi fondamentali va ribadito
è la riforma la Costituzione più la legge elettorale che insieme determinano una riduzione forte della rappresentatività e del dell'impianto proprio democratico nel nostro sistema
E in più
La chiusura di finanziamento pubblico dei partiti in più il diniego alla concertazione tutto questo si tiene
E non è che c'è solo il testo del Senato non per questo in questo come dire è una pubblicità ingannevole
E e proprio alla vendita un commento consapevole del di un prodotto contraffatto perché non è quello il punto vero per il discorso è su questo giornale
Quindi l'insieme della cosa
Possono sostenere la lettura di un disegno di autoritarismo strisciante comando detti professor unico a Ronconi dicendo la cosa giusta
Poiché questa coso del Governo lo diceva bene Loredana prima guardate non è solo l'iniziativa del Governo
E l'iniziativa e la minaccia
Del Governo perché quello che è in realtà impressione in questa fase e Presidente del Consiglio che va in televisione a dire ho votato io me ne vado cioè ponendo una sostanziale questione di fiducia
No nemmeno nella sede propria di fronte al Paese
La data è che è una cosa scorrettezze Lima
Certamente nessun Presidente del Consiglio dovrebbe farle che mette il massimo per la pressione sui destinatario offre che fosse chiaro che voi parlamentare che sta all'anno sente quello che dice il Presidente del Consiglio
Poi vi siete che si diceva tu difendi il tuo
La tua lato opposto
è tema vedete questo sarà anche vero ma c'è tanto altro che viene in gioco quando questa la dinamica intima nella dinamica delle cose e qual è il problema che viene fuori
Badate qua non è chi è però Renzi e chi è contro Renzi qui alcuni
Ritengono Renzi un giovane gaglioffo e altri lo ritengono Batman e va bene e questo in politica e a norma
Ma noi stiamo introducendo il principio che il Governo si fa la sua costituzione che la maggioranza si fa alla sua costituzione che ogni maggioranza si potrà fare la sua costituzione che chi vince
Con un premio di maggioranza
I per ancora iper misurato
Si fa la Costituzione decide dei diritti delle libertà di tutti noi ora è in futuro non è un problema che riguarda Renzi è un problema che riguarda il depotenziamento generale
Del regime di garanzia nel nostro sistema politico istituzionale
è stiamo parlando è una cosa che a tutt'altra dimensione rispetto al problema del giovanotto gaglioffo batto mano che sia sia quello che vuole me cittadino non porta niente di Renzi a me importa molto dei diritti che io ho i miei figli avrei
E quindi
Autoritarismo sì si può parlare lecitamente di autoritarismo come si come populismo sì anche perché guardate populismo che ICI corto circuito fare capo il popolo no
Ovviamente tutto quello che sta in mezzo viene compresso ridotto a zero ATO
Ma guardate che se noi come diceva Paolo Ferrero azzeriamo i corpi intermedi
Azzeriamo ovviamente che cosa le istituzioni in cui vivono quei corpi intermedi ecco come si lega tutto il disegno
è chiaro che io devo depotenziare il Parlamento
Perché se no li vive e Lilybeo contraddittorio per forza
E qui sta il nocciolo della questione perciò quando cede dramma perché lo fa perché le ragioni addotte dal ventisei sono palesemente evanescenti non tengono ma io non credo che quello sia uno sciocco
Cioè un disegno preciso che è questo di depotenziare l'istituzione al Parlamento come possibile soggetto che si pone in contraddittorio con l'uomo al comando
è chiarissimo legge elettorale cancellazione dovrebbero perciò Renzi si impicca su carattere non elettivo perché la vera chiave che impedisce questo disegno è l'elettività del Senato
Quella è la chiave
è perciò lui vuole per forza di amici suoi sindaci e governatori
E quella è la vera chiave di attacco o si difende l'attività del Senato o la partita è perduti e come questo come dire
Mi levo il cappello davanti a Chiti perché lui anche con la sua storia personale questa cosa l'ha capito
Poteva non capirla la Capitale e non era mica si precedente che poi l'accordo dall'esperienza contro nettezza e invece lì la chiave Noè o
Manteniamo nel Senato ad una capacità di rappresentanza autonoma
Oppure abbiamo perduto tutto il resto quale che sia la forma non ci interessa
Il dettaglio non conta
Questo questo sarà il
Il
Il vero punto ingenti non pozzi adesso chiudo subito e io chiudo soltanto dicendo cose da voi voglio fra battuto rogatorie qui è stato richiamato
Il presidenzialismo ha guardato e se oggi come oggi a me mette solo di fronte ad occupazionale presidenzialismo classico all'americana l'opzione b il pateracchio che sta venendo fuori ma non c'è dubbio alcuno
Che è poco democratico quel sistema lì
Che non è il nostro di un Parlamento che è un parco buoi asservito all'uomo al comando meglio quel presidenzialismo ma il problema è che non si vuole con il presidenzialismo
Cannavaro qua non si vogliono vedete i senatori tacchini
Si vogliono i cittadini i tacchi e questo è il disegno che dobbiamo passare
Grazie a Massimo la senatrice Maria Grazia Gatti e può Valentino Parlato poi faccia anche un appello perché ho visto degli oratori previsti ma non li vedo più in giro per cui prima di dare
La parola l'ultimo intervento vi chiedo di farmi sapere se volete intervenire grazie
Buona sera io vi ringrazio per l'iniziativa che avete deciso
Di organizzare a cui ci avete indicato io penso che
Momenti di confronto di questo tipo ma anche momenti di confronto più larghi
Che in effetti trovano difficoltà ad essere realizzati sarebbero essenziali in una fase
Di riforme come questo
Io richiamo il contesto
Sono assolutamente d'accordo sul fatto che la proposta che ho sottoscritto vada
Considerata l'interno
Di un disegno generale dovesse
Sicuramente
La riforma elettorale della Camera dove c'è sicuramente l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti e
La riforma del Senato
Assumere caratteristiche però che abbiamo voluto dargli cioè all'interno di una serie di richieste che pensavamo andassero soddisfatte che ormai di questioni che si pongono e si discutono ormai da anni
Noi pensiamo che ci sia la possibilità di raggiungere un risultato che questo risultato però debba essere un buon risultato
Noi pensiamo che le riforme vadano fatte e che devono però essere fatte bene
E quello che stiamo provando a fare proprio questo con una dose relativa di coraggio insomma cioè nessuno di noi si sente così eroico perché
Il contesto poi anche da dall'esterno può sembrare Chiesa che perché ci sono appunto le forme di comunicazione verbale molto esasperate eccetera però diciamo poi io ho partecipato a una parte della discussione in prima non sono in prima Commissione ma ho seguito la discussione a me sembrava di grande interesse
Siano stati circa settanta interventi a parte una serie di cose folcloristiche ex sono in tutte le discussioni
Ci esce è stata una discussione secondo me concreta vera
Sulle competenze possibili del Senato sull'eleggibilità o meno sulle funzioni che si devono avere sul rapporto con il Titolo quinto sulla necessità di evitare
Una nuova forma di scegliere accentramento dei poteri per ciò che riguarda il Titolo quinto ma anche sulla necessità che per esempio questo rapporto fra Stato centrale e Regioni
Dal punto di vista delle competenze delle questioni da affrontare assuma un carattere fluido con la possibilità di richiamare certe cose ti riconsegnare altri individuare il Senato anche come luogo dove questo diventa possibile e diventa fondamentale
Quindi io tenere a sdrammatizzare un po'anche questo clima funereo sono d'accordo che diciamo la situazione attuale non è semplice che noi rischiamo
Un'implosione del PD se ci sarà questi implosione nell'avremmo perso molto
Però io non sono convinta che questo sia un destino
Stiamo operando perché questo non succeda ci sono moltissime forti forze sane diciamo e e anche le relazioni insomma che si intende
Io penso che i corpi intermedi sedie sono capaci riescono finalmente a riflettere sul loro stessi a diretta
Ah sì tessere e si mettere assieme
Le loro componenti a ritrovare il gusto poi anche di vivere organizzarsi etc
Sono una
O ottimo humus insomma
è un ottimo strumento che fa da baluardo molte altre situazioni per cui io
Penso che vorrei sottolineare questo il contesto e grave io penso che le cose che ha detto Stefano Fassina siano anche
Ho un'ipotesi possibile no questa richiesta di una sorta di grande
Disegno esplicito di grande accordo che preveda
Una revisione della legge elettorale votata alla Camera
Con una serie di punti un Senato con una serie di funzioni specifiche e con due elementi io
Vorrei finire solo con questi guardate ne abbiamo pensato molto alle necessità di dare come contrappeso proprio la rappresentanza delle minoranze
Dare una funzione anca mì minoranze e poi a dare una rappresentanza di genere a
Alla struttura parlamentare
Guardate che ne abbiamo con lei il la Camera denominati senza una un punto preciso nella riforma elettorale approvata alla Camera sulla rappresentanza di genere
E sul Senato come è stato disegnato un abbiamo fatto i conti sono tre donne del Senato che viene fuori
Perché ne abbiamo due Presidenti di Regioni e un Sindaco donna piccolo chiaro quindi su questa cosa è è evidente che certe cose vanno risistemate eccetera e io sono assolutamente d'accordo sul fatto che
Una fu qualche forma di elettività si devono trovare le forme non siamo disponibili a discutere come questa cosa si fa che riesca a garantire i contrappesi in relazione alla presenza della minoranza alla rappresentanza di genere sarà
Un risultato che secondo me noi possiamo portare a casa c'è bisogno di
Molta attenzione e anche molta capacità proprio disarmati Zare ed evitare di fare la fine del mondo le cose di questo tipo c'è molto da fare molto più concretamente
Bene Valentino Parlato per un breve intervento e poi Aldo Tortorella
Ha chiesto di
Fare un saluto Pierluigi sorti dichiarato militante
La poca considerazione brevissima prima di Aldo tirarglielo anche questa opportunità sarò brevissimo io chiedo scusa per questa mia introduzione innanzitutto vi ringrazio molto per le cose che ho sentito e quei imparato ma debbo dire che quello che microbici che la democrazia emessa al sai male proprio proprio male
Perché voglio dire
Una sentenza della Corte costituzionale ha detto che la legge elettorale non è non andava bene
E continuiamo a tenerci un Parlamento eletto con una legge elettorale che non va bene cioè questo è secondo punto adesso andiamo a queste elezioni europee il venticinque maggio
C'è qualcuno che mi sa spiegare che cosa conteranno i parlamentari europei zero meno zero continuerà a governare la troika peso e la situazione
è anche come è stato detto da qualcuno non si parla più dei partiti ma dei dei nomi dei personaggi ormai siamo come dire ai leader non i partiti non contano sono praticamente praticamente scomparsi questa
E la situazione
è in questa situazione dei nomi
Dove si fa Renzi tutti gli altri vi dicendo che sono tutti aspiranti docenti in una situazione di dissoluzione della democrazia è questa e la
La si la situazione
è
In questa situazione non so che ha parlato il tu hai parlato di gaglioffo e di Batman ma tramite gli offre il Batman c'è una parentela stretta grazie
Sorti
E poi si prepari Tortorella per l'ultimo intervento e così siamo nei tempi
Ringraziando volevo solo proposte una piccola meditazione su quello che è stato molto che potrebbe essere ancora l'apporto della cosiddetta
Sotto il cittadinanza di base viste la militanza di base io sono particolarmente e specificamente militante del Partito Democratico
Ora io proprio questo di di sottolineo
Che
La formazione dei gruppi dirigenti avvenuta dopo le elezioni primarie dell'ottobre scorso è illegittima
Proprio dal punto di vista almeno dall'articolo quarantanove ma poi dal punto di vista della credibilità intrinseca del modo con cui si è fatta perché essa è che tutta e se e ed emanazione diretta di un'emanazione che di di una elezione che è stata operata da due milioni di cittadini che non appartenevano al partito
Il partito possedere registrava a quell'epoca circa cinquecento mila seicento mila iscritti
Hanno votato in due milioni quindi da questo discende chiaramente che un milione quattrocento mila non erano iscritti e questi hanno determinato una composizione politica a cascata dall'elezione del
Del del vincitore
A cascata una direzione composto in un certo modo le direzioni regionali in un certo modo e chi le direzioni dei dei circoli in un altro modo che hanno determinato uno sconvolgimento completo questo è quello che si dice nel Partito Democratico e mi riferisco particolarmente Raniero la Valle
Questa è la battaglia che si fa ma che in cui presta il dal vero antica il mondo mediatico non le vuole registravo o nulli sa registrare chiostro lascio dire a voi
L'ultimo intervento di Aldo Tortorella
Dunque
L'ultimo non conclude naturalmente però questo
Lo dico perché
Sia chiaro fu
Aggiungere qualche cosa molte cose su su molte cose concordo
E comunque
Naturalmente noi dobbiamo renderci conto diciamo così della difficoltà del momento
Quello che è stato detto da scultura I compagni io sono abituato dire così forse non devo dire ma
Dagli amici dai compagni eccetera
è diciamo sostanzialmente giusto ma
Come ci siamo arrivati a questo punto
E quindi come ne usciamo questo è il problema una cosa mi viene immediatamente da dire che insomma non basta che noi ringraziamo per Nino Chiti e gli altri Michy senatori etc
Bisogna che
Ci sforziamo per quello che sei noi già questa iniziativa di cui ha dato merito al grafico grandi che ci sforziamo di suscitare una solidarietà nei loro confronti
O per quello che possiamo sarà poco sarà molto insomma dobbiamo fare uno sforzo non si devono sentire soli
Già c'è questa campagna di delegittimazione che è una cosa vergognosa diciamo apprendistato lì a difendere loro poltrone o cosa ha bisogno di
Noi dobbiamo
Difendere questi questi amici questi compagni eccetera
E quindi
Queste associazioni devono fare appello io credo
Dopo questa Assemblea cercando di farla firmare ad anche assieme ad altre associazioni per una solidarietà operante per un sostegno a questa battaglia che è una battaglia
Di difesa della democrazia poi vedranno loro il punto di approdo a cui arrivare chissà molto difficile
Tenendo conto
Tenendo conto di quello che c'è in giro
Perché
Scusate queste
Notazione di un vegliardo diciamo ma io ieri sera ho visto
Una cosa la televisione io guardo poco la televisione insomma guardo più piccoli momenti nel momento in cui l'ho guardata stavano parlando del
Del declino di volante che ha
Il diciotto per cento interpellano alcuni
Che francesi è uno di questi francesi cioè dobbiamo fare come in Italia
Figuratevi un francese che dice dobbiamo fare come in Italia
Perché vi si fa una riforma al mese
Dove se lo dice uno un persona ben vestita di nero un popolano diciamo che io abbia sentito per dire magari dall'età Enna non so che cosa
Ma
L'iter sappiamo quello che c'è in Italia
Vedo
Lenzi perché ha vinto diciamo naturalmente perché
Lo statuto del partito democratico mi perdoneranno gli amici del Partito Democratico mi sembra una follia diciamo
Specie
Che il segretario di partito si è detto anche
Dai
Come mi hanno spiegato molti amici democratici anche da gente che vota per l'altra parte
E una sto una cosa che non esiste al mondo diciamo ecco ma comunque perché ha vinto anche all'Inter e perché oggi si sente dire non solo dal cittadino francese ma anche da chi lo contrasta
Speriamo che ce la faccio come speriamo ce la faccia e
Scalfari adesso soltanto vero per non far nomi vero perché e il pubblico e privato o dice
Obtorto collo perché il voi non sarebbe diciamo non non Eva capisce
Però c'è questo problema che
Molto molto serio molto Gavoi
Nel momento stesso in cui
Il Partito Democratico esprimere questa tendenza e nessuno
Penso che
Si inorgoglisce scade il fatto che i sondaggi potranno trentacinque per cento cioè
Un'altra parte che avrà nella parte diciamo che viene
Definite arredi Grillo insomma ma che comprende un
Un una vasta zona di elettorato anche di sinistra
Che è arrivato al
Paolo a venticinque per cento cioè un quarto dell'elettorato diciamo
Dice ci sono nove punti quanti ce ne saranno alla fine non lo so diciamo
Spero che l'ICI una certa distanza si mantenga ma
Noi viviamo una realtà che è impressionante enti di cui
Poi noi dobbiamo cercare di reagire con forza perché il caso ungherese è vicino
E il
Veloce siamo contenti perché in Ungheria Bitondo Banda Edoardo vinto inerme i nazisti ma Albarn e peggio di Venzi diciamo anzi dichiaratamente ha fatto una Costituzione anche lui
Cioè una Costituzione in cui si dichiara che tutti quelli che parlano inglese sono hanno la cittadinanza non è
Putin il primo vero accordano e quindi
Con tutto quello che cosa significa che
C'è una specie di religione di Stato che la stampa dei limiti che non possono essere superati eccetera
Quindi
C'è un una
Un'Europa diciamo che
E europee finta in primo grande Paese del del nord che è sempre stato un Paese socialdemocratico Norvegia fece
Un paese c'è un partito
Conservatore che ha fatto alleanza con quel partito che ha espresso i giusti
Per il l'assassino di quei ragazzi eccetera dunque
La situazione è molto preoccupante quindi sostegno di questa battaglia indispensabile ma contemporaneamente
Questo chiede anche
Uno sforzo per intendere che dobbiamo che le forze diciamo democratiche interne a
Tutti gli schieramenti possibili e immaginabili debbono fa avevo uno sforzo per capire
Chiesi si perde se non si conquista nuovamente all'animo popolare
In questo senso è stato molto importante che ci sia uno si sia manifestata una opposizione
Da parte del più grande sindacato italiano anche se eventualmente questo stesso sindacato e poi diviso nel suo interno in modo preoccupante
Come sono divise tutte le forze democratiche sarebbe il momento di
Pensate a
Uno sforzo di ritardi raccolta delle forze se è vero che come ho sentito anche qui siamo convinti c'è il pericolo molto serio
La democrazia per
Per
La vitalità democratica è un grande sforzo di
Di di raccolta e anche uno sforzo culturale perché
Tutto questo viene dal fatto che
Perché diciamo da dove viene questa nuova viene dal fatto che si è acceduto culturalmente in modo grave diciamo e
Ha ragione Aniello
Se
Riferiva fine del Partito Democratico sarebbe l'aveva tragedia e io non sono di quel partito diciamo come sapete
E però diciamo
Bisogna aiuti forse fare uno sforzo per aiutare le forze che all'interno di quel partito
E si battono per una di
Diversa collocazione per un diverso modo di intendere la democrazia sono forze che sono in grandissima difficoltà
Anche perché comunque tu parli ormai sei bollato ed il sistema di polemica che è stato adottato persino censurato
Dal Corriere della Sera però è tremendo
Se se
Se il senatore dice qualcosa perché dipende dal collo perché il tacchino che non vuole andare nel forno eccetera eccetera se quell'altro dice l'altra cosa e perché
Charlie degli interessi da difendere personali perché gli abbiamo tolto questo gli abbiamo tolto quell'altro insomma
Cioè
è una battaglia molto molto difficile e allora
In questo senso credo che
Anche culturalmente noi dobbiamo vedere e chi insomma bisogna recuperare certi certi valori scelte
Certi modi di pensare Eva
Mi ha meravigliato uva
Il fatto appunto il il silenzio anche delle parti
Diciamo di opposizione chiamiamole così del
Del Partito Democratico intorno a questa questione che abbiamo trattato noi noi oggi e
E bisogna
Fare uno sforzo perché per quello che si può da parte di ciascuno di noi si dopo mettano in campo degli argomenti che possono essere facilmente trasmessi un argomento che può essere facilmente trasmesse
E che
Viene usato diciamo dalla dall'attuale Presidente del Consiglio per cambiare la Costituzione
E quello che così si risparmiano i soldi dei senatori un argomento che Chiti ha fatto molto bene a mettere in campo si risparmia di più con il mio modo che col tuo
Si potrà dire che questo è un modo diciamo che non ha non affrontava IVA il vero ma che
E a questo livello che bisogna mettersi
Bisogna mettersi a livello della comprensibilità cioè bisogna dire che i mali dire della Repubblica e la stessa
Diciamo corruzione pubblica diciamo il
Ai costi prevederne della politica il Centa
Dipendono dal fatto che regole democratiche sono state
So piantate o non hanno funzionato bene uno hanno funzionato fino in fondo bisogno cioè che la parte democratica simpatico mischiati
Deve sulle stesse responsabilità delle sue stesse colpe dei suoi stessi e voi
E
E i non solo di cali mogli o corregge mai indichi il modo di correggere dovrebbe essere da questa parte democratica la quale
Diciamo va all'attacco deroga
Del delle forze che vengono chiamate
Populiste comunque che hanno una mentalità diversa che respingo nella direzione che
E sostanzialmente sbagliata e che appunto Rinaldi realizza come è stato detto qua questa convergenza dall'alto dal basso contro le istituzioni democratiche
E bisogna che qui si
E
Che ci si dice che che che ci si faccia carico degli errori che si dica come si vogliono risolvere vero perché
Il
Se
Sì punta su questa faccenda che che Chiti ha messo in campo il mio è meglio del tu anche dal punto di vista dei soldi
E bisogna contemporanei ferire sì sì è vero
Perché c'è stato da parte
C'è stato uno sperpero c'è stato e ma tutto questo dipende
Dal fatto che non ci sono stati i controlli e voi volete togliere i controlli voi che dite che volete
Migliorare la situazione spendere di meno eccetera per spendere di meno volete togliere quei pochi controlli che ci sono volete ridurre
Il reato di garanzie anche da questo punto di vista perché
E solo su questo terreno diciamo che forse si può recuperare una credibilità che tutti i giorni si sente in largamente perduta diciamo da parte
Del deve istituzioni dobbiamo creare
La battaglia per il Senato ha per il fatto di dire non difendiamo il Senato
Noi
Come ha detto villone vogliamo letti vita del Senato perché vogliamo un forte organo di garanzia sulle ruberie sugli sprechi e quindi un Senato che faccia questo e lotti per questo
Scusate se io dopo questo suggerimento volgare di farlo Cosima
Perché
E naturalmente anche dicendo sì è vero o fuori è vero scelto lo sappiamo che ma perché perché non c'era un organo di garanzia sufficiente
Perché il Senato non aveva questa funzione diamo questa funzione come ha detto la riforma Chiti al Senato di vero controllo fretta è stato detto qui appunto d'accordo che
Che la Camera dei Lord e c'è un esempio o infelice diciamo
Partito Comunista inglese ha avuto
Dopo il mille novecentocinquanta e ha avuto un solo rappresentante che era
Un lordo diciamo
Il quale ha fatto come primo discorso alla Camera dei Lord quello che bisognava abolirla
Vorrei quindi
Un lordo di grande nome Lord mille sfodera eccetera comunista iscritto eccetera ecco
E qui adesso magari diverse tra Camera e lorde però
Se
Necessaria facciamo anche quello
E quelli hanno
Perché
In potere supremo diciamo così dal punto di vista dell'organizzazione della
Della legalità insomma del sistema giuridico eccetera bene il vogliamo un Senato
Ci stiamo battendo perché il Senato non sia una faccenda di pagare di vigente mandata Lia perdere del tempo e carreggiata ma vogliamo un Senato che fu stabilisca una forte garanzia solo così possiamo scuotere credo
L'opinione e intervenire nel merito della questione tra l'altro dicendo la verità perché questa rete Eva
E allora
Il ringraziamento che facciamo a Chieti non sarà soltanto qualcosa di carattere
Diciamo così formale
Ma diventerà sostanziale sostegno alla loro battaglia e nello stesso tempo sforzo per renderla popolare con un'argomentazione che sia un'argomentazione di verità
E che nello stesso tempo corrisponda ad un sentimento popolare grazie
Grazie
La seduta è sciolta grazie a tutti
Arrivederci