08MAG2014
intervista

Ucraina: in viaggio attraverso un paese diviso. Intervista a Danilo Elia

INTERVISTA | di Roberto Spagnoli RADIO - 09:49. Durata: 14 min

Player
Un viaggio attraverso l'Ucraina, da est a ovest, da Donetsk a Leopoli, dalla frontiera con la Russia a Kiev e fino al confine con la Polonia e l'Unione Europea.

E' quello compiuto da Danilo Elia, giornalista freelance, collaboratore di Osservatorio Balcani e Caucaso, per toccare con mano quanto siano reali le divisioni del paese e quanto sia concreto o meno il rischio di una guerra civile alla luce degli avvenimenti recenti.

"Ucraina: in viaggio attraverso un paese diviso. Intervista a Danilo Elia" realizzata da Roberto Spagnoli con Danilo Elia (collaboratore dell'Osservatorio Balcani &
Caucaso).

L'intervista è stata registrata giovedì 8 maggio 2014 alle 09:49.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Crimea, Crisi, Esteri, Kiev, Odessa, Politica, Putin, Russia, Ucraina, Ue, Violenza.

La registrazione audio ha una durata di 14 minuti.

leggi tutto

riduci

09:49

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Un viaggio attraverso l'Ucraina da Daniela scale Oppo li dà alla frontiera con la Russia al confine con la Polonia e dunque con l'Unione Europea quello compiuto da Danilo Elia giornalista freelance collaboratore di osservatorio balcanica o cosa che lo ha raccontato proprio sul sito di osservatorio Ucraina un Paese diviso un Paese sull'orlo di di una guerra civile questo almeno è quanto cc raccontano certe cronaca di questi ultimi mesi di queste ultime settimane anche alla luce di quello che è successo in particolare negli ultimissimi tempi a siamo proprio al telefono per condannino Elia proprio per cercare un po'di capire cosa sta succedendo anche alla luce di questo suo viaggio Danilo allora in affetti che che Paese che Paese hai trovato insomma in questa in questo tuo via ricordo che l'ha attraversato insomma da da est a ovest dunque dalle aree russofone filorusse come si può dire alleare che invece sono più legate alla al all'all'EUR al resto dell'Europa l'Europa occidentale
Chi si è proprio così ma nuovo trovato un un Paese in cui ci stanno in aula prendo di giorno in giorno delle dimissioni che ci sono sempre state ciò lamentando impenitenti ed abbiamo sempre detto ma sempre parlato di queste almeno due anime di Ucraina perché due ucraine quella
Ucraino una quella Rousseau con all'interno poi delle quali di in realtà
Si possono individuare diverse gradazioni
Abbiamo sempre parlato appunto di queste due realtà che pagano con fino ad oggi convissuto pacificamente mi verrebbe da dire pecora
Questi rivista e che vanno inasprendo notevolmente estremizzando mi fa i a cui stiamo assistendo incutere stimano in questi ultimi giorni soprattutto però lo dimostrano è gettano luce
Piuttosto preoccupante sul sull'immediato futuro
Cioè insomma questi questi due anni ne stanno stanno diventando in qualche modo inconciliabile da da questo punto di vista qua do per esempio è accaduto questa tragedia dire di Odessa i quarantasei morti può essere a questo punto un punto di non ritorno quanto meno un punto di svolta
Che io temo però codifiche sia proprio così né la realtà di fatto è che ma come come conosciuto oggi data utile
Fra anche l'altra parte ha i suoi martiri anche gli altri no i chirurghi perché significa apparati hanno i loro i loro morti loro caduti da piangere
Quindi non soltanto in
Il loro peso i loro periti ma via Roma i dannati con i loro centoquattro morti degli scontri io do
Di fine febbraio questo secondo me cambia le cose perché
è come dire da un certo punto di vista ulteriormente quella divisione di cui parlavo prima e
Come dire contribuisce a rafforzare lo spirito di unità e delle delle due parti critica contraria in ultima analisi può anche legittimare una non un anno un'accorta al
Come dire all'alla violenza no perché perché perché diventa un atto di ritorsione nei confronti di qual è il nemico ecco tra tra virgolette
Quindi è comunque con da questo punto di vista possiamo dire appunto come dicevi prima che l'Ucraina purtroppo sempre più sull'orlo di una vera pro per guerra civile si viene è inevitabile
Pensare a quanto è avvenuto vent'anni fa insomma nella nell'ex Jugoslavia insomma è un ovviamente le situazioni sono completamente diverso e se non tutte tutta un'altra un'altra questione ma
Secondo te si potrebbe in qualche modo riproporrà uno scenario di di quel tipo fatte ripeto tutte le le le le differenze del caso
Senti guarda io allora sempre escluso fino ad oggi non non non ho mai capito
Molto a questo parallelismo nonostante ci siano tutti possono individuare delle delle similitudini
Diciamo che le le le le premesse ton diverso Lalla la divisione e meno caratterizzata da una base tecnica
C'è un elemento di crisi di grande secondo me di differenza che la ruolo dominante predominante della della Russia
Che è innegabile sia da da da me soffiando per su quelle che prima erano bracci facendo diventare Fiamme Oro citando sulle fiamme quindi non cada un vero rischio di balcanizzazione del Paese
Però però appunto il la certo certo il voglio dire quello che ci riserva il futuro non lo possiamo dire però ecco ipotesi di uno scontro civile appunto tra
Cittadini della città l'azione di una guerra civile proprio per
Questa diventa sempre più
Meno improbabile certo e tra l'altro proprio di queste ultime ore mentre stiamo parlando
Una un appello che ha fatto lo stesso Putin ma non ha conferenza stampa ha chiesto ai filo russi dell'est di rinviare il referendum ma del che era già fissato per l'undici maggio sì coi secondo te diciamo così un timore che a questo punto la situazione possa sfuggire anche alla Russia o è un gioco il continuo gioco che il clinico Lino Putin sembra fare di soffiare sul fuoco poi magari buttare un po'di di sabbia per per
Semmai le fiamme poi rilanciare come come si può interpretare ma guarda questa ultimissima lotta sembra confermare in realtà in pieno quello che molti analisti dicono da tempo cioè che l'obiettivo principale del Cremlino di Putin
Sembra essere quello di destabilizzare ed è per ridare il Paese andando a minare il le elezioni presidenziali che potrebbero essere il momento fondante di una di una nuova Ucraina democratica
Quindi portare chiedere di portare questo referendum che poi è tutto da vedere perché prettamente nebuloso tenere riportano dall'undici
Di maggior tanta
Com'era come è previsto allo stesso giorno delle presentare perché così ha fatto sottosettori ritenere questo referendum nel di venticinque di maggio può appunto può andare proprio in questo senso cioè andare come dire a a cardinale il Paese nel momento più delicato cioè quando dovrebbe leggere il un nuovo Presidente
C'abbiamo Presidente democraticamente eletto quindi pare di capire tu
Al momento ma asta a momento somma ritiene che il venticinque maggio quindi le presidenziali potrebbero segnare un'evoluzione positiva di quello che è successo in un almeno dal punto di vista di Chiesa insomma
UNIFIL lo penso il punto però onestamente la domanda che mi verrebbe da fare è un'altra è poi alla fine a queste elezioni capitalisti ricevano attenere agenti non dobbiamo dimenticare che è in corso questa operazione antiterrorismo che va avanti
Nelle nel Paese no che va avanti con
Come dire comandamento un portfolio un po'ondivago
Prego allora pedinato secondo ondata in realtà la cittadina nella città di Marino polla sarebbe stata ripresa perché ci assenti insomma è in corso la situazione
Ma in corso ma una una mobilitazione di invitare le Regioni orientali che esse non si risolve delle
Io mi domando
Mi domando come sarebbe possibile procederà elezioni democratiche
Per esempio nella attuali anche all'arrivo Paul che la città occupate foto al controllo dei prezzi e significativi e veramente da capire che poi si riusciranno a tenere queste queste frasi
Dal l'impressione è che schema che sia o almeno quella che viene riparata può in certi commenti che insomma
La Russia stia facendo un po'quello che vuole e di fronte a un Occidente e soprattutto una un'Europa per l'ennesima volta divisa incapace di avere una politica estera comune Europa divisa anche per di dagli interessi lì è economici poi diversi che hanno i vari Paesi dell'Unione rispetto alla Russia certo è così o c'è anche dell'altro sono già questa è sicuramente c'è una par e di verità o o ci sono anche proporre quelli c'è dell'altro nel senso che ci sono anche dei problemi poi oggettivi per nell'Occidente di agire in una situazione del genere
Ma abitato equamente come hai detto tu c'è l'ennesima
Pessima prova di politica estera dell'Unione europea ma questa purtroppo è oggi ancora soltanto una conferma
Dall'altro lato sicuramente
Il un non nuovo un nuovo ruolo che sta acquista rivestendo la Russia
A quello quello appunto di
Di attore internazionale in grado di intervenire nel proprio nella propria area di interesse poco ritenuta tale tenta dal conto di questo la comunità internazionale
Certo è che
Come han detto molte persone come ha detto anche il nostro amico degli ettari
Non si
Cosa fai da farla fare la guerra la Russia oggettivamente e soltanto improponibile e dall'altra parte però è comunque un come dire un un interlocutore che sette abbastanza sordo avere
Alle alle agli argomenti della diplomazia internazionale che soprattutto la domanda ma cieco veramente qualcuno che avrebbe mai in Occidente
Reale interesse a fare una guerra
Per la Crimea
Tomba
Molto cinicamente ma forse forse nemmeno la Russia poi alla fine può pensare di misurarsi lungo in un confronto in conflitto aperto con a questo punto con la NATO sarebbe in qualche modo coinvolto o comunque con
Con l'Unione europea gli Stati Uniti
Ma questo in questo è sicuro è chiaro certo è che bisogna sempre ricordare che larga russe guidata adeguato da da un uomo da un uomo solo o meglio che che detiene
Gran parte della
Ha nelle sue mani come dire gran parte della catena decisionale
E e non il pediatra sempre in maniera estremamente razionale in quanto in quanto essere umano sposare rigido parliamo di Putin quindi c'è sempre non va dimenticata c'era anche una componente emotiva e la Crimea secondo me lo ha dimostrato perché
La l'annessione della Crimea un immenso significato valore simbolico e di prestigio ma
Apporta poco dal punto di vista pratico è chiaro che fino ad ora pure una a ha dato l'impressione di
Pare come dire di fare delle mostre anche un po'esplorative e vedere dovetti tipo spingere Frentana cercare un conflitto quindi
Bisogna capire dov'è finito perché Camera la il modus operandi comunque stato quello di un intervento mirato punto dico questi infiltrati questi uomini informati
Non non non non del dell'utilizzo delle percezione ma è ufficiale ecco tutto poiché se è stato presentato parecchie sono in questi mesi in Ucraina al di là del più debole quelle divisioni
Anzi accanto a quelle divisioni che si vanno rilevati Calizzani vice dicevi indica all'inizio nel tra la gente
C'è qualche germe però che invece potrebbe
Portare invece la gente a rifiutare insomma una unanimità già c'è qualcuno che cerca che potrebbe opporsi magari adesso isolato ma che potrebbe
Nei prossimi mesi invece costruire un'opposizione insomma questa scenario di guerra civile fredda
No no ma in realtà che dirò di più che a mio parere l'impressione che io che ho avuto piovuto tutte le volte che tre volte che vado
Che forse la maggioranza della popolazione ha comunque un ancora una grossissima parte della popolazione
E e di questo ordine di idee critica building preservare un paese unito di evitare lo sconto il punto è che
Per accendere per far scoccare le scintille ma hanno passa una minoranza soprattutto se perché questi aspetti ma pone le minoranze dopo tutte queste minoranze sono come dicevamo prima
Supposizioni inconciliabili tre ettari estremi date
Anche da fatti violenti di sangue come appunto citavamo lenti dalla tragedia di Odessa
E ancora di più quali inventate da dall'esterno dalla propaganda
Innegabile che stanno facendo i medici tipici stampa insomma russi certe sonante diciamo che nella migliore delle ipotesi nei prossimi mesi dobbiamo avremo a che fare con un conflitto tiepido insomma con una sorta di guerra civile strisciante
Di fatto quello che già che già e non in un almeno una parte del Paese e purtroppo non è un'ipotesi di
Finire al realistica Rep ripeto come Lamberto prima vediamo dobbiamo vedere che cosa accadrà finalmente se si riuscirà a tenere queste elezioni presidenziali
Immani in tutto il Paese sotto lo Stern soltanto al comparto degli osservatori dell'OSCE
E questo potrebbe essere un elemento che potrebbe gettare acqua sul fuoco magari e va bene quello che è nato né delle sciagure stecchette
Che ci auguriamo insomma per il bene non solo dell'Ucraina ma anche anche di tutti gli equilibri allora grazie grazie Danila ringraziamo Danilo le Elia collaboratore di osservatorio bancarie Caucaso ritorno ricordiamo che sulla
Sul sito opaca da questo punto org si trovano i suoi contributi e questo reportage su questo viaggio compiuto in Ucraina dall'est all'Ovest attraverso il Paese grazie a risentirci avreste buono grazie grazie a voi buon lavoro