09MAG2014
intervista

Intervista a Cosimo Rega e Giorgia Nevigato su teatro e carcere

INTERVISTA | di Andrea Billau RADIO - 17:33. Durata: 30 min 28 sec

Player
Cosimo Rega, ergastolano, attore in "Cesare deve morire" e fondatore della compagnia detenuti attori di Rebibbia; Giorgia Nevigato psicologa e attrice.

"Intervista a Cosimo Rega e Giorgia Nevigato su teatro e carcere" realizzata da Andrea Billau con Cosimo Rega (detenuto e fondatore della Compagnia detenuti attori di Rebibbia), Giorgia Nevigato (psicologa e attrice).

L'intervista è stata registrata venerdì 9 maggio 2014 alle ore 17:33.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Carcere, Cinema, Criminalita', Diritti Umani, Istruzione, Rebibbia, Teatro.

La registrazione audio
ha una durata di 30 minuti.

leggi tutto

riduci

17:33

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio radicale siamo con Cosimo Rega attore e fondatore della compagnia
Attori che detenuti di Rebibbia che a è ormai giunto insomma ha una fama non solo nazionale internazionale con
Cesare deve morire il film ma che vinse il loro
L'orso Doro di di Berlino e e noi oltre che con l'siamo anche contro Regione legato
Che pure lei attrice collaborano in uno spettacolo di cui tra poco parleremo
E Giorgio tra l'altro a ha fatto una
Tesi proprio sulla questione
Del teatro della
E del carcere che ha come titolo la frase famosa che proprio
Cosimo diceva nel film da quando ho conosciuto l'arte questa cella e diventata
Una prigione e in realtà appunto la tesi di di Giorgia ha come titolo poi la recitazione come possibilità di riscatto socio personale del
Detenuto allora io innanzitutto vorrei da Colosimo un po'
Per i nostri ascoltatori in un racconto Rodi come è arrivato insomma a cui sto
Impegno teatrale pittura punto affondare la compagnia di Rebibbia siccità anche raccontasse un pochino la storia spot la sua storia prima di arrivare a questo
Beh diciamo che
Io fino ad oggi ho scontato trentacinque anni quindi vengo da una lunga detenzione perché
Sono Vecchiato per reati molto gravi facevo parte della organizza
Fatto percorso un po'travagliato nelle carceri protestante continuazione protraesse aver rivolte all'evasione gli Ameano visto un pochettino sbattuto dalle carceri Italia
Poi è arrivato gli ultimi venti anni
A Rebibbia
Avrebbe Libia dove
Ho avuto quasi diciamo così paura
Paura di entrando in una fase di intrattenimento perché il carcere purtroppo oggi coerente
E quello è uno strumento di intrattenimento dell'uomo
E lì ho iniziato anche per paura forse per paura lottando verrebbe suscita perché non ci pensavo più proprio ergastolano
Sì ha vinto anche a quello a ho paura di abituarmi alla cattiveria abituarmi a
A fare discorsi fatte di poche frasi per cercare di mortificare anche alla geometria del mio corpo vivendo della bruttezza
E così si decise di reagire agire anche perché passeggeri Fiji e non voleva che è un giorno poi i miei figli
Avessero un padre del tutto dove ed ha visto solo nella sua parte negativa perché poi
Invece come tutti al senso di marcia del bene
Se è così diciamo così fu la prima ribellione incomincia ribellarmi
Dato che siamo in un reparto di alta sicurezza iniziare uno sciopero della fame
Sono l'uomo per essere ascoltato
Ci vogliono due mesi
Prima che venisse ascoltato in questi due mesi devono perso quasi diciassette diciotto utili
Chiesi quando venne ascoltato chiesi al direttore che io volevo tutto quello che volevo fare è quello di evitare il carcere non di sopravvivere
E trovare una persona molto disponibile anche se un primo momento un po'
Anche sulle sue no Bolkestein quel reparto camorrista fare un discorso del genere poteva esclusione stare molto attenti
Ed è lì lentamente iniziato un percorso diciamo così che
Ha visto la costruzione di un circolo all'interno di questo reparto lentamente i detenuti
Condannati per associazione si potevano associare per discutere delle problematiche di quel posto e
Dialogare una forma formalmente di contrattuale con gli organi di al carcere
E lì lentamente poi anche il fatto di dare un senso a quelle giornate del perché non creiamo lo facciamo lo spettacolo per i nostri comporta
Lentamente creato nel suo fascicolo
Suo fascino perché
Il detenuto che privo di ogni edificio sociale vittima dell'attrice perché camorrista mafioso
A questa debolezza anche se non se ne sente contano apparire tutti i nostri quindi il teatro era siamo sullo strumento
Adatto per apparire ancora il fascino dell'applauso e invece poi mi resi conto che
Oltre a questo che poi
O
Maturato in seguito
Bene si conto che poi il teatro aveva anche una cosa molto importante era quello di arricchire non solo ha parlato con la parola d'ordine a una domanda
Ma lentamente lentamente l'arte faceva il suo percorso l'arte lentamente di portavano Mario attraverso i personaggi andava interpretare alla riflessione
A capire effettivamente Tolkien richiede quattro comprendere gli altri e li sentite le volte desiderio di iniziare a studiare
Di non sentirmi più di quelle tavole del palcoscenico armadi servirle e perseguire gli avevo bisogno anche di
Dati dati che solamente l'istruzione poteva poteva darmi
E così inizia a studiare chiedevano Vescovo nel primo elementi e poi sul superiore adesso finalmente c'è un polo universitario e venticinque ragazzi che hanno partecipato al film censore morire insieme a me
Pendici uno di quei ragazzi sono scritto polo universitario di Tor Vergata
Ecco torno tra l'altro leggevo nella tesi di Giorgio alcuni adesso daremo la parola che proprio il primo personaggio che ha interpretato tra l'altro voi avete molto spesso interpretato Shakespeare che effettivamente
Non solo perché riconosciuto a livello
Mondiale ma sarà il teatro quanto in grande drammaturgo ma effettivamente no poi va nel fondo Robbie dei dei tende dell'animo umano e delle vicende un ma ne tragiche e tu il primo personaggio che ha interpretato era un personaggio che aveva
Esso stesso insomma compiuto no del degli omicidi quindici sei un po'di specchiata in quella figura
Veramente in piedi o personaggi erano quelli della commedia di Eduardo De Filippo facciamole come ed Eduardo e quindi io facevo le ROI perché le trovato quando mi fu proposto
Di fare perché poi la settimana il bisogno di avere un regista Verro perché fino a Lula facevo io facevo un po'tutto fa quando seguivo il bisogno regista vero la famiglia di Philippe ci regalò il testo in napoletano la tempesta mai realizzato
E successivamente dopo conoscemmo Shakespeare
Volevamo trattare il tema della renitente così mi fu proposto di fare la mala eletto che sale Claudio io devo dire la verità era molto
Visti o ad affrontare un tema che non capivo il motivo perché perché recava oggi è un personaggio
Poi lentamente lentamente
Capire la situazione e perché MDC tagliava quella che era stato qualche una volta no e quindi avevo paura di affrontare il mio passato
E invece poi lentamente decisi di affrontarla con serenità soprattutto quando dovetti tradurre
Io se Claudio la famosa confessione
Davanti al tre ettari in napoletano io compiuto non certo quelle parole e più le sentivo mia più sentivo quella corto a quel dolore qualcosa e così mi innamorai talmente di Shakespeare che decisiva tre in poi avrei fatto
Ma forte quello scempio quello è stato un momento molto particolare che mi ha segnato diciamo così
E mi ha fatto comprendere effettivamente di quando male gli avessi fatto perché in quella cosa lì non chiede perdono ma chiede solamente agli altri di fargli comprendere
Con l'amore di quanto
Si è macchiato ti quale durezza di reato si è macchiato
Ecco allora io adesso voglio parlare con Giorgia abbiamo sentito Cosimo la sua testimonianza personale ma appunto ovviamente la protesi
L'abbiamo detto poi anche nel titolo affrontando il problema rieducativo la rieducazione è infine e della pena nella nostra Costituzione l'articolo ventisette
E da questo punto di vista appunto tuo ci parli insomma parli in questa
Tesi della del legame molto stretto che c'è per esempio tra la psicologia del teatro no come proprio voterà per ICI tutte e due e poi li c'è anche un dato che mi pare interessante che è quello della recidiva perché
Come per tutti i detenuti che lavorano ma ancor di più per quelli che fanno teatro la recidiva usciti dal carcere eh estremamente minore
Assolutamente sì diciamo mi sono imbattuta in questa avventura io ero all'oscuro di tutto ciò che nel mondo del carcere tutto ciò che è avveniva dentro tutte le notizie diverse non sapevo erano quelle che
Si sentivano nei telegiornali o dalla radio
E vedendo il film ci asterremo dire c'è stata una scoperta di un mondo che non non conoscevo perché io recitavo già da otto anni fuori
E studiamo Psicologia quindi ho visto i due mondi incontrarsi e quindi ho voluto incentrare tutto il mio lavoro che paga diciamo sono laureata in psicologia
Volevo lavorare su su su questo mondo e quindi scoprirlo perché è un detenuto che sconta molti anni di carcere soprattutto diciamo
Le molti ergastoli o comunque si è macchiato di crimini
Diciamo
Importanti dovrebbe avvicinarsi al teatro alla cultura che che cosa spinge un detenuto in carcere ad avvicinarsi alla cultura
Invece l'ho capito perché
Il carcere si deve vivere come diceva anche Cosimo non puoi non poi
Vivere passivamente perché abbiamo visto che invece detenuti che
Sì diciamo le
La prigione li sovrasta e quindi non riescono a
A maturare il loro una una sorta di
Di coscienza perché di coscienza che che si parla
Usciamo dal carcere sono del del come dice lui delle macchine perfette per commettere nuovi nuovi omicidi perché come sappiamo il va bene questo appunto la mia tesi
E il carcere deve essere rieducativo e quindi bisogna dargli dei dei mezzi a questi detenuti pure che appunto non hanno una cultura come appunto
L'università o anche il teatro o ma anche un libro stesso
Per conoscere ciò che realmente fuori e quindi esteri educati una volta usciti per lavorare per una carriera artistica o una carriera anche
Universitaria
E conoscendo quindi atto parto questo mondo adesso lavorano anche insieme con quasi uno questa cooperativa che abbiamo fondato che signore prigioni dell'arte mi trovo a lavorare con detenuti attori professionisti ed ex detenuti
Che anche se ex detenuti usciti comunque ci tengono e abbiamo persone che vengono addirittura da Napoli tutti i giorni per provare lo spettacolo andrà in scena
Che ci tengono c'hanno maturato questa quest'idea questa affetto verso una cultura che comunque li ha fatti crescere perché lo dicono tutti i giorni loro sono cresciuti
Cioè venivano da un da un ambiente che non non possiamo giudicare Cosimo si rivolgerà parlando alla camorra con il termine cultura è qualcosa che io non capivo all'inizio perché non non riuscivo essendo estranea quest'ambiente
Era qualcosa che non conoscevo conoscendo lui ho capito che c'erano dei valori c'erano dei una vera e propria cultura con delle regole con con delle leggi ma anche se morali
A quell'ora dovranno sottostare
Venendo qua a contatto con la vera cultura quindi con l'arte con la letteratura con appunto Shakespeare allo scoperto qua qualcosa in più
Ed è quelli che scatta come alludesse già sapere Claudio scatta il paragone con chi sono io e chi voglio diventare cerchi ero Tissone Chicchi voglio diventare già seguiti mi posso mettere in gioco e quindi cambiare me stesso
Ok allora lo
Molto tutto minimi imbuto
In tutto quello che voglio fare cerco di cerco di cambiare
Ecco tra l'altro questo è molto importante il discorso nella rievocazione nella
In appunto l'affrontare la pena non solo come pena il fatto di rompere
Separazione che c'è tra il carcere e la Società tra l'altro io so che voi oltre a fare gli spettacoli andate nelle scuole no quindi c'è un rapporto in cui appunto tra l'altro scritta male in questa e questa tesi cioè come dire tu direttamente combatti il quella cultura di cui faceva atti con cui con quest'altra cultura no

Quindi da qualche anno che questa nevrosi che poi mi fa molto piacere
Fatto di poter creare una specie di comunicazione con gli studenti con i giovani
E far capire loro con tutto il dei miei limiti quale possono essere le cause che possono portare alla devianza ma soprattutto
Che cos'è la criminalità organizzata e quale strumento ma si può combattere
Come diceva Giorgio giustamente appartiamo appare ora abbiamo ho detto prima che chi
Diciamo così è un
Delinquente un camorrista e privo di ogni
Distruzione
E vittima di un sistema che chi non lo conosce
Tanto è vero che oggi a Napoli non si chiama più la camorra si chiama il sistema nomina farla poco
Però questo sistema e cultura e radicate nel territorio io son ritornato appese mia dopo tanti anni trent'anni all'epoca mia c'era un'attività organizzata c'è un'eminenza grigia però a livelli un pochettino più adottino
Che mentre oggi
Gli faceva un
Ne ha la camorra perché
Faceva bene all'economia faceva bene al potere faceva bene a tutti oggi ritornando dopo trent'anni ho notato che lacrime organizzata preminenza e nei territori e diventata cultura
Passa a dire che sono stato al carcere minorile a parlare con ragazzi e mi faceva ammette le domande per Disney minorile di Napoli
Con domicilio hai fatto essendovi un collaboratore che gli fai perché li aveva visto il film vedeva
Boss di una volta quindi il massimo il mito no diventano dottoressa cosa la
E e io gli dissi allori se tu un mito mandi bande vedove quanti offriamo creato allora io posso risponderti quando omicidio fatto la normalità Napoli
Come per le normali dal vedersi la mattina andare a sudare per la l'omicidio e la normalità
Quindi bisognava per forza
Intervenire con durezza ma e lui mi guardò e disse così incontravo il collaboratore per me erano pressoché come gli altri sicuramente
Non non gli avesse detto la mano danno perché mi aveva accusato perché non ha fatto un percorso di revisione quindi è sempre lo stesso io voglio star lontano da quel tipo di persone
Nel mio guardo con sospetto io gli dissi a lui tungsteno slegate rare quando
Consumerà questo tempo studiando quando capirai perché era vestito tutto che alle da tuo si potrà anche con cento euro al mese non tutti messi bene bene lui mi rispose guardandomi negli occhi fisso senza Passalacqua Tosi scenda
I guadagni mille cinquecento euro a settimana e non faccio niente
Praticamente mi stava in ordine al vincolo adempierle coltello Falco cellulare in mano si passava macchina volando vi avvisava
Quindi non faceva nulla e prendere mille cinquecento euro a settimana siamo parlando di sei mila euro al mese potete ben capire che in quel momento tutti me discorsi andavano a farsi portatore
Quelle cultura lo in quel momento era consapevole di non commette nessun tipo di reato quindi queste cose io cerco di farle capire ai giovani
E che l'unico modo per poterlo compattare
Questi fenomeni questi fenomeni non è la repressione non è lo stato di polizia non nelle carceri duri non è
Perché
Queste cose Gatti Visco lo solamente e anche il carcere duro fallimentare al cento per cento perché una persona che è costretto a vivere in condizioni disumane col tempo maturano la CONSAP l'occhio verso chi lo detiene PG prigionieri
E dalla condizione di carnefice si convince che vittima
E questo è il paradosso è quando esce fuori praticamente c'è l'abolizione ma tutti quanti invece bisognerebbe fare dare comprendere che quelle e cottura ter compatta ma ci vuole la vera apertura storici e gli Stati caratura
Tutto quando a il lavoro chi lo ma soprattutto la cultura perché quella che poi
Ti porta a darci chiarire gli orizzonti
E soprattutto di soprattutto
C'è cercare con l'alcol bene perché il male non ha mai fatto niente
Cercare attraverso il bene di coltivare quella parte buona che Lolli fargli comprendere quando Marco hanno fatto solo così non riusciremo secondo me
Al risolvere in parte il problema purtroppo ahimè ciambotti lontano da questo quelle matto discorso
No no non è un altro discorso è che adesso lo affrontiamo insomma che ovviamente questo
Questa esperienza rimanda approprio al come si posso si può affrontare la devianza come il tu dicevi e quindi rimanda poi alla situazione per esempio delle nostre carceri
Alle leggi carcere oggi perché ci sono sull'altro o immigrazione eccetera e e quindi io adesso vorrei un pochino allargare se siete d'accordo il tema
Su quello che appunto si più
Potrebbe fare a livello anche politico da questo punto di vista voi sapete che per esempio
I radicali in particolare Marco Pannella da tempo lottano per una riforma generale della giustizia in
Particolare rispetto al sovraffollamento attuale
Per un provvedimento di amicizia e poi e per la revisione delle leggi carcerato era ecco io volevo sapere da voi
Che cosa ne pensavate poi annuncerò sia sotto gli occhi solo una piccola chicca Giorgio c'era da darci la piccola chicca allora ricominciamo momento da tre cose
Sì vada sicuramente le le carceri come dicevamo prima legaccio dire oggi attraversano un momento storico molto particolare
Oggi sono più attenzione a Malta
E perché col tempo hanno subito delle variazioni dubbiamente c'è stato con la legge Gozzini un qualche cosa di nuovo all'interno del CRA chi ha dato diciamo tenga a all'immediata quella dignità che c'è in ognuno di noi che nessuna perde che acquisisce un articolo tre della Costituzione
Ma l'evento dell'extracomunitario dello straniero l'affollamento delle carceri ha
Fatto passare questo articolo tre fondamentale non in secondo piano interno all'ultimo l'ultimo gradino
Dell'articolo della Costituzione e quindi ed applicato un pochettino le acque
E noi stiamo purtroppo vivendo una situazione
A dir poco da terzo punto nelle carceri basta pensare che noi abbiamo il cellulare
Dove ci sono dieci dodici detenute detenuti tutti e dodici di etnie diverse tutti e dodici di come si posso dirvi
Ti religione diverse di uso e costume diverse e costretti a vivere uno affianco all'altro quindi questo già dovrebbe farmi immaginare quando
Diciamo così possono essere
In negativo una cosa del genere ter reca abbiamo ahimè poco personale qualificato e gli stessi operatori penitenziari basta pensare che ne abbiamo psicologo
Per ogni cinquecento avvenuti voi capite che neanche un'ora come fa ancora i sessi educatori quindi uno dei problemi maggiori all'interno delle carceri e quello soprattutto di
A Ariele più persone formate professionale più operatori più persone che credono nel lavoro che fanno
Soprattutto poi bisogna valutare anche tipo il tipo di reato l'abbiamo persone all'interno del carcere ragazzi
Per uno spinello li buttiamo lasso gente che poi
Col tempo li perdiamo
Il carcere secondo me e molto inutile dobbiamo liberarsi dalla necessità del carcere concepite reato
Non dico per tutti perché la chimica necessario il carcere deve essere e un male necessario ma bisogna esserci quindi bisogna Isella cominciare a lavorare su queste basi professionalità da parte degli operatori
Mentalità innovatrice per recuperare il tre persone no fare i soldi impiegate all'interno del carcere una polizia penitenziaria che sta facendo grandi passi da gigante e devo dire che negli ultimi tempi
Un po'più aperta non solo a chiudere la porta prima anche a
Collaborare col detenuto affanni
Comprendere alcune cose aiutarlo anche nel percorso perché poi
Tumulazione devoluzione dei saggi consigli tutti i giorni
Queste sono le cose basilare certamente la mano si l'indulto in questo momento
Ora
Secondo me sono necessarie perché la situazione e assolutamente invivibile e non si può
Pretendere che ad oggi al domani si possono cambiare le cose so che la società e contro queste cosa ma ripeto
O uso spesso questo Moratti è un male necessario attualmente oggi un
Un anno esempio guardato forte soprattutto per acquistare credibilità presso l'Unione europea
L'alloggio già naturalmente io vorrei farti per Pirlo su questa strada anche da c'è questa questo ricordo tuo perché tu in qualche modo
Sei stata come vi ho raccontato prima molto provato in uso in tilt se inviata in un certo modo da Pannella dalle sue battaglie quindi come dire lei conosciuto in Artois gioventù anzi direi quasi nell'infanzia riconosciuto d'da un Pannella che l'ottava e facevo ciò che lo fa per conto di un po'questi bisogni aveva Pannella segnato diciamo il mio destino si può dire perché era il lontano due mila uno io avevo nove anni Niero in viaggio con mia madre per Bruxelles per andare a trovare mio padre
E abbiamo questo signore che io ovviamente ignoravo chi fosse perché nove anni vicino proprio vicino a noi seduta e mia madre mi ha detto ci lasciano senza essere vicino
Signori famoso anzi da direzioni
Un politico da finiva lì
Dopodiché il caso c'è stato che mia madre avverto un giornale già di questi bravo stupidi che si leggono Solaire perché le paura
Fatto sta che c'era la sua foto io guardavo la sua foto
Guardava a sinistra che c'era questo signore ho letto c'era scritto Pannella sciopero della fame per le carceri
Io ho fatto due più due immaginata detto signore perché non mangi Fichera fissa nell'organizzare poi una gentilmente una risposta detto fai come ti chiami attacchiamo Giarda
Giorgia un giorno capirai perché lo facciate speravo che seguirà la mia battaglia ma segnalato dove
Quindi va bene aggiungo qualcosa corretto Cosimo
Secondo me lui è molto più esperto di tutti noi purtroppo come vi sia un male necessario
Secondo me è una cosa attivo e dicendo che non dobbiamo scordarci che in carcere ci sono persone punto cioè hanno
Idee dei bisogni hanno delle famiglie fuori hanno sono persone hanno delle coscienze quindi sono umani come noi
Quindi che aggiungere cioè me vivono in condizioni chiedo così ma come abbiamo detto cioè c'è un Fini in tutto quindi se una persona essa chiusa in carcere o che è un male necessario perché deve scontare la propria
Il problema è come la deve scontare
Vi lascio questa domanda
Ecco invece da sottoporre agli sempre partendo da te che ci raccontasti questo nuovo spettacolo che state facendo che tra l'altro proprio dal suo fine maggio sarà al teatro di Tor Bella Monaca
Come ho detto prima abbiamo fondato questa cooperativa con Cosima con con la risposta che ha l'attrice professionista bravissima
E ed è una cooperativa sociale che appunto diciamo in cui lavoriamo attori professionisti ex detenuti e detenuti
E abbiamo come se diciamo adesso che il teatro di Tor Bella Monaca che gentilmente ci ha fatto forme siamo nell'alla sua reale sala prove e andremo a cena il ventisette il ventotto maggio partiamo e c'era un nemico del popolo di arricchita Anna
E riadattato diciamo a modo nostro perché il PIP da quel mister un direttore sanitario delle Terme
Che noi abbiamo fatto diventare un ex detenuto quindi è un direttore generale delle terme che si è laureato in carcere e uscendo vuole migliorare la società in cui vive
Ma si va a scontrare con il consumo fratello che il Sindaco e con un direttore del Giornale diciamo il tipografo che stampa nei giornali del Comune
Dove l'unico e migliorare le cose per i cittadini quindi a una coscienza che è pulita perché usciamo dal carcere sia buttano alle spalle tutto ciò che era prima si va a scontrare invece con questa burocrazia che tanto qualità non è
E quindi con l'appoggio di edera file che sono io de la moglie cercherà di iniziare questa battaglia
Che poi li vendono andrà a finire come come si spera insomma oltre al pre-CIPE ritornare l'ho detto niente altro come si spera
E a me è un progetto Progetto stupendo perché
Torno lavorano da quasi un anno abbiamo messo del nostro intesto che
Era già attuale anche se è scritto alla metà del mille ottocento era già attualissimo che raccontava una
Appunto una realtà che io abbiamo tuttora sia nell'ambiente politico sia appunto nell'ambiente italiano
Noi aggiungendo questo questo particolare in più l'abbiamo è sacra più d'impatto diciamo se ho ben capito tu sei meno il protagonista cioè un personaggio che
Di più non si poteva insomma
Adattate alla al mille per mille guardando diciamo così che la cosa nasce così
E avendo mezzo non riscontrato nelle scuole soprattutto nelle scuole questa voglia di comprendere di capire ma anche anche devo dire una scarsa educazione alla legalità
Io avevo già in mente di creare questa cooperativa insieme a loro una cooperativa che si occupa assetti far rispettare questa roba qua e invece mi sono accorto che quando poi fosse più importante dopo queste
Impatto con questi ragazzi più citato quasi tutti i ceti Roma del Lazio mettendomi a nudo con domande anche molto tosta e da parte loro ma senza pregiudizi devo dire vennero pallanuoto al cuore anche brutte
E anche con giudizi negativi su di me mare comprensibile tutto questo mi sono accorto che secondo me era più necessario
Fare una cooperativa che si occupasse come oggetto primario è quella della divulgazione della cultura della legalità sono tutte le educazione cercherò ma attraverso
Basta
E va tutto
E quindi abbiamo buttato giù persegue e il testo è uscito fuori questo testo che il presente progetto suggerito d'accordissimo nostra attrice registrano professionista
E ce Mendo Rollo leggevamo noleggiavamo
Non è che su abbia è nato subito la cosa non leggevamo legge mamma c'era il fatto che
Tra gli elementi fondamentali che ebbe senza diceva allora la maggioranza compatta non è sempre la verità non sempre ragione
Quindi un uomo solo lui e si stima forte perché era un uomo solo
Beh era un bellissimo discorso da portare una bella però
Da quale pulpito che in questa pratica che io sono
E invece secondo me
Bisognava affrontare con quel testo alle il tema del carcere
E lo abbiamo fatto voglio anticiparti nulla però abbiamo fatto in modo che il protagonista sopra questo attacca la maggioranza perché la maggioranza
Non esito a dire come ha detto se è una discarica sociale ha però
Chi mai c'è stato avanti e racconto alcuni episodi che sono avvenuti all'interno del carcere
Insomma abbiamo certo cerchiamo adesso la la la la risposta dal primo a Todaro da premettere che non è non esortiamo a Tor Bella Monaca ma disordine nel ventidue
A Rebibbia nel carcere romano di Rebibbia dove io so
Nato artisticamente su quelle tavole invitando la mia compagnia tutte le compagnie del carcere quindi ma prima la faremo il venditore su quelle tavola e prendiamo atto che la
E allora non ci resta Giorgia che dare anche un appunto detto se vuoi dire insomma a Tor Bella Monaca ventisette ventotto maggio entrata maggiore ventuno via Bruno Cirino Roma
Grazie allora Giorgia delicato e grazie a un certo signore perché non è mai rassegnato