13MAG2014
dibattiti

La componente aerea nelle missioni internazionali dell’Italia: trend e scenari

CONVEGNO | Roma - 16:10. Durata: 2 ore 2 min

Player
Presentazione della ricerca di Alessandro Marrone e di Alessandro Riccardo Ungaro dal titolo: "Il ruolo dei velivoli da combattimento italiani nelle missioni internazionali: trend e necessità".

Convegno "La componente aerea nelle missioni internazionali dell’Italia: trend e scenari", registrato a Roma martedì 13 maggio 2014 alle 16:10.

L'evento è stato organizzato da Istituto Affari Internazionali.

Sono intervenuti: Ferdinando Nelli Feroci (presidente dell'Istituto Affari Internazionali), Vincenzo Camporini (vice presidente dell'Istituto Affari Internazionali), Alessandro Marrone
(ricercatore presso l'Istituto Affari Internazionali), Alessandro Riccardo Ungaro (ricercatore presso l'Istituto Affari Internazionali), Vittorio Emanuele Parsi (professore), Gabriele Checcia (ambasciatore permanente per l'Italia presso la NATO), Pasquale Preziosa (capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare), Giuseppe Giordo (amministratore delegato di Alenia Aermacchi), Maurizio Melani (direttore generale per la Promozione del Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri), Giampaolo Giannetti (generale dell'Aviazione Leggera dell'Esercito Italiano).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Aerei, Aeronautica, Economia, Esteri, Forze Armate, Guerra, Industria, Isaf, Italia, Nato, Peace Keeping, Sicurezza.

La registrazione audio di questo convegno ha una durata di 2 ore e 2 minuti.

leggi tutto

riduci

16:10

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Ora
Buonasera a tutti e benvenuti grazie per aver aderito all'invito dell'istituto a partecipare alla presentazione di questo rapporto
Sulla componente aerea delle missioni militari
Vorrei esprimere un grazie particolare specialissimo a
I membri del pane
Allora
Generale preziosa
Dottor Giordo professor farsi
E se posso un ringraziamento particolare
L'amico
Gabriele che che ha inviato ringrazio a Bruxelles è venuto da Bruxelles quindi credo che la sua presenza sia
Particolarmente da apprezzare
E naturalmente
Un grazie va soprattutto tra gli autori del rapporto
Non li cito nominativamente li trovate
Nel
Testo del rapporto che esiste trovato oggi
Vorrei dire che è un motivo di orgoglio particolarissimo dell'istituto il fatto che questo
Rapporto è stato tutto realizzato posso dire in-house con
E grazie al lavoro lecito ti esatto
Non solo di Vincenzo Camporini ma anche di una squadra di bravissimi ricercatori che hanno collaborato all'elaborazione di questo rapporto
Il rapporto
Vuole essere un contributo di analisi e di approfondimento
Che poi hai mette a disposizione degli addetti ai lavori ma anche di un pubblico più ampio e dei media e perché no magari anche di chiamare responsabilità dichiara so stabilità di governo
Sia al Governo che in Parlamento rissa di decisione che dovranno essere assunte sulla questione che viene affrontata direttamente
In in questo rapporto
Che è la questione del rinnovo della flotta di ieri a disposizione delle forze armate italiane
E direi che
Lo studio che lo Iaia preparato parte da una duplice presupposto il primo è che
Nell'attuale
Configurazione degli scenari internazionali
E data la presenza di numerosi fattori responsabilità
Sparsi quella nel mondo è anche e soprattutto in aree vicine al
Nostro Paese
Il rischio la possibilità che missioni militari
Internazionali continuino ad essere necessario anche nel prossimo futuro è un rischio molto elevato
E la seconda del secondo presupposto è che l'Italia dovrà continuare a fare la sua parte
Nella partecipazione a queste missioni militari internazionali come si dice a un certo punto il rapporto sia a tutela
Di fondamentali interessi di sicurezza nazionale sia in quanto
Parte integrante di un sistema di alleanze internazionali
E che quindi dovrà continuare ad essere se così posso dire attrezzata per fare la sua parte
In maniera corrispondenti alle aspettative collegate al peso specifico e le ambizioni del Paese
Di lo studio si sviluppa io poi non entro nei dettagli e lo studiolo farlo molto meglio di me gli autori ma allo studio contiene una prima parte introduttiva
Con un'analisi molto accurata dettagliata
Delle missioni militari principali più importanti che hanno
Visto l'Italia come
Parte integrante protagonista che si sono sviluppate nel corso grosso modo degli ultimi ventiquattro venticinque anni a partire dal primo conflitto in Iraq
Fino alla ammissione fino alla alla conflitto in Libia fortemente caratterizzato tra l'altro dalla partecipazione delle della forza aerea
Che il alla all'analisi che viene condotta nello studio di queste missioni militari ovviamente
Oltre a descrivere le caratteristiche in termini generali si concentra sul ruolo
Della forza aerea in particolare era forse l'idea italiana come cioè il potere aereo è intervenuto con quali modalità e con quali
Dispositivi a sostegno o addirittura come protagonista principale di queste missioni
Nella
Seguito il rapporto trarre alcune conclusioni sia sulla dottrina
Sulla pratica che si è sviluppata con la partecipazione a queste
Missioni militari individuando grosso modo quattro quattro tipi di
Utilizzo prevalente della foresteria in queste missioni militari
Non entro nei dettagli perché sono l'ultimo ad avere titolo a parlare di cose di cui so poco
Ma troverete tutta una descrizione analitica sulla tipologia di queste
Impieghi delle Forze aeree così come si sono registrati nel corso della partecipazione italiana alle missioni
Che vi ho citato dal dall'Iraq fino alla Libia e poi successivamente si passa ad esaminare gli scenari per il futuro distinguendo
La possibilità di impiego dalla forza aerea in
Missioni di controllo e di incrementi dei soldi no fly zone o immissioni destinati a fornire un supporto aereo ad attività mi militari sul terreno
E da qui si passa diciamo che era parte
Più operativa
Che contiene anche delle raccomandazioni del rapporto che la parte che riguarda
A
Le caratteristiche che dovranno avere
I nuovi apparecchio gli apparecchi di nuova generazione edifici dovranno trovare forze armate italiane
E che lo studio individua in quattro caratteristiche particolari che sono l'interoperabilità
La capacità di connettere gli apparecchi ad altre unità delle forze armate nazionali la passa stornabilità Ariella capacità di dispiegamento anche a distanza strategiche
Termine che si usa dire lo della dei propri avviliti da qui il passaggio successivo porta concludere gli autori del rapporto
Che l'opzione più conveniente a disposizione del Governo e quella della prosecuzione del programma di acquisti est de glieli F trentacinque
Nel fare questo il lo studio ricorda alcuni passaggi essenziali il primo è che
Il primo è che il programma è un programma antico nel senso che la prima decisione sulla partecipazione programma risale addirittura al mille novecentonovantotto
Un Governo di centrosinistra di reato all'allora primo ministro D'Alema e che successivamente è stato confermato credo in quattro diverse occasioni nel due mila due due mila sette due mila nove da vari governi di vario colore che si sono succeduti
Al potere in Italia quindi è una un programma che affonda le sue radici nel tempo e che in qualche modo
è stato sostenuto da un consenso bypartisan
E nella parte conclusiva del rapporto
Il lo studio analizzare il tema fondamentale e quello dei ritorni industriali del programma di acquisto degli F trentacinque
Soffermandosi sia sui ritorni previsti programmati per l'industria nazionale della difesa sia sul ruolo in particolare il sito di Cameri
Descrivendo accuratamente quale sarà l'utilizzo di Cameri che dovrà essere fatto quando il programma
Andrà regime concludo con due brevissime osservazioni che hanno un potere anche con l'attualità il il rapporto
è stato completato nel mese di marzo e quindi lo dico perché è stato completato prima che la questione della programma di acquisti degli F trentacinque tornasse di attualità con le recenti
Vicende che hanno visto come protagonista soprattutto il Partito Democratico in sede di Commissione parlamentare
E vicende che sembrerebbero testimoniare perlomeno all'interno del partito democratico di un ripensamento sul numero complessivo gli apparecchi da acquistare ad a questo tema evidentemente è un tema sensibile e delicato
Sul quale lo studio dello anche magari non interviene direttamente è ovvio che è un tema che è all'attenzione
Delle forze politiche del Parlamento del Governo voglio soltanto sottolineare che ricostruirli dello IAI si pone come obiettivo quello di fornire a chi dovrà prendere le decisioni del caso
Io gli elementi di conoscenza utili e necessarie perché la decisione sia una decisione ponderata e da adottare a ragion veduta
Ecco queste erano le le considerazioni che mi sentivo di svolgere ringrazio di nuovo di otto ore se il rapporto e lascio la parola Vincenzo Camporini con ben altra cognizione di causa data la sua esperienza
Condurrà il dibattito e poi tra le conclusioni in tal senso
Grazie grazie Presidente
Credo che tu abbia dato veramente
In modo
Ideale era questa presentazione quello che seguirà
In un dibattito che ci occupiamo molto molto vivace
Lavoro è stato fatto con con grande passione devo dire perché lei
I ricercatori che ci si che ci hanno lavorato
Io ho fatto soltanto un po'da direttore d'orchestra devo dire e il merito fa
Per il novantanove per cento a Amatone Ongaro che ci hanno lavorato veramente con grande passione
I lavorandoci un pochino anche l'iter della tematica che una tematica affascinante è abbastanza poco conosciuta perché non se ne parla in generale perché su tanti aspetti del detto la partecipazione
Italiana
Una serie di operazioni militari non se ne dovuto parlare
Diciamo che c'è stata una
Direttiva del silenzioso a differenza di quanto facevano i nostri i nostri alleati che invece vantavano con grande Infasil loro capacità
Devo dire che le capacità che ha
Aeronautiche verrà dimostrato in tutte queste vicende
Non solo non è stato inferiore ma spesso tutto superiore a quella
Di altri che però potevano appunto
Parlarne liberamente mentre noi eravamo vincolati al silenzio
Quindi è bene che di queste cose si parli
E la prima parte quella relativa alla storia credo sia un
Un punto fondamentale in un
Voli di quasi un un pilastro della conoscenza della storia del nostro Paese cioè questo aspetto per il futuro
Il dibattito lo articoliamo con una breve presentazione appunto fatta da marrone Ungaro sulla lavoro svolto su come e articolare e poi avremo una serie di interventi che abbiamo inteso coprisse coprissero
Nel più ampio spettro possibile quindi partiamo da un aspetto concettuale l'aspetto accademico diciamo
Per seguire con quello delle relazioni internazionali quello diplomatico per arrivare a quello operativo
Infine per toccare l'aspetto industriale che chiaramente
Interconnesso in modo inestricabile con il resto
Non è una sequenza di importanza è una sequenza logica perché tutti questi aspetti ovviamente
Sono tali che influenza anzi l'uno con l'altro quindi cedo subito la parola a marrone i e Ungaro perché loro ci possono parlare del lavoro svolto delle conclusioni che ne hanno tratto grazie
Grazie generale per me è un piacere ore
Presentare davanti ad un parere un pubblico così qualificati il sta riveste ricerca IARD obbligata appunto nel volume che che avete tra le mani i velivoli da combattimento italiani che se internazionali trend e necessità
è un progetto ricerca durato sei mesi al quale hanno lavorato appunto entrare Camporini professor Nones i colleghi restando Riccardo un vero e Tommaso De Zan e il sottoscritto
Sanno lavoro di squadra sarà Alessandro presentarvi brevemente una prima serie di spunti da parte appunto storia sull'ISEE internazionali e poi riprenderò io la parola per per proseguire la presentazione a due
Ovviamente un po'con l'accetta anche perché e non è possibile parlare dettagliatamente in venti minuti di di centoquaranta pagine indice scuserete per alcune diciamo crudezze nella ENEL dire concetti fondamentali
Passando a te
Buongiorno a tutti
Il mio intervento si soffermerà su alcuni punti relativi alla prima parte dello studio cercherò in breve tempo di ripercorrere insieme a voi uno
Le tappe fondamentali del ruolo di privi da combattimento italiani nelle missioni internazionali e due alcuni trend che necessita emersi dall'esperienza operativa
Lo studio prende in esame dieci missioni internazionali durante un arco temporale di ventiquattro anni che hanno visto in maniera rilevante la partecipazione di prima gli italiani nelle missioni internazionali
Queste dieci missioni sono state condotte in diverse condizioni regione del mondo
Dal Golfo Persico con la prima ora del Golfo I Balcani occidentali quelle guerre imposta in Kosovo passando per il Mediterraneo libero mila undici arrivando fino alla centrale con l'Afghanistan missione Enduring freedom e AISAF
Mi permetto però di tranquillizzarli non starò qui a raccontarvi le motivazioni che hanno portato fra la decisione di intervenire militarmente attraverso questo operazioni nel quaderno troverete un resoconto Preve e spero alquanto dettagliato dei fatti
Ciò che intendo fare qui evidenziare alcuni punti
Primo aspetto sul quale vorrei concentrare la vostra attenzione
A partire dalla prima guerra del Golfo l'Italia integrato i suoi rilievi da combattimento per ventidue negli ultimi ventiquattro anni
Il che significa che i piloti italiani hanno volato per ventidue anni nei teatri operativi dirà Balcani occidentali Afghanistan e Libia
Nello specifico l'Italia ha impiegato più di cento velivoli da combattimento realizzando nel complesso circa tredici mila sortite e circa trentasei mila ore di popolo
Secondo aspetto
Sempre considerando le dieci missioni internazionali
L'Italia ha schierato le proprie capacità R. nel novanta per cento dei casi su mandato del Consiglio di sicurezza dell'ONU e nell'ottanta per cento dei casi nell'ambito di una catena comando controllo nato
Tale aspetto cosa dimostra dimostra il livello di integrazione dell'Italia all'interno delle organizzazioni internazionali riferimento e la forte influenza di un sistema internazionale ormai globalizzato in cui è impensabile
Altamente improbabile perseguire in modo unilaterale azioni in una certa rilevanza in profondità
Terzo e ultimo punto e via via entro del nel dettaglio del mio intervento i velivoli italiani hanno dimostrato continuità e soprattutto versatilità incapacità di stare al passo con lo sviluppo tecnologico
Ma cosa intendo con versatilità e capacità di stare al passo con lo sviluppo tecnologico
Cerco di spiegarmi con esempi che ripercorrono alcune tappe del ruolo dividi per Italia nelle missioni internazionali partiamo dalla prima ora del Golfo
Sebbene i Tornado abbiano effettuato più le due mila trecento sortite e quattro mila cinquecento ore di volo questa operazione ha evidenziato alcune carenze lacune dal punto di vista tecnologico in termini di capacità
Basti pensare che solo gli Stati Uniti disponevano di assetti cosiddetti Wahid guisa del ossia velivoli attente le missioni SEAT che perché non è avvezza temi militari stata soppressione di difesa re nemica
Bene l'esperienza mediorientale porto aeronautica sviluppare una pensione ACR dei tornado proprio perché l'esperienza in combattimento una guerra del Golfo avevano infatti evidenziato l'utilità divenire ottimizzati per missioni serata
Era il mille novecentonovantadue andiamo avanti dal novantatré e novantotto l'Italia partecipa le missioni NATO condotte in Bosnia
Sempre sotto mandato ONU attraverso dispiegamento ritornato Mx tra queste cito la più consistente per i primi italiani in termini di ore di volo e di sortite ossia dei Liberal card
Nella quale tornado m x portarono a termine quasi tre mila sortite compiendo oltre sette mila ore di volo
Arriviamo così al novantanove operazione alla ex forse Kosovo durante questa operazione l'apporto italiano sodo piuttosto variegato
Complessivamente lo sforzo quantitativo e qualitativo delle forze italiane fu molto apprezzato infatti l'Italia fu il quarto Paese contributore per numero di assetti coinvolti e il quinto Pier numerico di sortite tre escludendo gli Stati Uniti
I Tornado e C.R. rappresentavano i cosiddetti tiratori impiegati per missioni sei ad su pressione di Cesare nemiche con l'obiettivo di conseguire la superiorità aerea e consentire poi bombardieri di neutralizzare gli obiettivi strategici
Anche lì a vuoto bidella Marina presero parte le operazioni prima con attività di difesa e la forza del mare Adriatico poi con azioni di ingaggio aree superficie attraverso l'impiego di armamento di precisione sfruttando anche la capacità di designazione dei bersagli offerto da Paesi alleati
Arriviamo così alle ultime due grandi missioni in Afghanistan e Libia partiamo dall'Afghanistan contrazione Enduring Freedom
L'Italia la Marina italiana ha fornito il suo contributo sin dall'inizio dal due mila uno fino al due mila sei
Coglione gli otto armiere imbarcati sulla portaerei Garibaldi porteranno a termine diverse missioni spesso della durata di sei otto ore per raggiungere obiettivi posizionate a mille cinquecento chilometri di distanza dalla poteri Garibaldi
Io voto Biffoni impiegati per svariati compiti tra cui
Interdizione Rea supporto e ravvicinato o in concerto tecnico casco lo sa il supporto
Ricognizione aerea
Gli arriveranno complessivamente registrato trecentoventotto sortite per un totale di otto centosessanta ore di volo
Dimostrando piena Inter interoperabilità con gli assetti di altri Paesi della coalizione volante in pacchetti combine d'con gli omologhi velivoli americani inglesi
Hanno poi operato in maniera indipendente in pacchetti di due quattro ri per compiti di casco lo sa supporti ricognizione armata
Qui concedetemi una piccola nota a margine però che dimostra la valenza dell'apporto dell'asset della Marina nell'operazione Enduring Freedom
Nel due mila quattro otto pigli otto piloti diamo vuoto Bindi sono stati insigniti terminate sterza Erme ed altro per l'efficacia del loro contributo nella missione Enduring Freedom
Restando in Afghanistan passiamo ora alla partecipazione a dai sa partecipazione caratterizzata da un contributo crescente dell'Italia e trova il suo massimo riconoscimento quando cioè del vecchio assume il comando dell'intera missione nel due mila cinque nel due mila sei
Prima di tutto vorrei fornirvi un dato complessivo dal due mila e due inizio della missione ai SAF al trentuno dicembre due mila tredici quindi pochi mesi fa il contributo dei casi italiani alla missione AISAF ammontato a più di tremila sortite
Oltre otto mila quattrocento ore di volo
Tornando Mx la fanno da padrone
I Tornado SOSE impiegati per attività di intelligence sorveglianze ricognizione fornendo un terzo di tutto il materiale fotografico in formato digitale per tra le forze responsabili missioni essa in tali sensi sorveglianza ricognizione
A dicembre due mila e nove i Tornado accumulavano più di trecentocinquanta sortite arrivando a novecento ore di volo e comprendo coprendo ottocento obiettivi
Gli Mx hanno sostituito i Tornado a a fine due mila e nove operando ed eravate per continuare a svolgerlo imparato attività essa
Ma non solo durante il loro impiego Yemen x hanno svolto missioni di ricognizione aerea reo supporto di truppe di terra e attacco aria superfici
Arriviamo infine alla Libia due mila e undici
Il contributo italiano da adibire alle misure Libia è stato il triplice di tre tipi ma per ovvie ragioni di sintesi mi soffermo solo sulla partecipazione vive livelli all'operazione eolici donne mi mi fai protetto
Nel complesso i velivoli italiani hanno condotto circa il sette per cento delle sortite totali dell'alleanza risultando per l'Italia è la più grande operazione area dopo la Seconda guerra mondiale
Il cuore delle capacità era italiane era costituito da F sedici Eurofighter Tornado AMX a vuoto della Marina
Anche in questo contesto incapacità agli anni hanno portato a termine diverse missioni attività assegnate su pressione difendere nemiche missioni di pattugliamento difesa aerea attacchi aria superficie attività ad essa
I polimeri italiani e le Forze armate italiane hanno totalizzato più di duemila cento sortite e oltre sette mila duecento ore di volo
Ora dopo questa carrellate alla luce di questa sintesi vorrei porre una domanda
Domanda che sono posti anche noi siamo arrivati a questo punto dello studio sulla base della lunga e continuativa esperienze italiane le missioni internazionali quali trend e necessità emergono rispetto le capacità R. e in particolare rispetto e velivoli da combattimento
Sarò didascalico per ovvie ragioni di tempo
Primo aspetto i colibrì italiane hanno sempre operato all'interno di condizioni multinazionali composte larga misura da membri dell'Alleanza atlantica
Motivo per cui l'aspetto dell'interoperabilità rappresenta un elemento pressoché indispensabile in futuro per operare congiuntamente con gli alleati in modo coerente ed efficace
Ma cosa vuol dire concretamente interoperabilità mettiamola così è l'abilità di agire insieme in modo coerente ed efficace per raggiungere obiettivi tattici operativi strategici condivisi con gli alleati
Secondo punto
è sotto gli occhi di tutti che l'information communication technology ha rivoluzionato il modo in cui l'economia e le società interagiscono anche le stesse Forze armate sono tutte coinvolte in questo proprio in questo processo radicale di trasformazione
In futuro quindi risulterà determinante disporre di piattaforme né eccentriche ossia capace di raccogliere e disseminare informazioni ordini da e verso altri nodi della rete
Perché è cruciale disporre di questa capacità nei centri perché ciò genera a sua volta una conoscenza completa curata in tempo reale del Teatro dell'Opera azioni
Questa migliore situation la cui ANAS e la precondizione necessaria per ottenere una serie di risultati
Ad esempio consente di colpire
Con precisione gli obiettivi riduce al minimo riscriviti mettano un combattente all'interno è stato per attivo i cosiddetti danni collaterali
Oppure aumenta in modo esponenziale le capacità delle epatiti rilevare evitare o in qualche modo rispondere eventualmente alla minaccia aumentando la sopravvivenza del velivolo
Terzo aspetto insieme al carattere della Condé della interoperatività e la capacità né eccentrica il terzo aspetto è quello della passavo osservabili TA così da ridurre sensibilmente la possibilità che l'eros abbattuto
Quarto aspetto capacità di utilizzare munizionamento di imprecisioni in modo da poter colpire selettivamente bersagli riducendo i danni collaterali
Quinto e ultimo aspetto la cosiddetta de proibiti ossia schierare le capacità avere oltre il territorio nazionale a distanza strategica
Ricapitolando in estrema sintesi e concludo cinque necessità interoperabilità capacità né eccentriche tra una migliore situation lavora nessuno bassa osservabili età munizionamento di precisione per ridurre i danni collaterali e deplora empirici
Grazie per l'attenzione e cedo la parola al Santo Morrone per la seconda parte
Grazie Sandro o in modo complementare la mia presentazione invece affronterà l'altra faccia una medaglia cioè le necessità odierne delle Forze armate italiane e le opzioni ingiuria possibili per soddisfarli
In questo modo pensiamo e si possa anche inquadrare un po'meglio i programmi acquisizione degli F trentacinque e quindi comprendere se
Quanto e come
Questo programma serva la politica essere politica di difesa dell'Italia nel fare ciò coro tre domande che sono anche nel volume e proporlo delle risposte
Perché secondo me questo qui è un modo dialettico di affrontare il tema che permette alle lettore di avere più chiari i termini la questione e di fare di meglio pallettone ovviamente si farà le sue idee che Funari possono essere anche diverse dalle nostre
Però perlomeno sarà andato un po'oltre gli stereotipi le banalità e le falsità che si sentono dire in Italia spesso sulla spesa per la difesa in generale in particolare su questo programma
Quindi una domanda che poniamo è la seguente
La partecipazione italiana alle missioni internazionali serve a tutelare interessi nazionali
Questa è la domanda che occorre Curzi e porre anche se la risposta non è semplice non è affatto semplice perché abbia la retorica e a domanda e magari espongono anche molti cittadini molti contribuenti e molti lettori
Quindi anzitutto bisogna appunto ricordare che in un mondo interconnesso e globalizzato interessi nazionali sono sempre più esposti fattori a rischi a crisi che si manifestano al di là del territorio nazionale
E in queste condizioni la partecipazione alle varie missioni internazionali anche attraverso l'uso del potere Rio solo tramite il potere a Roma nome così come è giusto fermiamo su questo ha contribuito in modo diretto o indiretta proteggere e promuovere interessi nazionali
Un esempio per tutti dopo ispirazione la Jugoslavia la stima la stabilizzazione dei Balcani occidentali a presenta un interesse nazionale chiaro e diretto visto che l'Italia soffriva l'impatto negativo
Di avere il flusso di rifugiati da Paesi immersi o guerra civile appena oltre Adriatico
E la cresce la guida organizzate di traffici illeciti Ai confini nazionali oltre che in generale emerge di un contesto di instabilità
In altri casi l'uso del potere la missione internazionale contribuito in modo indiretto a tutelare interessi nazionali
Alessandro riepilogato giustamente che l'ottanta per cento le emissioni dalle condotto riconsiderate è avvenuto in un quadro nato
Ecco questo contributo attivo dell'Italia all'alleanza rappresento l'investimento da parte italiana una sorta di polizza di assicurazione per la sicurezza nazionale
La polizia ovviamente la ben più tangibile invisibile durante la guerra fredda paga anche negli ultimi anni tuttora rappresenta uno strumento importante per mantenere la sicurezza e la stabilità dei Paesi europei
E per maggiori informazioni a riguardo voglio richiedere in Romania Polonia pesi baltici se con quello che sta succedendo oggi Ucraina sentono più sicuri essere dentro o fuori la NATO
Come ognuna sperimentato con la propria polizza di assicurazione Bernaudo opera o peraltro bisogna investirli costantemente per mantenerlo attiva
Allo stesso modo non si può pensare di poter avere una NATO funzionanti solida credibile se quando c'è la missione importante l'alleanza Alitalia molti Paesi tengono le truppe ieri a casa magari perché non hanno era in grado di operare con gli altri
Inoltre
Una partecipazione attiva stabile e affidabilità dell'in Saint nazionali
è funzionale a ottenere la credibilità il capitale politico per sostenere le priorità della politica estera italiana che si oppone appunto siano
Quelle anche di tutelare interessi nazionali
Lo sforzo militare in questo senso anche attraverso le capacità R.
è una fattore abilitante la cui richiesta di difesa
è la condizione necessaria per accedere a dei tavoli nei quali si prendono acque deciso importanti degli interessi nazionali decisioni che sì o influenzare poiché si può riuscire o meno influenzale però si considera che a quel tavolo chiaramente le chance di poter dire la propria diminuiscono
Se abbandoniamo quindi questo anche questo strumento abilitante come tale mi usciamo più deboli e meno in grado di tutelare i nostri interessi nazionali sia rispetto alle crisi o alle minacce ma anche rispetto ai nostri partner
Se la risposta quindi è la prima domanda è che la possibilità di proiettare potere nelle missioni internazionali contribuisce a tutela di interessi nazionali direttamente o indirettamente
La seconda domanda che segue logicamente la seguente
Quali sono le capacità ed è necessario mantenere intatta le Facoltà tale strumento utile per la politica estera italiana
Alessandro ed erogati requisiti emersi esperienza operativa minuti ventiquattro anni stati tranquilli non le ripeterò vorrei però soffermarmi su un dato trascurato quando in Italia si discute decisa le Forze armate quanta Briguglia combattimento
Una buona parte la flotta indicata finora inermi i Tornado yogurt tubi lo avete sentito parlare sarà dismessa nell'arco dei prossimi dieci quindici anni
Per il semplice motivo che queste stava diventando cassonetti essendo stati progettati prodotti trent'anni fa o quaranta anni fa
Sorriso obsolescenza vuol dire non avere certi livelli di sicurezza privi pagine Aliani priva di missione
Oddio non garantire certi Standard di efficacia impianto operativo vuol dire non essere più interoperabili con i principali alleati che vanno avanti sulla strada ecologica e quindi poter cooperare colori missione
Obsolescenza fa anche rima con inefficienza perché diventa sempre più costoso aggiornare i sistemi datati Bertelli al passo innovazione tecnologica che rapidissima
E perché è sempre più costoso trovare pezzi di ricambio per mantenere in servizio velivoli da combattimento che ormai sono fuori produzione
E quale magari
Facciamo l'esempio che è come se pensasse di utilizzare una moto d'epoca per fare tutti i giorni pendolare tra Ciampino e Roma e ogni tanto fa trasferte lavoro più lungo quanto costa tanto quanto efficiente poco
Quindi se si facessero
Spending review seria della spesa militare cosa auspicabile Centonse percorrere la strada di dotarsi di auto d'epoca
Qual è allora questo modo alle strade le opzioni a disposizione per soddisfare in modo efficace ed efficiente essenziali Forze armate italiane contabili Hulia combattimento questa terza domanda che ci poniamo
Dico Forze armate non sull'aeronautica perché come lo strato appunto poco fa Alessandro io voto bidella Marina hanno dato una grande prova in Afghanistan in Libia
Che si dovranno sostituiti da un velivolo articolo Curto verticale ci troveremo senza reazioni navale ovvero con delle portaerei senza aerei
Quali sono allora le strade le opzioni possibili per l'Italia perlomeno in teoria
Si potrebbe teoricamente sviluppare una versione l'Eurofighter compiutamente d'attacco al suolo
Ma investimento per prendere un velivolo non disegnato sin dall'inizio che questo ruolo che ha disegnato per un altro ruolo che che svolge efficacemente
E trasformarlo raggiungendo Standard cacciabombardieri quinta generazione ad esempio quanto abbassa osservabili da e ne eccentricità due elementi richiamati prima
Questo investimento deve essere fatto diversi anni fa da parte i Paesi europei e non è stato fatto che mancano oggi in Europa prima ancora che in Italia le condizioni per intraprendere questa strada
Ci vorrebbero molti anni e soprattutto miliardi di euro che nessuno tempestivo venti vuole investire
Per la fare per poter anche sull'oggetto da soli per poi costruire comunque qualche centinaio di ieri e non migliaia di velivoli come il caso del trentacinque con l'ovvia crescita dei costi unitari per mancanza di economie di scala quindi
L'unica strada realmente percorribile oggi in pratica in Italia per darsi velivoli da combattimento mi rispondono alle necessarie forze armate è qui si degli F trentacinque
Qualcuno dice rinunciare all'Aeronautica elezioni navale la marina chiaramente è tutta un'altra storia
Di certo in questa opzione l'unica possibile ci sono pro e contro assolutamente tuttavia i prosperano ampiamente i contro specie dal punto di vista militare
Infatti in primo luogo l'interoperabilità con i principali alleati d'Italia e sicura dal fatto che si tratta lo stesso velivolo da combattimento che avranno altri dodici Paesi tra i quali sette membri della NATO
Settembre la NATO che comprendono non a caso quelli maggiormente attivi nelle missioni internazionali Savona negli Stati Uniti Gran Bretagna Canada Danimarca Olanda Norvegia e a seguire
In secondo luogo trentacinque stato disegnata la fine degli anni Novanta non degli anni Ottanta c'è undicenni differenza in quelle concilia è andata avanti
Giacomel velivolo di quinta generazione e quindi progettato appositamente per garantire elevati standards quanto all'eccentricità e basso se infallibilità
In terzo luogo la deprecabili violentata fatta sei di fattori quindi non entro il tecnico ma ce ne sono diversi cito solamente il fatto che trazione decollo corto in verticale dei trentacinque passo utilizzata su piste più spartani in teatro Statuto riportare italiane come appunto a Cavour
Inoltre ultimo punto è mia presentazione partecipare a programmi acquisizione significa anche un certo ritorno tecnologico industriale per l'industria italiana aerospazio e difesa
Allora
Nel quaderno verifichiamo un un capitolo apposito questo tema anche sono e nel titolo per due motivi
Il primo motivo e che il Ministero della difesa in particolare il Segretariato generale della Difesa Direzione Nazionale Arma venti a per legge per legge il mandato di salvaguardare sostenere industria Difesa italiano quindi è uno dei suoi compiti
Il secondo motivo e che una volta definita una certa necessità militare quindi non ci sa delle Forze armate
Poi è normale che si faccia tutto il possibile per ottenere il massimo in termini di ritorni per industria nazionale e quanto accade in Francia in Germania in Gran Bretagna ma anche in Svezia in Olanda e non vedo perché non debba accadere in Italia
Dunque idolo industriale conseguire programma e trentacinque oggi non sarebbe altro modo possibile per l'industria italiana vistata suddetta mancanza passata presente futura in programma europeo per produrre velivoli di quinta generazione
Il giorno in questa risma rivesta principalmente in tre modi uno per grandi aziende come Alenia Aermacchi che è il contratto per produrre leali inclusa la cella centrale che tiene insieme ritiene o niente di una parte significativa della flotta di velivoli
Si badi bene non solo di quelli italiani ma anche da parte di quelli americani britannici Andes eccetera quindi con un volume di produzione maggiore della singola commessa nazionale
Il secondo tipo di donne per le piccole e medie imprese per lo spazio e difesa e dell'indotto che è una realtà importante e molto spesso sottovalutata quanto innovazione tecnologica e posti di lavoro qualificati
Il terzo tipo di ritorno lo stabilimento di Cameri menzionato prima
Ecco quelle cose penale poterne che camere l'unico sito al mondo oltre ovviamente a quello che Martini in Texas che per i prossimi vent'anni a sembrerà gli F trentacinque con il relativo carico di lavoro
In futuro potrà fare ma noi la manutenzione e l'aggiornamento dei velivoli come ulteriore carico di lavoro per l'industria italiana per qualcosa come prossimi trenta quarant'anni
Da parte industriale vi sono anche criticità i contro che dicevo prima
Primo grosso problema i Stati Uniti trasferisco all'Italia in genere tutti i partner del programma un problema comune poca tecnologia
Riservando le attività più sensibile tecnologicamente più avanzate le prese americane basso sembra beta software Elettronica e sono un esempio
Secondo prospero sul problema dal punto di vista industriale il programma tendenzialmente i contratti con tutti i fornitori e subfornitori Progetto sono rinnovati anno per anno su base competitiva
E ciò limita le garanzie necessarie per investire a parte le imprese italiane e lungo periodo ad esempio risorse umane con tecnologia
Con questo chiudo la mia parte di presentazione questa doppia presentazione sperando di avervi fornito alcuni spunti di riflessione sia relatori che alla platea qua anche approfondire il dibattito vi ringrazio per l'attenzione e si riscoprono generale Camporini
Grazie Alessandro anzi due essa
Grazie a tutti e due per il lavoro che avete svolto per come avete sintetizzato questo lavoro non credo che ci avreste fatto infatti portano con una certa preoccupazione l'orologio che in queste circostanze un tiranno
E quindi senza perdere ulteriormente tempo sentiamo cosa hanno da dirci nostri pannelli listino diciamocelo brutta parola
Partiamo dal
Professor apparsi presso l'obitorio prepararsi il professore ed è direttore della alta scuola di economia relazioni internazionali della Cattolica di Milano e un notissimo columnist sicuramente
Lo avrete letto tutti più volte sulla stampa nazionale
E un
Una persona che si è
Appassionato molto e i temi della strategia generale
Ti lascio subito la parola Vittorio parole
E si minuti dieci
Intanto grazie limitato ho letto con molta
Attenzione il
Il
Il rapporto
Confido che leggevo proprio
Del resto la fa
E devo dire che e fatto molto bene a sua sedi compiti che secoli sintetizzare sperando di non essere troppo effettivo
Rispetto quello che è stato detto in primo luogo la parte storica assume una funzione di memoria
Non è il senso magari
Più alto del termine ma rilevare nel senso che l'opinione pubblica scarsa memoria
è una sensazione che se ne oggi parlassimo con personaggi sicuramente menti fatti podi che internazionale forse
Ad un presente la missione in Afghanistan anche ieri esaurimento perché i termini
E la missione in Libano che è una missione in cui noi di fatto non c'è una componente aerea del tipo di quel
Citata il ricordare come in tutti questi anni della Fiera per raffreddare la più parte delle missioni Miss militari in cui sono state
Sono intervenute le truppe italiane compresa prima Afghanistan appunto
Certo la missione in cui l'utilizzo del del potere nello Stato importanti e talvolta decisivo è un fattore importante scusate
Ripetizione poi per ricordarvi Repubblica che
La tipologia delle minacce o la tipologia e l'impiego della forza cambia e non aspetta permesso nostro per cambiare
E che persino un Paese come l'Italia che è stato coinvolto con questi anni in una sedimi se militari all'estero però non può avere non può esserci dove è scritto con un Paese cui potrei dirvi
Bellicista situata fra a fronteggiare minacce e impieghi che potere ero molto diverso da FIAT propria
Per i quali però bisogna avere una una una
Dette già sette degli apparati preparati per tempo per chi come penso la maggior parte di noi partito fuori niente un atto che non esista
Non è così pratico di di di di potere o il programma
Quel
Il CIPE
Il il da cosa che colpisce appunto che anch'persino per gli aeroplani scusate
Battuta
Questo è un vero Plani e richiesto un tempo di progettazione anche quando ero giovane io appunto erano mettevo richiesto per impostarla in armonia ROPPA venticinque anni
Io lavoro diciamo così poter avere note all'inizio del Prosecco per poter avere fuori linea degli aeroplani
Quando parliamo di minacciati Camber impiego e questo è molto diverso non è che devo richiedere un grande sforzo di fantasia
Ricordando quello che sta succedendo questo mette in Ucraina
è inutile stare a discutere sul fatto che in Ucraina nessuno pensa di impiegare la forza militare contro la Russia
Io sarei sempre cauto nel nell'escludere a priori qualunque cosa non perché Amiri all'idea di vedere uno scontro tra NATO e Russia perché come sempre politica internazionale dipende tutto dipende cominciamo famoso filosofo
Tutto dipende dipende da come succede in Ucraina dipende da come evolverà crisi perché è evidente che
Se la situazione ucraine evolverà direzioni di cinque mila morti questo invito di uno scontro maggiore tra ucraini russi il quadro cambia il costo politico necessità Camber a quel punto forse per alcuni aspetti la cosa migliore per evitare
Un impiego effettivo della forza la capacità di distorsione della forza
Che deve essere esercitato nuovamente verso un Paese che ha importanti capacità militari e quest'altro caso che le opinioni pubbliche tendono a dimenticare
Quest'anno nel due mila quattordici per cui quando avete visto tutti ma
L'alluvione di bellissime H che dei libri dalle comunicazioni sul primo conflitto mondiale specificamente sulla la strada verso il primo conflitto mondiale quindi per il rapporto bandi novecentoquattordici
Una cosa circoli che si trova in quasi tutti i debiti e parole di quell'epoca al fatto che le principali potenze europee erano abituati ormai a avere comunque un fritti con popolazione diciamo così da assoggettare al Governo coloniale
E qui devono progressivamente sviluppato strumenti militari che andavano abbastanza bene non sempre tratto
Colossi conteggiavano popolazioni locali ma erano competenti impreparati a quel modello conflitto che poi sarebbe stato il sarebbe scattato di lì a poco lungi da me
Il il preconizzare un segnale di questo tipo ma appunto iter temo che si è sempre valido concetto per cui il miglior modo per non dover utilizzano strutture evitare aggiornarlo Street meritano in maniera tale che l'accusa di deterrenza sia efficace
La deterrenza oggi come sapete sfilata in molte maniere
Pensate ho fatto banalissimo pensate a come
La capacità americani essere percepito come un grande Bilancio Bilancio attorno all'epoca grande potenza direttivo del sistema sia si sia in qualche modo si è venuta meno in qualche modo agli occhi gli attori esterni
Dopo quello che è successo per esempio con la Siria con la minaccia dell'utilizzo della forza militare ha seguito del sospetto che il regime di Assad avesse impiegato armi chimiche
Lo possiamo anche essere tutti d'accordo sul fatto che quella fu una minaccia sciocca e fu una una mossa sbagliata strategicamente
Ma l'effetto comunque di asset
Grazie a Dio per così dire tornati indietro resta comunque quello che molte di quelle che sfidano l'ordine siano così prevalente in questo momento nel sistema hanno dei dubbi che l'America sia poi davvero disposta autorizzare sospinto militare
Dico questo perché rientra il più stretto militare di per sé non è sufficiente ma ancora tempo a te che sia efficace a mio avviso quando ci sono dubbi sulla capacità sulla volontà politica di
Diciamo così di esercitare una deterrenza efficace se parliamo di molti diciamo così di
Crisi Ussani crisi ucraine scusate quindi multifattorialità delle minacce quindi necessarie molti fattualità della difesa aerea quello colpisce un profano come me rispetto
Allo strumento aeronautico la descrizione appunto dunque i modi un velivolo che assolto una serie di compiti molto diversi e quindi in qualche modo sempre da profano mi farebbe ritenere sono un pericolo che consente in realtà un'economia rispetto ad avere
Una una una una pannocchia per così dire di diversi velivoli qui di cui poi può essere lungo su un tipo d'accordo su un altro quanti sono esattamente
Quel di più se più sprovvisto ma vorrei concludere con degustazioni carte generali su questo
Che sono purtroppo fiere i tempi per così dire misera questo rapporto consente in un Paese come il nostro che sembra Flick Bacci in sanità
Di scovare un pochino
Scovare rilevato il pensiero che c'è in tanti ragionamenti
Intanto nel chiarire che allora bisogna senza cercare di capire se il suo punto vogliamo continuare
A partecipare missioni militari internazionali ritenendo quello che è stato spiegato cui su quali non torno con quale condivido di cui condivido l'analisi
Se si riservi dello strumento se iniziamo dalla dello strumento poi giocoforza per così dire non saremo in grado di partecipare
Allora io
Penso sempre che nessun
Gli stupidi non governa nei paesi
Difficile c'è persino un Paese come il nostro che arriva setti posizioni proprio stupido Andress
Vi faccio fatica a pensare che chi è arrivato
Siamo anche con abile mossa Albertis sui politiche la non abbia in mente certe considerazioni e mi chiedo quindi se non ci sia dietro questa tattica
Da un lato lo scopo di carezza legato per il pelo come si usa dire qui le spese militari sono movimenti popolari
Ma tante consumi popolari anche Tassone popolari
è sicuro
E contemporaneamente però ci sia
La denuncia di uno sguardo veramente corto sulla politica internazionale quello che colpisce a una un po'di più Polito
Qualcun io sono anche se principalmente devo troppo dico internazionale però
Ho scritto anche un po'di libici accusa Potito domestica quello colpisce che
Il primo Governo ad altissimo tasso politico degli ultimi tre abbiamo avuto modo potuto dai tecnici Rioveggio Governo tra tasso politico altissimo
Fatto da professionisti della politica giovani ma non ha fatto altro che essa consiste o politica quindi il loro mestiere
è colpisce la totale
Disattenzione per la dimensione internazionale della sicurezza
Colpisce l'idea proprio che il mondo sia chiuso tra l'Arno e il tema vere al massimo che sa capite bene dal mio accento linee dall'inflessione milanese che si sente già questa cosa mi irrita un tantinello
Però
Fuori perché fuori dagli scherza mi sembra che sia una cosa molto critica
Questa perché
Ma in in in
Perché e meno giustificabile
Un Governo composta di professionisti della politica sia così disattento politica internazionale questo è una cosa cioè capite è come avere uno
Un giocatore di rugby che non sa placcare morire Ciccio se altri passi ha contato Maneggio capolavoro
L'ultimo punto e concludo veramente mi sembra anche che all'interno di questo sistema del quadro evolutivo del sistema politico
Italiano di sussistano i partiti
E non è una cosa
Non connessa purtroppo ottimi sta capitando ci sia una per il una una pericolosa duplice evoluzione da un lato da uno dei principali partiti di una di uno schieramento che
Si avvia probabilmente a una forma di sgretolamento
O diciamo così di di penso dividendi di transizione a seguito di anche vicende biologico per così dire non sul punto si impongono persino sull'ottimismo della volontà
E d'altra parte però lato principale partito per come si sta strutturando bene questo partito
Il ritorno di una pacifico d'oratorio
Di un pacifismo disloca votando votiamo gli arsenali diventiamo i Granai Massi aboliamo la cellulite per decreto legge
Son sicuro per molti voti da parte una parte metà alcuni profili Carnia
C'è un pacifismo che precipitato della cultura appunto la piana lavorato guarda caso e d'altra parte l'idea di un certo
Io accetto a superficiale cultura di una sinistra che
Avevamo dimenticato
Aver questa cultura e questo credo che sia molto molto preoccupante e concludo veramente soprattutto se pensate a certe iniziative come l'agenda per l'anteprima disarmo secondo marsicano è una cosa del genere che addirittura
Venti da programmaticamente l'uscita tutte quelle che sono le stese per il comparto della difesa come grande massa per la pace
E quel questo che è un po'Rita anche perché allora faccio fatica a capire per quale motivo alcuni sono dei pericolosi pacifisti e altri invece sono l'ultima risorsa per il Paese
Grazie grazie Vittorio
Allora per questa tua analisi queste due considerazioni un po'ancorate devo dire
D'ora la parola all'ambasciatore Gabriele checché ambasciatore che è chiara è un vecchio amico conosciuto i tempi
Del Libano quando lui era ambasciatore in Libano e io andavo a vedere i nostri ragazzi e le nostre ragazze che operavano tra il Litani e la linea blu
E oggi il nostro ambasciatore permanente presso la NATO a Bruxelles a
E ha chiaramente un punto di vista dove l'internazionalismo è la regola
Di aderire a te la parola
Io
Interessi condivisi quindi mi verrà fatta grazia di questa premessa vorrei entrare nel merito della questione perché la trovo come tanti tutti i presenti di grande interesse
Sul testo della relazione che io ho trovato eccellente non mi soffermo perché gli autori che ringrazio mi pare abbiano già ben illustrato quali sono i pilastri di questa loro ricerca
Ferdinando a sua volta nell'introdurre ha delineato le principali implicazioni politiche i quesiti che la ricerca solleva
Vorrei soltanto o un discorso scritto che usano solo come traccia quindi nessuno si spaventi cercherò di dare qualche flash
Vuole soltanto riprendere tre o quattro dei fili logici che hanno sinora caratterizzato gli interventi
Il primo che mi sta a cuore riprendere uno che ha appena toccato il professor farsi male che è stato
In altri termini anche evocato dal Ferdinando Nelli alla Vincenzo Camporini e quello della inestricabile Italo Ormanni del legame tra Alitalia e i grandi organismi internazionali
Un Paese cresce può prosperare essere credibile quinte esigere poi delle contropartite o di essere ascoltato su grandi dossier della propria agenda nazionale espresso nella propria cultura
Solo nella misura in cui
è credibile nel momento in cui l'obbligo che ci deriva dall'adesione libera a un'alleanza o un organismo internazionale e puntualmente rispettato
Soprattutto e lo dico per esperienza diretta ma credo che molti in sala siano pronti a condividere questa mia percezione
A torto o a ragione nel mondo anglosassone di matrice fortemente protestante che è quello però intorno cui si struttura buona parte della sicurezza internazionale odierna
L'idea che la parola data abbia un carattere di sacralità che gli impegni dunque vadano puntualmente rispettati anche nei momenti più difficili
è qualche cosa che è dato per acquisito e dunque difficile a volte per questi nostri interlocutori capire che situazioni specifiche dell'uno dell'altro Paese possono mettere in dubbio il rispetto puntuale dell'impegno assunto
Allora a fronte di questa cultura dominante può piacere può non piacere ma è un dato di fatto che chiunque abbia dimestichezza come certamente più di me l'ha ancora Ferdinando
Con questo modo di pensare pensare che non ci si possa starà Arre dal mondo ma al contempo giustamente desiderare che le nostre visioni siamo presi in considerazione nel momento del bisogno è difficile
Per esempio vorrei condividere con voi questa riflessione avendo anche ascoltato gli oratori precedenti
Un caso di specie direi è il caso afgano l'Italia in AISAF grazie
Al coraggio la professionalità la capacità di interagire in maniera civile con le popolazioni locali si è conquistata dall'inizio della missione benedetta da una risoluzione onusiana una credibilità e una stima straordinaria
Che è tuttora riscontrati siamo considerati uno dei pilastri dalla missione
Siamo stati siamo tuttora una per il quattro nazioni guida nel Regioni nei distretti in cui è divisa ora l'operazione ha insomma
Ci candidiamo e siamo considerati
Già come dire futuri responsabili dell'inquadrare la missione posta esatte speriamo decolli sarà una missione non di combattimento ma di pura assistenza e Consiglio alle forze armate afgane
Allora noi siamo riusciti in questi anni insieme ad altri Paesi europei che condividono la nostra visione a far valere all'interno del processo condotto dalla comunità internazionale per strutturare un Afghanistan diverso da quello ostaggio della violenza della ferocia alta di banana
A far valere argomenti di agenda per esempio argomenti Vincenzo di rispetto delle categorie meno protette
Disagi Lupo locale di ricorso al microcredito
Che probabilmente non era ma forse non sono nelle priorità uno due tre di alcuni importanti attori i nostri alleati in Afghanistan che hanno un'altra visione e che pure sono però pilastri dell'operazione
Ma perché siamo riusciti ad ottenere le momenti in cui abbiamo manifestato certe aspettative certe richieste prioritarie
Di attenzione per esempio ripeta le tematiche di genere siamo riusciti ad ottenere tutto l'ascolto che abbiamo ottenuto certamente anche perché pensiamo all'interno delle Nazioni Unite e le Nazioni Unite sono una componente cruciale dell'Afghanistan che vorremmo veder nascere
Ma anche perché INAIL se lo fa abbiamo dato al momento in cui c'è stato chiesto anche di mettere a repentaglio la vita
Dei nostri ragazzi e delle nostre ragazze in teatro
E al contempo siamo riusciti a sviluppare con la società civile afgana tramite anche gli strumenti della cooperazione delle nostre leggi un rapporto di tale fiducia con la maggioranza del popolo afgano eliminiamo la componente
E terrorista che comunque il sensibile a questi argomenti che oggi ci rende particolarmente credibili questo solo per dire quanto la partecipazione a missioni di peacekeeping ogniqualvolta possibile con la pensione Uliana
Stinga poi impositivo sulla credibilità complessiva del Paese sulla nostra capacità di chiedere al momento opportuno che venga dato ascolto anche alle nostre aspettativa la nostra visione
Del futuro dei paesi dove operiamo lo stesso vale per il Libano anche se lì si parla di un contesto
Prevalentemente onusiano ma è lo stesso motivo essere siamo credibili sul terreno possiamo chiedere perché la nostra conduzione di UNIFIL è stata e resterà impeccabile questo dunque un primo ragionamento che volevo sviluppare con voi
Vengo poi a qualcosa di più direttamente legato al tema della ricerca lo strumento Elio nelle missioni internazionali per lo più missioni di pace di peace Bindi o di post conflict
Certamente lo strumento è reo all'interno della cultura interforze che si sta ormai affermando che tutti lo sappiamo
Nel quadro delle missioni di pace continua a mantenere un ruolo di assoluto primo piano per una pluralità di motivi alcuni dei quali avvocati
Da coloro che mi hanno preceduto intanto la estrema flessibilità dello strumento
Il secondo è la sua altissima componente di tasso di tecnologia
E
In un
Contesto internazionale così mutevole con sfide che possono venire dai piatti più diversi da quelli mediorientali all'Est europeo
Dio non voglia all'Asia Pacifico uno strumento flessibile e quanto di più indispensabile soprattutto uno strumento
Che come si dice spesso in ambito NATO e non solo può proiettare stabilita senza necessariamente a dovere proiettare forze sul terreno
Perché dico può proiettare stabilità intanto perché come è stato evocato da alcuni oratori è lo strumento principe per acquistare la consapevolezza di quello che succede sul territorio la cosiddetta situation Euralius
Il secondo e perché indubbiamente può consentire in situazioni estreme di per esempio evacuare
Parte della popolazione a rischio che siano nostri uomini o donne impegnate in teatro o figure della popolazione del Paese dove si combatte particolarmente esposte alle violenze
Il terzo e perché è uno strumento come ho detto che è sempre alla punta delle tecnologie
E se si vuole restare credibile a fronte di una pluralità di sfida e usare il minore
La per
Nel al minore livello possibile la forza bisogna puntare sulle tecnologie è stato evocato da alcuni degli autori dello studio
Quindi è una tecnologia che consente di evitare nella massima misura possibile il danno collaterale questi sono tre aspetti che mi sembrano cruciali ovvero su un quarto in conclusione
In tutto questo in sostanza il per dire che cosa che la difesa contro la difesa accolta perché da un lato consente al nostro Paese
Con delle nicchie di tecnologia eccellente dei gruppi che sono stati citati di primissima fascia di restare agganciato ai grandi sviluppi tecnologici mondiali
In particolare al sistema di sviluppo tecnologico statunitense e se questo treno viene perso non lo si recupera dicendo ci siamo sbagliati per cortesia fateci rientrare
Perché i tempi di sviluppo dei progetti sono lunghi
La concorrenza e feroce quindi bisogna essere a bordo se possibile dall'inizio
Inoltre
Come ho già detto oltre a questo aspetto tecnologico c'è l'aspetto interoperabilità
Che è un altro dei nodi già essere credibili nel missioni di pace
Ma anche di rendersi credibili presso Paesi partner della NATO delle Nazioni Unite in molte missioni di pace
In ambito NATO per esempio voi sapete che la NATO del dopo due mila dieci del nuovo concetto strategico e una NATO che vuole sempre più diventare attore politico non solo securitaria non solo articolo cinque ma proiettare stabilita
E rispetto diciamo di valori minimi di concerto con le Nazioni Unite
E la componente cosiddetta della cooperativa Security dal crack Maneggio
Tutto questo cosa comporta comporta che la NATO si deve dotare e si sta adottando di una rete di partenariati quindi Paesi partner motivati
Che vanno da partner europei tipo Svezia Finlandia appartenere al di là dell'Oceano nostrane Nuova Zelanda lo stesso Giappone a partner mediorientali da Israele all'Egitto
Alla Algeria ai paesi del Golfo allora che cosa chiedono questi partner all'alleanza come noi Paesi partner
Possiamo divenire veramente utili all'agenda di stabilità nel rispetto dei ruoli negli anni che la alleanza si è data in prima battuta potete diventare utile complementari rendendo vi interoperabili rendendomi interoperabile cosa vuol dire
Ci chiedono alcuni di questi esponenti politici anche soprattutto delle della fascia va diventare
Dotandoli di tecnologie che siano compatibili con quelle impiegate all'interno del mondo occidentale per esempio nel settore io quindi un altro strumento di proiezione di influenza in positivo ed essere a bordo
Del gruppo ristretto di Paesi che può produrre che le quelle tecnologie quelle capacità di addestramento di Paesi partner e questo alla ricerca vengono sviluppati è una carta molto importante
So che ho pochissimi minuti voglio soltanto dire questo correlazione una crisi Ucraina
Di cui si è appena parlato è vero che grazie a Dio e ad oggi speriamo resti per sempre una crisi che la NATO non deve gestire in maniera proattiva se non come assicurazione di protezione agli alleati
E l'alleanza nulla di più ha fatto ad oggi e garantire la sicurezza degli alleati che a Tortora
Si sentono minacciati particolare Polonia Paesi Baltici romani
Tuttavia
Voglio rilevare che anche in queste misure di riassicurazione
E non certo dunque aggressive verso la Russia che a tutt'oggi un parte della NATO la componente che ha già mostrato le sue potenzialità per esempio l'Italia partecipa orgogliosamente con altri alleati
Alle policy nei Baltici ripartiremo con la votazione ad inizio due mila quindici quindi componente aerea
Inoltre noi forniremo un rifornitore per gli autisti sono dispiegati sul territorio polacco e Baltico per
Valutare che cosa avviene nel territorio limitrofo
Voglio ancora una volta l'intelligenza l'alto garantita dal mezzo aereo ed all'Italia all'interno di questo supporto
Diventa cruciale ed è proiezione di stabilità e di sicurezza per tutti noi un altro settore dove
La componente area cruciale
è la ricognizione dall'alto per esempio i grandi flussi migratori sappiamo quanto oggi il fenomeno migratorio sia tutto purtroppo spesso
Preso ostaggio da organizzazioni criminali o terroristiche
Capire per tempo chi si muove cose in che numeri
E verso dove aiuta e che non vuol dire essere aggressivi il basilico solo gestire un dramma umano cercando però di separare il grano dall'olio questo lo consente in prima battuta la componente aerea
Potremmo continuare a lungo per ora mi sono limitato a dare di questi orientamenti
Di fondo che sono un po'la percezione
Che di noi siamo in ambito transigo ma anche onusiano so che le Nazioni Unite vogliono dovrà dotarsi di mezzi ieri di prima generazione tipo i terroni senza dubbio per finalità di natura musicale dunque ampiamente condivisibili grazie
Sì grazie Gabriele grazie per questa tua visione che cinque
Ha permesso di metterci al di fuori dei nostri confini cosa che non potevo fare diversamente dalla città agli occhi
Cosa che non
Non spesso riusciamo a fare vista la nostra prospettiva
Abbastanza limitata
Proseguiamo ora con gli aspetti operativi do la parola quindi al Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Pasquale Preziosa
Che a queste operazioni ha partecipato e che ho queste operazioni e diretto nel passato e che oggi all'arresto Rita ricondurre
Questa componente giovane ma profondamente radicata del nostro strumento militare
Prego trasparente la parola
Intanto grazie
Per aver organizzato questa questa riunione qui
Per certi versi direi avete ascoltato molto
E quasi quasi mi darei la parola per fare le domande che cosa volete sapere questa importante perché è stato detto quasi tutto
Loro che sono stati gli analisti riprendere in aeronautica come analisti quindi l'ingaggio lei subito e narra nautiche grazie per il lavoro che avete fatto profondissimo
In fondo in fondo
Hanno fatto un lavoro che ci ha portato alla conoscenza
Sapere e scienza
Credere di sapere
E l'ignoranza
Che questo lo dobbiamo avere sempre
Impresso nella nostra mente perché quando non sappiamo dobbiamo chiedere
Chissà
Nautica è un'istituzione istituzioni sono le braccia
Del potere politico quindi seguono sistematicamente quello che il potere politico
Decide
Siamo propositori
Perché sappiamo
E propositori naturalmente
Nella fattispecie
Hanno
Proposto all'epoca si parlava prima naturalmente del perché vedete trentacinque e così via hanno proposto la sostituzione di velivoli che ormai tra qualche anno saranno obsoleti raggiungono
Il
Il termine della vita operativa sapete ogni velivolo viene costruito per resistere
In volo a un certo numero di ore di volo di solito sono possono essere quattro mila sei mila
Con una media di duecento ore a velivolo all'anno di solito esauriscono tra i trenta e quaranta anni esauriscono le dita non è più
Assicurata la resistenza del velivolo quando si va in volo i velivoli militari
Dovete sapere vengono sottoposti a
A sollecitazioni che
Sono inimmaginabili Concetta gente della nostra vita
Tutti quanti quelli presenti qui dentro
Velivoli oggi un essere umano resiste fino
A nove ci dopodiché sviene
A bordo non ci ha più sangue non circola più
Quindi la tecnologia avviene a supporto il velivolo continua a tirare più G
Ci sono alcune tecnologie per stirare fino al ventidue G
Va bene il pilota il velivolo recuperati pilota e aspetta il pilota che si esistenti
Da quel dolce sonno e sono del volo se sono dell'operatività
Perché parlavo di tecnologia
Perché
Ero Ramstein qualche giorno fa
In un complesso nato ho raccolto alcune considerazioni importanti in quel complesso
La guerra fredda tutti ne parlano ormai è diventata pagina di storia
è stata vinta
Grazie alle forzieri
E alla spinta hanno detto che si è stato poi verso le guerre stellari e questo ha fatto crollare un sistema in tutto era basato sulla tecnologia
Forse le tecnologia senza tecnologie non c'è forse
Procedere capaci
Esistono ma sono inefficaci
Quindi
L'Europa importante
Infatti industriali da parte
Diciamo operativa
Hanno già lanciato il ricordo alle bugie di un anno e mezzo fa due anni fa
Vero un anno fa
è stato lanciato
Il luogo per l'Europa perché noi dobbiamo pensare
Al futuro
E il nuovo per l'Europa è stato lanciato e adesso ancora facciamo fatica lo state sia stata un'iniziativa italiana della nostra industria
Di lanciare il nuovo in Europa facciamo fatica ad affermare il nuovo in Europa dopo la quinta generazione oggi è tempo di pensare alla sesta generazione perché attraverso lo spin-off
Di quelle tecnologie noi saremo in grado
Di
Stando alle queste tecnologie su tutti gli altri prodotti
Tecnologici
Soprattutto civili tecnologia multifunzione qualcuno dice duale restrittivo non esiste una tecnologia buona la tecnologia cattiva l'intenzione dell'applicazione ed ecologia che la rende buona e cattiva
Quindi la tecnologia
Tutti grossi Paesi Stati Uniti questa Terracina CID è diventata grande la più grande potenza economica credo quest'anno da qualche ora
Va bene sapete dove ha fatto gli investimenti
Nella nell'aerospazio
La tecnologia guadagnata nell'aerospazio la portata naturalmente a raggiungere oggi livelli economici
Come prima potenza eguagliato quella degli Stati Uniti
Cosa dobbiamo fare noi come Italia con me
Come Europa copiare
Più né meno seguire il ciclo virtuoso per arrivare logicamente a mettere a punto quel discorso di
Di crescita legato all'innovazione tecnologica
Ho ho apprezzato
Con tanto piacere quando avete parlato della prima guerra in Iraq
L'Italia
Usciva dalla guerra fredda si è presentata in Iraq
Avevamo investito negli anni Settanta per un velivolo che poi è stato il velivolo Tornado ricordo sono stato
Diciamo uno dei primi ad andare cottage Morri in questo grande centro multinazionale eravamo quattro Paesi di
Dove abbiamo fatto il passaggio
Eccetera c'hanno istruito su questi
Nuovi per i voli siamo stati interoperabili tutti quanti
Su questo non lo dico
Ma avevamo previsto contesti operativi differenti avevamo previsto logicamente il confronto est-ovest
Ahimè non c'è stato
Il futuro
Il futuro cioè non era una notizia che non c'è stato
Attacco
Va bene il
E lo Stato si chiamava ricordatevi andando in cartellina quel velivolo anche iniziato
Anderlecht
In
Il racket la prima guerra Italia rientrava in guerra con dieci velivoli in Iraq
Quando siamo andati andar decretazione
Abbiamo perso velivoli
Abbiamo dovuto alzare
La la quota siamo integrazione cui Elettronica l'abbiamo potuto fare va bene
Grazie ai tuoi
Equipaggiamenti di quei Elettronica i nostri ci sarà anche a bordo l'F trentacinque in quinta attacca
Va bene quindi siamo riusciti a sopravvivere però vi riporto questo questo bell'evento non lo pubblicizzato ancora
Vi ricordate Bellini Cocciolone
Prego del limite Cocciolone
Sbarcano in Italia
Mostrando la maglietta frequente
E di questa l'ambasciatore di Quetta ha richiesto la maglietta per il museo del Kuwait e del di questa maglietta della insegno della libertà combattuta anche dall'Italia
Il
Soprattutto scene mi ha consegnato
Pellini
La sua battuta da prigioniero
Con le firme di tutti quelli che erano in prigione con lui
Vi invito a leggere un bel libro
Notte in Arabia
Descrive le torture subite
La sua resistenza
La sua tenacia
La sua voglia
Di essere italiano
E c'è riuscito
Io ho imparato molto dagli uomini tale le donne
Va bene fatelo pure voi perché è importante lui ha sofferto
Però vi racconto anche che non eravamo preparati all'epoca
La sua assenza
Non sapevamo come giustificarlo e non avevamo le norme
Va bene
Doveva essere un disertore perché non era tornato alla base stato messo temporaneamente in vicenza straordinaria va bene in attesa della sua ricomparsa non sapevamo neanche servito
Molte cose sono cambiate devono cambiare il progresso bisogna andare avanti bisogna essere presenti e bisogna soprattutto
In sinergia
In squadra
Avere contezza di quella che la responsabilità della sicurezza ma per fare questo
I primi gli elementi essenziali
Secondo me sono questi qua
Dobbiamo prepararci al futuro in qualsiasi modo lo faremo occhio
Che saremo colpiti dalla sorpresa
Guardatevi intorno siete in crisi siamo tutti pieni di esperienza per capire questo tipo di discorso
Noi siamo passati
Con globalizzazione tecnologia
Si è trasformato la maniera in cui conduciamo Chris conflitti siamo passati da Fosson forse anche a Fosson quella
E questo è un grande cambio culturale
I conflitti futuri saranno ibridi
Cosa c'è
In questo ibridi tra il conflitto convenzionale
Che immaginiamo e quello antiguerriglia ci sarà tutta una serie
Di mix di conflittualità nelle quali
Potremmo essere chiamati ad intervenire perché hanno un effetto sulla nostra sicurezza
Quali sono come affrontare questo paradigma in futuro
Io credo
Che ci sono tre cerchi fondamentali
Programmi qualche minuto in più agli altri è concesso qualcosa in più lo stesso va bene
Il
Il primo quello strategico
Cosa troviamo gli elementi di del potere di una nazione quali sono
Vorrei tanto interrogarvi
Però devo dare io la risposta
Sono quello diplomatico però ambasciatore però
Quello dell'intelligenza immagino che c'è qui dentro
Quello militare
E qua e quello economico
Questi sono gli elementi fondanti di una nazione questo livello naturalmente strategico
E livello operativo
La definizione di quelli che sono i centri di gravità il loro ingaggio ricordo ancora una Conferenza che è tenuto al caso sta sul livello operativo era il due mila otto e io ero capo del terzo Reparto vetture lì sul podio
La che hai parlato del livello operativo
Il livello tattico
Naturalmente che e l'impiego delle componenti
A livello strategico
Oggi si parla di comprehensive approach
Signori
Continui
Ma parlarne
Ma non credo che si è stato implementato dei nostri comportamenti nelle nostre procedure
Completamente il comprehensive approach
Siamo di là da venire
A questo tipo di crisi prima di tutto ci vuole l'approccio antropologico di tutti quanti tutte le agenzie anche dei militari
Poi naturalmente
Dopo questo quali sono i tre presupposti dai quali dobbiamo partire
Quando parliamo naturalmente di di livello strategico
Definizione di quelli che sono gli interessi nazionali di solito viene fatto in maniera
Molte volte implicito
Forse è meglio farlo in maniera esplicito
Condivisione delle informazioni
E condivisione degli enti stessi questi sono i tre pilastri del compresenze Santucci
Vi tralascio il livello operativo
Sul quale
Trova fondamento la legge venticinque
Che dal Capo di stato maggiore
Della difesa l'impiego degli assetti quando autorizzati dalla politica e quello livello operativo
Passiamo a livello tattico per parlo del dell'Aeronautica in questo caso
Dobbiamo parlare di superiori è sopra il massimo il ruolo del potere Rio durante le fasi finali
Di un conflitto di una crisi il pilastro di integrazione aria superficie il pilastro del potere aerospaziale e forza armata
Il tempo
E tiranno quello che voglio dirvi
E che
Lei superiori lì el la supremazia che abbiamo operato nella quale abbiamo operato fino adesso non è assolutamente garantita in futuro naturalmente per via del di quello che ci riserva il futuro che sorpresa
Nelle fasi di ricostruzioni il ruolo del potere aereo si basa su quello del ben venga partnership che passati
Le missioni sale
Ricostruzioni di aeroporti
Ai Traffic management gestione degli stessi formazione addestramento basico su questo elemento c'è molto ancora da fare
E lo sapesse sorpresi Integration
è necessario integro integrarla
è fondamentale c'è molto ancora da fare
Poteri aerospaziale per forza armata di riferimento
L'esercito ha un suo ha una sua competenza inventa ambientale la Marina una sua competenza ambientale
La M a votarla propria competenza ambientale va bene ma naturalmente su questa competenza ambientale tutti vogliono disquisire
Cioè io dico che la disquisizione fondamentale ma ricordatevi che sapere scienza credere di sapere
E ignoranza
A questo punto concludo dicendo
L'aeronautica e tecnologia
L'ARRA nautica
Ha sempre fornito ventiquattro ore su ventiquattro servizi alla nazione
Sindaco tempo di pace
Menziono sempre il servizio meteorologico perché più percepibile
E forse ogni tanto vediamo che l'Etiopia non Earl anzi è stato intercettato mentre tutti dormivano di notte qualcuno è andato su e lo ha scortato perché è stato dirottato ahimè
Da
Da un copilota
Come questo ricordatevi che la nautiche la prima che parte quando c'è una crisi e l'ultima che torna quando la crisi finisce
Mi fermo qua pertanto i la possibilità
Di fare domande
Grazie grazie Pasquale sei rimasto nei tempi giustamente quindi complimenti
Chiediamo adesso con
Uno sguardo all'aspetto industriale come giustamente osservato preziosa
La
Il
Queste uno ieri dei pilastri fondamentali del potere di un Paese e non si può pensare a una
Qualsiasi capacità politica
Di un Paese si non si cura con
Grinta con determinazione anche la crescita industriale che quella che
Fornisce gli strumenti non soltanto quelli fisici ma anche quelli psicologici per potere avere voce in capitolo
Attento potrebbe proprio essere breve andare direttamente sui punti prima di
Parlare di ogni specifico programma ritengo
Che sia opportuno ricordare tutti che cos'è industria aeronautica italiana
Parliamo di un'industria che fattura più di trenta miliardi di euro l'anno parliamo di industria che
Impiega decine e decine di migliaia di persone parliamo di industria ad altissima tecnologia quella un'industria che vive in un mercato competitivo
Dove
Ancora vince legare perché competitivo rispetto agli altri Paesi è qui che poi un'altra considerazione è quella che in un Paese
Dove siamo riusciti a perdere l'industria automobilistica dove siamo uscendo perde industria siderurgica lo abbiamo perso tante altre filiere importanti
In funzione della nostra economia nazionale credo
Che perdere un patrimonio come industria
Aeronautica italiana in tutte le industrie ovviamente sono legati a questa sia
Fatemi dire un qualcosa che va contro una sana politica industriale di un Paese questa questa è la premessa
L'altra premessa è quella
In Italia
Noi produciamo che vendiamo all'estero
Solo Alenia Aermacchi dipenda spesso il novantacinque per cento del suo fatturato
Producendo tutto in Italia anche questo credo che sia un connotato diverso rispetto alle altre grandi aziende manifatturiere italiane
Altra considerazione generale come facciamo a paragonare l'Europa con gli Stati Uniti d'America semplicemente con un parametro con l'Europa produce più il prodotto interno lordo tutta l'Europa degli Stati Uniti d'America
Investe nella difesa circa duecentosettanta miliardi di dollari l'anno i Stati Uniti d'America che producono meno prodotto interno lordo in verso una difesa seicento milioni mila miliardi di dollari l'anno
Altra differenza negli Stati Uniti d'America esistono pochi soliti programmi pianificati a medio e lungo termine in Europa esistono un numero
Elevato di programmi non pianificati frammentati con diverse esigenze nazionali che sicuramente hanno la prevalenza rispetto all'esigenza europea
Allora che cosa può succedere tutto questo semplice
Industria aeronautica europea non sta più investendo del campo industria della difesa
Noi riteniamo che mentre aviazione commerciale ha un tasso di crescita del sei per cento
A causa dei limitati Baggio per la difesa europea fare un investimento norme copre il rischio dell'investimento e quindi come
Potete tranquillamente legge dai giornali vedete che la strategia di Arbus è stata quella di
Di fatto isolare gli investimenti nel campo della difesa
Sarete gli stessi numeri di Alenia nel due mila tredici per la prima volta il fatturato è stato il sessantacinque per cento commerciale resto militare
Se vedete altre aziende della difesa europea prendiamo il caso di tasso per esempio vedete benissimo che da solo si finanzia grazie alle vendite dei velivoli commerciali e non più dei velivoli militari quindi questa detrazione cosa può portare
Può portare a una dispersione delle tecnologie aeronautiche del tecnologia aeronautica in campo europeo o perlomeno può portare a una dispersione di queste tecnologie per l'applicazione del campo militare
Che cosa significa questo significa prima di tutto perdere una capacità di supportare le Forze armate del proprio Paese ancora di più fatemi dire supportare forza armata europea
In secondo luogo significa anche non poterla sfruttare tutti quegli investimenti tecnologici che per definizione in campo aeronautico hanno un'applicazione duale
Faccio un esempio una delle auto d'epoca che è stata citata cioè all'Eurofighter che non è affatto un ad un'epoca è su questo poi ci torno dopo
Ha permesso all'industria aeronautica italiana il sviluppare una tecnologia anche in quell'elenco Bondi in declino in questo momento stiamo applicando
Sul più grande Programma commerciale del mondo del borgo di sette otto sette è che ci permette più o meno di occupare circa sei mila persone al sud altra caratteristica direi da sottolineare
In questo momento particolare italiano e ci permette quindi di poter essere competitivi
Ribadisco ancora una volta che la competitività dell'industria aeronautica italiana e delle imprese associate all'industria nautica italiana è una comunità vera
Perché noi non abbiamo compagnie aeree che comprano aerei prodotti in Italia
E abbiamo un Baggio e della difesa che come ben sapete sicuramente sarebbe molto meglio di me è inferiore all'un per cento del prodotto interno lordo e tra l'altro non è neanche pianificate
In quanto come abbiamo visto recentemente alcune decisioni governative possono essere fatemi dire modificate
Quindi mancano i due elementi essenziali per un investimento che valutazione del rischio è
Un mercato solido Sovrintendenza occupa contiamo continuiamo evidentemente continuava evidentemente a fare questo
Quale può essere
Il futuro dell'industria aeronautica italiana che secondo me non può essere in qualche modo slegata all'industria nautica europea industria nautica americani
Il futuro quasi sicuramente quello di lanciare di nuovi programmi di sviluppo che permettano ritenere quella tecnologia che abbiamo sviluppato su programmi che abbiamo precedentemente citato sempre le auto d'epoca che però hanno permesso di creare una capacità europea che non esisteva quindi partendo
Dal tornado quel passare alla m x per passare al all'Eurofighter ovviamente quindi
Permette di tenere questa capacità di integrazione questa capacità tecnologica molto molto spinta e quindi futuro potrebbe essere quello deve essere quello rilanciare un programma comune europeo
Superò una generazione diversa rispetto ai cosiddetti velivoli di quinta generazione come città come citava prima Pasquale posizione
Abbiamo un anno fa annunciato tesi un nuovo programma europeo evidentemente quasi ogni programma europeo campo industriale andrà avanti se ci sarà uno di sostegno da parte delle forze armate dei Paesi che appartengono a quell'industria due
Una terra e non finta volontà politica di creare una capacità
Della difesa europea avevate si spendono tante parole
In termini di integrazione le industrie europee termine questi di integrazione di requisiti militari europee in termini di politica europea se però andiamo nella concretezza dei fatti non esiste niente sono soltanto e unicamente delle dichiarazioni di principio
Questo ovviamente comporta alcuni Stati europei ad essere assolutamente controllare alcuni programmi che hanno una valenza transnazionale non soltanto europea avete sicuramente
Notato dichiarazione diverso F trentacinque la fortissima presa di posizione da parte dell'industria francese
Che ha ritenuto il programma F trentacinque come uno degli strumenti per l'industria americana di poter entrare in una
Tessuto debole politicamente e industrialmente come quello
Europeo nel campo della difesa e poter in qualche modo prenderebbe il sopravvento suoi futuri programmi
Ora è chiaro che
La domanda e qui andiamo sullo specifico la domanda ma
Qual è il ruolo dell'industria italiana sul programma F trentacinque qual è la valenza della partecipazione italiana nel programma F trentacinque siete soddisfatti
Della partecipazione industriale italiana sul programma fetente circolare rispondo alla dall'ultima domanda non saremo mai soddisfatti
Perché noi siamo pagati perlomeno il meglio che rappresentano le aziende per massimizzare da un punto di vista quantitativo ma soprattutto qualitativo
I ritorni industriali che sono legati a grandi e significativi investimenti italiani
Stiamo parlando di tale quindi non saremo mai soddisfatti per qualcuno cimiteri continuerà a dire se io sono soddisfatto risponderò no ma soltanto perché il mio mestiere è quello di cercare
Di avere di avere ancora di più
Perché è importante l'F trentacinque bisogna essere realisti
Evidentemente no non
In Europa non potremo mai lanciare un velivolo come l'F trentacinque l'Europa quello che noi dobbiamo fare ammodernare
Il programma più importante che abbiamo in Europa che l'Eurofighter cercare di vendere Eurofighter all'estero cioè cercare di penetrare alcuni mercati in questo momento non sono accessibili per le trentacinque che per motivi temporaneo di disponibilità
Però non possiamo star fuori da questo programma se siamo fuori da questo problema c'è passato un carro davanti non non ci siamo saliti sopra e poi
Effettivamente potrebbe essere una
Verrà proprio acquisto in FMS come dicono gli americani fornita Research piuttosto fornita di famiglia per altri
Per altri Paesi questo velivolo c'è
Non è responsabilità dell'industria giudicare se la scelta giusta da un punto di vista operativo che da un punto di vista politico non è questa responsabilità e industriali musica
Deve soltanto rispondere ai requisiti politici
Chili di un determinato ambiente non può influenzare requisito operativo per anni
Ci siamo stati accusati come industria nautica italiana di aver influenzato i requisiti delle Forze armate non lo vogliamo fare più può evidentemente ognuno deve avere
La capacità l'intelligenza di capire quali possono essere le conseguenze anche dal punto di vista industriale dal punto di vista tecnologico di alcune scelte ma non fa parte non fa parte volendo sa quindi
Importante la partecipazione al programma che effettivamente
Rappresenta molto probabilmente il futuro per i prossimi vent'anni dei velivoli da combattimento in campo militare prima dell'entrata credo in uso dei veri e propri Ucar perché credo che prima o poi che prima o poi entreranno
Importanti opportunità da un punto di vista di ritorni industriali dei diritti ovviamente nella misura in cui saremo sapremo dimostrare di essere competitive ma su questo dubbi da un punto di vista di acquisizione dei contratti
Importante però soprattutto la possibilità di avere la capacità
Non tanto di produrre
Quanto di sostenere
E soprattutto di sviluppare incapacità ingegneristica questa è la chiave del futuro del ritorno industriale riguardo all'F trentacinque quando
Vengo richiesto di dare dei numeri di possibile occupazione o io tendenzialmente non parlo mai
Di numeri di cui non sono certo perché le bugie hanno sempre le gambe corte minimale
E siamo sempre stati molto chiari nel dire che ha una grande valenza in termini occupazionali sappiate che
Già da quest'anno abbiamo cominciato a volere lei le assunzioni sul sito di Cameri ma pochi sanno che succeda ragione cioè fateci lavorare altri due siti di Alenia al sud euro per forgiare altre norme
Tuttavia tuttavia
O noi in Italia riusciamo ad assicurare in parallelo col programma F trentacinque o nell'ambito del programma trecentocinque un coinvolgimento ingegneristico
Significativo sia per noi che per la filiera delle piccole e medie imprese che partecipano con noi al programma programma F trentacinque oppure il risk io credo che sia abbastanza elevato di avere tanta manodopera diretta ma di avere pochi ingegneri qualificati che possano integrare
Dei velivoli completi nel campo militare nostro compito quindi
E quello quando parlo della se uno è sempre soddisfatto o meno io sarò noi saremo soddisfatti nella misura in cui avremo una capacità ingegneristica in questo caso
è presente che può essere utilizzata anche per altri programmi della difesa e non soltanto programmare lo farete io
Chiude
Grazie grazie
Grazie
Sette adesso visto il tempo se modici Tia
Avere una decina di minuti per per le domande se qualcuno ha qualche osservazione da fare qualche
Inquisito perché i padri listi saranno ben lieti di
Affrontare la sfida
Nel due mila
Grazie no io vorrei raccogliere l'invito del
Generale preziosa richiesto cosa volete sapere quindi su questa base farò
Farò qualche domanda
Prima però vorrei parafrasare quanto ha detto riguardo al tornato nel dire che grazie alto ornato non lo abbiamo adoperato in uno scontro est-ovest
Che credo a ci ha consentito voglia di adoperarlo in altre circostanze in cui abbiamo contribuito alla stabilizzazione in molte aree del mondo
No io vorrei fare una domanda riguardo alla alla questione Eurofighter tariffe trentacinque mi pare che è stato chiaramente indicato che le facili trentacinque a delle prestazioni che l'Eurofighter non può
Ma non può vivere e questo anche perché nel momento in cui è stato programmato che è stato più o meno contemporanea con le trentacinque non si è tenuto un punto di alcune esigenze ecco io mi chiedo se questo non debba essere una lezione per il futuro
Nel senso che nell'auspicio che ci sia poi un ci siano programmi europei da sviluppare si possa impostare liti in modo da poter affrontare adeguatamente queste esigenze
O per quanto riguarda le ferite cinque sono pienamente d'accordo con tutto quanto è stato detto sull'esigenza di andare avanti con limpidi pesa anche perché credo che sia una
Necessità come è stato vendicato per le nostre forze armate
Ecco a mi chiedo ma come fanno per esempio Paesi come la Francia come la Germania che hanno una capacità di intervento e che l'hanno dimostrato in varie occasioni su tutta la Francia
Ad operare senza gli F trentacinque è vero che la Francia a
A altri tipi di velivoli e vorrei sapere se questo i velivoli che la Francia sono paragonabili in termini di prestazioni e quelle fra trentacinque
E un altro quesito riguarda un altro aspetto del potere io che non è quello delle riga con bacche vento che quello degli aerei per il trasporto strategico
A noi a suo tempo rinunciamo a essere parte di un progetto di trasporto strategico che era quello del dell'Airbus
E mi chiedo ecco c'è ancora un interesse a poter averi e una capacità di questo tipo credo che sia importante per a vere una possibilità di intervento anche autonomo in certe aree c'è in questo momento noi per quanto riguarda l'asporto strategico siamo completamente dipendenti dagli dagli Stati Uniti che va va molto bene
Però l'Europa difficilmente oggi in grado di poter proiettare
La propria forza qualora ve ne sia la necessità incerte circostanza
Ora attiva i solo programmi europei che si stanno
La cosa
Che si stanno profilando sul piano per esempio del rifornimento degli aerei in volo cosa molto importante
Ecco però credo che probabilità che in altri settori si potrebbe sviluppare nuove nuovi programmi grazie
Bella domanda giù in fondo
Prego
Se
Allora
Grazie sono ce lo siamo detti ho avuto la fortuna di copertura radiazione dall'esercito
Volevo dire che
Riprendendo quanto ha detto leggiamo solo ma c'è una logica privata verrà campo dell'integrazione fra suolo e aria c'è molto da fare sottolineo tre volte questa frase
Il
Proprio molto ragionevole dal rapporto che oggi è stato illustrato
Il rapporto parla di velivoli da combattimento italiani bisognava scrivere dell'Aeronautica dalla balena perché non si parla dei primi da combattimento l'esercito
In quella sede elicotteri da combattimento come i centoventinove sono degli voleri l'esercito tutti i giorni
Dal mille novecentosettantotto vinti prima delle missioni qui citate altri rivoli da combattimento in campo perché finisco subito non voglio tediare
Do ora Spiller esagerano aspira allo spazio aereo o altro mio dello spazio aspira a proteggere a sostenere
Il fante che là sotto compatta in tutti i giorni
E devo dire sinceramente che in tutte le missioni citate
Ovviamente le nostre truppe sono state
Cioè cade mai
Un soldato italiano
Si è sentito abbandonato tacchi dietro colui elicottero da combattimento
Lo sosteneva lì dietro ma lontano noi con la richiesta che andava a finire a Roma lì dietro
Chilometri
Interveniva subito indifesa di quel ragazzo che era là sotto stravedeva coi talebani con tutti quelli che volete voi
Questa è la nostra missione l'abbiamo assolta e anche noi speriamo
Ad essere iscritti nella
Quattro dei velivoli da combattimento italiani nelle missioni internazionali grazie grazie
Altri
Io l'ho letta grazie
E volevo fare un intervento di carattere più generale rispetto a quelli che mi hanno preceduto perché io penso che lo studio dello Iaia abbia l'indubbio merito di aver
Riportato all'attenzione nel dibattito sui velivoli da combattimento in particolare niente trentacinque alcuni dati fondamentali che molto spesso vengono
Tra lasciati però secondo me occorre andare ancora oltre perché questa legato al fatto che questo tema a
Stimolato delle sensibilità politiche di opinioni pubblica particolari e che ci troviamo comunque in una contingenza di crisi economica e finanziaria specifica quindi secondo me andrebbe la riflessione inserita in un contesto strategico più ampio perché
Non sfugge all'osservatore che tutte le missioni citate sono missioni di un certo tipo sono missioni in cui il nostro Paese è intervenuto per situazioni di conflitto ad alta intensità
Sono ora missioni condotte da quali segni di volenterosi o nell'ambito NATO che però presentano anche dei profili di RUP di dubbia legittimità sotto il profilo del diritto internazionale
Perché lei agli autorizzazione dell'ONU è intervenuta tardivamente come nel caso del Kosovo oppure perché nell'attuazione spesso si è andato oltre il mandato della missione ONU stessa come nel caso libico quindi
Benissimo puntare sulla giustificazione della necessità di mantenere gli impegni che e di mantenere un protagonismo
Nelle missioni internazionali però secondo me è ora
Che nel nostro Paese espliciti le scelte di politica internazionale le scelte strategiche vengano fatte che le capacità vengano quindi commisurate a queste scelte
Intontito
Buongiorno o lo domando
C'erano il preziosa
Comico
Il parametro centometristi si parla
Di una riduzione per la forte l'acquisizione tergiversa fa
Quarantacinque reca come perché tre se quassù per lei può essere considerato sotto livello della
Sottratti cavalcati manterrà una flotta
Cioè mass ma meglio niente che
Recepiti quarantacinque grazie
Do io dividerei la parola un minuto ciascuno i nostri oratori prima credo che già ripreso debba rispondere qualche domanda specifica
Quindi partire da preziose dopo un diritto alla parola e quindi di nodi parla ora uccide sempre
E poiché quei seguito forza
Tutto
Il ministro della difesa
Ha detto
Il Libro bianco sarà
Il libro di questo Paese dove sarà analizzata da minacciare la strategia i divieti di ambizione e così via e con me soddisfare evidenti
Gli ambizione quindi secondo
Questo criterio naturalmente aspettiamo credibili linee Libro Bianco ci sarà tutto parteciperanno tutti tutti avranno la possibilità di naturalmente testimoniare determinate cose
Quanto riguarda
La la parte militare della legittimità lei ha parlato di legittimità e il le Forze armate italiane ingenerare non vado più su rimango in Italia
Intervengono secondo le disposizioni del Governo e del Parlamento noi si ricordi abbiamo
Fatto giuramento alla che sacro siamo due volte italiani
Bene e quindi in base a quello interveniamo quindi
L'altro discorso per quanto riguarda l'aviazione dell'esercito
Giusto giusto quello che ha detto assolutamente indispensabile
Però l'argomento si riferiva non tutti gli aeromobili ma solo agli aerei ecco perché non è stato citato la parte
Ecco probabilmente ne faremo un altro dove c'è scritto gli aeromobili allora saranno tutti insieme compresi naturalmente gli elicotteri e quant'altro quindi si la mente la solamente
E perché era finalizzato non perché non è stato citato no no aeromobili aeromobili comprende anche gli elicotteri solamente questo
Per quanto riguarda il rifornimento in volo beh l'Italia con la scelta fatta del sette sei sette in tempi non sospetti e con la loro operatività
Va bene abbiamo avuto la possibilità di fare trasporto strategico per l'Afghanistan
E trust rifornimento in volo anche
Per di il termine per i velivoli
Che naturali ente hanno richiesto per le loro prestazioni passando deriva dall'Italia logicamente hanno richiesto rifornimento in volo operando molto distanti
Tra parentesi velivoli da trasporto da rifornimento in volo sono stati
Cena application opera in un
E domani sono in dove non
Perché sono sono stati messi in un pool
Di velivoli europeo sotto European trasporto comanda quindi rinforzando il concetto di trasporto per quanto riguarda i velivoli trasporto strategico a quattrocento mi son visto
Con il IMI agli omologhi che hanno acquistato la quattrocento sicuramente
Sta venendo sul mercato un pochetto tardi non qualche dubbio c'è sull'economia di scala qualche dubbio ce sull'i numeri che sono stati acquisiti
Quindi c'è qualche dubbio
Quindi la scelta italiana di prendere atto inizio
Quasi
Quindici anni fa
Dieci anni fa quanto su quando è stato
Di di velivoli C centotrenta ci ha consentito di fare e il
L'Afghanistan nell'Iraq e ancora continuano
Perché la quattrocento non è ancora operativo ancora continuano con ampia soddisfazione
La White voti siamo andati sul
Sul
Sul fitto di velivoli o ai bordi e il sistema ha funzionato va bene in generale affittare un velivolo oggi di quelle dimensioni più conveniente che tenerlo per tutta la vita
Sono scelte che bisogna fare probabilmente son troppo grossi
E oggi dirò di più che sta uscendo il tre e novanta sembra R. che è un del Salento costa metterà in crisi un po'di velivoli da trasporto non ultimo anche la quattrocento
Quindi il si citava prima la Francia
Da solo è stata in
Invitata per esempio a partecipare dalla nostra industria allo sviluppo del tre quattro cinque per vere un velivolo europeo da addestramento
Il la nostra industria purtroppo è stata costretta ad andare avanti da sola perché da solo non ha mostrato cioè non l'ha mandato anche se adesso la Francia ha mandato Verona request for Information per il tre quattro cinque
Ma mi risulta che la Francia
Non ha partecipato io ero Fighters
Era dentro ed è uscita fuori perché ha detto o faccio tutto io oppure no oppure a fare alcune cose e probabilmente non è stato trovato l'accordo politico
Ma mi risulta anche che la Francia abbia inizialmente voluto partecipare l'F trentacinque e non abbia trovato l'accordo quindi adesso possiamo dire tutto certamente la grande assente l'Europa
Va bene ed è lì che bisogna lavorare lì che bisogna
Lanciare a livello industriale iper quello parlato di sesta generazione perché ha quindi già c'è
Va bene e quindi bisogna investire per per investire sapete quanto costa un investimento di un velivolo di quinta generazione
Interveniamo sbagliato sbagliato sbagliato quasi cinquantatré miliardi
Trovare cinquantatré miliardi di ricerca e sviluppo in Europa è difficile ecco perché lì si sviluppa e tecnologia e quindi è questo a questo punto loro per esempio devo dire che con Lockheed Martin
E Finmeccanica esattamente tre giorni fa è stato raggiunto un memorandum of understanding per la parte networks Warfare Center Sestri può fare
Valore
Circa stimabile
Prevediamo
Va bene
E quindi Selex è altri entreranno in questo tipo di discorso per quanto riguarda
Progettazione manutenzione dei sistemi elettronici di Porto
Questi aggiuntivo a quello che non sapevamo
Io ero Fighter F trentacinque ed è proprio attraverso questo
Questa richiesta congruità quello che Martins che Eurofighter F trentacinque saranno una squadra perché le comunicazioni di quinta generazione
Si interfacci Ranno con quelle di quarta generazione in tutti i settori ma non solo il settore aeronautico nel settore navale
Per settori terrestri ecco perché è importante attraverso questa tecnologia costruire l'interoperabilità interna italiana esterna con tutti gli altri parchi ricco perché
Oggi ci troviamo con un grande pericolo collega Eurofighter e un grande velivolo quale serale che trentacinque insieme nell'andare avanti e condurre quello che serve per l'operatività della nostra
D'Italia
Do atto
Pare due due considerazioni
Ricadendo sulla domanda di tronchi abbiamo se se eventualmente il numero degli degli F trentacinque fosse ridotto quarantacinque e macchine adesso ovviamente
Io non entro in merito
Decisioni operative io spero che quasi ogni decisione governativa tenga conto degli impatti potenziali
Sul ritorno industriale che qualche decisione governativa può avere ecco questo è l'unica la prima prima considerazione questo importante perché
L'ho detto prima
Dobbiamo forse essere un pochino più seri nel pianificare e prendere impegni perché poi approvata a fronte degli impegni governativi ci sono gli investimenti industriali e sono quattrini veri che si mettono
Quindi
Il rischio di poi non avere un ritorno all'investimento credo
Che non vada bene a qualsiasi imprenditore del mondo in particolare alla piccola e media impresa perché è sicuramente molto esposta
Nell'ambito del Programma FEP trentacinque qualcuno prima ha citato come poteva essere comparato il programma Eurofighter o programma F trentacinque dal punto di vista industriale semplicissimo
Attraverso il programma Eurofighter notiamo ha creato una capacità aeronautica europea pende
Evidentemente ha avuto
Tempi molto più lunghi ha avuto costi di sviluppo molto più lunghi però se noi in questo momento ci troviamo
Coi grandi player aeronautici mondiali lo dobbiamo non solo la legna ma tutte anche le imprese che lavorano in programma Eurofighter al programma Eurofighter e poi si può discutere o meno
Se è stato sbagliato giusto farlo io penso sempre continua a sostenere come ho detto prima pensiamo al numero di occupati in Italia in campo aeronautico e forse forse ci possiamo onorevole solo questa evoluzione
Giusto sette se mi permetti
Il io velivolo io lo fai per pur voluto economici della rispetto alla falda
Non non entro nel merito nel senso che tenuto fuori Europe devo entrare
Va bene il velivolo
Ho messo insieme un po'di dati veri di sei anni di attività di volo dei velivoli di quarta generazione nei velivoli di quarta generazione in tocchi over è io ero Fighter il topos ormai molto
Errate e Eurofighter comparato a tutti i velivoli di quarta generazione quindi ente quindici F sedici ai diciotto sul mercato in questo momento quindi normalmente io dico per i velivoli di quarta generazione Eurofighter igienico
Gli altri no c'è invece Lido possiamo dire
Ciccanti okay quindi questo è
Il il discorso va bene quindi è è fondamentale questo cioè l'aver avuto quattro nazioni insieme
Ha prodotto un pericolo di quarta generazione io lo fai perché oggi dominati il mercato
Alle preziosa relativamente al ruolo decisivo di indirizzo che svolgerà il Libro bianco sembra in modo più elegante più rispettoso delle procedure di una democrazia matura come la nostra
Questo rispondere ai quesiti che sollevato il nostro corrispondente a vico in relazione al tipo un altro di sistema di difesa aerea
Quindi guardiamo tutti e noi tutti nella rete diplomatica mi fa piacere dico di fronte a Maurizio siamo ovviamente pronti quando ci verrà chiesto eccetera Chiesa contribuire
Con l'esperienza di un autorevole quotidiano alle riflessioni intorno a cui si articolerà questa importantissima pubblicazione di edilizia
Secondo elemento di interoperabilità
Resta come impianto regga
Possibile nostra partecipazione che è successo nel riconoscere il futuro
In ambito Atlantico l'interoperabilità è un dato cruciale è stato citato nel monitor in volo
Come uno degli asset lavorare e tra le carenze che in arbitrato anche sono state individuate
Ma vale anche in ambito europeo dato positivo che vorrei
Ricordare qua
E che molte delle carenze capacitivi perché i processi di valutazione nato consolidati e danni in atto
Stanno oggi facendo emergere come carenze principali sono le stesse su cui sta convergente un'analisi dell'Unione europea
Credo che il nostro semestre vicino di Presidenza
Dovrebbe consentire di compiere un salto di qualità al dialogo nato UE
Nei sensi che ho già indicato di contributo alla stabilità interna male anche sul terreno delle carenze da individuare come finanziarli sapendo che ventidue Paesi membri dell'Alleanza solo me
Sono membri anche dell'Unione europea ci sono certo problemi nel dialogo li conosciamo inutile soffermarci ma si può fare di più e su questo credo che il nostro a Mestre
Dovrà lavorare
Da ultimo in relazione al fatto che l'Italia dovrebbe essere ancora più
Profilata nell'inquadrare in maniera legittima le missioni di pace certo però dimentichiamo neanche che il meglio l'ottimo non è nemico del bene e che è nemico speso è bene che dobbiamo anche lavorare alla luce di quello che avviene e degli equilibri possibili sappiamo di son procedure da rispettare in cui tutti ci riconosciamo
Il Consiglio di sicurezza il diritto di veto benissimo è vero ma questo non vuol dire che qualora non ci sia la legittimazione onusiano al trecento per cento
Non si debba restare insensibile rinunziare allo a svolgere un ruolo disabilitazione fin dove possibile che ci incombe anche per il rispetto a alla nostra grande tradizione di valori ed i volontari salvare vite ogni qual volta possibile un equilibrio difficile
Ma credo che l'Italia si sia mossa ad oggi si stia muovendo e continuano a muoversi
Bene nel rispetto ovviamente della legittimità internazionale mi fermo qua
Non
Discolo credito
La storia che che attirò azione il
Nel senso che comunque penso che questo rapporto sia utile
Perché consento di parti informato su cosa si può in genere le persone non hanno nessun informato non si formalmente sulle cose che re tredici affronti importanti di cosa si parla molto proseguire
Nel nostro Paese anche troppo secondo me nel senso che
Quello può darsi però appunto anche
Lella neanche mai cercato di fare oggi era praticamente al fatto del serva non servono strumento ero così tecnologicamente avanzato dopodiché a questo
Punto discorso tecnico livello operativo il rischio politico del rischio di scenario sul quale interverranno precisione nei tempi decisori politici
Resta né preoccupazione che decisori politici
Così diciamo così naïf io accanto rilievo eccetera voi sono un po'preoccupato su questo piano sono l'ambasciatore generale grado dello IAI per cui posso dirlo impari
Grazie ad esso se mi consentite
Due parole di conclusione da parte mia non
Non tanto per riassumere quanto è stato detto perché è stato detto veramente tanto il testo è un testo molto ricco e le considerazioni che sono state svolte
Beh i vari punti di vista credo che abbiano molto arricchito la la qualità della del prodotto
Io vorrei soltanto fare qualche qualche brevissima osservazione libero il lavoro parte con un'analisi storica mi sembra giusto perché Historia Magistro mite
Ma è giusto ribadirlo ripeterlo e anche strillando perché purtroppo lei maestra ma noi siamo pessimi studenti e non studiamo
E spesso la storia vista posteriori ci dice quello che avremmo dovuto capire in una certa circostanze che invece non abbiamo capito che ci siamo trovati impreparati
Una storia molto veloce le situazioni cambiano molto rapidamente non è detto che il domani sia uguale all'oggi anzi probabilmente sarà molto diverso
E dobbiamo quindi prepararci a queste circostanze a queste sfide diverse il che significa che a volte bisogna fare delle scelte
Che sembrano
Non coincide esattamente con le esigenze che si avvertono in questo momento ma che in un la visione lungimirante Occo
Occorre fare
Occorre farlo perché perché il mondo è un mondo lontano dall'ideale quello che abbiamo visto che stiamo vedendo che accade oggi nella nell'est dell'Europa
Dirlo cose che pochi sarebbero spettate fino a qualche mese fa invece sta accadendo
E cosa sta accadendo e sta accadendo che qualcuno
A un obiettivo ha una visione
A i mezzi per sostenere questa visione e non si fa il minimo scrupolo per usare questi mezzi per realizzare la sua visione
E si trova di fronte qualcuno che questa vicenda non ce l'ha
E anche se ce l'avesse
Scoprirebbe che probabilmente non ai mezzi adeguati e anche si dovesse scoprirebbe che non è pronto ad impiegarli come qualcuno ha osservato
Dolente non è sufficiente a vedere
Lo strumento migliore e questo vale sia dal punto di vista diplomatico perché dal punto di vista militare che dal punto di vista industriale e dal punto di vista economico
Importante la determinazione di usarli se no il potere chi uno hanno un potere
Vuoto privo di sostanza
Tempo fa parlando consesso diverso dissi Pavone gestito malamente perché e la testa quello che dà veramente il potere chiaramente bisogna dello strumento
Allora per avere questo strumento bisogna essere in grado di mettere insieme le risorse alle forze che servono
è mia convinzione degrado come mia convinzione che questo strumento a cui noi stiamo lavorando
In un rapporto che certamente come diceva tutto Giordo può essere migliorato deve essere migliorato perché
Non saremo mai soddisfatti della quantità e della qualità del lavoro che avremo perché non saremo mai soddisfatti del controllo reale sulle capacità della macchina
Perché non abbiamo la possibilità di entrare a controllare l'ultimo circuito integrato
Ma in ogni caso in ogni caso se rinunciamo a questo
Siamo fuori dal gioco
E siamo fuori dal gioco perché e qui dico qualche cosa che non è stato ancora sottolineato ma a sufficienza anche se l'ha accennato preziosa
Perché non stiamo parlando di un nuovo programma questo non è un aeroplano che sostituisce proclami vecchi che scade che stanno cadendo a pezzi
Non è solo questo non è solo questo
Che ci sia la lista di sostituirli è ovvio così come a suo tempo sostituiremmo gli F centoquattro
Dopo una vita lunghissima ricordiamo che i primi centoquattro entrano in servizio in Italia negli anni Sessanta che si chiami sessanta
Le diamo dismesso nel due mila quattro le millecinquecento lire cinque mila euro
Due mila cinque e con quali conseguenze con la conseguenza che durante le crisi balcaniche
Noi non eravamo in grado di assicurare la protezione del nostro spazio aereo e se fossero state messe in atto non furono furono le minacce di un personaggio che si chiamava sensibili
Noi saremmo stati vulnerabili perché avevamo rinunciato a quel tipo di capacità
Inattesa del futuro sempre rinunciassimo all'F trentacinque inattese del futuro potremmo trovarci veramente in difficoltà
Quindi da questo punto di vista io credo che si avessero sottolineare l'esigenza che ripeto non è per una nuova macchina
Perché si tratta di qualche cosa di completamente diverso
A quello che fanno gli aeroplani ma fa anche quello che fanno i nodi delle reti integrate proprio nell'ottica dell'Under consente ricorso che è stata citata dal
Dal Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica grazie a questo sistema opportunamente integrato
Con il lavoro che
Certamente la nostra industria in grado di fare noi avremo la capacità di
Consapevolezza della della situazione che ci impedirà sinti dirà anche se lo vorremo che essere colti di sorpresa
Questa è la cosa fondamentale
Mentre oggi veniamo colti di sorpresa e scopriamo che un certo barcone affondato non lo sapevamo
Questo per parlare di un caso specifico
Lui lo vedremo nel momento in cui si stacca dal molo e tutti lo sapranno grazie ai sistemi di
Trasmissione dati che verranno resi possibili con la disponibilità di questo tipo di macchina
Io mi fermo qui e ringrazio tutti quanti per l'attenzione
La vostra Resistenza è stata veramente lodevole
La temperatura si è alzata ma io credo che ne sia valsa la pena perché il tema è certamente un tema rilevante per il Paese è un tema che non potrà essere trascurato e che ha a che vedere
Con la capacità
Globale del Paese non si tratta soltanto di che pasta dell'aeronautica si tratta di capacità dello strumento militare di avere una visione in cui
Kia la possibilità di mettere sul tavolo determinate cose avrà la parola chi non lo farà
Non attrae neanche posto allo strapuntino grazie
Sarà
Se
Sempre