13MAG2014
intervista

Intervista a Savino Pezzotta sulla riforma del lavoro

INTERVISTA | di Stefano Imbruglia RADIO - 17:24. Durata: 12 min 21 sec

Player
Savino Pezzotta - ex segretario generale della Cisl ed ex deputato - parla della riforma del lavoro in discussione alla Camera augurandosi che sia l'ultima riforma del settore, dopo l'eccesso di riforme di questi anni, in modo da dare alle imprese un quadro legislativo certo nel quale muoversi.

"Intervista a Savino Pezzotta sulla riforma del lavoro" realizzata da Stefano Imbruglia con Savino Pezzotta (già segretario Generale della Cisl).

L'intervista è stata registrata martedì 13 maggio 2014 alle ore 17:24.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Apprendistato, Camera,
Diritti Sociali, Economia, Flessibilita', Giovani, Governo, Impresa, Industria, Lavoro, Mercato, Parlamento, Partiti, Politica, Produzione, Riforme, Sindacato, Welfare.

La registrazione audio ha una durata di 12 minuti.

leggi tutto

riduci

17:24

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Dario radicale ci occupiamo di lavoro e lo facciamo del decreto lavoro che in discussione alla Camera e lo facciamo parlandone con un esperto che l'ex segretario generale della CISL è ed ex deputato Savino Pezzotta che collegato telefonicamente con noi benvenuto Pezzotta
Buongiorno però non vuole essere ormai allora senta lei chiama conosce molto bene il mondo del lavoro è stato deputato nel l'ultima legislatura però insomma noi stiamo vivendo ormai negli ultimi anni il due mila e undici c'è stata la riforma lavoro al mondo dei sogni Sacconi
Poi c'è stata quella della ministro Fornero e adesso questa nuova riforma che per una gamba e in discussione
Dovrebbe arrivare un ma in conclusione in queste ore alla Camera insomma ma è nel proprio necessario fare tutte queste norme in tre anni
Sommella oltretutto
Riforme che salgono a molto prima insomma sì maresciallo perdesse nell'ultima due levare tutte
Ma io credo che bisognerebbe smetterla perché riunione che si possono creare lavoro continuando a modificare e per alcuni casi anche a peggiorare quelli che sono le regole del mercato del lavoro
Non sarà perché io spero che questo sia l'ultima venti ma però
Ci sono se il Governo insomma deve necessariamente Ranza ma
La fiducia insomma probabilmente
Significa che non ci sono tante ciò qualche fibrillazione c'è pure quindi insomma non qui diversi presuppone che non sarà anche solo ci sono alcuni elementi che che che sicuramente non è minoritario
Non è anzi secondo me è quello che eccetera
Fino a soluzione ci siano delle penalità economiche come quando riguarda chi supera il venti per cento monetizzare non va bene allora sono lontano convenirne all'impresa nei lavoratori
E questo è il primo nel dire e lei si riferisce che per le aziende che sull'apprendistato superano quella quota non hanno l'obbligo
L'assunzione o stiamo per gli ascoltatori dovranno innovare
Pagare insomma mamma una somma è una
Mille allo
Chi è finisce alla fine questo
Dica questo metodo di monetizzazione di trasformare l'apprendistato in una sorta di contratto di riferimento mentre io credo e sono convinto
Chiedo l'apprendistato sia una vera scommessa sia per gli imprenditori
Che per il giovane che perché chili fino al coro pure che previo fa questo rapporto scuola lavoro per arricchire la sua professionalità qui non si fa c'è un apprendistato
Che arricchisce la professionalità e pertanto lo sa una ha un valore del capitale umano il della singola persona perché se alla fine lo posso non
Non posso monetizzare ne distruggono diciamo nel senso la mia critica
Più forte su questo
Sul resto
Per esempio e non solo che sia l'ultima volta che si fa una riforma del mercato del lavoro perché sennò non non non non capiamo più dove siamo noi che cosa fare insomma è però se i tecnici che ci sono alcuni che
Diciamo stanno un po'a criticare insomma l'eccessiva o flessibilità o precarizzazione può dipendere punti di vista sono a lei ma ma io su questo un atteggiamento un pochino più che in morbido cioè
Premesso che preferibile il lavoro a tempo indeterminato che creano tempo determinato in questo non ci piove sì saprà mai parlare da parte dei lavoratori genesi nozione della realtà
Laterale lapalissiano
Però non è che possiamo continuare a dire
Che siamo nella società dell'interprete in poi non tener conto dei corretto io credo che in questa fase
Il pieno che poi si possa correggere un contratto a termine con le tutele cioè nel senso con non solaio giusto come nel rispetto dei diritti sindacali con la contrattualizzazione
Io meglio la precarietà
Sì però ecco c'è una cosa evidente questo siamo d'accordo però c'è una contraddizione insomma nel nostro sistema anche se il ministro Poletti ma non brutte due prima di lui anche altri avevano detto insomma che da quanto meno da un punto di vista di principio
Che bisogna correggere questa stortura che in Italia e il lavoro temporaneo costa meno rispetto alla V
Tempo indeterminato
Cioè il problema è
Che il lavoro temporaneo almeno deve costare come quello a tempo indeterminato non meno
Perché allungamento costa almeno questo però dovrebbe cosa forse di più perché se io affitta una casa per quindici giorni l'affitto venendo all'oggetto però cioè il problema è che quando si hanno sei milioni di persone tutta
Senza lavoro
E diventa tutto più complicato io non anche d'accordo che se ti assumo il termine che devo pagare di più però l'importante è che siano sempre la soluzione irregolarità nel senso che
I figli ci sia il rispetto
Ferraglio nel rispetto dei diritti ripetuto dei pericoli
Senta si apre una strada io poi sono convinto che se aumentare l'occupazione anche per questa via alla fine
La ufficializzazione oppure
La conferma di questi lavori avverrà sulla spinta della crescita della
Diciamo dalla forza lavoro che sta sul mercato ma finché la forza lavoro al di sotto
E fa scattare inconsciamente una sorta di dumping sociale egli terminava persi per i principi per i diritti ma tutto diventa più complicato io dico da mangiare più gente che possiamo nel lavoro
E poi attraverso questa forza cambiamo alcune regole che non vanno bene però quello è compito io credo che l'altra cosa che secondo me mi sembra eccessiva in questi tempi e che sia qui da tutta la legge poco la contrattazione
Il cioè parliamo di prossimità ma poi vogliamo eletti io credo che se vogliamo la flessibilità
E la mensilità di un sistema che non è solo il mercato del lavoro militante colmerebbe affidare la regolazione dei rapporti di lavoro alla alla conclusione e credo che questo sia diciamo il limite di tutte queste leggi perché la contrattazione a livello degli adattabilità
E di capacità che conosco molli singole realtà e pertanto i singoli problemi
Maggiore di quello che non può fare una legge
E che vale per tutti credo che questo sia il difetto di fondo di tutte le leggi
Sul mercato del lavoro fatto ultimamente i meccanismi del mercato del lavoro dovrebbero avere essere di quadro di quadro generale non entrare nei particolari addirittura di quanto deve durare un comprato l'amico Vetrella vera c'è il rischio che
Cioè di un lavoratore perché questo quello che dicono quelli che sono un po'contrario certi da solo perde insomma forza insomma in qualche modo contrattuale in quest'aula l'innovazione
Contrattuali Sindaco dotazione affidata
A livello territoriale o a livello aziendale alle parti sociali si però c'è un problema anche di
Perdita di credibilità centri Rita già con la base chiamiamo si della RAI delle parti sociali si è di i sindacati noi non vogliamo no no io non possiamo prescindere
No no per carità io sto dicendo velocemente sto facendo una fotografia che le chiedeva appunto come si insomma l'orgoglio dall'Aula
A me non è un dato di fatto perché se io lascio regolare
E metto diciamo delle dei paletti relativi e devono passare attraverso
La contrattazione la negoziazione come avviene in tanti altri Paesi pugliese
Tema che probabilmente il problema degli aggiustamenti maggiori parla lei dica
Perché a Montenero di quadro di tutela vi garanzie
Ma questo sarebbe secondo il quale ma secondo lei anche in un sistema come quello italiano un sistema produttivo italiano che per la stragrande maggioranza al novanta per cento siamo parlando di piccole imprese piccole e microimprese agli agricoltori io credo che si vuole possibile
Perché si vada a vedere l'esperienza e della della contrattazione in alcuni settori penso al settore edile che è cosa di contrattazioni a livello
Territoriale riesce a definire verificando
IGT Lettieri Ichino valgono per un determinato territorio e valido non era il settore edile quello che c'è fra le forze tre settori velenosa più nero che noi non
Perché oggi è il settore file incrinare quando nei periodi di felicità c'era molto nero insomma mentre nel settore
Invierò come come l'evasione fiscale è una cosa che che dovrebbe perché dovrebbe essere combattuta da un punto di vista legislativo aree
E non è che toccava alla contrattazione di combattere il meno laddove no non lo so però non era una quadra anche cioè nel senso se dove c'era maggiore con sensibilità ce le dice
La contrattazione molto pre presente però è anche il settore dove c'era più nero incerto mamma non dipende dalla gradazione
Si prendeva dalla irresponsabilità associare di alcuni imprenditori senta un'ultima domanda ciò valeva un ex importantissimo sindacalista insomma il Governo presieduto da Matteo Renzi insomma annunciano che lui non non ha intenzione appunto di riprenderla concertazione secondo lei un come dicono qualcuno insomma andava bene è andata bene se è andata bene divenne continuista cioè nell'elenco
Cioè mi sembra che sia molta ideologia in tutto il dibattito si è arricchito dire Lettieri Chiesa la conferma la concertazione è stato uno strumento che è andato viene in un determinato periodo storico
E bisogna riconoscerlo ammontano a ciò che lei da quello che dice quell'andava bene novantatré insomma adesso si è avuta ho trovato che noi non siamo in un altro mondo c'è un'altra situazione umiliava inventare
Modalità e strumenti per questa situazione mai l'elemento di fondo non è che noi con la concertazione il diritto di veto non c'è mai stato
A meno io non ho mai avuto il diritto di veto potevo dimissioni no
Cioè la concertazione è una cabriolet esemplificativo dire di no perché il fondamento anche della concertazione nel contattare negoziare cercare se è possibile un accordo oppure non non sei cioè
Al fondamento il rapporto con le parti sociali e il rapporto determinazione lavoro deve essere fatto attraverso la negoziazione
Sia a livello generale sia a livello diciamo aziendale che territoriale quando si esce da terzi tramite l'informatica e poi ci sono momenti particolari come quelli che abbiamo passato dove era necessario determinare una maggiore coesione
Tra le forze sociali e diciamo e chi governare il Paese perché bisognava affrontare delle sfide
Va bene possono trovare anche altre forme in altri Paesi Di Palma i patti sociali fanno altre condizioni
Se non è chiederà mai posto imputare signora è andata avanti ci saranno nuove forme non bisogna restare bisogna guardare avanti appunto bisogna guardare avanti essere flessibili e
Anche in quest'aula noi dobbiamo i sindacati tutelare il mondo del lavoro dei lavoratori
Non può dimenticare coloro che non hanno un posto di lavoro perché dipenda solo costo dipende anche da quanti lavorano
Se proprio non lo vuol fare per solidarietà allocazione per interesse ma bisogna anche cioè il si cambia il modello produttivo se cambiano le condizioni
E non è che si può rimanere a un modello produttivo che non c'è più strane tanto mia
Vi sembra un po'il limite il difetto di questi tempi ringraziamo Savino Pezzotta ex Segretario generale della CISL grazie se è stato con noi grazie a voi